Terza unità: LIVIA VA A SCOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terza unità: LIVIA VA A SCOLA"

Transcript

1 Terza unità: LIVIA VA A SCOLA Scola, scola, scola... da setemènes te cèsa de l Argiletum no se sentìa rejonèr de auter e duc ge dijea a Livia: Te vedarès cotant che te piajarà jir a scola! Te troarès n muie de neves amisc e vigni dì te empararès zeche da bel!, ma Livia no era massa contenta, coscita Flavia ge dijea a Publio: No él vera, Publio, che l é dassen bel jir a scola? endèna la mère vardèa via l bez coi eies manaciousc e l tous cignèa de scì col cef ma endèna l pissèa a chel maester tant odià de matematica con chela ousc cativa e la scuria che l tegnìa semper te man e che la schena del pere Publio cognoscea tant ben! Ma chel l era l ùltim an de scola populèra per Publio che jà pissèa a se vendichèr de chel om catif, l se fegurèa chel che l aessa scrit sui mures de l aula l ùltim dì de scola... e coscita l ge dijea a Livia: Coraje, sor, no l é tant mèl jir a scola!. Fegurave con che gaissa che l aea dit chesta paroles, giusta el che no aea mai let n liber e che l aea jà dezidù de mocignèr i mures de la scola con na scrita de chesta sòrt: Pereat schola! che volessa dir: jubas la scola!. L era la fin de mèrz, l moment l era ruà: tachèa n nef an de scola e chesta outa l tachèa ence per Livia, la beza aea sie egn e, se sà ben, a chela età vèl più i èrc chee la paroles. Coscita sia mère era jita a descedèr la tousa dijan: Vèrda che la tascia te speta! parola maraveouses per Livia che aea cernù de persona chela tascia desche don de cedean. A jir fora da doman bonora enlongia la strèdes de la zità endromenzèda, Livia aessa scontrà schiaves piens de sèn che menèa a scola tousc che no aea voa e che i strefièa. Per sòlit l era i schiaves a ge portèr la tasces ai bec, duc manco un: Pontico. El no podea ge portèr la tascia a Livia, no se podea ge la tocèr ence percheche ite la tegnìa Pupilla, sia popa. L maester ge dijea bec a duc i scolees, ma ic no era duc de la medema età: de fat a Roma se mescedèa te na medema clas fantolins de sie egn con tosec de undesc egn. A chest pont fosc l é l cajo de dir fora cater paroles sun coche l era endrezèda via la scola tel temp di Romans. A Roma enscin a dut l II sec. i.c. l era i genitores che se cruzièa de l istruzion di fies, i ge ensegnèa a lejer, a scriver, a contèr e i

2 li menèa a la zerimonies ofizièles (ziviles e religiouses) per ge fèr cognoscer la usanzes e i valores del mos maiorum. A pontèr via dal I sec. i.c., aldò de coche se fajea via per la Grecia, i Romans che stajea miec i tolea n schiavo istruì, chiamà paedagogus, béleche semper n grech che cognea ge stèr dò a l istruzion di fies enscin che i aea seidesc egn. Purampò jà tel temp de la Republica a Roma l era la scola publica (ludus), olache duc podea jir e i maestre era paé da la families di scolees. La scola era spartida fora te trei livìe: l istruzion primèra, schendir la populèra (ludus litterarius), la scola del grammaticus e tinùltima la scola del rhetor. La populèra N ludi magister (maester de la populèra) l fajea lezion a n grop de studenc da vint a trenta che aea dai sie ai undesc egn. Ic ge dajea ai scolees i fondamenc de l istruzion, donca i ge ensegnèa a lejer, a scriver e mìngol de matematica. L aula podea esser na veranda (pergula) averta su n vidor, na sala o ence n pìcol local de na boteiga con na lum schèrsa olache ruèa dut l bordel de la strèda ajache da spes l era demò na coltrina a spartir l aula da n lech publich. L maester era sentà jù su na cariega col schenèl, alincontra i bec stajea sun n scagn e i tegnìa sui jeneies dut chel che servìa per la lezion: n sfoi de papier (charta), i ròdoi de papier (volumina), pìcola breàtoles de cera (pugillares o tabulae ceratae) olache i scrivea co la ponta del stilus, che podea esser de legn o de metèl. Canche per scriver, enveze che la tabulae ceratae i durèa l papier o la bergamina, l scolé aea na pena (calamus), che l tocèa jù te n calamèr (atramentarium) con enchioster neigher (atramentum) o enchioster chécen (minium). L an de scola pontèa via de mèrz e l pervedea dis de festa e de vacanza per l istà. Paches e ciastighes l era na régola per chi che no aea voa de studièr: l maester tolea fora la scuria e l la smachèa sui deic e su la schena nuda de chisc peres bec. La scola del grammaticus

3 Dai undesc ai seidesc egn i bec jìa a scola dal grammaticus che ge ensegnèa l lengaz e la letradura greca e latina. I autores che vegnìa lec de più l era: Omero per l grech; Livio Andronico e Ennio per l latin e più tèrt ence Terenzio, Sallustio, Cicerone e Virgilio. L grammaticus dajea ence la nozions fondamentèles de geografìa, de storia e de astronomìa. I scolees cognea emparèr adiment i tesć lec te clas e i comentèr a ousc o per scrit. La scola del rhetor L livel più aut de l istruzion per n Roman l era la scola del rhetor, maester che ensegnèa a rejonèr polito coscita che i joegn fossa stac bogn de convenjer chi che li scutèa. Chesta l era la vida miora per trèr sù i scolees e fèr a na moda che i fossa vertesc a jir ite te la vita politica e a ge fèr front al lurier de avocat.

4 La paroles de la scola LATIN LADIN TALIAN abacus, -i m. abach abaco, tavola per fare i conti ars, artis dicendi f. èrt oratoria oratoria calculator, -oris m maester de matematica insegnante di aritmetica calculus, -i m. sassolino per far di conto capsa, -ae f. tascia cartella cathedra, -ae f. cariega con l schenèl sedia con spalliera del maestro classis, -is f. clas classe commentarius, -ii m codejel quaderno per gli appunti disciplina, -ae f. materia insegnamento, materia discipula, -ae f. scolea scolara discipulus, -i m. scolé scolaro disertus, -a, -um eloquent eloquente ferula, -ae f. scuria frusta ludi magister, -tri maester de la populèra maestro delle elementari ludus, -i scola publica scuola pubblica paedagogus, -i m. maester privat precettore, insegnante privato pergula, -ae f. aula scolastica sotto un portico

5 sermo, -onis m descors lingua, discorso subsellium, -ii scagn sgabello taberna, ae f. aula aula atramentarium, -ii n calamèr calamaio atramentum, -ii enchioster neigher inchiostro nero calamus, -i pena penna charta, -ae f. papier carta di papiro gypsum, -ii śes gesso membrana, -ae f. bergamina cartapecora, pergamena pergamena, -ae f. pergamena, pelle conciata (per lo più di pecora) utilizzata come foglio di scrittura (deriva il nome dalla città di Pergamo dove era stata inventata). minium, -ii n. enchioster chécen inchiostro rosso pagina, -ae f. sfoi foglio di papiro, pagina papyrum, -I papiro, carta fabbricata con la corteccia di papiro penna, ae f. piuma penna d oca o di altro uccello, usata per scrivere con l inchiostro,

6 pugillares, -ium m.pl. tavolette tascabili per scrittura quaternio, -onis m. foglio piegato in quattro (l insieme di più quaterniores formava un codex) tabula, -ae nigra (o litteraria) tabela lavagna theca, -ae calamaria f. sciatul astuccio volumen, -inis n. rotolo di papiro o di pergamena E ades laora sui tesć Scola privata o scola publica? L toch l é tout fora da Quintiliano (35-96 d.c.), Institutio oratoria I, 2, [...] Discipuli excitanda mens et attollenda semper est, quae in eius modi secretis aut languescit et quendam velut in opaco situm ducit, aut contra tumescit inani persuasione: necesse est enim nimium tribuat sibi qui se nemini comparat. 19. Deinde cum proferenda sunt studia, caligat in sole et omnia nova offendit, ut qui solus didicerit quod inter multos faciendum est. 20. Mitto amicitias, quae usque ad senectutem firmissime durant, religiosa quadam necesitudine imbutae [...]. 21. Adde quod domi ea sola discere potest quae ipsi praecipiuntur,in schola etiam quae aliis. Audiet multa cotidie probari, multa corrigi, proderit alicuius obiurgata desidia, proderit laudata industria, 22. excitabitur laude aemulatio, turpe ducet cedere pari, pulchrum superasse maiores. Accendunt omnia haec animos, et licet ipsa vitium sit ambitio, frequenter tamen causam virtutum est. 23. Non inutilem scio servatum esse a praeceptoribus meis morem, qui, cum pueros in classes distribuerant, ordinem dicendi secundum vires ingenii dabant, et ita superiore loco quisque declamabat ut praecedere profectu videbatur: huius rei iudicia praebebantur.

7 Fenesc la traduzion: 18. [...] (discipuli...mens)... deve essere sempre sollecitata e stimolata, altrimenti in un isolamento di tal genere o langue o fa la muffa come se stesse all ombra, oppure al contrario (tumescit)... (inani persuasione)...: è infatti inevitabile che attribuisca troppo (valore) a se stesso chi non si confronta con nessuno. 19. Inoltre, quando deve manifestare (l esito dei) suoi studi, ha la vista annebbiata in pieno giorno e inciampa in ogni novità, come colui che ha imparato (stando) solo ciò che deve essere fatto fra molti. 20. (Mitto amicitias, quae usque ad senectutem)... molto saldamente (durant)..., imbevute di una per così dire vincolante sacralità [...]. 21. Aggiungi il fatto che in casa può apprendere solo quelle nozioni (quae... praecipientur)... a lui, (in schola etiam quae aliis)... Ogni giorno sentirà molte affermazioni essere approvate, molte essere corrette, gli gioverà il rimprovero fatto alla pigrizia di qualcuno e la lode rivolte all operosità. 22. (excitabitur laude emulatio)... riterrà vergognoso venir superato da uno pari (d età), bello aver superato quelli più grandi (di lui). Tutte queste situazioni (accendunt...animos)... e l ambizione, anche se di per sè è un difetto, (frequenter tamen causa virtutum est) So che veniva conservata un abitudine non inutile (a praeceptoribus meis)..., i quali, quando (pueros in classes distribuerant)..., assegnavano l ordine di parola (secundum vires ingenii)..., e così ciascuno declamava da un posto tanto più alto, quanto più sembrava superare (gli altri) nel profitto: le valutazioni di questo erano rese note (a tutti).

Delibera n. 12 dd. 15.02.2012. Deliberazion n. 12 dai 15.02.2012 LA GIUNTA COMUNALE LA JONTA DE COMUN

Delibera n. 12 dd. 15.02.2012. Deliberazion n. 12 dai 15.02.2012 LA GIUNTA COMUNALE LA JONTA DE COMUN OGGETTO: Marchio family in Trentino - Approvazione disciplinare per assegnazione del marchio family al Comune di Canazei e autorizzazione alla presentazione della relativa candidatura. Delibera n. 12 dd.

Dettagli

Delibera n. 27 dd. 10.06.2015. Deliberazion n. 27 dai 10.06.2015 L CONSEI DE COMUN IL CONSIGLIO COMUNALE

Delibera n. 27 dd. 10.06.2015. Deliberazion n. 27 dai 10.06.2015 L CONSEI DE COMUN IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Domanda della Società Albergo Villa Rosella di Leonetti Antonio e Simone S.n.c. per lavori di ampliamento in deroga dell albergo Villa Rosella, p.ed. 257, sito in Streda de Ciamp Trujan in Penia

Dettagli

FORMULÈR DE DOMANA MODULO DI DOMANDA

FORMULÈR DE DOMANA MODULO DI DOMANDA MODULO DI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER L'ASSUNZIONE IN RUOLO A PART-TIME 24/36 DI 1 INFERMIERE PROFESSIONALE DELLA CATEGORIA C BASE 1^ POS. RETRIBUTIVA FORMULÈR

Dettagli

Delibera n. 16 dd. 29.04.2014 Deliberazion n. 16 dai 29.04.2014

Delibera n. 16 dd. 29.04.2014 Deliberazion n. 16 dai 29.04.2014 OGGETTO: Domanda della Società Albergo Miramonti di Demarchi Dimitri e C. S.a.s. per la realizzazione in deroga di isolazione a cappotto presso l edificio p.ed. 494/1 albergo Miramonti, sito in Streda

Dettagli

Spettabile / Stimà Comun General de Fascia Strada di Pré de gejia, 2 38036 POZZA DI FASSA (TN)

Spettabile / Stimà Comun General de Fascia Strada di Pré de gejia, 2 38036 POZZA DI FASSA (TN) DA COMPILARE A MACCHINA O IN STAMPATELLO SU CARTA LIBERA (ai sensi della legge 23 agosto 1988, n. 370) DA SCRIVER ITE GRAN O A MACHINA SUN PAPIER ZENZA BOL (aldò de la lege dai 23 de aost del 1988, n.

Dettagli

RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN E CIMBRO ai 9 de otober 2011

RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN E CIMBRO ai 9 de otober 2011 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Sistema Statistico Nazionale Istituto nazionale di Statistica RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN

Dettagli

Delibera n. 139 dd. 22.12.2014. Deliberazion n. 139 dai 22.12.2014

Delibera n. 139 dd. 22.12.2014. Deliberazion n. 139 dai 22.12.2014 OGGETTO: Servizio di pulizia delle aree cimiteriali e degli spazi pertinenziali per l anno 2015. Approvazione del foglio patti e condizioni. Affido incarico alla ditta Enrico Marchetti. SE TRATA: Servije

Dettagli

Mpienir l enema e proèr neva sensions. Donatella Zampoli e la cojina de calità

Mpienir l enema e proèr neva sensions. Donatella Zampoli e la cojina de calità Mpienir l enema e proèr neva sensions. Donatella Zampoli e la cojina de calità de Olimpia Rasom E dir che nos ladines sion pa usèdes a fèr stimenèr dut, ma cherdeme, Donatella la nes bat dutes e ence pa

Dettagli

- N. 16 valvoles a sfera a passaje total, de 1 1/4; - N.2 valvoles a sfera a passaje total, de 2 ;

- N. 16 valvoles a sfera a passaje total, de 1 1/4; - N.2 valvoles a sfera a passaje total, de 2 ; Delibera n. 36 del 29.03.2012 Pubblicata in data 03.04.2012 all albo telematico all indirizzo Oggetto: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLA CALDAIA NELL EDIFICIO SCUOLA MEDIA. IMPEGNO DELLA SPESA

Dettagli

Deliberazion de la Jonta de Comun n. 108 Dai 30.09.2013 Metuda fora su l albo de Comun ai 01.10.2013

Deliberazion de la Jonta de Comun n. 108 Dai 30.09.2013 Metuda fora su l albo de Comun ai 01.10.2013 Deliberazione della giunta comunale n. 108 del 30.09.2013 Pubblicata all albo comunale ai 01.10.2013 OGGETTO: Elezione del Consiglio Provinciale di Trento e del Presidente della Provincia. Ripartizione

Dettagli

SORA L AGA. Quinto numer Jugn 2009 SORAGA - INVERN 2008/2009

SORA L AGA. Quinto numer Jugn 2009 SORAGA - INVERN 2008/2009 SORA L AGA COMUN DE SORAGA COMUNE DI SORAGA Quinto numer Jugn 2009 SORAGA - INVERN 2008/2009 No podaane verjer chest numer de nosc boletin co na foto miora. A sentir la jent te paìsc, jai cincant egn i

Dettagli

desponibilitèdes de cassa. 2.Ai fini del comma 1 i comuni, con le modalità 2. e nei termini previsti dalla Giunta provinciale

desponibilitèdes de cassa. 2.Ai fini del comma 1 i comuni, con le modalità 2. e nei termini previsti dalla Giunta provinciale OGGETTO: Prima variazione del bilancio di previsione del 2015 del bilancio pluriennale 2015-2017 e della Relazione previsionale e programmatica 2015-2017. SE TRATA: Pruma mudazion del bilanz de previjion

Dettagli

Educazione e scuola a Roma

Educazione e scuola a Roma Educazione e scuola a Roma Nicoletta Marini Lessico: ludus litterarius scuola elementare, dai 7 anni circa agli 11-12 anni litterator, -oris o ludi magister, -i maestro elementare cathedra, -ae sedia del

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

SORA L AGA. Numer tredesc Dezember 2013

SORA L AGA. Numer tredesc Dezember 2013 SORA L AGA COMUN DE SORAGA COMUNE DI SORAGA Numer tredesc Dezember 2013 Ve sporjon con piajer na neva edizion del boletin Sora l Aga. Con chest numer volon ve meter en consaputa soraldut de che che l é

Dettagli

69/2014. del CONSEI DI OMBOLC. Carica Encèria

69/2014. del CONSEI DI OMBOLC. Carica Encèria COPIA / COPIA COMUN GENERAL DE FASCIA PROVINCIA DI TRENTO ORIGINALE / ORIGINÈL COMUN GENERAL DE FASCIA PROVINZIA DE TRENT VERBALE DI DELIBERAZIONE N. VERBAL DE DELIBERAZION N. 69/2014 del 5 agosto 2014

Dettagli

Deliberazion del Consei de Comun n. 26 dai 12.11.2010 Metuda fora su l albo de Comun ai 15.11.2010

Deliberazion del Consei de Comun n. 26 dai 12.11.2010 Metuda fora su l albo de Comun ai 15.11.2010 Deliberazione del Consiglio comunale n. 26 del 12.11.2010 Pubblicata all albo comunale in data 15.11.2010 Oggetto: Approvazione della convenzione per la governance con la società di sistema Trentino Riscossioni

Dettagli

La scuola nelle antiche civiltà fluviali

La scuola nelle antiche civiltà fluviali La scuola nelle antiche civiltà fluviali Egizi La scuola è stata istituita nell antico Egitto intorno al 2000 a.c. per formare i giovani che avrebbero dovuto occuparsi delle funzioni amministrative dello

Dettagli

ASSOCIAZIONE CULTURALE LA RONDINE PROGETTO CULTURALE PREMIO LETTERARIO LA RONDINE TI SCRIVO QUESTA LETTERA

ASSOCIAZIONE CULTURALE LA RONDINE PROGETTO CULTURALE PREMIO LETTERARIO LA RONDINE TI SCRIVO QUESTA LETTERA 1 ASSOCIAZIONE CULTURALE LA RONDINE PROGETTO CULTURALE PREMIO LETTERARIO LA RONDINE TI SCRIVO QUESTA LETTERA 2 REGOLAMENTO DEL PREMIO (VEDI REGOLAMENTO) Il Premio ha un proprio regolamento scaricabile,

Dettagli

Testi e Fotografie: Leonardo Zulian Marcello Chiocchetti Grafica ed Impaginazione: Area Grafica snc - Castello di Fiemme Traduzione ed adattamento

Testi e Fotografie: Leonardo Zulian Marcello Chiocchetti Grafica ed Impaginazione: Area Grafica snc - Castello di Fiemme Traduzione ed adattamento Testi e Fotografie: Leonardo Zulian Marcello Chiocchetti Grafica ed Impaginazione: Area Grafica snc - Castello di Fiemme Traduzione ed adattamento testi: Carla Crepaz Leonardo Zulian Testimonianze orali

Dettagli

SORA L AGA. Numer doudesc Dezember 2012 COMUN DE SORAGA COMUNE DI SORAGA

SORA L AGA. Numer doudesc Dezember 2012 COMUN DE SORAGA COMUNE DI SORAGA SORA L AGA COMUN DE SORAGA COMUNE DI SORAGA Numer doudesc Dezember 2012 Se fasc scur, dut tasc l é l moment giust per binar ensema i pensieres. Con n slinch sion rué endodanef a la fin de n an, se vardon

Dettagli

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Il 31 Ottobre sono venuti a scuola gli esperti della SILEA. Abbiamo sistemato nel cortile della scuola una compostiera per produrre il compost a scuola. OCCORRENTE:

Dettagli

Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate

Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate Corso di Laurea in Lettere curricula: Letteratura dell età moderna e contemporanea, cultura teatrale

Dettagli

OGGETTO: Variante puntuale 2014 al P.R.G. del Comune di Canazei. Adozione preliminare.

OGGETTO: Variante puntuale 2014 al P.R.G. del Comune di Canazei. Adozione preliminare. OGGETTO: Variante puntuale 2014 al P.R.G. del Comune di Canazei. Adozione preliminare. SE TRATA: mudazion spezifica 2014 al P.R.G. del Comun de Cianacei Pruma adozion Deliberazione n. 35 dd. 31.10.2014

Dettagli

Un inizio alla grande!

Un inizio alla grande! Un inizio alla grande! Con la ripresa delle lezioni è stato possibile partecipare ad un concorso del triveneto sul giornalino scolastico indetto dall Associazione Italiana Cultura Qualità. La nostra scuola

Dettagli

TOKEN ECONOMY. Fabriano Istituto COmprensivo Marco Polo. La gestione della classe

TOKEN ECONOMY. Fabriano Istituto COmprensivo Marco Polo. La gestione della classe Fabriano Istituto COmprensivo Marco Polo ADHD La gestione della classe 2^ parte mercoledì 10-05 05-2006 16.30-19.30 19.30 Dr.ssa Psicologa Studio di Psicologia Amaltea chiara.dellabetta@studioamaltea.it

Dettagli

Deliberazion de la Jonta de Comun n. 445 dai 11/12/2014. Deliberazione della Giunta Comunale n. 445 di data 11/12/2014

Deliberazion de la Jonta de Comun n. 445 dai 11/12/2014. Deliberazione della Giunta Comunale n. 445 di data 11/12/2014 Deliberazione della Giunta Comunale n. 445 di data 11/12/2014 Pubblicata all albo comunale il 18/12/2014 Deliberazion de la Jonta de Comun n. 445 dai 11/12/2014 Tachèda fora su l albo de Comun ai 18/12/2014

Dettagli

Evoluzione della carta nel corso dei secoli

Evoluzione della carta nel corso dei secoli Evoluzione della carta nel corso dei secoli Introduzione della carta Le prime iscrizioni di cui si ha notizia risalgono a 4.000 anni prima di Cristo. èin Egitto che s inizia a produrre un primo materiale

Dettagli

La contabilità in partita doppia nella Summa di Luca Pacioli Francesca Maria Cesaroni Massimo Ciambotti LE TRE FACCE DEL POLIEDRICO LUCA PACIOLI

La contabilità in partita doppia nella Summa di Luca Pacioli Francesca Maria Cesaroni Massimo Ciambotti LE TRE FACCE DEL POLIEDRICO LUCA PACIOLI La contabilità in partita doppia nella Summa di Luca Pacioli Francesca Maria Cesaroni Massimo Ciambotti Convegno LE TRE FACCE DEL POLIEDRICO LUCA PACIOLI Urbino, 17 Dicembre 2009 Facoltà di Economia 1

Dettagli

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA AGRICOLTURA ETRUSCA Gli Etruschi svilupparono techiche agricole che permisero di ottenere prodotti di qualità come il vino e l olio oltre che il grano. La grande produzione di grano venne spesso esportata

Dettagli

LA SCUOLA AL TEMPO DEI NONNI La visita al museo etnografico C era una volta (o museo della Gambarina) Laboratorio Un banco per due

LA SCUOLA AL TEMPO DEI NONNI La visita al museo etnografico C era una volta (o museo della Gambarina) Laboratorio Un banco per due LA SCUOLA AL TEMPO DEI NONNI La visita al museo etnografico C era una volta (o museo della Gambarina) Laboratorio Un banco per due C era una volta (ma non nelle fiabe) un antico edificio: uno per ogni

Dettagli

Unità didattica sul tema. I materiali scolastici. Das Schulmaterial. L material de scola. per la 1 a classe

Unità didattica sul tema. I materiali scolastici. Das Schulmaterial. L material de scola. per la 1 a classe Unità didattica sul tema I materiali scolastici Das Schulmaterial L material de scola per la 1 a classe Elaborato da: Nocker Perathoner Karin, Senoner Runggaldier Romana e Mussner Tanja Indice 1. Premessa

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo Il 16 ottobre siamo andati a visitare il museo itinerante o meglio il museo è venuto da noi!! Infatti era un pullman doppio parcheggiato

Dettagli

LA SCUOLA. Ai tempi dei Romani

LA SCUOLA. Ai tempi dei Romani LA SCUOLA Ai tempi dei Romani L EDUCAZIONE Nella società Romana il compito di educare i figli piccoli spettava alla madre, poi passava al padre, che insegnava le regole di vita,mestieri,gli sport. Solo

Dettagli

A.P.S.P di Fassa Vigo di Fassa (TN) Strada di Prè de Lejia n. 12 0462/760240 fax 0462/760249 info@apspfassa.it

A.P.S.P di Fassa Vigo di Fassa (TN) Strada di Prè de Lejia n. 12 0462/760240 fax 0462/760249 info@apspfassa.it A.P.S.P di Fassa Vigo di Fassa (TN) Strada di Prè de Lejia n. 12 0462/760240 fax 0462/760249 info@apspfassa.it A.P.S.P San Gaetano Predazzo (TN) Via E. Sottsass n. 11 0462/501235 fax 0462/502775 info@apspsangaetano.it

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE IV SEZIONE A DISCIPLINA: Lingua e Cultura Latina DOCENTE:

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

LE FIGURE GEOMETRICHE: Dalle scatole alle forme. ISTITUTO CO MPRENSIVO DI BARBERINO MUGELLO, SCUOLA PRIMARIA 1 e 2 CLASSE

LE FIGURE GEOMETRICHE: Dalle scatole alle forme. ISTITUTO CO MPRENSIVO DI BARBERINO MUGELLO, SCUOLA PRIMARIA 1 e 2 CLASSE LE FIGURE GEOMETRICHE: Dalle scatole alle forme ISTITUTO CO MPRENSIVO DI BARBERINO MUGELLO, SCUOLA PRIMARIA 1 e 2 CLASSE Il percorso Dalle scatole alle forme apre il curricolo di geometria della scuola

Dettagli

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Premessa Il progetto accoglienza è un momento fondamentale per l'inserimento dei nuovi

Dettagli

Note per l'insegnante

Note per l'insegnante LA STAMPA Note per l'insegnante 1. Abbiamo realizzato molti disegni illustrativi del testo perché abbiamo pensato che sarebbe bello che fossero i bambini ad illustrare i testi 2. I titoli posti come domande

Dettagli

Progetto FLASH FORWARD 4

Progetto FLASH FORWARD 4 Progetto FLASH FRWARD 4 FABI RMANINI I supporti scrittori: dalla pietra al video... passando per la carta Prima del papiro I supporti scrittòri caratteristici dell Antichità metalli pietra terracotte lapidi

Dettagli

SEMINARIO. Prof. Cesare Cornoldi Università di Padova. Montecchio Maggiore (VI) 6 Dicembre 2008

SEMINARIO. Prof. Cesare Cornoldi Università di Padova. Montecchio Maggiore (VI) 6 Dicembre 2008 SEMINARIO Prof. Cesare Cornoldi Università di Padova Montecchio Maggiore (VI) 6 Dicembre 2008 Le dimensioni del fenomeno le dimensioni del fenomeno 1. In Europa Qual è la situazione negli altri Paesi Europei?

Dettagli

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net

La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net La storia della carta stampata dal papiro a www.quotidiano.net Uno dei primi supporti per la scrittura, che precedettero la carta, fu il papiro. Questo veniva ottenuto già verso il 3500 a.c. in Egitto,

Dettagli

Questionario finale. 2. La kalokagathía omerica è: 3. Il termine paidéia significa letteralmente:

Questionario finale. 2. La kalokagathía omerica è: 3. Il termine paidéia significa letteralmente: Questionario finale 1. Per gli antichi greci, primo fra tutti Omero, l insieme di abilità che si declinano in capacità di sapersi distinguere nella vita di corte, di celebrare riti, di partecipare a giochi

Dettagli

bres c ia @dis les s ia.it

bres c ia @dis les s ia.it S ezione B rescia e Provincia w w w.dis les s ia.it w w w.a idlom ba rdia.it P E R IN FO R M A Z IO N I: bres c ia @dis les s ia.it 0302770870 3339839327 Ci si vede il primo mercoledì del mese alle ore

Dettagli

unità 0 Da Giovanna Garbarino, Tria. Letteratura latina_antologia di autori_brani di versione, Paravia, 2008, pp. 1-7

unità 0 Da Giovanna Garbarino, Tria. Letteratura latina_antologia di autori_brani di versione, Paravia, 2008, pp. 1-7 Da Giovanna Garbarino, Tria. Letteratura latina_antologia di autori_brani di versione, Paravia, 2008, pp. 1-7 unità 0 L AVVENTURA DEI TESTI ANTICHI Obiettivi CONOSCENZE i materiali, le tecniche di scrittura,

Dettagli

Anno 1. Definizione di Logica e operazioni logiche

Anno 1. Definizione di Logica e operazioni logiche Anno 1 Definizione di Logica e operazioni logiche 1 Introduzione In questa lezione ci occuperemo di descrivere la definizione di logica matematica e di operazioni logiche. Che cos è la logica matematica?

Dettagli

Numeri in colore. Abaco. Forbici Matite. Gessi. Colla. lauto

Numeri in colore. Abaco. Forbici Matite. Gessi. Colla. lauto Abaco Numeri in colore Gessi Forbici Matite Colla lauto Promozione valida fino al 31 maggio 2014 Sommario Descrizione Pag. Blocchi logici 1 Numeri in colore 1 Abaco 2 Pallottoliere 2 Flauto 3 Collage 4

Dettagli

Alla scuola dei nonni

Alla scuola dei nonni Alla scuola dei nonni L aula magna della nostra scuola ha ospitato in questi giorni la mostra SCUOLA DI IERI, SCUOLA DI OGGI allestita da insegnanti e alunni dell Istituto che aderiscono al progetto Comenius,

Dettagli

LA BIBBIA: BREVE INTRODUZIONE A COLORI

LA BIBBIA: BREVE INTRODUZIONE A COLORI LA BIBBIA: BREVE INTRODUZIONE A COLORI Cos è la Bibbia? La Bibbia è il libro sacro della tradizione ebraico-cristiana, il punto di riferimento ieri come oggi di milioni di credenti che la considerano Parola

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H

FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob. spec. H Modellizzazione e sperimentazione dei nuovi piani di studio fortemente ancorati all obiettivo del rafforzamento della qualità dei percorsi di formazione/apprendimento

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Pensavamo fosse. invece..

Pensavamo fosse. invece.. Pensavamo fosse. invece.. La presentazione che segue racconta il percorso scolastico di uno studente straniero con una lunga serie di bocciature alle spalle. Istituto Comprensivo Darfo2 La storia O. è

Dettagli

INSEGNANTE NORMALE. mi devo occupare in prima persona e nella mia attività di alunni disabili

INSEGNANTE NORMALE. mi devo occupare in prima persona e nella mia attività di alunni disabili INSEGNANTE NORMALE mi devo occupare in prima persona e nella mia attività di alunni disabili il mio mestiere è condurre e favorire apprendimento, crescita e autonomia, attraverso opportune mediazioni didattiche,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LATINO E GRECO TRIENNIO anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LATINO E GRECO TRIENNIO anno scolastico 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LATINO E GRECO TRIENNIO anno scolastico 2013-2014 FINALITA GENERALI Finalità precipua dello studio dell antichità classica è quella di sollecitare una visione senza fratture

Dettagli

LA SCUOLA AI TEMPI DEI NOSTRI NONNI

LA SCUOLA AI TEMPI DEI NOSTRI NONNI PROGETTO NO BITS anno scolastico 2010/2011 Classe 3 A - plesso di Via Acerbi Istituto Comprensivo di Castano Primo (MI) LA SCUOLA AI TEMPI DEI NOSTRI NONNI Abbiamo chiesto a: nonna Nella (scuola di Sedico)

Dettagli

DIREZIONE DELLA PUBBLICA

DIREZIONE DELLA PUBBLICA DIREZIONE DELLA PUBBLICA EDUCAZIONE NELLA REPUBBLICA E CANTONE DEL TICINO AGLI ISPETTORI SCOLASTICI. Signor Ispettore! Nell'ultima sua radunanza il Consiglio Cantonale d Educazione dedicava una particolare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 Triennio Questa programmazione è stata elaborata dal Dipartimento di Greco-Latino, tenuti presenti il D.P.R.

Dettagli

Prot. 4061 /C14 Massa Martana, 19/09/2011. Spett.le UMBRIA CARTA srl Via Corcianese 200 06100 - PERUGIA

Prot. 4061 /C14 Massa Martana, 19/09/2011. Spett.le UMBRIA CARTA srl Via Corcianese 200 06100 - PERUGIA Istituto Comprensivo Massa Martana Viale Europa, 10 06056 Massa Martana (PG) Tel. 075889141, Fax: 0758951126 - C.F. 94068960544 Web: scuolamartana.it - Mail: scuolamartana@scuolamartana.it Prot. 4061 /C14

Dettagli

Ai genitori dei nostri alunni. Indicazioni per l attività scolastica

Ai genitori dei nostri alunni. Indicazioni per l attività scolastica Ai genitori dei nostri alunni Indicazioni per l attività scolastica contenuto Introduzione pagina 3 Cosa vuole la scuola primaria 3 L insegnamento nella scuola primaria 4 Classe di scolarizzazione e piccola

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

Scrivere nella scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi

Scrivere nella scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi Scrivere nella scuola dell infanzia Lilia Andrea Teruggi Scrivere per. Informare: Cartelli, indicazioni stradali, insegne Avvisi, comunicati, orari, bollettini Testi di carattere tecnico-scientifico Cronache,

Dettagli

12 PENNARELLI PUNTA MAXI SUPER LAVABILI

12 PENNARELLI PUNTA MAXI SUPER LAVABILI Creatività a Scuola 12 PENNARELLI PUNTA MAXI SUPER LAVABILI Pennarelli ideali per la scuola. Punta maxi in fibra super-resistente. Inchiostro facilmente lavabile e sicuro. Cappuccio ventilato. IN OMAGGIO:

Dettagli

ANTEFATTI, FATTI E.MISFATTI dell esperienza realizzata qualche anno fa nella Scuola Media Statale C. Salinari di Montescaglioso

ANTEFATTI, FATTI E.MISFATTI dell esperienza realizzata qualche anno fa nella Scuola Media Statale C. Salinari di Montescaglioso AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA LINGUA DI UN ANTICO CIOCIARO (vogliamo riferirci alla lingua di Cicerone cioè al LATINO) Esposizione semiseria, nella lingua. maccheronica dell illustre ciociaro, di ANTEFATTI,

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Centro Missionario Diocesano - Trento

Centro Missionario Diocesano - Trento Centro Missionario Diocesano - Trento Così vicini eppur pur così lontani. Dare istruzione per creare futuro. I.R. Progetto Anno Pastorale 2007/2008 Ci scrive suor Rosetta: N oi suore della Provvidenza

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5' D Indirizzo:

Dettagli

Progetti di promozione della solidarietà

Progetti di promozione della solidarietà Progetti di promozione della solidarietà Anno 2014-2015 1 Indice 1. Proposte per le scuole a) Proposte: a.1 scuola primaria di primo grado: intervento in classe; a.1.1 scuola primaria di primo grado: visita

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI

TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI APPROFONDIMENTO LOCALE TRENTINO Gentile Insegnante, grazie per aver accettato di compilare il questionario. Il questionario

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DONADONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2015/2016 CURRICULUM TEDESCO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DONADONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2015/2016 CURRICULUM TEDESCO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DONADONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2015/2016 CURRICULUM TEDESCO CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno: Affronta una comunicazione essenziale

Dettagli

NEVES DA FASCIA. Union Autonomista Ladina

NEVES DA FASCIA. Union Autonomista Ladina Union Autonomista Ladina BOLLETTINO PERIODICO DI POLITICA - CULTURA - INFORMAZIONE An IX, n. 1 Jugn 2012 Periodico di informazione politica del Gruppo Consigliare provinciale e regionale Union Autonomista

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PROF. GIUSEPPE COSTANTINO SOZ Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di Primo Grado tel./fax 0832/757637 e-mail

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

PAROLE CHE FINISCONO IN CIA E GIA. ACACIE MAGIA MAGIE VALIGIA. VALIGIE ROCCIA ROCCE (senza la i) MANCIA MANCE PIOGGIA PIOGGE SPIAGGIA SPIAGGE

PAROLE CHE FINISCONO IN CIA E GIA. ACACIE MAGIA MAGIE VALIGIA. VALIGIE ROCCIA ROCCE (senza la i) MANCIA MANCE PIOGGIA PIOGGE SPIAGGIA SPIAGGE PAROLE CHE FINISCONO IN CIA E GIA. Le parole che terminano in cia e gia si comportano in maniera speciale quando diventano plurali. Eccoti degli esempi. SINGOLARE (uno) PLURALE (tanti) CAMICIA CAMICIE

Dettagli

CLASSE 4^ Alleghiamo l argomento spiegato in classe, l esercizio svolto e se lo desiderate potete riproporlo a casa ai vostri bambini.

CLASSE 4^ Alleghiamo l argomento spiegato in classe, l esercizio svolto e se lo desiderate potete riproporlo a casa ai vostri bambini. 1 LEZIONE settembre Word: orario scolastico Con il programma di word abbiamo creato l orario scolastico settimanale con il dettaglio delle materie, da incollare sul diario. Nome file: ORARIO SCOLASTICO

Dettagli

Oggi parliamo di carta. 100% ecologica

Oggi parliamo di carta. 100% ecologica Oggi parliamo di carta 100% ecologica Guardiamo al futuro partendo da solide basi 2 I NUMERI di Lucart: 7 stabilimenti produttivi 340.000 t/anno di carta prodotta 11 macchine continue (di cui una per carta

Dettagli

PREFAZIONE un giallo didattico?!

PREFAZIONE un giallo didattico?! PREFAZIONE un giallo didattico?! Sì, state per leggere un fumetto che vi spiega come si realizza un fumetto. Che è un po come ascoltare un brano musicale in cui il cantante vi canta in rima come si compone

Dettagli

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO L A SCUOLA PROPOSTE visita alla scuola denominazione di: - persone, ruoli e funzioni - spazi, arredi, oggetti e materiali realizzazione di cartelli plurilingue lettura della piantina della scuola le norme

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola Primaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insegnante: Carla Lain

Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola Primaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insegnante: Carla Lain Società del Quartetto - Amici della Musica di Vicenza Scrivi che ti canto - Vicenza 00/05 Sez 1 - II remio Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola rimaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insenante:

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM

Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM Docente : Macaluso Maria Annunziata Classe : 2^ sez.a B - C Indirizzo AM Materia di insegnamento : Scienze Integrate (CHIMICA) Libro di testo

Dettagli

ORIGINI E VALORI DELLA COSTITUZIONE E DELL AUTONOMIA TRENTINA

ORIGINI E VALORI DELLA COSTITUZIONE E DELL AUTONOMIA TRENTINA PROGETTO CALYPSO RISULTATI DELL INCHIESTA TRA LA POPOLAZIONE DI FIEMME E FASSA. ORIGINI E VALORI DELLA COSTITUZIONE E DELL AUTONOMIA TRENTINA CLASSE VA Istituto La Rosa Bianca sede ITC Predazzo a.s. 2007/2008

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 grado Cena-Corradini Latina Questionario rivolto agli alunni delle classi Seconde

Scuola Secondaria di 1 grado Cena-Corradini Latina Questionario rivolto agli alunni delle classi Seconde Scuola Secondaria di 1 grado Cena-Corradini Latina Questionario rivolto agli alunni delle classi Seconde Segnare in ordine crescente il livello di gradimento: 1=poco; 2= abbastanza; 3=molto Per le risposte

Dettagli

Finalmente in volo. farescuola

Finalmente in volo. farescuola Al termine del percorso è utile ripercorrere e condividere le tracce che insieme abbiamo lasciato in questo primo anno di scuola, riflettere su quanto abbiamo vissuto e appreso per accorgerci che siamo

Dettagli

ORARIO SCUOLA DELL INFANZIA

ORARIO SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia e Primaria Paritaria Beata Rosa Venerini Via Beata Rosa Venerini, n 6 00040 ARICCIA (RM) Tel. 06-933.03.47 - Fax. 06-933.92.087 E-mail: venerini@venerini-ariccia.it www.venerini-ariccia.it

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO "CIRO SCIANNA" C.F. 81002590826 - C.M.

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO CIRO SCIANNA C.F. 81002590826 - C.M. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO "CIRO SCIANNA" C.F. 81002590826 - C.M. PAMM06400T * Via De Spuches, n.4-90011 BAGHERIA (PA) (091/9430-17-18-19 091/943347

Dettagli

Materiale Didattico a.s. 2014/2015

Materiale Didattico a.s. 2014/2015 http://alexandriainternationalschool.org Alexandria International School - Tutti i diritti riservati - Materiale Didattico a.s. 2014/2015 SCUOLA PRIMARIA Classe I 10 quaderni a quadretti da 0,5 cm, con

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CITTADELLA. Progetto di approccio al numero

SCUOLA DELL INFANZIA CITTADELLA. Progetto di approccio al numero SCUOLA DELL INFANZIA CITTADELLA Progetto di approccio al numero Sezione 5 anni INSEGNANTI Battista Angela P. A.S. 2012-2013 Pellegrini Maurizia Vantaggiato Antonella PREMESSA L'elaborazione e la conquista

Dettagli

LE ORIGINI DEL GIOCO DELLA DAMA

LE ORIGINI DEL GIOCO DELLA DAMA LE ORIGINI DEL GIOCO DELLA DAMA Le ricerche archeologiche hanno confermato che il gioco della dama ha origini antichissime. Il più antico completo da gioco, composto da una damiera (tavola) e le pedine

Dettagli

1 Monica Dengo 2005 Free Hand. Studio con penna a punta di un testo di Ludovico degli Arrighi, eseguito nell originale con pennino a punta tronca.

1 Monica Dengo 2005 Free Hand. Studio con penna a punta di un testo di Ludovico degli Arrighi, eseguito nell originale con pennino a punta tronca. INTRODUZIONE La scrittura a mano è un potente mezzo di espressione della nostra personalità e della nostra umanità, coltivarla significa praticarla come una passione. Questo corso è il risultato di anni

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?...

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Dialoghi. 1. Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Francesco: Eh Oh... pian pian pian quante domande mariassignòre... Comisiemo

Dettagli