Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)"

Transcript

1 Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O: 2 c) Pb(SO 3 ) 2 Pb: +4; S: +4; O: 2 d) HClO 2 H: +1; Cl: +3; O: 2 e) Na 2 O 2 Na: +1; O: 1 f) LiH Li: +1; H: 1 2 Qual è il numero di ossidazione del manganese nei seguenti composti? a) MnO 2 +4 b) Mn 2 O 3 +3 c) Mn 2 O 7 +7 d) HMnO 4 +7 e) H 2 MnO Trova i numeri di ossidazione degli atomi sottolineati nei seguenti composti. VO 3 (+5), MnO 4 (+7), WO 4 (+7), H 3 BO 3 (+3), P 2 O 5 (+5), HClO 2 (+3), KIO 4 (+7), HSO 3 (+4), HS (2), Ag 2 O (+1), SnO 2 (+4), HCrO 4 (+6), PH 3 (3) 4 Calcola il numero di ossidazione di tutti gli elementi nei seguenti composti. a) H 2 SO 4 H: +1; S: +6; O: 2 b) CaHPO 4 Ca: +2; H: +1; P: +5; O: 2 c) Fe(OH) 3 Fe: +3; O: 2; H: +1 d) NaH Na: +1; H: 1 e) Mg(H 2 PO 4 ) 2 Mg: +2; H: +1; P: +5; O: 2 5 Assegna il numero di ossidazione agli atomi di azoto presenti nelle seguenti specie chimiche. a) NO +2 b) N 2 O 5 +5 c) NH 2 OH 1 d) NO 2 +4 e) N 2 H 4 2 f) NH 3 3 g) N 2 O 3 +3 h) N 2 0 i) Na 3 N 3 l) HNO Qual è il numero di ossidazione di ciascun atomo nel composto Na 2 B 4 O 7? Na: +1; B: +3; O: Lo ione CrO 4 2 è coinvolto in una reazione chimica, nel corso della quale si trasforma in ione Cr 3. Come varia il numero di ossidazione dell atomo di cromo? diminuisce da +6 a +3 Di quanto varia il numero di ossidazione degli atomi sottolineati nei seguenti processi? a) K 2 Cr 2 O 7 Cr 2 (SO 4 ) 3 da +6 a +3 b) HNO 3 NO da +5 a +2 c) K 2 SO 3 K 2 SO 4 da +4 a +6 3 Ossidazione e riduzione: cosa sono e come si riconoscono 9 Considera la seguente reazione: 2Na (s) 2H 2 O (l) 2Na (aq) 2OH (aq) H 2(g) Qual è la sostanza che si è ossidata? Na Qual è la sostanza che si è ridotta? H di H 2 O 10 Quali tra le seguenti sono reazioni di ossido-riduzione? 2 a) 2CrO 4 (aq) 2H 2 (aq) Cr 2 O 7 (aq) H 2 O (l) b) Fe 2 O 3(s) 2Al (s) Al 2 O 3(s) 2Fe (s) c) Cu 2 (aq) 4NH 3(aq) [Cu(NH 3 ) 4 ] 2 (aq) d) CuSO 4(aq) BaCl 2(aq) CuCl 2(aq) BaSO 4(s) e) HF (l) SiO 2(s) SiF 4(g) H 2 O (s) 11 Quali elementi si ossidano nella seguente reazione? As 2 S 3(s) H 2 O (l) H 3 AsO 4(aq) H 2 S (g) H 2 SO 4(aq) As; S 12 Quale elemento si riduce nella seguente reazione? K 2 SO 3(s) H 2 CO 3(aq) K 2 SO 4(aq) CO (g) H 2 O (l) C 13 Qual è la sostanza che si è ossidata nella seguente reazione? 2K (s) 2H 2 O (l) 2K (aq) 2OH (aq) H 2(g) K 14 Considera gli elementi sottolineati e completa la tabella, seguendo l esempio. Prima Dopo Elettroni scambiati Semireazione di ossidazione Semireazione di riduzione Mg n.o. 0 Mg 2 n.o. +2 2e N 2 n.o N 3 n.o e Fe 2 O 3 n.o FeO n.o e Al n.o Al(OH)3 n.o e Cr 2 O 3 n.o CrO 4 2 n.o e IO 3 n.o I n.o e P 4 n.o PH3 n.o e CoCl 2 n.o Co(OH) 3 n.o e 1

2 15 È data la reazione: Cl 2(aq) 2KI (aq) 2KCl (aq) + I 2(aq) Qual è l agente ossidante? Cl Individua tra i seguenti processi ossidazioni e riduzioni. a) Ba 2 2 (aq) CrO 4 (aq) BaCrO 4(s) b) 2H 2 (aq) CO 3 (aq) H 2 O (l) CO 2(g) c) Fe 3 (aq) Fe 2 (aq) riduzione d) MnO 2(s) MnO 4 (aq) ossidazione 2 e) 2CrO 4 (aq) 2H (aq) 2 Cr 2 O 7 (aq) H 2 O (l) Individua l agente ossidante nella seguente reazione redox ancora da bilanciare. 3 2VO 4 (aq) SO 2(g) 8H (aq) 2VO 2 2 (aq) SO 4 (aq) 4H 2 O (l) 3 VO 4 Identifica la sostanza che si ossida, quella che si riduce, l agente ossidante e il riducente nelle seguenti reazioni. a) 2HNO 3 3H 3 AsO 3 2NO 3H 3 AsO 4 H 2 O sostanza ossidata: H 3 AsO 3 ; sostanza ridotta: HNO 3 b) NaI 3HClO NaIO 3 3HCl sostanza ossidata: NaI; sostanza ridotta: HClO c) 2KMnO 4 5H 2 C 2 O 4 3H 2 SO 4 10CO 2 K 2 SO 4 2MnSO 4 8H 2 O sostanza ossidata: H 2 C 2 O 4 ; sostanza ridotta: KMnO 4 d) 6H 2 SO 4 2Al Al 2 (SO 4 ) 3 3SO 2 6H 2 O sostanza ossidata: Al; sostanza ridotta: H 2 SO 4 e) Cu 2H 2 SO 4 CuSO 4 SO 2 2H 2 O sostanza ossidata: Cu; sostanza ridotta: H 2 SO 4 f) 3SO 2 2HNO 3 2H 2 O 3H 2 SO 4 2NO sostanza ossidata: SO 2 ; sostanza ridotta: HNO 3 g) 5H 2 SO 4 4Zn 4ZnSO 4 H 2 S 4H 2 O sostanza ossidata: Zn; sostanza ridotta: H 2 SO 4 h) I 2 10HNO 3 2HIO 3 10NO 2 4H 2 O sostanza ossidata: I 2 ; sostanza ridotta: HNO 3 Nota: sostanza ossidata = agente riducente; sostanza ridotta = agente ossidante a) 2Na 2H 2 O 2NaOH H 2 b) 4Fe 3O 2 2Fe 2 O 3 c) H 2 Cl 2 2HCl 22 Bilancia le seguenti reazioni redox con il metodo della variazione del numero di ossidazione. a) 2KMnO 4 5H 2 C 2 O 4 3H 2 SO 4 K 2 SO 4 2MnSO 4 10CO 2 8H 2 O b) Cu 2H 2 SO 4 CuSO 4 SO 2 2H 2 O c) 3Hg 2HNO 3 6HCl 3HgCl 2 2NO 4H 2 O d) Ca 3 (PO 4 ) 2 3SiO 2 5C 3CaSiO 3 2P 5CO e) I 2 10HNO 3 2HIO 3 10NO 2 4H 2 O f) 2SO 2 O 2 2H 2 O 2H 2 SO 4 g) 3Cu 2 S 20HNO 3 6Cu(NO 3 ) 2 3SO 2 10H 2 O 8NO h) 5PCl 3 2KMnO 4 24KOH 2MnCl 2 5K 3 PO 4 11KCl 12H 2 O i) I 2 5H 2 O 2 2HIO 3 4H 2 O 23 Bilancia le seguenti reazioni redox in ambiente a) 8Cr 3 (aq) 3IO 4 (aq) + 2OH 2 O 8CrO 4 2 (aq) 3I (aq) + 4OH b) 4Zn (s) NO 3 (aq) + 1OH + 4Zn 2 (aq) NH 4 (aq) + 3H 2 O c) 3Cu (s) 2NO 3 (aq) + 8H + 2NO (g) 3Cu 2 (aq) + 4H 2 O d) 4MnO 4 (aq) 5C (s) + 12H + 5CO 2(g) 4Mn 2 (aq) + 6H 2 O e) Cr 2 O 7 2 (aq) 3Sn 2 (aq) + 14H + 3Sn 4 (aq) 2Cr 3 (aq) + 7H 2 O 24 Bilancia le seguenti reazioni redox. 2 a) I 2(s) 2S 2 O 3 (aq) 2I 2 (aq) S 4 O 6 (aq) b) 3H 2 S (g) 2NO 3 (aq) + 2H + 3S (s) 2NO (g) + 4H 2 O c) H 2 O 2(aq) 2I (aq) + 2H + I 2(aq) 2H 2 O (l) d) NH 3(g) 2O 2(g) HNO 3(l) H 2 O (l) e) Cl 2(g) IO 3 (aq) 2OH (aq) IO 4 (aq) 2Cl (aq)h 2 O (l) 4 Reazioni redox molto particolari 19 Spiega in che modo il ph può influenzare le reazioni di ossido-riduzione. Rispondi in cinque righe. 20 Che cosa si intende per reazione di dismutazione o disproporzione? 5 Come si bilanciano le reazioni redox 21 Bilancia le seguenti reazioni redox e, per ciascuna di esse, costruisci uno schema come quello della tabella Bilancia le seguenti reazioni redox in ambiente a) 2I (aq) SO 4 2 (aq) + 4H + I 2(s) SO 2(g) + 2H 2 O b) 8I (aq) SO 4 2 (aq) + 10H + 4I 2(s) H 2 S (g) + 4H 2 O c) 3As 2 O 3(s) 4NO 3 (aq) + 7H 2 O 6AsO 4 3 (aq) 4NO (g) + 14H + d) Cr 2 O 7 2 (aq) 3S 2 (aq) + 14H + 3S (s) 2Cr 3 (aq) + 7H 2 O e) 3As 2 O 3(s) 2IO 3 (aq) + 9H 2 O 6AsO 4 3 (aq) 2I (aq) + 18H +

3 26 Bilancia le seguenti reazioni redox in ambiente basico. a) MnO 4 (aq) NO 2(g) + 20H 2 NO 3 (aq) MnO 4 (aq) + H 2 O b) 4Zn (s) NO 3 (aq) + 70H 2 4ZnO 2 (aq) NH 3(g) + 2H 2 O c) H 2 CO (aq) 2Ag (aq) + 30H HCOO (aq) 2Ag (s) + 2H 2 O d) 6KOH (aq) 2Al (s) 2K 3 AlO 3(aq) 3H 2(g) 27 Bilancia le seguenti reazioni redox in ambiente a) 4NH 3(g) 7O 2(g) 4NO 2(g) 6H 2 O (l) b) Fe 2 O 3(s) 3CO (g) 2Fe (s) 3CO 2(g) c) 2H 2 O (l) 2K (s) 2KOH (aq) H 2(g) 28 Aggiungi elettroni in modo opportuno per bilanciare la seguente semireazione, che avviene in so- 2 luzione basica: Cr(OH) 4 (aq) CrO 4 (aq). Cr(OH) 4 + 4OH 2 CrO 4 + 4H 2 O + 3e 29 Bilancia la reazione seguente, che avviene in soluzione basica. Bi 2 O 3(s) 2OCl (aq) + 2OH 2Cl (aq) 2BiO 3 (aq) + H 2 O 30 Bilancia le seguenti reazioni redox che avvengono in ambiente a) 2S 2 O 3 2 ClO + 2H + Cl S 4 O H 2 O b) 2NO 3 Cu + 4H + 2NO 2 Cu 2 + 2H 2 O c) IO 3 3AsO 3 3 I 3AsO 4 3 d) SO 4 2 Zn + 4H + Zn 2 SO 2 + 2H 2 O e) 2Cr 3 3BiO 3 + 4H + Cr 2 O 7 2 3Bi 3 + 2H 2 O f) I 2 5ClO + H 2 O 2IO 3 5Cl + 2H + g) 2Mn 2 5BiO H + 2MnO 4 5Bi 3 + 7H 2 O h) 3H 3 AsO 3 Cr 2 O H + 3H 3 AsO 4 2Cr 3 + 4H 2 O i) 2I HSO 4 + 3H + I 2 SO 2 + 2H 2 O l) 3Sn 4NO 3 + 4H + 3SnO 2 4NO + 2H 2 O m) PbO 2 4Cl + 4H + PbCl 2 Cl 2 + 2H 2 O n) Ag NO 3 + 2H + NO 2 Ag + H 2 O o) 4Fe 3 2NH 3 OH 4Fe 2 N 2 O + 6H + + H 2 O p) 2HNO 2 2I + 2H + I 2 2NO + 2H 2 O q) C 2 O 4 2 2HNO 2 + 2H + 2CO 2 2NO + 2H 2 O r) 5HNO 2 2MnO 4 + H + 2Mn 2 5NO 3 + 3H 2 O s) 3H 3 PO 2 2Cr 2 O H + 3H 3 PO 4 4Cr 3 + 8H 2 O t) 2VO 2 Sn 2 + 4H + 2VO 2 Sn 4 + 2H 2 O u) XeF 2 2Cl Xe 2F Cl 2 Bilancia le seguenti reazioni redox che avvengono in ambiente basico. 2 a) 2CrO 4 3S 2 + 4H 2 O 3S 2CrO 2 + 8OH 2 b) 2MnO 4 3C 2 O 4 + 4H 2 O 6CO 2 2MnO 2 + 8OH c) 4ClO 3 3N 2 H 4 6NO 4Cl + 6H 2 O d) NiO 2 2Mn(OH) 2 Mn 2 O 3 Ni(OH) 2 2 e) 3SO 3 2MnO 4 + H 2 O 2 3SO 4 2MnO 2 + 2OH 2 f) 2CrO 2 3S 2 O 8 + 8OH 2 2 2CrO 4 6SO 4 + 4H 2 O 2 2 g) 3SO 3 2CrO 4 + H 2 O 2 3SO 4 2CrO 2 + 2OH h) 2O 2 N 2 H 4 2H 2 O 2 N 2 i) O 2 4Fe(OH) 2 + 2H 2 O 4Fe(OH) 3 l) 4Au 16CN 3O 2 + 6H 2 O 4Au(CN) 4 12OH Il cloro agisce da sbiancante perché è in grado di ossidare le sostanze colorate fino a renderle incolori. Esso viene pertanto utilizzato nell industria cartaria anche se esiste il problema di eliminarne i residui. Il tiosolfato di sodio, Na 2 S 2 O 3, reagisce con il cloro residuo riducendolo a cloruro e trasformandosi, a sua volta, in ione solfato, 2 SO 4, che può essere facilmente eliminato con il lavaggio in acqua. Scrivi l equazione chimica bilanciata della reazione fra il cloro e lo ione tiosolfato, in soluzione acida. 2 4Cl 2 + S 2 O 3 + 5H 2 O 8Cl 2 + 2SO H + 33 Bilancia le seguenti reazioni redox, usando il metodo della variazione del numero di ossidazione. a) 2HNO 3 3H 3 AsO 3 3H 3 AsO 4 2NO H 2 O b) Nal 3HOCl NalO 3 3HCl c) 6H 2 SO 4 2Al Al 2 (SO 4 ) 3 3SO 2 6H 2 O d) 3SO 2 2HNO 3 2H 2 O 3H 2 SO 4 2NO e) 4Zn 5H 2 SO 4 4ZnSO 4 H 2 S 4H 2 O 34 Bilancia le seguenti reazioni di disproporzione (una stessa specie si ossida e si riduce). 2 2 a) 8S 2 O 3 (aq) S 8(s) 8SO 3 (aq) b) NH 4 NO 3(s) N 2 O (g) 2H 2 O (l) c) Hg 2 Cl 2(s) HgCl 2(s) Hg (l) (già bilanciata) 35 Bilancia le seguenti reazioni di dismutazione. a) 4NaClO 3 NaCl 3NaClO 4 b) 2KMnO 4 MnO 2 K 2 MnO 4 O 2 c) 3NaClO 2NaCl NaClO 3 3

4 d) 4S 6NaOH 2Na 2 S Na 2 S 2 O 3 3H 2 O e) P 2 O 4 5KOH K 2 HPO 3 K 3 PO 4 2H 2 O f) 2P 4 9H 2 O 3KOH 5PH 3 3KH 2 PO 4 6 Equivalenti e normalità nelle reazioni redox 36 Completa la seguente tabella. Sostanza Semireazione Massa molare Massa equivalente Moli equivalenti Relazione tra N e M Zn Zn Zn 2 2e 65,39 32,69 2 N = 2M Na Na 1e Na N = M NO 3 NO 3 3e NO 62 20,6 3 N = 3M Cr 2 O 7 2 Cr 2 O 7 2 6e 2Cr N = 6M K K 1e K N = M 37 A 250 ml di soluzione di KMnO 4 0,1 M vengono aggiunti 150 ml di soluzione di acido ossalico (H 2 C 2 O 4 ) in modo da ottenerne la completa decolorazione, secondo la seguente reazione (da bilanciare): 2KMnO 4 5H 2 C 2 O 4 3H 2 SO 4 K 2 SO 4 2MnSO 4 10CO 2 8H 2 O 38 Calcola la normalità delle due soluzioni e gli equivalenti che reagiscono. KMnO 4 : N = 0,500 eq/l; 5 eq H 2 C 2 O 4 : N = 0,833 eq/l; 0,125 eq 250 ml di soluzione di SnCl 2 a concentrazione incognita vengono aggiunti a 125 ml di una soluzione contenente 0,61 g di K 2 Cr 2 O 7. I due sali reagiscono, in modo completo, secondo la reazione seguente (da bilanciare): 3SnCl 2 K 2 Cr 2 O 7 14HCl 2CrCl 3 2KCl 3SnCl 4 7H 2 O Calcola la normalità della soluzione di K 2 Cr 2 O 7. N = 0,10 eq/l Calcola quanti equivalenti e quanti grammi di SnCl 2 sono presenti nella prima soluzione. 0,013 eq; m = 1,2 g 39 La vitamina C (C 6H 8 O 6 ) in un alimento può essere determinata tramite una titolazione mediante lo ione I 3. La reazione può essere schematizzata come segue: VitC I 3 H 2 O VitC ox 3I 2H 125 ml di succo di limone sono stati titolati con 2,50 ml di soluzione di I 3 0,2 N. Calcola la normalità del succo di limone titolato. N = 0,04 eq/l Calcola quanti grammi di vitamina C vi sono contenuti (la vitamina C ha n e 2). m = 0,044 g Se il fabbisogno giornaliero di vitamina C per l organismo umano è di 60 mg, quanti ml di succo di limone come quello titolato occorrerebbe bere per soddisfare questa richiesta? V = 0,17 L Review (sul libro da pag. 513) 1 Il perossido d idrogeno, H 2O 2, può agire sia da ossidante sia da riducente, come risulta dalle seguen- ti semireazioni. a) H 2 O 2 2H 2H 2 O b) H 2 O 2 O 2 2H c) H 2 O 2 2OH d) H 2 O 2 2OH O 2 2H 2 O In quali reazioni H 2 O 2 agisce da ossidante? a) e c) 2 Uno dei processi ossido-riduttivi più interessanti è la trasformazione dell alcol etilico (contenuto nel vino) in CO 2. Il corpo umano realizza l ossidazione dell alcol in più passaggi. C 2 H 6 O C 2 H 4 O C 2 H 4 O 2 CO 2 alcol aldeide acido diossido etilico acetica acetico di carbonio Calcola i numeri di ossidazione del carbonio e segui il processo di ossidazione attraverso la variazione dei numeri stessi. 4

5 3 I metalli Na e K reagiscono vivacemente con l acqua e producono H 2. Nel corso della reazione i metalli si ossidano o si riducono? si ossidano Qual è l altra specie che cambia numero di ossidazione? l idrogeno di H 2 O da +1 a 0 4 L ossidazione di Fe2 a Fe 3 è accompagnata dalla 2 riduzione del bicromato (Cr 2 O 7 ) a sale di Cr Quante moli di solfato ferroso puoi ossidare con una mole di bicromato? n = 6 mol Il diossido di azoto, NO 2, un agente inquinante, ha un colore rosso-bruno e, quando è presente, conferisce tale colorazione all aria. Il diossido di azoto contribuisce anche alla formazione della pioggia acida perché, quando questa attraversa uno strato di aria contaminata, NO 2 vi si scioglie e subisce la seguente reazione: 3NO 2(g) H 2 O NO (g) 2H (aq) 2NO 3 (aq) Quale elemento viene ridotto e quale viene ossidato in questa reazione? l azoto subisce una reazione di dismutazione: si riduce da +4 a +2 e si ossida da +4 a +5 Una reazione sfruttata per produrre ClO 2 è la seguente. HCl NaClO 2NaClO 2 2ClO 2 2NaCl NaOH. Quale elemento viene ossidato? Quale viene invece ridotto? Quale sostanza è l ossidante e quale il riducente? ossidante: NaClO; riducente: NaClO 2 7 Bilancia le reazioni, note come processo di Claus, per il recupero dello zolfo dall H 2 S contenuto nei gas naturali e nel petrolio. a) 2H 2 S (g) 3O 2(g) 2SO 2(g) 2H 2 O (l) b) 16H 2 S (g) 8SO 2(g) 3S 8(s) 16H 2 O (l) 8 Una reazione quantitativa per determinare il contenuto di ione BH 4 prevede la reazione dello ione boroidruro con Ag, in ambiente basico. Si formano argento metallico e ione borato, B(OH) 4. Stabilisci quante moli di argento precipitano da una mole di BH 4. n = 8 mol 9 Bilancia le seguenti redox con il metodo della variazione del numero di ossidazione: a) 3Cu (s) 8HNO 3(aq) 3Cu(NO 3 ) 2(aq) 2NO (g) + 4H 2 O b) 4Cl 2(g) Na 2 S 2 O 3(aq) 10NaOH (aq) 2Na 2 SO 4(aq) 8NaCl (aq) + 5H 2 O (l) Cl Cl Assign oxidation numbers to the atoms in each of the following. a) H 2 SO 3 H: +1; S: +4; O: 2 b) Cl 2 Cl: O c) NO 3 N: +5; O: 2 d) NaHCO 3 Na: +1; H: +1; C: +4; O: 2 e) SF 6 S: +6; F: 1 Which of the following equations represent redox reactions? For each redox reaction, determine which atom is oxidized and which is reduced, and identify the oxidizing agent and the reducing agent. a) MgO (s) H 2 CO 3(aq) MgCO 3(s) H 2 O (l) b) KNO 3(s) KNO 2(s) O 2(g) oxidized atom: O; reduced atom: N c) H 2(g) CuO (s) Cu (s) H 2 O (l) oxidized atom: H; reduced atom: Cu d) NaOH (s) HCl (s) NaCl (aq) H 2 O (l) e) H 2(g) Cl 2(g) HCl (g) oxidized atom: H; reduced atom: Cl f) SO 3(g) H 2 O (l) H 2 SO 4(aq) Nota: oxidized atom = reducing agent; reduced atom = oxidizing agent Balance the following redox reaction in acidic, acqueous solution. 3Ag (s) NO 3 (aq) + 4H + 3Ag (aq) NO (g) + 2H 2 O In the compound As 4 O 6, arsenic has an oxidation number of +3. What is the oxidation state of arsenic in this compound? 3+ When chlorine is added to drinking water to kill bacteria, some of the chlorine is changed into ions by the following equilibrium: Cl 2(aq) H 2 O H (aq) Cl (aq) HClO (aq) In the forward reaction (the reaction going from left to right), which substance is oxidized and which is reduced? In the reverse reaction, which is the oxidizing agent and which is the reducing agent? forward reaction: Cl 2 is reduced and it is oxidized; reverse reaction: Cl is the reducing agent, HClO is the oxidizing agent 5

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici 1 Espansione 6.2 Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici Dalle formule ai nomi dei composti: 1) Riconoscere classi di composti dalla formula Per dare un nome a una formula

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

ESERCIZI ph SOLUZIONI

ESERCIZI ph SOLUZIONI ESERCIZI ph SOLUZIONI 1. Una soluzione contiene 3,6 g di LiOH (PM = 23,9 g/mole). Calcolare il ph di questa soluzione [13,3] 2. Calcolare il ph di una soluzione preparata con 10,85 ml di HCl (PM = 36,46

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi.

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. CHIMICA INORGANICA Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. Struttura 3D del calcicromo, un complessante

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica Capitolo n 3 1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica L Elettrochimica studia le relazioni tra energia chimica ed energia elettrica; in particolare si studiano i processi di trasformazione

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Soluzioni degli esercizi

Soluzioni degli esercizi 3 Soluzioni degli esercizi Valitutti, Tifi, Gentile LINEAMENTI DI CIMICA Terza edizione Zanichelli 2012 69 CAPITL 1 CAPITL 1 LE MISURE E LE GRANDEZZE Soluzioni capitolo 1 1. Il Sistema Internazionale di

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi.

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. 1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) 1 Atomi e Legami Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. Il termine atomo significa indivisibile e

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione C δ + δ - CH 2 G Centro elettrofilo δ + H Centro elettrofilo Potenziale buon gruppo uscente Si distinguono due principali meccanismi di eliminazione:

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE

L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE L ACQUA ALCUNE PROPRIETA CHIMICO-FISICHE δ + δ + L OSSIGENO E IBRIDATO sp 3 CON DISTORSIONE DELL ANGOLO (α =105 ) DENSITA : la massima densità (1 g/ml) è a 3.98 C. PUNTO DI FUSIONE: alla pressione di 760

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI m12 Scopi dei trattamenti diffusivi Trattamenti di Carbocementazione,, Nitrurazione, Borurazione Proprietà ed applicazioni TRATTAMENTI TERMOCHIMICI di DIFFUSIONE TRATTAMENTI

Dettagli

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque.

Esse sono utilizzate per i controlli di legge oppure per la migliore gestione e l automazione delle operazioni di trattamento delle acque. Settori di intervento ed esigenze La disponibilità e la qualità delle acque sono riconosciute strategicamente come fattori primari e fondamentali per una politica di sviluppo sostenibile per il progresso

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

GEOMETRIA MOLECOLARE

GEOMETRIA MOLECOLARE GEOMETRIA MOLECOLARE Le molecole hanno geometrie spaziali ben definite caratterizzate da distanze di legame ed angoli di legame. Questi possono essere determinati sperimentalmente (es. raggi X). Si vede

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1 Indice: Pagina Acidità degli acidi carbossilici 2 eattività degli acidi carbossilici 4 Preparazione dei cloruri 5 Preparazione delle anidridi 6 Preparazioni degli esteri 7 Preparazioni delle ammidi 8 Sintesi

Dettagli

Legame ionico nei solidi.

Legame ionico nei solidi. Legame ionico nei solidi. Un puro legame ionico nei solido praticamente non esiste, anche in NaCl o CaO i legami hanno un certo carattere covalente che ovviamente diventa molto più importante man mano

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN Mineralogia sistematica Mineralogia sistematica Ossidi, Idrossidi, Alogenuri, Carbonati, Solfati e Fosfati Ossidi e Idrossidi Gli ossidi

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

LISTINO PREZZI SOLUZIONI DA LABORATORIO

LISTINO PREZZI SOLUZIONI DA LABORATORIO LISTINO PREZZI SOLUZIONI DA LABORATORIO CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA Listino prezzi soluzioni da laboratorio Validità prezzi dal 01/01/2015 fino al 31/12/2015 ( i prezzi non sono in ogni caso per noi

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione materiali Gli inossidabili sono leghe ferrose che riescono a unire le proprietà meccaniche, tipiche degli acciai, alle caratteristiche intrinseche dei materiali nobili quali, tipicamente, le notevoli doti

Dettagli

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena (Italy) Email: marcello.romagnoli@unimore.it Tel. 059 2056234

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE E AD ALTRI CORSI IN AMBITO TECNICO E SCIENTIFICO

PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA DI SCIENZE E AD ALTRI CORSI IN AMBITO TECNICO E SCIENTIFICO PROV DI MMISSIONE I CORSI DI LURE DI SCIENZE E D LTRI CORSI IN MBITO TECNICO E SCIENTIFICO Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie www.conscienze.it

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Cosa fa lo zolfo nel vino?

Cosa fa lo zolfo nel vino? Cosa fa lo zolfo nel vino? di Volker Schneider Il 99,5% dei viticoltori afferma che senza SO2 non si possa torchiare un vino bevibile. Ma cosa fanno questi famigerati solfiti effettivamente nel vino? Sono

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA ALIMENTATI A BIOMASSA SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 PREMESSA Le iniziative

Dettagli

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze.

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze. Gli acciai inossidabili sono leghe FERRO-CROMO o FERRO-CROMO-NICHEL, di varia composizione, la cui principale caratteristica è la resistenza alla corrosione. Essi possono contenere, oltre al cromo (12%

Dettagli

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine 21 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine Indice 1 Integrazione di un'equazione cinetica 2 2 Cinetica di adsorbimento di Langmuir

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Di seguito sono mostrati alcuni esempi della prova scritta riguardante il I Parziale.

Di seguito sono mostrati alcuni esempi della prova scritta riguardante il I Parziale. L esame di Chimica Farmaceutica e Tossicologica I, a.a. 2014-2015, consiste in una prova scritta ed una orale. La prova scritta viene effettuata nei giorni, luoghi ed orari che sono presenti on-line (sito

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli