SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE"

Transcript

1 SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE Fabio Del Frate Università Tor Vergata, Roma ESA-ESRIN ESRIN

2 RADAR Radar PPI (Plan Position Indicator) display circolare con sweep radiale; Misura della distanza e della velocità tramite effettodoppler Applicazioni di controllo del traffico e meteorologico Radar per immagini Il sistema radar osserva la superficie terrestre lateralmente rispetto ad una traiettoria RAR: real aperture radar RAR: real aperture radar SAR: synthetic aperture radar

3 SLAR = Real Aperture Side-looking Airborne Radar a. antenna Pulse Generator Transmitter Duplexer sends and receives transmitted pulse backscattered pulse CRT Display or Digital Recorder b. Receiver antenna

4 VANTAGGI del SAR Possibilità di misure notturne VIS MW Penetrazione attraverso le nubi VIS, IR MW Penetrazione della superficie VIS, IR MW

5 La misura dello (back)-scattering Coefficiente di backscattering: σ (θ)= σ(θ)/ A= (4 π/ A) (Ps(θ)/Pi) θ θ: angolo di incidenza A: area illuminata Pi: densità di potenza incidente per unità di area (W/m^2) Ps: densità di potenza di backscattering per unità di angolo solido (W/st) A

6 LE POLARIZZAZIONI (LINEARI) Un radar polarimetrico misura σ VV,σ HH,σ HV e la differenza di fase tra VV and HH VV HH VH HV

7 I PRINCIPALI MECCANISMI DI SCATTERING Scattering di superficie Scattering di volume Doppio rimbalzo

8

9 LE VARIABILI DI INTERESSE APPLICATIVO σ σ = σ { { f, θ, pq; a1, a2,..an} f : frequanza θ : angolo di incidenza p : polarizzazione ricevuta (H or V) q : polarizzazione trasmessa (H or V) a1, a2,..an : variabili che caratterizzano la superficie variabile Problema: σ è influenzata da variabili differenti simultaneamente (è difficile separare gli effetti delle singole variabili). Dati esperimentali Modelli elettromagnetici

10 La terminologia del radar ad immagini

11 Funzionamento radar ad immagini Brevi (A) impulsi (~10-6 sec) vengono inviati dalla piattaforma (B) e tornano indietro dopo la riflessione con la superficie (C)

12 RISOLUZIONE IN RANGE È dipendente dalla lunghezza dell impulso, cioè dalla durata dell impulso τ Due target sono distinguibili se la loro distanza è > τ/2 La distanza AB è minore di τ/2 τ τ/2 A B a C D Quando l impulso arriva a B e comincia ad essere riflesso sta ancora continuando la riflessione dello stesso impulso da A I due segnali si sovrappongono e a e B sono visti come un unico oggetto

13 RISOLUZIONE IN AZIMUTH È determinata dall ampiezza del fascio radar. Per essere distinguibili due oggetti devono essere seperati lungo l azimuth lazimuth da una distanza maggiore di quella del fascio misurato a terra 1 e 2 distinguibili; ibili 3 e 4 non distinguibili β Ampiezza del fascio λ / D D = lunghezza dell antenna nella direzione di azimuth

14 Radar ad Apertura Sintetica: SAR β β

15 Radar ad Apertura Sintetica: SAR Bisogna ricostruire la storia del segnale Il processamento prevede l assegnazione corrette delle varie componenti riflesse alle loro posizioni di partenza. Si utilizza l effetto Doppler cioè il cambiamento di frequenza a cui Si utilizza l effetto Doppler cioè il cambiamento di frequenza a cui vengono sottoposti i vari segnali radar

16 PRE-PROCESSING Le operazioni i di pre-elaborazione possono includere le procedure di co-registrazione delle immagini (in caso di immagini multi-temporali, o multi-angolari) e di correzione geometrica Tipicamente occorre poi considerare l uso di filtri per rimuovere effetti di sistema abbastanza caratteristici del sensore. Ad esempio lo speckle Potrebbe inoltre essere opportuno convertire e/o calibrare i dati in modo da lavorare con quantità fisiche piuttosto che con toni di grigio. Questo facilita la standardizzazione degli algoritmi Alternativamente si può scegliere di ottimizzare le procedure per l immagine specifica. In questo caso hanno importanza le procedure di aumento del contrasto

17 Compressione nel near-range rispetto al far-range slant range display ground range display

18 Dipendenza della risposta di un oggetto dall angolo di incidenza

19 GEOMETRIA DI RIPRESA SAR ERS-2 8 July 2001 Frame 2763 (orbita discendente) SAR ERS-2 15 April 2000 Frame 828 (orbita ascendente)

20 LO SPECKLE

21 Immagine radar 1 look con speckle Immagine multi-look con effetto di speckle ridotto

22 AUMENTO DEL CONTRASTO La chiave per operare bene nell aumento del contrasto è partire dall istogramma che visualizza la distribuzione dei toni di grigio nell immagine L istogramma è cioè la rappresentazione grafica dei valori di digital number DN assunti dall immagine immagine. Supponendo che i DN sono distribuiti nell intervallo 0-255, questo range di valori sarà riportato sull asse x mentre e sull asse y viene e riportata la frequenza di occorrenza di questi valori nell immagine

23 Considerare una proiezione lineare dell intervallo dei valori assunti dall immagine sull intero intervallo disponibile non è sempre la scelta migliore. Sarebbe meglio in genere assegnare nella nuova immagine (contrastata) un intervallo più ampio alle porzioni dell istogramma con valori di frequenza più alti

24 SCHEMA PER LA CLASSIFICAZIONE SU BASE OGGETTO ESTRAZIONE OGGETTO CARATTERIZZAZIONE OGGETTO ALGORITMO DI DECISIONE IMMAGINE/I DI INPUT ASSEGNAZIONE CLASSE

25 OPERATORI PER IL RILEVAMENTO DI BORDI Le tecniche classiche si basano sul fatto che il bordo nel dominio spaziale a una dimensione si comporta come una rampa Il calcolo della derivata lungo la coordinata spaziale può quindi g p p q mettere in evidenza la transizione di tono di grigio ricercata

26 METODO DEL GRADIENTE Il metodo del gradiente identifica i bordi individuando il punto in cui il valore della derivata è massima. La derivata mostra un massimo localizzato al centro del bordo. Il pixel viene etichettato come pixel di bordo se il quel punto la derivata supera un certo valore di soglia Molti operatori, per esempio l operatore e di Sobel, operano o usando questo principio

27 CARATTERIZZAZIONE DELL OGGETTO Un oggetto può essere caratterizzato attraverso differenti punti di vista Geometrico: in questo caso i parametri saranno grandezze relative alla dimensione o alla forma dell oggetto Fisico: descrivono sia il segnale associato all oggetto (per esempio il backscattering o la coerenza) in termini medi, sia il segnale associato al background Contestuale: caratterizzano l ambiente lambiente in cui l oggetto si trova fornendo informazioni utili al suo riconoscimento o identificazione

28 Caratteristica fisica oil spill oil spill + nave Contesto

29 L oggetto può essere caratterizzato t anche attaverso la sua TESSITURA cioè la distribuzione delle variazioni tonali all interno dell oggetto Antarctica (From ESA image gallery archive)

30 APPLICAZIONI MARINE

31 IL BACKSCATTERING DALLA SUPERFICIE DEL MARE Il valore di backscattering è legato alla rugosità della superficie del mare (velocità del vento) Misure da torre, 4.5 GHz (banda C) σ vs. velocità del vento a vari angoli (Ulaby, Moore, Fung, 1986)

32 In condizioni i i normali, la lunghezza d onda spaziale delle onde gravito-capillari marine è λ s = 2 5 cm. LO SCATTERING DI BRAGG Si verifica nel caso di superfici lievemente rugose (come la superficie marina) e omogenee (in cui non sono presenti fenomeni di scattering volumetrico). La potenza retrodiffusa dipende quasi esclusivamente dalle componenti della superficie che risuonano con l onda elettromagnetica incidente. Condizione di risonanza: 2λ λ s sinθ = n (n = 0, 1,...) λ

33 I fenomeni naturali visti dal SAR Correnti marine Celle atmosferiche convettive Forte tempesta Celle di pioggia Venti

34 Onde interne sullo stretto di Gibilterra (ESA 1992)

35 Caratterizzazione dei fenomeni ventosi Wind rows: Sono delle zone a spaziatura periodica di acqua meno ruvida, generalmente allineate parallelamente alla direzione del vento. Sono formate da un sistema di vortici cilindrici i i convettivi i orizzontali (celle di Langmuir) dell acqua marina vicina alla superficie. Atmospheric roll vortices: Sono dei vortici a spirale che ruotano in verso contrario tra loro nello strato limite della troposfera (Planetary Boundary Layer) eche sono sovrapposti al campo del vento superficiale. Possono essere causati sia dall instabilità termica sia dall instabilità dinamica.

36 La direzione del vento La direzione del vento può essere stimata attraverso informazioni esterne; o direttamente dall immagine SAR se sono visibili particolari fenomeni: Onde gravitazionali atmosferiche Stretto di Gibilterra

37 La direzione del vento La direzione del vento può essere stimata attraverso informazioni esterne; o direttamente dall immagine SAR se sono visibili particolari fenomeni: Celle di pioggia

38 La direzione del vento La direzione del vento può essere stimata attraverso informazioni esterne; o direttamente dall immagine SAR se sono visibili particolari fenomeni: Oil spill modificato dal vento

39 La direzione del vento può anche essere stimata su base fisica IPOTESI: le fluttuazioni della σ dell immagine SAR sono proporzionali alle fluttuazioni dell altezza delle onde il modulo quadro dello spettro di potenza relativo alla distribuzione dell intensità luminosa nell immagine SAR è direttamente proporzionale allo spettro direzionale della superficie marina: F 2 { I(x, y) } = F (K, θ) Ψ(K, θ) I 2

40 La stima della velocità del vento La relazione tra la σ (NRCS) e la velocità del vento vicino alla superficie del mare è nota come geophysicalg p y model function e può essere scritta molto generalmente come: b 1 b b b 1, σ = + cos ϕ + tanh( )cos( ϕ ) ( ) Dove b1, b2, b3 sono funzione di V

41 ESEMPIO

42 Confronto con i dati a terra Confronto effettuato con i dati acquisiti dalle stazioni meteorologiche degli aeroporti di Fiumicino e Pratica di Mare e forniti dal La.M.M.A.

43

44 IL RILEVAMENTO DEGLI SVERSAMENTI PETROLIFERI

45 Rilevazione di sversamenti di petrolio da immagini SAR La presenza di uno sversamento di petrolio (oil spill o oil slick) attenua la rugosità della superficie marina, riducendo, così, il coefficiente di backscattering del mare.

46 Rilevazione di sversamenti di petrolio da immagini SAR Alcuni fenomeni naturali possono avere, nelle immagini radar, lo stesso aspetto di uno sversamento di petrolio: film naturali di origine biologica (slick naturali) particolari fenomeni atmosferici condizioni di velocità del vento molto bassa possono ridurre la rugosità della superficie marina, posso o du e a ugos tà de a supe c e a a, diminuendo, di conseguenza, il coefficiente di backscattering.

47 Rilevazione di sversamenti di petrolio da immagini SAR SE Siciliaili Regione con vento debole dovuto alla vicinanza della costa Regioni con presenza di vortici di corrente Oil spill Fronti atmosferici Oil spill con imbarcazione nelle vicinanze Oil spill modificati dal vento

48 Rilevazione di sversamenti di petrolio da immagini SAR I fenomeni naturali, che appaiono scuri nelle immagini SAR, possono essere interpretati erroneamente come oil slick e possono, quindi, generare falsi allarmi. Tali fenomeni vanno sotto il nome di look alike. Lo sviluppo di una procedura di monitoraggio sarebbe particolarmente agevolata da algoritmi che permettano di discriminare tra oil spill e look alike in maniera automatica o semiautomatica. RETI NEURALI

49 Le reti neurali artificiali Modello matematico composto da un certo numero di elementi computazionali (i neuroni), non lineari, operanti in parallelo, connessi tra loro attraverso collegamenti caratterizzati da differenti pesi. L area di applicazione dominante è quella del riconoscimento di regolarità (pattern recognition). Obbiettivo fondamentale di tale caratteristica è la classificazione. Output t Input Neuroni

50 Le reti neurali Le reti neurali hanno la caratteristica di apprendere dai propri errori, attraverso una fase di addestramento. L addestramento consiste nel fornire alla rete un set di sequenze ingresso-uscita corrette; dopo un certo numero di cicli di addestramento la rete è in grado di trovare la relazione esistente tra input ed output. Aggiornamento dei pesi I1 I2 I3 I I4 IN Pesi inizializzati in maniera random Odes - O L addestramento termina quando l errore sul set di validazione è minimizzato

51 Le reti neurali Per ottenere una rete in grado di classificare gli oil spill: Caratterizzazione degli slick attraverso l estrazione dei parametri caratteristici da fornire in ingresso alla rete (features) Raccolta di esempi di oil spill e look alike per l addestramento Verifica del corretto funzionamento della rete

52

53

54

55

56 Caratterizzazione degli slick Analisi delle caratteristiche fisico-geometriche degli slick al fine di determinare i parametri più adatti alla loro caratterizzazione: Analisi del gradiente di intensità sul bordo Analisi della forma geometrica Analisi dell omogeneità dello slick e del contrasto rispetto all area circostante Analisi delle condizioni del vento

57 Analisi del gradiente di intensità sul bordo Gli oil slick hanno un gradiente di intensità sul bordo più alto rispetto agli slick naturali. Il petrolio, infatti, ha una viscosità elevata e tende a rimanere molto concentrato. Parametri individuati: Il valore massimo del gradiente (GMax) Il valore medio del gradiente (GMe) La deviazione standard del gradiente (GSd)

58 Analisi della forma geometrica Gli oil slick assumono spesso forme lunghe e sottili (a coda o con angoli molto marcati). Inoltre, hanno di solito una geometria poco complessa. Parametri individuati: L area (A) Il perimetro (P) La complessità (C): C = ( 2 Aπ ) (ha valore piccolo per oggetti con geometria semplice) Lo spreading (S): S P = 100 λ2 λ + λ 1 λ 2 (ha valore piccolo per oggetti lunghi e sottili) Ricavato dall analisi analisi a componenti principali dei vettori composti dalle coordinate dei pixel dell oggetto, in cui λ1 e λ2 sono gli autovalori associati alla matrice di covarianza di tali vettori.

59 Analisi dell omogeneità dello slick e del contrasto rispetto all areaarea circostante Gli oil slick sono tipicamente omogenei a causa della loro viscosità. ità Hanno, inoltre, un contrasto t elevato rispetto alla superficie circostante. Parametri individuati: La deviazione standard dell oggetto (OSd) La deviazione standard dell area circostante (BSd) Il contrasto massimo (ConMax) differenza tra il valor medio dei pixel dell area circostante ed il minimo dei pixel dell oggetto Il contrasto medio (ConMe) differenza tra il valor medio dei pixel dell area circostante ed il valor medio dei pixel dell oggetto

60 Analisi delle condizioni del vento Per velocità del vento < 2-3 m/s è possibile vedere, nelle immagini SAR, regioni scure dovute a condizioni di vento troppo debole. Per velocità >7-8 m/s ma < 15 m/s gli oil slick rimangono connessi mentre gli slick naturali tendono a disperdersi. Per velocità >15 m/s possono crearsi fenomeni di emulsione fra acqua e petrolio e gli oil slick non sono più visibili nelle immagini SAR Parametri individuati: La velocità del vento (V)

61 La scelta del set d addestramento per la rete Le immagini utilizzate sono immagini SAR acquisite dal satellite ERS-2 di tipo PRI (Precision Resolution Images). La risoluzione delle immagini PRI è di 25 m, ma per gli scopi di questo studio la risoluzione è stata ridotta a 200 m attraverso una media calcolata raggruppando i pixel in matrici 8x8. Sono state raccolte in totale 30 immagini del Sono state raccolte in totale 30 immagini del Mediterraneo e 5 immagini delle coste della Galizia con date varianti dal 1997 al 2003

62 La scelta del set d addestramento per la rete Dalle immagini scelte è stato possibile raccogliere 149 campioni per la rete neurale (77 oil spill e 72 look alike), cercando di avere a disposizione più tipologie differenti di fenomeni: Oil Spill Look alike training set Slick a coda (27) Slick modificati dalla corrente o dal vento (22) Slick angolari (16) Slick amorfi(11) Vortici di corrente (32) Vento debole (11) Celle convettive (6) Wind shadow (5) Fronti di corrente (3) Fronti di vento (3) Scie delle navi (2) Altro (6)

63 La rete neurale per l oil spill analysis Si è utilizzata una rete MLP (Multi Layer Perceptron) con topologia A P C S GMax GMe GSd OSd BSd ConMax 1 = oil spill 0 = look alike ConMe V

64 Il software Poseidon Il metodo di analisi descritto è stato implementato in IDL nel software POSEIDON (Pollution and Oil Spill Evaluation, Identification and DetectiON):

65 Il software Poseidon Calibrazione dell immagine N 1 2 σ 0 DNij N = i, j= 1 1 K sin α sinα ref Selezione della regione Estrazione dello slick e calcolo della velocità del vento Analisi degli oil spill Etna

66 Il software Poseidon Calibrazione dell immagine Selezione della regione Estrazione dello slick e calcolo della velocità del vento Analisi degli oil spill

67 Il software Poseidon Calibrazione dell immagine Selezione della regione Estrazione dello slick e calcolo della velocità del vento Analisi degli oil spill

68 Il software Poseidon Calibrazione dell immagine Selezione della regione Estrazione dello slick e calcolo della velocità del vento Analisi degli oil spill

69 ERS - SAR - SLC: Mar Egeo, La segmentazione della macchia Analisi su dati a media risoluzione

70 ENVISAT - ASAR - WSM: Mar Tirreno,

71 LE RETI AD ACCOPPIAMENTO IMPULSATO (PCNN) L idea è quella di simulare il comportamento neuronale alla base del funzionamento della corteccia visiva dei mammiferi, in particolare dei gatti (Eckorn, 1990). Un singolo neurone è già di per sé un sistema oscillante in quanto capace di generare ritmicamente dei potenziali di azione La fitta trama di connessioni presenti nella corteccia stabilisce delle relazioni temporali tra le risposte dei vari neuroni e l intera rete si comporta come un sistema di oscillatori accoppiati Il segnale è strettamente collegato alla capicità delle rete di stabilire sincronizzazioni e agganciamenti di fase tra le varie unità

72 Utilizzando questi meccanismi ogni pixel dell immagine viene elaborato da un neurone che produce in uscita una serie di impulsi binari L algoritmo è non supervisionato quindi non ha bisogno della L algoritmo è non supervisionato quindi non ha bisogno della fase di addestramento

73 La segmentazione della macchia Algoritmo standard basato su operatore di Sobel Immagine ERS Immagine ENVISAT

74 IL RILEVAMENTO DELLE NAVI

75 Possibilità di processamento di uno stack di immagini radar ed elaborazione di una statistica sul traffico navale Al momento il processore accetta i due tipi di formato SAR delle missioni ERS ed ENVISAT dell ESA File contenente le infrormazioni sugli oggetti rilevati in formato testo Mappa di densità del traffico navale contenente una rappresentazione visiva della probabilità di presenza di una nave in una determinata area. La mappa è fornita in formato GeoTiff, proiezione Lat/Lon WGS84. Immagini geocodificate e sottocampionate fornite in formato GeoTiff, proiezione i Lat/Lon WGS84

76 IL PROCESSORE DESCRIZIONE BLOCCHI FUNZIONALI Immagine ERS/Envisat Calibrazione immagine DTM Data Riduzione dello speckle Geocodifica Maschera terre emerse Produzione dati di output Estrazione caratteristiche Rilevamento navi

77 RIDUZIONE DELLO SPECKLE Soluzione scelta: Filtro a finestra mobile (8X8 in ERS e 2X2 in ENVISAT) che esplora la scena calcolando per ogni passo la media sui pixel costruendo una seconda immagine a minor risoluzione ma meno affetta da speckle

78 GEO-CODING and LAND MASKING

79 L algoritmo di rilevamento Il rilevamento di navi nell oceano tramite SAR consiste nella ricerca di oggetti nell immagine che risultano particolarmente luminosi rispetto al background Utilizzo di un algoritmo a finestra mobile con decisore a soglia La soglia viene determinata in base ad un preventiva analisi statistica clutter

80 L algoritmo di rilevamento = B j i X ), ( 1 μ B j i B j i X K ), ( ), ( μ B j i X j i X j i X j i X j i T μ 4 1) 1, ( ) 1, ( 1), ( ), ( ), ( = B j j j j j μ ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( q j i T > ), ( q = costante q

81 Catena di processamento multitemporale t 1 t 2 NTSS Processor t n ANALISI STATISTICA Mappa di densità Mappa di densità della presenza di navi. Il colore indica la probabilità che in quella zona transiti una nave

82 Performance analysis SAR SAR Image Correct Detection False Detection ENVISAT:ASA_WSM_ ENVISAT:ASA_WSM_ ENVISAT:ASA_WSM_ ENVISAT:ASA_WSM_ ENVISAT:ASA_WSM_ ERS-02:SAR S _ IMP_ 14-DEC ERS-02:SAR_IMP_25-NOV ERS-02:SAR_IMP_20-OCT ERS-02:SAR_IMP_24-NOV ERS-02:SAR_IMP_9-MAR TOTAL % 11%

83 RISULTATI E VALIDAZIONI Il grafico riassume le prestazioni temporali in termini di elaborazione massiva per immagini ERS ed ENVISAT ERS ENVISAT to essamen ti) o di proce (minut Tempo Numero di immagini Singolo dato ERS 50 sec Singolo dato ENVISAT 105 sec

84 Determinazione della velocità È possibile soprattutto se è visibile la scia della nave La posizione in azimuth della nave è determinata dalla sua caratteristica Doppler La componte del vettore velocità nella direzionei del range è stimabile dalla distanza nave scia

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Il Progetto ASI PRIMI PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Nonostante la protezione dell ambiente marino sia di interesse internazionale primario, lo scarico illegale di idrocarburi a mare

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

Dispense del corso di Elaborazione di Immagini e Audio Digitali

Dispense del corso di Elaborazione di Immagini e Audio Digitali http://imagelab.ing.unimo.iting it Dispense del corso di Elaborazione di Immagini e Audio Digitali Video Processing Prof. Roberto Vezzani Dall immagine al video Un video può essere visto innanzitutto come

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

Studio del sistema AIRSAR e classificazione di immagini SAR polarimetriche di aree suburbane

Studio del sistema AIRSAR e classificazione di immagini SAR polarimetriche di aree suburbane INFO-COM Dpt. Università degli tudi di Roma La apienza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Cattedra di istemi di Telerilevamento II Tesi di laurea tudio del sistema

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

NOTA SINTETICA PER LA COMPRENSIONE DEL DATO SATELLITARE PSInSAR E SqueeSAR

NOTA SINTETICA PER LA COMPRENSIONE DEL DATO SATELLITARE PSInSAR E SqueeSAR NOTA SINTETICA PER LA COMPRENSIONE DEL DATO SATELLITARE PSInSAR E SqueeSAR La presente nota riassume sinteticamente i principi del metodo PSInSAR e del recente SqueeSAR, limiti e vantaggi dei due prodotti

Dettagli

SISTEMA SEADARQ UNA BREVE DESCRIZIONE

SISTEMA SEADARQ UNA BREVE DESCRIZIONE SISTEMA SEADARQ UNA BREVE DESCRIZIONE SOMMARIO 1 - Introduzione... pag. 2 2 - Descrizione... pag. 3 3 - Rilevamento oil spill... pag. 8 4 - Piccole imbarcazioni... pag. 11 5 - Tratti costieri... pag. 12

Dettagli

Introduzione all elaborazione di immagini Part II

Introduzione all elaborazione di immagini Part II Introduzione all elaborazione di immagini Part II Obiettivi delle tecniche di elaborazione di immagini: miglioramento di qualità (image enhancement) ripristino di qualità o restauro (image restoration)

Dettagli

Elaborazione delle Immagini Digitali

Elaborazione delle Immagini Digitali Elaborazione delle Immagini Digitali Parte I Prof. Edoardo Ardizzone A.A. 2-22 La trasformata di Hotelling o di Karhunen-Loeve KLT discreta Questa trasformata detta anche analisi delle componenti principali

Dettagli

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward

Regressione non lineare con un modello neurale feedforward Reti Neurali Artificiali per lo studio del mercato Università degli studi di Brescia - Dipartimento di metodi quantitativi Marco Sandri (sandri.marco@gmail.com) Regressione non lineare con un modello neurale

Dettagli

Orange Discrimination Automatic System

Orange Discrimination Automatic System Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria Informatica Orange Discrimination Automatic System Mazza Dario Merlino Sebastiano Monaco Davide Giuseppe Priscimone Eugenio Giuseppe INDEX 1. Introduzione

Dettagli

Applicazione di metodi di ottimizzazione all'identificazione elettromagnetica Settore scientifico- disciplinare: MASTRI INF02

Applicazione di metodi di ottimizzazione all'identificazione elettromagnetica Settore scientifico- disciplinare: MASTRI INF02 Relazione Tecnica per Borsa di ricerca della durata di 6 mesi finanziata nell ambito del Progetto "Materiali e Strutture Intelligenti" MASTRI - Linea 2 Asse IV a valere sui Fondi del Piano Operativo Campania

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Calcolo delle corrispondenze Affrontiamo il problema centrale della visione stereo, cioè la ricerca automatica di punti corrispondenti tra immagini Chiamiamo

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

2 IL TELERILEVAMENTO

2 IL TELERILEVAMENTO 2 IL TELERILEVAMENTO Il termine telerilevamento (remote sensing) si riferisce a misure effettuate mediante sistemi non in contatto con l'oggetto o il fenomeno da rilevare. Gli strumenti di misura possono

Dettagli

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di lippi@dsi.unifi.it Dipartimento Sistemi e Informatica Università di Firenze Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Introduzione

Dettagli

Corso di Telerilevamento Lezione 3

Corso di Telerilevamento Lezione 3 Corso di Telerilevamento Lezione 3 Strumenti di ripresa Risoluzioni Satelliti per il telerilevamento Caratteri i una immagine digitale raster I valori relativi a ciascun pixel (DN = Digital Number) indicano

Dettagli

CGS TFD. Raoul Grimoldi. Distribuzione Tempo/Frequenza. Antares Research Dept. CGS Compagnia Generale per lo Spazio, an OHB Technology Company

CGS TFD. Raoul Grimoldi. Distribuzione Tempo/Frequenza. Antares Research Dept. CGS Compagnia Generale per lo Spazio, an OHB Technology Company CGS TFD Distribuzione Tempo/Frequenza Raoul Grimoldi CGS Rami di attività della CGS, già Carlo Gavazzi Space S.p.A. Satelliti: sistemi chiavi-in-mano per missioni scientifiche e applicative, in particolare

Dettagli

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale INSEAN 01 - Stabilità idrodinamica di scafi ad alta velocità... 2 INSEAN 02 - Stima delle caratteristiche di resistenza e

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

Introduzione CAPITOLO 1

Introduzione CAPITOLO 1 CAPITOLO 1 Introduzione Il termine Telerilevamento deriva dall unione della parola greca tele, ovvero da lontano e del termine rilevamento, che indica genericamente un processo di acquisizione di informazioni:

Dettagli

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI La differenza tra il restauro e il miglioramento (enhancement) delle immagini è che il miglioramento è un processo soggettivo, mentre il restauro è un processo

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO... Regione Basilicata Provincia di Potenza Comune di Melfi PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PARCO EOLICO NEL COMUNE DI MELFI PROGETTO DEFINITIVO 4 3 2 1 0 Settembre 2011 Em./Rev. Data Red./Dis. Verificato

Dettagli

PSInSAR - Manuale d uso

PSInSAR - Manuale d uso Data: Gennaio 2008 Tele-Rilevamento Europa 2008 Tele-Rilevamento Europa - T.R.E. s.r.l Via Vittoria Colonna, 7 20149 Milano - Italia tel.: +39.02.4343.121 fax: +39.02.4343.1230 www.treuropa.com www.psinsar.com

Dettagli

Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track

Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track Valerio Baiocchi, Donatella Dominici, Francesca Giannone LE ORBITE Orbita polare eliosincrona Il satellite ritorna

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

Come funziona un Radar HF

Come funziona un Radar HF Come funziona un Radar HF Segnali Radio (onde elettromagnetiche) vengono trasmessi in direzione del mare e riflessi dalle onde marine. Lo Spettro Doppler dell eco viene analizzato per ricavare le mappe

Dettagli

LA RADIAZIONE SOLARE. Tecnica del Controllo Ambientale. Prof. Maurizio Cellura

LA RADIAZIONE SOLARE. Tecnica del Controllo Ambientale. Prof. Maurizio Cellura LA RADIAZIONE SOLARE Tecnica del Controllo Ambientale Prof. Maurizio Cellura INTRODUZIONE Il progettista deve: 1. Definire le condizioni climatiche generali e locali; 2. Ricercale le soluzioni idonee;

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Indice Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana VII IX Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Generalità 1 1.1 Dimensioni, unità di misura e notazione 2 1.2 La natura dell elettromagnetismo

Dettagli

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement

Telerilevamento. Esercitazione 1. Esplorare dati EO, image enhancement Telerilevamento Esercitazione 1 Esplorare dati EO, image enhancement Aprire ERDAS IMAGINE. Cliccare sull apposita icona per aprire un immagine SPOT5 acquisita il 10 settembre 2006 sulla area della città

Dettagli

6.2 Modelli per il monossido di carbonio

6.2 Modelli per il monossido di carbonio 6.2 Modelli per il monossido di carbonio La serie temporale scelta per l addestramento è quella rilevata in via Piave poiché tra le stazioni idonee, per legge, al controllo di questo inquinante essa presenta

Dettagli

CIRCUITI INTELLIGENTI Parte 5: PCA e ICA

CIRCUITI INTELLIGENTI Parte 5: PCA e ICA Ing. Simone SCARDAPANE Circuiti e Algoritmi per l Elaborazione dei Segnali Anno Accademico 2012/2013 Indice della Lezione 1. Analisi delle Componenti Principali 2. Auto-Associatori 3. Analisi delle Componenti

Dettagli

teoresi studi&ricerche

teoresi studi&ricerche UN SISTEMA DI CONTROLLO PER ELICOTTERO Realizzazione con Simulink e Direct3D di M. CARIDI e L. DAGA Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza via Eudossiana

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.it La Nebulosa del Granchio

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0. BILANCIO AL TOP DELL ATMOSFERA RADIAZIONE SOLARE 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.8µ) L intensità della radiazione solare

Dettagli

Corso SIRI 2014. Dott. Ing. Stefano Tonello

Corso SIRI 2014. Dott. Ing. Stefano Tonello Corso SIRI 2014 Dott. Ing. Stefano Tonello IT+Robotics Spin-off dell Università di Padova fondata nel 2005 IAS-LAB (Intelligent and Autonomous Systems Laboratory) Attiva nei campi della robotica e visione

Dettagli

Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti. aspetti metodologici e pratici

Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti. aspetti metodologici e pratici Introduzione Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti: aspetti metodologici e pratici by Univr https://www.scienze.univr.it 24 novembre 2010 Goal Introduzione Goal Sistemi biometrici Face

Dettagli

ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA. Arianna Pesci 1 e Elena Bonali 2

ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA. Arianna Pesci 1 e Elena Bonali 2 ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA 1 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. 2 Università degli Studi di Bologna, DAPT.

Dettagli

Un sistema di Vision Inspection basato su reti neurali

Un sistema di Vision Inspection basato su reti neurali Un sistema di Vision Inspection basato su reti neurali Ludovico Buffon 1, Evelina Lamma 1, Fabrizio Riguzzi 1, Davide Formenti 2 1 Dipartimento di Ingegneria, Via Saragat 1, 44122 Ferrara (FE), Italia

Dettagli

PLUDIX Pluviometro - disdrometro

PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX è realizzato da: PLUDIX PLUDIX è un apparecchiatura multifunzione per il rilievo e la caratterizzazione di precipitazioni atmosferiche al livello del suolo con elevata

Dettagli

Definizione e Sviluppo di un Ricevitore Software per l Elaborazione dei Segnali GPS e Galileo: Peculiarità e Risultati della Fase di Acquisizione

Definizione e Sviluppo di un Ricevitore Software per l Elaborazione dei Segnali GPS e Galileo: Peculiarità e Risultati della Fase di Acquisizione Tesi di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Anno Accademico 26-27 Definizione e Sviluppo di un Ricevitore Software per l Elaborazione dei Segnali GPS e Galileo: Peculiarità e Risultati

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza.

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. Promelit DiMavision Video OverIP DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. DiMavision. Il sofware per gestire il sistema di videosorveglianza in modo facile, efficace, distribuito

Dettagli

Nota tecnica sintetica per la comprensione del dato satellitare PSiNSAR TM

Nota tecnica sintetica per la comprensione del dato satellitare PSiNSAR TM Nota tecnica sintetica per la comprensione del dato satellitare PSiNSAR TM Alessio Colombo, Carlo Troisi La presente nota riassume brevemente i principi del metodo PSInSAR tm, i limiti dello stesso e la

Dettagli

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni

Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Come garantire che le reti LAN in fibra di domani siano in buone condizioni Analisi delle tracce OTDR Come diventare un esperto nella risoluzione dei problemi grazie all analisi avanzata delle tracce OTDR.

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. David Chiaramonti, Daniele Fiaschi. Ultimo aggiornamento: Giugno 2006 Versione: 1.3. Radiazione Solare

RADIAZIONE SOLARE. David Chiaramonti, Daniele Fiaschi. Ultimo aggiornamento: Giugno 2006 Versione: 1.3. Radiazione Solare RADIAZIONE SOLARE David Chiaramonti, Daniele Fiaschi Ultimo aggiornamento: Giugno 2006 Versione: 1.3 Corso: ENERGIE RINNOVABILI - Classe: INGEGNERIA INDUSTRIALE, Laurea: INGEGNERIA MECCANICA Pag. 1 Radiazione

Dettagli

IL LASER SCANNER E IL TERRITORIO: applicazioni, metodologie operative, potenzialità del rilevamento con laser-scanner terrestre

IL LASER SCANNER E IL TERRITORIO: applicazioni, metodologie operative, potenzialità del rilevamento con laser-scanner terrestre INN.TEC. srl Consorzio per l Innovazione Tecnologica Università degli Studi di Brescia IL LASER SCANNER E IL TERRITORIO: applicazioni, metodologie operative, potenzialità del rilevamento con laser-scanner

Dettagli

Elementi di Telelocalizzazione

Elementi di Telelocalizzazione Elementi di Telelocalizzazione Ing. Francesco Benedetto - Prof. Gaetano Giunta Laboratorio di Telecomunicazioni (COMLAB) Università degli Studi Roma Tre 1 Introduzione Proprietà della sequenza di spreading:

Dettagli

Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti. aspetti metodologici e pratici

Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti. aspetti metodologici e pratici Introduzione Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti: aspetti metodologici e pratici by Univr https://www.scienze.univr.it 24 novembre 2010 Goal Introduzione Goal Sistemi biometrici Face

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART SRL. 2. Atlas Services

S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART SRL. 2. Atlas Services MISURE DI QUALITA DEI FASCI E DELLA DIMENSIONE DELLA MACCHIA FOCALE IN FASCI DI FOTONI AD ALTA ENERGIA PRODOTTI DA ACCELERATORI LINEARI PER RADIOGRAFIE INDUSTRIALI S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART

Dettagli

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI I metodi di indagine utilizzati per lo studio delle proprietà dei pali e del sistema palo terreno rientrano nei metodi a bassa deformazione, definiti

Dettagli

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Il segnale radar viene riflesso, diffuso, assorbito e trasmesso (rifratto). La riflessione è originata da materiali con alta

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it La Nebulosa

Dettagli

Monitoraggio continuo delle frane con tecnologia radar da satellite

Monitoraggio continuo delle frane con tecnologia radar da satellite Monitoraggio continuo delle frane con tecnologia radar da satellite Tool e applicazioni Cristoforo Abbattista Planetek Italia srl pkm026-441-1.0 GIT 2011 - Molfetta, 15 Giugno 2011 Il Gruppo Planetek Italia

Dettagli

Identificazione del dispositivo sorgente

Identificazione del dispositivo sorgente UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in INGEGNERIA INFORMATICA Identificazione del dispositivo sorgente mediante tecniche di Image Forensics Tesi di Laurea di ANDREA

Dettagli

Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente

Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente Orientamento Sistemi Complessi e Telerilevamento per l Ambiente N. Pierdicca - pierdicca@die.uniroma1.it V. Ferrara - ferrara@die.uniroma1.it Sistemi complessi per l ambiente Monitoraggio ambientale /

Dettagli

Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione

Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Elettronica Polarizzazione, dispersione dei modi di polarizzazione e sua compensazione Laureando: Danijel Miletic 28/11/2008 1

Dettagli

Proprietá dell immagine digitale

Proprietá dell immagine digitale Capitolo 5 Proprietá dell immagine digitale 5.1 Metrica delle immagini 5.1.1 Distanza Euclidea D E Per una immagine digitale, definita come una matrice bidimensionale, rappresenta una misura quantitativa

Dettagli

Elementi di grafica raster

Elementi di grafica raster Elementi di grafica raster Le immagini Una immagine è una rappresentazione spaziale di un oggetto o di una scena Una immagine digitale è una rappresentazione di una scena anche 3D dopo il processo di acquisizione

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio)

Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio) Progetto ARISS ITIS ˆE.fermi Lucca Andrea Ghilardi 2011 The fascinating world of Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio) Onde Elettromagnetiche Un elettrone immobile genera, a causa della sua carica,

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA U.O. Ambulatori Cardiologici Specialistici di Screening e Pre-ospedalizzazione LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D Federica Sambugaro DOPPLER

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Daniele Marini. Dispositivi di uscita e videotecnologia

Daniele Marini. Dispositivi di uscita e videotecnologia Daniele Marini Dispositivi di uscita e videotecnologia Introduzione La tecnologia più diffusa, dopo quella Crt (Cathode Ray Tube), è oggi la Lcd (Liquid Crystal Display). Impiegata, in particolare nei

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione 1 2 L informazione grafica Le immagini digitali grafica a caratteri grafica vettoriale Introduzione grafica raster 3 4 Due grandi categorie Esempi Immagini reali: acquisite da una scena reale mediante

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

Telerilevamento. da immagini satellitari

Telerilevamento. da immagini satellitari Università Iuav di Venezia Facoltà di Pianificazione del Territorio Master di I livello in SIT&TLR Telerilevamento da immagini satellitari Relazione sulle attività effettuate durante il corso a.a. 2007/2008

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

1 I dati della rete di monitoraggio. 2 Le immagini satellitari. 3 Le immagini radar. 4 I radiosondaggi. 5 Le carte di analisi al suolo

1 I dati della rete di monitoraggio. 2 Le immagini satellitari. 3 Le immagini radar. 4 I radiosondaggi. 5 Le carte di analisi al suolo La previsione meteo 1 I dati della rete di monitoraggio 2 Le immagini satellitari 3 Le immagini radar 4 I radiosondaggi 5 Le carte di analisi al suolo Nuovi metodi di osservazione e calcolo (1960-1980

Dettagli

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola)

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Concetti fondamentali sul Telerilevamento. Sensori e sistemi di telerilevamento: le caratteristiche dell'oggetto e dell'immagine. Le

Dettagli

Sistema Integrato di MOnitoraggio:

Sistema Integrato di MOnitoraggio: Sistema Integrato di MOnitoraggio: applicato alla rete dei trasporto GAS SIMO Presentazione Progetto Angela Losurdo Geocart - Potenza TEAM PROPONENTE GEOCART srl Società di Servizi d Ingegneria Prime DIGIMAT

Dettagli

Analisi con due Velocità

Analisi con due Velocità Analisi con due Velocità Questo documento descrive il metodo di misura di due velocità. Analisi, interpretazione esperienze e documenti complementari si trovano nei manuali del Software PIT-W versione

Dettagli

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN.

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN. Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione territoriale Infrastrutture Ambiente Ufficio Staff Supporto alla Pianificazione e alla Progettazione Via Garibaldi 50, 29100 PIACENZA, tel. 0523/7951

Dettagli

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione

Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Segmentazione in GRASS Miglioramento dell analisi di immagine in GRASS tramite segmentazione Alfonso Vitti e Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Italy FOSS4G-it

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

È l ora della videosorveglianza basata su FPGA

È l ora della videosorveglianza basata su FPGA È l ora della videosorveglianza basata su FPGA Kambiz Khalilian, Strategic marketing manager Lattice Semiconductor Le preoccupazioni crescenti per la sicurezza hanno costretto i governi e le istituzioni

Dettagli

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Maria Antonia Brovelli, Sara Lucca Politecnico di Milano, DIIAR maria.brovelli@polimi.it, sara.lucca@mail.polimi.it Il LiDAR Sistema

Dettagli

Computazione per l interazione naturale: macchine che apprendono

Computazione per l interazione naturale: macchine che apprendono Computazione per l interazione naturale: macchine che apprendono Corso di Interazione Naturale! Prof. Giuseppe Boccignone! Dipartimento di Informatica Università di Milano! boccignone@di.unimi.it boccignone.di.unimi.it/in_2015.html

Dettagli

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014 Progetto: MODELLAZIONE PROGNOSTICA DEL TRASPORTO AEREO E DISPERSIONE INQUINANTI DALLE EMISSIONI Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento. La misura della distanza

Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento. La misura della distanza Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento La misura della distanza Metodi di misura indiretta della distanza Stadia verticale angolo parallattico costante

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

info teoresi studi&ricerche

info teoresi studi&ricerche Individuazione automatica di segmenti rettilinei nelle immagini SAR basata sull uso congiunto della trasformata WAVELET e della trasformata di HOUGH Francesco Carlo Morabito, Giovanni Simone DIMET, Facoltà

Dettagli

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA NOAAA (National Oceanic and Atmospheric Administrator L ente statunitense civile per la meteorologia e l oceanografia Definizione satellite meteorologico Un satellite

Dettagli

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X Neutron Imaging Tecniche nucleari per analizzare strutture superficiali o interne di materiali hanno un impiego esteso. Tra le moderne tecniche una delle piu diffuse e quella basata sulla radiografia/radioscopia

Dettagli