Guida alla Carriera universitaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla Carriera universitaria"

Transcript

1 Guida alla Carriera universitaria regole, disposizioni e indicazioni sulla permanenza e conclusione degli studi Anno Accademico 2011/2012 Redazione e coordinamento: Area Servizi agli Studenti e ai Dottorandi Servizio Segreterie Studenti Ultimo aggiornamento: 17 febbraio

2 Tutti gli studenti sono tenuti a conoscere le disposizioni che regolano la carriera universitaria. Eventuali modifiche che interverranno successivamente alla pubblicazione di questa guida saranno rese note: - nella sezione avvisi didattici su - nel sito della propria Scuola - nella pagina avvisi delle Segreterie Studenti - nella casella Webmail e nella bacheca elettronica dei servizi On Line (in particolare quest ultimo strumento sarà sempre più usato quale canale istituzionale di comunicazione) Le informazioni contenute nelle Guide e tramite gli strumenti online suindicati hanno valore di notifica ufficiale agli interessati 2

3 INDICE CAP. 1 - ENTRA AL POLITECNICO... 5 Immatricolazioni al primo anno dei corsi di Laurea... 5 Immatricolazioni al primo anno dei corsi di Laurea Magistrale... 5 Iscrizione ad anni successivi al primo... 5 Riconoscimento dei diplomi universitari... 5 CAP. 2 - TRASFERIMENTI E PASSAGGI... 7 Trasferimenti da altri Atenei/ Passaggi di corso... 7 Re-immatricolazioni per decaduti o rinunciatari... 7 Iscrizione seconda Laurea... 7 Corsi di laurea... 7 Corsi di Laurea Magistrale... 7 Trasferimenti verso altri Atenei... 7 Passaggi di Ordinamento... 8 Delibere di ammissione o di passaggio... 8 CAP. 3 - CORSI SINGOLI Corsi singoli per integrare la tua formazione personale Corsi singoli per ottenere integrazioni curriculari derivante da valutazione di ammissione ad una Laurea Magistrale Tasse e contributi per i corsi singoli e integrazioni curriculari CAP. 4 - RECUPERO OFA Modalità di assolvimento per gli immatricolati dall A.A. 2008/ Modalità di assolvimento per gli immatricolati fino all A.A. 2007/ CAP. 5 - PIANO DEGLI STUDI Periodo di presentazione Modalità di presentazione I vincoli OFA Insegnamenti in soprannumero CAP. 6 - ATTIVITÀ DIDATTICHE, ESAMI E VALUTAZIONI Sessioni d esami Sessione speciale per studenti prossimi alla Laurea dei corsi di Laurea Magistrale a novembre Valutazione del profitto Modalità di iscrizione agli esami Modalità di registrazione delle valutazioni Lingua Inglese Tirocinio Mobilità studentesca e riconoscimento di studi compiuti all estero

4 CAP. 7 - ESAME DI LAUREA/PROVA FINALE Scadenze Iscrizione Svolgimento della prova finale e valutazione Consegna/deposito tesi e elaborati di laurea CAP. 8 - SOSPENSIONE/INTERRUZIONE/DECADENZA/RINUNCIA Sospensione degli studi Interruzione degli studi Decadenza Rinuncia agli studi CAP. 9 - CERTIFICAZIONI E DOCUMENTAZIONE Certificazioni Autocertificazione Diploma Supplement Pergamena di laurea Equipollenze Abilitazione professionale Tesserino universitario Policard Servizi informatizzati e codice persona CONTATTI Segreterie Studenti Poli territoriali

5 Cap. 1 - Entra al Politecnico Immatricolazioni al primo anno dei corsi di Laurea Per immatricolarsi ad uno dei corsi di Laurea delle Scuole di Architettura, del Design e al corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura è necessario superare il Test di ammissione in presenza (TIP). Per immatricolarsi al primo anno dei corsi di Laurea delle Scuole di Ingegneria del Politecnico di Milano (ad eccezione del corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura) è obbligatorio sostenere il test di ammissione, Test On Line (TOL). Si ricorda che la verifica della conoscenza della lingua inglese, ad un livello equiparabile al medio/basso (B1) del CEF (Common European Framework), costituisce un prerequisito di accesso e viene effettuata all atto del sostenimento del Test di Ingresso. Il mancato superamento della sezione di Inglese determina l attribuzione di obblighi formativi aggiuntivi (OFA) e comporta l impossibilità di poter accedere alle frequenze di insegnamenti offerti negli anni successivi al primo. Per approfondimenti è possibile consultare le guide specifiche disponibili su Guide all immatricolazione. Immatricolazioni al primo anno dei corsi di Laurea Magistrale Per effettuare l immatricolazione ai Corsi di Laurea Magistrale, è necessario presentare apposita domanda di valutazione online tramite i Servizi On Line su Gli studenti provenienti da altri Atenei devono inoltre produrre l idonea documentazione relativa alla loro carriera necessaria per la valutazione. Successivamente sono valutate, dalla preposta Commissione, le condizioni di ammissione di ogni singolo candidato. Si ricorda che la conoscenza della lingua straniera è un prerequisito per l immatricolazione ai corsi di Laurea Magistrale, pertanto si consiglia di consultare la Guida alla Lingua Inglese (www.polimi.it/guide) e il Regolamento didattico del Corso di studi a cui si intende immatricolarsi. Per approfondimenti si invita alla consultazione della Guida Modalità di iscrizione alla Laurea Magistrale (www.polimi.it/guide) e dei documenti e dei Regolamenti didattici pubblicati nei vari siti delle Scuole (www.polimi.it/didattica/regolamenti-didattici ) Iscrizione ad anni successivi al primo L iscrizione agli anni successivi al primo si effettua tramite il pagamento della prima rata delle tasse universitarie dell anno accademico in corso entro i termini previsti, utilizzando il bollettino MAV (modulo di avviso di pagamento), che lo studente può scaricare collegandosi con codice persona e password ai Servizi On Line su nella sezione "Tasse" universitarie" Il pagamento della rata di iscrizione oltre i termini di scadenza comporta l addebito di una mora pari ad un importo massimo di 110. Per approfondimenti e scadenze è possibile consultare le guide specifiche sulle Tasse disponibili su Riconoscimento dei diplomi universitari Coloro che sono in possesso di un diploma universitario del Politecnico di Milano o di altri Atenei hanno la possibilità di richiedere: - l iscrizione per il conferimento di una Laurea Triennale - l ammissione ai corsi di Laurea Magistrale (vedere la Guida Modalità di iscrizione alla Laurea Magistrale (www.polimi.it/guide). 5

6 La procedura di iscrizione per il riconoscimento della Laurea Triennale è la medesima prevista per i candidati richiedenti una seconda laurea. Si consiglia pertanto, per conoscere in dettaglio le scadenze e le modalità per effettuare la domanda di consultare la Guida all immatricolazione (www.polimi.it/guide), i documenti e i Regolamenti didattici pubblicati nei vari siti delle Scuole (www.polimi.it/didattica/regolamenti-didattici ). A tutti gli iscritti sarà accertata la conoscenza della lingua straniera, tramite superamento del TENG, o presentando una delle certificazioni idonee a livello minimo equiparabile medio/basso (B1) (vedi Guida alla Lingua Inglese su Le modalità di iscrizione e svolgimento per la prova finale sono uguali a quelle previste per tutti gli studenti. 6

7 Cap. 2 - Trasferimenti e passaggi = Trasferimenti da altri Atenei/ Passaggi di corso Re-immatricolazioni per decaduti o rinunciatari Iscrizione seconda Laurea = Corsi di laurea Provenienti da altri Atenei Laureati Diplomati universitari Provenienti da qualsiasi Corso di studio del Politecnico Decaduti o rinunciatari In generale viene richiesto il sostenimento e il superamento del test di ammissione TIP o TOL. E possibile conoscere in dettaglio le scadenze e le modalità per effettuare la domanda di Trasferimento verso il Politecnico, passaggio/trasferimento di Corso o di re-immatricolazione consultando la Guida Iscrizione al primo anno dei corsi di Laurea (www.polimi.it/guide), e Regolamenti didattici pubblicati nei vari siti delle Scuole (www.polimi.it/didattica/regolamenti-didattici ). Agli studenti eventualmente esonerati dal sostenimento del Test di ammissione (TIP o TOL), sono attribuiti d ufficio gli OFA di Inglese, ad accezione degli studenti provenienti dal Politecnico di Milano che li hanno già assolti nella precedente carriera. Gli OFA di Inglese limitano la possibilità di carriera e di scelte nel Piano degli studi, e se non assolti entro il primo anno di iscrizione impediscono di aggiungere ulteriori CFU nel Piano degli studi, oltre a quelli inseriti all atto dell iscrizione. Gli OFA di Inglese sono assolti superando il TENG, o presentando una delle certificazioni idonee a livello minimo equiparabile medio/basso (B1) (vedi Guida alla Lingua Inglese su Per informazioni sul percorso speciale (riservato ai laureati V.O. o Laurea Magistrale in Architettura) per l ammissione al corso di Laurea quinquennale a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura, è possibile rivolgersi alla Segreteria studenti del Polo Regionale di Lecco: tel /32/ Corsi di Laurea Magistrale Gli iscritti a Corsi di Laurea Magistrale presso il Politecnico di Milano o presso altri Atenei che intendono trasferirsi ad altro Corso di Laurea Magistrale de Politecnico di Milano, devono utilizzare la medesima procedura online richiesta per l ammissione al primo anno su > Ammissione alla Laurea Magistrale: presentazione domanda, consultazione esito e immatricolazione E possibile effettuare la domanda di passaggio/trasferimento di Corso solo nel primo semestre. Per approfondimenti si invita alla consultazione della Guida Modalità di iscrizione alla Laurea Magistrale (www.polimi.it/guide) e dei documenti e dei Regolamenti didattici pubblicati nei vari siti delle Scuole (www.polimi.it/didattica/regolamenti-didattici). Si ricorda che anche in caso di passaggio/trasferimento la conoscenza della lingua straniera è un prerequisito per l iscrizione ai corsi di Laurea Magistrale, pertanto si consiglia di consultare la Guida alla Lingua Inglese (www.polimi.it/guide) e il Regolamento didattico del Corso di studi a cui si intende trasferirsi. Trasferimenti verso altri Atenei Gli studenti del Politecnico interessati al trasferimento verso un altro Ateneo devono informarsi presso l Università di destinazione per conoscere i termini e le condizioni di ammissione. La domanda di trasferimento può essere presentata dalla metà di luglio al 31 dicembre 2011 senza obbligo di iscrizione all A.A. 2011/2012. Solo in casi eccezionali e motivati la domanda può essere presentata oltre il 31 dicembre, ma sarà obbligatoria l iscrizione all A.A. 2011/2012, con il versamento della prima rata. La domanda è accolta se si è in regola con i pagamenti di tasse e contributi. 7

8 Modalità di richiesta La domanda di trasferimento si effettua accedendo ai Servizi On Line su selezionando la voce Trasferimenti da/per altro Ateneo e compilando i campi richiesti e conferma la domanda. Inoltre è necessario effettuare il pagamento del MAV relativo ai contributi per il trasferimento pari a 44,62, scaricandolo dalla pagina di richiesta di trasferimento. Il mancato pagamento comporterà il blocco della procedura di trasferimento. Lo studente trasferito può chiedere il ritorno al Politecnico di Milano mediante procedura di trasferimento da attivare nell Università di interesse solo dopo un anno accademico dalla domanda di trasferimento verso un altro Ateneo. Passaggi di Ordinamento dal Vecchio Ordinamento antecedente D.M. 509/1999 al nuovo ordinamento D.M. 270/2004 La domanda di passaggio da un Corso di laurea del Vecchio Ordinamento ad un Corso di laurea (triennale) del Nuovo Ordinamento, si presenta attraverso la specifica funzione online passaggi di corso/scuole all interno dei Servizi On Line su E vivamente consigliato consultarsi con lo specifico docente referente del Corso di studi o la Segreteria didattica della Scuole (www.polimi.it Scuole) dall Ordinamento D.M. 509/1999 all Ordinamento D.M. 270/2004 La domanda di passaggio da un Corso di laurea dell Ordinamento D.M. 509/99 ad un Corso di laurea del Nuovo Ordinamento D.M. 270/04 si effettua o attraverso la specifica funzione passaggi di corso/scuole all interno dei Servizi On Line su oppure in fase di presentazione del Piano degli studi per il primo semestre. E vivamente consigliato consultarsi con lo specifico docente referente del Corso di studi o la Segreteria didattica della Scuola (www.polimi.it Scuole) e i Regolamenti didattici di ciascun corso di studi. Disposizioni specifiche relative agli OFA di Inglese e/o accertamento della conoscenza della lingua straniera sono indicate nella Guida alla Lingua Inglese su Delibere di ammissione o di passaggio Il trasferimento da un altro Ateneo ed il passaggio di Corso di Laurea e di Laurea Magistrale e/o di Ordinamento, descritti in precedenza, generano una delibera. Nella delibera vengono valutati gli esami acquisiti nella precedente carriera per i quali possono verificarsi diverse opzioni di riconoscimento: Per i corsi di Laurea convalida registra l individuazione di una corrispondenza diretta tra esami sostenuti nel passato ed elementi dell offerta di ammissione. Possono verificarsi i seguenti casi: 1. convalida piena di un insegnamento offerto. Lo studente non dovrà/potrà sostenere il relativo esame, in quanto i relativi CFU sono stati valutati come già acquisiti nella carriera precedente; il voto di convalida è generato dalla media pesata delle votazioni riportate negli esami registrati nella carriera pregressa che concorrono alla convalida. 2. convalida parziale (per un numero di CFU che viene indicato) di un insegnamento offerto. L insegnamento viene inserito nel Piano degli studi con l A.A. di frequenza pari a quello di delibera e con lo stato di esame non superato/convalidato. I CFU convalidati non vengono computati nel calcolo del numero min/max di CFU per anno di corso e neppure in sede di determinazione dei contributi dovuti dallo studente. Il docente di pertinenza, negli elenchi degli iscritti, potrà vedere accanto al nome dello studente il numero di CFU già convalidati e la relativa votazione riportata. La consuntivazione della valutazione complessiva verrà effettuata mediante i tradizionali 8

9 verbali. E quindi relativa ai CFU utilizzabili nel percorso formativo del Corso di studi scelto, partecipa al totale dei CFU necessari al conseguimento del titolo e partecipa al calcolo della media delle votazioni. accredito eccedenza è attribuito quando non risulta possibile individuare una corrispondenza diretta tra esami superati in passato ed elementi dell offerta, ma si ritiene comunque necessario riconoscere tale attività svolta come utilizzabile nel percorso formativo di ammissione. Questa circostanza può essere espressa inserendo in luogo di una convalida, un accredito. L accredito deve essere associato al Settore Scientifico Disciplinare (SSD) di riferimento e viene definito un accredito qualificato, caratterizzato dal valore in CFU, da un SSD e se possibile, da un voto (calcolato come media pesata dei voti associati alle attività svolte in precedenza, oppure direttamente determinato dalla Commissione). Un accredito qualificato gioca un ruolo del tutto simile a quello degli usuali insegnamenti (rappresenta l acquisizione di CFU in un particolare SSD) ai fini del soddisfacimento dei vincoli di conformità allo Statuto, non può essere posto in corrispondenza di alcun elemento dell offerta, non può contribuire al soddisfacimento di vincoli né di precedenza, né di obbligatorietà di scelta in un gruppo di insegnamenti. registra il fatto che esami superati nel passato, benché parzialmente correlati al percorso formativo di ammissione, non possano al momento essere (in alcuna forma) direttamente accreditati (in mancanza di altri interventi non potranno quindi essere utilizzati per il conseguimento del titolo). Le eccedenze non vengono inserite nel Piano, ma solo registrate come nota nella delibera di ammissione. Eventuali delibere successive potranno riconsiderare la situazione, portando alla definizione di convalide e/o accrediti (qualificati e non) a partire da eccedenze definite in precedenza. Per i corsi di Laurea Magistrale convalide di frequenza obblighi formativi integrazioni curriculari relative ad insegnamenti in soprannumero inseriti nell ultimo Piano degli studi presentato per il percorso triennale o i cui esami non sono stati superati. Possono essere richieste convalide di frequenza anche di Corso Singoli. insegnamenti che vengono inseriti nel Piano degli studi, per i quali è obbligatorio il superamento. La Commissione potrà convalidare e/o posticipare la frequenza di un insegnamento all anno successivo; l obbligo è calcolato nel totale dei 120 CFU utili al conseguimento del Titolo di studio. La frequenza può riferirsi sia all anno corrente che a quello successivo. insegnamenti/attività formative obbligatorie che lo studente deve superare, tramite l iscrizione ai corsi singoli, per potersi immatricolare al Corso di Laurea Magistrale. Non rientrano né nel totale dei 120 CFU necessari per conseguire la Laurea né nel calcolo della media delle votazioni. Il mancato assolvimento non permette l immatricolazione. 9

10 Cap. 3 - Corsi singoli Corsi singoli per integrare la tua formazione personale Possono iscriversi ai corsi singoli gli studenti in possesso di Laurea o diploma di maturità, purché non iscritti a Corsi di studio del Politecnico di Milano o di altro Ateneo italiano; non è ammessa la contemporanea iscrizione tra corsi singoli e altri corsi di studio del Politecnico di Milano ad eccezione dei Corsi di Master di primo e secondo livello. L iscrizione dà diritto a frequentare gli insegnamenti richiesti, a sostenere gli esami negli appelli previsti nell anno accademico e ottenere la certificazione degli esami superati con votazione e i corrispondenti CFU acquisiti. L ammissione è consentita compatibilmente alla disponibilità di posti dell Insegnamento specifico. L iscrizione ai corsi singoli può essere richiesta per un max 30 CFU per anno accademico da coloro che desiderano integrare la propria formazione. Gli studenti interessati devono presentare presso la sede delle Segreterie Studenti il modulo di domanda di iscrizione e modulo di pagamento (disponibili sul sito durante il periodo utile Si invitano gli interessati a contattare la stessa Segreteria Studenti prima di effettuare l iscrizione. Non ci sono garanzie di un successivo riconoscimento dei CFU acquisiti in caso di richiesta di ammissione al corsi di Laurea e Laurea Magistrale. L eventuale riconoscimento degli esami e/o delle frequenze è di esclusiva competenza della struttura che valuta la richiesta di ammissione. Scadenze per l iscrizione ai Corsi singoli 1 semestre dal 13/09/2011 al 05/10/ semestre dal 20/2/2012 al 9/3/2012 Corsi singoli per ottenere integrazioni curriculari derivante da valutazione di ammissione ad una Laurea Magistrale Se l esito della valutazione di ammissione/valutazione ad un corso di Laurea Magistrale, disciplinato dal D.M. 270/04, individua la necessità di acquisire integrazioni curriculari lo studente non potrà immatricolarsi alla Laurea Magistrale ma potrà acquisire le integrazioni curriculari richieste tramite l iscrizione ai Corsi singoli. A questi studenti è consentita l iscrizione fino ad un massimo di 80 CFU comprendenti sia le integrazioni curriculari, assegnate dalla valutazione, sia gli anticipi di insegnamenti del corso di Laurea Magistrale; questi ultimi non possono in ogni caso superare i 30 CFU. L iscrizione può essere effettuata online, utilizzando la funzione web disponibile nella stessa pagina nella quale si è consultato l esito della domanda di ammissione/valutazione al corso di Laurea Magistrale. Scadenze per l iscrizione alle integrazioni curriculari I periodi utili per l iscrizione sono: Scuole di Ingegneria: I semestre A.A. 2011/2012: dal 13 settembre al 4 ottobre 2011 II semestre A.A. 2011/2012: dal 21 febbraio al 9 marzo 2012 Scuola di Architettura e società: I semestre A.A. 2011/2012: dal 13 al 29 settembre 2011 II semestre A.A. 2011/2012: dal 21 febbraio al 5 marzo 2012 Scuola di Architettura Civile: I semestre A.A. 2011/2012: dal 13 al 30 settembre 2011 II semestre A.A. 2011/2012: dal 27 febbraio al 5 marzo

11 Scuola del Design: I semestre A.A. 2011/2012: dal 13 settembre al 3 ottobre 2011 II semestre A.A. 2011/2012: dal 20 febbraio al 1 marzo 2012 Tasse e contributi per i corsi singoli e integrazioni curriculari L importo di tasse e contributi è determinato annualmente e varia in funzione del totale dei CFU richiesti La prima rata è composta indistintamente da una quota fissa di 115,00 e da un anticipo di contributi pari a 689,00, per un totale di 804,00. La seconda rata include il conguaglio dei contributi in base ai CFU richiesti. numero di crediti Importo di prima rata importo seconda rata Fino a 30 0 Oltre i 30 e fino a ,00 345,00 Oltre i 45 e fino a73 689,00 oltre 73 e fino ,00 Sono esonerati dal versamento: - gli studenti iscritti presso Università con le quali siano in atto specifici accordi - gli studenti inseriti in programmi interuniversitari di mobilità Maggiori informazioni sono disponibili consultando la Guida ai corsi singoli disponibile su 11

12 Cap. 4 - Recupero OFA I Test di recupero degli OFA, differenziati a seconda della Scuola di appartenenza dello studente e dell anno di immatricolazione in cui sono stati attributi, si svolgono di norma almeno una volta al mese. In ogni caso lo studente non può partecipare al Test specifico per più di una volta al mese. L iscrizione al Test è sempre gratuita e si effettua utilizzando la specifica funzione attivata all interno dei Servizi On Line su - Ammissione alla Laurea Triennale: iscrizione al test, consultazione esito, immatricolazione, iscrizione a sessioni OFA e TENG. Modalità di assolvimento per gli immatricolati dall A.A. 2008/2009 Scuola di Ingegneria Si possono assolvere OFA totali o parziali, sostenendo positivamente una delle seguenti tipologie di Test: OFA Test OFA TOL OFA Inglese ripetizione della sezione TEST del TOL (sezioni di Logica, Matematica e Statistica, Comprensione Verbale, Fisica); lo devono sostenere gli studenti che hanno raggiunto il punteggio minimo (24/30) nella sezione di Inglese del TOL ripetizione dell intero TOL, compresa la sezione di Inglese; lo devono sostenere gli studenti che non hanno raggiunto il punteggio minimo (24/30) nella sezione di Inglese del TOL si assolve superando la sezione di Inglese in una delle sessioni specifiche del Test (denominate OFA Inglese - TENG o similari) con punteggio minimo 24/30 oppure consegnando certificazione di conoscenza della lingua Inglese a livello equiparabile medio/basso (B1) del CEF, tra quelle previste dall Ateneo (vedi Guida alla Lingua Inglese su Scuola di Architettura e del Design e Corso di Laurea a ciclo unico in ingegneria Edile- Architettura Si possono assolvere tenendo presente le seguenti modalità per ciascuno degli OFA specifici attribuiti: OFA Matematica OFA Inglese OFA Disegno si assolve o con il superamento del Test specifico predisposto dal Docente del Corso di recupero di Matematica previsto al termine dello stesso Corso; o con il superamento di un esame del settore scientifico-disciplinare MAT/; si assolve superando la sezione di Inglese in una delle sessioni specifiche del Test (denominate OFA Inglese - TENG o similari) con punteggio minimo 24/30 oppure consegnando certificazione di conoscenza della lingua Inglese a livello equiparabile medio/basso (B1) del CEF, tra quelle previste dall Ateneo (vedi Guida alla Lingua Inglese) è attribuito solo agli immatricolati alla Scuola del Design; le modalità di superamento sono stabilite dalla stessa Scuola (www.design.polimi.it); indicazioni sono presenti nel Regolamento didattico dell anno di immatricolazione. Modalità di assolvimento per gli immatricolati fino all A.A. 2007/2008 Scuola di Ingegneria OFA Matematica OFA Inglese OFA Totali superamento della sezione di Matematica in una delle sessioni di Test online di recupero superamento della sezione di Inglese in una delle sessioni di Test online (OFA Inglese - TENG o similari) conseguendo un punteggio minimo di 18/30 oppure consegnando certificazione di conoscenza della Lingua Inglese a livello equiparabile medio/basso (B1) del CEF, tra quelle previste dall Ateneo (vedi Guida alla Lingua Inglese su superamento dell intero Test in una delle sessioni online di recupero; gli studenti che 12

13 hanno superato soltanto la sezione di inglese dovranno ripetere tutto il test TOL compresa la sezione di inglese 1) gli studenti immatricolati fino all A.A. 2004/2005 possono avere solo OFA di Matematica, assolti con superamento di un esame del settore scientifico-disciplinare MAT/-- oppure con il superamento della sezione di Matematica in una delle sessioni di test online 2) gli studenti che hanno chiesto passaggio da un Corso D.M. 509/99 allo stesso Corso attivato con il D.M. 270/04: - avranno automaticamente l eliminazione degli eventuali OFA di Matematica residui - se hanno superato la sezione di Inglese con un numero di risposte esatte compreso tra 18 e 23 avranno la conferma dell assolvimento OFA di inglese e verrà registrata la prova di lingua in carriera; inoltre non dovranno superare il TENG laureandi per essere ammessi all appello di Laurea di primo livello. Scuola di Architettura e del Design e Corso di Laurea a ciclo unico in ingegneria Edile- Architettura OFA Matematica superamento dello specifico test predisposto dal Docente al termine del Corso di recupero oppure superamento di un esame del settore scientifico-disciplinare MAT/-- oppure superamento della sezione di Matematica in uno dei Test periodicamente organizzati dall Ateneo OFA Inglese superamento della sezione di Inglese in una delle sessioni di test online (OFA Inglese - TENG) conseguendo punteggio minimo di 18/30 oppure consegnando certificazione di conoscenza della lingua Inglese, tra quelle previste dall Ateneo a livello equiparabile medio/basso (B1)del CEF (vedi Guida alla Lingua Inglese su Questo debito si può presentare solo agli studenti immatricolati a partire dall anno accademico 2006/

14 Cap. 5 - Piano degli studi Tramite la presentazione del Piano degli studi lo studente dichiara quante attività formative, quantificate in CFU, intende acquistare nell anno accademico di riferimento. Si fa notare che il numero di CFU acquistati può far variare l importo delle tasse e contributi dovuti ed il calcolo degli anni pesati ai fini della decadenza degli studi. Solo inserendo nel Piano un insegnamento/attività formativa si può usufruire dei servizi didattici correlati: Il numero di crediti da acquisire per conseguire il titolo di studio è: 180 CFU per i Corsi di Laurea, 120 CFU per i Corsi di Laurea Magistrale, 300 CFU per i Corsi a ciclo unico quinquennale. Dopo la presentazione del Piano ci si può trovare di fronte a due situazioni: Piano consigliato Piano autonomo è tale quando il percorso formativo è quello consigliato nel Regolamento didattico del Corso di studio è tale quando non presenta le condizioni del Piano consigliato ed è quindi sottoposto, per ottenere la convalida, alla valutazione della struttura didattica competente Durante la composizione del Piano è necessario porre attenzione ad eventuali precedenze che vengono indicate nello specifico Regolamento del Corso di Studi. = Periodo di presentazione Il Piano degli studi deve essere presentato all inizio dell anno accademico. Le scadenze di presentazione variano in base alla Scuola e all anno di Corso e sono indicate nei relativi Calendari Accademici disponibili su Eventuali variazioni sono pubblicate nei siti della Scuola (www.polimi.it/didattica/scuole) o su Nel secondo semestre sarà possibile effettuare variazioni al Piano degli studi unicamente per gli studenti iscritti ai Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Scuole di Ingegneria e di Architettura e Società (ad eccezione degli studenti iscritti ad un Corso delle Scuole del Design e di Architettura Civile) Sarà possibile: - aggiungere o eliminare frequenze richieste per il secondo semestre del corrente anno accademico - modificare le attività formative collocate nel primo semestre variandone la posizione da soprannumero ad effettivo o viceversa. Se lo studente non ha intenzione di apportare modifiche non è necessario che effettui alcuna variazione al Piano degli studi. Modalità di presentazione La presentazione del Piano avviene tramite l apposita funzione sui Servizi On Line su Nel periodo previsto per la presentazione lo studente può inserire nel Piano degli studi gli insegnamenti e le attività formative collocati sia nel primo sia nel secondo semestre e può modificarlo più volte. Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Per i Corsi di Laurea, il Piano degli studi ha valenza annuale, perciò ogni anno si devono reinserire, oltre ai nuovi insegnamenti, tutti i corsi dell anno precedente i cui esami non sono stati superati (tenendo presente eventuali modifiche al Regolamento didattico). Le attività formative inserite nel Piano degli studi hanno validità solo per l anno accademico di riferimento. Fanno eccezione l attività formativa prova finale e tirocinio che si inseriscono una volta sola in tutta la carriera universitaria. La prova di conoscenza della lingua inglese, accertata con le modalità stabilite dall Ateneo, non deve essere inserita nel Piano degli studi (vedere Guida alla Lingua inglese). Per i Corsi di Laurea Magistrale gli studenti degli anni successivi al primo sono tenuti ad inserire solo gli insegnamenti/attività formative necessari al completamento del Piano degli studi (gli studenti della Scuola di Architettura devono reinserire anche i Laboratori che non sono stati superati). 14

15 Il sistema informatizzato presenta in automatico l elenco degli insegnamenti previsti e che risultano ancora non superati e propone: 1 una schermata per autocertificare il superamento di eventuali esami che non sono ancora stati registrati in carriera L autocertificazione viene effettuata sotto la personale responsabilità dello studente e in caso di dichiarazioni non veritiere sono previste sanzioni a carico dello studente. 2 una schermata per l eventuale modifica della posizione da soprannumero/effettivo o viceversa 3 una schermata per selezionare gli esami È possibile: confermare il Piano degli studi consigliato dal sistema (per un numero di crediti complessivi pari a 60 CFU) oppure modificarlo, inserendo o togliendo insegnamenti entro i limiti di: minimo di 30 CFU - massimo 80 CFU senza alcuna limitazione riferita al primo o al secondo semestre, sia per i corsi di Laurea che di Laurea Magistrale. La presentazione di un Piano degli studi con un numero di CFU inferiore a 60 (ma non inferiore a 30) è consigliato agli studenti che non possono impegnarsi negli studi a tempo pieno, ad esempio a causa di attività lavorative. Per modificare il Piano, è necessario deselezionare gli esami proposti e cliccare su Aggiungi insegnamento autonomo. In quest ultimo caso il Piano degli studi sarà valutato dal docente responsabile Piano degli studi e sottoposta alla approvazione del Consiglio del Corso degli Studi (CCS). Gli insegnamenti inseriti in autonomo diverranno effettivi solo dopo l approvazione del Piano da parte del CCS. Si ricorda che in base al numero di CFU inseriti verrà fissato l importo dei contributi universitari che si dovrà pagare con la seconda rata (vedi la Guida alla Tasse su numero crediti Fino a 30 oltre 30 a 45 oltre 45 a 73 oltre 73 (massimo 80) % contributi dovuti 50 % 75 % 100 % 130 % L eventuale mancato superamento di esami finali non comporta alcun rimborso dei contributi versati. Al termine della procedura è necessario salvare, dopo avere verificato che gli insegnamenti presenti sono quelli desiderati, ed effettuare la stampa della pagina conclusiva a titolo di ricevuta attestante l avvenuta presentazione del Piano degli studi. Dopo la scadenza prevista, per la ritardata presentazione del Piano degli studi, verrà addebitata una mora di 100,00 nell importo della seconda rata dei contributi. Nel caso siano stati inseriti più di 73 CFU non saranno concesse modifiche richieste oltre la scadenza al fine di evitare l attribuzione della sovrattassa. Scuola Design e Architettura Per alcuni Corsi delle Scuole di Architettura e del Design sono richieste indicazioni preliminari come le opzioni di indirizzo, di sezione per le articolazioni del Corso, o le preferenze nei laboratori o in altre attività pratiche. Lo studente, nel periodo previsto, dovrà esprimere le preferenze sugli orientamenti o sulle sezioni previsti dal Regolamento Didattico del Corso di studi. Per i neo-immatricolati l opzione viene richiesta all atto dell immatricolazione; per tutti l opzione espressa può essere più volte sovrascritta fino al termine prestabilito, sempre solo all interno della funzione Piano degli studi. Successivamente sarà pubblicata l allocazione degli orientamenti/sezioni espressi dagli studenti; per gli studenti che non hanno espresso opzione, la Scuola esprimerà una allocazione d ufficio. In un intervallo di tempo successivo, sarà possibile presentare il Piano degli studi; gli studenti che non vedranno l attribuzione di un indirizzo allocato non potranno presentare il Piano degli studi. Nella presentazione del Piano degli studi (con o senza opzioni) gli studenti, a seconda del Corso di studi, potranno essere chiamati ad effettuare altre scelte relativamente a: 15

16 1) opzione sui laboratori 2) opzione su corsi opzionali. Successivamente alla fase di presentazione del Piano degli studi, la Scuola provvederà a pubblicare l allocazione degli studenti. I vincoli OFA Agli studenti con OFA non è consentito: l inserimento di insegnamenti in soprannumero l anticipazione di insegnamenti da anni di Corso successivi al primo la presentazione di un Piano degli studi autonomo Rimane invece possibile: l inserimento di rifrequenze di insegnamenti offerti al primo anno di Corso l inserimento di nuove frequenze di insegnamenti offerti al primo anno di Corso Gli studenti che assolvono l OFA dopo la scadenza della presentazione del Piano degli studi possono presentare un Piano degli studi cartaceo rispettando le modalità e le scadenze riportate sui calendari accademici delle diverse Scuole (www.polimi.it/didattica/calendario-accademico) Insegnamenti in soprannumero E possibile inserire insegnamenti/attività formative nel Piano degli studi in posizione di soprannumero, scelti anche da altri Corsi di studio, per un numero di CFU massimo di 30 nell arco di tutta la carriera universitaria, esclusi i CFU convalidati in soprannumero a seguito di passaggi o trasferimenti. Gli insegnamenti in soprannumero: - non sono considerati nel computo dei 180 CFU complessivi necessari all ammissione alla Prova finale ed è quindi facoltativo il loro superamento - non contribuiscono al calcolo della media delle votazioni - partecipano al limite massimo di 80 CFU posto nella composizione del Piano degli studi e rientrano anche nell ammontare complessivo dei CFU in base ai quali si definisce l importo dei contributi universitari corrisposti con la seconda rata - vengono registrati nella carriera dello studente e compresi nelle certificazioni rilasciate se superati E possibile modificare un insegnamento da effettivo a soprannumero o viceversa nel periodo di presentazione o modifica del Piano. Si raccomanda, nel caso siano posti dei limiti per l inserimento di specifici insegnamenti in soprannumero, di consultare i Regolamenti dei singoli corsi di studio disponibili su Non ci sono garanzie di un successivo riconoscimento dei CFU acquisiti in caso di richiesta di ammissione ai corsi di Laurea e Laurea Magistrale. L eventuale riconoscimento degli esami e/o delle frequenze è di esclusiva competenza della struttura che valuta la richiesta di ammissione. 16

17 Cap. 6 - Attività didattiche, esami e valutazioni Sessioni d esami L anno accademico è costituito da due semestri, ciascuno dei quali prevede: - due periodi dedicati alla didattica frontale (lezioni, esercitazioni, attività di laboratorio) seguiti ciascuno da almeno una settimana di interruzione - una sessione d esame al termine del I semestre - una sessione d esame al termine del II semestre - una sessione d esame a settembre. - una sessione speciale per studenti laureandi dei corsi di laurea Magistrale a novembre Sessione speciale per studenti prossimi alla Laurea dei corsi di Laurea Magistrale a novembre E consentito partecipare agli appelli straordinari della sessione speciale di novembre per studenti prossimi alla laurea se rispettano i seguenti requisiti: a. essere iscritti nell A.A. 2010/2011 ad un corso di Laurea Magistrale e Quinquennale a ciclo unico, b. essere in possesso di un Piano degli studi 2010/2011 completo, c. non essere iscritti all A.A. 2011/2012, d. essere in difetto di un solo esame (non vengono considerati il tirocinio e la prova finale) e. essere iscritti all appello di Laurea di dicembre 2011(relativamente a questo requisito gli interessati dovranno provvedere all'iscrizione all'appello di laurea nei termini previsti) Dal giorno 1 al giorno 17 Ottobre 2011 gli studenti interessati dovranno richiedere l'attivazione dell'appello straordinario, tramite un opportuna funzione disponibile su selezionando la voce Iscrizione agli appelli d esame. La richiesta di attivazione dell'appello straordinario potrà essere effettuata anche prima dell iscrizione all appello di laurea. La richiesta di attivazione dell'appello straordinario vale per i richiedenti come iscrizione all'appello. Gli appelli straordinari verranno organizzati dalle strutture didattiche delle Scuole sulla base delle richieste avanzate dagli studenti. Una volta pubblicati online su a partire dal 7 novembre 2011, gli appelli saranno visibili e saranno aperte le iscrizioni, con le consuete modalità di iscrizione e nel rispetto degli usuali vincoli temporali, per eventuali nuove iscrizioni a tutti i laureandi che rispettino le condizioni di cui sopra. Alla scadenza del periodo di iscrizione previsto per ciascun appello, dall elenco degli iscritti verranno automaticamente cancellati gli eventuali studenti che non rispetteranno tutti i requisiti previsti. La Scuola di Architettura Civile ha stabilito ulteriori regole al riguardo, si invita pertanto gli studenti interessati a fare riferimento al sito I calendari accademici sono predisposti distintamente dalle Scuole di Ingegneria, dalle Scuole di Architettura e dalla Scuola del Design e sono disponibili dal sito: > calendario accademico, e distribuiti presso le Segreterie Studenti. I crediti (CFU) corrispondenti a ciascuna attività formativa svolta dallo studente sono acquisiti con il conseguimento di valutazione positiva e votazione. Sono attribuibili senza votazione i crediti corrispondenti alle attività formative riconosciute e convalidate dai Consigli di Corso di Studio. Valutazione del profitto Le modalità di verifica del profitto sono indicate nel programma ufficiale dell insegnamento. Sono altresì rese note dal Docente all inizio del Corso, in particolare: - l eventuale obbligatorietà di frequenza a lezioni e/o esercitazioni e/o laboratori - l eventuale previsione di prove in itinere 17

18 Il docente formula una valutazione finale così articolata: - Promossi, con assegnazione di un voto - Rimandati ad una successiva valutazione, in altra sessione - Riprovati. In questo caso, sulle Lauree Triennali, la frequenza all insegnamento decade La votazione è espressa in trentesimi e l esito si considera positivo se è almeno pari a 18/30. Ove venga conseguito il voto massimo, può essere concessa la lode. Lo studente ha il diritto di conoscere, su richiesta, le motivazioni della valutazione. Nel caso di valutazione positiva, ma prima della verbalizzazione, lo studente può eventualmente rifiutare la stessa e quindi iscriversi ad una successiva sessione, ove prevista. Non è consentito sostenere nuovamente un esame/prova di valutazione finale se è già stato verbalizzato con un esito positivo. La verbalizzazione della valutazione positiva assegna allo studente i CFU associati all'insegnamento. La verifica della conoscenza della lingua inglese è effettuata secondo le modalità indicate nella Guida alla Lingua Inglese (www.polimi.it/guide). Modalità di iscrizione agli esami Per sostenere un esame di profitto è necessario iscriversi tramite la specifica funzione sui Servizi On Line su alla voce Esami, entro i termini previsti. Le date degli appelli a cui iscriversi, una volta rese disponibili dalle singole Scuole, sono periodicamente pubblicate nella pagina dalla quale è possibile visionare le sessioni e le relative scadenze di iscrizione. La ricevuta è rilasciata al termine dell iscrizione. Non è possibile iscriversi agli appelli oltre la scadenza fissata né utilizzando i Servizi On Line né presso le Segreterie Studenti. Gli studenti che per motivi diversi (presenza di OFA, mancata iscrizione all appello, precedenze non osservate) non compariranno nell elenco fornito al docente dalla procedura di iscrizione all esame, non potranno sostenere esami. L iscrizione agli appelli d esame/prove di valutazione finali è sempre obbligatoria; l iscrizione alle altre prove di valutazione e alle prove intermedie (in itinere) non è normalmente richiesta, a meno di diversa indicazione da parte del Docente responsabile dell insegnamento/attività formativa. Le condizioni per essere ammessi agli esami di profitto/prova di valutazione, sono le seguenti: - essere in regola con il pagamento della tassa di iscrizione e dei contributi universitari; - aver inserito il relativo insegnamento/attività formativa nel Piano degli studi; - aver soddisfatto le eventuali propedeuticità obbligatorie; - avere frequentato l insegnamento/attività formativa, ove previsto l obbligo e nelle modalità indicate; - essere iscritto all appello d esame/prova di valutazione (in caso di mancanza della specifica funzione di iscrizione all esame a causa di istanza di passaggio/trasferimento in fase di valutazione, è consentita l iscrizione con la funzione di iscrizione libera) Gli appelli del mese di febbraio relativi al primo semestre non possono essere utilizzati come appelli di recupero di insegnamenti del I semestre relativi ad anni accademici precedenti; pertanto gli studenti prossimi alla laurea con Piano degli studi completo, che si trovino in debito solo di quegli insegnamenti, per poterli utilizzare, dovranno iscriversi al nuovo anno accademico. Modalità di registrazione delle valutazioni Il sistema di verbalizzazione delle valutazioni (consuntivazione delle prove in itinere o degli appelli d esame) prevede i verbali elettronici. Il Docente, dopo avere effettuato l inserimento nello specifico software degli esiti delle prove degli studenti, provvede alla pubblicazione dei risultati (nel luogo dell esame, Dipartimento/Scuola, ed eventualmente nel sito specifico). La pubblicazione delle valutazioni viene notificata agli interessati con messaggio inviato alla casella istituzionale indicando il termine entro cui potranno esercitare un opzione rispetto alla valutazione ottenuta (rinuncia al voto ottenuto, richiesta di visione delle prove scritte, richiesta di colloquio, ecc.). 18

19 Il mancato esercizio dell opzione rispetto alla valutazione ottenuta è considerato come silenzioassenso. I docenti, una volta scaduto l intervallo temporale, devono provvedere al consolidamento della valutazioni. In seguito si potranno consultare le valutazioni, registrate o in attesa di registrazione, attraverso i Servizi On LIne. La registrazione della conoscenza della Lingua Inglese è effettuata dalla Segreteria Studenti in seguito alla presentazione da parte dello studente della certificazione (l esito della prova di inglese mediante TENG in Ateneo è accertato d ufficio). = = Lingua Inglese Corsi di Laurea Con l applicazione del D.M. 270/04 la verifica della conoscenza della lingua inglese, ad un livello almeno pari al livello equiparabile medio/basso (B1) del CEF (Common European Framework), costituisce un prerequisito di accesso e viene effettuata all atto del sostenimento del Test di Ingresso. Il mancato superamento della sezione di Inglese determina l attribuzione di obblighi formativi aggiuntivi (OFA) e comporta l impossibilità di poter accedere alle frequenze di insegnamenti offerti negli anni successivi al primo. Gli OFA possono essere colmati tramite il superamento di una specifica prova interna al Politecnico di Milano, denominata OFA Inglese TENG, rispondendo esattamente ad almeno 24 quesiti, oppure tramite la presentazione di una delle certificazioni indicate nella Guida alla Lingua Inglese. Corsi di Laurea Magistrale La conoscenza della lingua inglese, ad un livello almeno pari al livello equiparabile medio/basso (B2) del CEF, è prerequisito di accesso, ed è accertata tramite la presentazione di una delle certificazioni indicate nella Guida alla Lingua Inglese; per alcuni Corsi di Laurea Magistrale è richiesta la conoscenza a livello equiparabile elevato (C1) del CEF. In mancanza di tale certificazione non sarà possibile procedere all immatricolazione. Tutte le informazioni sulle modalità dell accertamento della conoscenza della lingua inglese, sugli enti gestori della prova e sulle possibilità di preparazione per l esame, sono indicate nella Guida alla Lingua Inglese su Tirocinio Le attività di tirocinio sono presentate nell offerta formativa con un percorso specifico e caratterizzante il Corso di studio; i CFU relativi al tirocinio devono essere inseriti nel Piano degli studi e partecipano al totale di CFU rilevanti per la determinazione dell importo dei contributi; nel caso lo svolgimento del tirocinio e l acquisizione dei CFU associati non sia avvenuto nell anno accademico di inserimento nel Piano degli studi, l attività non deve essere reinserita nel Piano degli studi dell anno accademico successivo. Può essere prevista dalla Scuola la possibilità di sostituire il tirocinio con delle attività alternative, quali attività di laboratorio progettuale e/o seminari e/o corsi mirati ad acquisire conoscenze utili per l inserimento nel mondo del lavoro. La registrazione in carriera dello svolgimento positivo del tirocinio può prevedere una delle seguenti modalità: - nel caso il tirocinio sia previsto come quota parte di uno o più insegnamenti può essere verbalizzato con un unico voto - nel caso il tirocinio sia considerato come attività formativa, viene effettuata una convalida senza voto e pertanto non concorre alla determinazione della media complessiva. La gestione dei tirocini viene effettuata dal Career Service Stage del Politecnico di Milano (Piazza Leonardo da Vinci 32 - atrio del Rettorato - piano terra) ed è supportata dai Docenti referenti per i diversi Corsi di studio. Per ulteriori informazioni: Si invita a consultare anche il sito della Scuola: 19

20 Mobilità studentesca e riconoscimento di studi compiuti all estero Il Politecnico di Milano offre ai propri studenti l opportunità di partecipare a progetti internazionali di qualità elevata, basati su programmi comuni e accordi stipulati con numerose Istituzioni partner. Gli studenti selezionati per un programma specifico hanno la possibilità di arricchire il loro curriculum accademico trascorrendo un periodo presso un Istituzione partner presso cui esista un sistema di crediti facilmente riconducibile al sistema ECTS, acquisendo in tal modo crediti completamente riconosciuti dal Politecnico di Milano. Il riconoscimento preventivo del programma di studi da effettuarsi all estero e la determinazione dei crediti acquisibili a seguito dello svolgimento delle relative attività è affidato alle competenti strutture didattiche. Diverse sono le opportunità offerte: - periodo di studio nell'ambito di accordi Erasmus, Extra- UE o di programmi speciali (www.polimi.it/studenti/a-chi-rivolgersi/mobilita-internazionale ) - lavoro di tirocinio presso aziende o laboratori universitari (www.careerservice.polimi.it ) - periodo (anno, semestre o metà semestre) per preparare un lavoro di tesi - doppie lauree (www.polimi.it/studenti/fai-unesperienza-allestero/progettidimobilita/doppielauree ) Per ottenere informazioni sulle diverse possibilità per studiare all estero e per conoscere le condizioni, le procedure e le modalità di partecipazione ai progetti internazionali, è necessario rivolgersi allo StuDesk (l ufficio che si occupa della mobilità studentesca internazionale) di riferimento della propria Scuola. (http://www.polimi.it/studenti > fai un esperienza all estero ). 20

21 Cap. 7 - Esame di laurea/prova finale Il titolo di studio è conferito a seguito del sostenimento della di Prova finale. Per accedere alla Prova finale lo studente deve aver acquisito: - i CFU richiesti dal relativo Regolamento didattico del Corso di studi, esclusi quelli attribuiti alla Prova finale ed alle attività esplicitamente individuate come componenti la prova finale. - i CFU relativi al tirocinio curriculare, ove previsti nel Regolamento didattico, se non esplicitamente indicato, o come componente della prova finale - l accertamento della conoscenza di una lingua dell Unione Europea diversa dall Italiano, secondo le modalità riportate nella specifica Guida alla Lingua Inglese (www.polimi.it/guide ). Scadenze I periodi di iscrizione all esame di lvariano a seconda che si tratti di Laurea o di Laurea Magistrale/Vecchio Ordinamento. I Calendari degli appelli di Laurea sono disponibili sul sito concludi i tuoi studi esame di laurea e riportano: - il termine stabilito per ogni appello per presentare la domanda mediante i Servizi On Line su - il termine stabilito per ogni appello per superare le ultime prove di valutazione e conseguire i CFU mancanti e la consegna dei verbali da parte dei docenti - le date per il deposito on line delle tesi di Laurea Magistrale - le date degli appelli di Laurea per sede e corso - l anno accademico di riferimento Viene consentito l accesso anticipato all appello di laurea di dicembre 2011, considerandolo primo appello dell A.A. 2011/2012, ai laureandi dei Corsi di Laurea Magistrale che presentano un Piano degli studi per l A.A. 2011/2012 esclusivamente per: - il completamento dei 120 CFU con l inserimento della sola Prova finale (primo semestre) - la modifica della sola posizione di insegnamenti presenti nel Piano completo (da soprannumero ad effettivo e viceversa) In questo caso, gli studenti saranno tenuti all iscrizione all A.A. 2011/2012, ma non al versamento della seconda rata. In caso di sola modifica della posizione degli insegnamenti da soprannumero ad effettivo e viceversa, l importo di prima rata sarà quello ridotto (pari a 394,00). Iscrizione L iscrizione all esame di Laurea si effettua tramite la specifica funzione sui Servizi On Line su Iscrizione appello di Laurea (attivata se lo studente è nelle condizioni per potersi laureare nell anno accademico). Condizione preliminare per l iscrizione è avere il Piano degli studi convalidato completo di tutti i CFU necessari per conseguire il titolo di studio (già acquisiti o da acquisire entro i termini previsti per ogni appello); in esso devono essere compresi i CFU della Prova finale. All atto dell iscrizione all appello di Laurea il laureando dovrà: compilare la domanda di laurea compilare il questionario sulla valutazione del percorso formativo, in forma anonima e destinato al Ministero compilare il Curriculum Vitae destinato all Associazione Laureati del Politecnico di Milano per il Career Service stampare il bonifico per il pagamento della tassa di laurea pari a 78,91 composto dalle seguenti voci: - 44,29 costo del diploma (Pergamena) - 20,00 contributo speciale per l ammissione all esame di laurea - 14,62 imposta di bollo. La stampa del bonifico è possibile anche successivamente, accedendo di nuovo alla stessa funzione nei Servizi On Line su 21

Guida alla Carriera universitaria. regole, disposizioni e indicazioni sulla permanenza e conclusione degli studi

Guida alla Carriera universitaria. regole, disposizioni e indicazioni sulla permanenza e conclusione degli studi = Guida alla Carriera universitaria regole, disposizioni e indicazioni sulla permanenza e conclusione degli studi Anno Accademico 2012/2013 Redazione e coordinamento: Area Servizi agli Studenti e ai Dottorandi

Dettagli

Guida alla Carriera universitaria. regole, disposizioni e indicazioni sulla permanenza e conclusione degli studi

Guida alla Carriera universitaria. regole, disposizioni e indicazioni sulla permanenza e conclusione degli studi Guida alla Carriera universitaria regole, disposizioni e indicazioni sulla permanenza e conclusione degli studi Anno Accademico 2014/2015 Redazione e coordinamento: Area Servizi agli Studenti e ai Dottorandi

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE (BOLOGNA) - CLASS FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA (RIMINI) - FAI A.A.

AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE (BOLOGNA) - CLASS FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA (RIMINI) - FAI A.A. AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE (BOLOGNA) - CLASS FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA (RIMINI) - FAI A.A. 2015/2016 1. REQUISITI CURRICULARI E LORO ACCERTAMENTO I Corsi di Laurea in Scienze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE (BOLOGNA) - CLASS FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA (RIMINI) - FAI A.A.

AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE (BOLOGNA) - CLASS FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA (RIMINI) - FAI A.A. AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE (BOLOGNA) - CLASS FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA (RIMINI) - FAI A.A. 2014/2015 REQUISITI CURRICULARI E LORO ACCERTAMENTO I Corsi di Laurea in Scienze

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Nel rispetto delle scadenze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA INDUSTRIALE L - 9 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Ingegneria industriale afferisce alla Classe

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale a ciclo Unico in Giurisprudenza ( Classe LMG /01 ) Anno Accademico di istituzione: 2006/2007 Art. 1. Organizzazione del corso di studio 1. È istituito presso

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE

Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE STUDENTI CHE SI LAUREANO IN MENO ANNI In base all art. 10 del Regolamento studenti dell Università di Ferrara, lo studente può laurearsi anche in meno tempo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Scadenze amministrative per l anno accademico 2012-2013 Per l anno accademico 2012-2013 le scadenze amministrative di seguito riportate che devono essere osservate necessariamente per tutti i corsi di

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN ECONOMIA AZIENDALE E MANAGEMENT L - 18 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea in Economia aziendale e management

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche

- Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche - Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Biomediche MANIFESTO DEGLI STUDI - Anno Accademico 2015/2016 Valido per gli studenti immatricolati nell a.a. 2015/2016 Corso di Laurea in SCIENZE

Dettagli

Anno accademico 2013/2014

Anno accademico 2013/2014 Anno accademico 2013/2014 Procedure e termini per iscrizioni, immatricolazioni, passaggi, trasferimenti e ricongiunzioni delle carriere di studenti dei corsi di laurea e laurea magistrale (Delibera del

Dettagli

Calendario A.A. 2014/2015

Calendario A.A. 2014/2015 Calendario A.A. 2014/2015 SOMMARIO LEZIONI E SESSIONI DI ESAME...3 LEZIONI... 3 SESSIONI D'ESAME... 3 EROGAZIONE DIDATTICA LEZIONI ED ESAMI... 4 APPELLI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE...5 APPELLI DI

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

* * * - Corso di Laurea magistrale in Scienze Pedagogiche I e II anno ex D.M. 270/04; ex D.M. 270/04; II anno ex D.M. 270/04;

* * * - Corso di Laurea magistrale in Scienze Pedagogiche I e II anno ex D.M. 270/04; ex D.M. 270/04; II anno ex D.M. 270/04; UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA *** 1. OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 Nell anno accademico 2014/2015 sono attivati, presso il Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM 33 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Ingegneria meccanica afferisce

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI L-24 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studio che rilascia la

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36) REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (L-36) TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi in Scienze Politiche

Dettagli

Incontri di presentazione sulle modalità di accesso ai corsi di studio di I ciclo

Incontri di presentazione sulle modalità di accesso ai corsi di studio di I ciclo Incontri di presentazione sulle modalità di accesso ai corsi di studio di I ciclo La Scuola di Farmacia, Biotecnologie e Scienze motorie, nell'ambito delle scienze della vita, offre agli studenti competenze

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

Art. 1 Posti disponibili

Art. 1 Posti disponibili REGOLAMENTO PER IL TRASFERIMENTO DAL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN MEDICINA E CHIRURGIA E IN ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA E DAL CORSO DI LAUREA IN IGIENE DENTALE, DI ALTRO ATENEO ALLO

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA

REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO TRASFERIMENTI DA ALTRI ATENEI AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA Approvato dal Consiglio di corso di laurea in Medicina e Chirurgia nella seduta del 20/07/2015 Approvato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Lettere moderne - Modern Literatures (Classe LM-14 Filologia moderna) Articolo 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

Ammissione alla Laurea Magistrale

Ammissione alla Laurea Magistrale 23 o6-2011 Politecnico di Milano Dipartimento di Meccanica Ammissione alla Laurea Magistrale Prof. Federico Cheli, Presidente del corso di studi in Ing. Meccanica Prof. Roberto Corradi, referente per gli

Dettagli

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria

Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Università degli studi di Milano Bicocca Scuola di Scienze Corso di Laurea in Ottica e Optometria Manifesto annuale degli studi ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Offerta formativa Il Corso di Laurea in Ottica

Dettagli

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016 Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale Anno accademico 2015/2016 Delibera Senato Accademico n. 122 del 24 giugno 2015 Procedure e termini relativi

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: DAMS - DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO Testo: LAUREA IN DAMS Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo CLASSE L- 3 REGOLAMENTO

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE ERBORISTICHE (CLASSE L-29) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente

Dettagli

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO CREDITI Dopo le fasi dell immatricolazione riportate nel Bando (http://www.univaq.it/section.php?id=1670&idcorso=574)

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Guida ai Corsi singoli. anno accademico 2012/2013

Guida ai Corsi singoli. anno accademico 2012/2013 Guida ai Corsi singoli anno accademico 2012/2013 Redazione e coordinamento: Area Servizi agli Studenti e ai Dottorandi Servizio Segreterie Studenti Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2012 Tutti gli studenti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Università degli Studi di Padova FACOLTÀ DI GIURISPRU DENZA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN GIURISPRUDENZA

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza afferisce alla Classe delle Lauree

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 Art. 1 - Riconoscimento dei crediti universitari. Art. 2 - Competenza. 1 ART. 23 Regolamento

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

Dipartimento di Scienze economiche, politiche e delle lingue moderne

Dipartimento di Scienze economiche, politiche e delle lingue moderne Classe di laurea L-18 in SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE Regolamento didattico del Corso di Laurea L - 18 in Economia aziendale e bancaria usiness administration and banking ai sensi dell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica (classe LM-33), in conformità alla normativa

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (CLASSE L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE) abilitante

Dettagli

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj 81,9(56,7 '(*/,678',',02'(1$(5(**,2(0,/,$ )$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ 5(*2/$0(172','$77,&2'(/&2562',/$85($,1,*,(1('(17$/( &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH

Dettagli

Scuola di Architettura Civile

Scuola di Architettura Civile Scuola di Architettura Civile Corsi di Laurea in Progettazione Architettonica Architettura delle Costruzioni Corsi di Laurea Magistrale in Architettura - Progettazione Architettonica Architettura - Architettura

Dettagli

A.A. 2015/2016 - AVVISO

A.A. 2015/2016 - AVVISO A.A. 2015/2016 - AVVISO di BANDO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE, NATURALI UNIVERSITÀ DEL SALENTO Corso di laurea ad accesso programmato in: OTTICA E OPTOMETRIA (LB24, CLASSE L-30) PROVA DI AMMISSIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Domande frequenti a.a. 2014-2015 Corso di Studio triennale: Lingue e Letterature Straniere Moderne (LLSM) 1. Sono previsti test obbligatori? Sì. Benché il Corso di Studio non sia a numero chiuso, e dunque

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELL ECONOMIA LM 56 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Economia

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

Anno Accademico 2013/2014 A) ISCRIZIONE CON RISERVA

Anno Accademico 2013/2014 A) ISCRIZIONE CON RISERVA REGOLE DI ISCRIZIONE E MODULISTICA PER I LAUREANDI CHE ASPIRANO AD ISCRIVERSI AI CORSI DI LAUREA MAGISTRALE AD ACCESSO NON PROGRAMMATO DELL ATENEO DI PALERMO Anno Accademico 2013/2014 A) ISCRIZIONE CON

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA FACOLTA DI INGEGNERIA Concorso di ammissione al Master universitario di secondo livello in Ingegneria dell Emergenza Anno 2008-2009 Codice corso di studio: 10642 L Università degli Studi di Roma La Sapienza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA (CLASSE LM-40 Matematica) Art. 1 Premesse

Dettagli

REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA

REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA REGOLAMENTO DI CORSO DI LAUREA Corsi di studio: Laurea in Ingegneria elettronica e telecomunicazioni Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L8 Ingegneria dell'informazione Art. 1:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41)

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41) Page 1 of 5 Facoltà: MEDICINA E CHIRURGIA Corso: 8415 - MEDICINA E CHIRURGIA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: MEDICINA E CHIRURGIA Testo: Scuola di Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA (CLASSE L-30, SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE) Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI 0BII I FACOLTA DI ECONOMIA 1BREGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe L33, D.M. 270/2004) 2BArt. 1 Finalità Il presente Regolamento didattico

Dettagli

8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L)

8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L) Page 1 of 6 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L) Titolo: EDUCAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 - REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 - Ingegneria industriale Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Chimica Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso di Laurea in Chimica,

Dettagli