corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it"

Transcript

1 corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI CARICO prof. ing. Umberto Crisalli

2 INTRODUZIONE Definizioni (1/2) (UC) numero di articoli (o materiale sciolto) disposti o contenuti in modo da poter essere prelevati o spostati come un solo oggetto che sia in grado, al momento dello scarico, di mantenere la disposizione iniziale per un successivo spostamento. Per dfiii definizione, anche i che singoli oggetti possono essere considerati come carichi unitari. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 2

3 INTRODUZIONE Definizioni (2/2) Il concetto di UC si esplica nella seguente logica: eseguire un numero minimo di carichi ed eliminare il trasporto manuale, se possibile; riunire i materiali in un carico unitario per economie di trasporto e magazzinaggio; gg provvedere a che il carico unitario sia il più grande possibile tenendo conto delle limitazioni del fabbricato, dell attrezzatura di trasporto, delle zone di produzione, del volume del materiale richiesto, etc. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 3

4 INTRODUZIONE Classificazione delle UC Le UC comunemente impegnate nell industria e nel commercio si possono dividere id in tre livelli lli in funzione: della dimensione dei mezzi di movimentazione UC per trasporti interni UC per trasporti esterni Movimentazione meccanizzata Movimentazione manuale Unità di traffico Pllt Pallet Scatola Intermodali (UTI) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 4

5 INTRODUZIONE Unità di Traffico Intermodale (UTI) Le UC utilizzate per il Trasporto Intermodale prendono il nome di Unità per il Trasporto Intermodale (UTI). Esse sono caratterizzate da una elevata trasferibilità, che è l elemento essenziale della intermodalità. Gli elementi principali di definizione delle UTI sono: container (contenitore) è utilizzato principalmente per trasporti con componente principale dello spostamento effettuata via mare; cassa mobile è utilizzata per trasporti la cui componente principale p di distanza è coperta tramite ferrovia; semirimorchio U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 5

6 INTRODUZIONE Sagoma limite delle UTI (1/3) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 6

7 INTRODUZIONE Sagoma limite delle UTI (2/3) Il profilo entro cui deve essere contenuta la sezione trasversale di dei veicoli ferroviari i (materialei l rotabile) ) viene chiamata sagoma limite. In relazione alla sagoma limite ammessa, le linee ferroviarie vengono distinte in classi funzionali: in Italia, per le UTI larghe fino a 2,5 m, le classi adottate sono 8, tutte distinte dal prefisso P/C. Il numero del profilo P/C corrisponde all altezza della sagoma misurata a partire da un piano di riferimento, a sua volta posto ad un altezza dal piano del ferro variabile a seconda della tipologia di UTI. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 7

8 INTRODUZIONE Sagoma limite delle UTI (3/3) profilo della sagoma limite libera da ostacoli P/C 80 (4.100 mm) P/C 60 (3.890 mm) P/C 50 (3.790 mm) P/C 45 (3.750 mm) P/C 32 (3.610 mm) P/C 30 (3.590 mm) P/C 25 (3.540 mm) P/C 22 (3.520 mm) a altezza standard (3.300 mm) carro poche: 330 mm piano di riferimento a casse mobili e container: piano del ferro mm U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 8

9 Container (Contenitore) Cassa speciale per il trasporto merce, rinforzata, sovrapponibile i echepuò essere trasbordata orizzontalmente o verticalmente. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 9

10 CONTAINER Container U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 10

11 CONTAINER Classificazione In base a questa definizione vengono identificati, secondo le norme ISO, i seguenti tipi i di contenitore: contenitori piccoli (capacitàda1a3m 3 ) con dispositivi di rotolamento (ruote) e di immobilizzazione; i contenitori medi (capacità > 3 m 3 elunghezza 6m) che possono essere dotati di dispositivi di rotolamento amovibili o rientranti; alcuni sono equipaggiati con ruote fisse per le manovre; contenitori grandi (capacità > 3 m 3 e lunghezza 6 m) senza dispositivi di rotolamento. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 11

12 CONTAINER Vantaggi e svantaggi I suoi vantaggi maggiori sono: facilità di gestione dei movimenti di merce; economicità. Gli aspetti negativi (svantaggi): difficoltà di stivaggio e scarico (a causa della presenza di una sola porta); elevata dipendenza della temperatura interna da quelle che sono le condizioni atmosferiche esterne. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 12

13 CONTAINER Classificazione (1/6) L ISO ha suddiviso i i contenitori i circolanti in 7 gruppi in relazione alle funzioni in: generici termici cisterna (tank) per rinfuse solide (bulk) a piattaforma senza tetto per trasporti aerei. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 13

14 CONTAINER Classificazione (2/6) Le classi individuate si riferiscono a dettagliate prescrizioni riguardanti: dimensioni; caratteristiche strutturali; resistenza statica e dinamica; blocchi di aggancio (i (cioè dispositiviiti i che ne consentano la traslazione); dati di targa. La classe dei grandi contenitori è sicuramente la più rilevante. Quest ultimi sono, infatti, ampiamente utilizzati nel trasporto marittimo e terrestre. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 14

15 CONTAINER Classificazione (3/6) I grandi contenitori (e alcuni contenitori medi) sono muniti di: 4 pezzi d angolo di dimensioni unificate nella loro parte inferiore, per il fissaggio sui carri portacontenitori e sui veicoli stradali; 4 pezzi d angolo di dimensioni unificate e/o di prese nella loro parte superiore, per la movimentazione verticale e per l'aggancio con i sistemi di attacco dei terminali. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 15

16 CONTAINER Classificazione (4/6) Blocco d angolo U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 16

17 CONTAINER Classificazione (5/6) I più diffusi sono quelli appartenenti al primo gruppo, essi comprendono unità dei seguenti tipi: chiusi i con porta ad una estremità; a tetto aperto; con fianchi aperti; con tetto e fianchi aperti; con tetto, fianchi ed estremità aperti; ventilati. Il container ti chiuso è provvisto it di porte sututta ttt la larghezza ad una delle estremità e viene definito anche come generico. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 17

18 CONTAINER Classificazione (6/6) Un container può essere, infine, classificato in relazione alla normativa tecnica che rispetta: containeri ISO, impiegatoi prevalentemente per il traffico marittimo, segue gli standard internazionali ISO; container UIC, utilizzato per il traffico combinato strada- rotaia, possiede ingombri a norma del Codice della Strada e dei regolamenti tecnici delle Reti ferroviarie aderenti all Unione Ferroviaria Internazionale (UIC). U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 18

19 CONTAINER Caratteristiche standard U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 19

20 CONTAINER Il container ISO Il più diffuso tra i contenitori è il container ISO (acronimo di It Internationalti lorganization for Standardization); di ti ) si trattatt di un parallelepipedo in metallo le cui misure sono state stabilite in sede internazionale nel A fronte di una larghezza comune solitamente di 8 piedi (cm 244) e una altezza comune di 8 piedi e 6 pollici (cm. 259), sono diffusi in due lunghezze standard di 20 edi40 piedi (cm 610 e cm 1220). Ogni container è anche regolarmente numerato e registrato nella forma 4 lettere (delle quali le prime 3 corrispondono alla sigla della compagnia proprietaria) - 7 numeri - 1 numero. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 20

21 CONTAINER TEU: Twenty feet Equivalent Unit Dalla standardizzazione delle misure ISO è nata anche l abitudine di riportare la capacità di traffico di una nave portacontainer o di un impianto intermodale alla misura standard di 20, che prende il nome di TEU (acronimo di Twenty feet Equivalent Unit). U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 21

22 CONTAINER Caratteristiche tecniche (1/2) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 22

23 CONTAINER Caratteristiche tecniche (2/2) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 23

24 CONTAINER Contenitori speciali Esistono poi contenitori per usi speciali ideati per trasportare tipi specifici di merce. Vi appartengono tre tipi di contenitori: isotermici e frigoriferi; per le rinfuse liquide; per le rinfuse solide: per il trasporto aereo. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 24

25 CONTAINER Contenitori speciali (frigo) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 25

26 CONTAINER Contenitori speciali (rinfuse liquide) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 26

27 CONTAINER Contenitori speciali (aerei 1/3) Le UC per il traffico aeronautico (pallet e container) hanno dimensioni standard definite dalla IATA e valide a livello internazionale. I container hanno uno o due spigoli laterali smussati per consentire una migliore occupazione della fusoliera, sia negli aerei all cargo che in quelli combi, cioè adibiti al trasporto misto di passeggeri e merci. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 27

28 CONTAINER Contenitori speciali (aerei 2/3) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 28

29 CONTAINER Contenitori speciali (aerei 3/3) codice IATA ponte di carico (deck) aeromobili abilitati dimensioni max di carico (cm) volume interno (m³) massa max trasportabile (kg) DLF/DQF inferiore B767 pax 140x233x152 7, AVC/AVD/AVK inferiore B / MD x233x162 4, AVE/AKE inferiore B (tutti)/a x147x152 4, AA2/AAP inferiore B (tutti)/a x302x152 10, AAF inferiore B747 (tutti)/a x302x U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 29

30 La cassa mobile La cassa mobile (swap body) viene definita come: Unità concepita per il trasporto t di merce, utilizzata t soltanto t nel trasporto strada-ferrovia e generalmente non sovrapponibile a pieno carico in quanto a struttura non rinforzata. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 30

31 CASSA MOBILE Descrizione (1/3) La cassa mobile quindi, rispetto ai contenitori e a parità di dimensioni esterne, di volume e di peso lordo complessivo, ha una maggiore facilità di carico e scarico essendo il carico facilmente accessibile da tutti i lati. Ciò viene ottenuto t a scapito dell impilabilità, il caratteristica ti necessaria nel trasporto via mare, ma non necessaria nel trasporto via terra a causa delle sagome limiti presenti nelle differenti modalità terrestri. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 31

32 CASSA MOBILE Descrizione (2/3) Tali unità di carico rappresentano l equivalente della carrozzeria dell autocarro e/o del rimorchio, in modo da renderla indipendente dalla struttura del telaio del veicolo. Le casse mobili sono unificate secondo norme UIC e CEN nella loro dimensione e per alcuni dispositivi di aggancio. La movimentazione di queste unità di carico viene effettuata con la tecnica del carico verticale, tramite i pezzi d angolo di cui le stesse sono dotate nella parte inferiore, oppure tramite prese a pinza. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 32

33 CASSA MOBILE Descrizione (3/3) U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 33

34 CASSA MOBILE Misure standard d cassa mobile UIC U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 34

35 CASSA MOBILE Classificazione (1/4) Le casse mobili sono suddivise, secondo le loro dimensioni, in 6 gruppi. Una criterio di differenziazione è dato dall altezza altezza misurata dal pianale di carico in quanto: ciascuna rete ferroviaria nazionale stabilisce l altezza ammissibile delle casse mobili in relazione al profilo limite dll delle proprie linee ferroviarie; i l uso di carri ferroviari con differente altezza del piano di carico consentono altezze differenti delle casse. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 35

36 CASSA MOBILE Classificazione (4/4) L altezza centrale massima della cassa per le linee italiane è di cm 260 che, per le altezze dei telai di alcuni semirimorchi correntemente prodotti, è ridotta a cm 239. Si noti inoltre che i carichi riportati, per i gruppi 1, 2 e 3, si riferiscono al caso in cui una sola cassa mobile venga caricata su un carro ferroviario di tipo Poche; qualora vengano caricate due casse il loro carico unitario deve essere quasi dimezzato. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 36

37 CASSA MOBILE Vantaggi e svantaggi (1/2) L utilizzo delle casse mobili nel trasporto ferro-gomma presenta i seguenti vantaggi: volume di carico più grande rispetto ad un container da 20 ; le stampelle di stazionamento (presenti su quasi tutti i modelli) permettono di effettuare operazioni di carico/scarico a livello della ribalta (v. figura); immobilizzazione limitata alla sola cassa (e non a tutto il veicolo stradale, che continua ad essere operativo) durante la percorrenza ferroviaria. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 37

38 CASSA MOBILE Vantaggi e svantaggi (2/2) Lo svantaggio principale è costituito da un aggravio di massa complessiva per l automezzo stradale. A parità di portata e di tipologia di veicolo pesante, la massa in ordine di marcia risulta più elevata di un automezzo merci tradizionale. Negli ultimi anni, comunque, sono comparsi sul mercato modelli di casse in materiale leggero, assieme ad altre tipologie i innovative per trasporti speciali. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 38

39 CASSA MOBILE Cassa mobile con telone scorrevole Idonea per il trasporto di beni commerciali. Per esempio: bevande, merce a collettame, materiale rotabile, carichi ingombranti. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 39

40 CASSA MOBILE Cassa mobile frigorifero Idonea per il trasporto di merci a temperatura controllata da +/- 0 a12 Celsius. Per esempio: carne/salumi, latticini, frutta/verdura, prodotti farmaceutici. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 40

41 CASSA MOBILE Cassa mobile a refrigerazione passiva Idonea per il trasporto di merce deperibile a temperatura costante senza gruppi motori ifi frigoriferiif iannessi. Per esempio: bevande di ogni tipo, Food/NonFood, Near-Food, prodotti agrari, prodotti farmaceutici U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 41

42 CASSA MOBILE Cassa mobile ACTS (Cassa scarrabile) Idonea per il trasporto di rifiuti solidi (organici e inorganici). Per esempio: rifiuti solidi urbani, carta da riciclo, scarti di lavorazione. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 42

43 Semirimorchio Un semirimorchio viene definito come: veicolo costruito in modo tale che una parte di essi possa essere accoppiata all unità motrice e quindi una parte notevole della sua massa o del suo carico sia sopportata dalla motrice stessa U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 43

44 SEMIRIMORCHIO Descrizione (1/3) I semirimorchi destinati a essere caricati, completi di ogni parte, su un carro ferroviario devono possedere caratteristiche dimensionali e strutturali adatte al particolare carro ferroviario da utilizzare. Il carro ferroviario utilizzato per il trasporto dei semirimorchi completi è del tipo Poche Fixe ( tasca fissa ), un rotabile opportunamente sagomato per consentire il caricamento del semirimorchio dall alto. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 44

45 SEMIRIMORCHIO Descrizione (2/3) Le norme prevedono per tutti i semirimorchi destinati al trasporto combinato strada-rotaia ti il requisito iit dll della sollevabilità con pinze unificate e un adeguato grado di resistenza e sicurezza delle strutture portanti. La posizione di carico dei semirimorchi sui carri ferroviari, può variare in funzione delle dimensioni dei rimorchi stessi. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 45

46 SEMIRIMORCHIO Descrizione (3/3) Dimensioni caratteristiche dei semirimorchi carri non più in esercizio U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 46

47 SEMIRIMORCHIO Trasporto merci fresche U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 47

48 SEMIRIMORCHIO Trasporto merci refrigerate U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 48

49 SEMIRIMORCHIO Semirimorchi centinati standard ribassato maxi volume U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 49

50 SEMIRIMORCHIO Semirimorchi ribaltabili per materiale sfuso con cassa in alluminio con cassa in acciaio U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 50

51 SEMIRIMORCHIO Semirimorchi portacontainer pianalatii l i scheletrati U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 51

52 SEMIRIMORCHIO Semirimorchi con piano mobile U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 52

53 SEMIRIMORCHIO Con sponde a doghe - copertura con telo U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 53

54 Veicoli stradali completi come UC (Autostrada viaggiante) Trasporto di veicoli stradali completi mediante speciali carri ferroviari. Il sistema di trasporto stradale, che presenta una preminenza di autotreni e autoarticolati, ha originato un tipo di servizio di trasporto combinato strada-rotaia chiamato autostrada viaggiante. L autostrada viaggiante può essere ampiamente utilizzata laddove le condizioniioni del traffico e del percorso stradale (limitazioni al transito, plano-altimetria, intemperie ecc.) ne rendano giustificabile l esercizio. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 54

55 STRADA VIAGGIANTE Caratteristiche La strada viaggiante consente il trasporto del veicolo stradale completo e dll dell autista nella carrozza cuccette presenti in composizione al treno. U. Crisalli - Terminali per i Trasporti e la Logistica 55

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

Struttura del trasporto merci

Struttura del trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Struttura del trasporto merci Struttura del trasporto merci Il trasporto delle merci e la logistica MERCI

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica VEICOLI PER IL TRASPORTO INTERMODALE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Unità di Trasporto Stradale Unità di Trasporto Ferroviario

Dettagli

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1 Pre Mitel Metodi di programmazione logistica Giulio Gencarelli 01/12/2010 1 Programmazione Definizione delle azioni da realizzare sulla base delle risorse effettivamente disponibili; Quadro di sviluppo

Dettagli

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Le (UM) che garantiscono lo spostamento delle Unità di Carico

Dettagli

Intermodalità e Interporti.

Intermodalità e Interporti. Intermodalità e Interporti. INTERMODALITA - TERMINOLOGIA Innanzitutto, occorre fare chiarezza su quella che è la terminologia di riferimento. La conferenza dei ministri dei trasporti dei paesi europei

Dettagli

Catalogo Ufficiale Prodotti Phoenix International srl. Vendita Noleggio Container e Moduli Abitativi

Catalogo Ufficiale Prodotti Phoenix International srl. Vendita Noleggio Container e Moduli Abitativi Catalogo Ufficiale Prodotti Phoenix International srl Vendita Noleggio Container e Moduli Abitativi Container Marittimi ISO Container marittimo ISO utilizzato in particolar modo ad uso spedizione o magazzino

Dettagli

TRASPORTO INTERMODALE MERCI

TRASPORTO INTERMODALE MERCI TRASPORTO INTERMODALE MERCI Cos èl intermodalità È un SERVIZIO reso attraverso l integrazione fra diverse modalità che induce a considerare il trasporto medesimo non più come somma di attività distinte

Dettagli

I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE

I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE APPUNTI A CURA DEL PROF.VENERUSO ENRICO I mezzi per il trasporto stradale delle unità di carico intermodali si dividono in : Autocarro lunghezza massima di 12,0 metri

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Ing. Pier Francesco Orrù Definizione Con il termine trasporti interni

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

Direttiva sul trasporto di merci pericolose

Direttiva sul trasporto di merci pericolose Direttiva sul trasporto di merci pericolose Merci pericolose a destinazione con la massima sicurezza. Valida dal 1 /05/2015 Indice 1. Premessa 2. Campo di applicazione della direttiva e condizioni 3. Merci

Dettagli

ContainersDNV Progettati per la sicurezza dell utente, disegnati e costruiti per la soddisfazione dell utente

ContainersDNV Progettati per la sicurezza dell utente, disegnati e costruiti per la soddisfazione dell utente Standard, speciali e refrigerati ContainersDNV Progettati per la sicurezza dell utente, disegnati e costruiti per la soddisfazione dell utente Per qualsiasi dettaglio sui nostri magazzini di nuova generazione

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI CONTAINER E PREFABBRICATI

CATALOGO PRODOTTI CONTAINER E PREFABBRICATI CATALOGO PRODOTTI CONTAINER E PREFABBRICATI CONTAINER MARITTIMI ISO Il container marittimo ISO, è il più robusto tra i container, usato sia come container deposito/magazzino per garantire sicurezza e spazio,

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C M.Lupi "Sistemi di Movimentazione e Stoccaggio"- A.A. 2011/12 - Università di Pisa - Polo

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE DICAM Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali. TESI DI LAUREA PIANIFICAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile

UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile Guida alla esercitazione del corso di TERMINALI PER I TRASPORTI E LA LOGISTICA DOCENTE prof. ing. UMBERTO CRISALLI BOZZA

Dettagli

Circolare N.155 del 22 novembre 2011. Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni

Circolare N.155 del 22 novembre 2011. Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni Circolare N.155 del 22 novembre 2011 Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni Trasporti eccezionali su gomma: semplificazione della procedura di

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO SHELTER SISTEMA DI ALLESTIMENTO REMOVIBILE PER VEICOLI LEGGERI

PRESENTAZIONE PROGETTO SHELTER SISTEMA DI ALLESTIMENTO REMOVIBILE PER VEICOLI LEGGERI AZ H MA D AM MVB V ncontro 06 febbraio 2014 rogetto helter artners Abruzzo: UVAQ Altre regioni: esponsabile di progetto rogetto helter rincipali obiettivi di progetto standardizzare i moduli per forma

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

Movimentazione Air Containers

Movimentazione Air Containers Movimentazione Air Containers Sistemi per la movimentazione dei cargo Air Containers FBA srl Pagina 1 Via dell industria, 10 27020 Torre D Isola Pavia (Italy) Tel. +39.0382.930299 / +39.0382.1855312 -

Dettagli

Sistemi per la movimentazione dei cargo

Sistemi per la movimentazione dei cargo Movimentazione Sistemi per la movimentazione dei cargo Air Containers Air Containers FBA srl Pagina 1 Via dell industria, 10 27020 Torre D Isola Pavia (Italy) Tel. +39.0382.930299 / +39.0382.1855312 -

Dettagli

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO:

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO: Oggetto: LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. PRODOTTO DA IMBALLARE: BOX DOCCIA. DIMENSIONI PRODOTTO: LUNGHEZZA (X) MIN. 800 MM MAX. 2200 MM LARGHEZZA (Y) MIN. 240

Dettagli

ALUMINIUM LOADING SYSTEMS

ALUMINIUM LOADING SYSTEMS ALUMINIUM LOADING SYSTEMS Logistica - IT PEDANE FISSATE ALLA BANCHINA: Tale gamma di pedane permette le regolari e classiche operazioni di carico e scarico su banchine con possibilità di fissaggio mediante

Dettagli

Divisione Cargo LISTINO. Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1

Divisione Cargo LISTINO. Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1 Divisione Cargo LISTINO Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1 INDICE SEZIONE I CAMPO DI APPLICAZIONE E NORME D IMPIEGO Paragrafo 1 - Campo di applicazione Paragrafo 2 - Calcolo del corrispettivo Paragrafo

Dettagli

Manuale dell insegnante : La messa in sicurezza del carico nel trasporto aereo

Manuale dell insegnante : La messa in sicurezza del carico nel trasporto aereo Slide Air 1] [Slide Air 2 & 3] Introduzione Il sistema dei trasporti ha bisogno dei servizi del trasporto aereo quando la merce deve essere trasportata per lunghe distanze e velocemente. La merce è di

Dettagli

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA 40 ANNI SUL MERCATO! RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA LOCOTRATTORI STRADA-ROTAIA ZEPHIR, MODERNI ED EFFICIENTI PER OPERARE NEI PIAZZALI DI MOVIMENTAZIONE FERROVIARIA TECNOLOGIA

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Logistica esterna - intermodalità PREMESSA SISTEMA DEI TRASPORTI Costituisce un organizzazione tecnico

Dettagli

Normativa: Legge 298/74 art. 45

Normativa: Legge 298/74 art. 45 asasas Dispositivi obbligatori per veicoli commerciali. Contrassegno identificativo tipologia trasporto Conto Proprio. Normativa: Legge 298/74 art. 45 La mancanza del contrassegno è sanzionata dall art.

Dettagli

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci.

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci. Direttiva per la sicurezza del delle merci. La vostra sicurezza è il nostro obiettivo. Note preliminari. 2 Prima di effettuare il delle merci è necessario leggere e applicare la presente direttiva contenente

Dettagli

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132 pag. 1/28 SOMMARIO Carro tipo 130 / 132 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI... 2 1.1 - Descrizione del prodotto... 2 1.2 - Caratteristiche tecniche del prodotto... 4 1.2.1 - Dimensioni... 4 1.2.2 - Carichi...

Dettagli

SISTEMI E TECNOLOGIE INTEGRATE

SISTEMI E TECNOLOGIE INTEGRATE SISTEMI E TECNOLOGIE INTEGRATE CARATTERISTICHE DI BASE L Armeria shelterizzata SMAET-463 è stata progettata e realizzata al fine di consentire lo stoccaggio ed il trasporto di armi e materiali di armamento

Dettagli

Il carico delle bombole: i casi aziendali

Il carico delle bombole: i casi aziendali Il carico delle bombole: i casi aziendali Davide Italia, Responsabile Sicurezza Trasporti e DGSA Settore bombole e liquidi - Air Liquide Italia S.p.A. Il trasporto di merci pericolose in Air Liquide Air

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo 10. Schede veicoli Masse complessive a pieno carico veicoli muniti di pneumatici, con carico unitario medio trasmesso all'area di impronta sulla strada non superiore a 8

Dettagli

Trasporto ferroviario merci. Documento tecnico

Trasporto ferroviario merci. Documento tecnico INDUSTRIA DI MARCA DISTRIBUZIONE MODERNA Trasporto ferroviario merci Documento tecnico Giugno 2014 2 Indice ECR Italia... 4 Introduzione... 5 RETI FERROVIARIE... 6 Elettrificazione... 6 Gabarit (profilo

Dettagli

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI NORME GENERALI L imballaggio deve essere sufficientemente ROBUSTO. Il materiale utilizzato per l imballaggio deve essere scelto in base al tipo di merce che deve

Dettagli

OFFICINA MOBILE CAMPALE IN CONTAINER ISO 1C P/N: 5387.AE.99.0063

OFFICINA MOBILE CAMPALE IN CONTAINER ISO 1C P/N: 5387.AE.99.0063 SISTEMI E TECNOLOGIE INTEGRATE OFFICINA MOBILE CAMPALE IN CONTAINER ISO 1C P/N: 5387.AE.99.0063 CARATTERISTICHE DI BASE L Officina Mobile in container è stata progettata e realizzata al fine di soddisfare

Dettagli

Elementi in vetro verticali Griesser. w17c Parete scorrevole di vetro

Elementi in vetro verticali Griesser. w17c Parete scorrevole di vetro Elementi in vetro verticali Griesser. w17c Parete scorrevole di vetro Larghezza max. 6600 mm, impianto singolo max. 10 000 mm, impianto contrapposto Altezza max. 2600 mm Facile apertura Assoluta trasparenza

Dettagli

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de Il carrello saliscale per i professionisti C I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente www.aat-online.de Il superamento delle scale è cosa difficile e faticosa quando si tratta di movimentare

Dettagli

SISTEMA DEI TRASPORTI

SISTEMA DEI TRASPORTI SISTEMA DEI TRASPORTI SISTEMA DEI TRASPORTI INSIEME DELLE MODALITA CON CUI SI REALIZZA IL TRASFERIMENTO DELLE PERSONE E DELLE COSE DA UN LUOGO AD UN ALTRO 1 IL TRASPORTO Lo svolgimento di qualsiasi attività

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli

Indice Manuale per la Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico,

Indice Manuale per la Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico, Indice Manuale per la Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali. Manuale sulla sicurezza destinato agli addetti al carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali

Dettagli

Commissione economica per l'europa. Eurostat. FIT (Forum Internazionale dei Trasporti) Glossario delle statistiche dei trasporti.

Commissione economica per l'europa. Eurostat. FIT (Forum Internazionale dei Trasporti) Glossario delle statistiche dei trasporti. Commissione economica per l'europa Eurostat FIT (Forum Internazionale dei Trasporti) Glossario delle statistiche dei trasporti Quarta edizione - 1 - RINGRAZIAMENTI La presente edizione è stata elaborata

Dettagli

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse LE RETI ANTICADUTA DALLE NORME UNI EN 1263-1 1 e 2 ALLE NUOVE LINEE GUIDA AIPAA VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Carlo Calisse INTRODUZIONE ALLE NORME UNI EN 1263-1:

Dettagli

Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO. E. Principe

Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO. E. Principe Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO Veicolo ferroviario Principali requisiti per la progettazione dei veicoli ferroviari Scartamento delle sale 1435 mm

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI TERMINAL CONTAINER A VOLTRI Il terminal Voltri Terminal Europa di Genova-Voltri, entrato recentemente nel pieno della sua operatività, rappresenta il classico esempio di terminale marittimo creato ex novo,

Dettagli

CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE

CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE I veicoli allestiti con carrozzerie di tipo ribaltabile sono costituiti essenzialmente da un controtelaio permanentemente ancorat o all'autotelaio sul quale è appoggiato

Dettagli

Parte V NORME PER IL TRASPORTO DI VEICOLI STRADALI A SEGUITO DEL VIAGGIATORE

Parte V NORME PER IL TRASPORTO DI VEICOLI STRADALI A SEGUITO DEL VIAGGIATORE Parte V NORME PER IL TRASPORTO DI VEICOLI STRADALI INDICE Parte V NORME PER IL TRASPORTO DI VEICOLI STRADALI..5 1 GENERALITÀ... 5 2 ROTABILI E VEICOLI STRADALI... 7 2.1 Rotabili... 7 2.2 Veicoli stradali...

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC

SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC Pagina 1 di 5 SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC Pagina 2 di 5 1) DESCRIZIONE GENERALE L attrezzatura è costituita di massima dalle seguenti parti: a) Cassone a vasca dal volume minimo di

Dettagli

ALLEGATO TECNICO A1 al Capitolato Speciale d Appalto Prescrizioni tecniche

ALLEGATO TECNICO A1 al Capitolato Speciale d Appalto Prescrizioni tecniche Procedura aperta per la fornitura di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti, con capacità pari a 120, 240, 1100 litri. ALLEGATO TECNICO A1 al Capitolato Speciale d Appalto Prescrizioni tecniche

Dettagli

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.)

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.) NOZIONE DI VEICOLO E CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI IN GENERALE ART. 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 55, 56, 57, 58 e 59 del Codice della Strada NOZIONE DI VEICOLO (ART. 46 C.d.S.) 1. Ai fini delle norme

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica INFRASTRUTTURE PER IL TRASPORTO INTERMODALE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Aree attrezzate per consentire la movimentazione,

Dettagli

Traffici portuali ed aeroportuali

Traffici portuali ed aeroportuali TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 29 luglio 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 Traffici portuali ed aeroportuali

Dettagli

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta per la fornitura di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti. ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto CONTENITORE 360 LITRI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI

Dettagli

I TRASPORTI ECCEZIONALI SU STRADA

I TRASPORTI ECCEZIONALI SU STRADA WHAT IS BREWING IN THE WORLD OF TRANSPORT? (Trasporti: cosa bolle in pentola?) I TRASPORTI ECCEZIONALI SU STRADA Sala convegni ENI, Palazzo 5, San Donato Milanese 26 Novembre 2009 PREMESSA COSA E UN TRASPORTO

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

Trasportatore con cinghia dentata mk

Trasportatore con cinghia dentata mk Trasportatore con cinghia dentata mk Tecnologia del trasportatore mk 150 Indice Trasportatore con cinghia dentata mk ZRF-P 2010 152 ZRF-P 2040.02 164 ZRF-P Proprietà delle cinghie dentate 171 Esempi di

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 481 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore CASTELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 1996 Norme a favore

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG68U ATTIVITÀ 49.42.00 TRASPORTO MERCI SU STRADA SERVIZI DI TRASLOCO

STUDIO DI SETTORE UG68U ATTIVITÀ 49.42.00 TRASPORTO MERCI SU STRADA SERVIZI DI TRASLOCO STUDIO DI SETTORE UG68U ATTIVITÀ 49.41.00 TRASPORTO MERCI SU STRADA ATTIVITÀ 49.42.00 SERVIZI DI TRASLOCO Marzo 2008 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TG68U trasporto merci su strada - è stata

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2011

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2011 Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2011 a regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione Direzione centrale finanze, patrimonio

Dettagli

Trasportatori a nastro

Trasportatori a nastro Trasportatori a nastro Realizzano un trasporto di tipo continuo, in orizzontale o in pendenza, di materiali alla rinfusa e di carichi concentrati leggeri. incastellatura di sostegno Trasporti interni 1

Dettagli

SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE E PESATURA PER CARGO AEROPORTUALI SIPI

SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE E PESATURA PER CARGO AEROPORTUALI SIPI SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE E PESATURA PER CARGO AEROPORTUALI SIPI Pedana Castor deck: sistema per la completa movimentazione di Air Containers (ULD) durante le operazioni di Inbound e Outbound, formato

Dettagli

ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE

ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE COMUNE DI PADOVA Settore Servizi Istituzionali e Affari Generali PROGETTO DI UN IMPIANTO DI ARMADI COMPATTABILI PER IL NUOVO ARCHIVIO GENERALE - COMPLESSO SARPI ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE IL CAPO SETTORE

Dettagli

PRODUZIONE GRANDE SERIE

PRODUZIONE GRANDE SERIE TAVOLE ELEVATRICI IDRAULICHE SU RUOTE Sollevare, abbassare, trasportare. Sicure e di facile manovrabilità Struttura robusta in profilati acciaio Impugnatura di spinta cromata Sollevamento a pedale con

Dettagli

Il difficile caso degli Octabins

Il difficile caso degli Octabins Il difficile caso degli Octabins Applicazione della norma UNI EN 12195-1 al trasporto stradale secondo ADR Versalis S.p.A Ing. Enzo De Gioia Responsabile Ottimizzazione di Logistica e Gestione Normative

Dettagli

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 1/23 SOMMARIO Carro SITFA tipo 146 Bis PROVVISORIO 03/10/2008 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI...

Dettagli

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere»

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» 1 Settore Ricerca, Certificazione e Verifica «Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» L Aquila 06 Febbraio 2015 Ing. Raffaele Iovene Ing. Roberta Vasile 2 PRINCIPALI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

Dettagli

Scopri il nostro mondo. Rimorchi per trasporti professionali

Scopri il nostro mondo. Rimorchi per trasporti professionali Scopri il nostro mondo Rimorchi per trasporti professionali Luglio 2009 1 CASSONI FISSI SERIE 1000 con ruote esterne al pianale I rimorchi di questa serie sono rimorchi a cassone fisso, con e senza freni,

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder.

Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder. Il nuovo Arocs Loader. Il nuovo Arocs Grounder. Massima forza per massime sollecitazioni: Arocs Loader e Arocs Grounder. Per carichi particolarmente elevati e sollecitazioni estreme. Con Arocs Loader

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello) PERCORSI VERTICALI Scheda: P005 Rev: 06/06/2009 10.48.00 Pagina 1/5 PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit sarà all altezza delle esigenze di mercato? Nel 2008, circa 900.000 spedizioni stradali hanno attraversato le Alpi svizzere

Dettagli

Specifiche tecniche. KeyKeg Slimline 20 e 30 litri. KeyKeg Baseline 20 e 30 litri

Specifiche tecniche. KeyKeg Slimline 20 e 30 litri. KeyKeg Baseline 20 e 30 litri Specifiche tecniche KeyKeg Slimline 20 e 30 litri e KeyKeg Baseline 20 e 30 litri 2 Indice Pagina Specifiche tecniche 3 KeyKeg Slimline e Baseline 3 Consigli per il trasporto e lo stoccaggio di KeyKeg

Dettagli

TRASPORTI ECCEZIONALI: I MEZZI D'OPERA ED IL LORO REGIME DI CIRCOLAZIONE

TRASPORTI ECCEZIONALI: I MEZZI D'OPERA ED IL LORO REGIME DI CIRCOLAZIONE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/06/2008. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

ALCUNI ESEMPI TN 4,5 - TN 6,5 - TN 9 - TN 12 TUNNEL MOBILI

ALCUNI ESEMPI TN 4,5 - TN 6,5 - TN 9 - TN 12 TUNNEL MOBILI I brevetti e le idee originali COPRISCOPRI costituiscono da quarant'anni l'avanguardia nel settore delle coperture FISSE E MOBILI, per l'industria e per lo sport. Le linee architettoniche delle coperture

Dettagli

SCALE A CASTELLO SGABELLO

SCALE A CASTELLO SGABELLO SCALE A CASTELLO SGABELLO Sgabello SG con telaio in acciaio inox e gradini in alluminio antisdrucciolevoli, con 2 ruote posteriori fisse Ø 140 mm. Si sposta facilmente sollevandola anteriormente. Su richiesta

Dettagli

Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote

Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote (in virtù dell art. 9 cpv. 2 e 3 OCCS 1, d intesa con l Ufficio federale

Dettagli

le unità di carico intermodali in Europa

le unità di carico intermodali in Europa ILU-Code identification of Intermodal Loading Units in Europe Nuove marcature per c le unità di carico intermodali in Europa 2 9Z E 1 Trasporto intermodale e standardizzazione L introduzione dei container

Dettagli

La manutenzione e la pulizia delle facciate

La manutenzione e la pulizia delle facciate La manutenzione e la pulizia delle facciate Ing. Thomas Mazzoleni Somain Italia spa Convegno 'Questioni di facciata' klimainfisso Bolzano, 07.03.2013 La manutenzione e la pulizia delle facciate Ambito

Dettagli

Quargo è un veicolo solido, affi dabile, economico e innovativo: la risposta che aspettavi per migliorare la qualità del tuo lavoro.

Quargo è un veicolo solido, affi dabile, economico e innovativo: la risposta che aspettavi per migliorare la qualità del tuo lavoro. Lavora di più, spende di meno. Piaggio opera da più di 50 anni nel mercato dei Veicoli Commerciali e da Trasporto Leggero. Dall esperienza e dalla passione Piaggio nasce Quargo, il nuovo modo di interpretare

Dettagli

Circolare N. 144 del 20 Ottobre 2015

Circolare N. 144 del 20 Ottobre 2015 Circolare N. 144 del 20 Ottobre 2015 In arrivo incentivi per le imprese di autotrasporto che rinnovano il proprio parco veicolare Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, è in corso

Dettagli

www.siam it net info@studio81 adr.it Dr.Stefano Manassero - - - - Formazione Verifica messa - - - - Consulente REACH/CLP Rev.

www.siam it net info@studio81 adr.it Dr.Stefano Manassero - - - - Formazione Verifica messa - - - - Consulente REACH/CLP Rev. NOVITA ADR 013 1 PARTE 1. DISPOSIZIONI GENERALI, DEFINIZIO ONI E FORMAZIONE 1.1. 5 : Quando è richiesta l applicazione di una norma e vi è un qualsiasi tipo di conflitto tra questa norma e le disposizioni

Dettagli

SCALE. Scale professionali. scala semplice in acciaio inox e alluminio con gancio Tipo C1

SCALE. Scale professionali. scala semplice in acciaio inox e alluminio con gancio Tipo C1 scala semplice in acciaio inox e alluminio con gancio Tipo C1 Particolarmente adatta per scaffalature, è realizzata con montante di acciaio inox a doppio tubo e gradini in alluminio. Gradini non saldati

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

Prot. n. 174-MOT2/C Roma, 14 gennaio 2002

Prot. n. 174-MOT2/C Roma, 14 gennaio 2002 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO DEI TRASPORTI TERRESTRI Unità di gestione motorizzazione e sicurezza del trasporto terrestre MOT 2 Prot. n. 174-MOT2/C Roma, 14 gennaio 2002

Dettagli

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto ALLEGATO 1 Modello di domanda da compilare in stampatello, e da recapitare tramite raccomandata A.R., ovvero mediante consegna a mano, entro il 31 gennaio 2014. DOMANDA DI AMMISSIONE AI CONTRIBUTI di cui

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI SU SEV srl

INFORMAZIONI GENERALI SU SEV srl INFORMAZIONI GENERALI SU SEV srl Ragione Sociale Sede Legale Sedi Operative Legale rappresentante RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione) RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la

Dettagli

INDICE. - Obiettivi del corso pag. 3. - Calendario docenti ed argomenti pag. 4. - Sede del corso pag. 6. - Modalità di partecipazione pag.

INDICE. - Obiettivi del corso pag. 3. - Calendario docenti ed argomenti pag. 4. - Sede del corso pag. 6. - Modalità di partecipazione pag. INDICE - Obiettivi del corso pag. 3 - Calendario docenti ed argomenti pag. 4 - Sede del corso pag. 6 - Modalità di partecipazione pag. 7 - Modulo di iscrizione pag. 8 OBIETTIVI DEL CORSO Il corso di formazione

Dettagli

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ADEGUAMENTO DEI TRATTORI AGRICOLI O FORESTALI CON PIANO DI CARICO (MOTOAGRICOLE) AI REQUISITI DI SICUREZZA IN CASO DI CAPOVOLGIMENTO PREVISTI AL PUNTO 2.4 DELLA PARTE

Dettagli

Progetto Formazione di esperti in telematica applicata

Progetto Formazione di esperti in telematica applicata Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comitato Centrale per l Albo degli Autotrasportatori Progetto Formazione di esperti in telematica applicata Metodi di valutazione della offerta di trasporto

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE CARATTERISTICHE MINIME DELLE UNITÀ DI CARICO

DEFINIZIONE DELLE CARATTERISTICHE MINIME DELLE UNITÀ DI CARICO DEFINIZIONE DELLE CARATTERISTICHE MINIME DELLE UNITÀ DI CARICO Pagina 1 PREMESSA Nel sistema integrato di raccolta differenziata dei RAEE, le Unità di Carico (di seguito abbreviate in UdC), rappresentano

Dettagli

Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate

Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate Prefabbricati a) con tetto a falde e serramenti a nastro sulle pareti perimetrali. b) con tetto a falde e fasce finestrate sul tetto. c) con tetto piano e lucernari a sezione triangolare trasversali. d)

Dettagli