Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims"

Transcript

1 Rivista GFS n :54 Pagina 103 Gjorn l Furlan des Siencis , Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims RINO GUBIANI * 1. Introduzion. Il paisa al un tiermin dopr t une vore in chescj timps ma ce che al v l d al gambi t cetant dilunc da la storie. In chescj ultims agns la peraule e je deventade un val r defin t par le dasp che e je stade buride f r la Convenzion Europeane (Battigelli 2000) dal paisa che e je stade firmade di ducj i pa s UE. In cheste convenzion il paisa al defin t: un particol r toc dal teritori, cuss come che al sint t de int e il risult t al d t dal lav r de nature e dal om e da lis l r interelazions. Ven a st i il rapuart om nature al le t ae societ t che lu bur t f r e al riflet i val rs, il progr s tecnologjic, il disvilup economic e la memorie storiche. Un dai set rs di azion di cheste convenzion al ancje chel di cjat f r e valut i paisa s e lis l r carateristichis, la evoluzion e la pression che lu n gambi t. Altris definizions a son su base psicologjiche, su base strutur l e altris ancjem (Mangani 1987). Chest al met in l s cem t che par valut un paisa e la s evoluzion tocje tign cont des siencis umanis, de gjeografie, de economie e dal studi dal teritori. Chest m t di analisi dal paisa al cognoss t intal mont ingl s cul non di landscape archeology (Sereno 1987) e il m t di l indenant al di stamp sientific classic cuntun moment di racuelte des informazions, un moment di analisi, un di sintesi e un di risult ts. Intal moment di racuelte des informazions si provi t che a sedin cjaladis: * Dipartiment di Siencis Agrariis e Ambient ls, Universit t dal Fri l, Udin, Italie

2 Rivista GFS n :54 Pagina 104 R. Gubiani fonts scritis; nons di l c; disens, stampis, fotografiis, e v.i. Dasp v cjap t s lis informazions al di sedi fat un lav r di interpretazion, di ricostruzion des funzions dal sisteme soci l, de organizazion politiche, de tecnologjie, e v.i. Ven a st i, studiant archeologjie dal paisa al pussibil cjal dentri il paisa insiemit a dutis lis relazions tra i ogjets che lu componin intun ambit spazi l (gjeografic) e tempor l (lis etis storichis). Al devente impuartant cjap cussience dal teritori come teatri di vite des personis e de storie (De Haag 2007) e discuvierzi ch scriture che e je la tiere (Dardel 1986). Ven a st i che il paisa al une forme di lenga un grum complic t e alore bisugne cjat lis formis di leture buinis. Chest m t di l indenant par cognossi nol dome par il gust di sav ma par defin i aspiets funzion i e storics e par meti adun une culture dal paisa par fond gn fs m ts di gjest il teritori, ven st i une sorte di investiment cultur l tal ambit di une politiche teritori l. Di fat il passa di une societ t dai l cs a une societ t di flus, che al norm l inte ete di cum, al f s in m t di torn a meti in funzion un rapuart cui l cs che al puedi puart ad un disvilup loc l e soredut sostignibil tal timp. In chest cuadri i vecjos centris dai pa s o i vecjos borcs contadins a riscjin di jessi di fat des gnovis formis dal vivi, sparni adis su dut il teritori e struturadis intune grande r t teritori l che e f s s che e vegni mangjade vie la carateristiche specifiche dal teritori agricul e no dome. Di fat, la difusion di chest st l di vite citadin al riscje di scancel dal dut la impronte cultur l e dal paisa contadin ancje in chei puescj di grant val r storic-ambient l. In chest lav r une vore di impuartance al cjate ancje il studi dai insediaments e in particol r di chei agricui. Chest m t di l indenant al permet di cognossi i ciclis des circostancis, lis crisis economichis traviers lis fasis di trasformazion dal insediament agricul. Il studi, che al cjape dentri i curt i vierts e sier ts, la grandece dai tocs di teren, e v.i. al da la pussibilit t di pass sore i vincui d ts da la difidence des classis contadinis a tramand par scrit la proprie storie. Par l plui in profondit t tes cognossincis, dongje a la analisi dai insediaments a si puedin cjap in con- 104

3 Rivista GFS n :54 Pagina 105 Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims siderazion ancje lis struturis agriculis che tal ambient Mediterani si puedin bur f r lant da r de classiche division ager, saltus, silva. Da lis soluzions tecnichis adotadis, da la organizazion dal spazi si pues lei tal l dai secui la storie e la evoluzion dal teritori (centuriazion, vilis romanis, stradis, inconis, confins, can i, e v.i.). Lant da r dal metodi scrit cul al st t fat un studi par une ricostruzion archeologjiche dal paisa di un teritori furlan cjapant come esempli il teritori dal comun di Glemone, l che laut r p c timp inda r al fat un lav r su la toponomastiche. I obiet fs dal lav r a son st ts: defin lis carateristichis dal paisa ; cjat f r lis dinamichis evolutivis; individu e cognossi i agjents dal cambiament. 2. Materi i e metodis. Par meti adun chest articul o vin tir t dongje un grum di informazions e in speci l m t chestis: cjartis gjeografichis (da lis stampis dal secul XIV aes modernis IGM ae CTR da la regjon Fri l Vignesie Julie) e dutis lis fonts civ ls e milit rs (Liruti 1771, Von Zach 1804, Barozzi 1859); fonts fotografichis (fotos dai avions, di archivis priv ts, e v.i.); informazions scritis, di archivi, di contrats, e v.i. (Costantini e Gubiani 2003); informazions bibliografichis (tesis, rivistis, libris, e v.i.); informazions de tradizion or l (intervistis, contis, e v.i.); visitis sui puescj, li dai insediaments, li che si cjatin i aspiets storics e natur i. La analisi e je stade fate su tr liniis plui impuartantis: il paisa agricul; i insediaments rur i; lis struturis agriculis. La ete dai elements di toponomastiche che si riferissin al paisa e je stade fate su la base de stratificazion des lenghis feveladis. Ven a st i che inte zone di Glemone a son toponims bur ts f r di lenghis prelatinis, daspo di ch latine, ch furlane e rivant fin al venit e al talian seont une secuence di timp cognossude. Par prov a f chest sorte di analisi dai insediaments rur i al st t 105

4 Rivista GFS n :54 Pagina 106 R. Gubiani cjap t di esempli un pi ul borc di Glemone, nass t dasp un prin insediament agricul dal XVII secul. Par studi lis struturis agriculis, invezit, si cjap t tant che esempli la evoluzion dal sisteme di bagn i terens de bande de Roe, costruide a part dal an 1106 e sul can l de Ledre costru t ae fin dal votcent e che al il plui grant can l te zone di Glemone. 3. Risult ts. Il paisa dal Glemon s come che lu viod n cum, si form t, cirche agns inda r, cuant che i gla rs de ultime glaciazion si son ritir ts. Dasp, ancje tegnint cont dai tancj taramots ancje fuarts, dal pont di viste fisic il paisa nol gambi t plui di tant. Un dai prins agjents che a van a cambi il paisa natur l e je la colonizazion dal om che al il prin fat r di diversificazion macroscopiche rispiet aes zonis no tocjadis di nuie. In chest c s il studi al l t indenant Figure 1. Cjarte topografiche IGM (1964) di Glemone. 106

5 Rivista GFS n :54 Pagina 107 Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims Tabele 1. Lenghis feveladis a Glemone tal timp e qualchi toponim di riferiment. Ete Lenghe Esempli di toponim Signific t talian furlan p.c. prelatin Tagliamento Taiament no sig r Gemona Glemone no sig r Osoppo Os f no sig r p.c. venit Ledra Ledre dal gr c Hydor, aghe 100 d.c latin Piovega Plovie aghe comun l Silans Silans fontane, sorzint Grideule Grideule (riul) al ven di stec t, gredi todesc Godo G t (borgade), pues st i borc Londero Londar dai G ts contadins 100 p.c.-500 gjalic Brolo,Verziere Broili cjamput dongje cjase 800-vu furlan Bofigne teren di pal t Br t nuora (f), brodo(m) Puartonat puarton diroc t sl f/ Poiana Cagne poiana sloven Cuarnan Cuarnan karman (sloven) non misteri s Casere Tasaoro Tamaru pi ul recint par bestiis 1400-vu venit Baita Baite barache a la buine par Casone Cason boscad rs, past rs barache, sotet 1800-vu talian Statale n.13 Stradon strade grande Case Cjasis grup di cjasis Moia Muje puest umit 1950-vu ingl s Pub Birerie fabriche de bire Snack Bar Ostarie mangj svelt par slargjaments un da r chel altri, a part de prime bole abitade di G t, Osped l pi ul e te zone ator dal cjistiel (Figure 1) che a son lis zonis plui paradis e che a n disponibilit t di aghe. I prins nons che a si cjatin, di fat a son ducj pre latins (Tabele 1) e dasp a vegnin chei latins e dulinvie chei altris (Figure 2). Dasp cheste colonizazion di prime fate e je partide ch romane. Rome, di fat, e veve la dibisugne di tign a ments lis stradis che a puartavin a nord e che a Glemone a n un passa oble t. Cul, di fat, a tachin lis stradis che a rivin di Aquilee e di Concuardie e che a n d s stazions (mansio), une a Osped l Pi ul, dongje de Glesie dal Spirit e une a Silans (G t). Tign n cont che a pene f r di Osped l Pi ul, lant viers Ven on, al jere ancje il passa sul 107

6 Rivista GFS n :54 Pagina 108 R. Gubiani Figure 2. Cjarte cui nons de Tabele 1. Taiament dongje dal cuel di Dreos (non latin cuel Angro). Il teritori di Glemone dasp cheste colonizazion di prime man al jere ancjem le t ae relazion ager (cjamps), saltus (bosc), silva (foreste). Glemone, di fat e une grande zone di bosc tes monts l che si pues passon (Ledis e a ampe de valade de Ven onasse) e une altre zone dade dal teren fat des aluvions dal Uaiat e che a rive fintremai al Taiament e che e pues sei semenade, doprade par passon o bosc, jessint teren di aluvion avonde zovin. La zone di Glemone te ete di Rome e je ancjem cun pocje int e e je plui che altri un puest di passa cun d s stazions (mansio), doi fuarts cun funzion di vuardie, un al il cjistiel di Glemone l che al jere un castrum e ch altre il fuart di Os f. Dulinvie ch strade si va fasint une prime bole agricule ai p ts di ch che e je la Glemone alte di cum. La plane, invezit, e je fate di un teren cuntune vore di grave puartade dal Taiament e su chest teren a vegnin s vencj rs, pr ts puars (marsuris), che a puedin sedi dopr ts tant che bosc e passon. Di fat no vin nons latins che a mostrin une centuriazion dal teren o che a sedin dopr ts par semen. Dopo di chest prin moment de ete romane, tal mie de ete dal impe- 108

7 Rivista GFS n :54 Pagina 109 Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims Figure 3. Disen de part alte di Glemone (disen di Daniele Giacomini). ri (II e III secul cuant che cul a son riv ts i Quadi e i Marcomans) si fat s un prin borc tra il cuel dal cjistiel, il spigul de Glemine e la Grideule (l che al cum il Domo). Rivant plui o mancul al an 1000, ator dal castrum roman si fat s la prime cit t de ete di mie cul prin cercli di muris dal XII secul. In chest stes moment e ven fate s ancje un prin toc de roste sul Taiament par par si des plenis e p c dopo la prese de roe un p c plui disore di dul che cum al Osped l Pi ul. Dasp e je stade tacade la Roe (Roggia Plovia) cognossude ancje come Roe publiche che e d t vite al borc di Plovie. Cheste e je la prime opare che e tac t a gambi la muse de planure di Glemone. Intant la roe e c r propit l che il teren al cambie pendence dismontant di Glemone ad alt e rivant te plane. Fasint la roste a Osped l Pi ul il Taiament al ven sburt t viers Braulins duncje viers soreli a mont e cuss la zone agricule e pues slargj si. Dilunc la roe a vegnin tir ts s mulins e cjasis e lis stradis di colegament. Di cheste ete a son i toponims Mulin di San Zuan, Borc dal Mulin, Batifier, e v.i. In cheste ete la bole agricule e cjape dentri dute la rive di Glemone ad alt e de plane fintremai al Taiament al reste ancjem il pas- 109

8 Rivista GFS n :54 Pagina 110 R. Gubiani son cun poi, vencj rs e forsit cualchi cjasute o barache (Taboghe al v l d barache, sotet). La ete de incressite de int, che e veve carateriz t il periodi comun l e fin s a la fin dal XIV secul e cuss e fin s la espansion viers il Taiament. Di fat, tai doi secui dopo a rivin doi grancj taramots (1348 e 1511) e almancul tr grandis epidemiis di peste che a puartin a une decjadince che e rive fintremai al XVI secul. Riv ts a chest pont i venezians a tachin a dopr une vore il bosc e ancje chel de val de Ven onasse par f lis l r n fs. De fin dal XV secul a son lis primis costruzions di Ledis e di sig r une part dai toponims a son le ts aes princip ls monts e trois (Strade di Sant Marc). Il numar de int al torne a cressi avonde di corse ae fin dal XVII secul. La cressite de int e je dade principalmentri des gnovis coltivazions: blave e patatis soredut (Tabele 2). La produzion di blave in Fri l e je favoride dal timp cun cetante ploie ma la blave e f s plui dal dopli rispiet al forment ( kg/ha pe blave, kg/ha pal forment). Une robe une vore impuartante e je ancje che il rapuart semence/prodot par il forment al ator di 1/5-1/6 (cum 1/30 cirche), pe blave al ator di 1/30-1/50 (cum di 1/500), e chest al permet ai contadins di tign pocje scorte par torn a semen. Ae fin dal sietcent une altre buine incressite de produzion e ven dade de aplicazion des primis tecnichis di rotazion des coltivazions. Intal 1672 i magjistr ts di Vignesie a tachin a vendi i bens comun i par tir sot b s par lerari. Chest al puart t al fat che i terens a fossin divid ts in tancj tocuts e dasp, parvie di eredit ts a son riv ts fin cum ancjem di plui in tancj blecuts. Simpri in cheste ete Glemone e je ancjem sierade des Tabele 2. Int par ha ( m 2 ) che e pues vivi cuntune coltivazion. Coltivazion Energjie (int/ha) Proteinis (int/ha) Blave 10,4 5,2 Forment 8,4 6,3 Patate 16,5 9,5 Lat 2,5 3 Pole 1 2,5 Purcit 1 1,4 Man 1 1 Agnel

9 Rivista GFS n :54 Pagina 111 Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims muris cun sore il cjistiel, dul che a partissin lis stradis pai pa s dongje traviersant lis borgadis, altris stradis plui pi ulis a puartavin tai passons. In cheste ete al avonde sig r che si tachin a viodi, dilunc lis plantis di v ts i mor rs, dopr ts e par tign s lis plantis e par nudr i caval rs cu la fuee. Dal 1736 Vignesie e gjave il dazi su la galete che al puarte al disvilup di cheste produzion. Ancje il non Cjamp, che e je la zone che partint de bande disore e cjape dentri: Campagnole, Cjamp Taboghe, Cjamp Lessi par dopo continu a Buie cun Cjamp Garzolino, Cjamp di Sore e di Sot, a nassin cun buine probabilit t tra il S scent e Sietcent. La part disot di Glemone, ch che e confine cun Dartigne e Buie e je simpri stade invezit siore di aghe e plene di pal ts (Mar ars, Pal t, Bofignis, Cjaneit). Cuant che Napoleon al rive in Fri l, ae fin dal Sietcent, Glemone e je ancjem sierade dentri il tier cercli di m rs e lis s s grandis riformis a durin p c parc che a vegnin gambiadis subit dai Todescs dasp il E reste per la olme dal so passa : la retifiche de strade pe Austrie che e devente plui o mancul ch che e je cum la stat l 13; cualchi fuart (Os f, Cumieli, Monte Ercole). La plane di Glemone e je cuss dividude come une forme di mae l che i f i disore-disot (Taiament, stat l, roe) si incrosin cui chei soreli jev t-soreli a mont (lis stradis che di Glemone alte a van in altris pais). Tra il 1815 e il 1866 Glemone e f s part dal ream Lombart-Venit. La popolazion e cres di corse e la zone coltivade e rive fintremai l che cum e c r la Ledre (Roe di confin). La gnove zone coltivade e je stade otignude grazie a la roste sul Taiament ( ) une vore dongje a ch di cum. Il passon al ven spost t de zone dilunc il Taiament a ch di mont Ledis, Legnam, Gleris, Bombasine, Buteghis. Dute la zone di mont di Cjampon e Cuarnan e ven cuasit dute lassade cence lens e seade. In cheste ete a nassin la gran part dai toponims che a son riv ts fin cum. Intal 1866 Glemone e tache a sei part di chel che a chel timp si clamave Regno ditalia. Il 1800, a d la veret t, al un secul di miserie. La int e continue a cressi plui di corse di chel che si rive a produsi par mangj e la industrie e sta a pene tacant a nassi. Il st t talian al puar e par f cressi lis jen- 111

10 Rivista GFS n :54 Pagina 112 R. Gubiani tradis al met une tasse su la produzion di galete e su la masanadure de farine. La stesse situazion e je ancje tal comun di Glemone e cuss i can i par bagn la plane di Glemone, progjet ts dasp i prins dal Votcent, a tachin a jessi fats s dome ae fin dal secul soredut de bande dai grancj proprietaris de zone. Cuss, par v plui jentradis il comun al vent un grumon di terens e inte plane e intes monts, ai priv ts. Cuss cui terens compr ts de int di Stalis al nas il borc di Cjamp Lessi e si slargjin ancje i borcs di Taboghe, Campagnole. Ae fin dal votcent a tachin lis grandis migrazions, diretis in chei timps viers la Americhe di sot. Ae fin dal votcent su la linie che e div t la rive de plane e ven fate la ferade Udin-Tarvis e dasp ch di Sac l intal 1911, che invezit e va di soreli jev t a soreli a mont. Il percors de ferovie al div t la int in chei di ca e di l de ferade. In cheste ete, a cjaval tra fin votcent e prin n fcent a nassin lis primis fabrichis (Morgant e Stroili) come segn dal grant progr s economic che al vares di bur f r dal n fcent ma e rive subit la prime vuere mondi l che cul e disfe dut e e puarte une fuarte frenade economiche e dome dal 1938 la produzion industri l furlane e torne come dal 1914! Tra lis d s vueris la politiche autarchiche dal guvi r di Mussolini e rint dificil il disvilup da la industrie de sede che e je dute destinade a la espuartazion e e rint pai contadins chel soreplui che lu puedin dopr par cjoli atrezaduris e terens. La seconde vuere mondi l e puarte altris distruzions e miserie e la int e torne a part pal mont fin tai prins agns dal Cinquante e dasp ancje cul al tache un grant disvilup economic che per al puarte a un cambiament une vore fuart e une vore di buride dal paisa Glemon s. Dute la zone di mont e ven bandonade in mancul di d s agns e i passons a tornin a devent bosc, lis malghis a colin e i trois no vegnin plui bat ts. Dute la zone di mont e torne a some ce che e jere prin dal Inte plane, dopo che la int tai agns Sessante e met t vie un p cs di francs, si tachin a f s une sdrume di cjasis che tai prins agns Settante a son almancul Cuatricent! Chestis gnovis costruzions a van cambiant dut la linie des cjasis che prime a corevin dome dilunc des stradis princip ls e la fisionomie dai borcs, soredut parc che lis cjasis gnovis no vegnin fatis s seont chei che a jerin st ts i tipics criteris des cjasis di Glemone ma 112

11 Rivista GFS n :54 Pagina 113 Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims cuntun st l une vore convenzion l. La polverizazion dai terens dade des sucessions e puarte a une altre polverizazion di cjasis e cjasutis su dut il teritori. Il probleme dal adatament des costruzions al teritori e, plui in gjener l il leam tra linsediament dal om e il paisa a son vecjos come la storie de architeture: bielz Vitruvi al dis che lis cjasis a devin v carateristichis difarentis seont la regjon e il l c l che a vegnin fatis s p r mantignint lis carateristichis di firmitas, utilitas, venustas (solidit t, utilit t, bielece). Chestis indicazions per a son dal dut lassadis di bande in cheste ete che no si fat s lant da r a la bielece dal edifici o pensant al leam edifici l c ma si fat s dome par disle si dai vecjos m ts di f e costru le ts ae miserie di un timp oremai, si spere, pass t. Ancje il vivi insiemit tes vecjis corts al someave puart si da r i 1000 agns di miserie e di sotanance che si jerin pass ts e cuss ducj a n cir t di f si la cjasute bessole, lontane di chei altris come tai pa s americans. La ultime bote di chest grant cambiament, suced t, tra i agns Sessante e Settante le da il taramot dal Glemone cu la ricostruzion dasp il 1976 e sbrisse ancjem di plui viers la plane che e devente plene di cjasis e capanons artigjan i. Cjalantle dal Cjampon al somee che cualchidun al vedi tir t lis cjasis di adalt come une grampe di claps e a restin dome lis grandis viis di comunicazion disore-disot (stat l, ferade e autostrade tal confin a soreli a mont dal comun). La toponomastiche e cres di gn fs nons di stradis, di ostariis (par talian bar) e di viis di comunicazion (autostrade, casel, e v.i.). La vecje toponomastiche leade al mont agricul no ven plui doprade ancje parc che al cole il leam tra il dopr i l cs e il non e oremai e je p c cognossude; la toponomastiche des monts, lassant st ch dai macrotoponims (Cjampon, Cuarnan, e v.i.) e ven in gran part dismenteade. Cuss, di bot si pass ts de societ t dai l cs a ch dal flus come che si veve v t iniment tal imprin di chest scrit. Insiemit al cambiament dal paisa agricul al cambie ancje linsediament agricul. Chescj a n tac t a sedi costru ts f r de vecje cercle des muris te ete che e va dal S scent al Sietcent l che si vi t la costruzion dai pala s dai si rs cun intor grancj tocs di teren. Chescj si rs a son di origjin nobili r che in cheste ete a son dome l r che a puedin v avonde b s par compr terens e f i pala s. La sorte di pala s che a vegnin fats s e je comun a ch di altris l cs dal Fri l (Di Sopra 1989). A son co- 113

12 Rivista GFS n :54 Pagina 114 R. Gubiani Figure 4. Plante dal pala di Prampar cu lis stradis. struzions a cort sierade cun ator ator m rs e par solit autosuficients. Dal pont di viste topologjic cheste sorte di costruzion e torne a clam il sisteme mediev l sier t e chest al f s pens che il teritori nol fos ancjem masse sig r (magari brigants che a vevin ancjem man libare). Se o cjal n la date di costruzion di cuatri di chescj pala s a Glemone o viod n che a son ducj avonde dongje e ator dal 1660 e dal Une altre robe che si vi t al che dutis chestis vilis di si rs a n la stesse formazion, cort, po, cantine, cjast, gleseute, cjasis dai contadins. I terens coltiv ts ator di chestis vilis a son de stesse grandece dal toc di teren roman (che al di 12,5 ha) ancje se a Glemone no je mai stade fate la centuriazion. Si cjalin par esempli il pala di Prampar, fat s a mieze strade tra il Taiament e la rive di Glemone, si puedin viodi doi stradons ortogon i (un al ancje cum ) l che la jentrade princip l e je dade di une esedre aromai ridusude a un rudina (il Puartonat) (Figure 4-5). F r dai tocs sier ts, l che si coltivin blave, forment, meniche e pr ts, e je ancjem par dut il Sietcent la bole comun l (la Comugne, i Lots, il Pascat) a passon o a bosc che e continue fintremai a Os f (Bo r). Ancjem tai prins dal Votcent cheste zone e cjape dentri, fat di bande dome alc, la zone che e va dai l cs dai si rs fintremai al Taiament. Dilunc la costruzion di chescj pala s dai si rs, di l dal m r che al siere il curt l si tachin a f s ancje i m rs ator dai l cs, soredut parc che a fasevin di confin su stradis (Via Armentaressa, Via del Pasco) l che a passavin bestiis che a lavin a passon dul che al jere di oblic sier i l cs par no v dams da lis bestiis. A proposit di chest fat a Feagne il stat t dal 1628 al diseve che orts, cjamps e pr ts, che a jerin confinants a stradis publichis viertis al passa des bestiis a vevin di jessi sieradis par fuarce. 114

13 Rivista GFS n :54 Pagina 115 Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims Il paisa de plane di Glemone al carateriz t de presince di chescj pala s cui curt i sier ts e cun dai luncs m rs a sier i l cs e a restaran in p ts fin al taramot dal Cum ducj chescj pala s a no son plui, un p c par vie dal taramot e un grum par cause de int. Il c s che o vin studi t al rest t avonde int r se no altri te plante des cjasis e di fat cheste borgade residenzi l e tign t ancjem la vecje plante ancje se lis cjasis a son dutis gnovis. Par ce che al rivuarde lis struturis agriculis une vore impuartant al il discors de sistemazion irigue de plane di Glemone. La planure di Figure 5. Disen de jentrade a mont dal curt l dal pala di Prampar (disen di Daniele Giacomini). Glemone (Figure 1) e je come un triangul cu la ponte a Osped l Pi ul e la base al confin a sud cuntune largjece di cirche 4 km. I doi l ts a son cirche di 6 km chel confinant cun Os f e cirche 5 km chel de bande di Glemone che al va da r dal cambi di pendence tra la plane e la rive di Glemone (che al s par j il percors de roe). La pendence natur l dal teren partint di Osped l Pi ul fin dap t il comun, confinant cun Buje e je cuasi costante e di bot dongje al 0,1%. Chest toc di teren al simpri st t carateriz t di doi can i, un e je la Roe, costruide in cirche 100 agns a part dal 1100 che e cjape la aghe dal Taiament a Osped l Pi ul. La Roe e je stade fate par d la fuarce par f funzion i mulins par masan forment e par i batifiers doprant i salts de aghe. Si ricuarde che dilunc la roe a son 7 mulins e doi a son ancjem in funzion ancje se a doprin la fuarce eletriche e no ch de aghe. Un tier mulin al devent t un centri didatic par il studi de aghe e al ancjem dutis lis struturis dal votcent. La roe in plui de fuarce par f funzion i mulins e covente ancje par bagn i cjamps che a son dongje e par cjap s la aghe che e ven j des rivis. Ch altre grande opare al il can l de Ledre che e va simpri di nord a sud e e cjape la aghe dongje de roe, simpri a Osped l Pi ul, e e va da r 115

14 Rivista GFS n :54 Pagina 116 R. Gubiani de linie di confin Os f e Glemone (Figure 1). Pens t di bot tal imprin dal Votcent il can l al st t fat dome ae fin dal secul par iniziative di priv ts parc che a jerin timps che ancje il comun al jere cence b s! La costruzion de Ledre metude adun cu la sistemazion dai arzins dal Taiament fate a mie dal Votcent e permet t di v a disposizion un gran toc di teren pe agricolture e di incressi une vore la produzion agricule su dute la zone bagnade, dome la bole di magri e continu t a jessi doprade par passon (Marsuris, Pascat, Boar) fin ai prins dal N fcent. La costruzion de Ledre no je dome la sistemazion di un can l ma chest al fat f ancje i can i primaris, chei secondins e vie indenant. Cuss dut il teritori al st t sistem t intune r t fisse di can i e di terens ancje parc che la irigazion e je a scoriment disfrutant la natur l pendence dal teren, dasp la costruzion de Ledre a son st t fats s altris cuatri can i princip i, simpri che a van di nord a sud, mentri i secondins a van, in gjenar, in direzion est ovest. In chest m t ducj terens a risultin a retangul, luncs cirche m in direzion nord sud e de bande curte di cirche m in direzion est ovest. Cheste struturazion dal teritori e je la stesse che e f s ancje la stat l 13 che e taie il teritori in direzion nord sud mentri che in direzion est ovest a corin lis stradis che di Glemone a puartin tai pa s dongje. Ancje in chest c s dilunc la Ledre a jerin stadis progjetadis centr ls eletrichis che cum, ancje se cun machinaris gn fs, a funzionin ancjem. Ancje dute la r t di can i e funzione ancjem benon, segn di previdence de bande di chei che a n progjet t cheste struture agricule. Conclusions. Il lav r fat fin cul al permet t di verific che par mie dai toponims al pussibil torn a viodi la evoluzion dal teritori capint ancje la dinamiche evolutive. Il studi dai insediaments rur i, al permet t di cjal la tipologjie di cualchi borgade che a si evolude partint di vecjos insediaments agricui. Lis struturis agriculis, pe precision la irigazion, a n mostr t che il teritori al risulte model t ancje cun oparis fatis s une vore di timp inda r. Il studi al met t in l s come che il teritori une volte al fos strutur t par jessi dopr t in tr m ts: pes cjasis e pal cumier (la part alte de cit t), pe agricolture (la plane) e passon e bosc (la part de mont) mentri che in d di vu dome il prin m t al ven dopr t e chei al- 116

15 Rivista GFS n :54 Pagina 117 Studi da la evoluzion dal paisa mediant i toponims tris doi a son di bot dismente ts. Il risult t al un teritori p c sfrut t pes s s pussibilit ts e cuntun ciert disordin strutur l. Il studi dal paisa, oltri che pe ricercje, al pues sedi ancje une impuartante operazion cultur l par vie che al pues jessi dopr t par: la gjestion dal teritori in tiermins di vere e proprie politiche dal teritori. Ven a st i, se a si cogn s il teritori, il so pass t, la s vocazion, si pues progjet di dopr lu in m t plui dongje ae s storie e aes s s potenzialit ts; la valorizazion turistiche des zonis agriculis. Il turisim che dasp di d un vist t bielonon al pues f cognossi la evoluzion dal teritori, la s storie no dome scrite sui libris ma le pues torn a ricostru no dome tal mangj e tai vist ts dal an mil ma ancje tal paisa agrari. Bibliografie Battigelli F. (2000). La convenzione europea del paesaggio. Agribusiness Paesaggio & Ambiente, 4, 2: Barozzi N. (1859). Gemona e il suo distretto - Notizie storiche, statistiche e industriali. Venezia: Tipografia del Commercio. Costantini E., Gubiani R. (2003). Glemone nons di l c. La Toponomastica di tradizione orale nel comune di Gemona. Tavagnacco: Arti Grafiche Friulane. Di Sopra L. (1989). Friulabio. Udine: Casamassima. Mangani G. (1987). Verso un nuovo concetto di paesaggio. In Borani M., Scazzosi L. (Eds) Natura e architettura. Milano: Clup, pp Sereno P. (1987). Larcheologia del paesaggio agrario: una nuova frontiera di ricerca. In Gambi L. (Ed) Natura e architettura. Milano: Clup, pp

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ"

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ SERVIZI SANITARI NAZIONÂL - REGJON AUTONOME FRIÛL-VIGNESIE JULIE AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ" Cul prin di Zenâr dal 2015 e je stade dade dongje la AZIENDE PE ASSISTENCE

Dettagli

A Sant Denêl a son tantis bielis robis di viodi, ancje se no lu si crodarès. un grum di robe storiche

A Sant Denêl a son tantis bielis robis di viodi, ancje se no lu si crodarès. un grum di robe storiche A Sant Denêl a son tantis bielis robis di viodi, ancje se no lu si crodarès un grum di robe storiche che a ti fâs meti lis mans tai cjavei di tant biele che e je e non tu sâs di ce bande scomençâ a cjalâ!

Dettagli

Insegnament e aprendiment. de matematiche, intune situazion di bilenghisim

Insegnament e aprendiment. de matematiche, intune situazion di bilenghisim Gjornâl Furlan des Siencis 7. 2006, 37-46 Insegnament e aprendiment de matematiche intune situazion di bilenghisim GIORGIO T. BAGNI*, CARLO CECCHINI* & FRANCESCA COPETTI* Ristret. La finalitât di chest

Dettagli

Il strument incentîf a pro des agroenergjiis tai documents di programazion dal svilup rurâl in Friûl Vignesie Julie 1

Il strument incentîf a pro des agroenergjiis tai documents di programazion dal svilup rurâl in Friûl Vignesie Julie 1 Rivista GFS n. 12-2009 13-10-2010 11:54 Pagina 13 Gjornâl Furlan des Siencis 12. 2009, 13-24 Il strument incentîf a pro des agroenergjiis tai documents di programazion dal svilup rurâl in Friûl Vignesie

Dettagli

La elaborazion resinte di imprescj lessicografics furlans

La elaborazion resinte di imprescj lessicografics furlans La elaborazion resinte di imprescj lessicografics furlans Sandri Carrozzo Serling soc. coop. publicât in Sot la Nape, 55, 6, p. 17-24 Curtis notis sui dizionaris furlans che a son za Il prin impuartant

Dettagli

Une justificazion rigorose aes formulis di progjetazion pe torsion in profilâts sutîi

Une justificazion rigorose aes formulis di progjetazion pe torsion in profilâts sutîi Rivista GFS n. 10-2008 rifatto 10-03-2009 16:42 Pagina 61 Gjornâl Furlan des Siencis 10. 2008, 61-73 Une justificazion rigorose aes formulis di progjetazion pe torsion in profilâts sutîi CESARE DAVINI

Dettagli

Sommario: La vita quotidiana di un tempo I soldi (bês) Il lavoro nel passato Il lavoro a Varmo nel passato Il lavoro a Varmo oggi

Sommario: La vita quotidiana di un tempo I soldi (bês) Il lavoro nel passato Il lavoro a Varmo nel passato Il lavoro a Varmo oggi Sommario: La vita quotidiana di un tempo I soldi (bês) Il lavoro nel passato Il lavoro a Varmo nel passato Il lavoro a Varmo oggi 1 LA VITA QUOTIDIANA DI UN TEMPO UN VIAÇ INTAL PASSÂT: CEMÛT CHE SI VIVEVE

Dettagli

ud.info Ambient Ambiente Lui 07 / Luglio 07 www.comune.udine.it Vert Cemût rispietâ un patrimoni di ducj Verde Come rispettare un patrimonio di tutti

ud.info Ambient Ambiente Lui 07 / Luglio 07 www.comune.udine.it Vert Cemût rispietâ un patrimoni di ducj Verde Come rispettare un patrimonio di tutti Teritori Parcs publics e areis verdis Territorio Parchi pubblici e aree verdi Scovacis L impuartance de racolte diferenziade Rifiuti L importanza della raccolta differenziata Vert Cemût rispietâ un patrimoni

Dettagli

FRANCA MAINARDIS PETRIS. Ilustrazions di Flavia Caffi

FRANCA MAINARDIS PETRIS. Ilustrazions di Flavia Caffi FRANCA MAINARDIS PETRIS Ilustrazions di Flavia Caffi Franca Mainardis Petris Ilustrazions di Flavia Caffi Edizions Istitût Ladin Furlan Pre Checo Placerean c/o Cjase Turoldo di Coder di Sedean c.p. 3-33039

Dettagli

N o s i s à N e r i c j a r b o n

N o s i s à N e r i c j a r b o n N o s i s à N e r i c j a r b o n NERI CJARBON SOTVÔS Blancje la cjarte, blancje veline biele pipine nuje di bon Flôr di farine, simpri pui fine doman matine neri cjarbon Rosse la muse, rosse legrìe pocje

Dettagli

NUMERO SPECIALE DEDICATO ALLA MEMORIA DEL PRESIDENTE ADRIANO DEGANO

NUMERO SPECIALE DEDICATO ALLA MEMORIA DEL PRESIDENTE ADRIANO DEGANO ANNO XLVI - LUGLIO 2014 - Numero Speciale TASSA RISCOSSA UDINE TAXE PERÇUE ITALY Poste italiane - Sped. in a.p. D.L. 353/2003, (conv. in L. 27.2.2004, n. 46) art. 1, comma 2 - DCB Udine ` Rivista dell

Dettagli

! Particolarità, punto cui prestare. [ ] Tra parentesi quadre si indica la. Ø Significa niente. LEGENDA DEI SIMBOLI. attenzione. Irregolarità.

! Particolarità, punto cui prestare. [ ] Tra parentesi quadre si indica la. Ø Significa niente. LEGENDA DEI SIMBOLI. attenzione. Irregolarità. LEGENDA DEI SIMBOLI! Particolarità, punto cui prestare attenzione. Irregolarità. Regola pratica, suggerimento. [ ] Tra parentesi quadre si indica la pronuncia di una parola. Ø Significa niente. 1 ALFABETO

Dettagli

Lis Venturis di Alice tal Paîś des Maravèįs

Lis Venturis di Alice tal Paîś des Maravèįs Lis Venturis di Alice tal Paîś des Maravèįs di Lewis Carroll Traduzjóŋ par furlàŋ di Sèrğhjo Gigànt A dučh i fruts myarts tal taramòt dal Friûl dal 76, lasú cumó tal Cîl des Maravèįs. INDICE Introduzione

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Ricordando Gino Del Forno

Ricordando Gino Del Forno PRO LOCO DI COLLOREDO DI PRATO Ricordando Gino Del Forno RACCOLTA DI POESIE INEDITE a cura di Vittorino Zuliani e Adelchi Zoratti Si ringraziano per la preziosa collaborazione: i famigliari per le fotografie

Dettagli

RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN E CIMBRO ai 9 de otober 2011

RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN E CIMBRO ai 9 de otober 2011 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Sistema Statistico Nazionale Istituto nazionale di Statistica RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI STANDARD DI COMPOZIONE INDIRIZZI EDIZIONE APRILE 2009 La corretta scrittura dell indirizzo da apporre sugli oggetti postali contribuisce a garantire un recapito rapido e sicuro. Per le aziende l indirizzo

Dettagli

Campanile d Oro Edizione 2008. La pioeuva lè. Opera Prima Classificata. Autore: Giovanna Sommariva. Dialetto: Milanese

Campanile d Oro Edizione 2008. La pioeuva lè. Opera Prima Classificata. Autore: Giovanna Sommariva. Dialetto: Milanese Campanile d Oro Edizione 2008 Opera Prima Classificata Autore: Giovanna Sommariva Dialetto: Milanese La pioeuva lè La pioeuva l è canzon fluscent col ritornell de sò truscià l è el pes sui ramm gottent

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Notiziario. IL SAMARITAN Numero 1 Anno XII Aprile 2012 IL SAMARITAN

Notiziario. IL SAMARITAN Numero 1 Anno XII Aprile 2012 IL SAMARITAN Notiziario ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO O.N.L.U.S. IL SAMARITAN Numero 1 Anno XII Aprile 2012 Anno 12, Numero 1 Aprile 2012 IL SAMARITAN 1 IL SAMARITAN Periodico Trimestrale dell Associazione Il Samaritan

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

desponibilitèdes de cassa. 2.Ai fini del comma 1 i comuni, con le modalità 2. e nei termini previsti dalla Giunta provinciale

desponibilitèdes de cassa. 2.Ai fini del comma 1 i comuni, con le modalità 2. e nei termini previsti dalla Giunta provinciale OGGETTO: Prima variazione del bilancio di previsione del 2015 del bilancio pluriennale 2015-2017 e della Relazione previsionale e programmatica 2015-2017. SE TRATA: Pruma mudazion del bilanz de previjion

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

L Assessore alla Cultura Antonio Tesolin. Il Presidente della Pro Casarsa della Delizia dott. Stefano Polzot

L Assessore alla Cultura Antonio Tesolin. Il Presidente della Pro Casarsa della Delizia dott. Stefano Polzot La raccolta di poesie contenuta in questo libro rappresenta un omaggio a Pier Paolo Pasolini, alla sua poetica, al ruolo che ha avuto nel valorizzare la lingua friulana e quella di Casarsa in particolare.

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

CLASSE DI CONCORSO:A019 DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMIC. CLASSE DI CONCORSO:A024 DISEGNO E STORIA DEL COSTUME

CLASSE DI CONCORSO:A019 DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMIC. CLASSE DI CONCORSO:A024 DISEGNO E STORIA DEL COSTUME CLASSE DI CONCORSO:A017 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI BARONI SILVANA 06/03/1962 VV 262,00 C D DI VITO GREGORIO 12/09/1957 VV 193,00 C D DRAMISSINO ROSALBA 07/06/1960 CS 176,00 C D ** FIAMINGO ANTONIA

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

O la, o che bon eccho! (The Echo Song)

O la, o che bon eccho! (The Echo Song) la che bn ecch! (The Ech ng) ATB Duble Chir a cappella rland di Lass (1532-1596) CANT (pran I) 2 ALT (Alt II) 2 TENRE (Tenr II) BA (Bass I) % E %E % E E 1 la la la la che bun che bun che bun che bun ec

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

SCHEDA TERRENI - GESIM

SCHEDA TERRENI - GESIM DATA 24/10/2014 ORA 14.56.09 UTENTE WS8 PAGINA 1 CONSOR06 CONSORZIO PER LO SVULUPPO INDUSTRIE PROVINCIA 80001270570 O COD.SOGGETTO CONTRIBUENTE CODICE FISCE PV INDIRIZZO D PARTITA FOGLIO PARTICELLA SUB

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta N. ORDINE 1 Commessa 110110-19 (A1) MILANO - NAPOLI Tratto Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 Ditta BONCOMPAGNI Giuseppe n. a Citerna il 07.01.1952 propr. per 1/2;BONCOMPAGNI Luigi n. a Citerna

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E U N O S T R U M E N T O F A C I L E, P R E C I S O E D E F F I C I E N T E ChronoMap è lo strumento ideale per le

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T INDIVIDUARE IL PERSONALE DOCENTE DA UTILIZZARE PAG. 1 CLASSE DI CONCORSO:A017 DISCIPLINE ECONOMICO AZIENDALI ANZIVINO MARILENA 07/12/1968 FG 30,00 0,00 CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Selezione dei vini bianchi * * *

Selezione dei vini bianchi * * * Selezione dei vini bianchi Braide Alte 2008 Livon 32,50 Chardonnay 2009 Nadalutti 12,00 Chardonnay 2011 Campagnis Vieris Vie di Romans 28,00 Cialla Bianco 2007 Ronchi di Cialla 21,50 Fiore di campo 2012

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Partenze Da Laurentina [Metro B]

Partenze Da Laurentina [Metro B] Orario in vigore dal 27 Apr 2015 al 08 Jun 2015 pag. 1/28 Laurentina Metro B, Roma Partenze Da Laurentina [Metro B] DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Albano Laziale p.zza Mazzini 14:40 NS 14:50 a 16:40

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Campionati Regionali Giovanili. Comitato Regionale Toscana

Campionati Regionali Giovanili. Comitato Regionale Toscana Campionati Regionali Giovanili Comitato Regionale Toscana Arezzo, 9-6-2013 Lista iscritti alle gare Campionati Regionali Giovanili Partecipanti 1-30/59 N.Tess... Giocatore NS. Cod.soc. Societa SMG SFG

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati fu elaborata dall economista inglese David Ricardo (1772-1823) nella sua opera principale: On the Principles of Political Economy and Taxation

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Partenze Da Roccasecca

Partenze Da Roccasecca Orario in vigore dal 30 Jun 2015 al 26 Jul 2015 pag. 1/6 SP /vicolo Amati, Roccasecca Partenze Da Roccasecca DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Aquino p.zza S.Tommaso 13:30 1.. 1. Castrocielo per Arce via

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli