PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES"

Transcript

1 Comune di Martano PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE - Soustainable Energy for Europe

2 PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MARTANO Dicembre 2012 Redazione a cura dell Ing. Carmine Blasi, Iscritto all Ordine degli Ingegneri della Provincia di Lecce n contatti: e.mail tel Con la collaborazione tecnica dell Ing. Raffaele Mittaridonna Dirigente Settore Affari Tecnici Comune di Martano (LE) 1

3 INDICE Premessa Sommario PAES (SEAP) Aspetti Generali...7 Contesto Territoriale Edilizia, Trasporti, Attività 3. Inventario Base delle Emissioni...13 Informazioni Generali Elementi Base Consumi di Energia Primaria Metodologia Emissioni di CO2 nel Comune di Martano (anno 2009) 4. AZIONI...25 Una comunità più risparmiosa ed efficiente...26 Azione 1.1 Piano di riqualificazione dell illuminazione pubblica comunale Azione 1.2 Riqualificazione energetica degli edifici pubblici Azione 1.3 Edifici di nuova costruzione ad elevata efficienza energetica Azione 1.4 Promozione della riqualificazione energetica delle abitazioni di proprietà privata Una comunità che si muove meglio...33 Azione 2.1 Attrezzare la comunità per una mobilità sostenibile Azione 2.2 Zone a traffico limitato (ZTL) Azione 2.3 Mobilità sostenibile sovracomunale Una comunità solare...41 Azione 3.1 Incentivare l installazione di Impianti Fotovoltaici sugli edifici privati Una comunità attiva che cresce in direzione della sostenibilità...44 Azione 4.1 Eventi di promozione delle azioni in favore della sostenibilità 5. Bilancio delle Azioni proposte Anno 2020 Obiettivo di riduzione CO

4 Premessa Nell ultimo decennio molti paesi, sono attivamente impegnati a combattere i cambiamenti climatici limitando l uso di energia primaria (combustibili fossili ed elettricità) e impiegando sempre più le energie rinnovabili per generare elettricità e calore. L impegno nel seguire questa direzione nella lotta ai cambiamenti climatici è dovuto anche alla consapevolezza che, fenomeni distruttivi, come ad esempio gli uragani, sempre più frequenti anche in aree del tutto nuove a questi eventi, sono dovuti all innalzamento della temperatura del Pianeta dovuta a sua volta ad una sempre più crescente concentrazione in atmosfera di Anidride Carbonica (CO2) ed altre sostanze inquinanti come gli Ossidi d Azoto (NOX). Il Comune di Martano ha ritenuto importante contribuire in maniera fattiva a contrastare questi fenomeni e ha deciso di aderire al Patto dei Sindaci, iniziativa europea che impegna i comuni aderenti a ridurre del 20% l emissione di CO2 nell ambito del proprio territorio da qui sino al L iniziativa parte dal volere dell Amministrazione ma è volta a coinvolgere cittadini e imprese come soggetti responsabili, attraverso i propri consumi di energia delle emissioni di CO2, e anche per questo unici soggetti capaci di attuare un inversione di tendenza attraverso un uso razionale e sostenibile dell energia. Ogni cittadino martanese, ad esempio, produce in un anno 2,73 tonnellate di anidride carbonica, circa tonnellate di CO2 il totale annuo dell'intero comune. Questi sono solo alcuni dei dati che troverete in questo documento e che costituiscono la base di riferimento per l'elaborazione del Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Martano un documento strategico realizzato per raggiungere l obiettivo del Patto dei Sindaci da qui sino al Ad oggi sono oltre i comuni europei che si sono impegnati a rispettare gli obiettivi per il 2020 ovvero: ridurre le emissioni di gas serra del 20%; portare al 20% la percentuale di energia prodotta da fonti rinnovabili; ridurre del 20% il fabbisogno energetico. Nel Piano d'azione per l'energia Sostenibile l'obiettivo di Martano è di ridurre la produzione di anidride carbonica di almeno tonnellate, che corrispondono a circa 0,55 tonnellate per abitante. Questo obiettivo si può raggiungere soltanto mettendo in campo una serie di azioni mirate. Esse saranno una decina, suddivise in quattro 4 aree strategiche: una comunità più risparmiosa ed efficiente, che si realizza attraverso la riduzione dei consumi e l'aumento dell'efficienza energetica degli edifici pubblici, dei servizi e del settore residenziale; una comunità che si muove meglio, attraverso l ulteriore 3

5 promozione della mobilità sostenibile e la conseguente riduzione del traffico veicolare; una comunità solare, volta a dare un deciso impulso alle energie rinnovabili prima fra tutte l energia solare, una comunità attiva che cresce in direzione della sostenibilità con la partecipazione attiva dei cittadini sul tema della sostenibilità. Un aspetto cruciale per il buon esito del nostro lavoro è che le azioni da attuare non si basano solo sull'operato dell'amministrazione Comunale, ma coinvolgono soprattutto i cittadini. Questo impegno richiederà investimenti di risorse e soprattutto un profondo cambiamento culturale, forse la parte più importante e complicata dell'intero progetto. Martano è un comune, che dispone di 57 autovetture ogni 100 abitanti (compresi gli anziani e i bambini), e che ha un consumo di energia elettrica procapite pari a kwh. Rispettare gli obiettivi della Comunità Europea e del Patto dei Sindaci sarà una sfida che impegnerà tutti e che richiederà un cambiamento dei nostri usi e delle nostre abitudini nel vivere quotidiano, cambiamenti che possono sembrare all inizio scomodi da attuare, ma che sono alla base di una nuova cultura quella della Qualità della Vita che attraverso i nostri pensieri e le nostre azioni può spingersi verso traguardi sempre più alti e migliori. Alfredo Sicuro Assessore alle Politiche Energetiche Comune di Martano 4

6 1. Sommario PAES (SEAP) Nel Gennaio 2008 la Direzione Generale dei Trasporti e dell Energia della Commissione Europea, ha promosso un iniziativa rivolta ai Comuni di tutti gli Stati Membri, chiamata Patto dei Sindaci (Convenant of Mayors). Il Patto prevede un impegno da parte dei Sindaci per raggiungere almeno una riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020 all interno del proprio territorio di competenza. Le Amministrazioni che hanno aderito al Patto dei Sindaci devono presentare, entro un anno dalla firma di adesione, un Piano d Azione in grado di raggiungere il risultato previsto. Il Comune di Martano, così come diversi Comuni della Provincia di Lecce, ha aderito al Patto dei Sindaci nel Novembre 2010 con delibera di Consiglio Comunale e ha sviluppato il presente Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES - (Sustainable Energy Action Plan SEAP-) al fine di indirizzare il territorio verso uno sviluppo sostenibile e perseguire gli obiettivi di risparmio energetico, utilizzo delle fonti rinnovabili e di riduzione delle emissioni di CO2 del 20% al Il presente PAES è costituito fondamentalmente da due parti: 1. L INVENTARIO delle EMISSIONI BASE (baseline emission inventory - BEI), che consiste in un database appositamente sviluppato dopo una ricerca approfondita dei dati sui vettori energetici che interessano il territorio, e che fornisce informazioni sulle emissioni di CO2 in un dato anno scelto come riferimento all interno del territorio comunale. Questo consente di quantificare la quota di CO2 da abbattere, individuando nel corso della raccolta e dell analisi dei dati, gli aspetti critici e le opportunità per uno sviluppo energeticamente sostenibile del territorio. 2. LE AZIONI, che attuate attraverso l impegno dell Amministrazione unitamente a quello dei cittadini e delle imprese, consentiranno di raggiungere gli obiettivi di riduzione della CO2 definiti nell inventario delle emissione base (BEI). Per quantificare l obiettivo di riduzione del 20% delle emissioni di CO2 sono stati calcolati per l anno scelto come riferimento, il 2009, i consumi di energia nel territorio e le relative emissioni di CO2. Per il 2009 sono state calcolate complessivamente tco2., pertanto l obiettivo di riduzione del 20% al

7 delle emissioni di CO2 si traduce in una riduzione delle emissioni su base annua di tco2. Il Piano d Azione stabilisce i modi attraverso i quali il Comune intende raggiungere il suo obiettivo di riduzione. I Campi strategici sui quali intervenire sono la Mobilità, l Energia Solare e l Edilizia. Pertanto sono state pensate 4 Aree Strategiche: 1. Una comunità più risparmiosa ed efficiente; 2. Una comunità che si muove meglio; 3. Una comunità solare; 4. Una comunità attiva che cresce in direzione della sostenibilità. Ciascuna di queste, ha una valenza diversa in termini di apporto alla riduzione di CO2, tuttavia tutte, indistintamente, sono indispensabili per attuare il PAES. Attuando le Azioni del PAES, nel corso di questi 8 anni che ci separano da qui sino al 2020, nei tempi stabiliti, inserendo pure attraverso l azione di controllo ulteriori azioni di sostegno a quelle previste, sarà possibile ridurre annualmente l attuale livello di emissioni di CO2 del 20% ( tco2) portando il valore a tco2 nell anno Al fine di garantire una corretta attuazione del PAES, l Amministrazione ha inoltre individuato una struttura organizzativa preposta allo sviluppo ed all implementazione del Piano, e in seguito all aggiornamento e il monitoraggio dello stesso Piano. 6

8 2. Aspetti generali Contesto Territoriale Il Comune di Martano, con un estensione di circa 22 km 2, è un comune della provincia di Lecce situato nella zona centro-orientale dell estremo tacco, il Sud- Salento. E il paese più grande della Grecìa Salentina ossia di quella zona ellenofona in cui si parla il Griko, anche se tale caratteristica sta scomparendo con il passare degli anni. Martano sorge in una posizione strategica che, dall'antica via romana Traiana Calabra Brindisi-Lecce-Otranto, incrocia l'asse viario Otranto Martano Galatina-Gallipoli. Dista 21,5 km dal capoluogo provinciale e 16 km da Otranto. Le caratteristiche orografiche, peraltro simili a tutta la Grecìa Salentina, vedono un piccolo altipiano con un avvallo centrale caratterizzato in superficie da depositi calcarei di Pietra Leccese e terreni altamente permeabili che determinano l assenza di corsi d acqua superficiali (la vena fluida si colloca a 70 m ca). L altitudine varia da 62 a 102 m s.l.m.. Il Clima presenta caratteristiche tipiche di quello mediterraneo, è umido, con piogge in Autunno ed Inverno e con Estati calde e afose. MARTANO TEMPERATURE, PRECIPITAZIONI, UMIDITA medie mensili Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Mesi Media Anno Temp. max. media ( C) 12,6 13,2 15,0 18,3 22,6 26,8 29,2 29,6 26,2 21,8 17,6 14,2 20,6 Temp. min. media ( C) 5,6 5,8 7,2 9,5 13,1 17,0 19,5 19,9 17,3 13,7 9,9 7,1 12,1 Precipitazioni (mm) Umidità relativa (%) 78,7 78,2 77,8 77,3 76,2 72,9 70,9 72,4 76,5 79,2 80,5 80,3 76,7 Storia. A Martano viene attribuita un origine romana per il sistema di centuriazione del territorio, anche se i monumenti della Specchia dei Mori e il Menhir del Teofilo trovano origini ancora più remote. Successivamente alla caduta dell Impero Romano, il territorio fu abitato da coloni greci, da qui appunto le origini della Grecia Salentina e della lingua parlata, il Griko. 7

9 Popolazione e Insediamenti. La popolazione residente ha avuto un incremento significativo nel ventennio 1971/91 passando dalle unità nel 1971 a unità del 1981 e attestandosi a unità nel Successivamente non si registrano grosse variazioni di rilievo, il dato più alto è quello del 1992 pari a unità. Residenti nel Comune di Martano anni numero residenti anno Aspetti Urbanistici. Il Comune di Martano è caratterizzato dalla presenza di un centro storico, ben conservato, e sede di numerosi palazzi ad alto contenuto artistico e architettonico, alcuni tra i più rinomati della provincia, che di seguito vengono citati (tra i più rappresentativi) Palazzo Corina, Palazzo Andrichi- Moschettini, Palazzo Comi, Palazzo Micali, Palazzo Pino, Palazzo Scarpa, Palazzo Gaetani, Palazzo Grassi. Inoltre, sempre nell abitato di Martano, troviamo forse l espressione architettonica più singolare dell edilizia popolare salentina, le caratteristiche case a corte. Le case a corte sono composte da diverse piccole unità abitative che hanno la particolarità di si affacciarsi su un cortile comune, generalmente chiuso sul lato della strada. Il cortile disponeva di servizi comuni come il granaio scavato nella roccia, la cisterna per la raccolta dell'acqua piovana e la cosiddetta pila (grossa vasca in pietra) per il bucato

10 case a corte Edilizia, Trasporti, Attività Edilizia. Le civili abitazioni hanno visto un evoluzione nella norma in linea con i fattori demografici ed economici del territorio. I grafici che seguono meglio sintetizzano l evoluzione del parco edilizio comunale in merito all epoca dei fabbricati ed ai relativi servizi che utilizzano i vettori energetici primari (riscaldamento, elettricità). Martano - abitazioni esistenti per periodo di costruzione - serie anni numero di abiatazioni Anno 1971 tot. abit. n.2525 Anno 1981 tot. abit. n.2989 Anno 1991 tot. abit. n.3069 Anno 2001 tot. abit. n ante dopo 1986 epoca non periodo di costruzione nota 9

11 Abitazioni dotate di servizi energetici serie anni n. abit. occupate 2221 n. abit. occupate 2607 n. abit. occupate 3063 n. abit. occupate 3367 n. abit. non occupate 304 n. abit. non occupate 382 n. abit. non occupate 460 n. abit. non occupate 333 elettricità elettricità elettricità elettricità n. abit. occupate 2202 n. abit. occupate 2585 n. abit. occupate 3063 n. abit. occupate 3367 n. abit. non occupate 288 n. abit. non occupate 336 n. abit. non occupate 460 n. abit. non occupate 333 riscaldamento fisso riscaldamento fisso riscaldamento fisso riscaldamento fisso n. abit. occupate 32 n. abit. occupate 580 n. abit. occupate 2597 n. abit. occupate 3010 n. abit. non occupate 56 n. abit. non occupate n. abit. non occupate 208 n. abit. non occupate 357 Trasporti. Il Comune di Martano non è mai stato servito da un servizio di trasporto urbano, a parte un brevissimo periodo di sperimentazione di un servizio pensato soprattutto per gli anziani, è attivo solo il servizio di trasporto scolastico. La mobilità urbana è caratterizzata prevalentemente da traffico veicolare privato. Il centro è uno dei punti nevralgici del traffico urbano, insieme ad una strada interna all abitato (via Goffredo Mameli) che di fatto funge da tangenziale in assenza di questa stessa. Il parco veicolare ha avuto un evoluzione naturale nel corso degli ultimi anni, anche se persistono molti veicoli di classe Euro 0 ed Euro 1, nonostante le campagne incentivanti per l acquisto di nuove unità più efficienti e meno inquinanti. Martano - Parco Veicoli Circolanti Anno 2009 autobus autocarri trasporto merci autoveicoli speciali / specifici autovetture motocarri e quadricicli trasporto merci motocicli motoveicoli e quadricicli speciali / specifici rimorchi e semirimorchi speciali / specifici rimorchi e semirimorchi trasporto merci trattori stradali o motrici TOTALE

12 Martano Vetture per classe di emissioni anno 2009 Non identificato 5 EURO 5 29 Classe di emissione EURO 4 EURO 3 EURO EURO EURO numero di vetture Terziario e Attività Lavorative. Il settore terziario comunale presenta aspetti, dimensioni e varietà nei servizi in linea con le attività primarie e il numero di abitanti. Troviamo infatti un discreto numero di negozi (alimentari, bar, abbigliamento, mobili, attrezzature, vendita di prodotti locali olio ) n.4 agenzie bancarie, n.3 agenzie assicurative, n.1 ufficio postale, n.1 ufficio territoriale della provincia di Lecce e naturalmente gli uffici amministrativi comunali. Per ciò che attiene le attività lavorative, il comune di Martano, non è un paese a vocazione industriale, è presente una zona artigianale sufficientemente sviluppata dove troviamo prevalentemente piccole imprese che lavorano materie prime (ferro, legno e vetro), officine meccaniche, ditte installatrici, è presente anche un azienda di medie dimensioni, che produce e assembla tensostrutture. Altre piccole aziende presenti sono quella delle attività estrattive (pietra leccese e pietra calcarea in genere) una di queste include anche l impianto di produzione del calcestruzzo, ci sono anche diverse aziende di costruzioni con al massimo addetti all attivo. Il settore agricolo, ancorché nel passato e fino sul finire degli anni 70, rappresentava la fonte primaria del lavoro, oggi mantiene un discreto numero di occupanti con la presenza di alcune cooperative che oltre a coltivare le piante (principalmente ulivi) trasformano anche il prodotto. 11

13 uliveto 12

14 3. INVENTARIO BASE DELLE EMISSIONI Informazioni generali L'inventario delle emissioni comunali, per un dato anno di riferimento, (BEI, Baseline Emission Inventory) rappresenta il quantitativo totale delle emissioni di CO2 (espresso in tonnellate/anno) connesso al consumo di energia nel territorio dell'ente locale firmatario del Patto. Occorre però fare alcune ipotesi per generare tale inventario, altrimenti il campo di applicazione resta del tutto generale. In ausilio alla compilazione del BEI sono disponibili le linee guida ufficiali avallate dalla Commissione Europea (SEAP guidelines by JRC EC). Le emissioni da prendere in considerazione sono quelle sulle quali il Comune ha la possibilità diretta o indiretta di intervento in termini di riduzione (diretta come ad esempio sui consumi degli edifici di proprietà comunale; indiretta come ad esempio sui consumi degli edifici privati attraverso l azione del Regolamento Edilizio). Sono quindi escluse le emissioni di impianti industriali soggetti a Emission Trading System se presenti (assenti nel nostro caso), le emissioni del traffico di attraversamento come, autostrade, superstrade, strade statali extraurbane (assenti nel nostro caso). Per emissioni si intendono le emissioni di CO2 connesse agli usi finali nel territorio comunale. Questo implica, ad esempio, che si conteggino le emissioni legate al consumo di energia elettrica e non quelle dei grossi impianti di produzione se presenti, cosi come quelle legate al consumo di combustibile per il riscaldamento (es. Metano, GPL, Gasolio) e per autotrazione (es. Benzina, Gasolio, GPL). Occorre scegliere un anno di riferimento non molto lontano a quello di stesura dell inventario e tale da essere rappresentativo della situazione locale e per il quale si hanno a disposizione dati certi e possibilmente disaggregati con il livello richiesto dalle linee guida e dal template (il foglio di calcolo) appositamente predisposto per lo scopo. Il 2009 è l anno di base scelto per il comune di Martano. 13

15 template 14

16 Elementi di Base CO2 : L Anidride Carbonica è un gas ed è il risultato della combustione di un composto in presenza di una quantità di ossigeno sufficiente a completarne l'ossidazione. Le piante lo utilizzano per la fotosintesi che, combinandolo con l'acqua e per azione della luce solare e della clorofilla, lo trasformano in glucosio liberando ossigeno come sottoprodotto. E inoltre il sottoprodotto della nostra respirazione. Effetto Sera: La CO2 è un componente fondamentale dell'atmosfera terrestre perché (insieme al vapore acqueo e al metano) intrappola la radiazione infrarossa della luce solare riflettendola nuovamente verso la superficie terrestre impedendo alla Terra di raffreddarsi (effetto serra). Tuttavia nel corso degli anni l aumento della sua concentrazione sta causando un eccessivo riscaldamento. Emissioni Dirette: Sono emissioni dirette quelle che avvengono per combustione diretta di un combustibile all interno del territorio comunale (es. Traffico urbano, Impianti di riscaldamento e impieghi diversi forni/trattamenti). Emissioni Indirette: I consumi di energia elettrica all interno dei confini comunali, favoriscono le emissioni di CO2 nei siti di produzione. Tali emissioni, anche se non imputabili ad un effetto diretto che avviene all interno del confine comunale, devono comunque essere incluse nell inventario. Consumi di Energia Primaria Consumi di Energia Elettrica. I Consumi di energia elettrica dalle utenze ricadenti nel territorio comunale di Martano sono stati forniti dall azienda distributrice, Enel Distribuzione, il dato tendenziale, trend, valutabile solo attraverso l anilisi dei consumi negli anni precedenti, è risultato molto importante. La serie degli anni considerata è quella che va dal 2006 al 2010, la tebella seguente mostra in dettaglio i dati sui consumi totali. Si apprezza un incremento nel passaggio 2008>2009 e un successivo decremento nel successivo passaggio 2009>2010, quest ultimo aspetto sarà in seguito oggetto di approfondimento. 15

17 Nell anno 2009, scelto come riferimento per il BEI, all interno del territorio comunale sono stati consumati oltre kwh pari a kwh/anno procapite. (fonte Enel Distribuzione) Le tabella seguente fornisce la disaggregazione dei dati (nel 2009) a seconda il settore d impiego, e quella successiva a questa da informazioni in merito ai consumi per l illuminazione pubblica, che sarà in seguito argomento di approfondimento. 16

18 Nel Comune l incidenza maggiore, sul totale del consumo di energia elettrica, è dovuta agli usi domestici con un valore pari a kwh/anno. Considerando la presenza di circa nuclei familiari (fonte ISTAT) ogni famiglia consuma in media kwh/anno. Consumi di carburante per autotrazione. I carburanti consumati sul territorio comunale sono stati desunti dai volumi erogati dagli impianti presenti all interno del Comune (fonte ufficio delle Dogane di Lecce). Come per l energia elettrica è importante conoscere il trend dei volumi erogati nella serie degli anni dal 2006 al La tabella seguente mostra i dati forniti, è importante notare il trend di crescita del consumo di gasolio salvo una flessione registrata nel passaggio 2010>2011, dovuto verosimilmente alla crisi ed all aumento significativo del prezzo di vendita. La benzina invece registra una diminuzione nei consumi, compensando difatto l aumento della componente gasolio. Nel passaggio 2006>2007 si registra il sorpasso, nei consumi, del gasolio vs la benzina, il dato si spiega con l aumento nel parco circolante delle vetture diesel rispetto a quelle a benzina, più parche nei consumi a parita di cilindrata. Non figura il dato relativo al GPL e al Metano inquanto nel comune di Martano non sono presenti impianti erogatori per questo tipo di carburanti. Nel 2009, scelto come riferimento per il BEI, sono stati erogati litri di benzina e litri di gasolio. Nella tabella seguente troviamo i dati in dettaglio. 17

19 Conumi di Gas Metano. I dati sui consumi del Gas Metano sono stati forniti dall azienda distributrice G6 rete gas e sono suddivisi per tipologia di utilizzo. Come per l Energia Elettrica anche per il gas è importante analizzare il trend nella serie degli anni Le tabelle seguenti mostrano i dati in dettaglio, si evince che il consumo maggiore è dovuto agli usi domestici per il riscaldamento nel periodo invernale, la produzione di acqua calda sanitaria e la cottura dei cibi. 18

20 Martano consumi gas metano mc vettoriati Riscaldamento Individuale/Centralizzato Uso cottura cibi e produzione di acqua calda sanitaria Uso tecnologico, riscaldamento Riscaldamento individuale, cottura cibi, produzione di acqua calda anno Tipo di impiego Riscaldamento individuale, cottura cibi, produzione di acqua calda Uso tecnologico, riscaldamento Uso cottura cibi e produzione di acqua calda sanitaria Riscaldamento Individuale/Centralizzato Totale (mc) Nell anno 2009, scelto come riferimento per il BEI, nel territorio comunale di Martano sono stai consumati in totale mc di gas metano. Metodologia L Inventario di Base delle Emissioni BEI quantifica la CO2 emessa nel territorio dell autorità locale durante l anno di riferimento da scegliere in base ai dati in possesso e al livello di confidenza e disaggregazione. Il documento permetterà di identificare le principali fonti antropiche di emissioni di CO2 e quindi di assegnare 19

21 l opportuna priorità alle relative misure di riduzione. L elaborazione dell BEI è di importanza cruciale poiché l inventario sarà lo strumento che consentirà all autorità locale di misurare l impatto dei propri interventi relativi al cambiamento climatico. Il BEI mostrerà la situazione di partenza per l autorità locale e i successivi inventari di monitoraggio delle emissioni mostreranno il progresso rispetto all obiettivo. L obiettivo complessivo di riduzione di CO2 dei firmatari del Patto dei Sindaci è di almeno il 20% entro il 2020, da raggiungere attraverso l attuazione del PAES nei settori di attività influenzabili dall autorità locale. L obiettivo di riduzione è definito rispetto all anno di riferimento stabilito dall autorità locale. L autorità locale può decidere se definire l obiettivo complessivo di riduzione delle emissioni di CO2 come "riduzione assoluta" o come "riduzione pro capite. Per calcolare il quantitativo di emissioni occorre scegliere il fattore di emissione, nella scelta dei fattori di emissione si possono seguire due diversi approcci: I) Standard IPCC (Intergovernmental Panel Climate Change) II) LCA (Life Cycle Assessment) Le scelte del comune di Martano in base a quanto sopra sono vengono riassunte di seguito: Anno Base: 2009 Riduzione CO2: Assoluta Fattore di Emissione: Standard IPCC I fattori di emissione che verrano utilizzati sono quelli per convertire il consumo di energia primaria com l energia elettrica, il gas metano, la benzina e il gasolio (già opportunamente trasformato in MWh), in tonnellate di CO2 equivalenti. Fattore di emissione per il consumo di elettricità. Al fine di calcolare le emissioni di CO2 da attribuire al consumo di energia elettrica, occorre determinare il fattore di emissione. Il principio generale è che si può utilizzare il fattore di emissione nazionale, il cui valore scaturisce da considerazioni circa il mix energetico alla base della produzione, e per l Italia è pari a 0,483 tco2/mwh. Inoltre, se il Comune ha deciso di includere nel PAES misure relative alla produzione locale di elettricità o se acquista elettricità verde certificata, sarà calcolato un fattore di emissione locale 20

22 (EFE) per l'elettricità, che riflette i risparmi in termini di emissioni di CO2 che queste misure comportano. In tali casi può essere utilizzata la seguente semplice formula: EFE = [(TCE - LPE - GEP) * NEEFE + CO2LPE + CO2GEP] / (TCE) dove: EFE=fattore di emissione locale per l'elettricità [t/mwh]; TCE=consumo totale di elettricità nel comune [MWh]; LPE=produzione locale di elettricità [MWh]; GEP=acquisti di elettricità verde da parte del comune [MWh]; NEEFE=fattore di emissione nazionale o europeo per l'elettricità (a scelta) [t/mwh]; CO2LPE=emissioni di CO2 imputabili alla produzione locale di elettricità [tco2]; CO2GEP=emissioni di CO2 imputabili all elettricità verde certificata [tco2]. La tabella seguente mostra i valori per i vari paesi europei a seconda dell approccio standard IPCC o LCA (fonte JRC SEAP guideline) 21

23 Fattori di emissione per la produzione locale di elettricità a partire da fonti di energia rinnovabile o per gli acquisti di elettricità verde. Ridurre le emissioni di CO2 attraverso il miglioramento dell efficienza energetica e i progetti di energia rinnovabile è una priorità del Patto. Se l autorità locale decide di includere la produzione locale di elettricità nell IBE, devono essere inclusi tutti gli impianti/unità che soddisfano i seguenti criteri: a) l impianto/unità non è incluso nel Sistema europeo per lo scambio di quote di emissioni(ets); b) l impianto/unità ha un energia termica d entrata inferiore o uguale a 20MWcombustibile nel caso di combustibili fossili e impianti di combustione di biomassa, o inferiore o uguale a 20MWe di potenza nominale nel caso di altri impianti di energia rinnovabile (es. eolico o solare). I criteri di cui sopra, si basano sull ipotesi che impianti di piccole dimensioni rispondano alla domanda locale di elettricità, mentre impianti più grandi producono elettricità per una domanda su scala più ampia. Per la produzione di energia verde a livello locale possono essere utilizzati i valori riportati nella tabella seguente (fonte JRC SEAP guideline) Come si nota sono tutti nulli secondo lo standard IPCC. Fattore di emissione per il consumo di combustibili per autotrazione e periscaldamento. Per i combustibili sono stati utilizzati i fattori reperibili in letteratura e riportati nella tabella seguente (fonte JRC SEAP guideline) 22

24 Si noti come per generare elettricità con combustibili assimilabili alle fonti rinnovabili (Oli vegetali, biodisel, bioetanolo), per convenzione, il fattore standard IPCC è pari a 0. Emissione di CO2 nel comune di Martano (anno 2009) Il livello totale di emissioni del Comune di Martano, nell anno 2009, secondo i criteri di calcolo dell IBE, risulta pari a tco2. Gli apporti a tale valore sono dovuti ai principali fattori quali: Energia Elettrica 33% (emissioni indirette), Riscaldamento 15% (emissioni dirette), Trasporti 52% (emissioni dirette). I valori nel dettaglio sono i seguenti: Emissioni dovute al consumo di elettricità: tco2 Emissioni dovute alla combustione per riscaldamento: tco2 Emissioni dodute alla combustione per il trasporto: tco2 Il grafico seguente mostra lo scenario relativo all anno

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES)

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) indicazioni operative per la pianificazione energetica delle realtà comunali medio-piccole Maggio 2011 Con il patrocinio

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Il Patto dei Sindaci. In particolare il PAES definisce:

Il Patto dei Sindaci. In particolare il PAES definisce: COMUNE DI AGNONE 2 Indice Il Patto dei Sindaci... 5 Adesione e obiettivi... 7 Contesto normativo internazionale e nazionale... 8 Programmazione energetica regionale e provinciale... 10 I soggetti partner

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L.

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L. PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L. 1 Comune di Campo Ligure Comune di Masone Comune di Mele Comune di Rossiglione Comune di Tiglieto Unione dei Comuni Stura Orba Leira PIANO D AZIONE

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

Cos è il fotovoltaico?

Cos è il fotovoltaico? Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Comune di Padova Settore Ambiente Capo Settore Patrizio Mazzetto Daniela Luise Simone Costantini Cinzia Rinzafri Ilaria Seresin Michele Zuin

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli