Accordo di mutuo riconoscimento dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e misura emessi dagli Istituti Metrologici Nazionali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accordo di mutuo riconoscimento dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e misura emessi dagli Istituti Metrologici Nazionali"

Transcript

1 Accordo di mutuo riconoscimento dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e misura emessi dagli Istituti Metrologici Nazionali A cura di Mercede Bergoglio e Anita Calcatelli I.N.R.M. Pagina iniziale del testo del CIPM MRA (2003) dal sito: http:

2 L Accordo di Mutuo Riconoscimento é il secondo evento internazionale importante dopo la sigla della Convenzione del Metro e rappresenta un notevole passo avanti per eliminare le barriere tecniche al libero commercio. Esso è stato firmato a Parigi il 14 Ottobre 1999 durante la 21 a Conferenza Generale dei Pesi e delle Misure (CGPM), uno dei principali organismi della Convenzione del Metro di cui si è celebrato il 20 Maggio 2005 il 130 anniversario. I direttori degli Istituti Metrologici Nazionali (IMN) di 38 dei 48 Stati Membri della Convenzione del Metro e due Organizzazioni Internazionali hanno firmato questo accordo (MRA). Per l Italia questo importante accordo è stato firmato dal Prof. Sigfrido Leschiutta, già Presidente dell Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris (IEN), a nome dei tre Istituti Metrologici Italiani (Istituto di Metrologia Gustavo Colonnetti -IMGC del CNR, IEN ed Istituto Nazionale di Metrologia delle Radiazioni Ionizzanti- INMRI dell ENEA), che oggi sono due essendo stati accorpati IEN ed IMGC nell I.N.RI.M. A inizio 2009 il MRA è stato firmato dai rappresentanti di 74 laboratori in rappresentanza di 46 Stati membri, da 26 paesi associati (una nuova forma di adesione alla CGPM proprio per favorire la massima partecipazione all MRA anche per i paesi che non intendano formalmente entrare a far parte della Convenzione del Metro) e da due organizzazioni internazionali (IAEA- Vienna, International Atomic Energy Agenzia-Agenzia Internazionale dell Energia Atomica, e IRMM-Geel, Institute of Reference Materials and Measurements-Istituto dei Materiali di Riferimento e Misure). L MRA è stato elaborato sotto l egida del Comitato Internazionale dei Pesi e delle Misure (CIPM) e con un lavoro preparatorio che ha coinvolto tutte le strutture della Convenzione del Metro, ed in particolare il Laboratorio Internazionale dei Pesi e delle Misure (BIPM), e gli Istituti Metrologici Nazionali anche attraverso le loro organizzazioni regionali (RMO). L MRA non è un trattato diplomatico, ma un accordo tecnico. Per stabilire i criteri di riconoscimento mutuo su basi oggettive, quest'accordo si basa sui risultati di un insieme di

3 confronti chiave effettuati secondo procedure specificate che conducono ad una valutazione del grado di equivalenza fra i diversi campioni di misura nazionali, sulla dimostrazione della capacità di taratura e misura e sulla messa in opera da parte di ciascun partecipante di mezzi appropriati a garantire la qualità delle misure. Il risultato complessivo di queste azioni indica alle istituzioni partecipanti il grado di fiducia che ciascuno può riporre nei risultati degli altri, la qual cosa dà luogo ad una documentata fiducia reciproca, ovvero stabilisce il grado di equivalenza dei campioni di misura che è inteso come grado di compatibilità di detti campioni ai valori di riferimento determinati sulla base dei confronti chiave. I gradi di equivalenza indicano dunque in quale misura i campioni sono tra loro compatibili. Quest'accordo comprende due parti: nella prima, i firmatari riconoscono il grado di equivalenza dei campioni di misura nazionali degli istituti nazionali partecipanti; (per l Italia i campioni sono definiti per Decreto Ministeriale) I.N.RI.M. ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA Strada delle Cacce, TORINO (Italia) pag. 1/ 2 Oggetto CERTIFICATO DI TARATURA N. xx-xxx-xx emesso il Modello/Tipo Identificazione Costruttore Data della taratura Procedura applicata Registro di laboratorio Committente nella seconda, i firmatari riconoscono la validità dei certificati di taratura e di misura emessi dagli istituti partecipanti. Indirizzo Responsabile della taratura Firmatario autorizzato Responsabile Divisione Il presente certificato attesta la riferibilità delle misure ai Campioni Nazionali (D.M. n. 591/1993) e alle unità di misura realizzate all INRIM o in altri Istituti Metrologici Primari ai sensi della Legge n. 273/1991. I risultati qui riportati si riferiscono esclusivamente agli oggetti descritti e alle condizioni di misura specificate. L autenticità del presente certificato è attestata dall apposizione in originale delle firme e del timbro a secco. La riproduzione del presente certificato è ammessa solo in copia conforme integrale; la riproduzione in copia conforme parziale è ammessa solo su autorizzazione scritta rilasciata dall INRIM, da riportare con il numero di protocollo sulla riproduzione Dunque gli obiettivi del MRA sono: stabilire il grado di equivalenza dei campioni nazionali di misura mantenuti dagli IMN; provvedere al mutuo riconoscimento dei certificati di taratura e misura emessi dagli Imn; fornire ai governi ed alle diverse parti interessate un solido fondamento tecnico per ulteriori e più estesi accordi legati al commercio internazionale ed alle attività di regolamentazione e normative.

4 I mezzi messi in opera dal MRA sono: la predisposizione di regole che riguardano la preparazione e gestione dei confronti delle varie grandezze fisiche o chimiche, detti confronti-chiave, in tutto il mondo gestiti direttamente dal BIPM, dai Comitati Consultivi della CIPM e dalle organizzazioni metrologiche regionali (RMO); ad essi si aggiungono confronti supplementari e bilaterali; la predisposizione di regole per la dimostrazione delle capacità di taratura e misura (CMC) da parte degli IMN; la concreta predisposizione di un sistema di qualità da parte degli IMN a dimostrazione della propria competenza Ogni Istituto che partecipa al MRA ha l impegno di essere parte attiva in tutto il processo sia per i confronti chiave e supplementari, sia per preparare le proprie capacità di taratura e misurazione sia nell applicazione di idonei sistemi a garanzia della qualità a supporto delle proprie capacità di taratura e misura. Tutti i partecipanti riconoscono tutti i risultati, di tutti gli Istituti Metrologici, dei confronti chiave e supplementari e delle CMC dichiarate ed inserite in un database gestito dal BIPM. L MRA impegna gli istituti metrologici ma non necessariamente altre agenzie del loro Paese. La responsabilità delle tarature e delle misure è unicamente dell Istituto Metrologico Nazionale che le effettua, e non si estende, per effetto del MRA, ad alcun altro istituto partecipante. Questo complesso sistema è: messo in atto con il coordinamento complessivo del BIPM sotto gli auspici del CIPM, in virtù dell autorità ad esso conferita dagli Stati membri della Convenzione del Metro; controllato e potenziato dai comitati consultivi del CIPM, dalle organizzazioni metrologiche regionali (RMO) che, con il BIPM, hanno la responsabilità dell organizzazione e della realizzazione dei confronti chiave e supplementari; controllato e diretto da un comitato congiunto delle RMO e del BIPM (chiamato JCRB cioè Comitato congiunto fra le organizzazioni metrologiche regionali ed il BIPM) che ha la responsabilità finale di esaminare le capacità di taratura e misura dichiarate dagli IMN, allo scopo di inserirle nel database.

5 La documentazione del MRA comprende: Il testo dell accordo; una serie di appendici; la lista dei firmatari dell accordo (Appendice A); i risultati di TUTTI i confronti-chiave e supplementari (Appendice B); le capacità di taratura e misura approvate (Appendice C); la lista dei confronti chiave (appendice D); i termini di riferimento del Joint Committee of the Regional Metrology Organization e del BIPM (Appendice E). Tutta questa documentazione è consultabile nel sito web del BIPM: I risultati dei confronti-chiave sono il cardine per garantire e dimostrare la qualità delle proprie misure da parte degli IMN. L Italia, attraverso i suoi Istituti Metrologici Nazionali (prima tre: Istituto di Metrologia Gustavo Colonnetti del CNR-IMGC-CNR, Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris-IEN, Istituto Nazionale di Metrologia delle Radiazioni Ionizzanti INMRI-ENEA, attualmente due: INRIM e INMRI-ENEA) è inserita in queste attività, fin dal suo avvio, con convinzione e determinazione. Le principali organizzazioni metrologiche regionali (RMO) sono: EURAMET (European Association of National Metrology Institutes (costituita nel gennaio 2007, evoluzione di EUROMET), associazione non profit (www.euramet.org). E un entità legale registrata in Germania e quindi segue la legislazione di questo Paese. In EURAMET sono attivi 33 Stati membri e 4 associati, cui va aggiunto il laboratorio IRMM della Comunità Europea. COOMET nei paesi dell Est Europa e Russia, APMP in Asia, SIM in America, SADCMET in Africa

6 Ruolo di EURAMET all interno dell MRA Il ruolo di EURAMET, come delle altre organizzazioni regionali, riguarda essenzialmente: >> Progetti di Confronti: - Coordinamento di RMO Key Comparisons (KC) - Proposte e coordinamento di Supplementary Comparisons >> Revisione delle Calibration and Measurement Capabilities (CMC) degli INM >> Revisione dei Sistemi di Qualità (QS) degli INM. Inoltre suo compito è: >> Documentare il mutuo riconoscimento dei certificati di taratura e misura emessi dagli INM >> Documentare ai governi ed alle altre parti con solide basi tecniche questi risultati utili per più ampi accordi. Progetti europei coordinati da EURAMET già svolti o in corso L organizzazione regionale europea (EUROMET e poi EURAMET) è stata la prima a formarsi su basi volontarie con l intento di armonizzare il più possibile le ricerche metrologiche che si volgevano nei vari Istituti e stabilire una rete solida di collaborazioni, dapprima per i confronti tra campioni e poi anche per l avvio e lo svolgimento di particolari ricerche. Con riunioni periodiche tutti i partecipanti venivano, e vengono, informati di ciò che viene svolto nei vari Istituti partecipanti. Dal 2002 è stato avviato un ampio piano di coordinamento attraverso alcuni progetti specifici proprio con lo scopo di armonizzare e migliorare l assetto metrologico europeo con la collaborazione di vari istituti in particolari progetti. Tutto ciò si è svolto attraverso i seguenti progetti: MERA Planning the European Research Area in Metrology imera Implementing the Metrology European Research Area imera-plus Execution of a European Metrology Research Programme (EMRP)

7 In data la Commissione Europea ha adottato la proposta congiunta del Parlamento Europeo e della Commissione, basata sull articolo 169 del Trattato, di avviare un programma europeo nel campo della metrologia, la scienza della misura, il joint European Metrology Research Programme in the field of Metrology (EMRP), nell ambito del 7 Programma Quadro. EURAMET attraverso imera-plus è, dunque, molto attiva nel coordinamento e nell attuazione dell European Metrology Research Programme (EMRP, ), che rappresenta lo sbocco naturale dei due precedenti programmi. Come si è detto si tratta è un piano per la metrologia europea a lungo termine ed è volto a facilitare l integrazione dei programmi nazionali di ricerca metrologica con l obiettivo generale di accelerare l innovazione e la competitività in Europa nei settori dell energia, della salute, dell ambiente, della sicurezza e, naturalmente, nella metrologia fondamentale e per l industria. Organizzazione di EURAMET EURAMET è organizzata nei Comitati Tecnici AUV, acustica, ultrasuoni e vibrazioni, EM, elettricità e Magnetismo F, Flusso IM, metrologia interdisciplinare IR, radiazioni Ionizzanti L, Lunghezza M, Massa e grandezze correlate, MC, Metrologia in chimica PR, fotometria e Radiometria Q, Qualità T, Termometria TF, Tempo e Frequenza TCC (composto dai presidenti dei vari comitati). Schema dei possibili confronti chiave usati per dimostrare l equivalenza dei campioni nazionali Fino ad ora più di 400 confronti chiave sono stati definiti tra molti dei 75 Istituti Nazionali di Metrologia che partecipano alle attività dei comitati consultivi del CIPM; il loro numero è in continua crescita. Il database (App. B) dei confronti chiave è consultabile nel sito del BIPM; i risultati in esso riportati crescono con continuità e quindi il database stesso è in continua evoluzione. I confronti tra i campioni degli IMN possono essere svolti a livello mondiale direttamente sotto l egida del CIPM, ma di solito coinvolgono molti istituti e vengono occupano molti ricercatori in un considerevole intervallo di tempo; per questo motivo non possono essere facilmente ripetuti su questa scala. Se altri istituti, che non hanno potuto partecipare ad un confronto chiave, vogliono, comunque, essere comparati ai precedenti possono chiedere

8 di attivare dei confronti in un ambito più ristretto. Perché, però, possa stabilirsi un equivalenza occorre che a quest ultimo tipo di confronti partecipino alcuni degli istituti che hanno preso parte a quello più ampio, secondo lo schema riportato nella seguente figura. INM che partecipano a confronti chiave di una Organizzazione Metrologica Regionale (RMO) Istituti Metrologici Nazionali (INM) che partecipano a confronti chiave CIPM INM che partecipano a confronti chiave di una Organizzazione Metrologica Regionale (RMO) INM che partecipano a confronti chiave BIPM già in corso INM che partecipano a confronti chiave bilaterali Organizzazioni internazionali firmatarie del MRA La sequenza di attività e le organizzazioni internazionali che rendono possibile la raccolta, l analisi e la pubblicazione dei risultati è riportata nella seguente figura Istituti Metrologici Nazionali (INM) Campioni Nazionali di Confronti Capacità di taratura Sistemi Confronti supplementari misura chiave e misura qualità a supporto delle (CMC) tarature Comitati Consultivi (CC ) Organizzazioni RMO s Metrologiche Regionali BIPM (RMO) Risultati dei Analizzano e confronti sottopongono a JCRB Comitati Consultivi (CC ) (Comitato congiunto RMO e BIPM) del CIPM informazione Gradi di Approva le capacità equivalenza di taratura e misura Appendice C (MRA) Appendice B (MRA) informazione Database dei confronti chiave (gestione BIPM)

9 Calibration and Measurement Capabilities (CMC) (Capacità di taratura e prova) L allestimento delle CMC ha richiesto molto lavoro e da parte degli istituti proponenti e da parte delle RMO, ed EUROMET-EURAMET in prima linea, che hanno, in vari momenti, stabilito le regole, a più riprese ri-discusse e modificate in modo da presentare una tabella facilmente interpretabile dai potenziali utilizzatori. Il processo di revisione delle CMC è stato, ed è, molto impegnativo e non privo di sorprese. Riportiamo nella seguente tabella un esempio di come ogni IMN presenta le proprie CMC; essa si riferisce ad una piccola parte della tabella generale riguardante la grandezza pressione che l I.N.RI.M. ha presentato al RMO europea per la discussione e conseguente pubblicazione sul database del BIPM. Calibration or Measurement Service Measurand Level or Range Measurement Conditions/Independent Variable Expanded Uncertainty Class Instrument or Artifact Instrument Type or Method Minimum value Maximum value Units Parameter Specifications Value Units Coverage factor Level of Confidence Is the expanded uncertainty a relative one? Comments NMI Service identifier Absolute pressure Vacuum gauge 1E-06 9E-04 Pa 5E-02 p; p pressure in Pa Pa 2 95% No Uncertainty values range from 5E-08 Pa to 4.5E-05 Pa Absolute pressure Absolute pressure Absolute pressure Absolute pressure Vacuum gauge 9E-04 9E-02 Pa Vacuum gauge 9E-02 1E+03 Pa 3E-02p to 1.5E-02p; p pressure in Pa 5.6E-03p to 2E-03p, p pressure in Pa Pa 2 95% No Pa 2 95% No Pressure gauge Gas medium 1E+03 1,2E+05 Pa 0.5 to 2.5 Pa 2 95% No Pressure gauge Gas medium 1,2E+05 5,20E+06 Pa 5E-05p, p pressure in Pa Pa 2 95% No Uncertainty values range from 2.7E-05 Pa to 1.4E-03 Pa Uncertainty values range from 5E-04 Pa to 2 Pa Uncertainty values range from 6Pa to 2.6E+02 Pa Tutto il campo delle pressioni da 10-6 Pa a Pa è coperto da alcune e differenti apparecchiature anche molto complesse che hanno tutte partecipato a confronti a vari livelli. Va notato che: ** La revisione al livello regionale e fra le diverse regioni ha rappresentato, e rappresenterà, una sfida ed un impegno per i comitati tecnici e gli esperti. ** Grazie a questo processo senza precedenti e condotto in maniera molto attenta e scrupolosa le CMC e la riferibilità delle misure al SI ottengono la necessaria mutua fiducia. ** Il numero totale delle CMC-EURAMET pubblicate nella Appendice C del KCDB ammonta attualmente di oltre

10 Un indiretto, non del tutto previsto ma utile, aspetto del CIPM MRA è la possibilità di analizzare in modo approfondito le CMC proposte in funzione della riferibilità, della incertezza in relazione al campo di misura. In conclusione la preparazione e l analisi delle CMC ha dimostrato: >> un ottimo livello di riferibilità delle misure in Europa anche migliore di quanto ottenuto con i precedenti progetti di riferibilità (esperienza EUROMET nei progetti di traceability ); >> che l aggregazione delle CMC al livello del sottocampi (subject field o sub-field) è interessante come copertura del campo di misura, stime di incertezza in relazione alle necessità degli utilizzatori; Questi fatti permettono, e permetteranno ancor meglio e di più in futuro, ad EURAMET di discutere del coordinamento regionale della metrologia con una solida conoscenza della situazione. Sistema di Qualità (QS) Come si è detto, per ottenere il riconoscimento delle proprie CMC, i partecipanti al MRA debbono dimostrare l equivalenza dei loro campioni. Un pre-requisito è la attuazione di un sistema di qualità (secondo la norma ISO/IEC o equivalente) relativo ai servizi corrispondenti alle varie CMC dichiarate ed accettate. Infatti, gli IMN ed Istituti designati partecipanti al MRA debbono predisporre e documentare il proprio sistema di qualità al QS Forum (forum di verifica per INM) indipendentemente dalle loro modalità organizzative e da eventuale accreditamento. Ovviamente anche i laboratori accreditati dai Sistemi Nazionali di Accreditamento (come ad esempio il COPA in Italia, Il DKD in Germania, il COFRAC in Francia, l UKAS nel Regno Unito) debbono sottostare alla stessa regola, cioè predisporre ed applicare un sistema di qualità atto anche, e soprattutto, a garantire la riferibilità ai campioni nazionali secondo il possibile schema seguente, che è necessariamente a piramide con al vertice l Istituto Metrologico Nazionale.

11 Qualità e riferibilità nei sistemi nazionali di misura Procedure/documentazione CIPM and EURAMET Confronti chiave EURAMET confronti supplementari Servizi di accreditamento o auto- dichiarazione di QS e/o peer evaluation del QS INM Campioni nazionali Servizi di taratura e misura Norma ISO 9001 ISO/IEC EN ISO/IEC Accreditamento di laboratori di taratura Sistema qualità e prosedure tecniche rilevanti per l attività Laboratori di taratura accreditati Lboratori di taratura non accreditati EN ISO/IEC Livello di lavoro

RICONOSCIMENTO MUTUO. Punti essenziali

RICONOSCIMENTO MUTUO. Punti essenziali RICONOSCIMENTO MUTUO DEI CAMPIONI DI MISURA NAZIONALI E DEI CERTIFICATI DI TARATURA E MISURAZIONE EMESSI DAGLI ISTITUTI METROLOGICI NAZIONALI Accordo redatto dal Comitato internazionale dei pesi e delle

Dettagli

Le basi della riferibilità internazionale delle misure

Le basi della riferibilità internazionale delle misure Le basi della riferibilità internazionale delle misure Dalla Convenzione del Metro all MRA Giancarlo Marullo Reedtz Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (I.N.RI.M.) 19-20 giugno 2008, XXVII Giornata

Dettagli

Industria e Taratura - novità, progetti, programmi

Industria e Taratura - novità, progetti, programmi ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Industria e Taratura - novità, progetti, programmi Mario Mosca Direttore Dipartimento Laboratori di Taratura m.mosca@accredia.it 011 3 919 735 AFFIDABILITA &

Dettagli

ILAC P10:01/2013 ed altri Documenti EA ed ILAC

ILAC P10:01/2013 ed altri Documenti EA ed ILAC ACCREDIA L ente italiano di accreditamento ILAC P1:1/213 ed altri Documenti EA ed ILAC Verona, 14-15 ottobre 213 Roma, 24-25 ottobre 213 Dott. Paolo Bianco - Direttore Dipartimento Laboratori di prova

Dettagli

Stazione Sperimentale per l Industria. Area Validazione di Processo

Stazione Sperimentale per l Industria. Area Validazione di Processo Stazione Sperimentale per l Industria delle Conserve Alimentari Area Validazione di Processo Stefania Quintavalla Giuseppe Dipollina Roberto Loiudice 1 Obiettivi Studi - Tematiche Assistere le aziende

Dettagli

QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA

QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA 1 REQUISITI ISO/IEC17025 E ACCREDIA RIFERIBILITA DELLE MISURE REQUISITI COGENTI QUALITA DEL DATO METODO DI PROVA CONFRONTI INTERLABORATORIO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XII COMMISSIONE IGIENE E SANITÀ AUDIZIONE INFORMALE A. S. 1611 DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ FUNERARIE 15 SETTEMBRE 2015 pag.: 1/6 ACCREDIA ACCREDIA è l'ente Unico Nazionale di Accreditamento,

Dettagli

Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la UNI CEI EN ISO/IEC 17000:2005 e l architettura concettuale

Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la UNI CEI EN ISO/IEC 17000:2005 e l architettura concettuale Valutazione della conformità di prodotti, sistemi, organismi, persone: la 17000:2005 e l architettura concettuale di Giovanni Mattana INTRODUZIONE La valutazione della conformità di prodotti, sistemi,

Dettagli

Corso di Metrologia applicata alla Meteorologia 20 Marzo 2013 Nozioni di metrologia Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica INRiM Torino g.lopardo@inrim.it Sommario Riferibilità Metrologica Incertezza

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Relazione Consuntiva 2007

Relazione Consuntiva 2007 Relazione Consuntiva 2007 Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 22 aprile 2008 SOMMARIO Presentazione... 4 PARTE 1 Elementi generali e Sintesi delle attività svolte... 7 1 INRIM - Compiti

Dettagli

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione Camera dei Deputati Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici Audizione Schema di decreto legislativo concernente modifiche ed integrazioni del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 155, recante

Dettagli

La metrologia ed il controllo di qualità

La metrologia ed il controllo di qualità ACCREDIA L ente italiano di accreditamento La metrologia ed il controllo di qualità Torino, martedì 21 Gennaio 2014 Funzionario Tecnico di ACCREDIA DT Rosalba Mugno 1-36 Perché è importante la Riferibilità

Dettagli

5.6 Riferibilità delle misure definizioni MISURAZIONE Insieme di operazioni aventi lo scopo di determinare il valore di una grandezza. [VIM 2.

5.6 Riferibilità delle misure definizioni MISURAZIONE Insieme di operazioni aventi lo scopo di determinare il valore di una grandezza. [VIM 2. 5.6 Riferibilità delle misure definizioni MISURAZIONE Insieme di operazioni aventi lo scopo di determinare il valore di una grandezza. [VIM 2.01] CAMPIONE DI RIFERIMENTO Campione, generalmente della migliore

Dettagli

Conferma metrologica: approfondimento

Conferma metrologica: approfondimento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Conferma metrologica: approfondimento aprile 2015 Paola Pedone Funzionario Tecnico ACCREDIA-DT Riunione Centri- Accredia Dipartimento Taratura 1 /8 Aprile 2015

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH94 Pag. 1 di 7 PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER 1 26.09.2002 Rev. Generale

Dettagli

Il ruolo degli Istituti di Metrologia nel contesto competitivo globale

Il ruolo degli Istituti di Metrologia nel contesto competitivo globale Accreditamento e Taratura: strumenti per la competitività Il ruolo degli Istituti di Metrologia nel contesto competitivo globale Vito Fernicola INRIM - Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica Torino,

Dettagli

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova Perugia, 30 giugno 2005 D.ssa Daniela Vita ISO/IEC 17025:2005 1 Differenza tra UNI EN ISO 9001:2000 e ISO/IEC 17025:2005 La norma UNI EN ISO 9001:2000 definisce

Dettagli

Campioni di pressione e sensori Marina Sardi INRIM

Campioni di pressione e sensori Marina Sardi INRIM Campioni di pressione e sensori Marina Sardi INRIM In qualità di Istituto Metrologico Primario l INRIM realizza e mantiene la scala delle pressioni, che copre l intervallo di valori tra 10-6 Pa (campo

Dettagli

PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2009-2011

PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2009-2011 PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2009-2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2009 file: PT INRIM 2009-11_finale.doc SOMMARIO Presentazione...4 Executive Summary...6 PARTE I ELEMENTI

Dettagli

Laboratorio di Tempo e Frequenza

Laboratorio di Tempo e Frequenza Laboratorio di Tempo e Frequenza L'attività dell'inrim nel campo della metrologia del tempo e della frequenza ebbe inizio nel 1937 con la messa in funzione del primo campione di frequenza del laboratorio,

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 REQUISITI TECNICI E REQUISITI DEL SIT

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 REQUISITI TECNICI E REQUISITI DEL SIT UNI CEI EN ISO/IEC 17025 REQUISITI TECNICI E REQUISITI DEL SIT Mario Mosca SIT-IMGC/CNR e-mail: m.mosca@imgc.to.cnr.it 5.4 METODI DI TARATURA E LORO VALIDAZIONE 5.4.1 Generalità 5.4.2 Scelta dei metodi

Dettagli

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI INDICE 1 di 9 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 5.1. Redazione e identificazione 5.2. Controllo e verifica 5.3. Approvazione 5.4.

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.)

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.) Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH 193 Pag. 1 di 5 AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI (S.G.E.) 0 01.10.2013

Dettagli

Pressione Temperatura. Servizi di calibrazione

Pressione Temperatura. Servizi di calibrazione Pressione Temperatura Servizi di calibrazione SERVIZIO CALIBRAZIONE PRESSIONE Noi tariamo per voi Processo di taratura nel nostro laboratorio Strumenti meccanici per la misura di pressione Trasmettitori

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE. ARPA Sicilia PROCEDURA APERTA

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE. ARPA Sicilia PROCEDURA APERTA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE ARPA Sicilia PROCEDURA APERTA PER LA REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO PER LA GARANZIA DELLA RIFERIBILITA DELLE MISURE EFFETTUATE DALLA RETE DI MONITORAGGIO

Dettagli

Efficacia e fattibilità della semplificazione per le aziende certificate

Efficacia e fattibilità della semplificazione per le aziende certificate Efficacia e fattibilità della semplificazione per le aziende certificate Francesca Nizzero Relazioni esterne ACCREDIA Il sistema europeo di gestione per la qualità Regolamento 765/2008/CE del Parlamento

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni Normativa tecnica e marcatura CE Sommario Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni 1 Documenti Normativi Finalità ed Uso Finalità Definire lo Stato dell Arte nei rispettivi settori di competenza

Dettagli

Il Punto di vista dell Organismo notificato

Il Punto di vista dell Organismo notificato Il Punto di vista dell Organismo notificato II Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici 17/19 Marzo 2008 - Villa Erba - Cernobbio Relatore: Gabriele Lualdi - Istituto di Ricerche e Collaudi M. Masini

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Le norme per le certificazioni connesse ai sistemi di gestione dell'energia Filippo Trifiletti Direttore Generale Roma - 15 luglio 2014 Le norme per le certificazioni

Dettagli

SCHEMA CESI-ISPEZIONI

SCHEMA CESI-ISPEZIONI Pagina 1 di 6 SCHEMA CESI-ISPEZIONI ISPEZIONI DI TIPO A REGOLAMENTO Documento approvato dal Comitato Tecnico per la Certificazione del CESI (CTC) nella riunione del 23 Novembre 2006 [D042.02-CTC(Segr)]

Dettagli

L Assicurazione della Qualità nei Comunicati dei Ministri del Processo di Bologna

L Assicurazione della Qualità nei Comunicati dei Ministri del Processo di Bologna L Assicurazione della Qualità nei Comunicati dei Ministri del Processo di Bologna Bologna 1999 Nei 6 Obiettivi posti alla base dell intero Processo di Bologna, il 5 è così formulato: Promozione della cooperazione

Dettagli

metrologici La metrologia legale in Italia e i controlli metrologici - F. Boni

metrologici La metrologia legale in Italia e i controlli metrologici - F. Boni controlli metrologici 1 1. Metrologia legale. Definizione e obiettivi istituzionali. 1.1. Definizione. La metrologia legale è oggi intesa come l insieme delle disposizioni giuridiche e tecniche che si

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili. Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori.

Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili. Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori. Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori Gianluca Gatto Sommario Analisi di contesto Certificazione Pannelli

Dettagli

0.423.13. Memorandum d intesa

0.423.13. Memorandum d intesa Traduzione 1 Memorandum d intesa sulla partecipazione alla fase di aggiornamento dei piani e sull intenzione di partecipare alla costruzione e alla gestione della fonte di spallazione europea di neutroni

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

Regolamento per l Accreditamento di tarature esterne e di Laboratori di Taratura multisito

Regolamento per l Accreditamento di tarature esterne e di Laboratori di Taratura multisito Titolo/Title Regolamento per l Accreditamento di tarature esterne e di Laboratori di Taratura multisito Regulation for the Accreditation of external calibration and multi-site calibration laboratories

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Un po di Storia Fino ad un passato

Dettagli

Bozza UNI - Riproduzione riservata

Bozza UNI - Riproduzione riservata DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E01169291 Modalità operative per le verifiche metrologiche periodiche e casuali Parte 1: Generalità Operative instruction for periodic and random metrological

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q.

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH09 Pag. 1 di 4 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Presentazione CEPAS, ogni riproduzione deve essere preventivamente autorizzata

Presentazione CEPAS, ogni riproduzione deve essere preventivamente autorizzata 1 Presentazione della nuova Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 Valutazione della conformità Requisiti generali per gli organismi che operano la certificazione delle persone Giancarlo Colferai Presidente

Dettagli

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 1 Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 Flavio Banfi ITALCERT Viale Sarca 336 20126 Milano banfi@italcert.it Cos è la certificazione? 2 La certificazione di conformità è l azione attestante

Dettagli

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo.

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo. L 320/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea IT 17.11.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 1078/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per il monitoraggio che devono

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA...1 a) I principi di gestione della qualità evidenziati dalla Vision 2000...2 b) I principali cambiamenti introdotti dalla Vision 2000...4 c) Il processo di certificazione...5

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2011-2013. Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 24 febbraio 2011

PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2011-2013. Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 24 febbraio 2011 PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2011-2013 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 24 febbraio 2011 2/175 INDICE Presentazione... 5 Executive Summary... 7 PARTE I ELEMENTI GENERALI: STRATEGIE, OBIETTIVI

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

La Direttiva Macchine

La Direttiva Macchine La Direttiva Macchine Enti, Norme, Presupposti Il Quadro Normativo Presupposto fondamentale: distinguere subito ed in modo preciso le due grandi famiglie di Norme di riferimento. Le Norme Legislative Le

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

Linea Guida. Termini e Definizioni

Linea Guida. Termini e Definizioni Istituto Meridiana S.r.l. Linea Guida 03 Linea Guida Termini e Definizioni 2 27.02.12 Rilievo Accredia e adeguamento normativo RQ RQ CT 1 10.11.11 Prima Emissione RQ RQ DG Em. Data Descrizione Redazione

Dettagli

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Sistemi di gestione di Qualità: certificazione (UNI EN ISO 9001:2008) ed accreditamento (UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005) ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Ferrara, 11 Maggio 2011 Rita Settimo Arpa Ferrara

Dettagli

Linea Guida UNICHIM. Marta Ranieri ArpaER SGI:SQE. Bologna, 5 giugno 2014

Linea Guida UNICHIM. Marta Ranieri ArpaER SGI:SQE. Bologna, 5 giugno 2014 Linea Guida UNICHIM Marta Ranieri ArpaER SGI:SQE Bologna, 5 giugno 2014 1 Linea Guida UNICHIM La Qualità del dato analitico in campo ambientale Bozza in Revisione 7 del 14/02/14 2 In campo ambientale La

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Dall obbligo all opportunità

Dall obbligo all opportunità Dall obbligo all opportunità Accreditamento secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 delle prove su attrezzature operanti sotto tensione del Laboratorio multi-sito nell ambito del Sistema di Gestione

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO

RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO 2006 Torino Strada delle Cacce, 91 Strada delle Cacce, 73 10135 Torino, Italia E-mail: inrim@inrim.it Sito Internet: http://www.inrim.it RELAZIONE SULL ATTIVITÀ

Dettagli

Il ruolo dei servizi di certificazione, prova e taratura nella diagnosi energetica degli edifici

Il ruolo dei servizi di certificazione, prova e taratura nella diagnosi energetica degli edifici ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Il ruolo dei servizi di certificazione, prova e taratura nella diagnosi energetica degli edifici Mario Mosca Direttore Dipartimento Laboratori di Taratura m.mosca@accredia.it

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 15 giugno 2007 - Deliberazione N. 1006 - Area Generale di Coordinamento N. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - "Istituzione dell'albo delle strutture

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDITAMENTO E VALUTAZIONI DI CONFORMITA Gli schemi di accreditamento per EGE, ESCo, SGE e Energy Auditor Elena Battellino Funzionario tecnico Rimini - 3 novembre

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Seminari MESAP La gestione della qualità, affidabilità, compatibilità, sicurezza e conformità L accreditamento come strumento di sostegno alla competitività sui

Dettagli

LE NORME E LA CERTIFICAZIONE

LE NORME E LA CERTIFICAZIONE LE NORME E LA CERTIFICAZIONE Introduzione alla Qualità 1 DEFINIZIONE DI NORMA Documento, prodotto mediante consenso ed approvato da un organismo riconosciuto, che fornisce, per usi comuni e ripetuti, regole,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 MODIFICHE AL REGOLAMENTO... 2 4 PROCESSO DI ISPEZIONE... 3 4.1 Richiesta di attività ispettive... 3 4.2 Erogazione

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

I processi amministrativi del SGQ di UTFUS TF-GQL

I processi amministrativi del SGQ di UTFUS TF-GQL I processi amministrativi del SGQ di UTFUS TF-GQL Generalità I processi amministrativi (interessano tutti i processi fondamentali) sono: - Gestione del personale (Procedura PSO 01); - Gestione degli approvvigionamenti

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008

P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 Procedura P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 Responsabile processo: Strutture interessate: Segretario generale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE:

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE: LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI PARMA (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile 2012, n. 35) Sono di seguito elencate le competenze camerali

Dettagli

La marcatura CE per le pietre naturali

La marcatura CE per le pietre naturali La marcatura CE per le pietre naturali Volargne,, 28-11-2006 Clara Miramonti Funzionario Tecnico Divisione Costruzioni UNI Norme europee armonizzate sui prodotti di pietra per pavimentazioni esterne 21

Dettagli

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 14/06/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Food Safety System Certification 22000. fssc 22000

Food Safety System Certification 22000. fssc 22000 Food Safety System Certification 22000 fssc 22000 Certificazione del sistema di gestione della sicurezza alimentare FSSC 22000 La FSSC 22000, Certificazione del sistema di gestione della sicurezza alimentare

Dettagli

ACCREDIA SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08)

ACCREDIA SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08) SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08) I protagonisti SINAL 1988 SINAL accredita i Laboratori competenti per qualsiasi tipo di prova. E stato costituito

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE

PROCEDURA GESTIONALE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI AUDITOR INTERNI DI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E AMBIENTE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG08 Pag. 1 di 6 0 01.10.2013 CEPAS srl R.A. Favorito

Dettagli

I dati : patrimonio aziendale da proteggere

I dati : patrimonio aziendale da proteggere Premessa Per chi lavora nell informatica da circa 30 anni, il tema della sicurezza è sempre stato un punto fondamentale nella progettazione dei sistemi informativi. Negli ultimi anni il tema della sicurezza

Dettagli

Approfondimento sulla ISO 29990

Approfondimento sulla ISO 29990 Approfondimento sulla ISO 29990 Lo standard ISO 29990 nasce da un progetto sul principio dell ISO 9001, volto alla creazione di uno standard dei servizi e dell organizzazione ed alla certificazione degli

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

LABORATORIO METROLOGICO. Descrizione del Servizio

LABORATORIO METROLOGICO. Descrizione del Servizio LABORATORIO METROLOGICO Descrizione del Servizio 1. PRESENTAZIONE... 3 2. NORME DI RIFERIMENTO... 5 3. MISURE EFFETTUATE... 6 3.1. Catena metrologica... 6 3.2. Grandezze... 6 3.3. Strumenti campione di

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Convegno SIAV Torino - 10 maggio 2007 1 Valore economico Il flusso documentale vale almeno il 2% del PIL. Un risparmio

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/122/CR10A/C11 PROPOSTA DI INTESA TRA LO STATO E LE REGIONI AI SENSI DELL ART. 8 COMMA 6 DELLA LEGGE 131/2003 DISCIPLINA UNITARIA IN MATERIA FIERISTICA

Dettagli

Ecologia, Tutela, Ambiente Ricerca, Gestioni Tecniche

Ecologia, Tutela, Ambiente Ricerca, Gestioni Tecniche Corso di per Addetti ai LAVORI ELETTRICI - PES - Persona Esperta D.LGS. 81/08 e s.m.i. - art. 82 Norma tecnica CEI 11-27 Programma Date/Orari: Martedì 6 Novembre 2012 Martedì 13 Novembre 2012 dalle 09.00

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE Allegato parte integrante Criteri e modalità di riconoscimento degli organismi di abilitazione dei soggetti preposti al rilascio certificazioni energetiche CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI

Dettagli

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST UN MONDO DOVE LE PERSONE GESTISCONO LE FORESTE IN MANIERA SOSTENIBILE PEFC/18-1-1 Standard PEFC Italia STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST 2001:2008 Requisiti per gli utilizzatori dello schema PEFC Regole d

Dettagli

CHECK LIST mod CLG rev 00 del 2011-11-16

CHECK LIST mod CLG rev 00 del 2011-11-16 Data della verifica: Certificatore Verificato (specificare nome e cognome) Certificato Verificato (numero certificato, revisione e data rilascio) Responsabile del Gruppo di Verifica (specificare nome e

Dettagli

Riferibilità metrologica: strumentazione, professionalità e tarature con riferimento alla norma UNI CEI EN ISO 17025: 2005

Riferibilità metrologica: strumentazione, professionalità e tarature con riferimento alla norma UNI CEI EN ISO 17025: 2005 1 Riferibilità metrologica: strumentazione, professionalità e tarature con riferimento alla norma UNI CEI EN ISO 17025: 2005 Igor Gallo 2 Vocabolario internazionale di metrologia VIM http://www.oiml.org/publications/v/v002-200-e12.pdf

Dettagli

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080.5460111 Fax 080.5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Dipartimento

Dettagli