Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 1

2 Introduzione. L idea dell informazione diffusa per arrivare ad una Società dell informazione è alla base dell odierno concetto di globalizzazione che vede in Internet il suo mezzo propulsivo per eccellenza. Uno dei maggiori obiettivi politici dell UE, evidenziato in prima battuta dal Trattato di Maastricht, è stato quello di raggiungere la Società dell informazione mediante lo sviluppo di reti informative trans-europee. Da allora il termine Società dell informazione sta ad intendere l insieme di politiche, iniziative ed investimenti necessari alla crescita economica, al miglioramento della competitività e al supporto dello sviluppo di una società fortemente incentrata sulla creazione e l uso dell informazione basata sulla conoscenza, sui prodotti e sui servizi. L approccio europeo allo sviluppo della società dell informazione ruota intorno all incremento dell accesso alle reti e ai servizi per giungere alla liberalizzazione dell informazione del settore pubblico per facilitarne il riuso, al fine di creare servizi più efficienti e il supporto alla partecipazione dei cittadini. L idea dell informazione, quindi, che ha come fruitori finali l utenza è alla base delle politiche statali odierne; infatti qualsiasi attività umana, sia essa sociale che economica, è legata alla conoscenza del territorio e alla gestione dei dati ad esso relativi. La conoscenza stessa del territorio è data dall insieme delle informazioni che lo descrivono e permettono di gestirlo; da qui l importanza che l Informazione digitale Territoriale riveste per l amministrazione del territorio e la Pianificazione dello stesso. Per chiarire gli obiettivi verso cui tende il concetto di Pianificazione possiamo tentare di svilupparne una breve spiegazione: per Pianificazione si può intendere una determinata attività di organizzazione spaziale, sociale ed economica finalizzata a sviluppare una strategia ottimale di azioni future per realizzare un insieme desiderato di obiettivi e per risolvere determinati problemi in contesti complessi accompagnata dal potere e dall intenzione di 2

3 destinare risorse specifiche ed agire come indispensabile per attuare le strategie scelte. In definitiva può essere considerata come l insieme dei metodi, delle organizzazioni, delle azioni da fare e da non fare, che ha lo scopo ultimo di gestire l intero territorio. Le Informazioni Territoriali o Geografiche sono fondamentali per ogni processo di Pianificazione Territoriale e Urbanistica essendo queste necessarie per le tre azioni che più di tutte caratterizzano la Pianificazione stessa, cioè conoscere il territorio, analizzarlo e prendere decisioni per la sua gestione. La Pianificazione sia Territoriale che Urbanistica o anche Urbana si nutre di Informazione Territoriale e quindi attraverso le sue azioni esprime il bisogno di possedere dati sul territorio. Analizzando queste azioni sulla Pianificazione notiamo subito che fino ad oggi le informazioni territoriali non risultano distribuite in modo organico ed opportuno; infatti se pensiamo alle fonti dell Informazione Territoriale (siano esse iconografiche, normative, etc.) e del come esse vengono distribuite dall Amministrazione ai propri utenti, notiamo come essa risulti lontana dall utenza e dalle sue esigenze. Le principali criticità individuate dal sistema di distribuzione dell Informazione Territoriale che, in definitiva, non risulta avere un metodo di raccolta e distribuzione ben delineato, sono per consuetudine riferite ad alcuni aspetti: alla difficoltà di reperire i dati, all interoperabilità dei dati stessi, alla scarsa conoscenza del patrimonio di dati esistente. Per arrivare a questa affermazione si è analizzato quali siano le informazioni che servono alla Pianificazione, come tali informazioni vengano distribuite e da chi. Da qui la necessità di trovare un metodo alternativo di raccolta e di distribuzione dell informazione territoriale che lega l e-government alla stessa Informazione digitale Territoriale. Il termine e-government si potrebbe tradurre come amministrazione digitale e intendere come il processo di informatizzazione della Pubblica Amministrazione; questo processo, anche 3

4 attraverso azioni di cambiamento organizzativo, permette di gestire la documentazione e i procedimenti amministrativi attraverso sistemi digitali, grazie all uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione con lo scopo di rendere ai cittadini, alle imprese e ai professionisti servizi più rapidi, nuovi servizi e di ottimizzare il lavoro e le risorse delle Pubbliche Amministrazioni. Però l e-government non è, e non può essere, solo la digitalizzazione dei dati amministrativi o magari la digitalizzazione esemplificata di qualche best-practice all interno dell Amministrazione stessa; non si esaurisce nemmeno nell accessibilità on-line dei differenti servizi pubblici. Una politica per l e-government deve essere consapevole delle più ampie dimensioni di una trasformazione che investe il funzionamento delle Amministrazioni e la governance nel suo complesso. L Informazione Territoriale può, invece, essere definita come l insieme delle informazioni che servono a conoscere, controllare e gestire il territorio attraverso la descrizione degli elementi del territorio stesso e le loro relazioni. Di fatto l Informazione Territoriale si riferisce agli oggetti del mondo reale e serve a descrivere le mutue relazioni tra questi attraverso i suoi componenti geometrici e topologici. In Europa queste problematiche sono state recepite da una Direttiva che risulta fondamentale per l argomento che stiamo trattando; è questa la Direttiva INSPIRE 2/2007/CE che istituisce l infrastruttura per l informazione territoriale nella Comunità europea e in particolar modo chiarisce meglio il significato di Informazione Territoriale e nello specifico fornisce una definizione del sistema di elementi di cui è composta. Questa Direttiva istituisce dei servizi di rete indispensabili per condividere i dati territoriali, per cui tali tipologie di servizi vengono rilasciati attraverso strumenti che permettono di usufruire dei dati territoriali per mezzo dei cosiddetti geo-portali. 4

5 Sia l Informazione digitale Territoriale che l e-government producono delle conseguenze specifiche ad essi: infatti, per quanto riguarda l Informazione digitale Territoriale vediamo che essa si esplicita attraverso i geo-servizi, che vengono rilasciati tramite i geo-portali, dove si possono ricercare i dati territoriali stessi, accedervi e analizzarli. Per quanto riguarda i servizi attraverso cui si esplicita l e-government, invece, questi sono dei servizi semplici cioè servizi che vengono erogati attraverso portali Internet facenti capo alle Amministrazioni che detengono informazioni e dati necessari agli utenti (es. dominio gov.it). Questi servizi sono in grado di fornire uno scambio d informazioni fra Amministrazioni ed utenti attraverso procedure informatiche di rete (Internet) capaci di attivare dei procedimenti amministrativi e quindi di garantire infine un utilizzo di dati in possesso di valore legale. La maggior parte dei geo-portali italiani non permettono operazioni complete di e-government, ossia non permettono scambi reciproci di informazioni legalmente valide fra le PP.AA. e gli utenti. Questa è una crepa molto diffusa nella realizzazione di tali progetti delle Amministrazioni. Ovviamente una defiance che provoca una discontinuità reale fra e-government e Informazione Territoriale. 5

6 Presentazione. Scopo della tesi INFORMAZIONE TERRITORIALE SERVIZI WEB e-governemnt Pianificazione Territoriale e Urbanistica 1. Analisi della Pianificazione e delle modalità di distribuzione dell Informazione Territoriale Criticità 2. Teorizza il geo-government come strumento per superare tali criticità 3. Fornisce l esempio pratico di soluzione attraverso il progetto di 2 servizi di geo-government REDAZIONE DI PIANI PIU CONSAPEVOLE, PIU COERENTE E PIU CONDIVISA Distribuzione dell IT PIANIFICAZIONE AZIONI Conoscere il territorio Analizzarlo Prendere decisioni NECESSITA DI DATI Con valore legale INFORMAZIONE NON ACCESSIBILE (metodi tradizionali) INFORMAZIONE DISTRIBUITA CON INTERNET (tendenze odierne e future) 6

7 Metodi tradizionali di distribuzione Cosa si distribuisce? - Cartografia di base - Cartografia tematica - Strumenti Urbanistici - Normative - Dati statistici - etc. Come si distribuisce? - Cd room - Pen drive - Suppoto cartaceo - etc. Dove si distribuisce? - Sedi amministrative competenti CRITICITA 1 Difficoltà di accesso ai dati 2 Problemi di interoperabilità dei dati 3 Scarsa conoscenza del patrimonio informativo esistente Perché tali problemi? - Disponibilità ad elargire informazioni da parte di chi la detiene; - inaccessibilità paradossale delle sedi deputate a raccogliere le info. - Divaricazione tra i vari settori operativi preposti - Macchinosa procedura di organizzazione e raccolta dati; - uso interno a cui sono soggetti i dati raccolti; - Assenza di procedure di produzione dati standardizzate - Difficoltà di ricerca dei dati Distribuzione attraverso Internet Cosa si distribuisce? - Cartografia di base - Cartografia tematica - Strumenti Urbanistici - Normative - Dati statistici - Come si distribuisce? -Download Dove si distribuisce? - Internet STRUMENTI e TECNOLOGIE di DISTRIBUZIONE -ICT (Tecnologie per l Informazione e la Comunicazione) - IDT (Infrastruttura dei Dati Territoriali) - Servizi web CRITICITA 1 non permette procedimenti amministrativi completi 2 non permette di avere dati legalmente validi 7

8 Società dell informazione L Unione Europea istituisce col Trattato di Maastricht la Società per l Informazione : l insieme di politiche, iniziative ed investimenti necessari alla crescita economica, al miglioramento della competitività e al supporto dello sviluppo di una società fortemente incentrata sulla creazione e l uso dell informazione basata sulla conoscenza, sui prodotti e sui servizi. Scopo - liberalizzazione dell informazione nel settore pubblico (l Informazione Territoriale è circa la metà dell informazione) - creare nuovi servizi L Informazione Territoriale (geo-servizi) e-government (Servizi semplici ) Utili per la conoscenza e la gestione del territorio l Informazione Territoriale Fornisce le informazioni necessarie a conoscere, controllare e gestire il territorio attraverso la descrizione degli elementi del territorio stesso e le loro relazioni Attraverso le Infrastrutture per l Informazione Territoriale Composte da metadati, set di dati territoriali e dai servizi relativi ai dati territoriali Necessarie per tutte le attività di Pianificazione BENEFICI: - RICERCARE DATI - ACCEDERE AI DATI -ANALIZZARE I DATI geo-servizi Es. geo-portali CRITICITA : - PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI - SCAMBIO DATI LEGALMENTE VALIDI 8

9 e-government Si può intendere come il processo di informatizzazione della P.A. attraverso azioni di cambiamento organizzativo e strutturale. Necessità di ammodernamento e semplificazione delle P.A. Accessibilità Trasparenza Partecipazione Decentramento Lo Scopo di rendere più servizi, nuovi servizi ed ottimizzare le risorse della P.A. È rivolto ai cittadini, alle imprese, ai professionisti e alle P.A. BENEFICI: - PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI - SCAMBIO DATI LEGALMENTE VALIDI Servizi semplici Es. dominio gov.it CRITICITA : - NON LAVORANO CON L INFORMAZIONE TERRITORIALE Sviluppo europeo dell e-gov. e dell IT Programma Esprit (1984): stabilisce l introduzione delle nuove tecnologie nelle Amministrazioni come strumento per gestire le politiche territoriali, ambientali, economiche,etc. (base per le politiche future). Strategia di Lisbona (2000) (e-europe 2002,2005 e i2010): indica alcune linee di indirizzo per lo sviluppo delle azioni di e-gov. (la creazione di uno spazio europeo dell informazione, sviluppo e diffusione della Amministrazione digitale, limitare il digital devide). UE Trattato di Maastricht (1993): istituisce la Società dell informazione con l intento di una Società incentrata sull uso dell informazione e basata sulla conoscenza, sui prodotti e sui servizi. Direttiva 2003/98/CE (2003): riconosce l importanza delle informazioni detenute dal settore pubblico come importante materia prima per i prodotti e i servizi imperniati sui contenuti digitali e ne promuove il riutilizzo. Direttiva INSPIRE (2007) istituisce un infrastruttura per l informazione territoriale in Europa con l obiettivo era di rendere disponibile l Informazione Geografica rilevante, armonizzata e di qualità a supporto della formulazione, monitoraggio e valutazione delle politiche comunitarie. Gli elementi chiave sono dati territoriali, i metadati, i servizi riguardo a dati e metadati, architettura e standard, aspetti legali ed implementazione. 9

10 Azioni Informazione Territoriale Tesi Oggi // Azioni e-government geo-servizi Servizi semplici geo-government Benefici Assoluti Amministrazioni più semplici Informazioni più accessibili Più partecipazione dei cittadini Più trasparenza nei procedimenti Più collaborazione fra le PP.AA. Servizi più semplici Più informazioni Decisioni più coerenti Benefici Relativi 1. RICERCARE i dati territoriali 2. ACCEDERE ai dati territoriali 3. ANALIZZARE i dati territoriali 4. Ottenere dati con VALORE LEGALE Progetto di due servizi di geo-gov. Servizi di geo-gov. per la gestione del Progetto Urbano - Procedure relative al Progetto Urbano indicate nelle NTA del PRG di Roma (Capo 3, art. 16; def. Il Progetto Urbano è una procedura finalizzata alla definizione progettuale delle previsioni del PRG). - I servizi di geo-gov. sono da inserire all interno di un geo-portale ideale del Comune di Roma. - Si dà per assunto che tutti i dati relativi al PRG siano già stati inseriti. A chi è rivolto? Utenti -Per avere dati utili con valore legale -Per poter inviare dati a loro volta sottoscritti. (Caso d uso 1) P.A. -Per gestire il Pr. Urb. sia per i procedimenti amministrativi, che per l acquisizione dei dati stessi. (Caso d uso 2) 10

11 Progetto del servizio di geo-gov. Caso d uso 1 Caso d uso 2 Attori: -Operatore autenticato del Comune. -Operatore non autenticato della P.A. -Professionista. -Cittadino/Impresa. Obiettivo: rendere disponibile il contenuto della banca dati dei Progetti Urbani alla generalità degli utenti interni al Comune, ma anche ai cittadini, ai Professionisti con differenti livelli di abilitazione. Attori: -Operatore autenticato del Comune. -Operatore autenticato del Municipio. -Professionista. Obiettivo: fornire strumenti per la gestione e l utilizzo diffuso del mosaico dei Progetti Urbani del Comune di Roma. geo-servizi con procedure di e-gov.(servizi di geo-gov.) Progetto del geo-servizio Estrazione di porzioni di PRG, schema di assetto preliminare e di Progetto Urbano. Operatore che ha effettuato l autenticazione Estrazione di porzioni di piano Operatore comunale Casi di Estrazione 1 Incaricato dello schema di 2 Incaricato del Progetto assetto preliminare (PRG) Urbano (schema di assetto) 3 Incaricato Progetto Architettonico (coordinamento arch.) a. Selezione area di interesse dal geo-portale. b. Invio richiesta elaborati grafici, normativi e descrittivi. c. Ottiene dati con valore legale (firma digitale). 11

12 Progetto del geo-servizio Validazione del Progetto Urbano Operatore che ha effettuato l autenticazione Validazione del Progetto Urbano Operatore comunale Casi di Validazione 1 validazione dello schema di 2 validazione del Progetto assetto preliminare Urbano -L Operatore comunale riceve il progetto corredato di firma digitale dal Progettista. -Effettua l analisi di conformità. -Invia il progetto tramite il sistema di pubblica connettività (CAD) al Municipio. -Lo sottopone all approvazione della Giunta Comunale -Valida definitivamente e lo memorizza nel data-base e nei metadati. -Invia l approvazione con firma digitale al progettista. -L Operatore comunale riceve il progetto corredato di firma digitale dal Progettista. -Effettua l analisi di conformità. -Aspetta l approvazione della Consiglio Comunale -Valida definitivamente e lo memorizza nel data-base e nei metadati -Invia l approvazione con firma digitale al progettista. Conclusioni - Il geo-government si può realizzare se si integrano le azioni di e-government e le azioni dell IT. - I servizi di geo-government si devono progettare e rendono utilizzabili i dati territoriali e sono utili nel processo decisionale. - I servizi sono realizzabili informaticamente. - Il processo di Pianificazione ne trae dei considerevoli benefici. Do ut des Territorio geo-government 12

13 Relazione critica della tesi. Per svolgere la trattazione su come l idea di geo-government si può porre a supporto della Pianificazione Territoriale e Urbanistica, è stato necessario ipotizzare quali siano le necessità attuali della Pianificazione, per giungere al presupposto che l odierno sistema di distribuzione dell informazione possiede delle lacune che vanno in qualche modo sanate per giungere a una gestione del territorio più coerente, consapevole e condivisa. Nella presente tesi lo studio sull Informazione Territoriale e sull e-government è stato trattato sotto molti aspetti e principalmente praticoapplicativo, per giungere al concetto di geo-government. Partendo, come detto, dall individuazione delle azioni della Pianificazione Territoriale e Urbanistica e supponendo da queste la sua necessità di dati ben strutturati, sono giunto ad ipotizzare un nuovo metodo di distribuzione e gestione dell Informazione Territoriale e dei procedimenti che la riguardano. Il metodo individuato passa attraverso l utilizzo delle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione, delle Infrastrutture di Dati Territoriali e dei servizi offerti via Web da parte delle Amministrazioni che curano l Informazione ed in generale da parte della totalità dei fruitori della stessa Informazione; possiamo quindi individuare in queste gli strumenti per la distribuzione dell informazione attraverso Internet. Tali strumenti si esprimono tanto nell organizzazione amministrativa (egovernment) quanto in quella dell Informazione Territoriale e proprio questi due elementi sono stati analizzati, sia nei loro aspetti normativi che nello sviluppo operativo, per trovare quel metodo organico e opportuno di distribuzione dell informazione ipotizzato. 13

14 Da questa analisi sono emerse delle criticità negative date dalla mancanza di connessioni tra le azioni dell Informazione Territoriale e di e-government. Oggi, infatti, i rapporti intercorrenti fra questi due elementi viaggiano su due binari paralleli e se ciò può sembrare di difficile lettura guardando l aspetto normativo, è invece molto chiaro se facciamo riferimento alle azioni concrete le quali dimostrano che esse, come servizi, al momento della loro implementazione, sembrano ignorarsi non raggiungendo l obiettivo di completarsi l una con l altra. Questa esigenza di digitalizzare e gestire i dati detenuti dalla Pubblica Amministrazione utilizzando sistemi informatici si ravvisa in alcune fonti normative europee che, partendo dal Programma Esprit e dal Trattato di Maastricht ed indirizzandosi in alcune specifiche Direttive, hanno tracciato la strada da seguire per giungere a tale obiettivo, cioè porsi come mezzo per meglio gestire le politiche territoriali, ambientali, economiche, etc. In Italia tali normative sono state recepite in maniera fattiva e si sono suddivise lungo due direttrici di sviluppo: quella normativa che ha dato vita ad alcune Leggi e Decreti legislativi che sono andate a regolamentare la digitalizzazione del patrimonio informativo della Pubblica Amministrazione regolandone le modalità di accesso, l erogazione dei servizi e gli organi preposti a dettare le regole tecniche; in secondo luogo quella che sviluppa piani e progetti per mettere a disposizione le informazioni pubbliche e i servizi infrastrutturali agli utenti attraverso l estensione on-line degli stessi. L e-government, quindi, nasce dalla necessità di cambiamento, ammodernamento e semplificazione delle Pubbliche Amministrazioni con lo scopo di rendere nuovi servizi ai propri utenti ed ottimizzare le risorse delle PP.AA. stesse; i servizi Web, attraverso cui si esplicita l e-government, permettono di gestire procedimenti amministrativi e scambiare informazioni legalmente valide. 14

15 L Infrastruttura per l Informazione Territoriale, e in generale tutti i meccanismi e le procedure per la gestione dei dati territoriali che emergono dalle Direttive prodotte dall Unione Europea (soprattutto dalla Direttiva INSPIRE) e dalle azioni intraprese in Italia, portano a una distribuzione delle informazioni attraverso i geo-servizi, ossia servizi che si basano sull utilizzo di dati territoriali, all interno di portali amministrativi (geo-portali) che permettono di ricercare, visualizzare ed analizzare gli stessi. La maggior parte dei geo-portali italiani non permettono operazioni di e-government, ossia non permettono scambi di informazioni legalmente valide fra le PP.AA. e gli utenti. Questa è una crepa molto diffusa nella realizzazione di tali progetti delle Amministrazioni; ovviamente esiste una discontinuità reale rispetto ai rapporti, che si reputa dovrebbero esserci, fra e-government e Informazione Territoriale. Dopo aver sostenuto questo attento studio sugli elementi che servono a soddisfare l ipotesi di una informazione distribuita attraverso Internet è emerso che l unione fra le azioni di e-government e le Infrastrutture di dati territoriali portano ad alcuni benefici assoluti e ad altri relativi rispetto alla Pianificazione Territoriale ed Urbanistica. I primi si possono riassumere come i benefici che ne traggono le PP.AA. e i suoi utenti da procedure amministrative più semplici, più trasparenti e con più collaborazione da parte di tutti i soggetti che se ne occupano. Il secondo tipo di benefici invece, qui ritenuti più importanti, danno la base per colmare la carenza di dati territoriali necessari alle azioni della Pianificazione Territoriale ed Urbanistica cioè la conoscenza del territorio, l analisi dello stesso e la fase di decision-making. Tali benefici, relativi ai servizi, sono da individuare in alcune operazioni: possibilità di ricercare dati territoriali e informazioni relative ad essi; possibilità di accedere ai dati territoriali (visualizzare e scaricare dati territoriali); possibilità di analizzare dati territoriali; possibilità, offerta agli utenti dai servizi semplici di e-government, di interagire via Internet avviando procedimenti amministrativi legalmente validi. 15

16 Per poter ben spiegare l applicazione pratica di quanto fin qui proposto ed analizzato, è stato sviluppato un progetto di un geo-servizio basato su Informazioni Territoriali col quale è possibile gestire i principali procedimenti amministrativi relativi ai Progetti Urbani. Tale progetto, che fa riferimento alle procedure indicate nelle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore di Roma, ha come fine quello di fornire alcuni strumenti per la redazione di Progetti Urbani più corrispondenti alle necessità della città e maggiormente consapevoli delle loro ripercussioni concrete sulla città stessa. In questo progetto specifico il servizio di geo-government individua due casi d uso interconnessi fra di loro: il primo, cioè quello dei servizi di consultazione e analisi dei progetti urbani, è rivolto all utenza (in particolar modo i professionisti del settore) che necessita, in primo luogo, di informazioni e dati che abbiano valore legale e conseguenzialmente di poter inviare informazioni firmate e sottoscritte; il secondo è invece quello per la gestione del mosaico dei progetti urbani, questo è rivolto alla Pubblica Amministrazione Comunale per coordinare, attraverso il Web, il processo amministrativo del progetto urbano stesso sia per quanto riguarda il vero e proprio government che per quanto riguarda l acquisizione digitale dei dati relativi ai progetti urbani. Nella fattispecie si è applicata questa progettualità per inserire, all interno di un ideale geo-portale del Comune di Roma, i servizi di geo-government da me elaborati per la gestione dei Progetti Urbani. Il fine ultimo quindi che ho raggiunto, da un punto di vista applicativo, è quello di fornire gli strumenti per la redazione e la gestione di tutto il mosaico dei progetti urbani del Comune di Roma, città questa vista come città ideale a cui fare riferimento per sviluppare una reale politica di geo-government. A conclusione della presente tesi si è potuto dimostrare perciò come il processo di Pianificazione può evolversi in modo da giungere ad una redazione di Piani (territoriali e urbanistici) sempre più consapevole, coerente e condivisa e, contemporaneamente, tenere nel proprio bagaglio il maggior numero di 16

17 informazioni ben strutturate ed organizzate aventi valore legale. Si è infine giunti alla conclusione che l Informazione Territoriale unita alle azioni di e- government, quindi quello che abbiamo chiamato geo-government, e ai servizi attraverso cui si esplicitano, possano far parte del processo di Pianificazione Territoriale ed Urbanistica portando a quest ultima dei benefici esclusivi che possano trasformarla nel prossimo futuro in un iter quanto più ideale e la proietteranno verso il nuovo modo di intendere l uso delle nuove tecnologie. 17

18 Allegati. Sviluppo nazionale dell e-gov. e dell IT normativa - D.Lgs 82/2005, CAD (Codice dell Amministrazione Digitale) - Obbligo dell utilizzo delle ICT - Erogazione di servizi in rete - Indica le modalità di accesso all informazione (cartadi identitàelettronicae cartanazionaledei servizi) - Definisce il significato i dati territoriali - Istituisce il comitato per le regole tecniche sui dati territoriali direttrici - D.lgs 36/2006 Riutilizzo dei documenti nel settore pubblico - Piano di Azione di e-gov Raccolta e produzione di informazione - Messa a disposizione delle Informazioni Pubbliche a terzi - Proposizione di servizi e prodotti - Promozione di servizi per l utenza e infrastrutturali -Riuso delle informazioni del settore pubblico - Rete di Pubblica Connettività - Servizi per l interazione della Pubblica Amministrazione con i suoi utenti attraverso internet Piani e Progetti - Dominio gov.it - Punto di accesso ai servizi che permettono di avviare pratiche amministrative - Piano di e-gov Estensione dei servizi on-line - Strumenti di comunicazione via web - Avviare un sistema standardizzato per conoscere e utilizzare i dati territoriali -Realizzare un anagrafe con dati catastali e data base topografico regionale a grande scala - 18

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma, 13 Novembre 2013 Ing. Carolina Cirillo Direttore Servizi Informatici e Telematici Agenda Perché l Open

Dettagli

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag.

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. Newsletter SITAD Aprile 2005 num. 3 Sommario No Risk Il progetto pag. 2 I servizi sviluppati pag. 2 SITAD su SistemaPiemonte pag. 4 La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. 5 SITAD si candida

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata MS e CLE: sistemi informativi e diffusione Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata La prevenzione del rischio sismico Dopo il terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, lo Stato ha emanato un nuovo

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali

I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Seconda edizione I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali Relatore: Gian Bartolomeo Siletto

Dettagli

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia:

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Le Province all avanguardia nell innovazione tecnologica! Premesse Lunedì 15 Novembre è stato presentato a

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

La digitalizzazione della Pubblica Amministrazione ed il dato territorlale

La digitalizzazione della Pubblica Amministrazione ed il dato territorlale Scuola di Dottorato Il Codice dell Amministrazione Digitale: le origini Alberto Leoni Università IUAV di Venezia a.leoni1@stud.iuav.it 1. I Fondamenti Normativi: Scaletta di Intervento La Direttiva Europea

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE SERVIZI DI INFRASTRUTTURA Vista d'insieme Questo documento definisce la visione d insieme del nuovo Sistema Informativo Lavoro ed è teso ad illustrare le caratteristiche

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili

La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili trasformazioni L organigramma nelle scuole I meccanismi

Dettagli

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' art. 10 d. lgs. 33/2013 Sommario Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione... 1 1. Procedimento di elaborazione

Dettagli

PORTALE REGIONALE DELLA SISMICA

PORTALE REGIONALE DELLA SISMICA PORTALE REGIONALE DELLA SISMICA IL SISTEMA DI GESTIONE ELETTRONICA DELLE PRENOTAZIONI Napoli, 4 luglio 2012 Francesco Castagna Coordinatore Commissione Informatica, Ordine Ingegneri della Provincia di

Dettagli

Le comunicazioni telematiche in Toscana

Le comunicazioni telematiche in Toscana Le comunicazioni telematiche in Toscana Stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana I N D I C E Le comunicazioni telematiche I canali di comunicazioni InterPRO e le Amministrazioni Pubbliche Come attivare

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av)

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Circolare DigitPA 1 dicembre 2011 n. 58 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 30 del

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

porta i dati al centro

porta i dati al centro REALIZZA IL cambiamento porta i dati al centro Il mondo che cambia Il digitale abilita una relazione virtuosa tra la Pubblica Amministrazione e la collettività, nonché il ridisegno dei processi a partire

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Docente responsabile del supporto al lavoro del docente Vincenza Mittica PIANO FORMAZIONE

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Le prospettive dell Open Data

Le prospettive dell Open Data Le prospettive dell Open Data 28 febbraio 2012 Francesco Tortorelli La disponibilità dei dati Tra l 80% ed il 90% dei dati digitali sono stati creati negli ultimi 2 anni Mentre camminiamo, siamo in auto,

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

Sistema Informativo Sismica (SIS) Art. 4, comma 2, L.R. n. 19/2008

Sistema Informativo Sismica (SIS) Art. 4, comma 2, L.R. n. 19/2008 Gestione Informatica delle pratiche sismiche Forlì 9 ottobre 2014 Sistema Informativo Sismica (SIS) Art. 4, comma 2, L.R. n. 19/2008 La Giunta regionale promuove «lo sviluppo di un sistema integrato che

Dettagli

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007;

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007; 50014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 175 del 24 12 2014 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L IN NOVAZIONE 18 dicembre

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

Estratto dal verbale delle deliberazioni di Giunta

Estratto dal verbale delle deliberazioni di Giunta COPIA dell ORIGINALE Deliberazione N. 321 / 2013 Estratto dal verbale delle deliberazioni di Giunta OGGETTO: LA PROVINCIA DI PESARO E URBINO SUI SOCIAL MEDIA - LINEE DI INDIRIZZO L anno duemilatredici

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE SOMMARIO TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE CAPITOLO PRIMO LE ORIGINI DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE 1. Introduzione 1.1 La definizione di società dell informazione 1.2 La Società

Dettagli

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione Repubblica Italiana Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Bilancio e Tesoro- Ragioneria Generale della Regione Catania 18 Marzo 2008 REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e

Dettagli

Lo schema complessivo con cui opera il servizio è quello rappresentato in figura. 1

Lo schema complessivo con cui opera il servizio è quello rappresentato in figura. 1 U N I A R C Amministrazione Digitale dei Documenti Nell ambito delle trasformazioni legate alla conversione al digitale della Pubblica Amministrazione e delle Imprese (nuovo Codice dell Amministrazione

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA

Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA CORSICA E SARDEGNA UN PATTO NUOVO TRA DUE ISOLE SORELLE DEL MEDITERRANEO Oggi, 14 marzo 2016, il Presidente della Regione autonoma della Sardegna e il Presidente

Dettagli

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità:

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità: Il Portale Integrato Il Portale per i servizi alle imprese (www.impresa-gov.it), realizzato dall INPS, è nato con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un unico front end per utilizzare i

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA

CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA PER LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI SUGLI APPALTI PUBBLICI DI SERVIZI E FORNITURE NELL AMBITO ICT

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano COMUNE DI TURRI Provincia Medio Campidano Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Regione Umbria. Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni. www.umbriageo.regione.umbria.

Regione Umbria. Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni. www.umbriageo.regione.umbria. DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PER GARANTIRE L ACCESSO AI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017 Redatto ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L. 24 giugno 2014, n. 90. I. QUADRO NORMATIVO Il Decreto Legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito in legge

Dettagli

La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive

La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive La dematerializzazione della documentazione amministrativa: situazione e prospettive Prof. Pierluigi Ridolfi Componente CNIPA Roma - 12 ottobre 2006 1 Cosa è stato fatto Gruppo di lavoro interministeriale

Dettagli

I VANTAGGI. Flessibilità

I VANTAGGI. Flessibilità E-LEARNING E-LEARNING La proposta E-Learning della suite Agorà di Dedagroup A CHI SI RIVOLGE L OFFERTA fornisce al cliente un sistema complementare di formazione a distanza sui prodotti della suite Agorà

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO

ORIZZONTI SCUOLA CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO CONSOLIDAMENTO DELLA RETE DONNA-LAVORO Il Servizio Orientamento Scolastico e Professionale partecipa al progetto Consolidamento della RETE DONNA-LAVORO, allo scopo di migliorare la qualità occupazionale

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Gennaio 2005 Indice Introduzione Obiettivo e metodologia dell indagine Composizione e rappresentatività

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. C.A.S.A. Custodia e Assistenza Sociale per Anziani

COMUNE DI MASSAFRA. C.A.S.A. Custodia e Assistenza Sociale per Anziani COMUNE DI MASSAFRA PROGETTO: C.A.S.A. Custodia e Assistenza Sociale per Anziani P.O. FESR PUGLIA 2007-2013 Asse III Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita e l attrattività territoriale

Dettagli

Studio di casi sul rapporto tra programmazione e pianificazione territoriale e urbanistica

Studio di casi sul rapporto tra programmazione e pianificazione territoriale e urbanistica Intesa Istituzionale di Programma Stato - Regione Piemonte Studio di casi sul rapporto tra programmazione e pianificazione territoriale e urbanistica IL TERRITORIO PRESUPPOSTO DELLE POLITICHE "L'unicità

Dettagli

La piattaforma informatica sulla sicurezza nei cantieri pubblici di Roma Capitale

La piattaforma informatica sulla sicurezza nei cantieri pubblici di Roma Capitale La piattaforma informatica sulla sicurezza nei cantieri pubblici di Roma Capitale Il progetto SPI Cantieri SPI Cantieri è una piattaforma informatica interattiva per il controllo online dei cantieri edili

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Pisa Convegno Legautonomie

Pisa Convegno Legautonomie Spunti di riflessione sui nuovi scenari della amministrazione pubblica digitale Pisa Convegno Legautonomie 25 ottobre 2010 Elena Tabet Il lungo cammino dell amministrazione digitale Istituzione di un Autorità

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

RinG Reti in Genere!

RinG Reti in Genere! RinG Reti in Genere! Progetto Una rete per le donne Programma Opera+vo FSE 2007-2013 Asse II Occupabilità! Open Government e Open Data Prospettive e Opportunità per una cittadinanza attiva delle donne

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

La soluzione offerta dal Consorzio Civica

La soluzione offerta dal Consorzio Civica SwG-SUAP La soluzione offerta dal Consorzio Civica Sommario - L ARCHITETTURA DEL SISTEMA - LE FUNZIONALITA - EVOLUZIONI PREVISTE - IL SITO INTERNET - REQUISITI DI UTILIZZO - CONDIZIONI COMMERCIALI - IL

Dettagli

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Brescia, Webinar11 Formez Novembre PA - 27 2010 Novembre 2013 1 Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Massimo Foccardi (*), Delio Brentan (*), Monica Cestaro (**) (*) Regione del Veneto

Dettagli

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Programma Il Codice dell Amministrazione Digitale Il Documento Informatico

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016 -

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016 - PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNO 2014 2015 2016-1 1. Introduzione: organizzazione e funzioni del Comune. Con l approvazione del presente Programma Triennale della Trasparenza e dell

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

L esperienza di S.O.S. Servizi Sociali On Line nell attività di. Il nostro sito, www.servizisocialionline.it si rivolge,

L esperienza di S.O.S. Servizi Sociali On Line nell attività di. Il nostro sito, www.servizisocialionline.it si rivolge, con la Partnership e il Patrocinio morale del CONVEGNO NAZIONALE Il servizio sociale professionale on line in Italia 12.2.2011 ROMA Hotel dei Congressi INTERVENTO DEL Direttore di S.O.S. Servizi Sociali

Dettagli

Comune di Empoli QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI

Comune di Empoli QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI Comune di Empoli INDAGINE CONOSCITIVA FINALIZZATA ALLA COSTRUZIONE DI UN QUADRO DI CONOSCENZA DEL TERRITORIO PRELIMINARE ALLA REVISIONE DELLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Preso atto che la somma da destinare alla formazione prevista nel bilancio di previsione dell Unione, è pari a 9.600,00 per l anno 2014;

Preso atto che la somma da destinare alla formazione prevista nel bilancio di previsione dell Unione, è pari a 9.600,00 per l anno 2014; Richiamate le delibera del Cda n. 20 del 30/12/2010 e dell Assemblea n. 5 del 13/06/2013 con le quali si recepisce il trasferimento all Unione dei Comuni il servizio per la gestione in forma associata

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Per il piano regolatore di Siena lo studio LdP ha sviluppato un progetto per la diffusione via Internet della banca dati

Dettagli

Un riferimento sicuro verso la meta

Un riferimento sicuro verso la meta Un riferimento sicuro verso la meta Siamo una guida sicura verso la meta, che vi accompagna nel lungo e complesso viaggio da intraprendere nel mare della finanza e dell iter autorizzativo, il tutto per

Dettagli

PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI

PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI Regione Piemonte Comunicazione Istituzionale della Giunta Regionale Direttore: Roberto Moisio

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO FINALIZZATO ALL' INDIVIDUAZIONE DI UN LUOGO IN CUI PROMUOVERE SCAMBI CULTURALI E PROCESSI DI INCLUSIONE E RELAZIONE

Dettagli