SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE"

Transcript

1 SAR e SUE APPLICAZIONI MARINE Fabio Del Frate Università Tor Vergata, Roma ESA-ESRIN ESRIN

2 RADAR Radar PPI (Plan Position Indicator) display circolare con sweep radiale; Misura della distanza e della velocità tramite effettodoppler Applicazioni di controllo del traffico e meteorologico Radar per immagini Il sistema radar osserva la superficie terrestre lateralmente rispetto ad una traiettoria RAR: real aperture radar RAR: real aperture radar SAR: synthetic aperture radar

3 SLAR = Real Aperture Side-looking Airborne Radar a. antenna Pulse Generator Transmitter Duplexer sends and receives transmitted pulse backscattered pulse CRT Display or Digital Recorder b. Receiver antenna

4 VANTAGGI del SAR Possibilità di misure notturne VIS MW Penetrazione attraverso le nubi VIS, IR MW Penetrazione della superficie VIS, IR MW

5 La misura dello (back)-scattering Coefficiente di backscattering: σ (θ)= σ(θ)/ A= (4 π/ A) (Ps(θ)/Pi) θ θ: angolo di incidenza A: area illuminata Pi: densità di potenza incidente per unità di area (W/m^2) Ps: densità di potenza di backscattering per unità di angolo solido (W/st) A

6 LE POLARIZZAZIONI (LINEARI) Un radar polarimetrico misura σ VV,σ HH,σ HV e la differenza di fase tra VV and HH VV HH VH HV

7 I PRINCIPALI MECCANISMI DI SCATTERING Scattering di superficie Scattering di volume Doppio rimbalzo

8

9 LE VARIABILI DI INTERESSE APPLICATIVO σ σ = σ { { f, θ, pq; a1, a2,..an} f : frequanza θ : angolo di incidenza p : polarizzazione ricevuta (H or V) q : polarizzazione trasmessa (H or V) a1, a2,..an : variabili che caratterizzano la superficie variabile Problema: σ è influenzata da variabili differenti simultaneamente (è difficile separare gli effetti delle singole variabili). Dati esperimentali Modelli elettromagnetici

10 La terminologia del radar ad immagini

11 Funzionamento radar ad immagini Brevi (A) impulsi (~10-6 sec) vengono inviati dalla piattaforma (B) e tornano indietro dopo la riflessione con la superficie (C)

12 RISOLUZIONE IN RANGE È dipendente dalla lunghezza dell impulso, cioè dalla durata dell impulso τ Due target sono distinguibili se la loro distanza è > τ/2 La distanza AB è minore di τ/2 τ τ/2 A B a C D Quando l impulso arriva a B e comincia ad essere riflesso sta ancora continuando la riflessione dello stesso impulso da A I due segnali si sovrappongono e a e B sono visti come un unico oggetto

13 RISOLUZIONE IN AZIMUTH È determinata dall ampiezza del fascio radar. Per essere distinguibili due oggetti devono essere seperati lungo l azimuth lazimuth da una distanza maggiore di quella del fascio misurato a terra 1 e 2 distinguibili; ibili 3 e 4 non distinguibili β Ampiezza del fascio λ / D D = lunghezza dell antenna nella direzione di azimuth

14 Radar ad Apertura Sintetica: SAR β β

15 Radar ad Apertura Sintetica: SAR Bisogna ricostruire la storia del segnale Il processamento prevede l assegnazione corrette delle varie componenti riflesse alle loro posizioni di partenza. Si utilizza l effetto Doppler cioè il cambiamento di frequenza a cui Si utilizza l effetto Doppler cioè il cambiamento di frequenza a cui vengono sottoposti i vari segnali radar

16 PRE-PROCESSING Le operazioni i di pre-elaborazione possono includere le procedure di co-registrazione delle immagini (in caso di immagini multi-temporali, o multi-angolari) e di correzione geometrica Tipicamente occorre poi considerare l uso di filtri per rimuovere effetti di sistema abbastanza caratteristici del sensore. Ad esempio lo speckle Potrebbe inoltre essere opportuno convertire e/o calibrare i dati in modo da lavorare con quantità fisiche piuttosto che con toni di grigio. Questo facilita la standardizzazione degli algoritmi Alternativamente si può scegliere di ottimizzare le procedure per l immagine specifica. In questo caso hanno importanza le procedure di aumento del contrasto

17 Compressione nel near-range rispetto al far-range slant range display ground range display

18 Dipendenza della risposta di un oggetto dall angolo di incidenza

19 GEOMETRIA DI RIPRESA SAR ERS-2 8 July 2001 Frame 2763 (orbita discendente) SAR ERS-2 15 April 2000 Frame 828 (orbita ascendente)

20 LO SPECKLE

21 Immagine radar 1 look con speckle Immagine multi-look con effetto di speckle ridotto

22 AUMENTO DEL CONTRASTO La chiave per operare bene nell aumento del contrasto è partire dall istogramma che visualizza la distribuzione dei toni di grigio nell immagine L istogramma è cioè la rappresentazione grafica dei valori di digital number DN assunti dall immagine immagine. Supponendo che i DN sono distribuiti nell intervallo 0-255, questo range di valori sarà riportato sull asse x mentre e sull asse y viene e riportata la frequenza di occorrenza di questi valori nell immagine

23 Considerare una proiezione lineare dell intervallo dei valori assunti dall immagine sull intero intervallo disponibile non è sempre la scelta migliore. Sarebbe meglio in genere assegnare nella nuova immagine (contrastata) un intervallo più ampio alle porzioni dell istogramma con valori di frequenza più alti

24 SCHEMA PER LA CLASSIFICAZIONE SU BASE OGGETTO ESTRAZIONE OGGETTO CARATTERIZZAZIONE OGGETTO ALGORITMO DI DECISIONE IMMAGINE/I DI INPUT ASSEGNAZIONE CLASSE

25 OPERATORI PER IL RILEVAMENTO DI BORDI Le tecniche classiche si basano sul fatto che il bordo nel dominio spaziale a una dimensione si comporta come una rampa Il calcolo della derivata lungo la coordinata spaziale può quindi g p p q mettere in evidenza la transizione di tono di grigio ricercata

26 METODO DEL GRADIENTE Il metodo del gradiente identifica i bordi individuando il punto in cui il valore della derivata è massima. La derivata mostra un massimo localizzato al centro del bordo. Il pixel viene etichettato come pixel di bordo se il quel punto la derivata supera un certo valore di soglia Molti operatori, per esempio l operatore e di Sobel, operano o usando questo principio

27 CARATTERIZZAZIONE DELL OGGETTO Un oggetto può essere caratterizzato attraverso differenti punti di vista Geometrico: in questo caso i parametri saranno grandezze relative alla dimensione o alla forma dell oggetto Fisico: descrivono sia il segnale associato all oggetto (per esempio il backscattering o la coerenza) in termini medi, sia il segnale associato al background Contestuale: caratterizzano l ambiente lambiente in cui l oggetto si trova fornendo informazioni utili al suo riconoscimento o identificazione

28 Caratteristica fisica oil spill oil spill + nave Contesto

29 L oggetto può essere caratterizzato t anche attaverso la sua TESSITURA cioè la distribuzione delle variazioni tonali all interno dell oggetto Antarctica (From ESA image gallery archive)

30 APPLICAZIONI MARINE

31 IL BACKSCATTERING DALLA SUPERFICIE DEL MARE Il valore di backscattering è legato alla rugosità della superficie del mare (velocità del vento) Misure da torre, 4.5 GHz (banda C) σ vs. velocità del vento a vari angoli (Ulaby, Moore, Fung, 1986)

32 In condizioni i i normali, la lunghezza d onda spaziale delle onde gravito-capillari marine è λ s = 2 5 cm. LO SCATTERING DI BRAGG Si verifica nel caso di superfici lievemente rugose (come la superficie marina) e omogenee (in cui non sono presenti fenomeni di scattering volumetrico). La potenza retrodiffusa dipende quasi esclusivamente dalle componenti della superficie che risuonano con l onda elettromagnetica incidente. Condizione di risonanza: 2λ λ s sinθ = n (n = 0, 1,...) λ

33 I fenomeni naturali visti dal SAR Correnti marine Celle atmosferiche convettive Forte tempesta Celle di pioggia Venti

34 Onde interne sullo stretto di Gibilterra (ESA 1992)

35 Caratterizzazione dei fenomeni ventosi Wind rows: Sono delle zone a spaziatura periodica di acqua meno ruvida, generalmente allineate parallelamente alla direzione del vento. Sono formate da un sistema di vortici cilindrici i i convettivi i orizzontali (celle di Langmuir) dell acqua marina vicina alla superficie. Atmospheric roll vortices: Sono dei vortici a spirale che ruotano in verso contrario tra loro nello strato limite della troposfera (Planetary Boundary Layer) eche sono sovrapposti al campo del vento superficiale. Possono essere causati sia dall instabilità termica sia dall instabilità dinamica.

36 La direzione del vento La direzione del vento può essere stimata attraverso informazioni esterne; o direttamente dall immagine SAR se sono visibili particolari fenomeni: Onde gravitazionali atmosferiche Stretto di Gibilterra

37 La direzione del vento La direzione del vento può essere stimata attraverso informazioni esterne; o direttamente dall immagine SAR se sono visibili particolari fenomeni: Celle di pioggia

38 La direzione del vento La direzione del vento può essere stimata attraverso informazioni esterne; o direttamente dall immagine SAR se sono visibili particolari fenomeni: Oil spill modificato dal vento

39 La direzione del vento può anche essere stimata su base fisica IPOTESI: le fluttuazioni della σ dell immagine SAR sono proporzionali alle fluttuazioni dell altezza delle onde il modulo quadro dello spettro di potenza relativo alla distribuzione dell intensità luminosa nell immagine SAR è direttamente proporzionale allo spettro direzionale della superficie marina: F 2 { I(x, y) } = F (K, θ) Ψ(K, θ) I 2

40 La stima della velocità del vento La relazione tra la σ (NRCS) e la velocità del vento vicino alla superficie del mare è nota come geophysicalg p y model function e può essere scritta molto generalmente come: b 1 b b b 1, σ = + cos ϕ + tanh( )cos( ϕ ) ( ) Dove b1, b2, b3 sono funzione di V

41 ESEMPIO

42 Confronto con i dati a terra Confronto effettuato con i dati acquisiti dalle stazioni meteorologiche degli aeroporti di Fiumicino e Pratica di Mare e forniti dal La.M.M.A.

43

44 IL RILEVAMENTO DEGLI SVERSAMENTI PETROLIFERI

45 Rilevazione di sversamenti di petrolio da immagini SAR La presenza di uno sversamento di petrolio (oil spill o oil slick) attenua la rugosità della superficie marina, riducendo, così, il coefficiente di backscattering del mare.

46 Rilevazione di sversamenti di petrolio da immagini SAR Alcuni fenomeni naturali possono avere, nelle immagini radar, lo stesso aspetto di uno sversamento di petrolio: film naturali di origine biologica (slick naturali) particolari fenomeni atmosferici condizioni di velocità del vento molto bassa possono ridurre la rugosità della superficie marina, posso o du e a ugos tà de a supe c e a a, diminuendo, di conseguenza, il coefficiente di backscattering.

47 Rilevazione di sversamenti di petrolio da immagini SAR SE Siciliaili Regione con vento debole dovuto alla vicinanza della costa Regioni con presenza di vortici di corrente Oil spill Fronti atmosferici Oil spill con imbarcazione nelle vicinanze Oil spill modificati dal vento

48 Rilevazione di sversamenti di petrolio da immagini SAR I fenomeni naturali, che appaiono scuri nelle immagini SAR, possono essere interpretati erroneamente come oil slick e possono, quindi, generare falsi allarmi. Tali fenomeni vanno sotto il nome di look alike. Lo sviluppo di una procedura di monitoraggio sarebbe particolarmente agevolata da algoritmi che permettano di discriminare tra oil spill e look alike in maniera automatica o semiautomatica. RETI NEURALI

49 Le reti neurali artificiali Modello matematico composto da un certo numero di elementi computazionali (i neuroni), non lineari, operanti in parallelo, connessi tra loro attraverso collegamenti caratterizzati da differenti pesi. L area di applicazione dominante è quella del riconoscimento di regolarità (pattern recognition). Obbiettivo fondamentale di tale caratteristica è la classificazione. Output t Input Neuroni

50 Le reti neurali Le reti neurali hanno la caratteristica di apprendere dai propri errori, attraverso una fase di addestramento. L addestramento consiste nel fornire alla rete un set di sequenze ingresso-uscita corrette; dopo un certo numero di cicli di addestramento la rete è in grado di trovare la relazione esistente tra input ed output. Aggiornamento dei pesi I1 I2 I3 I I4 IN Pesi inizializzati in maniera random Odes - O L addestramento termina quando l errore sul set di validazione è minimizzato

51 Le reti neurali Per ottenere una rete in grado di classificare gli oil spill: Caratterizzazione degli slick attraverso l estrazione dei parametri caratteristici da fornire in ingresso alla rete (features) Raccolta di esempi di oil spill e look alike per l addestramento Verifica del corretto funzionamento della rete

52

53

54

55

56 Caratterizzazione degli slick Analisi delle caratteristiche fisico-geometriche degli slick al fine di determinare i parametri più adatti alla loro caratterizzazione: Analisi del gradiente di intensità sul bordo Analisi della forma geometrica Analisi dell omogeneità dello slick e del contrasto rispetto all area circostante Analisi delle condizioni del vento

57 Analisi del gradiente di intensità sul bordo Gli oil slick hanno un gradiente di intensità sul bordo più alto rispetto agli slick naturali. Il petrolio, infatti, ha una viscosità elevata e tende a rimanere molto concentrato. Parametri individuati: Il valore massimo del gradiente (GMax) Il valore medio del gradiente (GMe) La deviazione standard del gradiente (GSd)

58 Analisi della forma geometrica Gli oil slick assumono spesso forme lunghe e sottili (a coda o con angoli molto marcati). Inoltre, hanno di solito una geometria poco complessa. Parametri individuati: L area (A) Il perimetro (P) La complessità (C): C = ( 2 Aπ ) (ha valore piccolo per oggetti con geometria semplice) Lo spreading (S): S P = 100 λ2 λ + λ 1 λ 2 (ha valore piccolo per oggetti lunghi e sottili) Ricavato dall analisi analisi a componenti principali dei vettori composti dalle coordinate dei pixel dell oggetto, in cui λ1 e λ2 sono gli autovalori associati alla matrice di covarianza di tali vettori.

59 Analisi dell omogeneità dello slick e del contrasto rispetto all areaarea circostante Gli oil slick sono tipicamente omogenei a causa della loro viscosità. ità Hanno, inoltre, un contrasto t elevato rispetto alla superficie circostante. Parametri individuati: La deviazione standard dell oggetto (OSd) La deviazione standard dell area circostante (BSd) Il contrasto massimo (ConMax) differenza tra il valor medio dei pixel dell area circostante ed il minimo dei pixel dell oggetto Il contrasto medio (ConMe) differenza tra il valor medio dei pixel dell area circostante ed il valor medio dei pixel dell oggetto

60 Analisi delle condizioni del vento Per velocità del vento < 2-3 m/s è possibile vedere, nelle immagini SAR, regioni scure dovute a condizioni di vento troppo debole. Per velocità >7-8 m/s ma < 15 m/s gli oil slick rimangono connessi mentre gli slick naturali tendono a disperdersi. Per velocità >15 m/s possono crearsi fenomeni di emulsione fra acqua e petrolio e gli oil slick non sono più visibili nelle immagini SAR Parametri individuati: La velocità del vento (V)

61 La scelta del set d addestramento per la rete Le immagini utilizzate sono immagini SAR acquisite dal satellite ERS-2 di tipo PRI (Precision Resolution Images). La risoluzione delle immagini PRI è di 25 m, ma per gli scopi di questo studio la risoluzione è stata ridotta a 200 m attraverso una media calcolata raggruppando i pixel in matrici 8x8. Sono state raccolte in totale 30 immagini del Sono state raccolte in totale 30 immagini del Mediterraneo e 5 immagini delle coste della Galizia con date varianti dal 1997 al 2003

62 La scelta del set d addestramento per la rete Dalle immagini scelte è stato possibile raccogliere 149 campioni per la rete neurale (77 oil spill e 72 look alike), cercando di avere a disposizione più tipologie differenti di fenomeni: Oil Spill Look alike training set Slick a coda (27) Slick modificati dalla corrente o dal vento (22) Slick angolari (16) Slick amorfi(11) Vortici di corrente (32) Vento debole (11) Celle convettive (6) Wind shadow (5) Fronti di corrente (3) Fronti di vento (3) Scie delle navi (2) Altro (6)

63 La rete neurale per l oil spill analysis Si è utilizzata una rete MLP (Multi Layer Perceptron) con topologia A P C S GMax GMe GSd OSd BSd ConMax 1 = oil spill 0 = look alike ConMe V

64 Il software Poseidon Il metodo di analisi descritto è stato implementato in IDL nel software POSEIDON (Pollution and Oil Spill Evaluation, Identification and DetectiON):

65 Il software Poseidon Calibrazione dell immagine N 1 2 σ 0 DNij N = i, j= 1 1 K sin α sinα ref Selezione della regione Estrazione dello slick e calcolo della velocità del vento Analisi degli oil spill Etna

66 Il software Poseidon Calibrazione dell immagine Selezione della regione Estrazione dello slick e calcolo della velocità del vento Analisi degli oil spill

67 Il software Poseidon Calibrazione dell immagine Selezione della regione Estrazione dello slick e calcolo della velocità del vento Analisi degli oil spill

68 Il software Poseidon Calibrazione dell immagine Selezione della regione Estrazione dello slick e calcolo della velocità del vento Analisi degli oil spill

69 ERS - SAR - SLC: Mar Egeo, La segmentazione della macchia Analisi su dati a media risoluzione

70 ENVISAT - ASAR - WSM: Mar Tirreno,

71 LE RETI AD ACCOPPIAMENTO IMPULSATO (PCNN) L idea è quella di simulare il comportamento neuronale alla base del funzionamento della corteccia visiva dei mammiferi, in particolare dei gatti (Eckorn, 1990). Un singolo neurone è già di per sé un sistema oscillante in quanto capace di generare ritmicamente dei potenziali di azione La fitta trama di connessioni presenti nella corteccia stabilisce delle relazioni temporali tra le risposte dei vari neuroni e l intera rete si comporta come un sistema di oscillatori accoppiati Il segnale è strettamente collegato alla capicità delle rete di stabilire sincronizzazioni e agganciamenti di fase tra le varie unità

72 Utilizzando questi meccanismi ogni pixel dell immagine viene elaborato da un neurone che produce in uscita una serie di impulsi binari L algoritmo è non supervisionato quindi non ha bisogno della L algoritmo è non supervisionato quindi non ha bisogno della fase di addestramento

73 La segmentazione della macchia Algoritmo standard basato su operatore di Sobel Immagine ERS Immagine ENVISAT

74 IL RILEVAMENTO DELLE NAVI

75 Possibilità di processamento di uno stack di immagini radar ed elaborazione di una statistica sul traffico navale Al momento il processore accetta i due tipi di formato SAR delle missioni ERS ed ENVISAT dell ESA File contenente le infrormazioni sugli oggetti rilevati in formato testo Mappa di densità del traffico navale contenente una rappresentazione visiva della probabilità di presenza di una nave in una determinata area. La mappa è fornita in formato GeoTiff, proiezione Lat/Lon WGS84. Immagini geocodificate e sottocampionate fornite in formato GeoTiff, proiezione i Lat/Lon WGS84

76 IL PROCESSORE DESCRIZIONE BLOCCHI FUNZIONALI Immagine ERS/Envisat Calibrazione immagine DTM Data Riduzione dello speckle Geocodifica Maschera terre emerse Produzione dati di output Estrazione caratteristiche Rilevamento navi

77 RIDUZIONE DELLO SPECKLE Soluzione scelta: Filtro a finestra mobile (8X8 in ERS e 2X2 in ENVISAT) che esplora la scena calcolando per ogni passo la media sui pixel costruendo una seconda immagine a minor risoluzione ma meno affetta da speckle

78 GEO-CODING and LAND MASKING

79 L algoritmo di rilevamento Il rilevamento di navi nell oceano tramite SAR consiste nella ricerca di oggetti nell immagine che risultano particolarmente luminosi rispetto al background Utilizzo di un algoritmo a finestra mobile con decisore a soglia La soglia viene determinata in base ad un preventiva analisi statistica clutter

80 L algoritmo di rilevamento = B j i X ), ( 1 μ B j i B j i X K ), ( ), ( μ B j i X j i X j i X j i X j i T μ 4 1) 1, ( ) 1, ( 1), ( ), ( ), ( = B j j j j j μ ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( q j i T > ), ( q = costante q

81 Catena di processamento multitemporale t 1 t 2 NTSS Processor t n ANALISI STATISTICA Mappa di densità Mappa di densità della presenza di navi. Il colore indica la probabilità che in quella zona transiti una nave

82 Performance analysis SAR SAR Image Correct Detection False Detection ENVISAT:ASA_WSM_ ENVISAT:ASA_WSM_ ENVISAT:ASA_WSM_ ENVISAT:ASA_WSM_ ENVISAT:ASA_WSM_ ERS-02:SAR S _ IMP_ 14-DEC ERS-02:SAR_IMP_25-NOV ERS-02:SAR_IMP_20-OCT ERS-02:SAR_IMP_24-NOV ERS-02:SAR_IMP_9-MAR TOTAL % 11%

83 RISULTATI E VALIDAZIONI Il grafico riassume le prestazioni temporali in termini di elaborazione massiva per immagini ERS ed ENVISAT ERS ENVISAT to essamen ti) o di proce (minut Tempo Numero di immagini Singolo dato ERS 50 sec Singolo dato ENVISAT 105 sec

84 Determinazione della velocità È possibile soprattutto se è visibile la scia della nave La posizione in azimuth della nave è determinata dalla sua caratteristica Doppler La componte del vettore velocità nella direzionei del range è stimabile dalla distanza nave scia

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie

Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Interpretazione delle immagini SAR: interazione delle onde em con la superficie Il segnale radar viene riflesso, diffuso, assorbito e trasmesso (rifratto). La riflessione è originata da materiali con alta

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno Fisica quantistica Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli Christian Ferrari Liceo di Locarno Sommario La polarizzazione della luce e del fotone Altri sistemi a due livelli L evoluzione

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

Piranometri first & second class. Manuale utente

Piranometri first & second class. Manuale utente Piranometri first & second class Manuale utente LSI LASTEM SRL INSTUM_01389 (MW6022) Aggiornamento: 28 marzo 2014 Sommario 1 Note su questo manuale... 3 2 Caratteristiche tecniche... 3 3 Taratura... 7

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione Analisi del dominio: i sistemi per la localizzazione Definizione e implementazione del framework e risultati sperimentali e sviluppi futuri Tecniche di localizzazione Triangolazione Analisi della scena

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2

ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 ELEMENTI DI GRAFICA IN AMBIENTE DEV-PASCAL v. 9.2 MODULI GRAPH, DOS E CRT Una volta entrati in ambiente DEV-Pascal possiamo cominciare ad editare un programma nel modo che conosciamo. Se dobbiamo far uso

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli