SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n e 3790

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790"

Transcript

1 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi art.1,comma2deld.l.39/2009 art.1,comma3deld.l.39/2009 C)CompilazionedelleSezionidellaSchedaAEDES( 2 ) ESTRATTO DELLA SCHEDA DI 1 LIVELLO DI RILEVAMENTO DANNO, PRONTO INTERVENTO E AGIBILITÀ PER EDIFICI ORDINARI NELL EMERGENZA POST-SISMICA ( 3 ) SEZIONE 1 Identificazione edificio IDENTIFICATIVO SOPRALLUOGO giorno mese anno Provincia: Comune: Squadra Scheda n. Data IDENTIFICATIVO EDIFICIO Istat Reg. Istat Prov. Istat Comune N aggregato N edificio Frazione/Località: (denominazione Istat) 1 via 2 corso _ Cod. di Località Istat Tipo carta Num. Civico Sez. di censimento Istat N carta 3 vicolo Coordinate geografiche (Indicare: contrada, località, traversa, salita, etc.) E, Fuso N, (ED50 UTM fuso Denomazione edificio o proprietario Dati Catastali Foglio Allegato Particelle Posizione edificio 1 Isolato 2 Interno 3 D estremità 4 D angolo Codice Uso S 1

2 Fotocopia dell aggregato strutturale o della particella catastale con identificazione dell edificio 2

3 SEZIONE 3 Tipologia (multiscelta; per gli edifici in muratura indicare al massimo 2 tipi di combinazioni strutture verticali-solai) A B C D E F G H 1 Non Identificate SI 2 Volte senza catene G1 H1 3 Volte con catene Travi con soletta deformabile 4 (travi in legno con semplice tavolato, travi e voltine,...) NO G2 H2 Travi con soletta semirigida 5 6 Strutture orizzontali Strutture verticali Non identificate A tessitura irregolare e di cattiva qualità (Pietrame non squadrato, ciottoli,..) Senza catene o cordoli Con catene o cordoli Strutture in muratura A tessitura regolare e di buona qualità (Blocchi; mattoni; pietra squadrata,..) Senza catene o cordoli Con catene o cordoli (travi in legno con doppio tavolato, travi e tavelloni,...) Travi con soletta rigida (solai di c.a., travi ben collegate a solette di c.a,...) G3 H3 Pilastri isolati Mista Rinforzata 1 2 Altre strutture Telai in c.a. Pareti in c. a. Telai in acciaio REGOLARITA' Non regolare A Regolare Forma pianta ed elevazione Disposizione tamponature Copertura 1 Spingente pesante 2 Non spingente pesante 3 Spingente leggera 4 Non spingente leggera B SEZIONE 4 Danni ad ELEMENTI STRUTTURALI e provvedimenti di pronto intervento (P.I.) eseguiti Componente strutturale - Danno preesistente Livello - estensione > 2/3 D4-D5 Gravissimo 1/3-2/3 < 1/3 A B C D E F G H I L A B C D E F 1 Strutture verticali 2 Solai 3 Scale 4 Copertura 5 Tamponature-tramezzi 6 Danno preesistente > 2/3 DANNO (1) D2-D3 Medio grave 1/3-2/3 < 1/3 > 2/3 D1 Leggero 1/3-2/3 < 1/3 Nessuno PROVEDIMENTI DI P.I. ESEGUITI (1) - Di ogni livello di danno indicare l'estensione solo se esso è presente. Se l'oggetto indicato nella riga non è danneggiato campire Nullo. Nullo Demolizioni Cerchiature e/o tiranti Riparazione Puntelli Transenne e protezione passaggi 3

4 D)Parametrisinteticiriguardantilaproprietàdell'immobile Intero edificio appartenente ad un unico proprietario Condominio o comunione E)Oggettoetipologiadell'interventostrutturaleprevisto Nessuno Riparazione Rafforzamento locale ( 4 ) Miglioramento( 5 ) Demolizione e ricostruzione F)Oggettodell intervento Intero edificio Parti condominiali Porzione di edificio (unità immobiliare) Nelcasodiinterventorelativoall interoedificiooalleparticondominiali,compilarelaseguentetabella.ilcostounitarioriportatonellacolonnahnonpuò superareiltettoprevistonegliindirizzipergliinterventidirafforzamentolocaleodimiglioramentosismico. a b c d e f g h Superficielorda copertacomplessiva [mq]( 1 ) Costodi riparazione [ ] Costodi rinforzolocale [ ] Spese tecniche [ ] Eventuale compenso Amministr.[ ] Costototale (b+c+d+e) [ ] Costounitario totale(f/a) [ /mq] Costounitariodirinforzolocale {c+(d+e)c/(b+c)}/a [ /mq] 4

5 Nelcasodiinterventorelativoaporzionidiedificio(unitàimmobiliarI),compilarelatabellaseguente,riportandoinognirigol identificazionedell unità immobiliareallaqualesiriferisconoicostitramitelegeneralitàdelrichiedente. a b d f g Unitàimmobiliare(generalitàdelrichiedente) Superficielorda coperta [mq]( 1 ) Costodi riparazione [ ]( 6 ) Spesetecniche [ ] Costototale(b+d) [ ] Costounitariototale (f/a) [ /mq] 5

6 G)Parametrisinteticiindicativideilavoriprevisti Nellatabellaspecificareglielementisucuisiinterviene(rigoA),latipologiadiintervento(rigoB),latecnologiaoilmaterialeutilizzato,lapercentualedegli elementidell edificiointeressatadallatipologiadiinterventoedeventualinoteesplicative. A Elementi interessati dagli interventi 1 fondazioni 2 travi 3 pilastri / setti 4 nodi trave/pilastro 5 scale 6 murature portanti 7 solai, archi e volte 8 coperture 9 giunti tecnici 10 Tamponature e partizioni 11 impianti 12 altro B Tipologia di intervento 1 riparazione 2 sostituzione (parte/tutto) 3 aumento resistenza 5 sottofondazioni profonde 6 aumento duttilità 7 incremento collegamenti 9 aumento rigidezza solai nel piano 10 eliminazione spinte di archi, tetti, etc 11 riduzione masse 13 collegamento giunti tecnici 14 intonaco retinato su tamp./partizioni 15 collegamento fodere tamponature 4 ampliamento fondazioni 8 realizzazione collegamenti 12 ampliamento giunti tecnici 16 altro C Tecnologia o materiale utilizzata 1 cls 2 resine o malte speciali 3 barre, fili o nastri acciaio 4 profili e/o piatti metallici 5 fibre e/o compositi 6 reti leggere metalliche 7 reti leggere in fibra 8 isolamento sismico (miglioramento) 9 controventi dissipativi (miglioramento) 10 intonaci speciali 11 altro Elemento Intervento Tecnologia o materiale Percentuale degli elementi ( 7 ) Note (rigo A) (rigo B ) (rigo C) interessati dall intervento D Stima dell estensione degli interventi su ciascuna tipologia di elemento in rapporto al totale degli elementi della struttura 6

7 H)Determinazionedell entitàdelmiglioramentosismicocomplessivodell edificio(soloopcm3790,nelcasosiadottil'interventodimiglioramento) Gliindirizzicollegatiall'OPCM3790/2009,alparagrafo3,definisconoechiarisconolecondizioniperlequali,nelcasodiedificiconesitodiagibilitàE,è possibileottenereilrimborsodiinterventidimiglioramentosismico,inrelazioneallostatodidanneggiamentoeallivellodisicurezzapresismadell'edificio. GliinterventidimiglioramentosismicosieseguonoinconformitàalleNormeTecnicheperleCostruzioni(D.M ),effettuandoduevalutazionidella sicurezza:laprimaèrelativaallostatodell edificioincondizionipresisma,lasecondadopol effettuazionedegliinterventi.e cosìpossibiledeterminarelo statoinizialeel incrementodisicurezzaconseguitocongliinterventi. Persemplicitàlavalutazionesisintetizzainterminidipiccodiaccelerazioneorizzontaledelterreno(PGA)chepuòesseresostenutodall edificiorispettandolo statolimitedisalvaguardiadellavita(slv).essorappresentala capacità dell edificio(pga CLV ),chevaconfrontataconla domanda (PGA DLV ),ossiaconil piccodiaccelerazionechenelsitoincuil edificioèpostohaunaprobabilitàdiesseresuperatoparial10%inuntempoparialperiododiriferimento dell opera( 9 ).Percostruzioniordinarieediimportanzacorrente,qualigliedificiprivatiadusoabitativo,ilperiododiriferimentoèparia50annie,quindi, l accelerazionecherappresentaladomandaècaratterizzatadaunaprobabilitàdisuperamentodel10%in50anni. Nellatabellaseguentevannospecificatiiparametrichecaratterizzanoladomanda. Domanda: valori di riferimento delle accelerazioni e dei periodi di ritorno dell azione sismica( 10 ) Stato limite Accelerazione (g) T RD (anni) Stato limite di salvaguardia (SLV) PGA DLV. T RDLV LeNTC08consentonodieffettuarel'analisidellastrutturaelerelativeverifichedisicurezzautilizzandometodidiversi.Nellaseguentetabellaoccorre specificarequelloadottato. Tipo di analisi strutturale (CircolareapplicativadelleNTC08,n.617del2febbraio2009,puntoC ) Statica lineare con spettro elastico Statica lineare con fattore q dinamica modale con fattore q statica non lineare dinamica non lineare altro Nel caso di analisi statica lineare o dinamica modale con fattore q specificare il valore del fattore di struttura q=. 7

8 Poichéilraggiungimentodellostatolimitepuòavveniresecondomodalitàdiverseeinteressandoelementistrutturalidiversi,occorrechevengariportatonella tabellaseguenteilvaloredellapga CLV corrispondenteallasingolamodalità.ovviamenteilvaloredaassumereperl'interastruttura,concuivalutare l'indicatoredirischio,èilminimotratalivalori. NellaseguentetabellaoccorreriportareiparametridellacapacitàinterminidiPGAe(facoltativamente)diperiododiritornoT R,compilandolecaselle corrispondentialtipodimaterialedellastrutturaealmetododianalisiutilizzato. Capacità: accelerazione orizzontale di picco al suolo e periodo di ritorno MATERIALE Calcestruzzo armato acciaio altro muratura cinematismo altro Terreno di fondazione VERIFICA DI Meccanismi fragili (taglio, nodi) Meccanismi duttili (flessione, pressoflessione) Rotazione rispetto alla corda Resistenza nel piano del pannello Resistenza fuori piano del pannello Deformazione nel piano del pannello Cinematismo Capacità limite del terreno PGA CLV (g) T RCLV (anni) Prima dell intervento PGA CLV (g) T RCLV (anni) Dopo l intervento Ilrapportofracapacitàedomandavienedefinitoindicatoredirischio:seilsuovaloreèpariad1vuoldirechelastrutturahaillivellodisicurezzaprevistodalle NTC08,seèinferioread1illivellodisicurezzaèinferioreaquellodiunastrutturaadeguata.Illivellodisicurezzapresismaespressoattraversol'indicatoredi rischioinsiemealdannoriscontrato,determina,nellaopcm3790,iltipodiintervento(miglioramentoorafforzamentolocale)ammessoarimborso. Nellaseguentetabellaoccorreriportarel'indicatoredirischioprimaedopol'intervento. Indicatore di rischio: Rapporto fra capacità e domanda in termini di PGA uv =. =(PGA CLV /PGA DLV ) uv =. =(PGA CLV /PGA DLV ) Prima dell intervento Dopo l intervento 8

9 9 G)Commentisulleragionidellescelteeffettuate H)Noteesplicative (1) Persuperficielordacomplessivacopertasiintendelasommadellesuperficicalpestabilicopertedelleunitàimmobiliariedelleparticomunidelfabbricato, edellesuperficioccupatedamuriportanti,setti,tamponatureetramezzi.lasuperficielordacopertadiunaunitàimmobiliareèdatadallasommadella superficiecalpestabilecopertadell unitàedellasuperficieoccupatadamuriportanti,setti,tamponatureetramezzidicompetenzadell unitàstessa. (2) PerlacorrettacompilazionedelparagrafoC)fareriferimentoalmanualedicompilazionedellaSchedaAEDESconleseguentiavvertenze:Lasezione1 dellaschedavacompilataqualunquesial oggettodell intervento(interoedificio,particondominialioporzionediedificio),conesclusionedelnumero schedaesquadranell identificativodelsopralluogo(campita),lesezioni2,3e4vannocompilatesolosel oggettodell interventoèuninteroedificioole particondominialidellostesso,inquantoleinformazionisullatipologiasonoriferiteall edificioecosìpureidanniallecomponentistrutturali.iltecnico incaricatodevericompilarelesezioni2,3,4noncopiandolaschedaasuotempocompilateneirilievidiagibilitàmainbasealgiudiziopersonalesuquanto effettivamenterilevatoneirilievifinalizzatiallaprogettazionedegliinterventi. Nonènecessarioriportareilnumerodellasquadraedellaschedadelrilievodiagibilità. Lecoordinategeografichesonofacoltativeseèriportatoilcodicediaggregatooilriferimentocatastale. (3) ComechiaritoconlacircolareDi.Coma.C.prot.30549del25/7/09,gliIndirizziperl esecuzionedegliinterventidicuiall OrdinanzadelPresidentedel Consigliodeiministrin.3779del prevedonoche ildannodeveesserevalutatoconformementeaicriteridellaschedaaedes,dicuiall OPCMn. 3753/09;iltecnicoincaricatodellaprogettazionedeilavoriprovvederàquindi,acompilarlaperlesezionida1a4eadallegarlaallarelazioneponendo chiaramenteinevidenzalacoerenzadegliinterventiprevistinelprogettoconidanniriscontrati.e chiaro,quindi,cheiltecnicoincaricatodella progettazionedevevalutareildannoautonomamentesecondoicriteriprevistidallaschedaaedes,inparticolarenellasezione4.ilprogettista,inoltre, devepreoccuparsidiidentificarelatipologiastrutturalealfinediscegliereletecnichediinterventopiùopportune.inquestopuò,comeprimo orientamento,utilizzareicriteririportatinellasezione3dellaschedaenellacorrispondentesezionedelmanuale,ancheaifinidellaprevisionedieventuali rafforzamentilocali.inquestomodotaliorientamentisarannoespressiinlinguaggioomogeneotratuttiiprofessionisti.questiultimidovrannoanche

10 approfondire,secondoquantoriportatonellepertinentiordinanze,indirizzienormetecnichediriferimento,ilrapportodeldannoconeventualicarenze osservate,l effettivageometriadellastruttura,idettaglicostruttivi,lecaratteristichedeimateriali,glieventualimodellidicalcoloattiasupportarela progettazionedegliinterventi. (4) L OPCM3779prevedelacoperturadeglioneripergliinterventisuglielementistrutturali,condottiperconseguireunrafforzamentolocale.Essisono finalizzatiadeliminareleprincipalicarenzestrutturalidell edificioedunqueaconseguireunmaggiorelivellodisicurezzadellacostruzione.intalicasinon èrichiestal analisisismicadell interacostruzionemasololavalutazionedell incrementodisicurezza,interminidiresistenzae/odiduttilità,dellaparte strutturalesucuisiinterviene.inoltrenonèrichiestoilcollaudostaticoalterminedeilavorisullestrutture. (5) L OPCM3790prevedelacoperturadeglioneriperlariparazioneconmiglioramentosismicodiedificidanneggiatiolaricostruzionediedificidistruttiNel casodiinterventodimiglioramentosismicooccorrechesiadeterminatoillivellodisicurezzainizialedellastrutturaincondizionipresismaedil miglioramentoconseguitoattraversogliinterventi. (6) NelcasodiOPCM3779ilcostodiriparazionesiriferisceagliinterventisullepartinonstrutturaliedimpiantisticheall internodellasingolaunitàabitativae adeventualiinterventidiriparazionedellepartistrutturaliinterneallesingoleunitàimmobiliariadibiteadabitazioniprincipali,effettuatidirettamentedal proprietariodellasingolaunitàecomunicatialrappresentantedelcondominio.nelcasodiopcm3790ilcostodiriparazionesiriferiscesoloagli interventisullepartinonstrutturaliedimpiantisticheall internodellasingolaunitàabitativa. (7) Lapercentualedielementiinteressativienecalcolatacomerapportofral estensionedeglielementiinteressatidaqueltipodiinterventoel estensione complessivadeglielementi:adesempioperletamponature(codiceelemento10)sullequalisiapplichiintonacoretinato(codiceintervento13)siriportail rapporto,espressoinpercentuale,fraimetriquadratiditamponaturetrattateconqueltipodiinterventoedimetriquadratiditamponaturepresenti nell edificio.peripilastri(codiceelemento3)suiqualisiattuinointerventidiaumentodelladuttilità(codiceintervento4)siriporteràilrapportofrail volumedeipilastrisuiqualisièintervenutiedilvolumetotaledeipilastridell edificio,calcolatoancheinmanieraapprossimata,conlapossibilità,nelcaso didimensioniparagonabiliperipilastrideidifferentipianiefili,disemplificareilcalcolointerminidirapportofrailnumerodipilastrisucuisiinterviene edilnumerototaledipilastri. (8) Quandountipodiinterventononèprevistodall OPCM(p.es.l'adeguamentosismiconell'OPCM3790)ècomunquepossibileadottarloseglioneri necessariperattuarlosonosostenutidalbeneficiario. (9) IlperiododiriferimentoV R èdato,inaccordoconlenormetecnicheperlecostruzioni(ntc08),dicuiald.m ,dalprodottodellavitanominale (V N ),perilcoefficiented uso(c u ):V R =C u V N. VNèdefinitainrelazionealleesigenzedidurabilitàdellastessa,insostanzaV N èpariall intervallocheintercorretradueinterventidimanutenzione straordinariaedèlegatoalcostooall importanzadell opera; C u èuncoefficientedefinitoinrelazioneall esigenzadigarantirelivellidiprotezionesismicadifferenziatiinfunzionedell usodell operaedelle 10

11 conseguenzediunsuofallimento. L accelerazionecheprovocanellastrutturailraggiungimentodellostatolimitedisalvaguardiadellavitaèintesocomequelvalorediancoraggiodello spettroelasticoodiprogetto,relativoalsuoloeffettivamentepresentenelsitosucuisorgel operadaverificare,cheprovocailsuperamentodellostato limiteslv.talevaloreèdefinitocomepga DLV etienecontodellaposizionedelsitoincuil operaèlocalizzataedellarispostalocaledelsuolo. (10) LeNTC08assumonocheleoccorrenzedeglieffettideiterremoti(inparticolaredelleaccelerazionimassime)possanoessererappresentatecome fenomenistazionariperiqualisussisteunarelazionefraprobabilitàdisuperamentodell accelerazione(p VR ),periododiriferimento(v R )eperiododi ritornodell accelerazione(t R )espressada:t R =V R /ln(1p VR ).Ilperiododiritornodell accelerazioneèunaltropossibileindicatoredelladomandaedella capacità:puòesserevistocomel intervalloditempomediofradueeventicaratterizzatidalcorrispondentevalorediaccelerazionemassimaalsuolo.la compilazionedellecasellerelativeataleparametroècomunquefacoltativa. ALLEGARE: progettoesecutivodegliinterventiriguardantiglielementistrutturali,corredatodielaboratigrafici,reportfotografico dellostatodifattoerelazionetecnicache,tral altro,illustrilefasidirealizzazionedeilavori(vediindirizziopcm3779e OPCM3790,par.8) 11

Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni. Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it

Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni. Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it SOFTWARE E PROGETTAZIONE SOFTWARE E PROGETTAZIONE SOFTWARE NELL AMBITO DELLE NTC 08 IL SOFTWARE:

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003 EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 1 Interventi di riabilitazione di edifici esistenti in muratura in zona sismica.

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Danni ed interventi su strutture in c.a. e muratura

Danni ed interventi su strutture in c.a. e muratura CORSO CINEAS Valutazione dei danni da calamità naturali Palermo, 19 ottobre 2011 Danni ed interventi su strutture in c.a. e muratura Andrea Prota aprota@unina.it Ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI 1) CREARE UN FILE.DXF IN AUTOCAD NEL QUALE VENGONO RIPORTATE LE PIANTE DEI VARI PIANI DELL EDIFICIO DA ANALIZZARE. RISULTA CONVENIENTE

Dettagli

SCHEDA RILEVAMENTO DANNI EDIFICI

SCHEDA RILEVAMENTO DANNI EDIFICI SCHEDA RILEVAMENTO DANNI EDIFICI SEZIONE 1 Identificazione e descrizione edificio Scheda n. Data Provincia: Comune: Frazione/Località: INDIRIZZO 1 via 2 corso 3 vicolo 4 piazza 5 altro (Indicare: contrada,

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Report preliminare sui danni riscontrati in alcuni edifici pubblici dei comuni di San Pietro in Casale (BO),

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

1.0 PECULIARIA DELL EDIFICIO

1.0 PECULIARIA DELL EDIFICIO 1.0 PECULIARIA DELL EDIFICIO L intervento in oggetto riguarda la progettazione esecutiva di un Centro servizi socio assistenziali art.1 - comma 2 - lettera c - Legge Regionale 41/2003, con tipologia Casa

Dettagli

Criteri e Procedure per la ricostruzione degli edifici privati in Abruzzo

Criteri e Procedure per la ricostruzione degli edifici privati in Abruzzo Convegno, 20 aprile 2015, Basilica di San Giovanni Maggiore, Napoli Criteri e Procedure per la ricostruzione degli edifici privati in Abruzzo Mauro Dolce Dipartimento della Protezione Civile, Roma 6 Aprile

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA Comune di Taranto 10^ Direzione Lavori Pubblici SCHEDA DI VULNERABILITÀ SMICA OGGETTO: Lavori di riqualificazione edilizia ed impiantistica della scuola media C. COLOMBO Via Medaglie D Oro n. 117 - Taranto

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

8 COSTRUZIONI ESISTENTI

8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8.1 OGGETTO Il presente capitolo definisce i criteri generali per la valutazione della sicurezza e per la progettazione, l esecuzione ed il collaudo degli interventi sulle costruzioni

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE si esamina una struttura esistente, individuando carenze sugli spessori della muratura con snellezza e pressoflessione trasversale (statica e sismica) non

Dettagli

Bassa massa volumica (peso)= basse forze inerziali sismiche (peso del legno= 450 Kg/m³ 30-40 kg/m² ;

Bassa massa volumica (peso)= basse forze inerziali sismiche (peso del legno= 450 Kg/m³ 30-40 kg/m² ; BUON COMPORTAMENTO IN ZONA SISMICA Il legno come materiale e le strutture in legno in generale sono naturalmente dotate di alcune caratteristiche intrinseche che ne rendono non solo adatto ma consigliabile

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

Commissione Strutture

Commissione Strutture Commissione Strutture «La Dichiarazione di Idoneità Statica» Analisi di un caso reale Dott. Ing. Fabio Ferrario Dott. ing. Leonardo Vulcan Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Sala 3 del Centro

Dettagli

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA 1 - Intervento di adeguamento. 2 - Intervento di miglioramento. 3 - Riparazione o intervento locale. 8.4.1. Intervento di adeguamento. È fatto obbligo di procedere alla valutazione della sicurezza e, qualora

Dettagli

INTERVENTI SULLE STRUTTURE

INTERVENTI SULLE STRUTTURE INTERVENTI SULLE STRUTTURE 1 - Intervento di adeguamento. 2 - Intervento di miglioramento. 3 - Riparazione o intervento locale. INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN C.A. 8.4.1. Intervento di adeguamento. È fatto

Dettagli

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Il controllo della progettazione: i compiti del collaudatore. Forum della Tecnica delle

Dettagli

Esempi Relazione di Calcolo

Esempi Relazione di Calcolo Esempi Relazione di Calcolo Introduzione Introduzione L ergonomia e la facilità di utilizzo di 3Muri permettono un agevole input e grande facilità di interpretazione dei risultati. La relazione di calcolo

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

V IL PROGETTO SCUOLA SICURA:

V IL PROGETTO SCUOLA SICURA: V IL PROGETTO SCUOLA SICURA: DALL INDAGINE DI VULNERABILITÀ SISMICA ALLE ESECUZIONI DEGLI INTERVENTI 1. Introduzione Il problema dell agibilità degli edifici scolastici, venuto drammaticamente alla ribalta

Dettagli

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI - MIGLIORAMENTO SISMICO; - VERIFICA GLOBALE DEGLI EDIFICI; - DETTAGLI STRUTTURALI; 01/10/2012 relatore DELDOSSI Ing. Angelo Amm.re DELDOSSI S.R.L. PREMESSA

Dettagli

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Sergio LAGOMARSINO Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni,dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Genova sergio.lagomarsino@unige.it

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Ordinanza 3274 Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Consolidamento Il consolidamento di strutture esistenti coinvolge problemi interdisciplinari:

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE E COOPERAZIONE FRA I POPOLI

DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE E COOPERAZIONE FRA I POPOLI R E G I O N E L A Z I O DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE E COOPERAZIONE FRA I POPOLI AREA DIFESA DEL SUOLO OO.P.C.M. 3274/03 e 3362/04, D.G.R. Lazio n. 766/03, D.P.C.M. del 06/06/05 Programma Temporale delle

Dettagli

La soluzione tecnologica più evoluta per gli interventi di consolidamento statico, di rinforzo strutturale e di adeguamento sismico

La soluzione tecnologica più evoluta per gli interventi di consolidamento statico, di rinforzo strutturale e di adeguamento sismico MATERIALI COMPOSITI RINFORZATI CON FIBRE DI CARBONIO (CFRP) La soluzione tecnologica più evoluta per gli interventi di consolidamento statico, di rinforzo strutturale e di adeguamento sismico IDES COSTRUZIONI

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

Il recupero energetico e sismico degli edifici

Il recupero energetico e sismico degli edifici Il recupero energetico e sismico degli edifici Interventi di adeguamento e miglioramento sismico delle murature Ing. Francesca da Porto Università di Padova Reggio Emilia, 14 gennaio 2014 Sommario GLI

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

Aggregato strutturale

Aggregato strutturale 1 ALLEGATO 8 CONSISTENZA STATICA - Indicazioni del Dipartimento della Protezione Civile PRINCIPI E DEFINIZIONI Carattere dell esame a vista I dati raccolti attraverso le schede del Fascicolo del Fabbricato

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE UFFICIO SERVIZIO SISMICO NAZIONALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE UFFICIO SERVIZIO SISMICO NAZIONALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE UFFICIO SERVIZIO SISMICO NAZIONALE Allegato 1 SCHEDA DI SINTESI DELLA VERIFICA SISMICA DI "LIVELLO 1" O DI LIVELLO 2 PER GLI EDIFICI

Dettagli

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI Verifica di vulnerabilità sismica Pagina 2 di 8 INDICE Premessa...3 Classificazione sismica...3 Vulnerabilità sismica...5 Indagini...5 Calcolo...6 Verifica

Dettagli

CREVALCORE SCUOLA G. LODI. Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI

CREVALCORE SCUOLA G. LODI. Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI SISMA MAGGIO 2012 CREVALCORE SCUOLA G. LODI Crevalcore, 26 Maggio 2013 Ing. Tommaso PAZZAGLIA Arch. Christian ZAMBONINI Geom. Roberto FORCELLATI SISMA MAGGIO 2012: Scuola G.Lodi - Crevalcore Corpo laterale

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Autori: Paolo FACCIO, Anna SAETTA

Autori: Paolo FACCIO, Anna SAETTA Autori: Paolo FACCIO, Anna SAETTA Università IUAV di Venezia L AQUILA, SCUOLA ELEMENTARE DE AMICIS PRIME VALUTAZIONI DI VULNERABILITÀ SISMICA 1. Premessa Viene presentata l applicazione dei criteri e delle

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO Il terremoto dell Abruzzo del 6 Aprile 2009 Roma, 22 Settembre 2009. Ing. Giuseppe G. Mancinelli

GIORNATA DI STUDIO Il terremoto dell Abruzzo del 6 Aprile 2009 Roma, 22 Settembre 2009. Ing. Giuseppe G. Mancinelli L ISOLAMENTO SISMICO NELL ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI ADEGUAMENTO ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI TRAMITE INSERIMENTO DI SISTEMI DI ISOLAMENTO SISMICO SU EDIFICI ESISTENTI ESEMPI APPLICATIVI:

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Antonio Tralli, Dipartimento di Ingegneria Università di Ferrara Prof. Ing. Antonio Tralli

Dettagli

8 COSTRUZIONI ESISTENTI

8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8 COSTRUZIONI ESISTENTI Il problema della sicurezza delle costruzioni esistenti è di fondamentale importanza in Italia, da un lato per l elevata vulnerabilità, soprattutto rispetto alle azioni sismiche,

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata

Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata Cinque mesi dopo il sisma Tecniche innovative per una ripresa efficiente e sicura Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata Prof. ing. Gennaro Magliulo ReLuis -

Dettagli

Terremoti: sicurezza nei luoghi di lavoro

Terremoti: sicurezza nei luoghi di lavoro Terremoti: sicurezza nei luoghi di lavoro Costruzioni in cemento armato antisismiche - adeguamento patrimonio edilizio industriale esistente Antonella Colombo ASSOBETON Capannori, 23 ottobre 2012 Edifici

Dettagli

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Dott. Ing. Giacomo Giambrone VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Inquadramento dell immobile La scuola elementare Comunale G. D Annunzio è ubicata nel Comune di Traversetolo (F. 24, mapp. 213,51,262)

Dettagli

calcolo - adeguamento sismico - applicazioni in edilizia scolastica, 5 ore

calcolo - adeguamento sismico - applicazioni in edilizia scolastica, 5 ore Seminario Edifici in Muratura calcolo - adeguamento sismico - applicazioni in edilizia scolastica, 5 ore 1 Direttore del corso : Attilio Carotti Relatore: Francesca da Porto Dipartimento ICEA Università

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture.

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. In particolare vengono progettati e realizzati interventi di ingegneria strutturale quali:

Dettagli

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO Restauro edifici danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 Relatore : Ing. Andrea Scarpa Vicenza 25 Ottobre 2013 Progettista architettonico Malte e intonaci in cocciopesto

Dettagli

Problematiche strutturali inerenti le verifiche, l adeguamento ampliamento o sopraelevazione di edifici esistenti con struttura portante in c.a.

Problematiche strutturali inerenti le verifiche, l adeguamento ampliamento o sopraelevazione di edifici esistenti con struttura portante in c.a. SOPRAELEVAZIONI ED AMPLIAMENTI DI EDIFICI IN C.A. Problematiche strutturali inerenti le verifiche, l adeguamento l e l eventuale l ampliamento o sopraelevazione di edifici esistenti con struttura portante

Dettagli

Regione Campania - Genio Civile

Regione Campania - Genio Civile Regione Campania - Genio Civile Controllo di progetti relativi ad edifici in muratura Le tipologie strutturali degli edifici in muratura esistenti e la loro vulnerabiltà sismica B. Calderoni - D.A.P.S.

Dettagli

www.seicocompositi.it soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi

www.seicocompositi.it soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi www.seicocompositi.it 360 soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi L azienda SERVIZI_ PROGETTAZIONI VENDITA e ASSISTENZA Con tecnici altamente qualificati SEICO COMPOSITI offre un servizio completo

Dettagli

Pescia, 15 Marzo 2014

Pescia, 15 Marzo 2014 Adeguamento sismico di edificio con struttura portante in cemento armato mediante la tecnologia dell isolamento sismico: il caso dell ex Pretura di Pescia Pescia, 15 Marzo 2014 Prof. Ing. Enrico Mangoni

Dettagli

Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo

Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo Ing. Enrico Zanello, Fibre Net srl La maggior parte delle costruzioni esistenti nei centri

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

A1 Le origini dell urbanistica moderna

A1 Le origini dell urbanistica moderna ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI "ALBERTO BAGGI" di SASSUOLO (MO) Sezione 1 - La forma della città PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI 5 e CAT MODULI A - Elementi di urbanistica B

Dettagli

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI RELAZIONE TECNICA La presente relazione riguarda la proposta di riparazione dei danni derivanti dal terremoto del 20, 29 maggio 2012 per i fabbricati posti in via Larga n. 43, località Malafitto, a Cento

Dettagli

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti.

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti. DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA UFFICIO DIFESA DEL SUOLO DI POTENZA Oggetto: Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti. 1. Premessa.

Dettagli

Adeguamento di strutture esistenti in c.a.: tecniche e strategie t d intervento

Adeguamento di strutture esistenti in c.a.: tecniche e strategie t d intervento Adeguamento di strutture esistenti in c.a.: tecniche e strategie t d intervento t Necessità di un intervento di adeguamento Strategie di intervento: processo logico Criteri e tipi d intervento Tipologie

Dettagli

INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE

INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE COMUNE DI CARPI INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE (A COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO POST-SISMA 2012) ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE Cap. 10.1 del D.M. 14 gennaio 2008 e cap. C10.1 par. 4.1 della Circ. n. 617/2009 1. PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE PREMESSA Ai sensi del C10.1 punto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Nell ambito dell incarico ricevuto dall Amministrazione Comunale con Determinazione del Responsabile n.976 del 23/08/2005, è stato redatto il progetto esecutivo

Dettagli

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IL CONSOLIDAMENTO DI MURATURE STORICHE ovvero: valutazione e caratteristiche

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

Spett. le Comune di Xxxxxx

Spett. le Comune di Xxxxxx Spett. le Comune di Xxxxxx OFFERTA n 28/13 Breganze, 05/02/2013 C.A. Xxxxx Xxxxx Oggetto: Indagini varie su Magazzino-Ufficio Tecnico, Scuola Media, Scuola Elementare, Palestra e Municipio di Xxxxxx (XX)

Dettagli

LISTINO PREZZI E OFFERTE

LISTINO PREZZI E OFFERTE LISTINO PREZZI E OFFERTE 2015 FaTA-E cemento armato Strutture in c.a. LISTINO CONFIGURAZIONI Offerte valide fino al 31.10.2015 Listino configurazioni - Pag. 1 di 3 Light (500 nodi 50 fili fissi 5 impalcati)

Dettagli

RECUPERO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

RECUPERO DEGLI EDIFICI IN MURATURA NETTO STORICO A PALERMO Aula Magna Scuola Politecnica 8 novembre 2014 RECUPERO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Prof. Ing. Liborio Cavaleri Scuola Politecnica Edifici a ridosso dell area all interno delle antiche

Dettagli

Associazione Nazionale Geometri Per la Protezione Civile

Associazione Nazionale Geometri Per la Protezione Civile ATTIVITA DEL GEOMETRA NELLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA AeDES.: FABBRICATO con esito di agibilità E C.O.C. VIGARANO MAINARDA (FE) Sisma 2012 EMILIA ROMAGNA Geom. Michele Levorato Geom. Pietro Tracco PADOVA,

Dettagli

I MATERIALI INNOVATIVI PER LA

I MATERIALI INNOVATIVI PER LA CONVEGNO DI STUDIO: SINERGIE PER UN CONDOMINIO SICURO I MATERIALI INNOVATIVI PER LA RIQUALIFICAZIONE IMMOBILIARE Dott. Ing. Saverio Spadea Dottore di Ricerca in Ingegneria delle Strutture e del Recupero

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Riccardo

Dettagli

RIPRISTINO DELLA MURATURA ATTRAVERSO LA TECNICA DEL CUCI-SCUCI

RIPRISTINO DELLA MURATURA ATTRAVERSO LA TECNICA DEL CUCI-SCUCI RIPRISTINO DELLA MURATURA ATTRAVERSO LA TECNICA DEL CUCI-SCUCI L intervento consiste nel ripristinare zone limitate di murature lesionate o degradate attraverso la rimozione degli elementi (lapidei o laterizi)

Dettagli

NORMATIVA TECNICA PER LA RIPARAZIONE ED IL RAFFORZAMENTO DEGLI EDIFICI DANNEGGIATI DAL SISMA.

NORMATIVA TECNICA PER LA RIPARAZIONE ED IL RAFFORZAMENTO DEGLI EDIFICI DANNEGGIATI DAL SISMA. DECRETO MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI 2 LUGLIO 1981 NORMATIVA PER LE RIPARAZIONI ED IL RAFFORZAMENTO DEGLI EDIFICI DANNEGGIATI DAL SISMA NELLE REGIONI BASILICATA, CAMPANIA E PUGLIA. Art. 1. Sono approvate

Dettagli

Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43

Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43 INDICE Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43 BIBLIOGRAFIA Giovannetti Francesco (a cura di), Manuale del recupero del

Dettagli

I padiglioni A e C degli Spedali Civili di Brescia.

I padiglioni A e C degli Spedali Civili di Brescia. APPLICAZIONI DEL CAPITOLO 8 : COSTRUZIONI ESISTENTI. I padiglioni A e C degli Spedali Civili di Brescia. Relatore: Ing. Alessandro Aronica (MSC Associati S.r.l. Milano) IL TEAM IMPRESA GENERALE DI COSTRUZIONI:

Dettagli

C8A.5. CRITERI PER GLI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DI EDIFICI IN MURATURA Nel presente allegato si forniscono criteri generali di guida agli

C8A.5. CRITERI PER GLI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DI EDIFICI IN MURATURA Nel presente allegato si forniscono criteri generali di guida agli C8A.5. CRITERI PER GLI INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DI EDIFICI IN MURATURA Nel presente allegato si forniscono criteri generali di guida agli interventi di consolidamento degli edifici in muratura, con

Dettagli

Progetto di ristrutturazione globale con miglioramento sismico e valutazione della vulnerabilità sismica

Progetto di ristrutturazione globale con miglioramento sismico e valutazione della vulnerabilità sismica Progetto di ristrutturazione globale con miglioramento sismico e valutazione della vulnerabilità sismica L istituto grafico dei padri Dehoniani di Bologna Progetto a cura degli ingg. Guido Lenzi e Alessio

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. RICCARDO

Dettagli

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text

BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE. Footer Text ARGOMENTI: MATERIALI E PRODOTTI DA COSTRUZIONE TIPOLOGIE STRUTTURALI E DETTAGLI COSTRUTTIVI AZIONI SULLE COSTRUZIONI RISPOSTA SISMICA E CRITERI DI PROGETTAZIONE BASATI SULLA GERARCHIA DELLE RESISTENZE

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Edificio municipale denominato Torre Civica, sede della Polizia Locale, Assessorato alla Cultura Biblioteca Comunale e Sala Civica

PROGETTO ESECUTIVO. Edificio municipale denominato Torre Civica, sede della Polizia Locale, Assessorato alla Cultura Biblioteca Comunale e Sala Civica Comune di Trecenta Provincia di Rovigo PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO : Edificio municipale denominato Torre Civica, sede della Polizia Locale, Assessorato alla Cultura Biblioteca Comunale e Sala Civica Interventi

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

PROPOSTE TESI 2013 LEGNO

PROPOSTE TESI 2013 LEGNO PROPOSTE TESI 2013 LEGNO LEGNO 1 Ipotesi di periodo tesi: 2013/07-2014/02 VIBRAZIONI DEI SOLAI LIGNEI STUDIO TEORICO SPERIMENTALE DELLE PROBLEMATICHE DI VIBRAZIONE DI SOLAI - Prove con martello strumentato

Dettagli