Il Pinot grigio. di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3. Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Pinot grigio. di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3. Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2"

Transcript

1 Il Pinot grigio di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3 1 Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2 Cantine dei Colli Berici - Lonigo 3 Libero professionista

2 Con l approvazione del disciplinare nel 1999 il Consorzio di Tutela, la Cantina di San Bonifacio (oggi Cantine dei Colli Berici) ed il Centro per la Sperimentazione Vitivinicoltura della Provincia di Verona hanno avviato una specifica indagine conoscitiva sul comportamento del vitigno Pinot Grigio nell area dell Arcole Doc. Questa sperimentazione risulta oggi ancor più importante alla luce del successo di questo vitigno su tutti i principali mercati. Nell ambito della stessa denominazione questa tipologia risulta inoltre tra le più utilizzate e performanti sottolineando quindi l importanza dei risultati conseguiti in questi primi anni di attività consortile.

3 Terre d Arcole Sinonimi Questo vitigno ha nel corso del tempo assunto molti sinonimi nei diversi paesi di coltivazione: in Francia prende anche il nome di Auvernet, Auxerrois gris, Beurot, Burot, Fauvet, Petit gris, Tokay d Alsace, in Germania e Svizzera Burgunder roter, Drusentt, Tokay, Tokayer e infine in Italia Borgogna grigio, Rulander, Stahler. Origine (cenni storici) Il Pinot grigio, come gli altri Pinot, è un vitigno francese che trova la sua origine da una mutazione genetica del colore della bacca del Pinot nero (Viala P. e Verorel V., 1901); tale mutazione secondo Fregoni (1985) è ascrivibile al tipo periclinale che interessa solamente le cellule di uno strato superficiale dell apice vegetativo. Meno coltivato del Pinot bianco e del Pinot nero in Francia, trovò una certa diffusione in Germania. La sua presenza nel nostro paese può essere fatta risalire fin dai tempi dei romani in cui erano indicati dei vitigni a bacca grigia (Dalmasso G. 1937), sicuramente la sua presenza era segnalata verso la fine del 1800 (Calò et al. 2001). Il Pinot grigio è stato iscritto al registro delle varietà di viti (dpr 1164/69 art. 11) con decreto ministeriale del Inizialmente coltivato in Trentino Alto Adige in seguito si diffuse anche in altri areali italiani e soprattutto nelle Tre Venezie, dove ancor vi sono le principali zone di coltivazione, anche se numerose sono le provincie in Italia in cui questo vitigno è raccomandato o autorizzato. Caratteri ampelografici (morfologici) Per la caratterizzazione di un vitigno ci si è avvalsi nel corso degli anni di tecniche sempre più sofisticate; dalla classica descrizione ampelografica, a quell ampelometrica, integrata negli ultimi anni da quell isoenzimatica fino alle recenti caratterizzazioni molecolari. Ci limiteremo a riportare le principali caratteristiche ampelografiche di questo vitigno. Il Pinot grigio presenta un germoglio eretto, con apice espanso, tomentoso e con leggere sfumature rosate ai bordi. Le foglioline apicali sono tomentose, spiegate e di colore verde biancastro. La foglia adulta è medio piccola, cordiforme, trilobata, glabra; il seno peziolare è a V aperto e il lembo è ripiegato a coppa, lobato di colore verde cupo. Il grappolo è piccolo e di forma cilindrica spesso alato. L acino è piccolo, ovoidale, spesso deformato a causa della compattezza del grappolo e si distacca abbastanza facilmente dal pedicello, la buccia è di colore grigio rosato, di medio spessore. La polpa è succosa, dolce e di sapore neutro. 208 L apice e la foglia del Pinot grigio. Esistono ovviamente per questo vitigno la caratterizzazione ampelometrica, isoenzimatica e molecolare (Costacurta et al., 2001) che non sono riportate in questo lavoro ma che sono fruibili dalla bibliografia.

4

5 Terre d Arcole Fenologia Germogliamento: medio precoce Fioritura: medio precoce Invaiatura: precoce Maturazione: precoce Composizione chimica delle bacche In condizioni di coltivazione ottimali il Pinot grigio risulta ricco in zuccheri e dotato di un buon corredo acidico. Un aspetto importante per la qualità dei vini riguarda la composizione aromatica delle bacche dalle quali essi derivano. Per quanto riguarda il Pinot grigio un ruolo importante rivestono le forme cicliche dell alfaterpineolo e delle forme deidrossilate del linalolo e del geraniolo. Importante anche la presenza dell alcool benzilico e dei norisoprenoidi e soprattutto del damascenone che caratterizza da un punto di vista aromatico questa varietà. Esigenze ambientali e colturali Il Pinot grigio è un vitigno molto sensibile agli ambienti e alle condizioni di coltivazione, diventa quindi molto importante scegliere la giusta combinazione tra i diversi biotipi presenti sul mercato al fine di ottimizzare questo rapporto vitigno-ambiente. Grazie alla sua precocità può essere coltivato a diverse altitudini, dall alta collina alla pianura, fornendo prodotti che si differenziano a volte in modo molto significativo sia sotto il profilo produttivo che qualitativo. 210

6 Per raggiungere un buon equilibrio vegeto-produttivo necessita generalmente di terreni freschi, purché non umidi, fertili e ben ventilati. Teme le temperature elevate che possono causare sensibili danni da scottature sui grappoli. Le forme di allevamento da adottare devono cercare di ridurre al minimo la sovrapposizione dei tralci al fine di evitare problemi quali l insorgere di gravi attacchi di crittogame e in particolare di Botrytis cinerea. Generalmente si preferiscono forme di allevamento a Guyot, a Cordone speronato e GDC (Cordone doppio). Per queste ultime due è importante, soprattutto nel caso di potatura meccanica, l eliminazione degli speroni in eccesso che sarebbero causa di una cattiva distribuzione dei grappoli e della vegetazione. Può talvolta essere opportuna un eliminazione precoce dei germogli in eccesso (a cavallo della fioritura) nelle zone di maggiore affastellamento, al fine di ottimizzare il rapporto produzione/superficie fogliare, eliminando la produzione in eccesso spesso dovuta all elevata fertilità di questa varietà. La sfogliatura, che consente una migliore distribuzione dei fitofarmaci e un buon arieggiamento dei grappoli, deve essere fatta con attenzione e preferibilmente nel periodo tra l allegagione e la pre-chiusura del grappolo. Defogliazioni eccessive possono essere causa di scottature dei grappoli soprattutto in ambienti più caldi e dove vi sono forti insolazioni. Il Pinot grigio presenta livelli più elevati di azoto, fosforo, calcio e zolfo, rispetto agli standard di riferimento, quindi ha bisogno di una particolare attenzione nella gestione degli apporti nutritivi. Soprattutto la somministrazione dell azoto deve evitare l insorgenza di squilibri vegeto produttivi che sono anche la causa di attacchi crittogamici, vista anche la sensibilità varietale, frazionandone l apporto 40% nella fase di pieno germogliamento e 60% in post-allegagione. Negli ambienti più umidi o nelle annate particolarmente sfavorevoli può risultare utile la somministrazione di calcio per via fogliare (in post-allegagione e a cavallo dell inviatura) per aiutare l ispessimento della buccia (G. Crespan et al 2001). Terre d Arcole 211

7

8 Sensibilità alle malattie ed avversità Il Pinot grigio, come tutti i Pinot, è una varietà delicata molto sensibile alla Botrite e al Marciume acido, sensibile anche all Oidio e relativamente meno alla Peronospora. Molto sensibile risulta alla Flavescenza dorata. Richiede pertanto un attenta gestione degli interventi fitosanitari. Terre d Arcole Caratteristiche del vino Viene utilizzato per la vinificazione sia in purezza sia con altre uve bianche per ottenere vini tranquilli e basi spumante. Vinificato in bianco dà un vino di colore da giallo scarico a giallo, a volte con leggeri riflessi ramati, se vinificato con le bucce assume il classico colore ramato che ricorda la buccia della cipolla. Di sapore asciutto e giustamente acido, talvolta un po amarognolo ma armonico. Il bouquet fine ma intenso è caratterizzato da note fruttate (mela verde, agrumi) ma soprattutto floreale con note di violetta e acacia. Clone SMA 505. La selezione clonale Le risposte fisiologiche e produttive sono abbastanza variabili all interno del vitigno, soprattutto riguardo alla produttività, alle dimensioni del grappolo, e alla fertilità dei biotipi coltivati. Pertanto sono stati portati avanti programmi di miglioramento genetico in diversi paesi, principalmente in Francia, Germania ed Italia al fine di ottenere delle selezioni clonali con una migliore qualità delle uve e nello stesso tempo di maggiore tolleranza alle crittogame, soprattutto Botrite e marciume acido. Attualmente le selezioni iscritte al registro nazionale delle varietà sono 6. I cloni costituiti dall Istituto Agrario di S. Michele all Adige sono SMA 505 e SMA 514: SMA 505 (1992) presenta un grappolo di dimensioni inferiori alla media e meno sensibile alla Botrite. Ha una buona fertilità delle gemme, produce uva con buoni contenuti in zuccheri ed in acidità. SMA 514 (1992) presenta un grappolo piccolo e mediamente compatto. La fertilità delle gemme è superiore a quella della media della popolazione. Buoni i contenuti in zuccheri ed in acidità. Leggermente più sensibile alla Botrite dello SMA 505. I cloni costituiti dai Vivai Cooperativi Rauscedo sono R 6 e VCR 5: R 6 (1969): presenta un grappolo piccolo e generalmente alato, non eccessivamente compatto e quindi meno sensibile alla Botrite. La fertilità delle gemme è nella media della popolazione. Buoni i contenuti in zuccheri ed in acidità. La produttività è costante. VCR 5 (1995): presenta un grappolo piccolo con una corta ala. Risulta più resistente alla Botrite del clone R 6 ma è meno produttivo. Inoltre risulta resistente alla clorosi ferrica e quindi può essere utilizzato nei terreni relativamente calcarei. Clone SMA 514. Clone R6. Clone VCR

9 Terre d Arcole ISV F 1 Toppani (1990) selezionato dall Istituto Sperimentale per la Viticoltura di Conegliano in collaborazione con la Regione Friuli. Il grappolo è piccolo corto e compatto. Di vigoria contenuta è discretamente produttivo. Fedit 13 CSG (1969) selezionato dalla Fedeconsorzi. Il grappolo è piccolo con la presenza generalmente di un ala. Risulta mediamente resistente alla Botrite. La selezione varietale in Francia ha portato all omologazione inizialmente dei cloni INRA 52 e 53 (1971) e successivamente (1975) dell ENTAV 457. INRA 52 presenta un grappolo piccolo. Risulta meno produttivo del clone INRA 53 ma con un contenuto in zuccheri nettamente superiore. Clone ISV F 1 Toppani. ENTAV 457 presenta un grappolo medio-piccolo cilindrico, talvolta alato, compatto. Di vigoria media e di discreta produttività. La fertilità delle gemme è buona. La selezione varietale in Germania ha portato all iscrizione di ben 15 cloni da parte principalmente degli Istituti Sperimentali di Viticoltura di Geiseinheim e di Friburgo. Clone INRA 52. I cloni di Pinot grigio più richiesti in Germania sono: l Hauser 1, il Wm63 e il FR ; il primo molto generoso e produttivo, anche se maggiormente sensibile alla Botrite, gli altri due molto qualitativi. Disciplinare di produzione del Pinot Grigio DOC Arcole 214 Clone ENTAV 457. Il disciplinare di produzione del Pinot grigio della DOC Arcole del 2001 prevede che le condizioni ambientali di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata «Arcole Pinot Grigio» devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve e al vino derivato le specifiche caratteristiche. I terreni devono presentare composizione argillosa o argilloso-sabbiosa o sabbiosa. Sono pertanto da considerarsi esclusi ai fini dell iscrizione all albo dei vigneti, quelli ubicati in terreni di natura torbosa, limosa o eccessivamente umidi e fertili. Le viti devono essere allevate esclusivamente a spalliera semplice o doppia. Clone Hauser 1. Per i vigneti piantati prima dell approvazione del presente disciplinare e non allevati a spalliera, è consentita l iscrizione agli albi per un periodo massimo di 15 anni.; trascorso tale periodo questi i vigneti saranno automaticamente cancellati dall albo.

10 È obbligatorio per tutti i vigneti piantati dopo l approvazione del disciplinare prevedere un numero di ceppi per ettaro non inferiore a I sesti d impianto, le forme d allevamento ed i sistemi di potatura, devono essere comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e del vino. Viene vietata ogni pratica di forzatura; è tuttavia consentita l irrigazione di soccorso. La produzione massima di uva per ettaro in coltura specializzata delle varietà di viti Pinot grigio destinate alla produzione dei vini è di 130 Qli per Ha. Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo sono di 11,00 % vol. Le uve destinate alla produzione dei vini spumanti potranno avere un titolo alcolometrico volumico naturale minimo inferiore dello 0,5% rispetto a quello sopra specificato, purché la destinazione delle uve atte ad essere elaborate, venga espressamente indicata nella denuncia annuale delle uve. In annate con andamenti climatici particolarmente sfavorevoli è ammessa, con provvedimento della Regione Veneto (adottato secondo le procedure di cui all art. 10 della legge n. 164/1992 ed al successivo paragrafo 12), la riduzione del titolo alcolometrico volumico naturale minimo delle uve destinate alla produzione dei vini di cui alla presente denominazione. Nelle annate favorevoli, i quantitativi di uva ottenuti da destinare alla produzione del vino a denominazione di origine controllata «Arcole», devono essere riportati nei limiti di cui sopra purché la produzione globale non superi del 20% i limiti medesimi: Restano inalterati i limiti di resa uva/vino per i quantitativi di cui trattasi. Le operazioni di vinificazione delle uve destinate alla produzione della denominazione di origine controllata «Arcole» devono essere effettuate nell ambito delle province di Verona e Vicenza. Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche locali, leali e costanti atte a conferire al vino le sue peculiari caratteristiche. È consentito l arricchimento, nel rispetto della normativa nazionale e comunitaria. La resa massima dell uva in vino non deve essere superiore al 70% per tutti i vini. Qualora la resa uva/vino superi i limiti di cui sopra, ma non il 75%, l eccedenza non ha diritto alla denominazione d origine controllata. Oltre detto limite decade il diritto alla denominazione d origine controllata per tutta la partita. Terre d Arcole Le caratteristiche del Pinot grigio «Arcole» al consumo colore: da giallo paglierino ad ambrato, talvolta con riflessi ramati; profumo: delicato, caratteristico, fruttato; sapore: asciutto, armonico, caratteristico; titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11%vol.; acidità totale minima: 5 g\l; estratto secco minimo: 16 g/l. Studio del comportamento di cloni di Pinot grigio per l area DOC Arcole Il Pinot grigio dagli anni 90 ha cominciato a essere coltivato nei territori pertinenti alla DOC Arcole, e visto anche i buoni risultati viticoli e commerciali è andato sempre più espandendosi nella coltivazione tanto da interessare attualmente 300 ettari. Nel 1998 in collaborazione tra il Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura della Provincia di Verona e la Cantina Sociale di San Bonifacio (ora Cantine dei Colli Berici) si è voluto studiare l attitudine di diversi cloni all ambiente di pianura, al fine di poter indirizzare i viticoltori verso quelli che avrebbero fornito, in questo ambiente, i migliori risultati. 215

11 Terre d Arcole A tale scopo è stato effettuato un apposito impianto sperimentale presso l azienda Agricola Tebaldi Egidio, in località Pranda, dove sono stati messi a confronto nove cloni; cinque derivanti da progetti selezione italiana (R 6,VCR 5, SMA 505, SMA 514, ISV F1 Toppani) due francesi (INRA 52 ed ENTAV 457) e due tedeschi (Hauser 1 e FR ). Nelle tabelle 1 e 2 sono riportate le caratteristiche fisiche e chimiche del terreno utilizzato per l impianto sperimentale. Tabella 1. CARATTERISTICHE DEL TERRENO UM Valore Sabbia % 26 Limo % 34 Argilla % 40 Tesstitura Argilloso-limoso PH (in H20) 7,73 PH (in KCL) 6,95 Calcare Totale % CaCo3 22 Calcare attivo % CaCo3 3 Sostanza Organica % 4,42 Carbonio Organico % 2,56 Rapporto C/N 8,8 Rapporto MG/K 24,1 Conduc. Elettr: su P us/cm 132 Tabella 2. ELEMENTI NUTRITIVI UM Valore Azoto Totale % N 0,29 Fosforo assimilabile mg/kg P 7,8 Potassio Scambiabile mg/kg K 166 Magnesio Scambiabile mg/kg Mg 1245 Calcio Scambiabile mg/kg Ca 6642 Sodio Scambiabile mg/kg Na 69 Ferro assimilabile mg/kg Fe 23,2 Manganese assimilabile mg/kg Mn 1 Zinco assimilabile mg/kg Zn 0,6 Rame assimilabile mg/kg Cu 2,6 Boro solubile mg/kg B 1, La forma di allevamento scelta è stata il GDC, la più utilizzata nei nuovi impianti per la facilità di meccanizzare le operazioni colturali, con distanze di impianto 400 cm tra le file e 50 cm nel filare, per un investimento ettaro pari a ceppi La gestione del vigneto ha visto l inerbimento del filare fin dal primo anno di impianto e le operazioni colturali, quali la spollonatura, la potatura a verde e a secco invernale sono state eseguite meccanicamente. Dal quarto anno di coltivazione sono stati eseguiti i rilievi relativi alle curve di maturazione e agli aspetti produttivi (peso medio acini, peso medio grappolo, peso medio ceppo). Inoltre sono state eseguite per tre anni le micro vinificazioni con le relative analisi chimiche e sensoriali dei vini.

12

13 Terre d Arcole Materiali e metodi Nelle tre annate oggetto di indagine sono state monitorate le epoche fenologiche (Tab. 3), le curve di maturazione (Tab. 4, 5 e 6). e alla vendemmia sono stati eseguiti i rilievi produttivi quali la fertilità delle gemme reale e potenziale (Tab. 7) la produzione media per pianta, peso medio grappolo ed il peso medio acino (Grafici 1, 2 e 3). Tabella 3. Epoche fenologiche delle tre annate di sperimentazione Anno Germogliamento Fioritura Invaiatura Vendemmia Apr 2-Jun 4-Aug 27-Aug Apr 21-May 16-Jul 19-Aug Apr 3-Jun 5-Aug 1-Sep Tabella 4. Curva di maturazione /8 20/8 27/8 Data Brix Ac.Tot. g/l Brix Ac.Tot. g/l Brix Ac.Tot. g/l 505 SMA 15,48 12,35 2,94 17,86 10,10 3,02 19,53 7,60 3, SMA 15,15 11,90 2,88 17,40 9,40 3,06 19,64 7,25 3, ENTAV 15,98 11,15 2,96 19,18 8,50 3,13 20,09 7,50 3,22 52 INRA 15,86 10,85 3,03 18,54 9,65 3,15 20,70 6,75 3,25 R 6 15,17 12,15 2,90 18,87 8,80 3,10 19,92 7,65 3,17 VCR 5 16,50 11,50 2,94 19,11 8,70 3,08 19,59 7,50 3, FR 18,79 10,50 2,95 17,68 8,20 3,13 20,17 7,60 3,16 H 1 Hauser 14,92 11,60 2,91 17,07 9,00 3,07 19,75 7,35 3,19 ISV F1 Toppani 15,39 11,05 2,92 18,50 7,80 3,11 21,15 7,40 3,25 Tabella 5. Curva di maturazione 2003 Data Brix Ac.Tot. g/l 29/7 6/8 13/8 19/8 Brix Ac.Tot. g/l Brix Ac.Tot. g/l Brix Ac.Tot. g/l 505 SMA 14,93 12,55 2,76 15,71 8,50 2,85 19,06 5,45 3,19 21,74 3,95 3, SMA 13,46 12,50 2,73 16,16 7,10 2,96 18,02 5,80 3,15 21,77 4,35 3, ENTAV 14,46 11,65 2,86 15,77 8,15 2,95 17,95 6,00 3,14 21,58 3,8 3,6 52 INRA 13,75 12,50 2,77 16,11 6,85 3,04 17,58 5,55 3,16 20,43 3,45 3,71 R 6 15,73 12,10 2,90 17,51 7,50 3,02 17,65 6,15 3,16 22,10 4,15 3,48 VCR 5 14,33 12,49 2,78 15,95 7,70 2,96 20,39 5,70 3,28 21,96 4,5 3, FR 14,03 13,55 2,75 16,79 7,20 2,98 17,93 5,91 3,11 22,00 3,8 3,66 H 1 Hauser 15,07 11,20 2,84 17,80 7,35 2,98 18,37 5,05 3,21 20,62 3,9 3, ISV F1 Toppani 14,30 13,10 2,76 16,19 7,25 2,98 17,62 5,80 3,14 20,58 4,15 3,63

14 Tabella 6. Curva di maturazione 2004 Data Brix Ac.Tot. g/l 11/8 18/8 26/8 1/9 Brix Ac.Tot. g/l Brix Ac.Tot. g/l Brix Ac.Tot. g/l 505 SMA 15,04 18,20 2,88 17,35 13,25 3,04 18,92 10,10 3,13 19,65 8,15 3,15 Terre d Arcole 514 SMA 15,59 16,85 2,95 17,54 13,75 3,05 19,18 9,15 3,18 19,18 8,55 3, ENTAV 14,67 19,50 2,84 17,38 13,15 3,02 19,08 9,60 3,18 18,61 9,10 3,09 52 INRA 12,08 19,10 2,77 14,54 13,70 2,93 18,36 9,85 3,10 19,31 7,20 3,11 R 6 14,60 19,55 2,88 17,30 13,25 3,06 18,84 9,75 3,15 20,25 9,15 3,10 VCR 5 15,37 16,90 2,92 18,17 11,45 3,10 19,70 9,45 3,17 19,67 8,30 3, FR 13,48 21,00 2,85 15,16 14,75 2,95 17,50 10,45 3,12 19,13 8,40 3,07 H 1 Hauser 13,75 18,10 2,87 16,47 12,80 3,04 18,48 10,30 3,21 19,35 9,50 3,07 ISV F1 Toppani 14,25 17,60 2,86 14,37 12,95 2,95 17,70 9,40 3,11 18,28 7,25 3,15 Tabella 7. Fertilità delle gemme nel triennio Cloni ISV F1 Toppani Gemme per ceppo Fertilità reale 1-3 gemme Ferilità potenziale 1-3 gemme ,86 1,5 1,06 1,85 1,59 1, SMA ,57 1,52 0,86 1,65 1,63 1,03 vcr ,82 1,54 1,09 1,65 1,67 1,23 INRA ,54 1,01 0,82 1,62 1,14 0,97 FR ,44 1,28 1,02 1,46 1,59 1,1 Hauser ,42 1:06 0,87 1,41 1,21 1, SMA ,76 1,82 1,06 1,86 1,75 1,33 ENTAV ,76 1,61 0,88 1,86 1,76 1,05 R ,85 1,46 0,96 1,87 1,53 1,06 Grafico 1. Produzione media pianta 219

15 Terre d Arcole Grafico 2. Peso medio grappolo Grafico 3. Peso medio acino- Media del triennio Le microvinificazioni delle tre annate relative al progetto di valutazione clonale sono state effettuate presso il Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura dalla Provincia di Verona. Alla maturazione delle uve si è provveduto alla vendemmia; l uva raccolta in cassette di plastica forate da 15 Kg è stata trasportata durante la giornata presso la Cantina del Centro Sperimentale e posta in cella frigorifera a + 4 C. 220 Il quantitativo di uva conferito per ogni singola tesi è stato di circa 300 kg e ciò ha permesso di attuare un protocollo di vinificazione standard. Nella giornata successiva si è proceduto alla pigia-diraspaturatura e alla successiva pressatura delle uve refrigerate, effettuata con l ausilio di una pressa a polmone il cui ciclo, della durata di trenta minuti, prevedeva il raggiungimento di una pressione massima di 1,8 bar. La resa in mosto è oscillata tra il 68 e il 73% a seconda delle tesi. Si è prelevato un campione di mosto per il controllo analitico del contenuto in zuccheri (Grafico 4), in e acidità titolabile (Grafico 5).

16 Grafico 4. Zuccheri accumulati alla vendemmia espressi in Brix Terre d Arcole Grafico 5. Acidità totale alla vendemmia espressi grammi litro in acido tartarico Il mosto addizionato con 50 mg/litro di SO2 e di 3 gr/hl di enzimi pectolitici è stato posto in camera climatica a + 5 C per consentirne l illimpidimento. Dopo 24 ore si è proceduto alla sfecciatura e, una volta riscaldato, a 16 C è stato inoculato con lieviti selezionati. Si è utilizzato in tutte le annate lo stesso ceppo commerciale di tipo neutro. Dopo due giorni i mosti in fermentazione sono stati arricchiti in azoto utilizzando un prodotto commerciale a base di sali di ammonio. Solamente nel 2003, a causa dell anomalo andamento climatico, si è provveduto ad una correzione dell acidità dei mosti addizionando a tutti 2 gr/l di acido tartarico. La temperatura è stata mantenuta per tutta la durata della fermentazione a 18 C con un range di +/- 2 C. Si sono seguite le cinetiche di fermentazione sulle singole prove al fine di monitorare l andamento delle stesse, in tutte le tre annate oggetto di prova le fermentazioni hanno avuto un andamento regolare. A fine fermentazione alcolica si è provveduto alla sfecciatura ed al vino, posto in serbatoi in acciaio inox colmi, è stata addizionata una dose di 25 mg/l di SO2. Dopo 48 ore si è provveduto al travaso ed il vino è stato posto a una temperatura di 12 C. Sono seguiti nel tempo due travasi e nel mese di dicembre, con aggiunta di anidride solforosa nella dose necessaria a mantenere 20 mg/l di solforosa libera. I vini sono stati stabilizzati a freddo. Prima di procedere all imbottigliamento dei campioni si è corretta la presenza di anidride solforosa tale da portare la SO2 libera a 30 mg/l. Si è poi proceduto alla filtrazione con filtro a cartuccia e imbottigliati in bottiglie da 0,75 ml a chiusura con tappo a corona e conservati in locale climatizzato a C. Sui vini successivamente si sono eseguite le analisi chimiche dei parametri principali (Tab. 8, 9 e 10) e sensoriali. 221

17 Terre d Arcole Tabella 8. Analisi vini 2002 PINOT Alcool %V/V E. tot. Zuccheri riduttori E. s.n. Acidità totale Acidità volatile Ac. Malico Ac. Lattico Leucoantociani mg/l Polifenoli totali mg/l VCR 5 11,31 21,56 2,00 20,56 3,12 6,75 0,10 2,35 0, SMA ,35 20,90 1,80 20,10 3,14 6,80 0,11 2,20 0, Catechine mg/l Hauser 1 11,38 22,10 1,67 21,44 3,16 6,60 0,21 2,12 0, FR ,55 22,96 1,97 21,99 3,16 6,85 0,08 2,45 0, SMA ,63 22,20 1,75 21,45 3,18 6,55 0,11 2,17 0, R 6 11,67 22,60 2,25 21,35 3,16 6,95 0,13 2,30 0, ENTAV ,70 21,34 1,89 20,45 3,14 6,70 0,14 2,20 0, INRA 52 12,06 22,70 1,85 21,85 3,20 6,20 0,16 2,40 0, ISV F1 Toppani 12,34 22,45 1,54 21,91 3,15 6,65 0,09 2,35 0, Tabella 9. Analisi vini 2003 PINOT Alcool %V/V E. tot. Zuccheri riduttori E. s.n. Acidità totale Acidità volatile Ac. Malico Ac. Lattico Leucoantociani mg/l Polifenoli totali mg/l Hauser 1 10,90 22,35 1,90 21,45 3,12 6,25 0,14 1,32 0, FR ,03 23,05 2,35 21,70 3,20 5,70 0,15 1,22 0, Catechine mg/l ISV F1 Toppani 11,58 22,65 2,00 21,65 3,11 6,10 0,13 1,22 0, SMA ,74 21,65 1,85 20,80 3,17 6,10 0,12 1,17 0, INRA 52 11,78 20,56 2,15 19,41 3,18 5,75 0,16 1,36 0, VCR 5 11,85 21,90 2,80 20,10 3,14 6,00 0,15 1,08 0, R 6 11,98 22,70 1,90 21,80 3,09 6,40 0,18 1,22 0, SMA ,00 21,60 2,20 20,40 3,12 6,25 0,16 1,26 0, ENTAV ,12 22,90 1,60 22,30 3,14 5,90 0,16 1,21 0, Tabella 10. Analisi vini 2004 PINOT Alcool %V/V E. tot. Zuccheri riduttori E. s.n. Acidità totale Acidità volatile Ac. Malico Ac. Lattico Leucoantociani mg/l Polifenoli totali mg/l Hauser 1 10,75 21,72 1,53 21,19 3,29 7,15 0,08 2,66 0, FR ,87 21,68 1,84 20,84 3,31 7,37 0,04 2,81 0, Catechine mg/l ISV F1 Toppani 10,94 21,33 1,67 20,66 3,33 7,09 0,02 2,51 0, SMA ,21 22,96 1,70 22,26 3,30 7,09 0,15 2,23 0, INRA 52 11,25 20,73 1,55 20,18 3,24 7,48 0,11 2,17 0, VCR 5 11,26 21,84 1,70 21,14 3,32 7,13 0,07 2,37 0, R 6 11,38 23,04 1,73 22,31 3,31 7,25 0,14 2,40 0, SMA ,48 23,50 1,86 22,64 3,31 7,24 0,08 2,44 0, ENTAV ,72 23,03 1,73 22,30 3,36 6,98 0,07 2,38 0,

18

19 Le analisi chimiche dei vini sono state fatte in parte presso il laboratorio del Centro Sperimentale della Provincia e in parte presso il laboratorio enologico Enocentro di Vassanelli C. & C. S.r.l. di Bussolengo (VR), mentre le analisi sensoriali sono state eseguite presso la Cantina Sociale di San Bonifacio. Il panel per le analisi sensoriali è stato costituito da tecnici che hanno provveduto preventivamente all individuazione dei descrittori e alla formazione della scheda di tipo astrutturato utilizzata nei tre anni d indagine. In seguito si è proceduto all elaborazione dei dati raccolti (Grafici 6-14). Grafico 6. Analisi Sensoriale Hauser 1 Legenda Grafico 7. Analisi sensoriale R 6 Grafico 8. ISV F1 TOPPANI Grafico 9. SMA 514

20 Grafico 10. VCR 5 Grafico 11. INRA 52 Grafico 12. FR Grafico 13. SMA 505 Grafico 14. ENTAV 457

21 Terre d Arcole Le caratteristiche delle uve e dei vini prodotti in queste tre annate sono state diverse tra di loro a causa di andamenti stagionali eterogenei. L uva prodotta nel corso della vendemmia 2002 si presentava con uno stato sanitario non sempre ottimale a causa delle piogge, con gradi zuccherini non sempre elevati e buone acidità; alla degustazione le uve spesso presentavano una scarsa maturità della polpa e della buccia e dei vinaccioli. Nel complesso i vini risultano caratterizzati da una buona nota acidica e da una buona dotazione aromatica. La vendemmia 2003 si presentava ottima da un punto di vista sanitario, con gradi zuccherini medio-buoni e bassa acidità, soprattutto a carico dell acido malico, a causa dell andamento stagionale con temperature elevate che hanno comportato una vendemmia anticipata. Alla degustazione le uve spesso presentavano una buona maturità della polpa e della buccia, mentre scarsa risultava quella dei vinaccioli. Nel complesso i vini sono risultati equilibrati ma instabili con forte tendenza all ossidazione, con note aromatiche fruttate e meno floreali. La vendemmia 2004 si presentava buona da un punto di vista sanitario, con buona presenza di zuccheri e acidità. Alla degustazione le uve spesso presentavano una maturità della polpa, della buccia e dei vinaccioli non sempre ottimali. Nel complesso i vini confermavano le variabilità riscontrate negli anni precedenti, con sentori tipici di fruttato e floreale bene equilibrati. 226 Conclusioni Clone FR La prova di confronto clonale ha dimostrato la possibilità di coltivare con successo il Pinot grigio anche in zone di pianura storicamente considerate meno vocate. Sono stati eseguiti i rilievi produttivi anche durante le annate 2007 e 2008 (dati non riportati) che hanno confermato il comportamento dei cloni rilevati nelle annate precedenti. Fondamentale risulta la scelta della tecnica colturale adottata con particolare riguardo ai cloni da utilizzare, ma anche di tutte quelle pratiche agronomiche che consentono di ottimizzare il rapporto vegeto-produttivo. La sensibilità alle crittogame di questa varietà in un vigneto ben gestito non sembra poter costituire un limite alla coltivazione anche nei territori di pianura, facendo attenzione a prediligere i cloni che sono risultati meno sensibili. Tra i cloni studiati in questa sperimentazione, quelli che hanno dato i migliori risultati in queste condizioni colturali sono: i cloni R 6 e SMA 514, per le capacità produttive grazie ad un peso medio del grappolo superiore alla media ma, che presentando una maggiore compattezza del grappolo, in alcune annate possono andar incontro a maggiori problematiche di marciumi; i cloni VCR 5 e SMA 505, meno produttivi (ma che comunque consentono di arrivare alla produzione prevista dal disciplinare) ma che grazie a una minor compattezza risultano meno sensibile ai marciumi; il clone INRA 52 le cui caratteristiche produttive e di compattezza del grappolo risultano intermedie tra i precedenti due gruppi, che ha dimostrato in questi anni un profilo aromatico dei vini più intenso. Gli altri cloni oggetto di sperimentazione ENTAV 457, ISV F1 Toppani, FR , Hauser 1, non sono risultati particolarmente performanti in ambienti di pianura, soprattutto quest ultimo è risultato troppo sensibile alla Botrite, con conseguente scadimento anche delle caratteristiche sensoriali del vino.

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO.

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. La linea Bollicine Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. Una linea composta da sei Bottiglie dal packaging elegante e piacevole che ne esalta appieno lo stile. Prosecchi a denominazione

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» Approvato con DPR 04.08.1971 G.U. 221 02.09.1971 Modificato con DPR 07.07.1979 G.U. 324 28.11.1979 Modificato con DPR

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Fertirrigazione del Pinot grigio: più qualità e più guadagno

Fertirrigazione del Pinot grigio: più qualità e più guadagno PROVE DI NUTRIZIONE DELLA VITE NELLA ZONA DOC FRIULI ISONZO VITICOLTURA Fertirrigazione del Pinot grigio: più qualità e più guadagno Dal confronto tra concimazione tradizionale e fertirrigazione della

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO"

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA SAN COLOMBANO AL LAMBRO O SAN COLOMBANO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO" Approvato con DPR 18.07.1984 G.U. 334-05.12.1984 Modificato con DM 13.11.2002 G.U.

Dettagli

SCELTA DELLA VARIETA

SCELTA DELLA VARIETA 6. Scelte genetiche: le varietà e i portinnesti 6.1. Le varietà SCELTA DELLA VARIETA La scelta della varietà è in funzione di: tipo di terreno clima obiettivo produttivo o enologico sensibilità alle malattie

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2014 (9-01-2014) PROGETTO VITE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore intermini di qualità

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

Scelta del clone. Legenda

Scelta del clone. Legenda Scelta del clone Di seguito alleghiamo un attenta sintesi delle informazioni presenti in letteratura sui cloni da noi prodotti con una grafica che permette un immediata consultazione e confronto. Sono

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 Allegato 1 Bacini viticoli omogenei veneti Elenco n descrizione 1 della pianura veneziana del Veneto orientale 2 della pianura

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014

DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014 DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014 Art. 1. Denominazione e vini 1. La denominazione d'origine controllata e garantita «Conegliano Valdobbiadene - Prosecco», o «Conegliano - Prosecco»

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Art. 1 Denominazione La Denominazione d'origine Protetta D.O.P. "CARTOCETO", è riservata al'olio Extravergine d'oliva rispondente alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Roberto Pinton Segretario della Sezione Soci Produttori e Trasformatori FederBio La genesi del regolamento è stata abbastanza sofferta.

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA TITOLO TESI

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA TITOLO TESI UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Sede Amministrativa: Università degli Studi di Padova Dipartimento di Biotecnologie Agrarie DOTTORATO DI RICERCA IN: Viticoltura, Enologia e Marketing delle Imprese vitivinicole

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OLTREPÒ PAVESE PINOT GRIGIO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OLTREPÒ PAVESE PINOT GRIGIO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OLTREPÒ PAVESE PINOT GRIGIO Approvata come tipologia della DOC Oltrepò Pavese con DPR 06.08.70 G.U.27.10.70 Approvato DOC con

Dettagli

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111B Informazione e diffusione della conoscenza GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici Piero Attilio Bianco DI.S.A.A - C.I.R.I.V.E. CENTRO INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Affidabilità senza condizioni

Affidabilità senza condizioni NOVITÀ Affidabilità senza condizioni Pergado: fungicida antiperonosporico per la vite Mandipropamid, una molecola dalle caratteristiche innovative Mandipropamid, molecola originale della ricerca Syngenta,

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

N. piante presenti. Accessioni valutate. Vivaista incaricato della moltiplicazione:

N. piante presenti. Accessioni valutate. Vivaista incaricato della moltiplicazione: VITE Famiglia: Vitaceae Genere: Vitis Specie: Vitis vinifera L. Nome comune: UVA TOSCA Codice iscrizione Registro nazionale: 249 Sinonimi accertati: Tosca, Tosco. Sinonimie errate: Denominazioni dialettali

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Disciplinare di Produzione della Denominazione di Origine Protetta MELA VAL DI NON. Art. 1 Nome del prodotto. Art. 2 Descrizione del prodotto

Disciplinare di Produzione della Denominazione di Origine Protetta MELA VAL DI NON. Art. 1 Nome del prodotto. Art. 2 Descrizione del prodotto Disciplinare di Produzione della Denominazione di Origine Protetta MELA VAL DI NON Art. 1 Nome del prodotto La Denominazione di Origine Protetta mela Val di Non è riservata alle mele che rispondono alle

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

Medaglia d Oro Blanc de Sers Vigneti delle Dolomiti 2010 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013

Medaglia d Oro Blanc de Sers Vigneti delle Dolomiti 2010 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013 Medaglia d Oro Blanc de Sers Vigneti delle Dolomiti 2010 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013 Medaglia d Oro Rosso Donna Marina Vigneti delle Dolomiti 2007 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013 Medaglia d Argento

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Regolamento di certificazione di prodotti vitivinicoli DOP e IGP e dei vini varietali

Regolamento di certificazione di prodotti vitivinicoli DOP e IGP e dei vini varietali Regolamento di certificazione di prodotti Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 20 11 2009 Prima emissione 01 18 02 2010 Integrazione 6.5.2 per comunicazione resa uva/vino minore al massimo consentito

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina

frutto rosso Asia minore, frutto nero America del nord, mora giapponese Cina PICCOLI FRUTTI Piccoli frutti è di derivazione inglese small fruits, che sta a indicare non tanto la minore importanza di queste coltivazioni, quanto semplicemente la piccola pezzatura dei frutti stessi.

Dettagli

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Floating system per la produzione di mazzetti e il tappettino subirrigante per le piantine. Due innovazioni adottate dall azienda Ricci

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino Dall Uva al Vino In questa attività didattica abbiamo dimostrato come in un ambiente scolastico cittadino si può sviluppare nei giovani la cultura del territorio, della vite, dell uva e del vino. In questa

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

Cosa fa lo zolfo nel vino?

Cosa fa lo zolfo nel vino? Cosa fa lo zolfo nel vino? di Volker Schneider Il 99,5% dei viticoltori afferma che senza SO2 non si possa torchiare un vino bevibile. Ma cosa fanno questi famigerati solfiti effettivamente nel vino? Sono

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

Quando è sera, ma anche nella luce del mezzogiorno o in quella umida di novembre, mi fermo a guardare le vigne e so che i miei occhi non potranno mai

Quando è sera, ma anche nella luce del mezzogiorno o in quella umida di novembre, mi fermo a guardare le vigne e so che i miei occhi non potranno mai Generazioni si sono succedute su questa terra, ognuna ne ha preso cura col suo carico d amore e di rispetto, consegnandola alle seguenti certa che fosse in buone mani. La terra, le vigne e il vino è il

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Università degli Studi di Scienze Gastronomiche,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli