Soggetti beneficiari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Soggetti beneficiari"

Transcript

1

2 I trattamenti di famiglia sono prestazioni previdenziali accessorie (agli altri elementi della retribuzione o della pensione) erogate ai lavoratori e ai pensionati (su richiesta degli stessi) che, a causa di determinate condizioni di reddito, proprie e dei componenti del nucleo familiare, si trovano in situazioni di disagio economico che lo Stato ritiene di dover alleviare. L assegno per il nucleo familiare è una somma che ha, quindi, la funzione di integrare la retribuzione. Le norme che regolavano detta prestazione sociale sono state modificate dalla legge n.153 del 13 maggio 1988, in vigore dal 1 Gennaio 1988, la modifica più rilevante riguarda il diritto che non è più riferito al familiare a carico, ma al nucleo familiare complessivamente valutato (circolari INPS n.12/1990 e n. 130/98). L assegno compete in misura diversa in rapporto al numero dei componenti e al reddito del nucleo familiare. Soggetti beneficiari L Assegno al nucleo familiare compete: ai lavoratori dipendenti privati e pubblici, anche se con contratto a part-time (indipendentemente dalla nazionalità, ma che prestino la loro attività nel territorio dello Stato) i lavoratori agricoli dipendenti le collaboratrici familiari (colf - badanti) ai soci di cooperative ai lavoratori in aspettativa sindacale ed elettiva ai caratisti imbarcati sulla nave da loro stessi armata, agli armatori e ai proprietari armatori ai titolari di pensione di vecchiaia, invalidità e di reversibilità liquidata dal Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti dell INPS ai titolari di pensioni INPDAP (Stato, Enti Locali, ecc.) pensionati Enpals (ex lavoratori dello Spettacolo) pensionati titolari di pensione PSO (assegni vitalizi in favore dei dipendenti dello Stato o degli Enti locali 1

3 legge n.75/80 circolare INPS n.182/2000) Il diritto, dal 1/1/1998, è stato introdotto anche per i lavoratori parasubordinati iscritti alla Gestione Separata INPS in particolare per: collaboratori coordinati e continuativi collaboratori a progetto venditori porta a porta con un reddito imponibile annuo superiore a euro lavoratori autonomi occasionali con un reddito imponibile annuo superiore a euro liberi professionisti iscritti alla gestione separata INPS. L Assegno per il nucleo familiare, sempre con apposita domanda, compete anche ai titolari di altre prestazioni previdenziali quali: idennità di disoccupazione ordinaria, requisiti ridotti e agricola cassa integrazione, mobilità, indennità per Tbc (malattia tubercolare), idennità di malattia, maternità, congedi parentali, idennità per inabilità temporanea erogata dall Inail (fino ad un massimo di 3 mesi e con rapporto di lavoro iniziato da almeno una settimana), permessi e congedi straordinari per portatori di handicap (circolare INPS n.199/97 e not ainps del 27/9/2001), congedo matrimoniale (circolare INPS n. 110/92) cure termali (circolare INPS n. 85/1991). Ricordiamo pure che l ANF compete anche durante il periodo di sospensione disciplinare, a condizione che il lavoratore continui a percepire la retribuzione (Circolare INPS n. 2610/80). Condizioni Il diritto all ANF è determinato in base alla composizione ed al reddito del nucleo familiare: non si fa più riferimento al reddito individuale per essere considerati a carico, ma al reddito complessivo del nucleo familiare stesso. Presupposti per il riconoscimento all assegno sono: l individuazione, in base alle disposizioni di legge, di un 2

4 nucleo familiare, il rispetto di determinati limiti di reddito, la non fruizione di altri trattamenti di famiglia. L assegno non è soggetto a ritenute fiscali né previdenziali, né concorre a formare la base imponibile IRPEF Soggetti esclusi Restano esclusi dal diritto all assegno per il nucleo familiare, alcune tipologie di lavoro e di pensione, in particolare continuano ad essere corrisposti i vecchi assegni familiari, nei confronti dei seguenti soggetti: coltivatori diretti, mezzadri, coloni, compartecipanti familiari e piccoli coloni; pensionati delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, (artigiani, commercianti, coltivatori diretti). Soggetti eroganti L assegno per il nucleo familiare viene erogato da: a) INPS attraverso la Gestione prestazioni temporanee per i lavoratori dipendenti privati, per i pensionati e per alcune categorie di lavoratori autonomi; b) INAIL per i titolari di rendita da infortunio; c) INPGI per i giornalisti; d) amministrazioni dello Stato per i loro dipendenti e quelli in pensioni; 3

5 e) Fondi pensionistici dei lavoratori delle Ferrovie dello Stato e delle Poste; f) enti locali e rispettive aziende per i loro dipendenti e per quelli in pensione. Composizione del nucleo familiare L individuazione del nucleo familiare va fatta con riferimento al richiedente la prestazione e deve essere composto da almeno due dei seguenti soggetti: a) il richiedente l assegno; b) il coniuge non legalmente ed effettivamente separato (si considerano non conviventi anche i separati in casa, si tratta dei soggetti che sono stati autorizzati, in via temporanea, dal giudice a vivere nella stessa abitazione); c) i figli (legittimi, legittimati, adottivi, affiliati, naturali, legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio dell altro coniuge, affidati a norma di legge) e i nipoti viventi a carico di ascendente diretto di età inferiore ai 18 anni; d) i figli maggiorenni inabili che si trovano, per difetto 4

6 fisico o mentale, nella assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro; e) i fratelli, le sorelle e i nipoti di età inferiore ai 18 anni, ovvero maggiorenni inabili a svolgere qualsiasi lavoro, purché siano orfani di entrambi i genitori e non abbiano conseguito il diritto alla pensione ai superstiti. Questi soggetti fanno parte del nucleo familiare anche se - non sono conviventi con il richiedente (ad eccezione dei figli naturali, legalmente riconosciuti da entrambi i genitori); - non sono a carico del richiedente; - non sono residenti in Italia (il familiare cittadino straniero ha diritto all assegno se è cittadino della Comunità europea; se invece è cittadino extracomunitario di un Paese non convenzionato, ha diritto all assegno solo se risiede in Italia). Come si può notare non viene riconosciuto il diritto per i figli maggiorenni studenti, si tratta di una grave limitazione della legge, mai corretta negli ultimi 15 anni. E attraverso il certificato di stato di famiglia che si dimostra la composizione del nucleo familiare. Nipoti Sono considerati parte del nucleo familiare: Nipoti collaterali Si tratta di figli di sorelle o fratelli, minori di 18 anni o maggiorenni inabili, che sono orfani di entrambi i genitori e non hanno diritto alla pensione ai superstiti. Il nipote in linea collaterale, formalmente affidato, è equiparato ai figli e quindi entra a far parte del nucleo del richiedente anche se è orfano di un solo genitore o titolare di pensione ai superstiti. Nipoti diretti L INPS con la circolare n.195 del 4/11/99, a seguito della sentenza della Corte Costituzionale n.180 del maggio 1999, ai fini dell erogazione dei trattamenti di famiglia ha riconosciuto il diritto ad includere nel nucleo dell ascen- 5

7 dente il nipote in linea diretta (il cui ascendente diretto sia il nonno e non lo zio), minore e vivente a carico, anche in assenza di un formale provvedimento di affidamento. Per la corresponsione dell assegno per il nucleo familiare, si devono applicare alla fattispecie in esame le tabelle previste per i nuclei familiari con figli. Tale equiparazione si estende anche ai casi di nipoti in linea retta, orfani di entrambi i genitori e non aventi diritto alla pensione ai superstiti, che facevano parte del nucleo familiare dell ascendente anche prima della citata sentenza della Corte Costituzionale, in virtù dell art.6 L. 153/88, purchè in possesso degli stessi requisiti previsti dalla sentenza stessa (minore età e vivenza a carico dell ascendente). Analogo criterio dovrà essere adottato per l erogazione degli assegni familiari ai lavoratori autonomi e delle quote di maggiorazione di pensione ai pensionati delle gestioni speciali per i lavoratori autonomi. Per tali categorie, infatti, ai fini della cessazione o riduzione della corresponsione della prestazione sono previste apposite tabelle contenenti i livelli di reddito familiare annuale oltre il quale cessa la corresponsione del trattamento familiare per il primo figlio e genitore a carico e relativi equiparati, nonché i livelli di reddito familiare annuale oltre il quale cessa la corresponsione di tutti gli assegni familiari o quote di maggiorazione di pensione. Per l applicazione di tali tabelle devono essere considerati equiparati ai figli anche i nipoti minori in linea retta, viventi a carico dell ascendente. L INPS con apposita circolare n. 213/2000 precisa ulteriormente che, a seguito della sentenza in parola, i nipoti in linea diretta minori e viventi a carico dell ascendente, sono equiparati ai figli legittimi anche se non formalmente affidati. Nella circolare n. 195 del 4 novembre 1999 è stato stabilito che la vivenza a carico, condizione essenziale per il riconoscimento del diritto alle prestazioni, è dimostrata quando sussiste una condizione di non autosufficienza economica del minore, in relazione alle sue fonti di reddito e all eventuale concorso al mantenimento da 6

8 parte di altri familiari, l ascendente provvede abitualmente al suo mantenimento. Nel caso in cui il minore non risulti orfano, la presenza di uno od entrambi i genitori non è ostativa al riconoscimento del diritto alla pensione ai superstiti nel confronti del minore, purchè sia accertata l impossibilità di uno o entrambi i genitori di provvedere al mantenimento del figlio in quanto non svolgono alcun tipo di attività lavorativa e non beneficiano di altra fonte di reddito. Precisiamo inoltre che i nipoti in linea retta, minori e viventi a carico dell ascendente, sono equiparati ai figli legittimi, anche se non formalmente affidati. Pertanto per calcolare correttamente l importo dell ANF da erogare, si deve fare riferimento alle tabelle previste per i nuclei familiari con i figli (circolare INPS n. 146/2001) Segnaliamo la novità in materia di diritto all ANF dopo l allargamento dell Europa avvenuta in data 1/5/2004. TESTO DEL MESSAGGIO INPS N DEL 20/7/2004 Oggetto: Assegni per il nucleo familiare. Con legge 24 dicembre 2003, n. 380, pubblicata sul supplemento ordinario n.10, della Gazzetta Ufficiale n. 17 del 22 gennaio 2004, lo Stato italiano ha ratificato il Trattamento di adesione all Unione Europea dei seguenti paesi: - Repubblica Ceca - Repubblica di Cipro - Repubblica di Estonia - Repubblica di Lettonia - Repubblica di Lituania - Repubblica di Malta - Repubblica di Polonia - Repubblica di Slovenia - Repubblica di Slovacchia - Repubblica di Ungheria Il Trattato, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea n.236 del 23 settembre 2003, è entrato in vigore il 1 maggio Pertanto da tale data i 10 Stati sopraindicati sono diventati membri dell Unione Europea a tutti gli effetti. 7

9 Da quanto sopra deriva che i regolamenti CEE nn.1408/71 e 574/72, con le relative modifiche ed aggiornamenti, riguardanti l applicazione dei regimi di sicurezza sociale ai lavoratori subordinati e autonomi, nonché ai loro familiari, così come recepiti dall Atto di adesione, sono applicabili ai cittadini degli Stati neocomunitari. Pertanto sulla base dell art. 73 del regolamento n. 1408/71 il lavoratore subordinato o autonomo che svolge attività lavorativa in Italia ha diritto alle prestazioni secondo la legislazione italiana per i familiari residenti nel paese d origine. Le Sedi nella trattazione delle pratiche dovranno conformarsi alle disposizioni a suo tempo impartite, fermo restando che la decorrenza delle prestazioni non potrà essere anteriore alla data del 1 maggio Il Direttore Centrale Mauro Nori Titolari di pensione di reversibilità INPS nel fondo lavoratori dipendenti e ai titolari di reversibilità INPDAP L ANF spetta anche qualora il nucleo familiare sia composto dal solo coniuge superstite titolare di pensione di reversibilità e con il riconoscimento di inabilità (Cassazione 20/8/96 n e circolare INPS n. 98/1998), pertanto il diritto, in presenza dei requisiti di reddito, compete ai titolari di un riconoscimento di inabilità al 100% o di indennità di accompagnamento. Anche ad un orfano minorenne o maggiorenne inabile, titolare o contitolare della pensione ai superstiti, può competere l assegno al nucleo familiare per se stesso. Esclusione dal nucleo familiare Sono esclusi dal nucleo familiare i seguenti soggetti: 8

10 1. il coniuge legalmente ed effettivamente separato, 2. il coniuge che abbia abbandonato la famiglia. L abbandono determina l esclusione del reddito del coniuge dal computo del reddito familiare e, conseguentemente, l esclusione del coniuge stesso dal numero dei componenti il nucleo familiare. Lo stato di abbandono è comprovato, oltre che dalla certificazione anagrafica, da un documento dell autorità giudiziaria o di altra pubblica autorità, 3. i figli ed equiparati coniugati, anche se minori o maggiorenni inabili, 4. i figli maggiorenni non inabili anche se studenti o apprendisti, 5. i figli affidati all altro coniuge o ex coniuge (in caso di separazione legale o divorzio), 6. i figli naturali, riconosciuti da entrambi i genitori, che non convivono con il richiedente, 7. i figli naturali del richiedente coniugato che non siano inseriti nella sua famiglia legittima, 8. i fratelli, le sorelle e i nipoti del richiedente (minori o maggiorenni inabili) coniugati, 9. i genitori e gli altri ascendenti anche se inabili. Residenza all estero Può far parte del nucleo familiare del richiedente il soggetto che risieda sia in Italia sia all estero, a condizione che colui che richiede l assegno sia cittadino italiano. Se invece, il richiedente anche se lavora o è pensionato in Italia non è cittadino italiano, il familiare: fa parte del nucleo familiare se risiede in Italia non fa parte del nucleo familiare se risiede all estero. Il familiare fa tuttavia parte del nucleo familiare se il richiedente l assegno: è cittadino di uno Stato dell unione europea (vedi anche messaggio INPS n /2004 dopo l allargamento a 10 Paesi per il testo vedi sopra), è cittadino di uno Stato estero che riconosce le prestazioni di famiglia agli italiani residenti nel suo territorio (condizione di reciprocità), è cittadino di uno Stato estero che ha stipulato una convenzione internazionale in materia di trattamenti di 9

11 famiglia, lavoratori stranieri rifugiati politici (circolare INPS n. 62/2004), Non fa parte comunque del nucleo familiare di lavoratore o pensionato (sia italiano sia straniero) residente all estero al quale competa già un trattamento di famiglia a carico dello Stato estero. Lavoratori extracomunitari regolarizzati L Inps, con la circolare n. 61/2004, in materia di assegno per il nucleo familiare per gli extracomunitari regolarizzati o in attesa di regolarizzazione (art. 33 legge n. 189/2002; art. 1 DL n. 195/2002; legge n. 222/2002) ha precisato: Lavoratori extracomunitari non addetti al lavoro domestico: l assegno spetta con le consuete modalità, se sono rispettati i requisiti di legge, per i periodi successivi al 9 settembre L assegno può essere erogato anche per i periodi precedenti al perfezionamento della procedura di regolarizzazione (con la conseguente realizzazione dello status di residente, requisito fondamentale per l erogazione dell assegno) purchè venga presentata una documentazione certa (esempio: busta paga, certificato di frequenza di asili, scuole volta ad attestare che i familiari si trovano stabilmente in Italia prima del rilascio della certificazione anagrafica. In ogni caso non si può retro agire oltre al 9 settembre

12 Lavoratori extracomunitari stagionali: l assegno non spetta ai lavoratori extracomunitari titolari di permesso di soggiorno per motivi di lavoro stagionale (Circolare INPS n.123/99). Colf e badanti: l assegno, oltre a quanto sopra precisato per lavoratori extracomunitari subordinati, può essere corrisposto anche per i periodi precedenti al 9 settembre I lavoratori stranieri presenti in Italia con lo status di rifugiati politici sono equiparati in tutto con i lavoratori italiani, pertanto deve essere corrisposto l ANF anche per i familiari residenti all estero (circolare INPS n. 61/2004). L affidamento congiunto In caso di divorzio o di separazione legale con affidamento congiunto dei figli, il diritto all assegno per il nucleo familiare scatta a favore di entrambi i coniugi affidatari: Può essere stabilito di comune accordo quale dei due coniugi deve richiedere l autorizzazione al trattamento di famiglia. In caso di contrasto tra i coniugi affidatari, viene utilizzato il criterio della convivenza (circolare INPS n. 210/99). Reddito familiare L altro elemento che, insieme alla composizione numerica del nucleo familiare, determina l ammontare dell assegno e il sorgere o l estinguersi di tale diritto è il reddito familiare. Esso è costituito dalla somma dei redditi prodotti dai componenti il nucleo familiare, compreso il soggetto richiedente. Per il pagamento dell assegno, è necessario che il reddito familiare non superi determinati limiti stabiliti ogni anno per legge Ai fini del computo del reddito familiare, è necessario sommare tutti i redditi di qualsiasi natura conseguiti da ciascun componente il nucleo familiare. In particolare devono essere considerati i redditi assoggettabili all IRPEF, al lordo delle detrazioni di imposta e degli oneri 11

13 deducibili (a partire dall anno fiscale 2003, si dovranno considerare i redditi anche al lordo della deduzione di cui all articolo 10bis del TUIR notax-area), compresi i redditi a tassazione separata ed in particolare: redditi da lavoro dipendente e assimilati, redditi da lavoro dipendente assoggettati a tassazione separata, redditi da lavoro autonomo o professionale o di impresa, al netto dei contributi previdenziali e assistenziali, redditi prodotti all estero che, se fossero prodotti in Italia, sarebbero sottoposti a tassazione IRPEF, i redditi da lavoro, conseguiti presso Enti internazionali aventi sede nel territorio italiano, ma non soggetti alla normativa tributaria italiana, redditi dei terreni, redditi dei fabbricati, il reddito dell abitazione principale, al lordo della deduzione fiscale, gli assegni periodici corrisposti dal coniuge in caso di separazione o di divorzio, con esclusione della quota destinata al mantenimento dei figli, redditi da capitale, gli arretrati per prestazioni di lavoro dipendente, inoltre vanno considerati se superiori complessivamente a 1.032,91 (pari a ) all anno, i redditi esenti da imposta quali: 1. pensioni, indennità ed assegni erogati dal Ministero dell Interno agli invalidi civili, ai ciechi ed ai sordomuti, 2. pensioni e assegni sociali, 3. assegni accessori alle pensioni privilegiate di prima categoria, 4. redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta sostitutiva (al lordo delle ritenute erariali) quali: rendite da BOT, da CCT e da altri titoli emessi dallo Stato, interessi bancari e postali, premi e vincite del lotto e dei concorsi a pronostici. 12

14 Attenzione: altra condizione necessaria per il diritto all ANF L assegno spetta solo se la somma dei redditi derivanti da lavoro dipendente, da pensione o da altre prestazioni conseguenti ad attività lavorativa dipendente riferita al nucleo familiare nel suo complesso, ammonta almeno al 70% dell intero reddito familiare, in particolare rientrano nella categoria dei redditi da lavoro dipendente: tutti i redditi da lavoro dipendente o assimilati assoggettabili ad IRPEF (compresa la tassazione separata, indennità di preavviso, si esclude il TFR o relative anticipazioni, i redditi da collaborazione coordinata e continuativa dell anno fiscale 1/1/2001 circolare INPS n. 199/2003), le pensioni sociali, gli assegni sociali, le pensioni o assegni per gli invalidi civili, ai ciechi e sordomuti, le pensioni INPS a carico delle gestioni autonome, gli assegni periodici corrisposti al coniuge separato in conseguenza della separazione legale o divorzio, le varie prestazioni minori erogate direttamente dall INPS e dall INAIL, in particolare: malattia, maternità, cig/s, le varie indennità di disoccupazione ordinaria, requisiti ridotti e i trattamenti speciali, TBC, indennità di temporanea INAIL. Redditi da escludere dal computo Non devono essere compresi: le pensioni tabellari ai militari di leva vittime di infortunio; le pensioni di guerra; le rendite INAIL; le indennità di accompagnamento agli inabili civili, ai ciechi civili assoluti, ai minori invalidi non deambulanti; le indennità ai ciechi parziali e ai sordi prelinguali; le indennità di frequenza ai minori mutilati e agli invalidi civili (circolare INPS n. 97/98); gli assegni di superinvalidità sulle pensioni privilegiate dello Stato; le indennità di accompagnamento ai pensionati di inabilità INPS; le indennità di trasferta per la parte esclusa da IRPEF; i trattamenti di famiglia; 13

15 i trattamenti di fine rapporto o loro anticipazioni; gli indennizzi, previsti dalla legge n. 210/92, per danni causati da vaccinazioni, trasfusioni ed emoderivati. gli arretrati delle integrazioni salariali. Il reddito negativo Può capitare che un familiare in un anno abbia avuto un reddito complessivo negativo derivante da perdite di esercizio connesse ad attività di lavoro autonomo o di impresa. In questo caso, la perdita non deve essere sottratta dal reddito complessivo del nucleo familiare, in quanto il reddito complessivo negativo dei singoli componenti il nucleo familiare è considerato sempre uguale a zero. Importante eccezione: con la circolare INPS n. 87 del 26/5/2004 viene tuttavia previsto che nel caso di imprese in regime di contabilità semplificata, se il lavoratore dichiara una perdita di esercizio derivante dalla sua partecipazione ad una tale società, può detrarre algebricamente tale perdita dal proprio reddito da lavoro dipendente, ma solo limitatamente all anno di produzione (nulla modifica in presenza di contabilità ordinaria). Livelli di reddito I livelli di reddito sono fissati dalla legge e rivalutati ogni anno in misura pari alla variazione percentuale dell indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, calcolato dall Istat. Aumento dei limiti di reddito in particolari condizioni del nucleo familiare In presenza di particolari condizioni (vedovo/a, separato/a, divorziato/a, soggetti in stato di abbandono o inabili al lavoro) sono previsti determinati aumenti delle fasce di reddito cui vengono rapportati il diritto all assegno e la relativa misura. Periodo di riferimento Il periodo di riferimento del reddito familiare è quello dell anno solare precedente il 1 Luglio di ciascun anno 14

16 ed ha valore fino al 30 Giugno dell anno successivo. Anche nel caso di coniugi che nell anno solare precedente non avevano contratto ancora il matrimonio, il reddito da dichiarare è quello conseguito da ciascuno di essi in tale anno. Fino al 30 giugno dell anno successivo il reddito del nucleo familiare del richiedente non può subire variazioni se non per effetto dell ingresso e della fuoriuscita dal nucleo stesso di familiari fruitori di redditi. Misura Il riconoscimento e la determinazione dell importo dell assegno vengono effettuati tenendo conto del numero di componenti il nucleo familiare e del relativo reddito complessivo. Al lavoratore l assegno spetta per intero qualora permanga la continuità del rapporto di lavoro per: ogni mese (26 giornate) di lavoro se ha effettuato 104 ore se operaio e 130 se impiegato, ogni settimana (6 giornate) se, in caso di mancato raggiungimento delle 104 o 130 ore mensili, ha effettuato almeno 24 ore settimanali di lavoro se operaio e 30 ore se impiegato, ogni giornata lavorativa, in caso di mancato raggiungimento delle 24 ore o 30 ore settimanali. In caso di settimana corta, cioè quando l orario è ripartito su 5 giornate anziché su 6, l assegno spetta per intero anche per il sabato non lavorato. Viene pagato in maniera ridotta quando non sono lavorate tutte le giornate e spettano tanti assegni giornalieri per quante sono le giornate lavorate con esclusione del sabato. Agli insegnanti delle scuole private che svolgono un orario settimanale di 18 ore (scuole medie) o 24 ore (scuole elementari), l assegno spetta per intero anche nei periodi non lavorati, ma comunque retribuiti. Con la circolare INPS n. 106/99 si precisa inoltre che al lavoratore, il quale ha raggiunto il minimo di ore prescritte dall articolo 59 del T.U.A.F, è riconosciuto il diritto all ANF nella misura intera, anche in presenza di giornate di assenza ingiustificate, oltre alle giornate di assenza dal lavoro per eventi impeditivi, purchè le giornate di assenza siano retribuite o indennizzate. 15

17 Lavoro Part time In caso di part time la prestazione dell assegno è differente a seconda delle ore di lavoro svolte nella settimana. Almeno 24 ore L assegno spetta nella misura intera se la prestazione lavorativa settimanale è di durata non inferiore alle 24 ore; spetta per tutti i giorni della settimana, compreso il sabato, in caso di settimana corta. Il limite minimo di ore è raggiungibile anche tramite la somma delle ore svolte da più datori di lavoro (non è ammesso il cumulo con eventuali prestazioni in qualità di operaio agricolo o di addetto ai servizi domestici o familiari circolari INPS n. 67/1989 e n. 110/92). Il limite delle 24 ore settimanali è uguale per operai ed impiegati e vale per tutti i settori di attività. Meno di 24 ore Spetta l assegno per il nucleo familiare solo per le giornate in cui vi è stata effettiva prestazione lavorativa. In caso di settimana corta, il sabato non lavorato è escluso dal pagamento degli assegni. Ai lavoratori in part time orizzontale con orario di lavoro inferiore alle 24 ore settimanali, l assegno per il nucleo familiare spetta anche per le giornate di assenza dal lavoro retribuite o indennizzate (malattia, maternità, infortunio sul lavoro) verificatesi nel periodo contrattualmente previsto per lo svolgimento dell attività lavorativa (circolare INPS n. 126/2000). Per i lavoratori dell agricoltura, salariati e giornalieri, gli assegni sono composti in misura annua e con pagamento trimestrale. Ai lavoratori turnisti e giornalieri dipendenti da panificatori, parrucchieri, gestori di alberghi o esercizi pubblici, l assegno è corrisposto in misura giornaliera sulla base delle giornate di effettiva prestazione. 16

18 Ai lavoratori domestici gli assegni sono corrisposti in rate semestrali posticipate, in numero rapportato alle ore coperte da contributi. Agli insegnanti delle scuole private che svolgono un orario settimanale di 18 ore (scuole medie) o 24 ore (scuole elementari), l assegno spetta per intero anche nei periodi non lavorati, ma comunque retribuiti. Periodi di assenze: le assenze che comunque sono computabili nel calcolo del numero di ore minime per percepire l intero assegno sono: ferie e festività; cure termali, sia che venga corrisposta l indennità di malattia, sia che la prestazione venga pagata dall INPS; infortunio sul lavoro e malattia professionale. L assegno viene corrisposto per i periodi di inabilità temporanea fino ad un massimo di tre mesi; congedo matrimoniale; 17

19 (in queste quattro precedenti ipotesi il riconoscimento dell assegno è subordinato a che il rapporto di lavoro sia cominciato da almeno una settimana) licenziamento illegittimo, per i periodi di paga dalla sentenza di illegittimità sino alla data di reintegrazione (purché non lo abbia già percepito per altri motivi: es. in qualità di disoccupato); cassa integrazione; maternità, anche per l ipotesi di assenze per malattia del bambino e di riposi per allattamento; permessi e aspettativa per cariche pubbliche e sindacali; richiamo alle armi; sospensione disciplinare, purché il lavoratore continui a percepire la retribuzione; malattia, fino ad un massimo di 180 giorni nell anno solare (compresi i giorni di carenza). Se la malattia interrompe il rapporto di lavoro oppure il lavoratore non ha diritto all indennità di malattia per cause estranee al riconoscimento dell infermità sorge ugualmente il diritto a percepire l assegno per il nucleo familiare per un massimo di tre mesi; preavviso non lavorato: viene corrisposto insieme all indennità di mancato preavviso, per un massimo di tre mesi da parte del datore di lavoro, per il periodo successivo da parte dell INPS. Pluralità di rapporti di lavoro: nel caso di più rapporti di lavoro l assegno è corrisposto dal datore di lavoro presso il quale viene svolta l attività principale (maggior tempo impiegato o maggiore fonte di guadagno). Se non si individua l attività principale, l assegno viene pagato dall INPS. Incompatibilità L assegno per il nucleo familiare è incompatibile con altri trattamenti di famiglia, comunque siano denominati. Il sistema delle incompatibilità ha lo scopo di evitare duplicazioni nell erogazione dell assegno nei confronti dei medesimi soggetti o cumulo di altri trattamenti di famiglia. Perciò sono esclusi, ad esempio: la duplicazione, a titolo diverso, in capo allo stesso soggetto (pensionato che continua a prestare lavoro dipendente): la corresponsio- 18

20 ne all uno e all altro dei coniugi; il cumulo, in capo a un componente del nucleo familiare, di un trattamento di tipo diverso (assegno per il nucleo familiare, in quanto lavoratore dipendente, e quota di maggiorazione, in quanto pensionato a carico di una gestione autonoma). Adempimenti del lavoratore Il lavoratore per ottenere la corresponsione dell assegno per il nucleo familiare, deve presentare una domanda su apposito modulo compilato (ANF/dip. predisposto dall INPS è da rinnovare ogni anno). Nella domanda è incorporata anche la dichiarazione dei redditi posseduti dai componenti del nucleo familiare nel periodo di riferimento (1 luglio/30 giugno dell anno successivo) e una serie di notizie sullo stato civile e sulle condizioni particolari che possono determinare l aumento dei limiti di reddito. Deve inoltre allegare: 1. stato di famiglia rilasciato dal Comune o autocertificazione. Tale certificazione anagrafica ha validità quin- 19

21 quennale e deve essere rinnovata ogni volta che si verifica una variazione nella situazione familiare. La validità é di un anno per i lavoratori stranieri (di Stati che non hanno con l Italia accordi di reciprocità in materia di trattamenti di famiglia); 2. documentazione comprovante lo stato di abbandono o di separazione (se del caso); 3. documentazione comprovante la situazione di eventuali figli adottati, affiliati ed affidati; 4. certificato di invalidità totale e permanente dei figli maggiorenni, rilasciato dalla Commissione medica per le pensioni di guerra e invalidità civile. Variazioni Il lavoratore deve comunicare entro 30 giorni tutte le variazioni che dovessero nel frattempo intervenire nella propria condizione. Adempimenti del datore di lavoro Le operazioni per determinare il diritto e l importo dell assegno per il nucleo familiare in pratica sono: 1) individuazione della composizione del nucleo familiare; 2) rilevazione del reddito familiare; 3) accertamento della presenza nel reddito familiare del 70 per cento di proventi da lavoro dipendente o assimilati; 4) individuazione della tabella da applicare in relazione alle condizioni previste per l aumento dei livelli reddituali (singles, invalidi); 5) individuazione dell importo in base all incrocio tra reddito e nucleo. Di conseguenza il datore di lavoro deve: 1) annualmente, richiedere e acquisire la dichiarazione reddituale dei dipendenti, per effettuare i riscontri con le tabelle che entrano in vigore il 1 luglio di ogni anno e valgono per i 12 mesi successivi; 2) ogni cinque anni, acquisire il certificato di stato di famiglia. Le autorizzazioni dell INPS rilasciate per includere nel proprio nucleo familiare determinate persone o perché siano riconosciute situazioni che danno diritto all aumento dei livelli di reddito devono essere tenute in particolare conto dai datori di lavoro per l erogazione dell assegno. Esclusioni: il contributo per l assegno non è dovuto per gli 20

22 apprendisti e per i giovani assunti con contratto di formazione lavoro. I datori di lavoro esclusi dall obbligo di contribuzione sono: 1) ospedali e presidi delle Unità sanitarie locali; 2) enti ecclesiastici; 3) enti che erogano prestazioni di assistenza sociale come case di cura e ricovero, orfanotrofi, ecc. Recuperi In caso di indebita percezione dell assegno, il lavoratore è tenuto a rimborsare le somme non spettatigli. Tali somme sono trattenute sull importo degli assegni da corrispondere ulteriormente e su ogni altro credito derivante dal rapporto di lavoro, quali retribuzione, mensilità aggiuntive, indennità di fine rapporto, ecc. Sulle somme indebitamente percepite non sono dovuti 21

23 interessi, salvo che l indebita percezione sia dovuta a dolo dell interessato. Il recupero degl assegni non dovuti può avvenire su iniziativa del datore di lavoro, che accerta la circostanza o su prescrizione dell INPS. Prescrizione: il diritto del datore di lavoro di richiedere il rimborso dell assegno erogato ai propri dipendenti si prescrive in cinque anni dalla scadenza del periodo di paga a cui si riferisce l assegno. Il termine per l INPS di recuperare le somme pagate indebitamente si prescrive in dieci anni. Il diritto del lavoratore a percepire l assegno si prescrive in cinque anni da quando è sorto: ciò significa che possono essere richiesti gli arretrati per un periodo di tempo fino a 5 anni dalla data della domanda.. Tassazione L'assegno per il nucleo familiare non concorre a formare la base imponibile per l'imposta sul reddito delle persone fisiche (articolo 2, comma11, legge 153/1988). Non è soggetto pertanto a ritenuta fiscale. Inoltre, in quanto prestazione a carico della gestione previdenziale, non fa parte neppure dell'imponibile contributivo, di conseguenza non è soggetto a trattenuta previdenziale. 22

24

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

ANF : nuovi livelli di reddito

ANF : nuovi livelli di reddito FIOM INFORMA ANF : nuovi livelli di reddito luglio 2013-giugno 2014 NPS, con circolare 84/2013 pubblica le nuove tabelle utili per le richieste di ANF (assegno al nucleo familiare) per il periodo Luglio

Dettagli

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015)

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Effettuare l accesso all Angolo del Dipendente con le credenziali in possesso (Istruzioni

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. Variazione situazione nucleo familiare dal. Mod. ANF/DIP - COD.

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. Variazione situazione nucleo familiare dal. Mod. ANF/DIP - COD. Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal Variazione situazione nucleo familiare dal ALL AZIENDA al (gg/mm/aaaa) PROTOCOLLO (gg/mm/aaaa) CITTADANZA RESIDENTE TELEFONO* CELLULARE* E-MAIL* Stato

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta. Consulenti del Lavoro

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta. Consulenti del Lavoro Studio Nicco Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta Consulenti del Lavoro Carcare, 05.06.2015 A tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: Moduli per l assegno al nucleo familiare

Dettagli

Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005.

Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005. Assegni familiari Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005. A chi spettano - Dipendenti in attività - Dipendenti in aspettativa retribuita per malattia o maternità - Dipendenti

Dettagli

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...

Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA... Prestazioni L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA...2 L'ASSEGNO AL CONIUGE...2 I REQUISITI...3 PER QUALI PERSONE SPETTA...3 LA DOMANDA...4 CHI PAGA L'ASSEGNO...4 IL RICORSO...5 ASSEGNO

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

L'assegno per il nucleo familiare

L'assegno per il nucleo familiare L'assegno per il nucleo familiare A CHI SPETTA L'ASSEGNO AL CONIUGE I REQUISITI PER QUALI PERSONE SPETTA LA DOMANDA CHI PAGA L'ASSEGNO IL RICORSO ASSEGNO DI SOSTEGNO LIMITI DI REDDITO ANNUO TABELLE E'

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di e le rilevanze e INPDAP Codice Reddito del 1 Integrazione al minimo. Pensioni con decorrenza anteriore al 1 febbraio 1994 - del della casa di abitazione

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. 01-07-2012 al 30-06-2013. Variazione situazione nucleo familiare dal

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. 01-07-2012 al 30-06-2013. Variazione situazione nucleo familiare dal Mod ANF/DIP - COD SR16 PROTOCOLLO Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal 01-07-2012 al 30-06-2013 (gg/mm/aaaa) Realizzato con tecnologia SMART FORMS - wwwsmtformscom Variazione situazione

Dettagli

RAVENNA RA ITALIA RAVENNA RA ITALIA VIA DI ROMA 123 CAP 48101

RAVENNA RA ITALIA RAVENNA RA ITALIA VIA DI ROMA 123 CAP 48101 Mod ANF/DIP - COD SR16 PROTOCOLLO Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal al 30/06/2012 (gg/mm/aaaa) Realizzato con tecnologia SMART FORMS - wwwsmtformscom ALL AZIENDA PALLINO CSS CENTRO

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 104 05.06.2015 Assegno per il nucleo familiare: i livelli reddituali 2015/2016 Aggiornati i nuovi livelli reddituali dell ANF

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE L assegno per il nucleo familiare e' una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei titolari di prestazione a carico dell'assicurazione generale obbligatoria,

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal al Variazione situazione nucleo familiare dal (gg/mm/aaaa) (gg/mm/aaaa) LL'ZIEND CITTDNZ RESIDENTE TELEFONO* CELLULRE* E MIL* Stato civile del richiedente

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016 Servizio Autonomo Personale Area Amministrazione Economica Risorse Umane Tel 0817953725/30 Fax 0817953875 A DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016 DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE (compilare

Dettagli

Barrare la casella corrispondente. (compilare solo se si appartiene ad una delle categorie indicate) *Dati facoltativi. Essepaghe s.r.l.

Barrare la casella corrispondente. (compilare solo se si appartiene ad una delle categorie indicate) *Dati facoltativi. Essepaghe s.r.l. Protocollo Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal 01/07/2015 al 30/06/2016 (gg/mm/aaaa) Variazione situazione nucleo familiare dal (gg/mm/aaaa) ALL'AZIENDA Nome Cognome Codice fiscale Nato/a

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare

Assegno per il nucleo familiare L E G U I D E Assegno per il nucleo familiare Premessa La legge prevede alcuni sostegni al lavoratore, al pensionato e alle loro famiglie. Tra questi c è l assegno per il nucleo familiare. Si tratta di

Dettagli

CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013

CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013 Direzione Generale Servizio Personale U.O. Trattamento Economico PROT.GEN.N.44751 CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013 In esecuzione del

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE Istruzioni e appunti per l uso L ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE : ANF L assegno al nucleo familiare è una prestazione a sostegno del reddito istituita per sostenere le famiglie

Dettagli

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri,

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, I trattamenti di famiglia Assegni familiari Assegno al nucleo familiare STAMPA Assegni familiari Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, caratisti imbarcati)

Dettagli

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA'

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL T.U. DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA - D.P.R. 28.12.2000, N.445 OGGETTO: Dichiarazione reddituale del

Dettagli

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA Aprile 2012 1 L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA viene riconosciuta agli operai che lavorano in agricoltura iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli

Dettagli

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal RESIDENTE ALL ESTERO Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria All Area Gestione e Sviluppo Risorse Umane Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione

Dettagli

ASSEGNI FAMILIARI 2009-2010

ASSEGNI FAMILIARI 2009-2010 Prot. n. 5_563_PUBBLICO_IMPIEGO Roma, 31 maggio 2010 Info Pubblico Impiego n. 67 ASSEGNI FAMILIARI 2009-2010 L assegno per il nucleo familiare è previsto per aiutare le famiglie dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

A cura della Segreteria di Gruppo

A cura della Segreteria di Gruppo Miniguida A cura della Segreteria di Gruppo Gli assegni per il NUCLEO FAMILIARE Chi ne ha diritto e come richiederli aggiornamento LUGLIo 2015 SOMMARIO Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare?...

Dettagli

PER L ASSEGNO SOCIALE, CRESCE DAL 2013 IL REQUISITO DELL ETA

PER L ASSEGNO SOCIALE, CRESCE DAL 2013 IL REQUISITO DELL ETA PER L ASSEGNO SOCIALE, CRESCE DAL 2013 IL REQUISITO DELL ETA Dal 1 gennaio 2013 il requisito dell età, 65 anni per le donne e gli uomini, per ottenere l assegno sociale è soggetto all incremento della

Dettagli

Le prestazioni collegate al reddito

Le prestazioni collegate al reddito Sindacato Pensionati Italiani Le prestazioni collegate al reddito 1 Le prestazioni soggette a controllo a. integrazione al minimo b. maggiorazioni sociali c. importo aggiuntivo d. somma aggiuntiva e. pensione

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

La somma aggiuntiva sulle pensioni di basso importo: la «quattordicesima»

La somma aggiuntiva sulle pensioni di basso importo: la «quattordicesima» La somma aggiuntiva sulle pensioni di basso importo: la «quattordicesima» A cura di Paolo Zani per FNP CISL Milano Aggiornata al 30/11/2015 2 La quattordicesima Fonti istitutive D. Legge 81/2007 art. 5

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare Tra gli elementi aggiuntivi della retribuzione vi può essere l'assegno familiare. Va precisato, anzi tutto,

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA La sottostante tabella riporta i requisiti, introdotti dalla nuova riforma previdenziale, necessari per ottenere la pensione di anzianità e quella

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS CIRCOLARE A.F. N. 95 del 22 giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali L'attività dell Inps consiste nella liquidazione e nel pagamento delle prestazioni che possono essere di natura previdenziale assistenziale sono liquidate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA A decorrere dal 1 gennaio 2007 le deduzioni per oneri di famiglia previste dall art. 12 del TUIR sono sostituite dalle detrazioni per carichi di famiglia (art. 1, co.

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI REGOLAMENTO MODALITA DI ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 21 febbraio 2014 SOMMARIO ARTICOLO 1 DEFINIZIONE

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2013

RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2013 RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2013 L SOTTOSCRITT NATO/A A IL RESIDENTE IN CAP VIA N. CODICE FISCALE TEL. STATO CIVILE: CELIBE/NUBILE CONIUGATO/A DIVORZIATO/A SEPARATO/A LEGALMENTE ED EFFETTIVAMENTE

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in

Dettagli

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2 Le pensioni nel 2013 Le pensioni da lavoro Allegato n. 2 Integrazione al minimo Le pensioni liquidate col sistema retributivo o col sistema misto, in presenza di determinate condizioni di reddito, vengono

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 Bonus famiglia (art. 1 del DL 29.11.2008 n. 185 convertito nella L. 28.1.2009 n. 2) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali a cura di Matteo Pulga

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione Complementare per i Geometri Liberi Professionisti FONDO PENSIONE FUTURA Iscritto al n. 166 all Albo COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO PER I TRATTAMENTI ASSISTENZIALI E DI TUTELA SANITARIA INTEGRATIVA per l'attuazione delle

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativo Roma, 28/11/2008 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle

Dettagli

Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni. LAVORO (codice A)

Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni. LAVORO (codice A) 378 Prospetto 2 - Tipologia dei redditi influenti sulle prestazioni LAVORO (codice A) Codice INPS vecchio nuovo Descrizione della tipologia di reddito Dettaglio dei redditi Note 1 A1 Lavoro dipendente

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

IL/LA SOTTOSCRITTO/A MATRICOLA NATO/A IL A RESIDENTE A PROV. C.A.P. IN VIA N DIPENDENTE DI QUESTA A.O. IN SERVIZIO

IL/LA SOTTOSCRITTO/A MATRICOLA NATO/A IL A RESIDENTE A PROV. C.A.P. IN VIA N DIPENDENTE DI QUESTA A.O. IN SERVIZIO Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale Santobono-Pausilipon Struttura Complessa Risorse Umane - Ufficio Trattamento Economico tel. 081 220 5207/5223/ 5317 fax 0812205319/5207/5317 o ATTRIBUZIONE DELL

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14)

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14) GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 6 - Pagina Documento bianca sul regime

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DI ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE PER MOTIVI DI REDDITO Il Sottoscritto (dichiarante) Cognome: Nome: Nata/o

Dettagli

a) Nome e cognome: Titolo: (allegare copia carta d identità o passaporto solamente in caso di prima compilazione)

a) Nome e cognome: Titolo: (allegare copia carta d identità o passaporto solamente in caso di prima compilazione) Modulo per la richiesta di detrazione d imposta e per il trattamento previdenziale per i prestatori d opera fiscalmente residenti in Italia (art. 23 del D.P.R. 29.09.1973, n. 600) a) Nome e cognome: Titolo:

Dettagli

5. Prestazioni di natura previdenziale

5. Prestazioni di natura previdenziale 5. Prestazioni di natura previdenziale Premessa Il tema della riforma delle pensioni in questi ultimi anni, è stato materia di grande dibattito e di aspri scontri. Ricordiamo ad esempio la riforma Maroni

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE BYBLOS FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLE AZIENDE ESERCENTI L INDUSTRIA DELLA CARTA E DEL CARTONE, DELLE AZIENDE GRAFICHE

Dettagli

ASSEGNI per il NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNI per il NUCLEO FAMILIARE Guida agli ASSEGNI per il NUCLEO FAMILIARE A cura del Centro Studi Iulius Herodes edizione chiusa in tipografia agosto 2014 ISO-BARE 20007 ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE Pag. 4.REGOLE GENERALI Pag. 5.NUCLEO

Dettagli

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale - Allegato alla Nota informativa - Documento sul regime fiscale Allegato alla Nota informativa Pagina 1

Dettagli

NON E MAI TROPPO TARDI

NON E MAI TROPPO TARDI 1 NON E MAI TROPPO TARDI Fabriano, 4 aprile 2013 Cari colleghi e care colleghe, questa settimana parliamo di Detrazioni Fiscali per familiari a carico. Abbiamo riscontrato che diversi colleghi non beneficiano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

MODULI DI DETRAZIONI FISCALI

MODULI DI DETRAZIONI FISCALI Le detrazioni sono riconosciute se il percipiente dichiara di avervi diritto, indica le condizioni di spettanza e si impegna a comunicare tempestivamente le eventuali variazioni. La dichiarazione deve

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi Contributi versati dal 1 gennaio 2007 I contributi versati a fondi

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI

L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI Numero 19 aprile 2011 L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI La Gazzetta Ufficiale n. 48 del 28 febbraio 2011 ha riportato il comunicato del Dipartimento per le politiche della famiglia presso la Presidenza

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1 TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1. Premessa Preliminarmente va sottolineato che la reversibilità ha natura previdenziale e non assistenziale.

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

La disposizione in esame opera per i decessi intervenuti a decorrere dal 1 dicembre 2011.

La disposizione in esame opera per i decessi intervenuti a decorrere dal 1 dicembre 2011. Pensione ai superstiti ed art. 18 della L. 111/2011 Staiano Rocchina riduzione sulle pensioni ai superstiti Art. 18, comma 5, della L. 111/2011: premessa Il comma 5 dell art. 18 della L. 111/2011 dispone,

Dettagli

IntegrazionePensionisticaAurora

IntegrazionePensionisticaAurora IntegrazionePensionisticaAurora Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5034 IntegrazionePensionisticaAurora Documento sul regime

Dettagli

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CALTANISSETTA V I A G.CUSM A N O, 1-93100 C A L T A N I S S E T T A C O D. FI S C. E P. IVA : 0 1 8 2 55 7 0 85 4 Modulo: DANFDip_v 1.0 ASSEGNO PER NUCLEO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

OGGETTO: cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo

OGGETTO: cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 30-05-2007 Messaggio n. 13792 Allegati 1 OGGETTO: cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI AI DIRETTORI REGIONALI

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO OGGETTO: Figli orfani, studenti ed inabili, titolari di pensione di reversibilità che percepiscono un piccolo reddito per attività lavorativa

Dettagli

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004 Risoluzione n. 78/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 maggio 2004 Oggetto: Richiesta di consulenza generica - deducibilità contributi versati al FASI da parte di contribuenti in pensione

Dettagli