Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione n.19 Processori RISC e CISC"

Transcript

1 Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1

2 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni Architetture CISC E RISC Tradizionalmente sono stati seguiti due approcci alla progettazione di un Unità di Controllo (UC), cioè della parte della CPU che controlla il movimento dei dati. Logica cablata (tramite circuiti sequenziali) Logica microprogrammata (tramite microistruzioni) Evoluzione In origine venne usata la logica cablata Hard Wired (non modificabile). Era un metodo molto rigido, perché veniva fatta a livello di progetto fisico con connessioni vere e proprie. La microprogrammazione si affermò negli anni 60 come approccio ordinato alla progettazione (in termini di metodo di progettazione). L approccio tramite microprogrammazione offre il vantaggio di una maggiore flessibilità: Il progettista può intervenire fino all ultimo sul microprogramma, anche sostituendo o modificando le istruzioni. Facilità nella realizzazione di istruzioni di macchina complesse e potenti Tutto ciò portò allo sviluppo di calcolatori che avevano istruzioni molto complesse, in pratica operazioni che coinvolgevano molti trasferimenti ed elaborazioni dati. Questa categoria di macchine è stata successivamente nominata CISC (Complex Instruction Set Computers). Un esempio di macchina con un set d istruzioni complesso e il Motivazioni per i CISC Negli anni 60 ci fu il problema della software craising (crisi del software), ossia la costruzione del software aveva costi molto elevati. I motivi principali che hanno portato allo sviluppo dei processori CISC sono essenzialmente tre: 1. Riduzione del gap tra linguaggio macchina e linguaggio di programmazione. Il gap è inteso in termini di numero di istruzioni. Questo significa che con 2

3 l approccio CISC, dato un programma scritto in linguaggio d alto livello, si produce un minor numero d istruzioni macchina rispetto all approccio RISC, riducendo così il tempo d esecuzione del programma. 2. Programmi compatti: le istruzioni erano in grado di eseguire più operazioni. Questo forniva un vantaggio economico in quanto la memoria era cara negli anni La memoria centrale era più lenta della memoria di controllo. Si cercava allora di portare in memoria di controllo i programmi, perché questa memoria era più veloce. Tuttavia, ci si accorse che queste istruzioni portavano ad un elevato numero medio di cicli di clock nella memoria di controllo (ci volevano molte microistruzioni per poter eseguire un istruzione complessa). Questo era causa di lentezza. Inoltre i profili d esecuzione mostravano che l 80% delle istruzioni eseguite corrispondeva al solo 20% del repertorio d istruzioni. In pratica venivano eseguite solo le istruzioni più semplici, STORE, CALL, ADD e qualche altra. Altri punti a svantaggio dell approccio CISC erano inoltre i seguenti: La RAM diveniva sempre più veloce Veniva introdotta la memoria CACHE Quindi non c era più necessità di eseguire il programma nella memoria di controllo. Si pensarono allora nuovi criteri tra cui: Ottimizzare quel 20%, cioè il repertorio delle istruzioni più semplici, perché fa l 80% del lavoro. Questo significa: rinunciare alle istruzioni più complesse che sappiamo richiedono più cicli di clock contare sulla velocità della cache Si pensò allora la seguente strategia: creare un repertorio d istruzioni semplificato o istruzioni tutte della stessa dimensione o pochi formati in modo da facilitare la decodifica anche con la logica cablata. Questo portò al ritorno della logica cablata che era stata soppiantata dalla microprogrammazione. o decodifica ordinata Contare sul compilatore o Per utilizzare in modo ottimo le operazioni di macchina o Qualunque sia la complessità del linguaggio di programmazione d alto livello Nacquero così, sulla base di quelle osservazioni le architetture RISC 3

4 RISC L approccio RISC prevede l uso di istruzioni molto semplici, quindi sono necessarie più istruzioni RISC per risolvere un dato problema. Dall altra parte però queste istruzioni possono essere realizzate in logica cablata, consentendo di raggiungere alte velocità d esecuzione. Le architetture RISC hanno un elevato numero di registri di CPU. In questo modo una variabile può rimanere in un registro per lungo tempo e quindi essere riutilizzata in futuro con maggiore velocità (accesso alla CPU più veloce). Solo quando tutti i registri sono occupati, allora la variabile inutilizzata potrebbe essere esclusa dal registro. Con i RISC, le operazioni di manipolazione avvengono solo tra registri di CPU. L idea era quella di eliminare le operazioni di manipolazione tra memoria e CPU ottenendo una minimizzazione del traffico con la memoria. Quindi le uniche operazioni che richiedono l accesso alla memoria sono solo LOAD e STORE. Un esempio di processore RISC è il POWER PC. Vediamo il formato di un istruzione del POWER PC. Le istruzioni sono tutte a 32 bit. Il codice operativo ha una lunghezza fissa (tipicamente 6 bit). I formati sono 3 o 4. Registri: 3 campi operandi OP Rd Ra Rb FUN Campo di operazione di 6 bit Campo usato per distinguere le varie operazioni OP Rd Ra Displ/Imm OP Indirizzo lungo 4

5 L unità di controllo di una macchina CISC è di tipo microprogrammato, mentre l unità di controllo delle macchine RISC è realizzata in logica cablata. Esempio Istruzioni aritmetiche nel formato RISC ADD R1,R2,R5; R1:=R2+R5 MUL R7,R9,R10; R7:=R9*R10 SUB R3,R3,R3; R3:=R3-R3=0 Queste istruzioni hanno tutte 3 registri di cui due sorgenti (es.r2 e R5 per la ADD e R9 e R10 per la MUL) ed uno destinazione (R1 per la ADD, R7 per la MUL). Il RISC esegue un istruzione in un colpo di clock, mentre il CISC richiede più colpi di clock per eseguire un istruzione. Si ricorda che l esecuzione di un istruzione richiede le seguenti fasi: 1. fetch 2. decodifica 3. esecuzione vera e propria (ALU) 4. memorizzazione del risultato in un registro 5. eventuale scrittura in memoria PRESTAZIONI Dato un generico programma, ci si chiede quali siano i fattori che influenzano le prestazioni del sistema. Questo programma è scritto in linguaggio d alto livello e viene poi tradotto in linguaggio macchina dal compilatore. Indichiamo con: N: numero complessivo d istruzioni macchina che devono essere eseguite CPI: numero medio di colpi di clock per istruzione macchina f=1/t: frequenza di clock, con T periodo di clock t: tempo impiegato per l esecuzione del programma Si ottiene che il tempo t per l esecuzione del programma è dato dalla seguente espressione: N CPI t = N CPI T = f il prodotto N*CPI costituisce il numero di cicli di macchina. Le prestazioni del sistema saranno tanto migliori tanto più piccolo è t. 5

6 t dipende dalla tecnologia, quindi da T, cioè dal periodo/frequenza di clock. Ricordiamo che T dipende dalla capacità d integrazione e quindi dalla capacità di costruire circuiti sempre più piccoli e più veloci. N dipende dal compilatore. Se il compilatore è scadente N sarà alto, se invece è buono N sarà basso. t dipende dall architettura perché N, CPI e T dipendono dall architettura. Infatti, se la macchina è fatta in modo complesso, è probabile che i percorsi tra un registro e una destinazione del contenuto del registro, siano lunghi e quindi poiché il clock scandisce il funzionamento della macchina è necessario che il clock sia sufficiente a fare quel trasferimento. CPI dipende solamente dall architettura poiché il clock dipende dal repertorio d istruzioni e da come è fatta la macchina e da quanto complesse sono le istruzioni. N dipende anche dall architettura perché se il repertorio di macchina consente con una sola istruzione di fare molte cose allora N sarà piccolo. Le macchine RISC fanno aumentare N, però cercano di ridurre in misura maggiore l influenza di T e CPI rispetto a N. BLOCCHI PER UNA CPU Vogliamo costruire una macchina che soddisfi un basso CPI. Vediamo quali sono i registri interessati quando si effettua il prelievo di un istruzione. 1. PC (Program Counter) 2. IR (Instruction Register) 3. Memoria Istruzione anche se non fa parte della CPU, ma interviene ugualmente. Stiamo supponendo che la memoria sia divisa in memoria istruzioni e memoria dati. L architettura del calcolatore sarà caratterizzata certamente da una parte che fa il prelievo dell istruzione. Questa parte è composta da un Program Counter (PC) che ci dice dove prendere la prossima istruzione in memoria. Poi ci sarà il Registro Istruzioni (IR) che è quel registro dove si mette l istruzione presa dalla memoria per poi decodificarla. Con le macchine attuali, la CPU legge ormai dalla Cache Memory, che è una memoria piccola ma veloce posta nello stesso circuito integrato della CPU ed è divisa in memoria istruzioni e memoria dati. Vediamo ora uno schema a blocchi rappresentativo della fase del prelievo di un istruzione 6

7 Program Counter (PC) Memoria Istruzioni (MI) Intruction Register (IR) UC Il PC genera l indirizzo e nell Instruction Register andrà il codice dell istruzione. Ovviamente il Program Counter andrà incrementato per selezionare l istruzione successiva da eseguire, oppure andrà modificato se c è da fare un salto (JUMP X). Tutta questa fase viene comandata dall Unità di Controllo UC. Dopo questa fase di prelievo dell istruzione, l UC deve interpretare il contenuto dell Instruction Register. Inizierà quindi la fase di decodifica dell istruzione. Decodifica dell istruzione Una volta che l istruzione è stata prelevata c è da decodificarla. Quindi la fase di decodifica necessita di : 1. un decodificatore 2. Register File 3. IR Se facciamo l ipotesi che le operazioni avvengano solo nei registri è sicuro che nella fase di esecuzione qualche registro verrà utilizzato, a meno che l istruzione non sia un istruzione di salto, che sappiamo non tiene conto di nessun registro. Allora in questa fase si leggeranno i registri e si presentano alla fase successiva i loro contenuti. 7

8 IR Decodificatore RF Blocco dove stanno i registri di macchina La logica di questa parte di decodifica è la seguente: Il contenuto di IR viene decodificato dal decodificatore D, che è in pratica l Unità di Controllo. L Unità di Controllo D genera i segnali di comando verso le varie parti di cui una verso RF e altri segnali verso destra nella quale risiedono gli stadi successivi. Ricordiamo che il primo stadio è quello di prelievo dell istruzione, il secondo stadio è quello di decodifica, il terzo stadio è invece quello di esecuzione. Esecuzione Nello stadio di esecuzione c è la ALU (Unità Aritmetica Logica). RF ALU UC Quello che esce dal Register File (RF) arriva alla ALU che fa le operazioni tra gli operandi di RF. Anche in questo stadio c è l UC che da il comando alla ALU dicendogli: devi fare la moltiplicazione o la somma o la divisione, etc. Il quarto stadio è la fase di accesso alla memoria. 8

9 Accesso alla memoria Un istruzione può richiedere la lettura o scrittura in memoria. Lo schema a blocchi rappresentativo di questa fase è il seguente: ALU Memoria Dati MD RF Esce il risultato UC Dalla ALU esce il risultato dell operazione svolta dalla ALU stessa (può essere anche il calcolo di un indirizzo di memoria. Il Register File RF è il luogo dal quale si prendono i dati per metterli in memoria oppure il luogo dove finirà il dato letto dalla memoria. Il tutto è comandato dall unità di controllo. L ultima fase è un eventuale fase di scrittura registri. Scrittura registri (fase di Write Back) Il dato calcolato dalla ALU o letto dalla memoria viene preso e portato in un registro di destinazione. ALU MUX RF MD Operazione di Load UC 9

10 Se l operazione era per esempio ADD, il risultato in uscita dalla ALU viene messo in un registro di RF. Se l operazione è un operazione di lettura dalla memoria dati (MD), il dato verrà letto dalla memoria e caricato nel Register File (operazione di Load). Anche in questa fase l UC effettua il controllo delle varie operazioni, tra cui ha il compito di asserire la via del Mux, che deve poi alimentare RF, sulla base del codice d operazione. Ovviamente se un dato deve essere scritto in un registro, l UC deve far arrivare un clock che memorizzi il dato dentro il registro di destinazione selezionato. Complessivamente abbiamo il seguente schema a blocchi. MI IR UC PC RF ALU MD L Unità di Controllo genera tutti i segnali di controllo necessari. Il Program Counter ci fa leggere la memoria, (presenta l indirizzo alla memoria) nella quale è posta l istruzione, che viene poi decodificata dall UC, la quale attiva i segnali che comandano quello che normalmente è il percorso dati. Nel grafico vanno aggiunti ulteriori percorsi per tener conto di eventuali salti (istruzione di salto) e quindi modifica del PC. 10

11 Pipeline Le istruzioni vengono eseguite da più moduli, ognuno dei quali fa una certa elaborazione. I S1 IF S2 ID S3 EX S4 ME WB CK A regime ( la pipeline è piena) ed ad ogni colpo di clock viene eseguita un istruzione. S1= stadio 1 S4= stadio 4 IF=Instruction Fetch ID= Decodifica dell istruzione EX= esecuzione dell istruzione ME= Lettura in memoria WB= Write back (scrittura nei registri) 11

L architettura di riferimento

L architettura di riferimento Architetture degli elaboratori e delle reti Lezione 10 L architettura di riferimento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 10 1/27

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

che vengano generati nell ordine corretto i sistema (es., la memoria, l unità aritmetico-

che vengano generati nell ordine corretto i sistema (es., la memoria, l unità aritmetico- Principi di architetture dei calcolatori: l unità di controllo Mariagiovanna Sami L unità di controllo Per eseguire le istruzioni di macchina, occorre che vengano generati nell ordine corretto i segnali

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

Architettura di tipo registro-registro (load/store)

Architettura di tipo registro-registro (load/store) Caratteristiche principali dell architettura del processore MIPS E un architettura RISC (Reduced Instruction Set Computer) Esegue soltanto istruzioni con un ciclo base ridotto, cioè costituito da poche

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 11/01/08 Nota Questi lucidi sono

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

ARCHITETTURE MICROPROGRAMMATE. 1. Necessità di un architettura microprogrammata 1. Cos è un architettura microprogrammata? 4

ARCHITETTURE MICROPROGRAMMATE. 1. Necessità di un architettura microprogrammata 1. Cos è un architettura microprogrammata? 4 ARCHITETTURE MICROPROGRAMMATE. 1 Necessità di un architettura microprogrammata 1 Cos è un architettura microprogrammata? 4 Struttura di una microistruzione. 5 Esempi di microprogrammi 9 Esempio 1 9 Esempio

Dettagli

Il Processore: i registri

Il Processore: i registri Il Processore: i registri Il processore contiene al suo interno un certo numero di registri (unità di memoria estremamente veloci) Le dimensioni di un registro sono di pochi byte (4, 8) I registri contengono

Dettagli

Lezione n.9. Introduzione al linguaggio macchina

Lezione n.9. Introduzione al linguaggio macchina Lezione n.9 Autore:Luca Orrù 1 Sommario Esecuzione delle istruzioni Architettura interna ed esterna Linguaggio assembler e modi d indirizzamento Consideriamo ora la singola istruzione e la scomponiamo

Dettagli

Struttura del calcolatore

Struttura del calcolatore Struttura del calcolatore Proprietà: Flessibilità: la stessa macchina può essere utilizzata per compiti differenti, nessuno dei quali è predefinito al momento della costruzione Velocità di elaborazione

Dettagli

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18

Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Il processore Lezione 18 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Calcolatore: sottosistemi Processore o CPU (Central Processing

Dettagli

Architettura hw. La memoria e la cpu

Architettura hw. La memoria e la cpu Architettura hw La memoria e la cpu La memoria centrale e la CPU Bus controllo Bus indirizzi Bus dati Bus di collegamento con la cpu indirizzi controllo dati Bus Indirizzi 11 Bus controllo Leggi/scrivi

Dettagli

Programmazione dello Z80

Programmazione dello Z80 Il microprocessore si incarica di: gestire il programma e i suoi dati di eseguire i calcoli richiesti. Le azioni appena elencate rendono necessario che il microprocessore abbia da qualche parte, al suo

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Aggiornato il 18 giugno 2015. 1 Questa affermazione richiede una precisazione. A parità di altre condizioni, l eliminazione dello stadio ME allunga la

Aggiornato il 18 giugno 2015. 1 Questa affermazione richiede una precisazione. A parità di altre condizioni, l eliminazione dello stadio ME allunga la 8 Questo documento contiene le soluzioni ad un numero selezionato di esercizi del Capitolo 8 del libro Calcolatori Elettronici - Architettura e organizzazione, Mc-Graw Hill 2009. Sarò grato a coloro che

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata Lezione n.6 Unità di controllo microprogrammata 1 Sommario Unità di controllo microprogrammata Ottimizzazione, per ottimizzare lo spazio di memoria occupato Il moltiplicatore binario Esempio di architettura

Dettagli

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1)

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Corso di Laurea in Informatica Architettura degli elaboratori a.a. 2014-15 La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Schema base di esecuzione Istruzioni macchina Outline Componenti di un

Dettagli

Ciclo di Istruzione. Ciclo di Istruzione. Controllo. Ciclo di Istruzione (diagramma di flusso) Lezione 5 e 6

Ciclo di Istruzione. Ciclo di Istruzione. Controllo. Ciclo di Istruzione (diagramma di flusso) Lezione 5 e 6 Ciclo di Istruzione Può essere suddiviso in 4 tipi di sequenze di microoperazioni (cioè attività di calcolo aritmetico/logico, trasferimento e memorizzazione dei dati), non tutte necessariamente da realizzare

Dettagli

CPU pipeline 4: le CPU moderne

CPU pipeline 4: le CPU moderne Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 25 CPU pipeline 4: le CPU moderne Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 25 1/16

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1 Di seguito è riportato lo schema di una ALU a 32 bit in grado

Dettagli

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957)

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957) Linguaggio macchina Von Neumann John Von Neumann (1903-1957) Inventore dell EDVAC (Electronic Discrete Variables AutomaFc Computer), la prima macchina digitale programmabile tramite un soiware basata su

Dettagli

UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Opcode OpCode Operazione

UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Opcode OpCode Operazione RCHITETTUR DI UN ELORTORE MCCHIN DI VON NEUMNN Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for dvanced Study, anni 40). UNITÀ FUNZIONLI fondamentali Processore (CPU) Centrale

Dettagli

Architettura della CPU e linguaggio assembly Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica. prof. ing. Corrado Santoro

Architettura della CPU e linguaggio assembly Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica. prof. ing. Corrado Santoro Architettura della CPU e linguaggio assembly Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica prof. ing. Corrado Santoro Schema a blocchi di una CPU Arithmetic Logic Unit Control Unit Register File BUS Control

Dettagli

L Architettura di un Calcolatore

L Architettura di un Calcolatore ASTE Information Technology Excellence oad (I.T.E..) L Architettura di un Calcolatore aurizio Palesi Salvatore Serrano aster ITE Informatica di Base aurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Sommario Architettura

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE 1. INTRODUZIONE In questo capitolo viene presentata la struttura, sia interna che esterna, di un microprocessore generico riprendendo i concetti esposti nella

Dettagli

In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline a CPU molto complesse per applicazioni ad

In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline a CPU molto complesse per applicazioni ad Principi di architetture dei calcolatori: l architettura ARM. Mariagiovanna Sami Che cosa è ARM In realtà, non un solo microprocessore, ma un intera famiglia, dalle CPU più semplici con una sola pipeline

Dettagli

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti Il processore: unità di lo Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) L unità di lo L unità di lo è responsabile della generazione dei segnali di lo che vengono inviati all unità di elaborazione Alcune

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI

CALCOLATORI ELETTRONICI CALCOLATORI ELETTRONICI Giuseppe Coldani Tel. 0382 985678 e-mail: giuseppe.coldani@unipv.it giuseppe.coldani@tin.it orario delle lezioni: Mercoledì 14.00-18.00 orario di ricevimento: su appuntamento 1

Dettagli

MODELLO DLX IN UNISIM

MODELLO DLX IN UNISIM Architettura e descrizione del modello MODELLO DLX IN UNISIM RINGRAZIAMENTI : I materiali per questa presentazione sono tratti dal tutorial ufficiale di UNISIM - https://unisim.org/site/tutorials/start

Dettagli

Informatica. Esplicazione del manuale e delle slide. Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio. Marco

Informatica. Esplicazione del manuale e delle slide. Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio. Marco Informatica Appunti Luiss Marco D Epifanio Informatica Esplicazione del manuale e delle slide Marco Liberamente tratto da Introduzione alle tecnologie informatiche e ai sistemi informativi aziendali, McGraw.

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La Pipeline Superpipeline Pipeline superscalare Schedulazione dinamica della pipeline Processori reali: l architettura Intel e la pipeline dell AMD Opteron X4 Ricapitolando Con

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici ISA di riferimento: MIPS Massimiliano Giacomin 1 DOVE CI TROVIAMO Livello funzionale Livello logico Livello circuitale Livello del layout istruzioni macchina, ISA Reti logiche:

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

E una notazione per descrivere gli algoritmi.

E una notazione per descrivere gli algoritmi. Linguaggio di Programmazione E una notazione per descrivere gli algoritmi. Programma:: e la rappresentazione di un algoritmo in un particolare linguaggio di programmazione. In generale, ogni linguaggio

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Archite(ura di un calcolatore. L unità di elaborazione (CPU) Sequenza di le(ura. Il bus di sistema

La macchina di Von Neumann. Archite(ura di un calcolatore. L unità di elaborazione (CPU) Sequenza di le(ura. Il bus di sistema La macchina di Von Neumann rchite(ura di un calcolatore us di sistema Collegamento Unità di Elaborazione (CPU) Memoria Centrale (MM) Esecuzione istruzioni Memoria di lavoro Interfaccia Periferica P 1 Interfaccia

Dettagli

Calcolatori Elettronici. La Pipeline Criticità sui dati Criticità sul controllo Cenni sull unità di controllo

Calcolatori Elettronici. La Pipeline Criticità sui dati Criticità sul controllo Cenni sull unità di controllo Calcolatori Elettronici La Pipeline Criticità sui dati Criticità sul controllo Cenni sull unità di controllo La pipeline CRITICITÀ SUI DATI Calcolatori Elettronici - Pipeline (2) - Slide 2 L. Tarantino

Dettagli

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione Pipeline Processori RISC Salti Appendice A: Storia Bibliografia Versione con i frame Versione in pdf Architettura del processore Una possibile

Dettagli

INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE

INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE! Informatica: dal francese, informatique informat(ion) (automat)ique [termine coniato dall'ingegnere francese Philippe Dreyfus nel 1962] è la scienza che studia i

Dettagli

Programma ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE MACCHINA DI VON NEUMANN CPU & MEMORIA UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Questa settimana:

Programma ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE MACCHINA DI VON NEUMANN CPU & MEMORIA UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Questa settimana: Progma La settimana scorsa: cos è l informatica? cos è un algoritmo? cos è un progma? come si descrive un algoritmo? di cosa si compone un? che cos è il software? a cosa serve? Questa settimana: qual è

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione Dr Damiano Macedonio Università di Verona Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti:

Dettagli

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI 1 RICHIAMI SUL MIPS UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI L ARCHITETTURA DI RIFERIMENTO: LA MACCHINA MIPS INSTRUCTION SET MIPS R2000 ISTRUCTION SET SEMPLIFICATO: emips ESEMPI DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO

ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO Lezione di informatica del 31 marzo 2008 (appunti prelevati sulla rete) - Paolo Latella ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE ELETTRONICO Per architettura di un calcolatore elettronico si intende l'insieme delle

Dettagli

I sistemi di elaborazione

I sistemi di elaborazione 2 I sistemi di elaborazione 2.0 I sistemi di elaborazione c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2001/2002 2.0 0 2 I sistemi di elaborazione Architettura

Dettagli

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI

UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI 1 RICHIAMI SUL MIPS UN PO DI STORIA, CONCETTI BASE e DEFINIZIONI GENERALI L ARCHITETTURA DI RIFERIMENTO: LA MACCHINA MIPS INSTRUCTION SET MIPS R2000 ISTRUCTION SET SEMPLIFICATO: emips ESEMPI DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Fondamenti di informatica: un po di storia

Fondamenti di informatica: un po di storia Fondamenti di informatica: un po di storia L idea di utilizzare dispositivi meccanici per effettuare in modo automatico calcoli risale al 600 (Pascal, Leibniz) Nell ottocento vengono realizzati i primi

Dettagli

Versione A: caricamento ed esecuzione del codice

Versione A: caricamento ed esecuzione del codice Versione A: caricamento ed esecuzione del codice «Nella sua prima versione, la CPU si compone soltanto di registri utili ad accedere alla memoria per leggere il codice operativo da eseguire, come di vede

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Il calcolatore elettronico Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Introduzione Un calcolatore elettronico è un sistema elettronico digitale programmabile Sistema: composto da

Dettagli

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI

ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI PROGETTO DELLA CPU MEMORIZZAZIONE DEGLI OPERANDI DOVE SONO MEMORIZZATI GLI OPERANDI NELLA CPU? ARCHITETTURA DELLE CPU come ARCHITETTURA DEL SET DI ISTRUZIONI SCELTE PROGETTUALI: 1. DOVE SONO MEMORIZZATI

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU Lezione n.7 Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU 1 SOMMARIO Architettura del moltiplicatore Architettura di base di una CPU Ciclo principale di base di una CPU Riprendiamo l analisi

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici Classificazione dei calcolatori elettronici Sistemi basati sull architettura di von Neumann rchitettura dei calcolatori: definizioni Evoluzione dell architettura rchitettura della

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Architettura del calcolatore e rappresentazione dell informazione

Architettura del calcolatore e rappresentazione dell informazione Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Complementi al corso di Fondamenti di Informatica Architettura del calcolatore e rappresentazione dell informazione Daniela D Aloisi Anno Accademico 2001-2002

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

L unità di controllo di CPU multi-ciclo

L unità di controllo di CPU multi-ciclo L unità di controllo di CPU multi-ciclo Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione borghese@dsi.unimi.it Università degli Studi di Milano A.A. 23-24 /2 Sommario I segnali di controllo

Dettagli

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY ARCHITETTURA DELL ELABORATORE Prof. G. Ciaschetti 1. Tipi di computer Nella vita di tutti giorni, abbiamo a che fare con tanti tipi di computer, da piccoli o piccolissimi

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Si disegni lo schema di un flip-flop master-slave S-R sensibile ai fronti di salita e

Dettagli

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello):

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello): Architettura (10/9003) Pag. 1/6 Esame di Architettura (matr.0-1) del 10/9003 Per Fondamenti di Architettura NON rispondere Per le domande a risposta multipla cerchiare la risposta scelta. Non alle domande

Dettagli

02 - Organizzazione dei sistemi di calcolo

02 - Organizzazione dei sistemi di calcolo Organizzazione dei sistemi di calcolo - Processori - Memoria principale - Memoria secondaria - Input/Output Pagina 2 Processori Pagina 3 La CPU è composta da: - Unità di controllo - Unità logico-aritmetica

Dettagli

Architettura del Calcolatore. Prof.Ing.S.Cavalieri

Architettura del Calcolatore. Prof.Ing.S.Cavalieri Architettura del Calcolatore Prof.Ing.S.Cavalieri 1 Evoluzione: tecnologia Sistemi Meccanici Sistemi Elettro-Meccanici (uso di Valvole) Sistemi Interamente Elettronici (basati su Valvole) Sistemi Interamente

Dettagli

Calcolatori elettronici: Hardware

Calcolatori elettronici: Hardware Calcolatori elettronici: Andrea Passerini passerini@disi.unitn.it Informatica Macchina di Von Neumann CPU Memoria (centrale) Memoria di massa Interfaccia di I/O Schermo/tastiera Interfaccia di I/O BUS

Dettagli

Calcolatori Elettronici L-A

Calcolatori Elettronici L-A 1 Calcolatori Elettronici L-A Obiettivo del modulo è lo studio dei seguenti aspetti dell hardware dei calcolatori: l architettura i principi di funzionamento le tecniche di progettazione l impatto dell'architettura

Dettagli

Realizzazione del controllo

Realizzazione del controllo Realizzazione del controllo La generazione della corretta sequenza di segnali di controllo per l esecuzione di una data istruzione avviene da parte dell Unità di Controllo. La sequenza generata è funzione:

Dettagli

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 introduzione a ISA ISA - Instruction Set Architecture insieme delle istruzioni (instruction set) che possono

Dettagli

Quinto Homework. Indicare il tempo necessario all'esecuzione del programma in caso di avvio e ritiro fuori ordine.

Quinto Homework. Indicare il tempo necessario all'esecuzione del programma in caso di avvio e ritiro fuori ordine. Quinto Homework 1) Si vuole progettare una cache a mappatura diretta per un sistema a 32 bit per una memoria da 2 GB (quindi sono solo 31 i bit utili per gli indirizzi) e blocchi di 64 byte. Rispondere

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR Architettura di un computer La macchina di Von Neumann Architettura organizzata secondo il modello della macchina di von Neumann definita nei tardi anni 40 all Institute for Advanced Study di Princeton.

Dettagli

Reti sequenziali e strutturazione firmware

Reti sequenziali e strutturazione firmware Architettura degli Elaboratori, a.a. 25-6 Reti sequenziali e strutturazione firmware Alla parte di corso sulle reti sequenziali è apportata una sensibile semplificazione rispetto a quanto contenuto nel

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale di Cassino e del Lazio Meridionale Corso di Pipeline Anno Accademico Francesco Tortorella Progettazione del datapath Prima soluzione: d.p. a ciclo singolo Semplice da realizzare Condizionato dal worst

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm

CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux. l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Struttura interna del sistema Operativo Linux CAP. 4: Aspetti generali del Sistema Operativo Linux CAP. 5: Funzionalità del calcolatore l http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Funzionalità del Sistema

Dettagli

Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1

Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Specifica di un algoritmo Primo approccio, scrittura diretta del programma: la soluzione coincide con la codifica

Dettagli

ARCHITETTURA DEI COMPUTER

ARCHITETTURA DEI COMPUTER Introduzione all Informatica Scienze Naturali / Restauro - Facoltà SMFN - Unical 1 ARCHITETTURA DEI COMPUTER Un calcolatore elettronico è una macchina estremamente complessa, costituita da centinaia di

Dettagli

Schedulazione dinamica. Elettronica dei Calcolatori 1

Schedulazione dinamica. Elettronica dei Calcolatori 1 Schedulazione dinamica Elettronica dei Calcolatori 1 Schedulazione dinamica delle operazioni Impossibile risolvere tutti i conflitti staticamente I possibile predire tutti i salti condizionati HW fa durante

Dettagli

06 Livello di micro architettura

06 Livello di micro architettura Livello di micro architettura Pagina 2 Introduzione il livello di micro architettura implementa le funzioni del livello sovrastante (ISA) come livello ISA di riferimento si sceglie una parte della JVM

Dettagli

' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1'

' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1' ' Z80:' archite:ura'ed'esperienze'di' laboratorio' ' P.'Vicini' ' P.Vicini'('Lab.'Sistemi'e'Segnali' 1' Calcolatori Prodotto di una tecnologia estremamente vitale con alto impatto economico e sociale Tecnologia

Dettagli

L ARCHITETTURA DI VON NEUMANN

L ARCHITETTURA DI VON NEUMANN L ARCHITETTURA DI VON NEUMANN Dispense del corso di Fondamenti di Informatica I Alberto Marchetti-Spaccamela A.A. 2013-2014 Indice 1 Cosa è un computer: un po di terminologia 2 1.1 Hardware......................................

Dettagli

Calcolatori Elettronici Parte VI: Microarchitetture, Cache e Pipeline

Calcolatori Elettronici Parte VI: Microarchitetture, Cache e Pipeline Anno Accademico 2013/2014 Calcolatori Elettronici Parte VI: Microarchitetture, Cache e Pipeline Prof. Riccardo Torlone Universita di Roma Tre Ritorniamo all approccio di San Clemente.. Riccardo Torlone

Dettagli

Modulo 2 L architettura dei calcolatori

Modulo 2 L architettura dei calcolatori Modulo 2 L architettura dei calcolatori La macchina di von Neumann I moderni sistemi di elaborazione oggi in commercio non sono tutti uguali, anzi presentano notevoli differenze in termini di velocità,

Dettagli

Lezione 16: L architettura LC-3

Lezione 16: L architettura LC-3 Lezione 16: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 15 Maggio 2013 Ricorda... Il ciclo di esecuzione di un istruzione è composto da sei fasi: FETCH DECODE ADDRESS

Dettagli

INDICE. Come è fatto un calcolatore moderno?

INDICE. Come è fatto un calcolatore moderno? INDICE Come è fatto un calcolatore moderno? STRUTTURA LOGICA DEI CALCOLATORI Dal modello di Von Neumann ai computer moderni LA MEMORIA CENTRALE UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU), Registri della CPU, Unità di

Dettagli

Architettura del Set di Istruzioni (ISA)

Architettura del Set di Istruzioni (ISA) Architettura del Set di Istruzioni (ISA) Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Instruction Set Architecture (ISA) Software instruction set Hardware Maurizio Palesi 2 1 Instruction Set Architecture (ISA) Applicazioni

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Unità di apprendimento Architettura dei computer Prerequisiti specifici CONOSCENZE Capire perché è importante conoscere i componenti fisici di un computer Comprendere le peculiarità dei vari componenti

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

Componenti dell elaboratore

Componenti dell elaboratore L hardware del PC Componenti dell elaboratore Hardware Parte fisica del sistema Dispositivi fisici Software Parte logica del sistema Programmi e dati 2 Hardware dell elaboratore 3 L'architettura del calcolatore

Dettagli

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4)

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4) Esercizio 1 (20%) Si assuma di avere una macchina con 10 registri ufficiali (da R0 a R9) e sufficienti registri segreti in grado di avviare 2 istruzioni per ciclo di clock. Tale macchina richiede 2 cicli

Dettagli

prof. Nunzio Brugaletta PC inside pag. 1 PC inside come funziona un Sistema di Elaborazione (2007.05)

prof. Nunzio Brugaletta PC inside pag. 1 PC inside come funziona un Sistema di Elaborazione (2007.05) prof. Nunzio Brugaletta PC inside pag. 1 PC inside come funziona un Sistema di Elaborazione (2007.05) Indice Premessa......2 Struttura a bus......2 La memoria principale......3 Collegamenti con le periferiche......5

Dettagli

Architetture DSP. Capitolo 6

Architetture DSP. Capitolo 6 Capitolo 6 Architetture DSP Un convertitore analogico-digitale (ADC) trasforma un segnale a tempo continuo in una sequenza di bit; viceversa un convertitore digitale-analogico (DAC) trasforma una sequenza

Dettagli

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali Prof. Gian Luca Marcialis Corso di Laurea di Ingegneria Elettronica Capitolo 5 Linguaggio Assembly Fonti principali: Patterson, A.D., Hennessy, J., "Struttura, organizzazione e progetto dei calcolatori

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Tradurre in linguaggio assembly MIPS il seguente frammento di

Dettagli

Fondamenti di Informatica - 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012

Fondamenti di Informatica - 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Fondamenti di Informatica - 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Sommario Architetture del Calcolatore e sue componenti principali Macchina di Von Neumann CPU L unità aritmetico logica La memoria centrale

Dettagli

Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014

Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014 Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014 Ricorda... Il ciclo di esecuzione di un istruzione è composto da sei fasi: FETCH DECODE ADDRESS

Dettagli

I Digital Signal Processors 1

I Digital Signal Processors 1 I Digital Signal Processors 1 martedì 11 aprile 2006 in termini rozzi possiamo definirli come dei microcontrollori ottimizzati per avere prestazioni spinte nella realizzazione di filtri di segnali analogici,

Dettagli

Metodi Software per ottenere ILP

Metodi Software per ottenere ILP Metodi Software per ottenere ILP Calcolatori Elettronici 2 http://www.dii.unisi.it/~giorgi/didattica/calel2 Scaletta Tecnologie nel compilatore BRANCH PREDICTION A SOFTWARE (nel compilatore) - Gia vista

Dettagli

Il livello architettura e set di istruzioni

Il livello architettura e set di istruzioni Corso di Informatica 2 Prof. Sciuto Il livello architettura e set di istruzioni Daniele Paolo Scarpazza Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano 7 Giugno 2004 Daniele Paolo Scarpazza

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA

ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 QUADERNO DI INFORMATICA L INFORMAZIONE L informazione è un concetto (legato, ma indipendente dal codice usato). Non riguarda solo interazioni umane. L informazione analizza il

Dettagli

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il software L hardware non è direttamente utilizzabile Sono necessari dei programmi per far svolgere delle funzioni all insieme di circuiti Informatica 97 Il

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli