Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni"

Transcript

1 : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010

2 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.: es. libro: Autore [N. Cognome], Titolo [evitare sottotitolo se c è bibliografia finale], Luogo [città], Editore, Data, pp. N in bibliografia: es. libro: Autore [Cognome, N.], Titolo. Sottotitolo [oppure Titolo : Sottotitolo], Luogo, Editore, Data Sistema tradizionale usato sopr. nel settore umanistico: le note a piè di pag. rendono subito chiari i riferimenti bibliografici ma appesantiscono il testo B) Sistema americano (autore-data) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro (Autore [COGNOME] Data [anno di pubblicazione], N [pp]) in bibliografia: es. libro: Autore [COGNOME, N.], (Data), Titolo. Sottotitolo [oppure Titolo : Sottotitolo], Luogo, Editore Sistema usato nelle scienze naturali e sociali (di recente): l assenza di note bibliografiche alleggerisce il testo ma c è un continuo rimando alla bibliografia finale Sistema classico o americano? NB: aggiungere l esponente alfabetico all anno per più opere del medesimo autore e del medesimo anno: es. DEMETRIO 1997a; DEMETRIO 1997b

3 Citazioni e note Citazioni nel corpo del testo (per entrambi i sistemi) Citazioni di frasi: es. blablax afferma Nome Cognome blablay o blablax - afferma Nome Cognome - blablay Omissioni o integrazioni di parti di frasi citate: es. blablax [ ] blablay o [blablaz, ndr] blablax o blablay[z, ndr] Se la citazione è più lunga di 2 o 3 righe va messa fuori testo in forma rientrata, con caratteri in corpo minore e senza virgolette Se si mettono parole in corsivo per evidenziarle bisogna specificarlo: es. blablax blablay blablaz [corsivo di chi scrive] Note a piè di pagina (solo per sistema A) Op. cit. = opera citata per la medesima opera già citata di un autore: es. Autore, Op. cit., p. N Id. = idem (lo stesso) per una pagina diversa da una fonte appena citata: es. Id., p. N Ibid. = ibidem (nello stesso luogo) per la medesima pagina della fonte appena citata: es. Ibid. La numerazione delle note ricomincia ad ogni capitolo L esponente della nota sta dopo ogni interpunzione (punto, parentesi, virgolette etc.)

4 Monografie: casi particolari (1) Più autori, autori-enti, curatori un paio di autori Autore 1, Autore 2 [in ordine di cognome], Titolo etc. più di 3 autori Autore 1 et. al. [o et alii], Titolo etc. [NB evitare AA.VV. (Autori Vari)] un autore-ente Autore [es. AIF], Titolo etc. un curatore Curatore, cur. [o (a cura di)], Titolo etc. abbreviazioni di curatore in altre lingue: ENG ed. (editor) [plurale eds.], FRE éd. (éditeur), GER Hrsg. (Herausgeber) Ristampe, edizioni successive ristampe facsimilari di libri molto vecchi Data originaria e Reprint dopo il titolo: es. Autore, Titolo, 1911, Reprint, Luogo, Editore, 2006 edizioni successive N ed. dopo il titolo o come esponente all anno di pubblicazione: es. Autore, Titolo, 2. ed., Luogo, Editore, Data; Autore, Titolo, Luogo, Editore, Data² abbreviazioni dei numeri ordinali e di editore in altre lingue: ENG 2nd [NB 3rd, 4th ] ed. (edition), FRE 2e éd. (édition), GER 2. ed. Aufl. (Auflage)

5 Monografie: casi particolari (2) Testo originale straniero Dati dell edizione italiana Tr. it. dopo il titolo con eventuale specificazione dell anno di ediz. originaria: es. Autore, Titolo, Tr. it. Luogo, Editore, Data (ed. or. Anno); oppure Autore, Titolo, [Anno] Tr. it. Luogo, Editore, Data Dati dell edizione straniera eventuale traduzione del titolo in italiano tra parentesi: es. Author, Title (Titolo) [titolo scritto in italiano] Geographic Name [Luogo in inglese], Published [Editore in inglese], Publication Date Mancanza di alcune informazioni se manca il nome dell Autore Anon. = anonymus [meglio Trad., Cur.] se manca il Luogo di edizione S.l. = sine loco se manca il nome dell Editore S.n. = sine nomine se manca la Data di pubblicazione S.d. = sine data si può usare la data di stampa o di Copyright: es. c. 1998

6 Monografie: casi particolari (3) Opera in più volumi sequenza dal generale al particolare: es. Autore, Titolo generale, vol. 2, Titolo particolare, Luogo, Editore, Data sequenza dal particolare al generale: es. Autore, Titolo particolare, vol. 2 di Titolo generale, Luogo, Editore, Data Parte di un volume (di solito in nota) introduzione, prefazione o postfazione specificazione del tipo di contributo: es. Autore X Introduzione a Autore Y [da omettere se X e Y coincidono], Titolo, Luogo, Editore, Data, pp. N capitolo specificazione del titolo ed eventualmente del N del cap.: es. Autore, Titolo capitolo, In Curatore, Titolo etc.; Autore, Titolo capitolo Cap. 3 in Curatore, Titolo, Luogo, Editore, Data, pp. N Atti di convegni (in nota i singoli contributi) contributo individuale specificazione del titolo del contributo e delle informazioni sul convegno: es. Autore, Titolo contributo, In Titolo. Atti del Convegno X, città, GG mese AAAA, a cura di Nome Cognome [del curatore], Luogo, Editore, Data, pp. N

7 Articoli e riviste Articoli di quotidiani (di solito in nota) sequenza dal particolare al generale: es. Autore, Titolo articolo, Titolo quotidiano, Data g m a [es. 21 aprile 2007], p. N Articoli di riviste (di solito in nota) sequenza dal particolare al generale: es. Autore, Titolo articolo, Titolo rivista, N volume [N dell annata, spesso in numeri romani, da trasporre in numeri arabi], n. fascicolo (anno): N pp [X-Y]; es. Demetrio D., Educare l interiore, Scuola Italiana Moderna, 116, n. 8 (2008): [in alternativa: pp ] Riviste (di solito in bibliografia) eventuale esplicitazione del titolo del numero monografico: es. Curatore/i [o nulla, pur di evitare AA.VV.], Titolo rivista. Titolo numero monografico, N volume, n. fascicolo (anno) es. [Gamelli I., Mapelli B.] Adultità. Trasgressioni, n. 15 (2002) N.B. Se la periodicità della rivista è frequente, spesso si ha un N di volume (annata) e il N di fascicolo riparte ogni anno; viceversa il N di fascicolo è progressivo e non c è N di volume

8 Letteratura grigia e leggi Tesi di laurea dati su tipo di tesi, facoltà, università e A.A.: es. Autore, Titolo tesi, Tesi di laurea discussa alla Facoltà X, Università Y, A.A. Z Documenti in rete (in nota e in sitografia ) date di pubblicazione, dell ultimo aggiornamento e dell ultima visita: es. Autore, Titolo, <http.://www.xyz.it>, 1992, agg [ultima cons ] Leggi (di solito in nota) abbreviazione del tipo di atto, data, numero e titolo dell atto: es. L. 29 giugno 1939, n. 1497, in materia di Protezione delle bellezze naturali per le citazioni successive si può usare la forma abbreviata: tipo (abbreviato), numero (seguito da una barra) e anno (ultime due cifre): es. L. 1497/39 alcune abbreviazioni: Cost. (Costituzione della Repubblica), D.L. (Decreto Legge), D.M. (Decreto Ministeriale), R.D (Regio Decreto), Reg. (Regolamento)

9 Opere di consultazione (solo in nota) Enciclopedie, dizionari voce a cui si rimanda: es. Autore o curatore [da omettere se non specificato], Titolo enciclopedia o dizionario, N. ed. [se diversa dalla prima], s.v. [= sub voce], termine es.: Il Nuovo Zingarelli: vocabolario della lingua italiana, 11. ed., s.v. educazione Opere religiose libro, capitolo, versetto [omettendo i dati di pubblicazione] es. Genesi 25, 19-37, 1 Classici della letteratura titolo, dati edizione, pagine [omettendo l autore] es. Hamlet, Arden edition, a cura di Harold Jenkins, London, Methuen, 1982, pp autore, titolo, passi [omettendo N pp] es. Platone Repubblica 360E-361B

10 Riferimenti bibliografici e link utili Su citazioni bibliografiche: Dell Orso, Francesco. Citazioni bibliografiche. Secondo il Chicago manual of style (e con appunti da Come si fa una tesi di laurea di Umberto Eco) <http://www.aib.it/aib/contr/dellorso1.htm>, 2000 Gnoli, Claudio. Le citazioni bibliografiche. Una guida introduttiva per interpretare e redigere correttamente le citazioni delle fonti bibliografiche <http://www.aib.it/aib/contr/gnoli2.htm>, 1999, agg Revelli, Carlo. Citazione bibliografica. Roma, Associazione Italiana Biblioteche, 2002 Ridi, Riccardo, Citare Internet, Bollettino AIB, 35(1995), 2: , anche a <http://www.aib.it/aib/boll/1995/ htm>, 1997, agg Su ricerche bibliografiche e stesura della tesi: Centanni, Monica; Daniotti, Claudia; Pedersoli, Alessandra. Istruzioni per scrivere una tesi, un paper, un saggio. Milano, Bruno Mondadori, 2004 Eco, Umberto. Come si fa una tesi di laurea. Le materie umanistiche. 13. ed., Milano, Bompiani, 2002 Metitieri, Fabio e Ridi, Riccardo. Biblioteche in rete. Istruzioni per l uso. Roma-Bari, Laterza, 2003, anche a <http://www.laterza.it/bibliotecheinrete/index.htm>, 2003, agg E possibile creare, gestire (es. formattare citazioni secondo stili bibliografici diversi) e condividere bibliografie personali tramite il programma EndNoteWeb disponibile per gli utenti dell'ateneo dopo aver effettuato una registrazione gratuita dalla rete di Ateneo. V. Guida all uso di EndNote Web.

11 Per saperne di più Riferimenti della Biblioteca di Ateneo vieni in biblioteca Sede Centrale: edificio U6, II piano Sede di Scienze: edificio U2, I piano Sede di Medicina: edificio U8, piano terra visita il sito web scrivici

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali TESI Laurea Triennale - Norme redazionali Formattazione 1. I testi devono essere redatti utilizzando il font Times New Roman 2. Il corpo del carattere deve essere di 12 o 13 punti (le note vanno in corpo

Dettagli

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte.

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Tutte le altre informazioni, non contenute in questo documento, potete trovarle nel sito http://www.ababo.it/aba/tesi/ Caratteristiche

Dettagli

Citazioni bibliografiche? Bibliografia?

Citazioni bibliografiche? Bibliografia? CITAZIONI BIBLIOGRAFICHE: LETTURA E SCRITTURA Citazioni bibliografiche? Bibliografia? - Le citazioni bibliografiche servono ad indicare i documenti (interi volumi, singoli articoli o altri testi anche

Dettagli

Indicazioni riferimenti bibliografici

Indicazioni riferimenti bibliografici Indicazioni riferimenti bibliografici Libri e pubblicazioni a stampa Indicazioni generali Volumi Volumi tradotti Saggi in volume collettaneo Curatele Saggi tradotti Articoli su rivista scientifica Interventi

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea (Sabato 20 ottobre 2012) ESERCITAZIONI PER LE CITAZIONI Preliminarmente, merita sottolineare che esistono diversi metodi di citazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA Raccomandazione iniziale: E opportuno che le note siano poste a pie di pagina

Dettagli

mimesis edizioni norme editoriali

mimesis edizioni norme editoriali mimesis edizioni norme editoriali Norme editoriali Pagina 1 di 6 UTILIZZO DI WORD Usare l inserimento automatico delle note a piè di pagina e NON ricominciare la numerazione da 1 per un nuovo capitolo,

Dettagli

CINERGIE ONLINE Norme redazionali

CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE MEDIA I testi devono essere compresi tra 5000 e 7000 battute e NON devono contenere note. Per tutto il resto si rimanda alle norme di CINERGIE SEMESTRALE CINERGIE

Dettagli

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale L elaborato deve contenere nell ordine le seguenti parti: 1. copertina 2. frontespizio 3. indice 4.

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELLA TESI Guida alla preparazione del saggio breve, ovvero la parte scritta della Tesi di Diploma di primo livello La presente guida è finalizzata

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Corso di Laurea in Scienze della Formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione SPORTELLO TESI Istruzioni per lo svolgimento della TESI DI LAUREA o della PROVA FINALE in SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

Guida alla redazione della tesi di laurea

Guida alla redazione della tesi di laurea Guida alla redazione della tesi di laurea Premessa Con questa Guida si forniscono alcuni consigli e poche regole queste ultime vincolanti sia per gli studenti sia per i docenti, tanto per le materie di

Dettagli

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Dipartimento di Lingua e Cultura Italiana Università di Amsterdam Linda Pennings & Ronald de Rooy Fare una tesi significa divertirsi. [ ] L importante è fare

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI PONTIFICA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL ITALIA MERIDIONALE SEZIONE SAN LUIGI - NAPOLI NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI Nella stesura di un lavoro scritto bisogna attenersi

Dettagli

Norme per gli autori e i collaboratori

Norme per gli autori e i collaboratori Norme per gli autori e i collaboratori Gli articoli vanno consegnati su file, e non devono superare le 20 cartelle (circa 3000 battute ciascuna, spazi inclusi). Le recensioni non devono superare le due

Dettagli

Norme redazionali HB

Norme redazionali HB Norme redazionali HB 1. Impostazioni di pagina Per il LAYOUT PAGINA, impostare: Formato pagina: A5 Margini: superiore cm 2,5 inferiore cm 2 sinistro cm 2 destro cm 2 piè di pagina: cm 2 rilegatura: 0 Per

Dettagli

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Per facilitare il lavoro della redazione e ridurre i tempi di lavorazione, si raccomanda agli autori di attenersi alle seguenti raccomandazioni.

Dettagli

NORME BIBLIOGRAFICHE PER I LAUREANDI DEL DIPARTIMENTO DI STORIA

NORME BIBLIOGRAFICHE PER I LAUREANDI DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DIPARTIMENTO DI STORIA Marzo 2009 NORME BIBLIOGRAFICHE PER I LAUREANDI DEL DIPARTIMENTO DI STORIA 1. PRINCIPI DI BASE 2. SUGGERIMENTI DI STILE 3. SEQUENZA DEGLI ELEMENTI DELLA CITAZIONE 4. ESEMPI 1. PRINCIPI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA BREVE PRONTUARIO PER LE TESI DI LAUREA 1. INDICAZIONI PRELIMINARI a) I laureandi sono tenuti a richiedere la tesi almeno

Dettagli

Unifepress - Norme redazionali

Unifepress - Norme redazionali Ai collaboratori si richiede di osservare le seguenti norme: Invio dei contributi. I contributi devono essere inviati esclusivamente in formato elettronico al Comitato di Redazione di Unifepress (unifepress@unife.it),

Dettagli

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA Facoltà di Missiologia ELEMENTI DI METODOLOGIA SCIENTIFICA ALCUNI SUGGERIMENTI 1. CITAZIONE IN NOTA, A PIÈ PAGINA: 1.1. Per un libro: Nome (si consiglia che sia per esteso,

Dettagli

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea INDICAZIONI PER I TESISTI 1. Che cos è una tesi di laurea La tesi di laurea è una dissertazione scritta con lo scopo di dimostrare la compiuta conoscenza di un argomento (nello specifico di Diritto del

Dettagli

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali PER GLI AUTORI Norme Redazionali Lunghezza Gli articoli, comprensivi di note e di riferimenti bibliografici, non devono superare le 7.000 parole. Le recensioni dei libri non devono superare le 1.500 parole.

Dettagli

Prova finale / Regole tipografiche

Prova finale / Regole tipografiche Prova finale / Regole tipografiche Copertina: scaricare dal sito http://www.unibg.it/provafinale il file della Facoltà di riferimento ed inserire i dati personali. Di seguito si forniscono indicazioni

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Indice 1. Come inviare i testi 2. Immagini 3. Divisione capitoli e paragrafi, titoli 4. Citazioni

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE 1 CENTRO STUDI E RICERCHE DI MEDICINA NATURALE E TECNICHE NATUROPATICHE SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE INDICAZIONI E CRITERI FORMALI PER LA COMPOSIZIONE DELL ELABORATO TESI IN NATUROPATIA PREMESSA

Dettagli

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione I. Linee guida generali L elaborato finale va presentato, entro il termine perentorio di 30 giorni

Dettagli

2 Si prosegue, poi, studiando le monografie sul tema, indicate nella bibliografia delle Enciclopedie.

2 Si prosegue, poi, studiando le monografie sul tema, indicate nella bibliografia delle Enciclopedie. Come iniziare la ricerca (a cura di F. Manganaro) Bisogna andare dal generale al particolare. Perciò inizialmente bisogna leggere i testi più generali. 1. Si comincia consultando le voci delle Enciclopedie:

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2007-2008 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

Leggere le citazioni - per Infermieristica

Leggere le citazioni - per Infermieristica Leggere le citazioni - per Infermieristica di Laura Colombo Seminario per il primo anno del corso di laurea in Infermieristica Sede di Bergamo Università degli studi di Milano-Bicocca Monza, 11-12 dicembre

Dettagli

Norme redazionali AItLA foglio di stile per gli autori

Norme redazionali AItLA foglio di stile per gli autori foglio di stile per gli autori 1. Generalia Si prega di seguire scrupolosamente le norme redazionali della collana e di non utilizzare fogli di stile o altri tipi di formattazione automatica diversi da

Dettagli

Norme redazionali per le tesi di laurea

Norme redazionali per le tesi di laurea Norme redazionali per le tesi di laurea Come costruire le note a piè pagina? Il modello autore-data consente di costruire un apparato di note estremamente economico, poiché non richiede la menzione di

Dettagli

ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO

ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO La cosiddetta tesina dell Esame di Stato è in realtà un argomento scelto liberamente dal candidato, con il quale ha inizio il colloquio dell

Dettagli

Consigli per la stesura della Tesi

Consigli per la stesura della Tesi Consigli per la stesura della Tesi 1.Norme Generali Durante la stesura della tesi è opportuno prestare attenzione ad alcuni aspetti talvolta sottovalutati che tuttavia concorrono a definire la qualità

Dettagli

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Corso di Metodologia Teologica per gli studenti del primo anno Prof. Bruno Marien Lezione 4 16 novembre 2009 La descrizione dell'informazione

Dettagli

OPAC e non solo: cercare libri per argomento

OPAC e non solo: cercare libri per argomento OPAC e non solo: cercare libri per argomento a cura di Ilaria Moroni Seminario interdisciplinare Università degli Studi di Milano-Bicocca Milano, a.a. 2012/13 Sommario Servizi e strumenti della BdA di

Dettagli

dipartimento di scienze della formazione, psicologia, comunicazione

dipartimento di scienze della formazione, psicologia, comunicazione Vademecum per la tesi di laurea, a cura di Gabriella Falcicchio NB: valido unicamente per laureande/i della docente, data la variabilità delle norme adottate dai singoli docenti per alcuni aspetti (bibliografia,

Dettagli

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO Chiediamo a ciascun Autore di fornire i propri testi in file Word. Formato: mandare i testi in Word (o.doc o.docx), e.rtf.

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

Guida di stile per le tesi di laurea

Guida di stile per le tesi di laurea UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE Guida di stile per le tesi di laurea a cura di Matteo Verda 1. Carattere ed impaginazione...

Dettagli

Open Archives e motori di ricerca. di Ilaria Moroni

Open Archives e motori di ricerca. di Ilaria Moroni Open Archives e motori di ricerca di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: ottobre 2013 Sommario Open archives: Pleiadi SSRN Motori di ricerca: Google Books Google Scholar Scirus Open Archives per cercare

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 Elio Padoano Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 (Consiglio generale: redigere le prime bozze seguendo già le impostazioni definitive.) 1. Impostazione pagina Margini: Superiore 2,5+3,0 cm

Dettagli

Università di Parma. Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società. Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale

Università di Parma. Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società. Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale Università di Parma Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale Che cos è una tesi di laurea (prof.ssa Marina Gazzini) Per tesi di laurea

Dettagli

MetaBib: il portale della Biblioteca Digitale. di Stefania Fraschetta

MetaBib: il portale della Biblioteca Digitale. di Stefania Fraschetta : il portale della Biblioteca Digitale di Stefania Fraschetta Ultimo aggiornamento: giugno 2010 Sommario Presentazione di MetaBib: o Che cosa è o A cosa serve o Come si accede La ricerca di documenti attraverso

Dettagli

Norme redazionali Liguori

Norme redazionali Liguori Norme redazionali Liguori 1. Indicazioni generali A) Si prega di utilizzare, per la stesura dei documenti destinati alla pubblicazione, il word processor Microsoft Word (sistema operativo Windows oppure

Dettagli

La ricerca bibliografica: premessa. di Stefania Fraschetta e Ilaria Moroni

La ricerca bibliografica: premessa. di Stefania Fraschetta e Ilaria Moroni La ricerca bibliografica: premessa di Stefania Fraschetta e Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: maggio 2010 Ricerca bibliografica - sommario Il progetto di ricerca: la ricerca bibliografica in 3 fasi Quesito

Dettagli

NORME EDITORIALI FUP (Scienze umane e scienze sociali) Sommario. I. Norme generali 2

NORME EDITORIALI FUP (Scienze umane e scienze sociali) Sommario. I. Norme generali 2 NORME EDITORIALI FUP (Scienze umane e scienze sociali) Sommario I. Norme generali 2 1) Preparazione dei testi 2 2) Criteri editoriali di base 2 3a) Riferimenti bibliografici secondo il sistema harvardiano

Dettagli

Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale

Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale La strutturazione Dopo aver concordato con il docente l argomento della tesi, si consiglia di scrivere subito il titolo, l introduzione e l indice finale.

Dettagli

Valutare e citare i documenti

Valutare e citare i documenti Valutare e citare i documenti di Stefania Fraschetta Corso di laurea Triennale in Comunicazione e Psicologia Prova finale - III modulo, 27 gennaio 2014 Sommario Cercare e valutare documenti in rete: La

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA TESI

LINEE GUIDA PER UNA TESI CONSORZIO EDITORIALE FRIDERICIANA LINEE GUIDA PER UNA TESI Indice degli argomenti 1. La scelta dell'argomento 2. La ricerca bibliografica 3. La schedatura dei testi 4. L'organizzazione delle idee 5. La

Dettagli

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan ISTRUZIONI GENERALI PER L'IMPAGINAZIONE E LA REDAZIONE DELLE NOTE Ogni testo redazionale richiede un editing adeguato che valorizzerà

Dettagli

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2006-2007 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI

Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI Si invitano i collaboratori a seguire scrupolosamente le norme grafiche e redazionali qui di seguito riportate. In ogni caso è bene attenersi alla massima uniformità

Dettagli

La ricerca bibliografica in ambito infermieristico

La ricerca bibliografica in ambito infermieristico La ricerca bibliografica in ambito infermieristico Per i tutor del corso di laurea in infermieristica A cura di Annalisa Bardelli Prima parte: concetti di base Cos è una ricerca bibliografica: concetti

Dettagli

Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale

Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale Corso di studi in Informatica umanistica A cura di Mirko Tavosanis Basato su materiali preparati da Elena Sbrana Marzo 2009 1 Indice generale 1. Introduzione...3

Dettagli

CRITERI EDITORIALI. Note a piè di pagina Font e corpo: Garamond, corpo 10 Interlinea: esatta, 12 pt

CRITERI EDITORIALI. Note a piè di pagina Font e corpo: Garamond, corpo 10 Interlinea: esatta, 12 pt CRITERI EDITORIALI LAYOUT DI PAGINA Testo Font e corpo: Garamond, corpo 12 Interlinea: esatta, 14 pt Rientri speciali: rientro prima riga 0,3 cm Note a piè di pagina Font e corpo: Garamond, corpo 10 Interlinea:

Dettagli

BOA: archivio della produzione scientifica dell Ateneo. di Bonaria Biancu

BOA: archivio della produzione scientifica dell Ateneo. di Bonaria Biancu : archivio della produzione scientifica dell Ateneo di Bonaria Biancu Ultimo aggiornamento: giugno 2010 Che cosa è BOA (Bicocca Open Archive) è il repository dell università di Milano-Bicocca per l archiviazione

Dettagli

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Norme redazionali Rubbettino editore «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Corsivi va usato esclusivamente per i titoli dei libri

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

STRUTTURA DELLA TESI

STRUTTURA DELLA TESI FACOLTA DI MEDICINA E ODONTOIATRIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA N Presidente: Prof. Adriano Redler Direttore Didattico: Dr.ssa Serenella Savini STRUTTURA DELLA TESI La tesi di ricerca, visti gli

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA Via A. Volta, 31 27100 Pavia Tel. 0382 399206 Fax 0382 399205 e-mail: vittadini @ comune.pv.it BIENNIO INTERPRETATIVO INDICAZIONI GENERALI E

Dettagli

Il Nuovo Manuale di Stile

Il Nuovo Manuale di Stile I LIBRI SEMPRE APERTI Il Nuovo Manuale di Stile di Roberto Lesina EDIZIONE 2.0 GUIDA ALLA REDAZIONE DI DOCUMENTI, RELAZIONI, ARTICOLI, MANUALI, TESI DI LAUREA I LIBRI SEMPRE APERTI Il Nuovo Manuale di

Dettagli

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Standard editoriali per l impostazione della tesi di laurea (a cura di Carla Rossi) STRUTTURA DEL LAVORO FRONTESPIZIO

Dettagli

Suggerimenti per la stesura della tesi

Suggerimenti per la stesura della tesi Suggerimenti per la stesura della tesi Una premessa: quelle che seguono vogliono essere delle indicazioni di massima per la stesura della tesi di laurea raccolte dalla nostra esperienza di lavoro come

Dettagli

La ricerca bibliografica in Economia

La ricerca bibliografica in Economia La ricerca bibliografica in Economia Cosa cercare? a cura di Stefania Fraschetta Seminario per laureandi della Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca Milano, 17 maggio 2011 sommario

Dettagli

Web of Science. Scheda riferimenti ISI WEB OF KNOWLEDGE SM. 1 Ricerca. Ricerca all'interno delle referenze citate

Web of Science. Scheda riferimenti ISI WEB OF KNOWLEDGE SM. 1 Ricerca. Ricerca all'interno delle referenze citate Web of Science Scheda riferimenti ISI WEB OF KNOWLEDGE SM È possibile effettuare ricerche in oltre 900 periodici e riviste in più di 5 lingue diverse nell'ambito di scienza, scienze sociali, arte e materie

Dettagli

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Nell'intento di uniformare il metodo di stesura delle tesi di laurea vengono qui di seguito fornite a tutti gli studenti

Dettagli

Prova Finale e delle procedure di conferimento della Laurea triennale, Art. 3, 1, in http://lettere.humnet.unipi.it/index.php?id=429.

Prova Finale e delle procedure di conferimento della Laurea triennale, Art. 3, 1, in http://lettere.humnet.unipi.it/index.php?id=429. COME SI PREPARA LA TESI TRIENNALE 1 SCOPI E DIMENSIONI L obiettivo della tesi è quello di approfondire uno degli argomenti del corso di Storia contemporanea, utilizzando la letteratura principale relativa

Dettagli

Banche dati italiane per Scienze della Formazione. di Ilaria Moroni

Banche dati italiane per Scienze della Formazione. di Ilaria Moroni Banche dati italiane per Scienze della Formazione di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: maggio 2013 - sommario BIBL RIVI GOLD Gruppo Abele Minori ESSPER banche dati italiane per cercare articoli, libri,

Dettagli

VADEMECUM DEL/LA LAUREANDO/A

VADEMECUM DEL/LA LAUREANDO/A Scuola Interdipartimentale in Servizio sociale e Politiche pubbliche CdL in Scienze della società e del Servizio sociale VADEMECUM DEL/LA LAUREANDO/A Consigli utili per la stesura della tesi di laurea

Dettagli

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA IIS V. Benini Prof. Marco Menna 1 NORME PER LO SVOLGIMENTO DEL COLLOQUIO D ESAME O.M. 37/2014, ART. 16 c. 2. Il colloquio ha inizio con un argomento

Dettagli

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Cos è la tesi di laurea triennale La tesi di laurea triennale è l elaborato scritto che lo studente è tenuto a redigere a conclusione del proprio percorso

Dettagli

Norme editoriali per autori e curatori

Norme editoriali per autori e curatori Norme editoriali per autori e curatori NORME GENERALI Il documento contiene le norme editoriali che autori e curatori devono seguire nella redazione di opere che intendono pubblicare nelle collane o nel

Dettagli

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI CAROCCI EDITORE S.P.A. Via Sardegna N 50-00187 Roma Indirizzo Internet: http://www.carocci.it - E-mail: red@carocci.it Sede Redazione: via Santa Teresa, 23-00198 Roma

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DEI LAVORI DI PROSEMINARIO, SEMINARIO, LICENZA, MASTER E DOTTORATO IN LETTERATURA ITALIANA 1. INDICAZIONI GENERALI

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DEI LAVORI DI PROSEMINARIO, SEMINARIO, LICENZA, MASTER E DOTTORATO IN LETTERATURA ITALIANA 1. INDICAZIONI GENERALI Romanisches Seminar Letteratura Italiana Prof. Dr. J. Bartuschat e Prof. Dr. T. Crivelli NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DEI LAVORI DI PROSEMINARIO, SEMINARIO, LICENZA, MASTER E DOTTORATO IN LETTERATURA

Dettagli

Note per la redazione delle tesi di laurea

Note per la redazione delle tesi di laurea Note per la redazione delle tesi di laurea (proff. Pietro Perconti e Alessio Plebe) Introduzione Queste note intendono guidare lo studente alla stesura della propria tesi di laurea, affinché il documento

Dettagli

Citare le fonti evitando il plagio a cura di S. Farina e M.C. Garanzini Novembre 2013. Area servizi bibliotecari di Ateneo

Citare le fonti evitando il plagio a cura di S. Farina e M.C. Garanzini Novembre 2013. Area servizi bibliotecari di Ateneo Citare le fonti evitando il plagio a cura di S. Farina e M.C. Garanzini Novembre 2013 Area servizi bibliotecari di Ateneo Questa guida vi spiega Plagio e come evitarlo Tipologie di citazioni Stile della

Dettagli

Strumenti di ricerca in biblioteca 1: Il Web e gli Opac. A cura di Giancarla Marzoli 24/03/2009

Strumenti di ricerca in biblioteca 1: Il Web e gli Opac. A cura di Giancarla Marzoli 24/03/2009 Strumenti di ricerca in biblioteca 1: Il Web e gli Opac A cura di Giancarla Marzoli 24/03/2009 Strumenti di ricerca in biblioteca 1: Il Web e gli Opac Introduzione : biblioteca con i sui servizi funzione

Dettagli

Norme per la redazione del testo

Norme per la redazione del testo Norme per la redazione del testo Norme ortografiche e per la redazione dei segni di interpunzione Puntini di sospensione Sono sempre solo tre e si inseriscono con l apposito carattere unico. Come ogni

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

Linee guida per l autor*

Linee guida per l autor* Linee guida per l autor* Margini: superiore 3,5 cm; inferiore 3,5 cm; destro 3 cm; sinistro 3 cm. Carattere: Times New Roman Dimensione del carattere: 12 per il testo, i titoli come nell esempio che segue:

Dettagli

Come si fanno le citazioni bibliografiche Sistema a piè di pagina

Come si fanno le citazioni bibliografiche Sistema a piè di pagina Come si fanno le citazioni bibliografiche Sistema a piè di pagina 0. Dicebat Bernardus Carnotensis nos esse quasi nanos gigantium humeris insidentes Bernardo di Chartres diceva che siamo un po come nani,

Dettagli

Diritto & Questioni pubbliche

Diritto & Questioni pubbliche Diritto & Questioni pubbliche CRITERI REDAZIONALI e NORME PER LA PUBBLICAZIONE Diritto & Questioni pubbliche pubblica due numeri l anno (giugno e dicembre). Gli articoli sono pubblicati nella rivista o

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA -

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA - N o r m e r e d a z i o n a l i p e r l a s t e s u r a d e l l a t e s i d i l a u r e a l i n e e d i m a s s i m a A m b i t o d i P s i c o l o g i a NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI

Dettagli

Guida all elaborazione della tesi di laurea Prof.ssa Luciana Bellatalla

Guida all elaborazione della tesi di laurea Prof.ssa Luciana Bellatalla 1. Compilazione della bibliografia 1.1 Volumi Guida all elaborazione della tesi di laurea Prof.ssa Luciana Bellatalla AUTORE, Titolo originale, Città, Casa editrice, anno della prima edizione. Se l opera

Dettagli

NORME REDAZIONALI. per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata

NORME REDAZIONALI. per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata NORME REDAZIONALI per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata Questa pagina viene aggiornata regolarmente. La presente versione è datata 12 dicembre 2013 Accesso La RILA è uno strumento

Dettagli

NORME REDAZIONALI GENERALI

NORME REDAZIONALI GENERALI NORME REDAZIONALI GENERALI 1. Regole di battitura Indicazione di autore/i, titoli e sottotitoli, secondo la seguente disposizione: - nome dell autore del saggio (tondo) - titolo del saggio (corsivo) -

Dettagli

Banche dati, risorse elettroniche e strumenti di supporto bibliografico allo studio e alla ricerca

Banche dati, risorse elettroniche e strumenti di supporto bibliografico allo studio e alla ricerca Banche dati, risorse elettroniche e strumenti di supporto bibliografico allo studio e alla ricerca a cura di Carmela Napoletano Presentazione alle matricole del Dipartimento di Scienze dei Materiali Università

Dettagli

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente)

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente) OBIETTIVI Migliorare le capacitàdi svolgimento di un progetto autonomo di scrittura documentata. Consolidare le abilità di ricerca delle fonti. Rafforzare le abilitàdi organizzazione dei contenuti. Che

Dettagli