Pesca 1 1/3 Raccolta frutta

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pesca 1 1/3 Raccolta frutta"

Transcript

1 Vntggi Comprti rendimo due esi e dove si producno 2 beni utilizzndo un solo fttore produttivo il Lvoro ese Attività esc /3 Rccolt frutt /6 /3 Ore di lvoro (20 ) necessrie per pescre un kg di pesce in 3 kg Quntità di pesce pescto in un or di lvoro in Ore necessrie per rccogliere un kg di frutt KG Quntità di frutt rccolt in un or di lvoro in

2 Vntggi Comprti rendimo due esi e dove si producno 2 beni utilizzndo un solo fttore produttivo il Lvoro ese Attività esc /3 Rccolt frutt /6 è più ricco di più pescoso e con più lberi d frutt Il lvoro in è più produttivo che in

3 Vntggi Comprti ossono i due esi umentre il proprio benessere se si specilizzno e scmbino i beni? rimo possibile pttern di specilizzzione si dedic h in più ll e h in meno ll si dedic /6 h (0 ) in meno ll e /6 h in più ll - kg di pesce +/2 kg di pesce + kg di frutt - Kg di frutt Questo pttern di specilizzzione diminuisce il prodotto globle roduzione complessiv - /2 kg di pesce Stesso lvoro Meno prodotto

4 Vntggi Comprti Secondo possibile pttern di specilizzzione si dedic h in meno ll e h in più ll si dedic /3 (20 ) h in più ll e /3 h in meno ll + kg di pesce - kg di pesce - kg di frutt + 2 Kg di frutt + kg di utt Stesso lvoro IÙ prodotto Questo secondo pttern di specilizzzione ument il prodotto globle

5 Ricrdo e i vntggi comprti: l frutt Costi opportunità dell frutt Se prità di lvoro voglio umentre l quntità di frutt rccolt dovrò diminuire l quntità di pesce pescto, quindi l frutt h un costo opportunità in termini di pesce pri ll quntità di pesce cui occorre rinuncire per liberre le risorse (ore di lvoro) necessrie per produrre un unità ddizionle di frutt Quntità di lvoro (in ore) necessri per pescre un Kg di pesce 3 Quntità di lvoro (in ore) necessri per rccogliere un Kg di frutt 6

6 Ricrdo e i vntggi comprti: l frutt Costi opportunità dell frutt nei due esi Il costo opportunità di un bene (frutt) è dto dll quntità del secondo bene (pesce) cui occorre rinuncire per liberre le risorse necessrie per produrre un unità ddizionle del primo bene / / 6 3 Costo opportunità dell frutt in Costo opportunità dell frutt in 2 Occorre rinuncire kilo di pesce per poter vere un kilo di frutt in più Occorre rinuncire /2 kg di pesce per poter vere un kg di frutt in più Cost reltivmente meno produrre frutt in che in h un vntggio comprto nell rccolt dell frutt

7 Ricrdo e i vntggi comprti: il esce Costi opportunità del esce nei due esi Il costo opportunità del pesce è dto dll quntità di frutt cui occorre rinuncire per liberre le risorse necessrie per produrre un unità ddizionle di pesce / / 3 6 Costo opportunità del esce in 2 Costo opportunità del esce in Occorre rinuncire kg di frutt per poter vere un kg di pesce in più Occorre rinuncire 2 kg di frutt per poter vere un kg di pesce in più h un vntggio comprto nell pesc

8 L teori ricrdin dei vntggi comprti Teori Ricrdin dei vntggi comprti Ogni pese un volt pertosi l commercio internzionle tenderà specilizzrsi nell produzione del bene per il qule gode di un vntggio comprto Not Contno i vntggi comprti e non quelli ssoluti ESORTA il bene per il qule gode di un vntggio comprto ed IMORTA il bene per il qule gode di uno svntggio comprto

9 Ipotesi: L teori ricrdin dei vntggi comprti un modello più generle. esiste un solo fttore produttivo (m si può generlizzre più fttori produttivi); b. l funzione di produzione è linere; c. vi sono 2 beni e 2 esi ese Attività Nell tbell, come prim vi sono le ore di lvoro necessrie per produrre un unità del bene in questione

10 L teori ricrdin dei vntggi comprti un modello più generle unzione di produzione L L L L Quntità di frutt rccolt in un or di lvoro in L quntità di frutt rccolt è ugule ll quntità che si rccoglie in un or di lvoro moltiplicto in numero di ore di lvoro spese nell rccolt dell frutt

11 L teori ricrdin dei vntggi comprti un modello più generle roduttività mrginli M M M M L produttività mrginle misur l incremento del prodotto in seguito d un umento l mrgine dell impiego di lvoro è costnte e non dipende dll quntità di lvoro impiegt

12 Vntggi Comprti Relzione con l tbell precedente ese Attività esc /3 Rccolt frutt /6 3 L produttività mrginle è il reciproco delle ore di lvoro necessrie un unità 3 del bene

13 Equilibrio in utrchi ontier di produzione ontier dell produzione Curv di Trsformzione Rppresent tutte le combinzioni dei due beni che è tecnologicmente possibile produrre usndo in modo economicmente efficiente e del tutto i fttori produttivi Indic qunto un ese riesc produrre. dte le quntità di fttori produttivi che possiede (in questo cso solo L) b. dt l tecnologi che impieg c. posto che utilizzi efficientemente e del tutto i fttori Improprimente è un sort di vincolo di bilncio del ese

14 Equilibrio in utrchi ontier di produzione di : come si ottiene Lvoro disponibile nel pese L L L ore di lvoro impiegte per rccogliere l frutt ore di lvoro impiegte per pescre Dlle funzioni di produzione L L Risolvendo per L L L Sostituendo ottenimo

15 Equilibrio in utrchi ontier di produzione di Equzione dell d Lvoro disponibile nel pese L ore di lvoro impiegte per pescre l quntità di pesce = i kg di pesce pescto moltiplicto le ore di lvoro necessrie per pescre un kg di pesce ore di lvoro impiegte per rccoglier l quntità di frutt

16 Equilibrio in utrchi ontier di produzione di (esempio numerico) Equzione dell d Lvoro disponibile nel pese ore di lvoro impiegte per pescre un kg di pesce ore di lvoro impiegte per rccogliere l quntità di pesce d esempio per rccogliere 90 Kg di pesce sono necessrie 30 ore di lvoro

17 Equilibrio in utrchi ontier di produzione di L Risolvendo per L ornisce tutte le combinzioni di pesce e frutt che possono esser prodotto utilizzndo un dt quntità di lvoro

18 Equilibrio in utrchi ontier di produzione di L Sggio Mrginle di Trsformzione MRT E l inclinzione dell d E il COSTO OORTUNITÀ dell frutt perché ci mostr l quntità di cui occorre rinuncire per ottenere un unità in più di

19 Equilibrio in utrchi ontier di produzione di L Se impieg tutte le ore per pescre Se prtic entrmbe le ttività si posizionerà su uno dei punti dell dt L dt è linere (il MRT è costnte) perché i costi d opportunità sono costnti e pri Se impieg tutte le ore per rccogliere l frutt L

20 Equilibrio in utrchi ontier di produzione di : esempio numerico 20 Se impieg tutte le ore per rccogliere l frutt Se prtic entrmbe le ttività si posizionerà su uno dei punti dell dt L dt è linere (il MRT è costnte) perché i costi d opportunità sono costnti e pri Se impieg tutte le ore per pescre 20 Ipotesi: si in che in si disponibili solo 20 ore di lvoro l giorno

21 Equilibrio in utrchi ontier di produzione di Se impieg tutte le ore per rccogliere l frutt L dt è linere (il MRT è costnte) perché i costi d opportunità sono costnti e pri /2 360 Se prtic entrmbe le ttività si posizionerà su uno dei punti dell dt Se impieg tutte le ore per pescre 720 Ipotesi: si in che in sino disponibili solo 20 ore di lvoro l giorno d esempio 5 lvortori che lvorino 8 ore

22 Equilibrio in utrchi Le curve d indifferenz collettive y Insieme dei pnieri preferiti A Curv d'indifferenz collettiv Insieme dei pnieri indifferenti d A A Insieme dei pnieri inferiori d A x

23 Equilibrio in utrchi Le curve d indifferenz collettive roprietà delle curve di indifferenz Collettive (identiche quelle delle curve individuli). Sono negtivmente inclinti b. Non possono intersecrsi c. Coprono l intero spzio d. Il benessere collettivo ument qunto più ci si llontn dll origine e. Sono convesse, il MRS è decrescente lungo l curv ll umentre di x Richiedono ipotesi più forti di quelle individuli

24 Equilibrio in utrchi niere di equilibrio Tngenz fr l più elevt curv d indifferenz collettiv e l funzione di trsformzione

25 Equilibrio in utrchi niere di equilibrio Il prezzo reltivo è determinto solo dll tecnologi p p Le preferenze servono solo stbilire qunto frutt e pesce produrre e consumre In utrchi si consum quel che si riesce produrre

26 Equilibrio in utrchi niere di equilibrio (esempio numerico) Il prezzo reltivo è determinto solo dll tecnologi p p p p p p / 6 p p / 3 2 Diverso modo di vlutre il vntggio comprto: ttrverso il prezzo reltivo In il prezzo reltivo dell frutt è più bsso h un vntggio comprto nell frutt

27 Modello ricrdino pertur commercile Cos ccde qundo i esi si prono l commercio? Ciscun ese si specilizz nel bene per il qule gode di un VC : Si specilizz in utt e offre utt sul mercto internzionle rezzo di riserv di per l vendit di utt (prezzo minimo che è disposto d ccettre) = l costo di produzione (ovvero ll quntità di pesce cui deve rinuncire per produrre un kg di frutt) = costo opportunità dell frutt = R 2 Altrimenti riceverebbe in cmbio di un Kg di frutt un quntità di pesce inferiore quell cui deve rinuncire per produrre un kg di pesce

28 Modello ricrdino pertur commercile Cos ccde qundo i esi si prono l commercio? Ciscun ese si specilizz nel bene per il qule gode di un VC : Si specilizz in esce e domnd utt sul mercto internzionle rezzo di riserv di per l cquisto di utt (prezzo mssimo che è disposto pgre) = costo opportunità dell frutt Ad un prezzo più lto non vrebbe lcun convenienz d cquistre utt d perché potrebbe produrl più conveniente in cs

29 Modello ricrdino pertur commercile Cos ccde qundo i esi si prono l commercio? Ciscun ese si specilizz nel bene per il qule gode di un VC Il prezzo internzionle di scmbio dei due beni quindi: Costo opportunità dell frutt in p p Costo opportunità dell frutt in rezzo reltivo internzionle dell frutt

30 Modello ricrdino pertur commercile (esempio numerico) rodurre Kg di ll interno cost kg di Costo opportunità di in Conviene comprrlo d se e solo Kg di cost meno di kg di rodurre Kg di ll interno cost 3/6 (/2) kg di Costo opportunità di in Conviene venderlo se e solo Kg di viene pgto più di /2 kg di Costo opportunità dell in 2 p p Costo opportunità dell in

31 Modello ricrdino equilibrio internzionle er spere qule si il prezzo di equilibrio occorre spere le crtteristiche dell domnd (le preferenze socili) di entrmbi i esi e costruire l domnd reltiv internzionle e l offert reltiv internzionle Crtteristiche dell equilibrio: ) non è più necessrio consumre ciò che si produce, m si può produrre un pniere e consumrne un ltro b) in questo modello si h un specilizzzione complet (lmeno un pese si specilizz completmente) c) in equilibrio il vlore delle esportzioni di frutt di deve essere ugule l vlore delle importzioni di esce

32 Gudgni dllo scmbio onimo che il prezzo di scmbio si: x p p 3 4 Il prezzo cui si può scmbire frutt con pesce sul mercto internzionle è 3/4 Le crtteristiche dell domnd (le preferenze dei consumtori) non influenzno il prezzo nel cso dell equilibrio di utrchi, m contribuiscono determinre il prezzo di equilibrio internzionle nel cso di pertur commercile

33 Gudgni dllo scmbio intuizione enste l commercio come un metodo di produzione indirett o un nuov tecnologi che trsform frutt in pesce e vicevers Esempio in or di lvoro equivle 3 Kg di pesce ttrverso l produzione dirett ore di lvoro rende 6 kg di frutt che scmbiti sul mercto l prezzo di ¾ fnno 4.5 kg di pesce Come se l produttività fosse umentt del 50%

34 Gudgni dllo scmbio intuizione enste l commercio come un metodo di produzione indirett o un nuov tecnologi che trsform frutt in pesce e vicevers Esempio in or di lvoro equivle Kg di frutt ttrverso l produzione dirett ore di lvoro rende kg di esce che scmbito sul mercto per cquistre l frutt l prezzo di ¾ fnno 4/3 kg di frutt Come se l produttività fosse umentt del 33%

35 Modello ricrdino pertur commercile Il prezzo internzionle determin l divisione dei vntggi dello scmbio: Costo opportunità dell in 3 6 p p Costo opportunità dell in Rgione di scmbio rpporto fr il prezzo del bene esportto e quello del bene importto

36 Modello ricrdino pertur commercile Rgione di scmbio Come si distribuiscono i gudgni dello scmbio fr i due pesi dipende d dove si situ l RdS Costo opportunità dell in 7/2 0/2 /2 Costo opportunità dell in Se è molto vicin l costo di opportunità di srà gudgnre di più Se è molto vicin l costo di opportunità di srà gudgnre di più Se l RdS fosse pri 7/2 il gudgno slrile in srebbe l mssimo il 6.6% mentre il gudgno slrile in srebbe l mssimo il 7.4% Esercizio: dimostrre quli srebbero i gudgni slrili mssimi se l RdS fosse 0/2

37 Gudgni dll pertur: vntggio dello scmbio + vntggio specilizzzione Or immginimo che senz modificre le scelte produttive, il pese poss scmbire i beni l prezzo internzionle di ¾ (prezzo reltivo frutt) Il vincolo di bilncio di srà 360 p 360 p 80 p p Vlore di ciò che produce Vlore di ciò che consum 80 Ipotesi: equilibrio di utrchi

38 Gudgni dll pertur: vntggio dello scmbio + vntggio specilizzzione Or immginimo che senz modificre le scelte produttive, il pese poss scmbire i beni l prezzo internzionle di ¾ (prezzo reltivo frutt) Il vincolo di bilncio di srà p 360 p 80 p p Spendo che =4 e = 3 e risolvendo per ottenimo l equzione dell rett ross Ipotesi: equilibrio di utrchi Rett ross: mostr tutte le combinzioni di, che sono ccessibili ttrverso lo scmbio qundo si producono 80 kg di pesce e 360 di frutt e il prezzo reltivo dell frutt è 3/4

39 Gudgni dll pertur: vntggio dello scmbio + vntggio specilizzzione Immginimo che i consumtori voglino consumre 90 kg di pesce in più vendendo prte del frutt rccolt B Se li scmbino sul mercto possono ottenere 90 Kg di pgndoli 20 Kg di Se li producono d sé possono ottenere 90 kg di solo pgndoli 80 kg di frutt A er qulunque tipo di preferenze socili il benessere in A non è inferiore l benessere in B Se le preferenze sono convesse A è strettmente preferito B Anche senz lcun modific produttiv il benessere ument solo in virtù dell possibilità di commercire

40 Gudgni dll pertur: vntggio dello scmbio + vntggio specilizzzione Se poi il pese si specilizz nell produzione dell frutt per esempio producendo 660 kg di frutt e 30 di pesce B A C er qulunque tipo di preferenze socili il benessere in C non è inferiore l benessere in A Se le preferenze sono convesse C è strettmente preferito A Uno dei due pesi quindi necessrimente si specilizz completmente inché il prezzo d equilibrio internzionle è mggiore di ½ l pese conviene specilizzrsi completmente.

41 Gudgni dllo scmbio: il cso di Se scmbi i beni con l ltro pese può produrre 720 di e venderli sul mercto Are di potenzile vntggio dell pertur commercile

42 Gudgni dllo scmbio: il cso di 20 Se scmbi i beni con l ltro pese può produrre 20 di e venderli sul mercto Are di potenzile vntggio dell pertur commercile

43 Evidenz empiric I pesi esportno quei beni in cui l loro produttività è reltivmente lt? Il rpporto tr le esportzioni sttunitensi e britnniche nel 95, confrontto con il rpporto tr l produttività del lvoro negli Stti Uniti e nel Regno Unito in 26 settori mniftturieri, suggerisce di sì A quel tempo, gli Stti Uniti vevno un vntggio ssoluto in tutti i 26 settori, m il rpporto tr le esportzioni er bsso nei settori meno produttivi degli Stti Uniti

44 Evidenz empiric (cont.)

45 Risultti Il modello ricrdino Il commercio internzionle segue i VC Vi è specilizzzione complet L integrzione commercile è vntggios per entrmbi i esi Confermto empiricmente NON Confermto empiricmente specilizzzione incomplet Limiti/ Cose NON spiegte Costi opportunità costnti Cos determin i VC? Effetti redistributivi dell pertur commercile

Pesca 1 1/3 Raccolta frutta

Pesca 1 1/3 Raccolta frutta Vntggi Comrti rendimo due esi e dove si roducno 2 beni utilizzndo un solo fttore roduttivo il Lvoro ese Attività esc /3 Rccolt frutt /6 /3 Ore di lvoro (20 ) necessrie er escre un kg di esce in 3 kg Quntità

Dettagli

Principi di economia Microeconomia. Esercitazione 3. Teoria del Consumatore

Principi di economia Microeconomia. Esercitazione 3. Teoria del Consumatore Principi di economi Microeconomi Esercitzione 3 Teori del Consumtore Novembre 1 1. Considerimo uno studente indifferente tr il consumo di penne nere (x n ) e blu (x b ), e che cquist ogni nno un pniere

Dettagli

Il modello con due fattori di produzione (Heckscher-Ohlin)

Il modello con due fattori di produzione (Heckscher-Ohlin) Il modello con due fttori di produzione (Heckscher-Ohlin) Due Pesi: Itli e Frnci Due Prodotti: - Stoff (metri) - Cibo (clorie) Due fttori di produzione: Terr e Lvoro Domnd cui voglimo rispondere:in che

Dettagli

L offerta della singola impresa: l impresa e la massimizzazione del profitto

L offerta della singola impresa: l impresa e la massimizzazione del profitto L offert dell singol imres: l imres e l mssimizzzione del rofitto Qundo un imres ot er un ino di roduzione sceglie un certo livello di inut che le grntisc un dto outut L scelt del ino di roduzione h l

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

LEZIONE 13 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI. Condizione per la minimizzazione dei costi. Efficienza tecnica ed efficienza economica

LEZIONE 13 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI. Condizione per la minimizzazione dei costi. Efficienza tecnica ed efficienza economica LEZIONE 3 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Lungo periodo Soluzione nlitic Condizione per l minimizzzione dei costi Efficienz tecnic ed efficienz economic Rppresentzione grfic Isocosto ed isoqunto Sentiero di espnsione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Scienze Economiche H. P. Minsky. Dott.ssa Paola Gritti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Scienze Economiche H. P. Minsky. Dott.ssa Paola Gritti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTÀ DI ECONOMIA Diprtimento di Scienze Economiche H. P. Minsk Esercitzioni di Economi dell Impres Dott.ss Pol Gritti Il corso Docente: Pro. Gincrlo Grziol Esercitzioni:

Dettagli

Esercitazione Dicembre 2014

Esercitazione Dicembre 2014 Esercitzione 10 17 Dicembre 2014 Esercizio 1 Un economi chius è crtterizzt di seguenti dti: A = 400 M = 250 γ = 1.5 (moltiplictore dell politic fiscle) β = 0.8 moltiplictore dell politic monetri z = 0.25

Dettagli

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi Equzioni di grdo Definizioni Equzioni incomplete Equzione complet Relzioni tr i coefficienti dell equzione e le sue soluzioni Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Un equzione è: Un uguglinz

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

Il tasso di cambio e i mercati monetari e finanziari. Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale

Il tasso di cambio e i mercati monetari e finanziari. Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale Il tsso di cmbio e i mercti monetri e finnziri Giuseppe De Arcngelis 2015 Economi Internzionle 1 Introduzione Determinzione dell equilibrio mcroeconomico e del tsso di cmbio di equilibrio con ruolo centrle

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

CAPITOLO 8 Crescita economica II: la tecnologia, i dati empirici e la politica economica

CAPITOLO 8 Crescita economica II: la tecnologia, i dati empirici e la politica economica CAPITOLO 8 Crescit economic II: l tecnologi, i dti empirici e l politic economic Domnde di ripsso 1. Secondo il modello di Solow solo il progresso tecnologico può influenzre il tsso di crescit di stto

Dettagli

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in Cpitolo 5 Le omotetie 5. Richimi di teori Definizione Sino fissti un punto C del pino ed un numero rele. Si chim omoteti di centro C e rpporto ( che si indic con il simolo O, ) l corrispondenz dl pino

Dettagli

Funzione di utilità. Un approfondimento della teoria del consumo. Utilità totale ed Utilità marginale

Funzione di utilità. Un approfondimento della teoria del consumo. Utilità totale ed Utilità marginale Funzione di utilità Un pprofondimento dell teori del consumo Utilità totle ed Utilità mrginle Il consumtore tre enessere dl consumo di eni Supponimo di poter misurre il suo enessere in utils (unità di

Dettagli

Il problema delle scorte tomo G

Il problema delle scorte tomo G Il prolem delle scorte tomo G Esercizi corretti: esercizio pg 6; esercizio 3 pg. 59 N. 5 PAG 389; N. 6 PAG. 389; N. 7 PAG 389; N. 8 PAG. 389; N 9 PAG. 390; N. 30 pg 390, N. 3 pg. 390, N. 33 pg. 390. Per

Dettagli

LEZIONE 6 ARGOMENTO: VALUTAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE. Argomento. Valutazione di progetti e/o scelte pubbliche

LEZIONE 6 ARGOMENTO: VALUTAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE. Argomento. Valutazione di progetti e/o scelte pubbliche 1 LEZIONE 6 ARGOMENTO: VALUTAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE Argomento. Vlutzione di progetti e/o scelte pubbliche 1) Economi del benessere ovvero come misurre il benessere e le sue vrizioni 2) I fondmenti

Dettagli

8 Controllo di un antenna

8 Controllo di un antenna 8 Controllo di un ntenn L ntenn prbolic di un rdr mobile è montt in modo d consentire un elevzione compres tr e =2. Il momento d inerzi dell ntenn, Je, ed il coefficiente di ttrito viscoso, f e, che crtterizzno

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

0 Indicando con L la forza lavoro, con N il numero di persone occupate e con U il numero di persone disoccupate: 2 b

0 Indicando con L la forza lavoro, con N il numero di persone occupate e con U il numero di persone disoccupate: 2 b 0 se un individuo cquist un utomobile nuov ed un ust 1 1 il PIL ument 1 2 il PIL rimne invrito 1 il PIL diminuisce 1 il PIL nominle ument m non quello rele 1 nessun delle ltre risposte e' ccettbile 1 6

Dettagli

Lezione n. 5 Sanna-Randaccio: Equilibrio Economico Generale in Economia aperta (2x2x2) Benefici del Commercio Internazionale

Lezione n. 5 Sanna-Randaccio: Equilibrio Economico Generale in Economia aperta (2x2x2) Benefici del Commercio Internazionale Lezione n. 5 Snn-Rndio: quilibrio onomio Generle in onomi ert (222) Benefii del Commerio Internzionle I grfii li trovte in MMK 1 onomi ert (222) Il modello in eonomi ert Condizione di equilibrio er il

Dettagli

Programmazione lineare

Programmazione lineare Corso di Progettzione e Gestione dell Supply Chin (PGSC) Fcoltà di Ingegneri Progrmmzione linere Ing. Tommso Rossi Università C. Cttneo LIUC Centro di Ricerc sull Logistic 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE E un

Dettagli

Verifica di Fisica 04/12/2014 Argomenti trattati durante il corso:

Verifica di Fisica 04/12/2014 Argomenti trattati durante il corso: Liceo Scientifico Augusto Righi, Cesen Corso di Fisic Generle, AS 2014/15, Clsse 1C Verific di Fisic 04/12/2014 Argomenti trttti durnte il corso: Grndezze fisiche: fondmentli e derivte Notzione scientific

Dettagli

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler Determinnti e crtteristic di un mtrice (M.S. Bernbei & H. Thler Determinnte Il determinnte può essere definito solmente nel cso di mtrici qudrte Per un mtrice qudrt 11 (del primo ordine) il determinnte

Dettagli

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento Questionrio Risolvi quttro degli otto quesiti: L Città dello sport è un struttur sportiv progettt dll rchitetto Sntigo Cltrv e mi complett, situt sud di Rom Rispetto l sistem di riferimento indicto in

Dettagli

C A 10 [HA] C 0 > 100 K

C A 10 [HA] C 0 > 100 K Soluzioni Tmpone Le soluzioni tmpone sono soluzioni in cui sono presenti un cido debole e l su bse coniugt sotto form di sle molto solubile. Hnno l crtteristic di mntenere il ph qusi costnte nche se d

Dettagli

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo Lure triennle in Scienze dell Ntur.. 2009/200 Regole di Clcolo In queste note esminimo lcune conseguenze degli ssiomi reltivi lle operzioni e ll ordinmento nell insieme R dei numeri reli. L obiettivo principle

Dettagli

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE Mnule di supporto ll utilizzo di Sintel per stzione ppltnte FORMULE DI AGGIUDICAZIONE gin 1 di 18 Indice AZIENDA REGIONALE CENTRALE ACQUISTI - ARCA S.p.A. 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Mtrice modlità offert/modlità

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1.

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1. TEST DI MATEMATICA Funzioni in un, Funzioni in due vriili Integrli Equzioni differenzili ) Il vlore del limite seguente e e e lim è ) Il vlore del limite seguente 5 lim 5 è : ) L derivt prim dell funzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN TUTELA E BENESSERE ANIMALE Corso di : FISICA MEDICA A.A. 015 /016 Docente: Dott. Chiucchi Riccrdo il:rchiucchi@unite.it Medicin Veterinri: CFU 5 (corso

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

{ 3 x y=4. { x=2. Sistemi di equazioni

{ 3 x y=4. { x=2. Sistemi di equazioni Sistemi di equzioni Definizione Un sistem è un insieme di equzioni che devono essere verificte contempornemente, cioè devono vere contempornemente le stesse soluzioni. Definimo grdo di un sistem il prodotto

Dettagli

Proiettività della Retta e del Piano.

Proiettività della Retta e del Piano. Introduzione. In queste note proponimo l clssificzione delle proiettività per l rett proiettiv ed il pino proiettivo su un corpo lgebricmente chiuso. Nel cso dell rett studieremo nche il cso del corpo

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE DI MATEMATICA APPLICATA ALL ECONOMIA

DOMANDE E RISPOSTE DI MATEMATICA APPLICATA ALL ECONOMIA DMANDE E RISPSTE DI MATEMATICA APPLICATA ALL ECNMIA Ques.36 - Cit il nome di qulche vribile incontrt in economi. Cos si uò dire circ il loro segno? Ris. 36 Sono vribili economiche: l quntità rodott e oert,

Dettagli

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1 APITOLO 3 LE SIMMETRIE 3. Richimi di teori Definizione. Si dto un punto del pino; si chim simmetri centrle di centro (che si indic con il simbolo s ) l corrispondenz dl pino in sé che d ogni punto P del

Dettagli

Modelli di oligopolio

Modelli di oligopolio Appendice 10A Modelli di oligopolio Modelli di oligopolio Si present, in quest Appendice, un nlisi formle degli equiliri nei modelli di oligopolio di Cournot, Bertrnd e Stckelerg. Si prte dl presupposto

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

L equilibrio della variazione di entalpia del sistema aria+garza risulta quindi: Dalla definizione di mixing ratio :

L equilibrio della variazione di entalpia del sistema aria+garza risulta quindi: Dalla definizione di mixing ratio : Strumenti di misur dell umidità relti: psicrometro bulbo bgnto e entilto. Deduzione dell equzione psicrometric. Tempertur del bulbo bgnto e umidità relti. Relzione con il punto di ruggid. Lo psicrometro

Dettagli

Moto in due dimensioni

Moto in due dimensioni INGEGNERIA GESTIONALE corso di Fisic Generle Prof. E. Puddu LEZIONE DEL 24 SETTEMBRE 2008 Moto in due dimensioni Spostmento e velocità Posizione e spostmento L posizione di un punto mterile nel pino è

Dettagli

Un carrello del supermercato viene lanciato con velocità iniziale

Un carrello del supermercato viene lanciato con velocità iniziale Esempio 44 Un utomobile procede lungo l utostrd ll velocità costnte di m/s, ed inizi d ccelerre in vnti di m/s.5 proprio nell istnte in cui super un cmion fermo in un re di sost. In quel preciso momento

Dettagli

B8. Equazioni di secondo grado

B8. Equazioni di secondo grado B8. Equzioni di secondo grdo B8.1 Legge di nnullmento del prodotto Spendo che b0 si può dedurre che 0 oppure b0. Quest è l legge di nnullmento del prodotto. Pertnto spendo che (-1) (+)0 llor dovrà vlere

Dettagli

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico Second prov mturit 06 soluzione secondo problem di mtemtic scientifico Skuol.net June, 06 Primo Problem Le tre funzioni proposte sono f () ( ) k f () 6 + 9k + f () cos( π k ). Punto Affinche l funzione

Dettagli

Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 PROBLEMA ) L prbol di equzione V ' (0,0). y h sse di simmetri prllelo ll sse delle ordinte e vertice in L prbol di equzione

Dettagli

Nome Cognome. Classe 1D 29 Novembre 2010 Verifica di Fisica formula Nome grafico

Nome Cognome. Classe 1D 29 Novembre 2010 Verifica di Fisica formula Nome grafico Noe Cognoe. Clsse D 9 Novebre 00 erific di Fisic forul Noe grfico Proporzionlità qudrtic invers = ) icordndo i possibili legi tr due grndezze,, coplet l seguente tbell ) Specific il significto dei prefissi

Dettagli

Lezione 1 Insiemi e numeri

Lezione 1 Insiemi e numeri Lezione Insiemi e numeri. Nozione di insieme, sottoinsieme, pprtenenz Con l prol insieme intendimo un collezione di oggetti detti suoi elementi. Ogni insieme è denotto con lettere miuscole e i suoi elementi

Dettagli

CONDIZIONAMENTO DELL ARIA

CONDIZIONAMENTO DELL ARIA Corso di Impinti Tecnici.. 009/00 Docente: Prof. C. Isetti CAPITOLO 7 7. Generlità Come si ricorderà, per condizionmento dell ri si intende un intervento volto relizzre il controllo dell tempertur e del

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali SPAZI VETTORIALI 1. Spzi e sottospzi vettorili Definizione: Dto un insieme V non vuoto e un corpo K di sostegno si dice che V è un K-spzio vettorile o uno spzio vettorile su K se sono definite un operzione

Dettagli

Corso di Fisica tecnica ambientale e Impianti tecnici a.a. 2008/2009

Corso di Fisica tecnica ambientale e Impianti tecnici a.a. 2008/2009 Corso di Fisic tecnic mbientle e Impinti tecnici.. 008/009 CAPITOLO. Generlità Come si ricorderà, per condizionmento dell ri si intende un intervento volto relizzre il controllo dell tempertur e del contenuto

Dettagli

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA - Fcoltà di Frmci e Medicin - Corso di Lure in CTF 1 Equzioni e disequzioni di secondo grdo Sino 0, b e c tre numeri reli noti, risolvere un equzione di secondo

Dettagli

Superfici di Riferimento (1/4)

Superfici di Riferimento (1/4) Superfici di Riferimento (1/4) L definizione di un superficie di riferimento nsce dll necessità di vere un supporto mtemtico su cui sviluppre il rilievo eseguito sull superficie terrestre. Tle superficie

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenzili e ritmi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z Sono definite: ( ) ( ) ( ) 7 7 Non sono definite:

Dettagli

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche 1 Le ffinità omologiche 2 Tringoli omologici: Due tringoli si dicono omologici se le rette congiungenti i punti omologhi dei due tringoli si incontrno in un medesimo punto. Principio dei tringoli omologici

Dettagli

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi Equzioni grdo Definizioni Clssificzione Risoluzione Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Prendimo in esme le due espressioni numeriche 8 entrmbe sono uguli 7, e l scrittur si chim uguglinz

Dettagli

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b Integrle Improprio In queste lezioni riprendimo l teori dell integrzione in un vribile, l ide è di estendere l integrle definito nche in csi in cui l funzione integrnd o l intervllo di integrzione non

Dettagli

COGNOME..NOME CLASSE.DATA

COGNOME..NOME CLASSE.DATA COGNOME..NOME CLASSE.DATA FUNZIONE ESPONENZIALE - VERIFICA OBIETTIVI Sper definire un funzione esponenzile. Sper rppresentre un funzione esponenzile. Sper individure le crtteristiche del grfico di un funzione

Dettagli

Un classico modello dinamico dell interazione tra domanda e offerta è

Un classico modello dinamico dell interazione tra domanda e offerta è Appendice A Alcuni modelli per l ingegneri gestionle A.1 Il modello rgntel Un clssico modello dinmico dell interzione tr domnd e offert è descitto d un equzione lle differenze del primo ordine. Il funzionmento

Dettagli

Correzioni e aggiornamenti al testo Lezioni di macroeconomia

Correzioni e aggiornamenti al testo Lezioni di macroeconomia Correzioni e ggiornmenti l testo Lezioni di mcroeconomi Mrco Drdi Anno ccdemico 2015-16 1 Errt corrige Pg. 36, metà inferiore: formul correggi in Y t Y t 1 = Y t Y t 1 = Ỹt P t Ỹ t 1 P t 1 Ỹt P t Y t 1

Dettagli

MATEMATICA Classe Prima

MATEMATICA Classe Prima Liceo Clssico di Treiscce Esercizi per le vcnze estive 0 MATEMATICA Clsse Prim Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Per gli llievi promossi

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici ELEMENTI DI BIOENERGETICA IL COMFORT TERMICO

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici ELEMENTI DI BIOENERGETICA IL COMFORT TERMICO ELEMENTI DI BIOENERGETICA IL COMFORT TERMICO 1 Sommrio In quest lezione srnno descritte le ricerche condotte sul comfort termico dell essere umno. Si illustrernno i prmetri che influenzno il conforto termico

Dettagli

P8 Ponti radio terrestri e satellitari

P8 Ponti radio terrestri e satellitari P8 Ponti rdio terrestri e stellitri P8.1 Un collegmento in ponte rdio 11 GHz impieg due ntenne prboliche uguli venti gudgno G 40 db ed efficienz η 0,5. Gli pprti di ricetrsmissione sono collegti lle rispettive

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

1 Espressioni polinomiali

1 Espressioni polinomiali 1 Espressioni polinomili Un monomio è un espressione letterle in un vribile x che contiene un potenz inter (non negtiv, cioè mggiori o uguli zero) di x moltiplict per un numero rele: x n AD ESEMPIO: sono

Dettagli

Ottica ondulatoria. Interferenza e diffrazione

Ottica ondulatoria. Interferenza e diffrazione Ottic ondultori Interferenz e diffrzione Interferenz delle onde luminose Sorgenti coerenti: l differenz di fse rest costnte nel tempo Ond luminos pin che giunge su uno schermo contenente due fenditure

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

Tassi di cambio, prezzi e

Tassi di cambio, prezzi e Tssi di cmbio, prezzi e tssi di interesse 2009 1 Introduzione L relzione tr l ndmento del livello generle dei prezzi e i tssi di cmbio: l Prità dei Poteri di Acquisto Le relzione tr i tssi di cmbio e i

Dettagli

a a a a a a a-- REGOLAMENTO D GRADUAZONE DEGU NCARKH DllRftGENZAU Aree veterinaria sanitaria, profession&e, tecnica ed amministrathia

a a a a a a a-- REGOLAMENTO D GRADUAZONE DEGU NCARKH DllRftGENZAU Aree veterinaria sanitaria, profession&e, tecnica ed amministrathia ZSAM CCAPORME TERAMO REGOLAMENTO D GRADUAZONE DEGU NCARKH DllRftGENZAU Aree veterinri snitri, profession&e, tecnic ed mministrthi Term o, 4 prile 2017 E E -- ndice PREMESSA.3 ARTICOLO i Criteri generli

Dettagli

La Determinazione del Saggio del Profitto e il Settore Integrato della Merce Salario

La Determinazione del Saggio del Profitto e il Settore Integrato della Merce Salario Economi Politic Corso Avnzto L Determinzione del Sggio del Profitto e il Settore Integrto dell Merce Slrio Sverio M. Frtini INDICE 1. Introduzione p. 1 2. Il modello p. 2 3. Il sistem delle equzioni di

Dettagli

Risoluzione verifica di matematica 3C del 17/12/2013

Risoluzione verifica di matematica 3C del 17/12/2013 Problem 1 Risoluzione verific di mtemtic C del 17/1/01 Si clcolno le intersezioni tr le rette generiche del fscio proprio y x y 1, risolvendo il sistem: x y 1 y mx Si ottengono i punti di coordinte espresse

Dettagli

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A.

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A. 88 Roberto Turso - Anlisi 2 Osservimo che per trovre le costnti A e B possimo nche rgionre così: se moltiplichimo l equzione + ( + 2)( + 3) = A + 2 + B + 3 per + 2, dopo ver semplificto, ottenimo + + 3

Dettagli

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le Sched Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI L funzione esponenzile Assegnto un numero rele >0, si dice funzione esponenzile in bse l funzione Grfici dell funzione esponenzile Se = l funzione esponenzile è costnte:

Dettagli

TITOLAZIONI ACIDO-BASE

TITOLAZIONI ACIDO-BASE TITOLAZIONI ACIDO-BASE Soluzioni stndrd Le soluzioni stndrd impiegte nelle titolzioni di neutrlizzzione sono cidi forti o bsi forti poiché queste sostnze regiscono completmente con l nlit, fornendo in

Dettagli

PROVE PER L ESAME. Peso specifico. Ricordando che ps = P/V e quindi P = ps V, rispondi alle seguenti domande:

PROVE PER L ESAME. Peso specifico. Ricordando che ps = P/V e quindi P = ps V, rispondi alle seguenti domande: PROVE PER L ESAME PROVE PER L ESAME Un tomo di ferro h numero tomico e peso tomico 5. Qunti elettroni contiene? Qunti protoni? Qunti neutroni? [Contiene elettroni e protoni. Il numero di neutroni ugule

Dettagli

nome... Cognome... 1/6/ E possibile registrare un aumento del PIL REALE in seguito a: 1 a

nome... Cognome... 1/6/ E possibile registrare un aumento del PIL REALE in seguito a: 1 a E possiile registrre un umento del PIL REALE in seguito : 1 1 un umento del PIL nominle 1 2 un umento del livello dei prezzi 1 3 un umento dell produzione ggregt in termini di eni 1 1 4 un umento dell

Dettagli

24 y. 6. ( 5 A. 1 B. 5 4 C D. 50 Applicando le proprietà delle potenze

24 y. 6. ( 5 A. 1 B. 5 4 C D. 50 Applicando le proprietà delle potenze Alunno/.. Alunno/ Pgin Esercitzione in preprzione ll PROVA d ESAME Buon Lvoro Prof.ss Elen Sper. Il piccolo fermcrte dell figur è relizzto nel seguente modo. Si prende un cubo di lto cm e su un fcci si

Dettagli

5. Funzioni elementari trascendenti

5. Funzioni elementari trascendenti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 5. Funzioni elementri trscendenti A. A. 2013-2014 1 FUNZIONI ESPONENZIALI Le più semplici funzioni esponenzili sono le funzioni f: R R definite

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1 Serie di Potenze Introducimo il concetto di convergenz puntule ed uniforme per successioni di funzioni. Definizione 1 Si I un intervllo di R. Si dt l vrire di n N l funzione f n : I R. Dicimo che l successione

Dettagli

Sezione Esercizi ; ; ; 1 4. f ) 13 + g ) , 100, 125; f ) 216; 8 27 ; ; e ) g ) 0; h )

Sezione Esercizi ; ; ; 1 4. f ) 13 + g ) , 100, 125; f ) 216; 8 27 ; ; e ) g ) 0; h ) Sezione Esercizi Esercizi Esercizi dei singoli prgrfi - Rdici Determin le seguenti rdici qudrte rzionli (qundo è possiile clcolrle) 00 l ) m ) n ) o ) 0,0 0,0 0,000 0, Determin le seguenti rdici qudrte

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A Lab. 11 Integrazione numerica

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A Lab. 11 Integrazione numerica Lbortorio di Mtemtic Computzionle A.A. 2008-2009 1 Integrzione numeric Lb. 11 Integrzione numeric Un metodo di integrzione numerico consiste in un formul esplicit che permett di pprossimre il vlore di

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti Unità 3 Metodi prticolri per il clcolo di reti 1 Cos c è nell unità Metodi prticolri per il clcolo di reti con un solo genertore Prtitore di tensione Prtitore di corrente Metodi di clcolo di reti con più

Dettagli

Il problema delle aree. Metodo di esaustione.

Il problema delle aree. Metodo di esaustione. INTEGRALE DEFINITO. DEFINIZIONE E SIGNIFICATO GEOMETRICO. PROPRIETA DELL INTEGRALE DEFINITO. FUNZIONE INTEGRALE. TEOREMA DELLA MEDIA. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. FORMULA DI LEIBNITZ NEWTON.

Dettagli

m kg M. 2.5 kg

m kg M. 2.5 kg 4.1 Due blocchi di mss m = 720 g e M = 2.5 kg sono posti uno sull'ltro e sono in moto sopr un pino orizzontle, scbro. L mssim forz che può essere pplict sul blocco superiore ffinchè i blocchi si muovno

Dettagli

Erasmo Modica. : K K K

Erasmo Modica.  : K K K L insieme dei numeri reli L INSIEME DEI NUMERI REALI Ersmo Modic helthinsurnce@tin.it www.glois.it Per introdurre l insieme dei numeri reli si hnno disposizione diversi modi. Generlmente l iennio si preferisce

Dettagli

7. Derivate Definizione 1

7. Derivate Definizione 1 7. Derivte Il concetto di derivt è importntissimo e molto nturle. Per vere un esempio concreto, penste l moto di un mcchin: se f(t) è l funzione che esprime qunt strd vete percorso fino d un certo istnte

Dettagli

a > 1 y = 1 x = 1 La funzione esponenziale La funzione y = a x è chiamata funzione esponenziale di x dove a è la base della funzione.

a > 1 y = 1 x = 1 La funzione esponenziale La funzione y = a x è chiamata funzione esponenziale di x dove a è la base della funzione. L funzione esponenzile L funzione = è chimt funzione esponenzile di dove è l bse dell funzione. > 0; Condizioni di vlidità: < < ; > 0 Se > l funzione è monoton crescente > = = = o L funzione esponenzile

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 21 Febbraio Verifica di matematica. (punti 1.5) x è sempre decrescente in R? (punti 1)

Nome.Cognome classe 5D 21 Febbraio Verifica di matematica. (punti 1.5) x è sempre decrescente in R? (punti 1) Nome.Conome clsse 5D Febbrio Veriic di mtemtic Dt l unzione: ke k k per < per punti.5 Dimostr che k R è continu e derivbile R b Trov il vlore di k tle che l tnente l rico dell unzione nel suo punto di

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi.

Calcolo letterale. 1) Operazioni con i monomi. a) La moltiplicazione. b) La divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. Clcolo letterle. ) Operzioni con i monomi. ) L moltipliczione. ) L divisione. c) Risolvi le seguenti espressioni con i monomi. ) I polinomi. ) Clcol le seguenti somme di polinomi. ) Applic l proprietà

Dettagli

Esercizi sulle Reazioni Acido-Base

Esercizi sulle Reazioni Acido-Base Insegnmento di himic Generle 08344 - S I e MT Esercizi sulle Rezioni cido-bse Prof. ttilio itterio Diprtimento MI Giulio Ntt http://iscmp.chem.polimi.it/citterio/eduction/generl-chemistry-exercises/ Sistemi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE Nel pino di lvoro sono indicte con i numeri d 1 5 le competenze di bse che ciscun unit' didttic concorre sviluppre, secondo l legend riportt di seguito.

Dettagli

Regime di sconto commerciale. S = sconto ; K = somma da scontare ; s = tasso di sconto unitario V a = valore attuale ; I = interesse ; C = capitale

Regime di sconto commerciale. S = sconto ; K = somma da scontare ; s = tasso di sconto unitario V a = valore attuale ; I = interesse ; C = capitale Regime di sconto commercile Formule d usre : S = sconto ; K = somm d scontre ; s = tsso di sconto unitrio V = vlore ttule ; I = interesse ; C = cpitle s t = st i t st = st S t Kst V K st () () ; () ( )

Dettagli

Esercizi sulle Reazioni Acido-Base

Esercizi sulle Reazioni Acido-Base Insegnmento di himic Generle 08344 - S I e MT.. 015/016 (I Semestre) Esercizi sulle Rezioni cido-bse Prof. ttilio itterio Diprtimento MI Giulio Ntt http://ismp.chem.polimi.it/citterio Sistemi cido-bse

Dettagli

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n.

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n. Cmpi Ultimo ggiornmento: 18 febbrio 217 Un funzione F di n vribili reli e vlori in R n è dett cmpo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A perto di R n. 1. Integrli curvilinei di second specie

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI Considerimo un funzione f : I R, dove I è un intervllo di R. Si c un punto interno I in cui f è discontinu. Diremo che c è un punto di discontinuità di prim

Dettagli

BREVE APPENDICE SULLE UNITA' LOGARITMICHE

BREVE APPENDICE SULLE UNITA' LOGARITMICHE BREVE APPENDICE SULLE UNITA' LOGARITMICHE Per esprimere gudgni e ttenuzioni, nonché cifre di rumore e rpporti segnle-rumore si usno frequentemente le unità logritmiche. Come risultto, l grndezz in questione

Dettagli