Principi di Schedulazione in tempo reale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principi di Schedulazione in tempo reale"

Transcript

1 Principi di Schedulazione in tempo reale 1

2 Task in tempo reale Un task t i è una sequenza di processi in tempo reale τ ik ciascuno caratterizzato da q un tempo d arrivo r ik (r=release time, oppure a=arrival time) q un tempo di inizio esecuzione s ik q un tempo di fine esecuzione f ik q una deadline assoluta d ik, q una deadline relativa D ik, q da un tempo di esecuzione C ik k k s ik f ik 2

3 Task periodici Triggerati a periodi fissi da un timer Consistono in una sequenza infinita di attività identiche, chiamate istanze. Ciascuna istanza è caratterizzata da un periodo T e da un tempo di calcolo C Task periodico τ i 3

4 Task aperiodici Triggerati da interrupt esterni I task sporadici sono triggerati da interrupt esterni con un minimo tempo di interarrivo tra gli interrupt Task aperiodici: Task sporadici: 4

5 Parametri descrittivi dei processi in tempo reale Lateness: L=f-d Exceeding time: E=max(0,L) à tempo in cui un processo è rimasto attivo oltre la propria deadline Slack time (o LAXITY): LX=d-a-C à ritardo di attivazione max consentita Metriche di valutazione: basate sulla funzione di costo che dipende dal tempo di terminazione del task. La funzione di costo rappresenta l importanza relativa del task. 5

6 Parametri descrittivi dei processi in tempo reale Qualche esempio di funzioni di costo: 6

7 Esempi di funzioni di costo Andamento della importanza dei task: ( v(f ( v(f Non real time f soft real time f ( v(f ( v(f hard real time f critico f 7

8 Sistemi operativi in tempo reale FATTI DEI SISTEMI OPERATIVI RT q In un sistema di controllo RT ogni processo è ben noto! Nessun task del sistema è un processo casuale q è importante assicurare che tutti i task critici completino la loro attività entro la deadline q in una applicazione RT, i vari processi sono cooperanti: non è necessario usare spazi di indirizzamento separati PRESUPPOSTI DESIDERATI DAL S.O. q Scheduling ottimo per rispettare i vincoli temporali q Condivisione risorse à condivisione spazio indirizzamento q Garanzia di esecuzione à i task critici vengono attivati solo se possono essere completati in tempo q Prevedibilità del meccanismo dello scheduling à tutte le primitive devono avere un tempo di esecuzione massimo definito q Flessibilità à struttura modulare per adattarsi alla applicazione 8

9 Sistemi operativi in tempo reale CARATTERISTICHE REALI (Ereditate dalle implementazioni ( classiche q Multitasking q ( RT Schedulazione prioritaria (non adatta ai sistemi q Risposta alle interruzioni (una rapida risposta puo rallentare ( processi l esecuzione dei q Sincronizzazione e cooperazione dei processi (indesiderato nei ( SORT q Piccolo nucleo e veloce T.S. (Ma: il veloce T.S. non garantisce la ( task terminazione dei q Clock RT per la generazione di un riferimento temporale. I sistemi commerciali non forniscono primitive per i vincoli temporali à l utente deve trasformare i vincoli temporali in priorità PREVEDIBILITA DEL SISTEMA q Devo sapere se i processi possono essere completati in tempo à determinismo dei processi 9

10 Sistemi operativi in tempo reale Cause di aleatorietà: q DMA q ( fault CACHE (cache q Interrupts (un processo puo essere più urgente di un interrupt). Approcci: q ( polling ) Disabilitazione delle interruzioni q Disabilit. Interruz. Tranne il Timer che interroga periodicamente l I/O q Mantenere gli interrupts ma schedulare un task come un altro q ( max Primitive del nucleo (devono avere durata q ( hoc Mutua esclusione (soluzioni ad q ( statiche Gestione della memoria (page fault! à partizioni q ( temporali Linguaggio di programmazione (deve trattare i vincoli 10

11 Sistemi operativi in tempo reale SCHEDULAZIONE q q q Def.: schedulazione fattibile se esiste un assegnamento ai task tale che i task vengono completati rispettando i vincoli Def.: un insieme di task è schedulabile se esiste una schedulazione fattibile Def.: vincoli sui processi: temporali, di precedenza, su risorse condivise 11

12 Scheduling real-time di task APERIODICI Ottimizzare una funzione di costo definita sui parametri temporali ( α β γ ) Notazione di Graham: dove: ( etc α : macchina fisica (monoprocessore, multiprocessore, (. etc β : tipo di vincoli ai processi (precedenza, preemption, γ : funzione di costo minimizzata Esempio: ( i (1 prec L MAX ), (3 nopreempt. Σf i ), (2 Σf 12

13 Algoritmo di Jackson Algoritmo (1 a 0 L max ) per un sistema di n tasks Consideriamo un insieme di task J={J i (a i, C i, d i ), i=1 n}, dove a i =a 0 per ogni i=1 n Algoritmo: la massima lateness L max è minimizzata se i processi sono schedulati in ordine di deadline crescenti La complessità di calcolo dipende principalmente dalla procedura di ( O(nlogn ordinamento dell insieme di task à J 1 J 2 J 3 J 4 J 5 J1 J5 J4 J3 J2 C i d i L max = -1 13

14 Algoritmo di Jackson Test di schedulabilità: i i=1..n; C k d i k=1 Esempio di schedulazione Non Fattibile J 1 J 2 J 3 J 4 J C i J1 J3 J5 J2 J4 d i L max = 1 14

15 Algoritmo di Jackson Ottimalità dell algoritmo di Jackson Per una schedulazione generica, esisteranno almeno due task J a e J b con d a d b tali che J b precede J a : f b f a L a =f a -d a J L J b =f b -d b b a L max =f a- d a Se si invertono i due task, la lateness massima diminuisce: d a d b J a d d f a f a b b J b L a =f a -d a L b =f b -d b Se (L a > L b ) L max = f a -d a < f a -d a à L max < L max Se (L b > L a ) L max = f b -d b = f a -d b < f a -d a à L max < L max Eseguendo un numero finito di scambi di questo tipo si ottiene la schedulazione ottima 15

16 Algoritmo di Horn ( max Algoritmo (1 preemp L Rimuove l ipotesi di attivazioni simultanee: attivazione dinamica e pre-emption Estensione dell algoritmo di Jackson Algoritmo: La massima lateness L max di un insieme di n task con attivazione dinamica è minimizzata se, ogni volta che un nuovo task entra nel sistema la coda dei processi pronti viene riordinata per deadline crescente e la CPU viene assegnata al processo con deadline più imminente. ( EDF ) Chiamata anche Earliest Deadline First Ottimalità nel senso che minimizza L max e nel senso della schedulazione. J1 J2 J3 J4 J

17 Algoritmo di Horn Complessità O(n 2 ), dove n è il numero di processi che possono essere attivati dinamicamente. Test di garanzia di schedulabilità: derivato dal test di Jackson: i i=1..n; c k (t) d i k=1 dove c k (t) sono i tempi residui istantanei di esecuzione e d i sono le deadline riscalate rispetto ai tempi di arrivo. Minimizzazione di Lmax: deriva da Jackson Teorema: Se un insieme di task aperiodici non è schedulabile con l algoritmo di Horn, allora non è schedulabile con nessun altro algoritmo. Dim.: In altre parole, l enunciato del teorema afferma che: se un insieme di task è schedulabile con un qualche algoritmo A, allora sicuramente è schedulabile con l algoritmo di Horn. 17

18 (. cont ) Algoritmo di Horn Si divida la scala temporale in quanti pari all unità di tempo del sistema Sia t=0 il primo istante di attivazione dei processi Sia D=max(d i ) la deadline più lontana Sia σ A una qualsiasi schedulazione fattibile Sia σ (t) il task in esecuzione al tempo t nella schedulazione corrente Sia E(t) il task con deadline più imminente Sia t E l istante di tempo in cui inizia E(t) nella schedulazione corrente Allora: la schedulazione può essere trasformata in una schedulazione di Horn con il seguente algoritmo: Trasforma(){ σ = σ A ; } (++ t for (t=0; t<d; if(σ(t) E(t)){ σ(t E )=σ(t); } σ(t)=e(t); 18

19 (. cont ) Algoritmo di Horn Ciascuna trasformazione preserva il tempo di calcolo dei task (i quanti ( allungati possono essere solo traslati, non accorciati o Tutti i tempi possono al più essere ritardati di t E Se la schedulazione σ A è fattibile, allora prima della trasformazione (t E +1) d E, ma d E d i per ogni i, quindi dopo la trasformazione (t E +1) d i quindi tutti i task terminano entro le deadline à Horn è fattibile Esempio di una trasformazione: J1 J2 J3 J D J1 J2 J3 J D 19

20 (. cont ) Algoritmo di Horn J1 J2 J3 J4 J Analisi della schedulabilità: deve essere fatta ad ogni arrivo è le deadline devono essere riscalate ad ogni arrivo del tempo dell arrivo q q q q Istante 0: sono presenti in coda J1 e J2 (nell ordine). Tempo residuo per J1: 1; per J2: 2. 1 <= d1= <= d2=5 Istante 2: sono presenti in coda J3 e J2 (nell ordine). Tempo residuo per J3: 2; per J2: 1. 2 <= d3=2 2+1 <= d2=3 Istante 3: sono presenti in coda J3, J2, J4 (nell ordine). Tempo residuo per J3: 1; per J2: 1; per J4: 2. 1 <= d3=1 1+1 <= d2= <= d4=7 Istante 6: sono presenti in coda J5, J4 (nell ordine). Tempo residuo per J5: 2; per J4: 1. 2 <= d5=3 2+1 <= d4=4 20

21 Schedulazione senza pre-emption algoritmo di Horn Se si esclude l ipotesi di preemption, con attivazione dinamica l algoritmo EDF non è più ottimo Esempio: J 1 J 2 a i C i D i 5 10 Schedulazione ottima J J J 1 J Schedulazione EDF 21

22 Schedulazione senza pre-emption: Algoritmo di Bratley Schedulazione senza pre-emption di un insieme di task attivati dinamicamente Ricerca su un albero con pruning (! O(nn Complessità Algoritmo off-line. Esempio: a i C i d i J J J J Numero nel nodo à task che viene schedulato Numero accanto al nodo à tempo in cui il task termina J + à task che supera la deadline à schedulazione fattibile 22

23 Schedulazione senza pre-emption: Algoritmo Spring Sistema Hard real-time Garantisce dinamicamente (on-line) l esecuzione dei processi attivati tenendo conto dei vincoli (temporali, di precedenza, sulle risorse, no pre-emption, esecuzione su multiprocessore, fault ( tolerance Usa una funzione di costo H euristica Ogni volta che si estende una schedulazione parziale, si valuta H per i task non ancora schedulati e si sceglie quello che minimizza H Albero delle schedulazioni con pruning. Alcune funzioni euristiche: q H=1 à FCFS (First Come First Served) q H=C à SJF (Shortest Job First) q H=d à EDF (Earliest Deadline First) ( First q H=Test à ESTF (Earliest Start Time q H=d+W*C à EDF+SJF 23

24 Algoritmi di Scheduling con Vincoli di Precedenza Può essere risolta con algoritmi polinomiali solo se si impongono ipotesi semplificative Algoritmo Latest Deadline First (LDF). Algoritmo (1 prec, a 0 L max ) Algoritmo: Dato un insieme J di n task con grafo di precedenza, si costruisce la lista di scheduling a partire dal fondo. Fra tutti i task che non hanno successori nel grafo, si seleziona il processo con la deadline più lunga. Schedulato l ultimo task, la lista viene eseguita in ordine inverso. Esempio: C i d ii J A 1 2 J B 1 5 J C 1 4 J D 1 3 J E 1 5 J F 1 6 A 2 B 5 C D E F LDF EDF 0 0 A D C B E F A B D C E F 5 A D C B E F A C B D E F L max =0 L max =L D =1 24

25 Algoritmo EDF con vincoli di precedenza ( max Algoritmo (1 prec,pre-empt L Modifica i tempi di arrivo e le deadline di tutti i processi in modo da trasformare i vincoli di precedenza in vincoli temporali. Dopo le trasformazioni, i processi sono schedulati con EDF Modifica dei tempi di arrivo: per ogni nodo iniziale del grafo di precedenza, a i *=a i si seleziona un task J k non ancora modificato, tale che tutti i suoi predecessori siano stati modificati. Se J k non esiste, termina. Modifica il tempo di arrivo di J k : a k *=max(a k, max(a i *+C i :J i à J k )] ( 2 Vai al punto Modifica i tempi di deadline: per ogni nodo terminale, d i *=d i seleziona un task J k non ancora modificato tale che tutti i suoi successori siano stati modificati. Se J k non esiste, si termina modifica la deadline di J k : d k *=min[d k, min(d i *-C i :J k à J i )] ( 2 vai al ( 2 Complessità O(n 25

Sistemi Real-Time Ing. Rigutini Leonardo

Sistemi Real-Time Ing. Rigutini Leonardo Sistemi Real-Time Ing. Rigutini Leonardo Dipartimento di Ingegneria dell informazione Università di Siena Sistema Real-Time Sistema in cui la correttezza non dipende solamente dai valori di output ma anche

Dettagli

SISTEMI IN TEMPO REALE

SISTEMI IN TEMPO REALE SISTEMI IN TEMPO REALE Definizione [Stankovic 88] I sistemi real-time (RT) sono quei sistemi di calcolo in cui la correttezza di funzionamento non dipende soltanto dalla validità dei risultati ottenuti

Dettagli

Scheduling della CPU

Scheduling della CPU Scheduling della CPU Sistemi multiprocessori e real time Metodi di valutazione Esempi: Solaris 2 Windows 2000 Linux 6.1 Sistemi multiprocessori simmetrici Fin qui si sono trattati i problemi di scheduling

Dettagli

Lo scheduling. Tipici schedulatori

Lo scheduling. Tipici schedulatori Lo scheduling Un processo durante la sua evoluzione è o running o in attesa di un evento. Nel secondo caso trattasi della disponibilità di una risorsa (CPU, I/O, struttura dati, ecc.) di cui il processo

Dettagli

Scheduling di processi HRT

Scheduling di processi HRT Scheduling di processi HRT Primo modello per la schedulazione di processi periodici N processi P1, P2,, PN indipendenti senza vincoli di precedenza, senza risorse condivise; ogni processo Pj (j = 1, 2,,N)

Dettagli

Algoritmi di scheduling - Parte 2

Algoritmi di scheduling - Parte 2 Algoritmi di scheduling - Parte 2 Automazione I 12/11/2013 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO ALGORITMO DEADLINE MONOTONIC PRIORITY ORDERING (DMPO) ALGORITMO TIMELINE SCHEDULING (TS) SCHEDULING

Dettagli

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU Scheduling della CPU Concetti fondamentali Criteri di scheduling Algoritmi di scheduling Concetti fondamentali L obiettivo della multiprogrammazione è di avere processi sempre in esecuzione al fine di

Dettagli

Lez. 4 Lo scheduling dei processi. Corso: Sistemi Operativi Danilo Bruschi

Lez. 4 Lo scheduling dei processi. Corso: Sistemi Operativi Danilo Bruschi Sistemi Operativi Lez. 4 Lo scheduling dei processi 1 Cicli d'elaborazione In ogni processo i burst di CPU si alternano con i tempi di I/O 2 Uso tipico di un calcolatore 3 CPU-bound e I/O-bound Processi

Dettagli

Algoritmi di scheduling

Algoritmi di scheduling Capitolo 2 Algoritmi di scheduling 2.1 Sistemi Real Time In un sistema in tempo reale (real time) il tempo gioca un ruolo essenziale. Le applicazioni di tali sistemi sono molteplici e di larga diffusione.

Dettagli

Scheduling Introduzione Tipi di scheduler Scheduler di lungo termine (SLT) Scheduler di medio termine (SMT) Scheduler di breve termine (SBT)

Scheduling Introduzione Tipi di scheduler Scheduler di lungo termine (SLT) Scheduler di medio termine (SMT) Scheduler di breve termine (SBT) Scheduling Introduzione Con scheduling si intende un insieme di tecniche e di meccanismi interni del sistema operativo che amministrano l ordine in cui il lavoro viene svolto. Lo Scheduler è il modulo

Dettagli

Riassunto di Sistemi in Tempo Reale LS

Riassunto di Sistemi in Tempo Reale LS Riassunto di Sistemi in Tempo Reale LS Silvia Cereda July 10, 2007 1 Schedulazione di processi periodici Condizione necessaria (ma non sufficiente) affinché un insieme di N processi sia schedulabile è

Dettagli

Scheduling. Lo scheduler è la parte del SO che si occupa di

Scheduling. Lo scheduler è la parte del SO che si occupa di Scheduling Lo scheduler è la parte del SO che si occupa di decidere quale fra i processi pronti può essere mandato in esecuzione L algoritmo di scheduling (la politica utilizzata dallo scheduler) ha impatto

Dettagli

Lezione 10. Scheduling nei sistemi multiprocessori. Esempio: P=2 processori. Scheduling dei processi

Lezione 10. Scheduling nei sistemi multiprocessori. Esempio: P=2 processori. Scheduling dei processi Lezione 10 Cenni ai sistemi operativi distribuiti 2. Gestione della CPU e della memoria nei multiprocessori Gestione dei processi Scheduling Bilanciamento del carico Migrazione dei processi Gestione della

Dettagli

G. Piscitelli Politecnico di Bari 1 of 23

G. Piscitelli Politecnico di Bari 1 of 23 SISTEMI IN TEMPO REALE Strongly recommended readings: Scheduling Algorithms and O.S. support for Real-Time Systems (January 1994) Real-Time Computing: A New Discipline of Computer Science and Engineering

Dettagli

Scheduling della CPU. Sistemi multiprocessori e real time Metodi di valutazione Esempi: Solaris 2 Windows 2000 Linux

Scheduling della CPU. Sistemi multiprocessori e real time Metodi di valutazione Esempi: Solaris 2 Windows 2000 Linux Scheduling della CPU Sistemi multiprocessori e real time Metodi di valutazione Esempi: Solaris 2 Windows 2000 Linux Sistemi multiprocessori Fin qui si sono trattati i problemi di scheduling su singola

Dettagli

La schedulazione. E.Mumolo mumolo@units.it

La schedulazione. E.Mumolo mumolo@units.it La schedulazione E.Mumolo mumolo@units.it Concetti fondamentali Multiprogrammazione: esecuzione simultanea di più sequenze di esecuzione Pseudo-parallelismo su una sola CPU Esecuzione parallela su più

Dettagli

1. Classificazione delle risorse

1. Classificazione delle risorse 1. Classificazione delle risorse Classificazione delle risorse in base alla disponibilità. - Risorse rinnovabili Sono risorse utilizzate per l esecuzione di una attività per tutta la sua durata, ma sono

Dettagli

Schedulazione in RTAI

Schedulazione in RTAI Schedulazione in RTAI RTAI: modulo kernel rt_hello_km.c #include #include Thread real-time... Ciclo infinito RT_TASK task; Periodico... void task_routine() { while(1) { /* Codice

Dettagli

Scheduling della CPU. Contenuti delle lezioni del 23 e del 26 Marzo 2009. Sequenza alternata di CPU burst e di I/O burst.

Scheduling della CPU. Contenuti delle lezioni del 23 e del 26 Marzo 2009. Sequenza alternata di CPU burst e di I/O burst. Contenuti delle lezioni del 23 e del 26 Marzo 2009 Scheduling della CPU Introduzione allo scheduling della CPU Descrizione di vari algoritmi di scheduling della CPU Analisi dei criteri di valutazione nella

Dettagli

Sistemi di Controllo Real Time

Sistemi di Controllo Real Time Sistemi di Controllo Real Time Automazione 13/10/2015 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO SISTEMI REAL TIME CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI REAL TIME PARALLELISMO E PROGRAMMAZIONE CONCORRENTE SISTEMI

Dettagli

Sistemi Operativi: Sistemi realtime

Sistemi Operativi: Sistemi realtime 1 Sistemi Operativi: Sistemi realtime Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN 30 luglio 2012 Basato su: [STA09] Operating Systems: Internals and Design Principles, 6/E, William Stallings, Prentice Hall, 2009

Dettagli

Lezione 6. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 6. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 6 Sistemi operativi 31 marzo 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 6.1 Di cosa parliamo in questa lezione? La schedulazione 1 e caratteristiche

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali 1. Considerazioni generali Modelli di shop scheduling In molti ambienti produttivi l esecuzione di un job richiede l esecuzione non simultanea di un certo numero di operazioni su macchine dedicate. Ogni

Dettagli

GENERAZIONE PROCESSO FIGLIO (padre attende terminazione del figlio)

GENERAZIONE PROCESSO FIGLIO (padre attende terminazione del figlio) GENERAZIONE PROCESSO FIGLIO (padre attende terminazione del figlio) #include void main (int argc, char *argv[]) { pid = fork(); /* genera nuovo processo */ if (pid < 0) { /* errore */ fprintf(stderr,

Dettagli

Concetti di base. Scheduling della CPU. Diagramma della durata dei CPU-burst. Sequenza Alternata di CPU Burst e I/O Burst

Concetti di base. Scheduling della CPU. Diagramma della durata dei CPU-burst. Sequenza Alternata di CPU Burst e I/O Burst Impossibile visualizzare l'immagine. Scheduling della CPU Concetti di base La multiprogrammazione cerca di ottenere la massima utilizzazione della CPU. L esecuzione di un processo consiste in cicli d esecuzione

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA RICERCA OPERATIVA

APPLICAZIONI DELLA RICERCA OPERATIVA Università degli Studi della Calabria Laurea in Informatica A.A. 2004/2005 Appunti di supporto didattico al corso di APPLICAZIONI DELLA RICERCA OPERATIVA Indice 1 Introduzione alla teoria dello Scheduling

Dettagli

RTAI e scheduling. Andrea Sambi

RTAI e scheduling. Andrea Sambi RTAI e scheduling Andrea Sambi Scheduling Linux Due politiche di scheduling priority-driven possibili. FIFO priorità uguali Processo 1 iniziato Processo 1: iterazione 1 Processo 1: iterazione 2 Processo

Dettagli

Il software di base comprende l insieme dei programmi predisposti per un uso efficace ed efficiente del computer.

Il software di base comprende l insieme dei programmi predisposti per un uso efficace ed efficiente del computer. I Sistemi Operativi Il Software di Base Il software di base comprende l insieme dei programmi predisposti per un uso efficace ed efficiente del computer. Il sistema operativo è il gestore di tutte le risorse

Dettagli

Scheduling della CPU Simulazione in linguaggio Java

Scheduling della CPU Simulazione in linguaggio Java Scheduling della CPU Simulazione in linguaggio Java Realizzato da: Amelio Francesco 556/001699 Di Matteo Antonio 556/000067 Viola Antonio 556/000387 Progetto di Sistemi Operativi Docente Giancarlo Nota

Dettagli

Sistemi Operativi. Scheduling della CPU SCHEDULING DELLA CPU. Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling

Sistemi Operativi. Scheduling della CPU SCHEDULING DELLA CPU. Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling SCHEDULING DELLA CPU 5.1 Scheduling della CPU Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling FCFS, SJF, Round-Robin, A code multiple Scheduling in Multi-Processori Scheduling Real-Time

Dettagli

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL 5.1

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL 5.1 SCHEDULING DELLA CPU 5.1 Scheduling della CPU Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling FCFS, SJF, Round-Robin, A code multiple Scheduling in Multi-Processori Scheduling Real-Time

Dettagli

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU Scheduling della CPU Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling FCFS, SJF, Round-Robin, A code multiple Scheduling in Multi-Processori Scheduling

Dettagli

Sistemi e schedulazione in tempo reale

Sistemi e schedulazione in tempo reale Sistemi e schedulazione in tempo reale 1 Sistemi in tempo reale Sistemi di calcolo in cui la correttezza del funzionamento dipende criticamente dal tempo in cui i risultati sono prodotti. Possibili campi

Dettagli

Capitolo 6: CPU scheduling

Capitolo 6: CPU scheduling Capitolo 6: CPU scheduling Concetti di base. Criteri di schedulazione. Gli algoritmi di schedulazione. Schedulazione per sistemi multiprocessore. Schedulazione per sistemi in tempo reale. Schedulazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Schedulazione della CPU

Sistemi Operativi. Schedulazione della CPU Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Schedulazione della CPU Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Concetti di base Come si realizza il multi-tasking Come si

Dettagli

Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Lezione 2

Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Lezione 2 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 2 Giovedì 8-10-2015 Sistemi batch multiprogrammati La causa principale

Dettagli

Definizione di processo. Un processo è un programma (o una parte di una programma) in corso di esecuzione

Definizione di processo. Un processo è un programma (o una parte di una programma) in corso di esecuzione SISTEMI OPERATIVI (parte prima - gestione dei processi) Tra i compiti di un sistema operativo sicuramente troviamo i seguenti: Gestione dei processi Gestione della memoria Gestione del file-system Ci occuperemo

Dettagli

Sistemi Operativi Kernel

Sistemi Operativi Kernel Approfondimento Sistemi Operativi Kernel Kernel del Sistema Operativo Kernel (nocciolo, nucleo) Contiene i programmi per la gestione delle funzioni base del calcolatore Kernel suddiviso in moduli. Ogni

Dettagli

Sistemi Operativi. Scheduling dei processi

Sistemi Operativi. Scheduling dei processi Sistemi Operativi Scheduling dei processi Scheduling dei processi Se più processi sono eseguibili in un certo istante il sistema deve decidere quale eseguire per primo La parte del sistema operativo che

Dettagli

Low Power Scheduling per Sistemi Real Time

Low Power Scheduling per Sistemi Real Time Low Power Scheduling per Sistemi Real Time Corso di Sistemi Real Time A.A. 2007-08 Ing. Giordano Kaczynski Sistemi Real Time 1 Introduzione Il consumo di energia nei sistemi portatili negli ultimi anni

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Schedulazione della CPU. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Schedulazione della CPU. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Schedulazione della CPU Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Concetti base

Dettagli

SCHEDULING SCHEDULING

SCHEDULING SCHEDULING Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 INDICE Esempio Introduttivo Generalità sui problemi di scheduling SINGLE MACHINE SPT (shortest processing

Dettagli

Bibliografia. Gestione operativa della produzione. Terminologia. Schedulazione. Schedulazione operativa della produzione

Bibliografia. Gestione operativa della produzione. Terminologia. Schedulazione. Schedulazione operativa della produzione Bibliografia Gestione operativa della produzione Schedulazione operativa della produzione 14/12/2001 11.54 E.L. Lawler, J.K. Lenstra, A.G.H. Rinnoy Kan, D.B. Shmoys, Sequencing and Scheduling: Algorithms

Dettagli

CPM - PERT CPM - PERT. Rappresentazione di un progetto. Gestione di un progetto. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique

CPM - PERT CPM - PERT. Rappresentazione di un progetto. Gestione di un progetto. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique CPM - PERT CPM - PERT CPM e PERT sono metodologie per la gestione di progetti composti da più attività in cui esistano relazioni di precedenza. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Complementi: Buffer I/O Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

La Gestione delle risorse Renato Agati

La Gestione delle risorse Renato Agati Renato Agati delle risorse La Gestione Schedulazione dei processi Gestione delle periferiche File system Schedulazione dei processi Mono programmazione Multi programmazione Gestione delle periferiche File

Dettagli

Sistemi Operativi A.A. 2011/2012

Sistemi Operativi A.A. 2011/2012 Sistemi Operativi A.A. 2011/2012 Esercitazione 13 Dicembre 2011 Esercizio 1 - Scheduling dei processi Data la seguente sequenza di processi Processo Istante Arrivo Durata Priorità P 1 0 6 3 P 2 2 5 2 P

Dettagli

1 Concetti Introduttivi

1 Concetti Introduttivi 1 Concetti Introduttivi 1.1 Real time Esistono vari livelli di real time: Hard si garantisce che ogni job venga eseguito rigorosamente entro un certo lasso di tempo (esempio: comandi per il movimento di

Dettagli

Scheduling. Scheduling 14/12/2003 1/7

Scheduling. Scheduling 14/12/2003 1/7 Scheduling In un computer multiprogrammato più processi competono per l'uso della CPU. La parte di sistema operativo che decide quale processo mandare in esecuzione è lo scheduler. Batch OS: scheduling

Dettagli

Gli stati di un processo

Gli stati di un processo Roberta Gerboni 1 Gli stati di un processo Gli stati possibili nei quali si può trovare un processo sono: Hold (parcheggio): il programma (chiamato job) è stato proposto al sistema e attende di essere

Dettagli

Implementazione di sistemi real time

Implementazione di sistemi real time Implementazione di sistemi real time Automazione 28/10/2015 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO HARDWARE ABSTRACTION LAYER IMPLEMENTAZIONE EVENT-DRIVEN IMPLEMENTAZIONE TIME-DRIVEN SISTEMI DI

Dettagli

Sistemi Organizzativi

Sistemi Organizzativi Sistemi Organizzativi Lezione 12/12/2004 Introduzione al corso e definizioni di base Informazioni generali Pre-requisiti: lassi di complessità Metodi enumerativi: - programmazione dinamica - branch-and-bound

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Organizzazione della produzione

Organizzazione della produzione Scheduling Organizzazione della produzione PROOTTO che cosa chi ORGNIZZZIONE PROCESSO come FLUSSO I PROUZIONE COORINMENTO PINIFICZIONE SCHEULING quando Pianificazione della produzione: schedulazione di

Dettagli

Pag. 1. Introduzione allo scheduling. Concetti fondamentali. Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Algoritmi.

Pag. 1. Introduzione allo scheduling. Concetti fondamentali. Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Algoritmi. Concetti fondamentali Scheduling della CU Introduzione allo scheduling Uno degli obbiettivi della multiprogrammazione è quello di massimizzare l utilizzo delle risorse e in particolare della CU er raggiungere

Dettagli

Parte 3: Gestione dei progetti, Shop scheduling

Parte 3: Gestione dei progetti, Shop scheduling Parte : Gestione dei progetti, Shop scheduling Rappresentazione reticolare di un progetto Insieme di attività {,...,n} p i durata (nota e deterministica dell attività i) relazione di precedenza fra attività:

Dettagli

Obiettivo della multiprogrammazione: massimizzazione dell utilizzo CPU. Scheduling della CPU: commuta l uso della CPU tra i vari processi

Obiettivo della multiprogrammazione: massimizzazione dell utilizzo CPU. Scheduling della CPU: commuta l uso della CPU tra i vari processi Scheduling della CPU Scheduling della CPU Obiettivo della multiprogrammazione: massimizzazione dell utilizzo CPU Scheduling della CPU: commuta l uso della CPU tra i vari processi Scheduler della CPU (a

Dettagli

Scheduling della CPU:

Scheduling della CPU: Coda dei processi pronti (ready( queue): Scheduling della CPU primo ultimo PCB i PCB j PCB k contiene i descrittori ( process control block, PCB) dei processi pronti. la strategia di gestione della ready

Dettagli

Processi e Thread. Scheduling (Schedulazione)

Processi e Thread. Scheduling (Schedulazione) Processi e Thread Scheduling (Schedulazione) 1 Scheduling Introduzione al problema dello Scheduling (1) Lo scheduler si occupa di decidere quale fra i processi pronti può essere mandato in esecuzione L

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Informatica Industriale Appello COGNOME E NOME. 2 settembre 2009 RIGA COLONNA MATRICOLA

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Informatica Industriale Appello COGNOME E NOME. 2 settembre 2009 RIGA COLONNA MATRICOLA Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Informatica Industriale Appello COGNOME E NOME 2 settembre 2009 RIGA COLONNA MATRICOLA Il presente plico pinzato, composto di quattro fogli

Dettagli

Diagramma delle durate dei CPU burst. Lo scheduler della CPU. Criteri di scheduling. Dispatcher

Diagramma delle durate dei CPU burst. Lo scheduler della CPU. Criteri di scheduling. Dispatcher Schedulazione della CPU Scheduling della CPU Introduzione allo scheduling della CPU Descrizione di vari algorimi di scheduling della CPU Analisi dei criteri di valutazione nella scelta di un algoritmo

Dettagli

Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Lezione 2

Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Lezione 2 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 2 Giovedì 10-10-2013 1 Sistemi a partizione di tempo (time-sharing) I

Dettagli

Scheduling. Sistemi Operativi e Distribuiti A.A. 2004-2005 Bellettini - Maggiorini. Concetti di base

Scheduling. Sistemi Operativi e Distribuiti A.A. 2004-2005 Bellettini - Maggiorini. Concetti di base Scheduling Sistemi Operativi e Distribuiti A.A. 2-25 Bellettini - Maggiorini Concetti di base Il massimo utilizzo della CPU si ottiene mediante la multiprogrammazione Ogni processo si alterna su due fasi

Dettagli

scheduling Riedizione modifi cata delle slide della Prof. DI Stefano

scheduling Riedizione modifi cata delle slide della Prof. DI Stefano scheduling Riedizione modifi cata delle slide della Prof. DI Stefano 1 Scheduling Alternanza di CPU burst e periodi di I/O wait a) processo CPU-bound b) processo I/O bound 2 CPU Scheduler Seleziona uno

Dettagli

Lezione R14. Sistemi embedded e real-time

Lezione R14. Sistemi embedded e real-time Lezione R14 Sistemi embedded e 22 gennaio 2013 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata SERT 13 R14.1 Di cosa parliamo in questa lezione? In

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO... è l insieme dei programmi che rende agevole l uso dell hardware, mascherando le caratteristiche delle risorse fisiche (interfaccia) gestisce le risorse fisiche ottimizzandone l

Dettagli

Real-time EDF scheduling per il kernel FreeBSD: analisi, implementazione e risultati sperimentali

Real-time EDF scheduling per il kernel FreeBSD: analisi, implementazione e risultati sperimentali Real-time EDF scheduling per il kernel FreeBSD: analisi, implementazione e risultati sperimentali Marco Trentini m.trentini@campus.unimib.it Relatore: Dott. Sergio Ruocco Correlatore: Prof. Francesco Tisato

Dettagli

JAVA REAL-TIME: ANALISI DELL ARCHITETTURA E VALUTAZIONE SPERIMENTALE DELLA PIATTAFORMA SOLARIS 10.9

JAVA REAL-TIME: ANALISI DELL ARCHITETTURA E VALUTAZIONE SPERIMENTALE DELLA PIATTAFORMA SOLARIS 10.9 JAVA REAL-TIME: ANALISI DELL ARCHITETTURA E VALUTAZIONE SPERIMENTALE DELLA PIATTAFORMA SOLARIS 10.9 Candidato: Marco Nanni RELATORE: Chiar.mo Prof. Eugenio Faldella CORRELATORI Chiar.mo Prof. Marco Prandini

Dettagli

Scheduling della CPU

Scheduling della CPU Scheduling della CPU Scheduling della CPU Obiettivo della multiprogrammazione: massimizzazione dell utilizzo della CPU. Scheduling della CPU: attivita` di allocazione della risorsa CPU ai processi. Scheduler

Dettagli

I processi. Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore.

I processi. Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore. I processi Cos è un processo? Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore. Il programma è una entità statica che descrive la sequenza di istruzioni che devono

Dettagli

Capitolo 1: Introduzione

Capitolo 1: Introduzione Capitolo 1: ntroduzione Che cos è un sistema operativo? Sistemi mainframe. Sistemi desktop. Sistemi multiprocessore. Sistemi distribuiti. Sistemi cluster. Sistemi in tempo reale. Sistemi palmari. Migrazione

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 5 LEZIONE SCHEDULING DELLA CPU CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 5 LEZIONE SCHEDULING DELLA CPU CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 5 LEZIONE SCHEDULING DELLA CPU CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione Introduzione

Dettagli

6 CPU Scheduling. 6.1 Concetti Fondamentali dello Scheduling della CPU. 6.1 Concetti Fondamentali

6 CPU Scheduling. 6.1 Concetti Fondamentali dello Scheduling della CPU. 6.1 Concetti Fondamentali 1 6 CPU Scheduling La gestione della CPU (soltanto) può rendere la multi-programmazione più efficiente della mono-programmazione Infatti, la multiprogrammazione permette di ottenere l utilizzazione massima

Dettagli

Sistemi Operativi I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia

Sistemi Operativi I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Sistemi Operativi I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Introduzione: 1. Principi di base dei sistemi operativi 2. Sistemi

Dettagli

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dello spazio di swap La struttura RAID Affidabilità dei dischi Connessione dei dischi 14.1 Memoria secondaria

Dettagli

Introduzione alla teoria dello scheduling

Introduzione alla teoria dello scheduling 1. Generalità I problemi di scheduling riguardano l allocazione di risorse limitate ad attività nel tempo. In generale il processo di decisione associato richiede la determinazione dell ordine in cui l

Dettagli

Algoritmi di scheduling

Algoritmi di scheduling Capitolo 3 Algoritmi di scheduling Come caso particolare di studio, di seguito è discussa in dettaglio la politica di scheduling del sistema operativo LINUX (kernel precedente alla versione 2.6). Sono

Dettagli

Pronto Esecuzione Attesa Terminazione

Pronto Esecuzione Attesa Terminazione Definizione Con il termine processo si indica una sequenza di azioni che il processore esegue Il programma invece, è una sequenza di azioni che il processore dovrà eseguire Il processo è quindi un programma

Dettagli

Lo schedulatore del kernel

Lo schedulatore del kernel Lo schedulatore del kernel Lo schedulatore Lo schedulatore è un programma del kernel che si occupa di scegliere un processo/lavoro che ha richiesto una risorsa. Lo schedulatore a lungo termine LTS è quello

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T3 3-Schedulazione 1 Prerequisiti Concetto di media Concetto di varianza 2 1 Introduzione Come sappiamo, l assegnazione della CPU ai processi viene gestita dal nucleo, attraverso

Dettagli

Processo - generalità

Processo - generalità I processi Processo - generalità Astrazione di un attività; Entità attiva che ha un suo percorso evolutivo; Attività = azione dedicata al raggiungimento di uno scopo Il processo esegue istruzioni per svolgere

Dettagli

CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling)

CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling) CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling) Contenuti Le funzioni della PO Gli obiettivi della PO Il job loading Il metodo dell assegnazione Il job sequencing Regole e tecniche di priorità

Dettagli

Linux nei sistemi Real-Time. Andrea Sambi

Linux nei sistemi Real-Time. Andrea Sambi Linux nei sistemi Real-Time Andrea Sambi Sistemi Real-Time Sistema Real-Time (RT) non è sinonimo di sistema veloce. Un Processo Real-Time deve terminare rispettando i vincoli temporali (le deadline) stabiliti

Dettagli

Modelli di scheduling su macchina singola. relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni singola macchina nello shop è

Modelli di scheduling su macchina singola. relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni singola macchina nello shop è . Modello base Consideriamo il caso in cui ogni job consiste di una sola operazione. Poiché un insieme di job è partizionato in relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica

Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica Real-time EDF scheduling per il kernel FreeBSD: analisi, implementazione

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job.

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job. Di cosa parliamo in questa lezione? Lezione 4 Cosa è un processo e come viene gestito dal SO 1 e job 2 Il blocco di controllo Sistemi operativi 3 Struttura di un file eseguibile 4 La schedulazione dei

Dettagli

Schedulazione di attività in presenza di attività interrompibili

Schedulazione di attività in presenza di attività interrompibili Schedulazione di attività in presenza di attività interrompibili Maria Silvia Pini Resp. accademico: Prof.ssa Francesca Rossi Università di Padova Attività FSE DGR 1102/2010 La gestione dell informazione

Dettagli

Scheduling. Livelli Algoritmi

Scheduling. Livelli Algoritmi Scheduling Livelli Algoritmi Introduzione Lo scheduling Ha lo scopo di decidere quale processo eseguire in un dato istante Si realizza mediante un componente specifico del sistema operativo Lo scheduler

Dettagli

GESTIONE DEI PROCESSI

GESTIONE DEI PROCESSI Sistemi Operativi GESTIONE DEI PROCESSI Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in Java Concetto

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

SCHEDULATORI DI PROCESSO

SCHEDULATORI DI PROCESSO Indice 5 SCHEDULATORI DI PROCESSO...1 5.1 Schedulatore Round Robin...1 5.2 Schedulatore a priorità...2 5.2.1 Schedulatore a code multiple...3 5.3 Schedulatore Shortest Job First...3 i 5 SCHEDULATORI DI

Dettagli

Tecniche Automatiche di Acquisizione Dati

Tecniche Automatiche di Acquisizione Dati Tecniche Automatiche di Acquisizione Dati Sistemi operativi Fabio Garufi - TAADF 2005-2006 1 Cosa sono i sistemi operativi I sistemi operativi sono dei programmi software che svolgono le funzioni di interfaccia

Dettagli

Un sistema operativo è un insieme di programmi che consentono ad un utente di

Un sistema operativo è un insieme di programmi che consentono ad un utente di INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI 1 Alcune definizioni 1 Sistema dedicato: 1 Sistema batch o a lotti: 2 Sistemi time sharing: 2 Sistema multiprogrammato: 3 Processo e programma 3 Risorse: 3 Spazio degli

Dettagli

Laboratory for innovation MUSP. Macchine utensili e sistemi di produzione. Laboratorio MUSP www.musp.it

Laboratory for innovation MUSP. Macchine utensili e sistemi di produzione. Laboratorio MUSP www.musp.it Laboratory for innovation MUSP Macchine utensili e sistemi di produzione www.musp.it Sommario La schedulazione della produzione Gli obiettivi nella schedulazione Le problematiche legate alla schedulazione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 3 Martedì 15-10-2013 1 Struttura ed organizzazione software dei sistemi

Dettagli

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms adacher@dia.uniroma3.it Introduzione Sistemi e Modelli Sistemi e Modelli Lo studio e l analisi di sistemi tramite una rappresentazione astratta o

Dettagli

Schedulazione non omogenea

Schedulazione non omogenea SERVER APERIODICI Mario Collotta Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania mcollotta@diit.unict.it Schedulazione non omogenea Task periodici hard RT con RM

Dettagli

Scheduling. Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy. Sommario

Scheduling. Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy. Sommario Scheduling Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Sommario Concetto di scheduling Tipi di scheduling Lungo termine Breve termine (scheduling della CPU) Medio termine Scheduling della CPU

Dettagli

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche Sommario Definizione di S. O. Attività del S. O. Struttura del S. O. Il gestore dei processi: lo scheduler Sistemi Mono-Tasking e

Dettagli