MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA"

Transcript

1 MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA dott. ing. Davide Mariani Università di Pavia 6 giugno 2006 CSE SRL VIA RIVIERA, PAVIA TEL FAX e.mail www. cseit.it VIALE ASIA, ROMA TEL /3 FAX

2 ASPETTI GENERALI: PRODUZIONE CONSUMO - INFRASTRUTTURA CSE srl - Pavia - Roma

3 CONSUMO (dati Snam Rete Gas) IL GAS IN ITALIA CONTRIBUISCE AL SODDISFACIMENTO DEL 30% DEL FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA LA DOMANDA DI GAS NATURALE NEL 2004 IN ITALIA È PARI A 80,3 x 10 9 Sm 3, IN CRESCITA DEL 3,8% PER: INCREMENTO DEI CONSUMI NEL SETTORE TERMOELETTRICO (+8,9%), (L ENTRATA IN ESERCIZIO DI ALCUNE CENTRALI A CICLO COMBINATO); MAGGIORI CONSUMI DI GAS NATURALE NEL SETTORE INDUSTRIALE (+3,4%). I VOLUMI DI GAS IMMESSI NELLA RETE NAZIONALE GASDOTTI NEL 2004 SONO STATI PARI A 80,4 MILIARDI DI METRI CUBI CON UN INCREMENTO DI 4 MILIARDI DI METRI CUBI, PARI A 5,3%, RISPETTO ALL ANNO di 54

4 NEL 2004 LA PRODUZIONE DI GAS IN ITALIA È STATA DI CIRCA 13 MILIARDI DI METRI CUBI. CIRCA L 84% DEL GAS CONSUMATO IN ITALIA VIENE IMPORTATO ATTRAVERSO I GASDOTTI DEL NORD EUROPA, DALLA RUSSIA E DALL'ALGERIA E, IN MISURA MINORE, CON NAVI METANIERE ALLO STATO LIQUIDO LA RIPARTIZIONE DEI CONSUMI (anno 2004) E LA SEGUENTE: SETTORE TERMOELETTRICO 28*10 9 Sm 3 (CIRCA IL 36%) INDUSTRIA 22.6*10 9 Sm 3 (CIRCA IL 29%) ALTRI USI (USI DOMESTICI,TERZIARIO, ECC.) 28.2*10 9 Sm 3 (36%) 4 di 54

5 INFRASTRUTTURA IL SISTEMA DI TRASPORTO NAZIONALE DEL GAS E COSTITUITO DA: PUNTI DI INGRESSO (INTERCONNESSIONI CON L ESTERO, GIACIMENTI NAZIONALI, TERMINALI GNL, STOCCAGGI) RETI (RETE NAZIONALE DI GASDOTTI, RETE DI TRASPORTO REGIONALE, RETI DI DISTRIBUZIONE LOCALE) OLTRE km STAZIONI DI RILANCIO, REGOLAZIONE E CONTROLLO IMPIANTI DI STOCCAGGIO 5 di 54

6 RETI DI TRASPORTO LA RETE NAZIONALE DEI GASDOTTI (Φ = mm; L = 8000 km) COMPRENDE LE LINEE PRINCIPALI CHE REALIZZANO IL TRASFERIMENTO DEL GAS ATTRAVERSO IL TERRITORIO NAZIONALE LA RETE DI TRASPORTO REGIONALE (Φ = mm; L = km) COMPRENDE TUTTE LE RETI DELLE IMPRESE DI TRASPORTO NON FACENTI CAPO ALLA RNG 6 di 54

7 RETE NAZIONALE DEI GASDOTTI (RNG) 7 di 54

8 RETE DI TRASPORTO REGIONALE (SNAM RETE GAS) CSE srl - Pavia - Roma 8 di 54

9 PUNTI DI ENTRATA PUNTI DI ENTRATA NELLA RETE RISULTANO: PASSO GRIES, TARVISIO, MAZARA DEL VALLO, GELA, PANIGAGLIA, (PUNTO DI RIGASSIFICAZIONE), OLTRE AI CAMPI DI PRODUZIONE (68) E GLI IMPIANTI DI STOCCAGGIO (2 HUB VIRTUALI: STOGIT E EDISON T&S) PRESENTI NEL TERRITORIO ITALIANO. IN TOTALE SI CONTANO 76 PUNTI DI ENTRATA NELLA RETE NAZIONALE DEI GASDOTTI 9 di 54

10 PUNTI DI USCITA PUNTI DI USCITA DALLA RETE NAZIONALE RISULTANO: 17 AREE DI PRELIEVO DISTRIBUITE SUL TERRITORIO NAZIONALE (CIRCA COINCIDENTI CON LE REGIONI) 5 PUNTI DI CONNESSIONE PER L ESPORTAZIONE: GORIZIA, BIZZARONE E SAN MARINO SI CONTANO 20 PUNTI DI USCITA DALLA RETE NAZIONALE 10 di 54

11 EVOLUZIONE DEL MERCATO 11 di 54

12 TAPPE DELLA LIBERALIZZAZIONE IL DECRETO LEGISLATIVO N.164 DEL 23 MAGGIO 2000, PUBBLICATO SULLA G.U. N.142 DEL 20 GIUGNO 2000, RECEPENDO LA DIRETTIVA EUROPEA 98/30 DEL 22 GIUGNO 1998 RELATIVA AL MERCATO INTERNO DEL GAS NATURALE, HA DATO AVVIO AL PROCESSO DI LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA. IL DECRETO N.164/00 RIGUARDA TUTTO IL SETTORE DEL GAS. L APPROVVIGIONAMENTO, LO STOCCAGGIO, IL TRASPORTO, LA DISTRIBUZIONE LA VENDITA E LE ATTIVITA CORRELATE A TALI FASI 12 di 54

13 SI TRATTA DI UN DECRETO QUADRO CUI SONO SEGUITI PROVVEDIMENTI DI ATTUAZIONE, SOTTO FORMA DI DECRETI MINISTERIALI E DELIBERAZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IL DECRETO MINISTERIALE 22 DICEMBRE 2000 HA INDIVIDUATO LA RETE NAZIONALE DEI GASDOTTI 13 di 54

14 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS HA PUBBLICATO ALCUNE DELIBERE DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO N.164/00. LA DELIBERA N.237/00 DEFINISCE I CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER LE ATTIVITÀ DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E DI FORNITURA AI CLIENTI DEL MERCATO VINCOLATO. INTRODUCE INOLTRE I CRITERI PER LA SEPARAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DISTRIBUZIONE E VENDITA, SUCCESSIVAMENTE PRECISATI DALLA 311/ di 54

15 LA DELIBERA N.120/01 DEFINISCE I CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL TRASPORTO E IL DISPACCIAMENTO DEL GAS NATURALE E PER L UTILIZZO DEI TERMINALI DI GNL. TALE DELIBERA È POI STATA INTEGRATA E MODIFICATA DALLA SUCCESSIVE. LA DELIBERA N.193/01 RIGUARDA L'APPLICAZIONE DELLE REGOLE DI ACCESSO ALLA RETE DEL GAS, GLI ONERI PER BILANCIAMENTO E SUPERO DEI PRELIEVI RISPETTO ALLA CAPACITA' DI TRASPORTO CONFERITA ED ALTRI ELEMENTI CONTENUTI NELLA DELIBERA N.120/01. I CORRISPETTIVI SONO AGGIORNATI ANNUALMENTE. 15 di 54

16 LA DELIBERA N.137/02 RIGUARDA: ADOZIONE DI GARANZIE DI LIBERO ACCESSO AL SERVIZIO DI TRASPORTO DEL GAS NATURALE; NORME PER LA PREDISPOSIZIONE DEI CODICI DI RETE CONTENUTI PREVISTI PER I CODICI DI RETE LA DELIBERA 138/03 STABILISCE CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DEL GAS NATURALE PER I CLIENTI FINALI E DÀ DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TARIFFE PER L ATTIVITÀ DI DISTRIBUZIONE (LE TARIFFE CALCOLATE IN BASE ALLA 138/03 SONO APPLICATE AI CLIENTI CHE NON HANNO ATTIVATO FORNITURE SUL MERCATO LIBERO) 16 di 54

17 CODICE DI RETE NEL CORSO DELL ANNO TERMICO 2002/2003 ERA PREVISTA L'APPROVAZIONE, DA PARTE DELL'AUTORITA', DEL CODICE DI RETE PRESENTATO DAGLI OPERATORI DEL TRASPORTO AI SENSI DEL D.LGS N.164/00. IL CODICE DI RETE DEVE "GARANTIRE A TUTTI GLI UTENTI DELLA RETE LA LIBERTÀ DI ACCESSO A PARITÀ DI CONDIZIONI, LA MASSIMA IMPARZIALITÀ E LA NEUTRALITÀ DEL TRASPORTO E DEL DISPACCIAMENTO E DELL UTILIZZO DEI TERMINALI DI GNL IN CONDIZIONI DI NORMALE ESERCIZIO" DA PARTE DEI SOGGETTI CHE SVOLGONO LE ATTIVITÀ DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO DEL GAS E CHE DETENGONO TERMINALI DI GNL. 17 di 54

18 LEGGE MARZANO Legge 23 agosto 2004, n. 239 "Riordino del settore energetico, nonche' delega al Governo per il riassetto delle disposizioni vigenti in materia di energia" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 215 del 13 settembre 2004 DISPOSIZIONI INERENTI IL SETTORE ENERGETICO, ATTE A GARANTIRE LA TUTELA DELLA CONCORRENZA, DEI DIRITTI CIVILI E SOCIALI, DELLA SICUREZZA PUBBLICA E DELL AMBIENTE. LA LEGGE SI COMPONE, DI UN ARTICOLO E 121 COMMI, RIGUARDA SIA L ELETRICITÀ SIA IL GAS. 18 di 54

19 MERCATO DI TIPO BORSISTICO PER IL GAS SNAM RETE GAS, GESTISCE UN "PUNTO DI SCAMBIO VIRTUALE (HUB). LA DELIBERA 22/04 STABILISCE LE REGOLE DELLA BORSA DEL GAS PUNTO DI SCAMBIO VIRTUALE, UN MERCATO BORSISTICO DEL GAS E DELLE CAPACITA. DAL 1/10/03 E STATA AVVIATA UNA SPERIMENTAZIONE, GESTITA DALLA SNAM RETE GAS. 19 di 54

20 OBBIETTIVI DELLA 22/04 LA DELIBERA 22/04 STABILISCE LE TAPPE NECESSARIE PER REALIZZARE UN MERCATO DI TIPO BORSISTICO PER IL GAS; IN PARTICOLARE EVIDENZIA LE SEGUENTI ATTIVITA : a) REALIZZAZIONE DELLA PIATTAFORMA INFORMATICA PER LA CESSIONE DI GAS E DI CAPACITA b) DEFINIZIONE DI CONTRATTI STANDARD PER LA GESTIONE DEGLI SCAMBI DI CUI AL PUNTO a) c) RIFORMA DELL ATTUALE REGIME DI BILANCIAMENTO, MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI UN MERCATO GIORNALIERO DEL BILANCIAMENTO d) INTRODUZIONE DI UN MERCATO CENTRALIZZATO DEL GAS BASATO SU INCROCIO DOMANDA - OFFERTA, CHE CONSENTA LA DEERMINAZIONE DI UN PREZZO UFFICIALE DI RIFERIMENTO PER LE TRANSAZIONI. 20 di 54

21 PER REALIZZARE L AVVIO SPERIMENTALE DELLA BORSA, LA SNAM RETE GAS HA PREDISPOSTO: UNA PIATTAFORMA INFORMATICA SISTEMA PER SCAMBI/CESSIONI DI GAS AL PUNTO DI SCAMBIO VIRTUALE (SISTEMA); UNO SCHEMA DI CONTRATTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA PER SCAMBI/CESSIONI DI GAS AL PUNTO DI SCAMBIO VIRTUALE (CONTRATTO); LE REGOLE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO MODULO PSV (MANUALE) 21 di 54

22 PRINCIPALI ASPETTI DELLA LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN ITALIA ( ) RAPIDA TRANSIZIONE ( ) DA MERCATO TOTALMENTE VINCOLATO A MERCATO TOTALMENTE LIBERALIZZATO; PROMOZIONE DELLA CONCORRENZA INCREMENTO DEL 10% DELLA CAPACITA DI TRASPORTO DELLA RETE E DEL 12% DELLA CAPACITA DI STOCCAGGIO - DIMINUZIONE DELLE TARIFFE DI TRASPORTO E STOCCAGGIO DIMINUZIONE DELLE IMPRESE DI DISTRIBUZIONE CON TARIFFE ANCORA IN VIA DI DEFINIZIONE AUMENTO DEL NUMERO DI IMPORTATORI DA 3 A 24 E DI GROSSISTI DA 6 A 35 RIDUZIONE DELLA FRAMMENTAZIONE DELLE IMPRESE DI DISTRIBUZIONE DA 750 A 540 E DELLE IMPRESE DI VENDITA DA OLTRE 700 A MENO DI di 54

23 POSSIBILI SVILUPPI DEL MERCATO LIBERO DEL GAS IL POTENZIAMENTO DEI METANODOTTI (ALGERIA E TAG) OLTRE ALL AVVIO DEI TERMINALI DI RIGASSIFICAZIONE DOVREBBE PORTARE AD UNA MAGGIORE OFFERTA DI GAS CON UN PRIMO CONCRETO IMPATTO NEL CORSO DELL ANNO TERMICO di 54

24 ACCESSO ALLA RETE NEL MERCATO DEL GAS

25 IL MERCATO LIBERO ACCESSO AL MERCATO LIBERO - I CLIENTI IDONEI IL CLIENTE IDONEO E LA PERSONA FISICA O GIURIDICA CHE HA LA CAPACITÀ, PER EFFETTO DEL DECRETO LEGISLATIVO N.164/00, DI STIPULARE CONTRATTI DI FORNITURA, ACQUISTO E VENDITA CON QUALSIASI PRODUTTORE, IMPORTATORE, DISTRIBUTORE O GROSSISTA, SIA IN ITALIA CHE ALL'ESTERO, ED HA DIRITTO DI ACCESSO AL SISTEMA A DECORRERE DAL 1 GENNAIO 2003 TUTTI I CLIENTI SONO IDONEI 25 di 54

26 STRUTTURA DEL MERCATO DEL GAS Fonte: Snam Rete Gas 26 di 54

27 MODALITÀ TECNICO-ECONOMICHE RELATIVE AL SERVIZIO DI VETTORIAMENTO DEL GAS IL RIFERIMENTO NORMATIVO PRINCIPALE È COSTITUITO DAL D.LGS,N.164/00 DEL 23 MAGGIO 2000, CHE NORMA LA LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE GAS IN ITALIA RECEPENDO LA RELATIVA DIRETTIVA EUROPEA. SPECIFICAMENTE PER IL VETTORIAMENTO E LA RIGASSIFICAZIONE, L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS HA PUBBLICATO DUE DELIBERE DI RIFERIMENTO: - LA DELIBERAZIONE N. 237/00 DEL 28 DICEMBRE LA DELIBERAZIONE N. 120/01 DEL 30 MAGGIO 2001 Tali delibere hanno subito varie integrazioni e modifiche 27 di 54

28 IL SERVIZIO DI VETTORIAMENTO IL SERVIZIO DI VETTORIAMENTO DEL GAS È COSTITUITO DA DUE "TRATTI": IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE. IL TRASPORTO RIGUARDA IL TRATTO COMPRESO TRA IL PUNTO DI ENTRATA DEL GAS E NELLA RETE NAZIONALE O REGIONALE DEI GASDOTTI E IL PUNTO DI USCITA, SIA QUESTO IL PUNTO DI UTENZA FINALE O L'IMMISSIONE IN UNA RETE LOCALE DI DISTRIBUZIONE. LA DISTRIBUZIONE RIGUARDA IL TRATTO COMPRESO TRA SERVIZIO DI TRASPORTO E UTENTE FINALE. IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE È PRESENTE SOLO NEI CASI IN CUI LE UTENZE NON SIANO COLLEGATE DIRETTAMENTE ALLA RETE NAZIONALE O REGIONALE DEI GASDOTTI. LA DELIBERA N.120/01 NORMA IL TRASPORTO E RIMANDA, RACCORDANDOSI ALLE PARTI APPLICABILI, ALLA DELIBERA N.237/00 PER QUANTO RIGUARDA LA DISTRIBUZIONE. 28 di 54

29 IL TRASPORTO IN SEGUITO ALLA DELIBERA N.120/01, SNAM RETE GAS HA PUBBLICATO, ANCHE SUL PROPRIO SITO INTERNET, UN PROSPETTO CHE RIPORTA L ELENCO DELLE LUNGHEZZE DEI GASDOTTI CHE COLLEGANO I PUNTI DI RICONSEGNA, RAGGRUPPATI PER COMUNE, ALLA RETE NAZIONALE DI GASDOTTI. I GESTORI DELLE RETI NAZIONALE E REGIONALI DEI GASDOTTI DEVONO PRESENTARE ALL'AUTORITÀ, ENTRO IL 31 MARZO DI OGNI ANNO, PROPOSTE DI TARIFFE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO CHE TENGANO CONTO PRINCIPALMENTE DI VINCOLI SUI RICAVI. 29 di 54

30 LE PROPOSTE SONO SOTTOPOSTE ALL APPROVAZIONE DELL ALL'AUTORITÀ ENTRO 15 GIORNI DALLA DATA DI APPROVAZIONE DELLA TARIFFE DA PARTE DELL AUTORITÀ, LE IMPRESE PUBBLICANO, PER CIASCUN PUNTO DI ENTRATA E USCITA, I CORRISPETTIVI RELATIVI ALLE TARIFFE CHE RIMANGONO IN VIGORE PER TUTTO L ANNO TERMICO SUCCESSIVO, A DECORRERE DAL 1 OTTOBRE. 30 di 54

31 LA DISTRIBUZIONE I GESTORI DELLE RETI DI DISTRIBUZIONE DEVONO PRESENTARE ALL'AUTORITÀ, ENTRO IL 31 MARZO DI OGNI ANNO, PROPOSTE DI TARIFFE PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE CHE TENGANO CONTO PRINCIPALMENTE DI VINCOLI SUI RICAVI. LE PROPOSTE SONO APPROVATE DALL'AUTORITÀ LE IMPRESE PUBBLICANO ANNUALMENTE LE TARIFFE CHE RIMANGONO IN VIGORE PER TUTTO L ANNO SUCCESSIVO A DECORRERE DAL 1 LUGLIO. 31 di 54

32 OGNI DISTRIBUTORE APPLICA LE PROPRIE OPZIONI TARIFFARIE, RISPETTOSE DEI VINCOLI IMPOSTI DALL AUTORITA, POTENZIALMENTE DIVERSE DA OGNI ALTRO DISTRIBUTORE: OPZIONE TARIFFARIA È LA COMBINAZIONE DI QUOTE FISSE RAPPORTATE AGLI IMPEGNI DI PRELIEVO (ESPRESSE IN EURO/CLIENTE/ANNO O EURO/Sm 3 /GIORNO) E QUOTE VARIABILI RAPPORTATE ALL ENERGIA CONSUMATA O DISTRIBUITA (ESPRESSE IN EURO/MJ), AL NETTO DEGLI ONERI FISCALI, EVENTUALMENTE ARTICOLATE PER UN MASSIMO DI SETTE SCAGLIONI DI CONSUMO SU BASE ANNUALE, IN FUNZIONE DEGLI IMPEGNI DI PRELIEVO E/O DEI PERIODI DI CONSUMO SUL SITO INTERNET AEEG SONO CONSULTABILI LE OPZIONI TARIFFARIE PROPOSTE DAI DISTRIBUTORI E GIÀ APPROVATE DALL AUTORITÀ I DISTRIBUTORI PRESENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE RISULTANO CIRCA 540 (LA CONCENTRAZIONE IN ATTO HA RIDOTTO DA 750 AL VALORE ATTUALE NEL PERIODO ) 32 di 54

33 La tariffa di distribuzione è data da (fonte AEEG): una quota fissa che: per i clienti che consumano più di Sm 3 /anno è espressa in Euro/anno per Sm 3 /giorno per i clienti che consumano meno di Sm 3 /anno è espressa in Euro/anno/cliente: per scaglioni di consumo o, in alternativa, per classe di contatori: una quota variabile riferita ai consumi espressa in centesimi di Euro/MJ una eventuale quota aggiuntiva, richiesta dal Comune, destinata alle spese per la fornitura del gas a clienti in condizioni economiche disagiate, anziani e disabili. L'impresa ha la facoltà di scegliere in quale proporzione ripartire la tariffa tra quota fissa e quota variabile. 33 di 54

34 TARIFFE PER IL TRASPORTO LA CAPACITÀ DI TRASPORTO È LA QUANTITÀ MASSIMA DI GAS CHE UN UTENTE PUÒ IMMETTERE NELLA RETE O PRELEVARE DALLA RETE ED È ESPRESSA IN Sm 3 /GIORNO LA TARIFFA PER IL TRASPORTO PER IL SERVIZIO CONTINUO SU BASE ANNUALE È DI TIPO BINOMIO DA ANNO TERMICO 05-06, VALE A DIRE È COSTITUITA DA TRE PRINCIPALI ELEMENTI. UN TERMINE DEFINIBILE DI "ABBONAMENTO" ABBONAMENTO", DENOMINATO CF, ESPRESSO IL /PUNTO DI RICONSEGNA (SI RICORDA CHE IL PUNTO DI RICONSEGNA PER IL TRASPORTO È L'UTENZA FINALE OPPURE IL DISTRIBUTORE LOCALE) ELIMINATO PER L ANNO E SOSTITUITO DAL CM (corrispettivo per la misura) DEFINITO DALL AEEG. UN TERMINE LEGATO ALLA CAPACITÀ DI TRASPORTO CONFERITA ESPRESSA IN Sm 3 /GIORNO, ARTICOLATO PER RETE NAZIONALE E REGIONALE, ESPRESSO IN ( /ANNO)/(Sm 3 /GIORNO). UN TERMINE LEGATO AL CONSUMO, PROPORZIONALE AI VOLUMI DI GAS TRASPORTATI, ESPRESSO IN /GJ 34 di 54

35 LA FORMULA CHE ESPRIME LA TARIFFA DI TRASPORTO RISULTA T = (Ke. CPe) + (Ku. CPu) + (Kr. CRr) + CM + E. (CV+CVP) termine di impegno, articolato su reti nazionale e regionali termine fisso termine proporzionale al consumo I CORRISPETTIVI UNITARI DI CAPACITÀ FACENTI PARTE DELLA TARIFFA T SONO ESPRESSI CON RIFERIMENTO A UN METRO CUBO DI GAS IN CONDIZIONI STANDARD, OVVERO ALLA PRESSIONE ASSOLUTA DI 1,01325 BAR E ALLA TEMPERATURA DI 15 C. 35 di 54

36 Ke è la capacità conferita all utente nel punto di entrata e della rete nazionale di gasdotti, espressa in Sm 3 /giorno CPe è il corrispettivo unitario di capacità per il trasporto sulla rete nazionale di gasdotti relativo ai conferimenti nel punto di entrata e della rete nazionale di gasdotti, espresso in / Sm 3 giorno Ku è la capacità conferita all utente nel punto di uscita u della rete nazionale di gasdotti, espressa Sm 3 /giorno CPu è il corrispettivo unitario di capacità per il trasporto sulla rete nazionale di gasdotti, relativo ai conferimenti nel punto di uscita u della rete nazionale di gasdotti, espresso in /Sm 3 giorno Kr è la capacità conferita all utente nel punto di riconsegna r delle reti regionali di gasdotti, espressa in Sm 3 /giorno CRr è il corrispettivo unitario di capacità per il trasporto sulle reti regionali, relativo ai conferimenti nel punto di riconsegna r delle reti regionali di gasdotti, espresso in / Sm 3 giorno CM è il corrispettivo di misura per ciascun punto di riconsegna, definito dall Autorità con successivo provvedimento; E è l energia associata al gas immesso in rete, espressa in GJ CV è il corrispettivo unitario variabile, espresso in /GJ CV P è il corrispettivo integrativo, espresso in /GJ 36 di 54

37 CONFERIMENTO DELLA CAPACITÀ DI TRASPORTO IL CONFERIMENTO DELLA CAPACITÀ DI TRASPORTO NEI PUNTI DI ENTRATA, USCITA E RICONSEGNA, È EFFETTUATO DALL IMPRESA DI TRASPORTO, ENTRO IL GIORNO 1 SETTEMBRE DI OGNI ANNO CON DECORRENZA 1 OTTOBRE. PER CONFERIMENTO AD ANNO TERMICO AVVIATO, SI FA RIFERIMENTO AL CODICE DI RETE DEL TRASPORTATORE. LA DELIBERA N.137/02 DETERMINA LE MODALITA' E I REQUISITI PER LA RICHIESTA DI CONFERIMENTO DI CAPACITA'. La delibere 91/03 e 22/04, che pongono le basi per la costituzione di una borsa del gas prevede la futura modifica della 137/02 per tenere conto di situazioni svantaggiose che si creano a causa della rigidità del sistema di assegnazione delle capacità. LA DELIBERA 22/04 PREVEDE LA CREAZIONE DI UN MERCATO GIORNALIERO DELLE CAPACITA PRESSO I PUNTI DI ENTRATA ALLA RNG INTERCONNESSI CON L ESTERO E CON I TERMINALI GNL. 37 di 54

38 MODALITA' OPERATIVE PER IL BILANCIAMENTO OGNI SETTIMANA PER QUELLA SEGUENTE L'UTENTE COMUNICA LE PRENOTAZIONI GIORNALIERE PER CIASCUN PUNTO DI CONSEGNA E RICONSEGNA E ALTRE INFORMAZIONI RICHIESTE. L UTENTE CONFERMA OGNI GIORNO PER QUELLO SEGUENTE LE PRENOTAZIONI GIORNALIERE DELLE CAPACITÀ. 38 di 54

39 L'UTENTE HA DIRITTO ALLA CAPACITÀ DI TRASPORTO CONFERITAGLI, VALE A DIRE DISPONE DI UN VALORE DI PORTATA GIORNALIERA, ESPRESSA IN Sm 3 /GIORNO, QUALE LIMITE SUPERIORE DI PRELIEVO GIORNALIERO. PER QUESTO DIRITTO PAGA LA TARIFFA. SE I PRELIEVI CORRISPONDONO ALLE IMMISSIONI SIA SU BASE GIORNALIERA SIA SU BASE MENSILE E NON VENGONO SUPERATI VALORI DI CAPACITÀ CONFERITA, NULLA È DOVUTO OLTRE LA TARIFFA. I LIVELLI DI CONTROLLO SUI PARAMETRI SONO TRE CSE srl - Pavia - Roma BILANCIAMENTO DELL'ENERGIA IMMESSA/PRELEVATA SU BASE GIORNALIERA (disequilibrio) BILANCIAMENTO DELL'ENERGIA IMMESSA/PRELEVATA SU BASE MENSILE SCOSTAMENTI DEI PRELIEVI GIORNALIERI RISPETTO ALLA CAPACITÀ DI TRASPORTO CONFERITA (superi) 39 di 54

40 TARIFFE PER LA DISTRIBUZIONE IL RIFERIMENTO NORMATIVO È COSTITUITO DALLA DELIBERA DELL'AUTORITÀ N.237/00, MODIFICATA E INTEGRATA CON LE SUCCESSIVE DELIBERE N.4/01, 25/01, 58/01 E N.122/02. I DISTRIBUTORI SONO SOGGETTI ALL'OBBLIGO DI PUBBLICAZIONE DELLE TARIFFE PER LA VENDITA DEL GAS ALLE UTENZE DEL MERCATO VINCOLATO E DEVONO EVIDENZIARE LA PARTE DI TARIFFA RELATIVA AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DISTINGUENDOLA DALLE ALTRE PARTI. SI TRATTA DI TARIFFE NORMALMENTE BINOMIE CON UN TERMINE FISSO (ESPRESSO IN /ANNO PUNTO DI RICONSEGNA O LEGATO ALLA CAPACITA' CONFERITA) E UN TERMINE A SCAGLIONI LEGATO AI VOLUMI DI GAS DISTRIBUITI, DECRESCENTE CON L'AUMENTARE DEGLI SCAGLIONI. GLI SCAGLIONI SONO SCELTI DAL DISTRIBUTORE TRA QUELLI PROPOSTI DALL'AUTORITÀ. 40 di 54

41 TARIFFE PER LA DISTRIBUZIONE - esempio Tariffa di distribuzione locale del gas Comune di pcs CH 4 38,1 MJ/Sm 3 Distributore Numero scaglione Minimo di scaglione Massimo di scaglione Energia di scaglione Volume di scaglione Tariffa Costo [MJ] [MJ] [MJ] [Sm 3 ] [c /MJ] [ ] , , , , , , , , , , , , , ,00 Capacità Sm 3 /d Costo fisso 0,9 /anno/sm 3 /d ,00 Totale ,54 Costo specifico 1,668 c /Sm 3 32,30 Lit/Sm 3 Volume trasportato [Sm 3 ] Energia trasportata [MJ] di 54

42 IMPOSTE LE IMPOSTE SONO STABILITE IN BASE AL DECRETO LEGISLATIVO N.504/95 ED ALLE SUCCESSIVE LEGGI FINANZIARIE. METANO PER USI INDUSTRIALI IL PREZZO DEL GAS METANO PER USI INDUSTRIALI È GRAVATO DI UN'IMPOSTA SUL CONSUMO PARI A 1,249 c /Sm 3 E DI UN ALIQUOTA REGIONALE VARIABILE TRA 0,5165 E 2,5823 c /Sm 3, DOVE APPLICATE (SINO AL 50% DELL ERARIALE CON UN MASSIMO DI 2,5823 c /Sm 3 ) PER IL 2002 E FINO A LUGLIO 2003 E DI NUOVO DA METÀ OTTOBRE 2003 L ACCISA SUL GAS METANO È RIDOTTA DEL 40% PER LE FORNITURE DI METANO INDUSTRIALE CHE ABBIANO SUPERATO NELL ANNO PRECEDENTE IL CONSUMO DI Sm 3 /ANNO. 42 di 54

43 METANO PER USI CIVILI IL PREZZO DEL METANO PER USI CIVILI (ESCLUSO L USO DOMESTICO) È GRAVATO DI UN IMPOSTA SUL CONSUMO PARI A 17,33 c /Sm 3 E DI UN ALIQUOTA REGIONALE VARIABILE TRA 0,5165 E 2,5823 c /Sm 3 DOVE APPLICATE (SINO AL 50% DELL ERARIALE CON UN MASSIMO DI 2,5823 c /Sm 3 ). 43 di 54

44 METANO PER PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA IL METANO DESTINATO ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA È SOGGETTO A UNA AGEVOLAZIONE DI TIPO FISCALE LA MISURA DELLA QUOTA DI METANO AGEVOLATA VIENE EFFETTUATA SULLA BASE DEL METANO ATTRIBUIBILE ALLA SOLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA (DA MISURATORE FISCALE UTF) E NON SU TUTTO IL METANO EFFETTIVAMENTE CONSUMATO DALL IMPIANTO DI PRODUZIONE, CON LA VALORIZZAZIONE DI 0,250 Sm 3 /kwh. L IMPOSTA ERARIALE E PARI A 0,045 c /Sm 3, NON SI APPLICA L IMPOSTA REGIONALE PER IMPIANTI DI AUTOPRODUZIONE E AUTOCONSUMO L IMPOSTA ERARIALE E PARI A 0,0138 c /Sm 3, NON SI APPLICA L IMPOSTA REGIONALE 44 di 54

45 IL PREZZO DI FORNITURA DEL GAS CSE srl - Pavia - Roma

46 VALUTAZIONI E OPPORTUNITA ALLO STATO ATTUALE IL MERCATO PRESENTA, PER TUTTE LE UTENZE, LA POSSIBILITÀ DI: RESTARE CON L ATTUALE FORNITORE, SE DISTRIBUTORE LOCALE INDIVIDUARE UN FORNITORE E STIPULARE UN CONTRATTO DI FORNITURA A PREZZI CONTRATTATI POSSIBILI CONTRATTI CONTRATTI CON TARIFFA DI TIPO MONOMIO: VIENE PROPOSTO UN PREZZO INIZIALE, RISULTATO DI UNA VALUTAZIONE FATTA SULLA BASE DEL PROFILO DI CONSUMO PREVISTO E SOTTOSCRITTO DAL CLIENTE E DELLA MASSIMA PUNTA ANNUALE DI PRELIEVO. TALE PREZZO È DUNQUE DIVERSO DA CLIENTE A CLIENTE. SONO PREVISTE CORREZIONI DI TALE PREZZO (PENALI O ACCREDITI) QUALORA L EFFETTIVO PROFILO DI PRELIEVO DEL CLIENTE SI DISCOSTI, IN MODO PIÙ O MENO GRAVOSO PER IL FORNITORE, DA QUANTO SOTTOSCRITTO CONTRATTUALMENTE. 46 di 54

47 CONTRATTI CON TARIFFA DI TIPO BINOMIO: VIENE PROPOSTA UNA TARIFFA COSTITUITA DA UNA PARTE FISSA, LEGATA ALLE CAPACITÀ IMPEGNATE, E DA UNA PARTE VARIABILE LEGATA AGLI EFFETTIVI CONSUMI. CONTRATTI TAKE OR PAY: LA FORNITURA È PIÙ O MENO RIGIDAMENTE CORRELATA A PROFILI DI CONSUMO STABILITI IN PRECEDENZA, CON MECCANISMI DI PENALIZZAZIONE PER SCOSTAMENTI TRA PRELIEVI E PREVISIONI. POSSONO ESSERE A TARIFFA FISSA PER IL PERIODO CONTRATTUALE, O CON PREZZI LEGATI A UN PANIERE. 47 di 54

48 MECCANISMI DI ADEGUAMENTO DEI PREZZI GENERALMENTE, AI CLIENTI CHE ACCEDONO AL MERCATO LIBERO, I FORNITORI RICHIEDONO IL PROFILO DI CONSUMO PREVISTO. GLI SCOSTAMENTI DA TALE PROFILO POSSONO ESSERE PENALIZZATI IN MODO PIÙ O MENO PESANTE. EVENTUALI SUPERI DI CAPACITÀ GIORNALIERA SONO PENALIZZATI ALLA FINE DEL PERIODO CONTRATTUALE SONO GENERALMENTE PREVISTI AGGIUSTAMENTI (CONGUAGLI POSITIVI O NEGATIVI) IN RELAZIONE AGLI EFFETTIVI VOLUMI PRELEVATI. I CORRISPETTIVI E LE EVENTUALI FRANCHIGE DIPENDONO DAL FORNITORE. 48 di 54

49 MECCANISMO DI AGGIORNAMENTO DELLE TARIFFE IN GENERALE, IL MECCANISMO DI AGGIORNAMENTO DEI PREZZI È LEGATO AL CAMBIO EURO/DOLLARO E ALL ANDAMENTO DEI PREZZI DI UN PANIERE DI PRODOTTI PETROLIFERI, TIPICAMENTE GASOLIO, OLIO BTZ, OLIO ATZ E GREGGI (PANIERE OPEC O BRENT). ESISTONO VARI PANIERI (COMPRESO IL PANIERE AEEG) CON DIVERSI PERIODI DI OSSERVAZIONE. ALCUNI FORNITORI LASCIANO AL CLIENTE LA SCELTA TRA DIVERSE SOLUZIONI I FORNITORI PROPONGONO GENERALMENTE DODICI, NOVE O SEI MESI. PERIODI DI OSSERVAZIONE BREVI ACCENTUANO L ANDAMENTO STAGIONALE DEL PREZZO DEL GAS E EVENTUALI SBALZI DEL MERCATO. LE QUOTAZIONI UTILIZZATE COME RIFERIMENTO SONO SOLITAMENTE LE RILEVAZIONI PLATT S, IPE, WTI ED IL CAMBIO PUBBLICATO DAL UIC. 49 di 54

50 CONVENZIONALMENTE I PANIERI VENGONO INDICATI CON UN INDICE (ES , 9.2.3, ) E I COMBUSTIBILI IN PANIERE (gasolio, BTZ, ATZ, GREGGI, BRENT ). DATO L INDICE X.Y.Z, I NUMERI ASSUMONO I SEGUENTI SIGNIFICATI: X = numero di mesi su cui viene effettuata la media aritmetica delle quotazioni mensili dei combustibili di riferimento; Y = ritardo espresso in mesi da cui parte il calcolo della media ; Z = cadenza in mesi dell aggiornamento dei prezzi. CSE srl - Pavia - Roma ES. INDICE SIGNIFICA CHE PER IL MESE DI GENNAIO 2006 L INDICE VIENE CALCOLATO CONSIDERANDO LA MEDIA SU 9 MESI DELLE QUOTAZIONI DEI COMBUSTIBILI CONSIDERATI PARTENDO DAL MESE DI NOVEMBRE 2005 A RITROSO FINO AL MESE DI DICEMBRE L AGGIORNAMENTO SUCCESSIVO DECORRERA DA APRILE TALI MEDIE MENSILI POSSONO POI ESSERE CONSIDERATE CON I RISPETTIVI CAMBIO /$ MENSILI OPPURE RIPORTATE IN CON IL CAMBIO DEL MESE DI FORNITURA 50 di 54

51 OGNI INDICE PREVEDE DEI COEFFICIENTI MOLTIPLICATIVI PER OGNI QUOTAZIONE MEDIA DI COMBUSTIBILE IN PANIERE. LA DIFFERENZA TRA L INDICE COSI CALCOLATO E L INDICE DI PARTENZA CONTRATTUALE MOLTIPLICATA PER UNA COSTANTE FORNISCE IL DELTA PREZZO DA APPLICARE AL PREZZO DI PARTENZA P0. OGNI INDICIZZAZIONE DEL PREZZO DI FORNITURA RISULTA QUINDI RICONDUCIBILE ALLO SCHEMA DESRCITTO. LA SCELTA DEL MIGLIOR INDICE IN RAPPORTO AI PROPRI VOLUMI ED ALLA TIPOLOGIA DELLA PROPRIA FORNITURA (IN PARTICOLARE LA STAGIONALITA ) CONSENTE DI OTTIMIZZARE IL CONTRATTO. ESCLUSO IL PRINCIPALE FORNITORE ITALIANO, TUTTI GLI ALTRI FORNITORI PREDILIGONO UNA O DUE INDICIZZAZIONI CHE CORRISPONDONO A QUELLA A LORO APPLICATA IN ACQUISTO. LA RICHIESTA DI AVERE OFFERTE CON INDICIZZAZIONI DIFFERENTI DA QUELLE PREFERITE COMPORTA DA PARTE DEL FORNITORE UNA COPERTURA DEL RISCHIO CHE SI CONFIGURA COME UN INCREMENTO DEL PREZZO DI VENDITA. 51 di 54

52 CONTRATTI CON TARIFFA FISSA: SONO INOLTRE POSSIBILI CONTRATTI A PREZZO FISSO PER TUTTA LA DURATA DELLA FORNITURA TALI CONTRATTI POSSONO ESSERE STIPULATI DIRETTAMENTE CON IL FORNITORE, CHE SI CAUTELA DAI RISCHI DEL MERCATO CON OPPORTUNI STRUMENTI FINANZIARI-ASSICURATIVI, O INTEGRANDO UNA FORNITURA TRADIZIONALE (QUINDI LEGATA ALL ANDAMENTO DI UN DETERMINATO PANIERE) CON UN CONTRATTO DI TIPO ASSICURATIVO (CONTRATTO PER DIFFERENZA) ALCUNI FORNITORI STIPULANO CONTRATTI DI APPROVVIGIONAMENTO A TARIFFA FISSA E PERTANTO SON PIÙ FACILMENTE DISPONIBILI A PROPORRE CONTRATTI A TARIFFA FISSA 52 di 54

53 Prezzi medi delle gas naturale per utenze sul mercato libero Utenze industriali con consumo stagionale 0,2 0,5 MSm 3 /anno 35,0 40,0 c /Sm 3 0,5 1,0 MSm 3 /anno 33,0 34,0 c /Sm 3 1,0 2,5 MSm 3 /anno 30,5 32,0 c /Sm 3 2,5 10,0 MSm 3 /anno 30,0 31,5 c /Sm 3 Utenze industriali con consumo piatto 2,5 10,0 MSm 3 /anno 29,5 31,0 c /Sm 3 10,0 30,0 MSm 3 /anno 29,2 30,5 c /Sm 3 oltre 30,0 MSm 3 /anno fino a 30,0 c /Sm 3 Utenze non industriali con consumo stagionale 0,2 0,5 MSm 3 /anno 53,0 58,0 c /Sm 3 0,5 1,0 MSm 3 /anno 51,0 52,0 c /Sm 3 1,0 2,5 MSm 3 /anno 48,0 49,0 c /Sm 3 Valori medi annui 2006 con ipotesi di costo 2 trimestre 2006 allacciate direttamente su rete SRG 53 di 54

54 Dispensa CSE - Edizione fuori commercio Giugno 2006 Copyright CSE CSE srl - Pavia - Roma

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012 Dati di sintesi Il gruppo Snam LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti) opera in modo

Dettagli

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2 CONTESTO NORMATIVO 1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) IL DECRETO LEGISLATIVO N 164/00... 2 3) DELIBERE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS RILEVANTI AI FINI DELLA

Dettagli

TARIFFE DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO PER L ANNO TERMICO 1 OTTOBRE 2002-30 SETTEMBRE 2003

TARIFFE DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO PER L ANNO TERMICO 1 OTTOBRE 2002-30 SETTEMBRE 2003 TARIFFE DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO PER L ANNO TERMICO 1 OTTOBRE 2002-30 SETTEMBRE 2003 La Tariffe di Trasporto e Dispacciamento è stata calcolata secondo i criteri stabiliti dall Autorità per l Energia

Dettagli

LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA?

LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA? LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA? RELATORE Ing. Giuseppe Coduri Servizi Industriali srl ANDAMENTO PREZZI ENERGIA contratti di approvvigionamento 19/05/2011

Dettagli

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2

1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2 CONTESTO NORMATIVO 1) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO EUROPEO... 2 2) REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO DEL GAS IN AMBITO ITALIANO... 2 3) DELIBERE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL

Dettagli

Liberalizzazione, accise, diritti doganali

Liberalizzazione, accise, diritti doganali Liberalizzazione, accise, diritti doganali Roma, 2 luglio 2002 L attività di trasporto del gas nel nuovo mercato liberalizzato Francesco Carìa Responsabile Operazioni Commerciali Snam Rete Gas S.p.A. Agenda

Dettagli

CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI

CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI CONTABILITÀ ENERGETICA PER LA GESTIONE E PIANIFICAZIONE DEI COSTI ENERGETICI AZIENDALI RELATORE Ing. Giuseppe Coduri Servizi Industriali srl Gestione costi energetici 18/03/2010 ENERGIA: VOCE DI COSTO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 DICEMBRE 2014 672/2014/R/GAS AGGIORNAMENTO, PER IL TRIMESTRE 1 GENNAIO - 31 MARZO 2015, DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE PER IL SERVIZIO DI TUTELA E MODIFICHE

Dettagli

IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS. Ing.

IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS. Ing. IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS Ing. Claudio DI MACCO LA FILIERA DEL GAS NATURALE Importazione/produzione nazionale Rigassificazione

Dettagli

IL MERCATO VINCOLATO DEL GAS METANO IN ITALIA

IL MERCATO VINCOLATO DEL GAS METANO IN ITALIA IL MERCATO VINCOLATO DEL GAS METANO IN ITALIA dott. ing. Davide Mariani Pavia, 03/05/02 CSE SRL VIA RIVIERA, 39 27100 PAVIA TEL. 0382 528850 FAX 0382 528851 VIALE ASIA, 11 00144 ROMA TEL. 06 5921692/3

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

Merceologia delle Risorse Naturali

Merceologia delle Risorse Naturali GAS NATURALE-ORIGINI Il gas naturale è un combustibile fossile di origine organica, costituito in massima parte da metano (CH4). Il gas naturale si trova nel sottosuolo, normalmente negli stessi giacimenti

Dettagli

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas

Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Delibera 167/10 Autorità per l'energia Elettrica e il Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero: è il mercato in cui

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

La filiera del gas naturale

La filiera del gas naturale La filiera del gas naturale Per comprendere appieno le caratteristiche del servizio di distribuzione bisogna inserirlo nel contesto più ampio della filiera del gas. Bisognerà analizzare, almeno nelle fasi

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE 3 5 4 6 1 2 7 8 9 10 11 Pag. 1 di 9 12 13 14 15 16 18 19 Pag. 2 di 9 20 Pag. 3 di 9 21 Pag. 4 di 9 22 Pag. 5 di 9 RIEPILOGO DATI FATTURA 1 INTESTATARIO DELLA FORNITURA: sono i dati che identificano il

Dettagli

IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA. VICENZA 29 MARZO 2012 Stefano Zennaro 2012

IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA. VICENZA 29 MARZO 2012 Stefano Zennaro 2012 IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA VICENZA 29 MARZO 2012 La filiera del mercato del gas naturale Approvvigionamento Sistema infrastrutturale Vendita Produzione nazionale Importazione GNL

Dettagli

Gas Naturale. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia

Gas Naturale. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia Gas Naturale 2009 Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione ref. Osservatorio Energia Il Rapporto è stato realizzato dal gruppo di lavoro dell Osservatorio Energia sotto la supervisione scientifica

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE 8 ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE 8 ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE 8 ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO PREMESSA L Agenzia Intercent-ER ha pubblicato una procedura di gara per la fornitura di gas naturale alla quale potranno

Dettagli

I prezzi del gas e dell energia elettrica nel mercato liberalizzato. A.S.SE.M. SpA

I prezzi del gas e dell energia elettrica nel mercato liberalizzato. A.S.SE.M. SpA I prezzi del gas e dell energia elettrica nel mercato liberalizzato A.S.SE.M. SpA 1 La liberalizzazione del mercato dell'energia elettrica La liberalizzazione del mercato elettrico è stata avviata in Italia

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. CXLI n. 2 RELAZIONE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS (Al 31 marzo 2007) (Articolo

Dettagli

Lo scambio sul posto (SSP)

Lo scambio sul posto (SSP) Lo scambio sul posto (SSP) Il modulo approfondisce le caratteristiche e le condizioni relative al regime di "Scambio su posto", presentandone definizioni, procedure, modalità e regole tecniche. Il meccanismo

Dettagli

TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 2014 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014

TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 2014 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 214 1 GENNAIO 214 1 DICEMBRE 214 Le tariffe di trasporto relative all anno 214 sono state calcolate secondo i criteri stabiliti dall Autorità per l energia elettrica ed

Dettagli

TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 2015 1 GENNAIO 2015-31 DICEMBRE 2015

TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 2015 1 GENNAIO 2015-31 DICEMBRE 2015 TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 215 1 GENNAIO 215 1 DICEMBRE 215 Le tariffe di trasporto relative all anno 215 sono state calcolate secondo i criteri stabiliti dall Autorità per l energia elettrica il

Dettagli

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Spesa per la materia gas naturale Spesa per il trasporto e la gestione

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Facile Fisso 12! F0 0,0618. Id. E100172-1 0,0648 0,0562. Id. E100173-1 F1 F2 F3 0,0649 0,0646 0,0523

Facile Fisso 12! F0 0,0618. Id. E100172-1 0,0648 0,0562. Id. E100173-1 F1 F2 F3 0,0649 0,0646 0,0523 Facile Il prezzo della fornitura di energia elettrica, al netto delle imposte e di quanto espressamente previsto nelle condizioni generali di fornitura (CGF) per tutti i punti di prelievo indicati nell

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNCATO Energia: da ottobre nessun aumento per l elettricità, gas +5,5% Sui prezzi del gas hanno pesato le quotazioni del petrolio e l incremento dell va Milano,

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione n. 224 del 13/12/2000 Disciplina delle condizioni tecnico-economiche del servizio di scambio sul posto dell energia elettrica prodotta da impianti

Dettagli

Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di mercato libero con l offerta tariffa sicura

Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di mercato libero con l offerta tariffa sicura Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di mercato libero con l offerta tariffa sicura Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Tariffa di vendita (Offerta

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

1 - Schema normativo meccanismi di sostegno e vincoli. Alessandro Bertoglio ASSOCARTA

1 - Schema normativo meccanismi di sostegno e vincoli. Alessandro Bertoglio ASSOCARTA 1 - Schema normativo meccanismi di sostegno e vincoli Alessandro Bertoglio ASSOCARTA Prima definizione di cogenerazione Decreto legislativo 79/99 (decreto Bersani): Definizione articolo 2, comma 8: Cogenerazione

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

- rilevazione al 1 aprile 2012 -

- rilevazione al 1 aprile 2012 - I MERCURIALI DELL ENERGIA I prezzi del gas naturale praticati alle imprese lucane - rilevazione al 1 aprile 2012 - Primo numero del mercuriale del gas naturale Con il secondo trimestre entra a regime anche

Dettagli

MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO DECRETO 21 novembre 2000

MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO DECRETO 21 novembre 2000 GU n. 280 del 30-11-2000 MINISTERO DELL'INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO DECRETO 21 novembre 2000 Cessione dei diritti e delle obbligazioni relativi all'acquisto di energia elettrica prodotta

Dettagli

- rilevazione al 1 ottobre 2012 -

- rilevazione al 1 ottobre 2012 - I MERCURIALI DELL ENERGIA I prezzi del gas naturale praticati alle imprese lucane - rilevazione al 1 ottobre 2012 - In sintesi Tornano le tensioni al rialzo sui prezzi del gas naturale per le imprese lucane

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 13 settembre 2013 Termini e condizioni di partecipazione del settore termoelettrico nelle situazioni di emergenza alla riduzione dei consumi di gas per l'anno

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

FORZA DOPPIA CASA OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA CASA OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA FORZA DOPPIA CASA OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Mercato libero Validità offerta: fino al 25 gennaio 2016 Denominazione: FORZA DOPPIA CASA Codice: ATFDC/2015 Destinatari offerta La presente offerta

Dettagli

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo Workshop 1 Quadro normativo Con legge n. 481 del 14 novembre 1995 è stata istituita l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (www.autorita.energia.it) che ha il compito di tutelare gli interessi dei

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

Autorità per l 'energia elettrica il gas

Autorità per l 'energia elettrica il gas - 9 - Autorità per l 'energia elettrica il gas SEi'.!,\.:,\1 e il sistema idrico GAf ~ l. r:::-=--":-~- ~~~-~~~~..,.-~~-.! SENATO DELLA RFPl TBBLICA Segretariatr> Gcneraif ~~~--.: P:oi. i c :-J~.. 00177

Dettagli

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo?

La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? La bolletta elettrica: quanto e cosa paghiamo? Maria Rosalia Cavallaro Area Analisi Economico Finanziarie Indice La filiera elettrica Approvvigionamento Infrastruttura Vendita Sistema tariffario Sistema

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44 Incentivi: il Conto Energia Il Conto energia arriva in Italia attraverso la Direttiva comunitaria per le fonti rinnovabili (Direttiva 2001/77/CE), che viene recepita con l'approvazione da parte del Parlamento

Dettagli

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE 4 Le bollette dei vettori energetici appaiono generalmente quasi un documento oscuro, quasi cripticocriptate. Vengono In esse si trovanoinnumerevoliriportate

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Delibera ARG/elt 37/08

Delibera ARG/elt 37/08 Delibera ARG/elt 37/08 Aggiornamento per il trimestre aprile - giugno 2008 delle condizioni economiche del servizio di vendita di energia elettrica di maggior tutela L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Gestire il boom fotovoltaico. Le novità sullo scambio sul posto

Gestire il boom fotovoltaico. Le novità sullo scambio sul posto Gestire il boom fotovoltaico A cura di QualEnergia e ANEA Le novità sullo scambio sul posto Ing. Gervasio Ciaccia Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili, produzione di energia e impatto ambientale Autorità

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata

Dettagli

INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA

INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA RELATORE Dott. Sergio Pontiggia Servizi Industriali srl Cogenerazione e pompe di calore: soluzioni di efficienza energetica nelle imprese 24 giugno 2009 Fonte: GSE

Dettagli

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti La missione dell Autorita per l Energia Elettrica e il Gas Autorità per l Energia Elettrica e il Gas Garantire la promozione della concorrenza e dell efficienza, assicurare adeguati livelli di qualità

Dettagli

www.gala.it/bollettatrasparente

www.gala.it/bollettatrasparente GLOSSARIO BOLLETTA ENERGIA ELETTRICA QUADRO SINTETICO: INFORMAZIONI RELATIVE AL CLIENTE FINALE, AL PUNTO DI PRELIEVO E ALLA TIPOLOGIA CONTRATTUALE Mercato Libero. Dal 1 luglio 2007 il mercato dell'energia

Dettagli

8 Il Gruppo Snam. Il Gruppo Snam

8 Il Gruppo Snam. Il Gruppo Snam 8 Il Gruppo Snam Il Gruppo Snam Il Gruppo Snam 9 LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti)

Dettagli

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09

Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Testo risultante dalle modifiche ed integrazioni apportate con deliberazione 11 febbraio 2009, EEN 1/09 Deliberazione 16 dicembre 2004 Determinazione del contributo tariffario da erogarsi ai sensi dell

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA

RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA 19 SETTEMBRE 2013 QUESTA PRESENTAZIONE NON COSTITUISCE UN DOCUMENTO UFFICIALE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Per ulteriori informazioni e consigli

Per ulteriori informazioni e consigli Per ulteriori informazioni e consigli Alcuni siti presso i quali è possibile visionare e scaricare consigli utili a risparmiare energia sia nell uso quotidiano sia nel corretto acquisto di determinati

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio elettricità +0,7%, nessun aumento per il gas Al via il nuovo Metodo tariffario idrico e un indagine per le

Dettagli

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Criteri, condizioni e modalità cui si conforma la società SNAM S.p.A. per adottare il modello di separazione proprietaria della gestione della rete nazionale

Dettagli

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria ALLEGATO A1.4 AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEL TERRITORIO COMUNALE DI ACQUI TERME CAPITOLATO TECNICO DI GESTIONE

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012

Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 Osservatorio SosTariffe.it Energia Elettrica Ottobre 2012 FORNITURA ENERGIA ELETTRICA: CON QUALI TARIFFE RISPARMIO SE UTILIZZO UNA POTENZA CONTRATTUALMENTE IMPEGNATA MAGGIORE? INDICE p. 1 1. Introduzione

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO (Febbraio 2009)

AGGIORNAMENTO NORMATIVO (Febbraio 2009) AMBIENTE AGGIORNAMENTO NORMATIVO (Febbraio 2009) Estremi MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE - DECRETO 18 novembre 2008 Titolo Estensione della validità del riconoscimento

Dettagli

CAPITOLO 8 BILANCIAMENTO E REINTEGRAZIONE DEGLI STOCCAGGI

CAPITOLO 8 BILANCIAMENTO E REINTEGRAZIONE DEGLI STOCCAGGI CAPITOLO 8 BILANCIAMENTO E REINTEGRAZIONE DEGLI STOCCAGGI 8.1 PREMESSA... 135 8.2 ALLOCAZIONI... 136 8.2.1 Ripartizione delle Allocazioni per tipologia di servizio... 139 8.2.2 Allocazioni giornaliere...

Dettagli

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 TESTO INTEGRATO DELLE MODALITÀ E DELLE CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER LO SCAMBIO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTA la legge 9 gennaio 1991, n. 9, ed in particolare l articolo 22, comma 5, secondo cui, nell ambito del regime giuridico degli impianti di produzione di energia

Dettagli

CAPITOLO 7 SISTEMA TARIFFARIO

CAPITOLO 7 SISTEMA TARIFFARIO CAPITOLO 7 SISTEMA TARIFFARIO Cap. 7 1 SISTEMA TARIFFARIO GAS NATURALE COMBUSTIBILI LIQUIDI ENERGIA ELETTRICA Cap. 7 2 GAS NATURALE EVOLUZIONE DEL SETTORE IL DECRETO LEGISLATIVO n. 164 DEL 23/5/2000 HA

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: bollette ancora in calo, dal 1 luglio energia elettrica -1%, gas -7,7% Da inizio anno calo medio totale del 13,1% - La spesa media annua delle

Dettagli

Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori

Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori Andrea Rosazza Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione Mercati UNAE Veneto - Padova 26 settembre

Dettagli

ALLEGATO B - GLOSSARIO PER LA BOLLETTA DELLA FORNITURA DI GAS NATURALE

ALLEGATO B - GLOSSARIO PER LA BOLLETTA DELLA FORNITURA DI GAS NATURALE GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente al cliente

Dettagli

FORZA DOPPIA SEMPLICE FIX OFFERTA ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA SEMPLICE FIX OFFERTA ENERGIA ELETTRICA FORZA DOPPIA SEMPLICE FIX OFFERTA ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 25 Gennaio 2016 Denominazione: FORZA DOPPIA SEMPLICE FIX Codice: ATEFSF/15 Destinatari offerta La presente offerta è riservata

Dettagli

Voce presente in bolletta. Elementi minimi obbligatori. Descrizione

Voce presente in bolletta. Elementi minimi obbligatori. Descrizione GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente al cliente

Dettagli

Libero mercato del gas e metano per auto: opportunità e problemi

Libero mercato del gas e metano per auto: opportunità e problemi ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 Libero mercato del gas e metano per auto: opportunità e problemi Fabio Bordoni Presidente Consorzio C.E.M. Il passaggio al mercato libero Nell anno 2000 con l attuazione

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno POLYGEN: COGENERAZIONE DIFFUSA E TRIGENERAZIONE Verona, Solarexpo, 16 maggio 2008 Andrea Galliani

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

GUIDA DI ORIENTAMENTO

GUIDA DI ORIENTAMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI ORIENTAMENTO ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO 1 DEFINIZIONE DI BOLLETTA... 3 2 LE PRINCIPALI VOCI DI COSTO DELLA BOLLETTA... 3 2.1 Servizi

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO

DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO 1 INDICE INDICE 2 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO

Dettagli

Bolletta sintetica. Descrizione. Elementi minimi obbligatori 1

Bolletta sintetica. Descrizione. Elementi minimi obbligatori 1 Pag. 1 di 5 Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente al cliente finale e che riporta le informazioni relative

Dettagli

2. Nella sezione Contatti trovi tutti i riferimenti per comunicare con noi, per ricevere informazioni e assistenza relative alle sue forniture. 4. In quest area trovi il totale da pagare, la data di scadenza

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 9 MAGGIO 2013 191/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO, PER IL PERIODO 1 GENNAIO

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 1 parte Il mercato elettrico in Italia Indice 1 parte OBIETTIVI FONTI BIBLIOGRAFICHE OGGETTO LEGGI FONDAMENTALI TAPPE EVOLUZIONE MERCATO

Dettagli

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas Mauro Antonetti Corso per Energy Manager ANEA Napoli 16 Novembre 2012 Struttura

Dettagli

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale 50 Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale 51 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (a) (b) 402 489 541

Dettagli

GRUPPO CPL CONCORDIA Soc. Coop

GRUPPO CPL CONCORDIA Soc. Coop GRUPPO CPL CONCORDIA Soc. Coop Chi è CPL Concordia» Cooperativa di Produzione Lavoro» Intero mondo dell energia» Il Gruppo è composto da 22 Società» Sedi in Italia, Grecia, Croazia, Romania, Algeria, Argentina,

Dettagli

fiscalità imposte erariali sull energia elettrica (accise), dell IVA e degli oneri generali del sistema elettrico*,

fiscalità imposte erariali sull energia elettrica (accise), dell IVA e degli oneri generali del sistema elettrico*, Il peso della fiscalità nelle bollette elettriche e l agevolazione dei SEU (sistemi efficienti di utenza dotati di fotovoltaico o in assetto cogenerativo ad alto rendimento) Facendo riferimento alla bolletta

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008 CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 GENNAIO 2008 Oggetto: Disposizioni in materia di aliquota di imposta sul valore aggiunto sul gas naturale per combustione per usi civili

Dettagli

Ing. Michelangelo CELOZZI

Ing. Michelangelo CELOZZI LA REGOLAMENTAZIONE DELLA BORSA DEL MERCATO ELETTRICO: MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE TRANSAZIONI, STRUTTURA DEI MERCATI FISICI, ARTICOLAZIONE DELLE OFFERTE Ing. Michelangelo CELOZZI Il contesto normativo

Dettagli

La CGIL e le nuove infrastrutture energetiche

La CGIL e le nuove infrastrutture energetiche La CGIL e le nuove infrastrutture energetiche Claudio di Macco Consigliere tecnico e scientifico Autorità per l energia elettrica e il gas Roma, 22 maggio 2007 Autorità per l energia elettrica e il gas

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata

Dettagli

GLOSSARIO. Allegato A

GLOSSARIO. Allegato A Allegato A GLOSSARIO Elettricità Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 luglio 2007 il mercato dell energia è

Dettagli

Il ritiro dedicato dell energia elettrica

Il ritiro dedicato dell energia elettrica Il ritiro dedicato dell energia elettrica prodotta da impianti fino a 10 MVA e da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili: la delibera n. 280/07 Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili,

Dettagli

ENERGINDUSTRIA. Il mercato dell energia elettrica e la. Le componenti tariffarie. Vicenza, 18 maggio 2012

ENERGINDUSTRIA. Il mercato dell energia elettrica e la. Le componenti tariffarie. Vicenza, 18 maggio 2012 ENERGINDUSTRIA Il mercato dell energia elettrica e la contrattualistica Le componenti tariffarie Vicenza, 18 maggio 2012 Marco Busin 2012 IL MERCATO TUTELATO Il contesto normativo previsto dal decreto

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: da aprile bollette elettricità ancora in calo (-3,1%), aumento per il gas (+3,6%) Oltre al caro- petrolio, pesa sul gas il basso grado di concorrenza

Dettagli

Autorita per l'energia elettrica e il gas

Autorita per l'energia elettrica e il gas Autorita per l'energia elettrica e il gas Deliberazione 9 agosto 2010 - ARG/gas 132110 Disposizioni in materia di modalità economiche di offerta presso il mercato regolamentato delle capacità e del gas

Dettagli

(GU n. 304 del 29-12-2004) MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE DECRETO 24 dicembre 2004

(GU n. 304 del 29-12-2004) MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE DECRETO 24 dicembre 2004 (GU n. 304 del 29-12-2004) MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE DECRETO 24 dicembre 2004 Determinazione delle modalita' per la vendita sul mercato, per l'anno 2005, dell'energia elettrica, di cui all'articolo

Dettagli