Introduzione e modellistica dei sistemi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione e modellistica dei sistemi"

Transcript

1 Introduzione e modellistica dei sistemi

2 Modellistica dei sistemi dinamici meccanici Sistemi meccanici in traslazione: elementi base Sistemi in traslazione: equazioni del moto Sistemi in traslazione: rappresentazione di stato Sistemi in traslazione: esempi di rappresentazione Sistemi meccanici in rotazione: elementi base Sistemi in rotazione: equazioni del moto Sistemi in rotazione: rappresentazione di stato Sistemi in rotazione: esempi di rappresentazione 2

3 Modellistica dei sistemi dinamici meccanici

4 Corpo puntiforme in traslazione Corpo puntiforme in traslazione di massa M F F 2 M 1 Mp () t = F 1 () t F 2 () t La II legge di Newton dà l equazione del moto: 2 d p() t Mp () t = M = F() t = i F () t 2 i dt in cui F i (t ) sono le forze esterne agenti sul corpo: Positive se concordi con il sistema di riferimento Negative altrimenti Unità di misura: [F ] = N, [p ] = m, [M ] = kg 4

5 Molla ideale di coefficiente di elasticità K F K F Molla ideale p - p + La forza elastica della molla è data da: Ft () = K p+ () t p () t è proporzionale allo spostamento relativo delle due estremità della molla (p + e p sono le posizioni delle due estremità rispetto alla posizione di riposo) Unità di misura: [F ] = N, [p ] = m, [K ] = N/m p 5

6 Smorzatore ideale di smorzamento β β F F Smorzatore ideale v - v + La forza di attrito dovuta allo smorzatore vale: Ft () = β v+ () t v () t = β p+ () t p () t è proporzionale alla velocità relativa dei due elementi che compongono lo smorzatore stesso Unità di misura: [F ] = N, [ p ] = m/s, [β] = Ns/m v 6

7 Modellistica dei sistemi dinamici meccanici

8 Equazioni del moto per sistemi in traslazione Si introducono assi di riferimento concordi fra loro per indicare le posizioni di ogni corpo in traslazione Per ogni massa M i (o punto materiale in traslazione avente M i = 0), con posizione p i e velocità v i = p i, vale la seconda legge di Newton espressa come: Mp est j i int () t F () t = F () t i i k k j i j est F k Le forze esterne tengono conto dell azione del mondo esterno sull elemento M i e compaiono con Segno positivo se concordi con gli assi di riferimento Segno negativo altrimenti 8

9 Equazioni del moto per sistemi in traslazione Si introducono assi di riferimento concordi fra loro per indicare le posizioni di ogni corpo in traslazione Per ogni massa M i (o punto materiale in traslazione avente M i = 0), con posizione p i e velocità v i = p i, vale la seconda legge di Newton espressa come: j i i i k k j i j Mp est int () t = F () t F () t Le forze interne tengono conto dell interazione tra l elemento M i considerato e gli altri corpi M j tramite: int () K p ( t) p ( t) Molle ideali K ij int F i j Smorzatori ideali β ij F t = ij ij i j F int () t = β ij p ( t) p ( t) ij i j 9

10 Interpretazione delle equazioni del moto Nell equazione del moto dell elemento M i Mp () t F est j i int () t = F () t i i k k j i j est F k Le forze esterne trasmettono direttamente il moto a M i ne incrementano o riducono la forza d inerzia, a seconda del loro verso di applicazione int Le forze interne F i j trasmettono invece il moto agli altri corpi M j tramite molle o smorzatori riducono la forza d'inerzia di M i 10

11 Modellistica dei sistemi dinamici meccanici

12 Rappresentazione in variabili di stato (1/2) Si scrivono le equazioni del moto per ogni corpo puntiforme di massa M i (eventualmente nulla) in traslazione, avente posizione p i e velocità v i = p i Si introducono due variabili di stato per ogni elemento M i in traslazione, scegliendo in particolare La posizione p i La velocitàp i Tale scelta permette di trasformare ogni equazione del moto (equazione differenziale del II ordine) in una coppia di equazioni differenziali del I ordine Si associa una variabile di ingresso ad ogni forza esternaapplicataalsistemameccanicointraslazione 12

13 Rappresentazione in variabili di stato (2/2) Si ricavano le equazioni di stato del tipo dx () t i x () t = = f t, x(), t u() t i dt ( ) a partire dalle precedenti equazioni del moto, esprimendo x i soltanto in funzione di variabili di stato e di ingresso, se necessario esplicitando il legame di derivazione temporale fra variabili di stato Si ricavano le equazioni di uscita del tipo esprimendo ogni variabile di interesse y k soltanto in funzione di variabili di stato e di ingresso i ( ) y () t = g t, x (), t u () t k k 13

14 Modellistica dei sistemi dinamici meccanici

15 Esempio #1 di rappresentazione (1/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente sistema meccanico in traslazione, in cui le variabili di interesse sono le posizioni p 1 e p 2 K 2 K 1 β 2 M 1 K 12 M2 F Equazioni del moto: 1) M p = K1( p1 0) + β1( p1 0) + K12( p1 p2) + β12( p1 p2) 2) Mp = F K ( p 0) + β ( p 0) + K ( p p ) + β ( p p )] β 1 β 12 [ p p 2 p

16 Esempio #1 di rappresentazione (2/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente sistema meccanico in traslazione, in cui le variabili di interesse sono le posizioni p 1 e p 2 K 2 K 1 β 2 M 1 K 12 M2 F 0 Variabili di stato: β 1 β 12 p 1 x() t = p1() t p2() t p1() t p2() t T = x1() t x2() t x3() t x4() t T p 2 p 16

17 Esempio #1 di rappresentazione (3/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente sistema meccanico in traslazione, in cui le variabili di interesse sono le posizioni p 1 e p 2 K 2 K 1 β 2 M 1 K 12 M2 F 0 β 1 β 12 Variabile di ingresso: p 1 [ Ft ] ut () = () p 2 p 17

18 Esempio #1 di rappresentazione (4/10) Equazioni del moto: 1) M p = K1( p1 0) + β1( p1 0) + K12( p1 p2) + β12( p1 p2) 2) Mp = F K2( p2 0) + β2( p2 0) + K12( p2 p1) + β12( p2 p1) 2 2 Variabili di stato e di ingresso: p () t 1 x () t 1 p () t 2 x () t 2 p () t () 1 x t 3 p () t 2 x () t 4 Equazioni di stato: x = dp dt = p = x = f ( t x u) [ ] xt () = =, ut () = Ft () x = dp dt = p ,, ( ) = x = f t, x, u

19 Esempio #1 di rappresentazione (5/10) Equazioni del moto: 1) M p = K1( p1 0) + β1( p1 0) + K12( p1 p2) + β12( p1 p2) 2) Mp = F K2( p2 0) + β2( p2 0) + K12( p2 p1) + β12( p2 p1) 2 2 Variabili di stato e di ingresso: p () t 1 x () t 1 p () t () 2 x t 2 p () t x () t 1 3 p () t 2 x () t 4 Equazioni di stato: [ ] xt () = =, ut () = Ft () x = dp dt = p = 1 K1p1 1p1 K12( p1 p 2) 12( p1 p 2) M + β + + β = K + K K β + β β = x + x x + x = f t x u M 1 M 2 M 3 M (,, ) 19

20 Esempio #1 di rappresentazione (6/10) Equazioni del moto: 1) M p = K1( p1 0) + β1( p1 0) + K12( p1 p2) + β12( p1 p2) 2) Mp = F K2( p2 0) + β2( p2 0) + K12( p2 p1) + β12( p2 p1) 2 2 Variabili di stato e di ingresso: p () t 1 x () t 1 p () t () 2 x t 2 p () t x () t 1 3 p () t 2 x () t 4 Equazioni di stato: [ ] xt () = =, ut () = Ft () x = dp dt = p = F 1 K p2 2p2 K12( p2 p1) 12( p2 p1) M M + β + + β = 2 2 K K + K β β + β = x x + x x + 1 u = f ( t, x, u) M M M M M

21 Esempio #1 di rappresentazione (7/10) Equazioni del moto: 1) M p = K1( p1 0) + β1( p1 0) + K12( p1 p2) + β12( p1 p2) 2) Mp = F K2( p2 0) + β2( p2 0) + K12( p2 p1) + β12( p2 p1) 2 2 Variabili di stato e di ingresso: p () t 1 x () t 1 p () t () 2 x t 2 p () t x () t 1 3 p () t 2 x () t 4 Equazioni di uscita: y = p = x = g ( txu,, ) y () t 1 yt () = y = p = x = g ( txu,, ) y () t [ ] xt () = =, ut () = Ft () 21

22 Esempio #1 di rappresentazione (8/10) Equaz. di stato: x = x 1 3 x = x 2 4 K + K K β + β β x = 3 M x + 1 M x 2 M x + 3 M x K K + K β β + β x = 4 M x 1 M x + 2 M x 3 M x + 4 M u Equaz. di uscita: y = x 1 1 y = x 2 2 Se M 1,M 2,K 1,K 2,K 12,β 1,β 2 e β 12 sono costanti il sistema è LTI e ha rappresentazione di stato ( xt) = Axt () + But () y () t = C x() t + Du() t 1 22

23 Esempio #1 di rappresentazione (9/10) Se M 1,M 2,K 1,K 2,K 12,β 1,β 2 e β 12 sono costanti il sistema è LTI e ha rappresentazione di stato ( xt) = Axt () + But () y () t = C x() t + Du() t A K + K K β + β β, B 0, K K + K β β + β 1 M M M M = = M1 M1 M1 M M C =, D =

24 Esempio #1 di rappresentazione (10/10) Nota: si può modellizzare il fenomeno dell attrito mediante uno smorzatore equivalente avente un estremità fissa e lo smorzamento β i uguale al coefficiente d attrito viscoso; il sistema considerato in quest esempio è infatti equivalente al seguente: K 2 K 1 M 1 K 12 M 2 F 0 β 1 p 1 β 12 p 2 β 2 p 24

25 Esempio #2 di rappresentazione (1/5) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente levitatore magnetico, in cui y () t = p() t 2 2 e l elettromagnete genera la forza f () t = k i () t p () t corrente di alimentazione dell elettromagnete trasduttore ottico di posizione i 0 p f M Mg Equazione del moto: 2 2 Mp () t = Mg f () t = Mg ki () t p() t i i elettromagnete sfera metallica di massa M 25

26 Esempio #2 di rappresentazione (2/5) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente levitatore magnetico, in cui y () t = p() t 2 2 e l elettromagnete genera la forza f () t = k i () t p () t corrente di alimentazione dell elettromagnete trasduttore ottico di posizione i 0 p f M Mg i elettromagnete sfera metallica di massa M Variabili di stato: xt () pt () x () t 1 = = pt () x () t 2 26

27 Esempio #2 di rappresentazione (3/5) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente levitatore magnetico, in cui y () t = p() t 2 2 e l elettromagnete genera la forza f () t = k i () t p () t corrente di alimentazione dell elettromagnete trasduttore ottico di posizione i 0 p f M Mg i elettromagnete sfera metallica di massa M Variabile di ingresso: ut () = it () 27

28 Esempio #2 di rappresentazione (4/5) Equazione del moto: 2 2 Mp () t = Mg ki () t p() t i Variabili di stato e di ingresso: pt () x () t 1 xt () = =, ut () it () pt () x () t = 2 Equazioni di stato: x = dp dt = p = x = f (, t x, u) k 2 i i k 2 x = dp dt = i u p = g = g = f (, t x, u) 2 M 2 2 p M 2 x1 Equazione di uscita: y = p = x = g(, t x, u) 1 28

29 Esempio #2 di rappresentazione (5/5) Equazioni di stato: Equazione di uscita: x = x i y = x 1 ( ) x = g k M u x Il sistema risulta non lineare, a causa della forza di attrazione f dell elettromagnete di tipo non lineare Il sistema è inoltre dinamico, a tempo continuo, a dimensione finita (n =2), SISO (p =q =1), proprio, stazionario nel caso k i e M siano costanti La forza peso Mg è esterna al sistema ma costante non compare nel vettore di ingresso u ma solo con il termine costante g nelle equazioni di stato 29

30 Esempio #3 di rappresentazione (1/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente sistema meccanico, in cui y () t = v() t = p() t β F A K M 0 p p, v A,v A Equazioni del moto: 1) M p = 0 p = 0 β( p p) + K( p 0) A A A A A 2) Mp = F β( p p ) A 30

31 Esempio #3 di rappresentazione (2/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente sistema meccanico, in cui y () t = v() t = p() t F M p, v Variabili di stato: xt () β A K 0 p A,v A p () t A pt () x () t 1 x () t = 2 = p () t x () t A 3 pt () x () t 4 31

32 Esempio #3 di rappresentazione (3/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente sistema meccanico, in cui y () t = v() t = p() t β F A K M 0 p p, v A,v A Variabile di ingresso: ut () = Ft () 32

33 Esempio #3 di rappresentazione (4/10) Equazioni del moto: 1) 0 = β( p p) Kp 2) Mp = F β( p p ) A A A Variabili di stato e di ingresso: p () t () A x t 1 pt () x () t 2 p () t x () t A 3 pt () x () t 4 Equazioni di stato: [ ] xt () = =, ut () = Ft () x = dp dt = p 1 A A = x = f (, t x, u) 3 1 x = dp dt = p 2 = x = f (, t x, u) 4 2 x = dp dt = p =? (conseguenza di M A = 0 nell'equaz. 1) 3 A A p A non èunavariabiledistatoenoncompareinx 33

34 Esempio #3 di rappresentazione (5/10) Equazioni del moto: 1) 0 = β( p p) Kp 2) Mp = F β( p p ) A A A Variabili di stato e di ingresso: p () t A pa() t x1() t pt () 2 p () t A pt () x3() t pt () Equazioni di stato: [ ] xt () = = pt () = x() t, ut () = Ft () x = dp dt = p = p K p = K x + 1 x = (,, ) 1 A A A 3 1 f t x u β β x = dp dt = p = x = f ( t, x, u)

35 Esempio #3 di rappresentazione (6/10) Equazioni del moto: 1) 0 = β( p p) Kp 2) Mp = F β( p p ) A A A Variabili di stato e di ingresso: p () t A pa() t x1() t pt () 2 p () t A pt () x3() t pt () Equazioni di stato: [ ] xt () = = pt () = x() t, ut () = Ft () x = dp dt = p 3 = F 1 β ( p p ) = u ( x x ) A 3 1 = M β M M M 1 β ( K ) = u x x + x = K x + 1 (,, ) 1 u f 3 t x u M M = M M β 35

36 Esempio #3 di rappresentazione (7/10) Equazioni del moto: 1) 0 = β( p p) Kp 2) Mp = F β( p p ) A A A Variabili di stato e di ingresso: p () t A pa() t x1() t pt () 2 p () t A pt () x3() t pt () Equazione di uscita: [ ] xt () = = pt () = x() t, ut () = Ft () y = p = x = g(, t x, u) 3 36

37 Esempio #3 di rappresentazione (8/10) Equazioni di stato: Equazione di uscita: x1 = K x1+ x3 β x2= x3 x K 1 3= x1+ u M M y = x 3 Poiché x 2 = p non compare nelle equazioni di stato o di uscita si può semplificare il vettore di stato p () t xt () () pt () A = pa() t x1() t pt = pt () = x2() t K x1 = x1+ x2 β x K 1 2 = x1+ u M M y = x 2 37

38 Esempio #3 di rappresentazione (9/10) Equazioni di stato: Equazione di uscita: K x1 = x1+ x2 β x K 1 2 = x1+ u M M y = x Se M, K e β sono costanti, il sistema è LTI ha come rappresentazione in variabili di stato xt () = Axt () + But () y () t = C x() t + Du() t A K 1 0 β =, B 1, C 0 1, D 0 K = = = 0 M M 2 38

39 Esempio #3 di rappresentazione (10/10) Le due semplificazioni in x sono di natura diversa p A non è una variabile di stato indipendente, poiché l equazione del moto del punto materiale A di massa nulla lega p A ad altre due variabili di stato K K 0 = β( p p) Kp p = p p = x x A A A β A 2 β 1 (in analogia col caso delle reti elettriche degeneri) p non compare nelle equazioni di stato o di uscita, per cui la rappresentazione minima in variabili di stato non ne richiede la presenza (diverso sarebbe stato ad esempio il caso in cui y (t ) = p (t )... ) 39

40 Modellistica dei sistemi dinamici meccanici

41 Corpo puntiforme in rotazione Corpo puntiforme in rotazione di inerzia J θ, ω T 2 J () t T () t T () t J θ = 1 2 ω La II legge di Newton dà l equazione del moto: 2 d () t J θ θ () t = J 2 = T () t = i T () t dt i in cui T i (t ) sono le coppie esterne agenti sul corpo: Positive se concordi con il sistema di riferimento Negative altrimenti Unità di misura: [T ]=Nm,[θ ]=rad,[j ] =kgm 2 T 1 41

42 Molla ideale Molla ideale di coefficiente di elasticità torsionale K T T θ + La coppia elastica della molla è data da: T () t = K θ+ () t θ () t K ω è proporzionale alla rotazione relativa delle due estremità della molla (θ +,θ sono le posizioni angolari delle due estremità rispetto alla posizione di riposo) Unità di misura: [T ]=Nm,[θ ]=rad,[k ]=Nm/rad θ T T 42

43 Smorzatore ideale di smorzamento β T ω + T β ω Smorzatore ideale La coppia di attrito dovuta allo smorzatore vale: T () t = β ω+ () t ω () t = β θ+ () t θ () t è proporzionale alla velocità angolare relativa dei due elementi che compongono lo smorzatore Unità di misura:[t ]=Nm,[ θ ]=rad/s,[β]=nms/rad T T 43

44 Modellistica dei sistemi dinamici meccanici

45 Equazioni del moto per sistemi in rotazione Si introducono sistemi di riferimento (e quindi versi di rotazione) concordi fra loro per indicare le posizioni angolari di ogni corpo in rotazione Per ogni corpo J i (o punto materiale in rotazione con J i = 0), con posizione angolare θ i e velocità angolare ω = θ, vale la seconda legge di Newton nella forma: i i J est l i int () t T () t θ = T () t i i k k l il est T k Le coppie esterne tengono conto dell azione del mondo esterno sull elemento J i e compaiono con Segno positivo se concordi con i sistemi di riferimento Segno negativo altrimenti 45

46 Equazioni del moto per sistemi in rotazione Si introducono sistemi di riferimento (e quindi versi di rotazione) concordi fra loro per indicare le posizioni angolari di ogni corpo in rotazione Per ogni corpo J i (o punto materiale in rotazione con J i = 0), con posizione angolare θ i e velocità angolare ω = θ, vale la seconda legge di Newton nella forma: i i J est l i int () t T () t θ = T () t i i k k l il int T il Le coppie interne tengono conto dell interazione tra l elemento J i considerato e gli altri corpi J l tramite: int T () t = K θ ( t) θ ( t) Molle ideali K il Smorzatori ideali β il il int T () t = β θ ( ) θ ( ) il il [ ] i [ t t ] l il i l 46

47 Interpretazione delle equazioni del moto Nell equazione del moto dell elemento J i J () t T () t T () t est l i int θ = i i k k l il est T k Le coppie esterne trasmettono direttamente il moto a J i ne incrementano o riducono la coppia d inerzia, a seconda del loro senso di rotazione int Le coppie interne T il trasmettono invece il moto agli altri corpi J l tramite molle o smorzatori riducono la coppia d'inerzia di J i 47

48 Modellistica dei sistemi dinamici meccanici

49 Rappresentazione in variabili di stato (1/2) Si scrivono le equazioni del moto per ogni corpo in rotazione di inerzia J i (eventualmente nulla), con posizione angolare θ i e velocità angolare ω = θ i i Si introducono due variabili di stato per ogni elemento J i in rotazione, scegliendo in particolare La posizione angolare θ i La velocità angolare θi Tale scelta permette di trasformare ogni equazione del moto (equazione differenziale del II ordine) in una coppia di equazioni differenziali del I ordine Si associa una variabile di ingresso a ogni coppia esterna applicata al sistema meccanico in rotazione 49

50 Rappresentazione in variabili di stato (2/2) Si ricavano le equazioni di stato del tipo dx () t i x () t = = f t, x(), t u() t i dt ( ) a partire dalle precedenti equazioni del moto, esprimendo x i soltanto in funzione di variabili di stato e di ingresso, se necessario esplicitando il legame di derivazione temporale fra variabili di stato Si ricavano le equazioni di uscita del tipo esprimendo ogni variabile di interesse y k soltanto in funzione di variabili di stato e di ingresso i ( ) y () t = g t, x (), t u () t k k 50

51 Modellistica dei sistemi dinamici meccanici

52 Esempio #1 di rappresentazione (1/9) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente sistema meccanico in rotazione, in cui le variabili di interesse sono θ 2 e ω = θ T m β 1 β T r J1 J 2 θ K 12 1 Equazioni del moto: 1) J θ = T β1( θ1 0) + K12( θ1 θ2) + β12( θ1 2) 1 1 m θ 2) J θ = T K ( θ2 θ1) + β12( θ2 θ1) r θ 2 52

53 Esempio #1 di rappresentazione (2/9) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente sistema meccanico in rotazione, in cui le variabili di interesse sono θ 2 e ω = θ T m β 1 β T r θ 1 Variabili di stato: xt () θ () t 1 θ () t 2 = = θ () t J1 K 12 x () t 1 3 θ () t 2 x () t 4 1 x () t 2 x () t J 2 θ 2 53

54 Esempio #1 di rappresentazione (3/9) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente sistema meccanico in rotazione, in cui le variabili di interesse sono θ 2 e ω = θ T m β 1 β T r J1 θ K 12 1 Variabili di ingresso: T m() t u1 () t ut () = = Tr () t u2 () t J 2 θ 2 54

55 Esempio #1 di rappresentazione (4/9) Equazioni del moto: 1) J θ = T β 1 1 1( θ1 0) + K12( θ1 θ2) + β12( θ1 2) m θ 2) J θ = T K ( θ2 θ1) + β12( θ2 θ1) r Variabili di stato e di ingresso: θ () t 1 x () t 1 θ () t x () t 2 2 T m() t u1() t xt () =, ut () θ () t = x () t = = 1 3 Tr () t u2 () t θ () t 2 x () t 4 Equazioni di stato: x = dθ dt = θ = x = f ( t x u) x = dθ dt = θ ,, ( ) = x = f t, x, u

56 Esempio #1 di rappresentazione (5/9) Equazioni del moto: 1) J θ = T β 1 1 1( θ1 0) + K12( θ1 θ2) + β12( θ1 2) m θ 2) J θ = T K ( θ2 θ1) + β12( θ2 θ1) r Variabili di stato e di ingresso: θ () t 1 x () t 1 θ () t x () t 2 2 T m() t u1() t xt () =, ut () θ () t = x () t = = 1 3 Tr () t u2 () t θ () t 2 x () t 4 Equazioni di stato: x = d θ dt = θ = T J βθ + K ( θ θ ) + β ( θ θ ) J = m K K β + β β u = x + x x + x + = f t xu J J J J J (,, ) 56

57 Esempio #1 di rappresentazione (6/9) Equazioni del moto: 1) J θ = T β 1 1 1( θ1 0) + K12( θ1 θ2) + β12( θ1 2) m θ 2) J θ = T K ( θ2 θ1) + β12( θ2 θ1) r Variabili di stato e di ingresso: θ () t 1 x () t 1 θ () t x () t 2 2 T m() t u1() t xt () =, ut () θ () t = x () t = = 1 3 Tr () t u2 () t θ () t 2 x () t 4 Equazioni di stato: x = d θ dt = θ = T J K ( θ θ) + β ( θ θ) J = r K K β β u = x x + x x = f t x u J J J J J (,, ) 57

58 Esempio #1 di rappresentazione (7/9) Equazioni del moto: 1) J θ = T β 1 1 1( θ1 0) + K12( θ1 θ2) + β12( θ1 2) m θ 2) J θ = T K ( θ2 θ1) + β12( θ2 θ1) r Variabili di stato e di ingresso: θ () t 1 x () t 1 θ () t x () t 2 2 T m() t u1() t xt () =, ut () θ () t = x () t = = 1 3 Tr () t u2 () t θ () t 2 x () t 4 Equazioni di uscita: y y = θ = x = g ( t, x, u) 2 1 = θ = x = g ( t x u) ,, yt () = y () t 1 y () t 2 58

59 Esempio #1 di rappresentazione (8/9) Equaz. di stato: x = x 1 3 x = x 2 4 K K x = 3 J x + 1 J x 2 J x + 3 J x + 4 J u K K β + β β x = 4 J x 1 J x + 2 J x 3 J x 4 J u Equaz. di uscita: y = x 1 2 y = x 2 4 Se J 1,J 2,K 12,β 1 e β 12 sono costanti, il sistema è LTI ha come rappresentazione in variabili di stato ( xt) = Axt () + But () y () t = C x() t + Du() t β β

60 Esempio #1 di rappresentazione (9/9) Se J 1,J 2,K 12,β 1 e β 12 sono costanti, il sistema è LTI ha come rappresentazione in variabili di stato ( xt) = Axt () + But () y () t = C x() t + Du() t K12 K12 β1 + β12 β12 A =, B = 1 0, J1 J1 J1 J1 J1 K12 K12 β12 β J2 J2 J2 J 2 J C =, D =

61 Esempio #2 di rappresentazione (1/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente pendolo inverso di lunghezza l e massa M, in cui le variabili di interesse sono θ e ω= θ M F o (t ) θ g F v (t ) l β K Ipotesi: l asta è rigida e di massa trascurabile il pendolo ha momento d inerzia pari a quello di una massa puntiforme M su un orbita circolare di raggio l 2 J = Ml 61

62 Esempio #2 di rappresentazione (2/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente pendolo inverso di lunghezza l e massa M, in cui le variabili di interesse sono θ e ω= θ M F o (t ) F o (t ) θ θ T = l F g F v (t ) F o o l l TF = lfo π o β K Equazione del moto: J θ = T F + = o = lfo cos θ + = lf cos θ o sin( /2 θ) 62

63 Esempio #2 di rappresentazione (3/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente pendolo inverso di lunghezza l e massa M, in cui le variabili di interesse sono θ e ω= θ M F o (t ) θ θ F v (t ) T = l F g F v (t ) F v v l l TF = lfv sin( π θ) v β K Equazione del moto: J θ = T + T + = F o = lf cosθ + lf sinθ + o F v v = lf sinθ v 63

64 Esempio #2 di rappresentazione (4/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente pendolo inverso di lunghezza l e massa M, in cui le variabili di interesse sono θ e ω= θ M F o (t ) θ θ Mg TMg = l Mg g F v (t ) β Equazione del moto: J θ = T F + T F + T Mg = o v = lf cosθ + lf sinθ + lmg sinθ o l K v l T Mg = lmgsin( π θ) = lmgsinθ 64

65 Esempio #2 di rappresentazione (5/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente pendolo inverso di lunghezza l e massa M, in cui le variabili di interesse sono θ e ω= θ M F o (t ) θ g F v (t ) l β K Equazione del moto: J θ = T F + T F + T Mg K( θ 0) + β( θ 0) = o v = lf cosθ + lf sinθ + lmgsinθ Kθ βθ o v 65

66 Esempio #2 di rappresentazione (6/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente pendolo inverso di lunghezza l e massa M, in cui le variabili di interesse sono θ e ω= θ M F o (t ) θ g F v (t ) l β K Variabili di stato: xt () θ () t x () t 1 = θ() t = x () t 2 66

67 Esempio #2 di rappresentazione (7/10) Ricavare la rappresentazione in variabili di stato del seguente pendolo inverso di lunghezza l e massa M, in cui le variabili di interesse sono θ e ω= θ M F o (t ) θ g F v (t ) l β K Variabili di ingresso: F () t u () t ut () = = o 1 F v () t u () t 2 67

68 Esempio #2 di rappresentazione (8/10) Equazione del moto: J θ= lfocosθ + lfvsin θ + lmg sin θ Kθ βθ, J = Ml Variabili di stato e di ingresso: θ () t x () t () 1 Fo () t u t 1 xt () = =, ut () = = θ () t x () t F () () 2 v t u t 2 Equazioni di stato: x = dθ dt = θ = x = f (, t x, u) x = d θ dt = θ = 1 [ lf cosθ + lf sinθ + lmg sinθ K θ βθ ] 2 = 2 o v Ml 1 cos 1 g u x u sin x sin x K β = + + x x = f ( t, x, u) Ml Ml l Ml Ml 68 2

69 Esempio #2 di rappresentazione (9/10) Equazione del moto: J θ= lfocosθ + lfvsin θ + lmg sin θ Kθ βθ, J = Ml Variabili di stato e di ingresso: θ () t x () t () 1 Fo () t u t 1 xt () = =, ut () = = θ () t x () t F () () 2 v t u t 2 Equazioni di uscita: 2 y1 y 2 = θ = x = g 1 1( t, x, u) = θ = x = g ( t, x, u) 2 2 yt () = y () t 1 y () t 2 69

70 Esempio #2 di rappresentazione (10/10) Equaz. di stato: x = x 1 2 cos sin g β x = + + sinx Equaz. di uscita: y = x 1 1 y = x 2 2 Il sistema è non lineare, a causa dei vari termini trigonometrici e dei prodotti incrociati stati-ingressi Il sistema è inoltre dinamico, a tempo continuo, a dimensione finita (n =2), MIMO (p =q =2), proprio, stazionario se M, l, K, β e g sono costanti u x u x Kx x Ml Ml l Ml Ml La forza peso Mg è esterna al sistema ma costante non compare nel vettore di ingresso u 70

Introduzione e modellistica dei sistemi

Introduzione e modellistica dei sistemi Introduzione e modellistica dei sistemi Modellistica dei sistemi dinamici termici Elementi fondamentali Scrittura delle equazioni dinamiche Rappresentazione in variabili di stato Esempio di rappresentazione

Dettagli

01AYS - FONDAMENTI DI AUTOMATICA. Modellistica e rappresentazione in variabili di stato di sistemi dinamici

01AYS - FONDAMENTI DI AUTOMATICA. Modellistica e rappresentazione in variabili di stato di sistemi dinamici 01AYS - FONDAMENTI DI AUTOMATICA Modellistica e rappresentazione in variabili di stato di sistemi dinamici proff. Marina Indri e Michele Taragna Dip. di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Anno

Dettagli

Introduzione e modellistica dei sistemi

Introduzione e modellistica dei sistemi Introduzione e modellistica dei sistemi Modellistica dei sistemi dinamici elettrici Elementi fondamentali Rappresentazione in variabili di stato Esempi di rappresentazione in variabili di stato Modellistica

Dettagli

Fondamenti di Automatica. Unità 3 Equilibrio e stabilità di sistemi dinamici

Fondamenti di Automatica. Unità 3 Equilibrio e stabilità di sistemi dinamici Fondamenti di Automatica Unità 3 Equilibrio e stabilità di sistemi dinamici Equilibrio e stabilità di sistemi dinamici Equilibrio di sistemi dinamici Linearizzazione di sistemi dinamici Stabilità interna

Dettagli

Meccanica Applicata alle Macchine

Meccanica Applicata alle Macchine Meccanica Applicata alle Macchine 06-11-013 TEMA A 1. Un cilindro ed una sfera omogenei di uguale massa m ed uguale raggio r sono collegati tra loro da un telaio di massa trascurabile mediante coppie rotoidali

Dettagli

Applicazioni delle leggi della meccanica: moto armnico

Applicazioni delle leggi della meccanica: moto armnico Applicazioni delle leggi della meccanica: moto armnico Discutiamo le caratteristiche del moto armonico utilizzando l esempio di una molla di costante k e massa trascurabile a cui è fissato un oggetto di

Dettagli

Oscillazioni. Si produce un oscillazione quando un sistema viene perturbato rispetto a una posizione di equilibrio stabile

Oscillazioni. Si produce un oscillazione quando un sistema viene perturbato rispetto a una posizione di equilibrio stabile Oscillazioni Si produce un oscillazione quando un sistema viene perturbato rispetto a una posizione di equilibrio stabile Caratteristica più evidente del moto oscillatorio è di essere un moto periodico,

Dettagli

OSCILLATORE ARMONICO SEMPLICE

OSCILLATORE ARMONICO SEMPLICE OSCILLATORE ARMONICO SEMPLICE Un oscillatore è costituito da una particella che si muove periodicamente attorno ad una posizione di equilibrio. Compiono moti oscillatori: il pendolo, un peso attaccato

Dettagli

Esercitazione 2. Soluzione

Esercitazione 2. Soluzione Esercitazione 2 Esercizio 1 - Resistenza dell aria Un blocchetto di massa m = 0.01 Kg (10 grammi) viene appoggiato delicatamente con velocità iniziale zero su un piano inclinato rispetto all orizziontale

Dettagli

Traslazioni. Debora Botturi ALTAIR. Debora Botturi. Laboratorio di Sistemi e Segnali

Traslazioni. Debora Botturi ALTAIR.  Debora Botturi. Laboratorio di Sistemi e Segnali Traslazioni ALTAIR http://metropolis.sci.univr.it Argomenti Velocitá ed accelerazione di una massa che trasla Esempio: massa che trasla con condizioni iniziali date Argomenti Argomenti Velocitá ed accelerazione

Dettagli

Elementi di Modellistica

Elementi di Modellistica Elementi di Modellistica Obiettivo: Sviluppare un modello matematico di un sistema fisico per il progetto di controllori. Un modello fisico per il controllo deve essere: descrittivo: in grado di catturare

Dettagli

Esercitazione 2. Soluzione

Esercitazione 2. Soluzione Esercitazione 2 Esercizio 1 - Resistenza dell aria Un blocchetto di massa m = 0.01 Kg (10 grammi) viene appoggiato delicatamente con velocità iniziale zero su un piano inclinato rispetto all orizziontale

Dettagli

Capitolo 12. Moto oscillatorio

Capitolo 12. Moto oscillatorio Moto oscillatorio INTRODUZIONE Quando la forza che agisce su un corpo è proporzionale al suo spostamento dalla posizione di equilibrio ne risulta un particolare tipo di moto. Se la forza agisce sempre

Dettagli

VII ESERCITAZIONE - 29 Novembre 2013

VII ESERCITAZIONE - 29 Novembre 2013 VII ESERCITAZIONE - 9 Novembre 013 I. MOMENTO DI INERZIA DEL CONO Calcolare il momento di inerzia di un cono omogeneo massiccio, di altezza H, angolo al vertice α e massa M, rispetto al suo asse di simmetria.

Dettagli

Cognome...Nome...matricola...

Cognome...Nome...matricola... Cognome......Nome......matricola...... Facoltà di Ingegneria. Padova Luglio Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica II a Squadra. II ppello Fisica Problema - Meccanica ( Punti ****) Un asta sottile e omogenea

Dettagli

Grandezze angolari. Lineare Angolare Relazione x θ x = rθ. m I I = mr 2 F N N = rf sin θ 1 2 mv2 1

Grandezze angolari. Lineare Angolare Relazione x θ x = rθ. m I I = mr 2 F N N = rf sin θ 1 2 mv2 1 Grandezze angolari Lineare Angolare Relazione x θ x = rθ v ω v = ωr a α a = αr m I I = mr 2 F N N = rf sin θ 1 2 mv2 1 2 Iω 2 Energia cinetica In forma vettoriale: v = ω r questa collega la velocità angolare

Dettagli

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Allievi meccanici AA prova del Problema N.1. Problema N.2

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Allievi meccanici AA prova del Problema N.1. Problema N.2 MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Allievi meccanici AA.2011-2012 prova del 01-02-2013 Problema N.1 Il sistema meccanico illustrato in figura giace nel piano verticale. L asta AB con baricentro G 2 è incernierata

Dettagli

M? La forza d attrito coinvolta è quella tra i due blocchi occorre quindi visualizzare la reazione normale al piano di contatto Il diagramma delle

M? La forza d attrito coinvolta è quella tra i due blocchi occorre quindi visualizzare la reazione normale al piano di contatto Il diagramma delle 6.25 (6.29 VI ed) vedi dispense cap3-mazzoldi-dinamica-part2 Dueblocchisonocomeinfiguraconm=16kg, M=88kgeconcoeff. d attrito statico tra i due blocchi pari a = 0.38. La superficie su cui poggia M è priva

Dettagli

Traslazioni. Debora Botturi ALTAIR. Debora Botturi. Laboratorio di Sistemi e Segnali

Traslazioni. Debora Botturi ALTAIR.  Debora Botturi. Laboratorio di Sistemi e Segnali Traslazioni ALTAIR http://metropolis.sci.univr.it Argomenti Velocitá ed accelerazione di una massa che trasla Esempio: massa che trasla con condizioni iniziali date Argomenti Argomenti Velocitá ed accelerazione

Dettagli

Modellistica di sistemi elettromeccanici

Modellistica di sistemi elettromeccanici Modellistica di sistemi elettromeccanici Legge di Lorentz: una carica elettrica q che si muove con velocità v(t) relativamente ad un campo magnetico di induzione B(t) è soggetta ad una forza v(t) q α B(t)

Dettagli

Indice 3. Note di utilizzo 9. Ringraziamenti 10. Introduzione 11

Indice 3. Note di utilizzo 9. Ringraziamenti 10. Introduzione 11 Indice Indice 3 Note di utilizzo 9 Ringraziamenti 10 Introduzione 11 Capitolo 1 Grandezze fisiche e schematizzazione dei sistemi materiali 13 1.1 Grandezze fisiche ed operazione di misura 13 1.2 Riferimento

Dettagli

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo Moto armonico semplice Consideriamo il sistema presentato in figura in cui un corpo di massa m si muove lungo l asse delle x sotto l azione della molla ideale di costante elastica k ed in assenza di forze

Dettagli

Unità didattica 3. Terza unità didattica (Fisica) 1. Corso integrato di Matematica e Fisica per il Corso di Farmacia

Unità didattica 3. Terza unità didattica (Fisica) 1. Corso integrato di Matematica e Fisica per il Corso di Farmacia Unità didattica 3 Elasticità dei materiali Deformazione di un solido..2 Legge di Hooke.. 3 Forza elastica.. 4 Deformazione elastica di una molla... 5 Accumulo di energia attraverso la deformazione elastica..6

Dettagli

Meccanica del punto materiale

Meccanica del punto materiale Meccanica del punto materiale Princìpi della dinamica. Forze. Momento angolare. Antonio Pierro @antonio_pierro_ (https://twitter.com/antonio_pierro_) Per consigli, suggerimenti, eventuali errori o altro

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Razionale

Esercitazioni di Meccanica Razionale Esercitazioni di Meccanica Razionale a.a. 2002/2003 Esempi di forze conservative Maria Grazia Naso naso@ing.unibs.it Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Brescia Esercitazioni di Meccanica

Dettagli

La fisica di Feynmann Meccanica

La fisica di Feynmann Meccanica La fisica di Feynmann Meccanica 1.1 CINEMATICA Moto di un punto Posizione r = ( x, y, z ) = x i + y j + z k Velocità v = dr/dt v = vx 2 + vy 2 + vz 2 Accelerazione a = d 2 r/dt 2 Moto rettilineo Spazio

Dettagli

Formulario Meccanica

Formulario Meccanica Formulario Meccanica Cinematica del punto materiale 1 Cinematica del punto: moto nel piano 3 Dinamica del punto: le leggi di Newton 3 Dinamica del punto: Lavoro, energia, momenti 5 Dinamica del punto:

Dettagli

DEDUZIONE DEL TEOREMA DELL'ENERGIA CINETICA DELL EQUAZIONE SIMBOLICA DELLA DINAMICA

DEDUZIONE DEL TEOREMA DELL'ENERGIA CINETICA DELL EQUAZIONE SIMBOLICA DELLA DINAMICA DEDUZIONE DEL TEOREMA DELL'ENERGIA CINETICA DELL EQUAZIONE SIMBOLICA DELLA DINAMICA Sia dato un sistema con vincoli lisci, bilaterali e FISSI. Ricaviamo, dall equazione simbolica della dinamica, il teorema

Dettagli

Esame di Fisica con Laboratorio Corso di Laurea in Scienze dell Architettura Università degli Studi di Udine 29 gennaio 2010 Mario Paolo Giordani

Esame di Fisica con Laboratorio Corso di Laurea in Scienze dell Architettura Università degli Studi di Udine 29 gennaio 2010 Mario Paolo Giordani Esame di Fisica con Laboratorio Corso di Laurea in Scienze dell Architettura Università degli Studi di Udine 29 gennaio 2010 Mario Paolo Giordani Soluzioni Teoria Enunciare sinteticamente chiarendo il

Dettagli

Formulazione dell equazione del moto. Prof. Adolfo Santini - Dinamica delle Strutture 1

Formulazione dell equazione del moto. Prof. Adolfo Santini - Dinamica delle Strutture 1 Formulazione dell equazione del moto Prof. Adolfo Santini - Dinamica delle Strutture 1 Sistema a un grado di libertà In alcuni sistemi strutturali la massa, lo smorzamento e la rigidezza sono concentrati

Dettagli

Fisica Generale I (primo modulo) A.A , 9 febbraio 2009

Fisica Generale I (primo modulo) A.A , 9 febbraio 2009 Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 2008-09, 9 febbraio 2009 Esercizio 1. Due corpi di massa M 1 = 10kg e M 2 = 5Kg sono collegati da un filo ideale passante per due carrucole prive di massa, come in

Dettagli

DINAMICA E STATICA RELATIVA

DINAMICA E STATICA RELATIVA DINAMICA E STATICA RELATIVA Equazioni di Lagrange in forma non conservativa La trattazione della dinamica fin qui svolta è valida per un osservatore inerziale. Consideriamo, ora un osservatore non inerziale.

Dettagli

Esercizi. Diagrammi delle forze (di corpo singolo) per sistemi in equilibrio

Esercizi. Diagrammi delle forze (di corpo singolo) per sistemi in equilibrio Esercizi Diagrammi delle forze (di corpo singolo) per sistemi in equilibrio Per ciascun esercizio disegnare su ciascun corpo del sistema il diagramma delle forze, individuando e nominando ciascuna forza.

Dettagli

Esercizi. Diagrammi delle forze (di corpo singolo) per sistemi in equilibrio

Esercizi. Diagrammi delle forze (di corpo singolo) per sistemi in equilibrio Esercizi Diagrammi delle forze (di corpo singolo) per sistemi in equilibrio Per ciascun esercizio disegnare su ciascun corpo del sistema il diagramma delle forze, individuando e nominando ciascuna forza.

Dettagli

Esercizio 1 Meccanica del Punto

Esercizio 1 Meccanica del Punto Esercizio 1 Meccanica del Punto Una molla di costante elastica k e lunghezza a riposo L 0 è appesa al soffitto di una stanza di altezza H. All altra estremità della molla è attaccata una pallina di massa

Dettagli

Prova scritta di Meccanica Razionale

Prova scritta di Meccanica Razionale Prova scritta di Meccanica Razionale - 0.07.013 ognome e Nome... N. matricola....d.l.: MLT UTLT IVLT MTLT MELT nno di orso: altro FIL 1 Esercizio 1. Nel riferimento cartesiano ortogonale, si consideri

Dettagli

P = r. o + r. O + ω r (1)

P = r. o + r. O + ω r (1) 1 5.1-MOTI RELATIVI Parte I 5.1-Moti relativi-cap5 1 5.1-Moti relativi Teorema delle velocità relative Riprendiamo l impostazione tracciata nel paragrafo 2.6 (moti relativi 2-D) e consideriamo un sistema

Dettagli

Esercizio 1 L/3. mg CM Mg. La sommatoria delle forze e dei momenti deve essere uguale a 0 M A. ω è il verso di rotazione con cui studio il sistema

Esercizio 1 L/3. mg CM Mg. La sommatoria delle forze e dei momenti deve essere uguale a 0 M A. ω è il verso di rotazione con cui studio il sistema Esercizio 1 Una trave omogenea di lunghezza L e di massa M è appoggiata in posizione orizzontale su due fulcri lisci posti alle sue estremità. Una massa m è appoggiata sulla trave ad una distanza L/3 da

Dettagli

Lezione 8: Sistemi ad un grado di libertà: l oscillatore elementare (8)

Lezione 8: Sistemi ad un grado di libertà: l oscillatore elementare (8) Lezione 8: Sistemi ad un grado di libertà: l oscillatore elementare (8) Federico Cluni 3 marzo 205 Fattore di amplificazione in termini di velocità e accelerazione Nel caso l oscillatore elementare sia

Dettagli

Rotazioni. Debora Botturi ALTAIR. Debora Botturi. Laboratorio di Sistemi e Segnali

Rotazioni. Debora Botturi ALTAIR.  Debora Botturi. Laboratorio di Sistemi e Segnali Rotazioni ALTAIR http://metropolis.sci.univr.it Argomenti Propietá di base della rotazione Argomenti Argomenti Propietá di base della rotazione Leggi base del moto Inerzia, molle, smorzatori, leve ed ingranaggi

Dettagli

Risoluzione problema 1

Risoluzione problema 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PDOV FCOLTÀ DI INGEGNERI Ing. MeccanicaMat. Pari. 015/016 1 prile 016 Una massa m 1 =.5 kg si muove nel tratto liscio di un piano orizzontale con velocita v 0 = 4m/s. Essa urta

Dettagli

Errata Corrige. Quesiti di Fisica Generale

Errata Corrige. Quesiti di Fisica Generale 1 Errata Corrige a cura di Giovanni Romanelli Quesiti di Fisica Generale per i C.d.S. delle Facoltà di Scienze di Prof. Carla Andreani Dr. Giulia Festa Dr. Andrea Lapi Dr. Roberto Senesi 2 Copyright@2010

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Introduzione e modellistica dei sistemi Introduzione allo studio dei sistemi Modellistica dei sistemi dinamici elettrici Modellistica dei sistemi dinamici meccanici Modellistica

Dettagli

Dinamica del punto materiale

Dinamica del punto materiale Dinamica del punto materiale Formule fondamentali L. P. 5 Aprile 2010 N.B.: Le relazioni riportate sono valide in un sistema di riferimento inerziale. Princìpi della dinamica Secondo principio della dinamica

Dettagli

Modellistica dei Sistemi Meccanici

Modellistica dei Sistemi Meccanici 1 Prof. Carlo Cosentino Fondamenti di Automatica, A.A. 016/17 Corso di Fondamenti di Automatica A.A. 016/17 odellistica dei Sistemi eccanici Prof. Carlo Cosentino Dipartimento di edicina Sperimentale e

Dettagli

Esempi di modelli fisici

Esempi di modelli fisici 0.0..2 Esempi di modelli fisici ) Dinamica del rotore di un motore elettrico. Si consideri un elemento meccanico con inerzia J, coefficiente di attrito lineare che ruota alla velocità angolare ω al quale

Dettagli

Prova scritta del corso di Fisica e Fisica 1 con soluzioni

Prova scritta del corso di Fisica e Fisica 1 con soluzioni Prova scritta del corso di Fisica e Fisica 1 con soluzioni Prof. F. Ricci-Tersenghi 17/02/2014 Quesiti 1. Un frutto si stacca da un albero e cade dentro una piscina. Sapendo che il ramo da cui si è staccato

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO Scuola di Ingegneria Industriale Fondamenti di Fisica Sperimentale, a.a I Appello, 10 luglio 2013

POLITECNICO DI MILANO Scuola di Ingegneria Industriale Fondamenti di Fisica Sperimentale, a.a I Appello, 10 luglio 2013 POLITECNICO DI MILNO Scuola di Ingegneria Industriale Fondamenti di Fisica Sperimentale, a.a. 0-3 I ppello, 0 luglio 03 Giustificare le risposte e scrivere in modo chiaro e leggibile. Sostituire i valori

Dettagli

IV ESERCITAZIONE. Esercizio 1. Soluzione

IV ESERCITAZIONE. Esercizio 1. Soluzione Esercizio 1 IV ESERCITAZIONE Un blocco di massa m = 2 kg è posto su un piano orizzontale scabro. Una forza avente direzione orizzontale e modulo costante F = 20 N agisce sul blocco, inizialmente fermo,

Dettagli

Appunti sul moto circolare uniforme e sul moto armonico- Fabbri Mariagrazia

Appunti sul moto circolare uniforme e sul moto armonico- Fabbri Mariagrazia Moto circolare uniforme Il moto circolare uniforme è il moto di un corpo che si muove con velocità di modulo costante lungo una traiettoria circolare di raggio R. Il tempo impiegato dal corpo per compiere

Dettagli

GRANDEZZA FISICA. EQUAZIONI DIMENSIONALI controllo omogeneità relazioni COSTANTI FONDAMENTALI

GRANDEZZA FISICA. EQUAZIONI DIMENSIONALI controllo omogeneità relazioni COSTANTI FONDAMENTALI MECCANICA parte I a - GRANDEZZE FISICHE E DIMENSIONI - SISTEMI DI UNITA DI MISURA - SCALARI E VETTORI - SPOSTAMENTO, VELOCITA, ACCELERAZIONE - PRINCIPI DELLA DINAMICA - FORZA GRAVITAZIONALE - MASSA, PESO,

Dettagli

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE L

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE L Università degli Studi di Bologna II Facoltà di Ingegneria con sede a Cesena MECCANICA ALICATA ALLE MACCHINE L Corso di Laurea in INGEGNEIA MECCANICA Corso di Laurea in INGEGNEIA AEOSAZIALE Anno Accademico

Dettagli

Unità didattica 2. Seconda unità didattica (Fisica) 1. Corso integrato di Matematica e Fisica per il Corso di Farmacia

Unità didattica 2. Seconda unità didattica (Fisica) 1. Corso integrato di Matematica e Fisica per il Corso di Farmacia Unità didattica 2 Dinamica Leggi di Newton.. 2 Le forze 3 Composizione delle forze 4 Esempio di forza applicata...5 Esempio: il piano inclinato.. 6 Il moto del pendolo.. 7 La forza gravitazionale 9 Lavoro

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Razionale

Esercitazioni di Meccanica Razionale Esercitazioni di Meccanica Razionale a.a. 2002/2003 Meccanica analitica II parte Maria Grazia Naso naso@ing.unibs.it Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Brescia Esercitazioni di Meccanica

Dettagli

Lezione 8 Dinamica del corpo rigido

Lezione 8 Dinamica del corpo rigido Lezione 8 Dinamica del corpo rigido Argomenti della lezione:! Corpo rigido! Centro di massa del corpo rigido! Punto di applicazione della forza peso! Punto di applicazione della forza peso! Momento della

Dettagli

CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccatronica MODELLI DI SISTEMI

CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccatronica MODELLI DI SISTEMI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccatronica MODELLI DI SISTEMI Prof. Cesare Fantuzzi Ing. Cristian Secchi e-mail: cesare.fantuzzi@unimore.it, cristian.secchi@unimore.it http://www.automazione.ingre.unimore.it

Dettagli

FISICA. Lezione n. 5 (2 ore) Gianluca Colò Dipartimento di Fisica sede Via Celoria 16, Milano

FISICA. Lezione n. 5 (2 ore) Gianluca Colò Dipartimento di Fisica sede Via Celoria 16, Milano Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corsi di Laurea in: Inormatica ed Inormatica per le Telecomunicazioni Anno accademico 00/, Laurea Triennale, Edizione

Dettagli

Lezione 4. Meccanica del punto materiale Dinamica

Lezione 4. Meccanica del punto materiale Dinamica Lezione 4 Meccanica del punto materiale Dinamica Forze di attrito Se si misura sperimentalmente la legge del moto di un corpo che cade liberamente nell atmosfera si verifica il moto che non e esattamente

Dettagli

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 13/01/2014

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 13/01/2014 Compito di Fisica Generale (Meccanica) 13/01/2014 1) Un punto materiale inizialmente in moto rettilineo uniforme è soggetto alla sola forza di Coriolis. Supponendo che il punto si trovi inizialmente nella

Dettagli

OSCILLAZIONI SMORZATE E FORZATE

OSCILLAZIONI SMORZATE E FORZATE OSCILLAZIONI SMORZATE E FORZATE Questo esperimento permette di studiare le oscillazioni armoniche di un pendolo e le oscillazioni smorzate e smorzate-forzate. Studiando il variare dell ampiezza dell oscillazione

Dettagli

A: L = 2.5 m; M = 0.1 kg; v 0 = 15 m/s; n = 2 B: L = 2 m; M = 0.5 kg; v 0 = 9 m/s ; n = 1

A: L = 2.5 m; M = 0.1 kg; v 0 = 15 m/s; n = 2 B: L = 2 m; M = 0.5 kg; v 0 = 9 m/s ; n = 1 Esercizio 1 Un asta di lunghezza L e massa trascurabile, ai cui estremi sono fissati due corpi uguali di massa M (si veda la figura) giace ferma su un piano orizzontale privo di attrito. Un corpo di dimensioni

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 23/06/2014

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 23/06/2014 FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 23/06/2014 ESERCIZI E1. Un corpo puntiforme di massa m = 2 Kg si muove su un percorso che ha la forma di un quarto di circonferenza di raggio R = 50 cm ed è disposta su

Dettagli

1) Per quale valore minimo della velocità angolare iniziale il cilindro riesce a compiere un giro completo.

1) Per quale valore minimo della velocità angolare iniziale il cilindro riesce a compiere un giro completo. Esame di Fisica per Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni (Parte I): 04-02-2016 Problema 1. Un punto materiale si muove nel piano su una guida descritta dall equazione y = sin kx [ = 12m, k

Dettagli

Risposta temporale: esempi

Risposta temporale: esempi ...4 Risposta temporale: esempi Esempio. Calcolare la risposta al gradino unitario del seguente sistema: x(t) = u(t) s + 5 (s + )(s + ) y(t) Il calcolo della trasformata del segnale di uscita è immediato:

Dettagli

approfondimento Lavoro ed energia

approfondimento Lavoro ed energia approfondimento Lavoro ed energia Lavoro compiuto da una forza costante W = F. d = F d cosθ dimensioni [W] = [ML T - ] Unità di misura del lavoro N m (Joule) in MKS dine cm (erg) in cgs N.B. Quando la

Dettagli

Grandezze cinematiche relative nel sistema L: r 12, v 12 a 12 e nel sistema del centro dimassa (C): r 12 ', v 12 ', e a 12 '

Grandezze cinematiche relative nel sistema L: r 12, v 12 a 12 e nel sistema del centro dimassa (C): r 12 ', v 12 ', e a 12 ' Sistemi di due particelle Problema dei due corpi: studio del moto relativo di due corpi supposti puntiformi sotto l azione della forza di interazione mutua. Esempio: moto (relativo) di due corpi celesti

Dettagli

Fondamenti di Meccanica Esame del

Fondamenti di Meccanica Esame del Politecnico di Milano Fondamenti di Meccanica Esame del 0.02.2009. In un piano verticale un asta omogenea AB, di lunghezza l e massa m, ha l estremo A vincolato a scorrere senza attrito su una guida verticale.

Dettagli

MODELLI DEI SISTEMI FISICI ELEMENTARI

MODELLI DEI SISTEMI FISICI ELEMENTARI MODELLI DEI SISTEMI FISICI ELEMETARI La modellistica è la disciplina che si occupa della costruzione dei modelli matematici dei sistemi el seguito introduciamo dei cenni di modellistica sulla base delle

Dettagli

Lez. 9 Moto armonico

Lez. 9 Moto armonico Lez. 9 Moto armonico Prof. 1 Dott., PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it +39-081-676137 2 1 Un

Dettagli

) 2 + β 2. Il primo membro si semplifica tenendo conto che

) 2 + β 2. Il primo membro si semplifica tenendo conto che Calcolo vettoriale 1) Sono dati due vettori uguali in modulo a e b e formanti un certo angolo θ ab. Calcolare m = a = b sapendo che il modulo della loro somma vale 8 e che il modulo del loro prodotto vettoriale

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Razionale

Esercitazioni di Meccanica Razionale Esercitazioni di Meccanica Razionale a.a. 2002/2003 Dinamica dei sistemi materiali Maria Grazia Naso naso@ing.unibs.it Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Brescia Esercitazioni di Meccanica

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale

Problemi di dinamica del punto materiale Problemi di dinamica del punto materiale 1. Un corpo di massa M = 200 kg viene lanciato con velocità v 0 = 36 km/ora su un piano inclinato di un angolo θ = 30 o rispetto all orizzontale. Nel salire, il

Dettagli

Energia e Lavoro. Energia, Energia potenziale, Energia cine2ca Definizione di lavoro

Energia e Lavoro. Energia, Energia potenziale, Energia cine2ca Definizione di lavoro Energia e Lavoro Energia, Energia potenziale, Energia cineca Definizione di lavoro Conce7o di Energia Nella meccanica classica l energia è definita come quella grandezza fisica che può venire "consumata"

Dettagli

Dinamica Rotazionale

Dinamica Rotazionale Dinamica Rotazionale Richiamo: cinematica rotazionale, velocità e accelerazione angolare Energia cinetica rotazionale: momento d inerzia Equazione del moto rotatorio: momento delle forze Leggi di conservazione

Dettagli

DINAMICA DI SISTEMI AEROSPAZIALI

DINAMICA DI SISTEMI AEROSPAZIALI DINAMICA DI SISTEMI AEROSPAZIALI Esercizio 1. Un corsoio di massa m scorre su un piano orizzontale con attrito radente di coefficiente f d. Al corsoio, in C, è collegata la biella B C, di lunghezza b e

Dettagli

Prova Scritta di di Meccanica Analitica. 12 Gennaio 2017

Prova Scritta di di Meccanica Analitica. 12 Gennaio 2017 Prova Scritta di di Meccanica Analitica 1 Gennaio 017 Problema 1 Si studi il sistema meccanico costituito da un punto materiale di massa unitaria soggetto al potenziale V x) = a lnx) x > 0 x a) Scrivere

Dettagli

approfondimento Cinematica ed energia di rotazione equilibrio statico di un corpo esteso conservazione del momento angolare

approfondimento Cinematica ed energia di rotazione equilibrio statico di un corpo esteso conservazione del momento angolare approfondimento Cinematica ed energia di rotazione equilibrio statico di un corpo esteso conservazione del momento angolare Moto di rotazione Rotazione dei corpi rigidi ϑ(t) ω z R asse di rotazione v m

Dettagli

M p. θ max. P v P. Esercizi di Meccanica (M6) Consegna: giovedì 3 giugno.

M p. θ max. P v P. Esercizi di Meccanica (M6) Consegna: giovedì 3 giugno. Esercizi di Meccanica (M6) Consegna: giovedì 3 giugno. Problema 1: Si consideri un corpo rigido formato da una sfera omogenea di raggio R e massa M 1 e da una sbarretta omogenea di lunghezza L, massa M

Dettagli

Dottorato in Fisica XIV ciclo n.s. 21 gennaio 2013 Prova scritta n.1

Dottorato in Fisica XIV ciclo n.s. 21 gennaio 2013 Prova scritta n.1 Dottorato in Fisica XIV ciclo n.s. 1 gennaio 013 Prova scritta n.1 Compito 1. I processi oscillatori in fisica. Conseguenze della corrente di spostamento nelle equazioni di Maxwell. Un cilindro di raggio

Dettagli

Esame di Meccanica Razionale (Dinamica) Allievi Ing. Edile II Anno Prova intermedia del 23 novembre 2012 durata della prova: 2h

Esame di Meccanica Razionale (Dinamica) Allievi Ing. Edile II Anno Prova intermedia del 23 novembre 2012 durata della prova: 2h Prova intermedia del 23 novembre 2012 durata della prova: 2h CINEMTIC E CLCL DI QUNTITÀ MECCNICHE Nelsistemadifiguraildiscodicentro ruoy ta intorno al suo centro; il secondo disco rotola senza strisciare

Dettagli

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 21/02/2014

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 21/02/2014 ESERCIZI FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 21/02/2014 E1. Due corpi di massa m 1 = 1000 Kg e m 2 = 1200 Kg collidono proveniendo da direzioni perpendicolari. L urto è perfettamente anelastico e i due corpi

Dettagli

Le lettere x, y, z rappresentano i segnali nei vari rami.

Le lettere x, y, z rappresentano i segnali nei vari rami. Regole per l elaborazione di schemi a blocchi Oltre alle tre fondamentali precedenti regole (cascata, parallelo, retroazione), ne esiste una serie ulteriore che consente di semplificare i sistemi complessi,

Dettagli

02. Modelli Matematici: Derivazione

02. Modelli Matematici: Derivazione Controlli Automatici 02. Modelli Matematici: Derivazione Prof. Cesare Fantuzzi Ing. Cristian Secchi Ing. Federica Ferraguti ARSControl - DISMI - Università di Modena e Reggio Emilia E-mail: {nome.cognome}@unimore.it

Dettagli

R R condizione di rotolamento. per puro rotolamento

R R condizione di rotolamento. per puro rotolamento Condizione di puro rotolamento (corpi a sezione circolare): Moto di roto-traslazione in cui il punto di contatto ha velocita (istantanea) nulla Condizione che esclude la possibilita di strisciamento v

Dettagli

Fisica Generale I (primo e secondo modulo) A.A , 15 luglio 2009

Fisica Generale I (primo e secondo modulo) A.A , 15 luglio 2009 Fisica Generale I (primo e secondo modulo) A.A. 2008-09, 15 luglio 2009 Esercizi di meccanica relativi al primo modulo del corso di Fisica Generale I, anche equivalente ai corsi di Fisica Generale 1 e

Dettagli

Meccanica quantistica (5)

Meccanica quantistica (5) Meccanica quantistica (5) 0/7/14 1-MQ-5.doc 0 Oscillatore armonico Se una massa è sottoposta ad una forza di richiamo proporzionale allo spostamento da un posizione di equilibrio F = kx il potenziale (

Dettagli

CORSO DI COMPLEMENTI DI MECCANICA. Prof. Vincenzo Niola

CORSO DI COMPLEMENTI DI MECCANICA. Prof. Vincenzo Niola CORSO DI COMPLEMENTI DI MECCANICA Prof. Vincenzo Niola SISTEMI A DUE GRADI DI LIBERTÀ Lo studio dei sistemi a più gradi di libertà verrà affrontato facendo riferimento, per semplicità, solo a sistemi conservativi,

Dettagli

I PROVA INTERCORSO FISICA INGEGNERIA MECCANICA (N-Z)

I PROVA INTERCORSO FISICA INGEGNERIA MECCANICA (N-Z) I PROVA INTERCORSO FISICA INGEGNERIA MECCANICA (N-Z) 05-11-2015 Una pallina da tennis viene lanciata con velocità V0 = 40 m/s ed angolo rispetto all orizzontale = /3. Il campo da tennis è lungo 30 m e

Dettagli

FORMULARIO DI FISICA 3 MOTO OSCILLATORIO

FORMULARIO DI FISICA 3 MOTO OSCILLATORIO FORMULARIO DI FISICA 3 MOTO OSCILLATORIO Corpo attaccato ad una molla che compie delle oscillazioni Calcolare la costante elastica della molla 2 2 1 2 2 ω: frequenza angolare (Pulsazione) ; T: Periodo

Dettagli

F (t)dt = I. Urti tra corpi estesi. Statica

F (t)dt = I. Urti tra corpi estesi. Statica Analogamente a quanto visto nel caso di urto tra corpi puntiformi la dinamica degli urti tra può essere studiata attraverso i principi di conservazione. Distinguiamo tra situazione iniziale, prima dell

Dettagli

Lezione VI Cinematica e dinamica del manovellismo. Cinematica e dinamica di un manovellismo ordinario centrato

Lezione VI Cinematica e dinamica del manovellismo. Cinematica e dinamica di un manovellismo ordinario centrato Cinematica e dinamica di un manovellismo ordinario centrato C x β l α r Definizioni lunghezza della biella raggio di manovella corsa dello stantuffo r posizione dello stantuffo rispetto al PMS α spostamento

Dettagli

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 17/01/2013

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 17/01/2013 Compito di Fisica Generale (Meccanica) 17/01/2013 1) Un proiettile massa m è connesso ad una molla di costante elastica k e di lunghezza a riposo nulla. Supponendo che il proiettile venga lanciato a t=0

Dettagli

Problemi di Fisica per l ammissione alla Scuola Galileana Problema 1

Problemi di Fisica per l ammissione alla Scuola Galileana Problema 1 Problemi di Fisica per l ammissione alla Scuola Galileana 014-015 Problema 1 Nella regione di spazio interna alla sfera S 1, centrata in O 1 e di raggio R 1, è presente una densità di carica di volume

Dettagli

MODELLI DEI SISTEMI FISICI ELEMENTARI

MODELLI DEI SISTEMI FISICI ELEMENTARI MODELLI DEI SISTEMI FISICI ELEMETARI La modellistica è la disciplina che si occupa della costruzione dei modelli matematici dei sistemi el seguito introduciamo dei cenni di modellistica sulla base delle

Dettagli

Principio di inerzia

Principio di inerzia Dinamica abbiamo visto come si descrive il moto dei corpi (cinematica) ma oltre a capire come si muovono i corpi è anche necessario capire perchè essi si muovono Partiamo da una domanda fondamentale: qual

Dettagli

Le leggi della meccanica

Le leggi della meccanica Le leggi della meccanica ed il punto materiale Flavio DINAMICA DEL CORPO RIGIDO 1 Il I principio Il moto naturale di un punto materiale è rettilineo e uniforme quindi non circolare (le sfere celesti di

Dettagli

SISTEMI LINEARI A COEFFICIENTE COSTANTE

SISTEMI LINEARI A COEFFICIENTE COSTANTE SISTEMI LINEARI A COEFFICIENTE COSTANTE Per studiare la velocità, la precisione e la stabilità di un sistema bisogna individuare il modello matematico del sistema Abbiamo visto che un sistema di controllo

Dettagli

Università del Sannio

Università del Sannio Università del Sannio Corso di Fisica 1 Lezione 6 Dinamica del punto materiale II Prof.ssa Stefania Petracca 1 Lavoro, energia cinetica, energie potenziali Le equazioni della dinamica permettono di determinare

Dettagli

Tutorato di Fisica 1 - AA 2014/15

Tutorato di Fisica 1 - AA 2014/15 Tutorato di Fisica - AA 04/5 Emanuele Fabbiani 8 febbraio 05 Quantità di moto e urti. Esercizio Un carrello di massa M = 0 kg è fermo sulle rotaie. Un uomo di massa m = 60 kg corre alla velocità v i =

Dettagli