I CONCETTI DEL CUR DEUS HOMO SULLA GIUSTIZIA E LA MISERICORDIA COME SOTTOFONDO INTERPRETATIVO DELLE LETTERE DI SANT' ANSELMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I CONCETTI DEL CUR DEUS HOMO SULLA GIUSTIZIA E LA MISERICORDIA COME SOTTOFONDO INTERPRETATIVO DELLE LETTERE DI SANT' ANSELMO"

Transcript

1 PONTIFICIO ATENEO S. ANSELMO FACOLTÀ DI TEOLOGIA LE LETTERE DI SANT' ANSELMO I CONCETTI DEL CUR DEUS HOMO SULLA GIUSTIZIA E LA MISERICORDIA COME SOTTOFONDO INTERPRETATIVO DELLE LETTERE DI SANT' ANSELMO Prof. A. Simón, osb Stud.: A. Bennett, osb Roma 2004

2 INDICE Indice 2 Bibliografia 3 Introduzione 4 Parte 1: Vita, Opere, Contesto 5 Parte 2: Il Cur Deus Homo come sottofondo Lettera Lettera Lettera Lettera Parte 3. Significato teologico e spirituale 14 Parte 4. Conclusione 16 2

3 BIBLIOGRAFIA N. ALBANESI, Cur Deus Homo: La logica della redenzione. Studio sulla teoria della soddisfazione di S. Anselmo arcivescovo di Canterbury, Università Gregoriana, Roma «Anselm», in CROSS, F.L. - E. A. LIVINGSTONE (edd.), Oxford Dictionary of the Christian Church, 3 rd ed., Oxford 1997, p. 73. ANSELMO D'AOSTA, Lettere. Vol. 1: Priore e abate del Bec, ed. I. Biffi - R.W. Southern (edd.), tr. A. Granata, note C. Marabelli, Jaca, Milano 1988., Lettere, Vol. 2: Arcivescovo di Canterbury, ed. I. Biffi - C. Marabelli, Milano 1990., The Letters of Saint Anselm of Canterbury. Vol. I. Letters 1-47, ed. W. Fröhlich, Cistercian Studies, Kalamazoo MI 1990., The Letters of Saint Anselm of Canterbury. Vol. II. Letters , ed. W. Fröhlich, Cistercian Studies, Kalamazoo MI 1993., The Major Works, ed. B. Davies-G.R. Evans, Oxford University Press, Oxford 1998., Perché un Dio uomo, tr. D. Cumer, OCD, Paoline, Ancona 1965., Pourquoi Dieu s'est fait homme, ed. R. Roques, SC 91, Paris BENEDETTO DI NORCIA, The Rule of St. Benedict, in Latin and English with Notes, ed. T. Fry et al., Liturgical Press, Collegeville MN BIFFI, I. - C. MARABELLI (edd.), Anselmo d'aosta, figura europea. Convegno di studi ad Aosta 1988, Milano SOUTHERN, R. W., Anselmo d'aosta. Ritratto su sfondo, Jaca, Milano 1998, p

4 Introduzione Dai primi secoli del cristianesimo, i teologi hanno riconosciuto nelle loro riflessioni sul mistero di Cristo la presenza di una antropologia teologica: come disse S. Ireneo, la gloria di Dio è l'uomo vivente. Dunque ogni spiegazione della redenzione in Cristo deve essere simultàneamente teocentrica e pienamente rispettoso verso l'umanità che il Verbo di Dio ha assunta. Nella salvezza dell'uomo peccatore, tutta la gloria appartiene solo a Dio; ma i presupposti e le conseguenze dell'incarnazione richiedono una antropologia teologica che afferma la finitezza, la libertà, e l'unità rappresentativa e vicaria del genere umano nella creazione, nel peccato, e nella grazia. Per Sant' Anselmo, era inevitabile un influsso reciproco tra la dottrina del Cur Deus Homo e la vita monastica del medioevo, che esisteva inserita nel sistema feudale ma che trascendeva i suoi limiti. L'esposizione del Cur Deus homo senza dubbio riflette una idea feudale dell'onore di Dio, come lo riconosce Richard Southern: l'immagine preferito da Anselmo era quella di un signore ed i suoi vassalli. 1 In contrasto, nelle lettere di Sant' Anselmo possiamo vedere che si trattava di un influsso reciproco: la maniera in cui Anselmo capiva la redenzione illumina i suoi rapporti personali come abate e come arcivescovo. Il tema e l'obiettivo di questo lavoro è di presentare ed analizzare questo influsso implicito dei concetti basilari del Cur Deus homo nelle lettere di Sant' Anselmo. Il metodo di questo elaborato è di scegliere varie lettere di Anselmo che riflettono il suo approccio alle questioni dell'autorità, dell'obbedienza, della libertà, del peccato, e della riconciliazione con Dio e con il prossimo. Poi si farà un analisi della soteriologia anselmiana implicita nelle lettere: una soteriologia conosciuta esplicitamente dal Cur Deus homo. Le fonti principali sono le Lettere a cura di I. Biffi; il Cur Deus homo; lo studio da R. W. Southern, Anselmo d'aosta. Ritratto su sfondo; e la tesi di N. Albanesi, intitolata La Logica della redenzione. Studio sulla teoria della soddisfazione di S. Anselmo, arcivescovo di Canterbury. Parte 1: Vita, opera e contesto 4

5 Anselmo nacque nel 1033, il figlio di un nobile lombardo. Dopo una dìsputa con il suo padre, lasciò Aosta e subì qualche anno di inquietùdine. Alla fine, si sentì attratto dalla reputazione internazionale della scuola monastic di Bec, che stava sotto la direzione del suo compatriota Lanfranco. Quando scrisse il Monologion ed il Proslogion ( ), diventò un teologo cèlebre. La sua fama aumentò ancora di più con la pubblicazione di altre opere: De Veritate, De Libero arbitrio, De Casu diaboli, De Grammatico. Dopo la morte dell'abate Erluino, fu eletto abate di Bec. 2 Durante questo periodo, Anselmo aveva visitato l'inghilterra varie volte, rinnovando così la sua amicizia con Lanfranco, arcivescovo di Canterbury, e godendo la stima del re Guglielmo II. Dopo la morte di Lanfranco nel 1089, la sede di Canterbury rimase vacante fino al 1093; ma, trovandosi ammalato ed in pericolo di morte, il re finalmente nominò Anselmo come arcivescovo di Canterbury. Quasi subito dopo la sua consacrazione, Anselmo si trovò in una serie di dìspute con il re riguardo alla libertas Ecclesiae dentro il sistema feudale. Anselmo nel 1098 recevette permesso dal re per una visita a Roma per consultare il papa. Ciò nonostante, in mezzo di questo periodo di conflitto, Anselmo compose il suo De Incarnatione Verbi nel Durante il suo esilio in Italia, Anselmo finì la composizione del Cur Deus homo (che probabilmente aveva già cominciato nei primi anni a Canterbury); ed asistette al concilio papale di 1098 ed al Concilio di Bari nel Dopo la morte del re Guglielmo e la successione di Enrico I in Inghilterra, dove seguì una serie di nuovi conflitti riguardo alla legittimità dell'omaggion feudale da parte dell'arcivescovo. Nel 1097, Anselmo tornò in Italia, cercando senza successo di negoziare un compromesso tra il re ed il papa; ma nel 1107, questi due giunsero ad un compromesso senza la mediazione di Anselmo. Questa pace tra Chiesa e stato fece possibile il ritorno di Anselmo in Inghilterra, dove si dedicò alla riforma interna della Chiesa. Anselmo morì il 21 aprile Parte 2: Temi e sviluppo, con analisi 2.1. La dottrina del Cur Deus homo come sottofondo 1 Cf. RICHARD W. SOUTHERN, Anselmo d'aosta. Ritratto su sfondo, Milano 1998, p Cf. B. DAVIES - G.R. EVANS (edd.), Anselm of Canterbury: The Major Works, pp. vii-viii. 5

6 Il proposito di Sant' Anselmo nel Cur Deus homo è di spiegare la dottrina della redenzione in una maniera che risponde alle domande ed alle obiezioni fatte dalla ragione humana (la cui voce viene rappresentata da Bosone, l'amico di Anselmo) senza vuotare la dottrina del suo mistero: A tutte queste considerazioni, pur belle, noi dobbiamo dare lo stesso valore che a immagini dipinte. Se non hanno in sé qualcosa di solido, agli infedeli non potranno sembrare tali da convincerci della necessità di credere che Dio abbia voluto patire quello che diciamo. Chi infatti vuole dipingere, e vuole pure che la sua pittura perduri, cerca un corpo solido su cui farlo. Nessuno dipinge all'acqua a sull'aria, perché non vi rimarrebbe traccia alcuna della pittura. Perciò quando presentiamo agli infedeli quelle ragioni di convenienza che tu esponi, non mostriamo loro altro che delle immagini della realtà; essi allora, pensando che l'oggetto della nostra fede non sia una realtà ma una immagine, concludono che noi stiamo dipingendo sulle nuvole. Prima bisogna dimostrare la solidità razionale della verità, e cioè provare in modo apodittico che Dio ha dovuto e potuto umiliarsi fino a quel punto che noi predichiamo: poi, quasi per far maggiormente risplendere il corpo della verità, potranno tirar fuori quei motivi di convenienza, come pitture che lo ricoprono. 4 Anselmo voleva stabilire contro gli infedeli (nel contesto storico, gli Ebrei ed i musulmani) che l'incarnazione e la redenzione per la morte sacrificale di Cristo non erano una specie di mitologia, indegna della maestà e trascendenza di Dio. Dunque Anselmo prese concetti accessibilia alla ragione umana ed alla società feudale del suo tempo per illuminare il mistero della redenzione. 5 L'argomento di Anselmo nel Cur Deus homo è una tentativa di presentare in una maniera razionale la persona e l'opera di Cristo, in cui la guistizia di Dio viene riconciliata con la sua misericordia e con l'intenzione di Dio nella creazione: Dimostrare che Dio dovette fare quanto noi affermiamo: non ti sembra sufficientemente apodittica questa ragione? Eccola: siccome il genere umano, 3 Cf. «St. Anselm» in Oxford Dictionary of the Christian Church, p S. ANSELMO D'AOSTA, Perché un Dio uomo, tr. Dario Cumer, OCD, Ancona 1965, pp : Omnia haec pulchra et quasi quaedam picturae suscipienda sunt. Sed si non est aliquid solidum super quod sedeant, non videntur infidelibus sufficere, cur Deum ea quae dicimus pati voluisse credere debeamus. Nam qui picturam vult facere, eligit aliquid solidum super quod pingat, ut maneat quid pingit. Nemo enim pingit in aqua vel in aere, quia picturas rei gestae obtendimus, quoniam non rem gestam, sed figmentum arbitrantur esse quod credimus, quasi super nubem pingere nos existimant. Monstranda ergo prius est veritatis soliditas rationabilis, id est necessitas quae probet Deum ad ea quae praedicamus debuisse aut potuisse humiliari; deinde, ut ipsum quasi corpus veritatis plus niteat, istae convenientiae quasi picturae corporis sunt exponendae, ANSELME DE CANTORBÉRY, Pourquoi Dieu s'est fait homme, SC 91, p Cf. SOUTHERN, Anselmo, p

7 opera sua così preziosa, era completamente perduto, non era conveniente che il progetto di Dio nei riguardi dell'uomo andasse completamente a vuoto; d'altra parte questo progetto stesso non sarebbe potuto effettuare senza che il genere umano fosse liberato dal suo Creatore. 6 Dunque i presupposti della dottrina anselmiana possono essere riassunti sotto quattro principi: (1) Dio è un giùdice giusto per l'esigenza della sua natura; ma è anche un padre misericordioso. (2) Gli uomini, avendo abusato la loro libertà nel paradiso, sono peccatori bisognosi dell redenzione ma incapaci di effettuarla. (3) Esiste una unità rappresentativa e vicaria del genere umano nella creazione, nella grazia, e nel peccato. (4) Per mezzo dell'incarnazione, Dio entrò nella storia e nell'unità rappresentativa e vicaria degli uomini per redimerli dal peccato e dal dominio del diavolo. Per Sant' Anselmo, la vita monastica ed ecclesiale è l'ambiente privilegiato in cui si svolge il mistero della salvezza. Il proposito di questo saggio è di esaminare vari brani dalle lettere di Anselmo, usando come struttura questi quattro presupposti dell'argomento del Cur Deus homo Lettera 9 In questa lettera, scritta anteriore al 1075, Anselmo consola Ernosto, presentando le sofferenze della malattia di Ernosto come una afflizione data da Dio per purificarlo dei peccati, basandosi sul versetto Eb 12,6 («Dio sferza chiunque riconosce come figlio»): Si deve in realtà considerare, carissimo, in qual grado di consolazione ci fanno entrare quei dolori che, mondando esternamente i nostri peccati, contro cui sono dirette le sofferenze esteriori, ci fanno partecipare alla sorte dei figli di Dio, a cui è promessa la gioia nel regno celeste. 7 Questo «castigo» imposto da Dio può trasformare l'uomo interiore se viene accettato nello spunto di sottomissione: 6 S. ANSELMO, Perché un Dio uomo, p ANSELMO, 9, in Lettere, Vol. 1, p. 131: Pensandum enim nobis est, carissime, quantam secum ferant dolores illi consolationem, qui dum exterius nostra delicta purgant, quibus externi cruciatus intenduntur, ad filiorum de nos transferunt sortem, quibus superni regni gaudia promittuntur. 7

8 Il che allora avverrà, se l'uomo interiore, nella afflizione di quello esteriore, non si tirerà indietro con impazienza, ma con rendimento di grazie consentirà alla mano di chi lo batte. In effetti, pur piacendo noi sempre a Dio onnipotente ogniqualvolta non discordiamo in nulla dalle sue disposizioni, allora specialmente ci riesce di placare il Signore misericordioso, se ricevendo percosse, spontaneamente concordiamo con chi ci percuote. Siccome ogni gesto iracondo non può esplicarsi se non contro un oppositore, se in virtù d'un concorde giudizio su se stesso il reo s'associa a chi s'indegna, inevitabilmente l'accesso d'ira sbollirà, non trovando più un avversario da colpire. 8 Implìcita nel consiglio di Anselmo è che l'autorità dell'arcivescovo viene da Dio anche quando la sua severità non sia giustificata: l'obbedienza e la pazienza rimangono virtù che ci conformano all'immagine di Cristo. Il contesto di questo consiglio in una lettera piena di gratitùdine per i doni liberamente dati, senza obbligo della giustizia in senso stretto, rinforza il messagio principale della lettera: che la vita cristiana è caratterizzata sopratutto dalla gratitùdine e dalla carità, e non dalla rivendicazione dei diritti violati. La fiducia che in Cristo ogni tale ingiustizia è stata già rivendicata fa questo atteggiamento possibile Lettera 80 La lettera 80 comincia con un saluto affettuoso a Paolo, il nuovo abate di Saint Albans, e si congratula con lui per la sua elezione. Per esprimere la sua gioia davanti alle buone notizie, Anselmo usa le parole della Gloria, così situandole in un contesto liturgico e scritturale. Poi procede Anselmo ai consigli: Di certo, sebbene la vostra santità sia stata preposta a dei barbari che la diversità di linguaggio non vi consente di istruire colla parola, non vi potete però in ogni caso scusare presso il severo giudice se trascurate di guadagnare gli altri a Dio. Infatti potete mostrare colla vita ciò che a parole non potete dir loro. E in verità, tanto più efficacemente si persuade al bene coll'esempio anziché col discorso, in quanto s'apprezzano i buoni costumi di chi tace, mentre la facondia di chi langue è tenuta a vile. Studiatevi dunque d'essere apprezzati da ognuno grazie alla mansuetùdine e alla misericordia, anziché esser temuti per un senso di giustizia troppo arcigno e per nulla disposto al perdono. Si rallegrino d'esser stati affidati a un padre e a un pastore gli uomini d'ogni ceto rimessi nelle vostre mani; né paventino d'esser stati consegnati a un tiranno e a un duro censore. Sian lieti i 8.: Quod nimirum tunc proveniet si interior homo in exterioris afflictione non per impatientiam resultaverit, sed per gratiarum actionem caedentis manui consenserit. Cum enim semper paceamus omnipotenti Deo, quotiens eius dispositionibus in nullo dissonamus, tum maxime placamus misericordiam Dominum, si vapulantes verberant sponte consonamus. Cum enim omnis ira non nisi in adversantem se exerat: si se reus offenso per concordem de se sententiam consociet, necesse est ut irascentis motus deferveat, quoniam iam adversarium non invenit quem feriat. 8

9 congiunti che sia loro venuto da Dio un consigliere e un soccorritore; né si dolgano che, dal lato sinistro, sia penetrato un assalitore o un persecutore di beni altrui. 9 Anselmo, essendo lui stesso un abate straniero, da questi consigli nel contesto di una lettera di congratulazione e di lode precisamente per non violare il consiglio contenuto nella lettera. Si vede che quando Anselmo difende l'obbedienza, non intende mai giustificare l'esercizio dell'autorità abusata in maniera tirannica. In questo brano, fa allusione alla Regola di San Benedetto, capitolo 64, quando ripete che l'abate deve cercare di essere amato anziché essere temuto. 10 Nel resto della lettera, Anselmo avverte l'abate Paolo di non cercare di rivendicare i diritti ed i beni della Chiesa in una maniera arrogante o troppo severa perché così si distrugge la legge divina nei cuori. L'ordine della giustizia e della legitima libertà deve essere rivendicata, senza dubbio; ma questo richiede uno spirito di umiltà e di kenosis per non nascondere l'immagine di Cristo nei suoi servi Lettera 97 La Lettera 97 deve essere datata intorno al 1080; si tratta di una comunicazione al monaco Maurizio che stava reggendo la dipendenza di Sainte-Honorine in Francia. 11 L'aspetto più notèvole della lettera è la sua divisione in due parti: la prima si preoccupa per la situazione irregolare di Teoduino, che rimaneva dalla sua perversa volontà nella curia regia a Parigi. Anselmo, come di solito, pone l'enfasi sulla carità con cui Teoduino deve essere accolto senza negare il ruolo necessario del castigo in alcuni casi. Sebbene il consiglio di Anselmo a Maurizio è di mansuetudine e pazienza con Teoduino, Anselmo afferma la necessità della minaccia del castigo da parte dell'abate: 9 Ibid., 80, p. 279: Quamvis enim barbaris vestra praelata sit sanctitas, quos verbis docere propter linguarum diversitatem non potestis, non tamen omnino vos apud districtum iudicem excusare valetis, si alios lucrari Deo negligitis. Quod enim illis sermone non potestis dicere, vita potestis ostendere. Tanto namque efficacius bonum exemplo quam verbo persuadetur, quanto boni mores in tacente diliguntur et facundia in torpente contemnitur. Plus itaque studete diligi ab omnibus mansuetudine et misericordia, quam timere nimis austera et nulli parcente iustitia. Gaudeant cuiuslibet ordinis homines vobis commissi sese commendatos esse patri et pastori; non horreant se traditos esse tyranno et exactori. Laetentur affines consultorem et adiutorem sibi a Deo venisse; non conqueranture alienarum rerum invasorem aut persecutorem a sinistra parte irruisse. 10 Cf. BENEDETTO DI NORCIA, La Regola di San Benedetto,

10 Se verrà da voi, vi consento di accoglierlo, di assolvere il dovere della carità fraterna. Mostrategli più da parte vostra un certo timore che ciò mi possa dispiacere. Pur con giusto senso di misura, rimproverategli la sua sì grande leggerezza e disobbedienza. In effetti, se continua a risieder là, non è per nostro comando o licenza, ma perché non ha timore di opporsi al nostro comando. Non gli ordino di ritornare, né gli consento di restare. Scorgo in realtà taluni motivi che mi costringono a passar tuttora sotto silenzio e a tollerare questa sua ostinazione. Ma se non rimedierà più che in fretta, accantonando ogni motivo per cui tuttora soprasiedo sarà inevitabile applicare contro di lui la severità imposta dalla regola. Preferirei però un suo spontaneo ravedimento, anziché prendere nei suoi confronti un provvedimento disciplinarmente assai duro. 12 Poi Anselmo procede nella stess lettera ad un'analisi del male come privazione del bene che deve essere presente. Sarebbe possibile capire questo trattato semplicemente come una questione di comodità, inviando con la lattera anche un saggion filosofico-teologico, già promesso da molto tempo. Però, si potrebbe anche interpretare come evidenza della maniera in cui il pensiero di Sant' Anselmo e la sua vita monastica erano inseparabilmente intrecciati: dire che il male non può essere un principio parallelo al bene è una confutazione dell'errore manicheo, che vedeva il male come inerente nella creazione e nella natura umana come tale. Per Anselmo, malgrado il suo senso profondo del peccato, la natura umana rimane sempre la creazione di Dio e, di conseguenza, redimibile per l'incarnazione e la morte sacrificale di Cristo. Questa metafisica ha dunque delle profonde implicazioni per la vita comunitaria e per la disciplina monastica, come è evidente nel caso di Teoduino Lettera 197 Questa lettera fu indirizzata all'abate Lamberto, che forse era l'abate di Saint-Bertin in Normandia, come un appello a favore di un monaco fuggito dal monastero. 13 Dunque la lettera è una supplica per la misericordia: poiché ne il monaco ne l'abate Lamberto era 11 Cf. Ibid., p Ibid., p. 313: Si ad vos venerit, permitto ut eum suscipiatis, fraternae ei caritatis officium impendatis. Ostendite tamen sibi ex parte vestra, vos vereri ne id displiceat mihi. Arguite illum, debita tamen modestia, de sua tanta temeritate et inoboedientia. Nam neque nostra iussione aut permissione iam remoratur, immo iussioni nostrae aperte contraire non veretur. Nec illi mando ut redeat, nec concedo ut remaneat. Quasdem enim causas intueor, quibus hanc eius praesumptionem tolerare adhuc dissimulando compellor. Verum nisi celerius se correxerit, postpositis omnibus iis quibus eum adhuc exspecto causis, regularem in eum me exercere severitatem necesse erit. Mallem tamen illius spontaneam correctionem, quam ullam ei inferre austerioris disciplinae correptionem. 10

11 suddito dell'arcivescovo Anselmo, Anselmo no poteva attuare in questo caso come se lui avesse un diritto di tip giuridico in un caso di questo tipo. Il ruolo di Anselmo è di attuare come intercessore, rimanendo sempre cosciente che sta chiedendo una grazia alla quale non poteve esistire un diritto proprio: Mangiando dell'albero della scienza del bene e del male, ha codesto fratello appreso per esperienza l'enorme diversità tra i diletti del paradiso claustrale e l'esilio della vita nel mondo. Dunque, addolorato e pentito--lo attestano le sue lacrime--ammette d'avere molto peccato; e promettendo di voler per il futuro emendare la sua condotta e vivere obbedientemente in maniera conforme al vostro ordinamento, con tutto lo slancio di cui è capace chiede lo si accolga nell'ovile donde infelicemente di propria iniziativa scappò via. E siccome ritiene che in rapporto alla gravità della colpa la sua supplica non basti, per questo mi prega di appoggiarla appellandomi alla vostra clemenza. Presso la vostra santa persona non ho io acquisito alcun merito. Siccome d'altronde ci viene detto di avere l'un l'altro compassione e di pregare gli uni per gli altri, oso in ogni caso domandare che vostra Paternità non chiuda la porta dell'ovile alla pecora, che Cristo--dopo averla cercata e ritrovata--sulle sue spalle all'ovile riconduce; affinché, ancora a Cristo, non sembri d'avere speso la sua fatica invano col cercare quella che s'era perduta e col ricondurla una volta ritrovata, né proprio lui--cogli amici e vicini, che gli sarebbe toccato invitare per insieme far festa--debba invece rammaricarsi che, non tanto la pecora, quanto lui stesso, perdipiù--beninteso--aggravato dal carico, sia stato escluso dal suo ovile. Dunque, misericordia e giustizia cantate al Signore, e sulla giustizia così abbia la meglio la misericordia. Statemi bene. 14 In questo brano, si vede quasi un riassunto della dottrina del Cur Deus homo, applicata ad un caso concreto di un monaco fuggito che vuole tornare al suo monastero. La lettera riprende il tema del monastero come paradiso--cioè, come la ristorazione del disegno di Dio per l'umanità nella vita comune e nella carità. Questo tema è una applicazione al monachesimo della dottrina patristica ed anselmiano sulla vocazione dell'uomo di riparare gli effetti nel cosmos della caduta degli angeli ribelli. Anselmo traccia nella 13 Cf. ANSELMO, 197, in Lettere, Vol. 2, p Ibid.: Frater iste comedens de ligno «scientiae boni et mali» experimento didicit, quanta sit differentia inter delicias paradisi claustralis et exilium vitae saecularis. Paenitens igitur et dolens, sicut lacrimae testantur, confitetur se nimis peccasse, et promittens se deinceps mores suos correcturum et secundum vestram dispositionem oboedienter victurum: orat quanto affectu potest, ut intra ovile, de quo sponte miserabiliter aufugit, admittatur. Et quia supplicationem suam pro magnitudine reatus sufficere non putat, nostris precibus suas apud vestram clementiam adiuvari precatur. Quamvis igitur ego de vestra sanctitate nihil promeruerim, tamen, quia invicem compati et pro invicem orare iubemur, praesumo supplicare quatenus ovi, quam Christus quaesitam et inventam in humeris suis ad ovile reportat, vestra paternitas ostium ovilis contra non claudat. Ne Christus idem perditam quaerendo et inventam reportando frustra laborasse videatur, et ipse apud amicos et vicinos, quos ad congaudendum convocare debuerat, non tam 11

12 storia di questo monaco pentito un microcosmo della redenzione del genere umano in Cristo: avendo peccato e lasciato il «Paradiso» del monastero, il monaco non può tornare da sè--ha bisogno di un mediatore. Come è ovvio, questo mediatore (nel senso pieno ed universale) è Cristo, che va in ricerca della pecora perduta e la porta di nuovo all'ovile. Nondimeno rimane necessaria l'intercessione di Anselmo perché i membri del corpo di Cristo partecipano per la preghiera e la carità nella mediazione dell'unico redentore. Questa mediazione partecipata può essere efficace aldilà di ogni legame strettamente giuridico tra le persone. Il legame della carità unisce tutti in un solo corpo, in tale maniera che rifiutare un membro di Cristo è rifiutare Cristo stesso. Parte 3: Significato teologico e spirituale Il significato teologico e spirituale delle Lettere 9, 80, 97, et 197 diventa più chiaro quando vengono interpretate alla luce del Cur Deus homo, nonostante le profonde differenze tra i generi letterari. Nel Cur Deus homo, abbiamo un trattato teologico speculativo che cerca la base razionale della fede nell'incarnazione e nella redenzione; nelle lettere, vediamo la prassi in cui si svolge questa fides quarens intellectum. L'uno illumina l'altro perché la vita intellettuale del teologo Anselmo non esiste in un vuoto: si incarna nella vita monastic ed ecclesiale del suo tempo senza limitarsi al medioeve feodale nella sua applicabilità. Riguardo al genere epistolario, Aldo Granata spiega le sue possibilità ed i suoi limiti: Genere per sua natura spurio, posto com'è a mezza strada tra la confessione privata e la comunicazione fatta a un più largo pubblico di fruitori; croce e delizia degli interpreti d'ogni tempo e d'ogni paese: delizia, perché quale mezzo più diretto d'una lettera al fine di conoscere l'animo d'un uomo? croce, perché chi oserebbe mai dire di saper sufficientemente apprezzare il contesto da cui il messaggio scritto è scaturito e a maggior ragione il codice che lega il mittente al destinatario? 15 Precisamente perché le lettere di Sant' Anselmo sono applicazioni della sua visione teologica, devono essere lette insieme con la sua teologia speculativa nel Cur Deus homo. ovem quam se ipsum et--quod valde attendendum est--oneratum et a suo ovili exclusum esse conqueratur. Itaque misericordiam et iudicium cantate Domino, et sic ut misericordia superexaltet iudicio. Valete. 15 ALDO GRANATA, «Anselmo D'Aosta. Maestro di stile epistolare» in Anselmo d'aosta, figura europea, p

13 Nelle lettere che ho scelte per analizzarle in questo elaborato, ogni lettera riflette un tema fondamentale presentato nel Cur Deus homo: (1) La Lettera 9 enfatizza il merito dell'obbedienza e della sofferenza accettata come soddisfazione; (2) La Lettera 80 rivela come l'esercizio dell'autorità nella Chiesa deve riflettere tanto la misericordia come la giustizia di Dio; (3) La Lettera 97 manifesta come la minaccia della severità ha un ruolo necessario nella persuasione al pentimento; e, con l'inclusione del trattato sul male, rivela anche il legame nel pensiero anselmiano tra la teologia speculativa e la prassi di una comunità; (4) La Lettera 197 è un risassunto della storia della salvezza, dal Paradiso alla caduta dell'uomo alla redenzione in Cristo. Insomma, la spiritualità cristiano ricapitola le tappe della storia sacra. Usando l'analogia di Anselmo nel Cur Deus homo, possiamo dire che le verità della fede vengono dipinte non solo nella riflessione ma anche nel «solido corpo» dell'esperienza. Un aspetto essenziale del pensiero anselmiano è la maniera in cui Anselmo mantiene una perspettiva teocentrica ma senza negare il principio di Sant' Ireneo, che la gloria di Dio è l'uomo vivente. Nicola Albanesi lo esprime così: Nella teoria della soddisfazione si esprime in una struttura logica coerente la missione del Figlio per ripristinare la comunione piena di ogni uomo con Dio. Quindi la cura, la sollecitudine per i peccatori, diventa il modo per conformarsi a Gesù Cristo e prolungare, in un certo qual modo, l'incarnazione stessa. In questa perspettiva l'uomo peccatore non viene umiliato, soggiogato, mortificato nelle sue aspirazioni, ma neppure subito divizzato. Perché si realizzi la redenzione piena dell'uomo non basta il perdono di Dio «solo misericordia»: l'uomo stesso deve in un certo qual modo ripercorrere il lungo e tortuoso cammino della colpa per riacquistare la dignità di figlio. Dall'altro lato neppure una fredda giustizia sarebbe in grado di promuovere la dignità perduta. 16 Conclusione L'opera di Sant' Anselmo può essere riassunta come fides quaerens intellectum, sia nelle sue lettere, sia nel Cur Deus homo. Le lettere sono una fonte privilegiata per 16 NICOLA ALBANESI, Cur Deus homo. La logica della Redenzione. Studio sulla teoria della soddisfazione di S. Anselmo, arcivescovo di Canterbury, p

14 conoscere le implicazioni prattiche della teologia speculativa anselmiana perché rivelano la manierain cui i misteri della fede avevano penetrato tutta la vita di Anselmo. Per lui, ogni aspetto della vita monastica ed ecclesiale era una estensione dell'incarnazione e della redenzione. Nel Cur Deus homo, Anselmo (per mezzo del suo interlocutore Bosone), scrisse che la maniera in cui si parlava dell'incarnazione sembrava agli infedeli delle immagini dipinte sulle nuvole. Per Anselmo, le risposte che aveva trovato alle domande fatte da Bosone fornirono una base sicura, sulla quale si poteva basare tutta una spiritualità monastica. 14

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania IL PECCATO LA CADUTA e L ORIGINE DUE SPECIE DI PECCATO IL PECCATO ATTUALE IL PECCATO ORIGINALE Il peccato

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Arcidiocesi di Agrigento. Padre nostro. e rimetti a noi i nostri debiti. Liturgia Penitenziale di Avvento

Arcidiocesi di Agrigento. Padre nostro. e rimetti a noi i nostri debiti. Liturgia Penitenziale di Avvento Arcidiocesi di Agrigento Padre nostro e rimetti a noi i nostri debiti 12 1 Liturgia Penitenziale di Avvento per sostenerci fra le prove della vita con l'esempio della tua umiltà e pazienza, aiutaci a custodire

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto.

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto. GIUBILEO DELLA MISERICORDIA RITO DI APERTURA NELLE PARROCCHIE _ PREMESSE 1. L Ufficio Liturgico Diocesano in occasione del Giubileo della Misericordia ha predisposto una celebrazione di apertura per le

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

49 Giornata Mondiale della Pace 2016

49 Giornata Mondiale della Pace 2016 Una proposta per la celebrazione della 49 Giornata Mondiale della Pace 2016 Vinci l indifferenza e conquista la pace Il 2016 è l Anno del Giubileo straordinario della Misericordia, che è cominciato l 8

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 INTERPRETARE L EVENTO Carissimi A., R. e C., carissimi parenti e amici di Pinuccio qui convenuti, la nostra fede cristiana mi assegna il compito di aiutare

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE Oggi dobbiamo riflettere su una dimensione profonda della vita coniugale. Prima però di cominciare dobbiamo fare un piccolo sforzo di memoria nel ricordare ciò che

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità)

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità) LetteradiNatale2015dell'AbateGeneraleOCist Misericordiosi))come))il))Padre) Roma,8dicembre2015 Solennitàdell'Immacolata Carissimi Vi scrivo questa lettera di Natale proprio mentre inizia il Giubileo della

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

MADONNA DELLA SALUTE

MADONNA DELLA SALUTE 1 MADONNA DELLA SALUTE SI FESTEGGIA IL 21 NOVEMBRE 1- Vergine santissima, che sei venerata con il dolce titolo di Madonna della salute, perché in ogni tempo hai lenito le umane infermità: ti prego di ottenere

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

Redenzione ( polútrwsij) Liberazione ( leuqeroàn)

Redenzione ( polútrwsij) Liberazione ( leuqeroàn) TESI XVI L interpretazione sacrificale della morte di Gesù Cristo in croce costituisce il compimento della teologia veterotestamentaria ed è la critica d ogni culto sacrificale post Iesum crucifixum. La

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

EUCARISTIA, DONO DI AMORE

EUCARISTIA, DONO DI AMORE EUCARISTIA, DONO DI AMORE Voce guida La nostra processione, quest'anno, sarà accompagnata dalla lettera enciclica di Benedetto XVI, sul tema dell'amore di Dio come fondamento e sviluppo della nostra vita

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen.

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l'amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Lo studio della Bibbia è benefico

Lo studio della Bibbia è benefico Lo studio della Bibbia è benefico Tanti anni fa, un capitano ancorò la sua nave nel porto di un'esotica isola del Pacifico Meridionale. A veva sentito dire che gli indigeni, un tempo cannibali, ora accoglievano

Dettagli