Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Reti di Calcolatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Reti di Calcolatori"

Transcript

1 Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Reti di Calcolatori Architettura del calcolatore Elementi di Programmazione

2 Esempi di algoritmi e programmi

3 Conversione lire in euro Leggi da input l importo in lire Calcola il corrispettivo in Euro Dai in output il risultato

4 Conversione lire in Euro START Leggi Lire Euro = Lire/1936,27 Stampa Euro STOP

5 Calcolo dell area di un rettangolo Leggi da input l altezza Leggi da input la base Calcola l area Dai in output il risultato

6 Calcola l area di un rettangolo START Leggi Altezza Leggi Base Area = Base*Altezza Stampa Area STOP

7 Scambio dei valori di due variabili Conserva X in una variabile temporanea Aux Assegna il valore di Y ad X Assegna il valore di Aux a Y

8 Scambio dei valori di due variabili Aux = X X = Y Y = Aux

9 Massimo tra due numeri Leggi X Leggi Y Se X > Y Stampa X Altrimenti Stampa Y

10 Massimo tra due numeri START Leggi X Leggi Y X > Y F Stampa Y V Stampa X STOP

11 Pari o dispari Leggi un numero Dividi il numero per 2 Se il resto = 0 Stampa N è pari Altrimenti Stampa N è dispari

12 Pari o dispari START R = 0 V Leggi N F Stampa Pari R = N modulo 2 Stampa Dispari STOP

13 Ricerca del massimo tra tre numeri Leggi tre numeri N1, N2, N3 Poni il massimo provvisorio MAX = N1 MAX < N2? SI --- N2 è il nuovo massimo NO --- CONTINUA MAX < N3? SI --- N3 è il nuovo massimo NO --- CONTINUA Stampa MAX

14 Ricerca del massimo tra tre numeri START Leggi N1, N2, N3 V MAX < N3 F MAX = N3 MAX = N1 Stampa MAX MAX < N2 V MAX = N2 STOP F

15 Ricerca del massimo tra N numeri positivi START I < N NO Leggi N MAX = 0 SI Leggi X Stampa MAX STOP I = 0 MAX < X MAX = X I = I+1

16 Somma di K numeri START I < K NO Leggi K S = 0 I = 0 SI Leggi N S = S+N I = I+1 Stampa S STOP

17 Prodotto di 2 numeri col metodo delle addizioni successive START N = 0 SI Leggi M,N PROD = 0 NO PROD = PROD+M Stampa PROD N = N-1 STOP

18 Media tra N numeri START I < N NO Leggi N S = 0 I = 0 SI Leggi X S = S+X I = I+1 MEDIA = S/N Stampa MEDIA STOP

19 Stabilire quanti di N numeri sono maggiori di 5 START I < N NO Leggi N CONT = 0 I = 0 SI Leggi X X > 5 CONT = CONT+1 Stampa CONT STOP I = I+1

20 Esempio START Leggi X P = X * 5 Stampa P STOP Sub main() Dim X,P as Integer X = InputBox( Dammi X ) P = X*5 PRINT P End Sub

21 Area di un rettangolo Sub main() Dim base, altezza, area as Integer base = InputBox( Inserisci la base: ) altezza = InputBox( Inserisci l altezza: ) area = base*altezza Print area End Sub

22 Dire se un triangolo è equilatero, isoscele o scaleno Sub Main() Dim A, B, C As Integer A = InputBox("Inserisci il lato A") B = InputBox("Inserisci il lato B") C = InputBox("Inserisci il lato C") If A = B And B = C Then Print "Triangolo Equilatero" ElseIf A = B Or B = C Or C = A Then Print "Triangolo Isoscele Else Print "Triangolo Scaleno End If End Sub

23 Trasformare la propria media espressa in trentesimi in centodecimi Sub Main() Dim A As Integer A = InputBox("Dammi la tua media") Print "La tua media espressa in centodecimi è"; A / 3*11 End Sub

24 Calcolare la media dei propri voti Sub Main() Dim Voto, NumeroVoti, Somma as Integer Dim media as double Print Inserisci i tuoi voti Somma = 0 NumeroVoti = 0 Voto = InputBox ( Inserisci un voto (-1 per finire) ) While Voto <> -1 NumeroVoti = NumeroVoti + 1 Somma = Somma + Voto Voto = InputBox ( Inserisci un voto (-1 per finire) ) Wend Media = Somma/NumeroVoti MsgBox La tua media è, media End Sub

25 Contare per quanti giorni la temperatura è stata superiore ai 30 gradi Sub Main() Dim Conta, Temperatura As Integer Conta = 0 MsgBox "Inserisci una serie di temperature quotidiane (terminata da -400) Temperatura = InputBox("Dammi un valore di temperatura") While Temperatura <> -400 If Temperatura > 30 Then Conta = Conta + 1 End If Temperatura = InputBox("Dammi un valore di temperatura") Wend MsgBox "Il numero totale di giorni afosi è & Conta End Sub

26 Calcolare se un certo anno sarà bisestile Sub Main() Dim Anno As Integer Anno = InputBox("Inserisci l'anno") If Anno Mod 4 = 0 Then If Anno Mod 100 = 0 And Anno Mod 400 <> 0 Then MsgBox "Anno Non Bisestile" Else MsgBox "Anno bisestile" End If Else MsgBox "Anno Non bisestile" End If End Sub

27 Come NON sommare 100 numeri (Trovare gli errori ) Conta = 0 While Conta < 100 Somma = 0 Num = InputBox( ) Somma = Somma + Num Conta = Conta + 1 Wend MsgBox Somma Conta = 0 Somma = 0 While Conta < 100 Num = InputBox( ) Somma = Somma + Num Wend MsgBox Somma Conta = 0 Somma = 0 While Conta < 100 Num = InputBox( ) Conta = Conta + 1 Wend MsgBox Somma (a) (b) (c)

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO AREA RETTANGOLO Private Sub Area() Dim h As Integer h = InputBox("altezza") b = InputBox("base") A = b * h MsgBox( L area del Rettangolo è : & A) LIRE IN EURO Dim lire As Double Dim euro As Double lire

Dettagli

Dall algoritmo al programma

Dall algoritmo al programma Dall algoritmo al programma Il concetto di algoritmo Un algoritmo è una sequenza di passi necessari per risolvere un problema o eseguire una computazione In alcuni casi, lo stesso problema/computazione

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

in termini informali: un algoritmo è una sequenza ordinata di operazioni che risolve un problema specifico

in termini informali: un algoritmo è una sequenza ordinata di operazioni che risolve un problema specifico Click to edit Algoritmo Master title style algoritmo: un insieme ordinato di operazioni non ambigue ed effettivamente computabili che, quando eseguito, produce un risultato e si arresta in un tempo finito

Dettagli

Problema: dati i voti di tutti gli studenti di una classe determinare il voto medio della classe.

Problema: dati i voti di tutti gli studenti di una classe determinare il voto medio della classe. Problema: dati i voti di tutti gli studenti di una classe determinare il voto medio della classe. 1) Comprendere il problema 2) Stabilire quali sono le azioni da eseguire per risolverlo 3) Stabilire la

Dettagli

Esercitazione 3. Espressioni booleane I comandi if-else e while

Esercitazione 3. Espressioni booleane I comandi if-else e while Esercitazione 3 Espressioni booleane I comandi if-else e while Esercizio Si consideri la seguente istruzione: if (C1) if (C2) S1; else S2; A quali delle seguenti interpretazioni corrisponde? if (C1) if

Dettagli

I costrutti forniti dal linguaggio si dividono in corrispondenti classi di istruzioni

I costrutti forniti dal linguaggio si dividono in corrispondenti classi di istruzioni Classi di istruzioni In maniera simile a quanto fatto per i dati, un linguaggio mette a disposizione dei costrutti per realizzare la parte esecutiva dell algoritmo. Questa consiste di: Leggi i valori di

Dettagli

Esercitazioni di Elementi di Informatica

Esercitazioni di Elementi di Informatica Esercitazioni di Elementi di Informatica Docente: Prof. Angelo Chianese angelo.chianese@unina.it Tutor: Ing. Antonio Picariello antonio.picariello@unina.it Interpreti e Compilatori Interprete Es. Qbasic

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 2 Cicli e anomalie

Introduzione a Visual Basic Lezione 2 Cicli e anomalie a Visual Basic Lezione 2 Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Perché i cicli? Un esempio concreto Finora abbiamo visto

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Architettura del calcolatore Reti di Calcolatori Elementi di Programmazione Algoritmi e programmi Algoritmo Sequenza

Dettagli

Risoluzione Esercizi. Esercizio 1: Flow Chart

Risoluzione Esercizi. Esercizio 1: Flow Chart Esercizio 1: Problema Calcolare area e perimetro di una figura geometrica fornita in input. Le possibili figure geometriche ih sono cerchio, triangolo, rettangolo e quadrato 1 2 Esercizio 1: Analisi Il

Dettagli

Introduzione agli Algoritmi

Introduzione agli Algoritmi Introduzione agli Algoritmi Informatica Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Informatica () Introduzione agli Algoritmi A.A. 2012-2013 1 / 25 Risoluzione dei problemi Dalla descrizione del problema all individuazione

Dettagli

Esercizio 1: Problema. Risoluzione Esercizi. Esercizio 1: Flow Chart

Esercizio 1: Problema. Risoluzione Esercizi. Esercizio 1: Flow Chart Esercizio 1: Problema Calcolare area e perimetro di una figura geometrica fornita in input. Le possibili figure geometriche sono cerchio, triangolo, rettangolo e quadrato 1 2 Esercizio 1: Analisi Il problema

Dettagli

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base:

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base: LA STRUTTURA DI RIPETIZIONE La ripetizione POST-condizionale La ripetizione PRE-condizionale INTRODUZIONE (1/3) Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto

Dettagli

Laboratorio di programmazione

Laboratorio di programmazione Laboratorio di programmazione Lezione II Tatiana Zolo zolo@cs.unipr.it 1 IL PROGRAMMA C++ Istruzioni (espressioni terminate da ; ) istruzioni di dichiarazione (es. int x = 0;); istruzioni di assegnamento

Dettagli

MODULO 4: LE STRUTTURE ITERATIVE: FOR, WHILE E DO LOOP UNTIL

MODULO 4: LE STRUTTURE ITERATIVE: FOR, WHILE E DO LOOP UNTIL MODULO 4: LE STRUTTURE ITERATIVE: FOR, WHILE E DO LOOP UNTIL La struttura di ripetizione o iterativa o ciclo Essa, in generale, consente di ripetere l esecuzione di una porzione di algoritmo più volte,

Dettagli

Valori Alfanumerici. Informatica di Base -- R.Gaeta 1

Valori Alfanumerici. Informatica di Base -- R.Gaeta 1 Valori Alfanumerici Finora abbiamo utilizzato solo valori numerici; Se vogliamo usare valori alfanumerici (caratteri e numeri), usiamo le stringhe; In Logo le stringhe si delimitano con le parentesi quadre;

Dettagli

1 - Visualizzare una scritta sullo schermo.

1 - Visualizzare una scritta sullo schermo. 1 - isualizzare una scritta sullo schermo. visualizza ciao cout >

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Rappresentazione con i diagrammi di flusso (Flow - chart)

Rappresentazione con i diagrammi di flusso (Flow - chart) Rappresentazione con i diagrammi di flusso (Flow - chart) Questo tipo di rappresentazione grafica degli algoritmi, sviluppato negli anni 50, utilizza una serie di simboli grafici dal contenuto evocativo

Dettagli

Preparati per il compito in classe Modulo 5

Preparati per il compito in classe Modulo 5 Preparati per il compito in classe Modulo 5 Hai i dati relativi a una serie di N (con N < 20) cinema, per ogni cinema si conoscono il nome e l incasso. Scrivi un programma che, presi in input tali dati,

Dettagli

Esercitazione 5. Procedure e Funzioni Il comando condizionale: switch

Esercitazione 5. Procedure e Funzioni Il comando condizionale: switch Esercitazione 5 Procedure e Funzioni Il comando condizionale: switch Comando: switch-case switch (espressione) { /* espressione deve essere case costante1: istruzione1 di tipo int o char */ [break]; case

Dettagli

L ELABORATORE ELETTRONICO

L ELABORATORE ELETTRONICO L ELABORATORE ELETTRONICO Il calcolatore elettronico è uno strumento in grado di eseguire insiemi di azioni ( mosse ) elementari le azioni vengono eseguite su oggetti (dati) per produrre altri oggetti

Dettagli

Rappresentazione degli algoritmi

Rappresentazione degli algoritmi Rappresentazione degli algoritmi Universitá di Ferrara Ultima Modifica: 21 ottobre 2014 1 1 Diagramma di flusso Utilizzare il diagramma di flusso per rappresentare gli algoritmi che risolvono i seguenti

Dettagli

Diagramma a blocchi per la selezione, in un mazzo di chiavi, di quella che apre un lucchetto

Diagramma a blocchi per la selezione, in un mazzo di chiavi, di quella che apre un lucchetto Diagramma a blocchi per la selezione, in un mazzo di chiavi, di quella che apre un lucchetto 14 1. Dato un numero dire se è positivo o negativo 2. e se il numero fosse nullo? 3. Eseguire il prodotto tra

Dettagli

Formalismi per la descrizione di algoritmi

Formalismi per la descrizione di algoritmi Formalismi per la descrizione di algoritmi Per descrivere in passi di un algoritmo bisogna essere precisi e non ambigui Il linguaggio naturale degli esseri umani si presta a interpret non univoche Si usano

Dettagli

Programmazione con il linguaggio LibreOffice Basic

Programmazione con il linguaggio LibreOffice Basic Programmazione con il linguaggio LibreOffice Basic L ambiente di programmazione Il software LibreOffice possiede un ambiente di programmazione in linguaggio Basic, che consente di creare procedure software

Dettagli

1) Dati in ingresso 2 numeri, l algoritmo calcola e stampa a video la loro somma

1) Dati in ingresso 2 numeri, l algoritmo calcola e stampa a video la loro somma Algoritmo: E un insieme finito di azioni che risolvono un determinato problema, trasformando i dati di input in di dati di output (o risultati) attraverso relazioni o formule che legano i dati in ingresso

Dettagli

= < < < < < Matematica 1

= < < < < < Matematica  1 NUMERI NATURALI N I numeri naturali sono: 0,1,2,3,4,5,6,7,8,9,10,11,12,13,... L insieme dei numeri naturali è indicato con la lettera. Si ha cioè: N= 0,1,2,3,4,5,6,7,.... L insieme dei naturali privato

Dettagli

28/02/2014 Copyright V. Moriggia

28/02/2014 Copyright V. Moriggia Informatica per la Finanza 3 Le variabili in VBA Altri I/O 28/02/2014 Copyright 2005-2007 V. Moriggia 1 28/02/2014 3.2 Le variabili in VBA V. Moriggia 1 28/02/2014 3.3 Dichiarazione di variabili in VBA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE STRUTTURATA

PROGRAMMAZIONE STRUTTURATA PROGRAMMAZIONE STRUTTURATA Programmazione strutturata 2 La programmazione strutturata nasce come proposta per regolamentare e standardizzare le metodologie di programmazione (Dijkstra, 1965) Obiettivo:

Dettagli

Espressioni semplici e condizionali

Espressioni semplici e condizionali LIA - DEIS - Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna Elementi di informatica L Corso di laurea in Ingegneria Chimica - Anno Accademico 2007-2008 Espressioni semplici e condizionali Esercizio 1 Progettare

Dettagli

Introduzione alla programmazione Algoritmi e diagrammi di flusso. Sviluppo del software

Introduzione alla programmazione Algoritmi e diagrammi di flusso. Sviluppo del software Introduzione alla programmazione Algoritmi e diagrammi di flusso F. Corno, A. Lioy, M. Rebaudengo Sviluppo del software problema idea (soluzione) algoritmo (soluzione formale) programma (traduzione dell

Dettagli

VBA Principali Comandi

VBA Principali Comandi VBA Principali Comandi Sintassi Significato Esempio Dim As Dichiarazione Dim x As Integer di una variabile Dim , , ,.,

Dettagli

Esempio: somma di due numeri

Esempio: somma di due numeri Esempio: somma di due numeri Scrivere l algoritmo che esegue la somma di due numeri ESEMPIO: somma di due numeri

Dettagli

Esercizi Programmazione I

Esercizi Programmazione I Esercizi Programmazione I 9 Novembre 201 Esercizio 1 Valutare e dare il tipo delle seguenti espressioni condizionali. 1 char a= a, b= b ; // a ha v a l o r e decimale 97 2 i n t i= 1, j= 2 ; 3 double x=

Dettagli

L ELABORATORE ELETTRONICO!

L ELABORATORE ELETTRONICO! L ELABORATORE ELETTRONICO! Il calcolatore elettronico è uno strumento in grado di eseguire insiemi di azioni ( mosse ) elementari le azioni vengono eseguite su oggetti (dati) per produrre altri oggetti

Dettagli

Compitino di Laboratorio di Informatica CdL in Matematica 13/11/2007 Teoria Compito A

Compitino di Laboratorio di Informatica CdL in Matematica 13/11/2007 Teoria Compito A Matematica 13/11/2007 Teoria Compito A Domanda 1 Descrivere, eventualmente utilizzando uno schema, gli elementi funzionali di una CPU. Domanda 2 Java è un linguaggio compilato o interpretato? Motivare

Dettagli

IMPOSTAZIONI DI EXCEL. Per rendere disponibile l ambiente di sviluppo di Visual Basic for Application in Excel:

IMPOSTAZIONI DI EXCEL. Per rendere disponibile l ambiente di sviluppo di Visual Basic for Application in Excel: Impostazioni di Excel IMPOSTAZIONI DI EXCEL Per rendere disponibile l ambiente di sviluppo di Visual Basic for Application in Excel: Excel Options / Popular oppure Excel Options / Customize ribbon selezionare:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo

PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Le tre modalità La modalità basilare di esecuzione di un programma è la sequenza: le istruzioni vengono eseguite una dopo l

Dettagli

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 7/11/2011. Prof. Raffaele Nicolussi

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 7/11/2011. Prof. Raffaele Nicolussi Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 7/11/2011 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via del Policlinico, 147-00161 Roma Docente Raffaele Nicolussi rnicolussi@fub.it Lezioni

Dettagli

Problemi e algoritmi. Il che cosa ed il come. Il che cosa ed il come. Il che cosa e il come

Problemi e algoritmi. Il che cosa ed il come. Il che cosa ed il come. Il che cosa e il come Problemi e algoritmi Il che cosa e il come Problema: descrive che cosa si deve calcolare Specifica (di un algoritmo): descrive che cosa calcola un algoritmo Algoritmo: descrive come effettuare un calcolo

Dettagli

Istruzioni Condizionali

Istruzioni Condizionali Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 6 Istruzioni Condizionali Carla Limongelli Settembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Istruzioni condizionali

Dettagli

Algoritmi, Strutture Dati e Programmi. UD 2.b: Programmazione in Pascal

Algoritmi, Strutture Dati e Programmi. UD 2.b: Programmazione in Pascal Algoritmi, Strutture Dati e Programmi : Programmazione in Pascal Prof. Alberto Postiglione AA 2007-2008 Università degli Studi di Salerno Il Linguaggio di Programmazione Pascal Esistono molti linguaggi

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO A.S. 2015/2016 CLASSE 1 SEZ T PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DOCENTE Prof. Massimo Leone DISCIPLINA Informatica UDA1: Introduzione all Informatica. La rappresentazione delle informazioni Concetti elementari

Dettagli

Programmazione a blocchi. Algobuild Prof. Sergio Roselli

Programmazione a blocchi. Algobuild Prof. Sergio Roselli Programmazione a blocchi Algobuild Prof. Sergio Roselli Blocchi base Inizio programma I Fine programma F Input IN A Output Esecuzione OUT A A = 5 + 1 L interprete Algobuild Algobuildpermette di trascrivere

Dettagli

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt);

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt); Un esempio per iniziare Il controllo del programma in C DD Cap.3 pp.91-130 /* calcolo di 8!*/ #include #define C 8 int main() int i=1; int fatt=1; while (i

Dettagli

Esercizio su quadrati sovrapposti alternati: problema

Esercizio su quadrati sovrapposti alternati: problema Esercizio su quadrati sovrapposti alternati: problema Riprodurre i disegni del tipo riportato in figura, in cui è possibile decidere il numero di quadrati da tracciare, il lato del quadrato più in basso

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Cognome e Nome : Corso e Anno di Immatricolazione: Modalità di Laboratorio (Progetto/Prova) :

Cognome e Nome : Corso e Anno di Immatricolazione: Modalità di Laboratorio (Progetto/Prova) : PROGRAMMAZIONE (Corsi B e C) Pre-appello di Gennaio 2004 (A.A. 2003/2004) PROGRAMMAZIONE (B e C) S. Straordinaria - Appello di Gennaio (A.A. 2002/2003) 22 Gennaio 2004 ore 11 Aula II di Facoltà (Durata:

Dettagli

Esercizio: dispari-pari

Esercizio: dispari-pari Esercizio: dispari-pari Dato un numero, verificare se è pari o dispari e stampare il relativo messaggio N := N - 2 write "pari" read N N > 1 N = 0 write "dispari" read N while (N > 1) N := N 2 while if

Dettagli

Elaboratore Elettronico

Elaboratore Elettronico L ELABORATORE ELETTRONICO Il calcolatore elettronico è uno strumento in grado di eseguire insiemi di azioni ( mosse ) elementari le azioni vengono eseguite su oggetti (dati)) per produrre rre altri oggetti

Dettagli

Visual Basic For Application Guida Pratica per Esempi

Visual Basic For Application Guida Pratica per Esempi 2016 Visual Basic For Application Guida Pratica per Esempi Ing. Nicola Cappuccio 02/04/2016 1. VBA - Visual Basic For Application... 2 1.1. Come creare una Macro... 2 Attivare l opzione di sviluppo in

Dettagli

Prova di Laboratorio del [ Corso A-B di Programmazione (A.A. 2004/05) Esempio: Media Modalità di consegna:

Prova di Laboratorio del [ Corso A-B di Programmazione (A.A. 2004/05) Esempio: Media Modalità di consegna: Prova di Laboratorio del 12.1.2005 [durata 90 min.] Corso A-B di Programmazione (A.A. 2004/05) 1. Leggere da tastiera un insieme di numeri interi ed inserirli in un vettore A 2. Calcolare tramite una funzione

Dettagli

Esercizi di programmazione in C

Esercizi di programmazione in C Esercizi di programmazione in C Esercizio 1 Scrivere un programma in linguaggio C che legga da tastiera una sequenza di lunghezza ignota a priori di numeri interi positivi. Il programma, a partire dal

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Laurea in Bioinformatica

Laboratorio di Programmazione Laurea in Bioinformatica Laboratorio di Programmazione Laurea in Bioinformatica 15 dicembre 2008 1 Programmazione strutturata 1.1 Esercizio 1 Si scriva lo pseudocodice di un programma che calcola la media di due numeri reali.

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE 2015/2016 Classe 2ª Sez. C Tecnologico

PROGRAMMA DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE 2015/2016 Classe 2ª Sez. C Tecnologico ISTITUTO TECNICO STATALE MARCHI FORTI Viale Guglielmo Marconi n 16-51017 PESCIA (PT) - ITALIA PROGRAMMA DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE 2015/2016 Classe 2ª Sez. C Tecnologico Docente PARROTTA GIOVANNI

Dettagli

Esempio (if): equazione di secondo grado

Esempio (if): equazione di secondo grado Esempio (if): equazione di secondo grado /* Programma che calcola le radici di un equazione di secondo grado: ax2+bx+c=0 */ #include /*libreria standard matematica*/ main() { float a,b,c; /*coefficienti

Dettagli

Politecnico di Torino Sede di Alessandria Corso di informatica Programmazione in c: introduzione. e mail: sito: users.iol.

Politecnico di Torino Sede di Alessandria Corso di informatica Programmazione in c: introduzione. e mail: sito: users.iol. Politecnico di Torino Sede di Alessandria Corso di informatica Programmazione in c: introduzione prof. Lorenzo Porcelli e mail: genna18@iol.it sito: users.iol.it/genna18 Risoluzione di un problema Dato

Dettagli

Alcuni esercizi. 1. Valutazione in cortocircuito 2. If e if innestati 3. Switch 4. Cicli

Alcuni esercizi. 1. Valutazione in cortocircuito 2. If e if innestati 3. Switch 4. Cicli Alcuni esercizi 1. Valutazione in cortocircuito 2. If e if innestati 3. Switch 4. Cicli Stampa di voti Esempio 1 (switch) Realizzare un programma che legge da input un voto (carattere tra A ed E ) e ne

Dettagli

IL LINGUAGGIO Visual Basic

IL LINGUAGGIO Visual Basic Caratteristiche del linguaggio VB Linguaggio basato sugli eventi IL LINGUAGGI Visual Basic I programmi non sono procedurali, poiche non seguono una sequenza operativa. gni programma si basa infatti su

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa E04 Esempi di algoritmi e programmi C. Limongelli - A. Miola Settembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Esempi

Dettagli

VARIABILI E COSTANTI

VARIABILI E COSTANTI VARIABILI E COSTANTI - Variabili e costanti - 1 PROBLEMA: Calcolo dell area di un triangolo di base b e altezza h. area = b ------------ h 2 ESEMPIO: b = 2,4 h = 1,5 area = 2,4 -------------------- 1,5

Dettagli

LEZIONE 3: SELEZIONE

LEZIONE 3: SELEZIONE LEZIONE 3: SELEZIONE CON TIPI NUMERICI Esercizio 1 Scrivere un'applicazione che richieda l'immissione di un numero intero e comunichi all'utente se il numero e' pari o dispari. Nota. Utilizzare l'operatore

Dettagli

Classe 1C E-book di informatica Marco Ciani

Classe 1C E-book di informatica Marco Ciani Sommario Capitolo 1: Il sistema di numerazione binario... 4 Dalla base 10 alla base 2... 4 Dalla base 2 alla base 10... 4 Capitolo 2: Operazioni in base 2... 5 Somma... 5 Sottrazione... 5 Moltiplicazione...

Dettagli

Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione. è uno strumento in grado di eseguire insiemi di azioni elementari.

Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione. è uno strumento in grado di eseguire insiemi di azioni elementari. Esistono varie definizioni: Informatica Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione.

Dettagli

Matlab : le basi. Vediamo ora un esercizio di calcolo: Il volume di una sfera è dato da V=4*π*r 3 /3 dove r è il raggio.

Matlab : le basi. Vediamo ora un esercizio di calcolo: Il volume di una sfera è dato da V=4*π*r 3 /3 dove r è il raggio. Matlab : le basi Vediamo ora un esercizio di calcolo: Il volume di una sfera è dato da V=4*π*r 3 /3 dove r è il raggio. Usare Matlab per calcolare il raggio di una sfera che ha un volume maggiore del 30%

Dettagli

ELEMENTI DI INFORMATICA L-B. Ing. Claudia Chiusoli

ELEMENTI DI INFORMATICA L-B. Ing. Claudia Chiusoli ELEMENTI DI INFORMATICA L-B Ing. Claudia Chiusoli Materiale Lucidi delle lezioni Date degli appelli Testi di esami precedenti Informazioni e contatti http://www.lia.deis.unibo.it/courses/ Programma del

Dettagli

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 10

Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 10 Introduzione alla Programmazione e Applicazioni per la Finanza M2 (Prodotti Derivati) Lezione 10 Anno accademico 2006-07 Titolare corso: Prof. Costanza Torricelli Docente: Dott.ssa Marianna Brunetti La

Dettagli

Esempi problemi risolti con Scratch. Tecnologie Informatiche Roberto Foschini

Esempi problemi risolti con Scratch. Tecnologie Informatiche Roberto Foschini Esempi problemi risolti con Scratch Tecnologie Informatiche 2015-2016 Roberto Foschini Determina i giorni dato il mese Q. Leggi il numero del MESE Stampa il numero di GIORNI Inizio Leggi MESE N.B.: 30

Dettagli

::= ::= ::= ;

<istruzione> ::= <istruzione-semplice> <istruzione> ::= <istruzione-di-controllo> <istruzione-semplice> ::= <espressione> ; ISTRUZIONI Le istruzioni esprimono azioni che, una volta eseguite, comportano una modifica permanente dello stato interno del programma o del mondo circostante. Le strutture di controllo permettono di

Dettagli

La principale modalità di calcolo è l applicazione di funzioni

La principale modalità di calcolo è l applicazione di funzioni 1 La principale modalità di calcolo è l applicazione di funzioni Nei linguaggi funzionali puri non esistono strutture di controllo predefinite per la realizzazione di cicli quali for, while, repeat Un

Dettagli

VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole.

VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole. Excel VBA VBA Visual Basic for Application VBA è un linguaggio di scripting derivato da Visual Basic, da cui prende il nome. Come ogni linguaggio ha le sue regole. 2 Prima di iniziare. Che cos è una variabile?

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 07/02/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

ISTRUZIONI ISTRUZIONI

ISTRUZIONI ISTRUZIONI ISTRUZIONI Le istruzioni esprimono azioni che, una volta eseguite, comportano una modifica permanente dello stato interno del programma o del mondo circostante. Le strutture di controllo permettono di

Dettagli

Laboratorio di informatica Ingegneria Clinica. Esercitazione 2 10 Ottobre 2011

Laboratorio di informatica Ingegneria Clinica. Esercitazione 2 10 Ottobre 2011 Laboratorio di informatica Ingegneria Clinica Esercitazione 2 10 Ottobre 2011 Istruzioni Istruzioni di Input/Output Istruzioni di assegnamento Istruzioni di controllo Permettono di modificare il flusso

Dettagli

Macroarea di Ingegneria 2016/17. Tutor: prof. Francesco De Vincenzi

Macroarea di Ingegneria 2016/17. Tutor: prof. Francesco De Vincenzi Corso di Fondame enti di Informatica Macroarea di Ingegneria 2016/17 Tutor: prof Francesco De Vincenzi MATLAB: Gli script MATLAB: Esempio di script Area di un triangolo dati base e altezza base=input('inserisci

Dettagli

STRUTTURE DI CONTROLLO

STRUTTURE DI CONTROLLO STRUTTURE DI CONTROLLO - Strutture di controllo - 1 Algoritmo per il cambio della ruota Inizio chiama il meccanico V ruota di scorta bucata F solleva l auto svita un bullone tutti svitati V togli la ruota

Dettagli

Costrutti condizionali e iterativi

Costrutti condizionali e iterativi Costrutti condizionali e iterativi Introduction to Fortran 90 Paolo Ramieri, CINECA Aprile 2014 Strutture di controllo Le strutture di controllo permettono di alterare la sequenza di esecuzione delle istruzioni

Dettagli

Come va usato il codice dei caratteri

Come va usato il codice dei caratteri Espressioni booleane Come va usato il codice dei caratteri Convertiamo una lettera minuscola in maiuscolo: char lower = k ; char upper = (char) (lower - a + A ); printf("%c", upper); Convertiamo un carattere

Dettagli

Un algoritmo realizza una relazione funzionale tra i valori di input e quelli di output

Un algoritmo realizza una relazione funzionale tra i valori di input e quelli di output Un algoritmo realizza una relazione funzionale tra i valori di input e quelli di output F = { (s, s ) } per ogni s esiste una e una sola coppia (s, s ). Esempio: un algoritmo che calcola il quadrato di

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Introduzione alla programmazione

Introduzione alla programmazione Introduzione alla programmazione Risolvere un problema Per risolvere un problema si procede innanzitutto all individuazione Delle informazioni, dei dati noti Dei risultati desiderati Il secondo passo consiste

Dettagli

Variabili strutturate

Variabili strutturate Esempio Ordinamento crescente di numeri: 25 7 I passo: 25 7 25 7 7 25 7 25 Variabili strutturate in due scambi 25 è stato portato al suo posto Gli array II passo: 7 25 7 25 7 25 in uno scambio 7 è stato

Dettagli

Programma di matematica classe I sez. E a.s

Programma di matematica classe I sez. E a.s Programma di matematica classe I sez. E a.s. 2015-2016 Testi in adozione: Leonardo Sasso vol.1- Ed. Petrini La matematica a colori Edizione blu per il primo biennio MODULO A: I numeri naturali e i numeri

Dettagli

Informatica ALGORITMI E LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE. Francesco Tura. F. Tura

Informatica ALGORITMI E LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE. Francesco Tura. F. Tura Informatica ALGORITMI E LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE Francesco Tura francesco.tura@unibo.it 1 Lo strumento dell informatico: ELABORATORE ELETTRONICO [= calcolatore = computer] Macchina multifunzionale Macchina

Dettagli

La scrittura di un programma Modellizzazione del programma Scrittura del codice Esercizi. Sperimentazioni I. Alberto Garfagnini, Marco Mazzocco

La scrittura di un programma Modellizzazione del programma Scrittura del codice Esercizi. Sperimentazioni I. Alberto Garfagnini, Marco Mazzocco Sperimentazioni I Alberto Garfagnini, Marco Mazzocco Università degli studi di Padova 10 Novembre 2011 La scrittura di un programma Modellizzazione programma Flowcharts Pseudocode Scrittura del codice

Dettagli

Sviluppo di programmi. E ora, finalmente. Si comincia! 1. Analizzare il problema. 2. Progettare una soluzione (1) E necessario capire:

Sviluppo di programmi. E ora, finalmente. Si comincia! 1. Analizzare il problema. 2. Progettare una soluzione (1) E necessario capire: Sviluppo di programmi Per scrivere un programma C corretto bisogna: E ora, finalmente Si comincia! DD Cap. pp.4974 Analizzare il problema (input, output, casi estremali) 2. Progettare una soluzione (algoritmo)

Dettagli

Corso di Informatica 1 Esercitazione n. 4

Corso di Informatica 1 Esercitazione n. 4 Corso di Informatica 1 Esercitazione n. 4 Marco Liverani Esercizio n. 1 Letti in input due numeri interi n > 0 e k > 1 costruire un array A di n numeri interi casuali minori di 100 che non siano multipli

Dettagli

Problemi, algoritmi e oggetti

Problemi, algoritmi e oggetti Fondamenti di informatica Oggetti e Java Luca Cabibbo Capitolo 5 Marzo 2007 1 Fondamenti di informatica: Oggetti e Jav Contenuti... Problemi e algoritmi comprensione del problema identificazione di un

Dettagli

Esercitazione. Esercizio 1 Scrivere un programma che calcoli e visualizzi la somma degli interi pari da 2 a 1000 (estremi compresi)

Esercitazione. Esercizio 1 Scrivere un programma che calcoli e visualizzi la somma degli interi pari da 2 a 1000 (estremi compresi) Esercitazione Oggi dovremo di nuovo usare funzioni sui reali. Ma il C non ha operatori nativi del linguggio per queste operazioni, come la radice quadrata, l'elevamento a potenza o l'arrotondamento. Per

Dettagli

Esercitazione 4. Comandi iterativi for, while, do-while

Esercitazione 4. Comandi iterativi for, while, do-while Esercitazione 4 Comandi iterativi for, while, do-while Comando for for (istr1; cond; istr2) istr3; Le istruzioni vengono eseguite nel seguente ordine: 1) esegui istr1 2) se cond è vera vai al passo 3 altrimenti

Dettagli

La scrittura di un programma Modellizzazione del programma Scrittura del codice Esercizi. Sperimentazioni I. Alberto Garfagnini, Marco Mazzocco

La scrittura di un programma Modellizzazione del programma Scrittura del codice Esercizi. Sperimentazioni I. Alberto Garfagnini, Marco Mazzocco Sperimentazioni I Alberto Garfagnini, Marco Mazzocco Università degli studi di Padova 30 Ottobre 2013 La scrittura di un programma Modellizzazione programma Flowcharts Pseudocode Scrittura del codice Esercizi

Dettagli

Introduzione all Informatica Scienze Naturali / Restauro - Unical 1 Dispensa 1

Introduzione all Informatica Scienze Naturali / Restauro - Unical 1 Dispensa 1 Introduzione all Informatica Scienze Naturali / Restauro - Unical 1 Dispense del corso di Introduzione all Informatica del Corso di Laurea in Scienze Naturali e Corso di Laurea in Tecnologie per la Conservazione

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Classi di istruzioni 2

Corso di Fondamenti di Informatica Classi di istruzioni 2 Corso di Informatica Classi di istruzioni 2 Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella Strutture di controllo Caratteristica essenziale degli algoritmi è la possibilità di decidere le operazioni da

Dettagli

Dall analisi alla codifica (1)

Dall analisi alla codifica (1) Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 09 Dall analisi alla codifica (1) Aprile 2010 Dall'analisi alla codifica (1) 1 Contenuti... Problemi e algoritmi comprensione del problema

Dettagli

Lezione 6 programmazione in Java

Lezione 6 programmazione in Java Lezione 6 programmazione in Java Nicola Drago drago@sci.univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Anteprima Le costanti I vettori Cos è un vettore Come si usa I vari tipi di vettori Esempi

Dettagli

Esercizi C su array e matrici

Esercizi C su array e matrici Politecnico di Milano Esercizi C su array e matrici Massimo, media e varianza,, ordinamento, ricerca e merge, matrice simmetrica, puntatori Array Array o vettore Composto da una serie di celle int vett[4]

Dettagli

INFORMATICA. Scienza degli elaboratori elettronici (Computer. informazione

INFORMATICA. Scienza degli elaboratori elettronici (Computer. informazione Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione elaborazione

Dettagli

Basi della programmazione in Java. Anteprima. Uso delle variabili. Il concetto di variabile Uso delle variabili. Input da tastiera I tipi Esercizi

Basi della programmazione in Java. Anteprima. Uso delle variabili. Il concetto di variabile Uso delle variabili. Input da tastiera I tipi Esercizi Basi della programmazione in Java Nicola Drago nicola.drago@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Anteprima Il concetto di variabile Uso delle variabili Dichiarazione Assegnamento Visualizzazione

Dettagli