ISBN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN 978-88-88343-65-5"

Transcript

1

2 2008 osservatorio del turismo della regione calabria 2008 le nuvole - editoria e arti visive via F.lli Cervi 17/L Cosenza - e.mail: ISBN

3 REGIONE CALABRIA ASSESSORATO TURISMO E BENI CULTURALI CALABRIA 2008 OTTAVO RAPPORTO SUL TURISMO Osservatorio del turismo della Regione Calabria

4

5 Coordinamento generale: Emilio Becheri A cura di: Emilio Becheri, Mariza Righetti, Maurizio Biasi Per il Comitato Scientifico: Mara Manente Segreteria Organizzativa: Mariza Righetti (Direttore delle Ricerche), Maurizio Biasi Salvatore Nudo, Paolo Cosco, Letizia F. Perri, Fabio Cerchiaro, Cinzia Pasqua, Teresa Gentile, Caterina Rossi, Antonino Coppola. Contributi: Pasquale Anastasi Ottavio Doria Salvatore Nudo Emilio Becheri Vincenzo Farina Mara Manente Maurizio Biasi Sonia Ferrari Giancarlo Perani Rodolfo Bova Isabella Furfaro Domenico Riga Fabio Cerchiaro Teresa Gentile Mariza Righetti Anna Cipparrone Piero Greco Francesco Sesso Luigi Cipparrone Gianfranco Ielo Medina Tursi Prato

6 Si ringraziano: Per la Provincia di Catanzaro: Paola Fragale, Sebastiano Jannini, Il Presidio Statistico; per la Provincia di Cosenza: Gilda De Vincenzo, Luigi O. Gabriele, IAT Castrovillari: Benedetto Di Diego, Giulio La Sala, Fedele La Vitola, Giuseppe Percoco, Luigi Perfetti, IAT Guardia Piemontese: Pierino Frisonne, Arnaldo Perri, Vita Perrone, Ottaviano Pinto, Maria Vattimo; per la Provincia di Crotone: Vito Barresi, Domenico Ioele, Serafino Militi, Vincenzo Ferro, Vincenzo Pascuzzi, Carolina Proietto, Franco Scicchitano, Francesco Virardi; per la Provincia di Reggio Calabria: Paolo Morisani, Carena De Diego, Marcello Chindamo, Antonia Fusco Foti; per la Provincia di Vibo Valentia: Ferdinando Barillaro, Antonio Sarica, Giuseppe Timpano; Associazione Borghi Autentici d Italia; Direzione Aeroporto S. ANNA Crotone: Paolo Filippelli; Direzione Aeroporto SACAL Lamezia Terme: Giorgio Rogliano, Spagnoli; Direzione SOGAS Reggio Calabria: Nicodemo Macrì; ISTAT; per la Multimedia System: Alessandro Coccimiglio, Giuseppe Correale; Maurizio Anzillotti; Lorenzo Briani; Oreste Montebello; Monica Perez; Maria Gabriella Picciotti; Pietro Pietramale; Nicola Tolone; Alberto Vega; Gruppo Dirigente FIBA Confesercenti Calabria, Francesco Imbroisi; Ufficio Spagnolo del Turismo di Roma.

7 I II III IL SISTEMA D ACCOGLIENZA LA DOMANDA INDICE CONTRIBUTI LE STATISTICHE DEL TURISMO NON RILEVATO.. di Maurizio Biasi e Mariza Righetti di Maurizio Biasi e Mariza Righetti di Maurizio Biasi e Mariza Righetti IV L ECONOMIA DEL TURISMO di Mara Manente V LA RETE DEI COLLEGAMENTI di Teresa Gentile VI NAUTICA DA DIPORTO di Teresa Gentile VII L ACCOGLIENZA DIURNA di Fabio Cerchiaro, Vincenzo Farina e Salvatore Nudo VIII IX X XI LE RETI SENTIERISTICHE COME OPPORTUNITA DI SVILUPPO TURISTICO ECOSOSTENIBILE IL TURISMO CULTURALE TURISMO SUBACQUEO IL VALORE AGGIUNTO DEI PIANI INTEGRATI TERRITORIALI di Domenico Riga di Anna Cipparrone e Medina Tursi Prato di Isabella Furfaro, Piero Greco e Francesco Sessoi di Pasquale Anastasi, Rodolfo Bova, Ottavia Doria e Gianfranco Ielo XII LA FORMAZIONE E LE FIGURE PROFESSIONALI di Sonia Ferrari XIII GRUB AUS di Luigi Cipparrone ALCUNE LINEE STRATEGICHE CONSIDERAZIONI FINALI POR CALABRIA di Emilio Becheri di Giancarlo Perani Estratto

8

9 PRESENTAZIONE Negli ultimi anni la Calabria ha avuto un momento di grande successo e sviluppo turistico, conseguendo un posizionamento migliore in termini di quota di mercato: dal 2000 ad oggi infatti è cresciuta dall 1,9% al 2,2%; in termini di valori assoluti si è passati dai milioni del 2000 agli milioni del 2006, con una variazione del 29,8%, corrispondente ad un tasso medio di incremento annuo di più del 4,4%. L evoluzione delle attività turistiche ha visto una notevole accelerazione, non solo da un punto di vista dimensionale, ma anche e soprattutto su di un piano qualitativo. A fronte di questo trend positivo, tuttavia, permangono alcuni problemi di fondo che da sempre caratterizzano il turismo regionale: - l orientamento della domanda, quasi esclusivamente rivolto, al turismo balneare; - la localizzazione del movimento lungo le zone costiere; - la scarsa incidenza delle presenze straniere; - l importanza del movimento generato dalle abitazioni per vacanza o seconde case che assume dimensioni notevoli non rilevate dalle statistiche ufficiali, a tal proposito, è stato realizzato un censimento del patrimonio abitativo ad uso turistico e delle relative presenze con la collaborazione delle Amministrazioni Comunali (per la prima volta) a livello regionale. Per smuovere tali atteggiamenti consolidati occorre tempo ed è opportuno un piano strategico di lungo periodo, peraltro in corso di realizzazio-

10 ne presso l Osservatorio del Turismo. Bisogna mirare a obiettivi contenuti che si solidificano e si consolidano nel corso degli anni, consentendo il recupero dei gap individuati. In tal senso debbono essere impostate alcune linee d azione che confluiscono nella programmazione comunitaria attraverso il POIN, avendo ben presente che lo sviluppo del turismo internazionale si gioca tutto sulla combinazione fra soggiorno e mezzi di trasporto. L Osservatorio del Turismo arrivato all ottava edizione con la presente pubblicazione ha continuato a svolgere negli anni la sua funzione essenziale di riferimento per gli operatori, gli esperti e gli addetti al comparto del turismo e, anche, dei beni culturali, mettendo di volta in volta in evidenza i problemi cruciali ed individuando linee strategiche di sviluppo. Tradizionalmente il Rapporto sul turismo in Calabria non è solo un volume di statistiche ma anche un documento di considerazioni e proposte qualitative che più volte hanno fatto riferimento alle tradizioni ed alle immagini della regione con valutazioni sulle diverse identità e sulla marca di sintesi regionale, nel quadro dei grandi mutamenti che si stanno realizzando nel mondo del turismo. È in questa logica che debbono essere valutati i diversi contributi presentati, da quello relativo alla stima del numero e del movimento attivato dalle abitazioni utilizzate per vacanza, a quello sulla fotografia e la cartolina, nella consapevolezza che si tratta di diversi approcci possibili per capire e gestire l identità della Calabria, dei suoi territori e dei suoi turismi, proprio partendo dalle testimonianze di un vissuto locale che si fa storia. La struttura del volume è articolata in tre parti:

11 - nella prima parte vengono analizzati il sistema d accoglienza e la domanda, considerando il movimento turistico attivato nella regione. Segue la presentazione dei risultati relativi al censimento sulle seconde a- bitazioni ad utilizzo turistico ; il monitoraggio sull evoluzione del sistema di trasporti, e un approfondendo sulla nautica da diporto; - nella seconda parte vengono considerati alcuni nuovi mercati e vecchi turismi rinnovati. Sono presi in considerazione i segmenti del turismo culturale, subacqueo e delle reti sentieristiche; - nella terza parte si portano a conoscenza i risultati di interventi di programmazione territoriale quali i PIT e si definiscono le linee di indirizzo strategico per lo sviluppo dell intero comparto. Infine un contributo dibattito sull importanza dell immagine percepita e realizzata della regione. On.le Pasquale M. Tripodi Assessore Turismo e Beni culturali Regione Calabria

12

13 I IL SISTEMA D ACCOGLIENZA Maurizio Biasi, Mariza Righetti 1. Cenni storici La storia dell ospitalità è antica, così come i suoi legami con il viaggio, di cui costituisce una componente essenziale. Infatti, l evoluzione dei mezzi di trasporto, incentivando gli spostamenti, ha determinato anche la diffusione delle strutture di ricettività 1. Una tappa fondamentale nella storia delle strutture ricettive è costituita dalla costruzione delle strade lastricate (312 a.c.) che collegavano Roma con tutti i Paesi dell impero di Augusto, garantendo l invio di merci, agevoli spostamenti di truppe, rapide consegne postali. Si rese pertanto necessaria la costruzione di case da adibire al ricovero di funzionari, soldati, commercianti e messi che potevano così trovare ospitalità a pagamento. Fin dall antichità coesistono ospitalità gratuita 2 e professionale, a pagamento, che solo in tempi recenti ha conquistato una sua collocazione di rilievo nel panorama dell offerta turistica. Durante il Medio Evo, ecclesiastici e viandanti trovavano asilo in conventi e monasteri o in case dette Xenodichìa, situate lungo le vie dei pel- 1 Tra i servizi contenuti nel pacchetto turistico l alloggio costituisce elemento ineliminabile (art. 84, Dlgs. 206/2005, Codice del consumo). 2 L Hospiium, alloggio privato (spesso una semplice camera) tenuto a disposizione dalle famiglie più ricche a favore di personaggi importanti nei loro spostamenti.

14 14 Il sistema d accoglienza legrinaggi, mentre i feudatari avevano diritto di stabilirsi presso i loro vassalli; ed è proprio nel periodo medievale che trova le sue origini il termine albergo, dal gotico haribergo (alloggiamento militare) che si trasforma poi nella parola albergus col significato di rifugio, ricovero. Nell XI secolo, col rifiorire del commercio terrestre e marittimo e l incrementarsi delle vie di comunicazione, sorsero sempre più numerose locande, osterie e taverne. I servizi offerti in queste strutture (quasi sempre a conduzione familiare) erano molto modesti. I primi alberghi in senso moderno, nei quali l organizzazione diventa professionale e i servizi accurati, li troviamo solo dopo la rivoluzione industriale (nella seconda metà del secolo XVIII) e la realizzazione delle strade ferrate (1825). La maggiore facilità di viaggi e spostamenti dovuta alla costruzione delle ferrovie, ha incentivato e trasformato l attività alberghiera fino a conferirle le caratteristiche attuali. Il percorso dell ospitalità non può ancora considerarsi concluso: nascono, si affermano e sono incentivate nuove forme di accoglienza non convenzionale che hanno creato un panorama vasto ed eterogeneo nell offerta di alloggio, che si propone al turista con modalità attuative diversificate, offrendo diversi stili di accoglienza e dando vita ad inedite figure di ospitalità. 2. La situazione attuale Il turismo contemporaneo si va caratterizzando per una sempre maggiore segmentazione della domanda, in termini di reddito, età, consumi, abitudini, luoghi di residenza, livelli di istruzione. La domanda mondiale di turismo è destinata a diversificarsi ulteriormente nel medio e nel lungo periodo e dunque, l'offerta va evolvendosi verso formule sempre più spe-

15 Primo Ottavo Rapporto sul turismo in Calabria 15 cifiche e soluzioni sempre più personalizzate: da un lato, nascono e si sviluppano nuove forme di turismo (turismo congressuale, termale, religioso, sportivo, culturale, per indicare solo i più noti), dall'altro si affermano nuovi modi di interpretare e vivere le forme tradizionali. Le ragioni di questo sviluppo sono diverse: maggiore disponibilità di reddito e tempo libero; migliore accessibilità di un numero crescente di località grazie allo sviluppo dei trasporti, soprattutto di quelli aerei Iow cost 3 ; informazione più ampia, puntuale e disponibile grazie a internet, ricerca di destinazioni alternative, ecc. Non ci si sposta più soltanto episodicamente e per la classica vacanza annuale, ma più volte nel corso dello stesso anno, per motivazioni ed attività diverse: si pensi ai flussi turistici attivati dal desiderio di praticare uno sport o l'escursionismo montano, di assistere a eventi culturali di ogni sorta, di effettuare shopping in siti prestigiosi. Si moltiplicano quindi le nuove forme di Ieisure associate al turismo, interno e internazionale. Si modificano così anche le strutture ricettive, e ne nascono delle nuove, come è accaduto nell ultimo ventennio prima con gli agriturismi e poi con i bed & breakfast; anche gli alberghi si differenziano non solo con riferimento alla qualità dei servizi, ma soprattutto in relazione alla specificità degli stessi. Peraltro nascono nuove concezioni come quella dell albergo diffuso, degli e alcune strutture alberghiere si trasformano in residence durante la bassa stagione. L operatore della ricettività deve essere molto flessibile e capace di attivare diverse tipologie a seconda delle esigenze del mercato, senza re- 3 Cfr. Cap. V del presente volume Rapporto Calabria 2008.

16 16 Il sistema d accoglienza stare attaccato al settore originario di appartenenza. 3. I riferimenti normativi nazionali Con l estensione della disciplina legislativa ai gestori di strutture di ospitalità non convenzionale, il legislatore ha inteso ampliare l offerta ricettiva oltre le tipologie esistenti, creando una categoria aperta, che possa recepire nuovi modelli e tendenze, anche sulla spinta di schemi provenienti da altre tradizioni. Presupposto questo per realizzare esigenze particolari dei consumatori e per sopperire alla carenza di strutture ricettive in territori di promettente sviluppo turistico. Fra le varie tipologie di ospitalità ha avuto particolare fortuna la formula (di derivazione anglosassone) del bed and breakfast (letto e prima colazione), disciplinata con apposite leggi in molte regioni italiane, che consente la valorizzazione di edifici rurali o di particolare pregio architettonico, ubicati in località turistiche o in centri storici, da parte dei proprietari o possessori che, ottenute le apposite autorizzazioni,, provvedono a dare ospitalità nella loro abitazione offrendo anche il servizio di prima colazione 4. Altra forma di ospitalità alternativa con caratteristiche analoghe, ma qualificata dall ubicazione in zona agreste, è l ospitalità rurale familiare (art. 23 L. 27 marzo 2001, n. 122 Disposizioni modificative e integrative alla normativa che disciplina il settore agricolo e forestale ), che consiste nel servizio di alloggio e prima colazione nella propria abitazione nell ambito delle iniziative regionali finalizzate allo sviluppo dell agricoltura e alla valorizzazione della multifunzionalità delle aziende. Quando l attività è esercitata da un imprenditore agricolo rientra fra le attività agrituristiche, recentemente disciplinate dal- 4 Cfr. rapporto sul turismo in Calabria 2007.

17 Primo Ottavo Rapporto sul turismo in Calabria 17 la Legge 20 febbraio 2006, n. 96 ( Disciplina dell agriturismo, cui le Regioni uniformeranno le proprie normative in materia), che considera agrituristiche le attività di ricezione e ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli di cui all art c.c., attraverso l utilizzazione della propria a- zienda in rapporto di connessione con le attività di coltivazione del fondo, di silvicoltura e di allevamento di animali (art. 2, L. 96/2006). A differenza dell ospitalità rurale, l attività ricettiva nell agriturismo si considera connessa a quella agricola, che ha pertanto carattere prevalente e si caratterizza per specifici obblighi in materia di utilizzo dei prodotti aziendali nella ristorazione. La nuova legge considera attività assimilate all agriturismo, cui è estensibile la relativa disciplina, quelle svolte dai pescatori relativamente all ospitalità, alla somministrazione di pasti nonché le attività connesse ivi compresa la pesca-turismo (art. 12, L. 96/2006). Fra le attività affini rientra (ai sensi dell art. 3 lett. b D.lgs. 18 maggio 2001 n. 226, come sostituito dall art. 7 D.lgs. 26 maggio 2004, n. 154, Modernizzazione del settore della pesca e dell acquacoltura) l ittiturismo, cioè l attività di ospitalità ricreativa, didattica, culturale e di servizi, finalizzata alla corretta fruizione di ecosistemi acquatici e vallivi, delle risorse della pesca e dell acquacoltura, e alla valorizzazione degli aspetti socio-culturali delle imprese ittiche e di acquacoltura, esercitata da imprenditori, singoli o associati attraverso l utilizzo della propria abitazione o di strutture nella disponibilità dell imprenditore stesso. L ittiturismo esprime un concetto di vacanza attiva, nata in contrapposizione al turismo da spiaggia o di svago, già esercitata in altri paesi europei, come la Spagna e la Francia. Manca, ad oggi, però, una disciplina articolata e ben definita di questa particolare forma di turismo, che vede

18 18 Il sistema d accoglienza la competenza delle regioni nel definirne le modalità di attuazione. In Calabria, l attività di ittiturismo risulta essere svolta da una sola impresa di Isola Capo Rizzuto (KR), che lavora nel settore da molti anni e che offre la disponibilità di 12 posti letto. L attività si svolge prevalentemente da marzo a settembre e si avvale dell utilizzo di due imbarcazioni per la pesca, di un ristorante che offre la possibilità di degustare il pesce appena pescato e di una piccola pensione per il servizio ricettivo. Il turista ha così la possibilità di condividere non solo il modo di vivere dei pescatori, quanto di partecipare all attività di pesca 5. Agriturismo e ittiturismo si caratterizzano per la semplificazione amministrativa delle procedure e per la deroga alle disposizioni in materia di adattamento degli immobili: ciò allo scopo di salvaguardare le caratteristiche degli edifici e incrementare l offerta del settore. Nel segno di un turismo sostenibile si inseriscono una serie di nuove tipologie, intese a sfruttare, in relazione alle caratteristiche dei luoghi, edifici esistenti per fini turistici. E il caso delle residenze d epoca, strutture ricettive ubicate in complessi immobiliari di particolare pregio storico, architettonico e culturale, con arredi antichi e di pregio, che offrono alloggio in camere e unità abitative. Alcune regioni (Emilia-Romagna, n. 16/2004; Marche n. 9/2006; Puglia n. 11/1999; Toscana n. 42/2000; Umbria n. 13/1990; Veneto n. 33/2002) hanno dettato regole per l utilizzo di queste dimore, qualificandole come alberghi o come esercizi extralberghieri con conseguente applicazione delle relative regole. Altra ipotesi di ricettività sostenibile è quella dell albergo diffuso o paese albergo (L.R. Abruzzo, n. 64/1999; 5 Si ringrazia per le informazioni il sig. Nicola Tolone coop Le Castella.

19 Primo Ottavo Rapporto sul turismo in Calabria 19 L.R. Calabria, n. 11/1988; L.R. Sardegna, n. 27/1998; L.R. Friuli V.G., n. 2/2002; L.R. Marche 9/2006); si tratta di alberghi caratterizzati dalla centralizzazione in un unico stabile dell'ufficio ricevimento, delle sale e dei servizi di uso comune e dalla dislocazione delle unità abitative in uno o più stabili separati, purché ubicati nel centro storico o in siti extraurbani. La finalità dell intervento è quella di creare un sistema di riqualificazione edilizia, favorendo lo sviluppo ricettivo dei centri urbani ed extra-urbani attraverso il recupero di case esistenti, dotandole dei servizi necessari e mettendole a disposizione dei turisti attraverso il Comune e/o le Pro Loco e/o le Associazioni di categoria. Nel caso di borghi montani, l albergo diffuso consente di far rivivere luoghi e culture, con il vantaggio per i proprietari di usufruire di aiuti per la ristrutturazione degli immobili. Si distinguono dall'albergo diffuso: il borgo-albergo, in cui la rete di alloggi messi a disposizione dei turisti non ha una proprietà e una gestione comune, ma vi è comunque un servizio centralizzato, generalmente in forma di consorzio privato o pubblico-privato, che può occuparsi anche di alcuni servizi; il residence diffuso, in cui l'elemento territoriale si dilata ulteriormente, assumendo dimensioni a volte sovracomunali, in cui l'unico elemento di raccordo tra i diversi attori territoriali è, ancora una volta, il servizio di prenotazione. La qualità dell'offerta integrata e la continua ricerca di soddisfacimento delle esigenze del turista, che si trova in un contesto in cui si immerge come attore interagendo liberamente con il territorio circostante, sono tra gli elementi caratterizzanti l'albergo diffuso.

20 20 Il sistema d accoglienza 4. I marchi di qualità del sistema d ospitalità I Borghi più belli d Italia Il marchio Borghi più Belli d Italia 7, oltre ad essere un censimento della bellezza residua del nostro paese, serve a collegare le realtà delle piccole comunità con le esperienze turistiche più evolute e contribuisce alla notorietà del luogo sottolineandone la qualità. L iniziativa si ispira ad analoghe esperienze europee, quale quella dei Plus Beaux Villages de France, promossa da 55 amministrazioni locali. Sono centinaia i borghi italiani che rischiano il degrado a causa di una situazione di marginalità rispetto agli interessi economici che gravitano intorno al movimento turistico e commerciale. Scopo dell iniziativa è pertanto la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio architettonico e/o naturale. Il Club promotore ha redatto lo statuto e la Carta di qualità in cui sono indicati i criteri di ammissione o di esclusione dal Club. Le condizioni preliminari sono: la caratteristica di borgo, ossia una popolazione inferiore ai duemila abitanti nel centro storico (e ai 15 mila nell intero Comune) e una notevole qualità urbanistica e architettonica, certificata alla Sopraintendenza alle Belle Arti. Il comitato scientifico effettua una preselezione tra i Comuni che hanno fatto richiesta. Ottenuta la classificazione, il pannello con il logo dei Borghi più Belli viene apposto agli ingressi del borgo con la facoltà per il comune di utilizzare l emblema figurativo su tutti i documenti municipali. L aver superato la selezione non è motivo di garanzia per il futuro: la 6 Il seguente paragrafo è a cura di Cinzia Pasqua. 7 Nato nel 2001 da un idea dell Anci (Associazione dei Comuni Italiani).

21 Primo Ottavo Rapporto sul turismo in Calabria 21 perdita dei presupposti fondamentali (controllo biennale) o anche solo la diminuzione della loro qualità diventa un motivo di esclusione dal Club. In Calabria, i Comuni che si sono fregiati del marchio, nell anno 2007 sono 8: Altomonte, Bova, Stilo, Chianalea di Scilla, Morano Calabro, Gerace, Fiumefreddo Bruzio e Santa Severina. Questi comuni rappresentano una parte importante della storia, dell arte, della cultura e della tradizione calabrese, tanto che, il territorio di Bova che rientra nell area Grecanica (Reggio Calabria), è stato inserito tra le aree che potrebbero ottenere dall UNESCO il riconoscimento di patrimonio dell umanità. Nel 2007 abbiamo svolto un indagine 8 per capire quanto un marchio d area, un club di prodotto o un qualunque elemento caratterizzante, e- spressione e certificazione di qualità possa incidere positivamente sull incremento dei flussi turistici. Complessivamente gli operatori ritengono migliorativa questa certificazione dichiarando di averne tratto beneficio sia in termini quantitativi, (numero delle prenotazioni) che qualitativi (target dei clienti). L andamento positivo si è riscontrato, con le dovute sfumature, in tutti i comprensori e cosi pure in tutte le tipologie di ricettività: questo simboleggia il turismo stesso della nostra regione, amante del particolare, della natura e della qualità e tipicità del territorio. 4.2 L evolversi di alcune tipologie: I Borghi Autentici Borghi Autentici d Italia è un progetto che lega numerosi comuni su tutto il territorio nazionale, che hanno scelto come innovativo modello di 8 Le strutture ricettive che risiedono nell area dei borghi sono 27 con posti letto.

22 22 Il sistema d accoglienza sviluppo turistico e locale l ospitalità di comunità, ossia il recupero di abitazioni tradizionali, trasformate in residenze turistiche di qualità, per un ospitalità diffusa. Gli obiettivi del progetto sono: migliorare la qualità di vita delle comunità locali; creare sviluppo economico e sociale; preservare e valorizzare le risorse disponibili nella prospettiva strategica di innalzare il livello di qualità urbana, dei servizi e ambientale, l efficienza energetica, la salvaguardia delle risorse locali e la loro valorizzazione. Le attese legate a questa forma di ricettività sono: - la realizzazione di una rete ricettiva diffusa che offra sistemazioni autentiche immerse nel paesaggio urbano, vere e proprie case, una diversa dall altra, con superfici variabili, e non soluzioni alberghiere, collegate 24h/24h con la reception, dotate di tutti comfort e servizi e concepite anche per ospitare persone diversamente abili; - l attuazione del progetto Comunità Ospitali 9, ovvero un sistema di offerta di alta qualità, basata sul paese, sulla comunità locale che si mobilita per accogliere ed ospitare i turisti, consentendo loro di diventare cittadini temporanei del Borgo. La Comunità Ospitale è gestita da una Società Operativa Locale (S.O.L.) su scala comunale, intercomunale, provinciale o regionale, con il compito principale di pianificare ed attuare gli investimenti materiali ed immateriali e gestire l ospitalità. Il progetto viene sviluppato nei territori interessati con un approccio basato sulla sostenibilità sociale e la compatibilità ecologico ambientale. In particolare: gli interventi edilizi sugli immobili non prevedono espan comuni hanno aderito al progetto Comunità Ospitali ed accoglieranno più di presenze turistiche previste a progetti ultimati (entro il 2010). Tra gli interessati, anche un comune calabrese, quello di Falerna (CZ), con 33 residenze, 96 posti letto e 7 addetti diretti previsti.

23 Primo Ottavo Rapporto sul turismo in Calabria 23 sione costruttiva ma sono invece finalizzati al recupero, alla conservazione e valorizzazione di patrimoni edilizi spesso abbandonati o sottoutilizzati; la progettazione e gli interventi sono ispirati a criteri di bioarchitettura e di risparmio energetico; le residenze realizzate e l intero sistema ospitale rispetteranno i parametri comunitari (CE 14/04/2003) per l ottenimento del Marchio Comunitario di Qualità Ecologica al servizio della ricettività turistica. L Associazione Borghi Autentici d Italia raccoglie circa 100 soggetti tra comuni e consorzi. Tra di essi, anche alcuni comuni calabresi che partecipano attivamente alla vita associativa: Falerna (CZ), Francavilla Marittima (CS), Guardavalle (CZ), Melissa (KR), Plataci (CS), S. Caterina dello Ionio (CZ) e Villapiana (CS). 5. L accoglienza non è sempre uguale, lo dicono i numeri Il territorio nazionale è molto eterogeneo non solo per gli aspetti paesaggistici, culturali o economici ma anche per l evoluzione quantitativa, dimensionale e tipologica delle strutture ricettive. Questa diversità in alcuni casi è cosi elevata da non consentire una comparazione grafica di facile lettura. Graf.1 Composizione dell offerta ricettiva per macroarea. Esercizi Anno % 80% 60% 40% Alberghi Complementar i Nord Est Centro Mezzogiorno Nord Ovest % 0% Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT Statistiche del turismo 2008

24 24 Il sistema d accoglienza Esiste, tuttavia, una distinzione classica e adottata da tutte le analisi che considera le macroaree nazionali che appaiono sufficientemente omogenee fra loro. Nei grafici sono state sintetizzate le quote di mercato del comparto alberghiero ed extralberghiero negli anni 1990 e 2006; importante è il confronto fra valori assoluti che danno informazioni più indicative di quale sia stata l evoluzione negli ultimi 15 anni nel sistema di accoglienza nazionale. Graf.2 Composizione dell offerta ricettiva per regione. Esercizi Anno 2006 Alberghi Complementar i 100% 80% 60% 40% 20% 0% 100% 80% 60% 40% 20% 0% 100% 80% 60% 40% 20% 0% 100% Veneto Trentino A. A. Toscana Friuli V. G. Emilia R Lazio Lombardia Piemonte Liguria Sicilia Campania Umbria Marche Puglia Sardegna Abruzzo Calabria Valle D 'Aosta Basilicata Molise 80% 60% 40% 20% 0% Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT Statistiche del turismo 2008 In tutte le macroaree, ad eccezione del Mezzogiorno, è diminuito il nu-

25 Primo Ottavo Rapporto sul turismo in Calabria 25 mero degli esercizi alberghieri, a differenza degli esercizi complementari che crescono in tutte le aree perdendo solo nel Nord Ovest circa 1000 esercizi. Palese è la situazione della Liguria dove diminuiscono sia gli esercizi alberghieri che quelli complementari. La crescita degli esercizi alberghieri e dei posti letto in Veneto è un eccezione, in termini quantitativi, rispetto alle altre regioni. Nel contempo, si registra una riduzione del numero di esercizi alberghieri, ma senza incidere sul numero di posti letto che dal 1990 aumentano di unità. Graf.3 Composizione dell offerta ricettiva per macroarea. Posti letto Anno % Alberghi Complementar i Nord Est Mezzogiorno Centro Nord Ovest 75% 50% % 0% Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT Statistiche del turismo 2008 In Calabria, si assiste ad una netta diminuzione dei posti letto complementari dagli oltre del 1990 ai circa del 2006 nonostante gli esercizi siano raddoppiati (da 307 a 648); ovviamente ciò è spiegato da un diverso dimensionamento degli stessi (sono più piccoli) e dalla modifica della tipologia. Al contrario, il comparto alberghiero se in termini di esercizi incrementa il numero del 21,4%, in termini di posti letto l aumento che si registra dal 1990 al 2006 è del 91,2% (circa posti letto in più); ciò è imputabile agli ampliamenti delle strutture esistenti e

26 26 Il sistema d accoglienza all apertura di nuove strutture mediamente più grandi. L indice di dimensione media delle strutture alberghiere, aumenta dal 1990 al 2006 del 57,5%, (da 71,5 posti letto per albergo a 112,6). Nel 2006, la quota del mercato alberghiero rispetto all intero settore in termini di posti letto, è del 46,4%; nel 1990 i posti letto alberghieri rappresentavano soltanto il 25,4% dei posti letto complessivi. Nel Centro, ma soprattutto nel Mezzogiorno crescono di molto i posti letto alberghieri, mentre nel Nord Est crescono di quasi il doppio i posti letto dell extralberghiero. Graf.4 Composizione dell offerta ricettiva per regione. Posti letto Anno 2006 Alberghi Complementar i 100% 80% 60% 40% 20% 0% 100% 80% 60% 40% 20% 0% 100% 80% 60% 40% 20% 0% 100% Veneto Toscana Emilia R. Trentino A. A. Lombardia Lazio Marche Puglia Calabria Sardegna Campania Sicilia Piemonte Liguria Friuli V. G Abruzzo Umbria Valle D 'Aosta Basilicata Molise % 60% 40% % 0% Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT Statistiche del turismo 2008

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ).

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). (febbraio 2008) Codice Prodotto- OSPS13-R01-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO Terza indagine nazionale sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane. Stagione estiva 2008 a cura della

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO Maggio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITÀ NELLA PROVINCIA DI RIMINI Complessivamente è costituito da un offerta di 2.565 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO Seconda indagine nazionale sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane. Stagione estiva 2007 a cura

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO

SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO Disegno di Legge di Iniziativa della Giunta Regionale PUNTI SALIENTI E NOVITA Venezia, 18 maggio 2011 Quanto perderebbe l economia del Veneto senza il turismo?

Dettagli

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI E costituito da un offerta di 2.699 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico 2, ormai un

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

REGIONE CALABRIA ASSESSORATO TURISMO, EMIGRAZIONE, IDENTITA E CULTURE LOCALI, MINORANZE LINGUISTICHE, SPORT, SPETTACOLO DECIMO RAPPORTO SUL TURISMO

REGIONE CALABRIA ASSESSORATO TURISMO, EMIGRAZIONE, IDENTITA E CULTURE LOCALI, MINORANZE LINGUISTICHE, SPORT, SPETTACOLO DECIMO RAPPORTO SUL TURISMO REGIONE CALABRIA ASSESSORATO TURISMO, EMIGRAZIONE, IDENTITA E CULTURE LOCALI, MINORANZE LINGUISTICHE, SPORT, SPETTACOLO CALABRIA 2010 DECIMO RAPPORTO SUL TURISMO Sistema Informativo Turistico Regione Calabria

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Flussi Turistici di Milano e Provincia 2013 in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità

Dettagli

l Osservatorio nazionale sul turismo di Federconsumatori.

l Osservatorio nazionale sul turismo di Federconsumatori. !! " 1 L indagine nazionale 2008, sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane rappresenta il proseguimento del percorso di analisi avviato

Dettagli

MOVIMENTO TURISTICO NELLA PROVINCIA DI CATANIA ANNO 2010

MOVIMENTO TURISTICO NELLA PROVINCIA DI CATANIA ANNO 2010 PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA MOVIMENTO TURISTICO NELLA PROVINCIA DI CATANIA ANNO 2010 RELAZIONE E ANALISI 1 Progetto e redazione della pubblicazione a cura dell Ufficio Studi e Programmazione per lo

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni ed elaborazioni Istat.

Dettagli

Osservatorio nazionale sul turismo

Osservatorio nazionale sul turismo Osservatorio nazionale sul turismo Prima indagine nazionale sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane. Stagione estiva 2006 a cura della

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

Statistica e Osservatori LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA. In Generale. Coordinamento editoriale:

Statistica e Osservatori LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA. In Generale. Coordinamento editoriale: Statistica e Osservatori NOTIZIESTATISTICHE Numero 7 - Novembre 2007 (Estratto dal Comunicato Stampa di Istat sulle Agrituristiche del 16 novembre 07) LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA L Istat

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO PASQUA 2004: GERMOGLI DI RIPRESA 1 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 10 ottobre 2014 Anno 2013 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2013 il numero delle aziende agrituristiche (aziende agricole autorizzate all esercizio dell agriturismo) è pari a 20.897, 423 in più rispetto

Dettagli

Università degli Studi di Palermo ANALISI DEI FLUSSI TURISTICI NELLA CIRCOSCRIZIONE TURISTICA DI TAORMINA: LA STAGIONALITA

Università degli Studi di Palermo ANALISI DEI FLUSSI TURISTICI NELLA CIRCOSCRIZIONE TURISTICA DI TAORMINA: LA STAGIONALITA Università degli Studi di Palermo Corso di Laurea in Economia e Gestione dei Servizi Turistici ANALISI DEI FLUSSI TURISTICI NELLA CIRCOSCRIZIONE TURISTICA DI TAORMINA: LA STAGIONALITA Tesi di laurea di:

Dettagli

Albergo diffuso. Caratteristiche ed esempi

Albergo diffuso. Caratteristiche ed esempi . Caratteristiche ed esempi Introduzione Vorrei poter raccogliere nella mia mano le vostre case per sparpagliarle come un seminatore su foreste e prati: Vorrei che le valli fossero le vostre strade, e

Dettagli

Il turismo in Veneto nel 2015

Il turismo in Veneto nel 2015 Federico Caner Assessore all'attuazione del programma, rapporti con Consiglio regionale, programmazione fondi UE, turismo, commercio estero Palazzo Balbi Venezia, 18 febbraio 216 I numeri del turismo Veneto

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2006, IL TURISMO IN ITALIA HA PIU VELOCITA : PIU PRODOTTI PER PIU TURISTI SOPRATTUTTO STRANIERI 3 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia.

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. Indice delle normative Per le strutture ricettive: Regione siciliana - Legge regionale 6 aprile 1996, n. 27; Regione

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays Andrea Mazzanti Agriturismo Villa Tombolina Montemaggiore al Metauro (PU) 19 Novembre 2008 Agriturismo in Italia

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Provincia di Bergamo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO DATI STATISTICI ANNO 2005 Introduzione...pag. 3 1. MOVIMENTI DEI CLIENTI NELLE STRUTTURE RICETTIVE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO, COMPRESO

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 11 novembre 2013 Anno 2012 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2012 il numero di aziende agrituristiche si conferma superiore alle 20 mila unità: le aziende agricole autorizzate all esercizio dell

Dettagli

Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno

Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità ricettiva

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE Comune di Montecatini Terme

OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE Comune di Montecatini Terme Coordinatrice Prof.ssa Patrizia Romei Ricerca, analisi ed elaborazione dati Dott.ssa Annaluisa Capo OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE Comune di Montecatini Terme Montecatini Terme OTD Fase 2 Report

Dettagli

STRUTTURA E COMPOSIZIONE DELLE IMPRESE TURISTICHE SECONDO LE RILEVAZIONI DELLE CAMERE DI COMMERCIO

STRUTTURA E COMPOSIZIONE DELLE IMPRESE TURISTICHE SECONDO LE RILEVAZIONI DELLE CAMERE DI COMMERCIO STRUTTURA E COMPOSIZIONE DELLE IMPRESE TURISTICHE SECONDO LE RILEVAZIONI DELLE CAMERE DI COMMERCIO FONTE UNIONCAMERE Le fonti camerali presentano alcune diversità rispetto a quelle Istat, dovute alle diverse

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2005: 2 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Statistiche in breve 29 giugno 2007 Turismo a cura di Roberta Savorelli e Manuela Genetti Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli

Dettagli

Perdita di Competitività ITALIA

Perdita di Competitività ITALIA Perdita di Competitività ITALIA Totale assenza di qualsiasi riflessione sistematica sull innovazione di questo settore; Una eccessiva frammentazione della macchina gestionale che rende le poche risorse

Dettagli

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica 1 La fedeltà nella scelta della destinazione turistica L Italia ed il turismo internazionale Venezia 15 Dicembre 2009 PAOLO SERGARDI Contesto 2 Ad Aprile 2008 è stata inserita una nuova domanda nel questionario

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Le imprese ricettive nel Comune di Livorno Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Origine dei dati di rilevazione Rilevazione censuaria movimentazione clienti strutture

Dettagli

Nel 2012, l Istat rileva 33.728 esercizi alberghieri

Nel 2012, l Istat rileva 33.728 esercizi alberghieri 19 TURISMO Nel 2012, l Istat rileva 33.728 esercizi alberghieri (-0,6 per cento rispetto al 2011) e 123.500 esercizi extra-alberghieri (+3,1 per cento). Il flusso dei clienti nel 2013 (dati provvisori)

Dettagli

Statistiche essenziali sul movimento turistico nazionale ed internazionale

Statistiche essenziali sul movimento turistico nazionale ed internazionale MemoTurismo2003 1 MEMOTURISMO2003 Statistiche essenziali sul movimento turistico nazionale ed internazionale Via Toscana 1 00187 Roma Tel 06 42741151 Fax 06 42871197 info@federalberghi.it 2 MemoTurismo2003

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 19 gennaio 2012 Anno 2010 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2010 le aziende agricole autorizzate all esercizio dell agriturismo sfiorano le 20 mila unità, quasi mille in più rispetto all anno precedente

Dettagli

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI COMUNICATO STAMPA BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI Secondo uno studio dell'associazione Bibionese Albergatori, nella stagione 2012 Bibione ha ospitato più di 770.000 turisti. Prenotazioni

Dettagli

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013

RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 RAPPORTO SPECIALE BIT 2013 OSSERVATORIO DEL SISTEMA TURISTICO LAGO DI COMO 1 L Osservatorio è una iniziativa al servizio di tutti gli operatori pubblici e privati del Sistema Turistico Lago di Como realizzata

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 1 1. Sintesi dei risultati Il mercato

Dettagli

La stagione turistica estiva 2013*

La stagione turistica estiva 2013* Novembre 2013 La stagione turistica estiva 2013* Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche della stagione estiva (1) 2013 sulla base delle informazioni trasmesse

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

Il turismo in Puglia nel 2011

Il turismo in Puglia nel 2011 Il turismo in Puglia nel 2011 Key words Internazionalizzazione Consolidamento Innovazione A cura di: Osservatorio del Turismo della Regione Puglia PUGLIA 2011: INTERNAZIONALIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO La

Dettagli

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli

TURISM (MADE) IN ITALY - EVOLUZIONE DELL OFFERTA TURISTICA IN ITALIA NELL ULTIMO DECENNIO

TURISM (MADE) IN ITALY - EVOLUZIONE DELL OFFERTA TURISTICA IN ITALIA NELL ULTIMO DECENNIO XXXII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI TURISM (MADE) IN ITALY - EVOLUZIONE DELL OFFERTA TURISTICA IN ITALIA NELL ULTIMO DECENNIO Maria Teresa Santoro 1, Simona Staffieri 2 SOMMARIO Il presente

Dettagli

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica RELAZIONE flussi turistici /2012 STL JESOLO ED ERACLEA 1. ARRIVI / PRESENZE 2. COMPARTO alberghiero ed extraalberghiero 3. PROVENIENZE 4. RICETTIVO 5. FOCUS: SETTEMBRE 2013 1. ARRIVI / PRESENZE Nel periodo

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento Organizzazione turistica nelle Regioni italiane Il quadro normativo di riferimento IL CONTESTO ITALIANO Disciplina dei Sistemi turistici locali (STL) IL RIFERIMENTO NORMATIVO STL introdotti per la prima

Dettagli

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana Consiglio Regionale della Toscana Valutazione delle politiche regionali Progetto di ricerca n. 2 Aprile 2008 a cura del Settore Analisi della Normazione. Biblioteca del Consiglio regionale Le politiche

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità Percorso A ndimento 3 Un it à di re p p A Le imprese ricettive L industria dell ospitalità Il numero di imprese che attualmente operano nel settore turistico è elevato e possiamo individuare le seguenti

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

TURISMO OBIETTIVI INDICATORI. Strutture turistiche. Mettere in luce quanto la disponibilità ricettiva può influire sull ambiente.

TURISMO OBIETTIVI INDICATORI. Strutture turistiche. Mettere in luce quanto la disponibilità ricettiva può influire sull ambiente. OBIETTIVI Mettere in luce quanto la disponibilità ricettiva può influire sull ambiente Tracciare la tendenza dei flussi e la loro distribuzione sul territorio Evidenziare le aree che richiedono maggiore

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni e elaborazioni Istat.

Dettagli

IL TURISMO IN CAMPANIA - ANNO 2008. a cura di CINZIA BRUNO

IL TURISMO IN CAMPANIA - ANNO 2008. a cura di CINZIA BRUNO GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA AREA GENERALE DI COORDINAMENTO RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA SETTORE ANALISI, PROGETTAZIONE E GESTIONE SISTEMI INFORMATIVI SERVIZIO

Dettagli

CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO.

CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO. Allegato parte integrante Allegato A) Criteri di Coerenza CRITERI DI COERENZA DEL PATTO TERRITORIALE BALDO GARDA: 4 BANDO. In relazione alle finalità indicate nel Progetto Strategico di Sviluppo e nel

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

2008 SIT Sistema Informativo Turistico Regione Calabria. 2014 Artemis Srl Via G. Mercalli, 28 89129 Reggio Calabria artemis2000@tin.

2008 SIT Sistema Informativo Turistico Regione Calabria. 2014 Artemis Srl Via G. Mercalli, 28 89129 Reggio Calabria artemis2000@tin. Artemis 2008 SIT Sistema Informativo Turistico Regione Calabria 2014 Artemis Srl Via G. Mercalli, 28 89129 Reggio Calabria artemis2000@tin.it Finito di stampare nel mese di febbraio 2014 ISBN 978-88-7583-065-6

Dettagli

tab.2.1.1consistenza delle strutture ricettive della provincia di Brindisi. Periodo 2006/2012

tab.2.1.1consistenza delle strutture ricettive della provincia di Brindisi. Periodo 2006/2012 Il Turismo 1 Nel 2012 la provincia di Brindisi ha migliorato la propria offerta ricettiva ed ha registrato un incremento degli indicatori quali-quantitativi della ricettività locale (densità degli esercizi

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7 DISPOSIZIONI ATTUATIVE GENERALI E COMUNI A ALLOGGI TURISTICI, CASE PER VACANZE, UNITÀ ABITATIVE AMMOBILIATE AD USO TURISTICO,

Dettagli

L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013

L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013 L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013 Misurare in tempo reale la competitività della destinazione Puglia e monitorare le variazioni quali/quantitative dei flussi turistici

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Rapporto flussi turistici Anni dal 2010

Rapporto flussi turistici Anni dal 2010 Rapporto flussi turistici Anni dal 2010 2010 al 2014 Elaborazione a cura dell Ufficio del Turismo della Provincia di Novara turismo.statistica@provincia.novara.it 1 CAPACITA RICETTIVA Qualifica Stelle

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

CARATTERI E TENDENZE DELL IMPRENDITORIALITÀ

CARATTERI E TENDENZE DELL IMPRENDITORIALITÀ REGIONE BASILICATA UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE CARATTERI E TENDENZE DELL IMPRENDITORIALITÀ ALBERGHIERA IN BASILICATA AGOSTO 2010 Il Rapporto è stato realizzato

Dettagli

ASPETTI STRUTTURALI ED EVOLUTIVI

ASPETTI STRUTTURALI ED EVOLUTIVI REGIONE BASILICATA UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE ASPETTI STRUTTURALI ED EVOLUTIVI DELL OFFERTA EXTRA-ALBERGHIERA LUCANA DICEMBRE 2011 Il Rapporto è stato realizzato

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale dello Sviluppo Economico

Dettagli