L inflazione nel 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L inflazione nel 2004"

Transcript

1 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di inflazione era del 2,7%. In complesso negli ultimi anni si è assistito ad un rallentamento delle tensioni inflazionistiche, anche grazie a campagne di contenimento dei prezzi le cui iniziative a livello locale hanno prodotto dei risultati positivi. In questo lavoro si analizzano le tendenze dei prezzi nell arco del 2004 in 11 dei 12 comuni metropolitani 1, e si confrontano i livelli di inflazione generale e quella disaggregata per singoli capitoli di spesa. Il grafico 1 riporta i valori medi annui relativi al 2004 dell indice NIC per gli undici comuni metropolitani analizzati. Come si osserva la ripartizione territoriale di appartenenza sembra avere una sua importanza sul tasso di inflazione: infatti la maggior parte dei comuni del nord, ad eccezione di Torino presentano una crescita media annua dei prezzi inferiore rispetto ai comuni del sud, tra i quali spicca Catania, detentrice del più alto tasso medio annuo di inflazione (+2,9%), seguita da Torino (+2,8%). Risultato positivo invece è stato raggiunto dal comune di Bologna, con un inflazione media annua pari al +1,6% e 0,6 punti percentuali in meno rispetto al dato nazionale. Roma in media si trova in una situazione apparentemente non positiva, trovandosi al quarto posto tra i comuni metropolitani, ma in seguito si vedrà che nel corso del 2004 si è assistito per la capitale ad una notevole riduzione del tasso di inflazione, in particolare a partire dalla seconda parte dell anno, con un differenziale rispetto all Italia sempre più in aumento e con valore negativo. Il grafico 2 riporta i comuni che hanno registrato i valori massimi e minimi di inflazione nei vari mesi del La maglia nera spetta al comune di Catania che negli ultimi 6 mesi dell anno, in cui ha detenuto il primato di città con la più alta variazione dei prezzi in assoluto; di contro tra i comuni metropolitani quello più virtuoso è Bologna, con un primato durato sette mesi e con valori di gran lunga inferiori alla media nazionale. Confronto tra gli indici generali di inflazione (NIC) Nel 2004 i prezzi al consumo per l intera collettività rilevati a Roma sono complessivamente aumentati in media del 2,1% (0,7 punti percentuali in meno rispetto al 2003), denotando nella seconda metà dell anno un progressivo e costante rallentamento. Ad 1 Il Comune di Messina non esegue la rilevazione dei prezzi al consumo.

2 eccezione dei mesi di marzo, giugno, luglio e settembre, l indice della città si è mantenuto al di sotto di quello nazionale ed il divario si è accentuato soprattutto nella parte finale dell anno. Considerando tale tendenza il tasso medio annuo di Roma è risultato migliore di quello medio italiano, attestatosi sul 2,2%. Poiché le differenze tendenziali sono da sempre abbastanza marcate nel nostro paese, dal confronto con gli altri dieci comuni metropolitani si evince che tre di questi (Catania, Torino e Napoli) si collocano al di sopra del dato nazionale e i restanti otto al disotto, in particolare Firenze e Bologna, con un inflazione media annua rispettivamente del 1,7% e 1,6%. Per tutti i comuni considerati si osserva una leggera ripresa dell inflazione nel mese di dicembre, aumento dovuto essenzialmente al rincaro dei tabacchi e dei trasporti aerei. Nel complesso Milano, Torino, Venezia, e Firenze hanno avuto nel corso del 2004 un andamento dell inflazione pressoché simile tra loro, con un intervallo di variazione di circa mezzo punto percentuale. Andamento simile anche a Bologna, anche se con un intervallo maggiore (0,8 punti percentuali). Anche a Genova e Palermo si osserva una tendenza al ribasso dei prezzi; a Napoli e Bari invece il 2004 è un anno di continue controtendenze mentre segnali negativi vengono da Catania, dove si osserva una tendenza al rialzo dell inflazione, in particolare nella parte centrale dell anno, con il picco massimo nei mesi di luglio e agosto (+3,4%) (grafico 3). Confronto tra gli indici per capitoli di spesa L esame analitico dei dati relativi ai dodici capitoli di spesa ci permette di valutare quali sono state le variazioni di prezzo più significative nei singoli aggregati di spesa considerati e in quale misura questi hanno contribuito alla crescita o alla diminuzione dell inflazione a livello locale. Infatti l andamento per capitoli di spesa è molto diverso da quello generale, sia in assoluto che in rapporto al dato italiano. Si è presa in considerazione la variazione tendenziale, perché elimina gli effetti di possibili stagionalità legate alle caratteristiche peculiari di un comune. Prodotti alimentari e bevande non alcoliche Questo capitolo di spesa è in assoluto quello con maggior peso sull indice generale di inflazione (seguito dai trasporti e dai servizi sanitari e per la salute) e con maggiori fluttuazioni di prezzo nell arco dell anno, in particolare perché risente molto delle continue oscillazioni dei prodotti alimentari freschi (ortofrutticoli e ittici), i cui prezzi sono legati soprattutto agli eventi climatici. Tuttavia per tutti i comuni esaminati questo capitolo di spesa

3 presenta un andamento tendenziale discendente nel corso del In particolare l intervallo di variazione più ampio si osserva per il comune di Roma, nel quale i prezzi dei prodotti alimentari sono passati da un massimo di +4,3% nel mese di gennaio ad un minimo di -1,5% nel mese di novembre. Il comune con un trend meno discendente dei prezzi e più stazionario rispetto agli altri comuni è Bari, anche se è quello con una minore variazione dei prezzi in assoluto. Se si considera il differenziale rispetto al dato nazionale, Roma sembra avere un primato positivo rispetto agli altri comuni metropolitani, perché il differenziale, positivo nei primi tre mesi dell anno, è divenuto negativo e ha assunto valori sempre più alti. Ciò vuol dire che il rallentamento dei prezzi nel comparto alimentare nella capitale si è fatto sentire maggiormente che negli altri comuni. Tale risultato è attribuibile in gran parte alla campagna di contenimento dei prezzi denominata Roma spende bene intrapresa dal comune a partire da metà 2002, che ha mostrato i suoi frutti più consistenti nel 2004, producendo anche degli effetti imitativi di contenimento dei prezzi da parte di tutti gli esercenti non aderenti alla campagna e quindi accelerandone la discesa. Non particolarmente positive le situazioni a Torino, Napoli, Bari e Catania, comuni nei quali si è accentuato sempre più il divario rispetto alla media italiana; in particolare a Bari si è passati da un differenziale negativo nei primo otto mesi dell anno (quindi con una crescita dei prezzi di generi alimentari inferiore rispetto a quella media nazionale), ad uno positivo nei restanti quattro mesi, con un accelerazione nel mese di dicembre (grafico 4). Se si analizza la distribuzione dei massimi e minimi assunti nel capitolo in esame nei mesi del 2004, Napoli per ben 10 mesi detiene il primato di città con le più alte variazioni dei prezzi di generi alimentari e Milano e Bari quelle con variazioni più basse (tavola 1 e grafico 16). Bevande alcoliche e tabacchi In questo capitolo di spesa sono inclusi prodotti regolamentati e soggetti ad imposte elevate pertanto non si possono fare particolari confronti. Infatti i grafici riportanti l andamento del capitolo in questione sono pressoché identici per tutti i comuni considerati, con delle lievi differenze legate esclusivamente ai prezzi degli alcolici, per cui esistono delle differenze di prezzo a livello locale. Nel complesso si osserva il picco raggiunto nei mesi di marzo e dicembre, con aumenti dei prezzi dei tabacchi in media del 12% (grafico 5). Anche in questo capitolo Napoli detiene il primato di città con più alte variazioni, soprattutto nella seconda metà dell anno e Firenze quello di città con minori variazioni di prezzo (tavola 1 e grafico 16).

4 Abbigliamento e calzature Questo capitolo presenta delle situazioni differenziate e interessanti da Comune a comune. In evidenza il Comune di Palermo le cui variazioni in tale comparto risultano di gran lunga differenti rispetto a quelle registrate nei restanti Comuni metropolitani e, come evidenziato dal notevole differenziale rispetto alla media italiana, anche rispetto a tutti gli altri Comuni. Infatti la variazione media annua si attesta intorno al -0,3%. Ciò sta a significare che a Palermo le variazioni di prezzo di articoli di abbigliamento e calzature sono state minime durante tutto il corso del Infatti la città ha il primato annuale di minori variazioni dei prezzi relativi ai prodotti inseriti nel capitolo in questione in assoluto. Scenari positivi si osservano per Roma, Genova, Bologna e Napoli; infatti in questo comuni per tutto il 2004 i prezzi medi di abbigliamento e calzature sono diminuiti rispetto all anno precedente, in particolare a Napoli dove si è passati da un +4% del mese di gennaio ad un +2,2% del mese di novembre. Situazioni non particolarmente positive si registrano invece per i comuni di Catania, Torino, Venezia e Bari, per i quali si assiste a degli aumenti dei prezzi del capitolo di spesa in esame; a Catania dopo un il periodo positivo da marzo a giugno, i prezzi sono tornati a salire, salvo una controtendenza registrata nel mese di dicembre. Una tendenza pressoché stazionaria si è verificata a Milano e Firenze; nel secondo i prezzi, dopo una flessione nei primi quattro mesi del 2004, si sono mantenuti stabili (grafico 6). Torino, da marzo a settembre è la città che registra i maggiori rincari e Palermo quella più virtuosa (tavola 1 e grafico 16). Abitazione, acqua, energia e combustibili Questo capitolo di spesa risente in particolare delle variazioni delle tariffe e dei prodotti sensibili alle quotazioni del petrolio. La tendenza inflazionistica nel comune di Roma in questo comparto differisce dagli altri comuni esaminati, perché soggetta a diverse oscillazioni durante tutto il corso del Infatti, dopo una tendenza alla flessione nei primi quattro mesi dell anno, si osserva una ripresa nel mese di maggio, a cui seguono quattro mesi di sostanziale stabilità, una tendenza al rialzo nel mese di ottobre e delle successive flessioni. Nel complesso il valore medio annuo in tale comparto è pari al +1,3%. Probabilmente tali fluttuazioni sono dovute non solo agli aggiustamenti delle tariffe, ma anche al mercato immobiliare particolarmente complesso ed eterogeneo in una città come Roma. In cinque degli undici comuni esaminati (Milano, Venezia, Catania, Bari e Napoli) il capitolo di spesa in questione evidenzia delle variazioni nel corso del 2004 in preoccupante aumento, in particolare nei comuni di Venezia e Milano, dove si sono toccati dei picchi

5 massimi rispettivamente di +5,1% nel mese di novembre e +4,2% nel mese di dicembre. In controtendenza i comuni di Firenze, Torino e Genova, in cui si assiste durante il corso del 2004 a tendenze inflazionistiche in declino (grafico 7). Per ben nove mesi su dodici Torino registra le più alte variazioni di prezzo in tale comparto, mentre la città più virtuosa risulta essere Palermo (tavola 1 e grafico 16). Mobili, articoli e servizi per la casa Per questo capitolo di spesa si evidenziano delle dinamiche dei prezzi più contenute in tutti i comuni metropolitani, con andamenti non particolarmente oscillanti; Genova, Venezia, Palermo e Bologna presentano un andamento crescente mentre per i restanti Comuni dopo una prima fase di flessione si registrano dei rialzi o dei periodi di stabilità (grafico 8). Catania risulta essere la città meno conveniente per l acquisto di mobili e articoli e servizi per la casa (massime variazioni registrate da marzo a dicembre) mentre la più conveniente è Firenze (tavola 1 e grafico 16). Servizi sanitari e spese per la salute Tutti i comuni metropolitani presi in esame presentano un andamento similare del tassi annui registrati mensilmente in questo capitolo di spesa, ad eccezione di Torino. Infatti, mentre per tutti gli altri comuni si osserva un aumento di servizi e spese nel mese di febbraio, una stabilità fino a settembre e una flessione nell ultima parte del 2004, per Torino le tendenza è di una diminuzione dei prezzi nei primi quattro mesi dell anno, di una ripresa a maggio, di una successiva stabilità fino ad agosto e di un nuovo ed importante declino nel mese di ottobre fino ad una successiva ripresa nei mesi finali dell anno (grafico 9). Milano è la città con più alte variazioni in assoluto e Bologna quella con più basse variazioni (tavola 1 e grafico 16). Trasporti Nel capitolo trasporti l andamento tendenziale è in crescita nel corso del 2004 in tutti i comuni metropolitani. Questo capitolo infatti è particolarmente influenzato dalle oscillazioni dei prezzi dei carburanti che oltre a pesare come voce nel capitolo in esame, portano anche a degli aggiustamenti delle tariffe relative a trasporti aerei, marittimi, ecc. Le continue impennate dei carburanti nel corso del 2004 hanno così portato a delle variazioni rispetto al 2003 considerevoli. Si sono registrati in particolare nella fase finale dell anno aumenti di circa 6-7 punti percentuali in molti comuni (grafico 10). Le spese in tale comparto sono state più pesanti a Torino e più contenute a Bari (tavola 1 e grafico 16).

6 Comunicazioni Nel corso del 2004 i prezzi del settore telecomunicazioni (materiale e servizi telefonici, servizi postali) sono diminuiti considerevolmente; pertanto il capitolo comunicazioni si conferma come quello con più bassa inflazione in tutti i comuni considerati. Trattandosi di prezzi molto regolamentati, l andamento durante il 2004 è molto simile in tutti i comuni metropolitani, con variazioni negative sempre maggiori fino a settembre e con una ripresa successiva, dovuta in particolare agli aumenti dei servizi postali (grafico 11). Milano, pur mostrando un trend più attenuato rispetto agli altri comuni, detiene il primato per tutto il 2004 di città con più alte variazioni di prezzo in tale comparto, mentre la città più virtuosa risulta essere Catania (tavola 1 e grafico 16). Ricreazioni, spettacoli e cultura In tutti i comuni metropolitani si osserva un andamento al rialzo nella periodo estivo del 2004, dovuto in particolare all aumento di tutti quei beni e servizi legati alle vacanze e al divertimento (stabilimenti balneari, pacchetti vacanze, ingresso a parchi divertimento, attrezzature sportive e fotografiche, ecc.). Di contro si assiste ad una tendenza al ribasso nella parte finale dell anno (grafico 12). Firenze detiene il primato di minor inflazione, con i più alti tassi di variazione dei prodotti e servizi inclusi in questo capitolo di spesa e Catania quello di città con minori variazioni di prezzo (tavola 1 e grafico 16). Istruzione In sei comuni su undici il capitolo istruzione presenta un andamento crescente soprattutto nel periodo di inizio delle scuole, con impennate di 3-4 punti percentuali. In comuni come Milano, Roma, Torino, Firenze, Bari e Catania frequentare scuole e università è costato di più che nel 2003 (grafico 13). Tuttavia Genova risulta essere la città con maggiori variazioni dei prezzi e Roma quella più virtuosa (tavola 1 e grafico 16). Alberghi, ristoranti e pubblici esercizi. I prezzi di questo capitolo di spesa mostrano da sempre una forte tensione inflazionistica e presentano delle oscillazioni differenti da comune a comune. In particolare sono le città prevalentemente turistiche che mostrano delle continue oscillazioni di prezzi e tariffe legati a questo comparto. Spicca su tutti l andamento dei prezzi nel comune di Catania e l elevato differenziale rispetto alla media italiana. Dal mese di luglio al mese di dicembre 2004 si sono registrate in questa città variazioni dei prezzi rispetto al 2003 in media dell 11%.

7 Le maggiori oscillazioni nel corso dell anno si registrano invece per Roma e Firenze, città turistiche e pervase di cultura e con andamenti differenti rispetto agli altri comuni, soprattutto nel settore alberghiero; infatti in queste due città l alta stagione non coincide con il periodo estivo, ma con quello primaverile, periodo di maggior flusso di turisti. Tendenze in diminuzione invece per città come Bologna, Milano, Torino, Genova e Napoli (grafico 14). Due città del sud detengono il primato di maggiori variazioni di prezzo nel corso del 2004: Palermo nella prima metà e Catania nella seconda. A contendersi invece la palma di città in cui i prezzi sono cresciuti meno sono Firenze e Venezia (tavola 1 e grafico 16). Altri beni e servizi Per la varietà di beni e servizi presenti in questo capitolo di spesa si osservano delle variazioni tendenziali differenti da comune a comune. Napoli, Venezia, Torino, Milano, Roma e Firenze presentano un andamento al rialzo, anche se Venezia, Milano, Roma e Firenze si posizionano al di sotto dei valori medi nazionali. Negli altri Comuni, ad eccezione di Catania dove si osserva una diminuzione dei prezzi da gennaio a dicembre dal 4% all 1%, si registrano tendenze all aumento nella prima metà del 2004 e successive riprese nella seconda metà dell anno (grafico 15). Le maggiori variazioni durante l anno si osservano a Napoli e quelle minori a Roma (tavola 1 e grafico 16). Novella Cecconi (Ufficio di Statistica del Comune di Roma)

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006 1.8 Prezzi e inflazione Se nel corso del 2004 i prezzi romani, dopo le tendenze inflazionistiche degli anni precedenti, hanno mostrato un percorso di progressiva decelerazione, l anno 2005 è caratterizzato

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale

L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale In Italia l inflazione media annua per l anno 2006 si è attestata intorno al 2,1%, un risultato peggiore rispetto al 2005 quando il valore medio

Dettagli

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 maggio 2014 Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di maggio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 ottobre 2015 Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 settembre 2013 Settembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di settembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al

Dettagli

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100)

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100) 30 giugno 2014 Giugno 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di giugno 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 28 febbraio 2014 Febbraio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di febbraio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

I N D I C E. CITTADINI Pag. 1. SPECIALE L inflazione nel 2004 Un quadro generale 9

I N D I C E. CITTADINI Pag. 1. SPECIALE L inflazione nel 2004 Un quadro generale 9 n. novembre/dicembre I N D I C E CITTADINI Pag. SPECIALE L inflazione nel Un quadro generale 9 FOCUS Il lavoro serale e notturno a Roma Redazione: Maria Teresa Brunello Novella Cecconi Claudia Dionigi

Dettagli

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 febbraio 2015 Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012 3 febbraio 2012 Gennaio 2012 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei

Dettagli

L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita

L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita 1 L inflazione durante il 2002 ed il divario -Italia. Il tasso di variazione medio dell indice dei prezzi al consumo rilevato dall Istat per l

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 16 Dicembre 2009 La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 A novembre, il tasso di inflazione, misurato sulla base dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, è salito

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 gennaio 2014 Dicembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 14 gennaio 2015 Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di dicembre 2014, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, fa registrare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Senato della Repubblica X Commissione Permanente Industria, Commercio, Turismo Indagine conoscitiva sulla dinamica dei prezzi della

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 23 febbraio 2011 Gennaio 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi A partire dai dati di gennaio 2011, la base di riferimento dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) e

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita'

Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita' Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita' - Settembre 2009 - Tassi tendenziali e mensili A Bologna nel mese di tembre 2009 l indice dei prezzi al consumo per l intera collettività

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro 16 maggio Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio realizzata dall Istat per analizzare le modalità di conversione in euro dei

Dettagli

Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 12 settembre 2013 Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di agosto 2013, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,4%

Dettagli

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Grafico 1 Andamento del tasso di cambio fra Euro e Dollaro Usa La situazione di instabilità politica e sociale che ha come epicentro il Medio Oriente

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 13 luglio 2012 Giugno 2012 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di giugno, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

11 agosto 2015. INDICE GENERALE NIC Luglio 2014-luglio 2015, variazioni percentuali congiunturali

11 agosto 2015. INDICE GENERALE NIC Luglio 2014-luglio 2015, variazioni percentuali congiunturali 11 agosto 2015 Luglio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di luglio 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello %

Dettagli

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe LA DINAMICA DEI PREZZI DEL PANE 11 marzo 2008 Sulla base dell

Dettagli

INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO MAGGIO 2014

INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO MAGGIO 2014 S INDICE PER L INTERA COLLETTIVITA (NIC) RISPETTO AL MESE PRECEDENTE * RISPETTO A 12 MESI PRIMA ** SASSARI -0,3% % ITALIA % 0,5% ALTA FREQUENZA DI ACQUISTO % 0,2% MEDIA FREQUENZA DI ACQUISTO -0,8% -0,5%

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE

NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, POPOLAZIONE E SOCIETÀ NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE Relatore: Chiar.mo

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. SETTEMBRE-OTTOBRE 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC)

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) 16 giugno 2011 Maggio 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di maggio, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

INDICI DEI PREZZI NELLA PROVINCIA DI TREVISO

INDICI DEI PREZZI NELLA PROVINCIA DI TREVISO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE Corso di Laurea Triennale in Statistica e Gestione delle Imprese ELABORATO INTEGRATIVO INDICI DEI PREZZI NELLA PROVINCIA DI TREVISO RELATORE:

Dettagli

Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 15 giugno 2015 Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di maggio 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % sia

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 16 novembre 2011 Ottobre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di ottobre, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici Executive Summary Andamento degli indicatori tecnici Nella prima metà dell anno, la frequenza dei sinistri denunciati al settore assicurativo per il complesso dei veicoli analizzati (pari al 9,00%), risulta

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 30 Ottobre 2013 I e II trimestre 2013 MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel corso del primo semestre del 2013 rallenta il calo delle convenzioni notarili rogate per trasferimenti

Dettagli

INDICE del CAPITOLO TABELLE GRAFICI GLOSSARIO. Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2012

INDICE del CAPITOLO TABELLE GRAFICI GLOSSARIO. Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2012 L'inflazione a Udine (misurata dal NIC, ovvero l'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività) per il 2012 è, in media d'anno, di +3,3%; il dato è in crescita rispetto al 2011 (+2,7%) e di poco

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

14 ottobre 2015. INDICE GENERALE NIC Settembre 2014-settembre 2015, variazioni percentuali congiunturali

14 ottobre 2015. INDICE GENERALE NIC Settembre 2014-settembre 2015, variazioni percentuali congiunturali 14 ottobre 2015 Settembre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di settembre 2015 l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER Settore Sistema Statistico Regionale LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. GENNAIO-FEBBRAIO 2010 A cura di: - Settore Sistema Statistico

Dettagli

14 aprile 2014 Marzo 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di marzo 2014, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % rispetto

Dettagli

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del mese di FEBBRAIO 2003

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del mese di FEBBRAIO 2003 COMUNE DI BOLZANO RIPARTIZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE Ufficio Programmazione, Statistica e Tempi della Città STADTGEMEINDE BOZEN ABTEILUNG FÜR PLANUNG UND PROGRAMMIERUNG Amt für Planung, Statistik

Dettagli

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 14 gennaio 2015 Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di dicembre 2014, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, fa registrare

Dettagli

14 settembre 2015. INDICE GENERALE NIC Agosto 2014-agosto 2015, variazioni percentuali congiunturali

14 settembre 2015. INDICE GENERALE NIC Agosto 2014-agosto 2015, variazioni percentuali congiunturali 14 settembre 2015 Agosto 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di agosto 2015 l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello %

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Settembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Dicembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

Eventi e indicatori. 1 maggio 2014 21 maggio 2014 5/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo

Eventi e indicatori. 1 maggio 2014 21 maggio 2014 5/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo Eventi e indicatori 1 maggio 2014 21 maggio 2014 5/2014 Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo 30 maggio 2014 Eventi e indicatori e Catalogo pubblicazioni Unità di

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 23 febbraio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 15 gennaio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Barometro Cashless: le Spese degli Italiani con Carta di Credito. Agosto 2014

Barometro Cashless: le Spese degli Italiani con Carta di Credito. Agosto 2014 Barometro Cashless: le Spese degli Italiani con Carta di Credito Agosto 2014 1 8888888 88 Il Barometro Cashless di Agosto 5,0 +0,2 4,5 4,0 3,5 +4,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 1,1 1,3 0,5 0,0 AM Ago 14/AM Ago

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

14 aprile 2015. INDICE GENERALE NIC Marzo 2014-marzo 2015, variazioni percentuali congiunturali

14 aprile 2015. INDICE GENERALE NIC Marzo 2014-marzo 2015, variazioni percentuali congiunturali 14 aprile 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di marzo 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % su base

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo nel corso del 2009

La dinamica dei prezzi al consumo nel corso del 2009 Maggio 2010 a cura di: dott. Vincenzo Bertozzi La dinamica dei prezzi al consumo nel corso del 2009 La dinamica dei prezzi al consumo è costantemente all attenzione dell opinione pubblica per le tante

Dettagli

Sezione 6 Prezzi al consumo

Sezione 6 Prezzi al consumo Sezione 6 Prezzi al consumo Prossimo aggiornamento: marzo 2012 Numeri indice dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) ISTAT Rilevazione mensile dei prezzi al consumo novembre 2011 gennaio

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 16 aprile 2010 Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico Servizi Statistici INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico Servizi Statistici INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE

Dettagli

Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2011

Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2011 L'inflazione a Udine (misurata dal NIC, ovvero l'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività) per il 2011 è, in media d'anno, di +2,7%; il dato è in crescita rispetto al 2010 (+1,8%), ma si

Dettagli

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo: LUGLIO 2002 Il Comune di Novara comunica che effettuata la rilevazione nel mese di luglio, gli indici

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 12 agosto 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 16 settembre 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 13 maggio 2015 Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di aprile 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % su

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 16 giugno 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Quadro del traffico merci

Quadro del traffico merci aeroporti Quadro del traffico merci negli aeroporti italiani di P. Malighetti, V. Morandi, R. Redondi Paolo Malighetti, ricercatore del Dipartimento di Ingegneria Gestionale dell'università di Bergamo

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI COMUNE DI TERNI INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI Luglio 2010 I dati e le informazioni riportati di seguito sono stati validati dalla Commissione Comunale

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Aprile 2010

Indici dei prezzi al consumo Aprile 2010 Indici dei prezzi al consumo Aprile 2010 14 maggio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 14 luglio 2010 Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 9 marzo 2011 Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 L Istat diffonde i dati, relativi al terzo trimestre 2010, delle convenzioni contenute negli atti notarili inerenti sia la compravendita

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ

Dettagli

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010 Le tendenze dell inflazione a Bologna nel Febbraio 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura L inflazione

Dettagli

Come sono cambiati i prezzi a Bologna prima e dopo l introduzione dell euro

Come sono cambiati i prezzi a Bologna prima e dopo l introduzione dell euro Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Come sono cambiati i prezzi a Bologna prima e dopo l introduzione dell euro Le tendenze dell inflazione nel periodo Febbraio 2008 L andamento

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2012

Informazioni Statistiche N 3/2012 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2011 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2012 NOVEMBRE 2012 Sindaco: Assessore alla Statistica: Segretario

Dettagli

Come sono cambiati i prezzi a Bologna prima e dopo l introduzione dell euro

Come sono cambiati i prezzi a Bologna prima e dopo l introduzione dell euro Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Come sono cambiati i prezzi a Bologna prima e dopo l introduzione dell euro Le tendenze dell inflazione nel periodo Marzo 2007 Comune di

Dettagli

Eventi e indicatori. 1 giugno 2014 21 giugno 2014 6/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo

Eventi e indicatori. 1 giugno 2014 21 giugno 2014 6/2014. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo Eventi e indicatori 1 giugno 2014 21 giugno 2014 6/2014 Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo 30 giugno 2014 Eventi e indicatori e Catalogo pubblicazioni Unità di

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 16 giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO DIPAR DIPARTIMENTO XV VI U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO DIPARTIMENTO XV VI U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Economia, Promozione della città e servizi al cittadino INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo

Dettagli

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE SUNIA Ufficio Studi L'indagine effettuata fa parte di un monitoraggio

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 MERCATO DELLE EROGAZIONI Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 6.875,45 milioni di euro nel secondo trimestre

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

Come sono cambiati i prezzi a Bologna nel periodo 2000-2009. Settembre 2010

Come sono cambiati i prezzi a Bologna nel periodo 2000-2009. Settembre 2010 Come sono cambiati i prezzi a Bologna nel periodo Settembre 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura L andamento

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Consuntivo 1 semestre e luglio-agosto Ufficio Studi Novembre Indice 1. Considerazioni generali....3 2. Il fatturato di vendita della Grande

Dettagli

Indice dei prezzi al consumo in Italia e in Toscana a marzo 2016. I confronti su scala nazionale.

Indice dei prezzi al consumo in Italia e in Toscana a marzo 2016. I confronti su scala nazionale. Statistiche flash Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica 14 Aprile 2016 Indice dei prezzi al consumo in Italia e in Toscana a marzo 2016. I confronti su

Dettagli

Indice dei prezzi di consumo di gennaio a Bergamo Rincarano le spese per salute, telefonia mobile e alberghi

Indice dei prezzi di consumo di gennaio a Bergamo Rincarano le spese per salute, telefonia mobile e alberghi 3 febbraio 2015 Indice dei prezzi di consumo di gennaio a Bergamo Rincarano le spese per salute, telefonia mobile e alberghi Nel mese di GENNAIO, l indice dei prezzi al consumo per l intera collettività

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 24 Luglio 2015 I trimestre 2015 MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel I trimestre 2015 le convenzioni notarili di compravendita per unità immobiliari tornano a registrare variazioni

Dettagli

A cura del MIPAAF. Direzione generale delle politiche internazionali e dell Unione europea Unità IV

A cura del MIPAAF. Direzione generale delle politiche internazionali e dell Unione europea Unità IV Cereali Mercato nazionale: primo trimestre del 2013. Confronto con il primo trimestre 2012. Andamento dei prezzi di grano tenero, grano duro, orzo e mais. A cura del MIPAAF Direzione generale delle politiche

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli