( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)"

Transcript

1 G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto. I probma fondamnta è quo di mttr in razion i paramtri critici d matria, a tnion di nrvamnto o qua di rottura r, ottnuti con mpici prov monoaiai di trazion o comprion, con a ritnza d mnto oggtto ad uno tato di tnion in gnr biaia o triaia. A quto copo, in ba a orvazion primnta d mccanimo fiico con cui i matria giung ao tato imit, ono tat viuppat divr tori ch prndono i nom di critri di ritnza. In particoar, i critri di ritnza fornicono combinazioni d tnioni ffttivamnt agnti (principai o cartian), dtt tnioni quivanti, ( ) f,, o g( x y z yz zx ),,,,, (.) ch poono r confrontat con tnioni di nrvamnto /o rottura d matria. Pr auni critri a tnion quivant dipnd oo da tnioni principai maima minima. Pr ciacun un critrio di ritnza, i cdimnto in un punto da truttura i vrifica a tnion quivant raggiung i vaor imit di rottura o nrvamnto, cioè : con,r. (.) Na pratica, avo cai particoari, truttur ono progttat affinché tnioni maim agnti i mantngano ufficintmnt a di otto di qu critich. Si dfinic tnion ammiibi una frazion opportuna da tnion ch provoca i dannggiamnto. La dfinizion i ottin introducndo un fattor n> com gu: n am (.) I vaor n è dtto cofficint di icurzza i uo vaor (tipicamnt. n, in auni cai n4) è impoto da normativ o co da progttita in ba a conidrazioni riguardanti: incrtzza u ntità d carico u modaità d appicazion (urti, oitazioni di montaggio traporto), incrtzza u proprità d matria (proprità iniziai, variazioni dovut aa avorazion, uura tmpratura in rcizio), imprciion d modo matmatico pr i caoo d tnioni (uo di tori mpificat), a poibi prnza d ar tnioni (dovut aa avorazion o a montaggio), a pricooità d cdimnto, i coto. Pr vrificar un mnto di gomtria nota è in condizion di icurzza, i caoa i vaor da tnion quivant i confronta con a tnion ammiibi tramit una diquazion di quto tipo: (.4) Quto tipo di caoo è dtto di vrifica. In auni cai è poibi crivr a in funzion di un paramtro gomtrico da truttura (D) ricavar qut uimo imponndo ch a guagi i vaor ammiibi: ( D) am (.5) quto tipo di caoo è dtto di progtto. Riguardo a mccanimo fiico con cui i matriai giungono a cdimnto, i uo ffttuar una prima ditinzion di maima tra i comportamnto di matriai duttii di qui fragii. I matriai duttii prntano vat dformazioni patich a partir da raggiungimnto da tnion di nrvamnto, infrior a vaor di tnion ch provoca a rottura. Tai dformazioni ono gat a corrimnti tra i piani atomici critaini ch avvngono a incirca ni piani u cui initono maim tnioni tangnziai. Auni critri di ritnza uggricono ch a condizion critica di matriai duttii è cotituita proprio da raggiungimnto do nrvamnto idntificano a tnion ottnuta na prova di trazion com vaor critico di rifrimnto. I matriai fragii non prntano vat dformazioni patich a condizion critica conidrata di critri di ritnza è oitamnt cotituita daa rottura. Poiché i matriai fragii prntano una ritnza a comprion uprior a qua di trazion, i vaor critici di rifrimnto ottnuti daa prova di trazion ono : tnioni di rottura a trazion comprion rt rc. Tipicamnt ni matriai fragii a rottura avvin pr improvvia propagazion di una frattura in un piano ortogona aa tnion norma ch raggiung i uo vaor critico. Com i vdrà n guito, i cdimnto a trazion può r faciitato daa imuana prnza di una tnion di comprion vata (ovviamnt minor da rc ), uprior, in vaor aouto, a qua maima di trazion. am.

2 G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin Critrio da maima tnion norma o di Rankin-Navir Quto critrio affrma ch i cdimnto i vrifica quando a maima tnion principa agnt guagia a tnion di nrvamnto o a tnion di rottura d matria. In pratica oo a maima tnion principa produc i cdimnto ar poono r tracurat. Siano t c ripttivamnt tnioni di nrvamnto in trazion in comprion rt rc anaogh tnioni di rottura tutt conidrat con i gno appropriato (ngativo pr qu di comprion): è a maggior d tnioni principai a minor, i cdimnto pr nrvamnto o rottura avvin quando: o ( <0),r (.6a,b) Introducndo i rapporto tra tnioni imit a trazion a comprion r r (.7) ch, i noti, è un numro ngativo otitundo /r na (6b), (6) poono r inttizzat com gu: { r } max, (.8) La (8) connt di dfinir una tnion quivant da confrontar con a oa tnion ammiibi a trazion amm /n, mdiant a (4) o a (5), com gu: { r } max, (.9) Conidrando tnioni principai non ordinat, ma tai ch iano a maima a minima o vicvra, n piano -, gi tati di tnion imit pri da (6) ono rapprntati da un quadrato (vdi fig.). Quta rapprntazion può r utiizzata anch in cao di tato di tnion biaia con 0. S tnioni ono ordinat ( > ) ara gnata in grigio na figura (pr a qua arbb < ) non dv r conidrata. S i punto rapprntativo do tato tniona agnt n matria i trova a intrno d diagramma, i componnt è in icurzza. No tato di tnion tangnzia puro, rapprntato daa ina tratto-punto in fig., i ha con max ( )/( + )/. Appicando i critrio di Navir (6) a quto cao i ottin ch i cdimnto i vrifica quando cui corripond max ( + )/. Dati primntai motrano ch qut vntuaità può r conidrata raitica pr i matriai fragii, mntr n cao di matriai duttii o nrvamnto i vrifica pr vaori da tnion tangnzia moo minori. N piano n - n ciacuno tato di tnion è rapprntato mdiant i crchi di Mohr di cui quo trno è rativo a piano in cui agicono tnioni principai più vat in moduo. In fig., ad mpio, ono riportati in ina trattggiata, i crchi imit a trazion comprion mpic con ina puntggiata i cao di. In particoar, pr i critrio di Navir, gi tati di tnion imit ono rapprntati da crchi di Mohr tangnti a rtt para a a avnti quazion motrat in fig.. Su piano di Mohr è poibi dfinir una curva imit data da inviuppo di tutti i crchi di Mohr ch rapprntano tati di tnion imit. Pr i critrio di Navir ta curva imit è a circonfrnza tangnt a rtt rapprntata con ina puntggiata in figura. Quto critrio: può r utiizzato pr matriai con comportamnto non immtrico, tipicamnt fragii, pr prvdr ia o nrvamnto ia a rottura, è po in contrato con i dati primntai, non prvdndo a rottura ni cai in cui tnioni ono di gno dicord a tnion di comprion è a maggior in vaor aouto, conidra oo tnioni maim in vaor aouto, tracurando fftto di qu intrmdia minima, indica ch a tnion tangnzia di nrvamnto è pari a, faic n cao di comprion idrotatica pari a prvdndo i cdimnto. t t n t c O n c Fig.. - Critrio di Navir n piano - (trattggiato pr t c).. Fig.. Rapprntazion d critrio di Navir n piano di Mohr.

3 G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin Critrio da maima tnion tangnzia o Trca Quto critrio affrma ch i cdimnto (pr nrvamnto) i vrifica quando a maima tnion tangnzia n punto conidrato divin ugua aa maima tnion tangnzia n provino di trazion a momnto do nrvamnto. Si uppon ch a crii d matria ia dovuta aa oa tnion tangnzia. E una toria faci da utiizzar d è po in accordo con i riuati primntai; a è uata pr prdir o nrvamnto d è quindi vaida pr i matriai duttii. In un provino oggtto a trazion mpic a tnion tangnzia maima ao nrvamnto è data da: ( 0) (.0) In campo atico, pr uno tato di tnion gnrico, tnioni di tagio maim agnti ni piani contnnti dirzioni principai ono dat da ( ),,, ; ij i j i j i j (.) Lo nrvamnto i vrifica quando max, cioè, conidrando tnioni principai non ordinat, { }, (.) max i, j i j na qua ignifica vaor aouto, da cui: { } i j,,; i j max i, j i j La tnion quivant è da confrontar con amm /n è data da { }, (.) max,, (.4) N cao biaia con 0 tnioni agnti n piano - a (4) divnta { } max,, (.5) In quta prion i nota ch a maima tnion tangnzia n cao piano è qua agnt n piano - oo tnioni ono di gno oppoto. N cao in cui hanno o to gno, a maima tnion tangnzia è qua agnt n piano - > n piano -, >. La fig. motra una rapprntazion grafica dgi tati imit dcritti da (5) n piano -. No pazio, con tnioni non ordinat, () ono quazioni di piani di un agono avnt pr a di immtria a trittric dgi ai. N piano n - n (fig.4) gi tati di tnion imit ono rapprntati da crchi tangnti a rtt para a a avnti quazion: ± /. L curva imit è rapprntata da t rtt di quazion ± /. Quto critrio: conidra oo tnioni maima minima, tracurando fftto di qua intrmdia, va pr matriai con comportamnto immtrico, tipicamnt duttii, indica ch a tnion tangnzia di nrvamnto è pari aa mtà d vaor di nrvamnto a trazion 0.5, faic n cao di trazion tripa pari a prvdndo a ritnza, non è utiizzabi pr prvdr a rottura poiché, in campo patico, i matria ha un comportamnto divro in ba a tipo di oitazion (tipicamnt i ha r r non r 0.5 r com prvdrbb i critrio). n n / Fig.. - Critrio di Trca.. Fig..4 Rapprntazion d critrio di Trca u piano di Mohr.

4 G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin Critrio d nrgia di ditorion o di Von Mi-Hncky Quto critrio affrma ch o nrvamnto d matria i vrifica quando nrgia atica di dformazion immagazzinata raggiung un vaor critico; ta vaor può r dtrminato con a prova di trazion d è pari a nrgia di dformazion rativa aa tnion monoaia di nrvamnto. I critrio di Von Mi, ndo baata u grandzz dfinit in campo atico, può r impigato oo pr individuar combinazioni di tnion ch provocano o nrvamnto, combinazioni ch rapprntano i imit uprior d campo atico to. Eo è mno mpic da utiizzar riptto aa toria da maima tnion tangnzia, ma pr i matriai duttii è qua ch dà i riuati più adrnti a ituazioni rai. I critrio di Von Mi prnd origin da orvazion ch i matriai duttii oggtti ad uno tato di tnion idrotatico (tnioni principai di comprion di ugua vaor), pr i quai o tato tniona provoca ocamnt una variazion di voum, ma non di forma, hanno una ritnza ao nrvamnto uprior riptto a vaor ottnuto da mpici prov di trazion. Pr ottnr i critrio di Von Mi i dtrmina i avoro di ditorion U d com diffrnza tra i avoro tota U quo ch provoca una variazion di voum U v i confronta con quo rativo a cao di trazion mpic. Vautazion d avoro di ditorion La vautazion d avoro di ditorion i ffttua ni gunti pai: i vauta i avoro di dformazion tota U, i caoa a tnion mdia m agnt i vauta i avoro da a compiuto U v, i avoro di ditorion i vauta com diffrnza U d U U v. I avoro pr unità di voum compiuto da tnioni principai è dato da: U ε otitundo ε mdiant a gg di Hook, nrgia tota di dformazion è: i i i i,, ; (.6) U U + U + U ( ) E + + ν + +. (.7) La oitazion agnt u cubtto unitario in ciacuna dirzion principa può r conidrata com a omma di una tnion mdia, dfinita com + + m (.8) da tnion i (i,,), dtta tnion ridotta, data daa diffrnza tra a tnion ffttivamnt agnt a tnion mdia ta, cioè i i m. È vidnt ch a m provoca oo una variazion di voum d mnto mntr i producono a ditorion di forma d cubtto. L nrgia di dformazion dovuta aa oa variazion di voum i ottin otitundo a poto d tr tnioni principai a componnt mdia (8) na (7): U v m 6 m m ovvro: U v ( ν ) ( ν ) ( ) E ν + + E 6E ν ( + + ) 6E L nrgia di ditorion i può ottnr gundo a diffrnza tra U U v (.9) (.0) + ν Ud U Uv + + ( + + ) E ; (.) i noti ch nrgia di ditorion è zro. Lavoro di ditorion n cao di trazion mpic N cao da prova di trazion, ao nrvamnto i ha, 0, da cui nrgia di ditorion riua: Dtrminazion d critrio Eguagiando q.() () i ottin U d + ν (.) E.4

5 ( ) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin (.) daa qua i driva a condizion imit ao nrvamnto: ( ) (.4) Tnioni quivanti La razion (4) prmtt di dfinir a tnion quivant (dtta di Von Mi) pr o tato di tnion triaia da confrontar con qua ammiibi: + + ( + + ) ( ) ( ) ( ) + + (.5) Du tati tnionai dfiniti da divri vaori d componnti d tnor dgi forzi, ma avnti o to vaor da data daa (5) ono quivanti ai fini d nrgia di dformazion ( quindi do nrvamnto). La (5) può r ricritta pr un itma di ai non principa fornic: ( ) ( ) (.6) x y z x y y z z y yz zx Pr tato tniona piano con 0 a (5) i traforma in a (6) a ua voa divnta + (.7) + + (.8) x y x y L prioni (5-8) poono r utiizzat mdiant razioni (4) (5) pr fini di vrifica o progtto tnndo conto ch a ch può r inrita è oo qua di nrvamnto. Sotitundo n (5-8) a poto di i ottngono ituazioni imit pr i vari cai di tato tniona. N cao di tato di tnion puramnt tangnzia con, utiizzando a (7), ao nrvamnto i ottin: (.9) I La (9) può r ottnuta utiizzando anch a (8) ch in quto cao i riduc a. confronto con anaoga razion ottnuta con a toria da maima tnion tangnzia motra ch i critrio d nrgia di ditorion indica una ritnza ao nrvamnto a tagio apprzzabimnt più aa (d 5.4%). No pazio - - q. (4) rapprnta un ciindro avnt pr a a trittric dgi ai di rifrimnto. N piano - (con 0) a ua traccia è un i di q.(7) (vdi fig.5). Quto critrio: va pr matriai con comportamnto immtrico, tipicamnt duttii, conidra tutt tnioni principai (o tutt tnioni), indica ch a tnion tangnzia ch provoca o nrvamnto è 0.577, faic n cao di trazion tripa prvdndo a ritnza, non è utiizzabi pr prvdr a rottura poiché baato u grandzz vaid in campo atico / Fig..5 Critri di Von Mi Trca..5

6 G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin Critrio da tnion ottadrica Quto critrio affrma ch o nrvamnto ni matriai duttii avvin quando a tnion ottadrica raggiung i vaor critico. L tnioni quivanti ottnut con quto critrio coincidono con qu ottnut co critrio di Von Mi (5-8). Com vito n primo capitoo, i 4 piani ottadrici (fig.6) ono carattrizzati da fatto ch i vrori d normai n formano con gi ai principai angoi uguai. In particoar nominati i angoi α, β γ, i ha: α β γ co (.0,) Utiizzando quazioni ch conntono di ottnr tnioni pr agnata giacitura i ottngono tnioni normai tangnziai agnti ui piani ottadrici (.67) (.68), qui ricritt: + + h h ( ) ( ) ( ) + + (.,) N cao di tato di comprion idrotatica, pr i qua non i vrifica nrvamnto n matria, tnioni principai coincidono con a h mntr a h riua nua. Quto fa ritnr ch qut uima ia a caua do nrvamnto. In particoar in un provino oggtto ad uno tato di tnion monoaia tnioni ottadrich ao nrvamnto (fig.7) divntano: h h h (.4,5) N cao muiaia o nrvamnto i vrifica quando a tnion ottadrica () raggiung i vaor critico: ( ) ( ) ( ) + + (.6) a tnion quivant, ch coincid con qua di Von Mi (5), può r pra com ( ) ( ) ( ) + + (.7) n h, h h h 54.7 n α n comprion n trazion p n torion Fig..6 - Uno di 4 piani ottadrici. Fig..7 Tnioni ottadrich ao nrvamnto. Fig..8 La curva imit di Mohr crchi imit pr trazion tripa, trazion, torion comprion..6

7 G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin Critrio di Mohr Quto critrio ipotizza ch a crii d matria i vrifichi n piano in cui i raizza una combinazion critica di tnioni tangnziai normai. Tai combinazioni vngono idntificat u piano di Mohr n - n imponndo pr ogni n una n ch provochi a rottura tracciando i corripondnt crchio Mohr; a curva imit di Mohr, pcifica pr i matria anaizzato, è inviuppo di crchi ottnuti (fig.8). Ovviamnt gi tati tnionai i cui crchi di Mohr maggiori ono tangnti aa curva imit ono tati tnionai imit. I punti di tangnza di crchi imit con a curva di Mohr rapprntano o tato tniona agnt n piano in cui avvin a rottura. Sfruttando proprità di crchi di Mohr è poibi dtrminar a dirzion di tai piani (fig.9). Pr tracciar curv di Mohr arbb ncario ffttuar amno prov di trazion, comprion, torion, più una prova in tato tripo di oitazion carattrizzato dao tato tniona p. Nonotant a n, φ, n Fig..9 Vrifica di ritnza utiizzando a curva imit di Mohr. prnza di quah punto rativo a tati triaiai, curv di Mohr tracurano fftto da tnion intrmdia. L curv di Mohr hanno gunti carattritich: ono immtrich riptto a a, prché a rottura non dipnd da gno d, daa part d ngativ tndono a divntar para a a, prché pr comprion idrotatica non i ha rottura, daa part d poitiv curv intrcano a n punto p, ch, pr i matriai fragii, tnd a coincidr con a tnion di rottura a trazion rt, in quto punto a tangnt aa curva dv r vrtica prché i cdimnto a trazion avvin pr ditacco. S a curva di Mohr pr i matria conidrato è diponibi, quto critrio è, probabimnt, i più fficac. La vrifica dv r ffttuata confrontando i maggior di crchi di Mohr rapprntativi do tato di tnion agnt con i crchio imit rativo ao to tato (fig.9). Qut uimo i ottin ampificando di un fattor n crcnt tutt tnioni principai n, n, n fino a quando i crchio ottnuto non riua tangnt aa curva imit: i fattor n pr cui i ottin i crchio imit è i cofficint di icurzza. I punto di tangnza di coordinat, (fig.9) dtrmina a giacitura d piano in cui i vrifica a crii d matria; a norma a piano forma angoo φ / con a dirzion. Poiché pr n0 i crchio di Mohr dgnra in un punto coincidnt con origin, tracciando a congiungnt tra origin i punto imit, intrzion con i crchio do tato tniona agnt prmtt di dtrminar graficamnt i punto di coordinat /n, /n com in fig.9. n n n i φ α n Critrio di Couomb-Mohr La curva imit di Mohr può r approimata utiizzando oo i crchi di Mohr imit a trazion comprion rtt tangnti ai uddtti crchi (immtrich riptto a a n ) com motrato in fig.0. Tai rtt u piano di Mohr hanno quazion + µ i (.8) na qua i è intrzion con a n µtanα è i cofficint angoar. La rtta di Couomb è tangnt ai crchi imit in punti a cui congiungnt con i cntro d crchio (i raggio) forma un angoo pari a φπ/ α ha pndnza pari ad απ/ φ. Suit a gunt razion: µ tan π φ tan φ (a) (b) (c) Fig..0 Toria di Couomb Mohr: a) curva imit, b) a rtta tangnt ai crchi imit di trazion comprion rativi paramtri, c) a pzzata imit n piano - a confronto con quo da maima tnion norma..7 (.9) S non i ordinano in no dcrcnt tnioni principai, in ba a conidrazioni gomtrich u piano di

8 G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin Mohr, i critrio può r pro da gunti quazioni (quivanti a 6 pr a prnza d vaor aouto): + m( + ) + m ( + ) m( ) + + (.40a-c) n quai cotanti (ch è a coordinata n d punto di tangnza d crchio imit d cao di tato di tnion puramnt tangnzia aa rtta imit fig.0) m poono r pr in funzion di diamtri di crchi imit a trazion comprion, coincidnti con ripttivamnt, mdiant gunti razioni m + L 6 quazioni (40) rapprntano 6 piani ch no pazio formano un vrtic n punto /m. N cao piano, conidrando 0 non ordinando, (40) aumono a gunt forma: ( ) (.4,4) + m + + m + m (.4a-c) Qut prioni poono r utiizzat anch n cao triaia ono a maima a minima tnion agnt o vicvra. Pr m0 ( ) i critrio di Couomb-Mohr è quivant a quo di Trca. N primo trzo quadrant dov hanno o to gno a toria di Mohr qua di Navir coincidono. La condizion imit può r pra mpicmnt com { } { } max, min, (.44a,b) N condo quarto quadrant dov tnioni hanno gno oppoto, du tori diffricono. In particoar combinazioni imit ono pr daa gunt razion inar (in forma gmntaria): { } { } max, min, + (.45) Ordinando tnioni principai in modo ch > >, pr cui max{, } min{, }, introducndo i rapporto r tra tnioni imit a trazion comprion (7), cioè ponndo n (44-45) /r ponndo infin, è poibi ottnr a tnion quivant da confrontar con qua ammiibi a trazion am /n: { } max, r, + r (.46) La ina avnt pndnza /, ch rapprnta o tato di tnion puramnt tangnzia, intrca i contorno d rombo n punto di coordinat <. L anaoga intrzion con a ina rapprntativa da toria di Navir fornic, invc,, ch è una carattritica di moi matriai fragii. In quti matriai, ni cai in cui tnioni ono dicordi a tnion di trazion è a maima in vaor i, aouto o è comunqu vicina a qua di comprion (n cao di tato di tnion puramnt tangnzia ono uguai), a rottura avvin in piani normai ad a. Pr oitazioni di quto tipo i critrio di Couomb-Mohr riua ccivamnt conrvativo vin modificato opportunamnt. Critrio di Couomb-Mohr modificato I critrio di Couomb-Mohr modificato è rapprntato in fig. a confronto con quo origina. I vaor i rapprntato in figura è i vaor di comprion pr i qua a rottura a trazion prva ancora u qua pr corrimnto dovrbb r dtrminato primntamnt; tuttavia, oprando in modo conrvativo i aum i a pzzata imit utiizzata è qua rapprntata con ina pa in fig.. In quto cao, n primo trzo quadrant vagono ancora (44), n condo quarto quadrant, a tnion poitiva è maggior in moduo di qua ngativa, a condizion imit è ancora pra da (44), vicvra ( >0 <0 > oppur <0 >0 > ) a condizion imit è rapprntata da: + max, + min, (.47) Oprando com n cao prcdnt, ricordando a dfinizion (7) tnndo conto d (44) da (47), prion d tnion quivant è data da: { ( ) } max, r, + r + r (.49), i Fig.. I critrio di Couomb Mohr modificato..8

9 G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin Confronto riauntivo tra i critri di ritnza Un confronto tra i critri di Navir, Trca, Von Mi, da tnion ottadrica di Mohr modificato, può r ffttuato orvando a taba. In tab. ono riportat, pr ciacun critrio, a grandzza mccanica ch porta aa crii i matria, drivant da mccanimo di rottura prvito da critrio, a forma aunta daa grandzza ta n cao monoaia, daa qua è poibi quantificar i vaor critico. Critrio Grandzza critica Cao gnra triaia o biaia Navir max[, r ] Trca U d Grandzza critica Cao monoaia,, max max,, max + ν + ν E U d E Von Mi ( ) + + h Ottadrica h ( ) ( ) ( ) { r r r } Mohr max,, ( ) modificato + +,, Tab.. Confronto tra i critri di ritnza: grandzz critich ni cai di tato di tnion puriaia monoaia. I 5 critri i baano ripttivamnt u ipoti ch n matria i vrifichi i cdimnto quando i vaor critico vin raggiunto da:. a maima tnion di trazion o a minima tnion di comprion,. a maima tnion tangnzia,. a ditorion di forma provocata da tnioni, 4. a tnion tangnzia agnt ui piani ottadrici, 5. a maima tnion di trazion o a minima tnion di comprion o una combinazion d n cao in cui a minima tnion di comprion upri in moduo a maima di trazion. L grandzz critich pr i 5 critri ono ripttivamnt:. a tnion ch giung pr prima a vaor di crii tra a tnion principa maima di trazion a tnion principa minima di comprion,. a maima tra tnioni tangnziai,. nrgia di dformazion, 4. a tnion tangnzia agnt ui piani ottadrici, 5. a tnion ch giung pr prima a vaor di crii tra a tnion principa maima di trazion, a tnion principa minima di comprion una combinazion d tnioni, n cao in cui a minima tnion di comprion upri in moduo a maima di trazion. I vaori critici d 5 grandzz poono r ottnuti introducndo i vaor di o r d matria a poto di n prioni d grandzz critich n cao monoaia. In ina torica ciacun critrio potrbb r appicato confrontando dtti vaori critici con i ripttivo vaor caoato n cao gnrico triaia o biaia. In gnra è più comodo confrontar a mpic tnion critica a trazion o r con a tnion quivant drivata da critrio. Con rifrimnto aa tab., prion da tnion quivant può r ottnuta con a procdura già utiizzata ni prcdnti paragrafi: i pon n prioni d grandzz critich n cao monoaia, i uguagia prion ottnuta aa grandzza rativa a cao gnrico, i mpificano i fattori comuni. L tnioni quivanti pr i cao triaia rativ ai vari critri ono riaunt in taba. E bn notar ch quando i matria raggiung o nrvamnto durant a prova di trazion, a tnion tangnzia maima è max /: quto potrbb indurr a ritnr ch ogni quavoa a tnion tangnzia raggiung dtto vaor i abbia o nrvamnto. Quto ragionamnto è rrato d quiva ad affrmar ch i mccanimo di nrvamnto di matriai coincid mpr con quo u cui i baa i critrio di Trca. S i acctta i critrio da tnion ottadrica, vicvra, i ipotizza ch a crii d matria avvnga a caua di qut uima, i cui vaor critico è Ovviamnt quando i vaor da tnion ottadrica h raggiung quto vaor durant a prova di trazion, a maima tnion tangnzia raggiung i vaor 0.5, ma.9

10 G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin i può orvar ch durant una prova di torion con max, quando h raggiung i vaor critico, a tnion tangnzia maima divnta max Anch n cao in cui i auma com mccanimo di nrvamnto i raggiungimnto d vaor critico d nrgia di ditorion i ottin o to riuato. I critri di Navir Mohr modificato portano aa concuion ch i vaor numrico da tnion puramnt tangnzia ch porta aa rottura i matria è pari a vaor r. Quta ipoti è raitica pr i matriai fragii pr i quai a caua di rottura riman a tnion norma. Supponndo vaido quto mccanimo di cdimnto, gundo una prova di torion, aa rottura i ha r d ndo max, n driva max r. I vaori di tnion puramnt tangnzia ch portano aa rottura condo i vari critri ono riportati in tab. motrati in fig.. In appndic ono riportat formu appicativ di critri di Von Mi, Trca Mohr modificato pr i principai cai di intr pratico. Critrio Tnion Equivant Navir max {, r } Va. critico Stato tang Trca max {,, } Von Mi Ottadrica ( + ) ( ) ( ) { } x y z x y y z z y yz zx Mohr max,, ( ) modificato r + r + r Tab.. Confronto tra i critri di ritnza: tnioni quivanti vaor da tnion tangnzia critica n cao di tato di tnion puramnt tangnzia (torion o tagio puro) O P P Fig.. Confronto tra i critri di ritnza u piano - n cao di matriai con proprità mccanich immtrich. Fig.. Empio di vrifica ffttuata in modo grafico utiizzando i critrio di Mohr modificato. Vrifica di ritnza ui diagrammi N cao di tato piano di tnion, o n cao in cui è poibi tracurar a tnion principa intrmdia, a vrifica di ritnza può r ffttuata in modo grafico utiizzando i diagrammi do tato di tnion imit di ciacun critrio (fig.,, 5, 0c, ). Gnramnt i ipotizza ch ntramb tnioni agnti n punto dipndano ao to modo dai carichi trni, riuando ntramb dirttamnt proporzionai ad i. In ta cao, con rifrimnto aa fig., rativa a cao d critrio di Mohr modificato, a procdura pr a dtrminazion d cofficint di icurzza può r riaunta ni gunti pai: ) rapprntazion d punto P rativo do tato tniona di progtto, cui coordinat ono tnioni provocat dai carichi di progtto; ) tracciamnto da rtta paant pr origin O dgi ai i punto P to, dfinita rtta di carico; ) dtrminazion d punto imit pr i matria P, da intrzion tra a rtta di carico i diagramma di punti imit d matria; 4) vautazion d cofficint di icurzza com rapporto tra unghzz di gmnti OP OP. I gmnto OP è dfinito rtta di carico in quanto rapprnta tutti i poibii tati tnionai d punto a variar di carichi trni a partir da vaor nuo (punto O), paando pr i vaor di progtto (punto P) fino a vaor ch provoca i cdimnto (punto P )..0

11 Appndic Taba riauntiva d formu appicativ di critri di ritnza G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin FORMULE APPLICATIVE DEI CRITERI DI RESISTENZA VON MISES TENSIONE OTTAEDRICA Ai Principai Triaia ( ) Ai Principai Biaia + ( ) + ( ) + ( ) ( ) + + Ai Cartiani Triaia Ai Cartiani Biaia ( ) ( ) x y z x y y z z y yz zx x y x y ( ) + ( ) + ( ) + ( + + ) ( ) x y y z z x yz zx x y y x Tangnzia puro Fion ( x) torion ( ) x Ai Principai Triaia TRESCA { } { } max max,, i j i, j Ai Principai Biaia max {,, } Ai Cartiani Biaia + + x y x y x y x y x y max +, + +, + Tangnzia puro Fion ( x) torion ( ) x + 4 { ( ) } MOHR MODIFICATO max, r, + r + r r rt rc Eprion vaida pr > > da confrontar con amm rt/n rt >0: tnion di rottura a trazion rc<0: tnion di rottura rc a comprion. (r<0).

MACCHINE ELETTRICHE. Macchine Sincrone. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a.

MACCHINE ELETTRICHE. Macchine Sincrone. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a. MACCHINE ELETTRICHE Macchin Sincron Stfano Pator Dipartimnto di Inggnria Architttura Coro di Elttrotcnica (IN 04) a.a. 2012-1 Introduzion I gnratori i motori incroni ono formati da du parti: Induttor (part

Dettagli

N (>0 compr.) 6. SOLLECITAZIONI RESISTENTI NEI CAMPI DI ROTTURA

N (>0 compr.) 6. SOLLECITAZIONI RESISTENTI NEI CAMPI DI ROTTURA 6. SLLEITZINI RESISTENTI NEI PI DI RTTUR Dfiniti i campi i rottura è util, prima i affrontar i prolmi i progtto vrifica ll zioni, trminar pr l rtt i rottura in cian campo l riultanti i momnti riultanti

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Univrità di apoli arthnop Facoltà di Inggnria Coro di Tramiioni umrich docnt: rof. Vito acazio 6 a Lzion: // Sommario Calcolo dlla proailità di rror nlla tramiion numrica in prnza di AWG AM inario M inario

Dettagli

2 PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA CICLO DI CARNOT

2 PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA CICLO DI CARNOT 2 PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA CICLO DI CARNOT Mntr il 1 principio rapprnta la conrazion dll nrgia, il 2 principio riguarda la maima quantità di calor ch può r conrtita in laoro. Alcun dfinizioni: Proco

Dettagli

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI UNIVR Facoltà di Economia Corso di Matmatica finanziaria 008/09 ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI Domini di funzioni di du variabili Esrcizio a f, = log +. L unica condizion di sistnza è data dalla disquazion

Dettagli

Introduzione ai segnali (causali, regolari, di ordine esponenziale)... 2 Il segnale di Heavyside... 3 Definizione di trasformata di Laplace...

Introduzione ai segnali (causali, regolari, di ordine esponenziale)... 2 Il segnale di Heavyside... 3 Definizione di trasformata di Laplace... Appunti di Controlli Automatici Capitolo - part I Traformata di aplac Introduzion ai gnali (cauali, rgolari, di ordin ponnzial)... Il gnal di Havyid... 3 Dfinizion di traformata di aplac... 3 PROPRIETÀ

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma

Dettagli

CAPITOLO 5 INTRODUZIONE ALLE TURBOMACCHINE

CAPITOLO 5 INTRODUZIONE ALLE TURBOMACCHINE CAPITOLO 5 INTRODUZIONE ALLE TURBOMACCHINE 5.. Introdzion In qto capitoo anaizziamo n dttagio i fnzionamnto d trbomaccin, oro com già dfinito q maccin in ci i fo è contino, partndo daa dcrizion d traformazioni

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y.

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y. INTRODUZIONE Ossrviamo, in primo luogo, ch l funzioni sponnziali sono dlla forma a con a costant positiva divrsa da (il caso a è banal pr cui non sarà oggtto dl nostro studio). Si possono allora vrificar

Dettagli

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO EUROSCUOLA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI BIANCHI SCUOLE PARITARIE PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO CLASSI MATERIA PROF. QUARTA TURISMO Matmatica Andra Brnsco Làvor ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ FUNZINI E LR RAPPRESENTAZINE Tst di autovalutazion 0 0 0 0 0 50 60 70 80 90 00 n Il mio puntggio, in cntsimi, è n Rispondi a ogni qusito sgnando una sola dll 5 altrnativ. n Confronta l tu rispost

Dettagli

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE Esrcitazioni dl corso di trasmissioni numrich - Lzion 4 6 Fbbraio 8 ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENE I du sgnali passa basso di figura sono utilizzati pr la trasmission di simboli binari quiprobabili

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

TRANSPALLET ELETTRICI

TRANSPALLET ELETTRICI I prodotti da gamma tranpat ttrii ono tudiati pr ottnr mahin da dimnioni ompatt, adatt ad r utiizzat anh in pazi moto ridotti. La produzion intrna d mahin è tata progttata pr appiazioni di vario gnr, dagi

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Telecom Italia Media S.p.A. e. Telecom Italia Media Broadcasting S.r.l. Premesso

VERBALE DI ACCORDO. Telecom Italia Media S.p.A. e. Telecom Italia Media Broadcasting S.r.l. Premesso VERBALE DI ACCORDO In data 20 maggio 20 1 1, si sono incontrati Tcom Itaia Mdia S.p.A. Tcom Itaia Mdia Broadcasting S.r.. Sgrtri Nazionai Trritoriai di SLC-CGIL, FIST CISL UILCOM -UIL Prmsso quanto prvisto

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

AZIONI SISMICHE TRAMITE SPETTRO DI RISPOSTA- LA NUOVA NORMA 2007

AZIONI SISMICHE TRAMITE SPETTRO DI RISPOSTA- LA NUOVA NORMA 2007 ispns orso ostr Zon ismica 2 mod _Prof amillo Nuti_ AA 2006 2007 AZIONI IMIHE RAMIE PERO I RIPOA- LA NUOVA NORMA 2007 AZIONI IMIHE L azioni sismich di protto con l quali valutar il risptto di divrsi stati

Dettagli

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k 1 AMMORTAMENTO AMMORTAMENTO Dbito inizial D 0 si volv (al tasso fisso t) D k = D k-1 (1+t) R k [D k dbito (rsiduo) al tmpo k, R k pagamnto al tmpo k ] Condizioni [D n =0 : stinzion dl dbito in n priodi

Dettagli

Un Sistema Energetico Integrato e Sostenibile: un lusso o una possibilità concreta?

Un Sistema Energetico Integrato e Sostenibile: un lusso o una possibilità concreta? Un Sitma Enrgtico Intgrato Sotnibil: un luo o una poibilità concrta? Un itma nrgtico otnibil, alimntato cluivamnt con nrgi rinnovabili. Potnzialità, architttura, componnti funzionali, dinamica, tnion dll

Dettagli

NTC 2008. Metodo semiprobabilistico agli stati limite e metodo alle tensioni ammissibili

NTC 2008. Metodo semiprobabilistico agli stati limite e metodo alle tensioni ammissibili NTC 008 todo smiprobabiistico agi stati imit mtodo a tnsioni ammissibii Pr fissar mgio attnzion sui critri gnrai appicativi di mtodi di cacoo, si fa rifrimnto a schmi statici moto smpici. I matria prso

Dettagli

Statica del corpo rigido: esercizi svolti dai compitini degli anni precedenti

Statica del corpo rigido: esercizi svolti dai compitini degli anni precedenti Statica de corpo riido: eercizi voti dai compitini dei anni precedenti II COMPITIO 00 003 Un ae di eno orizzontae omoenea, di maa M0 k e unhezza L m, è appoiata u due cavaetti. L ae pore di 60 cm otre

Dettagli

Studio di funzione. R.Argiolas

Studio di funzione. R.Argiolas Studio di unzion R.Argiolas Introduzion Prsntiamo lo studio dl graico di alcun unzioni svolt durant l srcitazioni dl corso di analisi matmatica I assgnat nll prov scritt. Ringrazio anticipatamnt tutti

Dettagli

trafer pilastri armati manuale di progettazione

trafer pilastri armati manuale di progettazione trar pilatri armati manual di progttazion RDB SpA Via dll Edilizia, 1 ~ 291 Pontnur PC ~ Tl. 523/518.1 ~ Fa 523/51827 www.rd.it ~ -mail: inord@rd.it Frrir Nord SpA 331 Ooppo UD ~ Tl. 432/981811 ~ Fa 432/9818

Dettagli

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

Prot. n. 1209/C14 Lecce, 24 FEBBRAIO 2015

Prot. n. 1209/C14 Lecce, 24 FEBBRAIO 2015 Itituto di Itruzion Scondaria Suprior "L.G.M Columlla" 73100 LECCE - Via S. Pitro in Lama - Tl. 0832359812 - Fax: 0832359642 Intrnt: www.ititutocolumlla.it - E-mail: grtria@ititutocolumlla.it C. F. 80012300754

Dettagli

SESSIONE ORDINARIA 2012 CORSI SPERIMENTALI

SESSIONE ORDINARIA 2012 CORSI SPERIMENTALI PROBLEMA SESSIONE ORDINARIA 0 CORSI SPERIMENTALI Sia ( x) ln ( x) ln x sia ( x) ln ( x) ln x.. Si dtrmino i domini di di.. Si disnino, nl mdsimo sistma di assi cartsiani ortoonali Oxy, i raici di di..

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Modulo n.3 - I materiali nelle lavorazioni metalliche

Modulo n.3 - I materiali nelle lavorazioni metalliche oduo n. - I maeriai nee avorazioni meaiche PROPRIETÀ ISIHE, EANIHE, TENOOGIHE (Diiazione vericae) OBIETTIVI: A) onocenza dee proprieà dei maeriai finaizzaa a oro uiizzo; B) apacià di eeguire cacoi ue principai

Dettagli

Esercizio 1. Cov(X,Y)=E(X,Y)- E(X)E(Y).

Esercizio 1. Cov(X,Y)=E(X,Y)- E(X)E(Y). Esrcizi di conomtria: sri 4 Esrcizio Siano, Z variabili casuali distribuit scondo la lgg multinomial di paramtri n, p, p, p p p.. Calcolar la Covarianza tra l variabili d. Soluzion Dat du variabili dinit

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

Funzioni lineari e affini. Funzioni lineari e affini /2

Funzioni lineari e affini. Funzioni lineari e affini /2 Funzioni linari aini In du variabili l unzioni linari sono dl tipo a b l unzioni aini sono dl tipo a b c Il graico di una unzion linar è un piano passant pr l origin il graico di una unzion ain è un piano.

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

ANALISI STRUTTURALE sistema STRUTTURA STRUTTURA. I modelli meccanici possono suddividersi in: MODELLI CONTINUI. STRUTTURA = modello meccanico

ANALISI STRUTTURALE sistema STRUTTURA STRUTTURA. I modelli meccanici possono suddividersi in: MODELLI CONTINUI. STRUTTURA = modello meccanico AZIONI ANALISI STRUTTURALE sistma STRUTTURA STATO I modlli mccanici possono suddividrsi in: MODELLI CONTINUI Forz Coazioni STRUTTURA = modllo mccanico IDEALIZZAZIONE DELLA STRUTTURA Posizion Vlocità Acclrazion

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES

SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES SUL MODELLO DI BLACK-SHOLES LUCA LUSSARDI 1. La dinamica di Black-Schols Il modllo di Black-Schols pr i mrcati finanziari assum com ipotsi fondamntal ch i przzi di bni finanziari sguano una bn dtrminata

Dettagli

GRANDEZZE OPERATIVE DELLE MACCHINE OPERANTI CON FLUIDI INCOMPRIMIBILI. v 1. + v 2 2. + gz ( 2. + z

GRANDEZZE OPERATIVE DELLE MACCHINE OPERANTI CON FLUIDI INCOMPRIMIBILI. v 1. + v 2 2. + gz ( 2. + z CAPITOLO 5 GRANDEZZE OPERATIVE DELLE MACCHINE OPERANTI CON FLUIDI INCOMPRIMIBILI 5.1) Prvalnza salto motor. S considriamo un gnrico impianto idraulico in cui sia insrita una macchina oprant in rgim stazionario

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

Coordinamento tra le protezioni della rete MT del Distributore e la protezione generale. degli Utenti MT.

Coordinamento tra le protezioni della rete MT del Distributore e la protezione generale. degli Utenti MT. Coordinamnto tra l protzioni dlla rt MT dl Distributor la protzion gnral 1. PREMESSA. dgli Utnti MT. ll rti di distribuzion a mdia tnsion (MT), l unico organo di manovra automatico è l intrruttor di lina

Dettagli

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

Prof. Fernando D Angelo. classe 5DS. a.s. 2007/2008. Nelle pagine seguenti troverete una simulazione di seconda prova su cui lavoreremo dopo le

Prof. Fernando D Angelo. classe 5DS. a.s. 2007/2008. Nelle pagine seguenti troverete una simulazione di seconda prova su cui lavoreremo dopo le Pro. Frnando D Anglo. class 5DS. a.s. 007/008. Nll pagin sgunti trovrt una simulazion di sconda prova su cui lavorrmo dopo l vacanz di Pasqua. Pr mrcoldì 6/03/08 guardat il problma 4 i qusiti 1 8 9-10.

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Corso di Laurea in Economia Matematica per le applicazioni economiche e finanziarie. Esercizi 4

Corso di Laurea in Economia Matematica per le applicazioni economiche e finanziarie. Esercizi 4 Corso di Laura in Economia Matmatica pr l applicazioni conomich finanziari Esrcizi 4 Vrificar s l sgunti funzioni, nll intrvallo chiuso indicato, soddisfano l ipotsi dl torma di Roll, in caso affrmativo,

Dettagli

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI Dal libro di tsto Zinkiwicz Taylor, Capitolo 14 pag. 398 Il mtodo dgli lmnti finiti fornisc una soluzion approssimata dl problma lastico; tal approssimazion driva non dall avr discrtizzato il dominio in

Dettagli

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore Sezioni in c.a. La fleione compota Catania, 16 marzo 004 arco uratore Per chi non c era 1. Compreione: verifica Tenioni ammiibili α cd Ac f 1.5 f yd A 0.7 σ ( A max c c n A ) Riultati comparabili per il

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

Studio dei transitori con il metodo delle trasformate di Laplace

Studio dei transitori con il metodo delle trasformate di Laplace Studio di traitori co il mtodo dll traformat di Laplac Apputi a cura dll Igg. Baoccu Gia Piro Marra Luca Tutor dl coro di ELETTROTECNICA pr mccaici chimici A. A 3/4 4/5 Facoltà di Iggria dll Uivrità dgli

Dettagli

Unità didattica: Grafici deducibili

Unità didattica: Grafici deducibili Unità didattica: Grafici dducibili Dstinatari: Allivi di una quarta lico scintifico PNI tal ud è insrita nllo studio dll funzioni rali di variabil ral. Programmi ministriali dl PNI: Dal Tma n 3 funzioni

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA. Anno scolastico 2015/2016. Allegato al Piano dell Offerta Formativa

PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA. Anno scolastico 2015/2016. Allegato al Piano dell Offerta Formativa PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA Anno scolastico 2015/ Allgato al Piano dll Offrta Formativa Dlibra dl Consiglio di Istituto n.4 dl 14/10/2015 PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

Dettagli

I CAMBIAMENTI DI STATO

I CAMBIAMENTI DI STATO I CAMBIAMENTI DI STATO Il passaggio a uno stato in cui l molcol hanno maggior librtà di movimnto richid nrgia prché occorr vincr l forz attrattiv ch tngono vicin l molcol Ni passaggi ad uno stato in cui

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Gnralità INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI Una acchina lttrica rotant è un convrtitor di nrgia ccanica in lttrica (gnrator) o, vicvrsa, di nrgia lttrica in ccanica (otor). Il fnono

Dettagli

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto. Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale

Dettagli

Opuscolo sui sistemi. Totogoal

Opuscolo sui sistemi. Totogoal Opuscolo sui sistmi Totogoal Più info Conoscnz calcistich pr vincr Jackpot alti Informazioni dttagliat costantmnt aggiornat sul Totogoal, sui programmi Toto sui risultati rpribili su Tltxt, a partir dalla

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Univrsità dgli Studi di Firnz Dipartimnto di Inggnria Civil d Ambintal TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI IN CONTO TERZI (Approvato dal Consiglio di Dipartimnto dl 24/01/2002) ATTIVITÀ E SERVIZI OFFERTI PROVE

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

2. L ambiente celeste

2. L ambiente celeste unità 2. L ambint clst L EVOLUZIONE DI UNA STELLA nana Bruna s la massa inizial è poco infrior a qulla dl Sol nana Bianca Nbulosa Protostlla fusion nuclar stlla dlla squnza principal dl diagramma HR gigant

Dettagli

Aspettative, produzione e politica economica

Aspettative, produzione e politica economica Lzion 18 (BAG cap. 17) Aspttativ, produzion politica conomica Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia 2 1 L aspttativ la curva IS Dividiamo il tmpo in du priodi: 1. un priodo corrnt

Dettagli

Lezione 5. Analisi a tempo discreto di sistemi ibridi. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 5 1

Lezione 5. Analisi a tempo discreto di sistemi ibridi. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 5 1 Lzion 5. nalisi a tmpo discrto di sistmi ibridi F. Prvidi - Controlli utomatici - Lz. 5 Schma dlla lzion. Introduzion 2. nalisi a tmpo discrto di sistmi ibridi 3. utovalori di un sistma a sgnali campionati

Dettagli

INTEGRALI DOPPI Esercizi svolti

INTEGRALI DOPPI Esercizi svolti INTEGRLI OPPI Esrcizi svolti. Calcolar i sgunti intgrali doppi: a b c d f g h i j k y d dy, {, y :, y }; d dy, {, y :, y }; + y + y d dy, {, y :, y }; y d dy, {, y :, y }; y d dy, {, y :, y + }; + y d

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

Le Misure. 2 ottobre 2007

Le Misure. 2 ottobre 2007 Le Miure ottobre 007 In tutte le oluzioni i farà ricoro alla notazione cientifica dei numeri, baata ul ignificato del itema decimale e poizionale. (piegare il ignificato) 1 Lunghezza 1.0.1 Una navetta

Dettagli

Q & Tracce svolte di esercizi sulla Trasmissione del Calore Prof. Mistretta a.a. 2009/2010

Q & Tracce svolte di esercizi sulla Trasmissione del Calore Prof. Mistretta a.a. 2009/2010 racc olt d rcz ulla raon dl alor Prof. trtta a.a. 009/00 Erczo n. S condr una part d atton alta 4 larga 6 pa 0 la cu ucbltà trca è λ λ 0 8 [/( )]. In un crto gorno alor urat dll tpratur dlla uprfc ntrna

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: ESTIMO SPECIALE CLASSI: V, sz A CORSO: Costruzioni, Ambint, Trritorio AS 2015-2016 Moduli Libro Di Tsto Comptnz bas Abilità Conoscnz Disciplina Concorrnti Tmpi Critri,

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Materiali ceramici. Solidi inorganici (ionici / covalenti) O, B, C, Si, Al, N,.

Materiali ceramici. Solidi inorganici (ionici / covalenti) O, B, C, Si, Al, N,. Matral crac Sold norganc (onc / covalnt) O, B, C, S, Al, N,. Proprtà rfrattar, alt punt d fuon, baa conducbltà, lvata dura, buona lavorabltà Auono truttur crtalln po olto copl ndc d carattr onco (poco

Dettagli

p(e 3 ) = 31 [R. c) e d)]

p(e 3 ) = 31 [R. c) e d)] CAPITOLO SECONDO CALCOLO DELLE PROBABILITÀ - ESERCIZI I.) Anna, Batric Carla fanno una gara di corsa. Stimo ch Anna Carla siano ugualmnt vloci ch Batric abbia probabilità doppia dll altr du di vincr la

Dettagli

1. Condizioni di arbitraggio internazionale delle merci e dei titoli. Le teorie de la Parità dei poteri d acquisto la Parità dei tassi d interesse

1. Condizioni di arbitraggio internazionale delle merci e dei titoli. Le teorie de la Parità dei poteri d acquisto la Parità dei tassi d interesse . Condizioni di arbitraggio intrnazional dll rci di titoli L tori d la Parità di otri d acuisto la Parità di tassi d intrss 5_Andic_G.GAROFALO L arbitraggio è un'orazion ch consist nll'acuistar un bn o

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA Documnto: OPQTA20120001 ISTRUZIONE OPERATIVA Data: 19/03/2012 Prparato: Ufficio CPI Guida di rifrimnto rapido compilazion FORMAT COMAP pr PMI La prsnt guida dscriv l modalità di dtrminazion di costi orari

Dettagli

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6.

PROPORZIONI. Cosa possiamo dire di esse? Che la superficie della figura A sta alla superficie della figura B come 4 sta a 6. Corso di laura: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta PRECORSI DI MATEMATICA PROPORZIONI Ossrvar l sgunti figur: Cosa possiamo dir di ss? Ch la suprfici dlla figura A sta alla suprfici dlla figura B com sta a 6.

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Aspettative. In questa lezione: Discutiamo di previsioni sulle variabili future, e di aspettative. Definiamo tassi di interesse nominale e reale.

Aspettative. In questa lezione: Discutiamo di previsioni sulle variabili future, e di aspettative. Definiamo tassi di interesse nominale e reale. Aspaiv In qusa lzion: Discuiamo di prvisioni sull variabili fuur, di aspaiv. Dfiniamo assi di inrss nominal ral. Ridfiniamo lo schma IS-LM con inflazion. 198 Imporanza dll Aspaiv L dcisioni rlaiv a consumo

Dettagli

Docenti: LEONARDO SABA - EMANUELE CAPPAI A.S. 2014-2015

Docenti: LEONARDO SABA - EMANUELE CAPPAI A.S. 2014-2015 Disciplina: MACCHINE Class III E C A I M Docnti: LEONARDO SABA - EMANUELE CAPPAI A.S. 01-01 Libro Tsto : L. FERRARO Mccanica, Macchin Impianti ausiliari. Appunti tabll a cura docnti. I part U.D. 1 Sistmi

Dettagli

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale 6) tati di cedimento 6.1) Introduzione all analii delle cotruzioni in muratura nel loro tato attuale Nel conteto del modello di materiale rigido non reitente a trazione, la valutazione delle capacità portanti

Dettagli

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali Dcrto Lgislativo n. 81/08 Miglioramnto sut sicurzza di lavoratori Dvrto Lgislativo N 106/09 Attuazion dll articolo 1 lgg 3 agosto 2007 n 123 in matria di tutla sut sicurzzani luoghi di lavoro Dirttiva

Dettagli

HDTV. Giancarlo De Biase, Massimo Visca, Rai - Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica. Offices. Radio. Legal. Click here.

HDTV. Giancarlo De Biase, Massimo Visca, Rai - Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica. Offices. Radio. Legal. Click here. ion pr la ralizzazion Giancarlo D Bia, Maimo ica, Rai - Cntro Ricrch Innovazion Tcnologica Nlla ttimana dal 4 al 7 dicmbr il Cntro Ricrch ha opitato una ion pr ffttuar ripr dtinat alla ralizzazion di qunz

Dettagli

Decoder per locomotive MX61 model 2000 e MX62

Decoder per locomotive MX61 model 2000 e MX62 ZIMO Manual istruzioni dl Dcodr pr locomotiv MX61 modl 2000 MX62 pr il formato di dati NMRA-DCC nll vrsioni MX61R (con connttor mdio) MX61F (connttor piccolo) MX62W (con 7 cavtti snza connttor) MX62R (

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

-LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI - MERCATI FINANZIARI E BASE ASPETTATIVE

-LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI - MERCATI FINANZIARI E BASE ASPETTATIVE 1 -LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI BASE - MERCATI FINANZIARI E ASPETTATIVE DUE DEFINIZIONI PER IL TASSO DI INTERESSE Il tasso di intrss in trmini di monta è chiamato tasso di intrss nominal (i). Il tasso di

Dettagli

Si ringrazia Giorgio Tosato per l aiuto fornito nella stesura finale e nella correzione dei testi.

Si ringrazia Giorgio Tosato per l aiuto fornito nella stesura finale e nella correzione dei testi. A09 4 Si ringrazia Giorgio Tosato per aiuto fornito nea stesura finae e nea correzione dei testi. Tecnoogia dei Materiai e Chimica Appicata Esercizi svoti ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r..

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

Il Rgistro E-PRTR (Europan Pollutant Rlas and Transfr Rgistr) Attuazion dl Rgolamnto (CE) n. 166/06 LA DICHIARAZIONE PRTR Dlgs 46/2014 (rcpimnto IED), con l art. 30 introduc pr la prima volta l sanzioni

Dettagli

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE CADUTA NEVE-FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO Roma, 02/2015 Rv.06/annual Pagina 1 di 6 Sd lgal Circonvallazion Gianicolns 87-00152 Roma A.Orlli. Tl. 3387 PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni La politica dgli incntivi al consumo: dimnsioni, carattristich, valutazion, problmi 1 Augusto Ninni Nll articolo si discut la politica dgli incntivi al consumo, insriti nl Dcrto lgg n. 40 dl 25 marzo 2010.

Dettagli

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli.

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli. VERSO LA COSTRUZIONE CONDIVISA DEL PIANO DIDATTICO DI SCUOLA 21 s. Istituto Tcnico Commrcial L'obittivo dl prsnt documnto è qullo di smplificar la compilazion dl Piano Didattico di Scuola 21 ch è riportato

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

e n. inquinante 2 Frantoio 20.000 3 10 0,70 F.T.

e n. inquinante 2 Frantoio 20.000 3 10 0,70 F.T. QUADRO RIASSUNTIVO DELLE EMISSIONI CONVOGLIATE IN ATMOSFERA (cfr. A.I.A. n. 367/2014) Ei Tipo di Concntrazion Portata Durata Emiss. Camino Provninza n. inquinant rif. Nm 3 /h h / g m 1 Trasporto carbon

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

Altroconsumo Finanza: 10 anni di indice della fiducia dei risparmiatori

Altroconsumo Finanza: 10 anni di indice della fiducia dei risparmiatori Altroconsumo Finanza: 10 anni di indic dlla fiducia di risparmiatori Pitro Cazzaniga L indic Altroconsumo Finanza sulla fiducia di risparmiatori è nato nl 2002 all intrno dll associazion consumristica

Dettagli

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi.

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi. IT I Grazi pr avr sclto un tlcomando Mliconi. Consrvar il prsnt librtto pr futur consultazioni. Il tlcomando Facil 1 è stato studiato pr comandar un tlvisor. Grazi alla sua ampia banca dati è in grado

Dettagli