Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI"

Transcript

1 Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI Anno Accademico Marco Comerio Richiami Teorici

2 Oggetti distribuiti 2-16 Usuale organizzazione di un oggetto remoto con un client-side proxy. Java RMI: Caratteristiche supporta l'invocazione di metodi tra oggetti in macchine virtuali distinte le interfacce sono Java vengono passati e ritornati oggetti Java le classi vengono caricate dinamicamente più sicuro perché non si deve tradurre nulla: il bytecode è lo stesso sempre si usa lo stesso approccio in ambiente singolo e in ambiente distribuito

3 Java/RMI definizioni Java/RMI definizioni Si basa sulla separazione tra definizione e implementazione delle funzionalità L interfaccia definisce le operazioni che si possono invocare Una classe istanziata sul server implementa le operazioni Il client usa la definizione (l interfaccia) Il server esegue l implementazione (l oggetto istanza della classe che implementa l interfaccia) Una classe proxy istanziata sul client fa da tramite

4 Architettura RMI Intercetta le chiamate del client Realizza il collegamento remoto TCP/IP Classi usate in RMI Classi Remote nel proprio spazio di indirizzi si comportano come un qualsiasi altro oggetto in altri spazi di indirizzi, l oggetto può essere referenziato usando riferimenti remoti Classi Serializzabili un oggetto serializzabile è un oggetto che può essere trasferito da uno spazio di indirizzi ad un altro

5 Passaggio Remoto di Parametri Parametro Remoto l handle dell oggetto viene copiato da uno spazio di indirizzi ad un altro Parametro Serializzabile l oggetto viene copiato da uno spazio di indirizzi ad un altro Parametro né Serializzabile né Remoto non possono essere usati come parametri Esempio: remoteobject.execute(o,p) remoteobject è un riferimento remoto, o è un parametro remoto, e p è un parametro serializzabile spazio degli indirizzi del client spazio degli indirizzi del server remoteobject remoteobject.execute(o,p) o.getv() p o skeleton stub p p.foo() Identificazione dei server Utilizza directory (o naming) service I directory service devono essere disponibile ad un host e porta noti (well known address) RMI definisce rmiregistry sta su ogni macchina che ospita servizi remoti convenzionalmente alla porta 1099

6 RMI registry Sul server creazione da programma di un oggetto locale che realizza il servizio desiderato lo registra presso l RMI registry sullo stesso host con un nome pubblico OggettoRemoto server = new OggettoRemoto(); Registry registrolocale = LocateRegistry().getRegistry(); registrolocale.bind( nomeoggetto, server); RMI attiva un servizio di ascolto per quel servizio RMI registry Sul client RMI registry è accessibile attraverso il metodo lookup() della classe Naming lookup() riceve una URL con il nome dell host e del servizio desiderato restituisce il reference remoto dell oggetto che fornisce il servizio URL: rmi://<host_name> [:<name_service_port>] /<service_name>

7 Esercizio 1: Calculator Obiettivo Costruire un semplice calcolatore remoto ed usarlo tramite un programma client. Step per la costruzione del sistema (assumendo che RMI sia già attivo): Scrivere e compilare il codice Java per le interfacce; Scrivere e compilare il codice Java per le classi che implementano le interfacce; Generare i file.class Stub e Skeleton dalle classi che implementano le interfacce; Scrivere e compilare il codice Java per un servizio host remoto; Scrivere e compilare il codice Java per un programma RMI client; Installare ed eseguire il sistema RMI.

8 Step 1 Scrivere e compilare il codice Java per le interfacce. L interfaccia Calculator definisce tutti i metodi offerti dal servizio: add, sub, mul, div. L interfaccia estende Remote, e ogni signature dichiara che può essere trattata con un oggetto RemoteException. File: Calculator.java Step 2 Scrivere e compilare il codice Java per le classi che implementano le interfacce. Le classi che implementano le interfacce usano UnicastRemoteObject come link al sistema RMI. Nell esempio, la classe estende direttamente UnicastRemoteObject. Questo non è strettamente richiesto. Una classe che non estende UnicastRemoteObject può utilizzare i suoi metodi exportobject() per accedere ad RMI. Quando una classe estende UnicastRemoteObject, deve fornire un costruttore che dichiara che può essere trattato con un oggetto RemoteException. Quando il costruttore chiama super(), attiva codice in UnicastRemoteObject che attiva il link con RMI ed inizializza l oggetto remoto. File: CalculatorImpl.java

9 Step 3 Generare i file.class Stub e Skeleton dalle classi che implementano le interfacce. Mediante RMI compiler rmic, si generano i file stub e skeleton. Il compilatore viene eseguito sulla classe che implementa il servizio remoto: >rmic CalculatorImpl Utilizzando Java 5 SDK solo il file stub viene generato. Lo skeleton non è più necessario. File: CalculatorImpl_Stub.class Step 4 Scrivere e compilare il codice Java per un servizio host remoto. I servizi remoti RMI devono essere ospitati in un processo server. La classe CalculatorServer è un semplice esempio che fornisce le essenzialità per l hosting. CalculatorService viene registrato usando la classe Naming presso l RMI registry sullo stesso host con un nome pubblico. RMI attiva un servizio di ascolto per CalculatorService. File: CalculatorServer.java

10 Step 5 Scrivere e compilare il codice Java per un programma RMI client. Si utilizza il metodo lookup() della classe Naming per accedere all RMI registry. Il metodo lookup() riceve una URL con il nome dell host e del servizio desiderato e restituisce il reference remoto dell oggetto che fornisce il servizio. Il reference viene usato per invocare i metodi remoti con i seguenti parametri: sub(4,3) add(4,5) mul(3,6) div(9,3) Vengono forniti i gestori delle eccezioni. File: CalculatorClient.java Step 6 Installare ed eseguire il sistema RMI. Devono essere inizializzate tre console: Si inizializza la console per l RMIRegistry usando il comando Java rmiregistry. Si inizializza la console per il server che ospita CalculatorService. Il servizio viene caricato in memoria e rimane in attesa di una chiamata da parte del client. Si inizializza la console per il client. I risultati prodotti sono i seguenti: 1, 9, 18 e 3

11 Esercizio 2: printer server Ambiente L esercizio verrà svolto utilizzando: Eclipse 3.1; RMI Plug-in per Eclipse (http://www.genady.net/rmi/index.html); JDK 1.5. Il codice Java è tratto dal tutorial fornito insieme al plug-in.

12 Traccia dell esercizio esercizio Sviluppare un applicazione che consenta ad un client di inviare richieste di stampa ad una stampante scelta tra tre che risultano (virtualmente) collegate. Ciascuna stampante ha un identificatore che può essere utilizzato dal client per verificarne lo stato. L applicazione client riceve il nome del server come argomento, si connette all RMI registry, sceglie in maniera casuale una stampante tra le tre disponibili e sottomette una richiesta di stampa (una semplice stringa di testo). Dopo aver sottomesso la richiesta, il client effettua query per verificare lo stato di avanzamento della stampa. Le query vengono effettuate fino a quando la stampa richiesta non risulta ultimata. Creazione Interfaccia RemotePrinter L interfaccia RemotePrinter deve estendere java.rmi.remote e deve definire metodi remoti per: Sottomettere un richiesta di stampa; Verificare se la stampa è stata terminata; Verificare lo stato della stampante. Ciascun metodo deve dichiarare una RemoteException. L interfaccia deve essere comune tra il client e il server. Non deve essere parte del progetto server (scelta usuale) ma deve essere creata in un progetto separato. Il client e il server avranno l interfaccia comune sui lori build path.

13 Creazione Interfaccia RemotePrinter Creazione guidata dell interfaccia mediante l utilizzo dell RMI Plug in di Eclipse Creare nuovo progetto Java per l interfaccia condivisa; Creare un nuovo package; Creare scheletro dell interfaccia mediante procedura guidata; Definire metodi: public int submitjob(string text) public boolean iscomplete(int id) public String getprinterstatus() Creazione lato server Il progetto server deve contenere l implementazione dell interfaccia RemotePrinter. La classe Java deve estendere la classe UnicastRemoteObject per rendere l oggetto visibile nel sistema RMI. Il metodo main() deve consentire di: Effettuare la connessione al registry RMI locale; Creare tre istanze di printer; Registrare le tre printer nel registro RMI locale. La registrazione deve essere effettuata accedendo direttamente il registro (l utilizzo di Naming.rebind() potrebbe essere un alternativa). Se non si verificano errori, il messaggio "The printer server is ready" deve essere visualizzato sulla console.

14 Creazione lato server Creazione guidata del lato server mediante l utilizzo dell RMI Plug in di Eclipse Creare nuovo progetto Java; Creare collegamento al progetto contenente l interfaccia comune; Creare un nuovo package; Creare scheletro della classe mediante procedura guidata: Superclass: UnicastRemoteObject Interface: RemotePrinter Definire il costruttore della classe; Implementare i metodi definiti nell interfaccia; Generare lo stub mediante il comando Enable Stubs Generation ; Visualizzare lo stub. Creazione lato server I metodi vengono implementati nel seguente modo: public int submitjob(string text): permette di inoltrare una nuova richiesta di stampa. Se l id della richiesta è pari, lo stato viene settato come completato. public boolean iscomplete(int id): permette di verificare lo stato di una richiesta. Dopo la chiamata lo stato viene settato come completato. public String getprinterstatus(): verifica lo stato delle stampanti. Ritorna in maniera random uno dei seguenti valori:"ready,"error or "Unknown". public static void main(string[] args): registra tre stampanti nel registro locale.

15 Creazione lato client Il progetto client deve consistere di una sola classe Java. Il metodo main() della classe deve: Connettersi al registro sulla macchina server e accedere in maniera casuale ad una delle tre stampanti remote disponibili; Inviare una nuova richiesta di stampa (una semplice stringa di testo) e salvare l id; Verificare lo stato della richiesta e della stampante fino a quando la richiesta risulta completata. Creazione lato client Creazione guidata del lato client mediante l utilizzo dell RMI Plug in di Eclipse Creare nuovo progetto Java; Creare collegamento al progetto contenente l interfaccia comune; Creare un nuovo package; Implementare il metodo main(): Installazione del security manager System.setSecurityManager(newRMISecurityManager()); Accesso al registry Registry registry = LocateRegistry.getRegistry(args[0]); Collegamento ad una delle tre stampanti RemotePrinter printer = (RemotePrinter)registry.lookup("printer" + selectedprinter); Invio di una richiesta di stampa int jobid = printer.submitjob( Message"); Verifica stato della richiesta e della stampante fino a quando la richiesta risulta completata while (!printer.iscomplete(jobid)) { System.out.println("Print job" +jobid + "is awaiting completion."); System.out.println("Printer status: "+printer.getprinterstatus());}

16 Esecuzione dell applicazione Esecuzione dell applicazione mediante l utilizzo dell RMI Plug in di Eclipse Avviare il registry sulla porta 1099; Avviare il server come applicazione RMI Settare il codebase per la RMI VM Avviare il client come applicazione RMI Settare il security manager per la RMI VM Passare come parametro localhost Il risultato viene visualizzato nella console. Esempio: Submitted print job (id=0) to printer1 Print job 0 is awaiting completion. Printer status: Ready Done printing La proprietà codebase La proprietà codebase è una proprietà della VM che è responsabile della configurazione per l accesso remoto ad una classe. Per un progetto server, codebase dichiara la collocazione dell interfaccia remota e dello stub. Nell esempio, il progetto client non ha nessun punto di accesso al progetto server (ad esempio, non ha accesso diretto allo stub). La soluzione consiste nell annotare l oggetto remoto con una proprietà codebase che agisce da classpath. Quando si utilizza l oggetto remoto è possibile consultare codebase per risolvere il class-loading.

17 Security Manager Il SecurityManager permette la specifica dei permessi di accesso. L RMISecurityManager può essere: configurato: sovrascrivendo i suoi metodi checkpermission(permission perm); configurato specificando un file di policy opzione della jvm Djava.security.policy=... In generale è possibile creare dei SecurityManager personalizzati estendendo la classe SecurityManager, o modificando i permessi nel file <JAVA_HOME>/lib/security/java.security Security policy La security policy generata per Printer server assegna ogni tipologia di permessi all applicazione. La policy è richiesta del RMISecurityManager e l applicazione non viene eseguita con successo se non viene avviata specificando un opportuno security policy file. La security policy può essere settata mediante l RMI Launcher o settando manualmente la proprietà java.security.policy.

18 Esempio di file di policy grant { permission java.security.allpermission; // Other options: permission java.net.socketpermission " :1024-", "accept, connect, listen, resolve"; permission java.net.socketpermission "localhost:1024-", "accept, connect, listen, resolve"; permission java.net.socketpermission "*: ", "connect,accept"; permission java.net.socketpermission "*:80", "connect"; permission java.net.socketpermission "*: ", "connect,accept"; permission java.io.filepermission "c:\\home\\ann\\public_html\\classes\\-", "read"; permission java.io.filepermission "c:\\home\\jones\\public_html\\classes\\-", "read"; };

Programmazione distribuita

Programmazione distribuita Programmazione distribuita 1 Architettura client-server È il modo classico di progettare applicazioni distribuite su rete Server offre un servizio "centralizzato" attende che altri (client) lo contattino

Dettagli

RMI: metodi equals e hashcode

RMI: metodi equals e hashcode RMI: metodi equals e hashcode Per verificare se due oggetti remoti contengono gli stessi dati, la chiamata indirizzata al metodo equals() avrebbe bisogno di contattare i server dove si trovano gli oggetti

Dettagli

Java Remote Method Invocation

Java Remote Method Invocation Java Remote Method Invocation Programmazione in Rete e Laboratorio Comunicazione distribuita Port1 Java VM1 Java VM2 Port 2 Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Universita` degli Studi di Torino

Dettagli

Mobilità di Codice. Massimo Merro Programmazione di Rete 128 / 144

Mobilità di Codice. Massimo Merro Programmazione di Rete 128 / 144 Mobilità di Codice Abbiamo già visto come un dato host possa trasmettere un oggetto (serializzabile) ad un altro host. Quest ultimo potrà eseguire l oggetto pur non possedendo il bytecode della classe

Dettagli

RMI. Java RMI RMI. G. Prencipe prencipe@di.unipi.it

RMI. Java RMI RMI. G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Java Remote Method Invocation -- RMI G. Prencipe prencipe@di.unipi.it RMI RMI è una tecnologia JAVA che permette a una JVM di comunicare con un altra JVM per farle eseguire metodi È possibile che oggetti

Dettagli

Contesto e motivazioni Architettura e concetti di base Componenti di RMI RMIRegistry Interfacce, eccezioni e classi Lo sviluppo di una applicazione L

Contesto e motivazioni Architettura e concetti di base Componenti di RMI RMIRegistry Interfacce, eccezioni e classi Lo sviluppo di una applicazione L CEFRIEL Consorzio per la Formazione e la Ricerca in Ingegneria dell Informazione Politecnico di Milano Programmazione Object Oriented in Java Java Remote Method Invocation Docente: Diego Peroni CEFRIEL

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Anno Accademico 2005-06 Prof. Flavio De Paoli. Il modello ad oggetti

Sistemi Distribuiti. Anno Accademico 2005-06 Prof. Flavio De Paoli. Il modello ad oggetti Sistemi Distribuiti Anno Accademico 2005-06 Prof. Flavio De Paoli 1 Il modello ad oggetti 2 Distributed Objects 2-16 Common organization of a remote object with client-side proxy. 3 Caratteristiche Oggetti

Dettagli

Programmazione di sistemi distribuiti

Programmazione di sistemi distribuiti Programmazione di sistemi distribuiti I Sistemi Distribuiti, per loro natura, prevedono che computazioni differenti possano essere eseguite su VM differenti, possibilmente su host differenti, comunicanti

Dettagli

Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro

Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro Socket È possibile trattare la comunicazione di rete allo stesso modo con cui è possibile trattare la lettura da file. La classe Socket rappresenta la

Dettagli

Java Security Model e RMI

Java Security Model e RMI Java Security Model e RMI Da Java 2 in poi la politica di sicurezza di Java impone all utente di definire espressamente i permessi di cui deve disporre un applicazione. Tali permessi definiscono una sandbox,

Dettagli

RMI Remote Method Invocation

RMI Remote Method Invocation RMI Remote Method Invocation [Pagina intenzionalmente vuota] (1 12 2004) slide 4:1/18 (p.106) Un applicazione RMI è un applicazione distribuita ad oggetti. Applicazione RMI tipica, strutturata in: server:

Dettagli

Activation In sintesi: è inutile avere attivi degli oggetti se non vengono utilizzati

Activation In sintesi: è inutile avere attivi degli oggetti se non vengono utilizzati Activation In generale i Sistemi ad oggetti distribuiti sono progettati per lavorare con oggetti persistenti. Dato che questi sistemi saranno composti da migliaia (forse milioni) di tali oggetti, sarebbe

Dettagli

Registri RMI. Massimo Merro Univ. Verona Programmazione di Rete 90 / 247

Registri RMI. Massimo Merro Univ. Verona Programmazione di Rete 90 / 247 Registri RMI Per poter interagire con un server remoto, un client deve essere in possesso di una sua referenza remota (ovvero un oggetto stub). Un servizio di Naming è una risorsa centralizzata che può

Dettagli

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità:

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità: 7 Esercitazione (svolta): due possibilità: Java RMI: callback Molte applicazioni richiedono un meccanismo publish/subscribe I partecipanti (client) necessitano di notifiche da parte del coordinatore (server)

Dettagli

Il linguaggio Java. Oggetto remoto. Remote Method Invocation (RMI) Oggetto remoto: oggetto i cui metodi possono essere invocati attraverso la rete

Il linguaggio Java. Oggetto remoto. Remote Method Invocation (RMI) Oggetto remoto: oggetto i cui metodi possono essere invocati attraverso la rete Il linguaggio Java Remote Method Invocation (RMI) Oggetto remoto Oggetto remoto: oggetto i cui metodi possono essere invocati attraverso la rete Client Server 2 Schema di principio oggetto client oggetto

Dettagli

Introduzione a Java Remote Method Invocation (RMI)

Introduzione a Java Remote Method Invocation (RMI) Introduzione a Java Remote Method Invocation (RMI) SAPIENZA Università di Roma Corso di Architetture Software Orientate ai Servizi E risuona il mio barbarico yawp sopra i tetti del mondo ( I sound my barbaric

Dettagli

Servers Activatable. Massimo Merro Programmazione di Rete 166 / 193

Servers Activatable. Massimo Merro Programmazione di Rete 166 / 193 Servers Activatable Nelle lezioni precedenti abbiamo detto che una referenza remota ad un server di tipo UnicastRemoteObject rimane valida finchè il server è in esecuzione. Quando il server termina, o

Dettagli

UnicastRemoteObject. Massimo Merro Programmazione di Rete 103 / 124

UnicastRemoteObject. Massimo Merro Programmazione di Rete 103 / 124 UnicastRemoteObject Java RMI fornisce diverse classi base per definire server remoti: UnicastRemoteObject < RemoteServer < RemoteObject dove A < B significa che A è una sottoclasse di B. UnicastRemotObject

Dettagli

Organizzazione della lezione. 15. Java Remote Method Invocation (3) Lo schema del Factory Design Pattern - 1. Factory design pattern

Organizzazione della lezione. 15. Java Remote Method Invocation (3) Lo schema del Factory Design Pattern - 1. Factory design pattern Organizzazione della lezione 15. Java Remote Method Invocation (3) Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno Il design pattern

Dettagli

Remote Method Invocation (RMI)

Remote Method Invocation (RMI) (RMI) Remote Method Invocation (RMI) in Java. Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università à degli Studi di Milano. e-mail: cazzola@disi disi.unige.it Walter Cazzola Java: Remote

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma Eclipse Avviare un progetto e compilare un semplice programma Descrizione di Eclipse Eclipse è un ambiente di sviluppo che facilita la scrittura ed il debug di programmi java Permette di: Scrivere il codice

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Distribuiti Leonardo Mariani

Laboratorio di Sistemi Distribuiti Leonardo Mariani Laboratorio di Sistemi Distribuiti Leonardo Mariani ELECTION ALGORITHMS In molti sistemi distribuiti un processo deve agire da (o svolgere un ruolo particolare) per gli altri processi. Spesso non è importante

Dettagli

Organizzazione della lezione. Lezione 18 Remote Method Invocation - 6. (con callback) L accesso al registry per il rebind()

Organizzazione della lezione. Lezione 18 Remote Method Invocation - 6. (con callback) L accesso al registry per il rebind() Organizzazione della lezione Lezione 18 Remote Method Invocation - 6 Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita (2003-2004) Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti DAIS Univ. Ca' Foscari Venezia Programmazione ad oggetti Samuel Rota Bulò Informazioni generali Docente: Samuel Rota Bulò @email: srotabul@dais.unive.it Homepage: http://www.dais.unive.it/~srotabul/ ooprogramming2012.html

Dettagli

Java RMI (Remote Method Invocation)

Java RMI (Remote Method Invocation) Java RMI (Remote Method Invocation) Accesso ad oggetti remoti In Java non sono possibili riferimenti remoti RPC in JAVA Le RMI introducono la possibilità di richiedere esecuzione di metodi remoti in JAVA

Dettagli

Scrivere un programma in Java

Scrivere un programma in Java Programmare in JAVA Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA uff. 0577 234850 - interno: 7102 Stanza 119 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD La prima applicazione Java con NetBeans IDE Dott. Ing. M. Banci, PhD Creare la prima applicazione 1. Creare un progetto: Quando si crea un progetto IDE occorre creare un ambiente nel quale costruire e

Dettagli

RMI. Prova pratica di Sistemi Distribuiti:

RMI. Prova pratica di Sistemi Distribuiti: Prova pratica di Sistemi Distribuiti: RMI Di Nicola Milella Al fine di toccare con mano queste tecnologie e capirne i rispettivi pro e contro si è deciso di sviluppare un applicazione distribuita sfruttando

Dettagli

JNDI. Massimo Merro Programmazione di Rete 214 / 229

JNDI. Massimo Merro Programmazione di Rete 214 / 229 JNDI Abbiamo già visto come i registri RMI espletino un servizio di Naming attraverso cui vengono associati nomi simbolici a referenze a server remoti. Esistono comunque altri servizi di naming: COS (Common

Dettagli

Servizi web in LabVIEW

Servizi web in LabVIEW Servizi web in LabVIEW Soluzioni possibili, come si utilizzano. 1 Soluzioni possibili WEB SERVER Dalla versione 5.1 di LabVIEW è possibile implementare un Web server che consente di operare da remoto sul

Dettagli

Esercitazione n 4. Obiettivi

Esercitazione n 4. Obiettivi Esercitazione n 4 Obiettivi Progettare e implementare per intero un componente software in Java Linguaggio Java: Classi astratte Utilizzo di costruttori e metodi di superclasse Polimorfismo Esempio guida:

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Installazione SOFTWARE JDK ECLIPSE 03/03/2011 2 ALGORITMI E PROGRAMMI PROBLEMA ALGORITMO PROGRAMMA metodo risolutivo linguaggio di

Dettagli

Remote Method Invocation

Remote Method Invocation JAVA RMI LSO 2008 Remote Method Invocation Perché RMI? L obiettivo è di permettere ad una applicazione in esecuzione su una macchina locale di invocare i metodi di un oggetto in esecuzione su un altro

Dettagli

Le command line di Java

Le command line di Java Le command line di Java Esercitazioni di Programmazione 2 Novella Brugnolli brugnoll@science.unitn.it Ambiente di lavoro Per compilare ed eseguire un programma Java abbiamo bisogno di: The JavaTM 2 Platform,

Dettagli

Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita

Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita Il Problema Produttore/Consumatore in Ambiente Distribuito* *a cura del Prof. L. Nigro, Università della Calabria Java RMI (Remote Method Invocation)

Dettagli

La prima applicazione Java. Creazione di oggetti - 1. La prima applicazione Java: schema di esecuzione. Gianpaolo Cugola - Sistemi Informativi in Rete

La prima applicazione Java. Creazione di oggetti - 1. La prima applicazione Java: schema di esecuzione. Gianpaolo Cugola - Sistemi Informativi in Rete La prima applicazione Java Programma MyFirstApplication Il programma visualizza una finestra vuota sullo schermo. Importo il package delle classi usate nel seguito. Dichiaro la classe MyFirstApplication

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori LS

Corso di Reti di Calcolatori LS Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori LS CORBA - Implementazione Naming Service e Interface Repository Luca Foschini Anno accademico 2008/2009 Agenda CORBA

Dettagli

Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione

Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione Un ambiente di esecuzione che gestisce o naming di oggetti, sicurezza, concorrenza, transazioni, persistenza, distribuzione oggetti (location

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 10 Giovedì 3-04-2014 1 Reti per la distribuzione

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

MOBILE WEB DESIGN TUTORIAL ANDROID METAIO AUGMENTED REALITY

MOBILE WEB DESIGN TUTORIAL ANDROID METAIO AUGMENTED REALITY MOBILE WEB DESIGN TUTORIAL ANDROID METAIO AUGMENTED REALITY 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. GET METAIO... 4 2.1. PREREQUISITI... 4 2.2. INTALLAZIONE... 4 2.3. PROGETTI ESEMPLIFICATIVI... 4 3. USARE

Dettagli

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse Prova Finale a.a. 2011/2012 Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse 1 Java 6 Standard Edition Linguaggio Java (... (javac, Tool di sviluppo Librerie per l'interfaccia grafica Librerie di base Macchina

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1 Installare Java Il programma può essere scaricato dal seguente indirizzo: http://www.java.com/it/download/windows_ie.jsp?locale=it&host=www.java.com Per installare la JDK è necessario: 1. scaricare il

Dettagli

Internet Socket e RMI

Internet Socket e RMI Internet Socket e RMI Programmazione in Rete e Laboratorio Architettura / Un servizio presso un computer-server è identificato dai seguenti valori: IP (32 bit, presto 128 bit) (16 bit) Servizi telnet TCP

Dettagli

Introduzione ad Eclipse

Introduzione ad Eclipse Introduzione ad Eclipse Corso di Metodi Avanzati di Programmazione 2014-2015 Docente: Dr. Annalisa Appice Tutor di Laboratorio: dott. Roberto Corizzo Ambiente Eclipse Sommario Java: ambiente Eclipse L

Dettagli

Java Web Services. Uso di Eclipse e Apache Axis

Java Web Services. Uso di Eclipse e Apache Axis Java Web Services Uso di Eclipse e Apache Axis 1 Gli strumenti utili per iniziare Axis (Web Service tool) Eclipse (IDE di sviluppo) Tomcat (servlet/jsp container) N.B. Eclipse e Tomcat possono essere sostituiti

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

Java? Sì, grazie. Scopo del corso

Java? Sì, grazie. Scopo del corso Modulo di Java? Sì, grazie Il linguaggio di Internet? Portabilità su qualunque piattaforma (non solo calcolatori): It works everywhere Supporto e disponibilità di strumenti, librerie e documentazione garantiti

Dettagli

Oggetti Distribuiti e Java RMI

Oggetti Distribuiti e Java RMI Oggetti Distribuiti e Java RMI Oggetti Locali - Oggetti Distribuiti Oggetti Locali: sono oggetti i cui metodi possono essere invocati solo da un processo locale, cioè da un processo in esecuzione sulla

Dettagli

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

RMI e Firewall. Una soluzione è offerta dal transport layer di RMI stesso

RMI e Firewall. Una soluzione è offerta dal transport layer di RMI stesso Firewall Ogni applicazione di rete, che opera fuori da quelli che sono i confini di una rete locale, incontra inevitabilmente i cosiddetti firewall Tipicamente i firewall bloccano tutto il traffico di

Dettagli

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC versione base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte uno dei pregi è la completa indipendenza del codice

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003

Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003 Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003 Questo argomento include le seguenti sezioni: "Punti preliminari" a pagina 3-17 "Procedura rapida di installazione da CD-ROM" a pagina 3-17 "Altri metodi

Dettagli

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione Corso Eclipse 1 Introduzione 1 Prerequisiti Uso elementare del pc Esecuzione ricerche su Internet Esecuzione download Conoscenza elementare della programmazione 2 1 Cos è Eclipse Eclipse è un IDE (Integrated

Dettagli

RMI. Remote Method Invocation. Enrico Tassi, 3/4/2009. Slides originali di Nicola Gessa

RMI. Remote Method Invocation. Enrico Tassi, 3/4/2009. Slides originali di Nicola Gessa RMI Remote Method Invocation Enrico Tassi, 3/4/2009 Slides originali di Nicola Gessa Remote Method Invocation Si colloca del mondo della programmazione distribuita. L obiettivo è di fornire al programmatore

Dettagli

Java: Compilazione e Traduzione. Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA. C: Editing, compilazione, esecuzione

Java: Compilazione e Traduzione. Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA. C: Editing, compilazione, esecuzione Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA A.A. 2007/08 Tutor: Barbara Pettazzoni barbara.pettazzoni@studio.unibo.it Java: Compilazione e Traduzione Editing, compilazione, esecuzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

I metodi statici -1. Variabili statiche Vogliamo assegnare a ciascuncontoun numeroidentificativo diverso. I metodi statici -2

I metodi statici -1. Variabili statiche Vogliamo assegnare a ciascuncontoun numeroidentificativo diverso. I metodi statici -2 I metodi statici -1 I metodi statici non hanno il parametro implicito il metodo sqrt di Math I metodi statici vengono detti anche metodi di classe perche` non operano su una particolare istanza della classe

Dettagli

Sistemi Distribuiti Multiagente A.A.2010-11 Informatica Magistrale Università di Bari

Sistemi Distribuiti Multiagente A.A.2010-11 Informatica Magistrale Università di Bari Java RMI I lucidi che seguono sono stati prodotti sulla base dei seguenti riferimenti: - Sistemi Distribuiti Dip. Informatica (S.Pizzutilo) - Seminario Java RMI di G.Cozzolongo Java RMI: Remote Method

Dettagli

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Ing. Giovanni Ponti DEIS Università della Calabria gponti@deis.unical.it La piattaforma Java mette a disposizione una serie

Dettagli

Manuale per l utente. Outlook Connector for MDaemon

Manuale per l utente. Outlook Connector for MDaemon Outlook Connector for MDaemon Manuale per l utente Introduzione... 2 Requisiti... 2 Installazione... 3 Scaricare il plug-in Outlook Connector... 3 Installare il plug-in Outlook Connector... 4 Configurare

Dettagli

DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO N. VERSIONE 1.0 ITEM Integrazione con Java DATA DI USCITA PREVISTA DESCRIZIONE Creazione di DLL per integrazioni con Java Pag. 1 di 9 Descrizione dei requisiti Sezione

Dettagli

Internet Socket e RMI

Internet Socket e RMI Internet Socket e RMI una breve introduzione alla programmazione in rete Chi sono? Come contattarmi? Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Corso Svizzera, 185 I-10149

Dettagli

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida Console di Amministrazione Centralizzata Contenuti 1. Panoramica... 2 Licensing... 2 Panoramica... 2 2. Configurazione... 3 3. Utilizzo... 4 Gestione dei computer... 4 Visualizzazione dei computer... 4

Dettagli

SCD. Sistemi distribuiti: il modello Java RMI. UniPD - SCD 2011/12 - Sistemi Concorrenti e Distribuiti 1. Architettura del modello 1

SCD. Sistemi distribuiti: il modello Java RMI. UniPD - SCD 2011/12 - Sistemi Concorrenti e Distribuiti 1. Architettura del modello 1 Il modello Java RMI Anno accademico 2011/12 Sistemi Concorrenti e Distribuiti Tullio Vardanega, tullio.vardanega@math.unipd.it SCD Architettura del modello 1 L oggetto remoto è l unità di distribuzione

Dettagli

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC di base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte completa indipendenza del codice dal tipo di database o di

Dettagli

Java: Compilatore e Interprete

Java: Compilatore e Interprete Java: Compilatore e Interprete Java Virtual Machine Il bytecode non è Linguaggio Macchina. Per diventarlo, deve subire un ulteriore trasformazione che viene operata dall interprete Java in modalità JIT

Dettagli

Note di release Canon Network Multi-PDL Printer Unit-M2, versione 1.0 per la serie di fotocopiatrici/stampanti Canon ir 8500, ir 7200, ir 105 e ir 85

Note di release Canon Network Multi-PDL Printer Unit-M2, versione 1.0 per la serie di fotocopiatrici/stampanti Canon ir 8500, ir 7200, ir 105 e ir 85 Note di release Canon Network Multi-PDL Printer Unit-M2, versione 1.0 per la serie di fotocopiatrici/stampanti Canon ir 8500, ir 7200, ir 105 e ir 85 Questo documento contiene informazioni relative a Canon

Dettagli

Programmare in Java. Olga Scotti

Programmare in Java. Olga Scotti Programmare in Java Olga Scotti Linguaggi di programmazione linguaggio macchina assembler linguaggi ad alto livello Linguaggi ad alto livello istruzioni comprensibili linguaggio simile a quello naturale

Dettagli

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC JDBC: Introduzione Java Database Connectivity (JDBC): parte 1 Gianluca Moro DEIS - Università di Bologna gmoro@deis.unibo.it Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali

Dettagli

RMI. Introduzione DI GIOVANNI PULITI

RMI. Introduzione DI GIOVANNI PULITI 2001 proprietà di MokaByte s.r.l. tutti i diritti riservati è vietata la riproduzione non autorizzata anche parziale RMI DI GIOVANNI PULITI Introduzione La programmazione distribuita è tra gli argomenti

Dettagli

Comunicazione fra oggetti distribuiti

Comunicazione fra oggetti distribuiti Comunicazione fra oggetti distribuiti RMI RPC invocazione di metodo remoto - gli oggetti remoti ricevono le RMI interfaccia remota meccanismo per la comunicazione cliente servente come primitiva di un

Dettagli

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking e Multithreading Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking si riferisce all abilità di un computer di eseguire processi (jobs) multipli in maniera concorrente si ricorda che

Dettagli

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione Ottava Esercitazione introduzione ai thread java mutua esclusione Agenda Esempio 1 Concorrenza in Java: creazione ed attivazione di thread concorrenti. Esercizio 2 da svolgere Concorrenza in Java: sincronizzazione

Dettagli

Installazione di GFI WebMonitor

Installazione di GFI WebMonitor Installazione di GFI WebMonitor Requisiti di sistema di GFI WebMonitor Server Microsoft Windows 2000 (SP 3) o 2003. Microsoft ISA 2000 Server (non in modalità solo firewall) OPPURE Server Microsoft ISA

Dettagli

Programma di configurazione di reti NetWare

Programma di configurazione di reti NetWare Novell NetWare Questo argomento include le seguenti sezioni: "Programma di configurazione di reti NetWare" a pagina 3-44 "Configurazione rapida" a pagina 3-44 "Impostazione avanzata" a pagina 3-44 "Impostazione

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Programmazione a Oggetti Lezione 10. Ereditarieta

Programmazione a Oggetti Lezione 10. Ereditarieta Programmazione a Oggetti Lezione 10 Ereditarieta Sommario Come definire sottoclassi Costruttori Abstract Classes Final Ereditarietà: promemoria Strumento tipico dell OOP per riusare il codice e creare

Dettagli

Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1

Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1 IDE Ambiente di sviluppo IDE - Integrated Development Environment Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1 e un Ambiente di Sviluppo Integrato che consente di creare in modo semplice progetti composti

Dettagli

Test di unità con JUnit4

Test di unità con JUnit4 Test di unità con JUnit4 Richiamo sul test di unità Il test d unità è una metodologia che permette di verificare il corretto funzionamento di singole unità di codice in determinate condizioni. Nel caso

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Giovedì 16-04-2015 1 Confronto architetture C/S e

Dettagli

Configurare TPTP in Eclipse e testare un applicazione

Configurare TPTP in Eclipse e testare un applicazione Configurare TPTP in Eclipse e testare un applicazione Questa guida concentra la sua attenzione sul tool TPTP (Test & Performance Tools Platform) presente nell ambiente di sviluppo Eclipse. Verrà descritta

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori L-A

Corso di Reti di Calcolatori L-A Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori L-A Esercitazione 6 (svolta) Java RMI Luca Foschini Anno accademico 2010/2011 Esercitazione 6 1 Specifica: il Client

Dettagli

Tipi fondamentali di documenti web

Tipi fondamentali di documenti web Tipi fondamentali di documenti web Statici. File associati al web server il cui contenuto non cambia. Tutte le richieste di accesso conducano alla visualizzazione della stessa informazione. Dinamici. Non

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

Primi programmi in Java. Lezione IV

Primi programmi in Java. Lezione IV Primi programmi in Java Lezione IV Scopo della lezione Realizzare dei semplici programmi scritti in Java. Esercitarsi nelle operazioni necessarie per passare dalla scrittura di codice Java all esecuzione

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

L ambiente di sviluppo Android Studio

L ambiente di sviluppo Android Studio L ambiente di sviluppo Android Studio Android Studio è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated Development Environment) per la programmazione di app con Android. È un alternativa all utilizzo

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 08 Traduzione ed esecuzione di programmi Traduzione ed esecuzione di programmi 1 Nota bene Alcune parti del presente materiale didattico

Dettagli

AscoS3 Manuale Utente. Release 1.2

AscoS3 Manuale Utente. Release 1.2 AscoS3 Manuale Utente Release 1.2 mercoledì 16 luglio 2014 1 Sommario Presentazione... 3 Interfaccia Web Primo accesso... 4 Gestione Account... 5 Cambio password... 5 Recupero Access Key e Secret Key...

Dettagli

SISTEMA DI CENTRALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI SU RETE ETHERNET

SISTEMA DI CENTRALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI SU RETE ETHERNET SISTEMA DI CENTRALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI SU RETE ETHERNET 1. Descrizione EUREKA definisce un insieme di apparati che consente il controllo e la gestione di sistemi d allarme centralizzati in rete locale

Dettagli

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer Tecnologie per il Web Il web: architettura e tecnologie principali Una analisi delle principali tecnologie per il web Tecnologie di base http, ssl, browser, server, firewall e proxy Tecnologie lato client

Dettagli

Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I)

Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I) Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I) Nel caso in cui sulla macchina locale (PC in laboratorio/pc a casa/portatile) ci sia a disposizione un ambiente Java (con compilatore) e un editor/ambiente di

Dettagli