Le Basi di Dati Attive

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Basi di Dati Attive"

Transcript

1 Le Basi di Dati Attive Basi di dati: Architetture e linee di evoluzione - Seconda edizione Capitolo 5 Appunti dalle lezioni SQL in Linguaggi di programmazione L uso diretto dell interprete SQL è tipicamente riservato a pochi utenti esperti. L utente generico accede alla base di dati attraverso applicazioni scritte usando linguaggi tradizionali di alto livello o speciali. I linguaggi tradizionali sono di tipo procedurale mentre SQL è un linguaggio dichiarativo. Le istruzioni SQL sono allora incapsulate nel linguaggio e passate all interprete tramite opportune chiamate. Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 2 1

2 Uso diretto SQL Linguaggi ad hoc Stored Procedures Triggers In linguaggi classici Call Level Interface ODBC JDBC Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 3 Stored procedures Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 4 2

3 Triggers I triggers sono delle stored procedures che scattano in relazione ad eventi. Definiti a livello di standard da SQL-3, ma presenti nei sistemi (con sintassi e caratteristiche diverse) già dalla fine degli anni Ottanta. Attraverso i triggers realizziamo le Basi di Date attive Evento Condizione Azione (E-C-A) Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 5 Il Paradigma E-C-A Evento Una richiesta di modifica dello stato della base di dati: INSERT, DELETE, UPDATE Quando avviene l evento, il trigger viene attivato Condizione Un predicato che identifica le situazioni in cui è necessaria l applicazione del trigger Quando si valuta la condizione il trigger viene considerato Azione Un generico comando di modifica o una stored procedure Il trigger viene eseguito Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 6 3

4 Dal punto di vista sintattico I Triggers: Sono definiti con istruzioni DDL (create trigger) basati sul paradigma ECA: evento: modifica dei dati, specificata con insert, delete, update condizione (opzionale): predicato SQL azione: sequenza di istruzioni SQL (o estensioni, ad esempio PL/SQL in Oracle) Ogni trigger fa riferimento ad una tabella detta target e risponde ad eventi relativi a tale tabella I valori di tale tabella vengono congelati prima e dopo l evento in due strutture dette di transizione. Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 7 Modo e Granularità Modo di esecuzione After: il trigger è considerato ed eseguito dopo l applicazione sulla base dati dell azione che lo ha attivato Before: il trigger è considerato ed eseguito prima della applicazione alla base dati dell azione che lo ha attivato Instead: il trigger è considerato al posto dell azione che lo ha attivato Granularità di tupla (row - level): attivazione per ogni tupla della tabella target coinvolta nell'operazione di operazione (statement - level): una sola attivazione per ogni istruzione SQL, con riferimento a tutte le ennuple della tabella target coinvolte ( set-oriented ) Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 8 4

5 Trigger: esempio Warehouse(Part,QtyAvbl,QtyLimit,QtyReord) PendigOrders(Part,Qty,Date) Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 9 Trigger: esempio create trigger Reorder after update of QtyAvbl on WAREHOUSE for each row when (new.qtyavbl < new.qtylimit) declare X number; begin select count(*) into X from PENDINGORDERS where Part = new.part; if X = 0 then insert into PENDINGORDERS values(new.part,new.qtyreord,sysdate) end if; end; Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 10 5

6 Trigger: esempio Viene eseguita T1: update WAREHOUSE set QtyAvbl = QtyAvbl 70 where Part = 1 La esecuzione di T1 causa un esecuzione del trigger Reorder porta nella tabella PENDINGORDERS la tupla (1,100,<oggi>); Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 11 Trigger: esempio Viene eseguita T2: update WAREHOUSE set QtyAvbl = QtyAvbl 60 where Part <= 3 La successiva esecuzione di T2 causa l esecuzione del trigger Reorder per tre volte con soddisfacimento della condizione di scatto per le parti 1 e 3. L azione relativa alla parte 1 non ha effetto select count(*) into X from PENDINGORDERS where Part = new.part; valuta X=1 poiché è già presente la parte considerata; L azione relativa alla parte 2 non ha effetto L azione relativa alla parte 3 porta nella tabella PENDINGORDERS la nuova tupla (3,120,<oggi>) Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 12 6

7 Sintassi SQL:2003 dei trigger Lo standard propone una sintassi simile a quella offerta da IBM DB2; ogni trigger è caratterizzato da: Nome del trigger nome della tabella che viene monitorata modo di esecuzione (BEFORE o AFTER) l evento monitorato (INSERT, DELETE o UPDATE) granularità (statement-level o row-level) nomi e alias per transition tables e transition rows eventuale condizione l azione il timestamp di creazione Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 13 Sintassi SQL:2003 dei trigger create trigger NomeTrigger {before after} { insert delete update [of Colonne] } on Tabella [referencing {[old table [as] AliasTabellaOld] [new table [as] AliasTabellaNew] } {[old [row] [as] NomeTuplaOld] [new [row] [as] NomeTuplaNew] }] [for each { row statement }] [when Condizione] ComandiSQL Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 14 7

8 Esecuzione: conflitti tra trigger Se vi sono più trigger associati allo stesso evento, SQL:2003 prescrive questa politica di gestione: Vengono eseguiti i trigger BEFORE statement-level Vengono eseguiti i trigger BEFORE row-level Si applica la modifica e si verificano i vincoli di integrità definiti sulla base di dati Vengono eseguiti i trigger AFTER row-level Vengono eseguiti i trigger AFTER statement-level Se vi sono più trigger della stessa categoria: l ordine di esecuzione viene scelto dal sistema in un modo che dipende dall implementazione. Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 15 Impiego dei trigger Per la descrizione di regole esterne (o regole aziendali) Esprimono conoscenza di tipo applicativo Per la descrizione di regole interne alla base di dati Trigger generati dal sistema e non visibili all utente (gestione della integrità referenziale). Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 16 8

9 Integrità referenziale: esempio Si consideri il seguente schema di base dati: IMPIEGATI (Matricola, Nome, Salario, Dipartimento) DIPARTIMENTI(Numero, Direttore) CREATE TRIGGER ControllaDipImpiegato BEFORE INSERT ON IMPIEGATI FOR EACH ROW WHEN (not exists select * from DIPARTIMENTI where Numero = NEW.Dipartimento) BEGIN raise_application_error(-20000, Dipartimento non valido ); END; Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 17 Vincoli Integrità CREATE TRIGGER ControllaModificaDipartimento AFTER UPDATE OF Numero ON DIPARTIMENTI FOR EACH ROW WHEN (exists select * from IMPIEGATI where Dipartimento = OLD.Numero) BEGIN update IMPIEGATI set Diaprtimento = NEW.Numero where Dipartimento = OLD.Numero; END; Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 18 9

10 Vicoli di Integrità CREATE TRIGGER ControllaCancDipartimento AFTER DELETE ON DIPARTIMENTI FOR EACH ROW WHEN (exists select * from IMPIEGATI where Dipartimento = OLD.Numero) BEGIN UPDATE IMPIEGATI SET Dipartimento=NULL WHERE Dipartimento = OLD.Numero; END; Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 19 Triggers in PostgreSQL 9.0 On tables triggers can be defined to execute either before or after any INSERT, UPDATE, or DELETE operation, either once per modified row, or once per SQL statement. UPDATE triggers can moreover be set to fire only if certain columns are mentioned in the SET clause of the UPDATE statement. Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 20 10

11 Esempio 1: Creare il DB Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 21 Esempio 1: Creare il Trigger Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 22 11

12 Esempio 1: Effetto Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 23 Esempio 2: Creare il DB Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 24 12

13 Esempio 2: Creare i Trigger Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 25 Esempio 2: Creare i Trigger Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 26 13

14 Esempio 2: Creare i Trigger Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 27 Esempio 2: Effetto Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 28 14

15 Triggers in PostgreSQL 9.1 On views triggers can be defined to execute instead of INSERT, UPDATE, or DELETE operations. It is the responsibility of the trigger's function to perform the necessary modifications to the underlying base tables and, where appropriate, return the modified row as it will appear in the view. INSTEAD OF triggers are fired once for each row that needs to be modified in the view. Triggers on views can also be defined to execute once per SQL statement, before or after INSERT, UPDATE, or DELETE operations. Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 29 Esempio 3: Creare il DB Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 30 15

16 Esempio 3: Sulla vista ovviamente. Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 31 Esempio 3: Col Trigger nella 9.0 Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 32 16

17 Esempio 3: RULE nella 9.0 Basi di Dati 2 Prof. Antonio d Acierno I DB Attivi 33 17

Basi di dati attive. Paolo Atzeni Stefano Ceri. Basi di dati attive

Basi di dati attive. Paolo Atzeni Stefano Ceri. Basi di dati attive Basi di dati attive Paolo Atzeni Stefano Ceri Basi di dati attive BD con componente per la gestione di regole Evento- Condizione-Azione (regole di produzione): eventi: normalmente modifiche della base

Dettagli

Cap. 5 Basi di dati attive

Cap. 5 Basi di dati attive SOMMARIO 2 Cap. 5 Basi di dati attive Introduzione. 3 Trigger in SQL:999.. Esecuzione di un solo trigger... 4 Esecuzione di più trigger... Esempio di esecuzione 23 Progettazione delle regole attive....

Dettagli

Basi di dati attive 1

Basi di dati attive 1 Basi di dati attive 1 Basi di dati attive Una base di dati che offre regole attive Si parla normalmente di trigger Si vogliono descrivere: definizione in SQL:1999 varianti ed evoluzioni terminazione e

Dettagli

Tali regole vengono attivate in modo automatico al verificarsi di specifici eventi sulla. eseguono azioni sulla base di dati stessa.

Tali regole vengono attivate in modo automatico al verificarsi di specifici eventi sulla. eseguono azioni sulla base di dati stessa. Una base di dati è ATTIVA quando consente la definizione e la gestione di regole attive o trigger. Tali regole vengono attivate in modo automatico al verificarsi di specifici eventi sulla base di dati

Dettagli

Trigger. Basi di dati attive. Trigger: regole che specificano azioni attivate automaticamente dal DBMS al verificarsi di determinati eventi

Trigger. Basi di dati attive. Trigger: regole che specificano azioni attivate automaticamente dal DBMS al verificarsi di determinati eventi Basi di dati attive : regole che specificano azioni attivate automaticamente dal DBMS al verificarsi di determinati eventi Oggi fanno parte dello standard SLQ-99 In passato ogni DBMS li implementava seguendo

Dettagli

Silvia Chiusano, Paolo Garza 1

Silvia Chiusano, Paolo Garza 1 Creazione di un trigger Sviluppo ed utilizzo dei trigger in Oracle Silvia Chiusano Paolo Garza CREATE TRIGGER nome_trigger modo evento [OR evento] ON tabella [REFERENCING referenza] [] [WHEN (predicato

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 9 Raffaella Gentilini 1 / 41 Sommario 1 DBMS Attivi e Triggers 2 2 / 41 DBMS Attivi DBMS Attivi I DBMS tradizionale sono passivi: Eseguono delle operazioni solo

Dettagli

Triggers. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza

Triggers. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Triggers Antonella Poggi, Claudio Corona Dipartimento di informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

Corso di Basi di Dati

Corso di Basi di Dati Corso di Basi di Dati Il Linguaggio SQL Home page del corso: http://www.cs.unibo.it/~difelice/dbsi/ SQL (Structured Query Language) e il linguaggio di riferimento per le basi di dati relazionali. Diverse

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Asserzioni, Viste e Trigger Basi di dati Attive

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Asserzioni, Viste e Trigger Basi di dati Attive Basi di Dati e Sistemi Informativi Basi di dati Attive Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Asserzioni Introdotte in SQL-2 rappresentano dei vincoli che non sono però associati

Dettagli

IMPIEGATO(Nome, Salario, DipNum) DIPARTIMENTO (DipNum, NomeManager)

IMPIEGATO(Nome, Salario, DipNum) DIPARTIMENTO (DipNum, NomeManager) BASI DI DATI ATTIVE Esercizio n.1 Dato lo schema relazionale IMPIEGATO(Nome, Salario, DipNum) DIPARTIMENTO (DipNum, NomeManager) definire le seguenti regole attive in SQL:99 T1. Quando un dipartimento

Dettagli

Introduzione. i trigger rendono reattivo il comportamento del sistema alle sollecitazioni esterne.

Introduzione. i trigger rendono reattivo il comportamento del sistema alle sollecitazioni esterne. Trigger Introduzione L introduzione di trigger all interno di una Base di Dati permette la gestione automatica di particolari procedure in risposta a determinati eventi esterni; Basi di Dati di questo

Dettagli

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Stored Procedures Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Stored Procedure e User Defined

Dettagli

Il linguaggio SQL: trigger

Il linguaggio SQL: trigger Il linguaggio SQL: trigger Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf DBMS attivi Un DBMS si dice attivoquando dispone di un sottosistema integrato per definire e gestire regole I

Dettagli

Operazioni scatenanti. Nozione ed uso. Sintassi. Esempio

Operazioni scatenanti. Nozione ed uso. Sintassi. Esempio Nozione ed uso Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso: Gestione di vincoli di integrità: Per fallimento Per modifica Auditing: Sicurezza Statistiche Valori derivati

Dettagli

Basi di dati attive. Una base di dati è ATTIVA quando consente la definizione e la gestione di regole di produzione (regole attive o trigger).

Basi di dati attive. Una base di dati è ATTIVA quando consente la definizione e la gestione di regole di produzione (regole attive o trigger). Basi di dati attive Una base di dati è ATTIVA quando consente la definizione e la gestione di regole di produzione (regole attive o trigger). Tali regole vengono attivate in modo automatico al verificarsi

Dettagli

σ data 15/12/2013 data 20/12/2014

σ data 15/12/2013 data 20/12/2014 Dato lo schema: Basi di Dati Prof. Alfredo Pulvirenti A.A. 2014-2015 Prova in itinere 18 dicembre 2014 (A) EVENTO(id, titolo, data, categoria, costo_partecipazione, idcatering) ORGANIZZATORE(id,idevento)

Dettagli

Il linguaggio SQL: trigger. Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf

Il linguaggio SQL: trigger. Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf Il linguaggio SQL: trigger Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf DBMS attivi Un DBMS si dice attivoquando dispone di un sottosistema integrato per definire e gestire regole I

Dettagli

PARTITIONING PARTITIONING. 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso web/finale/architettura/partit page 1

PARTITIONING PARTITIONING. 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso web/finale/architettura/partit page 1 PARTITIONING PARTITIONING 27/11/08 /home/scotty/enrico/corso web/finale/architettura/partit page 1 PARTITIONING Cos'è il partitioning Metodi per eseguire il partitioning Partition setup Partition table

Dettagli

Triggers Esercitazione 1

Triggers Esercitazione 1 Triggers Esercitazione 1 Nel seguente documento vengono mostrati alcuni esempi di trigger e di funzioni pgplsql. Si ricorda che i trigger vengono eseguiti al verificarsi di certe condizioni definite dal

Dettagli

Nozione ed uso. Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso:

Nozione ed uso. Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso: Nozione ed uso Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso: Gestione di vincoli di integrità: Per fallimento Per modifica Auditing: Sicurezza Statistiche Valori derivati

Dettagli

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza Basi dati attive Triggers Antonella Poggi Domenico Lembo Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2009-2010 Una base di dati

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 6 Raffaella Gentilini 1 / 40 Sommario 1 Viste 2 3 2 / 40 Viste Viste le viste sono tabelle virtuali corrispondono al risultato di una query (SELECT) valutata

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle Versione dei trigger e PSM di Oracle Lucidi derivati da quelli di Jeffrey D Ullman Oracle usa una variante di SQL/PSM che si chiama non consente solo di creare e memorizzare procedure e funzioni, ma puo

Dettagli

SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI

SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) CREATE SCHEMA

Dettagli

SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma. Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL))

SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma. Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI 1 SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) CREATE SCHEMA

Dettagli

Tecnologia delle Basi di Dati Esercitazione #4 Definizione dei trigger in Oracle

Tecnologia delle Basi di Dati Esercitazione #4 Definizione dei trigger in Oracle Tecnologia delle Basi di Dati Esercitazione #4 Definizione dei trigger in Oracle 1 Materiale disponibile Gli script e il testo delle esercitazioni sono disponibili nel direttorio della propria home, nella

Dettagli

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger Lezione 8 Metadati, Viste e Trigger Pag.1 Metadati e catalogo di sistema I metadati sono dati a proposito dei dati (quali tabelle esistono?, quali campi contengono?, quante tuple contengono?, ci sono vincoli

Dettagli

SQL nei linguaggi di programmazione

SQL nei linguaggi di programmazione SQL nei linguaggi di programmazione Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi Di Dati Modelli e Linguaggi di Interrogazione, McGraw-Hill Italia, Capitolo 6 SQL in Linguaggi di Programmazione L uso diretto

Dettagli

Vincoli e Triggers. Vincoli. Tipo di vincoli. Chiavi esterne

Vincoli e Triggers. Vincoli. Tipo di vincoli. Chiavi esterne Vincoli Chiavi esterne Vincoli locali e globali Triggers Leggere capitolo 7 di Garcia- Molina et al. Vincoli e Triggers Un vincolo e una relazione tra dati che il DBMS deve assicurare. Esempio: vincoli

Dettagli

Nella relazione CINEMA, Nome è chiave secondaria. Nella relazione FILM, CodRegista, e CodProtagonista sono chiavi esterne sulla tabella PERSONE.

Nella relazione CINEMA, Nome è chiave secondaria. Nella relazione FILM, CodRegista, e CodProtagonista sono chiavi esterne sulla tabella PERSONE. Si consideri il seguente schema relazionale, relaivo ad una base di dati per gestire la programmazione cinematografica giornaliera in un certo insieme di cinema: CINEMA(CodC, Nome, Indirizzo, Tel, NSale)

Dettagli

DATABASE PER IL WEB. Programmazione Web 1

DATABASE PER IL WEB. Programmazione Web 1 DATABASE PER IL WEB Programmazione Web 1 Archite3ura web con database Client Tier Web/App Tier DB Tier Client Web / App Server Database Il server web comunica con un altro server che con8ene il la banca

Dettagli

Capitolo 7. Esercizio 7.1

Capitolo 7. Esercizio 7.1 Capitolo 7 Esercizio 7.1 Dato lo schema relazionale: IMPIEGATO (Nome, Salario, DipNum) DIPARTIMENTO (DipNum, NomeManager) Definire le seguenti regole attive in Oracle e DB2: 1. una regola, che quando il

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezioni 6 7 Raffaella Gentilini 1 / 46 Sommario 1 Subquery (o Interrogazioni Nidificate) Interrogazioni Annidate con Predicati di Confronto Interrogazioni Annidate con

Dettagli

SQl come DML: Esercitazione

SQl come DML: Esercitazione SQl come DML: Esercitazione Appunti dalle lezioni 1 AA 2010-2011, Basi di Dati, Prof. Antonio d Acierno, dacierno.a@isa.cnr.it SQL come DML: Esercitazione Passi preliminari Creare lo schema Creare le tabelle

Dettagli

SQL e linguaggi di programmazione Applicazioni ed SQL: architettura

SQL e linguaggi di programmazione Applicazioni ed SQL: architettura SQL e applicazioni Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw -Hill, 1996-2002 Capitolo 5: SQL nei linguaggi di programmazione (versione preliminare e parziale) 16/10/2002 In applicazioni complesse,

Dettagli

Interrogazioni nidificate

Interrogazioni nidificate Interrogazioni nidificate Trovare nome, cognome e matricola degli studenti che non hanno fatto esami select Matricola,Nome,Cognome from studenti where matricola all (select studente group by studente)

Dettagli

Interrogazioni nidificate

Interrogazioni nidificate Interrogazioni nidificate Nella clausola where si possono utilizzare valori prodotti da altre istruzioni select utilizzando any (qualsiasi) o all (tutti) insieme agli operatori di confronto Trovare nome,

Dettagli

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL Simona Rotolo 2 Questo documento, rivolto a chi sviluppa codice in PL/Sql, è stato redatto al fine di fornire degli standard di sviluppo che aiuteranno

Dettagli

Universita di Milano Bicocca Corso di Basi di dati 1 in elearning C. Batini 6. SQL DDL 6.2 Data Description Language - 2

Universita di Milano Bicocca Corso di Basi di dati 1 in elearning C. Batini 6. SQL DDL 6.2 Data Description Language - 2 Universita di Milano Bicocca Corso di Basi di dati 1 in elearning C. Batini 6. SQL DDL 6.2 Data Description Language - 2 Vincoli di integrita 2 Cosa e un vincolo di integrita E una proprieta sempre valida

Dettagli

Viene richiesto di MIN CARD(S,E) = 1 UPDATE DELETE MAX CARD(S,E) = 3 INSERT UPDATE

Viene richiesto di MIN CARD(S,E) = 1 UPDATE DELETE MAX CARD(S,E) = 3 INSERT UPDATE Dato il seguente schema E/R E la sua traduzione nel seguente schema relazionale: disponibile in http://www.dbgroup.unimo.it/sire/20110513/20110513.bak Viene richiesto di 1) Risolvere la seguente interrogazione

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati SQL avanzato

Laboratorio di Basi di Dati SQL avanzato Laboratorio di Basi di Dati SQL avanzato Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it Interrogazioni nidificate Syntax: SELECT {* [, ]} FROM [,

Dettagli

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS)

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) 1 SQL Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) a.a. 2014/2015 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/basi-dati/bd2014-15.htm Dott.ssa Francesca A. Lisi dott.ssa Francesca A.

Dettagli

Basi di dati. Linguaggio SQL: fondamenti - Introduzione. Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1 D B M G 2 D B M G D B M G 4 D B M G 6

Basi di dati. Linguaggio SQL: fondamenti - Introduzione. Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1 D B M G 2 D B M G D B M G 4 D B M G 6 Linguaggio SQL: fondamenti Sistemi informativi Istruzione : fondamenti Interrogazioni nidificate Operatori insiemistici Istruzioni di aggiornamento Gestione delle tabelle 2 al linguaggio SQL Istruzioni

Dettagli

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Stored Procedures Antonella Poggi, Claudio Corona Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi sono stati

Dettagli

Manuale SQL. Manuale SQL - 1 -

Manuale SQL. Manuale SQL - 1 - Manuale SQL - 1 - Istruzioni DDL Creazione di una tabella : CREATE TABLE Il comando CREATE TABLE consente di definire una tabella del database specificandone le colonne, con il tipo di dati ad esse associate,

Dettagli

Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, SQL

Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, SQL Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, 1996-2002 : SQL Operazioni di aggiornamento operazioni di inserimento: insert eliminazione: delete modifica: update di una o più ennuple di una

Dettagli

Progettazione di Sistemi Informatici

Progettazione di Sistemi Informatici Progettazione di Sistemi Informatici Stored routines e transazioni Domenico Diacono Corso ADM Gennaio 2008 Definizione di stored procedure Una stored routine è costituita o da una procedura o da una funzione

Dettagli

SQL. Il nome sta per Structured Query Language Le interrogazioni SQL sono dichiarative

SQL. Il nome sta per Structured Query Language Le interrogazioni SQL sono dichiarative SQL SQL Il nome sta per Structured Query Language Le interrogazioni SQL sono dichiarative l utente specifica quale informazione è di suo interesse, ma non come estrarla dai dati Le interrogazioni vengono

Dettagli

Stored Procedure. Antonella Poggi. Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma

Stored Procedure. Antonella Poggi. Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Stored Procedure Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new TRIGGER Regole Attive (Trigger) Programmi attivati automaticamente dal DBMS al verificarsi di determinate condizioni e operazioni sulle tabelle Da un punto di vista generale, in un trigger vengono specificati

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 1: Introduzione Obiettivi La conoscenza della teoria delle basi di dati? No (o non solo) Piuttosto: Come si può affrontare un problema in

Dettagli

Structured. Language. Basi di Dati. Introduzione. DDL: Data Definition Language. Tipi di dato. Query. Modifica dei Dati

Structured. Language. Basi di Dati. Introduzione. DDL: Data Definition Language. Tipi di dato. Query. Modifica dei Dati Basi di Dati Matteo Longhi Structured Query Language Introduzione Standard creato nel 1976 da IBM Aggiornato (versione 2 nel 1992 (ANSI X3.135 e ISO 9075 Consente di: DDL: definire la struttura del DB

Dettagli

PROVA SCRITTA DI TECNOLOGIA DATABASE 14/12/2005 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica - NOD PROF.

PROVA SCRITTA DI TECNOLOGIA DATABASE 14/12/2005 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica - NOD PROF. PROVA SCRITTA DI TECNOLOGIA DATABASE 14/12/2005 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica - NOD PROF. SONIA BERGAMASCHI Esercizio 1 (punti 20) Dato il seguente schema relazionale: GIORNALISTA(CF,NOME,NAZIONE)

Dettagli

Capitolo 5. Soluzione: Soluzione in C:

Capitolo 5. Soluzione: Soluzione in C: Capitolo 5 Esercizio 5.1 Realizzare una procedura in un linguaggio di programmazione di alto livello che tramite SQL Embedded elimina dalla tabella DIPARTIMENTO l'elemento che ha il nome che viene fornito

Dettagli

Basi di Dati CREAZIONE E POPOLAMENTO DI UNA BASE DI DATI

Basi di Dati CREAZIONE E POPOLAMENTO DI UNA BASE DI DATI Basi di Dati CREAZIONE E POPOLAMENTO DI UNA BASE DI DATI La finalità di questa esercitazione è quella di creare, date delle specifiche progettuale, appositi script di creazione e popolamento di una base

Dettagli

DBMS. Affidabilità. Privatezza dei dati. Efficienza. Efficacia. Un DBMS deve garantire:

DBMS. Affidabilità. Privatezza dei dati. Efficienza. Efficacia. Un DBMS deve garantire: DBMS Un DBMS deve garantire: Affidabilità Privatezza dei dati Efficienza Efficacia DBMS Affidabilità Un DBMS deve garantire di poter mantenere intatto il suo contenuto, anche in caso di malfunzionamento.

Dettagli

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1 Introduzione Istruzione INSERT Istruzione DELETE Istruzione UPDATE Linguaggio SQL: fondamenti 2 (1/3) Inserimento di tuple Cancellazione di tuple Modifica di tuple 4 (2/3) INSERT inserimento di nuove tuple

Dettagli

PROVA SCRITTA DI TECNOLOGIA DATABASE 02/12/2004 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica - NOD PROF.

PROVA SCRITTA DI TECNOLOGIA DATABASE 02/12/2004 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica - NOD PROF. PROVA SCRITTA DI TECNOLOGIA DATABASE 02/12/2004 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica - NOD PROF. SONIA BERGAMASCHI Esercizio 1 (punti 20) Dato il seguente schema relazionale: FOTOGRAFO(CODF,NOME,NAZIONE)

Dettagli

ESEMPIO DI TRIGGER PER IL CONTROLLO DELLE PROPRIETÀ COPERTURA DI UNA GERARCHIA (ARGOMENTO SVOLTO IN CLASSE IL 25 MAGGIO 2011)

ESEMPIO DI TRIGGER PER IL CONTROLLO DELLE PROPRIETÀ COPERTURA DI UNA GERARCHIA (ARGOMENTO SVOLTO IN CLASSE IL 25 MAGGIO 2011) ESEMPIO DI TRIGGER PER IL CONTROLLO DELLE PROPRIETÀ COPERTURA DI UNA GERARCHIA (ARGOMENTO SVOLTO IN CLSE IL 25 MAGGIO 2011) Dato il seguente schema E/R consideriamo solo le due gerarchie relative a MANAGER/SEGRETARIA/IMPIEGATO

Dettagli

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS)

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) 1 SQL Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) a.a. 2015/2016 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/basi-dati/bd2015-16.htm dott.ssa Francesca A. Lisi francesca.lisi@uniba.it

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Docente: Alberto Belussi Lezione 2 Vincoli di integrità Proprietà che devono essere soddisfatte da ogni istanza della base di dati. Il soddisfacimento è definito rispetto al

Dettagli

DUE GRUPPI DI COMANDI

DUE GRUPPI DI COMANDI LEZIONE16 SQL DDL PAG. 1 / 9 PROF. ANDREA ZOCCHEDDU LEZIONE16 SQL DDL LINGUAGGIO SQL DATA DESCRIPTION LANGUAGE DUE GRUPPI DI COMANDI I comandi del linguaggio SQL sono divisi in due grandi gruppi che formano

Dettagli

Informatica B. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS

Informatica B. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS ormatica B Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS ormazioni e dati Dato: elemento semanticamente significativo (data, codice, ecc.), generalmente in formato numerico o testuale, che l azienda è interessata

Dettagli

SQL - Sottointerrogazioni

SQL - Sottointerrogazioni una delle ragioni che rendono SQL un linguaggio potente è la possibilità di esprimere interrogazioni più complesse in termini di interrogazioni più semplici, tramite il meccanismo delle subqueries (sottointerrogazioni)

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Approccio procedurale Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi

Dettagli

Interrogazioni$e$il$valore$NULL$

Interrogazioni$e$il$valore$NULL$ SQL$Avanzato$ Interrogazioni+complesse,+trigger,+viste+e+modifiche+dello+schema+! 2 Interrogazioni$e$il$valore$NULL$! Il valore NULL Logica a tre valori 3! Significato del valore NULL! Valore sconosciuto!

Dettagli

Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL

Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL Giuseppe Berio Giuseppe Berio DI - Unito 1 Esempio La transazione deve registrare l evasione di un ordine, rappresentato su più tabelle specializzate

Dettagli

Basi di Dati Parallele

Basi di Dati Parallele Basi di Dati Parallele Capitolo 3 Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone 1 Scalabilità delle applicazioni Carico insieme di tutte le

Dettagli

Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL: fondamenti. Il linguaggio SQL

Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL. Il linguaggio SQL: fondamenti. Il linguaggio SQL : fondamenti Linguaggio per gestire le basi di dati relazionali Structured Query Language SQL possiede istruzioni per definire lo schema di una base di dati relazionale leggere e scrivere i dati definire

Dettagli

DUGI, DB2 User Group Italia. i Trigger INSTEAD OF ; SELECT FROM INSERT, UPDATE, MERGE, DELETE con Colonne INCLUDE

DUGI, DB2 User Group Italia. i Trigger INSTEAD OF ; SELECT FROM INSERT, UPDATE, MERGE, DELETE con Colonne INCLUDE DUGI, DB2 User Group Italia Milano, 9 Aprile 2013 -- Roma 10 Aprile 2013 DB2 for z/os i Trigger INSTEAD OF ; SELECT FROM INSERT, UPDATE, MERGE, DELETE con Colonne INCLUDE massimo MACERA massimo MACERA

Dettagli

SQL. SQL: "storia. Sviluppato nella metà degli anni settanta (1974) presso il laboratorio di ricerca IBM di S.Josè. Dal 1983 ca. "standard di fatto"

SQL. SQL: storia. Sviluppato nella metà degli anni settanta (1974) presso il laboratorio di ricerca IBM di S.Josè. Dal 1983 ca. standard di fatto SQL SQL: "storia Sviluppato nella metà degli anni settanta (194) presso il laboratorio di ricerca IBM di S.Josè Dal 1983 ca. "standard di fatto" E il linguaggio di riferimento per l interrogazione di DBMS

Dettagli

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE 1. JAVA 1.1 Introduzione a Java Introduzione Cosa è Java 1.2 Sintassi e programmazione strutturata variabili e metodi tipi di dati, array operatori

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Esercizio: Cinema

Alessandra Raffaetà. Esercizio: Cinema Lezione 8 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Esercizio: Cinema

Dettagli

S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali. Alessandra Raffaetà

S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali. Alessandra Raffaetà Lezione 8 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Esercizio: Cinema

Dettagli

SQL e linguaggi di programmazione. Cursori. Cursori. L interazione con l ambiente SQL può avvenire in 3 modi:

SQL e linguaggi di programmazione. Cursori. Cursori. L interazione con l ambiente SQL può avvenire in 3 modi: SQL e linguaggi di programmazione L interazione con l ambiente SQL può avvenire in 3 modi: in modo interattivo col server attraverso interfacce o linguaggi ad hoc legati a particolari DBMS attraverso i

Dettagli

2011 Politecnico di Torino 1

2011 Politecnico di Torino 1 SQL per le applicazioni Esercitazione PHP e MySQL Svolgimento D B M G Passi di risoluzione creazione e popolamento della base di dati Creazione di un script SQL Passo 2 creazione di una query d interrogazione

Dettagli

SQL: DDL, VI, Aggiornamenti e Viste

SQL: DDL, VI, Aggiornamenti e Viste SQL: DDL, VI, Aggiornamenti e Viste 1 SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione v Linguaggio di definizione dati (Data-definition language, DDL): Crea/distrugge/modifica relazioni e viste Definisce

Dettagli

Tabelle esempio: Impiegato/Dipartimento

Tabelle esempio: Impiegato/Dipartimento Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : SQL (4) Query di aggiornamento Prof. Alberto Postiglione

Dettagli

ESERCIZI SQL. Esercizio 1

ESERCIZI SQL. Esercizio 1 ESERCIZI SQL 2 Esercizio 1 3 Esercizio 1 4 Esercizio 1 Si specifichino le seguenti interrogazioni SQL sulla base di dati relazionale AZIENDA. Si mostri il risultato di ciascuna interrogazione. 1. Si restituisca

Dettagli

Argomenti Corso SAP Online ABAP Completo

Argomenti Corso SAP Online ABAP Completo Argomenti Corso SAP Online ABAP Completo Lezione 1 Navigazione e visualizzazione tabelle o Database SAP in ambienti Oracle e SQL Server: Navigazione e visualizzazione delle tabelle SE16; Utilizzo del match-code;

Dettagli

SQL quick reference. piccolo manuale di riferimento dei principali comandi SQL (prof. Claudio Maccherani, Perugia, 2013)

SQL quick reference. piccolo manuale di riferimento dei principali comandi SQL (prof. Claudio Maccherani, Perugia, 2013) SQL quick reference piccolo manuale di riferimento dei principali comandi SQL (prof. Claudio Maccherani, Perugia, 2013) I tipi dei dati di SQL sono: delimitatori delle costanti: TEXT(n) stringa di caratteri

Dettagli

SQL - Structured Query Language

SQL - Structured Query Language SQL - Structured Query Language Lab 05 Alessandro Lori Università di Pisa 27 Aprile 2012 Riepilogo esercitazione precedente Operatori insiemistici (UNION, INTERSECT, EXCEPT) Riepilogo esercitazione precedente

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Esercitazione PostgreSQL Dopo aver lanciato il client grafico pgadmin III di PostgreSQL svolgere le operazioni descritte nel seguito, tenendo presenti i suggerimenti forniti

Dettagli

Oracle PL/SQL. Motivazioni

Oracle PL/SQL. Motivazioni Oracle PLSQL Motivazioni Supponiamo che nella gestione del database Azienda ci venga chiesto di apportare le modifiche necessarie a far sì che ad ogni impiegato possa essere assegnato, alla fine di ogni

Dettagli

Interrogare una base di dati: algebra relazionale e SQL. Savino Castagnozzi Giorgio Macauda Michele Meomartino Salvatore Picerno Massimiliano Sartor

Interrogare una base di dati: algebra relazionale e SQL. Savino Castagnozzi Giorgio Macauda Michele Meomartino Salvatore Picerno Massimiliano Sartor Interrogare una base di dati: algebra relazionale e SQL Savino Castagnozzi Giorgio Macauda Michele Meomartino Salvatore Picerno Massimiliano Sartor Contesto didattico Il seguente materiale didattico è

Dettagli

SQL Server. SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server

SQL Server. SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server SQL Server 7.0 1 SQL Server SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server 2 Strumenti per la gestione Enterprise Manager

Dettagli

Capitolo 6 - Array. Copyright by Deitel & Associates, Inc. and Pearson Education Inc. All Rights Reserved.

Capitolo 6 - Array. Copyright by Deitel & Associates, Inc. and Pearson Education Inc. All Rights Reserved. 1 Capitolo 6 - Array Array Array Gruppo di locazioni di memoria consecutive Stesso nome e tipo Per riferirsi a un elemento, specificare Nome dell array Posizione Formato: arrayname[ position number ] Primo

Dettagli

Principi di Progettazione del Software a.a Il linguaggio SQL. Prof. Luca Mainetti Università del Salento

Principi di Progettazione del Software a.a Il linguaggio SQL. Prof. Luca Mainetti Università del Salento Principi di Progettazione del Software a.a. 2016-2017 Prof. Università del Salento Linguaggi per DBMS Il modello relazionale definisce i concetti generali ed i vincoli per modellare e strutturare i dati

Dettagli

SQL Avanzato. Interrogazioni e il valore NULL. Interrogazioni complesse, trigger, viste e modifiche dello schema. Giorgio Giacinto 2015

SQL Avanzato. Interrogazioni e il valore NULL. Interrogazioni complesse, trigger, viste e modifiche dello schema. Giorgio Giacinto 2015 SQL Avanzato Interrogazioni complesse, trigger, viste e modifiche dello schema 2 Interrogazioni e il valore NULL Il valore NULL Logica a tre valori 3 Significato del valore NULL Valore sconosciuto Valore

Dettagli

Basi di dati: appello 07/02/06

Basi di dati: appello 07/02/06 Basi di dati: appello 07/02/06 Si consideri il seguente schema di base di dati di una casa editrice: restauro (id_quadro, data, tipo intervento, c.f._restauratore, ora_inizio, ora _fine.) quadro (id, titolo,

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto IL MODELLO RELAZIONALE http://www.diee.unica.it/giacinto/lab

Dettagli

Basi di dati I 8 luglio 2016 Esame Compito A Tempo a disposizione: un ora e trenta minuti.

Basi di dati I 8 luglio 2016 Esame Compito A Tempo a disposizione: un ora e trenta minuti. Basi di dati I 8 luglio 2016 Esame Compito A Tempo a disposizione: un ora e trenta minuti. Cognome: Nome: Matricola: Domanda 1 (20%) Considerare la base di dati relazionale contenente le seguenti relazioni:

Dettagli

TUTORIAL. CREAZIONE DI TRIGGER IN ORACLE LITE 8i MEDIANTE CLASSI JAVA

TUTORIAL. CREAZIONE DI TRIGGER IN ORACLE LITE 8i MEDIANTE CLASSI JAVA TUTORIAL CREAZIONE DI TRIGGER IN ORACLE LITE 8i MEDIANTE CLASSI JAVA Michele de Nittis Generalità... 2 Modello di Caricamento e Pubblicazione... 3 Modello Per Allegato (Attachment)... 9 Esempio di creazione

Dettagli

Data Management Software. Il linguaggio SQL. Query Innestate. Paolo Avallone Sr Consulting IT Specialist DB2, Data Management 10 Settembre 2003

Data Management Software. Il linguaggio SQL. Query Innestate. Paolo Avallone Sr Consulting IT Specialist DB2, Data Management 10 Settembre 2003 DB2 Data Management Software Il linguaggio SQL Query Innestate Paolo Avallone Sr Consulting IT Specialist DB2, Data Management 10 Settembre 2003 LEGGERE LE SEGUENTI ATTENZIONI Le informazioni contenute

Dettagli

Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1.

Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (8) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1.1) 1 Panoramica Trigger Creazione Tipi di trigger Tabelle inserted/deleted Esempi

Dettagli

Corso di Basi di Dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati: Algebra Relazionale

Corso di Basi di Dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati: Algebra Relazionale Corso di Basi di Dati Linguaggi per basi di dati: lgebra Relazionale Donatella Gubiani Linguaggi per basi di dati Si possono distinguere diversi tipi di linguaggi per la gestione dei dati: Linguaggio di

Dettagli

Tabelle esempio: Impiegato/Dipartimento

Tabelle esempio: Impiegato/Dipartimento Informatica Generale (AA 07/08) Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : SQL (3) Insiemistiche e Nidificate Prof. Alberto Postiglione

Dettagli

ORA1139 Oracle Database: SQL and PL/SQL Fundamentals

ORA1139 Oracle Database: SQL and PL/SQL Fundamentals Tel. +39 02 365738 info@overneteducation.it www.overneteducation.it ORA1139 Oracle Database: SQL and PL/SQL Fundamentals Durata: 4.5 gg Descrizione Questo Oracle Database: SQL e PL Fundamentals / SQL formazione

Dettagli