2 nd Web Conference ECVET for the Construction Sector: towards the recognition of Learning Outcomes. Report

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 nd Web Conference ECVET for the Construction Sector: towards the recognition of Learning Outcomes. Report"

Transcript

1 LLL Leonardo da Vinci Sub-Program Support to National Projects to Test and Develop ECVET EACEA/08/2010 Grant Agreement: / nd Web Conference ECVET for the Construction Sector: towards the recognition of Learning Outcomes Report Workpackage/s No. 7 Workpackage Title File Name: Stage: D: draft P: partial document RD: revised draft C: complete R: revised; F: final; S: submitted to EC Date Result Dissemination 2nd Web Conference Report Gate 85% D % RD % F This project has been funded with support from the European Commission. This product LLL reflects the views only of the authors, and the Commission Leonardo cannot be da held Vinci responsible Sub-Program for any use which may be made of the information contained therein. Support to National Projects to Test and Develop ECVET EACEA/08/2010

2 2

3 2 nd Web Conference ECVET for the Construction Sector: towards the recognition of Learning Outcomes 18 September 2012 Report This report presents an overview of the conclusions reached by the 2 nd Project COLOR Web Conference (WC) held on September 18, 2012 and organized by ISFOL (Project Coordinator) with the technical support of IAL Friuli and in collaboration with national partners. The WC brought together 45 stakeholders and Italian actors to share their current experiences and best practices with the aim of promoting the mobility of Learning Outcomes in the Construction sector. INTRODUCTION Moderator Giorgia Costalonga (IAL) welcomed participants and introduced the speakers (names and presentation titles are provided below) of the 2 nd Web Conference, an integral part of the Project COLOR dissemination plan. After quickly reviewing the project objectives, Ms Costalonga turned the floor over to Marta Santanicchia, ISFOL ECVET expert and member of the Project COLOR team, to open the works. PRESENTATIONS Here is a quick summary of the scheduled presentations. Please refer to the appendices for further details. - Advancement of the European Process for ECVET Implementation and Project COLOR Marta Santanicchia ISFOL Marta Santanicchia provided both background and conceptual information on the ECVET System and related processes to help everyone better understand the COLOR technical process. After having introduced the contextual elements for the project, which will end in the 2 nd semester of 2013, the discussion turned to the progress of the project during the second phase. Ms Santanicchia illustrated ECVET as a system and a tool that is used in the European strategy for the transparency and mobility of titles, qualifications and competences. This strategy is based on a series of processes that are currently being developed both at the national and European levels, including: EQF, EQAVET, NFIL (principles for the recognition of non formal and informal learning), ECTS e EUROPASS (see Annex 1). T hese elements are like the many pieces of a greater mosaic: once completed, it will facilitate the mobility and mutual recognition of qualifications. Subsequently, Ms Santanicchia illustrated the distinctive characteristics of these elements through key words: EQF - qualification 3

4 classification; EQAVET - quality; Europass - portfolio of documents, including the European CV. The common objective is to make it easier to obtain and exchange qualifications so to satisfy labour market requests. In terms of the application challenge, Cedefop s Necessary conditions for ECVET implementation identifies the elements that are necessary for a correct implementation of the system and indicates the importance of involving institutions and sharing a common objective. Italy has completed the consultation phase on the National Report on EQF Referencing, a clear signal that all the institutional actors have been involved. ECVET is currently being experimented by: The European NETECVET Network of National Leonardo da Vinci-LLP Agencies for the exchange of mobility project good practices; The ECVET network of national experts operating at ISFOL for ; Pilot projects such as COLOR. A survey has revealed that 48% of participants were unaware of ECVET. This clearly indicates that a lot of work must still be accomplished in terms of dissemination and promotion. Ms Santanicchia ended her presentation by inviting participants to turn to the COLOR website (http://www.color-project.org) for further details on ECVET experimentation and related processes. - Results Reached by the COLOR Technical Group Leading Experimentation in the Construction Sector - Pasquale Di Marzo ARLAS Regione Campania Pasquale Di Marzo presented the results reached by the Technical Group, the actors guiding the development process of compatible ECVET LO units, who also embody the main hubs for project dissemination and the result dissemination stabilization network. The Technical Group is led by Arlas-Campania and assisted by the staff of the Campania Region School Department and ISFOL, the Project Coordinator. The other group members are: - Formedil Nazionale the national agency for vocational training in the construction sector; - Formedil, Campania Region; - Centro di Formazione delle Maestranze Edili di Napoli - the Naples Construction Masters Training Centre. The Technical Group is also assisted by the Piedmont Region School for Professional Construction Training in Cuneo. The participation of the national Formedil Office is also particularly important, as it has lead the drive to provide the construction sector with tools to make the most of worker competences. Mr Di Marzo explained that selecting the construction sector standard national qualification as a pilot for ECVET experimentation in Project COLOR was based on the fact that it is a broad-band type of qualification that allows us to discuss a shared system without losing touch with specific regional requirements. In fact, the State-Regions Agreement 4

5 (27 July 2011 and integrated by the subsequent Agreement dated 19 January 2012) integrates qualifications into the National Repertory for Education and Vocational Training: 22 Professional Roles associated to three-year instruction programmes to obtain the standard qualification as a professional operator. The Group has organized various technical meetings and developed a methodological procedure based on specific ECVET techniques, the system underlying the Repertory (as described in the 27 August 2011 Agreement) and the Repertory of Competences created by FORMEDIL for the Construction sector. The results reached by the Group have proven to be of interest even beyond our partnership. In fact, this experimentation will be analyzed by a delegation of representatives from Mediterranean Countries at the ECVET International Laboratory co-organized by ARLAS-Regione Campania and the Italian Ministry of Labour in Naples (8 November 2012). Mr Di Marzo concluded, "COLOR will allow us to address the local context in a more productive manner." The presentation (in Annex 2) is also available on our website: - Repertory of FORMEDIL Competences for ECVET Experimentation Rossella Martino Formedil Rossella Martino presented FORMEDIL and the vast range of services and activities that it provides at the regional and national levels via its 100 European and Vocational Training centres and the Reforme Network, which promotes closer ties amongst youth professionals and construction sector trainers. Ms Martino explained that Formedil joined Project COLOR because the sector is highly mobile: both construction sites and workers are geographically mobile and there is a strong need to unify markedly inhomogeneous regional regulations. In fact, Formedil has been working with a number of construction schools since the 1990s to improve traceability via European processes and tools such as the Record of Personal Achievement. The objective of homogeneity is being pursued via three tools: the repertory of competences (on-going), the repertory of didactic units and the training database (more than 20,000 courses). This methodology has proved useful both to learners and training designers by bringing them together; moreover, it is easily applicable to Project COLOR. An example from the Wall Construction Works area was provided to demonstrate how the two Repertories have been crossed (Construction Worker Qualification Repertory - 27 July 2011 and Formedil Repertory). In the first case, the Repertory is based on the need to indicate LOs for each qualification; while, in the second, the Repertory is based on the need to associate individuals to effective capabilities that can be recognized by anyone and exploited on the labour market. In short, the Technical Group has chosen to integrate the following approaches: - Develop ECVET units by using the descriptive part of LOs as per the nine competences on which the Construction Worker Qualification is based; 5

6 - Cross the LO descriptive part with the coherent competences listed in the Formedil Repertory; - Complete the ECVET LO Units, in terms of assessment, with the indicators of mastery (those indicators that prove an effective competence) defined for the Formedil Repertory Competences. Ms Martino called for the experimentation to be extended to other Partner Regions with local training facilities and underlined the importance of public-private partnerships. The Regione Calabria expressed its interest in these issues during the WC. Moreover, the Regione Toscana "thanked Formedil for its precious contribution," declaring that it is available to discuss these issues further. Project COLOR has allowed us to exchange views with a Tuscan Construction School in the context of evaluating and certifying competences in this sector." The presentation (in Annex 3) is also available on the website: ECVET Benefits and POV of a Construction School Laura Blua School for Professional Construction Training in Cuneo (Ente Scuola Per L'addestramento Professionale Edile Cuneo) Laura Blua introduced the nature and objectives of construction schools, including the Cuneo School, a structure that is officially recognized by the Piedmont Region. Ms Blua then described the contributions made by the 8 construction schools that have adopted the integrated network system to the definition of the sector procedures and roles. In terms of certifications, the Region has also created an official register for training certifiers. The collaboration with Project COLOR on the role of the construction worker has been very useful, especially as ECVET and the Formedil Repertory are compatible. The presentation (in Annex 4) is also available on the website: CONCLUSIONS Giorgia Costalonga closed the conference and thanked the speakers. Ms Costalonga also reminded participants that questions could be posed to the speakers via the contact information provided at the end of the conference. The recording of the conference is available at 6

7 7

8 Avanzamento del processo europeo di implementazione di ECVET e del percorso di COLOR Marta Santanicchia Isfol 18 Settembre 2012 Web Meeting Annex 1 Implementazione di ECVET è implementazione di tutti I sistemi-strumenti (TOOL) europei Facilitare la mobilità e il mutuo riconoscimento di titoli, qualifiche (QUALIFICATION) e competenze di studenti e lavoratori che, vogliano o debbano, vivere, studiare e lavorare in un paese diverso da quello di origine, spostarsi da un contesto regionale ad un altro o da un sistema di apprendimento ad un altro EQF ECVET EQAVET EUROPASS VALIDAZIONE Pur avendo ciascuno il proprio obiettivo specifico operano, adottando l approccio per LEARNING OUTCOMEs, per rendere i titoli e le qualifiche più facilmente: ottenibili, anche in più step (UNITA ) e a partire dal riconoscimento dell esperienza scambiabili perché trasparenti, leggibili e classificate (LIVELLI) convertibili e aggiornabili in termini di competenze utili al mercato del lavoro 8

9 ECVET E il sistema di trasferimento crediti che si applica ai titoli e qualifiche del sistema di istruzione e formazione non accademica (per i titoli accademici si applica l ECTS). Introdotto con Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno Opera fornendo, a chi progetta e rilascia titoli e qualifiche e anche a chi organizza esperienze di mobilità, indicazioni comuni e degli strumenti per rendere tali qualificazioni più flessibili e modulari (articolate in unità di risultati di apprendimento da intendere come qualification parziali ). ECVET quindi è funzionale a: European Credit Transfer System for VET realizzare, nell ambito dei percorsi formativi, esperienze di mobilità valutabili, integrate e quindi capitalizzabili ai fini del conseguimento di una qualification - ECVET per la mobilità rendere più flessibili e modulari i titoli e le qualifiche dei diversi paesi ECVET per i Sistemi VET e il lifelong learning ECVET I concetti e gli elementi tecnici fondamentali unità di risultati dell'apprendimento (con una serie elementi minimi indicati da Raccomandazione): un elemento del titolo o della qualifica costituito da una serie coerente di conoscenze, abilità e competenze suscettibili di essere valutate e convalidate; credito per i risultati dell'apprendimento: una serie di risultati dell'apprendimento valutati e che possono essere accumulati istituzione competente: l'istituzione responsabile della concezione e dell'attribuzione di qualifiche o del riconoscimento di unità o di altre funzioni quali: valutazione, convalida e riconoscimento dei risultati dell'apprendimento valutazione (1) convalida (2) riconoscimento dei risultati dell'apprendimento (3): (1) i metodi e i processi utilizzati per definire la misura in cui una persona ha effettivamente conseguito una particolare conoscenza, abilità o competenza; (2) conferma; (3) attestazione ufficiale punti ECVET: una rappresentazione numerica del peso complessivo dei risultati dell'apprendimento in una qualifica e del peso relativo delle unità in relazione alla qualifica. Implementazione di ECVET in Europa L implementazione di ECVET è partita in tutti i Paesi Europei anche se non sempre accompagnata da un piano di sviluppo formalizzato dai soggetti istituzionali In molti paesi ECVET è implementato nell ambito di un processo generale di modernizzazione e messa in efficienza dei sistemi di istruzione e formazione (con revisione delle qualificazioni con riferimento al LO approach, ottimizzazione metodi di assessment, sviluppo dello unit-based approach a favore dell occupabilità, etc.) Molti paesi hanno strettamente connesso ECVET alle attività di costruzione dei propri National Qualification Frameworks Sono stati istituiti 15 Punti di coordinamento nazionali ECVET e la maggior parte coincidono con i punti di coord. EQF e di riferimento EQAVET. Cfr. Cedefop (2012) The Development of ECVET in Europe

10 Implementazione di ECVET in Europa le condizioni necessarie individuate Definizione e condivisione degli obiettivi Chiara definizione della strategia e degli obiettivi che ciascun paese intende raggiungere attraverso ECVET, in una logica di equilibrio tra specificità di sistema e coerenza ai principi della strategia UE. Comunicazione, coinvolgimento e Capacity Building Affinché ECVET sia progressivamente adottato occorre che siano comunicati e condivisi obiettivi e benefici ai diversi soggetti e siano chiaramente definiti i compiti di ciascun attore nel processo di sviluppo di ECVET ECVET CONDIZIONI NECESSARIE Sviluppo dell approccio LOs nei Sistemi nazionali di titoli e qualifiche Lo sviluppo di un comune approccio basato sui LOs è condizione indispensabile per l applicazione di ECVET Facilitazione del trasferimento dei LOs articolando le qualificazioni in unità A partire da qualificazioni basate su LOs, l articolazione in Unità va a definire l insieme minimo e coerente di LOs che possono essere valutati e riconosciuti Sviluppo Cooperazione Sia che si tratti di mobilità geografica, sia tra sistemi di apprendimento, ECVET richiede sempre che sia preso in considerazione dell apprendimento maturato in altro contesto. Per questo è fondamentale lo sviluppo dei sistemi di cooperazione e la valorizzazione degli strumenti ad oggi esistenti a supporto della trasparenza (Europass, etc.) cfr. Cedefop Necessary condition for ECVET implementation 2012 Implementazione di ECVET in Italia Nella logica di un approccio integrato alla strategia per la mobilità è nodo chiave anche in relazione ad ECVET: il Processo di Referenziazione italiano ad EQF e la recente conclusione della consultazione sul Primo Rapporto di referenziazione italiano ad EQF ECVET: Implementazione attraverso NETECVET Progetti di mobilità Leonardo da Vinci Team nazionale di esperti ECVET Progetti di sperimentazione di ECVET con coinvolgimento di Istituzioni (questo è il caso di COLOR) Repertorio dell offerta di istruzione e formazione (27 Luglio 2011) giàadatto alla sperimentazione di ECVET ECVET specifiche tecniche TG METHODOLOGICAL APPROACH Repertorio delle competenze del settore Edile elaborato da Formedil 10

11 Annex 2 Pasquale di Marzo ARLAS- Regione Campania Formedil Regione Campania Rete nazionale scuole edili Gruppo Tecnico COLOR settore edile Scuola Edile Napoli Formedil Agenzia Nazionale COLOR Partnership Ufficioscolastico regionale RegioneCampania Arlas Campania Altre agenzie regionali Formedil ISFOL Scuola Edile di Cuneo Regione Piemonte Repertorio Nazionale dell offerta di istruzione e formazione professionale (Accordo Stato regioni 27 Luglio 2011) Operatore Edile qualifica pilota Il Repertorio nazionale è infatti caratterizzato da: un impianto condiviso su base nazionale - altamente coerente all approccio LOs e adatto all articolazione di unità trasferibili e compatibili con i principi ECVET un ampio ventaglio di ambiti settoriali due diversi livelli di qualificazione (livelli EQF 3 e 4) progressivi sviluppi normativi che lo stanno rendendo progressivamente più coerente con le indicazioni europee. 3 11

12 Repertorio delle competenze Formedil a supporto della sperimentazione Ecvet Rosella Martino - Formedil Annex 3 Banca Dati e Libretto Tracciare la professionalità edile Progetto Color Riflessione strategica Con l l introduzione del LIBRETTO DEL CITTADINO e il concetto di COMPETENZA, il Settore edile ha posto le basi per una riflessione più strategica della formazione 12

13 Formazione Qualità R.U. Individuo Valorizzazione R.U. In tal senso la TRACCIABILITA DELLE COMPETENZE diventa importante per supportare. lo SVILUPPO DI CARRIERA. Gli Strumenti adottati dal sistema edile L obiettivo di portare OMOGENEITA SUL TERRITORIO a dispetto di una diversificata normativa regionale in materia di profili e figure professionali,ha determinato la creazione di alcuni prodotti: 1. REPERTORIO DELLE COMPETENZE; 2. REPERTORIO DELLE UNITA DIDATTICHE; 3. BANCA DATI DELLA FORMAZIONE. Il sistema di strumenti messi a punto dal Formedil consentono: : 1. La TRACCIABILITA DEI RISULTATI di tutte le attività svolte dalle Scuole su persone e imprese; 2. L EVOLUZIONE NEL TEMPO in base alle esigenze e ai progetti che verranno. 13

14 Gli elementi descrittivi contenuti nella scheda del Repertorio Formedil Unità di Competenza ESECUZIONE DI MURATURA AL GREZZO Repertorio Tecnico Professionale area Muratura livello elementare specifiche Capacità esecutiva di murature in laterizio semplici di differente tipologia e articolazioni murarie a media complessità. redazione Prima redazione, 2008 Parte A. Competenze A.1 Risultato atteso (il A.2 Per il soggetto ha soggetto è in grado di) bisogno di sapere come: (elemento di Competenza) MIN 3 MAX 7 Tracciare semplici - - leggere uno schema di strutture murarie progetto, saper usare correttamente strumenti di misurazione; - - disegnare sul piano di Mettere in opera i riferimento il tracciato della riferimenti geometrici per muratura; la costruzione della - - riconoscere le altre figure muratura che operano nell ambito del tracciamento; Preparare le malte - - saper scegliere correttamente e usare gli strumenti del mestiere; - - operare in sicurezza; - -utilizzare le malte correttamente, scegliendole Realizzare la muratura in opportunamente e curandone laterizio l impasto; - - posizionare correttamente laterizi e i corsi garantendo l allineamento; Realizzare le aperture e le - - definire quote di imposta connessioni della struttura delle aperture murarie; - - integrare correttamente due muraria tipi di murature diverse e non allineate. Parte B. Indicatori di padronanza B.1 Per dimostrare di saper B.2 Indici di accettabilità il soggetto deve (saper della performance: fare): (Descrizione EdC) saper tracciare la pianta di un semplice manufatto in muratura saper mettere in opera almeno due stagge e tendere tra esse il filo per l allineamento saper preparare la malta scegliendo materiali, quantità, tecniche ed eventuali strumenti; saper realizzare corsi di muratura a 1 e 2 teste secondo un disegno planimetrico dato saper eseguire il posizionamento di apertura e architravi, eseguendo correttamente gli ammorsamenti previsti C.1 Prerequisiti C.2. Indicazioni didattiche Area Muratura: Assistenza alla muratura - - la localizzazione rispetto ai riferimenti è esatta; - - il tracciato è preciso e le misure sono esatte; - - le stagge sono collocate in posizione corretta; allineate e ben fissate; - - il filo di collegamento è orizzontale e ben teso; - - i materiali sono scelti correttamente e l impasto è come desiderato; - - gli strumenti e le macchine sono utilizzati in modo corretto e sicuro; - - la muratura e gli spigoli sono verticali, le facce complanari, i corsi sono regolari; - - tutte le attività sono svolte in sicurezza; - - aperture e architravi sono posizionati correttamente; - - gli ammorsamenti sono localizzati correttamente; - - gli incastri sono realizzati correttamente. Costruzione di un Unità di LOs ECVET dall incrocio tra gli elementi descrittivi della Qualifica di Operatore Edile (Accordo 27 luglio 2011) e la scheda del Repertorio Formedil Unità di LOs 6 Eseguire opere in muratura per costruzioni edili Qualifica di riferimento: Operatore Edile (IeFP) Livello EQF: 3 Processo di lavoro di riferimento: C. lavorazioni in muratura Risultati di apprendimento: Competenza Abilità Conoscenze 6) Eseguire opere in muratura per costruzioni edili, sulla base delle indicazioni e delle specifiche progettuali e nel rispetto degli standard di sicurezza specifici di settore - Identificare gli elementi degli elaborati tecnici; - Applicare tecniche di tracciatura; - Applicare tecniche di preparazione della malta; - Applicare tecniche di costruzione di opere in muratura; - Applicare tecniche per la realizzazione di opere di sostegno; - Applicare tecniche di demolizione e smaltimento materiale di risulta; - Applicare tecniche di costruzione di coperture piane e inclinate in muratura. - Caratteristiche degli inerti e dei leganti; - Norme sulla sicurezza e sulla prevenzione degli infortuni nei cantieri; - Nozioni tecniche di tracciatura; - Processo di produzione degli impasti cementizi; - Tecniche delle lavorazioni in muratura; - Tecniche di realizzazione di puntellamenti; - Tipologie di murature in laterizio; - Tipologie e tecniche realizzative di coperture in muratura. Quadro di incrocio tra LOs dell Unità e competenze Repertorio Formedil Accordo Stato-Regioni Bdc Formedil Accordo Stato-Regioni 27 Luglio 2011 (27 Luglio 2011) Competenza n. 6 Area Unità competenze Abilità Conoscenze Eseguire opere in Identificare gli elementi degli elaborati muratura per Lettura ed tecnici costruzioni edili sulla base delle indicazioni e interpretazione di base del disegno (LIVELLO ELEMENTARE) delle specifiche progettuali e nel Interpretazione di rispetto degli standard elaborati architettonici di sicurezza specifici di DISEGNO EDILE BASE (LIVELLO ELEMENTARE) settore Tracciamento interno - Manufatti ed articolazioni murarie (LIVELLO ELEMENTARE) Norme sulla sicurezza e sulla prevenzione degli infortuni nei cantieri Applicare tecniche di preparazione della Processo di produzione degli impasti cementizi malta Assistenza alla muratura Applicare tecniche di demolizione e Caratteristiche degli inerti e dei leganti (LIVELLO smaltimento materiale di risulta ELEMENTARE) Norme sulla sicurezza e sulla prevenzione degli infortuni nei cantieri Applicare tecniche di tracciatura Nozioni tecniche di tracciatura Applicare tecniche di preparazione della Processo di produzione degli impasti cementizi malta Applicare tecniche di costruzione di Esecuzione di muratura MURATURA Tecniche delle lavorazioni in muratura opere in muratura al grezzo Applicare tecniche per realizzare opere (LIVELLO ELEMENTARE) Tecniche di realizzazione di puntellamenti di sostegno Norme sulla sicurezza e sulla prevenzione degli infortuni nei cantieri Applicare tecniche di costruzione di Tipologie e tecniche realizzative di coperture in Montaggio elementi di coperture piane e inclinate in muratura muratura copertura Norme sulla sicurezza e sulla prevenzione degli (LIVELLO INTERMEDIO) infortuni nei cantieri 14

15 Assessment (Che cosa valuto, metodologia e strumenti) Che cosa valuto Metodologia di assesssment Strumento (competenza, abilità e conoscenza) Competenza e abilità Sessioni di diretta osservazione durante Griglia di osservazione basata su: lo svolgimento di attività pratiche -Risultato atteso (il soggetto è in grado di) -Performance (Per dimostrare di saper... il soggetto deve saper fare) -Indici di accettabilità della performance Conoscenze Prova scritta individuale a risposta Questionario multipla Modello griglia di osservazione relativa a: Esecuzione di muratura al grezzo A1. Risultato atteso (il B1. Per dimostrare di saper... il B2. Indici di accettabilità della performance: Abilità soggetto soggetto deve (saper fare): posseduta? è in grado di) (elemento di competenza) Tracciare semplici Saper tracciare la pianta di un - la localizzazione rispetto ai riferimenti è strutture murarie semplice manufatto in esatta; muratura - il tracciato è preciso e le misure sono esatte; - le stagge sono collocate in posizione corretta; Mettere in opera i Saper mettere in opera almeno riferimenti due stagge e tendere tra esse il - allineate e ben fissate; - il filo di collegamento è orizzontale e ben geometrici per la filo per l allineamento teso; costruzione della - i materiali sono scelti correttamente e muratura l impasto è come desiderato; Preparare le malte Saper preparare la malta gli strumenti e le macchine sono utilizzati in scegliendo materiali, quantità, modo corretto e sicuro; tecniche ed eventuali strumenti - la muratura e gli spigoli sono verticali, le facce complanari, i corsi sono regolari; - tutte le attività sono svolte in sicurezza; Realizzare la muratura Saper realizzare corsi di muratura - aperture e architravi sono posizionati in laterizio a 1 e 2 teste secondo un disegno correttamente; planimetrico dato - gli ammorsamenti sono localizzati correttamente; - gli incastri sono realizzati correttamente. Realizzare le aperture e Saper eseguire il posizionamento le connessioni della di apertura e architravi, eseguendo struttura muraria correttamente gli ammorsamenti previsti 15

16 Geom. Laura Blua SCUOLA EDILE CUNEO Annex 4 L'ENTE SCUOLA EDILE DI CUNEO è un Ente bilaterale di categoria, costituito ai sensi dell art. 36 e seguenti del Codice Civile e rientra tra quelli riconosciuti ai sensi dell art. 11 della Legge Regionale n 63/ 95. Non ha scopo di lucro ed è lo strumento paritetico che le parti sociali hanno individuato, per il perseguimento dei fini istituzionali previsti dallo Statuto e dai contratti ed accordi collettivi stipulati a livello nazionale e provinciale. E promosso e gestito insieme dalle Associazioni Imprenditoriali, e dalle organizzazioni Sindacali. Il meccanismo di finanziamento è previsto dalle normative contrattuali attraverso una percentuale contributiva versata dalle imprese sulla massa salari La formazione professionale, l informazione e l attivitl attività di consulenza sono realizzate in Italia, da un sistema a gestione paritetica,, che avvalendosi di organismi di indirizzo e coordinamento centrale, realizza le proprie attività attraverso le scuole edili territoriali, tenendo conto delle esigenze del lavoro del mercato locale. 16

17 REGIONE PIEMONTE - COMMISSIONE EDILE La Regione Piemonte ha istituito una serie di commissioni per comparto al fine di predisporre i profili e i percorsi con l obiettivo di affrontare anche il tema della certificazione delle competenze. Per quanto concerne il settore industria comparto edile, la Regione Piemonte ha tenuto conto del sistema Regionale Edile, infatti la Commissione Edile vede la partecipazione delle 8 Scuole Edili presenti sul territorio regionale piemontese. Il contributo da noi apportato è stato quello di definire le figure per il settore tra cui anche la figura di cui all Accordo Nazionale Stato Regioni. Il Sistema Integrato in Rete Collegamenti Collegamenti èil sistema integrato in rete per il modellamento e la gestione per Competenze dei Profili Professionali, dei Percorsi Formativi e delle Prove Finali di Qualifica e Specializzazione. Profili E' lo strumento dedicato al modellamento dei Profili Professionali (in senso lato) per Competenze. In particolare Profili consente di:. modellare un profilo riferito ad un'area di attività;. creare repertori di Competenze, Attività e Profili;. aggiornare costantemente i Repertori Creati. indicare criteri per la definizione di percorsi formativi;. generare documentazione per la presentazione dei Profili. Percorsi E' lo strumento dedicato al modellamento dei Percorsi Formativi per Unità Formative. In particolare Percorsi consente di:. modellare percorsi formativi riferiti ad un profilo professionale;. definire Unità Formative strutturate in fasi/moduli;. specificare contenuti, tempi e modalità formative;. generare documentazione per la presentazione dei Percorsi. Valutazioni E' lo strumento dedicato al modellamento dei percorsi di Valutazione per le Prove Finali di Qualifica e Specializzazione In particolare Valutazioni consente di:. creare Percorsi di Valutazione;. creare Repertori di domande;. implementare criteri di Valutazione;. presentare/somministrare questionari e griglie di valutazione;. gestire graduatorie e graduatorie integrate. Formazione formatori SISTEMA DI CERTIFICAZIONE- OPERAZIONI La Regione Piemonte ha inoltre organizzato un corso di Formazione Formatori Sistema di certificazione Operazioni 17

18 PROGETTO COLOR Il coinvolgimento da parte delle Scuole Edili nel progetto COLOR, per quanto concerne la figura dell OPERATORE EDILE, èstato molto interessante per due principali motivi: Già progettato profilo e percorso in sede di Commissione Edile con il sistema Il Sistema Integrato in Rete "Collegamenti" sopra descritto Tale figura inoltre ben si sposa con la logica del repertorio delle competenze elaborato dal Formedil e che ha dato degli ottimi risultati anche rispetto al lavoro del progetto europeo color Le problematiche riscontrate: Necessità di avere sicuramente un quadro di riferimento nazionale condiviso tra stato e regioni risolvere la questione del libretto e della certificazione delle competenze Punti di forza: La certificazione delle competenze nel nostro sistema Nazionale sono attestate dal: Repertorio delle competenze Formedil Banca Dati e Libretto Tracciare la professionalità edile PSP progettare lo sviluppo di carriera 18

19 GRAZIE DELL ATTENZIONE ************ 19

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO Manuale per la formazione di: AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) & OPERATORI DI MAGAZZINO Redatto come parte del progetto CENTRAL Qualifiche Professionali nell ambito dei Trasporti

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Riconoscimento e validazione delle ompetenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche

Riconoscimento e validazione delle ompetenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche Riconoscimento e validazione delle ompetenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche Partner del progetto: Volkshochschule im Landkreis Cham e.v. (VHS Cham) Cham, Germany

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME Leonardo da Vinci Application form 2008 TRANSFER OF INNOVATION

LIFELONG LEARNING PROGRAMME Leonardo da Vinci Application form 2008 TRANSFER OF INNOVATION LIFELONG LEARNING PROGRAMME Leonardo da Vinci Application form 2008 TRANSFER OF INNOVATION PLEASE NOTE THAT THE TABLES REFERRED TO IN CERTAIN FIELDS OF THIS FORM CAN BE FOUND IN THE ANNEX. 1. SUBMISSION

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION PSS Worldwide is one of the most important diver training agencies in the world. It was created thanks to the passion of a few dedicated diving instructors

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Tuning Educational Structures in Europe

Tuning Educational Structures in Europe Un introduzione a Tuning Educational Structures in Europe Il contributo delle Università al Processo di Bologna 1 CONTENUTO 1. INTRODUZIONE 2. LA METODOLOGIA TUNING 3. COMPETENZE NEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING Innovazione nei contenuti e nelle modalità della formazione: il BIM per l integrazione dei diversi aspetti progettuali e oltre gli aspetti manageriali, gestionali, progettuali e costruttivi con strumento

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Riconoscimento e validazione delle competenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche

Riconoscimento e validazione delle competenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche Riconoscimento e validazione delle competenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche Manuale contenente gli Strumenti per il Riconoscimento e la Validazione delle Competenze

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Riconoscimento dell apprendimento informale e non-formale

Riconoscimento dell apprendimento informale e non-formale Riconoscimento dell apprendimento informale e non-formale Linee guida e materiali per i rappresentanti sindacali Versione Italia 1 Introduzione Per ottenere ottime condizioni di lavoro e di partecipazione

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat with cap. 3015001 with cap. 3900001 with connector 3900200 with cable A richiesta disponibile la versione certifi- Version available on request 124

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli