Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT"

Transcript

1 Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

2

3 OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle competenze tecnologiche, di business e di management necessarie alla realizzazione degli obiettivi d impresa, e facilitandone il ruolo di agenti di miglioramento e innovazione dei processi aziendali supportati dall ICT, rendendoli in grado di: CONTRIBUIRE al disegno di diversi scenari di cambiamento dei processi aziendali abilitati dall ICT SVOLGERE la valutazione dei costi, dei rischi e dei benefici connessi a differenti scenari di impiego delle soluzioni applicative di supporto TRADURRE le esigenze dei manager, dei responsabili e degli utenti chiave dei sistemi informativi in requisiti funzionali idonei allo sviluppo delle soluzioni tecnologiche aziendali GESTIRE ogni fase dei progetti di sviluppo delle soluzioni IT aziendali A CHI SI RIVOLGE Il Master è rivolto a project manager in ambito IT, a responsabili di servizi IT, ai gestori ed amministratori di sistemi informativi, ed anche ai progettisti, analisti e test designer che abbiano obiettivi di crescita professionale verso incarichi di gestione di gruppi di progetto, di analisi e qualità nel settore informatico e controllo degli investimenti con particolare attenzione alle nuove tecnologie. Inoltre si rivolge ad esperti informatici con obiettivi di approfondimento delle conoscenze tecnologiche, organizzative e economiche per rafforzare una professionalità aperta alle nuove tecnologie e in grado di gestire gruppi di lavoro per affrontare progetti di crescente complessità. 3

4 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO Oggi le imprese sono sempre più coinvolte in processi di cambiamento accelerati legati alla globalizzazione dei mercati: la vita media di prodotti/servizi è sempre più corta, le comunicazioni ultrarapide, le tecnologie in continua evoluzione necessitano sempre più un integrazione trasversale nel contesto dell azienda ed i processi di produzione sono sempre più delocalizzati. Ne nasce l esigenza di saper affrontare il cambiamento, di sapersi adattare con flessibilità e di agire/reagire rapidamente, mantenendo il cliente al centro della prospettiva. Le aziende hanno da sempre puntato su applicazioni pacchettizzate per migliorare, automatizzare e gestire i propri progetti e processi, con l obiettivo di consolidare i dati e le applicazioni all interno di un sistema centralizzato, creando processi End-to-End più efficienti, con maggiore visibilità sul loro svolgimento e migliori prestazioni. Obiettivi difficili da raggiungere e mantenere in un ottica evolutiva. Ad oggi pertanto, attività quali diffondere la cultura aziendale, fornire metodi e strumenti di apprendimento e di collaborazione diventano fulcro dei dipartimenti di ICT delle imprese, che devono essere in grado di: OPERARE al massimo in contesti certificati e che siano orientati ad aumentare la propria efficienza certificata (come ad esempio nel caso del CMMI) STRUTTURARE le architetture, interoperabili ed orientate ai servizi; ossia in grado di progettare servizi IT nell ottica della creazione di asset aziendali, riutilizzabili e mantenibili MODELLARE in base alla configurazione dei processi e secondo le architetture basate sui flussi informativi (approccio MDA, model driven architecture) Affinché i risultati siano tangibili, NESEA ha sviluppato un percorso di formazione multidisciplinare, l Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT (GPSIT), volto a far confluire le best practice, i metodi, le procedure e le tecnologie per supportare il miglioramento delle funzioni ICT, formando i cosiddetti IT Process Owner e definendo gli obiettivi da raggiungere con il miglioramento della governance dei servizi e dei progetti, così come nell utilizzo delle tecnologie e degli strumenti IT. Il Master è l esatto connubio tra attività propriamente IT e attività di modellazione, analisi e miglioramento dei progetti e dei processi di servizio. 4

5 STRUTTURA DEL MASTER L Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT (GPSIT) è stato progettato per le persone che ricoprono ruoli manageriali all interno dell impresa; esperti di informatica (progettisti, analisti, tester, amministratori e manager) o esperti di management (marketing, vendite, finance, logistica) che devono valorizzare le loro esperienze quotidiane aggiornandole per acquisire le competenze necessarie a valutare e gestire tutti gli aspetti di progetti strategici che coinvolgono tecnologie ICT. Secondo tale ottica, il master è strutturato in 4 aree tematiche e in 19 moduli, più un modulo finale per la realizzazione di un project work (quindi un totale di 20 moduli). In totale si tratta di 50 giornate d aula, distribuite su un periodo di 20 mesi, da realizzarsi con formula diretta infra-settimanale, oppure week-end. Il Master si divide in: 4 AREE TEMATICHE QUALITY AND PROCUREMENT MANAGEMENT AND ORGANIZATION DATA MANAGEMENT INFRASTRUCTURE AND ENGINEERING 20MODULI GIORNATE 50D AULA 20MESI PROJECT 1WORK

6 STRUTTURA DEL MASTER / QUALITY AND PROCUREMENT QUALITY AND PROCUREMENT Definizione ed impianto di capitolati per bandi ICT spiegare il quadro metodologico di riferimento per la corretta scrittura di bandi di gara nel settore ICT. Tipologie di bandi Struttura di un bando di gara Normative e regolamenti - Definizione requirements - Definizione SLA - Definizione quantificazione economica Il processo di definizione/impianto/emissione Valutazione dei costi e dei prezzi di servizi e progetti IT indagare gli strumenti per la valutazione/comparazione dei costi/prezzi delle forniture e dei progetti IT Prezzi e costi progetti IT - dai Requisiti al Costo - dai Requisiti al Prezzo I modelli statistici: ISBSG e Co.Co.Mo Linee Guida in vigore in Italia: ex-cnipa ora Le norme ISO di riferimento (ISO 14143, ) Il processo decisionale di comparazione IT Service Management disaminare il quadro metodologico e di qualità di riferimento per la gestione e l impostazione delle attività nell ambito dei servizi e dei progetti informatici. Comprendere come il framework CMMI possa essere utilizzato per allineare i servizi IT alle esigenze di business. Essere in grado di applicare i principi del CMMI per soddisfare le necessità di un unità organizzativa di integrazione software e di sistema. Conoscere le relazioni del CMMI con lo standard ISO/IEC La maturità dei processi di ingegneria: i principi del CMMI - Livelli di maturità, livelli di capability e aree di processo del modello - CMMI nella Rappresentazione Scalare e Continua - Relazioni tra le aree di processo - Interpretare ed applicare il CMMI I fondamenti di ITIL 2011 Service Operation - Traguardi ed obiettivi - Funzioni e processi di Service Operation - Continual Service Improvement - il modello PDCA e il modello per il miglioramento a 7 passi ISO/IEC delineare il quadro di riferimento dello standard ISO/IEC 20000:2011. Service Delivery Process Relationship Processes Control Processes Resolution Processes Release Process Le best practices Fondamenti di contrattualistica IT esplorare lo spettro degli strumenti per avere un efficace controllo di contratti ICT complessi Analisi del contratto, i punti chiave Milestones e stati di avanzamento Controllo degli SLA La qualita del personale Identificazione di problemi potenziali Controllo, feedback Change management 6

7 STRUTTURA DEL MASTER / MANAGEMENT AND ORGANIZATION MANAGEMENT AND ORGANIZATION IT Project Management (part I) approfondire le conoscenze della disciplina di Project Management secondo il PMBOK del PMI. Focalizzare l attenzione dei partecipanti sull importanza della gestione dell intero ciclo di vita di un progetto (project life cycle management), con particolare attenzione ai processi di pianificazione e controllo dei tempi e dei costi. Presentazione del Project Management Body of Knowledge Il ciclo di vita di un progetto Definire e chiarire gli obiettivi di progetto. La Work Breakdown Structure (WBS), tecniche di scomposizione, approcci ed esempi di utilizzo della WBS. Tempi: Definire in dettaglio il da farsi e la lista delle attività. Stabilire l ordine delle attività: sequenzializzazione. Stabilire quanto tempo sarà necessario al completamento delle attività e dell intero progetto. Stima dei tempi con la tecnica PERT. Diagrammi a rete e cammino critico. Esercizio in team: stima dei tempi, diagrammi a rete e cammino critico; monitoraggio e controllo della Schedulazione. Costi: stima, monitoraggio e controllo con la tecnica dell Earned Value. Introduzione alla gestione di progetti multipli: le incompatibilità di deadline e di risorsa. IT Project Management (part II) approfondire le conoscenze della disciplina di Project Management secondo il PMBOK del PMI. Focalizzare l attenzione sulla definizione e gestione dell ambito di progetto e sugli aspetti di integrazione. In particolare definire i principi guida del Project Cycle Management. Ambito. Analisi del contesto. Programmazione e realizzazione orientate al raggiungimento degli obiettivi (GOPP Goal Oriented Project Planning). Quantificazione e verificabilità dei risultati. Enfasi sulla qualità. Privilegiare la sostenibilità. Formati standardizzati. Conoscenza condivisa degli obiettivi e del processo per raggiungerli. LFA, il Logical Framework Approach, l approccio progetto/processo e il project management dei progetti IT nella logica CMMI. Analisi degli stakeholder, PEST e SWOT analysis. Dall albero dei problemi all albero degli obiettivi. Integrazione. Change management. Come assicurare la gestione integrata delle modifiche di progetto: il processo di Integrated change control. Comunicazione. Concetti generali. Piani e strategie di comunicazione. La comunicazione efficace. 7

8 STRUTTURA DEL MASTER / MANAGEMENT AND ORGANIZATION Gestione dei rischi e dell incertezza fornire gli strumenti di pianificazione e controllo dei rischi per aumentare le probabilità di successo nella realizzazione dei progetti e nella governance dei servizi. Comprendere le differenze tra minacce e opportunità. Conoscere le tecniche per valutare qualitativamente e quantitativamente i rischi e assegnare la loro priorità, definendo la più efficace strategia di risposta e monitoraggio. Gestione dei Rischi. Concetti generali. Rischio e opportunità. Determinazione delle aree con problemi potenziali. Pianificare la gestione dei rischio. Identificazione dei rischi. Assegnazione di priorità. Analisi qualitativa e quantitativa del rischio. Valutazione della probabilità e dell impatto. Il valore monetario atteso dei rischi (EMV). L albero delle decisioni. Le decisioni in condizioni di incertezza. Analisi qualitativa e quantitativa dei rischi di un progetto. Analisi dei rischi nella governance di servizi IT. Pianificazione della risposta al rischio. Strategie di risposta alle opportunità e alle minacce. Piani di contingency e gestione delle riserve. Sorvegliare e controllare i rischi Introduzione al Business Process Management introdurre alla disciplina manageriale del business process management ed esaminare le tecniche di business process modeling (BPM) focalizzandosi sulle metodologie di analisi e di gestione dei processi d'impresa. L azienda come sistema La visione gerarchico - funzionale La visione per processi e la classificazione dei processi L analisi dei sistemi Simulazione ad eventi discreti Il BPM come filosofia di gestione dell azienda Obiettivi e tecnologie del BPM Il ciclo di vita del BPM Categorie di processo inter/intra aziendali: orchestrazione, coreografia, collaborazione La progettazione dei processi IT definire il business aziendale e progettarne i processi principali e di supporto al fine di favorire un conseguimento efficace ed efficiente dei risultati. Metodologie, modelli, linguaggi e strumenti di progetto Modello dell organizzazione: descrivere la struttura aziendale e il coordinamento del lavoro; risorse e meccanismi di allocazione Modello funzionale dell azienda: lo standard IDEF0 e IDEF 3; la specifica delle attività Modello di esecuzione e la descrizione dinamica del comportamento dell azienda Modello dei processi. Lo standard BPMN (Business Process Modeling Notation): identificare i Partecipanti; identificare gli Eventi; identificare le Attività; specificare la Logica di Controllo. Modelli di implementazione per operazioni, attività e processi Tecniche semantiche e linguistiche nella modellazione dei processi di impresa: SBVR. 8

9 STRUTTURA DEL MASTER / DATA MANAGEMENT DATA MANAGEMENT Qualità dei dati e la norma ISO presentare il quadro di riferimento per la norma ISO al fine di realizzare una gestione innovativa, trasparente ed efficiente dell informazione e del processo di condivisione dei dati (open data) La qualità per i dati: definizione, rilevanza, specificità Il ciclo di vita dei dati La norma ISO/IEC 25012: le caratteristiche della Qualità dei Dati La misura e la valutazione della qualità dei dati Il valore ed il miglioramento della qualità dei dati L identificazione delle cause dei difetti dei dati La qualità dei dati per gli Open Data Open data inter-amministrativa. Open data conoscitiva: dati statistici. Open data partecipativa: dati personali. Gestione efficace ed efficiente dei dati elencare le normative internazionali e nazionali concernenti la raccolta dei dati e la strutturazione degli archivi digitali. Monitorare, gestire ed interpretare i risultati in maniera efficiente. La normativa internazionale ed italiana Il Ruolo del Data Manager Il Protocollo: come si legge, come si usa La raccolta dei dati: strumenti per la qualità L archivio: organizzare la documentazione Il monitoraggio e la gestione dei controlli L analisi statistica dei dati: interpretare i risultati Business Intelligence comprendere come le metodologie di analisi e gli strumenti di Business Intelligence possano migliorare la qualità dei processi decisionali e la capacità competitiva delle imprese. Dai dati dell informazione alla conoscenza: motivazioni della BI Processo decisionale e sistemi di supporto alle decisioni Infrastrutture informative: datawarehouse, data marts, analisi dei cubi Le fasi del ciclo di vita di un progetto di BI Valore strategico e competitivo della BI Data mining, ottimizzazione e analytics - Principali metodologie di data mining e pattern recognition - Applicazioni di data mining: marketing relazionale, identificazione di frodi, analisi del web Le applicazioni dell ottimizzazione nei sistemi di BI: supply chain management, allocazione della forza di vendita, valutazione delle prestazioni Information Security Management assimilare gli strumenti e le procedure per la corretta sicurezza dei dati e dei sistemi di gestione degli stessi Pianificazione della sicurezza e analisi dei rischi La sicurezza dei sistemi informatici Intrusione e attacchi: i firewall Il problema dell'autenticazione La sicurezza nei sistemi operativi La sicurezza nelle basi di dati La sicurezza in ambiente Internet/Intranet Protocolli per la sicurezza (SSH, SSL, SHTTP,...) La sicurezza nelle applicazioni Valutazione della sicurezza 9

10 STRUTTURA DEL MASTER / INFRASTRUCTURE AND ENGINEERING INFRASTRUCTURE AND ENGINEERING Definizione e analisi dei requisiti riepilogare le conoscenze e gli strumenti necessari per una corretta progettazione, definizione, pianificazione e gestione dei requisiti. Il processo che consente in modo strutturato di arrivare a definire un set di requisiti e di modelli, su cui basare la realizzazione di una applicazione IT. Le competenze per la gestione del requisito, dei cambiamenti, delle specifiche e delle misurazioni di performance. Il ruolo dell'analista. I Requisiti. Metodologie di rilevazione delle esigenze. Problema e Soluzione. Documentare un problema. Documentare un requisito. Trascrivere la conoscenza. Definizione di un metodo. View Point. Goal Oriented Analisys. Specifica dei requisiti, introduzione a UML e Use Case. La Gestione dei Requisiti in RUP (cenni). Un modello iterativo per la gestione dei requisiti. I concetti di fase, iterazione e incremento. La misurazione dei Requisiti (non si può gestire ciò che non si può misurare) Architetture Model Driven apprendere le conoscenze di progettazione e specificazione legate alla architetture IT basate sui modelli (MDA, Model Driven Architecture) ed il riuso a livello architetturale. Il modello come Asset. UML 2.0 come strumento complementare. Introduzione alla Model Driven Architecture (MDA) ed all'approccio model-driven: modelli, meta-modelli, linguaggi platform-specific VS linguaggi general purpose. Introduzione ai modelli platform-independent e platform-specific. Trasformazioni Model-driven: le piattaforme disponibili, come realizzare una trasfomazione model-to in Enterprise Architect. Come estendere l'espressività di UML: importare e usare i profili di UML, creare ed usare i design patterns. L'ambiente di sviluppo di Enterprise Architect. Come usare l'sdk di Enterprise Architect: sviluppare un proprio profilo di UML utilizzando stereotipi e tagged values. Elaborazione del modello: markings, gestione del codice legacy. Metriche del software acquisire una visione pratica dell'utilizzo delle metriche del software come strumento a supporto delle decisioni, per gestire il processo di sviluppo e manutenzione del software, e di permettere la creazione di un sistema metrico aziendale o il miglioramento di quello esistente. Perché misurare il SW Utilizzo delle misure del SW e controllo delle variabili gestionali di progetto (tempo, costo, impegno) Misura e Previsioni: i modelli statistici CoCoMoII e ISBSG Differenza tra metriche tecniche e metriche funzionali Il metodo di misura più diffuso: i Function Point 10

11 STRUTTURA DEL MASTER / INFRASTRUCTURE AND ENGINEERING Test e Collaudo delle applicazioni formare le competenze per una corretta pianificazione dei collaudi e la gestione degli stessi in fasi di sviluppo e rilascio. Verificare da un lato la piena aderenza ai requisiti richiesti e dall altro consentire la rimozione degli errori presenti nel software. Progettare i collaudi e definire le specifiche funzionali di sistemi design-for-testability. Focalizzare sulla progettazione degli schemi di collaudo e sulla gestione dell avanzamento dei test. Fondamenti del SW Testing. Tecniche di test statico. Tecniche di progettazione dei test: test di software critico, test dei requisiti e test di progetto. Test management. Strumenti di test. Il Piano di Collaudo e il Verbale di Collaudo. Risk Based Testing. Il test di accettazione. Il test del processo di installazione. Il test delle modifiche. Valutazione sull efficacia del test. Modellazione di sistemi eterogenei precisare le competenze per la modellazione di sistemi eterogenei, scalabili, integrabili e interoperabili, attraverso l uso di UML 2.0 e la realizzazione di architetture service-oriented (SOA). UML e Processo di Sviluppo. Use Case e Analisi dei Requisiti. Class Diagram: Problem domain. Class Diagram: Solution Domain. Composite Structure Diagram. Interaction Diagram. State Diagram. Activity Diagram. Package Diagram. Deployment Diagram. SOA, Service oriented architecture. Tecnologie di base Web services. Frameworks d implementazione. Tecnologie d infrastruttura. Orchestrazione di processi su una architettura SOA Le principali caratteristiche di UML2. Architettura software di un sistema complesso con UML2 Profilo di UML2 per Enterprise Application Integration (EAI) 11

12 METODI FORMATIVI Il percorso formativo si avvale di una metodologia didattica integrata (ACTION LEARNING) che punta ad offrire al partecipante strumenti flessibili e personalizzati, finalizzati a promuovere conoscenze, capacità ed atteggiamenti trasversali e di ruolo coerenti con le esigenze del lavoro ed alla prassi professionale, adeguati alle esigenze specifiche dell organizzazione. Il percorso formativo prevede l alternanza tra la teoria e la pratica nella prospettiva di promuovere l Empowerment dei soggetti, incidendo non solo sulle conoscenze professionali, ma anche sulle capacità decisionali e comportamentali. Infatti, oltre ai tradizionali momenti di formazione in aula, condotti sempre attraverso lo stimolo al coinvolgimento e all interazione tra gli allievi, saranno svolte le seguenti attività: esercitazioni pratiche e simulazioni: gli allievi potranno acquisire conoscenze, abilità e competenze attraverso processi di prova, imitazione ed osservazione del comportamento. Tale metodologia rappresenta un ottimo strumento per riflettere sugli errori che potranno essere commessi e per favorire la discussione sull importanza delle molteplici variabili da tenere in considerazione, nonché per sviluppare una visione strategica e sistemica delle problematiche in esame. brainstorming e focus group: gli allievi potranno riflettere e rielaborare contenuti e applicazioni pratiche attraverso la discussione in gruppo con persone che hanno vissuto la medesima esperienza formativa/professionale. QUOTA DI ISCRIZIONE La quota di iscrizione è di IVA AMMISSIONE AL MASTER L ammissione avviene, dietro domanda inoltrata dal richiedente, a seguito della esamina del CV del candidato da parte della commissione scientifica del corso. Il Master si svolgerà in lingua italiana, ma è fortemente consigliata la conoscenza almeno di base della lingua inglese, sia per poter comprendere i termini utilizzati nei moduli, sia perché necessaria ai fini degli esami di certificazione. 12

13 CERTIFICAZIONI Il Master offre ai partecipanti la possibilità di conseguire alcune tra le certificazioni maggiormente riconosciute in ambito internazionale, quali: Certificazione PMP Project Management Professional (PMI) Certificazione ITIL Foundation Qualifica di lead auditor ISO/IEC Certificazione CISM Certified Information Security Manager Certificazione IT Systems Architect (EUCIP) L iscrizione alla prova degli esami per le certificazioni è compresa nel prezzo del Master, relativamente ad una prova di esame per tipo di certificazione. Attestato di partecipazione L attestato di partecipazione sarà rilasciato a coloro che abbiano realizzato almeno l 80% delle attività formative di aula previste dall intero percorso di Master. EXECUTIVE MASTER GPSIT - RIEPILOGO IMPEGNO DURATA TARGET WEEKEND o INFRASETTIMANALE 20 MESI PROFESSIONISTI MODULI 20 MODULI ESPERIENZA COSTO IVA Nesea S.r.l. - Via Flavio Domiziano 10, 00145, Roma - tel fax P.I Capitale Sociale ,00 i.v.

14 CONTACTS: Via Flavio Domiziano , Roma tel fax

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Governo dei sistemi informativi

Governo dei sistemi informativi Executive Master Governo dei sistemi informativi > II edizione CONFINDUSTRIA VENEZIA CONFINDUSTRIA PADOVA CONFINDUSTRIA VENEZIA gennaio/luglio 2011 Obiettivi Un numero crescente di organizzazioni appartenenti

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROJECT MANAGEMENT PROFESSIONAL CON LA SUPERVISIONE SCIENTIFICA DI XVIII Edizione / Formula weekend 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 Z1099 2015 Project

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli