IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico 2006/2007 Progetto di: Genovese Angelo Matr

2 Indice 1 ADC e DAC Analog to Digital Converter - ADC Digital to Analog Converter - DAC Il Sample and Hold Sample and Hold in un ADC Sample and Hold in un DAC Funzionamento del Sample and Hold Errori nel Sample and Hold Esempi di circuiti Sample and Hold Circuito base Circuito con Voltage Follower Sample and Hold a integratore Datasheet di circuiti Sample and Hold Philips TDA1535B Analog Devices AD National Semiconductor LF Analog Devices SMP

3 2 INDICE

4 Capitolo 1 ADC e DAC Il circuito di Sample and Hold (S&H da ora in poi) trova la propria applicazione in particolare nei dispositivi ADC e DAC, il cui scopo è, rispettivamente, convertire segnali da analogici a digitali (ADC) e da digitali ad analogici (DAC). Introduciamo brevemente le caratteristiche dei due circuiti. 1.1 Analog to Digital Converter - ADC Un convertitore analogico-digitale è un circuito elettronico in grado di convertire una grandezza analogica in ingresso, come per esempio un segnale di tensione sinusoidale, in un codice digitale in uscita. Il procedimento di conversione si compone di quattro momenti principali (Figura 1.1): Campionamento. Il segnale continuo in ingresso deve essere acquisito ad intervalli di tempo ben definiti. Il tempo che intercorre tra un campionamento e l altro è chiamato periodo di campionamento, ed è il tempo necessario al convertitore per effettuare tutte le operazioni di conversione: in questo tempo l elaborazione attraversa tutti gli stadi della catena.

5 4 1.1 Analog to Digital Converter - ADC Figura 1.1: Catena di conversione Analogico-Digitale Un segnale continuo può essere campionato e poi riprodotto esattamente dai valori tempo discreti con un algoritmo di interpolazione se la frequenza di campionamento è almeno pari al doppio della banda del segnale (legge di Shannon): f c 2 f m Dove f c è la frequenza di campionamento (definita come l inverso del periodo di campionamento) e f m è la massima frequenza presente nel segnale da campionare. L accuratezza tuttavia è limitata dall errore di quantizzazione; Quantizzazione. L insieme dei valori che può assumere il segnale in ingresso è infinito; per fare in modo che questo segnale sia codificato con un numero finito di bit, dobbiamo ridurre il numero di questi valori ad un insieme discreto. Per prima cosa viene definito un massimo ed un minimo dei valori della grandezza in ingresso, poi quest intervallo viene diviso un numero finito di volte che corrispondono ai valori che il segnale convertito può assumere: il quantizzatore compie l operazione di associare al valore del segnale campionato il più prossimo di questi valori. Nella figura 1.2 il segnale sinusoidale in ingresso viene fatto corrispondere al valore più prossimo (linee nere orizzontali).

6 1. ADC e DAC 5 Figura 1.2: Segnale quantizzato t Ovviamente quanto più sono i valori discreti che il segnale quantizzato può assumere, tanto maggiore sarà la qualità della conversione. Ipotizzando che il convertitore (e il quantizzatore) abbiano una precisione di n bit, il numero di valori che il segnale quantizzato può assumenre è 2 n e lo spazio tra un valore e l altro sarà V fs 2 n, dove V fs è il valore di fondo-scala, definito come il doppio della tensione per cui è a 1 solo il bit più significativo. Questo intervallo è chiamato Least Significant Bit (LSB) poiché è la minima variazione dell ingresso in grado di fare commutare il bit meno significativo. L accuratezza della conversione sarà tanto maggiore all aumentare di bit; questo provoca però, a parità di fondo-scala, la diminuzione dell ampiezza dei livelli (cioè lo spazio tra i valori discreti). Ne consegue che un oscillazione sempre più piccola del segnale in ingresso è in grado di modificare l uscita del convertitore; Codifica. La codifica è il processo tramite il quale dal segnale opportunamente campionato e quantizzato si ottiene un codice numerico a n bit che codifica, appunto, il segnale entrante nel convertitore.

7 6 1.2 Digital to Analog Converter - DAC 1.2 Digital to Analog Converter - DAC Un convertitore digitale-analogico effettua l operazione inversa dell ADC: crea un determinato valore di tensione in funzione di un valore numerico in ingresso. (Figura 1.3) Figura 1.3: Ingressi e uscite di un DAC Anche nei DAC la tensione, questa volta in uscita, è suddivisa in un numero finito di valori, ciascuno corrispondente ad un codice numerico in uscita. Se definiamo come V fs l ampiezza di ogni intervallo, l uscità sarà 2 n quindi V fs N, dove N è il numero in ingresso (Figura 1.4). 2 n

8 1. ADC e DAC 7 Figura 1.4: Relazione ingresso-uscita in un DAC

9 8 1.2 Digital to Analog Converter - DAC

10 Capitolo 2 Il Sample and Hold Lo scopo del Sample and Hold è di ricevere un segnale in ingresso (Sample) e di mantenerlo per tutto il tempo necessario (Hold). In Figura 2.1 vediamo una semplice schematizzazione. Figura 2.1: Schema funzionale del Sample and hold Il Sample and hold compie l operazione di campionamento (Sampling) e mantiene l ultimo valore letto. Le fasi di funzionamento sono controllate da un clock (segnale di comando in Figura 2.1). Sia nell ADC che nel DAC il Sample and hold svolge un ruolo essenziale:

11 Sample and Hold in un ADC In un convertitore ADC, dal momento che la conversione non è istantanea, il segnale in ingresso deve necessariamente rimanere costante durante tutto il periodo di conversione. Internamente all ADC il valore digitale uscente viene ritrasformato in analogico da un DAC interno e confrontato con il segnale in ingresso: la conversione è esatta quando queste due misure corrispondono (a meno, ovviamente, di un certo margine di errore inversamente proporzionale al numero di bit del convertitore). É necessario, perciò, che l ADC sia collegato al S&H e non direttamente al segnale di ingresso: se così non fosse l input cambierebbe durante il processo di conversione, producendo una conversione sbagliata. In teoria sarebbe possibile usare un convertitore ADC anche senza S&H, a patto che il segnale entrante non vari di più di un LSB durante il periodo di conversione. Facciamo l esempio di un segnale sinusoidale di frequenza f e ampiezza V p =10V (ipotizziamo anche per semplicità che il fondo-scala dell ADC sia anch esso pari a 10V) entrante in un convertitore con risoluzione n=12 bit e tempo di conversione t c =2µs. Dobbiamo assicurarci che durante il tempo di conversione t c il segnale non vari per più di un LSB: la massima variazione di una sinusoide si ha al passaggio per lo zero. Definendo il segnale come v(t) = V F S sin(ωt), nell intorno di 0 + 2kπT è approssimabile a V F S ωt: v(t) = V F S sin(ωt) V F S ωt durante il tempo di conversione t c questo valore deve essere minore di un LSB, quindi: V F S ωt V F S 2 n dato che ω = 2πf, risolviamo rispetto a f:

12 2. Il Sample and Hold 11 f 1 2π2 n t c = 19, 4Hz per frequenze superiori si rende necessario l uso di un S&H, altrimenti la conversione risulta errata. I S&H sono usati anche quando vi è necessità di analizzare più segnali: ciascun ingresso viene acquisito e mantenuto utilizzando un S&H comandato da un clock comune, in modo da poter leggere tutti gli ingressi Sample and Hold in un DAC In un DAC il S&H serve a prevenire gli errori chiamati Glitches: dal momento che la commutazione dei codici in ingresso non è istantanea e non tutte le cifre assumono il valore finale nel medesimo istante, possono verificarsi dei transitori in cui l uscita ha un valore errato. Il segnale analogico uscente quindi può oscillare una o anche più volte prima di assumere il valore corretto. Figura 2.2: Esempio di Glitch In Figura 2.2 facciamo l esempio di una commutazione del codice in ingresso da 100 a 011 che produce il valore intermedio 111 perché il bit più

13 Funzionamento del Sample and Hold significativo è più a lento a cambiare. Questo si ripercuote sull uscita, che poiché ha un andamento continuo, subisce una brusca oscillazione. Per ovviare a questo problema si introduce un circuito di S&H che mantiene l uscita costante fino a che il codice digitale ha assunto il valore finale. 2.1 Funzionamento del Sample and Hold Il S&H può funzionare in diversi modi, a seconda di come vengono impostati i periodi di Sample e di Hold. Vediamoli brevemente: Segnale campionato: Se il S&H viene usato solo per campionare il segnale di ingresso a instanti prefissati e non interessa mantenerlo, il periodo di sample è breve dopodichè l interruttore viene aperto di nuovo e il segnale non viene conservato (Figura 2.3); Figura 2.3: Segnale campionato Segnale campionato e mantenuto: In questa modalità il S&H funziona esattamente come dice il proprio nome, ovvero campiona e mantiene il segnale, conservandolo fino alla

14 2. Il Sample and Hold 13 successiva campionatura. La fase di sample è quasi instantanea e per il resto del periodo di conversione il circuito è in hold (Figura 2.4); Figura 2.4: Segnale campionato e mantenuto Segnale inseguito e mantenuto: Questo modo di funzionamento differisce dal precedente in quanto la fase di sample ha una durata maggiore, durante la quale il circuito di S&H insegue il segnale di ingresso. (Figura 2.5) Figura 2.5: Segnale inseguito e mantenuto

15 Errori nel Sample and Hold In realtà il S&H non è in grado di acquisire istantaneamente il segnale entrante, quindi è necessaria una fase di sample abbastanza lunga da permettere al circuito di assumere il valore corretto. 2.2 Errori nel Sample and Hold Il circuito di S&H, come tutti i circuito elettronici, non è ideale ma è soggetto a errori di funzionamento. Abbiamo già visto le due fasi principali di funzionamento, Sample e Hold, ma le abbiamo intese come ideali e non abbiamo considerato i transitori di passaggio tra le due. Vediamo i principali errori in un S&H, distinti per fase: Fase di sample: Se il circuiro funziona come inseguitore-mantenitore la fase di sample è soggetta agli errori titpici dei Voltage Follower, tra cui: errore di guadagno: la differenza fra segnale in ingresso e segnale in uscita aumenta durante il periodo; errore di offset: l uscita è traslata rispetto all ingresso (errore costante); errore di Slew Rate: risposta del segnale di uscita non istantanea. Transitorio da Sample a Hold: Poiché il passaggio dalla fase di sample a quella di hold non è istantaneo, l uscita può presentare alcune differenze dalla situazione ideale: Tempo di apertura (t A ) e Jitter di apertura ( t A ): il circuito entra nella fase di hold dopo aver ricevuto il segnale, con un ritardo quantificabile nell ordine dei nanosecondi; Errore di piedestallo (ɛ p ): entrando in hold in un momento appena successivo, immagazzina un valore leggermente diverso da quello assunto dal segnale in ingresso in quel momento;

16 2. Il Sample and Hold 15 Transitorio di assestamento: il valore immagazzinato non rimane fisso da subito, ma subisce lievi oscillazioni nella fase iniziale. Figura 2.6: Transitorio da sample a hold In alto in Figura 2.6 vediamo il segnale che comanda l inizio della fase di Hold. Dal momento che il circuito di S&H necessita di un tempo di apertura (t A ) il valore mantenuto non è ideale (linea orizzontale blu) ma leggermente superiore (linea orizzontale rossa), dando origine a un errore di piedestallo ɛ p. Fase di Hold: In un circuito ideale nella fase di hold il valore letto viene mantenuto inalterato per tutta la durata del periodo. In realtà anche questa fase è soggetta ad errori: errore di decadimento: la tensione immagazzinata e trasmessa all uscita del S&H varia nel tempo diminuendo; errore di feedtrough: il segnale in ingresso modifica l uscita anche durante la fase di hold; polarizzazione dielettrica: il circuito conserva memoria del segnale immagazzinato nella precedente fase di hold.

17 Esempi di circuiti Sample and Hold Transitorio da Hold a Sample: Idealmente al passaggio dalla fase di hold a quella di sample l uscita si porta istantaneamente (ed esattamente) al nuovo valore. É necessario invece un certo tempo di acquisizione prima il S&H porti l uscita al nuovo valore (uguale al segnale in ingresso a meno di un certo errore). 2.3 Esempi di circuiti Sample and Hold Circuito base Figura 2.7: Circuito base In figura 2.7 vediamo il più semplice esempio di circuito S&H: l ingresso V I viene campionato quando l interruttore (comandato dal segnale di controllo V C ) è chiuso, e mantenuto in uscita V O dal condensatore C. Questo circuito presenta però alcuni problemi, in primo luogo il carico non è isolato e quindi tende a scaricarsi in breve tempo (errore di decadimento), secondariamente la resistenza in ingresso rende lungo il transistorio di carica, infine l interruttore non isolato può dare origine a errori di feedthrough.

18 2. Il Sample and Hold Circuito con Voltage Follower Figura 2.8: Circuito con Voltage Follower Il circuito con Voltage Follower (Figura 2.8) si ottiene usando un amplificatore operazionale (che ha elevata resistenza in ingresso) per isolare il carico dall uscita. Per migliorare ulteriormente il circuito si può posizionare un ulteriore amplificatore che isola l interruttore dall ingresso, riducendo gli errori di feedthrough. (Figura 2.9) Figura 2.9: Circuito con doppio Voltage Follower

19 Esempi di circuiti Sample and Hold In pratica però i due amplificatori sono soggetti ad errori di offset e di guadagno che in questo modo vengono sommati. Se progettiamo il circuito come un unico Voltage Follower, eliminiamo questo problema (Figura 2.10): Figura 2.10: Circuito come unico Voltage Follower Sample and Hold a integratore Figura 2.11: Sample and Hold a integratore

20 2. Il Sample and Hold 19 Se inseriamo il condensatore che mantiene la carica nell anello di retroazione del secondo amplificatore otteniamo un circuito integratore: in pratica anche a interruttore aperto l amplificatore operazionale collegato all uscita manterrà costante la carica.

21 Esempi di circuiti Sample and Hold

22 Capitolo 3 Datasheet di circuiti Sample and Hold 3.1 Philips TDA1535B Figura 3.1: Philips TDA1535B In figura 3.1 vediamo uno schematico semplificato del Sample and Hold

23 Analog Devices AD585 TDA1535B prodotto dalla Philips Semiconductor. Le specifiche introduttive descrivono un circuito ad alta velocità e adatto a sistemi di acquisizione fino a 16 bit. Il S&H in questione è composto da cinque blocchi funzionali: 1. Supply Block: La sezione di alimentazione opera con tensioni comprese tra -5V e +5V ed è collegato separatamente all inseguitore di tensione e al hold amplifier per evitare errori di feedthrough. 2. Voltage Follower: L inseguitore di tensione è necessario per la fase di sample ed è costituito di due stadi (visibili dai quattro ingressi in figura): uno per la fase di sample, l altro per quella di hold. 3. Hold Switch: L interrutore che comanda la fase di hold è un transistore nmos dalla resistenza interna di 50Ω. 4. Hold Amplifier: É composto da un amplificatore operazionale che si occupa di mantenere costante il segnale durante la fase di hold. 5. Sample and Hold control: Il blocco di controllo è necessario per fornire le temporizzazioni che comandano le fasi di sample e di hold. In figura 3.2 vediamo un grafico riassuntivo delle non-idealità del circuito. 3.2 Analog Devices AD585 In figura 3.3 vediamo il Sample and Hold AD585 prodotto dalla Analog Devices: si vede chiaramente l inseguitore di tensione, l interrutore con la logica di controllo e il circuito integratore necessario alla fase di hold. Leggendo le specifiche le caratteristiche più importanti sono la precisione a bit (sono anche menzionati alcuni convertitori A/D da usare), il tempo di acquisizione di 10µs e alcuni parametri di non idealità come il jitter pari 0.5µs e il tasso di decadimento (droop rate) di 1.0mV/ms. La figura 3.4 riassume brevemente la caratteristica di acquisizione del circuito.

24 3. Datasheet di circuiti Sample and Hold 23 Figura 3.2: errori del Philips TDA1535B Figura 3.3: Analog Devices AD585

25 National Semiconductor LF198 Figura 3.4: errori del AD National Semiconductor LF198 In figura 3.5 vediamo il circuito di Sample and Hold LF198 della National Semiconductor. Il circuito è strutturato come un unico Voltage Follower, come abbiamo visto in precedenza. La particolarità di questo S&H è l impiego di transistori FET per aumentare la velocità di acquisizione e l accuratezza. 3.4 Analog Devices SMP04 Infine presentiamo un S&H particolare: un circuito composto di quattro sample and hold indipendenti. (Figura 3.6) I singoli S&H sono del tipo base, con un inverter in uscita e l accuratezza è garantita a 12 bit. Questo circuito multiplo è ideale per acquisizioni multicanale e per effettuare il deglitching da dispositivi DAC. In figura 3.7 vediamo il SMP04 usato come deglitcher. Si vedono il convertitore DAC al centro, il generatore di gradinata e la logica di controllo del deglitcher che pilota il il S&H a destra. I risultati sono in figura 3.8, sopra senza e sotto usando il deglitcher.

26 3. Datasheet di circuiti Sample and Hold 25 Figura 3.5: National Semiconductor LF198

27 Analog Devices SMP04 Figura 3.6: Analog Devices SMP04

28 3. Datasheet di circuiti Sample and Hold 27 Figura 3.7: SMP04 usato come deglitcher Figura 3.8: Uscita senza e con deglitcher

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC)

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) Un convertitore digitale/analogico (DAC: digital to analog converter) è un circuito che fornisce in uscita una grandezza analogica proporzionale alla parola di n bit

Dettagli

SISTEMI DI ACQUISIZIONE

SISTEMI DI ACQUISIZIONE SISTEMI DI ACQUISIZIONE Introduzione Lo scopo dei sistemi di acquisizione dati è quello di controllo delle grandezze fisiche sia nella ricerca pura, nelle aziende e, per i piccoli utenti. I vantaggi sono:

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

Conversione A/D. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Conversione A/D. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Conversione A/D Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Voltmetri numerici. V x codice DEC Visual. Voltmetri numerici A/D. Strumentazione numerica- Ing. B. Andò - DIEES - Università degli Studi di Catania

Voltmetri numerici. V x codice DEC Visual. Voltmetri numerici A/D. Strumentazione numerica- Ing. B. Andò - DIEES - Università degli Studi di Catania Voltmetri numerici Il processo di codifica dal dominio analogico a quello digitale, operato da un A/D sul singolo campione, rappresenta il cuore dei sistemi numerici per la misura di una tensione continua.

Dettagli

INDICE 1. PRINCIPI OPERATIVI DI UN SAMPLE AND HOLD (SHA) AMPLIFER IDEALE... 2

INDICE 1. PRINCIPI OPERATIVI DI UN SAMPLE AND HOLD (SHA) AMPLIFER IDEALE... 2 Amplificatori Sample and Hold (Appunti forniti dal prof. Pasquale Daponte) INDICE 1. PRINCIPI OPERATIVI DI UN SAMPLE AND HOLD (SHA) AMPLIFER IDEALE... 2 2. PRINCIPALI PARAMETRI CHE CARATTERIZZANO LE PRESTAZIONI

Dettagli

CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI

CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI 352 CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI Un settore importante dell'elettronica che svolge la funzione di interfaccia tra le grandezze fisiche reali e quelle elettriche è il settore che

Dettagli

Convertitori Analogico-Digitale

Convertitori Analogico-Digitale Convertitori Analogico-Digitale Lucidi delle lezioni di Microelettronica Parte 8 Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Laboratorio di Elettronica (EOLAB) Convertitori

Dettagli

Circuiti elettronici per il trattamento dei segnali

Circuiti elettronici per il trattamento dei segnali Circuiti elettronici per il trattamento dei segnali In elettronica, il sample and hold (abbreviato S&H) viene utilizzato come interfaccia con il mondo reale, convertendo segnali analogici al dispositivo

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

L ACQUISIZIONE DIGITALE DEI SEGNALI I vantaggi principali dei sistemi digitali consistono in: elevata insensibilità ai disturbi bassa incertezza con costi relativamente contenuti compatibilità intrinseca

Dettagli

9. Conversione Analogico/Digitale

9. Conversione Analogico/Digitale Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università di Pavia Corso di Misure Elettriche Capitolo 9 9. Conversione Analogico/Digitale http://ims.unipv.it/~piero/misure.html 9.1. Generalità In un convertitore

Dettagli

Acquisizione dati e digitalizzazione

Acquisizione dati e digitalizzazione Acquisizione dati e digitalizzazione Il trattamento digitale dei dati Informatica ed elettronica sono due discipline innovative che hanno caratterizzato l epoca moderna. Queste due discipline operano in

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit Convertitori analogico/digitali Un convertitore analogico digitale ha la funzione inversa a quella di un convertitore DAC, poiché il suo scopo è quello di permetter ad un sistema a microprocessore di acquisire

Dettagli

A pplicazioni. Il problema legato all accoppiamento. Guida completa alla progettazione con i segnali video VIDEO DESIGN

A pplicazioni. Il problema legato all accoppiamento. Guida completa alla progettazione con i segnali video VIDEO DESIGN Guida completa alla progettazione con i segnali video Bill Stutz, Franco Contadini Maxim Integrated Products Inc. Sunnyvale CA In questo articolo vengono illustrati il funzionamento dei circuiti di polarizzazione,

Dettagli

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

Gli Oscilloscopi INDICE. A cura di ing. Domenicantonio Grillo

Gli Oscilloscopi INDICE. A cura di ing. Domenicantonio Grillo Gli Oscilloscopi A cura di ing. Domenicantonio Grillo INDICE 1 L oscilloscopio pag. 1 1.1 Lo schermo pag. 1 1.2 Tipi di oscilloscopi pag. 2 2 Oscilloscopi analogici pag. 2 2.1 Il tubo a raggi catodici

Dettagli

1 - I segnali analogici e digitali

1 - I segnali analogici e digitali 1 1 - I segnali analogici e digitali Segnali analogici Un segnale analogico può essere rappresentato mediante una funzione del tempo che gode delle seguenti caratteristiche: 1) la funzione è definita per

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Amplificatori Audio di Potenza

Amplificatori Audio di Potenza Amplificatori Audio di Potenza Un amplificatore, semplificando al massimo, può essere visto come un oggetto in grado di aumentare il livello di un segnale. Ha quindi, generalmente, due porte: un ingresso

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani Lezione 8: Suono (1) Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione al suono Rappresentazione del suono Elaborazione digitale Standard MIDI Sintesi del suono Parlato (Speech)

Dettagli

Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2

Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2 Rev.13/3/2014 Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2 1. Ad un semplice integratore RC (R=10 kω, C=100 nf) viene applicato in ingresso un segnale ad onda quadra (duty-cycle 50%) proveniente

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE

ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE PER LE CLASSI DEL CORSO C ELETTRONICA Insegnanti: Ulderico Libertini Ivano Graziani

Dettagli

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno Suono: aspetti fisici Tutorial a cura di Aldo Torrebruno 1. Cos è il suono Il suono è generalmente prodotto dalla vibrazione di corpi elastici sottoposti ad urti o sollecitazioni (corde vocali, corde di

Dettagli

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali hanno però caratteristiche che approssimano molto bene il

Dettagli

Conversione dati (A/D) e (D/A) Sommario

Conversione dati (A/D) e (D/A) Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Conversione dati (A/D) e (D/A) a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario Introduzione...3 1. Conversione D/A...3 1.1 Il DAC a resistori pesati...

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Esame di Stato 2015. Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE

Esame di Stato 2015. Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE Esame di Stato 2015 Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE Il problema proposto riguarda un sistema di acquisizione dati e controllo. I dati acquisiti sono in parte di natura digitale (misura del grado

Dettagli

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - L amplificatore operazionale Il componente ideale L amplificatore operazionale è un dispositivo che

Dettagli

la conversione digitale/analogica

la conversione digitale/analogica Conversione A/D-D/A Esiste la possibilità di mettere in comunicazione un dispositivo analogico con uno digitale. -Un segnale analogico è un segnale che varia con continuità, al quale possono essere associate

Dettagli

QUANTIZZAZIONE diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale quantizzazione

QUANTIZZAZIONE diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale quantizzazione QUANTIZZAZIONE Di seguito lo schema che illustra le diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale. Dopo aver trattato la fase di campionamento, occupiamoci ora della quantizzazione.

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti Ad ogni commutazione degli interruttori statici di un convertitore è associata una dissipazione

Dettagli

Componenti per il Condizionamento dei Segnali Analogici e Conversione A/D

Componenti per il Condizionamento dei Segnali Analogici e Conversione A/D Ingegneria e Tecnologie dei Sistemi di Controllo Componenti per il Condizionamento dei Segnali Analogici e Conversione A/D Ing. Andrea Tilli DEIS Alma Mater Studiorum Università di Bologna EMail: atilli@deis.unibo.it

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

logiche LE PORTE Nelle prime due lezioni del Corso di Elettronica Digitale (parte terza)

logiche LE PORTE Nelle prime due lezioni del Corso di Elettronica Digitale (parte terza) & imparare & approfondire di GIANLORENZO VALLE Corso di Elettronica Digitale (parte terza) LE PORTE logiche In questa puntata poniamo le prime basi per comprendere meglio il funzionamento delle porte logiche

Dettagli

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO:

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: nel processo di digitalizzazione che permette di convertire un segnale analogico in modo da poterlo elaborare con dispositivi numerici di calcolo, si operano due

Dettagli

Indice 1 Amplificatori Operazionali.................................... 1 2 Circuiti con OpAmp... 51

Indice 1 Amplificatori Operazionali.................................... 1 2 Circuiti con OpAmp... 51 Indice Indice 1 Amplificatori Operazionali... 1 1.1. Stadi Amplificanti... 1 1.2. Amplificatori Differenziali... 2 1.3. Retroazione... 5 1.3.1 Invenzione della Retroazione... 5 1.3.2 Proprietà dei Circuiti

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

Programmazione modulare a. s. 2014-2015

Programmazione modulare a. s. 2014-2015 Programmazione modulare a. s. 201-2015 Indirizzo:Informatica Disciplina : Telecomunicazioni Classe: A B Informatica Ore settimanali previste:3 (di cui 2 di laboratorio) Libro di testo: TELECOMUNICAZIONI-Ambrosini,

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale ELETTRONICA L amplificatore Operazionale Amplificatore operazionale Un amplificatore operazionale è un amplificatore differenziale, accoppiato in continua e ad elevato guadagno (teoricamente infinito).

Dettagli

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso.

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso. (5 min) Esercizio 1 1) Con una scheda di acquisizione dati, con dinamica d ingresso bipolare, si devono misurare i seguenti segnali su un circuito: V 1 tensione di alimentazione di una connessione USB

Dettagli

1 - I segnali analogici e digitali

1 - I segnali analogici e digitali 1 - I segnali analogici e digitali Segnali analogici Un segnale analogico può essere rappresentato mediante una funzione del tempo che gode delle seguenti caratteristiche: 1) la funzione è definita per

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

Incertezza delle misure e metodi di controllo

Incertezza delle misure e metodi di controllo Corso di Formazione APC MONITORAGGIO DI SPOSTAMENTI NEL SOTTOSUOLO E PRESSIONI INTERSTIZIALI SOTTO FALDA Incertezza delle misure e metodi di controllo Lucia Simeoni Università degli Studi dell Aquila Dipartimento

Dettagli

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n. 20 - E - 2: Oscillatori e generatori di segnale

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione Il campionamento consente, partendo da un segnale a tempo continuo ovvero che fluisce con continuità nel tempo, di ottenere un segnale a tempo discreto,

Dettagli

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO Per errore a regime si intende quello rilevato dopo un intervallo sufficientemente lungo dal verificarsi di variazioni del riferimento o da eventuali

Dettagli

Appunti del corso di Elettronica applicata e misure.

Appunti del corso di Elettronica applicata e misure. Appunti del corso di Elettronica applicata e misure. Prefazione Prefazione degli studenti Questo documento vuole rappresentare un insieme di appunti di supporto del corso di Elettronica applicata e misure.

Dettagli

Informatica Industriale - DU - 8

Informatica Industriale - DU - 8 Informatica Industriale - DU - 8 Tecniche di Interfacciamento con Segnali Analogici Catene di Misura Tecniche di conversione A/D Catena di Misura Sensore ; Filtro ; Multiplexer ; Amplificatore ; Sample-hold

Dettagli

T10 CONVERTITORI A/D E D/A

T10 CONVERTITORI A/D E D/A T10 CONVERTITORI A/D E D/A T10.1 Esplicitare i seguenti acronimi riguardanti i convertitori A/D e D/A: ADC.. DAC.. LSB.. SAR... S&H.. T10.2 Quanto vale l intervallo di quantizzazione in un ADC a 8 bit

Dettagli

I sistemi di acquisizione dati

I sistemi di acquisizione dati I sistemi di acquisizione dati L'utilizzo dei computers, e dei PC in particolare, ha notevolmente aumentato la produttività delle attività sperimentali. Fenomeno fisico Sensore/ trasduttore Acquisizione

Dettagli

Il Suono Digitale. Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale. Introduzione

Il Suono Digitale. Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale. Introduzione Il Suono Digitale Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale Introduzione pag 1 Vantaggi del segnale digitale pag 2 Svantaggi della rappresentazione digitale pag 2 Schema della catena audio

Dettagli

MESSA IN SCALA DI ALGORITMI DIGITALI

MESSA IN SCALA DI ALGORITMI DIGITALI Ingegneria e Tecnologie dei Sistemi di Controllo Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica MESSA IN SCALA DI ALGORITMI DIGITALI Cristian Secchi Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it

Dettagli

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Esercizio T T V V on riferimento al circuito di figura, si assumano i seguenti valori: = = kω, =. µf, = 5 V. Determinare

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Rappresentazione digitale

Rappresentazione digitale I BIT POSSONO RAPPRESENTARE TUTTO Tutta l informazione interna ad un computer è codificata con sequenze di due soli simboli : 0 e 1 è facile realizzare dispositivi elettronici che discriminano fra due

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO.

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. VIII-1. Introduzione. Il controllo del moto incrementale dei motori passo-passo si ottiene attraverso il software di un computer, programmando opportunamente gli impulsi

Dettagli

Elettronica applicata e misure Lezione D4

Elettronica applicata e misure Lezione D4 Gruppo lezioni D4 Convertitori pipeline e differenziali 1, 2. Parte prima In questa lezione si parlerà delle strutture dei convertitori AD di tipo veloce; sono due: 1. convertitori a residui; 2. convertitori

Dettagli

SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED

SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED Un tipico sistema di acquisizione dati di tipo PC-based ha quattro componenti hardware fondamentali (Fig.1): una morsettiera, un cavo, un dispositivo DAQ (Data Acquisition

Dettagli

CIRCUITI DI CONVERSIONE ANALOGICO-DIGITALE

CIRCUITI DI CONVERSIONE ANALOGICO-DIGITALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCATRONICA Dipartimento di tecnica e gestione dei sistemi industriali TESI DI LAUREA DI PRIMO LIVELLO CIRCUITI DI CONVERSIONE ANALOGICO-DIGITALE

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Algoritmi di channel routing per standard cells; verifica progettuale

Elettronica dei Sistemi Digitali Algoritmi di channel routing per standard cells; verifica progettuale Elettronica dei Sistemi Digitali Algoritmi di channel routing per standard cells; verifica progettuale Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

V ITI INFORMATICA CORSO DI SISTEMI a.s. 2012/13. MODULO 3 Sistema di acquisizione e distribuzione dati

V ITI INFORMATICA CORSO DI SISTEMI a.s. 2012/13. MODULO 3 Sistema di acquisizione e distribuzione dati V ITI INFORMATICA CORSO DI SISTEMI a.s. 2012/13 MODULO 3 Sistema di acquisizione e distribuzione dati U.D.3.1 Schema SAD/SDD monocanale U.D.3.2 I trasduttori: proprietà e classificazioni U.D.3.3 Campionamento

Dettagli

Oscilloscopi numerici Indice

Oscilloscopi numerici Indice 1 Indice unità 5 Struttura dello strumento Modalità di campionamento Modalità di trigger Presentazione Problemi di ricostruzione del segnale Prestazioni 2 Oscilloscopi numerici 3 Indice Generalità sul

Dettagli

Informatica per la Storia dell Arte

Informatica per la Storia dell Arte Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce Rappresentazione

Dettagli

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero di soluzioni circuitali, in dipendenza sia dal livello

Dettagli

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE COSO DI ODINAMENTO Indirizzo: ELETTONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi del progetto

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CONVERTITORE A/D PIPELINE A 9 BIT FUNZIONANTE A 12,5MHZ E 1V DI ALIMENTAZIONE IN TECNOLOGIA CMOS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CONVERTITORE A/D PIPELINE A 9 BIT FUNZIONANTE A 12,5MHZ E 1V DI ALIMENTAZIONE IN TECNOLOGIA CMOS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA CONVERTITORE A/D PIPELINE A 9 BIT FUNZIONANTE A 12,5MHZ E 1V DI ALIMENTAZIONE IN TECNOLOGIA CMOS Relatore: Chiar.mo Prof.

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

CAPITOLO 10 ALIMENTATORI

CAPITOLO 10 ALIMENTATORI 194 CAPITOLO 10 ALIMENTATORI Per funzionare, la maggior parte dei dispositivi e dei circuiti elettronici richiede un alimentazione in tensione continua, singola o duale. Le tensioni richieste sono normalmente

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 10: Carrier Recovery Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/20 Schema generico di ricevitore A.A. 2013-2014

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Lezione B4 - DDC 2003 1

Lezione B4 - DDC 2003 1 Elettronica per le telecomunicazioni Unità B: Anelli ad aggancio di fase (PLL) Lezione B.4 Sintetizzatori, DDS, CDR, DLL principio e parametri di DDS data recovery, CDR sincronizzazione clock con DLL Elettronica

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

INDICE. Sommario pag. 1. Introduzione pag. 8

INDICE. Sommario pag. 1. Introduzione pag. 8 SOMMARIO Questa tesi descrive la valutazione di schede commerciali basate su convertitori analogico-digitali ad alta risoluzione al fine dello sviluppo di applicazioni di sensoristica distribuita a scopo

Dettagli

Esercitazione n 5: Stadi di uscita

Esercitazione n 5: Stadi di uscita Esercitazione n 5: Stadi di uscita 1) Per il circuito in Fig. 1 sostituire il generatore di corrente con uno specchio di corrente. Dimensionare quest'ultimo in modo tale da ottenere la massima dinamica

Dettagli