PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES"

Transcript

1 Comune di Martano PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE - Soustainable Energy for Europe

2 PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MARTANO Dicembre 2012 Redazione a cura dell Ing. Carmine Blasi, Iscritto all Ordine degli Ingegneri della Provincia di Lecce n contatti: e.mail tel Con la collaborazione tecnica dell Ing. Raffaele Mittaridonna Dirigente Settore Affari Tecnici Comune di Martano (LE) 1

3 INDICE Premessa Sommario PAES (SEAP) Aspetti Generali...7 Contesto Territoriale Edilizia, Trasporti, Attività 3. Inventario Base delle Emissioni...13 Informazioni Generali Elementi Base Consumi di Energia Primaria Metodologia Emissioni di CO2 nel Comune di Martano (anno 2009) 4. AZIONI...25 Una comunità più risparmiosa ed efficiente...26 Azione 1.1 Piano di riqualificazione dell illuminazione pubblica comunale Azione 1.2 Riqualificazione energetica degli edifici pubblici Azione 1.3 Edifici di nuova costruzione ad elevata efficienza energetica Azione 1.4 Promozione della riqualificazione energetica delle abitazioni di proprietà privata Una comunità che si muove meglio...33 Azione 2.1 Attrezzare la comunità per una mobilità sostenibile Azione 2.2 Zone a traffico limitato (ZTL) Azione 2.3 Mobilità sostenibile sovracomunale Una comunità solare...41 Azione 3.1 Incentivare l installazione di Impianti Fotovoltaici sugli edifici privati Una comunità attiva che cresce in direzione della sostenibilità...44 Azione 4.1 Eventi di promozione delle azioni in favore della sostenibilità 5. Bilancio delle Azioni proposte Anno 2020 Obiettivo di riduzione CO

4 Premessa Nell ultimo decennio molti paesi, sono attivamente impegnati a combattere i cambiamenti climatici limitando l uso di energia primaria (combustibili fossili ed elettricità) e impiegando sempre più le energie rinnovabili per generare elettricità e calore. L impegno nel seguire questa direzione nella lotta ai cambiamenti climatici è dovuto anche alla consapevolezza che, fenomeni distruttivi, come ad esempio gli uragani, sempre più frequenti anche in aree del tutto nuove a questi eventi, sono dovuti all innalzamento della temperatura del Pianeta dovuta a sua volta ad una sempre più crescente concentrazione in atmosfera di Anidride Carbonica (CO2) ed altre sostanze inquinanti come gli Ossidi d Azoto (NOX). Il Comune di Martano ha ritenuto importante contribuire in maniera fattiva a contrastare questi fenomeni e ha deciso di aderire al Patto dei Sindaci, iniziativa europea che impegna i comuni aderenti a ridurre del 20% l emissione di CO2 nell ambito del proprio territorio da qui sino al L iniziativa parte dal volere dell Amministrazione ma è volta a coinvolgere cittadini e imprese come soggetti responsabili, attraverso i propri consumi di energia delle emissioni di CO2, e anche per questo unici soggetti capaci di attuare un inversione di tendenza attraverso un uso razionale e sostenibile dell energia. Ogni cittadino martanese, ad esempio, produce in un anno 2,73 tonnellate di anidride carbonica, circa tonnellate di CO2 il totale annuo dell'intero comune. Questi sono solo alcuni dei dati che troverete in questo documento e che costituiscono la base di riferimento per l'elaborazione del Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Martano un documento strategico realizzato per raggiungere l obiettivo del Patto dei Sindaci da qui sino al Ad oggi sono oltre i comuni europei che si sono impegnati a rispettare gli obiettivi per il 2020 ovvero: ridurre le emissioni di gas serra del 20%; portare al 20% la percentuale di energia prodotta da fonti rinnovabili; ridurre del 20% il fabbisogno energetico. Nel Piano d'azione per l'energia Sostenibile l'obiettivo di Martano è di ridurre la produzione di anidride carbonica di almeno tonnellate, che corrispondono a circa 0,55 tonnellate per abitante. Questo obiettivo si può raggiungere soltanto mettendo in campo una serie di azioni mirate. Esse saranno una decina, suddivise in quattro 4 aree strategiche: una comunità più risparmiosa ed efficiente, che si realizza attraverso la riduzione dei consumi e l'aumento dell'efficienza energetica degli edifici pubblici, dei servizi e del settore residenziale; una comunità che si muove meglio, attraverso l ulteriore 3

5 promozione della mobilità sostenibile e la conseguente riduzione del traffico veicolare; una comunità solare, volta a dare un deciso impulso alle energie rinnovabili prima fra tutte l energia solare, una comunità attiva che cresce in direzione della sostenibilità con la partecipazione attiva dei cittadini sul tema della sostenibilità. Un aspetto cruciale per il buon esito del nostro lavoro è che le azioni da attuare non si basano solo sull'operato dell'amministrazione Comunale, ma coinvolgono soprattutto i cittadini. Questo impegno richiederà investimenti di risorse e soprattutto un profondo cambiamento culturale, forse la parte più importante e complicata dell'intero progetto. Martano è un comune, che dispone di 57 autovetture ogni 100 abitanti (compresi gli anziani e i bambini), e che ha un consumo di energia elettrica procapite pari a kwh. Rispettare gli obiettivi della Comunità Europea e del Patto dei Sindaci sarà una sfida che impegnerà tutti e che richiederà un cambiamento dei nostri usi e delle nostre abitudini nel vivere quotidiano, cambiamenti che possono sembrare all inizio scomodi da attuare, ma che sono alla base di una nuova cultura quella della Qualità della Vita che attraverso i nostri pensieri e le nostre azioni può spingersi verso traguardi sempre più alti e migliori. Alfredo Sicuro Assessore alle Politiche Energetiche Comune di Martano 4

6 1. Sommario PAES (SEAP) Nel Gennaio 2008 la Direzione Generale dei Trasporti e dell Energia della Commissione Europea, ha promosso un iniziativa rivolta ai Comuni di tutti gli Stati Membri, chiamata Patto dei Sindaci (Convenant of Mayors). Il Patto prevede un impegno da parte dei Sindaci per raggiungere almeno una riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020 all interno del proprio territorio di competenza. Le Amministrazioni che hanno aderito al Patto dei Sindaci devono presentare, entro un anno dalla firma di adesione, un Piano d Azione in grado di raggiungere il risultato previsto. Il Comune di Martano, così come diversi Comuni della Provincia di Lecce, ha aderito al Patto dei Sindaci nel Novembre 2010 con delibera di Consiglio Comunale e ha sviluppato il presente Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES - (Sustainable Energy Action Plan SEAP-) al fine di indirizzare il territorio verso uno sviluppo sostenibile e perseguire gli obiettivi di risparmio energetico, utilizzo delle fonti rinnovabili e di riduzione delle emissioni di CO2 del 20% al Il presente PAES è costituito fondamentalmente da due parti: 1. L INVENTARIO delle EMISSIONI BASE (baseline emission inventory - BEI), che consiste in un database appositamente sviluppato dopo una ricerca approfondita dei dati sui vettori energetici che interessano il territorio, e che fornisce informazioni sulle emissioni di CO2 in un dato anno scelto come riferimento all interno del territorio comunale. Questo consente di quantificare la quota di CO2 da abbattere, individuando nel corso della raccolta e dell analisi dei dati, gli aspetti critici e le opportunità per uno sviluppo energeticamente sostenibile del territorio. 2. LE AZIONI, che attuate attraverso l impegno dell Amministrazione unitamente a quello dei cittadini e delle imprese, consentiranno di raggiungere gli obiettivi di riduzione della CO2 definiti nell inventario delle emissione base (BEI). Per quantificare l obiettivo di riduzione del 20% delle emissioni di CO2 sono stati calcolati per l anno scelto come riferimento, il 2009, i consumi di energia nel territorio e le relative emissioni di CO2. Per il 2009 sono state calcolate complessivamente tco2., pertanto l obiettivo di riduzione del 20% al

7 delle emissioni di CO2 si traduce in una riduzione delle emissioni su base annua di tco2. Il Piano d Azione stabilisce i modi attraverso i quali il Comune intende raggiungere il suo obiettivo di riduzione. I Campi strategici sui quali intervenire sono la Mobilità, l Energia Solare e l Edilizia. Pertanto sono state pensate 4 Aree Strategiche: 1. Una comunità più risparmiosa ed efficiente; 2. Una comunità che si muove meglio; 3. Una comunità solare; 4. Una comunità attiva che cresce in direzione della sostenibilità. Ciascuna di queste, ha una valenza diversa in termini di apporto alla riduzione di CO2, tuttavia tutte, indistintamente, sono indispensabili per attuare il PAES. Attuando le Azioni del PAES, nel corso di questi 8 anni che ci separano da qui sino al 2020, nei tempi stabiliti, inserendo pure attraverso l azione di controllo ulteriori azioni di sostegno a quelle previste, sarà possibile ridurre annualmente l attuale livello di emissioni di CO2 del 20% ( tco2) portando il valore a tco2 nell anno Al fine di garantire una corretta attuazione del PAES, l Amministrazione ha inoltre individuato una struttura organizzativa preposta allo sviluppo ed all implementazione del Piano, e in seguito all aggiornamento e il monitoraggio dello stesso Piano. 6

8 2. Aspetti generali Contesto Territoriale Il Comune di Martano, con un estensione di circa 22 km 2, è un comune della provincia di Lecce situato nella zona centro-orientale dell estremo tacco, il Sud- Salento. E il paese più grande della Grecìa Salentina ossia di quella zona ellenofona in cui si parla il Griko, anche se tale caratteristica sta scomparendo con il passare degli anni. Martano sorge in una posizione strategica che, dall'antica via romana Traiana Calabra Brindisi-Lecce-Otranto, incrocia l'asse viario Otranto Martano Galatina-Gallipoli. Dista 21,5 km dal capoluogo provinciale e 16 km da Otranto. Le caratteristiche orografiche, peraltro simili a tutta la Grecìa Salentina, vedono un piccolo altipiano con un avvallo centrale caratterizzato in superficie da depositi calcarei di Pietra Leccese e terreni altamente permeabili che determinano l assenza di corsi d acqua superficiali (la vena fluida si colloca a 70 m ca). L altitudine varia da 62 a 102 m s.l.m.. Il Clima presenta caratteristiche tipiche di quello mediterraneo, è umido, con piogge in Autunno ed Inverno e con Estati calde e afose. MARTANO TEMPERATURE, PRECIPITAZIONI, UMIDITA medie mensili Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Mesi Media Anno Temp. max. media ( C) 12,6 13,2 15,0 18,3 22,6 26,8 29,2 29,6 26,2 21,8 17,6 14,2 20,6 Temp. min. media ( C) 5,6 5,8 7,2 9,5 13,1 17,0 19,5 19,9 17,3 13,7 9,9 7,1 12,1 Precipitazioni (mm) Umidità relativa (%) 78,7 78,2 77,8 77,3 76,2 72,9 70,9 72,4 76,5 79,2 80,5 80,3 76,7 Storia. A Martano viene attribuita un origine romana per il sistema di centuriazione del territorio, anche se i monumenti della Specchia dei Mori e il Menhir del Teofilo trovano origini ancora più remote. Successivamente alla caduta dell Impero Romano, il territorio fu abitato da coloni greci, da qui appunto le origini della Grecia Salentina e della lingua parlata, il Griko. 7

9 Popolazione e Insediamenti. La popolazione residente ha avuto un incremento significativo nel ventennio 1971/91 passando dalle unità nel 1971 a unità del 1981 e attestandosi a unità nel Successivamente non si registrano grosse variazioni di rilievo, il dato più alto è quello del 1992 pari a unità. Residenti nel Comune di Martano anni numero residenti anno Aspetti Urbanistici. Il Comune di Martano è caratterizzato dalla presenza di un centro storico, ben conservato, e sede di numerosi palazzi ad alto contenuto artistico e architettonico, alcuni tra i più rinomati della provincia, che di seguito vengono citati (tra i più rappresentativi) Palazzo Corina, Palazzo Andrichi- Moschettini, Palazzo Comi, Palazzo Micali, Palazzo Pino, Palazzo Scarpa, Palazzo Gaetani, Palazzo Grassi. Inoltre, sempre nell abitato di Martano, troviamo forse l espressione architettonica più singolare dell edilizia popolare salentina, le caratteristiche case a corte. Le case a corte sono composte da diverse piccole unità abitative che hanno la particolarità di si affacciarsi su un cortile comune, generalmente chiuso sul lato della strada. Il cortile disponeva di servizi comuni come il granaio scavato nella roccia, la cisterna per la raccolta dell'acqua piovana e la cosiddetta pila (grossa vasca in pietra) per il bucato

10 case a corte Edilizia, Trasporti, Attività Edilizia. Le civili abitazioni hanno visto un evoluzione nella norma in linea con i fattori demografici ed economici del territorio. I grafici che seguono meglio sintetizzano l evoluzione del parco edilizio comunale in merito all epoca dei fabbricati ed ai relativi servizi che utilizzano i vettori energetici primari (riscaldamento, elettricità). Martano - abitazioni esistenti per periodo di costruzione - serie anni numero di abiatazioni Anno 1971 tot. abit. n.2525 Anno 1981 tot. abit. n.2989 Anno 1991 tot. abit. n.3069 Anno 2001 tot. abit. n ante dopo 1986 epoca non periodo di costruzione nota 9

11 Abitazioni dotate di servizi energetici serie anni n. abit. occupate 2221 n. abit. occupate 2607 n. abit. occupate 3063 n. abit. occupate 3367 n. abit. non occupate 304 n. abit. non occupate 382 n. abit. non occupate 460 n. abit. non occupate 333 elettricità elettricità elettricità elettricità n. abit. occupate 2202 n. abit. occupate 2585 n. abit. occupate 3063 n. abit. occupate 3367 n. abit. non occupate 288 n. abit. non occupate 336 n. abit. non occupate 460 n. abit. non occupate 333 riscaldamento fisso riscaldamento fisso riscaldamento fisso riscaldamento fisso n. abit. occupate 32 n. abit. occupate 580 n. abit. occupate 2597 n. abit. occupate 3010 n. abit. non occupate 56 n. abit. non occupate n. abit. non occupate 208 n. abit. non occupate 357 Trasporti. Il Comune di Martano non è mai stato servito da un servizio di trasporto urbano, a parte un brevissimo periodo di sperimentazione di un servizio pensato soprattutto per gli anziani, è attivo solo il servizio di trasporto scolastico. La mobilità urbana è caratterizzata prevalentemente da traffico veicolare privato. Il centro è uno dei punti nevralgici del traffico urbano, insieme ad una strada interna all abitato (via Goffredo Mameli) che di fatto funge da tangenziale in assenza di questa stessa. Il parco veicolare ha avuto un evoluzione naturale nel corso degli ultimi anni, anche se persistono molti veicoli di classe Euro 0 ed Euro 1, nonostante le campagne incentivanti per l acquisto di nuove unità più efficienti e meno inquinanti. Martano - Parco Veicoli Circolanti Anno 2009 autobus autocarri trasporto merci autoveicoli speciali / specifici autovetture motocarri e quadricicli trasporto merci motocicli motoveicoli e quadricicli speciali / specifici rimorchi e semirimorchi speciali / specifici rimorchi e semirimorchi trasporto merci trattori stradali o motrici TOTALE

12 Martano Vetture per classe di emissioni anno 2009 Non identificato 5 EURO 5 29 Classe di emissione EURO 4 EURO 3 EURO EURO EURO numero di vetture Terziario e Attività Lavorative. Il settore terziario comunale presenta aspetti, dimensioni e varietà nei servizi in linea con le attività primarie e il numero di abitanti. Troviamo infatti un discreto numero di negozi (alimentari, bar, abbigliamento, mobili, attrezzature, vendita di prodotti locali olio ) n.4 agenzie bancarie, n.3 agenzie assicurative, n.1 ufficio postale, n.1 ufficio territoriale della provincia di Lecce e naturalmente gli uffici amministrativi comunali. Per ciò che attiene le attività lavorative, il comune di Martano, non è un paese a vocazione industriale, è presente una zona artigianale sufficientemente sviluppata dove troviamo prevalentemente piccole imprese che lavorano materie prime (ferro, legno e vetro), officine meccaniche, ditte installatrici, è presente anche un azienda di medie dimensioni, che produce e assembla tensostrutture. Altre piccole aziende presenti sono quella delle attività estrattive (pietra leccese e pietra calcarea in genere) una di queste include anche l impianto di produzione del calcestruzzo, ci sono anche diverse aziende di costruzioni con al massimo addetti all attivo. Il settore agricolo, ancorché nel passato e fino sul finire degli anni 70, rappresentava la fonte primaria del lavoro, oggi mantiene un discreto numero di occupanti con la presenza di alcune cooperative che oltre a coltivare le piante (principalmente ulivi) trasformano anche il prodotto. 11

13 uliveto 12

14 3. INVENTARIO BASE DELLE EMISSIONI Informazioni generali L'inventario delle emissioni comunali, per un dato anno di riferimento, (BEI, Baseline Emission Inventory) rappresenta il quantitativo totale delle emissioni di CO2 (espresso in tonnellate/anno) connesso al consumo di energia nel territorio dell'ente locale firmatario del Patto. Occorre però fare alcune ipotesi per generare tale inventario, altrimenti il campo di applicazione resta del tutto generale. In ausilio alla compilazione del BEI sono disponibili le linee guida ufficiali avallate dalla Commissione Europea (SEAP guidelines by JRC EC). Le emissioni da prendere in considerazione sono quelle sulle quali il Comune ha la possibilità diretta o indiretta di intervento in termini di riduzione (diretta come ad esempio sui consumi degli edifici di proprietà comunale; indiretta come ad esempio sui consumi degli edifici privati attraverso l azione del Regolamento Edilizio). Sono quindi escluse le emissioni di impianti industriali soggetti a Emission Trading System se presenti (assenti nel nostro caso), le emissioni del traffico di attraversamento come, autostrade, superstrade, strade statali extraurbane (assenti nel nostro caso). Per emissioni si intendono le emissioni di CO2 connesse agli usi finali nel territorio comunale. Questo implica, ad esempio, che si conteggino le emissioni legate al consumo di energia elettrica e non quelle dei grossi impianti di produzione se presenti, cosi come quelle legate al consumo di combustibile per il riscaldamento (es. Metano, GPL, Gasolio) e per autotrazione (es. Benzina, Gasolio, GPL). Occorre scegliere un anno di riferimento non molto lontano a quello di stesura dell inventario e tale da essere rappresentativo della situazione locale e per il quale si hanno a disposizione dati certi e possibilmente disaggregati con il livello richiesto dalle linee guida e dal template (il foglio di calcolo) appositamente predisposto per lo scopo. Il 2009 è l anno di base scelto per il comune di Martano. 13

15 template 14

16 Elementi di Base CO2 : L Anidride Carbonica è un gas ed è il risultato della combustione di un composto in presenza di una quantità di ossigeno sufficiente a completarne l'ossidazione. Le piante lo utilizzano per la fotosintesi che, combinandolo con l'acqua e per azione della luce solare e della clorofilla, lo trasformano in glucosio liberando ossigeno come sottoprodotto. E inoltre il sottoprodotto della nostra respirazione. Effetto Sera: La CO2 è un componente fondamentale dell'atmosfera terrestre perché (insieme al vapore acqueo e al metano) intrappola la radiazione infrarossa della luce solare riflettendola nuovamente verso la superficie terrestre impedendo alla Terra di raffreddarsi (effetto serra). Tuttavia nel corso degli anni l aumento della sua concentrazione sta causando un eccessivo riscaldamento. Emissioni Dirette: Sono emissioni dirette quelle che avvengono per combustione diretta di un combustibile all interno del territorio comunale (es. Traffico urbano, Impianti di riscaldamento e impieghi diversi forni/trattamenti). Emissioni Indirette: I consumi di energia elettrica all interno dei confini comunali, favoriscono le emissioni di CO2 nei siti di produzione. Tali emissioni, anche se non imputabili ad un effetto diretto che avviene all interno del confine comunale, devono comunque essere incluse nell inventario. Consumi di Energia Primaria Consumi di Energia Elettrica. I Consumi di energia elettrica dalle utenze ricadenti nel territorio comunale di Martano sono stati forniti dall azienda distributrice, Enel Distribuzione, il dato tendenziale, trend, valutabile solo attraverso l anilisi dei consumi negli anni precedenti, è risultato molto importante. La serie degli anni considerata è quella che va dal 2006 al 2010, la tebella seguente mostra in dettaglio i dati sui consumi totali. Si apprezza un incremento nel passaggio 2008>2009 e un successivo decremento nel successivo passaggio 2009>2010, quest ultimo aspetto sarà in seguito oggetto di approfondimento. 15

17 Nell anno 2009, scelto come riferimento per il BEI, all interno del territorio comunale sono stati consumati oltre kwh pari a kwh/anno procapite. (fonte Enel Distribuzione) Le tabella seguente fornisce la disaggregazione dei dati (nel 2009) a seconda il settore d impiego, e quella successiva a questa da informazioni in merito ai consumi per l illuminazione pubblica, che sarà in seguito argomento di approfondimento. 16

18 Nel Comune l incidenza maggiore, sul totale del consumo di energia elettrica, è dovuta agli usi domestici con un valore pari a kwh/anno. Considerando la presenza di circa nuclei familiari (fonte ISTAT) ogni famiglia consuma in media kwh/anno. Consumi di carburante per autotrazione. I carburanti consumati sul territorio comunale sono stati desunti dai volumi erogati dagli impianti presenti all interno del Comune (fonte ufficio delle Dogane di Lecce). Come per l energia elettrica è importante conoscere il trend dei volumi erogati nella serie degli anni dal 2006 al La tabella seguente mostra i dati forniti, è importante notare il trend di crescita del consumo di gasolio salvo una flessione registrata nel passaggio 2010>2011, dovuto verosimilmente alla crisi ed all aumento significativo del prezzo di vendita. La benzina invece registra una diminuzione nei consumi, compensando difatto l aumento della componente gasolio. Nel passaggio 2006>2007 si registra il sorpasso, nei consumi, del gasolio vs la benzina, il dato si spiega con l aumento nel parco circolante delle vetture diesel rispetto a quelle a benzina, più parche nei consumi a parita di cilindrata. Non figura il dato relativo al GPL e al Metano inquanto nel comune di Martano non sono presenti impianti erogatori per questo tipo di carburanti. Nel 2009, scelto come riferimento per il BEI, sono stati erogati litri di benzina e litri di gasolio. Nella tabella seguente troviamo i dati in dettaglio. 17

19 Conumi di Gas Metano. I dati sui consumi del Gas Metano sono stati forniti dall azienda distributrice G6 rete gas e sono suddivisi per tipologia di utilizzo. Come per l Energia Elettrica anche per il gas è importante analizzare il trend nella serie degli anni Le tabelle seguenti mostrano i dati in dettaglio, si evince che il consumo maggiore è dovuto agli usi domestici per il riscaldamento nel periodo invernale, la produzione di acqua calda sanitaria e la cottura dei cibi. 18

20 Martano consumi gas metano mc vettoriati Riscaldamento Individuale/Centralizzato Uso cottura cibi e produzione di acqua calda sanitaria Uso tecnologico, riscaldamento Riscaldamento individuale, cottura cibi, produzione di acqua calda anno Tipo di impiego Riscaldamento individuale, cottura cibi, produzione di acqua calda Uso tecnologico, riscaldamento Uso cottura cibi e produzione di acqua calda sanitaria Riscaldamento Individuale/Centralizzato Totale (mc) Nell anno 2009, scelto come riferimento per il BEI, nel territorio comunale di Martano sono stai consumati in totale mc di gas metano. Metodologia L Inventario di Base delle Emissioni BEI quantifica la CO2 emessa nel territorio dell autorità locale durante l anno di riferimento da scegliere in base ai dati in possesso e al livello di confidenza e disaggregazione. Il documento permetterà di identificare le principali fonti antropiche di emissioni di CO2 e quindi di assegnare 19

21 l opportuna priorità alle relative misure di riduzione. L elaborazione dell BEI è di importanza cruciale poiché l inventario sarà lo strumento che consentirà all autorità locale di misurare l impatto dei propri interventi relativi al cambiamento climatico. Il BEI mostrerà la situazione di partenza per l autorità locale e i successivi inventari di monitoraggio delle emissioni mostreranno il progresso rispetto all obiettivo. L obiettivo complessivo di riduzione di CO2 dei firmatari del Patto dei Sindaci è di almeno il 20% entro il 2020, da raggiungere attraverso l attuazione del PAES nei settori di attività influenzabili dall autorità locale. L obiettivo di riduzione è definito rispetto all anno di riferimento stabilito dall autorità locale. L autorità locale può decidere se definire l obiettivo complessivo di riduzione delle emissioni di CO2 come "riduzione assoluta" o come "riduzione pro capite. Per calcolare il quantitativo di emissioni occorre scegliere il fattore di emissione, nella scelta dei fattori di emissione si possono seguire due diversi approcci: I) Standard IPCC (Intergovernmental Panel Climate Change) II) LCA (Life Cycle Assessment) Le scelte del comune di Martano in base a quanto sopra sono vengono riassunte di seguito: Anno Base: 2009 Riduzione CO2: Assoluta Fattore di Emissione: Standard IPCC I fattori di emissione che verrano utilizzati sono quelli per convertire il consumo di energia primaria com l energia elettrica, il gas metano, la benzina e il gasolio (già opportunamente trasformato in MWh), in tonnellate di CO2 equivalenti. Fattore di emissione per il consumo di elettricità. Al fine di calcolare le emissioni di CO2 da attribuire al consumo di energia elettrica, occorre determinare il fattore di emissione. Il principio generale è che si può utilizzare il fattore di emissione nazionale, il cui valore scaturisce da considerazioni circa il mix energetico alla base della produzione, e per l Italia è pari a 0,483 tco2/mwh. Inoltre, se il Comune ha deciso di includere nel PAES misure relative alla produzione locale di elettricità o se acquista elettricità verde certificata, sarà calcolato un fattore di emissione locale 20

22 (EFE) per l'elettricità, che riflette i risparmi in termini di emissioni di CO2 che queste misure comportano. In tali casi può essere utilizzata la seguente semplice formula: EFE = [(TCE - LPE - GEP) * NEEFE + CO2LPE + CO2GEP] / (TCE) dove: EFE=fattore di emissione locale per l'elettricità [t/mwh]; TCE=consumo totale di elettricità nel comune [MWh]; LPE=produzione locale di elettricità [MWh]; GEP=acquisti di elettricità verde da parte del comune [MWh]; NEEFE=fattore di emissione nazionale o europeo per l'elettricità (a scelta) [t/mwh]; CO2LPE=emissioni di CO2 imputabili alla produzione locale di elettricità [tco2]; CO2GEP=emissioni di CO2 imputabili all elettricità verde certificata [tco2]. La tabella seguente mostra i valori per i vari paesi europei a seconda dell approccio standard IPCC o LCA (fonte JRC SEAP guideline) 21

23 Fattori di emissione per la produzione locale di elettricità a partire da fonti di energia rinnovabile o per gli acquisti di elettricità verde. Ridurre le emissioni di CO2 attraverso il miglioramento dell efficienza energetica e i progetti di energia rinnovabile è una priorità del Patto. Se l autorità locale decide di includere la produzione locale di elettricità nell IBE, devono essere inclusi tutti gli impianti/unità che soddisfano i seguenti criteri: a) l impianto/unità non è incluso nel Sistema europeo per lo scambio di quote di emissioni(ets); b) l impianto/unità ha un energia termica d entrata inferiore o uguale a 20MWcombustibile nel caso di combustibili fossili e impianti di combustione di biomassa, o inferiore o uguale a 20MWe di potenza nominale nel caso di altri impianti di energia rinnovabile (es. eolico o solare). I criteri di cui sopra, si basano sull ipotesi che impianti di piccole dimensioni rispondano alla domanda locale di elettricità, mentre impianti più grandi producono elettricità per una domanda su scala più ampia. Per la produzione di energia verde a livello locale possono essere utilizzati i valori riportati nella tabella seguente (fonte JRC SEAP guideline) Come si nota sono tutti nulli secondo lo standard IPCC. Fattore di emissione per il consumo di combustibili per autotrazione e periscaldamento. Per i combustibili sono stati utilizzati i fattori reperibili in letteratura e riportati nella tabella seguente (fonte JRC SEAP guideline) 22

24 Si noti come per generare elettricità con combustibili assimilabili alle fonti rinnovabili (Oli vegetali, biodisel, bioetanolo), per convenzione, il fattore standard IPCC è pari a 0. Emissione di CO2 nel comune di Martano (anno 2009) Il livello totale di emissioni del Comune di Martano, nell anno 2009, secondo i criteri di calcolo dell IBE, risulta pari a tco2. Gli apporti a tale valore sono dovuti ai principali fattori quali: Energia Elettrica 33% (emissioni indirette), Riscaldamento 15% (emissioni dirette), Trasporti 52% (emissioni dirette). I valori nel dettaglio sono i seguenti: Emissioni dovute al consumo di elettricità: tco2 Emissioni dovute alla combustione per riscaldamento: tco2 Emissioni dodute alla combustione per il trasporto: tco2 Il grafico seguente mostra lo scenario relativo all anno

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES Comune di Martano PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE - Soustainable Energy for Europe PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE BILANCIO ENERGETICO COMUNALE Comune di: CAVAZZO CARNICO Anno di riferimento del bilancio energetico: 2013 Popolazione: 1.091 ab. (al 31/12/2013) 1 Superficie comunale: 39,44 kmq Densità abitativa: 27,7

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile RAGGRUPPAMENTO DEI COMUNI DI OSNAGO E LOMAGNA Comune di Osnago PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEI COMUNI PICCOLI E MEDI Fondazione Cariplo area ambiente bando 2011 PAES Piano d Azione per l Energia

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Patto dei Sindaci e l Inventario di Base delle Emissioni (IBE) I incontro : consumi energetici ed emissioni di CO2 nel Preganziol 31/03/2015 Il Patto dei Sindaci

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE ANALISI DEL TERRITORIO

Dettagli

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O.

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Azioni e Monitoraggio Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Qualità dell Aria 2 Le azioni Le azioni discendono dalle strategie di Mitigazione

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

1.125 ENTI UNITI INCEV PER

1.125 ENTI UNITI INCEV PER 1.125 ENTI UNITI INCEV PER AFFRONTARE IL FUTURO Strumenti e Finanziamenti per raggiungere l obiettivo 20-20-20 ILPATTO DEISINDACI Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa Europea rivolta alle Autorità

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE:

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: Un modello di sviluppo per i territori 08/05/2014 ORE 17.00 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Centro polivalente La Roggia - via Caozocco, 10 IL PATTO DEI SINDACI:

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO

Dettagli

Comune di ITRI PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES

Comune di ITRI PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES Comune di ITRI PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE - Soustainable Energy for Europe Il documento è stato predisposto

Dettagli

IBE L Inventario Base delle Emissioni

IBE L Inventario Base delle Emissioni IBE L Inventario Base delle Emissioni In tale capitolo verrà illustrato l Inventario Base delle Emissioni di CO2 del Comune di Latina, approfondendone la metodologia adottata per l analisi dei dati energetici,

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio -: i consumi energetici e le emissioni a NEMBRO Domenico Leo

Dettagli

IL PAES del Comune di Udine. risposta pianificatoria alle urgenze ambientali

IL PAES del Comune di Udine. risposta pianificatoria alle urgenze ambientali IL PAES del Comune di Udine risposta pianificatoria alle urgenze ambientali Udine, 22 novembre 2012 Patto dei Sindaci Covenant of Mayors L impegno del Comune di Udine a seguito dell adesione al Covenant

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito. L impegno verso un futuro sostenibile.

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito. L impegno verso un futuro sostenibile. Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica

Dettagli

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 MAURO BROLIS IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Obiettivi del

Dettagli

Presentazione della BASELINE

Presentazione della BASELINE capofila: CADREZZATE ANGERA, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, ISPRA, LAVENO MOMBELLO, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia P A R T E S E C O N D A Capitolo 12 Energia 12. ENERGIA 12.1 Caratteri generali Nella trattazione degli argomenti riportati nel presente capitolo si è posta particolare enfasi sui consumi elettrici e di

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO PREMESSA Con la realizzazione dell impianto solare termico si intende conseguire un significativo risparmio energetico per la struttura servita, mediante il ricorso alla fonte energetica rinnovabile rappresentata

Dettagli

COMUNE DI CASTROFILIPPO PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE QUESTIONARIO PER I CITTADINI

COMUNE DI CASTROFILIPPO PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE QUESTIONARIO PER I CITTADINI PIA DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Numero componenti famiglia : Dimensioni dell abitazione: metri quadrati calpestabili _ An o epoca di costruzione dell edificio: _ An di eventuali ristrutturazioni:

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

Gasolio per riscaldamen to (t)

Gasolio per riscaldamen to (t) COMUNE DI Lucca 1. INVENTARIO DELLE EMISSIONI BASELINE ANNO DI RIFERIMENTO: 2005 Inventario delle emissioni - Edifici Anno 2005 EDIFICI Residenziale (riscaldamento/ usi domestici ) Riscaldamento/u si domestici

Dettagli

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Quanto inquiniamo? U.S.A. ogni persona produce 22 tonnellate di CO2 all anno. anno. EUROPA ogni persona produce 8 tonnellate di CO2 all anno. anno.

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì Francesca Ravaioli Comune di Forlì Patto dei Sindaci Patto dei Sindaci: cos'è? Il Patto Il Patto dei Sindaci è il principale movimento europeo

Dettagli

PRESENTAZIONE PAES in Commissione Consiliare

PRESENTAZIONE PAES in Commissione Consiliare VERGIATE con il contributo per il bando 2012 _ Promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi PRESENTAZIONE PAES in Commissione Consiliare Giuseppe Maffeis, Luisa Geronimi, Giorgio Fedeli

Dettagli

www.progettoscer.it PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA

www.progettoscer.it PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA nuovo S istema di C limatizzazione di edifici artigianali in ambito urbano basato sulle fonti Energetiche Rinnovabili PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA www.progettoscer.it Il progetto

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Nave San Rocco Provincia autonoma di Trento Via 4 vembre, 44 38010 NAVE SAN ROCCO 0461/870641 0461/870588 www.comune.navesanrocco.tn.it sindaco@comune.navesanrocco.tn.it F853-4139 - 24/08/2015-6.9

Dettagli

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella città di Palermo Progetti di mobilità sostenibile 1 Inventario Base delle Emissioni CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

CENTRAL PARK Soluzioni per il Risparmio Energetico e la Salvaguardia Ambientale previste nell ambito del Piano Attuativo di iniziativa mista pubblico-privata dell area Officine Franchi- Bastia Umbra L

Dettagli

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES CONVEGNO/WORKSHOP l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES 1 Il territorio Il Comune di Scandicci si estende su un territorio di 59,75 km 2. Il 29% del territorio è caratterizzato dalla presenza di aree

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PROVINCIA DI PERUGIA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89 DEL 07-04-2011 OGGETTO: POLITICA AMBIENTALE. OBIETTIVI, TRAGUARDI E PROGRAMMI AMBIENTALI PARERE TECNICO Ai sensi dell Art. 49, comma

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. PIANO di AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (SEAP) RUFFANO SOSTENIBILE. Verso il 2020 a basse emissioni di Co 2

COMUNE DI RUFFANO. PIANO di AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (SEAP) RUFFANO SOSTENIBILE. Verso il 2020 a basse emissioni di Co 2 COMUNE DI RUFFANO PIANO di AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (SEAP) RUFFANO SOSTENIBILE Verso il 2020 a basse emissioni di Co 2 The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE -

Dettagli

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO MANUTENZIONE PATRIMONIO, VIABILITA', IMMOBILI STUDIO DI FATTIBILITA'

SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO MANUTENZIONE PATRIMONIO, VIABILITA', IMMOBILI STUDIO DI FATTIBILITA' SETTORE PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO MANUTENZIONE PATRIMONIO, VIABILITA', IMMOBILI STUDIO DI FATTIBILITA' PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE FOTOVOLTAICA COMUNALE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono:

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono: INTRODUZIONE Questo opuscolo nasce dalla volontà dell Amministrazione Comunale di proseguire nelle azioni propositive per il risparmio energetico, e di rivolgere ai cittadini un riferimento per riflettere

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Comune di Carbonera WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CARBONERA. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Carbonera WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CARBONERA. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Carbonera WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: CASALBUTTANO ED UNITI ANNICCO, AZZANELLO, CAPPELLA CANTONE, CASALMORANO, CASTELVISCONTI, GENIVOLTA, PADERNO PONCHIELLI, SORESINA, TRIGOLO con il contributo per il bando 211 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi?

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi? QUESTIONARIO A) Risparmio energetico e fonti rinnovabili nelle abitazioni residenziali. Indagine conoscitiva ai fini dello sviluppo del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1.Quale tipo di abitazione

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE MALCESINE ORIZZONTE LE SCHEDE AZIONE PAES 2 3 4 INDICE SETTORE RESIDENZIALE... 6 CLASSIFICAZIONE TERMICA... 6 CALDAIE AD ALTA EFFICIENZA... 8 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Conegliano WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

L efficienza energetica a misura del cittadino: Possibili scenari per Firenze

L efficienza energetica a misura del cittadino: Possibili scenari per Firenze L efficienza energetica a misura del cittadino: Possibili scenari per Firenze Firenze, 16 Luglio 2015 Rodolfo Pasinetti L efficienza energetica è uno dei temi chiave per il raggiungimento di una serie

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA Direzione per la valorizzazione dell attivo e del patrimonio dello Stato, Dipartimento del Tesoro, Ministero dell economia e delle finanze INDICE

Dettagli

Energia Fotovoltaica. Un'Idea solare!

Energia Fotovoltaica. Un'Idea solare! Energia Fotovoltaica Un'Idea solare! INTRODUZIONE idea: guadagnare dal proprio tetto. buona Una a geniale: guadagnare senza alcun costo! Un'idea b PRINCIPALI VANTAGGI 1 Vantaggio economico e "sonni tranquilli":

Dettagli

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE Riqualificare il patrimonio, contenere e ottimizzare la spesa Federico Della Puppa Università IUAV di Venezia Theorema sas Bergamo, 13 dicembre 2013 Imparare a farsi le giuste

Dettagli

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE ing. Carlo Costa Bolzano, 22 settembre 2011 LA SITUAZIONE ENERGETICA MONDIALE Consumo mondiale

Dettagli

Green Technologies in Provincia di Bolzano

Green Technologies in Provincia di Bolzano Green Technologies in Provincia di Bolzano Dott. Geol. Emanuele Sascor - Direttore dell Ufficio Piano CO2, Energia e Geologia TIS Innovation Park, 14 novembre 2012 OBIETTIVO: riduzione delle emissioni

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno EMISSIONI DA RIDURRE Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno Questo dato ci ha consentito l individuazione delle emissioni totali

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese

Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES

Il Patto dei Sindaci e il PAES 1 Forum di concertazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 24 ottobre 2013 Sala Museo Cambellotti - Latina Il Patto dei Sindaci e il PAES Un impegno per l energia sostenibile Comune di Latina

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Comune di Caerano di San Marco Comune di Caerano di San Marco PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 1 2 Indice pag. 1 INTRODUZIONE 5 1.1 Il Comune di Caerano di San Marco 9 1.2 Geografia del territorio

Dettagli

Installazione, Diffusione e Vantaggi del Solare Termico

Installazione, Diffusione e Vantaggi del Solare Termico Installazione del sistema solare termico L installazione dei pannelli solari è possibile in tutti gli edifici ed le abitazioni, dalle villette agli edifici plurifamiliari o nei condomini. L installazione

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS Titolo: Dal Censimento dei consumi energetici degli edifici pubblici all attuazione dei PAES della Provincia della Spezia Arch. Paola Giannarelli 18 marzo 2011 ISOLA DI SAN SERVOLO - VENEZIA DAL CENSIMENTO

Dettagli

Il Piano Energetico Ambientale del Comune di Ancona

Il Piano Energetico Ambientale del Comune di Ancona Il Piano Energetico Ambientale del Comune di Ancona Assessore: Caterina Di Bitonto Responsabile Tecnico: Marco Cardinaletti Ancona, 14 ottobre 28 Com è strutturato? FASE I Raccolta dati BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Vallarsa, lì 10 dicembre 2013 Oggetto: questionario relativo ai consumi energetici

Dettagli

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiglio comunale n. 92 in data 30.10.2012 approvato con deliberazione

Dettagli

RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA

RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Comune di Brusaporto Provincia di Bergamo RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Brusaporto, Ing. Roberto Menga Assessore Urbanistica, Territorio e Protezione Civile Indice Il

Dettagli

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 1. Premessa La presente relazione è stata redatta in ottemperanza alle disposizioni contenute

Dettagli

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile Paolo Fabbri Alberto Rossini Il Patto dei Sindaci L Unione Europea guida la lotta contro il cambiamento climatico e

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE Confini, campo di applicazione e settori Comune Residenza Industria Terziario pubblico QUALI SETTORI

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli