Ingegneri & Geologi Associati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ingegneri & Geologi Associati"

Transcript

1

2

3 MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con la verifica dei franchi imposti dalla normativa Il profilo Le sezioni del corso d acqua LEGENDA TABELLE Le grandezze riportate in tabella hanno il seguente significato River station Sezione trasversale del corso d acqua Q Total Portata idraulica Min Ch Elev Quota del fondo rispetto al prescelto sistema di riferimento WS Elev Quota del pelo libero rispetto al prescelto sistema di riferimento Max Chl Dpth Tirante idraulico massimo (differenza dei termini WS Elev e il termine Min Ch Elev) LOB Elev Quota della sommità arginale sinistra rispetto al prescelto sistema di riferimento ROB Elev Quota della sommità arginale destra rispetto al prescelto sistema di riferimento LFreeboard Franco sinistro: differenza fra il termine LOB Elev e il termine WS Elev RFreeboard Franco sinistro: differenza fra il termine LOB Elev e il termine WS Elev Vel Chnl Velocità media della corrente Froude n Numero di Froude: se maggiore di indica la presenza di corrente veloce, se inferiore a segnala la presenza di corrente lenta Ponte/Arginato/incassato: è impostato su I se il fosso è incassato, su A se è arginato e su Ponte in corrispondenza delle sezioni con ponti Franco min: è l altezza assoluta che devono avere le sponde affinché siano rispettate le prescrizioni contenute nei Criteri per lo sviluppo degli studi e la valutazione di efficacia presente all interno del Piano degli interventi relativo al Piano di Assetto Idrogeologico redatto dall Autorità di Bacino Toscana Costa ed approvato con DCRT n del Gennaio Verifica LOB/ROB: E impostato su OK se le quote delle sommità arginali sono superiori all altezza minima, viceversa su NO Si fa presente che se i termini L Freeboard e R Freeboard assumono valori negativi il pelo libero assume quote superiori alle sommità arginali: dunque queste situazioni si verificano in corrispondenza di tratti che il modello indica come insufficienti al contenimento della piena simulata: come già accennato nell analisi del profilo longitudinale, tali tratti si trovano nella parte terminale del corso d acqua Ingegneri & Geologi Associati

4 LEGENDA Plan Stato analizzato Fondo alveo Bank station Sommità arginale Punto nei confronti del quale viene effettuata la verifica del franco Sezioni del rilievo Riferimento alla numerazione delle sezioni effettuate nel rilievo River Sta (o RS) Numero della sezione nel modello su codice di calcolo Hec -Ras Min Ch El Altezza del fondo WS Elev Altezza del pelo libero Max Chl Dpth Tirante idraulico LOB Elev Altezza assoluta della sponda sinistra ROB Elev Altezza assoluta della sponda destra L Freeboard Franco in sinistra idraulica R Freeboard Franco in destra idraulica Vel Chnl Velocità della corrente Froude # Chl Numero di Froude Tipo sez Tipo della sezione (I=Incassata, Ponte=Ponte, A=Arginata) Franco min Altezza assoluta minima degli argini secondo le norme del PAI Toscana Costa Verifica LOB Risultato della verifica sull'argine sinistro Verifica ROB Risultato sulla verifica dull'argine destro Insufficienze LOB Entità dell'eventuale insufficienza dell'argine sinistro nei confronti del "Franco min" Insufficienze ROB Entità dell'eventuale insufficienza dell'argine destro nei confronti del "Franco min" Margini LOB Entità dell'eventuale margine dell'argine sinistro nei confronti del "Franco min" Margini ROB Entità dell'eventuale margine dell'argine destro nei confronti del "Franco min" Caratterizzazione dell'insufficienza Maggiore di m Compreso tra e m Compreso tra 7 e m Compreso tra e 7 m Compreso tra e m Compreso tra e m Caratterizzazione dei margini Maggiore di m Compreso tra e m Compreso tra 7 e m Compreso tra e 7 m Compreso tra e m Compreso tra e m

5 MODELLAZIONE IDRAULICA MONODIMENSIONALE FOSSO AGHIALE Ingegneri & Geologi Associati

6 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO Fosso Aghiale Fosso Aghiale WS TR WS TR WS TR LOB ROB 7 7* 7* 7* 7* 7* * * 7* 9 9* 9* 9* 9* * * * * cm Horiz = m cm Vert = m Main Channel Distance (m)

7 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez 7 WS TR WS TR WS TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez WS TR WS TR WS TR 9 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez (valle ponticello ad arco) WS TR WS TR WS TR 9 cm Horiz = m cm Vert = m

8 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez (valle ponticello ad arco) WS TR WS TR WS TR 9 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez (monte nuova passerella) WS TR 9 7 WS TR WS TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = BR sez (nuova passerella) WS TR 9 7 WS TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

9 9 7 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = BR sez (nuova passerella) WS TR WS TR WS TR 9 7 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez (valle nuova passerella) WS TR WS TR WS TR 9 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez WS TR 7 WS TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

10 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = 9 sez 9 WS TR 7 WS TR WS TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez 7 WS TR WS TR WS TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = 7 sez 7 7 WS TR WS TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

11 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez (monte del ponte strada del porto) WS TR WS TR WS TR - Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = BR sez (ponte strada del porto) WS TR WS TR WS TR - Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = BR sez (ponte strada del porto) WS TR WS TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

12 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez (valle ponte strada del porto) WS TR WS TR WS TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez WS TR WS TR WS TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez WS TR WS TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

13 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug 7// :7: AM Geom: Fosso Aghiale Flow: Aghiale_ALTO River = Fosso Aghiale Reach = Fosso Aghiale RS = sez (sbocco a mare) WS TR WS TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

14 HEC-RAS Plan: Aghiale_Lug River: Fosso Aghiale Reach: Fosso Aghiale Reach River Sta Profile Q Total Min Ch El WS Elev Max Chl Dpth LOB Elev ROB Elev L Freeboard R Freeboard Vel Chnl Froude # Chl Length Chnl (m/s) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m/s) (m) Fosso Aghiale TR 7 9 Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR 9 9 Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR 9 Fosso Aghiale TR 9 9 Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR 77 9 Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale BR U TR Fosso Aghiale BR U TR 9 9 Fosso Aghiale BR U TR Fosso Aghiale BR D TR Fosso Aghiale BR D TR Fosso Aghiale BR D TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR 9 7 Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR 7 7 Fosso Aghiale 9* TR Fosso Aghiale 9* TR Fosso Aghiale 9* TR Fosso Aghiale 9* TR 7 7 Fosso Aghiale 9* TR 9 9 Fosso Aghiale 9* TR 7 7 Fosso Aghiale 9* TR Fosso Aghiale 9* TR 9 Fosso Aghiale 9* TR 9 7 Fosso Aghiale 9* TR 7 77 Fosso Aghiale 9* TR 7 9 Fosso Aghiale 9* TR Fosso Aghiale 9 TR Fosso Aghiale 9 TR Fosso Aghiale 9 TR 7 9 Fosso Aghiale 7* TR 77-7 Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR 77 9 Fosso Aghiale * TR - 9 Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale * TR 7-9 Fosso Aghiale * TR 7 9 Fosso Aghiale * TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR 9 9 Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR 9 7 9

15 HEC-RAS Plan: Aghiale_Lug River: Fosso Aghiale Reach: Fosso Aghiale (Continued) Reach River Sta Profile Q Total Min Ch El WS Elev Max Chl Dpth LOB Elev ROB Elev L Freeboard R Freeboard Vel Chnl Froude # Chl Length Chnl (m/s) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m/s) (m) Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7* TR 7 Fosso Aghiale 7* TR Fosso Aghiale 7 TR Fosso Aghiale 7 TR 7 7 Fosso Aghiale 7 TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale BR U TR Fosso Aghiale BR U TR Fosso Aghiale BR U TR Fosso Aghiale BR D TR Fosso Aghiale BR D TR Fosso Aghiale BR D TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR

16 Verifica dei franchi secondo le norme del PAI Toscana Costa (ATT-Q ) Corso d'acqua River Sta Q total Min Ch El WS Elev Max Chl Dpth LOB Elev ROB Elev L Freeboard R Freeboard Vel Chnl Froude # Chl Tipo sez Tipo sez Franco min L Franco min R Verifica LOB Verifica ROB Insufficienze LOB Insufficienze ROB Margini LOB Margini ROB (m /s) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m/s) (m) (m) - - Fosso Aghiale 7 9 I I 9 9 OK OK 9 Fosso Aghiale I I 9 9 OK OK 7 Fosso Aghiale Ponte Ponte 9 9 OK OK 7 Fosso Aghiale 9 Ponte Ponte OK OK Fosso Aghiale 77 9 I I OK OK Fosso Aghiale BR U Ponte Ponte 7 7 OK OK 9 Fosso Aghiale BR D Ponte Ponte 7 7 OK OK 7 Fosso Aghiale I I 7 7 OK OK Fosso Aghiale * I I OK OK Fosso Aghiale * I I OK OK 7 Fosso Aghiale * 9 7 I I 9 9 OK OK Fosso Aghiale * I I 9 9 NO OK Fosso Aghiale I I 7 7 NO OK Fosso Aghiale 9* I I 7 7 OK OK 7 7 Fosso Aghiale 9* 7 7 I I 7 7 OK OK 7 Fosso Aghiale 9* I I OK OK Fosso Aghiale 9* 7 77 I I 7 7 OK OK Fosso Aghiale I I OK OK 7 7 Fosso Aghiale 7* 77-7 I I NO NO 9 Fosso Aghiale * - 9 I I NO NO 9 Fosso Aghiale * 7-9 I I NO NO 9 Fosso Aghiale I I NO NO Fosso Aghiale 7* I I OK OK Fosso Aghiale 7* I I 9 9 OK OK Fosso Aghiale 7* I I 7 7 OK OK Fosso Aghiale 7* I I 9 9 OK OK 9 Fosso Aghiale 7* I I OK OK 9 Fosso Aghiale I I 7 7 OK OK 9 Fosso Aghiale I I OK NO 7 Fosso Aghiale BR U Ponte Ponte 9 9 NO NO Fosso Aghiale BR D Ponte Ponte 7 7 NO NO Fosso Aghiale I I NO NO Fosso Aghiale I I NO NO Fosso Aghiale I I NO NO Fosso Aghiale I I NO NO

17 STATO DI PROGETTO

18 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // Fosso Aghiale Fosso Aghiale EG TR WS TR Crit TR LOB ROB 7 7* 7* 7* 7* 7* * 9 9* 9* 9* 9* * * * * cm Horiz = m cm Vert = m Main Channel Distance (m)

19 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez 9 EG TR WS TR Crit TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez EG TR Crit TR WS TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez EG TR Crit TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

20 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez (valle ponticello ad arco) EG TR Crit TR WS TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez (valle ponticello ad arco) EG TR Crit TR WS TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez (monte nuova passerella) EG TR Crit TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

21 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez (nuova passerella) EG TR Crit TR WS TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez (nuova passerella) EG TR Crit TR WS TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez (valle nuova passerella) EG TR Crit TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

22 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez EG TR WS TR Crit TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez EG TR WS TR Crit TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez 7 EG TR Crit TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

23 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez (monte del ponte strada del porto) EG TR WS TR Crit TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez (ponte strada del porto) EG TR WS TR Crit TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez (ponte strada del porto) EG TR WS TR Crit TR cm Horiz = m cm Vert = m

24 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez (valle ponte strada del porto) EG TR WS TR Crit TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez EG TR WS TR Crit TR Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez EG TR WS TR Crit TR cm Horiz = m cm Vert = m

25 Fosso dell'aghiale Plan: Aghiale_Lug_Progetto // sez (sbocco a mare) EG TR WS TR Crit TR cm Horiz = m cm Vert = m

26 HEC-RAS Plan: Prog River: Fosso Aghiale Reach: Fosso Aghiale Profile: TR Reach River Sta Profile Q Total Min Ch El WS Elev Max Chl Dpth LOB Elev ROB Elev L Freeboard R Freeboard Vel Chnl Froude # Chl Length Chnl (m/s) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m/s) (m) Fosso Aghiale TR 7 9 Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR 9 Fosso Aghiale TR 77 9 Fosso Aghiale Bridge Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale 9 TR Fosso Aghiale TR 99 9 Fosso Aghiale 7 TR Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale Bridge Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR - 9 Fosso Aghiale TR Fosso Aghiale TR

27 MODELLAZIONE IDRAULICA MONODIMENSIONALE FOSSO VADO DEL PORTO Ingegneri & Geologi Associati

28 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO Vado del Porto Vado del Porto WS TR WS TR WS TR LOB ROB - * * * * * * 7 * * 9 9* 9* * * cm Horiz = m cm Vert = m Main Channel Distance (m)

29 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = WS TR WS TR 9 WS TR 7 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = 9 7 WS TR WS TR WS TR 7 9 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = 9 9 WS TR WS TR 7 WS TR 7 9 cm Horiz = m cm Vert = m

30 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = 7 WS TR WS TR WS TR 7 9 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = 7 7 WS TR WS TR WS TR 7 9 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = WS TR WS TR WS TR 7 9 cm Horiz = m cm Vert = m

31 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = WS TR WS TR WS TR 7 9 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = WS TR WS TR WS TR 9 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = WS TR WS TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

32 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = BR WS TR WS TR WS TR Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = BR WS TR WS TR WS TR Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = WS TR WS TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

33 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug 7/9/ :: PM Geom: Vado del porto_lug Flow: VADO DEL PORTO River = Vado del Porto Reach = Vado del Porto RS = WS TR WS TR WS TR cm Horiz = m cm Vert = m

34 HEC-RAS Plan: VDP_Lug River: Vado del Porto Reach: Vado del Porto Reach River Sta Profile Q Total Min Ch El WS Elev Max Chl Dpth LOB Elev ROB Elev L Freeboard R Freeboard Vel Chnl Froude # Chl Length Chnl (m/s) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m/s) (m) Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto 9 TR Vado del Porto 9 TR Vado del Porto 9 TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto 7 TR 7 9 Vado del Porto 7 TR 9 7 Vado del Porto 7 TR Vado del Porto TR 7 9 Vado del Porto TR Vado del Porto TR 7 7 Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR 9 9 Vado del Porto TR Vado del Porto TR 7 - Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto BR U TR Vado del Porto BR U TR Vado del Porto BR U TR Vado del Porto BR D TR Vado del Porto BR D TR Vado del Porto BR D TR - - -

35 HEC-RAS Plan: VDP_Lug River: Vado del Porto Reach: Vado del Porto (Continued) Reach River Sta Profile Q Total Min Ch El WS Elev Max Chl Dpth LOB Elev ROB Elev L Freeboard R Freeboard Vel Chnl Froude # Chl Length Chnl (m/s) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m/s) (m) Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR

36 Verifica dei franchi secondo le norme del PAI Toscana Costa (ATT-Q ) Corso d'acqua River Sta Q total Min Ch El WS Elev Max Chl Dpth LOB Elev ROB Elev L Freeboard R Freeboard Vel Chnl Froude # Chl Tipo sez Tipo sez Franco min L Franco min R Verifica LOB Verifica ROB Insufficienze LOB Insufficienze ROB Margini LOB Margini ROB (m /s) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m/s) (m) (m) - - Vado del Porto I I 7 7 OK NO 9 Vado del Porto I I NO OK Vado del Porto I I 9 9 NO OK 9 9 Vado del Porto I I NO OK Vado del Porto I I NO OK Vado del Porto 7 9 I I OK OK 7 7 Vado del Porto I I 7 7 NO OK 97 Vado del Porto I I NO OK 7 Vado del Porto 7 - I I OK OK Vado del Porto BR U Ponte Ponte NO NO Vado del Porto BR D Ponte Ponte NO NO Vado del Porto I I OK NO Vado del Porto I I NO NO

37 STATO DI PROGETTO

38 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // Vado del Porto Vado del Porto EG TR Crit TR WS TR LOB ROB - * * * * * * 7 * * 9 9* 9* * * cm Horiz = m cm Vert = m Main Channel Distance (m)

39 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // EG TR 9 7 Crit TR WS TR 7 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // 9 EG TR 7 Crit TR WS TR 7 9 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // 9 EG TR WS TR 7 Crit TR 7 9 cm Horiz = m cm Vert = m

40 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // 7 EG TR Crit TR WS TR 7 9 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // 7 EG TR Crit TR WS TR 7 9 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // EG TR Crit TR WS TR 7 9 cm Horiz = m cm Vert = m

41 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // EG TR WS TR Crit TR 7 9 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // EG TR WS TR Crit TR 9 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // EG TR WS TR Crit TR cm Horiz = m cm Vert = m

42 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // EG TR WS TR Crit TR Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // EG TR WS TR Crit TR Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // EG TR WS TR Crit TR cm Horiz = m cm Vert = m

43 Vado del porto Plan: Vado del Porto_Lug_Progetto // EG TR Crit TR WS TR 7 cm Horiz = m cm Vert = m

44 HEC-RAS Plan: Progetto River: Vado del Porto Reach: Vado del Porto Profile: TR Reach River Sta Profile Q Total Min Ch El WS Elev Max Chl Dpth LOB Elev ROB Elev L Freeboard R Freeboard Vel Chnl Froude # Chl Length Chnl (m/s) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m) (m/s) (m) Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto 9 TR Vado del Porto TR Vado del Porto 7 TR Vado del Porto TR 7 9 Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto TR Vado del Porto Bridge Vado del Porto TR Vado del Porto TR 7

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti COMUNE DI MASSAFRA Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti II Parte Tratto di monte del Patemisco e Gravine Madonna della Scala, Colombato e San Marco

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 Oggetto Corso Docente PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 PROTEZIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO (2 MODULO) Ingegneria Civile Prof. Corrado Paolo Mancini Berti Andrea Campolese Mattia

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Alberi binari Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Alberi binari, A.A. 2009/2010 1/20 Alberi binari

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Regolamento sulla tutela di opere idrauliche di 1ª e 2ª categoria e delle opere di bonifica (1/circ).

Regolamento sulla tutela di opere idrauliche di 1ª e 2ª categoria e delle opere di bonifica (1/circ). R.D. 9 dicembre 1937, n. 2669 (1). Regolamento sulla tutela di opere idrauliche di 1ª e 2ª categoria e delle opere di bonifica (1/circ). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 17 marzo 1938, n. 63. (1/circ) Con

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI Dalla Home page del sito dell Agenzia delle Entrate Cliccare sulla voce SID Selezionare ACCREDITAMENTO Impostare UTENTE e PASSWORD Gli stessi abilitati ad entrare nella AREA RISERVATA del sito (Fisconline

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

Guida Utente: Indicatore Trading Central per la MetaTrader4

Guida Utente: Indicatore Trading Central per la MetaTrader4 Guida Utente: Indicatore Trading Central per la MetaTrader4 1 Indice Descrizione...2 Installazione...3 Caratteristiche e parametri...7 Processo di aggiornamento... 10 2 Descrizione L`Indicatore Trading

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013 SIMATIC WinCC Runtime Professional V12 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 04/2013 - Architetture Novità

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

Valvola di strozzamento e non ritorno

Valvola di strozzamento e non ritorno Valvola di strozzamento e non ritorno RI 79/0.09 Sostituisce: 0.06 /6 Tipi MG e MK Grandezze nominali da 6 a 0 Serie X Pressione d'esercizio massima 5 bar Portata max. 400 l/min. K564- Sommario Indice

Dettagli

per un fai da te di alta qualità

per un fai da te di alta qualità per un fai da te di alta qualità container su misura e programmati 4 anni insieme senza pensieri La garanzia copre tutto il territorio italiano. qualità tedesca 360 affidabilità Sistema di imballaggio

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Seminario 8 novembre 2012 Die Naturkraft aus Schweizer Stein Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Mirko Galli Arch. Dipl. ETH physarch sagl, Viaganello FLUMROC AG Postfach

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

PAGLIARDINIASSOCIATI. SistemaVMF. Sistema Integrato VMF Tutta l idronica ai tuoi comandi

PAGLIARDINIASSOCIATI. SistemaVMF. Sistema Integrato VMF Tutta l idronica ai tuoi comandi PAGLIARDINIASSOCIATI * SistemaVMF Sistema Integrato VMF Tutta l idronica ai tuoi comandi Sommario VMF. Sistema Variable Multi Flow...3 Componenti principali del sistema VMF...5 Ventilconvettori con nuovi

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

TITOLO I MANUTENZIONE DEGLI ALVEI FLUVIALI RICADENTI NEI VARI BACINI IDROGRAFICI DI COMPETENZA.

TITOLO I MANUTENZIONE DEGLI ALVEI FLUVIALI RICADENTI NEI VARI BACINI IDROGRAFICI DI COMPETENZA. Regolamento provinciale per la manutenzione degli alvei fluviali ricadenti nei bacini idrografici di competenza e procedure tecnico amministrative per il rilascio delle concessioni del demanio idrico.

Dettagli

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L FORM FORM è un calorifero estremamente versatile ed elegante grazie alla forma particolare dei collettori e alle dimensioni dei tubi radianti, decisamente ridotte (ø1 mm). Form è prodotto in due modelli:

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Scaldasalviette costruito con elementi orizzontali in acciaio del diametro di 20 mm saldati per fusione con collettori diametro 34 mm

Scaldasalviette costruito con elementi orizzontali in acciaio del diametro di 20 mm saldati per fusione con collettori diametro 34 mm BAT 20 W ESEMPIO D ORDE Per eseguire correttamente l ordine di questo modello seguire l esempio sotto riportato: PRODOTTO BA20#080050 0B1 ST 9010 BA20#080050 articolo riportato nella tabella prezzi a fianco

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE U UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corsoo di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Tesi di Laurea MODELLAZIONE NUMERICA DELLA PROPAG GAZIONE DELL'

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

della domanda di agevolazione

della domanda di agevolazione Guida alla presentazione della domanda di agevolazione 1. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La domanda di agevolazione e i relativi allegati, pena l inammissibilità della stessa domanda, devono essere

Dettagli

Lucchetti Abus. Dinamo import. Lucchetti Abus MAXI 14 BERNARDI - COMPONENTI PER CICLO RI 06 LU 20 LU 06 RU 12 AT 02 LU 66 WWW.BERNARDISRL.

Lucchetti Abus. Dinamo import. Lucchetti Abus MAXI 14 BERNARDI - COMPONENTI PER CICLO RI 06 LU 20 LU 06 RU 12 AT 02 LU 66 WWW.BERNARDISRL. Dinamo import Lucchetti Abus DI 01 D DI 01 S RI 06 LU 06 LU 20 RU 12 DI 02 D DI 02 S AT 02 Lucchetti Abus MAXI LU 31 LU 38 LU 66 Dinablock RI 06 9,50 Dinamo in alluminio destra DI 01 D 6,50 Dinamo in alluminio

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier II CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH 11 Dicembre 2009 Claudio Carlon ECHA Evaluation http://echa.europa.eu 1 Comitati dell ECHA Attivitá

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

(2) Per il regolamento di esecuzione, vedi R.D. 9 dicembre 1937, n. 2669, riportato in appresso, al n. D/II.

(2) Per il regolamento di esecuzione, vedi R.D. 9 dicembre 1937, n. 2669, riportato in appresso, al n. D/II. R.D. 25-7-1904 n. 523 Testo unico delle disposizioni di legge intorno alle opere idrauliche delle diverse categorie. Pubblicato nella Gazz. Uff. 7 ottobre 1904. R.D. 25 luglio 1904, n. 523 (1). Testo unico

Dettagli

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014

Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 BORA Professional BORA Classic BORA Basic Listino Prezzi al Pubblico Bora Luglio 2014 Progettazione d avanguardia Aspirazione efficace dei vapori nel loro punto d origine BORA Professional Elementi da

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 14: Analisi della varianza (ANOVA)

Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 14: Analisi della varianza (ANOVA) Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 4: Analisi della varianza (ANOVA) Analisi della varianza Analisi della varianza (ANOVA) ANOVA ad

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore

Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore Il sistema più avanzato per un'esatta misurazione del calore sensonic II Contatori di calore 2 Indice sensonic II Tecnologia innovativa orientata al futuro 4 Scelta del contatore versione orizzontale 6

Dettagli

Impiego Appropriato dei font

Impiego Appropriato dei font Impiego Appropriato dei font Quando si vuol comunicare applicando i principi della grafica bisogna prestare attenzione a un considerevole numero di particolari. Se si individuano i dettegli giusti s ottiene,

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E U N O S T R U M E N T O F A C I L E, P R E C I S O E D E F F I C I E N T E ChronoMap è lo strumento ideale per le

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli