RISTRUTTURAZIONI E RISPARMIO ENERGETICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISTRUTTURAZIONI E RISPARMIO ENERGETICO"

Transcript

1 T R I B U T I STEFANO SETTI RISTRUTTURAZIONI E RISPARMIO ENERGETICO GUIDA AI NUOVI BONUS FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE ACQUISTO MOBILI E GRANDI ELETTRODOMESTICI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA FOCUS

2

3 Stefano Setti Ristrutturazioni e risparmio energetico Guida ai nuovi bonus fiscali

4 Copyright Cesi Multimedia s.r.l. Via V. Colonna 7, Milano Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione dell opera, anche parziale e con qualsiasi mezzo. L elaborazione dei testi, pur se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità in capo all autore e/o all editore per eventuali involontari errori o inesattezze. ISBN prima pubblicazione agosto 2013

5 Indice 1. Bonus fiscali: le novità 1.1 Il d.l. 63/2013 e il potenziamento del previgente regime di detrazioni fiscali 2. Ristrutturazioni edilizie 2.1 Premessa 2.2 Le diverse novità 2011 per beneficiare della detrazione del 36% (che dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013 passa al 50%) 2.3 Limiti alla detrazione del 36% (aumentata al 50% nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013) 2.4 Ambito soggettivo 2.5 Interventi agevolabili 2.6 Fattura della spesa detraibile 3. Risparmio energetico 3.1 Agevolazioni fiscali per il risparmio energetico In cosa consiste tale agevolazione Chi può usufruire della detrazione fiscale Cumulabilità con altre agevolazioni Aliquota IVA applicabile alle operazioni di riqualificazione energetica Interventi agevolati Spese agevolate Adempimenti Modello di comunicazione Comunicazione di fine lavori Cesi Multimedia III

6

7 Capitolo 1 Bonus fiscali: le novità 1. Bonus fiscali: le novità 1.1 Il d.l. 63/2013 e il potenziamento del previgente regime di detrazioni fiscali Il d.l. 4 giugno 2013, n. 63 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 5 giugno 2013, n. 130) convertito con modificazioni dalla Legge n. 90 del 3 agosto 2013 (pubblicata sulla G.U. Serie Generale n.181 del 3 agosto 2013), ha prorogato i bonus fiscali per le spese sostenute per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e per gli interventi di riqualificazione energetica di edifici già esistenti. Il citato d.l. 63/2013, che recepisce la direttiva 19 maggio 2010, n. 2010/31/Ue sulla prestazione energetica degli edifici, è entrato in vigore il 6 giugno Gli obiettivi del decreto legge in esame sono: promuovere il miglioramento della prestazione energetica degli edifici; favorire lo sviluppo, la valorizzazione e l integrazione delle fonti rinnovabili negli edifici; sostenere la diversificazione energetica; promuovere la competitività dell industria nazionale attraverso lo sviluppo tecnologico; conseguire gli obiettivi nazionali in materia energetica e ambientale. In particolare, con l approvazione del d.l. 63/2013 è stato previsto un potenziamento del precedente regime di detrazioni fiscali, che dal 6 giugno 2013 è passato dal 55% per gli interventi di riqualificazione energetica di edifici già esistenti (detrazione che era precedentemente in scadenza il 30 giugno 2013) al 65%, e il suo prolungamento fino a tutto il Ulteriori 6 mesi di agevolazione per le spese sostenute fino al 30 giugno 2014 sono riconosciuti agli interventi che riguardano le parti comuni di edifici condominiali o che interessano tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio. Lo stesso decreto legge ha previsto la proroga fino al 31 dicembre 2013 della detrazione IRPEF del 50% per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e l estensione di tale detrazione anche all acquisto di mobili finalizzati all arredo dell immobile oggetto di ristrutturazione fino a euro (quindi, un bonus fiscale di euro 5.000). In sede di conversione del d.l. 4 giugno 2013, n. 63 (Legge n. 90 del 3 agosto 2013), è stata estesa la detrazione per l acquisto di mobili ai grandi elettrodomestici. Infatti, è stato previsto che anche i condizionatori in grado di fare caldo e freddo possono rientrare nel perimetro dell agevolazione fiscale. Inoltre, rientrano nel bonus ristrutturazioni del 50% anche i grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni e per le apparecchiature per le quali sia prevista l etichetta energetica, finalizzati all arredo dell immobile oggetto di ristrutturazione. Quest ultima detrazione va calcolata su un imponibile di 10mila euro che è aggiuntivo rispetto ai 96mila euro previsti per le opere di ristrutturazione immobiliari. Infine, sono stati inclusi anche gli interventi per il miglioramento antisismico, fra quelli cui si applicano le proroghe agli sgravi del 50% e del 65%. 6 giugno 2013: le nuove detrazioni riservate al risparmio energetico e alle ristrutturazioni Dalle spese effettuate a decorrere dal 6 giugno 2013, e fino al 31 dicembre 2013, tornano applicabili le seguenti percentuali di detrazione: spese di ristrutturazione e interventi antisismici: 50% su un ammontare di spesa di euro ; riqualificazione energetica: detrazione del 65% rispettando i diversi importi di spesa per singola tipologia di intervento. Nuove percentuali di detrazione Con riferimento alle spese di riqualificazione energetica sulle parti comuni condominiali (ad es. facciate, tetti, caldaie, ecc.) la detrazione tornerà applicabile fino al 30 giugno Quindi, per i condomini vi sarà più tempo. Cesi Multimedia 1

8 Capitolo 1 Bonus fiscali: le novità La detrazione del 50% sull acquisto dei mobili nonché dei grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni e per le apparecchiature per le quali sia prevista l etichetta energetica, finalizzati all arredo dell immobile oggetto di ristrutturazione, è concessa solo «ai contribuenti che fruiscono della detrazione» indicata al comma 1 dell art. 16, del d.l. 63/2013, il quale richiama l agevolazione relativa alla detrazione IRPEF sulle ristrutturazioni edilizie sostenute dal 26 giugno 2012, detraibili al 50 e non al 36% (comma 1, articolo 11, d.l. 83/2012). Quindi, la detrazione del 50% sull acquisto dei mobili dovrebbe essere concessa ai contribuenti che hanno fruito o fruiranno di questa detrazione per i pagamenti effettuati dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre Si ricorda che per beneficiare delle detrazioni in esame le spese dovranno: essere opportunamente documentate; sostenute mediante bonifico: le spese devono, in generale, essere pagate attraverso bonifico bancario o postale, in cui deve risultare la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione, la partita IVA o il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato. Tale obbligo non sussiste per i titolari di reddito d impresa per i quali rileva, anziché la data di pagamento, il momento di imputazione dei costi; essere ripartite in 10 quote annuali di pari importo, indipendentemente dall età del contribuente. Il caso Come beneficiare delle detrazioni Domanda: il contribuente (persona fisica) che ha effettuato i pagamenti con bonifico bancario, nel quale ha indicato come causale interventi di risparmio energetico (e quindi detrazione del 55%), può utilizzare, in alternativa, gli stessi pagamenti per ottenere invece la detrazione di imposta prevista per le ristrutturazioni edilizie (anche se con percentuale più bassa)? Risposta: a oggi, l Amministrazione finanziaria non ha chiarito puntualmente tale fattispecie. Ciò posto si ricorda che per beneficiare della detrazione (sia con riferimento alle ristrutturazioni sia in merito al risparmio energetico) è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale da cui risultino: causale del versamento, codice fiscale del soggetto che paga, codice fiscale o numero di partita IVA del beneficiario del pagamento. Con la ris. n. 55/E del 7 giugno 2012 l Agenzia delle Entrate, in merito alla detrazione IRPEF per gli interventi sul recupero edilizio, ha negato la possibilità di fruire dell agevolazione fiscale qualora il bonifico bancario ovvero postale sia carente dei requisiti indicati dalla legge. Ne consegue che, nel caso prospettato nel quesito, sembra non sia possibile beneficiare, in alternativa, della detrazione per ristrutturazioni edilizie, in quanto nel bonifico è stato indicato come causale interventi di risparmio energetico. Nel caso in cui il contribuente, comunque, voglia utilizzare la detrazione sulle ristrutturazioni (ancorché la causale risulti errata) potrebbe, comunque, essere sostenuta la teoria dell errore scusabile in considerazione del fatto che la ritenuta del 4% sul bonifico è stata comunque effettuata. Focus: detrazione del 50% sull acquisto dei mobili* * Sulla base delle modifiche apportate al D.L. n. 63/2013 in sede di conversione in legge rientrano anche i grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni per le apparecchiature per le quali sia prevista l etichetta energetica, finalizzati all arredo dell immobile oggetto di ristrutturazione. Ambito oggettivo Il nuovo bonus fiscale del 50% riservato all acquisto di mobili attiene alle spese documentate e sostenute per l acquisto di mobili finalizzati all arredo dell immobile oggetto di ristrutturazione, per un importo massimo complessivo non superiore a euro , da ripartire tra gli aventi diritto in 10 quote annuali di pari importo, indipendentemente dall età del contribuente. Conseguentemente il nuovo bonus annuo, dall imposta lorda, non potrà superare euro Cesi Multimedia

9 Capitolo 1 Bonus fiscali: le novità Si tratta, in sostanza, di un ulteriore detrazione Irpef del 50% cumulabile con lo sconto principale della ristrutturazione. Così come previsto dalla norma in commento, la nuova detrazione per l acquisto di mobili deve essere abbinata agli interventi di recupero edilizio per i quali si beneficia della detrazione nella misura del 50%. Fra tali interventi dovrebbero rientrare: la manutenzione straordinaria, la ristrutturazione, gli interventi per il superamento delle barriere architettoniche, la cablatura degli edifici, il contenimento dell inquinamento acustico, il risparmio energetico, la sicurezza statica e antisismica, la messa a norma degli edifici, la protezione da furti e infortuni domestici. Di converso, non dovrebbero rientrare (sul punto si veda la circolare n. 35/E/2009) i lavori che attengono a parti comuni degli edifici ovvero la manutenzione ordinaria di singole unità immobiliari ovvero la realizzazione di autorimesse o ancora posti auto pertinenziali. Al fine di potere beneficiare dell ulteriore agevolazione fiscale del 50% risulta necessario che i mobili ed i grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni per le apparecchiature per le quali sia prevista l etichetta energetica, acquistati siano finalizzati all arredamento dell immobile oggetto di ristrutturazione. Va da sé che non potranno essere agevolati i contribuenti che rinnovano unicamente l arredo, senza porre in essere interventi di ristrutturazione, ovvero che acquistano i mobili per arredare un abitazione nuova. Come scritto in precedenza, in sede di conversione in legge del D.L. n. 63/2013, è stato parzialmente riformulato il testo del comma 2 dell art. 16, che ora prevede, con lo stesso limite di spesa di euro e la medesima modalità di ripartizione del beneficio, una detrazione del 50% delle ulteriori spese documentate e sostenute dalla data di entrata in vigore del decreto per l acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni per le apparecchiature per le quali sia prevista l etichetta energetica, finalizzati all arredo dell immobile oggetto di ristrutturazione. Ambito soggettivo La nuova detrazione del 50% prevista per l acquisto di beni mobili e dei grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni per le apparecchiature per le quali sia prevista l etichetta energetica, finalizzati all arredo dell immobile oggetto di ristrutturazione, è riservata allo stesso contribuente che beneficia della detrazione per le spese di ristrutturazione. Conseguentemente, l acquisto dei mobili e dei grandi elettrodomestici (come sopra evidenziati) dovrà essere documentato da fattura intestata al medesimo soggetto che usufruisce anche del bonus fiscale sulla ristrutturazione dell immobile. Termini La disposizione normativa stabilisce che la detrazione del 50% sull acquisto dei mobili e dei grandi elettrodomestici è concessa solo «ai contribuenti che fruiscono della detrazione» indicata al comma 1 dell articolo 16, del d.l. 63/2013, il quale richiama l agevolazione relativa alla detrazione IRPEF sulle ristrutturazioni edilizie sostenute dal 26 giugno 2012, detraibili al 50% e non al 36% (comma 1, articolo 11, d.l. 83/2012). Quindi, ancorché risulti opportuna/necessaria una conferma ministeriale, sembra ragionevole ritenere che la detrazione del 50% sull acquisto dei mobili e dei grandi elettrodomestici debba essere concessa a tutti i contribuenti che hanno fruito ovvero fruiranno di questa detrazione per i pagamenti effettuati dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre Documentazione e modalità di pagamento Al fine ti potere beneficiare della detrazione per l acquisto dei mobili non è necessaria la presentazione di alcuna istanza né tantomeno risulta necessario effettuare comunicazioni preventive. Elemento indispensabile è rappresentato dal fatto che l acquisto dei mobili sia finalizzato all arredo dell immobile oggetto di intervento edilizio; inoltre, la fattura dell acquisto dei mobili dovrà essere intestata al medesimo soggetto che usufruisce della detrazione per la ristrutturazione dell immobile. Risulta opportuno precisare che l acquisto potrà essere precedente, contestuale o anche successivo (ma entro il 31 dicembre 2013) alle spese di ristrutturazione. In merito al pagamento dei mobili, l Agenzia delle Entrate, con il comunicato stampa 4 luglio 2013, ha precisato che per usufruire del bonus del 50% (per l acquisto di mobili, si ritiene che tali indicazioni valgano anche per gli elettrodomestici come sopra definiti) occorrerà attenersi alle modalità di pagamento già stabilite per gli interventi di ristrutturazione. In particolare, i contribuenti dovranno effettuare il bonifico speciale presso banche e poste indicando la causale degli interventi di ristrutturazione, nonché il codice fiscale del beneficiario della detrazione e, infine, la partita IVA o il codice fiscale del soggetto destinatario del bonifico. Cesi Multimedia 3

10 Capitolo 1 Bonus fiscali: le novità Il caso Intervento di recupero edilizio dell immobile eseguito nel novembre 2013 (che beneficia della detrazione in capo al contribuente al 50%); nel mese di novembre 2013 vengono acquistati tre armadi come arredo dell immobile oggetto di recupero edilizio per un ammontare pari a euro Al contribuente spetterà, oltre alla detrazione del 50% prevista per il recupero edilizio, anche l ulteriore detrazione del 50% su un ammontare di euro 5.000, quindi, pari a euro da ripartire in 10 quote annuali del medesimo importo (corrispondente a euro 250). Conseguentemente, in sede di UNICO 2014 (ovvero 730/2014) beneficerà di una detrazione per mobili pari a euro 250. Focus: la ritenuta d acconto sui bonifici per beneficiare dei bonus fiscali in tema di ristrutturazioni e risparmio energetico L art. 25 del d.l. 78/2010 ha stabilito che, a decorrere dal 1 luglio 2010, le banche e Poste Italiane S.p.A. sono tenute a operare una ritenuta d acconto del 10% sulle somme accreditate con bonifico alle imprese che hanno eseguito lavori di ristrutturazione edilizia o risparmio energetico. La Manovra correttiva 2011 (art. 23 del d.l. 6 luglio 2011, n. 98, pubblicato sulla G.U. n. 155 del 6 luglio 2011, convertito con modificazioni nella l. n. 111 del 15 luglio 2011) ha stabilito, con decorrenza 6 luglio 2011, la riduzione della ritenuta d acconto dal 10% al 4%. Con tale modifica, pur non cambiando l impianto normativo esistente, vengono stemperati gli effetti finanziari a carico delle piccole realtà imprenditoriali. Tale ritenuta opera a titolo d acconto dell imposta sul reddito dovuta dalle imprese che eseguono tali opere e potrà, dalle stesse, essere conteggiata come ritenuta subita in sede di liquidazione delle imposte dovute in UNICO. La Manovra correttiva ha modificato, per i bonifici effettuati a decorrere dal 6 luglio 2011, la misura della ritenuta d acconto d applicare; infatti, si è passati dal 10% al 4%. Per fare fronte all operatività della ritenuta, l Agenzia delle Entrate aveva emanato il provv. n del 30 giugno 2010, riguardante l effettuazione delle ritenute alla fonte, ai sensi dell art. 25 del d.l. 31 maggio 2010, n. 78, sui pagamenti relativi ai bonifici disposti dai contribuenti per beneficiare di oneri deducibili o per i quali spetta la detrazione d imposta. In particolare, con il provvedimento in esame l Agenzia ha individuato le tipologie di pagamento effettuate mediante bonifico bancario o postale, in relazione alle quali trova applicazione la ritenuta alla fonte, nonché gli adempimenti di certificazione e di dichiarazione a carico delle banche e delle Poste Italiane S.p.A., che devono: operare, all atto dell accreditamento delle somme, la ritenute d acconto, con obbligo di rivalsa; effettuare il relativo versamento con le modalità di cui all art. 17 del d.lgs. 9 luglio 1997, n. 241; rilasciare la certificazione delle ritenute d acconto eseguite al beneficiario stesso; indicare nella dichiarazione dei sostituti d imposta i dati concernenti i pagamenti effettuati. Di notevole importanza è stata la precisazione fornita dal provvedimento dell Agenzia delle Entrate citato, il quale ha stabilito che la ritenuta d acconto deve essere effettuata unicamente sui pagamenti relativi ai bonifici disposti per: le spese di intervento di recupero del patrimonio edilizio, ai sensi dell art. 1, l. 27 dicembre 1997, n. 449 e successive modificazioni; le spese per interventi di risparmio energetico ai sensi dei commi 344, 345, 346 e 347, art. 1, l. 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni. Infine, con tale provvedimento l Agenzia delle Entrate ha specificato gli altri adempimenti, successivi e collegati, cui sono tenuti gli operatori finanziari e più precisamente: versare la ritenuta con F24, utilizzando il codice tributo 1039, istituito con la ris. n. 65/E del 30 giugno 2010; certificare la stessa al beneficiario del bonifico, entro il 28 febbraio dell anno successivo, riportandola nella dichiarazione dei sostituti d imposta (modello 770). Ambito di applicazione della ritenuta del 4% Per quanto attiene all ambito soggettivo, come ribadito anche dal provvedimento dell Agenzia delle Entrate, l adempimento 4 Cesi Multimedia

11 Capitolo 1 Bonus fiscali: le novità riguarda esclusivamente i pagamenti effettuati tramite banche o Poste Italiane S.p.A. Pertanto, ove un contribuente decida di effettuare un operazione in contanti, se da una parte lo stesso perde il diritto a beneficiare della detrazione, ad esempio quella relativa alle agevolazioni fiscali riservate alle ristrutturazioni, dall altra il beneficiario del pagamento non subisce alcuna ritenuta. Riguardo all ambito oggettivo, l obbligo di effettuare la ritenuta di acconto nella misura del 4% (per i bonifici effettuati a decorrere dal 6 luglio 2011; prima di tale data, la ritenuta era pari al 10%) riguarda esclusivamente i pagamenti effettuati dai contribuenti tramite bonifico bancario per «beneficiare di oneri deducibili o per i quali spetta la detrazione di imposta». A tale riguardo, il provvedimento dell Agenzia delle Entrate, richiamato precedentemente, ha stabilito che la ritenuta va applicata unicamente sui bonifici riferiti: alle spese di intervento di recupero del patrimonio edilizio, ai sensi dell art. 1, l. 27 dicembre 1997, n. 449 e successive modificazioni; alle spese per interventi di risparmio energetico ai sensi dei commi 344, 345, 346 e 347, art. 1, l. 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni. Gli adempimenti delle Banche e delle Poste Italiane SpA Risulta opportuno ricordare che, al fine di potere beneficiare delle detrazioni fiscali per il risparmio energetico ovvero ristrutturazioni, il contribuente deve effettuare il versamento delle suddette spese detraibili tramite bonifici bancari o postali che contengano: il codice fiscale del soggetto che paga (beneficiario dell agevolazione); il codice fiscale o numero di partita IVA del beneficiario del pagamento (destinatario del bonifico); la causale del versamento, con gli estremi della legge di riferimento: Legge n. 449/1997 per le ristrutturazioni edilizie e Legge n. 296/2006 per il risparmio energetico. Sono esclusi da tali modalità di pagamento gli oneri di urbanizzazione, le imposte di bollo, le ritenute fiscali sugli onorari dei professionisti e i diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni e le denunce di inizio lavori, che non possono essere pagate tramite bonifico. Secondo quanto disposto dal provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 30 giugno 2010, le banche e le Poste Italiane S.p.A., dopo avere operato la ritenuta, devono effettuare il versamento della stessa con le modalità di cui all art. 17 del d.lgs. n. 241/1997, tramite F24, e utilizzando il codice tributo 1039, a tal fine istituito con la ris. 30 giugno 2010, n. 65/E. I succitati operatori finanziari sono tenuti, inoltre, a certificare al beneficiario, entro i termini previsti dal c. 6-quater, art. 4, del d.p.r. 322/1998, l ammontare delle somme erogate e delle ritenute effettuate. Infine, banche e Poste devono anche indicare nella dichiarazione dei sostituti d imposta di cui al c. 1, art. 4, dello stesso decreto, i dati relativi al beneficiario nonché le somme accreditate e le ritenute effettuate. I sostituti d imposta che non eseguono tali adempimenti sono assoggettati a sanzioni amministrative, variabili dal 120 al 240% dell ammontare delle ritenute non versate, di cui al d.lgs. 18 dicembre 1997, n. 471, e penali, di cui all art. 10-bis della l. 10 marzo 2000, n. 74 (che dispone la reclusione da sei mesi a due anni a chiunque non versi entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione annuale di sostituto di imposta ritenute risultanti dalla certificazione rilasciata ai sostituiti) per un ammontare superiore a euro per ciascun periodo d imposta. Il corretto calcolo della ritenuta d acconto Le Poste Italiane S.p.A. e le banche, nel momento in cui sarà effettuato l accredito dei bonifici (riferiti alle detrazioni spettanti per il risparmio energetico e le ristrutturazioni) dovranno trattenere il 4% ai beneficiari. Il 4%, come specificato dalla circ. dell Agenzia delle Entrate 28 luglio 2010, n. 40/E (che era intervenuta a chiarire le modalità di applicazione della ritenuta quando la stessa era pari al 10%), deve essere conteggiato sull imponibile e non sull intero importo dell incasso. I chiarimenti forniti dalla circolare dell Agenzia delle Entrate del 28 luglio 2010, n. 40/E (dal 6 luglio 2011, ritenuta pari al 4%) Come deve essere computata la base imponibile sulla quale calcolare la ritenuta d acconto del 4%? Allo scopo di effettuare in modo corretto l applicazione della ritenuta d acconto, risulta opportuno individuare in modo puntuale la base imponibile sulla quale operare la ritenuta. A tale riguardo è opportuno rilevare come i pagamenti eseguiti mediante bo- Cesi Multimedia 5

12 Capitolo 1 Bonus fiscali: le novità nifico da parte di chi ha disposto i lavori sono comprensivi dell IVA; si fa presente che l aliquota applicata può variare a seconda del tipo di spesa che si va a pagare. A puro titolo esemplificativo, l aliquota IVA è pari al 10% per i lavori di ristrutturazione su immobili abitativi, così come su i c.d. beni significativi forniti dall impresa, quali infissi, sanitari, ascensore, eccetera; tale aliquota IVA passa invece al 21% nel caso di interventi di riqualificazione energetica su edifici diversi da quelli abitativi. Risulta evidente come la base di calcolo (base imponibile) su cui operare la ritenuta non deve comprendere l IVA, proprio in virtù del principio di neutralità dell imposta (infatti, in caso contrario si avrebbe una doppia tassazione ). Dal momento che chi effettua la ritenuta del 4% non può sapere né quale è l ammontare dell IVA compresa nell importo del bonifico, né quale è l aliquota applicata di volta in volta, per esigenze di semplificazione e di economicità e per evitare possibili errori, l Agenzia delle Entrate con la circ. n. 40/E ha chiarito che dall importo del bonifico va scorporata l IVA del 21% (l aliquota IVA ordinaria dal 17 settembre 2011 è passata dal 20% al 21%) e su questa base va operata la ritenuta d acconto del 4%. Come ci si deve comportare nel caso in cui sia stata effettuata un altra ritenuta d acconto? Se le prestazioni, per cui tornano applicabili le agevolazioni fiscali in commento, sono assoggettate ad altri tipi di ritenuta d acconto, dovrà essere applicata solo la nuova ritenuta d acconto del 4%, considerando il carattere speciale della disciplina dell art. 25, d.l. n. 78/2010. Con la circ. n. 40/E, l Agenzia delle Entrate ha fatto l esempio delle prestazioni relative a contratti d appalto di opere o servizi, effettuate nei confronti di condomini, alle quali si applica solo la ritenuta del 4%, nel caso in cui le spese siano agevolate dalle detrazioni fiscali in commento, e non anche quella ordinaria del 4% (art. 25-ter, d.p.r. 29 settembre 1973, n. 600). Solo in tale modo sarà possibile evitare un doppio prelievo alla fonte sullo stesso corrispettivo. Tale interpretazione vale anche nei casi in cui i professionisti fatturino prestazioni detraibili al 36% (percentuale aumentata al 50% nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013) a ditte individuali o a società di persone, per le quali non è più applicabile l ordinaria ritenuta d acconto del 20%. A tal riguardo sarebbe opportuno che i committenti comunichino, al prestatore/all'impresa che esegue i lavori, che hanno intenzione di usufruire delle agevolazioni fiscali del 36% (percentuale aumentata al 50% nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013) o del 55% (percentuale aumentata al 65% nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013); tutto ciò allo scopo di consentire al prestatore/all'impresa di emettere fattura senza evidenza della ritenuta d acconto. La ris. n. 47/E del 5 luglio 2013 ha precisato che la ritenuta sui bonifici non va operata nel caso in cui i prestatori rientrino nel nuovo regime dei minimi. Più nel dettaglio è stato stabilito che «[ ] i contribuenti che rientrano nel [ ] regime di vantaggio e che risultano essere destinatari delle somme trasferite mediante i bonifici in argomento, provvisti delle specifiche causali, non devono essere assoggettati alla ritenuta d acconto prevista dall art. 25 del citato decreto legge n. 78 del 2010, laddove abbiano rilasciato la prevista dichiarazione alla banca o all ufficio postale presso il quale risultano correntisti». Esempi Di seguito, alcuni esempi di calcolo della ritenuta (per i bonifici effettuati prima del 6 luglio 2011, quindi, con l applicazione della ritenuta nella misura del 10%) per lavori di ristrutturazione edile, eseguiti su abitazione, pari a euro, oltre IVA pari al 10% (1.000 euro). Trattamento fiscale fino al 30 giugno 2010 Imponibile IVA 10% Totale fattura Compenso totale di competenza dell impresa edile euro euro euro euro Trattamento fiscale a decorrere dal 1º luglio 2010 fino al 5 luglio 2011 Imponibile euro IVA 10% euro Totale fattura euro Ritenuta del 10% sul bonifico effettuato eseguita da banche 916,66 euro e da Poste Italiane S.p.A Formula di calcolo: 10% * (11.000/1,2) = euro 916,66 (somma che si ottiene scorporando dall importo 6 Cesi Multimedia

13 Capitolo 1 Bonus fiscali: le novità Totale incassato dall impresa che ha eseguito i lavori complessivo fatturato l IVA a forfait del 20%, così come chiarito dalla circ. n. 40/E/2010) ,33 euro Trattamento fiscale per i bonifici effettuati a decorrere dal 6 luglio 2011 al 16 settembre 2011 Imponibile euro IVA 10% euro Totale fattura euro Ritenuta del 4% sul bonifico effettuato eseguita da banche e 366,66 euro da Poste Italiane S.p.A. Formula di calcolo: 4% * (11.000/1,2) = euro 366,66 (somma che si ottiene scorporando dall importo complessivo fatturato l IVA a forfait del 20%; infatti, fino al 16 settembre 2011 l aliquota IVA ordinaria era pari al 20%) Totale incassato dall impresa che ha eseguito i lavori ,33 euro (quindi, a decorrere dal 6 luglio 2011 l impresa si vedrà accreditato un importo superiore rispetto a quanto avveniva fino a tale data!) Tale ritenuta opera a titolo d acconto dell imposta sul reddito dovuta dalle imprese che eseguono tali opere e potrà, dalle stesse, essere conteggiata come ritenuta subita in sede di liquidazione delle imposte dovute in UNICO. Trattamento fiscale per i bonifici effettuati a decorrere dal 17 settembre 2011 (da tale data l aliquota IVA ordinaria è passata al 21%; tale informazione serve al fine del corretto calcolo della ritenuta del 4% con il metodo dello scorporo) Imponibile euro IVA 10% euro Totale fattura euro Ritenuta del 4% sul bonifico effettuato eseguita da banche e da Poste Italiane S.p.A. Totale incassato dall impresa che ha eseguito i lavori 363,64 euro Formula di calcolo: 4% * (11.000/1,21) = euro 363,64 (somma che si ottiene scorporando dall importo complessivo fatturato l IVA a forfait del 21%) ,36 euro Cesi Multimedia 7

14 Capitolo 1 Bonus fiscali: le novità 8 Cesi Multimedia

15 Capitolo 2 Ristrutturazioni edilizie 2. Ristrutturazioni edilizie 2.1 Premessa Si ricorda che il decreto salva Italia (d.l. 201/2011, pubblicato sulla G.U. 6 dicembre 2011, convertito in legge 22 dicembre 2011, n. 214) ha stabilito che la detrazione IRPEF del 36% prevista per le ristrutturazioni, dal 1 gennaio 2012 diventa strutturale: quindi, non vi sarà bisogno delle consuete proroghe a cui gli operatori, periodicamente, sono abituati. Più nel dettaglio, l art. 4 del d.l. 201/2011 rubricato «Detrazioni per interventi di ristrutturazione, di efficientamento energetico e per spese conseguenti a calamità naturali» a fare data dal 1 gennaio 2012, ha inserito le nuove norme direttamente nel TUIR e più nel dettaglio all interno dell art. 16-bis. Inoltre, si fa presente che la Manovra Monti è intervenuta anche chiarendo un incertezza che era nata con l ultima legge di stabilità (d.l. 138/2011, convertito, con modificazioni, dalla legge 148/2011), e più in particolare in merito alla possibilità di trasferire, in presenza di cessione dell immobile sul quale erano stati effettuati interventi di recupero, le quote agevolative non ancora fruite 1. Sul punto è stato chiarito che, in tale ipotesi, vi è l automatico trasferimento delle quote non ancora pienamente godute, salvo che nel rogito notarile non vi sia un diverso accordo fra le parti 2. Si ritiene che tale disposizione torni applicabile sia ai trasferimenti a titolo oneroso (compravendita), sia a quelli a titolo gratuito (donazioni) 3. Di conseguenza, all interno degli atti stipulati dal 1 gennaio 2012, le quote agevolative non ancora godute rappresenteranno una componente sicuramente rilevante ai fini della fissazione del prezzo di vendita e sarà fondamentale specificare nel rogito l eventuale diverso accordo fra le parti. Le principali novità in tema di detrazione IRPEF del 36% (dal 26 giugno 2012 e fino al 31 dicembre 2013 pari al 50%) La detrazione IRPEF del 36% (aumentata al 50% dal periodo 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013) a decorrere dal 1 gennaio 2012 diventa strutturale. A partire dal 26 giugno 2012 (entrata in vigore del d.l. 83/2013 convertito con modifiche dalla legge n. 134 del 7 agosto 2012) e fino al 31 dicembre 2013 (a seguito delle novità apportate dal d.l. 63/2013) la detrazione fiscale prevista per gli interventi di ristrutturazione edilizia passa dal previgente 36% (percentuale valida fino al 25 giugno 2012) al 50% (ciò è quanto stabilito dall art. 11 del d.l. 83/2012 e dal d.l. 63/2013). Inoltre, dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013 è stata anche incrementata la soglia massima di spesa passando dai previgenti euro (soglia valida fino al 25 giugno 2012) a euro Ne consegue che i contribuenti potranno detrarre, per le spese di ristrutturazione (per meglio dire: spese di manutenzione straordinaria, restauro, risanamento e ristrutturazione di Agevolazione immobili residenziali nonché manutenzioni ordinarie di parti comuni condominiali) un importo massimo di euro (50% di euro ). L Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 13/E del 9 maggio 2013, ha chiarito che il contribuente che fino al 25 giugno 2012 ha sostenuto spese per euro e che, per interventi sullo stesso immobile, ha speso altri euro nel periodo dal 26 giugno al 31 dicembre 2012, può decidere di avvalersi della detrazione del 50% delle spese sostenute dal 26 giugno in poi, in luogo della detrazione del 36% delle spese effettuate fino al 25 giugno Infatti, come noto, con la manovra di fine estate era stato previsto che in caso di alienazione del bene immobile sui cui fossero stati effettuati interventi di recupero edilizio, l ammontare delle detrazioni non ancora beneficiate dal dante causa potessero essere cedute, unitamente al bene, all acquirente persona fisica o continuare a essere usufruite dallo stesso. 2 Di fatto è stata confermata la facoltà, mediante l utilizzo della locuzione «[ ] salvo diverso accordo delle parti [ ]». 3 Chiarimento dell Agenzia delle Entrate fornito in sede di videoconferenza di ItaliaOggi, nel Cesi Multimedia 9

16 Capitolo 2 Ristrutturazioni edilizie Salvo diversi interventi del legislatore, dal 1 gennaio 2014, la detrazione sarà di nuovo del 36%, per un ammontare massimo di euro per unità immobiliare. La detrazione va ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Tabella riepilogativa Spese sostenute fino al 25 giugno 2012 Spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013 Spese sostenute dal 1 gennaio 2014 Detrazione del 36% su un limite massimo di spesa di euro Detrazione del 50% su un limite massimo di spesa di euro Detrazione del 36% su un limite massimo di spesa di euro Spese agevolabili Decorrenza L art. 16-bis del TUIR, introdotto dall art. 4, comma 1, lett. c), contiene la disciplina della detrazione IRPEF del 36% (aumentata al 50% dal periodo 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013) per gli interventi di ristrutturazione edilizia. Sono comprese nell agevolazione anche altre tipologie di intervento: le attività necessarie alla ricostruzione o al ripristino dell immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, purché sia stato dichiarato lo stato di emergenza; la manutenzione ordinaria e straordinaria, il restauro e il risanamento conservativo, la ristrutturazione edilizia sulle parti comuni di un edificio residenziale. Le parti comuni sono: suolo su cui sorge l edificio, fondazioni, muri maestri, tetti e lastrici solari, scale, portoni d ingresso, vestiboli, anditi, portici, cortili, parti necessarie all uso comune, locali per la portineria e per l alloggio del portiere, ascensori, pozzi, cisterne, fognature, ecc...; la realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, anche a proprietà comune; l eliminazione delle barriere architettoniche, aventi a oggetto ascensori e montacarichi; la realizzazione di strumenti adatti a favorire la mobilità interna ed esterna all abitazione, per le persone portatrici di handicap in situazioni di gravità; l adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi; la realizzazione di opere finalizzate alla cablatura degli edifici, al contenimento dell inquinamento acustico; la realizzazione di opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici con particolare riguardo alle fonti rinnovabili (ad es. fotovoltaico); l adozione di misure antisismiche; la bonifica dall amianto; l esecuzione di opere volte a evitare gli infortuni domestici. Le disposizioni introdotte dalla Manovra Monti si rendono applicabili a decorrere dal 1 gennaio per le spese effettuate dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013 la detrazione spetta nella misura del 50%. Trasferimento Possibilità di trasferire in capo all acquirente e passaggio in capo all erede se lo stesso conserva la detenzione materiale e diretta dell unità immobiliare. 10 Cesi Multimedia

17 Capitolo 2 Ristrutturazioni edilizie 2.2 Le diverse novità 2011 per beneficiare della detrazione del 36% (che dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013 passa al 50%) Si ricorda che il d.l. 13 maggio 2011, n. 70, pubblicato in G.U. 13 maggio 2011, n. 110 (c.d. Decreto sviluppo, in vigore dal 14 maggio 2011) ha apportato delle semplificazioni operative allo scopo di poter beneficiare, ai fini delle ristrutturazioni edilizie, della detrazione IRPEF del 36% (aumentata al 50% nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013) e più precisamente: a fare data dal 14 maggio 2011, il Decreto sviluppo ha abrogato il comma 19 dell art. 1, legge 244/2007. Con l abrogazione di tale comma è venuto meno anche per l agevolazione IRPEF del 36%, aumentata al 50% dal periodo 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013 (infatti, per beneficiare dell aliquota IVA ridotta del 10% non sussisteva più tale obbligo già a decorrere dal 1 gennaio 2008) l obbligo di distinta indicazione nella fattura del costo della manodopera impiegata per l esecuzione degli interventi agevolati; l art. 1, c. 1, lett. a), d.m. 41/1998, a fare data dal 14 maggio 2011, sostituendo la precedente formulazione, stabilisce che al fine di beneficiare dell agevolazione fiscale IRPEF del 36%, aumentata al 50% dal periodo 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013 il contribuente dovrà «indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell immobile e se i lavori sono effettuati dal detentore, gli estremi di registrazione dell atto che ne costituisce titolo e gli altri dati richiesti ai fini del controllo della detrazione e a conservare ed esibire a richiesta degli uffici i documenti che saranno indicati in apposito Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate». In base a quanto sopra, si evince, al fine di potere beneficiare della detrazione IRPEF del 36% (aumentata al 50% dal periodo 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013), viene meno l obbligo di preventivo invio della Comunicazione di inizio lavori all Agenzia delle Entrate Centro Operativo di Pescara. Il soggetto che vorrà fruire della detrazione fiscale del 36% (aumentata al 50% dal periodo 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013) dovrà indicare nella dichiarazione dei redditi relativa all anno d imposta in cui si sono effettuati i lavori (a puro titolo esemplificativo: UNICO 2013 ovvero 730/2013 per l anno d imposta 2012), le seguenti informazioni: dati catastali dell immobile oggetto degli interventi; estremi di registrazione dell atto (comodato in forma scritta o contratto di locazione), nel caso in cui i lavori siano eseguiti non dal possessore dell immobile ma dal detentore (comodatario ovvero locatario); gli altri dati richiesti ai fini del controllo della detrazione. Devono, infine, essere conservati ed esibiti, a richiesta degli Uffici, i documenti che sono stati indicati all interno del provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 2 novembre Più precisamente (oltre alla comunicazione all Asl, fatture e ricevute comprovanti le spese sostenute, ricevute dei bonifici di pagamento), il contribuente dovrà essere in possesso: della domanda di accatastamento (se l immobile non è ancora censito); delle ricevute di pagamento dell ICI (dal 1 gennaio 2012 IMU), se dovuta; della delibera assembleare di approvazione dell esecuzione dei lavori, per gli interventi su parti comuni di edifici residenziali, e tabella millesimale di ripartizione delle spese; della dichiarazione di consenso del possessore dell immobile all esecuzione dei lavori, per gli interventi effettuati dal detentore dell immobile, se diverso dai familiari conviventi; delle abilitazioni amministrative richieste dalla vigente legislazione edilizia in relazione alla tipologia di lavori da realizzare (concessioni, autorizzazioni, ecc...) o, se la normativa non prevede alcun titolo abilitativo, della dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà in cui indicare la data di inizio dei lavori e attestare che gli interventi realizzati rientrano tra quelli agevolabili. 2.3 Limiti alla detrazione del 36% (aumentata al 50% nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013) Anche a decorrere dal 1 gennaio 2012, la detrazione compete per le spese sostenute nell anno, in applicazione del c.d. principio di cassa. Si fa presente che la detrazione in questione spetta fino al limite massimo di spesa di euro da suddividere in dieci anni. Così come stabilito dal d.l. 83/2012 e dal d.l. 63/2013, a decorrere dal 26 giugno 2012 e fino al 31 dicembre 2013 la detrazione fiscale prevista per gli interventi di ristrutturazione edilizia passa dal previgente 36% (percentuale valida fino al 25 giugno 2012) al Cesi Multimedia 11

18 Capitolo 2 Ristrutturazioni edilizie 50%. Inoltre, è stata anche incrementata la soglia massima di spesa passando dai previgenti euro (soglia valida fino al 25 giugno 2012) a euro Ne consegue che i contribuenti potranno detrarre, per le spese di ristrutturazione (per meglio dire: spese di manutenzione straordinaria, restauro, risanamento e ristrutturazione di immobili residenziali nonché manutenzioni ordinarie di parti comuni condominiali) un importo massimo di euro (50% di euro ). Focus: la ripartizione della detrazione fiscale Il decreto salva Italia ha eliminato, a decorrere dal 1 gennaio 2012, la norma che consentiva ai contribuenti di età non inferiore a 75 e 80 anni di ripartire la detrazione rispettivamente in 5 e 3 rate annuali. Si ritiene, quindi, che fino al 31 dicembre 2011 per i contribuenti, proprietari o titolari di un diritto reale sull immobile oggetto dell intervento edilizio - di età non inferiore a 75 e a 80 anni - la detrazione fiscale del 36% (aumentata al 50% nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013), anziché essere frazionata in dieci quote annuali, può essere ripartita, rispettivamente, in cinque e tre quote annuali costanti di pari importo. 2.4 Ambito soggettivo La detrazione fiscale è un agevolazione che opera sull imposta anziché (come per le deduzioni) sul reddito imponibile. Dopo che sul reddito imponibile (quello su cui vengono applicate le aliquote percentuali delle imposte sui redditi) è stata calcolata l imposta, da tale imposta vengono detratte le somme che costituiscono una detrazione. Queste somme possono essere previste dal fisco (detrazioni per carichi familiari, per categorie di lavoro) o possono essere applicate dal contribuente, qualora si tratti di spese sostenute per cui il fisco conceda questo tipo di agevolazione (spese detraibili). Ciò premesso, considerato che quella prevista per le spese di ristrutturazione è una detrazione IRPEF, i soggetti che possono fruire di tale agevolazione fiscale sono quelli assoggettati all imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), residenti o meno nel territorio dello Stato. Possono beneficiare dell agevolazione non solo i proprietari degli immobili ma anche tutti coloro che sono titolari di diritti reali sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese; in sostanza i soggetti di seguito indicati: il proprietario o il nudo proprietario dell immobile; il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie); il locatario (vale a dire chi prende in locazione l immobile); il comodatario (chi riceve in uso gratuito l immobile); i soci di cooperative a proprietà divisa o indivisa; gli imprenditori individuali, anche in forma di impresa familiare, limitatamente agli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o fra i beni merce ; i soci di società semplici, di s.n.c. o di s.a.s., purché sussistano le medesime condizioni previste per gli imprenditori individuali; il familiare convivente del possessore o detentore dell immobile oggetto dell intervento, purché sostenga le spese e le fatture e i bonifici siano a lui intestati e purché la condizione di convivente o comodatario sussista al momento dell invio della comunicazione di inizio lavori. Il caso Domanda: può essere utilizzabile per la detrazione fiscale l importo lavori fatturato a nome di una persona fisica (per es. marito), pagato dal conto corrente di un altra persona fisica (per es. moglie) con bonifico bancario, dove vengono indicati come titolari della detrazione entrambe le persone? Risposta: la risposta è affermativa. Più nel dettaglio, si fa presente che, come chiarito dalla circolare dell Agenzia delle Entrate n. 20/E del 13 maggio 2011 (punto 2), in caso di non coincidenza tra soggetto intestatario delle fatture e relativi bonifici ovvero più soggetti beneficiari della detrazione non risultanti dai bonifici e/o fatture, è possibile fruire dell agevolazione qualora gli interessati provvedano a integrare le fatture con l indicazione della spesa effettivamente sostenuta da ciascun soggetto. 12 Cesi Multimedia

19 Capitolo 2 Ristrutturazioni edilizie 2.5 Interventi agevolabili Si ricorda che la detrazione IRPEF riguarda le spese sostenute per eseguire gli interventi di manutenzione straordinaria, le opere di restauro e risanamento conservativo e i lavori di ristrutturazione edilizia per i singoli appartamenti e per gli immobili condominiali. Gli interventi di manutenzione ordinaria sono ammessi all agevolazione solo se riguardano determinate parti comuni di edifici residenziali. Fra le spese per le quali compete la detrazione rientrano: interventi di recupero edilizio di cui alle lett. a), b), c), e d) dell art. 3, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380, vale a dire manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, realizzati sulle parti comuni di edifici residenziali di cui all art. 1117, c.c.; interventi di recupero edilizio di cui alle lett. b), c) e d) dell art. 3, d.p.r. 380/2001, vale a dire manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, realizzati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurale, e sulle loro pertinenze; interventi finalizzati alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, anche di proprietà comune; interventi finalizzati all eliminazione delle barriere architettoniche aventi a oggetto ascensori, montacarichi, e alla realizzazione di ogni strumento che, utilizzando la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo tecnologicamente avanzato, sia idoneo a favorire la mobilità interna ed esterna all abitazione per i portatori di handicap in situazione di gravità, ai sensi dell art. 3, comma 3, legge 5 febbraio 1992, n. 104; interventi per l adozione di misure finalizzate a prevedere il rischio di compimento di illeciti da parte di terzi; opere finalizzate alla cablatura di edifici e al contenimento dell inquinamento acustico; opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici, con particolare riguardo all installazione di impianti basati sull impiego delle fonti rinnovabili di energia. Le predette opere possono essere realizzate anche in assenza di opere edilizie propriamente dette, acquisendo idonea documentazione attestante il conseguimento di risparmi energetici in applicazione della normativa vigente in materia. La detrazione per tale intervento si applica alle spese effettuate a decorrere dal 1 gennaio 2013; interventi finalizzati all adozione di misure antisismiche, con particolare riguardo all esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica, in particolare sulle parti strutturali, per la redazione della documentazione obbligatoria comprovante la sicurezza statica del patrimonio edilizio, nonché per la realizzazione degli interventi necessari al rilascio della suddetta documentazione. Gli interventi relativi all adozione di misure antisismiche e all esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica devono essere realizzati sulle parti strutturali degli edifici o complessi di edifici collegati strutturalmente e comprendere interi edifici e, ove riguardino centri storici, devono essere eseguiti sulla base di progetti unitari e non su singole unità immobiliari; interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza; interventi di bonifica dall amianto e di esecuzione di opere volte ad evitare gli infortuni domestici. La Manovra Monti ha confermato che tra le spese detraibili possono essere ricomprese anche quelle di progettazione nonché per le prestazioni professionali connesse all esecuzione delle opere edilizie e alla messa a norma degli edifici. Inoltre, è stata confermata anche la detrazione IRPEF prevista per l acquisto di immobili ristrutturati il cui beneficio fiscale si applica nel caso di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia riguardanti interi fabbricati eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedono alla successiva alienazione o assegnazione dell immobile entro 6 mesi dal termine dei lavori. In tali ipotesi, la detrazione IRPEF del 36% (aumentata al 50% nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013) dovrà essere calcolata su un ammontare forfetario pari al 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell immobile, risultante dall atto di acquisto o di assegnazione. L ammontare su cui calcolare la detrazione, da ripartire in dieci quote annuali costanti, non può comunque superare l importo massimo di euro (importo aumentato a euro nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013). Non rientrano, invece, fra le spese che danno diritto alla detrazione: gli interessi passivi pagati per mutui, anticipazioni o scoperti di c/c, stipulati per sostenere le spese di recupero edilizio; i costi di trasloco o di custodia in magazzino dei mobili per il periodo di esecuzione dei lavori di ristrutturazione. Cesi Multimedia 13

20 Capitolo 2 Ristrutturazioni edilizie 2.6 Fattura della spesa detraibile La detrazione fiscale del 36% (aumentata al 50% nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013), per i lavori fatturati fino al 14 maggio 2011, tornava applicabile solo nel caso in cui il costo della relativa manodopera fosse stato evidenziato in fattura. A decorrere dal 14 maggio 2011, tale modalità non è più richiesta. Focus: regime IVA delle ristrutturazioni Si ricorda che, dopo numerose proroghe, l art. 2, c. 11, l. 23 dicembre 2009, n. 191 (c.d. Finanziaria 2010) ha stabilito, a regime con effetto dal 2010, l aliquota IVA ridotta del 10% per le prestazioni di servizi relativi alla manutenzione ordinaria e straordinaria realizzati su immobili a prevalente destinazione abitativa privata. Definizione Fabbricati a prevalente destinazione abitativa (circ. min. 7 aprile 2000, n. 71/E): a) singole unità immobiliari di categoria catastale da A1 ad A11, a prescindere dal loro utilizzo a esclusione della categoria A10 (uffici) e anche nel caso in cui la singola unità immobiliare sia parte di un edificio non a prevalente destinazione abitativa; b) interi fabbricati a prevalente destinazione abitativa, per i quali l agevolazione si applica agli interventi eseguiti sulle parti comuni. Il Ministero delle Finanze ha precisato (circ. 29 dicembre 1999, n. 247/E) che rientrano nell agevolazione gli immobili con più del 50% della superficie dei piani sopra terra destinata ad abitazione privata, senza però che debba sussistere l altra condizione richiesta dalla l. 2 luglio 1949, n. 408 (c.d. legge Tupini); vale a dire che la superficie destinata a negozi non ecceda il 25% della superficie dei piani sopra terra; c) edifici di edilizia residenziale pubblica connotati dalla prevalente destinazione abitativa e individuati dalla circ. 9 luglio 1999, n. 151/E; d) edifici assimilati alle case di abitazione non di lusso ai sensi della l. 19 luglio 1961, n. 659, a condizione che costituiscano stabile residenza di collettività (orfanatrofi, ospizi, conventi, ecc..., ma non scuole, caserme, ospedali, ecc..., in quanto privi del carattere di stabile residenza); e) pertinenze di immobili abitativi, così come intese ai sensi dell art. 817, c.c., anche nel caso in cui gli interventi abbiano a oggetto la sola pertinenza di unità a uso abitativo e nell ulteriore ipotesi in cui detta unità abitativa sia situata in un edificio non a prevalente destinazione abitativa. L aliquota IVA ridotta spetta anche quando gli interventi riguardano le case di abitazione di lusso, così come definite dal d.m. 2 agosto 1969, mentre restano esclusi i fabbricati destinati a utilizzazioni pubbliche. A tale riguardo si precisa che, per le sole manutenzioni straordinarie effettuate su edifici di edilizia residenziale pubblica, è già prevista, a regime, l aliquota del 10% (Tabella A, parte III, allegata al d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633, n. 127-duodecies). Distinzione tra manutenzione ordinaria e straordinaria Per manutenzione ordinaria si deve intendere quel tipo di intervento caratterizzato dal mantenimento degli elementi di finitura e degli impianti tecnologici, con opere sostanzialmente di riparazione dell esistente; riguarda le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie a integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti (l. 5 agosto 1978, n. 457, art. 31, lett. a)). Sulla base di quanto sostenuto dal Ministero delle Finanze nella circ. 24 febbraio 1998, n. 57/E, rientrano in tale categoria di intervento (a puro titolo esemplificativo): il rifacimento o la riparazione degli impianti elettrici, idrici, termici, fognanti, del gas o antincendio; la sostituzione dei pavimenti, dei rivestimenti e dei sanitari; l impermeabilizzazione delle coperture e la tinteggiatura esterna senza mutamenti di colore; la pitturazione di pareti, il rifacimento o la riparazione di intonaci; le prestazioni di manutenzione obbligatoria previste per gli impianti elevatori e per quelli di riscaldamento, consistenti in verifiche periodiche e nel ripristino della funzionalità in caso di guasti. Invece, nella manutenzione straordinaria rientrano le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, e le opere e le modifiche per realizzare e integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni d uso (l. 457/1978, art. 31, lett. b)). Si tratta, sostanzialmente, di interventi che corrispondono al criterio dell innovazione nel rispetto dell immobile esistente. Sulla base di quanto contenuto all interno della circ. min. n. 57/E/1998, rientrano in questa categoria di intervento (a puro titolo esemplificativo): il rifacimento o la riparazione del regolato del tetto o della copertura; la sostituzione del tavolato e delle travi in legno del tetto; la sostituzione dei singoli macchinari; 14 Cesi Multimedia

DETRAZIONE SUL RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO

DETRAZIONE SUL RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PUNTO FISCALE DI FINE ANNO: OPPORTUNITA, CRITICITA E RIFLESSIONI DETRAZIONE SUL RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO Walter Cerioli 18 dicembre 2013 Sala Orlando

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI DEL 50% INCENTIVI FISCALI

DETRAZIONI FISCALI DEL 50% INCENTIVI FISCALI INCENTIVI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF DEL 50% IN COSA CONSISTE? Limitatamente al settore della climatizzazione, l agevolazione consiste nel riconoscimento

Dettagli

STUDIO DINAMI Dottori Commercialisti

STUDIO DINAMI Dottori Commercialisti Circolare di Studio n.2 del 2015 PROROGA DELLE DETRAZIONI FISCALI: RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA E ACQUISTO MOBILI L articolo 1 comma 47 della Legge del 23 dicembre 2014 n.190 (Legge di Stabilità 2015) ha

Dettagli

Ristrutturazioni edilizie

Ristrutturazioni edilizie Ristrutturazioni edilizie Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia può fruire della detrazione d imposta Irpef pari al 36%. Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre

Dettagli

Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I

Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I Autore: Dott. P. Pirone La detrazione ai fini IRPEF Le spese sostenute per la ristrutturazione di immobili possono essere portare in detrazione dall

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2012

NOTA OPERATIVA N. 7/2012 NOTA OPERATIVA N. 7/2012 OGGETTO: ristrutturazioni edilizie, detrazioni 36-50% - Introduzione I lavori di ristrutturazione edilizia consentono alle persone fisiche di beneficiare, ormai da molti anni,

Dettagli

La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201)

La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201) La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201) Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE 1 - Premessa 2 - Detrazione IRPEF del 36% per interventi di recupero edilizio - Messa a regime dal 2012 2.1

Dettagli

del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE

del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE Circolare n. 24 del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE 1 Premessa... 2 2 Detrazione IRPEF per interventi di recupero

Dettagli

Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO

Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO Relatori: Bazzarello Antonella: Dottore Commercialista e revisore contabile

Dettagli

Novità Fiscali della Legge 90/2013 di conversione del DL 63 del 4/6/2013 e altre novità

Novità Fiscali della Legge 90/2013 di conversione del DL 63 del 4/6/2013 e altre novità CIRCOLARE agosto 2013: Novità Fiscali della Legge 90/2013 di conversione del DL 63 del 4/6/2013 e altre novità La legge n. 90 del 3/8/2013 di conversione del DL n. 63 del 4 giugno 2013 ha introdotto alcune

Dettagli

Informativa n. 24 INDICE. del 20 giugno 2013

Informativa n. 24 INDICE. del 20 giugno 2013 Informativa n. 24 del 20 giugno 2013 Novità in materia di detrazioni per gli interventi di recupero edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici (DL 4.6.2013 n. 63) INDICE 1 Premessa... 3 2

Dettagli

Tassazione Immobili e attività all estero dopo le istruzioni dell Agenzia delle Entrate

Tassazione Immobili e attività all estero dopo le istruzioni dell Agenzia delle Entrate Torino, Giovedì 20 settembre 2012 Tassazione Immobili e attività all estero dopo le istruzioni dell Agenzia delle Entrate Ristrutturazioni edilizie Luca Asvisio 1 Intro La detrazione IRPEF connessa agli

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

DETRAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE DETRAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE Per effetto del DL 201/2011 la detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie diventa una detrazione a regime (permanente). LA MISURA DELLA DETRAZIONE

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE. a cura di Paola Martina

AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE. a cura di Paola Martina AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE a cura di Paola Martina RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 1 co, 87 Legge di stabilità 2014 D.L. 4 giugno 2013 n. 63, convertito, con modifiche, dalla L. 3

Dettagli

Attenzione La detrazione spetta anche per l acquisto di immobili ristrutturati da imprese di costruzione o ristrutturazione o da cooperative.

Attenzione La detrazione spetta anche per l acquisto di immobili ristrutturati da imprese di costruzione o ristrutturazione o da cooperative. BENEFICI FISCALI RISTRUTTURAZIONI 2014 Scheda Informativa Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia può fruire della detrazione d imposta Irpef pari al 36%. Per le spese sostenute dal

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000)

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000) Pag.1 RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000) Chi può richiederla? Elenchiamo di seguito i soggetti che hanno la possibilità di richiedere la detrazione fiscale

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli

semplificazione ed attuazione

semplificazione ed attuazione ANNA GIACOMONI mercoledì, giovedì, 18 26 settembre giugno 2014 2013 6 mesi dopo il decreto del fare: bilancio, G i o r n a ta d e l D e c r e to del fare semplificazione ed attuazione RIFLESSI FISCALI

Dettagli

Soggetto interessato. Intestazione documento di spesa

Soggetto interessato. Intestazione documento di spesa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 03.12.2015 Bonus ristrutturazione: detrazione fiscale delle spese Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% La detrazione fiscale delle

Dettagli

INFORMATIVA N. 14/2013

INFORMATIVA N. 14/2013 STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 10.9.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

Il bonus arredi per il 2015

Il bonus arredi per il 2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 132 23.04.2015 Il bonus arredi per il 2015 Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% Come noto la Legge di Stabilità 2015 ha prorogato fino

Dettagli

Per l installazione o sostituzione dell impianto di climatizzazione

Per l installazione o sostituzione dell impianto di climatizzazione Per l installazione o sostituzione dell impianto di climatizzazione PRIMA DI INIZIARE Il presente documento vuole essere un aiuto per tutti i Clienti Daikin Italy, siano essi professionisti del settore

Dettagli

Documenti delle Commissioni di Studio

Documenti delle Commissioni di Studio Documenti delle Commissioni di Studio GIUGNO 4, 2013 ANNO 1, NUMERO 4 Segnalazioni Novità Prassi Interpretative COMMISSIONE FISCALITA Edilizia: Proroga delle detrazioni sulle ristrutturazioni e per gli

Dettagli

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 CIRCOLARE n. 40/E Direzione Centrale Normativa Alle Direzioni regionali e provincial Roma, 28 luglio 2010 OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge

Dettagli

interventi di ristrutturazione edilizia miglioramento delle prestazioni energetiche Bonus mobili - Contributi

interventi di ristrutturazione edilizia miglioramento delle prestazioni energetiche Bonus mobili - Contributi Sui criteri applicativi delle agevolazioni fiscali su interventi di ristrutturazione edilizia ed interventi finalizzati al miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici. Bonus mobili - Contributi

Dettagli

dal 1 gennaio 2014, la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare.

dal 1 gennaio 2014, la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare. Dal 1 gennaio 2012, la detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie non ha più scadenza. L agevolazione, introdotta fin dal 1998 e prorogata più volte, è stata resa permanente dal decreto legge n.

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Oggetto: Proroga delle detrazioni per le spese di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica Con il D.L. 4 giugno 2013, n. 63,

Dettagli

INCENTIVI FISCALI Detrazioni 36%

INCENTIVI FISCALI Detrazioni 36% INCENTIVI FISCALI Detrazioni 36% Air Conditioning IN COSA CONSISTE? L agevolazione consiste nel riconoscimento di detrazioni d imposta d nella misura del 36 % delle spese sostenute entro il 2010 per: l

Dettagli

DETRAZIONE SUL RISPARMIO ENERGETICO

DETRAZIONE SUL RISPARMIO ENERGETICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PUNTO FISCALE DI FINE ANNO: OPPORTUNITA, CRITICITA E RIFLESSIONI DETRAZIONE SUL RISPARMIO ENERGETICO Walter Cerioli 18 dicembre 2013 Sala Orlando Corso

Dettagli

Pesaro, 22 Novembre 2013 Relazione del Dott. Giorgio De Rosa Dottore Commercialista Revisore Legale

Pesaro, 22 Novembre 2013 Relazione del Dott. Giorgio De Rosa Dottore Commercialista Revisore Legale Pesaro, 22 Novembre 2013 Relazione del Dott. Giorgio De Rosa Dottore Commercialista Revisore Legale DETRAZIONE IRPEF PER RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE È il bonus tradizionalmente noto come detrazione IRPEF

Dettagli

La ristrutturazione edilizia

La ristrutturazione edilizia La ristrutturazione edilizia Le novità 2014 sulle detrazioni CASA DOLCE CASA È UN PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DI Le detrazioni per la ristrutturazione Ristrutturando il proprio immobile, o parti

Dettagli

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 293 07. 09. 2012 I bonus per l edilizia: alcuni casi pratici Il maggiore sconto è attualmente previsto fino a giugno 2013 Categoria: Irpef Sottocategoria:

Dettagli

Ristrutturazioni edilizie: detrazione in aumento al 50%

Ristrutturazioni edilizie: detrazione in aumento al 50% Ristrutturazioni edilizie: detrazione in aumento al 50% di Sabatino Ungaro LA NOVITA` Per le spese documentate relative agli interventi di ristrutturazione edilizia, sostenute a partire dal 26 giugno 2012

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 5 del 10 gennaio 2006

STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 5 del 10 gennaio 2006 STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 5 del 10 gennaio 2006 LA DETRAZIONE PER GLI INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO SALE AL 41% Riferimenti: Art. 1, Legge n. 449/97 Art. 1, comma 121, Legge

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb.it Pag.

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb.it Pag. Informativa - ONB Novità in materia di detrazioni per gli interventi di recupero edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici (DL 4.6.2013 n. 63 conv. L. 3.8.2013 n. 90) INDICE 1 Premessa...

Dettagli

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 23/06/2015 1 Soggetti Circolare 10 giugno 2004, n. 24/E Nel caso

Dettagli

La manovra governativa antielusione AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

La manovra governativa antielusione AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE 1 AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE Normativa - Art. 35, comma 19 D.L. 223/2006 - Art. 35, comma 20 D.L. 223/2006 - Art. 35, comma

Dettagli

Ristrutturazione: immobili interessati

Ristrutturazione: immobili interessati Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 348 17.12.2013 Ristrutturazione: immobili interessati Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% Gli interventi, oggetto dell agevolazione

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SULL AGEVOLAZIONE FISCALE DEL 36% - 50% - 65% AI FINI IRPEF.

SCHEDA INFORMATIVA SULL AGEVOLAZIONE FISCALE DEL 36% - 50% - 65% AI FINI IRPEF. STUDIO TECNICO Geom. INCORVAIA Marco Corso Francia n. 226, 10146 Torino Tel. 011.6995090 e-mail studioincorvaiamarco@libero.it P.I. 07938050015 C.F. NCR MRC 76P02 F335H N.7754 Albo Professionale del Collegio

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Recupero edilizio: ampliato il raggio d azione dell agevolazione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di Gennaio 2015 Santa Lucia di Piave, lì 19 gennaio 2015 Oggetto: Finanziaria 2015 NOVITA E CONFERME PER IL 65% ( RISPARMIO ENERGETICO ) E 50 %( RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ) Con la Finanziaria

Dettagli

FAQ dell Agenzia delle Entrate disponibili sul sito Internet www.agenziaentrate.gov.it ed aggiornate al mese di gennaio 2015

FAQ dell Agenzia delle Entrate disponibili sul sito Internet www.agenziaentrate.gov.it ed aggiornate al mese di gennaio 2015 FAQ dell Agenzia delle Entrate disponibili sul sito Internet www.agenziaentrate.gov.it ed aggiornate al mese di gennaio 2015 BONUS RISTRUTTURAZIONI Si può usufruire della detrazione per i lavori di ristrutturazione

Dettagli

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Direzione Regionale del Piemonte Ufficio Fiscalità Generale Torino, 29/01/2003 Prot. n. 03/5727 OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Premessa È necessario

Dettagli

Detrazioni delle spese per interventi di recupero del patrimonio. edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici

Detrazioni delle spese per interventi di recupero del patrimonio. edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici Detrazioni delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici RIFERIMENTI: Art. 1, commi da 344 a 349, l. n. 296 del 2006, in materia di risparmio

Dettagli

Ristrutturazione: la documentazione delle spese

Ristrutturazione: la documentazione delle spese Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 40 17.11.2014 Ristrutturazione: la documentazione delle spese Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% Come noto per fruire della

Dettagli

INFORMATIVA N. 19/2013. Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate -

INFORMATIVA N. 19/2013. Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate - STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 25.9.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

Milano, 6 luglio 2010. A tutti i Clienti, Loro sedi

Milano, 6 luglio 2010. A tutti i Clienti, Loro sedi !!" " # " " # # # Milano, 6 luglio 2010 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 19/2010: Bonifici relativi alle spese per interventi di recupero edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI 50% (ex 36%). RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

DETRAZIONI FISCALI 50% (ex 36%). RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE DETRAZIONI FISCALI 50% (ex 36%). RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione

Dettagli

INDICE. Sezione Prima - NOZIONI GENERALI. Sezione Seconda - INTERVENTI AGEVOLABILI

INDICE. Sezione Prima - NOZIONI GENERALI. Sezione Seconda - INTERVENTI AGEVOLABILI INDICE Premessa... pag. 9 Novità alla disciplina intervenute nel 2011...» 9 Struttura del testo...» 11 Sezione Prima - NOZIONI GENERALI Immobili interessati... pag. 14 Immobili residenziali...» 15 Parti

Dettagli

BONUS FISCALE 50% RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE E IMPIANTI ELETTRICI

BONUS FISCALE 50% RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE E IMPIANTI ELETTRICI BONUS FISCALE 50% RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE E IMPIANTI ELETTRICI Con il decreto sviluppo 1 approvato dal Governo nel mese di giugno 2012, il bonus fiscale previsto in generale dalla legge 2 per le ristrutturazioni

Dettagli

SOMMARIO N O R M A T I V A... 3. Legge del 27/12/1997, n. 449 art. 1 (in vigore dal 01/01/1998 al 31/12/1999)...3

SOMMARIO N O R M A T I V A... 3. Legge del 27/12/1997, n. 449 art. 1 (in vigore dal 01/01/1998 al 31/12/1999)...3 INTERVENTI PER IL RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO (Indice cronologico della normativa e prassi con cenni alle modifiche o novità) SOMMARIO N O R M A T I V A... 3 Legge del 27/12/1997, n. 449 art. 1 (in

Dettagli

L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2

L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2 L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2 Con il Decreto 147 del 26 giugno 2012 convertito in legge ad agosto, sono cambiate le regole inerenti la detrazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 74/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 agosto 2015 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Condominio minimo - Detrazione spese per interventi edilizi - art. 16-bis

Dettagli

Circolare N.146 del 7 novembre 2011

Circolare N.146 del 7 novembre 2011 Circolare N.146 del 7 novembre 2011 Detrazione del 36% sugli interventi di recupero edilizio. I documenti da conservare per i controlli e le verifiche Detrazione del 36% sugli interventi di recupero edilizio:

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per la tua casa. Quarto video

Le agevolazioni fiscali per la tua casa. Quarto video Quarto video 1 Nel primo video abbiamo parlato di: Le agevolazioni fiscali per la tua casa 1. introduzione alle agevolazioni fiscali; 2. in cosa consiste 3. chi può usufruirne, 4. cumulabilità con altre

Dettagli

Recupera il. grazie al bonus fiscale

Recupera il. grazie al bonus fiscale WWW.PREZZIPORTEBLINDATE.IT Recupera il grazie al bonus fiscale Fino al SU PORTE BLINDATE, INFISSI E CASSEFORTI Fino al 31 Dicembre 2015 Agevolazioni fiscali Per lavori di ristrutturazione 50% Innalzamento

Dettagli

La lente sul fisco. Agevolazione del 36% per le spese di recupero edilizio e del 55% per le spese di riqualificazione energetica Ultime novità

La lente sul fisco. Agevolazione del 36% per le spese di recupero edilizio e del 55% per le spese di riqualificazione energetica Ultime novità La lente sul fisco L Aggiornamento Professionale on-line Guida Operativa Agevolazione del 36% per le spese di recupero edilizio e del 55% per le spese di riqualificazione energetica Ultime novità (AGGIORNATA

Dettagli

Le detrazioni per gli interventi sugli immobili. A cura dell Ufficio Tributario dell Unione Provinciale Artigiani di Padova

Le detrazioni per gli interventi sugli immobili. A cura dell Ufficio Tributario dell Unione Provinciale Artigiani di Padova Le detrazioni per gli interventi sugli immobili A cura dell Ufficio Tributario dell Unione Provinciale Artigiani di Padova Le tipologie di detrazioni 50% recupero del patrimonio edilizio (art. 16-bis DPR

Dettagli

Prot. 173/2013. Milano, 30-09-2013. Circolare n. 94/2013. AREA: Circolari, Fiscale

Prot. 173/2013. Milano, 30-09-2013. Circolare n. 94/2013. AREA: Circolari, Fiscale Prot. 173/2013 Milano, 30-09-2013 Circolare n. 94/2013 AREA: Circolari, Fiscale Interventi di efficienza energetica, di ristrutturazione edilizia - Acquisto di mobili: Detrazione Circolare dell Agenzia

Dettagli

Circolare N. 19 del 5 Febbraio 2015

Circolare N. 19 del 5 Febbraio 2015 Circolare N. 19 del 5 Febbraio 2015 Soppressa dal 2015 la comunicazione IRE per gli interventi di riqualificazione energetica a cavallo d anno Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie Dott.ssa Elisa Salvadeo energetico e ristrutturazioni edilizie 1 La circolare ministeriale 13/E del 09.05.2013 ha fornito

Dettagli

Bonus arredi e ristrutturazione edilizia

Bonus arredi e ristrutturazione edilizia 1 Ottobre 2009 Bonus arredi e ristrutturazione edilizia Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità abitative ha diritto

Dettagli

L energia per uscire dalla crisi:

L energia per uscire dalla crisi: L energia per uscire dalla crisi: La riqualificazione e l efficienza energetica: obiettivi ambientali e obblighi di legge le opportunità per la riqualificazione energetica degli edifici Claudio Degano

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per la tua casa. In questo terzo video ti spiegherò i primi cinque punti del beneficio fiscale 50%

Le agevolazioni fiscali per la tua casa. In questo terzo video ti spiegherò i primi cinque punti del beneficio fiscale 50% In questo terzo video ti spiegherò i primi cinque punti del beneficio fiscale 50% 1 Introduzione alle agevolazioni In cosa consiste Chi può usufruirne Cumulabilità con altre agevolazioni Aliquota IVA applicabile

Dettagli

La detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione e per il risparmio energetico. Palmanova (UD) - 12 Novembre 2010 dott. Alessandro Bergamaschi

La detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione e per il risparmio energetico. Palmanova (UD) - 12 Novembre 2010 dott. Alessandro Bergamaschi La detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione e per il risparmio energetico Palmanova (UD) - 12 Novembre 2010 dott. Alessandro Bergamaschi Le spese di ristrutturazione Normativa di riferimento Art.

Dettagli

Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e del Decreto Attuativo del 7 aprile 2008

Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e del Decreto Attuativo del 7 aprile 2008 Pagina 1 di 5 L OPUSCOLO HA CARATTERE PURAMENTE INFORMATIVO, POTREBBE CONTENERE ERRORI O ESSERE MANCANTE DI EVENTUALI AGGIORNAMENTI. Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e

Dettagli

Detrazione del 36% sugli interventi di recupero edilizio

Detrazione del 36% sugli interventi di recupero edilizio COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro - Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it

Dettagli

LA PROROGA DELLE DETRAZIONI PER LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA E PER LE SPESE FINALIZZATE AL RISPARMIO ENERGETICO

LA PROROGA DELLE DETRAZIONI PER LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA E PER LE SPESE FINALIZZATE AL RISPARMIO ENERGETICO LA PROROGA DELLE DETRAZIONI PER LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA E PER LE SPESE FINALIZZATE AL RISPARMIO ENERGETICO Nel decreto legge n. 63 del 4 giugno 2013 oltre alla proroga delle agevolazioni anche

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per la tua casa

Le agevolazioni fiscali per la tua casa In questo primo video ti spiegherò i primi cinque punti del beneficio fiscale 50% 1 50% che è esattamente la percentuale che puoi recuperare dall imposta sul reddito della spesa che andrai a sostenere

Dettagli

CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI

CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI Legge n. 13 del 09/01/1989 e circolare ministeriale Ministero dei Lavori Pubblici n. 1669 del 22/06/1989 La Legge n. 13

Dettagli

36%. Chiarimenti ministeriali.

36%. Chiarimenti ministeriali. SERVIZIO INFORMATIVO ANGAISA 36%. Chiarimenti ministeriali. Circolare Agenzia Entrate n. 24 del 10.06.2004 Circolare Ministerale - Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa e Contenzioso - 10

Dettagli

PROROGHE: PAGAMENTI IMPOSTE MOD. UNICO 2013 e DETRAZIONI FISCALI 50% E 55%

PROROGHE: PAGAMENTI IMPOSTE MOD. UNICO 2013 e DETRAZIONI FISCALI 50% E 55% Circolare informativa n. 07/2013 (disponibile anche sul sito www.guidi-partner.it) A tutti i clienti LORO SEDI PROROGHE: PAGAMENTI IMPOSTE MOD. UNICO 2013 e DETRAZIONI FISCALI 50% E 55% 1) PROROGA VERSAMENTI

Dettagli

Circolare N.54 del 28 Marzo 2013. Impianti fotovoltaici agevolati al 50 % fino al 30.06.2013

Circolare N.54 del 28 Marzo 2013. Impianti fotovoltaici agevolati al 50 % fino al 30.06.2013 Circolare N.54 del 28 Marzo 2013 Impianti fotovoltaici agevolati al 50 % fino al 30.06.2013 Impianti fotovoltaici agevolati al 50% fino al prossimo 30.06.2013 Gentile cliente con la presente intendiamo

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14)

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) Pagina 2 di 6 - Documento sulle anticipazioni Edizione 01.2014 Valore Pensione

Dettagli

Interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica degli immobili: le regole per bonus e detrazioni fiscali.

Interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica degli immobili: le regole per bonus e detrazioni fiscali. Interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica degli immobili: le regole per bonus e detrazioni fiscali Antonio Piccolo Milano, 19 marzo 2015 AGEVOLAZIONI FISCALI Ristrutturazioni Edilizie

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2016 I quesiti più frequenti aggiornamento marzo 2016 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 118/E

RISOLUZIONE N. 118/E RISOLUZIONE N. 118/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Spese sostenute per la redazione di un atto di vincolo unilaterale - Art. 16-bis del TUIR - Istanza

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INTERVENTO AL CORSO DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PER PROGETTISTI E COSTRUTTORI N. 01/07-FIRENZE 12APRILE 2007

LINEE GUIDA PER L INTERVENTO AL CORSO DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PER PROGETTISTI E COSTRUTTORI N. 01/07-FIRENZE 12APRILE 2007 STUDIO ANDREA GIUSEPPE BUSNELLI ragioniere commercialista Via Montebello, 24-20121 Milano Tel. 02/62690524 - Fax 02/62690532 E-mail: abusne@tin.it LINEE GUIDA PER L INTERVENTO AL CORSO DI AGGIORNAMENTO

Dettagli

Comunicazioni e documenti da conservare

Comunicazioni e documenti da conservare I chiarimenti dell Agenzia in materia di detrazione delle spese per recupero edilizio/risparmio energetico (circolare n. 19/2012 Agenzia delle Entrate) Con la circolare n. 19/E del 01.06.2012 l Agenzia

Dettagli

COSA C E e COME SCEGLIERLI

COSA C E e COME SCEGLIERLI DETRAZIONI FISCALI ed INCENTIVAZIONI per RISTRUTTURAZIONI e RIQUALIFICAZIONI: COSA C E e COME SCEGLIERLI DETRAZIONI FISCALI Si dividono in due tipologie: - detrazioni del 65% spettanti per interventi di

Dettagli

Davide Bonori Unione Installazione Impianti CNA Bologna 07/11/2012. Ciclo di incontri LA SFIDA DELL EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI

Davide Bonori Unione Installazione Impianti CNA Bologna 07/11/2012. Ciclo di incontri LA SFIDA DELL EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Progetto 20-20-20 Traguardo Condomini Con il contributo di: Sponsor dell iniziativa: Ciclo di incontri LA SFIDA DELL EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Bologna, 5 novembre 2012 Davide Bonori Unione

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa all offerta pubblica di adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita

Dettagli

Torino, lì 5 luglio 2010. Circolare n. 13/2010

Torino, lì 5 luglio 2010. Circolare n. 13/2010 Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 5 luglio 2010 Circolare n. 13/2010 OGGETTO: Bonifici relativi alle spese per

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI GLI INTERVENTI AGEVOLATI

DETRAZIONI FISCALI GLI INTERVENTI AGEVOLATI DETRAZIONI FISCALI Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia può fruire della detrazione d imposta Irpef pari al 36%. Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014 (termine

Dettagli

Previdenza Attiva. Documento sulle anticipazioni. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo pensione Tariffa: PIP 15-07/2015

Previdenza Attiva. Documento sulle anticipazioni. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo pensione Tariffa: PIP 15-07/2015 BG Previdenza Attiva Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo pensione Tariffa: PIP 15-07/2015 Documento sulle anticipazioni Il presente documento costituisce parte integrante della

Dettagli

DETRAZIONI 36%: il limite di 48.000 è per le unità abitative e sue pertinenze unitariamente considerate

DETRAZIONI 36%: il limite di 48.000 è per le unità abitative e sue pertinenze unitariamente considerate DETRAZIONI 36%: il limite di 48.000 è per le unità abitative e sue pertinenze unitariamente considerate a cura Federico Gavioli L Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 181 del 29 aprile 2008 è nuovamente

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI: RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE E RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI: RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE E RISPARMIO ENERGETICO S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 4 del 22/02/2012

Dettagli

agevolazioni-fiscali.txt SICUREZZA: AGEVOLAZIONI PER AZIENDE E PRIVATI

agevolazioni-fiscali.txt SICUREZZA: AGEVOLAZIONI PER AZIENDE E PRIVATI SICUREZZA: AGEVOLAZIONI PER AZIENDE E PRIVATI Agevolazioni fiscali a favore delle piccole e medie imprese (DETRAZIONE D IMPOSTA DI 3000 EURO) La legge finanziaria 2008 n.244 all articolo 1 (commi dal 228

Dettagli

INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE

INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE : INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE Riferimenti: Art. 1, commi da 344 a 347, Finanziaria 2007 Art. 1, comma 48, Finanziaria 2011 La detrazione d imposta

Dettagli

Recupero edilizio, risparmio energetico, bonus arredi: Novità della Legge di Stabilità 2014

Recupero edilizio, risparmio energetico, bonus arredi: Novità della Legge di Stabilità 2014 COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno /12/C - 50019 Osmannoro Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it Informativa

Dettagli

IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI

IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI INFORMATIVA N. 149 07 GIUGNO 2013 IMPOSTE DIRETTE IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI Art. 1, comma 48, Legge n. 220/2010

Dettagli

Circolare per la clientela di studio

Circolare per la clientela di studio Circolare per la clientela di studio del 12.06.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: NOVITA IN TEMA DI DETRAZIONE 36% - 50% Gentile Cliente, La presente per informarla che lo scorso 31 maggio 2013,

Dettagli

GUIDA 50% alla detrazione fiscale del. per la ristrutturazione degli edifici

GUIDA 50% alla detrazione fiscale del. per la ristrutturazione degli edifici GUIDA alla detrazione fiscale del 50% per la ristrutturazione degli edifici CLASSE A srl V. Mazzini, 17 Noceto (PR) P.IVA 02718150341 tel. 0521.627904 www.classearl.com SOMMARIO 1. LA DETRAZIONE FISCALE

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO TESEO

FONDO PENSIONE APERTO TESEO FONDO PENSIONE APERTO TESEO istituito dalla Società Reale Mutua di Assicurazioni (Gruppo Reale Mutua) iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 17 Documento sulle anticipazioni (redatto ai sensi del

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI SU CAMINETTI E STUFE

DETRAZIONI FISCALI SU CAMINETTI E STUFE DETRAZIONI FISCALI SU CAMINETTI E STUFE Periodo in cui sono sostenute le spese Fino al 25/06/2012 Dal 26/06/2012 al 31/12/2012 Dal 01/01/2013 al 30/06/2013 Dal 01/07/2013 Opere finalizzate al risparmio

Dettagli

L energia per uscire dalla crisi:

L energia per uscire dalla crisi: L energia per uscire dalla crisi: La riqualificazione e l efficienza energetica: obiettivi ambientali e obblighi di legge le opportunità per la riqualificazione energetica degli edifici Claudio Degano

Dettagli

Illumina il tuo futuro

Illumina il tuo futuro Illumina il tuo futuro INTRODUZIONE I contribuenti che sostengono spese per interventi mirati al risparmio energetico possono usufruire di una particolare agevolazione fiscale, avvalendosi di una specifica

Dettagli