EFFETTI DELLA PRESENZA DELL ALGA INVASIVA Caulerpa racemosa var. cylindracea SULLE COMUNITA ANIMALI DI FONDO MOBILE NEL GOLFO DI SALERNO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFFETTI DELLA PRESENZA DELL ALGA INVASIVA Caulerpa racemosa var. cylindracea SULLE COMUNITA ANIMALI DI FONDO MOBILE NEL GOLFO DI SALERNO"

Transcript

1 EFFETTI DELLA PRESENZA DELL ALGA INVASIVA Caulerpa racemosa var. cylindracea SULLE COMUNITA ANIMALI DI FONDO MOBILE NEL GOLFO DI SALERNO Lorenti M., Gambi M.C., Guglielmo R., Patti F.P., Scipione M.B., Zupo V. e M.C. Buia Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli Linea 4 DIVCOST: Temi: variabilità climatica, biodiversità e sistemi marini costieri Attività 3: Aspetti della biologia e del ruolo ecologico dell alga invasiva Caulerpa racemosa Sub-attività 3.3: valutazione dell effetto dell introduzione di Caulerpa racemosa var. cylindracea sulle comunità macrobentiche associate

2 Caulerpa racemosa var. cylindracea come agente di cambiamento Caulerpa racemosa var. cylindracea, protagonista della più spettacolare invasione biologica in Mediterraneo, è in grado di modificare profondamente il paesaggio sottomarino delle aree nelle quali è introdotta e di aggiungere complessità a una gamma di habitat bentonici Problema In che misura Caulerpa racemosa var. cylindracea può influenzare diversità e composizione del macrozoobenthos in aree originariamente non vegetate o scarsamente vegetate A quali scale spaziali un tale effetto è rilevabile

3 Caulerpa racemosa var. cylindracea nel golfo di Salerno SALERNO * 15 m 5m 25 m River * feb-97 nov-97 density Contenuto in peliti del sedimento Biomassa vegetale lug- coverage Contenuto in OM del sedimento 9 4 % % grams WW m Merc Welch s t=.672 p= Merc t=3.369 p=. 28 coverage (%) Dinamica stagionale () no. erect axes m -2 5 Merc t=.76 p=.94

4 Disegno di campionamento 22 km Sito A 3-4 m Sito B Sito A 3-4 m Sito B benna Van Veen area coperta.14 m 2 Periodo: ottobre 26 vegetato non vegetato vegetato non vegetato La comunità Numero di specie (totale=263) Molluschi 13% Abbondanze (totale=44) Molluschi 8% Policheti 66% Altri 12% Anfipodi 9% Policheti 81% Anfipodi 7% Altri 4%

5 Comunità complessiva Abundance no. individuals Effetti, RK: Loc.17, Sito.49, Hab.921 Effetti: Loc.12, Sito.242, Hab Shannon-Wiener diversity Pielou's evenness H' (log e) J' Effetti: Loc p<.1, Sito.113, Hab.71.5 Effetti: Loc.1, Sito.199, Hab.711 vegetato non vegetato

6 Comunità complessiva MDS Stress:.7 ANOSIM: risultati Global test fattore r p Località 1.2 Tipo di habitat Pairwise test gruppo r p Vegetato-Non vegetato Vegetato-Non vegetato Merc veg Merc unveg veg unveg Le specie che maggiormente contribuiscono alla dissimilarità Tra località loc contrib% feeding hab Sternaspis scutata (pol) S 13.3 SsDF Prionospio fallax (pol) M 7.78 SDF Ampelisca sp (anf) S 6.54 D/SF? Paradoneis ilvana (pol) M 6.46 SDF Lumbrineris cf latreilli (pol) S 5.5 O Tra tipi di habitat hab contrib% Sternaspis scutata (pol) unveg Lumbrineris cf latreilli (pol) unveg 6.53 Prionospio fallax (pol) veg 6.5 Paradoneis ilvana (pol) veg 5.48 Ampelisca sp (anf) unveg 5.3

7 Policheti Abundance no. individuals Effetti, RK : Loc.395, Sito.385, Hab Effetti : Loc.23, Sito.565, Hab.51 3 Shannon-Wiener diversity Pielou's evenness H' (log e) J' Effetti : Loc <.1, Sito.637, Hab.88 Effetti : Loc.1, Sito.232, Hab.785 vegetato non vegetato

8 Policheti MDS Stress:.9 ANOSIM: risultati Global test fattore r p Località Tipo di habitat Pairwise test gruppo r p Vegetato-Non vegetato Vegetato-Non vegetato Merc veg Merc unveg veg unveg Le specie che maggiormente contribuiscono alla dissimilarità Tra località loc contrib% feeding hab Sternaspis scutata S SsDF Prionospio fallax M 9.93 SDF Paradoneis ilvana M 8.22 DSF Lumbrineris cf latreilli S 7.23 O Acmira cf cerrutii S 6.8 SDF Tra tipi di habitat hab contrib% Sternaspis scutata unveg Lumbrineris cf latreilli unveg 8.67 Prionospio fallax veg 8.24 Paradoneis ilvana veg 6.92 Acmira cf cerrutii unveg 6.8

9 Molluschi 8 Abundance 12 no. individuals Effetti : Loc.76, Sito.98, Hab.325 Effetti : Loc.794, Sito.1, Hab.438 Shannon-Wiener diversity 1.1 Pielou's evenness 2 H' (log e) 1.5 J' Effetti : Loc.391, Sito.93, Hab.578 Effetti : Loc <.1, Sito.91, Hab.74 vegetato non vegetato

10 Molluschi ANOSIM: risultati MDSStress:.21 Global test fattore r p Località Tipo di habitat Pairwise test gruppo r p Vegetato-Non vegetato Vegetato-Non vegetato Merc veg Merc unveg veg unveg Le specie che maggiormente contribuiscono alla dissimilarità Tra località loc contrib% feeding hab Tellina nitida M D/SF Smaragdia viridis M 8.41 He Nucula nucleus S 6.67 SDF Tellina pulchella S 6.6 D/SF Natica hebraea M 4.6 Ca Tra tipi di habitat hab contrib% Tellina nitida veg Tellina pulchella veg 7.17 Smaragdia viridis veg 6.69 Nucula nucleus unveg 6.16

11 Crostacei anfipodi 4 Abundance 8 no. individuals Effetti, RK : Loc <.1, Sito.98, Hab.883 Effetti : Loc <.1, Sito.52, Hab Shannon-Wiener diversity Pielou's evenness H' (log e) 1.5 J'.5 Effetti : Loc <.1, Sito.879, Hab.4 Effetti : Loc <.1, Sito.922, Hab.2 vegetato non vegetato

12 Crostacei anfipodi MDS Stress:.6 ANOSIM: risultati Global test fattore r p Località Tipo di habitat Pairwise test gruppo r p Vegetato-Non vegetato Vegetato-Non vegetato neg. 528 Merc veg Merc unveg veg unveg Le specie che maggiormente contribuiscono alla dissimilarità Tra località loc contrib% feeding hab Ampelisca sp S D/SF? Perioculodes longimanus M 6.55 DF/Ca Ampelisca typica S 4.4 D/SF Apherusa cf chiereghinii M 2.86 He/DF Tra tipi di habitat hab contrib% Ampelisca sp unveg Perioculodes longimanus unveg 9.26 Apherusa cf chiereghinii veg 5.7 Ampelisca typica veg 4.85

13 Considerazioni L eterogeneità spaziale negli attributi della macrofauna si manifesta a più scale nell area di studio. Le due località differiscono nettamente. La variabilità spaziale, sulla quale incide anche la presenza di Caulerpa racemosa var. cylindracea, è più intensa nella località settentrionale, in cui domina la frazione sabbiosa. Una maggiore omogeneità si riscontra al, località caratterizzata da un alta percentuale di peliti e verosimilmente da cospicui apporti fluviali. I maggiori taxoceni mostrano patterns propri; un numero limitato di specie ha un ruolo dominante nella strutturazione della comunità L efficacia di Caulerpa racemosa var. cylindracea come agente di differenziazione nelle comunità locali di macrofauna sembra dipendere dal concorso di fattori operanti a diverse scale spaziali. L alta capacità di modificare il landscape bentonico può non essere accompagnata da un effetto di intensità comparabile sulla macrofauna. A ciò possono contribuire fattori diversi, quali le dimensioni dell alga e la stagionalità della copertura che si riduce fortemente (fino a scomparire in talune località) in inverno-primavera Il ruolo del cambiamento climatico è da chiarire

Corso di Laurea in Scienze Biologiche. Corso di Ecologia

Corso di Laurea in Scienze Biologiche. Corso di Ecologia Corso di Laurea in Scienze Biologiche Corso di Ecologia Canale 2 (Lettere M-Z) Prof. Michele Scardi Email mscardi@mclink.it Telefono 335-6795190 http://www.michele.scardi.name/ecologia.htm Università di

Dettagli

Museo di Storia Naturale

Museo di Storia Naturale LAGUNA DI VENEZIA: PASSATO, PRESENTE E FUTURO salvaguardia e prospettive Modificazioni nelle comunità biologiche acquatiche dovute agli interventi antropici in laguna Biologo marino Direttore Museo di

Dettagli

L ITALIA SOSTENIBILE IDEE E AZIONI PER IL FUTURO

L ITALIA SOSTENIBILE IDEE E AZIONI PER IL FUTURO L ITALIA SOSTENIBILE IDEE E AZIONI PER IL FUTURO BOLOGNA 20-21 MAGGIO 2016 C.N.R. AREA DELLA RICERCA DI BOLOGNA Biodiversità e Cambiamenti Climatici proposte operative Roberto Danovaro Università Politecnica

Dettagli

Marciapiedi a vermeti. L ingegneria in natura

Marciapiedi a vermeti. L ingegneria in natura Marciapiedi a vermeti. L ingegneria in natura Renato Chemello Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare, Università di Palermo Biocostruzione: La capacità di certi organismi di edificare strutture

Dettagli

Servizio di Monitoraggio delle acque marine costiere Anni Capitolato Speciale d Appalto Parte Tecnica

Servizio di Monitoraggio delle acque marine costiere Anni Capitolato Speciale d Appalto Parte Tecnica Direzione Tecnico Scientifica Servizio Monitoraggio Servizio di Monitoraggio delle acque marine costiere Anni 2014-2015 INDICE PREMESSA... 3 ART. 1- OGGETTO DELL APPALTO... 4 LOTTO N.1:... 4 LOTTO N.2:...

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 24_POR

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 24_POR a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 20,8 Capo dell Isolalato ovest Isola 0701101124 (1,7 Tino+3,2 Portovenere Punta Vagno * Palmaria +15,9 Palmaria costa)

Dettagli

L analisi delle comunità bentoniche dei fondi mobili nella valutazione dell ambiente marino costiero

L analisi delle comunità bentoniche dei fondi mobili nella valutazione dell ambiente marino costiero AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLE MARCHE L analisi delle comunità bentoniche dei fondi mobili nella valutazione dell ambiente marino costiero Dott.ssa Claudia Ferri ARPAM Dipartimento

Dettagli

I viventi e l'ambiente. Lezioni d'autore Treccani

I viventi e l'ambiente. Lezioni d'autore Treccani I viventi e l'ambiente Lezioni d'autore Treccani Introduzione VIDEO L'ambiente L ecologia studia l interazione degli organismi tra loro e con l ambiente in cui vivono. Essa prende in considerazione le

Dettagli

BIODIVERSAMENTE CONSAPEVOLI. Introduzione. a cura di Davide Bazzanella e Franco Frisanco

BIODIVERSAMENTE CONSAPEVOLI. Introduzione. a cura di Davide Bazzanella e Franco Frisanco BIODIVERSAMENTE CONSAPEVOLI Introduzione a cura di Davide Bazzanella e Franco Frisanco Istituto Agrario di S.Michele 1874-2013 Biodiversità = Un po di storia! Diversità della vita Il termine biodiversità

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELL ELEMENTO DI QUALITÁ BIOLOGICA: MACROINVERTEBRATI BENTONICI NELLE ACQUE MARINO-COSTIERE PUGLIESI

IL MONITORAGGIO DELL ELEMENTO DI QUALITÁ BIOLOGICA: MACROINVERTEBRATI BENTONICI NELLE ACQUE MARINO-COSTIERE PUGLIESI IL MONITORAGGIO DELL ELEMENTO DI QUALITÁ BIOLOGICA: MACROINVERTEBRATI BENTONICI NELLE ACQUE MARINO-COSTIERE PUGLIESI DIPARTIMENTO DI FOGGIA POLO DI SPECIALIZZAZIONE BIOLOGIA AVANZATA DELLE ACQUE Dott.sa

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DOCENTI

PERCORSO FORMATIVO DOCENTI PERCORSO FORMATIVO DOCENTI PERCORSO FORMATIVO ONLINE Dopo aver partecipato al WORKSHOP di presentazione del progetto Guardiani della Costa, i docenti potranno accedere ai contenuti del percorso formativo

Dettagli

SCUOLA 21 VERIFICA DI BIOLOGIA COGNOME CLASSE DATA NOME

SCUOLA 21 VERIFICA DI BIOLOGIA COGNOME CLASSE DATA NOME SCUOLA 21 VERIFICA DI BIOLOGIA COGNOME CLASSE DATA NOME 1 Completa con i termini mancanti. a) L...si occupa delle interazioni tra individui della stessa specie, tra individui di specie diverse e tra gli

Dettagli

ANALISI DELLA CORRELAZIONE TRA INDICI DI DIVERSITÀ A SCALA DI PAESAGGIO E DIVERSITÀ FLORISTICA

ANALISI DELLA CORRELAZIONE TRA INDICI DI DIVERSITÀ A SCALA DI PAESAGGIO E DIVERSITÀ FLORISTICA ANALISI DELLA CORRELAZIONE TRA INDICI DI DIVERSITÀ A SCALA DI PAESAGGIO E DIVERSITÀ FLORISTICA Giuseppe BAZAN, Rosario SCHICCHI, Giuseppe BAIAMONTE Dipartimento di Scienze Botaniche dell Università di

Dettagli

) +*$,%&$+..%.+($ ' $--+.$,$/ $($ $(+0,%--%, %,*%%-$,%%&$

) +*$,%&$+..%.+($ ' $--+.$,$/ $($ $(+0,%--%, %,*%%-$,%%&$ Po di Goro!""# $ %$&$%'()$**+*$,%%-+ ) +*$,%&$+..%.+($ ' $--+.$,$/ $($ $(+0,%--%, %,*%%-$,%%&$ $,(%%,( ) ++%1 &2!" + # $%& '( )* " Po ditolle Po di Pila N Po di Volano Km 3 47 F. Reno Km 3 7 F. Uniti F.

Dettagli

Monitoraggio dell'ambiente marino costiere nei corpi idrici 12-16

Monitoraggio dell'ambiente marino costiere nei corpi idrici 12-16 ST3- Laboratorio di riferimento e AREA MARE ST3.2 Monitoraggio Ambiente Marino Costiero Monitoraggio dell'ambiente marino costiere nei corpi idrici 12-16 (D.Lgs 152/2006 e D.M. 260/2010) Anno 2014 Introduzione

Dettagli

COLONIZZAZIONE DI FORAMINIFERI BENTONICI ESOTICI NELLE ISOLE PELAGIE E NEL S-E DELLA SICILIA

COLONIZZAZIONE DI FORAMINIFERI BENTONICI ESOTICI NELLE ISOLE PELAGIE E NEL S-E DELLA SICILIA Laureanda: Relatore: Roberta Guastella prof. Antonio Caruso Correlatrice: dott.ssa Claudia Cosentino ABSTRACT DELLA TESI MAGISTRALE SU COLONIZZAZIONE DI FORAMINIFERI BENTONICI ESOTICI NELLE ISOLE PELAGIE

Dettagli

Le conseguenze che l eterogeneità spaziale e la struttura del paesaggio presentano sui diversi livelli di organizzazione

Le conseguenze che l eterogeneità spaziale e la struttura del paesaggio presentano sui diversi livelli di organizzazione 4. Come funziona il paesaggio? Rapporto tra la struttura e la funzione. Le conseguenze che l eterogeneità spaziale e la struttura del paesaggio presentano sui diversi livelli di organizzazione a) Popolazioni

Dettagli

I Centri di ricerca Spezzini per il Mar Ligure

I Centri di ricerca Spezzini per il Mar Ligure I Centri di ricerca Spezzini per il Mar Ligure Roberta Delfanti, ENEA Gian Pietro Gasparini, CNR ISMAR Michel Rixen, NURC Cosmo Carmisciano, INGV Maurizio Demarte, IIM Centro supercalcolo Distretto Ligure

Dettagli

IL VALORE ECONOMICO DELLA BIODIVERSITÀ E DEGLI ECOSISTEMI

IL VALORE ECONOMICO DELLA BIODIVERSITÀ E DEGLI ECOSISTEMI Le attività marittime e la tutela della biodiversità nello Stretto di Sicilia: analisi e ipotesi di intervento sul fenomeno delle specie non indigene Seminario di informazione tecnico-scientifica realizzato

Dettagli

Relazione sui rilievi effettuati

Relazione sui rilievi effettuati Regione Sardegna Comune di Capoterra (CA) Sistemazione e rinaturazione delle difese litoranee Bonifica e sistemazione della fascia costiera delle opere marittime Protezione del litorale Relazione sui rilievi

Dettagli

LIFE 13 NAT/IT/ Monitoraggio benthos

LIFE 13 NAT/IT/ Monitoraggio benthos LIFE 13 NAT/IT/000115 coastal lagoon long term management Action A6: Monitoraggio ex-ante acque e benthos Monitoraggio benthos Michele Mistri Cristina Munari Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie

Dettagli

Corso di Ecologia Forestale

Corso di Ecologia Forestale Corso di Ecologia Forestale Donatella Spano Dipartimento di Economia e Sistemi Arborei Università di Sassari spano@uniss.it Copyright 2006 Università di Sassari Paesaggio Porzione del territorio dove ricorre

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 07_CEN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 07_CEN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) - 0700900907* Capo Mele (Confine Andora-) Confine Ceriale 19,7 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice

Dettagli

Gli anfibi degli ambienti fluviali piemontesi: Biodiversità e conservazione

Gli anfibi degli ambienti fluviali piemontesi: Biodiversità e conservazione Gli anfibi degli ambienti fluviali piemontesi: Biodiversità e conservazione Dott. Daniele Seglie Dipartimento di Biologia Animale e dell Uomo, Università degli Studi di Torino Introduzione Gli ambienti

Dettagli

Corso di Ecologia Forestale

Corso di Ecologia Forestale Corso di Ecologia Forestale Donatella Spano Dipartimento di Economia e Sistemi Arborei Università di Sassari spano@uniss.it Copyright 2006 Università di Sassari Ecologia oikos = dimora logos = discorso,

Dettagli

5.1 - CONSUMO DI ACQUA PER USO DOMESTICO E PERDITE DI RETE

5.1 - CONSUMO DI ACQUA PER USO DOMESTICO E PERDITE DI RETE 5.1 - CONSUMO DI ACQUA PER USO DOMESTICO E PERDITE DI RETE Collaborazione ISPRA ISTAT es. Tavolo Tecnico ISTAT inerente le problematiche del censimento delle risorse idriche ISTAT 2011: Consumo pro-capite

Dettagli

ENVIROCONSULT S.r.l. - Via A. D Isernia, NAPOLI Cap. Soc ,00 Tel. 081/ Fax 081/ P. IVA e C.F. n Sito Web

ENVIROCONSULT S.r.l. - Via A. D Isernia, NAPOLI Cap. Soc ,00 Tel. 081/ Fax 081/ P. IVA e C.F. n Sito Web ENVIROCONSULT S.r.l. - Via A. D Isernia, 28-80122 NAPOLI Cap. Soc. 10.000,00 Tel. 081/0586765 - Fax 081/0586765 P. IVA e C.F. n. 06334181218 Sito Web : www.enviroconsult.it email: info@enviroconsult.it

Dettagli

Biologia ambientale Offerta formativa 2016/ ANNO 1 Periodo didattico SSD Docente CFU Programmi - Biodiversità delle biocenosi animali

Biologia ambientale Offerta formativa 2016/ ANNO 1 Periodo didattico SSD Docente CFU Programmi - Biodiversità delle biocenosi animali 1 Opzionale A Biologia ambientale Offerta formativa 201/2017 1 Periodo didattico SSD Docente CFU Programmi - Biodiversità delle biocenosi animali BIO/05 V. D Urso - Tutela e Gestione della fauna BIO/05

Dettagli

Influenza del cambiamento climatico sulla biodiversità e sugli ecosistemi delle aree Protette

Influenza del cambiamento climatico sulla biodiversità e sugli ecosistemi delle aree Protette Perché si parla di cambiamenti climatici? Queste sono alcune delle variazioni finora riscontrate (i fatti): Negli ultimi 150 anni la temperatura media della superficie terrestre è aumentata di circa 0.74

Dettagli

Cambiamenti climatici: effetti strutturali e biologici sul mare Adriatico

Cambiamenti climatici: effetti strutturali e biologici sul mare Adriatico Convegno Dal globale al Locale (Ferrara, 10-11 maggio 07) Cambiamenti climatici: effetti strutturali e biologici sul mare Adriatico Attilio Rinaldi Direttore Struttura Oceanografica Daphne ARPA Emilia-Romagna

Dettagli

STUDIO B.6.72 B/10 ATTIVITÀ DI RILEVAMENTO PER IL MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI PRODOTTI DALLA COSTRUZIONE DELLE OPERE ALLE BOCCHE LAGUNARI

STUDIO B.6.72 B/10 ATTIVITÀ DI RILEVAMENTO PER IL MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI PRODOTTI DALLA COSTRUZIONE DELLE OPERE ALLE BOCCHE LAGUNARI Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia Palazzo Franchetti S. Marco 2847 30124 Venezia Tel. +39.041.2402511 Fa +39.041.2402512 Progetto STUDIO B.6.72 B/10

Dettagli

Descrittore 2. Specie non Indigene

Descrittore 2. Specie non Indigene PROPOSTE PER LA DEFINIZIONE DEL BUONO STATO AMBIENTALE E DEI TRAGUARDI AMBIENTALI 30 Aprile 2013 Descrittore 2 Specie non Indigene INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROPOSTE PER LA DEFINIZIONE DEL GES...

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Piemonte

La Rete Natura 2000 in Piemonte Il PSR per la tutela della biodiversità La in Piemonte Marina Cerra Torino, 13 dicembre 2010 Settore Pianificazione e Gestione Aree naturali protette Conservazione della natura approcci diversi nel tempo

Dettagli

Foto 2: sezione trasversale di coralligeno (Foto di Pinneggiando-M. Bertolino & M.P. Ferranti).

Foto 2: sezione trasversale di coralligeno (Foto di Pinneggiando-M. Bertolino & M.P. Ferranti). Forse non tutti sanno che anche nel Mar Mediterraneo esistono le scogliere coralline come nei mari tropicali. Le scogliere coralline mediterranee prendono il nome di coralligeno (Foto 1) termine con il

Dettagli

Marine Strategy in Italia

Marine Strategy in Italia Marine litter: più gestione a terra meno rifiuti in mare Approcci e soluzioni a partire dal progetto Life + SMILE Marine Strategy in Italia Irene Di Girolamo Ministero dell Ambiente e della Tutela del

Dettagli

Indicatori BD dopo SEBI

Indicatori BD dopo SEBI Ancona, 21 Giugno 2013 WWF Save biodiversity.mp4 Ostacolo semantico? Ma non solo. Funzioni e caratteristiche di un indicatore Funzioni Descrittiva Verifica risultati Scelta fra ipotesi interpretative

Dettagli

Purtroppo l'ente Parco del Gargano e le Amministrazioni, se pur a conoscenza della nostra iniziativa, si sono totalmente disinteressate.

Purtroppo l'ente Parco del Gargano e le Amministrazioni, se pur a conoscenza della nostra iniziativa, si sono totalmente disinteressate. Isole Tremiti li, 02.10.2013 Comunicato Stampa Borsa di Studio MARE TREMITI 2013 > (LABORATORIO DEL MARE MARLINTREMITI) Grazie alle borse di studio messe a disposizione dal MARLINTREMITI, 4 studenti selezionati

Dettagli

13 dicembre Descrizione dell attività didattica

13 dicembre Descrizione dell attività didattica 13 dicembre 2007 Descrizione dell attività didattica 13 dicembre 2007 Modulo didattico 3 interventi per le scuole superiori (lezione frontale in aula + uscita di campo + laboratorio) 2 interventi per le

Dettagli

P.A.N. Palazzo Marini Sala delle Conferenze

P.A.N. Palazzo Marini Sala delle Conferenze P.A.N. PREVENZIONE ALIMENTAZIONE NUTRIZIONE ALIMENTAZIONE, AMBIENTE E SOSTENIBILITÁ Roma, 19 ottobre 2010 CAMERA DEI DEPUTATI CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Conferenze DIETA MEDITERRANEA

Dettagli

Effetti dell estrazione di sabbie marine sulla comunità macrozoobentonica delle sabbie relitte dell Adriatico Settentrionale

Effetti dell estrazione di sabbie marine sulla comunità macrozoobentonica delle sabbie relitte dell Adriatico Settentrionale Effetti dell estrazione di sabbie marine sulla comunità macrozoobentonica delle sabbie relitte dell Adriatico Settentrionale I. Ansaloni a, E. Baraldi a, M. Mauri a, G. Montanari b, A.M. Pagliai a, M.

Dettagli

Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Servizio Meteorologico. Precipitazioni sul Veneto. Anno Francesco Rech Irene Delillo

Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Servizio Meteorologico. Precipitazioni sul Veneto. Anno Francesco Rech Irene Delillo Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Servizio Meteorologico Precipitazioni sul Veneto Francesco Rech Irene Delillo Anno 2013 Precipitazioni anno 2013 considerazioni generali Nell anno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. Allegato D) al Verbale n. 3 GIUDIZI ANALITICI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. Allegato D) al Verbale n. 3 GIUDIZI ANALITICI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Procedura selettiva 2016RUA02 - Allegato 13 per l assunzione di n. 1 posto di ricercatore a tempo determinato, con regime di impegno a tempo pieno, presso il Dipartimento

Dettagli

Viamare PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER CONOSCERE IL MARE E LA FASCIA COSTIERA

Viamare PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER CONOSCERE IL MARE E LA FASCIA COSTIERA Viamare PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PER CONOSCERE IL MARE E LA FASCIA COSTIERA LE ATTIVITA Classi prime elementari I Ricordi del mare Conoscenza degli organismi marini scelti fra quelli più comuni.

Dettagli

Agenda 2000 (o Agenda di Rio)

Agenda 2000 (o Agenda di Rio) Varese, 29 marzo 2012 Vive solo chi si muove Le reti ecologiche per la conservazione della biodiversità La biodiversità e l importanza delle reti ecologiche Giuseppe Bogliani Università di Pavia Agenda

Dettagli

Monitoraggio con bioindicatori: Ragni. Chiarle Alberto, Isaia Marco

Monitoraggio con bioindicatori: Ragni. Chiarle Alberto, Isaia Marco Monitoraggio con bioindicatori: Ragni Chiarle Alberto, Isaia Marco I ragni si trovano in ogni dove, e nessun luogo è troppo sacro per la loro presenza (Jambunathan, 1905) 300 milioni di anni di grande

Dettagli

I paesaggi costieri e lagunari

I paesaggi costieri e lagunari Piano paesaggistico regionale workshop I paesaggi costieri e lagunari La parte strategica del Piano Paesaggistico Regionale Mauro Pascolini Università di Udine Grado 9 marzo 2015 La struttura del Piano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA a cura di OGS ed ARPA FVG

COMUNICATO STAMPA a cura di OGS ed ARPA FVG COMUNICATO STAMPA a cura di OGS ed ARPA FVG Il 20 aprile 2012, presso la sala Tessitori della Regione Friuli Venezia Giulia, si è svolto il workshop Effetti della bora sull Adriatico settentrionale: l

Dettagli

Zaupa S.! "# Boggero A. Rossaro B. Bettinetti R. Buscarinu P. Sesia E.

Zaupa S.! # Boggero A. Rossaro B. Bettinetti R. Buscarinu P. Sesia E. Zaupa S.! "# Boggero A. Rossaro B. Bettinetti R. Buscarinu P. Sesia E. Il progetto finanziato per l implementazione della Direttiva 2000/60/CE ha lo scopo di definire lo stato ecologico e il potenziale

Dettagli

LE BARRIERE ARTIFICIALI SOMMERSE NELL ESPERIENZA ABRUZZESE: UNA OPPORTUNITA DI ACCRESCIMENTO DELLE RISORSE ITTICHE. Floriana Ciarrocchi

LE BARRIERE ARTIFICIALI SOMMERSE NELL ESPERIENZA ABRUZZESE: UNA OPPORTUNITA DI ACCRESCIMENTO DELLE RISORSE ITTICHE. Floriana Ciarrocchi LE BARRIERE ARTIFICIALI SOMMERSE NELL ESPERIENZA ABRUZZESE: UNA OPPORTUNITA DI ACCRESCIMENTO DELLE RISORSE ITTICHE La ricerca scientifica applicata nella pesca L IZS A&M è un Ente Sanitario che istituzionalmente

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Biodiversità e paesaggio. Bruno Zanon Comitato Scientifico step

Biodiversità e paesaggio. Bruno Zanon Comitato Scientifico step Biodiversità e paesaggio Bruno Zanon Comitato Scientifico step Biodiversità Diversità biologica: molteplicità degli esseri viventi; molteplicità degli ecosistemi. Diversità genetica (variabilità tra gli

Dettagli

NEU NOUVEAU NUOVO NOVO

NEU NOUVEAU NUOVO NOVO Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine NEU NOUVEAU NUOVO NOVO 08.11.2006 IX Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference TOP / POJ / ODG / TDR 10 IT OL: DE AGENDA

Dettagli

Biodiversità e territorio: un legame imprescindibile

Biodiversità e territorio: un legame imprescindibile Biodiversità e territorio: un legame imprescindibile Vincenzo Maria Molinari Regione PIemonte Direzione Ambiente Settore Sostenibilità,, Salvaguardia ed Educazione Ambientale La biodiversità La varietà

Dettagli

Studio scientifico delle interazioni tra gli organismi ed il loro ambiente (Haeckel)

Studio scientifico delle interazioni tra gli organismi ed il loro ambiente (Haeckel) Principi di Ecologia Dipartimento di Biologia Animale-Università di Pavia Dott. Nicola Gilio Definizioni di ecologia Studio scientifico delle interazioni tra gli organismi ed il loro ambiente (Haeckel)

Dettagli

Dalle criticità idrauliche alla gestione della vegetazione: la manutenzione dei corsi d acqua nell approccio regionale

Dalle criticità idrauliche alla gestione della vegetazione: la manutenzione dei corsi d acqua nell approccio regionale LA GESTIONE DELLA VEGETAZIONE RIPARIALE TRA RISCHIO IDRAULICO E TUTELA DELLA BIODIVERSITÀ E DEL PAESAGGIO Dalle criticità idrauliche alla gestione della vegetazione: la manutenzione dei corsi d acqua nell

Dettagli

Elaborato a cura di M. Lega

Elaborato a cura di M. Lega Come nasce l Osservatorio Forma spontanea di partenariato istituzionale per finalità di servizio, fondata sull aggregazione, organizzazione delle specifiche capacità e risorse d eccellenza di ogni singolo

Dettagli

La pesca in Alto Adriatico e Laguna di Venezia dalla caduta della Serenissima ad oggi: un analisi storica ed ecologica

La pesca in Alto Adriatico e Laguna di Venezia dalla caduta della Serenissima ad oggi: un analisi storica ed ecologica La pesca in Alto Adriatico e Laguna di Venezia dalla caduta della Serenissima ad oggi: un analisi storica ed ecologica Dr. S. Raicevich (ICRAM, STS Chioggia) CONTESTO ISTITUZIONALE ENTI FINANZIATORI ISTITUZIONI

Dettagli

A SCUOLA CON GLI ANIMALI

A SCUOLA CON GLI ANIMALI COOPERATIVA MICROCOSMO Società cooperativa a responsabilità limitata Sede legale: via Maggiore Toselli, 32-90143 - Palermo P.Iva 06488550820 cell. 3492318348 Pec: microcosmosoc.coop.arl@pec.confcommercio.pa.it

Dettagli

Selvicoltura sistemica e possibili attivitànegli habitat forestali: dalle utilizzazioni agli interventi complementari

Selvicoltura sistemica e possibili attivitànegli habitat forestali: dalle utilizzazioni agli interventi complementari Introduzione alla Gestione Forestale Sostenibile nelle Aree Protette Piano Vomano di Crognaleto - 22 settembre 2011-09-19 Selvicoltura sistemica e possibili attivitànegli habitat forestali: dalle utilizzazioni

Dettagli

Piano di monitoraggio ambientale (fase di esercizio) del Terminale GNL di Porto Viro e della condotta di collegamento alla terraferma

Piano di monitoraggio ambientale (fase di esercizio) del Terminale GNL di Porto Viro e della condotta di collegamento alla terraferma Piano di monitoraggio ambientale (fase di esercizio) del Terminale GNL di Porto Viro e della condotta di collegamento alla terraferma Relazione tecnico scientifica Fase di esercizio provvisorio I Anno

Dettagli

TOSCANA: LA CONSERVAZIONE DELLA NATURA Martedì 06 Aprile :58

TOSCANA: LA CONSERVAZIONE DELLA NATURA Martedì 06 Aprile :58 Biodiversità, agroecosistemi, report ambientali. Relazione sullo stato dell ambiente in Toscana 2009: i dati presentati nel capitolo dedicato alla conservazione della natura si riferiscono, in questo numero,

Dettagli

lez. 1 Areali delle piante: il macroclima

lez. 1 Areali delle piante: il macroclima Università degli Studi della Tuscia Dip. DAFNE Modulo di Geobotanica Applicata (Dott. Goffredo Filibeck) lez. 1 Areali delle piante: il macroclima areale =distribuzione geografica = l area geografica all

Dettagli

Scelta Scelt a delle delle sta sta i z oni n idi cam ca pi onamen o Per Pe la selezione sele zione delle delle loc loc lità lit à da monit

Scelta Scelt a delle delle sta sta i z oni n idi cam ca pi onamen o Per Pe la selezione sele zione delle delle loc loc lità lit à da monit Progetto CARISMA Prima campagna di campionamenti IL RISCHIO ECOLOGICO PER l ECOSISTEMA MARINO COSTIERO DERIVANTE DALL UTILIZZO DELLE PITTURE ANTIVEGETATIVE 13 Dicembre 2012 ENEA Via Giulio Romano, 41 Roma

Dettagli

Metodologie analitiche di riferimento

Metodologie analitiche di riferimento Protocolli di intesa MATTM - Regioni per l esecuzione di attività di indagine integrative ai fini della attuazione della strategia marina di cui al DLgs. 190/2010 Metodologie analitiche di riferimento

Dettagli

9 IL BACINO DEL TORRENTE VENTENA

9 IL BACINO DEL TORRENTE VENTENA 9 IL BACINO DEL TORRENTE VENTENA Pagina 83 9.1 GENERALITÀ Il bacino del torrente Ventena confina in sinistra idrografica con il bacino del Conca ed in destra con i bacini del Foglia e del Tavollo. Il bacino

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Liguria. Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale

La Rete Natura 2000 in Liguria. Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale La Rete Natura 2000 in Liguria Paola Carnevale Regione Liguria - Settore Progetti e programmi per la tutela e la valorizzazione ambientale SIC e Rete Ecologica direttiva habitat - 43/1992/CEE individua

Dettagli

Gli alieni sono nei mari di Taranto: chi sono? da dove vengono? cosa fanno? Antonella Petrocelli

Gli alieni sono nei mari di Taranto: chi sono? da dove vengono? cosa fanno? Antonella Petrocelli Antonella Petrocelli Gli alieni sono nei mari di Taranto: chi sono? da dove vengono? cosa fanno? Istituto per l Ambiente Marino Costiero (IAMC)- CNR, UOS Taranto Alternanza Scuola-Lavoro A.S. 2016/2017

Dettagli

Relazione sul programma di ECORENDICONTO

Relazione sul programma di ECORENDICONTO Relazione sul programma di ECORENDICONTO Area Marina Protetta Torre del Cerrano Elenco e superficie biocenosi A cura di Daniele Cargini Alessandro Lombardi Data: 30.11.2016 Per approfondimenti: http://www.torredelcerrano.it/carta-europea-per-il-turismo-sostenibile/ecorendiconto.html

Dettagli

Prof. Letterio Guglielmo Dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali - UNIME

Prof. Letterio Guglielmo Dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali - UNIME Workshop I laghi di Capo Peloro: stato delle conoscenze ed ipotesi di sviluppo 19 Ottobre 2012, Monte di Pietà - Messina Prof. Letterio Guglielmo Dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali - UNIME

Dettagli

La problematica delle specie alloctone nei mari di Taranto

La problematica delle specie alloctone nei mari di Taranto La problematica delle specie alloctone nei mari di Taranto Ester Cecere IAMC-CNR, Talassografico A. Cerruti, Taranto Giovanni Fanelli, Antonella Petrocelli, Fernando Rubino Cosa è una specie alloctona?

Dettagli

Progetti didattici per le scuole

Progetti didattici per le scuole Parlando di MARE Progetti didattici per le scuole 2016-2017 Fondazione Cetacea Onlus Centro di Educazione Ambientale Via Torino 7/A- 47838 Riccione Tel.e fax 0541/691557 www.fondazionecetacea.org e-mail:

Dettagli

ATTIVITA PARCOSCUOLA

ATTIVITA PARCOSCUOLA ATTIVITA PARCOSCUOLA 2012-2014 Proposte accreditate dall Ente ROMANATURA INTRODUZIONE Per scegliere i temi, gli aspetti logistici e le aree protette per le proposte del progetto PARCOSCUOLA 2012 2014 ci

Dettagli

Biodiversità Vegetale dalle popolazioni ai sistemi ambientali. Carlo Ferrari Università di Bologna

Biodiversità Vegetale dalle popolazioni ai sistemi ambientali. Carlo Ferrari Università di Bologna Biodiversità Vegetale dalle popolazioni ai sistemi ambientali Carlo Ferrari Università di Bologna Il ruolo centrale delle piante per la vita sulla Terra Tutti i processi biologici dipendono dall' assorbimento

Dettagli

ASSE II. Obiettivi, articolazione e criticità. Parte I - Agricoltura. Antonella Trisorio Istituto Nazionale di Economia Agraria

ASSE II. Obiettivi, articolazione e criticità. Parte I - Agricoltura. Antonella Trisorio Istituto Nazionale di Economia Agraria Rete Rurale Nazionale 2007-2013 Principi e strumenti della Politica di Sviluppo Rurale Hotel Diana, Roma, 8 settembre 2009 ASSE II Obiettivi, articolazione e criticità Parte I - Agricoltura Antonella Trisorio

Dettagli

Incontro di consultazione pubblica Venezia, 6 luglio 2017

Incontro di consultazione pubblica Venezia, 6 luglio 2017 Inquadramento norma-vo europeo: le linee guida europee sull ecological flow Il conceao di deflusso ecologico in Europa A Blueprint to safeguard Europe s water resources, 2012 (Piano per la salvaguardia

Dettagli

Dipartimento Biologia e Biotecnologie C. Darwin. Luigi Boitani. Strategie e tattiche della conservazione della biodiversità

Dipartimento Biologia e Biotecnologie C. Darwin. Luigi Boitani. Strategie e tattiche della conservazione della biodiversità Dipartimento Biologia e Biotecnologie C. Darwin Luigi Boitani Strategie e tattiche della conservazione della biodiversità Proiezioni delle Nazioni Unite per la crescita della popolazione umana nel 2050

Dettagli

THE RHINE RIVER Olanda

THE RHINE RIVER Olanda Scheda n. Tipologia di intervento 05 3, 4 Creazione canali secondari, modifiche della sezione trasversale THE RHINE RIVER Olanda OBIETTIVI Maggior spazio per i processi fluviali per incrementare la diversità

Dettagli

METODOLOGIE PER IL MONITORAGGIO DI POPOLAZIONI DI CETACEI

METODOLOGIE PER IL MONITORAGGIO DI POPOLAZIONI DI CETACEI METODOLOGIE PER IL MONITORAGGIO DI POPOLAZIONI DI CETACEI Relatore interno: prof.ssa Elvira De Matthaeis Relatore esterno: dott.ssa Antonella Arcangeli, APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per

Dettagli

FACOLTA DI ARCHITETTURA

FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO Laboratorio di Pianificazione del Paesaggio Insegnamento Paesaggio Docente: SISTEMI DI CLASSIFICAZIONE DEL PAESAGGIO SOMMARIO 1) Basi teoriche: l ecologia

Dettagli

Posidonia oceanica. Posidonia oceanica

Posidonia oceanica. Posidonia oceanica Life Poseidone Life Poseidone Posidonia oceanica Posidonia oceanica Foto: Scuba divers Assopaguro La Posidonia oceanica è fanerogama marina (pianta superiore)tipica del Mar Mediterraneo. Forma delle praterie

Dettagli

La qualità nella statistica ambientale

La qualità nella statistica ambientale X CONFERENZA NAZIONALE DI STATISTICA Sessione Qualità della statistica ufficiale La qualità nella statistica ambientale Daniela Cocchi, Università di Bologna Roma, 16 dicembre 2010 I cambiamenti ambientali

Dettagli

Malattie da vettore e Zika virus: Prevenzione e comunicazione Perugia 21 aprile 2016 Zanzare invasive in Italia: Caratteristiche e diffusione

Malattie da vettore e Zika virus: Prevenzione e comunicazione Perugia 21 aprile 2016 Zanzare invasive in Italia: Caratteristiche e diffusione Malattie da vettore e Zika virus: Prevenzione e comunicazione Perugia 21 aprile 2016 Zanzare invasive in Italia: Caratteristiche e diffusione Dott. Fabrizio Montarsi Lab. di Parassitologia Cosa vuol dire

Dettagli

Biodiversità e restauro delle praterie semi-naturali

Biodiversità e restauro delle praterie semi-naturali 13-14 giugno 2017 Dalla Cultura del Verde alla Cultura del Paesaggio Palazzo di Giano, Sala Maggiore, Pistoia Biodiversità e restauro delle praterie semi-naturali Michele Scotton DIPARTIMENTO DI AGRONOMIA

Dettagli

DOCUP PESCA 2000/ Sottoprogramma Abruzzo - Misura 3.1 Protezione e sviluppo delle risorse acquatiche Codice progetto 02/BA/03/AB

DOCUP PESCA 2000/ Sottoprogramma Abruzzo - Misura 3.1 Protezione e sviluppo delle risorse acquatiche Codice progetto 02/BA/03/AB Progetto per la realizzazione di un area da destinare allo sviluppo e protezione delle risorse acquatiche nella provincia di Chieti prospiciente i Comuni di Ortona e S. Vito Chietino Monitoraggio delle

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2010/477/UE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2010/477/UE) L 232/14 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 2.9.2010 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 1 o settembre 2010 sui criteri e gli standard metodologici relativi al buono stato ecologico delle acque marine

Dettagli

Indagine ecologica. 100 fontanili dall Adda al Ticino sistemi ambientali di connessione per la rete ecologica

Indagine ecologica. 100 fontanili dall Adda al Ticino sistemi ambientali di connessione per la rete ecologica Laura Marziali Fabrizio Stefani Raffaella Balestrini Franco Salerno Istituto di Ricerca sulle Acque UOS Brugherio Via del Mulino 19, 20861 Brugherio (MB) 100 fontanili dall Adda al Ticino sistemi ambientali

Dettagli

MECCANISMI D AZIONE DELLE ESPOSIZIONI AMBIENTALI ED OCCUPAZIONALI A CAMPI MAGNETICI ELF: VALUTAZIONE DELLE HSP IN PBL DI SOGGETTI ESPOSTI

MECCANISMI D AZIONE DELLE ESPOSIZIONI AMBIENTALI ED OCCUPAZIONALI A CAMPI MAGNETICI ELF: VALUTAZIONE DELLE HSP IN PBL DI SOGGETTI ESPOSTI MECCANISMI D AZIONE DELLE ESPOSIZIONI AMBIENTALI ED OCCUPAZIONALI A CAMPI MAGNETICI ELF: VALUTAZIONE DELLE HSP IN PBL DI SOGGETTI ESPOSTI HEAT SHOCK PROTEINS (HSP70): SONO PROTEINE COINVOLTE NELLA RISPOSTA

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 26_MAR

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 26_MAR a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) Foce Magra 0701101126 Punta Corvo Confine con 8,8 * Regione Toscana * Il codice è costruito con i seguenti campi:

Dettagli

bentoniche dei fondi sabbiosi in cinque stazioni selezionate lungo le coste della Campania

bentoniche dei fondi sabbiosi in cinque stazioni selezionate lungo le coste della Campania ? Comunità bentoniche dei fondi sabbiosi in cinque stazioni selezionate lungo le coste della Campania S. Flagella 1,2, R. Guglielmo 1,2, M. C. Gambi 2 1 Settore1Area Gestione Ambiente ed Ecologia Costiera

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 12_LER

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 12_LER a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0700901012 * Punta dell Aspera (confine Celle- Varazze) Punta S. Martino (porticciolo di ) 16,1 * Il codice è costruito

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 05_IMP

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 05_IMP a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0700800805 Foce Rio San Lorenzo Capo Berta 21,4 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO 2014 ACQUE DI TRANSIZIONE LAGHETTI DI TINDARI

RELAZIONE ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO 2014 ACQUE DI TRANSIZIONE LAGHETTI DI TINDARI RELAZIONE ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO 2014 ACQUE DI TRANSIZIONE LAGHETTI DI TINDARI Con le attività del 2014, che hanno previsto la valutazione dello Stato Ecologico ai sensi del DM 260/2010 dei corpi idrici

Dettagli

VALLEVECCHIA V A L L E V E C C H I A

VALLEVECCHIA V A L L E V E C C H I A 2_CENTRO DI ANIMAZIONE RURALE VALLEVECCHIA ValleVecchia si inserisce nell area del litorale veneziano in prossimità dei grandi lidi di Caorle e Bibione, tipico esempio del connubio fra ambiente naturale

Dettagli

DIPARTIMENTO TERRITORIO E SISTEMI AGRO-FORESTALI

DIPARTIMENTO TERRITORIO E SISTEMI AGRO-FORESTALI Prof. Lucio Montecchio Tree Fitness Laboratory AGRIPOLIS Viale dell Università 16 35020 LEGNARO (Padova) Tel. +39.049.8272883; +39.366.6685837 Fax 049.827.2890 P.IVA 00742430283 Spett.le Consorzio di Bonifica

Dettagli

M. Baldi, V. Ciardini, J.D. Dalu, G. Maracchi

M. Baldi, V. Ciardini, J.D. Dalu, G. Maracchi Dip.. di Scienze Agronomiche e Gestione del Territorio Agro-forestale Fondazione per il Clima e la Sostenibilità AGGIORNAMENTO DELLO STUDIO SULLA PERICOLOSITA METEOROLOGICA A SCALA NAZIONALE Grandine,

Dettagli

2 3 4 5 6 7 8 9 10 12,999,976 km 9,136,765 km 1,276,765 km 499,892 km 245,066 km 112,907 km 36,765 km 24,159 km 7899 km 2408 km 76 km 12 14 16 3 6 11 1 7 1 2 5 3 12 4 9 10 8 18 20 21 22 23 24 25 26 28

Dettagli

Diverse tipologie idrogeomorfologiche: fiordi, estuari, lagune, stagni

Diverse tipologie idrogeomorfologiche: fiordi, estuari, lagune, stagni Parma 6 febbraio 2008 Quadro sinottico delle problematiche delle aree di transizione dell'alto adriatico e obiettivi di qualità definiti dalla WFD 2000/60/CE Giorgio Mattassi Diverse tipologie idrogeomorfologiche:

Dettagli

Mario Iacob ISIS C.Percoto UD Daniela Novel - ISIS A.Malignani UD. Il caleidoscopio dei viventi: qual è il filo conduttore della biodiversità?

Mario Iacob ISIS C.Percoto UD Daniela Novel - ISIS A.Malignani UD. Il caleidoscopio dei viventi: qual è il filo conduttore della biodiversità? Mario Iacob ISIS C.Percoto UD Daniela Novel - ISIS A.Malignani UD Il caleidoscopio dei viventi: qual è il filo conduttore della biodiversità? Articolo 2 della Convenzione sulla diversità biologica o biodiversità

Dettagli

Bologna, 11 dicembre Clara Bravi, Regione Lombardia - Pietro Genoni, ARPA Lombardia

Bologna, 11 dicembre Clara Bravi, Regione Lombardia - Pietro Genoni, ARPA Lombardia 1 Il progetto di gestione - obiettivi Pianificazione ed attuazione delle operazioni di gestione del materiale sedimentato nell invaso (svaso, sfangamento, spurgo). Assicurare il mantenimento e ripristino

Dettagli

o I I I I I I _j_j_j_ i i i i i i _j_j_j_ ~_j_j_ 'j'..ti~ UTET LIBRERIA

o I I I I I I _j_j_j_ i i i i i i _j_j_j_ ~_j_j_ 'j'..ti~ UTET LIBRERIA o I I I I I I _j_j_j_ i i i i i i _j_j_j_ ~_j_j_ 'j'..ti~ UTET LIBRERIA Istituto Unlvefsltorlo Architettura Venezia V2JA 283 Servizio Bibliografico Audiovi~vo e di Documentazione ALMO FARINA ECOLOGIA DEL

Dettagli