1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA"

Transcript

1 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo interno? La risposta è la comparsa di cariche in moto, vale a dire di una corrente. La nascita della corrente elettrica è dovuta all ideazione da parte di Alessandro Volta ( della pila (1800). Il concetto di corrente rende possibile studiare in maniera quantitativa il fenomeno del magnetismo. Lo scopo di questo capitolo sarà solo quello di introdurre alcuni concetti legati alla corrente elettrica, mentre il legame tra correnti e magnetismo sarà mostrato in seguito. La corrente elettrica è definita come la quantità di carica che nell unità di tempo attraversa una sezione δa qualunque del conduttore: I = dq (1) dt Purtroppo tale definizione non si collega direttamente al moto microscopico delle cariche elettriche ovvero ai portatori di cariche. E necessario pertanto, rifarsi ad un modello microscopico sul moto delle cariche. 2 Densità di carica e di corrente Sia dq la carica contenuta in un volume d 3 r. La densità di carica, indicata con ρ, è definita dalla seguente relazione: dq = ρd 3 r (2) Nel caso di una corrente le cariche sono in moto. I portatori possono essere sia positivi che negativi. In ogni caso, supporremo che ciascun portatore abbia una sola carica fondamentale. Pertanto, se si indica con n la densità numerica (numero di particelle per unità di volume) di portatori, potremo scrivere: ρ = nq (3) dove q è la carica fondamentale, che ciascun portatore ha con sé. Possiamo procedere con un modello microscopico. In condizioni di equilibrio elettrostatico, il campo elettrico in un conduttore è nullo. Se tuttavia, ai suoi estremi si genera una differenza di potenziale, al suo interno si crea un campo elettrico diverso da zero. Tale campo produce una forza elettrica che mette in moto le cariche elettriche mobili del conduttore. Limiteremo il nostro studio alle correnti che non variano nel tempo (correnti stazionarie). Si consideri un conduttore filiforme di sezione costante δa. Setuttelecariche inmotohannolastessavelocitàv (questa velocità comune è detta velocità di deriva), dopo un tempo t il numero di cariche contenute nel suddetto volumetto di base δa ed altezza v t sarà: N = nvδa t (4) 1

2 Se moltiplichiamo per la carica fondamentale ciascun membro della (4) avremo la quantità di carica presente nello stesso volumetto: Q = ρvδa t (5) Dividiamo per l intervallo temporale Q t = ρvδa t t e passando al limite per t 0, Q lim t 0 t = ρvδa troviamo proprio la corrente che fluisce nel conduttore, cioé I = ρvδa Se introduciamo il seguente vettore, detto densità di corrente: (6a) potremo scrivere j = ρv (7) I = jδa (6b) Al secondo membro abbiamo il modulo di un vettore per una superficie, cioè un tipico flusso di un vettore attraverso una superficie. Se la densità e la velocità cambiano da punto a punto, potremo scrivere: Z I = d 2 au a j (8) δa Una corrente può sempre pensarsi come il flusso di un vettore densità di corrente attraverso la superficie considerata. 2.1 Densità di corrente e portatori di carica Abbiamo detto che la corrente, in generale può essere costituita sia da portatori di carica positiva che di carica negativa. Potremo allora scrivere j = n e q e v j + = nqv (9) 2

3 Ricordiamo che, per convenzione, la carica dell elettrone è negativa. Ancora per convenzione, si è scelto come corrente positiva quella dei portatori di carica positiva, cioè j = j + = nqv (10) Nei conduttori metallici i portatori sono gli elettroni, quindi il moto reale è oppostoaquellodefinito positivo per convenzione. 3 Legge di Ohm In condizioni di equilibrio elettrostatico, il campo elettrico in un conduttore è nullo. Se tuttavia, ai suoi estremi si genera una differenza di potenziale, al suo interno si genera un campo elettrico. Questo campo produce una forza elettrica che mette in moto le cariche elettriche mobili del conduttore: si genera, così, una corrente elettrica nel conduttore. Ci limiteremo allo studio delle correnti stazionarie, cioè alle correnti che non variano nel tempo. Esperimenti condotti su una classe di conduttori, (unico oggetto della nostra attenzione) hanno mostrato che il campo elettrico generato nel conduttore, in seguito all applicazione ai suoi estremi di una differenza di potenziale, è proporzionale alla densità di corrente E =r σ j (11) dove r σ è una costante, detta resistenza specifica, che dipende solo dal materiale. La precedente equazione è detta leggelocalediohm(georg Simon Ohm, , Germania). La convenzione adottata per il verso del campo è quella che va dai punti a potenziale maggiore a quelli a potenziale minore. La legge di Ohm che abbiamo appena presentato ha il vantaggio concettuale di anteporre il concetto di campo a quello di corrente: senza la creazione del campo elettrico all interno del conduttore non vi sarebbe il moto delle cariche e quindi la corrente. Tuttavia, una seconda forma, detta forma integrale della legge di Ohm è estremamente importante, perché si presta ad una immediata 3

4 verifica sperimentale e perché contiene in maniera esplicita la corrente elettrica che nel S.I. è una unità di misura fondamentale. Si prenda un filo conduttore, di sezione costante δa e lunghezza L. La differenza di potenziale ai capi del conduttore può scriversi come V = EL Il campo è dato dalla legge di Ohm, per cui la precedente relazione diventa V = r σ jl Non rimane che esprimere la densità di corrente in funzione della corrente. Poiché siamo in regime stazionario, avremo e quindi La quantità I = jδa V = r σl δa I L R =r σ δa = 1 L (12) σ δa si chiama resistenza del conduttore e si misura in ohm (Ω). Allora, r σ si misura in Ωm elaquantitàσ, dettaconducibilità, simisureràin(ωm) 1. La legge di Ohm dice anche che la corrente che fluisce nel conduttore è proporzionale alla differenza di potenziale ai capi del conduttore: V = RI (13) Le dimensioni di R, nel S.I., sono quelle di volt su ampère, [R] = V A Notiamo che per i conduttori ohmici (così sono chiamati i materiali che "seguono" la legge do Ohm), la corrente si può anche scrivere Z I = σ E u a d 2 a (14) dove δa è la sezione trasversa del conduttore. δa 4

5 3.1 Legge di Ohm per un circuito Per generare una corrente in un conduttore occorre stabilire una differenza di potenziale ai suoi capi A e B. Questa differenza di potenziale viene generata da un apposito apparato, detto generatore di corrente continua o batteria, esterno al conduttore (si faccia riferimento alla figura seguente): In particolare, il dispositivo mostrato in figura è detto circuito elettrico. Il conduttore, in relazione alla corrente continua di cui stiamo discutendo, è caratterizzato dalla sola resistenza R, mentre il generatore sarà caratterizzato da una forza elettromotrice V fem e da una resistenza elettrica R G (resistenza interna). Il circuito elettrico sarà schematizzato come segue dove il simbolo grafico indica il generatore, mentre il simbolo 5

6 rappresenta una resistenza. Per convenzione, la corrente fluisce, all esterno del generatore dal polo positivo al polo negativo. La corrente che scorre nel circuito è determinata dalla legge di Ohm, con in serie le resistenze R ed R G : che possiamo riscrivere come: I = V fem R + R G (15) RI = V fem IR G La quantità RI è uguale, per la legge di Ohm, alla differenza di potenziale V ai capi A e B del conduttore. Quindi, la (15) si può scrivere: V = V fem IR G (16) La (16) ci dice che la differenza di potenziale ai capi A e B della resistenza è sempre inferiore alla forza elettromotrice V fem fornita dal generatore (si dice che vi è una caduta di potenziale o di tensione ai capi della resistenza). La eguaglia solo nel caso in cui il circuito sia aperto (I =0): V = V fem (17) Supponiamo ora che la resistenza R del conduttore sia praticamente nulla: In tal caso, si parla di "corto circuito" (suol dirsi che il circuito è in corto) e dalla (15) si può dedurre la corrente I cc detta, appunto, di corto circuito. Posto R =0nella (15) avremo 6

7 I cc = V fem (18) R G In definitiva, possiamo dire che la corrente elettrica in un circuito, con solo resistenze, può assumere diversi valori in funzione della resistenza e della differenza di potenziale, in particolare, può andare da un valore nullo, quando il circuito è aperto, ad un valore massimo I cc, che si ha in corto circuito. 3.2 Esempi Esempio 1: Resistenze in serie Si abbiano due conduttori di resistenza R 1 ed R 2 in un circuito elettrico collegati come nella figura seguente Diremo che le due resistenze sono in serie. Vogliamo determinare la resistenza equivalente R eq (la resistenza fittizia che si può sostituire alle due resistenze senza cambiare le proprietà del circuito) delle due resistenze. Ai capi delle due resistenze avremo, rispettivamente, V AB = R 1 I V BC = R 2 I (E1) La differenza di potenziale tra i punti A e C sarà che per la (1) diventa: V AC = V AB + V BC (E2) V AC = R 1 I + R 2 I =(R 1 + R 2 ) I Possiamo concludere che la resistenza equivalente è R eq = R 1 + R 2 (E3) Esempio 2: Resistenze in parallelo. Si abbiano due conduttori di resistenza R 1 ed R 2 in un circuito elettrico collegati come in figura 7

8 Diremo che le due resistenze sono in parallelo. Vogliamo determinare la resistenza equivalente R eq (la resistenza fittizia che si può sostituire alle due resistenze senza cambiare le proprietà del circuito) delle due resistenze. Per la legge di Ohm, le correnti nelle due resistenze saranno La corrente totale sarà da cui I 1 = V AB R 1 I = I 1 + I 2 = V AB R = V AB I 2 = V AB R 2 µ 1 R R 2 (E4) ovvero 1 R eq = 1 R R 2 (E5) R eq = R 1R 2 (E6) R 1 + R 2 che rappresenta la resistenza equivalente nel caso di due resistenze collegate in parallelo. Dai due esempi appena sviluppati è possibile estrapolare alcune considerazioni. Per N resistori (così si chiamano i conduttori caratterizzati da una "resistenza") collegati in "serie", la resistenza equivalente è uguale alla somma dellesingoleresistenza NX R eq = (E7) R i i=1 Da ciò emerge che la resistenza equivalente di un insieme di resistenze collegate in serie è maggiore di ogni resistenza che fa parte della serie. Per N resistori collegati in "parallelo", invece, la resistenza equivalente è pari a 1 R eq = P N i=1 R (E8) i 8

9 da cui si evince che la resistenza equivalente, nel collegamento in parallelo, è sempre minore della resistenza più piccola. Non si può non notare l analogia con il collegamento di condensatori e la corrispondenza "incrociata": il collegamento in parallelo dei condensatori è analogo (formalmente) al collegamento in serie delle resistenze (e viceversa) 3.3 Effetto joule Le cariche in moto nei conduttori subiscono continuamente degli urti. Questi urti sono paragonabili a forze di attrito che rallentano le particelle cariche. La presenza di questo attrito porterà alla dissipazione di parte della loro energia che poi apparirà sotto forma di riscaldamento del conduttore (effetto Joule). Vogliamo determinare l energia dissipata nell unità di tempo. Il lavoro fatto dal campo elettrico per spostare una carica infinitesima dq tra due punti del conduttore, tra i quali vi sia una differenza di potenziale V è dl = dq V Poichè la velocità iniziale e finale della carica sono identiche, ciò implica che tutto il lavoro del campo verrà dissipato (la forza dissipativa compie un lavoro pari e di segno opposto a quello del campo). Il calore dissipato per unità di tempo sarà dl dt = dq V = I V dt Usando la legge di Ohm in forma integrale V = RI, arriviamo alla seguente espressione dell energia dissipata per unità di tempo nel conduttore: dl dt = RI2 (19) che esprime, in forma quantitativa, l effetto Joule (e rappresenta l energia dissipata per unità di tempo attraverso gli urti degli elettroni di conduzione del metallo contro gli altri elettroni del metallo e le varie imperfezioni). 3.4 La forza elettromotrice e il campo elettrico non conservativo Abbiamo visto che per produrre una corrente occorre una sorgente di energia (la batteria) che spinga gli elettroni in movimento nel conduttore. Il moto degli elettroni viene impedito dalla resistenza del circuito che si manifesta con il fenomeno della dissipazione di energia in calore. Vogliamo mostrare che l energia che viene dissipata trae origine da un campo elettrico non conservativo. Consideriamo un filo di rame di lunghezza L esezionea chiuso. Se non si inserisce una batteria non avremo corrente, come sappiamo. Questo risultato può 9

10 essere visto in altro modo. Se il campo elettrico esistesse dentro il conduttore esso sarebbe di tipo ohmico E = j σ = j Ra L = I R L Calcoliamo la circuitazione di questo campo I E dl = I R I dl = RI L Se il campo è conservativo I E dl =0 e di conseguenza RI =0 I =0 La corrente elettrica non può originarsi da un campo conservativo. Allora il campo elettrico totale in un conduttore, quando vi è corrente, deve contenere anche un campo elettrico non conservativo e questo deve originarsi dalla batteria. Pertanto, in presenza di una corrente il campo elettrico totale deve essere la somma di due parti, E tot = E fem +E c dove E fem è la parte non conservativa del campo elettrico, mentre E c èlaparte conservativa. Allora I (E fem +E c ) dl = I R I dl = RI L Poiché, I E c dl =0 avremo I E fem dl = RI La quantità I V fem = E fem dl è la forza elettromotrice della batteria. 4 La densità di energia elettrostatica Abbiamo parlato di energia dissipata in un circuito percorso da corrente. Il problema dell energia elettrostatica, cioè dell energia associata a cariche ferme, è stato discusso, nei complementi del precedente capitolo. In questa sezione vogliamo ridimostrare, usando un esempio molto semplice, che è possibile pensare che l energia elettrostatica sia distribuita con continuità nello spazio dove 10

11 è presente il campo elettrico. In altre parole, è possibile introdurre nello spazio dove è presente il campo elettrostatico una densità di energia. In questo modo, la realtà del campo assumerà un valore ancora maggiore. Partiamo dall energia immagazzinata in un condensatore piano. Che ci sia energia immagazzinata lo si comprende dal fatto che accumulare cariche positive enegativesuduediversearmaturehauncostoenergeticochevienefornitodalla batteria (vedi carica e scarica di un condensotore). Man mano che si accumulano i due diversi tipi di carica sulle armature, si genera una differenza di potenziale tra le due armature che dipende dalla carica istantanea che vi è presente V (t)) = Q (t) (1) C Se ipotizziamo che inizialmente non vi sia alcuna energia accumulata nel condensatore possiamo calcolare il lavoro fatto dalla batteria (dal campo elettrico) per accumulare sulle armature una carica Q f,comesegue: Z Qf Z Qf Q (t) L (i f) = V (t) dq = 0 0 C dq = Q2 f (2) 2C Come possiamo notare, il lavoro dipende solo dalla stato iniziale e finale, perché il campo elettrostatico è conservativo. Poiché inizialmente non vi era energia nel condensatore possiamo affermare che l energia elettrostatica accumulata nel condensatore è U = Q2 (3) 2C dove Q è la carica presente su un armatura. Possiamo anche scrivere U = 1 2 QV = 1 2 CV 2 (4) dove V è la differenza di potenziale tra le due armature. L ultima relazione può essere utilizzata per derivare l espressione dell energia elettrostatica in termini del campo elettrico. Sappiamo che per cui possiamo scrivere C = aε 0 d V = Ed U = 1 2 CV 2 = 1 aε 0 2 d (Ed)2 = 1 2 ε 0E 2 (ad) (5) Poiché ad è lo spazio compreso tra le due armature ed è solo in questo spazio che il campo elettrico è diverso da zero, la quantità ρ E = 1 2 ε 0E 2 (6) può essere considerata come una densità di energia elettrostatica (energia per unità di volume). Questo risultato è generale e noi assumeremo che, in ogni caso, 11

12 l energia elettrostatica si può sempre esprimere come un integrale di volume su tutto lo spazio dove il campo è diverso da zero: Z U E = d 3 r 1 2 ε 0E 2 (r) (7) 5 Complementi: cenni sulle leggi di Kirchhoff Nei circuiti più complessi, la legge di conservazione della carica e dell energia e la legge di Ohm generalizzata portano a due leggi, dette di Kirchhoff (Gustav Kirchhoff, fisico tedesco ; le sue leggi sono del 1847). Per comprendere tali leggi dobbiamo analizzare gli elementi costitutivi di un generico circuito. In un qualunque circuito si possono distinguere due elementi caratteristici di base: i nodi e le maglie. Consideriamo il seguente circuito: Un nodo è un punto del circuito in cui convergono più di due conduttori (sono nodi i punti A e B della Figura) Una maglia è un circuito chiuso che non contiene nodi e che, scelto un verso di percorrenza, può essere percorso senza mai passare più di una volta in un conduttore. Possibili maglie relative al precedente circuito sono: Possiamo ora enunciare le due leggi di Kirchhoff. Prima legge: La somma algebrica dei valori delle correnti, in ogni nodo, deve essere uguale a zero; o anche, la somma delle correnti entranti in un nodo deve essere uguale alla somma delle correnti uscenti dal nodo stesso. X (±) I k =0 (C1) k Tale legge è una conseguenza della conservazione della carica nel caso di correnti stazionarie. La (C1) può essere soddisfatta solo se non si accumulano o si perdono, cariche nel nodo. Questo vuol dire, che la quantità di corrente che arriva deve essere pari alla quantità di corrente che lascia il nodo. Si suole 12

13 indicare con il segno positivo le correnti che lasciano il nodo e col segno negativo quelle che vi arrivano. Seconda legge: In ogni maglia, La somma dei prodotti dei valori algebrici delle correnti per le resistenze deve essere uguale alla somma algebrica dei valori delle f.e.m. presenti nella maglia considerata. X (±) R k I k = X (±) V femn (C2) k n Vogliamo tentare di spiegare la (C2) ed il suo utilizzo. Innanzitutto, ricordiamo che, per convenzione, il verso positivo della corrente èquelloincuifluiscono le cariche positive. Questo vuol dire che nei conduttori in esame il verso positivo è opposto a quello in cui realmente si muovono i portatori della corrente, gli elettroni. Inoltre, poiché è la batteria che fornisce l energia alle cariche (è la batteria che spinge le cariche nel circuito), il verso positivo per la forza elettromotrice sarà (all interno della batteria) quello che va dal polo negativo al polo positivo. Nei precedenti grafici, nella prima maglia a sinistra sono entrambi positivi, negli altri due grafici sono entrambi negativi. Quando la corrente attraversa la resistenza vi è una caduta di potenziale (le cariche perdono energia). Allora, se la corrente nella resistenza circola nel verso "giusto" (che ricordiamo è fissato dalla f.e.m della batteria) sarà riportato nella seconda legge con il segno negativo (perdita di energia), con il segno positivo se la corrente circola nel verso contrario. La seconda legge è una conseguenza della conservazione dell energia e della legge di Ohm. Nei precedenti grafici le equazioni per le maglie sono: V fem1 R 2 I 2 + V el,2 =0 V fem1 + R 1 I 3 =0 V fem2 + R 2 I 2 + R 1 I 3 =0 Infine, siccome occorrono un numero di equazioni indipendenti pari almeno al numero di incognite circuitali, esiste una limitazione al numero di equazioni per i nodi e le maglie. Si può suggerire di usare le equazioni per i nodi in numero uguale al numero di nodi totali presenti nel circuito diminuito di una unità e, nel caso delle maglie, di verificare che una maglia si differenzi da un altra per la presenza di almeno un elemento circuitale. 6 Complementi: teoria microscopica elementare della conduzione Supponiamo di avere una corrente stazionaria in un conduttore (campo elettrico costante!). Ciò vuol dire che i portatori della corrente nel conduttore (gli 13

14 elettroni) si muovono con velocità costante. La situazione è palesemente diversa dal moto delle cariche nel vuoto. Se avessimo un campo costante nel vuoto, il moto dell elettrone sarebbe determinato da M e dv dt = q ee (C3) dove q e = e; quindi il moto dell elettrone nel vuoto risulterebbe accelerato. Poiché l elettrone nel mezzo si muove invece con velocità costante, dobbiamo concludere che la presenza del mezzo fa apparire una seconda forza che annulla quella del campo. Il modo più semplice di immaginare tale forza è in termini di una forza di attrito, proporzionale alla velocità. Possiamo allora scrivere, per il moto di una carica in un conduttore, la seguente equazione del moto: M e dv dt = q ee kv (C4) dove k è una costante le cui dimensioni sono quelle di una massa divisa per un tempo. La soluzione di tale equazione, nel caso in cui al tempo t =0la particella carica sia ferma, è: v (t) = q µ e k E 1 exp t (C5) t r dove abbiamo introdotto il tempo di rilassamento: t r M e k (C6) Dopo un tempo pari al tempo di rilassamento, la velocità dell elettrone diventa praticamente costante (velocità di deriva) ed è pari a: v D = q e k E (C7) Possiamo far apparire il tempo di rilassamento nell espressione della velocità di deriva: v D = q e M e t r E (C8) La velocità di deriva per unità di campo elettrico definisce la mobilità della carica: v D E = q e m e t r (C9) Se abbiamo n e cariche per unità di volume, la densità di corrente sarà: 14

15 j = n e q e v D = n eq 2 et r m e E (C10) Notiamo che v D = j n e q e (C11) Se si prende un valore di j =10 6 A/m 2 si trova che v D = 7, m s dove abbiamo usato n e =8, el/m 3 (rame) e q e =1, C. Poiché la velocità media degli elettroni di conduzione nei metalli è dell ordine di 10 6 m/s, possiamo concludere che l alta conducibilità elettrica dei metalli è dovuta all alta concentrazione degli elettroni di conduzione piuttosto che alla velocità con cui essi si muovono attraverso il metallo. Inoltre, se si usa la legge di Ohm, la mobilità si può esprimere v D E = 1 n e q e σ (C12) Da una teoria microscopica si può risalire ad un espressione per la conducibilità elettrica. 7 Complementi: carica di un condensatore Supponiamo di avere un condensatore piano scarico e di collegarlo in serie ad una resistenza R, in un circuito ove è presente una batteria con una certa V fem e una resistenza interna R g. Al tempo t =0(iniziale) facciamo la connessione (cioè chiudiamo il circuito) e una certa corrente incomincia a fluire nel circuito, mentre il condensatore si carica. L aumento di carica sulle armature continuerà fino a che la quantità di carica accumulata non sarà tale da ostacolare l arrivo di una qualunque altra 15

16 carica sulle armature (il segno della differenza di potenziale ai capi del condensatore è sempre opposto a quello della batteria). Cerchiamo di descrivere quantitativamente tale fenomeno. Abbiamo visto che in assenza del condensatore l equazione del circuito era (R + R G ) I = V fem Poiché il condensatore è in serie con la resistenza, l equazione per il circuito diventa V C +(R + R G ) I = V fem (C13) dove V C èladifferenza di potenziale ai capi del condensatore, vale a dire Allora, la (C13) diventa V C (t) =Q(t)/C (C14) dove abbiamo posto Q (t) C + R ti (t) =V fem (C15) Differenziamo la (C15): R t = R + R G (C16) 0= 1 dq (t) di + R t C dt dt La corrente che circola è pari alla variazione temporale della carica sul condensatore, cioé I = dq/dt, quindi ovvero 0= 1 C I + R di t dt di I = dt R t C che può essere facilmente risolta. Si trova I (t) =I 0 e t/τ (C17) dove I 0 = V fem /R t, è il valore della corrente all istante iniziale e τ =1/R t C. Per ottenere la legge di carica, basta integrare la (C17): quindi dq dt = I 0e t/τ 16

17 Z t Q (t) =I 0 dt 0 e t0 /τ Ritornando all espressione della carica troviamo: Q (t) = I 0 ³1 e t/τ = Q M ³1 e t/τ τ dove abbiamo posto 0 (C18) (C19) Q M = CV fem (C20) In particolare, Q M rappresenta la carica massima che si può depositare su un armatura. Per t À τ, siha Q (t) Q M (C21) 8 Complementi: scarica di un condensatore Supponiamo di avere un condensatore piano di capacità C, con una certa carica iniziale Q 0. Cortocircuitiamo la batteria (cioé eliminiamola e chiudiamo il circuito) ed esaminiamo quello che accade nel circuito diventato Indichiamo con Q (t),i(t), V (t) i valori istantanei rispettivamenbte della carica dell armatura positiva, della corrente che circola (la corrente è positiva quando fluisce dall armatura positiva a quella negativa) e della differenza di potenziale tra le armature del condensatore. Il condensatore, in questo caso, funziona come un generatore: le cariche vengono spinte attraverso il circuito. La differenza di potenziale ai capi della resistenza è quella fornita dal condensatore V C (t) =Q (t) /C per cui la legge di Ohm V C (t) =RI diventa Q (t) C = RI La corrente elettrica che fluisce nel conduttore è uguale alla diminuzione di carica subita dal condensatore, cioè I = dq/dt. La precedente equazione diventa 17

18 ovvero, la cui soluzione è dove dq dt + Q RC =0 dq Q = dt RC Q (t) =Q 0 e t τ (C22) (C23) τ = RC (C24) è il tempo durante il quale il valore iniziale della carica del condensatore si riduce del fattore 1/e. Derivando, rispetto al tempo, la carica, otteniamo il valore corrente nel circuito, ad ogni istante: I (t) = Q 0 RC e t/τ = I 0 e t/τ (C25) dove I 0 è il valore istantaneo della corrente al tempo t =0. Notiamo che, durante la scarica, sia la carica che la corrente diminuiscono con la stessa legge esponenziale: Q (t) = e t/τ I (t) = e t/τ Q 0 I 0 18

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Nei metalli si possono avere elettroni che si muovono anche velocemente fra un estremo e l altro del metallo, ma la risultante istante

Dettagli

Conduzione e Corrente Elettrica

Conduzione e Corrente Elettrica Conduzione e Corrente Elettrica I conduttori (metallici) sono solidi costituiti da atomi disposti in maniera ordinata nello spazio, che hanno perso uno o più elettroni (negativi) che sono liberi dimuoversinello

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

Corrente elettrica stazionaria

Corrente elettrica stazionaria Corrente elettrica stazionaria Negli atomi di un metallo gli elettroni periferici non si legano ai singoli atomi, ma sono liberi di muoversi nel reticolo formato dagli ioni positivi e sono detti elettroni

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua

approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua Corrente elettrica e forza elettromotrice La conduzione nei metalli: Resistenza e legge di Ohm Energia e potenza nei circuiti elettrici

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V 2 isolati tra loro V 2 > V 1 V 2

CORRENTE ELETTRICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V 2 isolati tra loro V 2 > V 1 V 2 COENTE ELETTICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V isolati tra loro V > V 1 V V 1 Li colleghiamo mediante un conduttore Fase transitoria: sotto

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTRODINAMICA + Correnti + Campi Magnetici + Induzione e Induttanza + Equazioni di Maxwell

Dettagli

Corrente Elettrica. dq dt

Corrente Elettrica. dq dt Corrente Elettrica Finora abbiamo considerato le cariche elettriche fisse: Elettrostatica Consideriamole adesso in movimento! La carica in moto forma una corrente elettrica. L intensità di corrente è uguale

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Lampadina Ferro da stiro Altoparlante Moto di cariche elettrice Nei metalli i portatori di carica sono gli elettroni Agitazione termica - moto caotico velocità media 10 5 m/s Non costituiscono una corrente

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. φ 1

CORRENTE ELETTRICA. φ 1 COENTE ELETTCA lim t Q/ tdq/dt ntensità di corrente φ φ > φ φ La definizione implica la scelta di un verso positivo della corrente. Per convenzione, il verso positivo della corrente è parallelo al moto

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

Carica positiva e carica negativa

Carica positiva e carica negativa Elettrostatica Fin dal 600 a.c. si erano studiati alcuni effetti prodotti dallo sfregamento di una resina fossile, l ambra (dal cui nome in greco electron deriva il termine elettricità) con alcuni tipi

Dettagli

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Capitolo 10 Correnti elettriche 10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Esercizio 10.1.1 Un centro di calcolo è dotato di un UPS (Uninterruptible Power Supply) costituito da un insieme di 20

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Esercizio 1 (9 punti): Una distribuzione di carica è costituita da un guscio sferico

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Michele D'Amico (premiere) 6 May 2012

Michele D'Amico (premiere) 6 May 2012 Michele D'Amico (premiere) CORRENTE ELETTRICA 6 May 2012 Introduzione La corrente elettrica può essere definita come il movimento ordinato di cariche elettriche, dove per convenzione si stabilisce la direzione

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE AIA E SAIA DEL ONDENSATOE a. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso I(t) alla resistenza al tempo t=0 quando porta una carica Q(0) = Q 0. Soluzione. Per la relazione di maglia,

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA Evidenza dell interazione magnetica; sorgenti delle azioni magnetiche; forze tra poli magnetici, il campo magnetico Forza magnetica su una carica in moto; particella

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Q t CORRENTI ELETTRICHE

Q t CORRENTI ELETTRICHE CORRENTI ELETTRICHE La corrente elettrica è un flusso di particelle cariche. L intensità di una corrente è definita come la quantità di carica netta che attraversa nell unità di tempo una superficie: I

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Flusso del campo magnetico

Flusso del campo magnetico Lezione 19 Flusso del campo magnetico Il flusso magnetico o flusso di B attraverso una superficie aperta delimitata da un contorno chiuso e dato da Se il contorno chiuso e un circuito, il flusso in questione

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO. Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS

PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO. Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS ISTITUTO VERONESE MARCONI Sede di Cavarzere (VE) PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS Classe

Dettagli

ESERCIZIO 1. (a) Quanta carica attraversa un punto del filo in 5,0 min?

ESERCIZIO 1. (a) Quanta carica attraversa un punto del filo in 5,0 min? ESECIZIO Un filo è percorso dalla corrente di 3,0 A. (a) Quanta carica attraversa un punto del filo in 5,0 min? (b) Se la corrente è dovuta a un flusso di elettroni, quanti elettroni passano per un punto

Dettagli

isolanti e conduttori

isolanti e conduttori 1. ELETTROMAGNETISMO 1.1. Carica elettrica 1.1.1. Storia: Franklin Thomson Rutherford Millikan 1.1.2. L atomo: struttura elettroni di valenza (legame metallico) isolanti e conduttori ATOMO legge di conservazione

Dettagli

LEGGI DI OHM E RETI ELETTRICHE.

LEGGI DI OHM E RETI ELETTRICHE. LEGGI DI OHM E RETI ELETTRICHE. 1) PREMESSA. Nelle lezioni precedenti abbiamo discusso la proprietà fondamentale di un corpo conduttore in equilibrio elettrostatico: tutti i punti del conduttore sono allo

Dettagli

1. Determinare il numero di elettroni necessari per avere le seguenti cariche:

1. Determinare il numero di elettroni necessari per avere le seguenti cariche: 56 1 Modello circuitale Esercizi 1. Determinare il numero di elettroni necessari per avere le seguenti cariche: a) Q = 1.6 µc. b) Q = 4.8 x 10 15 C. c) Q = 10 pc. 2. Se un filo conduttore è attraversato

Dettagli

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014 FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014 ESERCIZI E1. Un proiettile del peso di m = 10 g viene sparato orizzontalmente con velocità v i contro un blocco di legno di massa M = 0.5 Kg, fermo su una superficie

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO: Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Modulo n 1: STRUTTURA DELLA MATERIA E FENOMENI ELETTRICI CONTENUTI OBIETTIVI

PROGRAMMA PREVENTIVO: Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Modulo n 1: STRUTTURA DELLA MATERIA E FENOMENI ELETTRICI CONTENUTI OBIETTIVI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. VERONESE - G. MARCONI" SEZIONE ASSOCIATA G. MARCONI Via T. Serafin, 15-30014 CAVARZERE (VE) Tel. 0426/51151 - Fax 0426/310911 E-mail: ipsiamarconi@ipsiamarconi.it -

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzione elettromagnetica 1. Induzione elettromagnetica 2. Esperienze di Faraday 3. Legge di Faraday Neumann Lenz Induzione elettromagnetica (1) La rivoluzione determinata dall'utilizzo dell'energia elettrica

Dettagli

Induzione Magnetica Legge di Faraday

Induzione Magnetica Legge di Faraday nduzione Magnetica egge di Faraday ezione 8 (oltre i campi elettrostatico, magnetostatico, e le correnti stazionarie) Variazione nel tempo del campo : Muovendo un magnete vicino a una spira connessa ad

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI CAPITOLO 5 PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI Nel presente Capitolo, verrà introdotto il concetto di equivalenza tra bipoli statici e verranno enunciati e dimostrati alcuni teoremi (proprietà) generali

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Campo elettrico per una carica puntiforme

Campo elettrico per una carica puntiforme Campo elettrico per una carica puntiforme 1 Linee di Campo elettrico A. Pastore Fisica con Elementi di Matematica (O-Z) 2 Esercizio Siano date tre cariche puntiformi positive uguali, fisse nei vertici

Dettagli

Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli

Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli Definizione di circuito elettrico Da un punto di vista fisico un circuito si presenta come una connessione di elementi o

Dettagli

Sia data la rete di fig. 1 costituita da tre resistori,,, e da due generatori indipendenti ideali di corrente ed. Fig. 1

Sia data la rete di fig. 1 costituita da tre resistori,,, e da due generatori indipendenti ideali di corrente ed. Fig. 1 Analisi delle reti 1. Analisi nodale (metodo dei potenziali dei nodi) 1.1 Analisi nodale in assenza di generatori di tensione L'analisi nodale, detta altresì metodo dei potenziali ai nodi, è un procedimento

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

Corrente elettrica. La disputa Galvani - Volta

Corrente elettrica. La disputa Galvani - Volta Corrente elettrica La disputa Galvani - Volta Galvani scopre che due bastoncini di metalli diversi, in una rana, ne fanno contrarre i muscoli Lo interpreta come energia vitale Volta attribuisce il fenomeno

Dettagli

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Parte b Bipoli elettrici - potenza entrante Tensione e corrente su di un bipolo si possono misurare secondo la convenzione

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima legge di Ohm...2 Resistenze in serie...3 Resistenze in parallelo...5 Secondo principio di

Dettagli

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale Per gli Istituti Tecnici Industriali e Professionali Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale A cura del Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org 2010/2011 POTENZA ELETTRICA NEI CIRCUITI

Dettagli

Equazioni fondamentali (nel dominio dei tempi)

Equazioni fondamentali (nel dominio dei tempi) Equazioni fondamentali (nel dominio dei tempi) Equazioni di Maxwell: b e = - t d h = j + t d = ρ b = 0 j = j + j c Eq. di continuità: Legge del trasporto: ρ j+ = 0 jc = σ e t i Relazioni i costitutive

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Master in EnergyaManagement. Puddu Emiliano. Università LIUC di Castellanza. Elementi di Elettrotecnica

Master in EnergyaManagement. Puddu Emiliano. Università LIUC di Castellanza. Elementi di Elettrotecnica Master in Energy Management Puddu Emiliano Università LIUC di Castellanza Master in EnergyaManagement Elementi di Elettrotecnica 1 Indice Conduzione, generatori Rami, nodi e maglie Legge di Ohm e Leggi

Dettagli

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione Generatori di tensione e di corrente 1. La tensione ideale e generatori di corrente Un generatore ideale è quel dispositivo (bipolo) che fornisce una quantità di energia praticamente infinita (generatore

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 DISCIPLINA: FISICA (Indirizzi scientifico e scientifico sportivo) CLASSE: QUARTA (tutte le sezioni) COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITA CONTENUTI

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Che cos è la corrente elettrica? Nei conduttori metallici la corrente è un flusso di elettroni. L intensità della corrente è il rapporto tra la quantità

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

Corrente elettrica. Daniel Gessuti

Corrente elettrica. Daniel Gessuti Corrente elettrica Daniel Gessuti indice 1 Definizioni 1 Definizione di corrente 1 Definizione di resistenza 2 2 Effetto Joule 3 Circuiti in parallelo 4 3 Circuiti in serie 5 4 Il campo magnetico 5 Fenomeni

Dettagli

Esercizi svolti di Elettrotecnica

Esercizi svolti di Elettrotecnica Marco Gilli Dipartimento di Elettronica Politecnico di Torino Esercizi svolti di Elettrotecnica Politecnico di Torino TOINO Maggio 2003 Indice Leggi di Kirchhoff 5 2 Legge di Ohm e partitori 5 3 esistenze

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

Modulo di Meccanica e Termodinamica

Modulo di Meccanica e Termodinamica Modulo di Meccanica e Termodinamica 1) Misure e unita di misura 2) Cinematica: + Moto Rettilineo + Moto Uniformemente Accelerato [+ Vettori e Calcolo Vettoriale] + Moti Relativi 3) Dinamica: + Forza e

Dettagli

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 FISICA ELETTROMAGNETISMO FISICA MODERNA classe 5 B MAG. 2016 Esercitazione di Fisica in preparazione all Esame di Stato A.S. 2015-2016

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 7: Forze elettriche e magnetiche

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 7: Forze elettriche e magnetiche L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Unità 7: Forze elettriche e magnetiche Forza elettrica e corrente Carica elettrica e legge di Coulomb

Dettagli

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro.

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. PREMESSA: Anche intuitivamente dovrebbe a questo punto essere ormai chiaro

Dettagli

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte.

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte. Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte. Obiettivi generali. L insegnamento di Elettrotecnica, formativo del profilo professionale e propedeutico, deve fornire agli allievi

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

1. La corrente elettrica

1. La corrente elettrica . Elettrodinamica. La corrente elettrica Finora abbiamo studiato situazioni in cui le cariche elettriche erano ferme. Nell elettrodinamica si studia il moto delle cariche elettriche. Una corrente elettrica

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2012 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2012 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2012 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica La prova Il candidato svolga una relazione su uno solo dei seguenti due temi, a sua

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

LINEE AEREE PARALLELE

LINEE AEREE PARALLELE LINEE AEREE PARALLELE Coefficiente di autoinduzione di una linea bifilare Sia data la linea riportata in fig. 1 Fig. 1 Linea bifilare a conduttori paralleli essa è costituita da due conduttori aerei paralleli

Dettagli

Il magnetismo. Il campo magnetico

Il magnetismo. Il campo magnetico Il magnetismo Un magnete (o calamita) è un corpo che genera intorno a sé un campo di forza che attrae il ferro Un magnete naturale è un minerale contenente magnetite, il cui nome deriva dal greco "pietra

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi Leggere, comprendere e interpretare un testo scritto delle varie tipologie previste anche in contesti non noti.

Competenze Abilità Conoscenze Tempi Leggere, comprendere e interpretare un testo scritto delle varie tipologie previste anche in contesti non noti. PRIMO BIENNIO Fisica: Primo anno Leggere, comprendere e interpretare un testo scritto delle varie tipologie previste anche in contesti non noti. Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti

Dettagli

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi.

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. e reti elettriche in alternata (- ; - ; --) e reti elettriche possono contenere i componenti,, collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. l loro studio in alternata parte dall analisi

Dettagli

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE L. DA Vinci Via G. Rosato, 5-66034 L a n c i a n o (Ch) Tel. 087242556 Fax 0872702934 E-mail: chtf0200l@istruzione.it

Dettagli

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze:

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze: Grandezze elettriche Serie e Parallelo Legge di Ohm, Principi di Kirchhoff Elettronica Analogica Luxx Luca Carabetta Premessa L elettronica Analogica, si appoggia su segnali che possono avere infiniti

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/

funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/ mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/ funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI Struttura dell'atomo (nucleo, protoni, neutroni, elettroni); cariche elettriche elementari (elettrone,

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Insegnante: LUCIA CERVELLI Testo in uso: Claudio Romeni FISICA E REALTA Zanichelli Su alcuni

Dettagli