1. CORRENTE CONTINUA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. CORRENTE CONTINUA"

Transcript

1 . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi sn gli elettrni. Se un atm perde un elettrne diventa un ine psitiv; se acquista un elettrne diventa un ine negativ. Tutti gli atmi tendn ad assumere l ttett cmplet, ssia ad avere tt elettrni sull rbita più esterna. Se sull rbita più esterna vi sn da a elettrni, ha la tendenza a perdere elettrni, ssia ha bassa energia di estrazine e alta energia di cattura. Tali elementi sn detti cnduttri metallici; a temperatura ambiente il metall ha energia sufficiente a svinclare un elettrne dall rbita più esternategli atmi, elettrni che sn liberi di muversi all intern del cnduttre: permettn la cnduzine della crrente. Se sull rbita più esterna vi sn quattr elettrni, la tendenza a perdere acquisire elettrni è uguale. Tali elementi vengn detti semicnduttri. Se sull rbita più esterna vi sn da 5 a 7 elettrni l atm ha la tendenza ad acquistare elettrni, ssia ha bassa energia di cattura e alta energia di estrazine. Tali elementi sn detti islanti; nn vi sn al lr intern cariche libere; pertant, nn permettn la cnduzine della crrente elettrica. Se ad un cnduttre si applica una differenza di ptenziale, tramite un generatre elettric, gli elettrni fluirann dal ptenziale più alt a quell più bass, prducend un fluss cntinu di cariche attravers il cnduttre, dett crrente elettrica. e G

2 Si definisce crrente elettrica la quantità di carica che attraversa la sezine del cnduttre nell unità di temp e viene misurata in Ampère (A), in frmula: Q ulmb ; Ampère ; A t sec nd s.. Generatre elettric. Utilizzatre. ircuit elementare Si definisce generatre elettric un dispsitiv in grad di mantenere ai sui estremi una differenza di ptenziale ed ergare crrente. G La differenza di ptenziale viene prdtta spstand gli elettrni da un mrsett all altr. n breve, ad un mrsett si ha un accumul di cariche psitive (ptenziale psitiv) e all altr un accumul di cariche negative (ptenziale negativ): agli estremi del generatre si avrà una differenza di ptenziale e l spstament di carica termina allrché il valre della differenza di ptenziale ha raggiunt il valre nminale del generatre (il valre massim pssibile). Per prdurre l spstament di carica tra i mrsetti è necessari cmpiere un lavr pari a L Q dve Q è la quantità di carica spstata stt la differenza di ptenziale. Per utilizzatre si intende un qualunque dispsitiv in grad di trasfrmare energia elettrica in altra frma di energia (resistenza, frn elettric, radi, televisine, lampadina, ecc.). Se si cllega un utilizzatre ad un generatre, stt l azine della differenza di ptenziale, le cariche fluirann da un mrsett all altr attravers l utilizzatre, che trasfrma l energia Q in altra frma (calre, luce, sun, immagini, ecc.). G utilizzatre l generatre, a sua vlta, cmpie un lavr sulle cariche che hann attraversat l utilizzatre trasprtandle, al su intern, da un mrsett all altr. l generatre, pertant, frnisce energia; l utilizzatre assrbe energia. La ptenza è l energia ergata (generatre) assrbita (utilizzatre) nell unità di temp:

3 P L t Q t La ptenza, in qualunque cas, si calcla cme prdtt di ed (tensine per crrente) e si misura in Watt (W). l circuit appena vist viene dett circuit elementare... Definizini sui circuiti. principi di Kirchhff. Bipli in serie e in parallel Si definisce bipl un element circuitale a due terminali. Un bipl può essere attiv passiv. Un bipl si definisce attiv se è in grad di ergare ptenza, ssia energia (generatre). Un bipl si definisce passiv se assrbe energia (resistenza, cndensatre, induttanza). llegand più bipli assieme si ttiene un circuit elettric. A B D F - Nd: si definisce nd un punt del circuit in cui cnvergn tre più elementi circuitali. Nel circuit di figura ci sn ndi: A; B e ; D e e F. punti B, e i punti D,, F sn tra lr direttamente cllegati, ssia sn indistinguibili e cstituiscn un unic e sl nd. Di particlare interesse è il numer dei ndi indipendenti. Se n è il numer dei ndi, il numer dei ndi indipendenti e (n ). Nel circuit di figura vi sn ndi indipendenti. - am: si definisce ram un tratt di circuit che unisce due ndi. Nel circuit di figura vi sn 6 rami: r ram AD (,,); r ram AD (, 5); r ram AB (6); r ram B (7); r 5 ram F (8); r 6 ram F (9, 0). l numer delle crrenti in un circuit e uguale al numer dei rami. - Maglia: si definisce maglia un tratt di circuit che parte da un nd e si chiude sull stess nd. Ad esempi AA (,,,, 5); AA (, 5, 6, 7); AA (,,, 6, 9, 0); BB (7, 8); BB (7, 9, 0); BB (6,,,, 7, ); ecc.. Quell che interessa cnscere è il numer delle maglie indipendenti, che si calcla cme m r (n ), dve m numer dei rami; n numer dei ndi indipendenti. n gni ram vi può essere una ed una sla crrente, tante cariche entran da un estrem, altrettante cariche escn dall altr estrem. principi di Kirchhff n un nd, la smma delle crrenti entranti è uguale alla smma delle crrenti uscenti:

4 e u Altra dicitura: in un nd, la smma algebrica delle crrenti è uguale a zer: 0 Si parla di smma algebrica quand le quantità da smmare hann il segn. nvenzinalmente si prendn psitive le crrenti entranti, negative quelle uscenti. Ad esempi, nel circuit di figura si ha: nd A: ppure nd B,: ppure nd D,, F: ppure Bipli in serie: due più bipli si dicn in serie se stann sull stess ram. Bipli in parallel: due più bipli si dicn in parallel se sn cllegati agli stessi due ndi. ami in parallel: due più rami sn in parallel se sn cllegati agli stessi due ndi. Ad esempi, nel circuit di figura Sn in serie i bipli,, ;, 5; 9, 0. Sn in parallel i bipli 7, 8. Sn in parallel i rami (,, ) e (, 5); 7 e 8 e (9, 0). bipli 6 e 7; 8 e 0; 8 e 9 nn sn né in serie né in parallel. Bipli in serie, piché stann sull stess ram, sn attraversati dalla stessa crrente. Bipli in parallel, piché sn cllegati agli stessi ndi, hann ai lr capi la stessa differenza di ptenziale... Legge di Ohm e resistenza La legge di Ohm lega, matematicamente, la differenza di ptenziale tra due punti, la crrente che entra da un dei punti ed esce dall altr e la resistenza che c è cmplessivamente tra i due punti. n frmula: Tale legge, nte due delle grandezze, cnsente di calclare la terza in funzine delle altre due.

5 l valre di resistenza dà la misura dell ppsizine del bipl al passaggi della crrente; un piccl valre implica scarsa ppsizine al passaggi della crrente, un alt valre grande ppsizine al passaggi della crrente. L unità di misura della resistenza è l Ω (hm).... esistenze in serie Due più resistenze sn in serie se stann sull stess ram. Piché in gni ram può circlare una sla crrente, le resistenze in serie sn attraversate dalla stessa crrente. La differenza di ptenziale ai capi di gni resistenza si calcla applicand la legge di Ohm ad gni resistenza: ; ; ; Prprietà delle resistenze in serie - esistenze in serie sn attraversate dalla stessa crrente; - esistenze in serie si ripartiscn la tensine applicata in md direttamente prprzinale al valre di resistenza. Se si applica la legge di Ohm ai capi della serie, si ha: eq l intera serie equivale, vista dal generatre, ad una sla resistenza detta resistenza equivalente. Per esplicitare il legame esistente tra,,, si utilizza l equazine in eq cui al pst delle tensini,, si sstituisce il lr equivalente secnd la legge di Ohm: eq eq La resistenza equivalente di due più resistenze in serie è uguale alla smma delle resistenze. 5

6 sempi 0 ; KΩ ; 5KΩ ; KΩ islvere un circuit significa calclare tutte le differenze di ptenziale e tutte le crrenti. Per rislvere il circuit si deve utilizzare la legge di Ohm. Gli unici due punti del circuit dei quali pssiam cnscere due delle grandezze tra,, sn gli estremi della serie: è nta la differenza di ptenziale e si può calclare la resistenza cmplessiva tra tali punti. eq Ω 0KΩ Si può, quindi, calclare la crrente che entra da un estrem della serie ed esce dall altr: eq A ma È ra pssibile calclare le differenze di ptenziale,, : l rapprt Ω può essere riguardat nn sl cme crrente, ma cme numer di vlt che vann a cadere su gni hm di resistenza, ssia cme un rapprt di partizine tra i vlt applicati alla serie e il valre dell intera serie. Nel cas dell esempi, si ha: Ω Su gni hm di resistenza si ripartirà 0 di tensine. Nt il rapprt di partizine, per calclare le differenze di ptenziale sulle resistenze della serie è sufficiente mltiplicare il valre del rapprt di partizine per il valre di resistenza che vi è tra i punti di cui si vule cnscere la differenza di ptenziale. 6

7 AB A B BD D D AB La regla di partizine cnsente di calclare le differenze di ptenziale in una serie direttamente senza dvere calclare preventivamente la crrente.... esistenze in parallel Due più resistenze si dicn in parallel quand sn cllegate agli stessi due ndi. La crrente entrante nella serie si ripartisce nelle tre resistenze nelle crrenti,, e, per il principi di Kirchhff, si ha: Piché le resistenze sn cllegate agli stessi punti, ai lr estremi vi è la stessa differenza di ptenziale. applicand la legge di Ohm ai lr estremi, si calclan le tre crrenti: ; ; Prprietà delle resistenze in parallel - esistenze in parallel hann ai lr capi la stessa differenza di ptenziale; - esistenze in parallel si ripartiscn la crrente entrante nel parallel in md inversamente prprzinale al valre di resistenza. Se si applica la legge di Ohm ai capi dell inter parallel, si ha: eq 7

8 L inter parallel equivale ad una sla resistenza detta resistenza equivalente. Per esplicitare il legame tra,,, si utilizza l equazine in cui al pst eq delle crrenti si sstituisce il lr equivalente secnd la legge di Ohm: eq eq eq La resistenza equivalente di due più resistenze in parallel è uguale all invers della smma degli inversi le resistenze. Nel cas in cui le resistenze in parallel sn sl due, si può usare, per calclare la resistenza equivalente, una frmula più cmda: eq Nel cas di N resistenze uguali in parallel, si ha: eq N... N sempi eq ; KΩ ; KΩ ; KΩ 0 0 KΩ 0,9KΩ eq 0 0 A ma 6 0 A 6mA 0 0 A ma 0 0 A ma A ma 8

9 .5. isluzine di circuiti resistivi cn un sl generatre islvere un circuit significa calclare tutte le tensini e le crrenti del circuit. Dat il circuit di figura, si esegun i n successine i seguenti punti: ; KΩ ; KΩ. Si segnan le crrenti e si nta che gli unici due punti tra i quali si può applicare la legge di Ohm sn quelli agli estremi del generatre, dei quali cnsciam il valre della tensine e pssiam calclare il valre della resistenza equivalente.. si disegnan i circuiti ridtti, calcland, di vlta in vlta, la resistenza equivalente delle resistenze che sn in serie in parallel, sstituendla alla serie al parallel nel circuit ridtt. a. Prim circuit ridtt e sn in serie 0 0 6KΩ 6 e 7 sn in serie KΩ 6 7 Si disegna il circuit ridtt e le crrenti. Al pst delle serie - e 6-7 si sstituiscn, rispettivamente, le resistenze e 67. 9

10 b. Secnd circuit ridtt 5 e 67 sn in parallel ,KΩ Si disegna il circuit ridtt e le crrenti. Al pst del parallel si sstituisce la resistenza c. Terz circuit ridtt e 57 sn in serie 7 0, 0,KΩ Si disegna il circuit ridtt e le crrenti. Al pst della serie - si sstituisce la resistenza 7. d. Quart circuit ridtt 0

11 e sn in parallel , 0,5KΩ 6 0, Si disegna il circuit ridtt e le crrenti. Al pst del parallel 7. e. Quint circuit ridtt - 7 si sstituisce la resistenza, 7 e 8 sn in serie eq 0, ,5KΩ Si disegna il circuit ridtt e le crrenti. Al pst della serie si sstituisce la resistenza. eq 8 f. Si inizia dall ultim circuit ridtt: di tale circuit si calclan tutte le crrenti e le tensini incgnite. Si passa, pi, al precedente e, di nuv, si calclan le crrenti e le tensini incgnite. Si passa al precedente e si ripete fin ad arrivare al circuit riginari g. ircuit ridtt 5: È incgnita la crrente :,5 0 8 h. ircuit ridtt : Sn incgnite le tensini,,05ma 7 7, : 8 0,05 0, ,05 0 5, ,5 0,05 0,57 i. ircuit ridtt : Sn incgnite le crrenti e :

12 ,57 7,57 0,595mA 0,8mA 6 0, 0 j. ircuit ridtt : Sn incgnite le tensini e : 0 0,8 0, , 0 0,8 0,9 k. ircuit ridtt : Sn incgnite le crrenti 5 e 6 : 5,9 67,9,57 0,86mA 6 0,mA l. ircuit riginale: Sn incgnite le tensini. :, 6 e7 : ,595 0, , 0 0,68 0 0,595 0, , 0,96 m. iassumend,05ma ; 0,595mA ; 0,8mA ; 5 0,86mA ; 6 0,mA ;,8;,9;,6; 5,9; 6 0,68; 7,96; 8 l circuit è rislt: sn nte tutte le tensini e le crrenti.,8 5,6.6. islvere i seguenti circuiti resistivi cn un generatre.6.. sercizi quasi svlt ; KΩ ; KΩ

13 - Si segnan le crrenti - Si disegnan i circuiti equivalenti ircuit ridtt ircuit ridtt ircuit ridtt ircuit ridtt ircuit ridtt 5 - alcl delle resistenze equivalenti ; ; ; eq ircuit ridtt ircuit ridtt ; ; 8 8

14 - ircuit ridtt ; ircuit ridtt ; ; ircuit ridtt 5 ; ircuit iniziale ; 5 5 ispste 8,6KΩ ;,95mA ; 0,908mA ; 0,8mA ; 8 0,6mA ;,79 ;,6 ; 0,968 ; 0, ; 5 6 0,76 ; 7,96 ; 8 6 5,58 0,mA 0,0,8.6.. sercizi facilitat ircuiti equivalenti ; KΩ ; KΩ

15 ispste 6,9KΩ ;,6mA ; 0,58mA ;,65mA ; 0,8mA ; 5 8 0,7mA ; 8,79mA ;, ;,7 ; sercizi 0,7 ; 7,88 ; 8 6 6,95 0,mA 0,96 ispste ; KΩ ; KΩ,6KΩ ; ma ;,ma ; 0,67mA ; 6 0,67mA ; ; 8,57 ;, ; 5,68 ; 6, ; 7,68 ; 8 5, 8 5

16 .7. rt circuit e circuit apert Si cnsideri il circuit di figura. Figura ; KΩ ; KΩ isluzine del circuit KΩ ;,5KΩ 0 6 0, ,6mA 0,6 0, ;,5 0,6 0, 5 5 0,6 0 6,, ;,ma 0, 0,mA ; 0 0, 0, , 0 0,8 Se viene mdificata la dispsizine delle resistenze il valre anche di una sla resistenza, cambian i valri delle tensini e delle crrenti. 6

17 rt circuit Se nel circuit di Figura diminuiam il valre della resistenza aumenta la crrente e diminuisce la tensine. Si può diminuire il valre della resistenza fin a raggiungere il valre zer; in tale cas, i punti A e B risulterann direttamente cllegati tra lr, ssia tra i due punti di ha un crt circuit. l circuit di fig. si trasfrma nel seguente. Figura La crrente (crrente di crt circuit) che circla tra i punti A e B è il massim valre di crrente ttenibile tra tali punti; la differenza di ptenziale tra i punti A e B è uguale a zer, essend i due punti direttamente cllegati tra lr (la legge di Ohm applicata tra tali punti dà AB 0 0 ). isulta uguale a zer anche la differenza di ptenziale di tutti i rami del circuit direttamente cllegati ai punti A e B, ssia in parallel a tali punti; pertant, per la legge di Ohm, sarà nulla, in tali rami, anche la crrente. Se in un ram è nulla sia la crrente sia la tensine, tale ram diventa ininfluente per il circuit e può essere cnsiderat elettricamente scllegat (ssia cme se nn fsse presente nel circuit). Si dice che tra due punti di un circuit vi è un crt circuit quand i due punti sn direttamente cllegati tra lr. Le caratteristiche di un crt circuit sn: a. rrente massima: b. Tensine nulla: AB 0 c. Tutti i rami in parallel al crt circuit risultan elettricamente scllegati (ssia cme se nn ci fsser) Tenend presenti queste prprietà, il circuit di Figura si riduce al seguente: 7

18 0 0 5 ma ma è il massim valre di crrente ttenibile tra i punti A e B. nfrntare cl valre del circuit di fig. (,ma ). ircuit apert Se, nel circuit di fig., si fa aumentare il valre della resistenza, diminuisce il valre della crrente e aumenta il valre della tensine. Si può aumentare il valre della resistenza fin a valri infinitamente grandi, per i quali la crrente risulterà infinitamente piccla, ssia uguale a zer. Tale cndizine equivale a tgliere la resistenza dal circuit lasciand i punti e D scllegati. Se due punti di un circuit, che stann sull stess ram, sn tra lr scllegati, si dice che tra tali punti si ha un circuit apert. l circuit di fig. si trasfrma nel seguente: Figura n un circuit apert nn può circlare crrente; di cnseguenza, nella resistenza si ha crrente nulla e (per la legge di Ohm 0 0 ) tensine nulla. n tali cndizini, la resistenza risulta elettricamente scllegata (ssia cme se nn fsse presente nel circuit). Osservand la fig., il punt è equiptenziale all estrem superire della resistenza ; il punt D, essend nulla la differenza di ptenziale ai capi della resistenza, è equiptenziale all estrem inferire della resistenza. La differenza di ptenziale tra i punti e D cincide, pertant, cn la differenza di ptenziale che si ha agli estremi della resistenza di ptenziale che si può avere tra i punti e D. ca ed è la massima differenza Si dice che tra due punti di un circuit (che stann sull stess ram) vi è un circuit apert quand i due punti sn fra lr scllegati. Le caratteristiche di un circuit apert sn: a. Tensine massima: ca b. rrente nulla: 0 c. Tutti i bipli che stann sull stess ram del circuit apert risultan elettricamente scllegati. 8

19 l circuit di fig. si riduce al seguente: 0 ca he è il massim valre di tensine ttenibile tra i punti e D. cnfrntare cl valre circuit di fig. (,6 ). del.8. Generatri ideali l generatre reale è un dispsitiv in grad di mantenere una differenza di ptenziale ai sui mrsetti ed ergare crrente, ssia frnire energia. Generatre ideale di tensine: si definisce generatre ideale di tensine un generatre in grad di mantenere ai sui estremi la stessa differenza di ptenziale qualunque sia la crrente ergata. Simbl elettric del generatre ideale di tensine Generatre ideale di crrente: si definisce generatre ideale di crrente un generatre in grad di ergare la stessa crrente qualunque sia la differenza di ptenziale ai cui capi. Simbl elettric del generatre ideale di crrente 9

20 .9. Schematizzazine di un generatre reale cme generatre di tensine e cme generatre di crrente. Principi del generatre equivalente in un generatre reale, all aumentare della crrente ergata diminuisce la differenza di ptenziale ai sui mrsetti. Tale cmprtament può essere schematizzat utilizzand i generatri ideali, tenend cnt delle variazini della sua frza elettrmtrice al variare della crrente mediante un pprtun valre di resistenza. Si può schematizzare un generatre reale cme generatre di tensine generatre di crrente. G.T. f.e.m L G f.e.m L G.. f.e.m L Un generatre reale si cmprta cme un generatre ideale di tensine sl quand i sui mrsetti sn aperti; cme un generatre ideale di crrente sl quand i sui mrsetti sn in crt circuit. Tenend cnt di ciò, pssiam definire e calclare la f.e.m. del generatre ideale di tensine 0 cme la tensine a vut tra i mrsetti del generatre reale; pssiam definire la crrente ergata dal generatre ideale di crrente 0 cme crrente di crt circuit tra i mrsetti del generatre reale. G G Per definire la resistenza 0 tensine deve circlare la crrente di crt circuit basta ntare che se si crtcircuitan i mrsetti del generatre di 0. G O O O La resistenza si calcla cme rapprt tra la tensine a vut e la crrente di crt circuit del generatre reale. Analgamente, se si aprn i mrsetti del generatre di crrente, tra tali mrsetti dvrà esserci la tensine a vut 0. 0

21 G O O O Le due schematizzazini sn esattamente equivalenti e si può passare dall una all altra utilizzand la relazine. O O O iassumend Un generatre reale è schematizzabile cme generatre di tensine cme generatre di crrente. La f.e.m. del generatre ideale di tensine è la tensine a vut del generatre reale; la crrente ergata dal generatre ideale di crrente 0 0 è la crrente di crt circuit del generatre reale; la resistenza, psta in serie al generatre ideale di tensine e in parallel al generatre ideale di crrente 0, si calcla cme rapprt tra la tensine a vut 0 e la crrente di crt circuit del generatre reale. Si è definit un generatre reale cme dispsitiv in grad di mantenere ai sui mrsetti una differenza di ptenziale ed ergare crrente, ssia ergare ptenza. Se, in un circuit, si cnsideran i puntici è cllegat un utilizzatre (resistenza) un ram, tali punti, piché tra essi vi è una differenza di ptenziale e viene ergata crrente (ssia viene ergata ptenza all utilizzatre al ram), si cmprtan cme mrsetti di un generatre reale. Pertant, l inter circuit, vist dai capi di un utilizzatre di un ram, può essere schematizzat cme generatre di tensine generatre di crrente. A L L L A G.T. circuit L L L B A B G.. L L L si calcla cme rapprt tra la tensine a vut 0 e la crrente di crt circuit 0 è la tensine a vut tra i due punti A e B, è la crrente di crt circuit tra i punti A e B, B. A A circuit circuit O O O B B

22 iassumend l circuit vist dai capi di un utilizzatre di un ram è equivalente ad un generatre di tensine ad un generatre di crrente. La f.e.m. del generatre ideale di tensine è la tensine a vut tra i due punti cnsiderati; la crrente 0 0 del generatre ideale di crrente è la crrente di crt circuit tra i due punti; si calcla cme rapprt tra la tensine a vut e la crrente di crt circuit Quant su dett viene definit principi del generatre equivalente sempi Dp avere rislt il circuit di figura, applicare tra i punti A e B il principi del generatre equivalente. isluzine del circuit 5 ;,KΩ ;,KΩ, 0, 0, 0, 0,KΩ ; Ω,K, 0, 0, 0, 0, 0, 0, , 0,8 0,7,8mA

23 5, 0,8 0, , 0,8 0 5,6,7,7,9mA ; 0,99mA, 0, 0,7,7,9mA ; 0,99mA, 0, 0 Si applica il principi del generatre equivalente tra i punti A e B alcl di 0 alcl di 0, 0 5,8, 0, 0, 0 5, 0, 0 5,mA alcl di 0 5,8,7KΩ, 0

24 Si calcla, per i due circuiti equivalenti ttenuti, la tensine e la crrente e si cnfrntan i valri cn quelli già calclati. 5,8, 7 0, 0,9mA, 0,9 0,8 0,7 0,7 0, 0, 0 0,96KΩ 0, 96 0, 0,7 0,7,9mA, 0 valri cincidn cn quelli già calclati. L utilità di questa rappresentazine si apprezza in tutti quei casi in cui un circuit cambia, ripetitivamente, il valre di una sla resistenza e quell che interessa cnscere è la tensine e la crrente in tale resistenza.

25 sercizi da svlgere Dp avere rislt il circuit, applicare il principi del generatre equivalente tra i punti A e B, e D, e F. dei circuiti equivalenti ttenuti, calclare la crrente e la tensine per, rispettivamente, le resistenze,,. 5 ; KΩ 5 KΩ ; KΩ ispste,5ma ; 0,6mA ;,ma ; 0,7mA ; 5,86mA, ;, ; 5 7,5 punti AB :,7 ;,5mA ;,5KΩ punti D :, ;,ma ;,KΩ punti F : ;,7mA ;,5KΩ.0. Terema di Thèvenin e terema di Nrtn teremi di Thèvenin e di Nrtn sn analghi al principi del generatre equivalente. l terema di Thèvenin schematizza il circuit, vist da un utilizzatre da un ram, cme generatre di tensine: il terema di Nrtn l schematizza cme generatre di crrente. A L A Thèvenin L L circuit L L L B A B Nrtn L L L B 5

26 Terema di Thèvenin Dat un circuit cmunque cmpless, purché lineare, vist dai capi di un utilizzatre di un ram, può essere schematizzat cme generatre di tensine. La f.e.m. del generatre ideale di tensine è la tensine a vut tra i due punti cnsiderati. La resistenza equivalente 0, psta in serie al generatre ideale di tensine, è la resistenza vista tra i due punti a vut una vlta crtcircuitati i generatri di tensine e aperti quelli di crrente. Terema di Nrtn Dat un circuit cmunque cmpless, purché lineare, vist dai capi di un utilizzatre di un ram, può essere schematizzat cme generatre di crrente. La crrente del generatre ideale di crrente è la crrente di crt circuit tra i due punti cnsiderati. La resistenza equivalente 0, psta in serie al generatre ideale di tensine, è la resistenza vista tra i due punti a vut una vlta crtcircuitati i generatri di tensine e aperti quelli di crrente sempi 0 0 alcl di 0 dell esempi precedente secnd Thèvenin e Nrtn. 5 ;,KΩ ;,KΩ Si ridisegna il circuit mettend la resistenza, lasciand i due punti A e B aperti, e crtcircuitand il generatre di tensine (ssia sstituendgli un crt circuit). ist dai punti A e B si può ridisegnare il circuit nel seguente md: 6

27 Da tale circuit risulta evidente che il parallel di e è in serie cn, e tale ram è in parallel ad. 5, 0, 0,KΩ ; 5 5, 0, 0,5KΩ, 0, 0 5, 0,5 0,7KΩ valre identic al precedente., 0, sercizi da svlgere Trvare la resistenza equivalente, secnd Thèvenin e Nrtn dell esercizi di paragraf ; KΩ ; KΩ ; KΩ ispste punti AB :,5KΩ ; punti D :,KΩ ; punti F :,5KΩ 7

28 . SOLUZON D UT LNA ON PÙ GNATO.. principi di Kirchhff l secnd principi di Kirchhff si applica alle maglie. n una maglia, una vlta scelt il vers di percrrenza, la smma algebrica delle frze elettrmtrici (f.e.m.) è uguale alla smma algebrica delle cadute di tensine (c.d.t.). Si prendn psitive le f.e.m. se il vers di percrrenza le attraversa dal mrsett negativ a quell psitiv, negative se viceversa (se le attraversa dal al ). Si prendn psitive le c.d.t. se il vers della crrente è cncrde cn quell di percrrenza, negative se viceversa. Ad esempi : ; : ; :.. isluzine di un circuit cn più generatri Un qualunque circuit lineare può essere rislt applicand i due principi di Kirchhff. Se in un circuit sn nte le crrenti, le differenze di ptenziale si calclan applicand la legge di Ohm ai capi di gni resistenza. n un circuit vi sn tante crrenti quanti sn i rami r. per ptere determinare il valre delle crrenti ccrrn, quindi, r equazini linearmente indipendenti, che espriman dei legami tra le crrenti incgnite. Tali equazini si ttengn applicand i principi di Kirchhff. n un circuit si pssn scrivere n equazini linearmente indipendenti ai ndi (infatti, se n è il numer dei ndi, i ndi indipendenti sn n ) ed m r (n ) equazini linearmente indipendenti alle maglie (infatti, se r è il numer dei rami ed n il numer dei ndi, m r (n ) è il numer delle maglie indipendenti). n ttale, applicand i principi di Kirchhff, si pssn scrivere n m n r (n ) r equazini linearmente indipendenti: 8

29 - n equazini ai ndi - m r (n ) equazini alle maglie mettend a sistema tali equazini, si ttiene un sistema di r equazini in r incgnite, la cui sluzine sn i valri delle crrenti. Nel circuit, i versi delle crrenti pssn essere scelti arbitrariamente. Se, rislvend il sistema, una delle crrenti risulta negativa significa che il vers scelt per essa nn è quell effettiv ma quell ppst. Dp la risluzine è sufficiente cambiare vers e segn alle crrenti negative sempi A B Ω Ω K ; K ; ; 8 Nel circuit vi sn n ndi e r 5 rami; quindi, 5 crrenti incgnite. ndi indipendenti sn n ; le maglie indipendenti sn m r (n ) 5. Si scrivn equazini ai ndi e equazini alle maglie. Si scelgn i ndi A e B e le maglie AA, ABA, BB: B : : A : AA : ABA : BB Si mettn a sistema queste 5 equazini: ( ) ( ) 9

30 Si sstituiscn i valri delle resistenze e delle frze elettrmtrici e si rislve il sistema cstituit dalle ultime equazini ( ) Si smman membr a membr le prime due equazini: Si sstituisce al pst di nella terza equazine, la si mette a sistema cn la secnda e si smma membr a membr: ,mA,mA il segn men sta ad indicare che il vers scelt per è ppst a quell effettiv dall equazine ( ) si calcla : (, 0 ) 0,mA anche il vers scelt per Si calclan e : è ppst a quell effettiv. (, 0 ) ( 0, 0 ) ma 0, 0,mA iassumend ma ;,ma ; 0,mA ;,ma ; Si calclan le cadute di tensine:,ma 0

31 0, 0,67 0, 0,67 ; 0 0, 0, ; 0, 0 9,... sercizi da svlgere islvere i seguenti circuiti applicand i principi di Kirchhff. sercizi parzialmente rislt 8 ; ; KΩ ; KΩ i sn 5 rami, ndi indipendenti e maglie indipendenti. Si scrivn equazini ai ndi A e B e equazini alle maglie AA, ABA, BB: A : B : 5 AA : ABA : 0 55 BB : 55 ispste ma ;,5mA ; 0,5mA ;,5mA

32 sercizi facilitat 8 ; ; ; KΩ ; KΩ Nel circuit vi sn rami, nd indipendente e maglie indipendenti. Si scelgn i versi delle crrenti, i versi di percrrenza e si scrive equazine ai ndi e equazini alle maglie. ispste 0,mA ;,8mA ;,ma sercizi 8 ; ; KΩ ; KΩ ispste,ma ;,8mA ; 0,mA

33 .. Principi di svrappsizine degli effetti Se in un circuit lineare agiscn più cause (generatri) è pssibile calclare di differenza di ptenziale tra due punti la crrente in un ram cme svrappsizine degli effetti di gni causa agente singlarmente. Per fare agire un generatre per vlta si devn disattivare gli altri: si crtcircuitan quelli di tensine e si aprn quelli di crrente. La smma degli effetti è una smma algebrica. Si sceglie un vers cme psitiv per le tensini e le crrenti e, nella smma degli effetti, si prendn psitive le grandezze (tensine crrente) cn tale vers, negative quelle cn vers ppst.... sempi Del circuit di figura, calclare la crrente. Si assume quale vers psitiv della crrente 8 ; ; KΩ ; KΩ quell vers il bass. è la smma algebrica dei cntributi di ed. Si crtcircuita e si calcla il cntribut dvut ad : 0 0, 0,KΩ ; 8, 0 0 0, 0, 0 0,8mA

34 Si crtcircuita e si calcla il cntribut dvut ad : 0 0, 0,KΩ ;, , 0,6 0 0,mA Si smman i due cntributi, cn segn psitiv e cn segn negativ: 0,8 0 0, 0 0,mA l principi di svrappsizine degli effetti e particlarmente utile quand in un circuit agiscn generatri di diversa natura. Ad esempi, generatri di crrente cntinua e di crrente alternata.... sercizi da assegnare Del circuit di figura calclare la crrente. 8 ; ; ; KΩ ; KΩ Si assume quale vers psitiv della crrente quell vers il bass. ispsta,8ma

35 .. Terema di Millman Se in un circuit lineare vi sn due punti rispett ai quali tutti i rami sn in parallel, è pssibile calclare la differenza di ptenziale tra tali punti cme rapprt tra la smma algebrica delle crrenti di crt circuit, dei rami cntenenti generatri, e la smma delle cnduttanze di tutti i rami. ndicati cn A e B i due punti e assumend il punt A a ptenziale maggi del punti B, si prendn psitive le crrenti di crt circuit il cui vers è tale da passare da A a B esternamente al ram, negative se viceversa. La cnduttanza è definita cme l invers della resistenza G e si misura in siemens S (Ω - ). AB...- sempi 8 ; ; ; 5 6 ma KΩ ; KΩ ; 6KΩ ispett ai punti A e B tutti i rami sn in parallel. Al fine di determinare la crrente di crt circuit, bisgna crtcircuitare, mentalmente, il ram e determinare segn e valre della crrente. Si applica in dettagli tale metdlgia. Si cnsiderin, in successine, i rami cn i generatri e li si crtcircuiti. l segn della crrente, piché va da A a B esternamente al ram, è psitiva; il su valre si determina applicand la legge di Ohm ai capi del generatre: ; 6 G 6 5

36 l segn della crrente, piché va da A a B esternamente al ram, è psitiva ; G l segn della crrente, piché va da B a A esternamente al ram, è negativa; il su valre si determina applicand la legge di Ohm ai capi del generatre: ; G l segn della crrente, piché va da A a B esternamente al ram, è psitiva; il su valre si determina applicand la legge di Ohm ai capi del generatre: ; 5 G 5 Si calcla AB : AB ,8 Per rislvere il circuit bisgna calclare le crrenti nei rami. Se il ram nn cntiene generatri, cme il ram cn, è sufficiente applicare la legge di Ohm:,8 0 AB,mA 6

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

Consigli per la risoluzione dei problemi

Consigli per la risoluzione dei problemi Cnsigli per la risluzine dei prblei Una parte fndaentale di gni crs di Fisica è la risluzine di prblei. Rislvere prblei spinge a raginare su idee e cncetti e a cprenderli egli attravers la lr applicazine.

Dettagli

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN FCA D PNCP D KCHHOFF, DL PNCPO D SOAPPOSZON DGL FFTT, DL TOMA D MLLMAN Un qualunque circuito lineare (in cui agiscono più generatori) può essere risolto applicando i due principi di Kirchhoff e risolvendo

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

Capitolo 7. Circuiti magnetici

Capitolo 7. Circuiti magnetici Capitolo 7. Circuiti magnetici Esercizio 7.1 Dato il circuito in figura 7.1 funzionante in regime stazionario, sono noti: R1 = 7.333 Ω, R2 = 2 Ω, R3 = 7 Ω δ1 = 1 mm, δ2 = 1.3 mm, δ3 = 1.5 mm Α = 8 cm 2,

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

negativa Forza repulsiva Forza attrattiva

negativa Forza repulsiva Forza attrattiva 1 Corrente elettrica 1.1 Carica elettrica Sebbene le cariche elettriche siano tra i costituenti fondamentali della materia, l elettricità in natura è un fenomeno relativamente raro, se si eccettuano i

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE ER IMIEGHI SECIALI FINO A 1000 VOL ROGRAMMA Giraviti VDE inze VDE Cricchetti VDE Assrtimenti VDE 1 2 UENSILI GEDORE VDE utti gli utensili i sicurezza GEDORE mlgati VDE in plastica mrbia sn tati i islament

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze:

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze: Grandezze elettriche Serie e Parallelo Legge di Ohm, Principi di Kirchhoff Elettronica Analogica Luxx Luca Carabetta Premessa L elettronica Analogica, si appoggia su segnali che possono avere infiniti

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni Grilamid Pliammide 12 Tecnplimer per le massime prestazini Indice 3 Intrduzine 4 Cnfrnt cn altre pliammidi 5 Nmenclatura Grilamid 6 Esempi di impieghi 8 Caratteristiche tipi Grilamid 10 Prprietà 20 Dati

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

Possibilità di impiego su vite di induttori di resistenza nei confronti di Flavescenza dorata e sue dinamiche in giovani impianti

Possibilità di impiego su vite di induttori di resistenza nei confronti di Flavescenza dorata e sue dinamiche in giovani impianti Pssibilità di impieg su vite di induttri di resistenza nei cnfrnti di Flavescenza drata e sue dinamiche in givani impianti Albin Mrand, Simne Lavezzar www.viten.net Sperimentazine Induttri A. Mrand, S.

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli