1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA"

Transcript

1 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo interno? La risposta è la comparsa di cariche in moto, vale a dire di una corrente. La nascita della corrente elettrica è dovuta all ideazione da parte di Alessandro Volta ( della pila (1800). Il concetto di corrente rende possibile studiare in maniera quantitativa il fenomeno del magnetismo. Lo scopo di questo capitolo sarà solo quello di introdurre alcuni concetti legati alla corrente elettrica, mentre il legame tra correnti e magnetismo sarà mostrato in seguito. La corrente elettrica è definita come la quantità di carica che nell unità di tempo attraversa una sezione δa qualunque del conduttore: I = dq (1) dt Purtroppo tale definizione non si collega direttamente al moto microscopico delle cariche elettriche ovvero ai portatori di cariche. E necessario pertanto, rifarsi ad un modello microscopico sul moto delle cariche. 2 Densità di carica e di corrente Sia dq la carica contenuta in un volume d 3 r. La densità di carica, indicata con ρ, è definita dalla seguente relazione: dq = ρd 3 r (2) Nel caso di una corrente le cariche sono in moto. I portatori possono essere sia positivi che negativi. In ogni caso, supporremo che ciascun portatore abbia una sola carica fondamentale. Pertanto, se si indica con n la densità numerica (numero di particelle per unità di volume) di portatori, potremo scrivere: ρ = nq (3) dove q è la carica fondamentale, che ciascun portatore ha con sé. Possiamo procedere con un modello microscopico. In condizioni di equilibrio elettrostatico, il campo elettrico in un conduttore è nullo. Se tuttavia, ai suoi estremi si genera una differenza di potenziale, al suo interno si crea un campo elettrico diverso da zero. Tale campo produce una forza elettrica che mette in moto le cariche elettriche mobili del conduttore. Limiteremo il nostro studio alle correnti che non variano nel tempo (correnti stazionarie). Si consideri un conduttore filiforme di sezione costante δa. Setuttelecariche inmotohannolastessavelocitàv (questa velocità comune è detta velocità di deriva), dopo un tempo t il numero di cariche contenute nel suddetto volumetto di base δa ed altezza v t sarà: N = nvδa t (4) 1

2 Se moltiplichiamo per la carica fondamentale ciascun membro della (4) avremo la quantità di carica presente nello stesso volumetto: Q = ρvδa t (5) Dividiamo per l intervallo temporale Q t = ρvδa t t e passando al limite per t 0, Q lim t 0 t = ρvδa troviamo proprio la corrente che fluisce nel conduttore, cioé I = ρvδa Se introduciamo il seguente vettore, detto densità di corrente: (6a) potremo scrivere j = ρv (7) I = jδa (6b) Al secondo membro abbiamo il modulo di un vettore per una superficie, cioè un tipico flusso di un vettore attraverso una superficie. Se la densità e la velocità cambiano da punto a punto, potremo scrivere: Z I = d 2 au a j (8) δa Una corrente può sempre pensarsi come il flusso di un vettore densità di corrente attraverso la superficie considerata. 2.1 Densità di corrente e portatori di carica Abbiamo detto che la corrente, in generale può essere costituita sia da portatori di carica positiva che di carica negativa. Potremo allora scrivere j = n e q e v j + = nqv (9) 2

3 Ricordiamo che, per convenzione, la carica dell elettrone è negativa. Ancora per convenzione, si è scelto come corrente positiva quella dei portatori di carica positiva, cioè j = j + = nqv (10) Nei conduttori metallici i portatori sono gli elettroni, quindi il moto reale è oppostoaquellodefinito positivo per convenzione. 3 Legge di Ohm In condizioni di equilibrio elettrostatico, il campo elettrico in un conduttore è nullo. Se tuttavia, ai suoi estremi si genera una differenza di potenziale, al suo interno si genera un campo elettrico. Questo campo produce una forza elettrica che mette in moto le cariche elettriche mobili del conduttore: si genera, così, una corrente elettrica nel conduttore. Ci limiteremo allo studio delle correnti stazionarie, cioè alle correnti che non variano nel tempo. Esperimenti condotti su una classe di conduttori, (unico oggetto della nostra attenzione) hanno mostrato che il campo elettrico generato nel conduttore, in seguito all applicazione ai suoi estremi di una differenza di potenziale, è proporzionale alla densità di corrente E =r σ j (11) dove r σ è una costante, detta resistenza specifica, che dipende solo dal materiale. La precedente equazione è detta leggelocalediohm(georg Simon Ohm, , Germania). La convenzione adottata per il verso del campo è quella che va dai punti a potenziale maggiore a quelli a potenziale minore. La legge di Ohm che abbiamo appena presentato ha il vantaggio concettuale di anteporre il concetto di campo a quello di corrente: senza la creazione del campo elettrico all interno del conduttore non vi sarebbe il moto delle cariche e quindi la corrente. Tuttavia, una seconda forma, detta forma integrale della legge di Ohm è estremamente importante, perché si presta ad una immediata 3

4 verifica sperimentale e perché contiene in maniera esplicita la corrente elettrica che nel S.I. è una unità di misura fondamentale. Si prenda un filo conduttore, di sezione costante δa e lunghezza L. La differenza di potenziale ai capi del conduttore può scriversi come V = EL Il campo è dato dalla legge di Ohm, per cui la precedente relazione diventa V = r σ jl Non rimane che esprimere la densità di corrente in funzione della corrente. Poiché siamo in regime stazionario, avremo e quindi La quantità I = jδa V = r σl δa I L R =r σ δa = 1 L (12) σ δa si chiama resistenza del conduttore e si misura in ohm (Ω). Allora, r σ si misura in Ωm elaquantitàσ, dettaconducibilità, simisureràin(ωm) 1. La legge di Ohm dice anche che la corrente che fluisce nel conduttore è proporzionale alla differenza di potenziale ai capi del conduttore: V = RI (13) Le dimensioni di R, nel S.I., sono quelle di volt su ampère, [R] = V A Notiamo che per i conduttori ohmici (così sono chiamati i materiali che "seguono" la legge do Ohm), la corrente si può anche scrivere Z I = σ E u a d 2 a (14) dove δa è la sezione trasversa del conduttore. δa 4

5 3.1 Legge di Ohm per un circuito Per generare una corrente in un conduttore occorre stabilire una differenza di potenziale ai suoi capi A e B. Questa differenza di potenziale viene generata da un apposito apparato, detto generatore di corrente continua o batteria, esterno al conduttore (si faccia riferimento alla figura seguente): In particolare, il dispositivo mostrato in figura è detto circuito elettrico. Il conduttore, in relazione alla corrente continua di cui stiamo discutendo, è caratterizzato dalla sola resistenza R, mentre il generatore sarà caratterizzato da una forza elettromotrice V fem e da una resistenza elettrica R G (resistenza interna). Il circuito elettrico sarà schematizzato come segue dove il simbolo grafico indica il generatore, mentre il simbolo 5

6 rappresenta una resistenza. Per convenzione, la corrente fluisce, all esterno del generatore dal polo positivo al polo negativo. La corrente che scorre nel circuito è determinata dalla legge di Ohm, con in serie le resistenze R ed R G : che possiamo riscrivere come: I = V fem R + R G (15) RI = V fem IR G La quantità RI è uguale, per la legge di Ohm, alla differenza di potenziale V ai capi A e B del conduttore. Quindi, la (15) si può scrivere: V = V fem IR G (16) La (16) ci dice che la differenza di potenziale ai capi A e B della resistenza è sempre inferiore alla forza elettromotrice V fem fornita dal generatore (si dice che vi è una caduta di potenziale o di tensione ai capi della resistenza). La eguaglia solo nel caso in cui il circuito sia aperto (I =0): V = V fem (17) Supponiamo ora che la resistenza R del conduttore sia praticamente nulla: In tal caso, si parla di "corto circuito" (suol dirsi che il circuito è in corto) e dalla (15) si può dedurre la corrente I cc detta, appunto, di corto circuito. Posto R =0nella (15) avremo 6

7 I cc = V fem (18) R G In definitiva, possiamo dire che la corrente elettrica in un circuito, con solo resistenze, può assumere diversi valori in funzione della resistenza e della differenza di potenziale, in particolare, può andare da un valore nullo, quando il circuito è aperto, ad un valore massimo I cc, che si ha in corto circuito. 3.2 Esempi Esempio 1: Resistenze in serie Si abbiano due conduttori di resistenza R 1 ed R 2 in un circuito elettrico collegati come nella figura seguente Diremo che le due resistenze sono in serie. Vogliamo determinare la resistenza equivalente R eq (la resistenza fittizia che si può sostituire alle due resistenze senza cambiare le proprietà del circuito) delle due resistenze. Ai capi delle due resistenze avremo, rispettivamente, V AB = R 1 I V BC = R 2 I (E1) La differenza di potenziale tra i punti A e C sarà che per la (1) diventa: V AC = V AB + V BC (E2) V AC = R 1 I + R 2 I =(R 1 + R 2 ) I Possiamo concludere che la resistenza equivalente è R eq = R 1 + R 2 (E3) Esempio 2: Resistenze in parallelo. Si abbiano due conduttori di resistenza R 1 ed R 2 in un circuito elettrico collegati come in figura 7

8 Diremo che le due resistenze sono in parallelo. Vogliamo determinare la resistenza equivalente R eq (la resistenza fittizia che si può sostituire alle due resistenze senza cambiare le proprietà del circuito) delle due resistenze. Per la legge di Ohm, le correnti nelle due resistenze saranno La corrente totale sarà da cui I 1 = V AB R 1 I = I 1 + I 2 = V AB R = V AB I 2 = V AB R 2 µ 1 R R 2 (E4) ovvero 1 R eq = 1 R R 2 (E5) R eq = R 1R 2 (E6) R 1 + R 2 che rappresenta la resistenza equivalente nel caso di due resistenze collegate in parallelo. Dai due esempi appena sviluppati è possibile estrapolare alcune considerazioni. Per N resistori (così si chiamano i conduttori caratterizzati da una "resistenza") collegati in "serie", la resistenza equivalente è uguale alla somma dellesingoleresistenza NX R eq = (E7) R i i=1 Da ciò emerge che la resistenza equivalente di un insieme di resistenze collegate in serie è maggiore di ogni resistenza che fa parte della serie. Per N resistori collegati in "parallelo", invece, la resistenza equivalente è pari a 1 R eq = P N i=1 R (E8) i 8

9 da cui si evince che la resistenza equivalente, nel collegamento in parallelo, è sempre minore della resistenza più piccola. Non si può non notare l analogia con il collegamento di condensatori e la corrispondenza "incrociata": il collegamento in parallelo dei condensatori è analogo (formalmente) al collegamento in serie delle resistenze (e viceversa) 3.3 Effetto joule Le cariche in moto nei conduttori subiscono continuamente degli urti. Questi urti sono paragonabili a forze di attrito che rallentano le particelle cariche. La presenza di questo attrito porterà alla dissipazione di parte della loro energia che poi apparirà sotto forma di riscaldamento del conduttore (effetto Joule). Vogliamo determinare l energia dissipata nell unità di tempo. Il lavoro fatto dal campo elettrico per spostare una carica infinitesima dq tra due punti del conduttore, tra i quali vi sia una differenza di potenziale V è dl = dq V Poichè la velocità iniziale e finale della carica sono identiche, ciò implica che tutto il lavoro del campo verrà dissipato (la forza dissipativa compie un lavoro pari e di segno opposto a quello del campo). Il calore dissipato per unità di tempo sarà dl dt = dq V = I V dt Usando la legge di Ohm in forma integrale V = RI, arriviamo alla seguente espressione dell energia dissipata per unità di tempo nel conduttore: dl dt = RI2 (19) che esprime, in forma quantitativa, l effetto Joule (e rappresenta l energia dissipata per unità di tempo attraverso gli urti degli elettroni di conduzione del metallo contro gli altri elettroni del metallo e le varie imperfezioni). 3.4 La forza elettromotrice e il campo elettrico non conservativo Abbiamo visto che per produrre una corrente occorre una sorgente di energia (la batteria) che spinga gli elettroni in movimento nel conduttore. Il moto degli elettroni viene impedito dalla resistenza del circuito che si manifesta con il fenomeno della dissipazione di energia in calore. Vogliamo mostrare che l energia che viene dissipata trae origine da un campo elettrico non conservativo. Consideriamo un filo di rame di lunghezza L esezionea chiuso. Se non si inserisce una batteria non avremo corrente, come sappiamo. Questo risultato può 9

10 essere visto in altro modo. Se il campo elettrico esistesse dentro il conduttore esso sarebbe di tipo ohmico E = j σ = j Ra L = I R L Calcoliamo la circuitazione di questo campo I E dl = I R I dl = RI L Se il campo è conservativo I E dl =0 e di conseguenza RI =0 I =0 La corrente elettrica non può originarsi da un campo conservativo. Allora il campo elettrico totale in un conduttore, quando vi è corrente, deve contenere anche un campo elettrico non conservativo e questo deve originarsi dalla batteria. Pertanto, in presenza di una corrente il campo elettrico totale deve essere la somma di due parti, E tot = E fem +E c dove E fem è la parte non conservativa del campo elettrico, mentre E c èlaparte conservativa. Allora I (E fem +E c ) dl = I R I dl = RI L Poiché, I E c dl =0 avremo I E fem dl = RI La quantità I V fem = E fem dl è la forza elettromotrice della batteria. 4 La densità di energia elettrostatica Abbiamo parlato di energia dissipata in un circuito percorso da corrente. Il problema dell energia elettrostatica, cioè dell energia associata a cariche ferme, è stato discusso, nei complementi del precedente capitolo. In questa sezione vogliamo ridimostrare, usando un esempio molto semplice, che è possibile pensare che l energia elettrostatica sia distribuita con continuità nello spazio dove 10

11 è presente il campo elettrico. In altre parole, è possibile introdurre nello spazio dove è presente il campo elettrostatico una densità di energia. In questo modo, la realtà del campo assumerà un valore ancora maggiore. Partiamo dall energia immagazzinata in un condensatore piano. Che ci sia energia immagazzinata lo si comprende dal fatto che accumulare cariche positive enegativesuduediversearmaturehauncostoenergeticochevienefornitodalla batteria (vedi carica e scarica di un condensotore). Man mano che si accumulano i due diversi tipi di carica sulle armature, si genera una differenza di potenziale tra le due armature che dipende dalla carica istantanea che vi è presente V (t)) = Q (t) (1) C Se ipotizziamo che inizialmente non vi sia alcuna energia accumulata nel condensatore possiamo calcolare il lavoro fatto dalla batteria (dal campo elettrico) per accumulare sulle armature una carica Q f,comesegue: Z Qf Z Qf Q (t) L (i f) = V (t) dq = 0 0 C dq = Q2 f (2) 2C Come possiamo notare, il lavoro dipende solo dalla stato iniziale e finale, perché il campo elettrostatico è conservativo. Poiché inizialmente non vi era energia nel condensatore possiamo affermare che l energia elettrostatica accumulata nel condensatore è U = Q2 (3) 2C dove Q è la carica presente su un armatura. Possiamo anche scrivere U = 1 2 QV = 1 2 CV 2 (4) dove V è la differenza di potenziale tra le due armature. L ultima relazione può essere utilizzata per derivare l espressione dell energia elettrostatica in termini del campo elettrico. Sappiamo che per cui possiamo scrivere C = aε 0 d V = Ed U = 1 2 CV 2 = 1 aε 0 2 d (Ed)2 = 1 2 ε 0E 2 (ad) (5) Poiché ad è lo spazio compreso tra le due armature ed è solo in questo spazio che il campo elettrico è diverso da zero, la quantità ρ E = 1 2 ε 0E 2 (6) può essere considerata come una densità di energia elettrostatica (energia per unità di volume). Questo risultato è generale e noi assumeremo che, in ogni caso, 11

12 l energia elettrostatica si può sempre esprimere come un integrale di volume su tutto lo spazio dove il campo è diverso da zero: Z U E = d 3 r 1 2 ε 0E 2 (r) (7) 5 Complementi: cenni sulle leggi di Kirchhoff Nei circuiti più complessi, la legge di conservazione della carica e dell energia e la legge di Ohm generalizzata portano a due leggi, dette di Kirchhoff (Gustav Kirchhoff, fisico tedesco ; le sue leggi sono del 1847). Per comprendere tali leggi dobbiamo analizzare gli elementi costitutivi di un generico circuito. In un qualunque circuito si possono distinguere due elementi caratteristici di base: i nodi e le maglie. Consideriamo il seguente circuito: Un nodo è un punto del circuito in cui convergono più di due conduttori (sono nodi i punti A e B della Figura) Una maglia è un circuito chiuso che non contiene nodi e che, scelto un verso di percorrenza, può essere percorso senza mai passare più di una volta in un conduttore. Possibili maglie relative al precedente circuito sono: Possiamo ora enunciare le due leggi di Kirchhoff. Prima legge: La somma algebrica dei valori delle correnti, in ogni nodo, deve essere uguale a zero; o anche, la somma delle correnti entranti in un nodo deve essere uguale alla somma delle correnti uscenti dal nodo stesso. X (±) I k =0 (C1) k Tale legge è una conseguenza della conservazione della carica nel caso di correnti stazionarie. La (C1) può essere soddisfatta solo se non si accumulano o si perdono, cariche nel nodo. Questo vuol dire, che la quantità di corrente che arriva deve essere pari alla quantità di corrente che lascia il nodo. Si suole 12

13 indicare con il segno positivo le correnti che lasciano il nodo e col segno negativo quelle che vi arrivano. Seconda legge: In ogni maglia, La somma dei prodotti dei valori algebrici delle correnti per le resistenze deve essere uguale alla somma algebrica dei valori delle f.e.m. presenti nella maglia considerata. X (±) R k I k = X (±) V femn (C2) k n Vogliamo tentare di spiegare la (C2) ed il suo utilizzo. Innanzitutto, ricordiamo che, per convenzione, il verso positivo della corrente èquelloincuifluiscono le cariche positive. Questo vuol dire che nei conduttori in esame il verso positivo è opposto a quello in cui realmente si muovono i portatori della corrente, gli elettroni. Inoltre, poiché è la batteria che fornisce l energia alle cariche (è la batteria che spinge le cariche nel circuito), il verso positivo per la forza elettromotrice sarà (all interno della batteria) quello che va dal polo negativo al polo positivo. Nei precedenti grafici, nella prima maglia a sinistra sono entrambi positivi, negli altri due grafici sono entrambi negativi. Quando la corrente attraversa la resistenza vi è una caduta di potenziale (le cariche perdono energia). Allora, se la corrente nella resistenza circola nel verso "giusto" (che ricordiamo è fissato dalla f.e.m della batteria) sarà riportato nella seconda legge con il segno negativo (perdita di energia), con il segno positivo se la corrente circola nel verso contrario. La seconda legge è una conseguenza della conservazione dell energia e della legge di Ohm. Nei precedenti grafici le equazioni per le maglie sono: V fem1 R 2 I 2 + V el,2 =0 V fem1 + R 1 I 3 =0 V fem2 + R 2 I 2 + R 1 I 3 =0 Infine, siccome occorrono un numero di equazioni indipendenti pari almeno al numero di incognite circuitali, esiste una limitazione al numero di equazioni per i nodi e le maglie. Si può suggerire di usare le equazioni per i nodi in numero uguale al numero di nodi totali presenti nel circuito diminuito di una unità e, nel caso delle maglie, di verificare che una maglia si differenzi da un altra per la presenza di almeno un elemento circuitale. 6 Complementi: teoria microscopica elementare della conduzione Supponiamo di avere una corrente stazionaria in un conduttore (campo elettrico costante!). Ciò vuol dire che i portatori della corrente nel conduttore (gli 13

14 elettroni) si muovono con velocità costante. La situazione è palesemente diversa dal moto delle cariche nel vuoto. Se avessimo un campo costante nel vuoto, il moto dell elettrone sarebbe determinato da M e dv dt = q ee (C3) dove q e = e; quindi il moto dell elettrone nel vuoto risulterebbe accelerato. Poiché l elettrone nel mezzo si muove invece con velocità costante, dobbiamo concludere che la presenza del mezzo fa apparire una seconda forza che annulla quella del campo. Il modo più semplice di immaginare tale forza è in termini di una forza di attrito, proporzionale alla velocità. Possiamo allora scrivere, per il moto di una carica in un conduttore, la seguente equazione del moto: M e dv dt = q ee kv (C4) dove k è una costante le cui dimensioni sono quelle di una massa divisa per un tempo. La soluzione di tale equazione, nel caso in cui al tempo t =0la particella carica sia ferma, è: v (t) = q µ e k E 1 exp t (C5) t r dove abbiamo introdotto il tempo di rilassamento: t r M e k (C6) Dopo un tempo pari al tempo di rilassamento, la velocità dell elettrone diventa praticamente costante (velocità di deriva) ed è pari a: v D = q e k E (C7) Possiamo far apparire il tempo di rilassamento nell espressione della velocità di deriva: v D = q e M e t r E (C8) La velocità di deriva per unità di campo elettrico definisce la mobilità della carica: v D E = q e m e t r (C9) Se abbiamo n e cariche per unità di volume, la densità di corrente sarà: 14

15 j = n e q e v D = n eq 2 et r m e E (C10) Notiamo che v D = j n e q e (C11) Se si prende un valore di j =10 6 A/m 2 si trova che v D = 7, m s dove abbiamo usato n e =8, el/m 3 (rame) e q e =1, C. Poiché la velocità media degli elettroni di conduzione nei metalli è dell ordine di 10 6 m/s, possiamo concludere che l alta conducibilità elettrica dei metalli è dovuta all alta concentrazione degli elettroni di conduzione piuttosto che alla velocità con cui essi si muovono attraverso il metallo. Inoltre, se si usa la legge di Ohm, la mobilità si può esprimere v D E = 1 n e q e σ (C12) Da una teoria microscopica si può risalire ad un espressione per la conducibilità elettrica. 7 Complementi: carica di un condensatore Supponiamo di avere un condensatore piano scarico e di collegarlo in serie ad una resistenza R, in un circuito ove è presente una batteria con una certa V fem e una resistenza interna R g. Al tempo t =0(iniziale) facciamo la connessione (cioè chiudiamo il circuito) e una certa corrente incomincia a fluire nel circuito, mentre il condensatore si carica. L aumento di carica sulle armature continuerà fino a che la quantità di carica accumulata non sarà tale da ostacolare l arrivo di una qualunque altra 15

16 carica sulle armature (il segno della differenza di potenziale ai capi del condensatore è sempre opposto a quello della batteria). Cerchiamo di descrivere quantitativamente tale fenomeno. Abbiamo visto che in assenza del condensatore l equazione del circuito era (R + R G ) I = V fem Poiché il condensatore è in serie con la resistenza, l equazione per il circuito diventa V C +(R + R G ) I = V fem (C13) dove V C èladifferenza di potenziale ai capi del condensatore, vale a dire Allora, la (C13) diventa V C (t) =Q(t)/C (C14) dove abbiamo posto Q (t) C + R ti (t) =V fem (C15) Differenziamo la (C15): R t = R + R G (C16) 0= 1 dq (t) di + R t C dt dt La corrente che circola è pari alla variazione temporale della carica sul condensatore, cioé I = dq/dt, quindi ovvero 0= 1 C I + R di t dt di I = dt R t C che può essere facilmente risolta. Si trova I (t) =I 0 e t/τ (C17) dove I 0 = V fem /R t, è il valore della corrente all istante iniziale e τ =1/R t C. Per ottenere la legge di carica, basta integrare la (C17): quindi dq dt = I 0e t/τ 16

17 Z t Q (t) =I 0 dt 0 e t0 /τ Ritornando all espressione della carica troviamo: Q (t) = I 0 ³1 e t/τ = Q M ³1 e t/τ τ dove abbiamo posto 0 (C18) (C19) Q M = CV fem (C20) In particolare, Q M rappresenta la carica massima che si può depositare su un armatura. Per t À τ, siha Q (t) Q M (C21) 8 Complementi: scarica di un condensatore Supponiamo di avere un condensatore piano di capacità C, con una certa carica iniziale Q 0. Cortocircuitiamo la batteria (cioé eliminiamola e chiudiamo il circuito) ed esaminiamo quello che accade nel circuito diventato Indichiamo con Q (t),i(t), V (t) i valori istantanei rispettivamenbte della carica dell armatura positiva, della corrente che circola (la corrente è positiva quando fluisce dall armatura positiva a quella negativa) e della differenza di potenziale tra le armature del condensatore. Il condensatore, in questo caso, funziona come un generatore: le cariche vengono spinte attraverso il circuito. La differenza di potenziale ai capi della resistenza è quella fornita dal condensatore V C (t) =Q (t) /C per cui la legge di Ohm V C (t) =RI diventa Q (t) C = RI La corrente elettrica che fluisce nel conduttore è uguale alla diminuzione di carica subita dal condensatore, cioè I = dq/dt. La precedente equazione diventa 17

18 ovvero, la cui soluzione è dove dq dt + Q RC =0 dq Q = dt RC Q (t) =Q 0 e t τ (C22) (C23) τ = RC (C24) è il tempo durante il quale il valore iniziale della carica del condensatore si riduce del fattore 1/e. Derivando, rispetto al tempo, la carica, otteniamo il valore corrente nel circuito, ad ogni istante: I (t) = Q 0 RC e t/τ = I 0 e t/τ (C25) dove I 0 è il valore istantaneo della corrente al tempo t =0. Notiamo che, durante la scarica, sia la carica che la corrente diminuiscono con la stessa legge esponenziale: Q (t) = e t/τ I (t) = e t/τ Q 0 I 0 18

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze:

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze: Grandezze elettriche Serie e Parallelo Legge di Ohm, Principi di Kirchhoff Elettronica Analogica Luxx Luca Carabetta Premessa L elettronica Analogica, si appoggia su segnali che possono avere infiniti

Dettagli

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN FCA D PNCP D KCHHOFF, DL PNCPO D SOAPPOSZON DGL FFTT, DL TOMA D MLLMAN Un qualunque circuito lineare (in cui agiscono più generatori) può essere risolto applicando i due principi di Kirchhoff e risolvendo

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Capitolo 7. Circuiti magnetici

Capitolo 7. Circuiti magnetici Capitolo 7. Circuiti magnetici Esercizio 7.1 Dato il circuito in figura 7.1 funzionante in regime stazionario, sono noti: R1 = 7.333 Ω, R2 = 2 Ω, R3 = 7 Ω δ1 = 1 mm, δ2 = 1.3 mm, δ3 = 1.5 mm Α = 8 cm 2,

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

EM-LAB MISURE ELETTROMAGNETICHE: DAL LABORATORIO TRADIZIONALE A QUELLO REAL-TIME Una guida alla preparazione delle esperienze

EM-LAB MISURE ELETTROMAGNETICHE: DAL LABORATORIO TRADIZIONALE A QUELLO REAL-TIME Una guida alla preparazione delle esperienze LICEO SCIENTIFICO DI STATO G. GALILEI PESCARA (PE) EM-LAB MISURE ELETTROMAGNETICHE: DAL LABORATORIO TRADIZIONALE A QUELLO REAL-TIME Una guida alla preparazione delle esperienze Laboratorio di fisica on-line

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

negativa Forza repulsiva Forza attrattiva

negativa Forza repulsiva Forza attrattiva 1 Corrente elettrica 1.1 Carica elettrica Sebbene le cariche elettriche siano tra i costituenti fondamentali della materia, l elettricità in natura è un fenomeno relativamente raro, se si eccettuano i

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

TRANSITORI BJT visto dal basso

TRANSITORI BJT visto dal basso TRANSITORI BJT visto dal basso Il transistore BJT viene indicato con il simbolo in alto a sinistra, mentre nella figura a destra abbiamo riportato la vista dal basso e laterale di un dispositivo reale.

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

PROTEZIONE DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI NON IONIZZANTI (3a Edizione)

PROTEZIONE DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI NON IONIZZANTI (3a Edizione) Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA SULLE ONDE ELETTROMAGNETICHE "NELLO CARRARA" FIRENZE PROTEZIONE DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI NON IONIZZANTI (3a Edizione) D. Andreuccetti M. Bini A.

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico prof. Gianluca Venturi Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli