Le Banche. La definizione di banca nell ordinamento italiano. Contenuti. 1. La banca: definizione e funzioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Banche. La definizione di banca nell ordinamento italiano. Contenuti. 1. La banca: definizione e funzioni"

Transcript

1 Le Banche Contenuti 1

2 Le Banche Contenuti 1. La banca: definizione e funzioni La definizione di banca nell ordinamento italiano Nell ordinamento italiano la banca è considerata un impresa che può esercitare l attività bancaria e ogni altra attività finanziaria nonché attività connesse o strumentali, fatte salve le riserve di attività previste dalla legge. Attività bancaria L'attività bancaria è definita (art. 10 del T.U.B. - Testo Unico Bancario, D.Lgs. 385/1993) come l esercizio congiunto dell attività di raccolta di risparmio tra il pubblico e dell'attività di concessione del credito. 1. La raccolta del risparmio si sostanzia nell acquisizione di fondi, con obbligo di restituzione, sotto forma di depositi e/o sotto altra forma; 2. L esercizio del credito si sostanza nella concessione di prestiti in denaro in varie forme (crediti per cassa) e/o nel prestare garanzie e impegni di firma a favore di terzi (crediti di firma). Altre attività finanziarie Le attività ammesse al mutuo riconoscimento sono (art. 1, comma 2, lettera (f) del T.U.B., versione aggiornata al Decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 53): 2

3 1. raccolta di depositi o di altri fondi con obbligo di restituzione; 2. operazioni di prestito (compreso in particolare il credito al consumo, il credito con garanzia ipotecaria, il factoring, le cessioni di credito pro soluto e pro solvendo, il credito commerciale incluso il «forfaiting»); 3. leasing finanziario; 4. prestazione di servizi di pagamento come definiti dagli articoli 1, comma 1, lettera b), e 2, comma 2, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 11; 5. emissione e gestione di mezzi di pagamento («travellers cheques», lettere di credito), nella misura in cui quest attività non rientra nel punto 4; 6. rilascio di garanzie e impegni di firma 7. operazioni per conto proprio o per conto della clientela in: strumenti di mercato monetario, cambi, strumenti finanziari a termine e opzioni, contratti su tassi di cambio e d interesse, valori mobiliari; 8. partecipazione alle emissioni di titoli e prestazione di servizi connessi; 9. consulenza alle imprese in materia di struttura finanziaria, di strategia industriale e di questioni connesse, nonché consulenza e servizi nel campo delle concentrazioni e del rilievo di imprese; 10. servizi di intermediazione finanziaria del tipo money broking (ossia l intermediazione in cambi senza assunzione di rischi in proprio); 11. gestione o consulenza nella gestione di patrimoni; 12. custodia e amministrazione di valori mobiliari; 13. servizi di informazione commerciale 14. locazione cassette di sicurezza 15. altre attività che, in virtù delle misure di adattamento assunte dalle autorità comunitarie, sono aggiunte all'elenco allegato alla seconda Direttiva in materia creditizia del Consiglio delle Comunità europee n. 89/646/CEE del 15 dicembre La Direttiva 89/646/CEE è stata abrogata dall art. 67 della Direttiva 2000/12/CE del 20 marzo 2000, a sua volta abrogata dall art. 158 della Direttiva 2006/48/CE del 14 giugno 2006, nella quale è confluita la disciplina relativa all accesso all attività degli enti creditizi e al suo esercizio. Le attività che beneficiano del mutuo riconoscimento sono attualmente elencate nell allegato I alla Direttiva 2006/48/CE. Attività connesse e strumentali Le attività connesse sono attività accessorie che consentono di promuovere e sviluppare l attività principale. Le attività strumentali hanno carattere ausiliario a quella principale (es. studio, ricerca e analisi in materia economica e finanziaria, formazione del personale, ecc.). 3

4 Differenziazione delle banche rispetto ad altri intermediari finanziari La banca è un intermediario finanziario che svolge in maniera coordinata e congiunta e a proprio rischio: - una funzione di mobilizzazione delle risorse finanziarie (accumulazione del risparmio), acquisendo le disponibilità finanziarie delle unità economiche che presentano saldi finanziari positivi (in surplus). Attraverso la riduzione dei costi di informazione e di gestione della liquidità e la maggiore diversificazione dei rischi, le banche accrescono le risorse finanziarie disponibili per il sistema economico. - una funzione di trasferimento di risorse finanziarie a titolo di credito (finanziamento degli investimenti) alle unità economiche che presentano saldi finanziari negativi (in deficit). - una funzione monetaria, offrendo strumenti di debito bancario accettati dal pubblico come mezzo di pagamento. Ciò che distingue le banche dagli altri intermediari finanziari è infatti la natura particolare delle loro passività, ossia dei fondi che devono rimborsare a coloro che li hanno depositati. In particolare i clienti possono utilizzare le somme depositate sotto forma di conto corrente per effettuare "transazioni" mediante appositi servizi di pagamento. Tale funzione presuppone la fiducia del pubblico e la presenza di procedure operative e di strutture tecnologiche che rendano sicuro ed efficiente l uso di moneta bancaria. Tali funzioni qualificano e distinguono le banche da altre tipologie di intermediari finanziari. Inoltre, sebbene la funzione creditizia (accumulazione e allocazione del risparmio) venga svolta anche dal mercato e da altre tipologie di intermediari, nelle banche essa si qualifica per le seguenti ragioni: Utilizza il circuito indiretto; Comporta la trasformazione dei rischi e delle scadenze (con cui la banca riduce il problema della divergenza delle preferenze tra le diverse unità economiche); Svolge una funzione di selezione ex ante e controllo ex post (in altri termini la banca riduce i problemi connessi all esistenza di asimmetrie informative). Data l importanza del ruolo svolto dalle banche nell ambito del sistema finanziario, le Autorità di Vigilanza richiedono loro il rispetto del principio della sana e prudente gestione. Condizioni fondamentali per cui ciò avvenga sono: l adeguatezza del capitale proprio, la qualità e la liquidità dell attivo, la capacità di produrre reddito (anche al fine di alimentare il capitale proprio), la capacità di gestire i rischi derivanti dall esposizione alle varie condizioni del mercato e la qualità degli organi di governance e del management. Differenziazione del processo produttivo delle banche rispetto a quello di altre imprese La natura multiprodotto e il contenuto di servizio che caratterizzano il sistema di offerta delle banche rendono complessa la rappresentazione del loro processo produttivo rispetto a quello di altre imprese. Sono elementi distintivi dell attività bancaria: 4

5 L offerta di prodotti caratterizzata da elementi di congiunzione e di interdipendenza produttiva. A titolo di esempio, è possibile fare riferimento ai depositi della clientela che, oltre a essere una parte importante dell offerta delle banche, costituiscono anche l input per l offerta di prestiti. La personalizzazione dei contratti. L adattabilità alle esigenze specifiche dei prenditori dei fondi e degli investitori implica l esistenza di una forte componente di relazione con i clienti. La produzione di informazioni. La banca acquisisce informazioni sui profili economici e finanziari della clientela potenziale ed effettiva, elabora tali informazioni e le rende funzionali alla definizione delle caratteristiche delle attività finanziarie da essa create. Classificazione delle aree di business delle banche Osservando la tipologia di clientela servita e concentrandosi sulla numerosità dei clienti, sull importo medio delle operazioni piuttosto che sul grado di personalizzazione/standardizzazione dei prodotti e servizi, è possibile distinguere tre importanti aree di business delle banche: Retail banking: identifica l insieme delle attività svolte nei confronti dei segmenti di clientela minori non distinti per funzione economica (famiglia, impresa o altro). Tale area di business si caratterizza per l elevata numerosità dei clienti serviti, per il basso importo medio delle operazioni e per la bassa personalizzazione dei prodotti e servizi. Spesso al concetto di retail banking si contrappone quello di wholesale banking: quest ultimo fa riferimento sia all attività di produzione-distribuzione all ingrosso (es. per altri intermediari) sia all utilizzo di grandi quantità di prodotti da parte di singoli clienti (generalmente di grandi dimensioni). Private banking, identifica l insieme delle attività svolte nei confronti del segmento di clientela privati (singoli o a gruppi), appartenenti a categorie di reddito e/o ricchezza finanziaria superiore alla media. Rispetto al retail banking, tale area di business si caratterizza per una più bassa numerosità dei clienti serviti, per un più elevato importo medio delle operazioni e per un più alto grado di personalizzazione dei prodotti e servizi. Corporate banking: identifica l insieme delle attività svolte nei confronti delle imprese di non piccole dimensioni e dotate di forma societaria (corporate, per l appunto). Tale area di business si caratterizza per l elevato importo medio delle operazioni e per l alta personalizzazione dei prodotti e servizi. Il rapporto bancaimpresa può assumere una duplice configurazione. o o Nel caso del transaction banking, il rapporto è discontinuo, parziale e/o si basa su singole operazioni per le quali l'impresa ricerca soprattutto il minor costo possibile. Nel caso del relationship banking, il rapporto è di più lunga durata e si caratterizza per l elevato interscambio informativo grazie al quale la banca può conoscere in maniera più approfondita l'impresa (con particolare riferimento ai bisogni finanziari e al profilo di rischio). 5

6 2. Il bilancio Il bilancio d esercizio delle banche e il bilancio consolidato dei gruppi bancari sono costituiti dallo stato patrimoniale, dal conto economico, dal prospetto della redditività complessiva, dal prospetto delle variazioni del patrimonio netto, dal rendiconto finanziario e dalla nota integrativa. Tali documenti sono corredati da una relazione degli amministratori sull'andamento della gestione. Di seguito si presentano: stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa. Stato patrimoniale Lo stato patrimoniale consente di illustrare la struttura degli impieghi e delle fonti di risorse finanziarie. Il documento è redatto a sezioni contrapposte, denominate attivo e passivo. Le voci dell attivo sono ordinate secondo il criterio di liquidità mentre quelle del passivo secondo quello di esigibilità. Descrizione di alcune voci dell attivo dello stato patrimoniale 10. Cassa e disponibilità liquide Nella voce figurano le valute aventi corso legale, comprese le banconote e le monete divisionali estere ed i depositi liberi verso la Banca Centrale del Paese o dei Paesi in cui la banca o la società finanziaria risiede con proprie filiali. 6

7 60. Crediti verso banche Nella voce figurano le attività finanziarie non quotate su un mercato attivo, verso banche (conti correnti, depositi cauzionali, titoli di debito, ecc.) classificate nel portafoglio crediti. Sono inclusi anche i crediti di funzionamento connessi con la prestazione di servizi finanziari (es. distribuzione di prodotti finanziari) ed i crediti verso Banche Centrali diversi dai depositi liberi (esempio, riserva obbligatoria). 70. Crediti verso clientela Nella voce figurano le attività finanziarie, non quotate su un mercato attivo, verso clientela (mutui, operazioni di locazione finanziaria, operazioni di factoring, titoli di debito, ecc.) allocate nel portafoglio crediti Partecipazioni Formano oggetto di rilevazione nella presente voce le partecipazioni in società controllate, controllate in modo congiunto e sottoposte ad influenza notevole, diverse da quelle ricondotte nelle voci 20 "Attività finanziarie detenute per la negoziazione" e 30 "Attività finanziarie valutate al fair value" Attività materiali Figurano nella presente voce le attività materiali ad uso funzionale e quelle detenute a scopo di investimento nonché quelle oggetto di locazione finanziaria (per il locatario) e di leasing operativo (per il locatore). Descrizione di alcune voci del passivo dello stato patrimoniale 10. Debiti verso banche Nella voce figurano i debiti verso banche, qualunque sia la loro forma tecnica (depositi, conti correnti, finanziamenti), diversi da quelli ricondotti nelle voci 40 passività finanziarie di negoziazione e 50 passività finanziarie valutate al fair value e dai titoli di debito indicati nella voce 30 "titoli in circolazione". 20. Debiti verso clientela Nella voce figurano i debiti verso clientela, qualunque sia la loro forma tecnica (depositi, conti correnti, finanziamenti), diversi da quelli ricondotti nelle voci 40 passività finanziarie di negoziazione e 50 passività finanziarie valutate al fair value e dai titoli di debito indicati nella voce 30 ("titoli in circolazione"). 30. Titoli in circolazione Nella voce figurano i titoli emessi (inclusi i buoni fruttiferi, i certificati di deposito e gli assegni circolari emessi al portatore) valutati al costo ammortizzato. L importo è al netto dei titoli riacquistati Trattamento di fine rapporto del personale Nella voce figura il trattamento di fine rapporto per lavoro dipendente Fondi per rischi ed oneri Nella sottovoce "fondi di quiescenza e obblighi simili" vanno indicati esclusivamente i fondi di 7

8 previdenza complementare. Nella sottovoce altri fondi figurano i fondi per rischi e oneri costituiti in ossequio a quanto previsto dai principi contabili internazionali, ad eccezione delle svalutazioni dovute Riserve da valutazione Nella presente voce figurano le riserve da valutazione relative alle attività finanziarie disponibili per la vendita, alle attività materiali e immateriali nell ipotesi di utilizzo del metodo della rivalutazione, alla copertura di investimenti esteri, alla copertura dei flussi finanziari, alle differenze di cambio da conversione, alle singole attività e ai gruppi di attività in via di dismissione (il dettaglio di quest ultima componente va indicato inserendo il di cui: relative ad attività in via di dismissione ), a piani a benefici definiti e quota delle riserve da valutazione delle partecipazioni valutate a patrimonio netto. Sono altresì incluse le riserve di rivalutazione iscritte in applicazione di leggi speciali di rivalutazione, anche se oggetto di affrancamento fiscale Riserve Nella presente voce figurano le riserve di utili ("legale", "statutaria", per acquisto azioni proprie, utili/perdite portati a nuovo ecc.) Capitale Nella voce figura l'importo delle azioni (o delle quote) emesse dalla banca o il suo fondo di dotazione, al netto dell importo del capitale sottoscritto e non ancora versato alla data di riferimento del bilancio.. Conto economico Il conto economico ha una forma scalare che consente l individuazione del contributo offerto dalle diverse aree di gestione alla formazione del risultato di esercizio. 8

9 Descrizione di alcune principali voci del conto economico 10. Interessi attivi e proventi assimilati Nella voce figurano interessi attivi e proventi assimilati relativi a: disponibilità liquide, attività finanziarie detenute per la negoziazione, attività finanziarie disponibili per la vendita, attività finanziarie detenute sino alla scadenza, crediti verso banche, crediti verso la clientela, attività valutate al fair value, derivati di copertura, attività finanziarie cedute non cancellate, altre attività. 20. Interessi passivi e oneri assimilati Nella voce figurano interessi passivi e oneri assimilati relativi a: debiti verso banche, debiti verso la clientela, titoli in circolazione, passività finanziarie di negoziazione, passività finanziarie valutate al fair value, passività finanziarie associate ad attività cedute non cancellate, altre passività, derivati di copertura. 40. Commissioni attive Nella voce figurano i proventi relativi ai servizi prestati: garanzie rilasciate, servizi di gestione, intermediazione e consulenza, servizi di incasso e pagamento, servizi per operazioni di 9

10 cartolarizzazione, servizi per operazioni di factoring, esercizio di esattorie e ricevitorie, altri servizi. 50. Commissioni passive Nella voce figurano oneri relativi ai servizi ricevuti: garanzie ricevute, derivati su crediti, servizi di gestione e intermediazione, servizi di incasso e pagamento, altri servizi. 80. Risultato netto dell attività di negoziazione Nella voce figura la somma algebrica del saldo tra i profitti e le perdite delle operazioni classificate nelle attività finanziarie detenute per la negoziazione e nelle passività finanziarie di negoziazione, e del saldo tra i profitti e le perdite delle operazioni finanziarie, diverse da quelle designate al fair value e da quelle di copertura Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento Nelle sottovoci a), b), c) e d) figurano i saldi, positivi o negativi, tra le rettifiche di valore e le riprese di valore connesse con il deterioramento dei crediti verso la clientela e verso banche, delle attività finanziarie disponibili per la vendita, delle attività finanziarie detenute sino alla scadenza e delle altre operazioni finanziarie Spese amministrative Nella sottovoce a) figurano le spese per il personale; nella sottovoce b) figurano le altre spese amministrative Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri Nella voce figura il saldo, positivo o negativo, tra gli accantonamenti e le eventuali riattribuzioni a Conto Economico di fondi ritenuti esuberanti Altri oneri/proventi di gestione Nella voce figurano i costi e i ricavi non imputabili alle altre voci che concorrono alla determinazione della voce 280 Utile (Perdita) dell operatività corrente al netto delle imposte, ad esempio i recuperi di spese relativi a depositi a risparmio, c/c passivi vincolati, fondi di terzi in amministrazione. Nota integrativa La nota integrativa è suddivisa nelle seguenti parti: 1) parte A Politiche contabili; 2) parte B Informazioni sullo stato patrimoniale; 3) parte C Informazioni sul conto economico; 4) parte D Redditività complessiva; 5) parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura; 6) parte F Informazioni sul patrimonio; 10

11 7) parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d'azienda; 8) parte H Operazioni con parti correlate; 9) parte I Accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali; 10) parte L Informativa di settore. Ogni parte della nota è articolata in sezioni, ciascuna delle quali illustra un singolo aspetto della gestione aziendale. Le sezioni contengono informazioni di natura: - Qualitativa: sono utili all interpretazione corretta dei dati quantitativi indicati in bilancio (es. criteri di valutazione, mappa delle partecipazioni); - Quantitativa: rappresentate da dati analitici sull operatività dell intermediario, sono utili a: * Completare il quadro della situazione aziendale (operazioni fuori bilancio, dati extra contabili); * Congiungere i dati dello stato patrimoniale e del conto economico (composizione interessi attivi e passivi); residua). * Riclassificare i dati in una logica gestionale (impieghi per vita 3. I modelli organizzativi Il modello societario (o macro-organizzativo) delle banche si riferisce i) alla forma societaria prescelta e ii) alla struttura complessiva del gruppo in termini di governance, organi e responsabilità. Sotto il primo profilo, in Italia per l esercizio dell attività bancaria sono previste, da un lato, la forma della società per azioni e, dall altro, quella della società cooperativa per azioni a responsabilità limitata (è il caso delle Banche di Credito Cooperativo e delle Banche Popolari). Sotto il secondo profilo si distinguono due modelli per l esercizio dell attività bancaria. La scelta deve essere fatta in coerenza con il rispetto del principio della sana e prudente gestione. Banca universale: svolge direttamente tutta la gamma di operazioni in essere. Aspetti caratterizzanti in positivo sono: la semplicità, l assenza di duplicazioni nei costi di struttura e di produzione, le economie di scopo e di governo dei rischi, l efficace coordinamento delle attività e l unitarietà di controllo e di indirizzo. Gli elementi che vanno contro questa scelta sono una bassa specializzazione e il rischio di conflitti di interesse fra le aree di intermediazione creditizia e mobiliare. 11

12 Gruppo bancario polifunzionale: è un sistema di aziende specializzate in attività d'intermediazione e servizi, governato da una Capogruppo. In questo caso, tra gli elementi positivi vi è la specializzazione (per segmenti di attività, per segmenti di clienti e/o per aree geografiche) delle società che fanno parte del gruppo. Tra i problemi si riscontrano la complessità organizzativa e di controllo, il rischio di divergenza di indirizzi (con il pericolo di concorrenza tra le unità operative) e la sovrapposizione dei costi di struttura e di produzione. L esercizio dell attività bancaria richiede l identificazione e l organizzazione di diverse funzioni a presidio e supporto delle attività operative. 12

PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI. Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna

PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI. Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna 121 Stato patrimoniale al 31 dicembre Voci dell attivo bilancio 10. Cassa e disponibilità liquide 488.873 463.315 20.

Dettagli

Bilancio delle banche

Bilancio delle banche Risk and Accounting Bilancio delle banche Marco Venuti 2017 Agenda La disciplina di riferimento Stato patrimoniale consolidato Conto economico consolidato Prospetto delle variazioni del patrimonio netto

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI. bilancio consolidato dell esercizio Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna

PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI. bilancio consolidato dell esercizio Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI 123 Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna Stato patrimoniale al 31 dicembre 2013 124 Voci dell'attivo 31.12.2013 31.12.2012 10. Cassa e disponibilità liquide

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CESENA SPA

CASSA DI RISPARMIO DI CESENA SPA CASSA DI RISPARMIO DI CESENA SPA PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI 30 GIUGNO 2016 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO Voci dell'attivo 30/06/2016 31/12/2015 10. Cassa e disponibilità liquide 19.938 20.430 20.

Dettagli

Reporting e controllo degli intermediari finanziari (9 C.F.U.) La struttura della Circolare B.I. 262/2005 (2 ristampa 2014)

Reporting e controllo degli intermediari finanziari (9 C.F.U.) La struttura della Circolare B.I. 262/2005 (2 ristampa 2014) Reporting e controllo degli intermediari finanziari (9 C.F.U.) La struttura della Circolare B.I. 262/2005 (2 ristampa 2014) Riccardo Cimini Dottore di ricerca c/o il Dipartimento Studi di Impresa, Governo

Dettagli

Il Bilancio Consolidato è costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico, dai Prospetti delle Variazioni di Patrimonio Netto e della

Il Bilancio Consolidato è costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico, dai Prospetti delle Variazioni di Patrimonio Netto e della Il Bilancio Consolidato è costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico, dai Prospetti delle Variazioni di Patrimonio Netto e della Redditività Complessiva, dal Rendiconto finanziario e dalla

Dettagli

BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A.

BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A. BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A. 30 GIUGNO 2015 1 STATO PATRIMONIALE AL 30 GIUGNO 2015 (importi in euro) Voci dell'attivo 30/06/2015 31/12/2014 10. Cassa e disponibilità liquide 21.333.341

Dettagli

STATO PATRIMONIALE ATTIVO

STATO PATRIMONIALE ATTIVO STATO PATRIMONIALE ATTIVO Voci dell'attivo dicembre 2015 dicembre 2014 Scostamento annuo assoluto percentuale 10 Cassa e disponibilità liquide 1.130.267 957.952 172.315 17,99% 20 Attività finanziarie detenute

Dettagli

BILANCIO E RENDICONTO DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI EX ART. 107 DEL TUB E DEGLI ISTITUTI DI PAGAMENTO IBRIDI AL 31/12/2013

BILANCIO E RENDICONTO DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI EX ART. 107 DEL TUB E DEGLI ISTITUTI DI PAGAMENTO IBRIDI AL 31/12/2013 16 BILANCIO E RENDICONTO DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI EX ART. 107 DEL TUB E DEGLI ISTITUTI DI PAGAMENTO IBRIDI AL 31/12/2013 18 BILANCIO INTERMEDIARI finanziari STATO patrimoniale ATTIVO 01/01/2012 10.

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - ATTIVO. 10. Cassa e disponibilità liquide ,06%

STATO PATRIMONIALE - ATTIVO. 10. Cassa e disponibilità liquide ,06% STATO PATRIMONIALE - ATTIVO Scostamento annuo Voci dell'attivo 2013 assoluto percentuale 10. Cassa e disponibilità liquide 506.479 658.270-151.791-23,06% 20. Attività finanziarie detenute per la negoziazione

Dettagli

PROGETTO DI BILANCIO al 31 dicembre 2016

PROGETTO DI BILANCIO al 31 dicembre 2016 PROGETTO DI BILANCIO al 31 dicembre 2016 - prospetti contabili 1 STATO PATRIMONIALE (importi in unità di Euro) Voci dell'attivo 2016 2015 10. Cassa e disponibilità liquide 18.072.181 12.259.282 20. Attività

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA E PATRIMONIALE RIFERITA AL 30 GIUGNO 2016

SITUAZIONE ECONOMICA E PATRIMONIALE RIFERITA AL 30 GIUGNO 2016 SITUAZIONE ECONOMICA E PATRIMONIALE RIFERITA AL 30 GIUGNO 2016 APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NELLA SEDUTA DEL 2 AGOSTO 2016 VALPOLICELLA BENACO BANCA CREDITO COOPERATIVO (VERONA) - SOCIETA'

Dettagli

ALTRI ALLEGATI. Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna

ALTRI ALLEGATI. Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna ALTRI ALLEGATI Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna 417 Altri allegati 419 Schemi di bilancio banche e società controllate 420 Banca popolare di Ravenna s.p.a. 422 Banca popolare di Lanciano

Dettagli

Codice fiscale: numero R.E.A.: TN codice A.B.I.: Numero d iscrizione Registro degli Enti Cooperativi: A157633

Codice fiscale: numero R.E.A.: TN codice A.B.I.: Numero d iscrizione Registro degli Enti Cooperativi: A157633 Codice fiscale: 00158660225 numero R.E.A.: TN 0002337 codice A.B.I.: 08248-7 Numero d iscrizione Registro degli Enti Cooperativi: A157633 Cassa Rurale di Spiazzo e Javrè Banca di Credito Cooperativo Società

Dettagli

Allegati del bilancio consolidato

Allegati del bilancio consolidato Allegati del bilancio consolidato Allegati Rendiconto finanziario 267 Prospetti di bilancio in euro 268 Conto economico pro forma Intesa - Comit 276 Prospetti di bilancio raffrontati con quelli non riesposti

Dettagli

Totale (*) ,16

Totale (*) ,16 239 PARTE C - INFORMAZIONI SUL CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO SEZIONE 1 - GLI INTERESSI 1.1 - Composizione della voce 10 "interessi attivi e proventi assimilati" a) su crediti verso banche 39.742 26.176 51,83

Dettagli

Dopo la contabilizzazione di imposte per 1,7 milioni, l utile di periodo si attesta a 3,3 milioni.

Dopo la contabilizzazione di imposte per 1,7 milioni, l utile di periodo si attesta a 3,3 milioni. COMUNICATO STAMPA UMCC: Approvata la Relazione semestrale al 30 giugno 2011 MARGINE DI INTERESSE A 4,7 milioni MARGINE DI INTERMEDIAZIONE A 20,7 milioni UTILE NETTO A 3,3 milioni Roma, 21 luglio 2011 -

Dettagli

I bilanci delle società quotate III

I bilanci delle società quotate III III Tav. A.19 Principali indicatori dimensionali e di redditività delle società quotate italiane per settore industriale 1 (valori monetari in miliardi di euro) società non banche assicurazioni totale

Dettagli

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione Indice Presentazione xiii 1 Le funzioni del sistema finanziario 1 1.1 Che cos è il sistema finanziario 2 1.2 La natura e le caratteristiche degli strumenti finanziari 2 1.3 Quali funzioni svolge il sistema

Dettagli

Informazioni Finanziarie Infrannuali e determinazione utile d'esercizio al 30 giugno 2016

Informazioni Finanziarie Infrannuali e determinazione utile d'esercizio al 30 giugno 2016 Informazioni Finanziarie Infrannuali e determinazione utile d'esercizio al 30 giugno 2016 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI E DETERMINAZIONE UTILE D ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 2016 La presente situazione

Dettagli

I nuovi schemi per il bilancio consolidato IAS

I nuovi schemi per il bilancio consolidato IAS I nuovi schemi per il bilancio consolidato IAS 1 Schemi di bilancio 2 I nuovi schemi per il bilancio consolidato IAS Nel marzo del 2004 è stato emesso dallo IASB l IFRS 4 Il principio contabile internazionale

Dettagli

assemblea dei soci Modena, 29 aprile / 10 maggio 2008 altri allegati

assemblea dei soci Modena, 29 aprile / 10 maggio 2008 altri allegati assemblea dei soci Modena, 29 aprile / 10 maggio 2008 2 3 Altri allegati 4 Banca popolare di Ravenna s.p.a. 6 Banca popolare di Lanciano e Sulmona s.p.a. 8 Banca popolare del Materano s.p.a. 10 Banca CRV

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE - BANCA CR FIRENZE -

CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE - BANCA CR FIRENZE - 017-022 CR ok 18-05-2003 22:20 Pagina 17 Bilancio dell Impresa Bilancio dell Impresa 2002 CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE - BANCA CR FIRENZE - Società per Azioni 17 017-022 CR ok 18-05-2003 22:20 Pagina

Dettagli

Intesa Sanpaolo S.p.A.

Intesa Sanpaolo S.p.A. SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA TELEFONO FAX POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) E-MAIL GENERALE SITO INTERNET CODICE FISCALE PARTITA IVA CODICE ABI CODICE CED N SEDI SECONDARIE/FILIALI CAPITALE SOCIALE

Dettagli

Prospetti contabili Situazione patrimoniale finanziaria consolidata

Prospetti contabili Situazione patrimoniale finanziaria consolidata Prospetti contabili Situazione patrimoniale finanziaria consolidata ATTIVITÀ Note 31 dicembre 2016 di cui verso 31 dicembre 2015 di cui verso (valori in Euro/000) parti correlate parti correlate Attività

Dettagli

Allegati del bilancio consolidato

Allegati del bilancio consolidato Allegati del bilancio consolidato Allegati Prospetto di raffronto tra il bilancio consolidato al 31 dicembre 1998 e quello al 31 dicembre 1997 Schemi di bilancio espressi in Euro Rendiconto finanziario

Dettagli

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4 Indice Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro

Dettagli

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro)

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVO 31/12/2014 31/12/2013 Crediti verso clientela 28.110,6 30.892,7-2.782,1-9,0% Crediti verso banche 2.254,9 2.794,0-539,1-19,3% Attività

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO

IL MINISTRO DEL TESORO D.M. 6 luglio 1994. Determinazione, ai sensi dell'art. 106, comma 4, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, del contenuto delle attività indicate nello stesso art. 106, comma 1, nonché in quali

Dettagli

* * * * * * * * * 1 Per meglio comprendere la natura e la funzione della situazione patrimoniale ed economica prevista dal Legislatore per

* * * * * * * * * 1 Per meglio comprendere la natura e la funzione della situazione patrimoniale ed economica prevista dal Legislatore per CARILO Cassa di Risparmio di Loreto SpA in amministrazione straordinaria Relazione del Commissario sulla situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2013 ex art. 73, quarto comma, D. Lgs. 1/09/1993

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30.06.2016 L UTILE NETTO CONSOLIDATO RESTA SUPERIORE AI 4 MILIONI DI EURO (4,14 MILIONI AL 30.06.2015)

Dettagli

Le funzioni del sistema finanziario

Le funzioni del sistema finanziario Le funzioni del sistema finanziario 1 1.1 Che cos è il sistema finanziario 1.2 La natura e le caratteristiche degli strumenti finanziari 1.3 Quali funzioni svolge il sistema finanziario 1.3.1 L offerta

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale: il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2015

Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale: il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2015 COMUNICATO STAMPA Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale: il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2015 Utile netto di 32,4 milioni di euro (37,6 milioni nel ) e Roe pari al

Dettagli

ALLEGATO D RENDICONTO DEL PATRIMONIO DESTINATO DEGLI IMEL E DEGLI ISTITUTI DI PAGAMENTO IBRIDI

ALLEGATO D RENDICONTO DEL PATRIMONIO DESTINATO DEGLI IMEL E DEGLI ISTITUTI DI PAGAMENTO IBRIDI ALLEGATO D RENDICONTO DEL PATRIMONIO DESTINATO DEGLI IMEL E DEGLI ISTITUTI DI PAGAMENTO IBRIDI - D.1-593 ISTRUZIONI DI CARATTERE GENERALE Gli IMEL e gli IDP ibridi finanziari e ibridi non finanziari (di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA CORSO DI ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI (A L) LEZIONE 22 IL BILANCIO BANCARIO 1 IL BILANCIO BANCARIO: LO SCHEMA OBBLIGATORIO DELLO STATO PATRIMONIALE Voci dell attivo Voci del passivo 10 Cassa

Dettagli

LE BANCHE: PROFILO NORMATIVO E ATTIVITA SVOLTA CLAUDIO ZARA

LE BANCHE: PROFILO NORMATIVO E ATTIVITA SVOLTA CLAUDIO ZARA CODICE 6055 SISTEMA FINANZIARIO CLEF MATERIALI INTEGRATIVI A SUPPORTO DELLE LEZIONI LE BANCHE: PROFILO NORMATIVO E ATTIVITA SVOLTA CLAUDIO ZARA Questo materiale è a disposizione esclusiva degli iscritti

Dettagli

Risultati preliminari dell esercizio 2016

Risultati preliminari dell esercizio 2016 Comunicato Stampa Risultati preliminari dell esercizio 2016 CET 1 Capital ratio consolidato al 25,5% Raccolta complessiva della clientela incluse le attività fiduciarie nette in crescita a 5,7 miliardi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2016

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2016 COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2016 L UTILE NETTO CONSOLIDATO SI CONFERMA AD 1,98 MILIONI DAI PRECEDENTI 1,97 MILIONI AL 31.03.2015. IL MARGINE DI INTERMEDIAZIONE

Dettagli

1 Direzione Contabile Amministrativa

1 Direzione Contabile Amministrativa SINTESI DEI RISULTATI DELLA BANCA NEL 2015 Di seguito il prospetto di conto economico riclassificato che evidenzia le variazioni registrate per le diverse componenti reddituali. VOCE DI Conto economico

Dettagli

Credit Suisse Filiale di Milano

Credit Suisse Filiale di Milano SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA Via Santa Margherita, 3 Milano TELEFONO 02 885501 FAX 02 88550463 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) csmbsegreteriasocietaria@legalmail.it E-MAIL GENERALE luigi.nava@credit-suisse.com

Dettagli

Credit Suisse Filiale di Milano

Credit Suisse Filiale di Milano SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA Via Santa Margherita, 3 Milano TELEFONO 02 885501 FAX 02 88550463 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) csmbsegreteriasocietaria@legalmail.it E-MAIL GENERALE luigi.nava@credit-suisse.com

Dettagli

IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30.06

IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30.06 COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30.06.2015 NONCHE IL PIANO INDUSTRIALE DI GRUPPO 2015-2017 L UTILE NETTO CONSOLIDATO RAGGIUNGE 4,136

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30.06.2017 L UTILE NETTO CONSOLIDATO SI ATTESTA AD 11,9 MILIONI DAI 4 MILIONI DEL CORRISPONDENTE PERIODO

Dettagli

Poste Italiane SCHEDA ANAGRAFICA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ORGANI DI CONTROLLO AREE FUNZIONALI PARTECIPAZIONI AL CAPITALE SOCIALE

Poste Italiane SCHEDA ANAGRAFICA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ORGANI DI CONTROLLO AREE FUNZIONALI PARTECIPAZIONI AL CAPITALE SOCIALE SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA Viale Europa, 190 00144 Roma TELEFONO 06 59581 FAX 06 59589100 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) acfbancoposta@pec.posteitaliane.it E-MAIL GENERALE SITO INTERNET www.poste.it

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA I DATI PRELIMINARI CONSOLIDATI AL

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA I DATI PRELIMINARI CONSOLIDATI AL COMUNICATO STAMPA IL CDA DI BANCA FINNAT APPROVA I DATI PRELIMINARI CONSOLIDATI AL 31.12.2016 L UTILE AL LORDO DELLE IMPOSTE CRESCE DEL 60% IL MARGINE D INTERMEDIAZIONE AUMENTA DELL 8,5% LE COMMISSIONI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. UTILE NETTO STABILE (+0,8% su base annua, nonostante il minor apporto dell utile della gestione non ricorrente)

COMUNICATO STAMPA. UTILE NETTO STABILE (+0,8% su base annua, nonostante il minor apporto dell utile della gestione non ricorrente) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 31 MARZO 2010 UTILE NETTO STABILE

Dettagli

PA R T E C I N F O R M A Z I O N I S U L C O N TO E C O N O M I C O

PA R T E C I N F O R M A Z I O N I S U L C O N TO E C O N O M I C O PA R T E C I N F O R M A Z I O N I S U L C O N TO E C O N O M I C O PA R T E C I N F O R M A Z I O N I S U L C O N TO E C O N O M I C O S e z i o n e 1 - Gli interessi - Voci 10 e 20 Nelle presenti voci

Dettagli

Indice XIII. Premessa

Indice XIII. Premessa Indice Premessa XIII 1. Finalità e principi del bilancio d esercizio 1 1.1. La finalità e l oggetto del bilancio d esercizio 3 1.1.1. La finalità del bilancio d esercizio 3 1.1.2. L oggetto della rappresentazione

Dettagli

STATO PATRIMONIALE. STATO PATRIMONIALE - GESTIONE DANNI ATTIVO Valori dell'esercizio. Valori dell'esercizio precedente

STATO PATRIMONIALE. STATO PATRIMONIALE - GESTIONE DANNI ATTIVO Valori dell'esercizio. Valori dell'esercizio precedente STATO PATRIMONIALE - GESTIONE DANNI ATTIVO B. ATTIVI IMMATERIALI 3. Costi di impianto e di ampliamento 7 5. Altri costi pluriennali 9 10 C. INVESTIMENTI I - Terreni e fabbricati 1. Immobili destinati all'esercizio

Dettagli

3. STATO PATRIMONIALE

3. STATO PATRIMONIALE 3. STATO PATRIMONIALE STATO PATRIMONIALE - GESTIONE DANNI ATTIVO precedente B. ATTIVI IMMATERIALI 3. Costi di impianto e di ampliamento 7 187 5. Altri costi pluriennali 9 10 189 190 C. INVESTIMENTI I -

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Raccolta diretta: Euro 338 milioni (-3,3% rispetto al 31.12.2014) Raccolta indiretta: Euro 177 milioni

Dettagli

Documenti di bilancio

Documenti di bilancio Risk and Accounting Documenti di bilancio Marco Venuti 2016 Agenda Il bilancio codicistico: struttura e schemi Il bilancio IAS/IFRS Situazione patrimoniale-finanziaria Conto economico complessivo Rendiconto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015 IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE, IN BASE AL

Dettagli

Gruppo Espresso Conto Economico Consolidato

Gruppo Espresso Conto Economico Consolidato Conto Economico Consolidato Ricavi 1.025.548 886.649 Variazione rimanenze prodotti (2.618) (771) Altri proventi operativi 17.689 19.829 Costi per acquisti (150.066) (120.165) Costi per servizi (388.185)

Dettagli

Cdp: I semestre 2016 utile 1,15 miliardi di euro +25%

Cdp: I semestre 2016 utile 1,15 miliardi di euro +25% Cdp: I semestre 2016 utile 1,15 miliardi di euro +25% Margine di interesse 1,17 miliardi di euro +209% Risorse mobilitate per 6,9 miliardi di euro +28% Il semestre si è chiuso con un utile netto di Cdp

Dettagli

Gruppo BPER Banca S.p.A.

Gruppo BPER Banca S.p.A. SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA Via San Carlo, 20 41121 Modena TELEFONO 059 2021111 FAX 059 2022033 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) bper@pec.gruppobper.it E-MAIL GENERALE SITO INTERNET www.bper.it

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO Dr. Reale Pierangelo (Catanzaro 17/03/2017) 1 Rendiconto parte del Bilancio d esercizio Art. 2423 co.1 c.c. Bilancio d esercizio costituito da stato patrimoniale, conto economico,

Dettagli

B) Si dica se le seguenti affermazioni sono Vere o False appostando una crocetta in modo opportuno

B) Si dica se le seguenti affermazioni sono Vere o False appostando una crocetta in modo opportuno ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

040 Sovrapprezzo azioni IAS 1, paragrafo 78, lettera e); articolo 4, paragrafo 1, punto 124, del CRR

040 Sovrapprezzo azioni IAS 1, paragrafo 78, lettera e); articolo 4, paragrafo 1, punto 124, del CRR 31.7.2015 L 205/185 ALLEGATO III 1. Stato patrimoniale [prospetto della situazione patrimoniale-finanziaria] 1.3 Patrimonio netto Disaggregazione nella tabella Valore contabile 010 010 Capitale 54, lettera

Dettagli

Il Rendiconto Finanziario. Inquadramento normativo e OIC n.10

Il Rendiconto Finanziario. Inquadramento normativo e OIC n.10 Il Rendiconto Finanziario Inquadramento normativo e OIC n.10 Art. 2423 c.c. Redazione del bilancio. In vigore fino al 31.12.2015 Gliamministratoridevonoredigereilbilanciodiesercizio, costituito dallo stato

Dettagli

APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IL PROGETTO DI BILANCIO APPROVATA LA RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI

APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IL PROGETTO DI BILANCIO APPROVATA LA RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO DELLA BANCA E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 APPROVATA LA RELAZIONE SUL GOVERNO

Dettagli

Invest Banca S.p.A. SCHEDA ANAGRAFICA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ORGANI DI CONTROLLO PARTECIPAZIONI AL CAPITALE SOCIALE

Invest Banca S.p.A. SCHEDA ANAGRAFICA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ORGANI DI CONTROLLO PARTECIPAZIONI AL CAPITALE SOCIALE SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA via Luigi Cherubini, 99 Empoli (fi) TELEFONO 0571 5331301 FAX 0571 5331298 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) legale@pec.investbanca.it E-MAIL GENERALE compliance@investbanca.it

Dettagli

GLI SCHEMI DI BILANCIO IN ITALIA

GLI SCHEMI DI BILANCIO IN ITALIA GLI SCHEMI DI BILANCIO IN ITALIA Il sistema di bilancio per le società di capitali, le società cooperative e mutualistiche Conto Economico art. 2425 Nota Integrativa art. 2427... Stato Patrimoniale art.

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Valter Cantino Università di Torino Torino Incontra 15 marzo 2016

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Valter Cantino Università di Torino Torino Incontra 15 marzo 2016 IL RENDICONTO FINANZIARIO Valter Cantino Università di Torino Torino Incontra 15 marzo 2016 1 Art. 2423: «Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo stato patrimoniale,

Dettagli

5. Indipendentemente dalla effettiva collocazione nel conto economico, i componenti positivi e

5. Indipendentemente dalla effettiva collocazione nel conto economico, i componenti positivi e Art. 1, comma 50, Finanziaria 2008 50. Al fine di semplificare le regole di determinazione della base imponibile dell'imposta regionale sulle attività produttive e di separarne la disciplina applicativa

Dettagli

RETI AMBIENTE S.P.A. Bilancio consolidato di esercizio al 31/12/2016. Codice Fiscale P.I Capitale Sociale Euro

RETI AMBIENTE S.P.A. Bilancio consolidato di esercizio al 31/12/2016. Codice Fiscale P.I Capitale Sociale Euro RETI AMBIENTE S.P.A. Bilancio consolidato di esercizio al 31/12/2016 Dati Anagrafici Sede in PISA Codice Fiscale 02031380500 Numero Rea PI-175320 P.I. 02031380500 Capitale Sociale Euro 18.475.435,00 Forma

Dettagli

Informazione Regolamentata n

Informazione Regolamentata n Informazione Regolamentata n. 1829-3-2016 Data/Ora Ricezione 25 Maggio 2016 08:52:40 MOT - DomesticMOT Societa' : NUOVA BANCA DELL'ETRURIA E DEL LAZIO Identificativo Informazione Regolamentata : 74834

Dettagli

Azimut Holding: Risultati del primo trimestre 2009

Azimut Holding: Risultati del primo trimestre 2009 Azimut Holding: Risultati del primo trimestre 2009 COMUNICATO STAMPA Ricavi consolidati: 55,4 milioni (rispetto a 68,9 milioni nel primo trimestre 2008) Utile netto consolidato: 6,0 milioni (contro 12,8

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO AI FINI DELL ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO AI FINI DELL ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO AI FINI DELL ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA 1 CONTO ECONOMICO RICLASS. DELLA PRODUZ. E VALORE AGGIUNTO Il conto economico a valore della produzione e valore aggiunto

Dettagli

Credito Emiliano SCHEDA ANAGRAFICA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ORGANI DI CONTROLLO SERVIZI E ATTIVITA' DI INVESTIMENTO

Credito Emiliano SCHEDA ANAGRAFICA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ORGANI DI CONTROLLO SERVIZI E ATTIVITA' DI INVESTIMENTO SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA Via Emilia S.Pietro, 4 Reggio Emilia TELEFONO 0522 582111 FAX 0522 433969 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) credem@pec.gruppocredem.it E-MAIL GENERALE info@credem.it

Dettagli

Le operazioni bancarie. A breve termine

Le operazioni bancarie. A breve termine Le operazioni bancarie A breve termine Funzioni delle banche moderne Funzione creditizia: reperiscono i mezzi finanziari sul mkt (stimolano il risparmio) e lo concedono in prestito ad altri soggetti meritori

Dettagli

STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO DELLE SOCIETA COLLEGATE

STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO DELLE SOCIETA COLLEGATE STATO PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO DELLE SOCIETA COLLEGATE BANCAPERTA S.P.A. 134 STATO PATRIMONIALE (in lire) VOCI DELL ATTIVO 31/12/1999 31/12/1998 10. Cassa e disponibilità presso banche centrali e

Dettagli

Schema di stato patrimoniale ai sensi dell art c.c.

Schema di stato patrimoniale ai sensi dell art c.c. Schema di stato patrimoniale ai sensi dell art. 2424 c.c. ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata. B) Immobilizzazioni, con

Dettagli

Banca Popolare di Vicenza S.P.A.

Banca Popolare di Vicenza S.P.A. SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA TELEFONO 0444 339111 FAX 0444 339364 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) E-MAIL GENERALE SITO INTERNET Via Btg. Framarin, 18 36100 Vicenza popolarevicenza@cert.popvi.it

Dettagli

Situazione Patrimoniale al 30 aprile 2014 redatta ai sensi e per gli effetti dagli artt comma 1 e 2447 c.c.

Situazione Patrimoniale al 30 aprile 2014 redatta ai sensi e per gli effetti dagli artt comma 1 e 2447 c.c. Situazione Patrimoniale al 30 aprile 2014 redatta ai sensi e per gli effetti dagli artt. 2446 comma 1 e 2447 c.c. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di EEMS Italia S.p.A. in data 11 giugno 2014

Dettagli

ALFA SpA. Bilancio al DATI ANAGRAFICI

ALFA SpA. Bilancio al DATI ANAGRAFICI Bilancio al 31-12-2015 DATI ANAGRAFICI Sede in Via Giacomo Leopardi n. 15 - MILANO Codice Fiscale 11537330158 Numero Rea MI 113085 P.I. 11537330158 Capitale Sociale Euro 46.000 i.v. Forma giuridica SPA

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AI PROSPETTI ECONOMICO PATRIMONIALI PREVISTI DAL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE (DLGS 118/2011) COMUNE DI POIRINO

NOTA INTEGRATIVA AI PROSPETTI ECONOMICO PATRIMONIALI PREVISTI DAL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE (DLGS 118/2011) COMUNE DI POIRINO NOTA INTEGRATIVA AI PROSPETTI ECONOMICO PATRIMONIALI PREVISTI DAL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE (DLGS 118/2011) COMUNE DI POIRINO Ai sensi dell art. 2 del d.lgs 118/2011 gli enti locali adottano la contabilità

Dettagli

Via Lucrezia Romana, 41/ Roma TELEFONO FAX

Via Lucrezia Romana, 41/ Roma TELEFONO FAX SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma TELEFONO 06 72071 FAX 06 72075000 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) iccreabanca@pec.iccreabanca.it E-MAIL GENERALE segreteriagenerale@iccrea.bcc.it

Dettagli

Via Lucrezia Romana, 41/ Roma TELEFONO FAX

Via Lucrezia Romana, 41/ Roma TELEFONO FAX SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma TELEFONO 06 72071 FAX 06 72075000 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) iccreabanca@pec.iccreabanca.it E-MAIL GENERALE segreteriagenerale@iccrea.bcc.it

Dettagli

Situazione Patrimoniale al 31 dicembre 2012 redatta ai sensi e per gli effetti dagli artt comma 1 e 2447 c.c.

Situazione Patrimoniale al 31 dicembre 2012 redatta ai sensi e per gli effetti dagli artt comma 1 e 2447 c.c. Situazione Patrimoniale al 31 dicembre 2012 redatta ai sensi e per gli effetti dagli artt. 2446 comma 1 e 2447 c.c. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di EEMS Italia S.p.A. in data 5 aprile 2013

Dettagli

Banca Sella Holding S.p.A.

Banca Sella Holding S.p.A. SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA Piazza Gaudenzio Sella, 1 - Biella TELEFONO +39 015.35011 FAX +39 015.351767 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) bsh_segreteria@pec.sella.it E-MAIL GENERALE info@gruppobancasella.it

Dettagli

Poste Italiane SCHEDA ANAGRAFICA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ORGANI DI CONTROLLO AREE FUNZIONALI PARTECIPAZIONI AL CAPITALE SOCIALE

Poste Italiane SCHEDA ANAGRAFICA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ORGANI DI CONTROLLO AREE FUNZIONALI PARTECIPAZIONI AL CAPITALE SOCIALE SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA Viale Europa, 190 00144 Roma TELEFONO 06 59581 FAX 06 59589100 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) E-MAIL GENERALE SITO INTERNET www.poste.it CODICE FISCALE 97103880585

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2011

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2011 COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2011 impieghi +9,3% a/a a 19.440 milioni di euro: confermato il sostegno ai privati ed alle piccole e medie imprese; qualità dell

Dettagli

Ricavi in crescita del 4,7% nel Q a 390,1m. EBITDA prima degli oneri non ricorrenti in rialzo del 9% a 38,5m

Ricavi in crescita del 4,7% nel Q a 390,1m. EBITDA prima degli oneri non ricorrenti in rialzo del 9% a 38,5m COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2016 SOGEFI (GRUPPO CIR): Ricavi in crescita del 4,7% nel Q1 2016 a 390,1m EBITDA prima degli oneri non ricorrenti in rialzo

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CRESCITA S.P.A. APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2017

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CRESCITA S.P.A. APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2017 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CRESCITA S.P.A. APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3 GIUGNO 217 Risultati del primo semestre 217: Patrimonio netto 132.748.564; Posizione Finanziaria Netta

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CRESCITA S.P.A. APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2017

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CRESCITA S.P.A. APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2017 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CRESCITA S.P.A. APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 3 GIUGNO 217 Risultati del primo semestre 217: Patrimonio netto 132.748.564; Posizione Finanziaria Netta

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale Economia aziendale, bilancio, business plan Anno accademico 2016/2017 Prof. Antonio Staffa Prof. Mario Venezia

Dettagli

MID INDUSTRY CAPITAL: IL CONSIGLIO DI GESTIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO 2009

MID INDUSTRY CAPITAL: IL CONSIGLIO DI GESTIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO 2009 COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL: IL CONSIGLIO DI GESTIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO 2009 Mid Industry Capital svaluta le partecipazioni e chiude il 2009 con una perdita consolidata di 10,32

Dettagli

TELEFONO FAX POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)

TELEFONO FAX POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA Largo Mattioli 3, Milano TELEFONO 02 72611 FAX POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) Direzionegenerale.bancaimi@pec.intesasanpaolo.c E-MAIL GENERALE info@bancaimi.com SITO

Dettagli

SITUAZIONE SEMESTRALE al 30 giugno 2016 Banca Alpi Marittime

SITUAZIONE SEMESTRALE al 30 giugno 2016 Banca Alpi Marittime SITUAZIONE SEMESTRALE al 30 giugno 2016 Banca Alpi Marittime Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo Aderente al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti Relazione sulla Situazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI MANTOVA SPA: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 Raccolta diretta: Euro 303 milioni (+18,4% rispetto al 31.12.2012) Crediti verso clientela: Euro 461

Dettagli

Finsud SIM S.p.A. SCHEDA ANAGRAFICA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ORGANI DI CONTROLLO AREE FUNZIONALI PARTECIPAZIONI AL CAPITALE SOCIALE

Finsud SIM S.p.A. SCHEDA ANAGRAFICA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ORGANI DI CONTROLLO AREE FUNZIONALI PARTECIPAZIONI AL CAPITALE SOCIALE SCHEDA ANAGRAFICA INDIRIZZO/CITTA Via Andrea Appiani, 2 20121 Milano TELEFONO 02 76324800 FAX 02 76324811 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) finsudsim@legalmail.it E-MAIL GENERALE info@finsudsim.it SITO

Dettagli

Situazione Patrimoniale al 30 Giugno 2004 ATTIVO TOTALE ATTIVO Fusione per incorporazione di Data Centro S.p.A.

Situazione Patrimoniale al 30 Giugno 2004 ATTIVO TOTALE ATTIVO Fusione per incorporazione di Data Centro S.p.A. Situazione Patrimoniale al 30 Giugno 2004 ATTIVO Cassa e disponibilità presso banche ed uffici postali 61.373.362 Titoli del tesoro e valori assimilabili al rifinanziamento presso banche centrali 90.784.975

Dettagli

Tabella 1 Conto economico consolidato di Unicredit Banca: formazione dell utile (dati in migliaia di euro)

Tabella 1 Conto economico consolidato di Unicredit Banca: formazione dell utile (dati in migliaia di euro) Analisi della performance di Unicredit Banca. Analizzeremo ora l andamento dei ricavi di servizi di Unicredit Banca. Per avere maggiori informazioni sulle componenti del margine d intermediazione verrà

Dettagli

GRUPPO BANCARIO MEDIOLANUM

GRUPPO BANCARIO MEDIOLANUM COMUNICATO STAMPA GRUPPO BANCARIO MEDIOLANUM Risultati Primi Nove Mesi 2016 UTILE NETTO: Euro 305 milioni MASSE AMMINISTRATE: Euro 74 miliardi RACCOLTA NETTA TOTALE: Euro 4.289 milioni COMMON EQUITY TIER

Dettagli

Esame di Stato di Istituto Tecnico Commerciale

Esame di Stato di Istituto Tecnico Commerciale Esame di Stato di Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE CORSO DI ORDINAMENTO Tema di: Economia Aziendale Sessione ordinaria 2003 19 giugno 2003 Il candidato, dopo aver brevemente

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEL SEMESTRE A 17,5 MLN ( 20,3 MLN NEL 2015)

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEL SEMESTRE A 17,5 MLN ( 20,3 MLN NEL 2015) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 giugno 2016 GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEL SEMESTRE A 17,5 MLN ( 20,3 MLN NEL 2015) Il risultato beneficia del contributo positivo

Dettagli

VII. Sommario. 1. SCHEMI DI BILANCIO E INFORMAZIONE INTEGRATIVA 1.1. Aspetti generali... pag. 3

VII. Sommario. 1. SCHEMI DI BILANCIO E INFORMAZIONE INTEGRATIVA 1.1. Aspetti generali... pag. 3 1. SCHEMI DI BILANCIO E INFORMAZIONE INTEGRATIVA 1.1. Aspetti generali... pag. 3 Caso 1 - Stato patrimoniale con criterio di classificazione corrente/non corrente... pag. 4 Caso 2 - Stati patrimoniali

Dettagli

Gruppo Banca Sella, positivo il bilancio 2016: cresce l utile netto, migliora la qualità del credito, sale la solidità patrimoniale

Gruppo Banca Sella, positivo il bilancio 2016: cresce l utile netto, migliora la qualità del credito, sale la solidità patrimoniale COMUNICATO STAMPA Gruppo Banca Sella, positivo il bilancio 2016: cresce l utile netto, migliora la qualità del credito, sale la solidità patrimoniale Approvato anche il bilancio di Banca Sella: il Cet1

Dettagli