LA PESCA NEL MAR NERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PESCA NEL MAR NERO"

Transcript

1

2

3 DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE INTERNE UNITÀ TEMATICA B: POLITICHE STRUTTURALI E DI COESIONE PESCA LA PESCA NEL MAR NERO NOTA

4 Questo studio è stato richiesto dalla commissione per la pesca del Parlamento europeo. AUTORE Irina POPESCU Unità tematica B: Politiche strutturali e di coesione Parlamento europeo Indirizzo di posta elettronica: ASSISTENTE ALLA REDAZIONE Virginija KELMELYTE VERSIONI LINGUISTICHE Originale: EN Traduzioni: BG DE ES FR IT PT RO INFORMAZIONI SULL'EDITORE Per contattare l'unità tematica o abbonarsi alla newsletter mensile pubblicata dalla stessa rivolgersi a: Manoscritto completato nel dicembre Bruxelles, Parlamento europeo, Questo documento è disponibile all'indirizzo Internet: CLAUSOLA DI ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ Le opinioni espresse nel presente documento sono di responsabilità esclusiva dell'autore e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo. Riproduzione e traduzione autorizzate, salvo a fini commerciali, con menzione della fonte, previa informazione dell'editore e con invio di una copia a quest'ultimo.

5 DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE INTERNE UNITÀ TEMATICA B: POLITICHE STRUTTURALI E DI COESIONE PESCA LA PESCA NEL MAR NERO NOTA Sintesi Il presente documento costituisce una revisione del settore della pesca nella regione del Mar Nero e illustra le principali risorse marine, l'evoluzione della pesca del Mar Nero nonché i temi relativi alla gestione della pesca e alla cooperazione regionale. Il Mar Nero è stato interessato da importanti cambiamenti ambientali, oltre che da una drammatica crisi di risorse intorno agli anni Novanta. La pesca è stata uno dei motori di tali cambiamenti ma anche una loro vittima. L'effetto combinato della crisi e del peggioramento delle condizioni economiche negli Stati dell'ex Unione Sovietica dopo il 1989 ha cambiato il volto della pesca nel Mar Nero. IP/B/PECH/NT/ Dicembre 2010 PE IT

6

7 La pesca nel Mar Nero INDICE INDICE 3 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI 5 ELENCO DELLE TABELLE 7 ELENCO DELLE FIGURE 7 ELENCO DELLE MAPPE 7 SINTESI 9 1. CONTESTO Introduzione Acque giurisdizionali L'ecosistema del Mar Nero RISORSE MARINE VIVE E RELATIVE ATTIVITÀ DI PESCA Stock pelagici Stock demersali Stock ittici anadromi Molluschi EVOLUZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PESCA NEL MAR NERO Sbarchi Flotte pescherecce GESTIONE DELLA PESCA La politica comune della pesca nel Mar Nero Misure di gestione nei paesi del Mar Nero Sfide per la gestione dell'attività di pesca COOPERAZIONE REGIONALE 57 BIBLIOGRAFIA 63 NOTE 67 3

8 Unità tematica B: politiche strutturali e di coesione 4

9 La pesca nel Mar Nero ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI ACCOBAMS Agreement on the Conservation of Cetaceans of the BlackSea, Mediterranean Sea and Contiguous Atlantic Area (Accordo sulla conservazione dei cetacei del Mar Nero, del Mediterraneo e dell'area atlantica contigua) AEA Agenzia europea dell'ambiente AI Acque interne BSC Commission for the Protection of the Black Sea against Pollution (Commissione per la protezione del Mar Nero contro l'inquinamento) BSEC Black Sea Economic Cooperation (Organizzazione per la cooperazione economica del Mar Nero) BSEP Black Sea Environmental Programme (Programma ambientale del Mar Nero) BSERP Black Sea Ecosystem Recovery Programme (Programma di risanamento ecosistemico del Mar Nero) BSR Biomassa dello stock riproduttivo BS-SAP Black Sea Strategic Action Plan (Piano d'azione strategico per il Mar Nero) CGPM Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo CICTA Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi nell'atlantico CIEM Consiglio internazionale per l'esplorazione del mare CITES Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e di flora selvatiche minacciate di estinzione CNUDM Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare CPUS Cattura per unità di sforzo di pesca 5

10 Unità tematica B: politiche strutturali e di coesione DOALOS Division for Ocean Affairs and the Law of the Sea (Divisione per gli Affari marittimi e il diritto del mare delle Nazioni Unite) DRP Danube Regional Programme (Programma regionale per il Danubio) FAO Organizzazione per l'agricoltura e l'alimentazione delle Nazioni Unite FEP Fondo europeo per la pesca GEF Global Environmental Facility (Fondo mondiale per l'ambiente) ICPDR International Commission for the Protection of the Danube River (Commissione internazionale per la protezione del Danubio) MT Mare territoriale OMI Organizzazione marittima internazionale OPANO Organizzazione per la pesca nell'atlantico nordoccidentale PCP Politica comune della pesca SCP Sistema di controllo dei pescherecci TAC Totale ammissibile di catture UICN Unione internazionale per la conservazione della natura UNDP Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo UNEP Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente ZEE Zona economica esclusiva 6

11 La pesca nel Mar Nero ELENCO DELLE TABELLE Tabella 1 Il litorale del Mar Nero e la popolazione costiera 13 Tabella 2 Modalità ed estensione delle giurisdizioni statali nel Mar Nero (km 2 ) 16 Tabella 3 Caratteristiche dei pescherecci turchi nel Mar Nero, Tabella 4 Pescherecci turchi per tipo di attività, Tabella 5 Misure di protezione degli stock ittici per il merlango implementate dai paesi del Mar Nero 55 ELENCO DELLE MAPPE Mappa 1: Posizione del Mar Nero 13 Mappa 2: Il Mar Nero: batimetria del fondale marino 14 Mappa 3: Salinità superficiale del Mar Nero 15 Mappa 4: Lo stretto del Bosforo 15 Mappa 5: Giurisdizioni marittime nel Mar Nero 17 Mappa 6: Distribuzione del rombo chiodato nel Mar Nero 30 Mappa 7: Distribuzione dello storione nel Mar Nero 35 7

12 Unità tematica B: politiche strutturali e di coesione ELENCO DELLE FIGURE Figura 1: Frontiere teoriche e concordate nel Mar Nero 17 Figura 2: Mnemiopsis leidy 20 Figura 3: Sfruttamento commerciale delle risorse marine vive nel Mar Nero nel ( ) 23 Figura 4: Sbarchi di acciuga, spratto e sugarello nel Mar Nero ( ). Il volume complessivo degli sbarchi è indicato ai fini della comparazione. 24 Figura 5: Catture complessive delle principali specie pelagiche nel Mar Nero ( ) 24 Figura 6: Acciuga del Mar Nero: reclutamento, biomassa dello stock riproduttivo (BSR), catture e mortalità alieutica 26 Figura 7: Spratto del Mar Nero: reclutamento, biomassa dello stock riproduttivo (BSR), catture e mortalità alieutica 27 Figura 8: Sugarello del Mar Nero: reclutamento, biomassa dello stock riproduttivo (BSR), catture e mortalità alieutica 28 Figura 9: Catture complessive delle principali specie demersali nel Mar Nero ( ) 29 Figura 10: Numero totale di catture delle principali specie ittiche anadrome nel Mar Nero ( ) 34 Figura 11: Numero totale di catture delle principali specie di molluschi nel Mar Nero ( ) 37 Figura 12: Rapana venosa che mangia un mitilo 39 Figura 13: Volume degli sbarchi nel Mar Nero suddiviso per paese, Figura 14: Valore degli sbarchi nel Mar Nero suddiviso per paese, Figura 15: Volume degli sbarchi nei paesi del Mar Nero, Figura 16: Sbarchi in Bulgaria e in Romania (dettagli della figura 15; si noti la diversa portata degli sbarchi) 43 Figura 17: Sbarchi per tipo di pesca,

13 La pesca nel Mar Nero SINTESI Il Mar Nero è un bacino di mare interno semichiuso localizzato tra la Bulgaria, la Romania, l'ucraina, la Russia, la Georgia e la Turchia. Riceve notevoli apporti d'acqua dolce dai fiumi principali (il Danubio, il Nipro e il Don), e il suo bacino imbrifero si estende per oltre un terzo dell'europa continentale. Gli elevati apporti d'acqua dai fiumi, unitamente a una circolazione limitata attraverso lo stretto del Bosforo, creano le condizioni per la peculiare stratificazione delle acque del Mar Nero e per la perenne anossia al di sotto dei 150 m circa di profondità. Con più dell'80% delle sue acque anossiche e con un elevato contenuto di acido solfidrico, il Mar Nero contiene la più grande massa di acque senza vita della terra. La vita marina si concentra nello strato ossigenato superiore e la piattaforma continentale situata al di sopra del limite di anossia ospita abbondanti forme di vita bentonica. In particolare, l'ampia piattaforma nordoccidentale è la più importante area riproduttiva e di alimentazione per le specie alieutiche del Mar Nero. Tutte le acque di questo bacino ricadono sotto la giurisdizione degli Stati costieri. A partire dal 1960, il Mar Nero ha subito cambiamenti ambientali radicali che si ritiene siano il risultato di una complessa interazione di pressioni diverse, le più significative delle quali sono l'eutrofizzazione, l'introduzione di specie aliene e la pesca intensiva. L'eutrofizzazione costituisce un problema rilevante per le regioni costiere del Mar Nero e soprattutto per la zona nordoccidentale, dove i nutrienti e l'inquinamento di natura antropica portati dai fiumi hanno comportato drastiche alterazioni dei regimi chimici e biologici: la presenza di fitoplancton e fioriture di alghe pericolose, i cambiamenti nella struttura della comunità di zooplancton e un incremento considerevole della biomassa di meduse, una perdita massiccia di flora e fauna bentoniche (causata dallo sviluppo di anossia negli habitat superficiali del Mar Nero nordoccidentale), nonché la riduzione della penetrazione di luce nelle aree poco profonde colpite dall'eutrofizzazione. Tra le specie accidentalmente introdotte nel Mar Nero, l'invasione dello ctenoforo Mnemiopsis leidyi (medusa pettine) ha rappresentato una delle più devastanti esplosioni biologiche mai registrate e ha provocato significativi cambiamenti nella struttura dell'ecosistema. Senza predatori che potessero controllarne l'abbondanza, la Mnemiopsis si è improvvisamente diffusa in tutto il Mar Nero e ha concorso al collasso della pesca in questo bacino, competendo per il cibo e predando direttamente larve di pesci. I livelli di Mnemiopsis si sono poi ridotti con l'introduzione di uno dei suoi predatori, lo ctenoforo Beroe ovata. La pesca eccessiva sembra essere all'origine dei principali cambiamenti di regime nel Mar Nero. I due principali cambiamenti di regime che hanno interessato questo mare negli anni Settanta e Novanta sono stati associati ad importanti perturbazioni che hanno riguardato i livelli superiori della catena trofica pelagica. Il primo evento fu collegato alla riduzione dei predatori dominanti, mentre il secondo fu ricondotto alla drastica riduzione di pesci planctivori e all'invasione della Mnemiopsis leidyi aliena. I fattori scatenanti di entrambi i cambiamenti sembrano essere stati la pesca eccessiva e il collasso degli stock di predatori pelagici avvenuto prima del 1970 e quello relativo ai dei pesci planctivori nel Negli ultimi anni, le condizioni dell'ecosistema del Mar Nero sono in qualche modo migliorate grazie all'apporto ridotto di nutrienti e alla minor presenza della Mnemniopsis invasiva. Tuttavia, il Mar Nero rappresenta un modello di adattamento piuttosto che di vera ripresa. Il sistema è caratterizzato da un'instabilità ecologica esemplificata, per esempio, da una significativa riduzione degli stock della maggior parte dei grandi pelagici. Le specie invasive, non presenti o rare nel 1960, occupano ora nicchie ecologiche cruciali. La pesca è 9

14 Unità tematica B: politiche strutturali e di coesione stata una delle forze trainanti di tali cambiamenti, ma ne è stata anche drasticamente colpita. Risulta impossibile comprendere lo stato degli stock ittici del Mar Nero senza tener conto della mutevole complessità dell'ecosistema di questo mare. Tutti questi avvenimenti hanno reso questo mare un esempio assai chiaro di quanto sia inutile gestire la pesca come se fosse isolata dai più ampi ecosistemi dinamici, dei quali gli stock ittici sono componenti importanti. La parte più consistente delle catture del Mar Nero rientra in tre gruppi: pelagici, demersali e pesci anadromi. In ognuno di questi gruppi, più del 90% del volume delle catture è costituito da diverse specie dominanti. Nel Mar Nero si pescano anche varie specie di molluschi. I pesci pelagici, soprattutto quelli di piccole dimensioni che si nutrono di plancton, sono le specie alieutiche più abbondanti nel Mar Nero. La principale specie bersaglio della pesca è l'acciuga europea (Engraulis encrasicolus) che, dal 1970, ha costantemente rappresentato più della metà del volume complessivo degli sbarchi (fino al 75% nel 1995). Lo spratto (Sprattus sprattus), il sugarello maggiore (Trachurus mediterraneus), la palamita (Sarda sarda) e il pesce serra (Pomatomus saltatrix) sono i pelagici principali in termini di valore di pesca. L'evoluzione delle catture suggerisce una ripresa parziale delle principali specie pelagiche dopo il collasso della pesca nel Le più importanti specie demersali sono il rombo chiodato (Psetta maxima), il merlano (Merlangius merlangus), lo spinarolo (Squalus acanthias), la triglia di fango e la triglia di scoglio (Mullus barbatus, M. surmuletus) e quattro specie della famiglia dei mugilidi. Le catture medie totali di queste specie demersali sono diminuite in modo evidente dopo il Le specie anadrome nel Mar Nero includono l'alosa del Mar Nero (Alosa pontica) e tre specie di storioni (Acipenser gueldenstaedtii, Acipenser stellatus e Huso huso). I pesci anadromi, in termini di volume delle catture, si trovano all'ultimo posto; tuttavia, in virtù dei consumi elevati e del loro valore economico, essi assumono un ruolo specifico nella struttura delle risorse del mare. Gli stock di pesci anadromi constano soprattutto delle popolazioni del Danubio. Le catture annuali di questa tipologia di pesci, durante gli anni compresi tra il 1996 ed il 2005 sono diminuite significativamente rispetto al periodo precedente. Il quantitativo minimo di catture è stato rilevato nell'anno 1999, e negli anni seguenti si è osservato un incremento delle quantità annuali di pescato, dovuto soprattutto alla ripresa dell'alosa del Mar Nero. Per quanto riguarda i molluschi, quelli caratterizzati dal valore commerciale più elevato sono le vongole (Chamelea gallina, Tapes spp.), il mitilo mediterraneo (Mytilus galloprovincialis) e la lipara (Rapana) Le prime due specie vengono pescate principalmente in Turchia e l'ultima in tutti i paesi del Mar Nero. Le catture di molluschi nel periodo hanno poi mostrato una crescita tendenziale. La pesca marittima rappresenta un settore economico importante per i Paesi che costeggiano il Mar Nero e la quasi totalità degli stock ittici commerciali provenienti da questo mare, viene poi ripartita tra gli Stati confinanti. Gli sbarchi totali dichiarati nel Mar Nero hanno mostrato diversi alti e bassi, dovuti principalmente alle variazioni relative alle quantità dell'acciuga europea pescata, che hanno fatto registrare un picco di tonnellate nell'anno In seguito ad una repentina diminuzione avvenuta nel periodo , le catture sono aumentate senza però attestarsi nuovamente ai livelli raggiunti alla metà degli anni Ottanta. Per quanto riguarda 10

15 La pesca nel Mar Nero le catture nazionali, la crisi di risorse che si è manifestata intorno agli anni Novanta ne ha comportato una rapida diminuzione in tutti gli Stati del Mar Nero. L'effetto combinato della crisi e del peggioramento delle condizioni economiche negli Stati dell'ex Unione Sovietica dopo il 1989 ha modificato drasticamente la pesca nel Mar Nero. La Turchia è emersa come lo Stato più importante in termini di attività di pesca, oscurando letteralmente tutti gli altri paesi sia in termini di volume che di valore delle catture (fino all'89% del volume degli sbarchi totali e fino al 91% del loro valore nel 1993). Tali eventi si riflettono anche nel drastico cambiamento in termini di importanza relativa delle flotte pescherecce degli Stati del Mar Nero. Dopo la crisi dei primi anni Novanta, la pesca in Turchia ha subito gli stessi effetti negativi della crisi di risorse che hanno interessato il Mar Nero settentrionale; tuttavia, per una serie di ragioni, la Turchia si è dimostrata più resistente. A sua volta, il crollo dell'unione Sovietica e i cambiamenti nelle relazioni internazionali, nelle politiche statali e nell'economia hanno innescato una serie di cambiamenti strutturali generali nelle attività di pesca di Bulgaria, Romania, Ucraina, Russia e Georgia. L'introduzione dell'economia di mercato, l'interruzione dei sussidi statali e il declino economico hanno indebolito la domanda. La mancanza di fondi utilizzabili per l' investimento in nuove attrezzature e per la sostituzione di quelle obsolete nei settori della cattura e della trasformazione, come pure la critica situazione in termini di risorse, hanno indebolito gravemente le flotte pescherecce di questi Paesi. Nel frattempo, gli investimenti nella flotta turca sono proseguiti e, nel 1995, la sua dominanza numerica era schiacciante (il 95% circa del numero totale dei pescherecci nel Mar Nero). Nel 2007, la Romania e la Bulgaria sono entrate nell'unione europea; la loro adesione ha comportato un'estensione della politica comune della pesca (PCP) dell'ue fino al Mar Nero. Questi paesi hanno sostanzialmente accettato e rispettato tutti i requisiti per l'adesione alla PCP e sono ora ammissibili ai finanziamenti a titolo del Fondo europeo per la pesca (FEP). La Turchia è un paese candidato all'adesione e, sebbene non possa beneficiare del sostegno diretto di tale fondo, è attualmente destinataria di progetti di gemellaggio dell'ue e dell'assistenza tecnica. Nel 2008 fu stabilito per la prima volta il totale ammissibile di catture (TAC) dell'ue per lo spratto e il rombo chiodato in acque bulgare e rumene. La gestione della pesca presenta caratteristiche estremamente eterogenee nei vari Stati del Mar Nero: alcuni applicano, per tradizione, i totali ammissibili di catture e i contingenti di navi negli Stati prima uniti nell'unione Sovietica. La Turchia, per quanto riguarda la gestione della pesca nel Mar Nero, utilizza diversi meccanismi di regolamentazione ma non predilige i TAC e le quote. Ad eccezione di alcuni accordi bilaterali, non esiste un accordo generale sulla gestione regionale degli stock ittici del Mar Nero. La cooperazione internazionale nella regione del Mar Nero si è rivelata molto efficace nel far fronte alle sfide ambientali relative a questa zona, anche nei confronti delle situazioni riguardanti altre aree. Le principali iniziative di cooperazione regionale inerenti la pesca hanno finora riguardato la ricerca nel settore, soprattutto in relazione alla documentazione sull'ecosistema ed ai cambiamenti nella pesca. Oltre al problema di analizzare i complessi cambiamenti ecosistemici, l'aspetto più critico è soprattutto la mancanza di un forum negoziale e decisionale per le misure di gestione comuni. In realtà, fino a oggi, la Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo non ha avuto un ruolo di gestione attivo nel Mar Nero. Nonostante siano state sviluppate alcune iniziative regionali riguardanti gli aspetti economici e ambientali del Mar Nero, e nonostante dall'inizio del 1990 siano in corso i negoziati per l'istituzione di una Commissione per la pesca nel Mar Nero (a fasi alterne), non esiste ancora un organismo internazionale specificamente deputato alla pesca nel Mar Nero. 11

16 Unità tematica B: politiche strutturali e di coesione La difficoltà di pervenire ad una suddivisione adeguata sia sulla base delle risorse che sulle capacità di pesca, considerando i drastici cambiamenti che le hanno interessate negli ultimi decenni, dovrà comunque essere superata; diversamente, tutte le parti subiranno gli effetti economici di una diminuzione delle risorse. Nel caso in cui gli accordi di condivisione di base continuassero a rimanere in sospeso, si rischierebbe il collasso delle risorse, e i danni economici a lungo termine che hanno già colpito l'attività di pesca nell'ambito di alcune specie, si diffonderanno su scala ancor più vasta. 12

17 La pesca nel Mar Nero 1. CONTESTO 1.1. Introduzione Il Mar Nero è un bacino di mare interno semichiuso che comunica col Mar Mediterraneo attraverso gli "stretti", ossia le vie di passaggio costituite dallo stretto del Bosforo (Istanbul), dal mare di Marmara e dallo stretto dei Dardanelli (Çanakkale), mentre a nord, comunica con il mare di Azov attraverso lo stretto di Kerč. Il Mar Nero ha la forma di un bacino ellittico che si sviluppa da est a ovest ed è situato tra la Bulgaria, la Romania, l'ucraina, la Russia, la Georgia e la Turchia (Mappa 1). L'area costiera è densamente popolata da circa 16 milioni di abitanti (Tabella 1), ai quali si aggiungono altri 4 milioni di turisti che visitano le coste durante la stagione estiva (BSERP, on line). Mappa 1: Posizione del Mar Nero Fonte: Wikipedia Tabella 1: Il litorale del Mar Nero e la popolazione costiera Stato Litorale (Km) Popolazione costiera (abitanti) Bulgaria Georgia Romania Russia Turchia Ucraina Totale Fonte: 13

18 Unità tematica B: politiche strutturali e di coesione Mappa 2: Il Mar Nero: batimetria del fondale marino Nipro Don Danubio Bosforo Fonte: NASA World Wind Il Mar Nero ha un'area di circa km 2 ed una profondità massima di m. L'ampia piattaforma continentale nordoccidentale (fino a 190 km di larghezza) costituisce il prolungamento sottomarino delle piattaforme piane della Russia, della Scizia e della Mesia, mentre la strettissima piattaforma del bacino meridionale e orientale corrisponde alle catene montuose dei Balcani, del Gran Caucaso, della Crimea meridionale e ai monti del Ponto. La barriera continentale si trova ad una profondità di m nel Mar Nero nordoccidentale e a circa -100 m verso sud ed est. Il pendio è ripido tutt'intorno al bacino e inciso da gole. La piana abissale centrale ha una profondità di m. Il Mar Nero riceve significativi apporti d'acqua dal Danubio, dal Nipro e dal Don che sono, rispettivamente, il secondo, il terzo e il quarto fiume più grande d'europa ed il suo bacino imbrifero comprende oltre 17 paesi e ospita oltre 160 milioni di persone. Tale grande apporto di acqua dai fiumi costituisce un fattore determinante per la situazione ecologica del Mar Nero, in quanto immette nel bacino enormi quantità di acqua dolce e, con essa, nutrienti e inquinanti da un terzo dell'europa continentale (Panin e Jipa, 2002). Il percorso effettuato dall'acqua dolce in entrata, che tramite la principale corrente antoraria viene trasportata lungo la costa occidentale fino al Bosforo, condiziona in maniera determinante la distribuzione della salinità sulla superficie marina (Mappa 3). Lo stretto del Bosforo (31 km di lunghezza, con una profondità minima di 35 m e una larghezza minima di 704 m, Mappe 2 e 4) è l'unico collegamento del Mar Nero all'oceano mondiale. Il Bosforo è il punto di passaggio delle acque salate provenienti dal Mediterraneo (38 ) che penetrano nel Mar Nero attraverso una corrente di fondo, come pure delle acque di superficie a basso tenore di salinità che dal Mar Nero arrivano nel Mediterraneo. Il Mar Nero mostra una stratificazione verticale del tutto insolita, con acque superficiali a basso tenore di salinità (18 circa) separate dalle acque profonde più salate (22 ). Tale stratificazione è il risultato dell'apporto combinato di acqua fluviale (in superficie) e acqua salata mediterranea (sul fondo). Il gradiente di salinità (aloclino) determina un gradiente di 14

19 La pesca nel Mar Nero densità (picnoclino), entrambi situati a una profondità di m. La stratificazione inibisce efficacemente il mescolamento verticale delle acque e provoca una permanente assenza di ossigeno (anossia) al di sotto dei 150 m circa di profondità. Oltre l'80% delle acque del Mar Nero costituiscono un ambiente anossico (noto anche come euxinico) con un elevato contenuto di acido solfidrico: tale caratteristica lo rende il più grande bacino anossico del mondo. Dal momento che le profonde acque anossiche e il fondo del mare sono virtualmente privi di vita (a eccezione dei batteri solforiduttori), la vita marina si concentra nello strato ossigenato superiore: uno strato superficiale vitale disteso su un abisso senza vita (Acherson, 2007). La piattaforma continentale si trova al di sopra del limite superiore di anossia e ospita abbondanti forme di vita bentonica. In particolare, l'ampia piattaforma nordoccidentale è la più importante area riproduttiva e di alimentazione per le specie alieutiche del Mar Nero, ma anche la più esposta all'eutrofizzazione e all'inquinamento. Mappa 3: Salinità superficiale del Mar Nero Fonte: UNEP/GRID-Arendal (2001) Mappa 4: Lo stretto del Bosforo Fonte: Wikipedia 15

20 Unità tematica B: politiche strutturali e di coesione Il livello di anossia che caratterizza le acque del fondo nel Mar Nero non si è uno sviluppato recentemente ma risale a circa anni fa. Durante le ere glaciali, il Mar Nero era un lago isolato con acque ossigenate e un bassissimo tenore di salinità (quasi acqua dolce). Alla fine dell'ultima glaciazione, l'innalzamento del livello del mare ha comportato la riconnessione del Mar Nero all'oceano mondiale: ciò, a sua volta, si è tradotto in un apporto di acque a più elevato tenore di salinità nel bacino, generando fenomeni di stratificazione e anossia. Si tratta di un modello generale della storia quaternaria del Mar Nero: una successione di periodi glaciali (caratterizzati dall'isolamento del bacino con la presenza di acqua dolce ed ossigenata) e interglaciali (nei quali si é verificata la riconnessione all'oceano mondiale seguita dalla stratificazione delle acque, che ha comportato l'aumento della salinità e lo stato di anossia delle acque del fondo) Acque giurisdizionali Nel Mar Nero, tutte le acque sono sotto la giurisdizione degli Stati costieri e non c'è alto mare (Mappa 5), a differenza del Mediterraneo dove l'alto mare copre una parte importante del bacino. Le principali forme di giurisdizione nazionale dello spazio marittimo del Mar Nero, come definite dalla convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (CNUDM) nel 1982 sono le seguenti: Acque interne (AI): le acque situate verso terra rispetto alla linea di base del mare territoriale fanno parte delle acque interne dello Stato (CNUDM, art. 8). Gli Stati esercitano la piena sovranità territoriale su tali acque, sul letto, sul sottosuolo e sullo spazio aereo sovrastante; Mare territoriale (MT): la fascia di mare adiacente al territorio e le acque interne dello Stato costiero su cui quest'ultimo esercita la piena sovranità, sia per quanto riguarda le acque superficiali sia lo spazio aereo sovrastante, il letto e il sottosuolo di questo mare. Il limite massimo del mare territoriale è di 12 miglia nautiche (CNUDM, art. 2, 3 e 4); Zona economica esclusiva (ZEE): l'area marittima oltre il mare territoriale e a quest'ultimo adiacente su cui lo Stato costiero esercita il diritto di sovranità ai fini dell'esplorazione, dello sfruttamento, della conservazione e della gestione delle risorse naturali (vive o non vive), del letto, del sottosuolo del mare e delle acque sovrastanti. La sua larghezza è pari a 200 miglia nautiche dalla linea di base retta a partire dalla quale viene misurata la larghezza del mare territoriale (CNUDM, artt. 55, 56 e 57). Tabella 2: Modalità ed estensione delle giurisdizioni statali nel Mar Nero (km 2 ) Stato AI MT ZEE Totale Bulgaria % Georgia % Romania % Russia % Turchia % Ucraina % Totale % Fonte: Modificata secondo Suárez de Vivero (2010) 16

21 La pesca nel Mar Nero Mappa 5: Giurisdizioni marittime nel Mar Nero Stati costieri dell'ue Acque interne Mare territoriale Zona economica esclusiva Fonte: Modificata secondo Suárez de Vivero (2010) Nel Mar Nero tutti gli Stati costieri (eccetto la Turchia) hanno firmato e ratificato la CNUDM 1. Nella regione del Mar Nero, due Stati sono membri dell'ue (Bulgaria e Romania) e uno è candidato all'adesione (Turchia). Il peso dell'ue nelle acque del Mar Nero si esplica nell'estensione delle acque giurisdizionali degli Stati membri. Le acque giurisdizionali di Bulgaria e Romania ammontano a circa km 2 (Tabella 2), pari al 13% del totale delle giurisdizioni marittime di questo mare. Le acque giurisdizionali della Turchia sono invece pari al 41,9% del bacino (Suárez de Vivero, 2010). Nel Mar Nero, gli Stati costieri generano nove contatti di frontiera, concordati o teorici, tra le loro giurisdizioni marittime (Mappa 5, Figura 1). La Turchia ha sottoscritto il numero maggiore di accordi: con l'ex URSS (1978, 1986 e 1987), con la Georgia (1997) e con la Bulgaria (1997). È inoltre in vigore un accordo tra la Russia e l'ucraina (2003). Figura 1: Frontiere teoriche e concordate nel Mar Nero STATI Romania Bulgaria Russia Ucraina Georgia Turchia Romania Bulgaria Russia Ucraina Georgia Turchia Frontiere concordate Frontiere teoriche Assenza di frontiere Fonte: Modificato secondo Suárez de Vivero (2010) in base ai dati della DOALOS 1 Bulgaria (15 maggio 1996), Romania (16 dicembre 1996), Federazione russa (12 marzo 1997), Ucraina (26 giugno 1999) e Georgia (21 marzo 1996), (http://www.un.org). 17

22 Unità tematica B: politiche strutturali e di coesione C'è stata una disputa territoriale sulla delimitazione della piattaforma continentale tra la Romania e l'ucraina intorno alla piccola isola del Serpenti (circa 662 metri di lunghezza e 440 di larghezza), situata a circa 21 miglia nautiche dal delta del Danubio. L'isola dei Serpenti appartenne alla Turchia (fino al 1829), alla Russia ( ), di nuovo alla Turchia ( ) e infine alla Romania ( ) fino a quando, alla fine della Seconda guerra mondiale, passò all'urss che vi costruì una base militare. Con la dissoluzione dell'urss, l'isola passò all'ucraina. La Romania sosteneva che l'isola dei Serpenti dovesse essere considerata alla luce dell'articolo 121 del CNUDM, secondo cui "[G]li scogli che non si prestano all'insediamento umano o alla vita economica autonoma non possono possedere né la zona economica esclusiva né la piattaforma continentale", ma possono generare soltanto un mare territoriale. Secondo l'ucraina, si tratta invece di un'isola e per di più abitata (nel 2006 l'insediamento è stato elevato al rango giuridico di cittadina): pertanto, oltre al mare territoriale, può generare anche altre acque territoriali. Nel 2009, la Corte internazionale di giustizia ha stabilito che l'isola dei Serpenti debba essere considerata ai sensi dell'articolo 121 della CNUDM e che, pertanto, non dev'essere tenuta in considerazione per la delimitazione della piattaforma continentale e della ZEE L'ecosistema del Mar Nero Un tempo descritto da Aristotele (IV secolo A.C.) come sano e dominato da vari predatori marini, l'ecosistema del Mar Nero è stato considerato un corpo idrico relativamente improduttivo e scarsamente diversificato fino al 1930 (Ivanov e Beverton, 1985; Daskalov et al., 2007). Tale visione originaria è cambiata, al punto che la produttività primaria stimata nel 1990 era comparabile a quella di un mare fertile, il Baltico (Balkas et al., 1990). Le aree più produttive sono quelle nordoccidentali e nordorientali (incluso il mare di Azov), grazie all'influenza degli immissari. Inoltre, il mare nel suo insieme, ha livelli di sostanze organiche disciolte più alti di quelli presenti negli oceani mondiali. La struttura ecosistemica del Mar Nero differisce da quella del vicino Mar Mediterraneo per l'inferiore varietà di specie e per la diversità dei gruppi dominanti. Tuttavia l'abbondanza, la biomassa totale e la produttività del Mar Nero sono superiori a quelle del Mediterraneo. Nel Mar Nero sono state identificate complessivamente specie (Zaitsev e Mamaev, 1997). Il macrozoobenthos del Mar Nero è costituito da circa 800 specie e la fauna ittica da 171 specie. Nel delta del Danubio vivono 320 specie di uccelli; nel Mar Nero, inoltre, si trovano 4 specie di mammiferi: la foca monaca (Monachus monachus), il tursiope (Tursiops truncatus ponticus), il delfino comune (Delphinus delphis ponticus) e la focena (Phocaena phocaena relicta) (Heileman et al., on line). La maggiore ricchezza di specie viene riscontrata nelle acque poco profondee questo fatto è attribuibile alla presenza di buone condizioni di ossigeno disciolto; con l'aumentare della profondità, infatti, la naturale riduzione dell'ossigeno determina una minore diversità. Di conseguenza, il numero di specie macrobentoniche diminuisce rapidamente con l'aumentare della profondità; al di sotto dei 120 m circa è presente solo il policheto Notomastus profundis. A partire dal 1960, il Mar Nero ha subito cambiamenti ambientali radicali. Attualmente, non c'è accordo generale tra gli scienziati circa le ragioni e le dinamiche dei cambiamenti nell'ecosistema del Mar Nero. Questi ultimi, tuttavia, possono essere meglio compresi se considerati come un'interazione complessa di diverse pressioni, le più importanti delle quali sono l'eutrofizzazione, l'introduzione di specie aliene e la pesca eccessiva (Caddy, 2008). 18

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca LA PESCA INN NEL MEDITERRANEO Ripercussioni sociali, economiche e ambientali Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA

Dettagli

Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico. Blue World Insititution

Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico. Blue World Insititution Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico Blue World Insititution Un mare allungato, semi chiuso, connesso al resto del Mediterraneo dal Canale di Otranto, largo 70 km Il ricambio dell acqua

Dettagli

La salute del Mare Nostrum

La salute del Mare Nostrum La salute del Mare Nostrum Romualdo Gianoli Contaminazione delle acque, inquinamento, degradazione degli habitat, coste sacrificate a una urbanizzazione massiccia e costante. Sono i problemi che oggi vive

Dettagli

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it Cause di alterazione delle comunità ittiche VARIAZIONE ARTIFICIALE DEI LIVELLI IDRICI Le variazioni artificiali dei livelli idrici rappresentano uno dei principali problemi a carico delle comunità ittiche

Dettagli

Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007

Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007 TRIESTE 11 Ottobre 2007 TAVOLO TECNICO-SCIENTIFICO Osservatorio Alto Adriatico Qualità delle acque dell Alto Adriatico nel 2007 Sintesi dei contributi di: Istituto CIM Rudjer Boškovi, Rovinj Croazia; Istituto

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Chi dovrebbe avere. il diritto di pescare. Una domanda dei Verdi al Parlamento europeo. Photo Jillian Pond

Chi dovrebbe avere. il diritto di pescare. Una domanda dei Verdi al Parlamento europeo. Photo Jillian Pond Chi dovrebbe avere il diritto di pescare Una domanda dei Verdi al Parlamento europeo. Photo Jillian Pond TROPPE NAVI PROFITTI RIDOTTI DISASTRO AMBIENTALE Il sovrasfruttamento degli stock ittici dell'unione

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

nessun Paese del Mediterraneo ha finora preso provvedimenti in materia di istituzione di zone economiche esclusive all'interno di questo bacino;

nessun Paese del Mediterraneo ha finora preso provvedimenti in materia di istituzione di zone economiche esclusive all'interno di questo bacino; La III e XIII Commissione, la pesca rappresenta nel bacino del Mar Adriatico e per le comunità italiane che vi si affacciano un'importante economia diretta oltre che un consistente indotto formato dal

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia La valutazione economica delle aree marine protette: aspetti di costo e di beneficio di Rosalba Rombaldoni CONVEGNO GESTIONE DELLA PESCA E

Dettagli

Le Fanerogame del Mediterraneo

Le Fanerogame del Mediterraneo Le Fanerogame del Mediterraneo In Mediterraneo sono presenti cinque specie di fanerogame marine: Cymodocea nodosa (Zosteraceae) si trova soprattutto su sedimenti fini superficiali ed in acque salmastre.

Dettagli

2.3 Risorse ittiche marine

2.3 Risorse ittiche marine 2.3 Risorse ittiche marine La politica per la pesca dell Unione Europea richiede di assicurare uno sfruttamento delle risorse acquatiche viventi realizzato in modo tale da garantire condizioni di sostenibilità

Dettagli

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

Strategia per l ambiente marino

Strategia per l ambiente marino Strategia per l ambiente marino Questo prodotto è stato realizzato dall Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) per il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Dettagli

S. ORSOLA: È ATTIVO IL CENTRO ITTIOGENICO ESCHE: IL MARSON DEL COBRA A PESCA IN GIRO PER IL MONDO SCIENZA: BARBI E TEMOLI NOSTRANI

S. ORSOLA: È ATTIVO IL CENTRO ITTIOGENICO ESCHE: IL MARSON DEL COBRA A PESCA IN GIRO PER IL MONDO SCIENZA: BARBI E TEMOLI NOSTRANI Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, NE/TN ANNO 3 N.1/2014 SPECIALE LUCCIO UNA NUOVA SPECIE: IL LUCCIO ITALICO

Dettagli

SISTEMI DI ALLEVAMENTO

SISTEMI DI ALLEVAMENTO SISTEMI DI ALLEVAMENTO IMPIANTI A TERRA (IN-SHORE) principalmente diffuso nei paesi del Mediterraneo: bacini stagni vasche IMPIANTI A MARE (OFF-SHORE) Più diffuso nel nord Europa ma in grande espansione

Dettagli

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE La Lista rossa dell Iucn é universalmente riconosciuta come il metodo più autorevole e oggettivo per analizzare il rischio di estinzione di una specie. Sebbene sia stato pensato

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 220 del 01 marzo 2011 pag. 1/5 Relazione illustrativa La presente relazione è relativa alla proposta di individuazione di due Siti di Importanza Comunitaria

Dettagli

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010 Il primo giornale online della provincia di Lecco Merateonline > Cronaca > Lecchese Scritto Giovedì 05 maggio 2011 alle 16:09 Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008.

Dettagli

www.vivereiparchi.eu Tel: (+39) 345 7796413 E-mail: vivereiparchi@gmail.com

www.vivereiparchi.eu Tel: (+39) 345 7796413 E-mail: vivereiparchi@gmail.com VITE INVISIBILI IL VIAGGIO MICROSCOPICO IN UNA GOCCIA D'ACQUA E' vero che una goccia d'acqua di lago può superare in biodiversità una intera foresta?... Le popolazioni microscopiche che colonizzano una

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

Unità tematica. Pesca. Unità tematica. Politiche strutturali e di coesione. Direzione generale Politiche interne. Ruolo. Aree tematiche.

Unità tematica. Pesca. Unità tematica. Politiche strutturali e di coesione. Direzione generale Politiche interne. Ruolo. Aree tematiche. Direzione generale Politiche interne Unità tematica Politiche strutturali e di coesione Direzione generale Politiche interne Unità tematica Politiche strutturali e di coesione B B Agricoltura e sviluppo

Dettagli

ACQUICOLTURA IN ALBANIA

ACQUICOLTURA IN ALBANIA ACQUICOLTURA IN ALBANIA L Albania è un piccolo paese dell Europa che copre un area di 28 748 km 2 ed è situato nella parte occidentale della penisola balcanica. L Albania è circondata, nella parte ad ovest

Dettagli

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.)

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) una componente biotica (esseri viventi) - (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) ECOLOGIA (Häckel 1866) Scienza

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I Bacino del fiume Tagliamento I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE ACQUE SOTTERRANEE E

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

PROGRAMMA 1 FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI

PROGRAMMA 1 FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI Franco Giovanardi (ISPRA) Francesca Pedullà (ARPACAL) Sala Conferenze Arpa Sicilia, Reale Albergo delle Povere

Dettagli

Una pesca sostenibile per il futuro del mare

Una pesca sostenibile per il futuro del mare Una pesca sostenibile per il futuro del mare Contatti : Giorgia Monti, responsabile campagna Mare, 345.5547228 giorgia.monti@greenpeace.org Serena Bianchi, ufficio stampa Greenpeace, 342.5532207 serena.bianchi@greenpeace.org

Dettagli

La politica della pesca dell Unione europea: la Commissione illustra la riforma per dare un futuro al settore della pesca nell Unione europea

La politica della pesca dell Unione europea: la Commissione illustra la riforma per dare un futuro al settore della pesca nell Unione europea La politica della pesca dell Unione europea: la Commissione illustra la riforma per dare un futuro al settore della pesca nell Unione europea "Per la pesca comunitaria è giunto il momento di scelte decisive.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA

DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA 27 ottobre 2011, n. 209 Regolamento recante istituzione di Zone di protezione ecologica del Mediterraneo nord-occidentale, del Mar Ligure e del Mar Tirreno. (11G0252)

Dettagli

Attività di progetto del Dipartimento di Biologia, Università degli Studi di Firenze

Attività di progetto del Dipartimento di Biologia, Università degli Studi di Firenze Leonardo da Vinci partnership project Innovative methods and strategies in Vocational Education and Training for efficient use of resources and environmental protection ( INOVES ) Attività di progetto

Dettagli

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE

COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE COSTI DEL DEGRADO A LIVELLO NAZIONALE 8.2 Cost of degradation 8.2.1 INFORMAZIONE UTILIZZATA Fonti di informazione I datasets su cui sono state effettuate le successive elaborazioni sono stati forniti da:

Dettagli

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE

L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO www.aiutopsicologico.it Dott. Cinzia Colombo L EQUILIBRIO DI UN ECOSISTEMA E ANCHE NELLE NOSTRE MANI : IL LAGO MAGGIORE La vita, dal punto di vista scientifico, ha avuto origine

Dettagli

SINURBIZZAZIONE UN NUOVO FENOMENO NEL MONDO DELLA FAUNA Prof. Maciej LUNIAK (Museum & Institute of Zoology Warszawa, Poland)

SINURBIZZAZIONE UN NUOVO FENOMENO NEL MONDO DELLA FAUNA Prof. Maciej LUNIAK (Museum & Institute of Zoology Warszawa, Poland) SINURBIZZAZIONE UN NUOVO FENOMENO NEL MONDO DELLA FAUNA Prof. Maciej LUNIAK (Museum & Institute of Zoology Warszawa, Poland) Per trattare l'argomento occorre una definizione precisa di tre termini, in

Dettagli

PERCHE GLI ANIMALI MIGRANO? OBIETTIVO SOPRAVVIVERE!!

PERCHE GLI ANIMALI MIGRANO? OBIETTIVO SOPRAVVIVERE!! Le migrazioni sono spostamenti che gli animali compiono in modo regolare, periodico (stagionale), lungo rotte ben precise (ed in genere ripetute), e che coprono distanze anche molto grandi, ma che, poi,

Dettagli

Il Mar Nero. La biodiversità in Europa - Regioni biogeografiche e mari. Mari attorno l'europa. - un mare povero d'ossigeno

Il Mar Nero. La biodiversità in Europa - Regioni biogeografiche e mari. Mari attorno l'europa. - un mare povero d'ossigeno Agenzia Europea per l'ambiente La biodiversità in Europa - Regioni biogeografiche e mari Mari attorno l'europa Il Mar Nero - un mare povero d'ossigeno Autori Yu.P. Zaitsev B.G. Alexandrov N.A. Berlinsky,

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche

Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche Simone Ciadamidaro Ricercatore ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS PhD in Biologia Animale Informazioni: eventienea_ispra@enea.it

Dettagli

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450 ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE A.G.C.I. PESCA Via A. Bargoni n. 78 00153 ROMA Tel. 0658328.1 CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ECOSISTEMI MARINI E PESCA ARTIGIANALE SOSTENIBILE IN MEDITERRANEO

CONSERVAZIONE DEGLI ECOSISTEMI MARINI E PESCA ARTIGIANALE SOSTENIBILE IN MEDITERRANEO Newsletter n. 1 Presentazione del progetto ECOSAFIMED Obiettivi e risultati Intervista con il direttore del progetto Eventi ECOSAFIMED 1 2 3 5 CONSERVAZIONE DEGLI ECOSISTEMI MARINI E PESCA ARTIGIANALE

Dettagli

I CETACEI E LA CRISI DEGLI OCEANI

I CETACEI E LA CRISI DEGLI OCEANI I CETACEI E LA CRISI DEGLI OCEANI Mentre le attività umane continuano a degradare gli oceani, le specie e le popolazioni di cetacei (balene, focene, delfini) sono sempre più minacciate. Il riscaldamento

Dettagli

IL BOOM DELL'ALLEVAMENTO DEL TONNO ROSSO NEL MEDITERRANEO

IL BOOM DELL'ALLEVAMENTO DEL TONNO ROSSO NEL MEDITERRANEO CAMPAGNA PESCA: NUOVO RAPPORTO DEL WWF IL BOOM DELL'ALLEVAMENTO DEL TONNO ROSSO NEL MEDITERRANEO La più grave minaccia per una specie già in pericolo Sommario: Negli ultimi anni l'allevamento del tonno

Dettagli

IT United in diversity IT. Committee on Regional Development 02/07/2015 AMENDMENTS 1-18

IT United in diversity IT. Committee on Regional Development 02/07/2015 AMENDMENTS 1-18 EUROPEAN PARLIAMENT 2014-2019 Committee on Regional Development 02/07/2015 AMENDMENTS 1-18 Ivan Jakovčić An EU strategy for the Adriatic and Ionian region PE557.188-2014/2214(INI) s created with Go to

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino

VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino VERDE & NERO: l ambiente, chi lo protegge e chi lo uccide Ancona, 5 giugno 2015 La ricerca scientifica per la salvaguardia dell ambiente marino Antonio Pusceddu Dipartimento di Scienze della Vita e dell

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Laurea magistrale in Ingegneria Civile per la protezione dai rischi naturali Tirocinio per la tesi svolto presso l agenzia Conservatoria delle Coste, Regione Sardegna Relazione di fine tirocinio Studente:

Dettagli

II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R. 25-26 FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea

II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R. 25-26 FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea II WORKSHOP ANNUALE PROGETTO V.E.C.T.O.R. 25-26 FEBBRAIO 2009 Roma, Sede Centrale Enea ANDAMENTO DELLE CATTURE DI MEDI E GRANDI PELAGICI E VARIABILITÀ DELLE TEMPERATURE SUPERFICIALI NEL TIRRENO MERIDIONALE

Dettagli

echinodermi Centrostephanus longispinus ( Filippi, 1845) regno animali fam. Diadematidae

echinodermi Centrostephanus longispinus ( Filippi, 1845) regno animali fam. Diadematidae echinodermi Centrostephanus longispinus ( Filippi, 1845) regno animali fam. Diadematidae Fonte immagine Foto R. Pronzato Questo elegante echinoderma è immediatamente riconoscibile per i lunghi e sottili

Dettagli

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12 Un Paese spaesato Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 A cura del Comitato per la Bellezza e del Centro Studi TCI I libri bianchi del Touring

Dettagli

Il prezzo del gasolio a febbraio 2011 ha raggiunto livelli simili a quelli della primavera 2008, anno in cui il sostenuto aumento del prezzo dei

Il prezzo del gasolio a febbraio 2011 ha raggiunto livelli simili a quelli della primavera 2008, anno in cui il sostenuto aumento del prezzo dei Introduzione Nei primi mesi del 2011, l incremento del costo del gasolio sui livelli del 2008 ha compromesso la profittabilità del settore peschereccio, ponendo gli operatori in una situazione di incertezza

Dettagli

INCONTRI CON IL MARE

INCONTRI CON IL MARE INCONTRI CON IL MARE Progetti didattici per le scuole 2011-2012 2012 Fondazione Cetacea Onlus Centro di Educazione Ambientale Via Torino 7/A- 47838 Riccione Tel.0541/691557-fax 0541/475830 www.fondazionecetacea.org

Dettagli

LA CONVENZIONE DI BARCELLONA

LA CONVENZIONE DI BARCELLONA LA CONVENZIONE DI BARCELLONA Introduzione: Venti paesi rivieraschi del Mediterraneo (Albania, Algeria, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Cipro, Egitto, Francia, Grecia, Israele, Italia, Jugoslavia, Libano, Libia,

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.3.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 60/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 199/2008 DEL CONSIGLIO del 25

Dettagli

La gestione dell inquinamento marino

La gestione dell inquinamento marino La gestione dell inquinamento marino Gustavo Capannelli, Claudia Cattaneo COS È L INQUINAMENTO - In natura non esiste il concetto di purezza - Il livello quantitativo oltre il quale la risorsa risulta

Dettagli

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA FONTI COMUNITARIE PRINCIPALI STRUMENTI NORMATIVI VIGENTI DI FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI PESCA Ricerca prodotta nell'ambito del progetto Promozione dei prodotti della pesca dell'area della provincia di Palermo e azioni

Dettagli

Flussi di energia negli ecosistemi

Flussi di energia negli ecosistemi Flussi di energia negli ecosistemi 2 a parte Leonardo Beccarisi Corso di Ecologia Università degli Studi di Roma Tre 18 novembre 2010 6 a lezione Sommario 1 Produttori primari nel mare Il fattore luce

Dettagli

Decreto interministeriale 6 agosto 1993. Modificazioni alle misure di tutela della riserva marina "Isole Egadi"

Decreto interministeriale 6 agosto 1993. Modificazioni alle misure di tutela della riserva marina Isole Egadi Decreto interministeriale 6 agosto 1993 Modificazioni alle misure di tutela della riserva marina "Isole Egadi" (G.U. della Repubblica Italiana n. 199 del 25 agosto 1993) Il Ministro dell'ambiente di concerto

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Alla scoperta dell Area Marina Protetta e dei suoi abitanti

Alla scoperta dell Area Marina Protetta e dei suoi abitanti Il mio Parco 4 Il Mio Parco 4 è un progetto di educazione ambientale finalizzato a stimolare gli alunni dell Istituto Comprensivo di Villasimius alla conoscenza del proprio territorio e alla sua corretta

Dettagli

UCRAINA: ASPETTO FISICO Territorio:pianeggiante o con bassi rilevi Pianura:zona orientale e meridionale = bacino idrografico del Dneper Bassopiano

UCRAINA: ASPETTO FISICO Territorio:pianeggiante o con bassi rilevi Pianura:zona orientale e meridionale = bacino idrografico del Dneper Bassopiano UCRAINA: ASPETTO FISICO Territorio:pianeggiante o con bassi rilevi Pianura:zona orientale e meridionale = bacino idrografico del Dneper Bassopiano del Dneper Alture del Dneper (basse colline) Ripiano Podolico:

Dettagli

1COS È LA BIODIVERSITÀ?

1COS È LA BIODIVERSITÀ? 1COS È LA BIODIVERSITÀ? Per diversità ecologica o biodiversità si intende la variabilità tra tutti gli organismi viventi; questa include la diversità all interno delle specie, tra le specie e degli ecosistemi

Dettagli

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Realizzato per Regione Liguria da Osservatorio Ligure Pesca

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

PATTO DELLA SCIENZA. Sostenibilità dei processi di produzione agroalimentare. La biodiversità

PATTO DELLA SCIENZA. Sostenibilità dei processi di produzione agroalimentare. La biodiversità PATTO DELLA SCIENZA Sostenibilità dei processi di produzione agroalimentare Dagli anni '60 a oggi la popolazione mondiale è cresciuta da 3 a più di 7 miliardi. Ciò ha comportato una domanda crescente di

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli

Piano di azioni prioritarie per la conservazione di cetacei e tartarughe marine in Adriatico: un approccio regionale alla conservazione

Piano di azioni prioritarie per la conservazione di cetacei e tartarughe marine in Adriatico: un approccio regionale alla conservazione Piano di azioni prioritarie per la conservazione di cetacei e tartarughe marine in Adriatico: un approccio regionale alla conservazione Network for the Conservation of Cetaceans and Sea Turtles in the

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Vili LEGISLATURA (N. 270-A) RELAZIONE DELLA 3 a COMMISSIONE PERMANENTE (AFFARI ESTERI) (RELATORE DAL FALCO) SUL DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro degli Affari Esteri di concerto

Dettagli

Il Ghiacciaio Del Calderone

Il Ghiacciaio Del Calderone Il Ghiacciaio Del Calderone DOV E SITUATO Il ghiacciaio del Calderone si trova in Abruzzo, provincia di Teramo, sul versante settentrionale del Corno Grande all'interno del massiccio del Gran Sasso d'italia,

Dettagli

RISOLUZIONE DEL PE SULLA STRATEGIA TEMATICA PER LA PROTEZIONE E CONSERVAZIONE DELL'AMBIENTE MARINO (14/11/2006)

RISOLUZIONE DEL PE SULLA STRATEGIA TEMATICA PER LA PROTEZIONE E CONSERVAZIONE DELL'AMBIENTE MARINO (14/11/2006) RISOLUZIONE DEL PE SULLA STRATEGIA TEMATICA PER LA PROTEZIONE E CONSERVAZIONE DELL'AMBIENTE MARINO (14/11/2006) Il Parlamento europeo, vista la comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento

Dettagli

Introduzione alla Biodiversità. A cura di Clara Tattoni. e presentazione di alcuni casi di studio

Introduzione alla Biodiversità. A cura di Clara Tattoni. e presentazione di alcuni casi di studio Introduzione alla Biodiversità A cura di Clara Tattoni e presentazione di alcuni casi di studio 1 Che cos'è? 1985 W.G. Rosen diversità, varietà, delle forme viventi sulla terra Diversità di una POPOLAZIONE

Dettagli

La biodiversità italiana

La biodiversità italiana Ente Nazionale Protezione Animali Ente morale - Onlus La biodiversità italiana Le ragioni della ricchezza biologica, le cause della sua riduzione A cura dell'ufficio ambiente dell'enpa 25 novembre 2005

Dettagli

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione)

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piattaforma continentale Scarpata continentale Dorsali oceaniche Fondali oceanici Fosse oceaniche Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piana abissale -6000m Piattaforma

Dettagli

ALLEGATO B3: SCHEMA RIASSUNTIVO DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI DELLA STRATEGIA PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITÁ IN SLOVENIA

ALLEGATO B3: SCHEMA RIASSUNTIVO DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI DELLA STRATEGIA PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITÁ IN SLOVENIA ALLEGATO B3: DESCRIZIONE ALLEGATO B3: SCHEMA RIASSUNTIVO DEGLI OBIETTIVI E DELLE AZIONI DELLA STRATEGIA PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITÁ IN SLOVENIA 1 Partnership: PROVINCIA DI TRIESTE (CAPOFILA

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

GAMBERO ROSSO DELLA LOUISIANA

GAMBERO ROSSO DELLA LOUISIANA ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA GAMBERO ROSSO DELLA LOUISIANA NUOVA MINACCIA PER LA BIODIVERSITÀ IN FVG tiziano scovacricchi VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ NELLE ACQUE INTERNE DEL FRIULI

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali D.M. 58/2014 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITA AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE DELLA PESCA MARITTIMA

Dettagli

Il progetto ENPI-MED MediterraneanExperienceofEco- Tourism (MEET)

Il progetto ENPI-MED MediterraneanExperienceofEco- Tourism (MEET) Il progetto ENPI-MED MediterraneanExperienceofEco- Tourism (MEET) Paolo PIGLIACELLI Project Dept. Responsible Federparchi Europarc Italy MEET_Conf. Stampa_Roma 11/03/2013 1 Il Mediterraneo L area totale

Dettagli

COMUNE DI GABICCE A MARE

COMUNE DI GABICCE A MARE GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNE DI GABICCE A MARE Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW 100 M SUD TAVOLLO 20 M NORD MISSISSIPI 20

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA. Future tendenze dei settori marittimi SVILUPPO PREVISTO STIME QUANTIFICATE

RELAZIONE SINTETICA. Future tendenze dei settori marittimi SVILUPPO PREVISTO STIME QUANTIFICATE RELAZIONE SINTETICA Nel 2007, la Commissione Europea ha adottato il Blue Book per una Integrated Maritime Policy (IMP) all interno dell Unione Europea, che mira a fornire un approccio più coerente alle

Dettagli

Corso di Studio Magistrale in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio

Corso di Studio Magistrale in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TECHNICAL UNIVERSITY OF HAMBURG-HARBURG Corso di Studio Magistrale in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE

Dettagli

ANALISI E MODELLAZIONE DI CARATTERISTICHE BIOGEOCHIMICHE ED ECOLOGICHE IN ACQUE COSTIERE DEL NORD ADRIATICO

ANALISI E MODELLAZIONE DI CARATTERISTICHE BIOGEOCHIMICHE ED ECOLOGICHE IN ACQUE COSTIERE DEL NORD ADRIATICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede Amministrativa del Dottorato di Ricerca XIX ciclo del Dottorato di Ricerca in Metodologie di Biomonitoraggio dell'alterazione Ambientale ANALISI E MODELLAZIONE DI

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

Mississippi, Danubio e Po: 3 ecosistemi fluviali a confronto

Mississippi, Danubio e Po: 3 ecosistemi fluviali a confronto Mississippi, Danubio e Po: 3 ecosistemi fluviali a confronto Parte II Stefano Bovero Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino Danubio 1 Il Danubio è un fiume dell'europa centro-orientale. Con 2.902

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Classe 1 A Liceo Nazione: Romania La Romania è un paese dell est europeo, confinante con Bulgaria, Ucraina, Ungheria e Moldavia, ma anche con il Mar Nero. La sua capitale

Dettagli

ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO

ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO A TUTTI I SOCI FIESA E FIEPET CONFESERCENTI ETICHETTATURA PRODOTTI ITTICI INDICAZIONE ZONA DI CATTURA FAO Il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, con apposit nota, ha fornito tra

Dettagli

LA RETE EUROPEA DI PISTE CICLABILI EUROVELO

LA RETE EUROPEA DI PISTE CICLABILI EUROVELO DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE INTERNE DIPARTIMENTO TEMATICO B: POLITICHE STRUTTURALI E DI COESIONE TRASPORTI E TURISMO LA RETE EUROPEA DI PISTE CICLABILI EUROVELO RELAZIONE Sintesi Oggetto del presente

Dettagli

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale.

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale. Direttiva 23 luglio 2014, n. 2014/89/Ue (Guue 28 agosto 2014 n. L 257) Capo I Disposizioni generali Articolo 1 - Oggetto 1. La presente direttiva istituisce un quadro per la pianificazione dello spazio

Dettagli

PIATTAFORMA CONTINENTALE ITALIANA

PIATTAFORMA CONTINENTALE ITALIANA PIATTAFORMA CONTINENTALE ITALIANA ITALIA - EX JUGOSLAVIA D.P.R. 22 maggio 1969 n. 830 e Legge 14 marzo 1977 n. 73 ITALIA - ALBANIA Legge 12 aprile 1995 n. 147 ITALIA GRECIA Legge 23 maggio 1980 n. 290

Dettagli

Testo informativo: «La balenottera azzurra». Lavoro collettivo realizzato dagli alunni di 4^ B con l utilizzo della LIM. Sono state lette le

Testo informativo: «La balenottera azzurra». Lavoro collettivo realizzato dagli alunni di 4^ B con l utilizzo della LIM. Sono state lette le Testo informativo: «La balenottera azzurra». Lavoro collettivo realizzato dagli alunni di 4^ B con l utilizzo della LIM. Sono state lette le informazioni a disposizione. Sono state selezionate quelle più

Dettagli

ACCIUGHE AL COLLASSO La pesca eccessiva

ACCIUGHE AL COLLASSO La pesca eccessiva ACCIUGHE AL COLLASSO La pesca eccessiva L acciuga o alice (Engraulis encrasicolus) è il pesce azzurro per eccellenza e può senza dubbio essere considerata l oro blu del nostro mare. Non a caso è anche

Dettagli

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Rosella Bertolotto (ARPAL) Andrea Pedroncini (DHI Italia) Torino,

Dettagli