IL MANUALE DEL TRASPORTO PUBBLICO PRESTO SU ipad Andrea Spinosa BUS, FILOBUS OPPURE ROTAIE?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MANUALE DEL TRASPORTO PUBBLICO PRESTO SU ipad Andrea Spinosa BUS, FILOBUS OPPURE ROTAIE?"

Transcript

1 ibinari+ IL MANUALE DEL TRASPORTO PUBBLICO PRESTO SU ipad Andrea Spinosa BUS, FILOBUS OPPURE ROTAIE?

2 1 In copertina da sinistra a destra, dall alto alto in basso: Autoarticolato Mercedes Irvine-Citaro di Hannover. Sven Storbeck Veicolo Phileas in prova a Eindhoven, estate S.P. Smiler Veicolo sospeso della Wuppertal Schwebebahn. Metro ligero di Madrid, linea 1. C. Brignole La presente pubblicazione è disponibile all indirizzo: Si autorizza la riproduzione, l utilizzazione e la diffusione dei testi e delle immagini citando fonte testuale e fotografica a cui restano i diritti di proprietà intellettuale. Citazione bibliografica consigliata: Andrea Spinosa Muoversi naturalmente: dispense sul trasporto urbano Roma, 2011 Cityrailways

3 2 La mobilità urbana al tempo dei cambiamenti: da passività a risorsa per rimettersi in moto Le sfide formulate dall incedere di una nuova etica sociale e ambientale impongono di guardare ai costi sociali dei processi che quotidianamente animano le città da una prospettiva più ampia. Se finora ci si è concentrati principalmente sulla sostenibilità dell abitare da una parte e sulla riduzione delle emissioni dei trasporti dall altra, è giunto il momento di approcciare il tema della mobilità da una prospettiva congiunta. Ogni cittadino abita un luogo di vita (la residenza) e opera in un luogo produttivo (il lavoro): durante la giornata usufruisce per un tempo determinato di svariati altri luoghi per rispondere ai bisogni primari e secondari (servizi). Questi luoghi diventano così terminali di una fitta rete di spostamenti ciclici in tutto simili ai cicli circadiani che caratterizzano i processi biologi. Il miglioramento della sostenibilità dell abitare, così come della sostenibilità dei processi produttivi, visti nella loro fissità risponde solo parzialmente al problema della mitigazione del consumo di risorse nei cicli svolti quotidianamente da ogni cittadino. Se ogni elemento (casa-lavoro lavoro-servizi) ) è inquadrato dinamicamente all interno del ciclo quotidiano che lo unisce agli altri si potrà elaborare una soluzione di sostenibilità che non sia mirata solo agli elementi terminali ma che ottimizzi lo stesso ritmo, con un beneficio che non sarà solo legato tutto all abitare o tutto al luogo di lavoro ma a quel complesso sistema relazionale che è la vera forma di una città. La città passa da elemento statico (insieme di edifici e infrastrutture) ad una complessa rete relazionale (cloud-paths) di cui case, uffici e trasporti sono solo la parte più visibile: il 60% delle emissioni di CO2 non è nell automobile che la produce in ultimo ma è smaterializzato nelle scelte che stanno a monte della decisione di servirsi di quell automobile. Il fattore che più di ogni altro ha avuto ed ha tuttora un ruolo preponderante nella fisiologia urbana è l aver favorito o non impedito che la mobilità privata apparisse l unica soluzione possibile per gli spostamenti e il trasporto pubblico locale un ripiego cui ricorrere solo in mancanza dell automobile. L isotropizzazione degli spazi è causata proprio dal prevalere della legge dell automobile: spostati fino a quando ti conviene cioè finché la spesa per il carburante ti risulta conveniente. In questo modo tutte le esternalità restano nascoste. Le esternalità restano nascoste ma non per sempre: la trasposizione della crisi attuale da finanziaria e distante nell economia economia reale e vicina ha squarciato il velo. Non si può più continuare a considerare i beni comuni come eternamente rinnovabili. Aria, Acqua, Suolo, Ecosistemi e Paesaggio sono le maggiori ricchezze di un territorio e, se correttamente gestiti, non solo smettono di essere delle passività la cui tutela blocca ogni iniziativa di modernità ma delle risorse capaci di rimettere in moto città e distretti sia dal punto di vista sociale (come fattore inclusivo) che economico (fattore incentivante). Cambia l ambiente, cambia la società: è ora di cambiare anche l approccio con cui si guarda alla mobilità. Questo sarà l oggetto di un Manuale del trasporto to pubblico che, per la prima volta nel campo della progettazione dei trasporti, sarà presto reso disponibile come applicazione per tablet (tipo ipad ). Sarà una rivoluzione che trasformerà Cityrailways in una piattaforma a sempre più dedicata all informazione e alla progettazion progettazione Il documento che leggete è solo un anticipazione di quanto troverete presto disponibile in formato App. Un numero zero che già va dritto al punto: riflettere sui legami tra economia e trasporto partendo proprio da una domanda più che mai attuale. Bus, filo oppure rotaie?

4 3 Economia e trasporto... 4 Alternative tecnologiche... 8 Busvia e Busvia ad Alto Livello di Servizio (BALS) 9 Busvia a via guida vincolata: sistema O-Bahn 10 Busvia a via guidata: Optiguide e Phileas 13 Filovia e Filovia ad Alto Livello di Servizio (FALS) Tram su gomma Tram Sistemi ettometrici: Automated People Mover e Minimetro 21 Monorotaia 23 Tram in piccole città: una forzatura? Costi per tecnologia Analisi finanziaria preliminare Determinazione dei costi di esercizio Costi unitari di trazione Costi unitari di manutenzione Costi del personale di servizio Ricavi: determinazione della tariffa Ricavi dalla pubblicità e dal vending Obiettivi dell analisi finanziaria preliminare Struttura dell analisi finanziaria preliminare Termini e definizioni Indice delle figure... 73

5 4 Economia e trasporto Se è ormai chiaro che la diffusione oltre ogni aspettativa della mobilità privata ha ingolfato le aree urbane dalle grandi metropoli alfa alle piccole città di provincia - non c è altrettanta concordanza su quali possano essere le soluzioni per garantire tempi di spostamento certi almeno su alcuni assi prioritari. Quando il tasso di motorizzazione supera i 6 veicoli per 10 abitanti, la velocità media degli spostamenti all interno dell area urbana scende in maniera drastica. Nella fig. 1 si riportano i dati demografici principali della città di Roma: si vede che con un tasso di motorizzazione prossimo al 90% i veicoli in ora di punta occupano oltre il 56% dello spazio viario disponibile e la velocità caratteristica di spostamento è di 23,5 km/h. superficie area urbana 1.285,31 km 2 popolazione area urbana tasso di motorizzazione 89,6 % densità territoriale estensione rete viaria di scorrimento estensione rete viaria locale estensione rete viaria totale veicoli in circolazione ab/km km km km superficie viaria disponibile 44,348 km 2 superficie mobile occupata da veicoli 24,930 km 2 tasso di occupazione 56,2 % velocità media ideale (a flusso libero) 70,9 km/h velocità media reale (a flusso libero) 49,1 km/h velocità reale 23,5 km/h Fig. 1 dal tasso di motorizzazione alla velocità caratteristica di spostamento: il caso di Roma lunghezza media spostamenti dato Isfort, Osservatorio Audimob sulla mobilità degli italiani popolazione comunale ISTAT, popolazione al 1 gennaio 2011 parco veicolare ACI, registro immatricolazioni tasso di motorizzazione media spostamenti procapite 10,10 km ,6% 2,16 quota spostamenti su strada (non TCSP) 82,5% metropolitana 12,7% tram 3,6% treno 1,2% Fig. 2 spostamenti urbani giornalieri: valori caratteristici per la città di Roma

6 5 La velocità caratteristica di viaggio è un indicatore fondamentale non tanto per il valore in sé quanto per i raffronti che permette di costruire. Nella fig. 2 i dati caratteristici degli spostamenti della giornata tipo per i residenti della città di Roma: 2,16 viaggi pro/capite di 10,1 km. Valore fondamentale è la quota di spostamenti che si svolgono su strada, ovvero traffico privato e traffico pubblico non su corsia separata e protetta: a Roma 8 spostamenti su 10 avvengono su strada e si svolgono quindi secondo la velocità caratteristica stimata precedentemente entemente e indicata nella fig. 1. Complessivamente si trovano i seguenti valori: totale km percorsi al giorno tempo speso in spostamenti su strada km ore Si può a questo punto stimare il valore economico di questo tempo. totale addetti (comune di Roma) ISTAT, stima al 1 gennaio 2011 totale giornaliero ore lavoro rapporto tempo di spostamento/ore lavoro ore 17,8% Quindi il tempo impiegato negli spostamenti con la velocità caratteristica indicata nella fig. 1 risulta pari al 18% dell intero arco lavorativo. Prezzando l ora lavorativa sulla base del Prodotto Interno Lordo provinciale si può calcolare il peso economico del tempo di viaggio pendolare: nel caso di Roma risulta essere pari al 10% del PIL. PIL procapite dato Unioncamere 2008 valore economico per singola ora ,9 /anno 13,8 /ora costo della produttività persa negli spostamenti /giorno pari al 9,5% del PIL Questa stima pondera esclusivamente il valore economico come produttività persa: non si contano né i costi del viaggio né tantomeno le esternalità 1. È quindi una stima cautelativa in senso finanziario: significa che il reale peso economico è ben maggiore. Secondo le stime più recenti 2 si attesterebbe intorno al 25-30% del PIL. 1 In economia una esternalità si manifesta quando l'attività di produzione o di consumo di un soggetto influenza, negativamente o positivamente, il benessere di un altro soggetto, senza che quest ultimo riceva una compensazione (nel caso di impatto negativo) o paghi un prezzo (nel caso di impatto positivo) pari al costo o al beneficio sopportato/ricevuto. Quando un tratto di rete (stradale ma anche rete informatica) è saturo, ciascun utente che lo utilizza causa un rallentamento del servizio per tutti gli altri utenti. Impone agli altri un "costo sociale" o, per utilizzare la terminologia degli economisti, una "esternalità". Questo costo, nella migliore delle ipotesi, è esprimibile in termini di tempo perso nell'attesa. In alcuni casi, inoltre, la congestione della rete rende non disponibile un determinato servizio. Per esempio, le applicazioni in tempo reale, o le applicazioni interattive, necessitano di tempi di comunicazione estremamente rapidi che non sono realizzabili i in regime di congestione. Il problema dei costi sociali (qui, i costi di congestione) di una azione individuale (in questo caso, la domanda per un servizio di rete) è assai generale, e gli economisti lo hanno studiato da lungo tempo. La soluzione tariffaria, in grado in principio di arrecare re vantaggio a tutti i soggetti coinvolti, consiste nel far pagare all'utente un prezzo per il servizio che tenga conto del costo imposto agli altri. Sempre nel gergo degli economisti, è necessario far pagare le risorse utilizzate in modo da "internalizzare le esternalità". 2 Si veda ad esempio il link

7 6 Ma cosa accadrebbe abbassando la quota di viaggi su sede viaria promiscua e incrementando quella di viaggi su trasporto collettivo in sede propria (TCSP)? Diminuendo del 10% i viaggi su strada (portando al 72,5% il valore indicato in fig. 2) si avrebbe la seguente situazione: totale giornaliero ore lavoro rapporto tempo di spostamento/ore lavoro ore 14,7% costo della produttività persa negli spostamenti /giorno pari al 7,8% del PIL risparmio totale pari al /giorno 1,6% del PIL Generando un risparmio economico pari a circa il 2% del PIL. Se il totale degli spostamenti su strada scende ancora di un 10% (62,5%) portando la quota di viaggi su TCSP al 38% si avrebbe un guadagno sul PIL comunale pari al 3%. totale giornaliero ore lavoro rapporto tempo di spostamento/ore lavoro ore 12,0% costo della produttività persa negli spostamenti /giorno pari al 6,4% del PIL risparmio totale pari al /giorno 3,1% del PIL Se il discorso si estende alle maggiori aree urbane del Paese, dove risiede l 87% della popolazione, si comprende bene quale sia il peso della mobilità e quanto sia importante ristrutturare le principali aree urbane cominciando a dotarle di corridoio di trasporto pubblico in sede separata e protetta. Il rapporto guadagno sul PIL/quota di spostamenti su strada è tutto descritto dalla velocità caratteristica di spostamento: con un valore di spostamenti TCSP dal 18% attuale al 28% dai valori riportati in fig. 2 si trova superficie viaria disponibile 44,348 km 2 superficie mobile occupata da veicoli 21,909 km 2 tasso di occupazione 49,4 % velocità media ideale (a flusso libero) velocità media reale (a flusso libero) velocità reale 70,9 km/h 49,1 km/h 25,0 km/h Se il valore di spostamenti TCSP sale ancora sino al 38%

8 7 superficie viaria disponibile 44,348 km 2 superficie mobile occupata da veicoli 18,887 km 2 tasso di occupazione 42,6 % velocità media ideale (a flusso libero) velocità media reale (a flusso libero) velocità reale 70,9 km/h 49,1 km/h 26,5 km/h A questo punto si ha ben chiaro che la velocità media di spostamento non si aumenta incrementando gli spazi destinati alla viabilità privata ma realizzando dei corridoio di trasporto pubblico ad alta capacità in sede separata e protetta: i cosiddetti corridoi TCSP. per ogni incremento del 10% della quota TCSP il PIL urbano si incrementa dell' 1,5% Le principali relazioni causa-effetto sono le seguenti: PIL SE TCSP PIL SE TCSP Ma qual è il costo reale dell incremento del 10% della quota modale di viaggi su trasporto collettivo in sede propria? La risposta a questa domanda richiede che sia definita una tecnologia trasportistica e sia redatto almeno un progetto preliminare. Ma si possono fare diverse considerazioni già a livello preliminare, impostando i ragionamenti su una linea ipotetica: lunghezza totale pari a 10 km; sezione a doppio senso; 21 fermate; sezione a raso; alcune opere civili (sovrappassi, sottovia, rilevati) per un importo pari al 30% dei costi di linea. Il problema dei costi delle opere pubbliche è fondamentale e lo sarà sempre di più nei prossimi anni: con l incedere della crisi finanziaria verso l economia reale è necessario che le risorse (pubbliche e private) siano impiegate in progetti che abbiano una produttività accuratamente stimata sia in termini di redditività finanziaria che di ritorno sociale. Individuato una determinata domanda di trasporto, troppo spesso la scelta della tecnologia viene fatta guardando ai costi per km di linea tipicamente accostati ad ogni tecnologia senza valutare né i costi annuali di gestione e manutenzione né i costi sociali recuperati ma anche richiesti dalla realizzazione e dall esercizio di un infrastruttura comunque onerosa. Così il mercato offre soluzioni leggere, sostenibili, a a guida immateriale, altamente innovative : : ma è veramente così?

9 8 Alternative tecnologiche Il primo passo nella progettazione di una linea di TCSP è la determinazione della tecnologia più conveniente in base alle stime previsionali di traffico. In questa valutazione si suppone che la domanda sia di tipo intermedio (in ora di punta inferiore ai passeggeri/h per direzione) per cui si escludono le tecnologie pesanti ovvero la classe delle metropolitane. busvia semplice busvia ad alto livello di servizio busvia guidata (Obahn) filovia semplice filovia ad alto livello di servizio filovia guidata (Obahn elettrico) tram su gomma tranvia urbana metrotranvia people-mover (sistema tipo Minimetro ) monorotaia (tipologia a sella e sospesa) I costi delle opere sono valutati prendendo a riferimento la "Tariffa dei prezzi 2010 Regione Lazio 3 ", pubblicata sul supplemento straordinario del Bollettino Ufficiale iale della Regione Lazio del 21/01/2011, n. 3.. Per le parti tecnologiche non incluse si è fatto riferimento alla Tariffa RFI ovvero alla valutazione diretta secondo i costi unitari di opere assimilabili già realizzate. In quest ultimo caso il prezzo è stato rivalutato al 1 gennaio 2011 secondo gli indici ISTAT per le rivalutazioni monetarie 5. Sono inclusi oneri di progettazione, imprevisti, IVA secondo il seguente schema: A) Totale lavori Oneri per la Sicurezza specifici non inclusi nei prezzi unitari dei lavori Rilievi, accertamenti e indagini Allacciamenti ai pubblici servizi Imprevisti spese tecniche relative alla progettazione, alle necessarie attività ità preliminari, nonché al coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, alle conferenze di servizi, alla direzione lavori e al coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione I.V.A. sui lavori B) Totale C) Totale lavori A) + B) 100 3,0% 3 1,5% 2 2,2% 2 5,0% 5 12% 12 20% Per i rotabili si considerano le seguenti voci complementari: acquisto rotabili collaudo e spese di registrazione I.V.A.sui rotabili D) Parco rotabile 100 2,0% 2 20,0%

10 Con servizio su gomma in sede promisc passeggeri su gomma con guida a vista: è la anni del Novecento con il diffondersi crescente di manti stradali di buona qualità e ca dall assenza di sedi viarie dedicate, fatta eccezione per eventuali corsie preferenziali. Si tratta del sistema di trasporto caratterizzato dalla vetture e per le risiedono principalmente nell utilizzo promiscuo di una normale sede viaria e nelle sue ridotte operazioni di manutenzione. Il principale fattore stradale, nei limiti degli ingombri del veicolo, risultando molto flessibili rispetto a deviazioni di percorso ed eventuali ostruzioni; il raggio di curvatura minimo è inoltre molto ridotto. Dal punto di vista del disegno della linea, l adozione di questa tipologia di sistemi garantisce totale libertà nella scelta del tracciato, bassi costi di un eventuale cambiamento di percorso, non necessita di strutture centrali di controllo e non crea problem dislocati al di sotto della sede viaria. Il sistema si adatta sia a servizi di carattere urbano che interurbano: nel primo caso il suo vantaggio risiede nella buona flessibilità rispetto alle secondo nella possibilità di utilizzare sia le strade a scorrimento veloce, per collegare velocemente due centri distanti, sia le vie del centro abitato, andando a raccogliere una maggiore quota di domanda. Il basso costo di im domanda debole. La stessa condivisione della sede stradale con il traffico veicolare privato impedisce di ottenere, nella gran parte dei casi, elevati valori di vel elevato della tipologia di veicolo, rende il servizio di autolinea generalmente poco attrattivo. Il rapporto tra peso del veicolo e capacità di trasporto non è molto favorevole a causa del limitate consentite dal codice della strada, dei limiti di carico per asse della sede stradale e della reale difficoltà di natura tecnica nel realizzare veicoli molto lunghi: mantenere una buona manovrabilità senza ricorrere alla guida vincol capacità di trasporto rapporto tra personale di guida, ovvero la maggiore voce di costo, Si configura in questo modo una capacità limite, individuabile tra i ed i passeggeri/ora, oltre la quale i costi del servizio non sono più competitivi. La ricerca di innovazione tecnologica e tipologica nel campo delle autolinee di sedi riservate per l incremento della velocità commerciale, il miglioramento del comfort di marcia offerto dai veicoli, l aumento dell accessibilità grazie al pianale ribassato ed un telesegnalamento efficace che possa fornir Busvia e Busvia ad Alto Livello di Servizio (BALS) Si tratta di servizi di linea effettuati con normali autobus su dalla sede stradale ordinaria e con preferenziamento semaforico riscontrato soprattutto nel caso di Bogotà presentato come alternativa a servizi di tipo tranviario d regime di traffico privato: la creazione di corsie preferenziali per il BRT necessita in realtà di molto più spazio nei confronti di un analogo tranviario, ma evidentemente la considerazione da parte delle Amministrazioni dell La prima applicazione do il sistema gode attualmente di buona attenz America come soluzione rapida e a basso costo per un servizio di trasporto pubblico ad alta capacità. servizio su gomma in sede promisc passeggeri su gomma con guida a vista: è la anni del Novecento con il diffondersi crescente di manti stradali di buona qualità e ca dall assenza di sedi viarie dedicate, fatta eccezione per eventuali corsie preferenziali. Si tratta del sistema di trasporto caratterizzato dalla vetture e per le strutture, limitati nella pratica ad aree di rimessaggio e arredi di fermata. I vantaggi risiedono principalmente nell utilizzo promiscuo di una normale sede viaria e nelle sue ridotte operazioni di manutenzione. Il principale fattore di stradale, nei limiti degli ingombri del veicolo, risultando molto flessibili rispetto a deviazioni di percorso ed eventuali ostruzioni; il raggio di curvatura minimo è inoltre molto ridotto. punto di vista del disegno della linea, l adozione di questa tipologia di sistemi garantisce totale libertà nella scelta del tracciato, bassi costi di un eventuale cambiamento di percorso, non necessita di strutture centrali di controllo e non crea problem dislocati al di sotto della sede viaria. Il sistema si adatta sia a servizi di carattere urbano che interurbano: nel primo caso il suo vantaggio risiede nella buona flessibilità rispetto alle secondo nella possibilità di utilizzare sia le strade a scorrimento veloce, per collegare velocemente due centri distanti, sia le vie del centro abitato, andando a raccogliere una maggiore quota di domanda. Il basso costo di impianto del servizio e la sua flessibilità ne fanno una soluzione molto valida per scenari a domanda debole. La stessa condivisione della sede stradale con il traffico veicolare privato impedisce di ottenere, nella gran parte dei casi, elevati valori di vel elevato della tipologia di veicolo, rende il servizio di autolinea generalmente poco attrattivo. Il rapporto tra peso del veicolo e capacità di trasporto non è molto favorevole a causa del limitate consentite dal codice della strada, dei limiti di carico per asse della sede stradale e della reale difficoltà di natura tecnica nel realizzare veicoli molto lunghi: mantenere una buona manovrabilità senza ricorrere alla guida vincol capacità di trasporto del singolo veicolo, ancora minore nel caso di veicoli a pianale ribassato, aumenta il rapporto tra personale di guida, ovvero la maggiore voce di costo, Si configura in questo modo una capacità limite, individuabile tra i ed i passeggeri/ora, oltre la quale i costi del servizio non sono più competitivi. La ricerca di innovazione tecnologica e tipologica nel campo delle autolinee di sedi riservate per l incremento della velocità commerciale, il miglioramento del comfort di marcia offerto dai veicoli, l aumento dell accessibilità grazie al pianale ribassato ed un telesegnalamento efficace che possa fornire informazioni ai passeggeri sul veicolo ed in attesa rispetto alle variabili del servizio. Busvia e Busvia ad Alto Livello di Servizio (BALS) Si tratta di servizi di linea effettuati con normali autobus su de stradale ordinaria e con preferenziamento semaforico riscontrato soprattutto nel caso di Bogotà presentato come alternativa a servizi di tipo tranviario d regime di traffico privato: la creazione di corsie preferenziali per il BRT necessita in realtà di molto più spazio nei confronti di un analogo tranviario, ma evidentemente la considerazione da parte delle Amministrazioni dell La prima applicazione do il sistema gode attualmente di buona attenz America come soluzione rapida e a basso costo per un servizio di trasporto pubblico ad alta capacità. servizio su gomma in sede promisc passeggeri su gomma con guida a vista: è la anni del Novecento con il diffondersi crescente di manti stradali di buona qualità e ca dall assenza di sedi viarie dedicate, fatta eccezione per eventuali corsie preferenziali. Si tratta del sistema di trasporto caratterizzato dalla maggiore semplicità di impianto strutture, limitati nella pratica ad aree di rimessaggio e arredi di fermata. I vantaggi risiedono principalmente nell utilizzo promiscuo di una normale sede viaria e nelle sue ridotte operazioni di competitività è ch stradale, nei limiti degli ingombri del veicolo, risultando molto flessibili rispetto a deviazioni di percorso ed eventuali ostruzioni; il raggio di curvatura minimo è inoltre molto ridotto. punto di vista del disegno della linea, l adozione di questa tipologia di sistemi garantisce totale libertà nella scelta del tracciato, bassi costi di un eventuale cambiamento di percorso, non necessita di strutture centrali di controllo e non crea problem dislocati al di sotto della sede viaria. Il sistema si adatta sia a servizi di carattere urbano che interurbano: nel primo caso il suo vantaggio risiede nella buona flessibilità rispetto alle secondo nella possibilità di utilizzare sia le strade a scorrimento veloce, per collegare velocemente due centri distanti, sia le vie del centro abitato, andando a raccogliere una maggiore quota di domanda. Il pianto del servizio e la sua flessibilità ne fanno una soluzione molto valida per scenari a La stessa condivisione della sede stradale con il traffico veicolare privato impedisce di ottenere, nella gran parte dei casi, elevati valori di vel elevato della tipologia di veicolo, rende il servizio di autolinea generalmente poco attrattivo. Il rapporto tra peso del veicolo e capacità di trasporto non è molto favorevole a causa del limitate consentite dal codice della strada, dei limiti di carico per asse della sede stradale e della reale difficoltà di natura tecnica nel realizzare veicoli molto lunghi: mantenere una buona manovrabilità senza ricorrere alla guida vincolata è molto difficile, come dimostra l esperienza dei del singolo veicolo, ancora minore nel caso di veicoli a pianale ribassato, aumenta il rapporto tra personale di guida, ovvero la maggiore voce di costo, Si configura in questo modo una capacità limite, individuabile tra i ed i passeggeri/ora, oltre la quale i costi del servizio non sono più competitivi. La ricerca di innovazione tecnologica e tipologica nel campo delle autolinee di sedi riservate per l incremento della velocità commerciale, il miglioramento del comfort di marcia offerto dai veicoli, l aumento dell accessibilità grazie al pianale ribassato ed un telesegnalamento efficace e informazioni ai passeggeri sul veicolo ed in attesa rispetto alle variabili del servizio. Busvia e Busvia ad Alto Livello di Servizio (BALS) Si tratta di servizi di linea effettuati con normali autobus su de stradale ordinaria e con preferenziamento semaforico riscontrato soprattutto nel caso di Bogotà presentato come alternativa a servizi di tipo tranviario d regime di traffico privato: la creazione di corsie preferenziali per il BRT necessita in realtà di molto più spazio nei confronti di un analogo tranviario, ma evidentemente la considerazione da parte delle Amministrazioni dell La prima applicazione documentata di un sistema il sistema gode attualmente di buona attenz America come soluzione rapida e a basso costo per un servizio di trasporto pubblico ad alta capacità. MUOVERSI NATURALMENTE servizio su gomma in sede promiscua passeggeri su gomma con guida a vista: è la più semplice forma di trasporto pubblico anni del Novecento con il diffondersi crescente di manti stradali di buona qualità e ca dall assenza di sedi viarie dedicate, fatta eccezione per eventuali corsie preferenziali. Si tratta del sistema maggiore semplicità di impianto strutture, limitati nella pratica ad aree di rimessaggio e arredi di fermata. I vantaggi risiedono principalmente nell utilizzo promiscuo di una normale sede viaria e nelle sue ridotte operazioni ità è che gli autobus possono circolare liberamente su tutta la sede stradale, nei limiti degli ingombri del veicolo, risultando molto flessibili rispetto a deviazioni di percorso ed eventuali ostruzioni; il raggio di curvatura minimo è inoltre molto ridotto. punto di vista del disegno della linea, l adozione di questa tipologia di sistemi garantisce totale libertà nella scelta del tracciato, bassi costi di un eventuale cambiamento di percorso, non necessita di strutture centrali di controllo e non crea problemi nel rapporto col tessuto abitativo e con i servizi tecnologici dislocati al di sotto della sede viaria. Il sistema si adatta sia a servizi di carattere urbano che interurbano: nel primo caso il suo vantaggio risiede nella buona flessibilità rispetto alle secondo nella possibilità di utilizzare sia le strade a scorrimento veloce, per collegare velocemente due centri distanti, sia le vie del centro abitato, andando a raccogliere una maggiore quota di domanda. Il pianto del servizio e la sua flessibilità ne fanno una soluzione molto valida per scenari a La stessa condivisione della sede stradale con il traffico veicolare privato impedisce di ottenere, nella gran parte dei casi, elevati valori di velocità commerciale e puntualità: questo, unito al comfort non molto elevato della tipologia di veicolo, rende il servizio di autolinea generalmente poco attrattivo. Il rapporto tra peso del veicolo e capacità di trasporto non è molto favorevole a causa del limitate consentite dal codice della strada, dei limiti di carico per asse della sede stradale e della reale difficoltà di natura tecnica nel realizzare veicoli molto lunghi: mantenere una buona manovrabilità senza ata è molto difficile, come dimostra l esperienza dei del singolo veicolo, ancora minore nel caso di veicoli a pianale ribassato, aumenta il rapporto tra personale di guida, ovvero la maggiore voce di costo, Si configura in questo modo una capacità limite, individuabile tra i ed i passeggeri/ora, oltre la quale i costi del servizio non sono più competitivi. La ricerca di innovazione tecnologica e tipologica nel campo delle autolinee di sedi riservate per l incremento della velocità commerciale, il miglioramento del comfort di marcia offerto dai veicoli, l aumento dell accessibilità grazie al pianale ribassato ed un telesegnalamento efficace e informazioni ai passeggeri sul veicolo ed in attesa rispetto alle variabili del servizio. Busvia e Busvia ad Alto Livello di Servizio (BALS) Si tratta di servizi di linea effettuati con normali autobus su de stradale ordinaria e con preferenziamento semaforico riscontrato soprattutto nel caso di Bogotà (TransMilenio presentato come alternativa a servizi di tipo tranviario d regime di traffico privato: la creazione di corsie preferenziali per il BRT necessita in realtà di molto più spazio nei confronti di un analogo tranviario, ma evidentemente la considerazione da parte delle Amministrazioni dell avversità propria cumentata di un sistema il sistema gode attualmente di buona attenzione grazie alla sua America come soluzione rapida e a basso costo per un servizio di trasporto pubblico ad alta capacità. MUOVERSI NATURALMENTE ua si intende l esercizio con un veicolo adibito a trasporto più semplice forma di trasporto pubblico anni del Novecento con il diffondersi crescente di manti stradali di buona qualità e ca dall assenza di sedi viarie dedicate, fatta eccezione per eventuali corsie preferenziali. Si tratta del sistema maggiore semplicità di impianto strutture, limitati nella pratica ad aree di rimessaggio e arredi di fermata. I vantaggi risiedono principalmente nell utilizzo promiscuo di una normale sede viaria e nelle sue ridotte operazioni e gli autobus possono circolare liberamente su tutta la sede stradale, nei limiti degli ingombri del veicolo, risultando molto flessibili rispetto a deviazioni di percorso ed eventuali ostruzioni; il raggio di curvatura minimo è inoltre molto ridotto. punto di vista del disegno della linea, l adozione di questa tipologia di sistemi garantisce totale libertà nella scelta del tracciato, bassi costi di un eventuale cambiamento di percorso, non necessita di strutture i nel rapporto col tessuto abitativo e con i servizi tecnologici dislocati al di sotto della sede viaria. Il sistema si adatta sia a servizi di carattere urbano che interurbano: nel primo caso il suo vantaggio risiede nella buona flessibilità rispetto alle secondo nella possibilità di utilizzare sia le strade a scorrimento veloce, per collegare velocemente due centri distanti, sia le vie del centro abitato, andando a raccogliere una maggiore quota di domanda. Il pianto del servizio e la sua flessibilità ne fanno una soluzione molto valida per scenari a La stessa condivisione della sede stradale con il traffico veicolare privato impedisce di ottenere, nella gran ocità commerciale e puntualità: questo, unito al comfort non molto elevato della tipologia di veicolo, rende il servizio di autolinea generalmente poco attrattivo. Il rapporto tra peso del veicolo e capacità di trasporto non è molto favorevole a causa del limitate consentite dal codice della strada, dei limiti di carico per asse della sede stradale e della reale difficoltà di natura tecnica nel realizzare veicoli molto lunghi: mantenere una buona manovrabilità senza ata è molto difficile, come dimostra l esperienza dei del singolo veicolo, ancora minore nel caso di veicoli a pianale ribassato, aumenta il rapporto tra personale di guida, ovvero la maggiore voce di costo, Si configura in questo modo una capacità limite, individuabile tra i ed i passeggeri/ora, oltre la quale i costi del servizio non sono più competitivi. La ricerca di innovazione tecnologica e tipologica nel campo delle autolinee di sedi riservate per l incremento della velocità commerciale, il miglioramento del comfort di marcia offerto dai veicoli, l aumento dell accessibilità grazie al pianale ribassato ed un telesegnalamento efficace e informazioni ai passeggeri sul veicolo ed in attesa rispetto alle variabili del servizio. Busvia e Busvia ad Alto Livello di Servizio (BALS) Si tratta di servizi di linea effettuati con normali autobus su de stradale ordinaria e con preferenziamento semaforico TransMilenio), anche in Europa questo sistema è stato più volte presentato come alternativa a servizi di tipo tranviario da chi lo riteneva meno invasivo nei confronti del regime di traffico privato: la creazione di corsie preferenziali per il BRT necessita in realtà di molto più spazio nei confronti di un analogo tranviario, ma evidentemente la considerazione propria degli automobilisti verso i sistemi su ferro. cumentata di un sistema Bus Rapid Transit ione grazie alla sua America come soluzione rapida e a basso costo per un servizio di trasporto pubblico ad alta capacità. MUOVERSI NATURALMENTE si intende l esercizio con un veicolo adibito a trasporto più semplice forma di trasporto pubblico anni del Novecento con il diffondersi crescente di manti stradali di buona qualità e ca dall assenza di sedi viarie dedicate, fatta eccezione per eventuali corsie preferenziali. Si tratta del sistema maggiore semplicità di impianto, visti i costi ridotti per l acquisto del parco strutture, limitati nella pratica ad aree di rimessaggio e arredi di fermata. I vantaggi risiedono principalmente nell utilizzo promiscuo di una normale sede viaria e nelle sue ridotte operazioni e gli autobus possono circolare liberamente su tutta la sede stradale, nei limiti degli ingombri del veicolo, risultando molto flessibili rispetto a deviazioni di percorso ed eventuali ostruzioni; il raggio di curvatura minimo è inoltre molto ridotto. punto di vista del disegno della linea, l adozione di questa tipologia di sistemi garantisce totale libertà nella scelta del tracciato, bassi costi di un eventuale cambiamento di percorso, non necessita di strutture i nel rapporto col tessuto abitativo e con i servizi tecnologici dislocati al di sotto della sede viaria. Il sistema si adatta sia a servizi di carattere urbano che interurbano: nel primo caso il suo vantaggio risiede nella buona flessibilità rispetto alle secondo nella possibilità di utilizzare sia le strade a scorrimento veloce, per collegare velocemente due centri distanti, sia le vie del centro abitato, andando a raccogliere una maggiore quota di domanda. Il pianto del servizio e la sua flessibilità ne fanno una soluzione molto valida per scenari a La stessa condivisione della sede stradale con il traffico veicolare privato impedisce di ottenere, nella gran ocità commerciale e puntualità: questo, unito al comfort non molto elevato della tipologia di veicolo, rende il servizio di autolinea generalmente poco attrattivo. Il rapporto tra peso del veicolo e capacità di trasporto non è molto favorevole a causa del limitate consentite dal codice della strada, dei limiti di carico per asse della sede stradale e della reale difficoltà di natura tecnica nel realizzare veicoli molto lunghi: mantenere una buona manovrabilità senza ata è molto difficile, come dimostra l esperienza dei del singolo veicolo, ancora minore nel caso di veicoli a pianale ribassato, aumenta il rapporto tra personale di guida, ovvero la maggiore voce di costo, e passeggeri. Si configura in questo modo una capacità limite, individuabile tra i ed i passeggeri/ora, oltre la quale i costi del servizio non sono più competitivi. La ricerca di innovazione tecnologica e tipologica nel campo delle autolinee di sedi riservate per l incremento della velocità commerciale, il miglioramento del comfort di marcia offerto dai veicoli, l aumento dell accessibilità grazie al pianale ribassato ed un telesegnalamento efficace e informazioni ai passeggeri sul veicolo ed in attesa rispetto alle variabili del servizio. Busvia e Busvia ad Alto Livello di Servizio (BALS) Si tratta di servizi di linea effettuati con normali autobus su corsie preferenziali separate e protette de stradale ordinaria e con preferenziamento semaforico, anche in Europa questo sistema è stato più volte a chi lo riteneva meno invasivo nei confronti del regime di traffico privato: la creazione di corsie preferenziali per il BRT necessita in realtà di molto più spazio nei confronti di un analogo tranviario, ma evidentemente la considerazione degli automobilisti verso i sistemi su ferro. Bus Rapid Transit è quella del 1938 a Newark ione grazie alla sua ampia America come soluzione rapida e a basso costo per un servizio di trasporto pubblico ad alta capacità. MUOVERSI NATURALMENTE 1. Bus, filo si intende l esercizio con un veicolo adibito a trasporto più semplice forma di trasporto pubblico anni del Novecento con il diffondersi crescente di manti stradali di buona qualità e ca dall assenza di sedi viarie dedicate, fatta eccezione per eventuali corsie preferenziali. Si tratta del sistema, visti i costi ridotti per l acquisto del parco strutture, limitati nella pratica ad aree di rimessaggio e arredi di fermata. I vantaggi risiedono principalmente nell utilizzo promiscuo di una normale sede viaria e nelle sue ridotte operazioni e gli autobus possono circolare liberamente su tutta la sede stradale, nei limiti degli ingombri del veicolo, risultando molto flessibili rispetto a deviazioni di percorso ed eventuali ostruzioni; il raggio di curvatura minimo è inoltre molto ridotto. punto di vista del disegno della linea, l adozione di questa tipologia di sistemi garantisce totale libertà nella scelta del tracciato, bassi costi di un eventuale cambiamento di percorso, non necessita di strutture i nel rapporto col tessuto abitativo e con i servizi tecnologici dislocati al di sotto della sede viaria. Il sistema si adatta sia a servizi di carattere urbano che interurbano: nel primo caso il suo vantaggio risiede nella buona flessibilità rispetto alle turbative del traffico, nel secondo nella possibilità di utilizzare sia le strade a scorrimento veloce, per collegare velocemente due centri distanti, sia le vie del centro abitato, andando a raccogliere una maggiore quota di domanda. Il pianto del servizio e la sua flessibilità ne fanno una soluzione molto valida per scenari a La stessa condivisione della sede stradale con il traffico veicolare privato impedisce di ottenere, nella gran ocità commerciale e puntualità: questo, unito al comfort non molto elevato della tipologia di veicolo, rende il servizio di autolinea generalmente poco attrattivo. Il rapporto tra peso del veicolo e capacità di trasporto non è molto favorevole a causa del limitate consentite dal codice della strada, dei limiti di carico per asse della sede stradale e della reale difficoltà di natura tecnica nel realizzare veicoli molto lunghi: mantenere una buona manovrabilità senza ata è molto difficile, come dimostra l esperienza dei megabus del singolo veicolo, ancora minore nel caso di veicoli a pianale ribassato, aumenta il e passeggeri. Si configura in questo modo una capacità limite, individuabile tra i ed i passeggeri/ora, La ricerca di innovazione tecnologica e tipologica nel campo delle autolinee vede la crescente adozione di sedi riservate per l incremento della velocità commerciale, il miglioramento del comfort di marcia offerto dai veicoli, l aumento dell accessibilità grazie al pianale ribassato ed un telesegnalamento efficace e informazioni ai passeggeri sul veicolo ed in attesa rispetto alle variabili del servizio. corsie preferenziali separate e protette de stradale ordinaria e con preferenziamento semaforico. In seguito ad un certo successo,, anche in Europa questo sistema è stato più volte a chi lo riteneva meno invasivo nei confronti del regime di traffico privato: la creazione di corsie preferenziali per il BRT necessita in realtà di molto più spazio nei confronti di un analogo tranviario, ma evidentemente la considerazione degli automobilisti verso i sistemi su ferro. è quella del 1938 a Newark ampia diffusione sia nel Nord che America come soluzione rapida e a basso costo per un servizio di trasporto pubblico ad alta capacità. MUOVERSI NATURALMENTE Bus, filo oppure rotaie? si intende l esercizio con un veicolo adibito a trasporto più semplice forma di trasporto pubblico. Si sviluppa nei primi anni del Novecento con il diffondersi crescente di manti stradali di buona qualità e ca dall assenza di sedi viarie dedicate, fatta eccezione per eventuali corsie preferenziali. Si tratta del sistema, visti i costi ridotti per l acquisto del parco strutture, limitati nella pratica ad aree di rimessaggio e arredi di fermata. I vantaggi risiedono principalmente nell utilizzo promiscuo di una normale sede viaria e nelle sue ridotte operazioni e gli autobus possono circolare liberamente su tutta la sede stradale, nei limiti degli ingombri del veicolo, risultando molto flessibili rispetto a deviazioni di percorso punto di vista del disegno della linea, l adozione di questa tipologia di sistemi garantisce totale libertà nella scelta del tracciato, bassi costi di un eventuale cambiamento di percorso, non necessita di strutture i nel rapporto col tessuto abitativo e con i servizi tecnologici dislocati al di sotto della sede viaria. Il sistema si adatta sia a servizi di carattere urbano che interurbano: turbative del traffico, nel secondo nella possibilità di utilizzare sia le strade a scorrimento veloce, per collegare velocemente due centri distanti, sia le vie del centro abitato, andando a raccogliere una maggiore quota di domanda. Il pianto del servizio e la sua flessibilità ne fanno una soluzione molto valida per scenari a La stessa condivisione della sede stradale con il traffico veicolare privato impedisce di ottenere, nella gran ocità commerciale e puntualità: questo, unito al comfort non molto elevato della tipologia di veicolo, rende il servizio di autolinea generalmente poco attrattivo. Il rapporto tra peso del veicolo e capacità di trasporto non è molto favorevole a causa delle dimensioni limitate consentite dal codice della strada, dei limiti di carico per asse della sede stradale e della reale difficoltà di natura tecnica nel realizzare veicoli molto lunghi: mantenere una buona manovrabilità senza megabus francesi. La del singolo veicolo, ancora minore nel caso di veicoli a pianale ribassato, aumenta il Si configura in questo modo una capacità limite, individuabile tra i ed i passeggeri/ora, vede la crescente adozione di sedi riservate per l incremento della velocità commerciale, il miglioramento del comfort di marcia offerto dai veicoli, l aumento dell accessibilità grazie al pianale ribassato ed un telesegnalamento efficace e informazioni ai passeggeri sul veicolo ed in attesa rispetto alle variabili del servizio. corsie preferenziali separate e protette. In seguito ad un certo successo,, anche in Europa questo sistema è stato più volte a chi lo riteneva meno invasivo nei confronti del regime di traffico privato: la creazione di corsie preferenziali per il BRT necessita in realtà di molto più spazio nei confronti di un analogo tranviario, ma evidentemente la considerazione nasce dall intr degli automobilisti verso i sistemi su ferro. è quella del 1938 a Newark sia nel Nord che America come soluzione rapida e a basso costo per un servizio di trasporto pubblico ad alta capacità. 9 oppure rotaie? si intende l esercizio con un veicolo adibito a trasporto. Si sviluppa nei primi anni del Novecento con il diffondersi crescente di manti stradali di buona qualità e caratterizzata dall assenza di sedi viarie dedicate, fatta eccezione per eventuali corsie preferenziali. Si tratta del sistema, visti i costi ridotti per l acquisto del parco strutture, limitati nella pratica ad aree di rimessaggio e arredi di fermata. I vantaggi risiedono principalmente nell utilizzo promiscuo di una normale sede viaria e nelle sue ridotte operazioni e gli autobus possono circolare liberamente su tutta la sede stradale, nei limiti degli ingombri del veicolo, risultando molto flessibili rispetto a deviazioni di percorso punto di vista del disegno della linea, l adozione di questa tipologia di sistemi garantisce totale libertà nella scelta del tracciato, bassi costi di un eventuale cambiamento di percorso, non necessita di strutture i nel rapporto col tessuto abitativo e con i servizi tecnologici dislocati al di sotto della sede viaria. Il sistema si adatta sia a servizi di carattere urbano che interurbano: turbative del traffico, nel secondo nella possibilità di utilizzare sia le strade a scorrimento veloce, per collegare velocemente due centri distanti, sia le vie del centro abitato, andando a raccogliere una maggiore quota di domanda. Il pianto del servizio e la sua flessibilità ne fanno una soluzione molto valida per scenari a La stessa condivisione della sede stradale con il traffico veicolare privato impedisce di ottenere, nella gran ocità commerciale e puntualità: questo, unito al comfort non molto le dimensioni limitate consentite dal codice della strada, dei limiti di carico per asse della sede stradale e della reale difficoltà di natura tecnica nel realizzare veicoli molto lunghi: mantenere una buona manovrabilità senza francesi. La bassa del singolo veicolo, ancora minore nel caso di veicoli a pianale ribassato, aumenta il Si configura in questo modo una capacità limite, individuabile tra i ed i passeggeri/ora, vede la crescente adozione di sedi riservate per l incremento della velocità commerciale, il miglioramento del comfort di marcia offerto dai veicoli, l aumento dell accessibilità grazie al pianale ribassato ed un telesegnalamento efficace e informazioni ai passeggeri sul veicolo ed in attesa rispetto alle variabili del servizio. corsie preferenziali separate e protette. In seguito ad un certo successo,, anche in Europa questo sistema è stato più volte a chi lo riteneva meno invasivo nei confronti del regime di traffico privato: la creazione di corsie preferenziali per il BRT necessita in realtà di molto più nasce dall introiezione degli automobilisti verso i sistemi su ferro. è quella del 1938 a Newark (USA), ma sia nel Nord che nel Sud America come soluzione rapida e a basso costo per un servizio di trasporto pubblico ad alta capacità. 9 si intende l esercizio con un veicolo adibito a trasporto. Si sviluppa nei primi ratterizzata dall assenza di sedi viarie dedicate, fatta eccezione per eventuali corsie preferenziali. Si tratta del sistema, visti i costi ridotti per l acquisto del parco strutture, limitati nella pratica ad aree di rimessaggio e arredi di fermata. I vantaggi risiedono principalmente nell utilizzo promiscuo di una normale sede viaria e nelle sue ridotte operazioni e gli autobus possono circolare liberamente su tutta la sede stradale, nei limiti degli ingombri del veicolo, risultando molto flessibili rispetto a deviazioni di percorso punto di vista del disegno della linea, l adozione di questa tipologia di sistemi garantisce totale libertà nella scelta del tracciato, bassi costi di un eventuale cambiamento di percorso, non necessita di strutture i nel rapporto col tessuto abitativo e con i servizi tecnologici dislocati al di sotto della sede viaria. Il sistema si adatta sia a servizi di carattere urbano che interurbano: turbative del traffico, nel secondo nella possibilità di utilizzare sia le strade a scorrimento veloce, per collegare velocemente due centri distanti, sia le vie del centro abitato, andando a raccogliere una maggiore quota di domanda. Il pianto del servizio e la sua flessibilità ne fanno una soluzione molto valida per scenari a La stessa condivisione della sede stradale con il traffico veicolare privato impedisce di ottenere, nella gran ocità commerciale e puntualità: questo, unito al comfort non molto le dimensioni limitate consentite dal codice della strada, dei limiti di carico per asse della sede stradale e della reale difficoltà di natura tecnica nel realizzare veicoli molto lunghi: mantenere una buona manovrabilità senza bassa del singolo veicolo, ancora minore nel caso di veicoli a pianale ribassato, aumenta il Si configura in questo modo una capacità limite, individuabile tra i ed i passeggeri/ora, vede la crescente adozione di sedi riservate per l incremento della velocità commerciale, il miglioramento del comfort di marcia offerto dai veicoli, l aumento dell accessibilità grazie al pianale ribassato ed un telesegnalamento efficace corsie preferenziali separate e protette. In seguito ad un certo successo,, anche in Europa questo sistema è stato più volte a chi lo riteneva meno invasivo nei confronti del regime di traffico privato: la creazione di corsie preferenziali per il BRT necessita in realtà di molto più oiezione, ma nel Sud

11 10 Un recente studio della Light Rail Transit Association prende in esame i dati raccolti dall US General Accounting Office a favore dei sistemi BRT: attraverso la correzione degli errori presenti nel documento del GAO relativi ai costi, si dimostra come l applicazione di sistemi BRT non presenti alcun vantaggio rispetto a servizi tranviari.. I costi di impianto e di esercizio a parità di domanda da soddisfare sono infatti molto simili, a fronte di una maggiore affidabilità tecnica, di migliori prestazioni, maggiore sicurezza e di una forte attrattività presso il pubblico del servizio tranviario. Alle stesse conclusioni è pervenuto il CERTU, istituzione francese dedita allo studio dei trasporti urbani: nell esagono le Busway à Haute Nivel de Service,, sono o un passo intermedio verso l adozione di sistemi tranviari oppure il rafforzamento di linee semiportanti, con carichi massimi intorno ai pphd. BRT, BHNS e BALS sono quindi la migliore applicazione possibile del servizio di autolinea, ma è solitamente una fase transitoria verso la creazione di linee di forza su ferro. L attenzione ricevuta di recente in letteratura è dovuta alla sua compatibilità, e soprattutto non alternatività, con l ulteriore sviluppo di infrastrutture stradali: a Los Angeles e Houston, infatti, dopo pochi anni le corsie riservate sono state aperte al traffico privato penalizzando pesantemente le prestazioni del BRT. La sua efficacia nel caso dei sistemi sudamericani risiede inoltre nella particolare conformazione del tessuto stradale, con una maglia ortogonale molto larga, e nel basso costo del personale di guida, condizioni difficilmente ilmente riscontrabili in Europa. Fig. 3 vista della busvia Metrobus (in turco: Metrobüs) di Istanbul. Foto: Wikipedia Busvia a via guida vincolata: sistema O-Bahn Nel 1970 il governo della Germania Federale promuove uno studio per applicazioni innovative nel settore delle autolinee: nel 1980 ad Essen viene aperta al pubblico la prima tratta per l esercizio di autobus a guida vincolata. I veicoli, di produzione Daimler-Benz e Mann,, corrono su sedi speciali ed esclusive costituite da due piste orizzontali parallele dotate di bordi di guida alti 30 cm e distanti reciprocamente 2,60 m; il direzionamento del mezzo viene comandato meccanicamente dai bordi della via di corsa tramite piccole ruote di guida orizzontali montate vicino all asse dello sterzo, ma in caso di necessità i

12 11 veicoli possono anche essere guidati manualmente in sede promiscua 6. In termini di servizio la realizzazione di sedi esclusive e l installazione di sistemi di preferenziamento semaforico permettono di svincolare totalmente il mezzo pubblico dalla congestione del traffico veicolare. La guida vincolata permette un direzionamento ed un perfetto allineamento con la banchina di fermata. Fig. 4 piattaforma O-Bahn di Adelaide (Australia) Fig. 5 busvia di Cambridge (Gran Bretagna). Foto: Scania 6 Sempre ad Essen sono state realizzate tratte della sede in condivisione con le già esistenti linee tranviarie, sono stati costruiti due esemplari di filobus guidati ed alcuni tunnel tranviari sono stati attrezzati anche per il transito promiscuo.

13 12 Autobus a via guidata sono attualmente in funzione in Germania ad Essen e Mannheim, in Inghilterra a Birmingham, Leeds e Bradford. Adelaide, in Australia, possiede la linea O-Bahn più veloce, unica operativa fuori dal territorio europeo. L'impianto è stato terminato nel 1989, è lungo 12 km e collega il centro con Modbury Interchange,, la velocità di percorrenza della via guidata è di 100 km/h per un tempo di 12 minuti con due fermate intermedie, Klemzig station e Paradise Interchange. Fig. 6 particolare della puleggia di guida e del cordolo metallico della busvia di Cambridge 7. Foto: Scania Il governo del South Australia ha però recentemente abbandonato il progetto di una seconda linea a favore di una soluzione tranviaria classica. Allo stesso modo Rimini, Edimburgo, Chester, Liverpool e Hull hanno negli ultimi due anni rinunciato ai loro progetti, mentre Leeds, Essen e Manheim stanno disinvestendo stendo sulla tecnologia, sempre a favore di sistemi tranviari. Il difetto principale del sistema O-Bahn consiste nell unire i limiti di capacità e di sicurezza delle convenzionali linee di autobus ad una infrastruttura dedicata ingombrante e problematica nelle intersezioni, anche più dei classici binari. I limiti di capacità ed il grande impatto visivo e funzionale sull assetto viario urbano, non compensati da significative economie nei costi, costituiscono il principale limite alla diffusione della la tecnologia O- Bahn come via intermedia tra autolinee e tranvie. 7 La busvia di Cambridge è stata inaugurata il 7 agosto 2011: è stata realizzata sul sedime di una linea ferroviaria dismessa. Si tratta di un corridoio di 39 km di cui circa 24,7 di via guidata: l importo delle opere è stato di circa 181 milioni di sterline pari a circa 8,5 M /km. Maggiori informazioni su

14 13 Busvia a via guidata: Optiguide e Phileas Si tratta di veicoli caratterizzati da elevati standard di design e da meccanismi di assistenza alla guida. Si parla di via guidata: il mezzo procede lungo un tracciato sul quale sono operanti dei sistemi passivi di anticipazione del tracciato. Fig. 7 La modalità guidata del Civis (Optiguide ) avviene tramite una guida ottica che segue un segnale a terra indicante al veicolo il percorso da seguire. Il veicolo è dotato di un sistema di lettura a telecamera collegato a un dispositivo elettronico che comanda le ruote del primo asse a seguire la linea di guida. La guida della vettura è realizzata per mezzo di un sensore ottico brevettato da MATRA in grado di rilevare la posizione di appositi patterns semplicemente verniciati al centro della corsia di marcia. Per motivi di sicurezza, è peraltro richiesta, nel caso la via di corsa presenti una larghezza inferiore a 3 metri, la presenza di un cordolo sul quale insistono apposite ruotine laterali tipo O-Bahn: tale misura non appare necessaria nei punti caratterizzati da marcia a bassa velocità (fermate, incroci, ecc). Prodotto dal consorzio IrisBus Renault, Matra Siemens Transportation -, il Civis non è altro che una sostanziale evoluzione del filobus Renault ER 100 alla quale si sono mostrate interessate numerose città francesi: un primo lotto di un centinaio di vetture è destinato alle nuove linee filoviarie di Lione e Grenoble, dalle cui aziende non è peraltro stato richiesto l'optional della guida ottica (in loco infatti la vettura viene chiamata con l'appellativo "filobus di cristallo"). Il sistema testato dalla città di Rouen è stato adottato dal Comune di Bologna per la nuova linea Borgo Panigale S. Lazzaro di Savena da servire con 49 veicoli nella versione elettrica. Fig. 8 La modalità guidata del Phileas avviene invece con degli elementi magnetici passivi posizionati lungo il tracciato e sigillati da con una resina polimerica tipo silicone. La municipalità di Eindhoven (Paesi Bassi) ha acquistato 12 di questi innovativi veicoli, nelle versioni di 18 e 24 metri. Dopo un periodo di prova di due anni, i primi veicoli sono entrati in servizio a fine Grazie alla costruzione leggera, la modalità di guida ibrida nonché alla via di corsa riservata, il consumo di energia di questi veicoli è minore del 15-30% rispetto agli altri veicoli della stessa categoria. Foto: JLR

15 14 È bene non confondere il termine Guida Vincolata con Via Guidata : seppure i due termini possano apparire simili in realtà non lo sono. Il primo indica un vincolo sulla guida ovvero a monte della marcia : ad essere vincolati sono gli organi di trazione. Con il termine Via Guidata si intende invece un vincolo a valle della marcia e quindi sulla via di corsa: si intende un veicolo che di per sé non sarebbe vincolato ma sul quale si impongono dei sistemi di assistenza della marcia. Parliamo quindi di autobus o filobus sui quali vengono installati dei sistemi di assistenza meccanica (pulegge laterali come l O-Bahn); ottica (l Optiguide del Civis); magnetica (i sensori magnetici del Phileas). Tutti quelli indicati sono Sistemi di Trasporto a Via Guidata (TVG). Un sistema a guida vincolata è naturalmente anche un sistema a via guidata. Per vincolo di guida si intende un sistema in grado di contrastare la spinta centrifuga di un veicolo in curva con una forza centripeta pari almeno al 20% della massa a del veicolo per un accelerazione costante pari a 0,5 m/s 2. Per questo, in base ai sistemi attualmente sul mercato, il vincolo di guida può essere soltanto di tipo meccanico: rotaia oppure pulegge installate ai lati del veicolo che spingono su cordoli di indirizzamento. Un sistema a via guidata non necessariamente deve essere un sistema a guida vincolata. La via può infatti essere guidata sia meccanicamente che tramite onde radio, oppure segnali magnetici o ancora ottici. Questi sistemi immateriali non garantiscono la possibilità di esplicare forze di mantenimento forzato di intensità pari a quelle di un vincolo meccanico compatibili con una qualità della marcia accettabile. Fig. 9 veicolo Phileas (foto: Wikipedia) I veicoli a via guidata sono impropriamente chiamati tram su gomma : la dizione è quanto mai impropria, quindi, proprio per l inesistenza di una reazione di vincolo paragonabile a quella di una rotaia o di un cordolo di guida. Per l indiscutibile livello estetico di questi prodotti rispetto ad autobus e filobus ordinari si può parlare di dressed-as-a-tram (letteralmente: vestite come un tram).

16 15 Filovia e Filovia ad Alto Livello di Servizio (FALS) Nato negli anni 30 del ventesimo secolo, la sua adozione è legata al progressivo ressivo smantellamento di vecchie linee tranviarie. Al tempo il filobus univa infatti le caratteristiche di comfort, flessibilità e semplicità delle autolinee con l alimentazione elettrica a captazione aerea, che garantiva silenziosità e minori consumi. I veicoli sono mossi da motori elettrici alimentati in corrente continua da una linea aerea dotata sia di cavo di potenza che di ritorno, il cui contatto col veicolo è assicurato da due aste (trolley) dotate di una certa libertà di movimento. Fig. 10 in Italia, il filobus rappresenta il mezzo di trasporto caratteristico dei capoluoghi di medie dimensioni, nei quali svolge il servizio principale, ed appare altresì utile per integrare le reti ferrotranviarie nelle maggiori città, fungendo ndo inoltre da soluzione "ponte" per quei grossi centri che si stanno dotando di infrastrutture più pesanti (tranvie, metropolitane e ferrovie suburbane) ed hanno dunque necessità di collaudare procedure ed abitudini (tanto da parte delle aziende esercenti quanto da parte dell utenza) legate alla presenza di impianti fissi. Nella foto una vettura della linea 1 di Parma (foto: Wikipedia). Le filovie corrono sulla normale sede stradale e mantengono una certa libertà di movimento in quanto non vincolate a terra; ra; esse dispongono solitamente di una certa autonomia grazie a batterie 8 o generatori diesel ausiliari che permettono di superare ostacoli anche al di fuori dell area coperta dal bifilare. L alimentazione elettrica e la grande silenziosità caratterizzano le filovie come un servizio a basso impatto ambientale, generando una maggiore qualità percepita presso il pubblico rispetto alle autolinee. 8 Oggi limitata a circa 4 km di distanza, ma la tecnologia è in rapida evoluzione: il futuro vedrà prestazioni estremamente potenziate grazie ai supercapacitori.

17 16 Le filovie vivono oggi un periodo di discreto sviluppo, limitato però da vantaggi relativi al consumo sempre meno sensibili rispetto ai normali autobus e da una manutenzione particolarmente onerosa; l armatura aerea, dovendo infatti ospitare due catenarie, è più complessa rispetto a quella di una linea tranviaria e la configurazione dell impianto presenta un rischio maggiore rispetto al tram. La presenza delle aste trolley come sistema di captazione rende lo sgancio dalle catenarie un problema frequente, limitato però dalla recente introduzione di sistemi di aggancio automatici; una certa complessità tecnologica e soprattutto il basso regime di produzione rendono i filobus dei mezzi molto più costosi degli autobus. La capacità di una linea filoviaria è equivalente a quella delle autolinee, così come sono simili le innovazioni relative al confort di recente diffusione; ; grazie alla presenza di motori elettrici è stato inoltre possibile introdurre ruote motore, non collegate quindi ad un asse, che permettono di raggiungere percentuali di superficie interna utile molto elevate. Come per le busvie anche per le filovie si parla di via guidata e guida assistita: la differenza è nell adozione di una trazione elettrica in luogo della trazione termica (diesel, a gas naturale oppure ibrida). Tram su gomma I tram su gomma non sono altro che veicoli su gomma modellati su un estetica tipicamente tranviaria con un vincolo di guida di tipo meccanico. Il primo prodotto di questo tipo è stato il TVR di Bombardier (Transport sur Voie Réservée,, conosciuto anche con il nome di "Guided Light Transit") che sfrutta per la guida del veicolo un'unica nica rotaia posta al centro della corsia di marcia. Si tratta di un sistema a via parzialmente vincolata in quanto la puleggia di guida non garantisce i sufficienti requisiti di resistenza per permettere l omologazione come tram : pertanto il TVR è omologato come veicolo stradale e pertanto soggetto alle limitazioni dimensionali 9 stabilite dal Codice della Strada. Fig. 11 posizionamento normale della puleggia di guida durante la marcia e schema di sbandamento potenziale della stessa Il TVR è attualmente in servizio nelle due città francesi di Nancy e Caen. Bombardier effettua esclusivamente assistenza a questi due sistemi e non manifesta l intenzione di continuare la promozione del prodotto mm di lunghezza massima in Francia e mm in Italia.

18 17 Fig. 12 TVR, vettura in servizio sulla linea di Caen. Foto: Wikipedia Fig. 13 il sistema di guida con pulegge a contrasto, cosiddetto a V, rende particolarmente efficace il vincolo di guida del Translohr a differenza degli altri sistemi che durante la marcia esercitano un controllo indiretto sulla guida

19 18 Il Translohr, prodotto della Lohr, è allo stato attuale l unico tram su gomma in produzione. Si tratta di un sistema per molti versi analogo a quello realizzato da Bombardier: il grado di vincolo è maggiore e, pur essendo stato concepito sia per la guida manuale che vincolata si è affrancato esclusivamente come mezzo vincolato. Le vetture, di chiara concezione tranviaria, possiedono un peso assiale ridotto rispetto al TVR ed il sistema di guida, sostanzialmente simile a quello proposto da Bombardier, prevede una rotaia centrale sulla quale insistono due ruote tranviarie secondo uno schema a "V", che risulta piuttosto efficiente. Allo stato attuale il sistema Translohr è operativo dal 24 marzo 2007 sulla linea 8 di Padova (linea SIR1) e dal 27 agosto 2007 a Clermont-Ferrand su una linea nord-sud di 14 km. Nel 2008 è stata attivata una linea nella metropoli cinese di Tianjin e l anno seguente a Shanghai. È seguita la più recente attivazione della linea T1 di Venezia-Mestre mentre Parigi lo ha adottato per le nuove linee T5 e T6. Fig. 14 Translohr di Clermont-Ferrand (Francia). Foto: Wikipedia Tram Le prime linee tranviarie nascono quasi contemporaneamente negli Stati Uniti e nell Europa centrale come servizi di trasporto collettivo su carrozze di tipo ferroviario aperte trainate da cavalli; derivato dai sistemi di movimentazione delle miniere, il sistema era conveniente grazie alla presenza della rotaia, in quanto il basso attrito volvente rendeva il moto meno gravoso e la stabilità della sede assicurava confort e stabilità. Una volta sostituita la trazione animale con quella a vapore ed infine con quella elettrica, le tranvie assumono la forma tradizionalmente conosciuta: rotaie a gola a livello del piano stradale, sede viaria promiscua, marcia a vista soggetta al codice della strada ed armamento aereo per l alimentazione.

20 19 Giunte ad una notevole estensione attorno agli anni Trenta, sia come linee urbane che extraurbane, le tranvie sono state vittima di scelte politiche a favore della gomma e di un mancato aggiornamento tecnico che ne hanno segnato la rimozione in rilevante quantità, in Europa come in America. In Europa gran parte delle reti vengono smantellate. Poche le eccezioni, Milano, Torino, Roma e Napoli in Italia; Lille, Marsiglia e St. Etienne in Francia; Blackpool in Inghilterra, la sola Lisbona nella penisola iberica. Fanno eccezione i Paesi dell area germanica dove le reti vengono preservate e incentivate a partire da metà degli anni Ottanta. Fig. 15 vista della linea T3 di Parigi. Foto: RATP La rinascita tranviaria affonda le radici nella crisi petrolifera del 1973, che innesca una serie di riflessioni sul modello di mobilità completamente affidato ai combustibili fossili. Inizialmente si punta sulle metropolitane: Lione e Marsiglia le inaugurano nel 1978, mentre in Italia si estende la rete milanese e a Roma si concluda la linea A. In Francia è il ministro dei Trasporti Marcel Cavaillé a rilanciare il tram, con un concorso pubblicato bandito nel 1975: il Concours Cavaillé ha lo scopo di definire un modello nazionale per la reintroduzione del tram. L industria non si mobilita subito, ma il concorso prepara il campo progettuale a quella rinascita che, a partire dal 1985 porterà alla realizzazione di 22 nuove reti tranviarie dalle 3 superstiti agli smantellamenti degli anni Sessanta. Strasburgo, Nantes, Grenoble e Parigi mostreranno l efficacia del tram come elemento di ristrutturazione tturazione e rilancio delle aree urbane: sono gli anni Novanta e i progetti per nuove reti tranviarie si susseguono sia in Europa che in Nordamerica. La realizzazione delle linee di tram moderno, avvenute nelle città europee, dimostra come si possano ottenere ere con il mezzo tranviario numerosi e significativi risultati.

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente RELAZIONE DI FATTIBILITA ECONOMICA Progetto per la costruzione di una rete di trasporto pubblico locale urbano ad alta capacità. Progetto Preliminare 1

Dettagli

Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno

Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno Pag. 0 di 28 Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno Bresso (Sala Consiglio) - 8.04.2008 Pag. 1 di 28 Intese e Quadro programmatico Accordo tra Regione, e Comuni in ordine alla riqualificazione della

Dettagli

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Tecnica e pianificazione urbanistica AA 2012-13 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Bibliografia di riferimento: Isfort, Un futuro in costruzione, 8

Dettagli

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova Stato dell arte e innovazione nel settore filoviario nel moderno contesto dei sistemi a grande capacità di trasporto Fabio

Dettagli

1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino

1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino 1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino BVG, che esercisce i servizi di mobilità collettiva nella città di Berlino, è la principale azienda di trasporto pubblico in Germania: trasporta 937 milioni

Dettagli

STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO

STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO LA RETE TRANVIARIA DI TORINO STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO STORIA 1871: prima linea tranviaria su rotaia in Italia

Dettagli

IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM. Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008

IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM. Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008 IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008 Il Tram di Mestre Il materiale rotabile che sarà utilizzato per il servizio, denominato Translohr, è un prodotto

Dettagli

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Dati aggiornati a ottobre 2008 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Quante auto in circolazione? Il parco veicoli In Europa circolano 210 milioni di autovetture, corrispondenti ad un terzo

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit sarà all altezza delle esigenze di mercato? Nel 2008, circa 900.000 spedizioni stradali hanno attraversato le Alpi svizzere

Dettagli

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro European Mobility Week Problematiche e misure per una mobilità urbana sostenibile Palermo 20 settembre 2007 Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro Maria Rosa Vittadini Università

Dettagli

Mobilità sostenibile: un diritto per tutti i cittadini

Mobilità sostenibile: un diritto per tutti i cittadini Mobilità sostenibile: un diritto per tutti i cittadini 1 Come ci muoviamo a Genova Auto/Moto: 59% degli spostamenti Bus/Metro: 31% degli spostamenti Ferrovia: 10% degli spostamenti 6 Genovesi su 10 (di

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

Key Performance Indicators nel TPL

Key Performance Indicators nel TPL Key Performance Indicators nel TPL Edoardo Marcucci Professore associato, Economia Applicata DISP e CREI, Università di Roma Tre Alcune questioni aperte sul Trasporto Pubblico Locale Workshop SIPOTRA Roma,

Dettagli

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO Torino, settembre 2006 Torino 25 26 Febbraio 2009 Gabriella BIANCIARDI Percorsi europei per la mobilità sostenibile 1 TORINO ALCUNI DATI N ABITANTI:

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Enrico Musso Università di Genova Il Car Sharing per l utente: l interesse, immagine, gradimento Roma, 7 aprile 2009 Auditorium dell Ara Pacis 1. Caratteristiche

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO

S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE IMPATTO ACUSTICO 1 INDICE 1. PREMESSA...3 2. ANALISI DELLA

Dettagli

Possibili scenari per la mobilità in Basilicata. Umberto Petruccelli

Possibili scenari per la mobilità in Basilicata. Umberto Petruccelli Possibili scenari per la mobilità in Basilicata Accessibilità interna ai centri urbani IL CASO «POTENZA» 2% 2% Giudizio sul bus urbano 1) scadente 20% 35% 2) sufficiente OK=63% 3) buono 4) ottimo 22% 6%

Dettagli

MUOVERSI MEGLIO RISPETTANDO L AMBIENTE

MUOVERSI MEGLIO RISPETTANDO L AMBIENTE MUOVERSI MEGLIO RISPETTANDO L AMBIENTE 1. Diminuire l impatto ambientale della mobilità in ambito urbano utilizzando un approccio integrato attraverso gli strumenti e le tecnologie disponibili e in accordo

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Carlo Carminucci ccarminucci@isfort.it Roma 7 aprile 2009 La fonte dei dati: l indagine Audimob (Osservatorio Isfort Fondazione

Dettagli

Le esternalità dei Trasporti

Le esternalità dei Trasporti Le esternalità dei Trasporti Silvia Orchi 5 Febbraio 2015 Il concetto economico ESTERNALITA Il termine esternalità si riferisce a una situazione in cui si produce una variazione di benessere ad opera di

Dettagli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli 1 I bus elettrici a Torino LE ESIGENZE DA SODDISFARE Basso impatto ambientale Bassi consumi di combustibile

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELL ORCO, TONINELLI, DE LORENZIS, LIUZZI, NICOLA BIAN- CHI, CRISTIAN IANNUZZI, SPESSOTTO, PAOLO NICOLÒ ROMANO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELL ORCO, TONINELLI, DE LORENZIS, LIUZZI, NICOLA BIAN- CHI, CRISTIAN IANNUZZI, SPESSOTTO, PAOLO NICOLÒ ROMANO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2436 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELL ORCO, TONINELLI, DE LORENZIS, LIUZZI, NICOLA BIAN- CHI, CRISTIAN IANNUZZI, SPESSOTTO,

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA 8 Congresso Nazionale CIRIAF Atti (Perugia 4/5 aprile 2008) SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED ENERGETICA DEL MINIMETRÒ DI PERUGIA Fabio Maria Ciuffini 1, Michele Goretti 2, Leonardo Naldini 3 1 Studio Ciuffini

Dettagli

Luci ed ombre nella smaterializzazione. Guido Molese Direttore Commerciale di Atac S.p.A.

Luci ed ombre nella smaterializzazione. Guido Molese Direttore Commerciale di Atac S.p.A. Luci ed ombre nella smaterializzazione Guido Molese Direttore Commerciale di Atac S.p.A. Elenco dei contenuti 1. Roma Capitale - Atac S.p.A. Azienda per la mobilità 2. Organizzazione del SBE nel Territorio

Dettagli

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno.

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno. REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA spa trasporti regionali della sardegna Via Zagabria, 54 09129 Cagliari tel (+39) 070 4098 1 fax (+39) 070 4098 237 www.arst.sardegna.it STRALCIO Progetto finanziato dall

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008 IBERAZIONE N. 52/ 17 3.10.2008 Oggetto: Programma Operativo Regionale FESR 2007/ 2013 Obiettivo operativo 5.1.1, Cod. 52 lettera (A), Cod. 26 lettera (C), Cod. 28 lettera (D) e Cod. 25 lettera (E). L Assessore

Dettagli

1. Costituire una connessione importante di Trasporto Pubblico Locale collegando i nuovi Parcheggi Scambiatori di Pisa Sud con il centro cittàdino;

1. Costituire una connessione importante di Trasporto Pubblico Locale collegando i nuovi Parcheggi Scambiatori di Pisa Sud con il centro cittàdino; Il Progetto People Mover ha lo scopo di trasformare l attuale collegamento ferroviario tra l Aeroporto Galileo Galilei e la Stazione di Pisa Centrale in una connessione ad altissima frequenza con standard

Dettagli

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE CONTESTO TERRITORIALE E INDIRIZZI STRATEGICI IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG

Dettagli

ANALISI COSTI BENEFICI

ANALISI COSTI BENEFICI Comune di Pisa Realizzazione di un sistema di collegamento (People Mover) tra l Aeroporto Galileo Galilei e la Stazione ferroviaria di Pisa Centrale, parcheggi scambiatori e viabilità di connessione ANALISI

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

U.S.S.M.A.F. RAPPORTO 2009/07 ANALISI PRESTAZIONALE DELLE ESTENSIONI DELLA RETE TRANVIARIA

U.S.S.M.A.F. RAPPORTO 2009/07 ANALISI PRESTAZIONALE DELLE ESTENSIONI DELLA RETE TRANVIARIA U.S.S.M.A.F. UNITÀ SPECIALE PER LO STUDIO DELLA MOBILITÀ NELL AREA FIORENTINA RAPPORTO 2009/07 SVILUPPO DELLA RETE TRAMVIARIA FIORENTINA ANALISI PRESTAZIONALE DELLE ESTENSIONI DELLA RETE TRANVIARIA VALUTAZIONI

Dettagli

Capacità e potenzialità di una linea (1/4)

Capacità e potenzialità di una linea (1/4) Capacità e potenzialità di una linea (1/4) Per due convogli/veicoli che si susseguono possono essere definiti due tipi di distanziamente: Distanziamento spaziale D SP : è la distanza che intercorre tra

Dettagli

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO 2 incontro: 19 gennaio 2006 MOBILITÀ Viviamo l epoca dell accelerazione. Tutto intorno a noi è un richiamo alla celerità. Le cose vanno sempre più veloci.

Dettagli

Scenari di gestione degli impatti derivanti dalla Finanziaria. Milano, 30 Luglio 2010

Scenari di gestione degli impatti derivanti dalla Finanziaria. Milano, 30 Luglio 2010 Scenari di gestione degli impatti derivanti dalla Finanziaria Milano, 30 Luglio 2010 Manovra finanziaria: impatti sul TPL. Gli articoli della manovra Art. 1: definanziamento delle leggi di spesa totalmente

Dettagli

Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A.

Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A. Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A. Inquadramento Territoriale PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o POPOLAZIONE RESIDENTE(ab.): 1.021.700 AREA URBANA

Dettagli

Corso di Progettazione dei Sistemi di Trasporto. Esempio di valutazione di un investimento mediante l analisi Costi-Benefici

Corso di Progettazione dei Sistemi di Trasporto. Esempio di valutazione di un investimento mediante l analisi Costi-Benefici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Dipartimento di Ingegneria Civile Corso di Progettazione dei Sistemi di Trasporto Docente: Prof. Ing. Agostino Nuzzolo Esempio di valutazione di un investimento

Dettagli

COMUNE DI PRATO Assessorato alla Mobilità ed Innovazione

COMUNE DI PRATO Assessorato alla Mobilità ed Innovazione COMUNE DI PRATO Assessorato alla Mobilità ed Innovazione Gruppo di lavoro per lo sviluppo del sistema tranviario: Coordinamento: ing. LORENZO FRASCONI Consulenza progettazione rete: Dipl. Ing. THOMAS RUFF

Dettagli

LA GAMMA FULL HYBRID

LA GAMMA FULL HYBRID LA GAMMA FULL HYBRID I nuovi autobus ibridi Emissioni ancora inferiori, consumi ulteriormente ridotti. Il nostro sistema ibrido seriale a batterie è riconosciuto come il più adatto alle missioni urbane.

Dettagli

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona 2 Ancona Provincia Periodico d'informazione della Provincia di Ancona Spedizione in abb. postale - 70% - Direzione commerciale Business Ancona Editore: Provincia di Ancona - Rivista trimestrale - Autorizzazione

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI M In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini in questa fase di congiuntura economica non favorevole

Dettagli

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Corridoi del trasporto pubblico Eur-Tor de Cenci ed Eur Laurentina-Tor Pagnotta-Trigoria La mobilità

Dettagli

Energia e Trasporti: Il Sistema dei Trasporti a Palermo

Energia e Trasporti: Il Sistema dei Trasporti a Palermo L efficientamento del Sistema dei Trasporti a Palermo Prof. Ing. TULLIO GIUFFRE Università degli Studi di Enna Kore Quali metodi o quali misure è possibile mettere in campo per rendere più efficiente la

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE DI MILANO. Città Metropolitana Milano, 31 Marzo 2015

PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE DI MILANO. Città Metropolitana Milano, 31 Marzo 2015 1 PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE DI MILANO Città Metropolitana Milano, 31 Marzo 2015 2 Percorso di formazione del Piano Linee di indirizzo Rapporto preliminare I Conferenza di valutazione Consultazione

Dettagli

Torino: servizio trasporti

Torino: servizio trasporti Torino: servizio trasporti Cruscotto di indicatori A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano Indice Cruscotto di sintesi pag. 3 Indicatori di efficienza pag.

Dettagli

GLI INVESTIMENTI SULLA RETE AUTOSTRADALE

GLI INVESTIMENTI SULLA RETE AUTOSTRADALE WORKSHOP Metodologie di gestione e politiche di investimento per il patrimonio stradale nazionale esistente: attuale insostenibilità, ipotesi di nuovi scenari e linee di intervento GLI INVESTIMENTI SULLA

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Francesco Paolo Lamacchia, Ph.D., P.E. International Technical Consultant

Francesco Paolo Lamacchia, Ph.D., P.E. International Technical Consultant Relatore Francesco Paolo Lamacchia, Ph.D., P.E. International Technical Consultant Altamura, 15 Novembre 2013 Ore 9:00 Sede Corso Umberto n.10 Altamura (BA) In #London, #Cologne, #Amsterdam and #Brussels,

Dettagli

Tratto di ciclabile monodirezionale esistente in sede stradale

Tratto di ciclabile monodirezionale esistente in sede stradale Tratto di ciclabile monodirezionale esistente in sede stradale Separata dal flusso viario, da migliorare con interventi localizzati e mirati sulla segnaletica orizzontale e verticale, posa di manto bituminoso

Dettagli

IL SISTEMA TRANVIARIO SU GOMMA A GUIDA VINCOLATA PER LA CITTA DI MESTRE VENEZIA

IL SISTEMA TRANVIARIO SU GOMMA A GUIDA VINCOLATA PER LA CITTA DI MESTRE VENEZIA IL SISTEMA TRANVIARIO SU GOMMA A GUIDA VINCOLATA PER LA CITTA DI MESTRE VENEZIA AVANZAMENTO LAVORI Actv Elio Zaggia Direttore Automobilistico PMV Antonio Stifanelli Presidente Amministratore Delegato PMV

Dettagli

Metodologia per la determinazione dei costi operativi e del corrispettivo da erogare alle aziende di trasporto pubblico locale su gomma.

Metodologia per la determinazione dei costi operativi e del corrispettivo da erogare alle aziende di trasporto pubblico locale su gomma. Allegato alla Deliberazione n. 44/ 17 del 6.8.2008 Metodologia per la determinazione dei costi operativi e del corrispettivo da erogare alle aziende di trasporto pubblico locale su gomma. Il servizio di

Dettagli

Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche

Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche Il 1 febbraio 2008, Dexia e l istituto di ricerche Ambiente Italia hanno presentato

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena Provincia IL BILANCIO DI GENERE della 1 Lo sviluppo delle capacità umane nell attività di Gender Auditing Il ruolo della società e delle istituzioni dovrebbe essere quello di stimolare e promuovere la

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO PARTE A

CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO PARTE A Facoltà di Ingegneria - Università di Pisa Anno Accademico: 2012/13 CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Docente: Marino Lupi CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO

Dettagli

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA 4.2 METROPOLITANA DI GENOVA OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Questo intervento comprende la prosecuzione dei lavori per la metropolitana di Genova. Ad oggi sono operativi 5,2 chilometri,

Dettagli

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0 Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA 1 I PRINCIPALI DATI DI ASSTRA I PRINCIPALI DATI DELLE AZIENDE ADERENTI AD ASSTRA Membri associati

Dettagli

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale INNOVAZIONE IN BUSINESS CLASS Dealer Truck e LCV: l impronta digitale Antonio Cernicchiaro Vice Direttore Generale UNRAE @nicknametwitter www.dealerday.it IMMATRICOLAZIONI TRUCKS: TREND ULTIMI 7 ANNI E

Dettagli

O SSERVATORIO PROVINCIALE SICUREZZA STRADALE

O SSERVATORIO PROVINCIALE SICUREZZA STRADALE O SSERVATORIO PROVINCIALE SICUREZZA STRADALE Asaps - Anvu - Emergenza Sanitaria - Sicurstrada ISTRUZIONI PER L USO DELLE ROTONDE STRADALI in collaborazione con: A.S.A.P.S. Associazione Sostenitori Amici

Dettagli

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Ottobre 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 12 Tutti in autobus,

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE INDICE 1 PREMESSA... 2 2 COSTI DI REALIZZAZIONE E COSTI DI GESTIONE... 4 3 BENEFICI TRASPORTISTICI... 6 4 VARIAZIONE DELLA SICUREZZA... 8 5 BENEFICI AMBIENTALI -VARIAZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO... 11

Dettagli

Lo scenario di riferimento del PUM

Lo scenario di riferimento del PUM Lo scenario di riferimento del PUM I principali elementi invarianti che caratterizzano lo scenario di riferimento sono: Interventi sulla viabilità Riassetto nodo autostradale / Gronda di Ponente Tunnel

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A.

Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A. Nota informativa per la stampa Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A. Sommario 1. Tratti salienti 2. Il Piano di sviluppo al 2044 3. Occupazione: più di 230mila posti di lavoro 4. Grande

Dettagli

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo MOBILITY CONFERENCE 2014 Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo Avv. Marzio Agnoloni Amministratore Delegato Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. 11 Febbraio 2014 1 Indice Inquadramento

Dettagli

INCROCI CON DIRITTO DI PRECEDENZA

INCROCI CON DIRITTO DI PRECEDENZA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON DIRITTO DI PRECEDENZA Visione d insieme Un incrocio a traffico misto e con diritto di precedenza è la soluzione

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

ANALISI DI UN SISTEMA DI TRASPORTO PUBBLICO A GUIDA VINCOLATA A SERVIZIO DI UN AREA VASTA

ANALISI DI UN SISTEMA DI TRASPORTO PUBBLICO A GUIDA VINCOLATA A SERVIZIO DI UN AREA VASTA ANALISI DI UN SISTEMA DI TRASPORTO PUBBLICO A GUIDA VINCOLATA A SERVIZIO DI UN AREA VASTA Massimo Losa Università di Pisa, Dipartimento di Ingegneria Civile - losa@ing.unipi.it Marino Lupi Università di

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia Comune di Desenzano del Garda Provincia di Brescia INDAGINI DI TRAFFICO IN FUNZIONE DEL PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PLESSO SCOLASTICO E DI UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE IN LOCALITA

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Antonello Pellegrino Direttore del Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Cagliari, 26.06.2013 Riferimenti

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Osservatorio infrastrutture, trasporti e ambiente della Regione Lazio Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Dossier conclusivo Maggio 2008 Il presente

Dettagli

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TURRIACO PROVINCIA DI GORIZIA LAVORI DI SISTEMAZIONE VIABILITA PER REALIZZAZIONE DI UN PERCORSO CICLABILE - PEDONALE E SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA AQUILEIA, VIA ROMA, VIA MEITNER,

Dettagli

Impianti fissi per il trasporto urbano

Impianti fissi per il trasporto urbano Impianti fissi per il trasporto urbano Vantaggi: - pendenza superabile Tipologia 1 Svantaggi: Obiettivo: svincolarsi dal traffico stradale - velocità, regolarità competitività con l auto - capacità (veicoli

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Città di Torino Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Intermodalità e logistica: il Nord Ovest piattaforma fra Italia e Europa Il trasporto delle merci è il trasferimento di beni

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

- contribuire alla riduzione della povertà, - supportare la crescita economica ed - aiutare lo sviluppo dell amministrazione pubblica.

- contribuire alla riduzione della povertà, - supportare la crescita economica ed - aiutare lo sviluppo dell amministrazione pubblica. Il settore dei trasporti rappresenta un elemento di grande importanza per lo sviluppo di un paese, poichè le sue infrastrutture e servizi, se efficienti ed adeguati, possono: - contribuire alla riduzione

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di delibera di iniziativa popolare per la per l'avvio di un processo di partecipazione dei cittadini romani al fine di progettare un sistema sostenibile di mobilità incentrato sull'utilizzo del

Dettagli