2 nd Web Conference ECVET for the Construction Sector: towards the recognition of Learning Outcomes. Report

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 nd Web Conference ECVET for the Construction Sector: towards the recognition of Learning Outcomes. Report"


1 LLL Leonardo da Vinci Sub-Program Support to National Projects to Test and Develop ECVET EACEA/08/2010 Grant Agreement: / nd Web Conference ECVET for the Construction Sector: towards the recognition of Learning Outcomes Report Workpackage/s No. 7 Workpackage Title File Name: Stage: D: draft P: partial document RD: revised draft C: complete R: revised; F: final; S: submitted to EC Date Result Dissemination 2nd Web Conference Report Gate 85% D % RD % F This project has been funded with support from the European Commission. This product LLL reflects the views only of the authors, and the Commission Leonardo cannot be da held Vinci responsible Sub-Program for any use which may be made of the information contained therein. Support to National Projects to Test and Develop ECVET EACEA/08/2010

2 2

3 2 nd Web Conference ECVET for the Construction Sector: towards the recognition of Learning Outcomes 18 September 2012 Report This report presents an overview of the conclusions reached by the 2 nd Project COLOR Web Conference (WC) held on September 18, 2012 and organized by ISFOL (Project Coordinator) with the technical support of IAL Friuli and in collaboration with national partners. The WC brought together 45 stakeholders and Italian actors to share their current experiences and best practices with the aim of promoting the mobility of Learning Outcomes in the Construction sector. INTRODUCTION Moderator Giorgia Costalonga (IAL) welcomed participants and introduced the speakers (names and presentation titles are provided below) of the 2 nd Web Conference, an integral part of the Project COLOR dissemination plan. After quickly reviewing the project objectives, Ms Costalonga turned the floor over to Marta Santanicchia, ISFOL ECVET expert and member of the Project COLOR team, to open the works. PRESENTATIONS Here is a quick summary of the scheduled presentations. Please refer to the appendices for further details. - Advancement of the European Process for ECVET Implementation and Project COLOR Marta Santanicchia ISFOL Marta Santanicchia provided both background and conceptual information on the ECVET System and related processes to help everyone better understand the COLOR technical process. After having introduced the contextual elements for the project, which will end in the 2 nd semester of 2013, the discussion turned to the progress of the project during the second phase. Ms Santanicchia illustrated ECVET as a system and a tool that is used in the European strategy for the transparency and mobility of titles, qualifications and competences. This strategy is based on a series of processes that are currently being developed both at the national and European levels, including: EQF, EQAVET, NFIL (principles for the recognition of non formal and informal learning), ECTS e EUROPASS (see Annex 1). T hese elements are like the many pieces of a greater mosaic: once completed, it will facilitate the mobility and mutual recognition of qualifications. Subsequently, Ms Santanicchia illustrated the distinctive characteristics of these elements through key words: EQF - qualification 3

4 classification; EQAVET - quality; Europass - portfolio of documents, including the European CV. The common objective is to make it easier to obtain and exchange qualifications so to satisfy labour market requests. In terms of the application challenge, Cedefop s Necessary conditions for ECVET implementation identifies the elements that are necessary for a correct implementation of the system and indicates the importance of involving institutions and sharing a common objective. Italy has completed the consultation phase on the National Report on EQF Referencing, a clear signal that all the institutional actors have been involved. ECVET is currently being experimented by: The European NETECVET Network of National Leonardo da Vinci-LLP Agencies for the exchange of mobility project good practices; The ECVET network of national experts operating at ISFOL for ; Pilot projects such as COLOR. A survey has revealed that 48% of participants were unaware of ECVET. This clearly indicates that a lot of work must still be accomplished in terms of dissemination and promotion. Ms Santanicchia ended her presentation by inviting participants to turn to the COLOR website (http://www.color-project.org) for further details on ECVET experimentation and related processes. - Results Reached by the COLOR Technical Group Leading Experimentation in the Construction Sector - Pasquale Di Marzo ARLAS Regione Campania Pasquale Di Marzo presented the results reached by the Technical Group, the actors guiding the development process of compatible ECVET LO units, who also embody the main hubs for project dissemination and the result dissemination stabilization network. The Technical Group is led by Arlas-Campania and assisted by the staff of the Campania Region School Department and ISFOL, the Project Coordinator. The other group members are: - Formedil Nazionale the national agency for vocational training in the construction sector; - Formedil, Campania Region; - Centro di Formazione delle Maestranze Edili di Napoli - the Naples Construction Masters Training Centre. The Technical Group is also assisted by the Piedmont Region School for Professional Construction Training in Cuneo. The participation of the national Formedil Office is also particularly important, as it has lead the drive to provide the construction sector with tools to make the most of worker competences. Mr Di Marzo explained that selecting the construction sector standard national qualification as a pilot for ECVET experimentation in Project COLOR was based on the fact that it is a broad-band type of qualification that allows us to discuss a shared system without losing touch with specific regional requirements. In fact, the State-Regions Agreement 4

5 (27 July 2011 and integrated by the subsequent Agreement dated 19 January 2012) integrates qualifications into the National Repertory for Education and Vocational Training: 22 Professional Roles associated to three-year instruction programmes to obtain the standard qualification as a professional operator. The Group has organized various technical meetings and developed a methodological procedure based on specific ECVET techniques, the system underlying the Repertory (as described in the 27 August 2011 Agreement) and the Repertory of Competences created by FORMEDIL for the Construction sector. The results reached by the Group have proven to be of interest even beyond our partnership. In fact, this experimentation will be analyzed by a delegation of representatives from Mediterranean Countries at the ECVET International Laboratory co-organized by ARLAS-Regione Campania and the Italian Ministry of Labour in Naples (8 November 2012). Mr Di Marzo concluded, "COLOR will allow us to address the local context in a more productive manner." The presentation (in Annex 2) is also available on our website: - Repertory of FORMEDIL Competences for ECVET Experimentation Rossella Martino Formedil Rossella Martino presented FORMEDIL and the vast range of services and activities that it provides at the regional and national levels via its 100 European and Vocational Training centres and the Reforme Network, which promotes closer ties amongst youth professionals and construction sector trainers. Ms Martino explained that Formedil joined Project COLOR because the sector is highly mobile: both construction sites and workers are geographically mobile and there is a strong need to unify markedly inhomogeneous regional regulations. In fact, Formedil has been working with a number of construction schools since the 1990s to improve traceability via European processes and tools such as the Record of Personal Achievement. The objective of homogeneity is being pursued via three tools: the repertory of competences (on-going), the repertory of didactic units and the training database (more than 20,000 courses). This methodology has proved useful both to learners and training designers by bringing them together; moreover, it is easily applicable to Project COLOR. An example from the Wall Construction Works area was provided to demonstrate how the two Repertories have been crossed (Construction Worker Qualification Repertory - 27 July 2011 and Formedil Repertory). In the first case, the Repertory is based on the need to indicate LOs for each qualification; while, in the second, the Repertory is based on the need to associate individuals to effective capabilities that can be recognized by anyone and exploited on the labour market. In short, the Technical Group has chosen to integrate the following approaches: - Develop ECVET units by using the descriptive part of LOs as per the nine competences on which the Construction Worker Qualification is based; 5

6 - Cross the LO descriptive part with the coherent competences listed in the Formedil Repertory; - Complete the ECVET LO Units, in terms of assessment, with the indicators of mastery (those indicators that prove an effective competence) defined for the Formedil Repertory Competences. Ms Martino called for the experimentation to be extended to other Partner Regions with local training facilities and underlined the importance of public-private partnerships. The Regione Calabria expressed its interest in these issues during the WC. Moreover, the Regione Toscana "thanked Formedil for its precious contribution," declaring that it is available to discuss these issues further. Project COLOR has allowed us to exchange views with a Tuscan Construction School in the context of evaluating and certifying competences in this sector." The presentation (in Annex 3) is also available on the website: ECVET Benefits and POV of a Construction School Laura Blua School for Professional Construction Training in Cuneo (Ente Scuola Per L'addestramento Professionale Edile Cuneo) Laura Blua introduced the nature and objectives of construction schools, including the Cuneo School, a structure that is officially recognized by the Piedmont Region. Ms Blua then described the contributions made by the 8 construction schools that have adopted the integrated network system to the definition of the sector procedures and roles. In terms of certifications, the Region has also created an official register for training certifiers. The collaboration with Project COLOR on the role of the construction worker has been very useful, especially as ECVET and the Formedil Repertory are compatible. The presentation (in Annex 4) is also available on the website: CONCLUSIONS Giorgia Costalonga closed the conference and thanked the speakers. Ms Costalonga also reminded participants that questions could be posed to the speakers via the contact information provided at the end of the conference. The recording of the conference is available at 6

7 7

8 Avanzamento del processo europeo di implementazione di ECVET e del percorso di COLOR Marta Santanicchia Isfol 18 Settembre 2012 Web Meeting Annex 1 Implementazione di ECVET è implementazione di tutti I sistemi-strumenti (TOOL) europei Facilitare la mobilità e il mutuo riconoscimento di titoli, qualifiche (QUALIFICATION) e competenze di studenti e lavoratori che, vogliano o debbano, vivere, studiare e lavorare in un paese diverso da quello di origine, spostarsi da un contesto regionale ad un altro o da un sistema di apprendimento ad un altro EQF ECVET EQAVET EUROPASS VALIDAZIONE Pur avendo ciascuno il proprio obiettivo specifico operano, adottando l approccio per LEARNING OUTCOMEs, per rendere i titoli e le qualifiche più facilmente: ottenibili, anche in più step (UNITA ) e a partire dal riconoscimento dell esperienza scambiabili perché trasparenti, leggibili e classificate (LIVELLI) convertibili e aggiornabili in termini di competenze utili al mercato del lavoro 8

9 ECVET E il sistema di trasferimento crediti che si applica ai titoli e qualifiche del sistema di istruzione e formazione non accademica (per i titoli accademici si applica l ECTS). Introdotto con Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno Opera fornendo, a chi progetta e rilascia titoli e qualifiche e anche a chi organizza esperienze di mobilità, indicazioni comuni e degli strumenti per rendere tali qualificazioni più flessibili e modulari (articolate in unità di risultati di apprendimento da intendere come qualification parziali ). ECVET quindi è funzionale a: European Credit Transfer System for VET realizzare, nell ambito dei percorsi formativi, esperienze di mobilità valutabili, integrate e quindi capitalizzabili ai fini del conseguimento di una qualification - ECVET per la mobilità rendere più flessibili e modulari i titoli e le qualifiche dei diversi paesi ECVET per i Sistemi VET e il lifelong learning ECVET I concetti e gli elementi tecnici fondamentali unità di risultati dell'apprendimento (con una serie elementi minimi indicati da Raccomandazione): un elemento del titolo o della qualifica costituito da una serie coerente di conoscenze, abilità e competenze suscettibili di essere valutate e convalidate; credito per i risultati dell'apprendimento: una serie di risultati dell'apprendimento valutati e che possono essere accumulati istituzione competente: l'istituzione responsabile della concezione e dell'attribuzione di qualifiche o del riconoscimento di unità o di altre funzioni quali: valutazione, convalida e riconoscimento dei risultati dell'apprendimento valutazione (1) convalida (2) riconoscimento dei risultati dell'apprendimento (3): (1) i metodi e i processi utilizzati per definire la misura in cui una persona ha effettivamente conseguito una particolare conoscenza, abilità o competenza; (2) conferma; (3) attestazione ufficiale punti ECVET: una rappresentazione numerica del peso complessivo dei risultati dell'apprendimento in una qualifica e del peso relativo delle unità in relazione alla qualifica. Implementazione di ECVET in Europa L implementazione di ECVET è partita in tutti i Paesi Europei anche se non sempre accompagnata da un piano di sviluppo formalizzato dai soggetti istituzionali In molti paesi ECVET è implementato nell ambito di un processo generale di modernizzazione e messa in efficienza dei sistemi di istruzione e formazione (con revisione delle qualificazioni con riferimento al LO approach, ottimizzazione metodi di assessment, sviluppo dello unit-based approach a favore dell occupabilità, etc.) Molti paesi hanno strettamente connesso ECVET alle attività di costruzione dei propri National Qualification Frameworks Sono stati istituiti 15 Punti di coordinamento nazionali ECVET e la maggior parte coincidono con i punti di coord. EQF e di riferimento EQAVET. Cfr. Cedefop (2012) The Development of ECVET in Europe

10 Implementazione di ECVET in Europa le condizioni necessarie individuate Definizione e condivisione degli obiettivi Chiara definizione della strategia e degli obiettivi che ciascun paese intende raggiungere attraverso ECVET, in una logica di equilibrio tra specificità di sistema e coerenza ai principi della strategia UE. Comunicazione, coinvolgimento e Capacity Building Affinché ECVET sia progressivamente adottato occorre che siano comunicati e condivisi obiettivi e benefici ai diversi soggetti e siano chiaramente definiti i compiti di ciascun attore nel processo di sviluppo di ECVET ECVET CONDIZIONI NECESSARIE Sviluppo dell approccio LOs nei Sistemi nazionali di titoli e qualifiche Lo sviluppo di un comune approccio basato sui LOs è condizione indispensabile per l applicazione di ECVET Facilitazione del trasferimento dei LOs articolando le qualificazioni in unità A partire da qualificazioni basate su LOs, l articolazione in Unità va a definire l insieme minimo e coerente di LOs che possono essere valutati e riconosciuti Sviluppo Cooperazione Sia che si tratti di mobilità geografica, sia tra sistemi di apprendimento, ECVET richiede sempre che sia preso in considerazione dell apprendimento maturato in altro contesto. Per questo è fondamentale lo sviluppo dei sistemi di cooperazione e la valorizzazione degli strumenti ad oggi esistenti a supporto della trasparenza (Europass, etc.) cfr. Cedefop Necessary condition for ECVET implementation 2012 Implementazione di ECVET in Italia Nella logica di un approccio integrato alla strategia per la mobilità è nodo chiave anche in relazione ad ECVET: il Processo di Referenziazione italiano ad EQF e la recente conclusione della consultazione sul Primo Rapporto di referenziazione italiano ad EQF ECVET: Implementazione attraverso NETECVET Progetti di mobilità Leonardo da Vinci Team nazionale di esperti ECVET Progetti di sperimentazione di ECVET con coinvolgimento di Istituzioni (questo è il caso di COLOR) Repertorio dell offerta di istruzione e formazione (27 Luglio 2011) giàadatto alla sperimentazione di ECVET ECVET specifiche tecniche TG METHODOLOGICAL APPROACH Repertorio delle competenze del settore Edile elaborato da Formedil 10

11 Annex 2 Pasquale di Marzo ARLAS- Regione Campania Formedil Regione Campania Rete nazionale scuole edili Gruppo Tecnico COLOR settore edile Scuola Edile Napoli Formedil Agenzia Nazionale COLOR Partnership Ufficioscolastico regionale RegioneCampania Arlas Campania Altre agenzie regionali Formedil ISFOL Scuola Edile di Cuneo Regione Piemonte Repertorio Nazionale dell offerta di istruzione e formazione professionale (Accordo Stato regioni 27 Luglio 2011) Operatore Edile qualifica pilota Il Repertorio nazionale è infatti caratterizzato da: un impianto condiviso su base nazionale - altamente coerente all approccio LOs e adatto all articolazione di unità trasferibili e compatibili con i principi ECVET un ampio ventaglio di ambiti settoriali due diversi livelli di qualificazione (livelli EQF 3 e 4) progressivi sviluppi normativi che lo stanno rendendo progressivamente più coerente con le indicazioni europee. 3 11

12 Repertorio delle competenze Formedil a supporto della sperimentazione Ecvet Rosella Martino - Formedil Annex 3 Banca Dati e Libretto Tracciare la professionalità edile Progetto Color Riflessione strategica Con l l introduzione del LIBRETTO DEL CITTADINO e il concetto di COMPETENZA, il Settore edile ha posto le basi per una riflessione più strategica della formazione 12

13 Formazione Qualità R.U. Individuo Valorizzazione R.U. In tal senso la TRACCIABILITA DELLE COMPETENZE diventa importante per supportare. lo SVILUPPO DI CARRIERA. Gli Strumenti adottati dal sistema edile L obiettivo di portare OMOGENEITA SUL TERRITORIO a dispetto di una diversificata normativa regionale in materia di profili e figure professionali,ha determinato la creazione di alcuni prodotti: 1. REPERTORIO DELLE COMPETENZE; 2. REPERTORIO DELLE UNITA DIDATTICHE; 3. BANCA DATI DELLA FORMAZIONE. Il sistema di strumenti messi a punto dal Formedil consentono: : 1. La TRACCIABILITA DEI RISULTATI di tutte le attività svolte dalle Scuole su persone e imprese; 2. L EVOLUZIONE NEL TEMPO in base alle esigenze e ai progetti che verranno. 13

14 Gli elementi descrittivi contenuti nella scheda del Repertorio Formedil Unità di Competenza ESECUZIONE DI MURATURA AL GREZZO Repertorio Tecnico Professionale area Muratura livello elementare specifiche Capacità esecutiva di murature in laterizio semplici di differente tipologia e articolazioni murarie a media complessità. redazione Prima redazione, 2008 Parte A. Competenze A.1 Risultato atteso (il A.2 Per il soggetto ha soggetto è in grado di) bisogno di sapere come: (elemento di Competenza) MIN 3 MAX 7 Tracciare semplici - - leggere uno schema di strutture murarie progetto, saper usare correttamente strumenti di misurazione; - - disegnare sul piano di Mettere in opera i riferimento il tracciato della riferimenti geometrici per muratura; la costruzione della - - riconoscere le altre figure muratura che operano nell ambito del tracciamento; Preparare le malte - - saper scegliere correttamente e usare gli strumenti del mestiere; - - operare in sicurezza; - -utilizzare le malte correttamente, scegliendole Realizzare la muratura in opportunamente e curandone laterizio l impasto; - - posizionare correttamente laterizi e i corsi garantendo l allineamento; Realizzare le aperture e le - - definire quote di imposta connessioni della struttura delle aperture murarie; - - integrare correttamente due muraria tipi di murature diverse e non allineate. Parte B. Indicatori di padronanza B.1 Per dimostrare di saper B.2 Indici di accettabilità il soggetto deve (saper della performance: fare): (Descrizione EdC) saper tracciare la pianta di un semplice manufatto in muratura saper mettere in opera almeno due stagge e tendere tra esse il filo per l allineamento saper preparare la malta scegliendo materiali, quantità, tecniche ed eventuali strumenti; saper realizzare corsi di muratura a 1 e 2 teste secondo un disegno planimetrico dato saper eseguire il posizionamento di apertura e architravi, eseguendo correttamente gli ammorsamenti previsti C.1 Prerequisiti C.2. Indicazioni didattiche Area Muratura: Assistenza alla muratura - - la localizzazione rispetto ai riferimenti è esatta; - - il tracciato è preciso e le misure sono esatte; - - le stagge sono collocate in posizione corretta; allineate e ben fissate; - - il filo di collegamento è orizzontale e ben teso; - - i materiali sono scelti correttamente e l impasto è come desiderato; - - gli strumenti e le macchine sono utilizzati in modo corretto e sicuro; - - la muratura e gli spigoli sono verticali, le facce complanari, i corsi sono regolari; - - tutte le attività sono svolte in sicurezza; - - aperture e architravi sono posizionati correttamente; - - gli ammorsamenti sono localizzati correttamente; - - gli incastri sono realizzati correttamente. Costruzione di un Unità di LOs ECVET dall incrocio tra gli elementi descrittivi della Qualifica di Operatore Edile (Accordo 27 luglio 2011) e la scheda del Repertorio Formedil Unità di LOs 6 Eseguire opere in muratura per costruzioni edili Qualifica di riferimento: Operatore Edile (IeFP) Livello EQF: 3 Processo di lavoro di riferimento: C. lavorazioni in muratura Risultati di apprendimento: Competenza Abilità Conoscenze 6) Eseguire opere in muratura per costruzioni edili, sulla base delle indicazioni e delle specifiche progettuali e nel rispetto degli standard di sicurezza specifici di settore - Identificare gli elementi degli elaborati tecnici; - Applicare tecniche di tracciatura; - Applicare tecniche di preparazione della malta; - Applicare tecniche di costruzione di opere in muratura; - Applicare tecniche per la realizzazione di opere di sostegno; - Applicare tecniche di demolizione e smaltimento materiale di risulta; - Applicare tecniche di costruzione di coperture piane e inclinate in muratura. - Caratteristiche degli inerti e dei leganti; - Norme sulla sicurezza e sulla prevenzione degli infortuni nei cantieri; - Nozioni tecniche di tracciatura; - Processo di produzione degli impasti cementizi; - Tecniche delle lavorazioni in muratura; - Tecniche di realizzazione di puntellamenti; - Tipologie di murature in laterizio; - Tipologie e tecniche realizzative di coperture in muratura. Quadro di incrocio tra LOs dell Unità e competenze Repertorio Formedil Accordo Stato-Regioni Bdc Formedil Accordo Stato-Regioni 27 Luglio 2011 (27 Luglio 2011) Competenza n. 6 Area Unità competenze Abilità Conoscenze Eseguire opere in Identificare gli elementi degli elaborati muratura per Lettura ed tecnici costruzioni edili sulla base delle indicazioni e interpretazione di base del disegno (LIVELLO ELEMENTARE) delle specifiche progettuali e nel Interpretazione di rispetto degli standard elaborati architettonici di sicurezza specifici di DISEGNO EDILE BASE (LIVELLO ELEMENTARE) settore Tracciamento interno - Manufatti ed articolazioni murarie (LIVELLO ELEMENTARE) Norme sulla sicurezza e sulla prevenzione degli infortuni nei cantieri Applicare tecniche di preparazione della Processo di produzione degli impasti cementizi malta Assistenza alla muratura Applicare tecniche di demolizione e Caratteristiche degli inerti e dei leganti (LIVELLO smaltimento materiale di risulta ELEMENTARE) Norme sulla sicurezza e sulla prevenzione degli infortuni nei cantieri Applicare tecniche di tracciatura Nozioni tecniche di tracciatura Applicare tecniche di preparazione della Processo di produzione degli impasti cementizi malta Applicare tecniche di costruzione di Esecuzione di muratura MURATURA Tecniche delle lavorazioni in muratura opere in muratura al grezzo Applicare tecniche per realizzare opere (LIVELLO ELEMENTARE) Tecniche di realizzazione di puntellamenti di sostegno Norme sulla sicurezza e sulla prevenzione degli infortuni nei cantieri Applicare tecniche di costruzione di Tipologie e tecniche realizzative di coperture in Montaggio elementi di coperture piane e inclinate in muratura muratura copertura Norme sulla sicurezza e sulla prevenzione degli (LIVELLO INTERMEDIO) infortuni nei cantieri 14

15 Assessment (Che cosa valuto, metodologia e strumenti) Che cosa valuto Metodologia di assesssment Strumento (competenza, abilità e conoscenza) Competenza e abilità Sessioni di diretta osservazione durante Griglia di osservazione basata su: lo svolgimento di attività pratiche -Risultato atteso (il soggetto è in grado di) -Performance (Per dimostrare di saper... il soggetto deve saper fare) -Indici di accettabilità della performance Conoscenze Prova scritta individuale a risposta Questionario multipla Modello griglia di osservazione relativa a: Esecuzione di muratura al grezzo A1. Risultato atteso (il B1. Per dimostrare di saper... il B2. Indici di accettabilità della performance: Abilità soggetto soggetto deve (saper fare): posseduta? è in grado di) (elemento di competenza) Tracciare semplici Saper tracciare la pianta di un - la localizzazione rispetto ai riferimenti è strutture murarie semplice manufatto in esatta; muratura - il tracciato è preciso e le misure sono esatte; - le stagge sono collocate in posizione corretta; Mettere in opera i Saper mettere in opera almeno riferimenti due stagge e tendere tra esse il - allineate e ben fissate; - il filo di collegamento è orizzontale e ben geometrici per la filo per l allineamento teso; costruzione della - i materiali sono scelti correttamente e muratura l impasto è come desiderato; Preparare le malte Saper preparare la malta gli strumenti e le macchine sono utilizzati in scegliendo materiali, quantità, modo corretto e sicuro; tecniche ed eventuali strumenti - la muratura e gli spigoli sono verticali, le facce complanari, i corsi sono regolari; - tutte le attività sono svolte in sicurezza; Realizzare la muratura Saper realizzare corsi di muratura - aperture e architravi sono posizionati in laterizio a 1 e 2 teste secondo un disegno correttamente; planimetrico dato - gli ammorsamenti sono localizzati correttamente; - gli incastri sono realizzati correttamente. Realizzare le aperture e Saper eseguire il posizionamento le connessioni della di apertura e architravi, eseguendo struttura muraria correttamente gli ammorsamenti previsti 15

16 Geom. Laura Blua SCUOLA EDILE CUNEO Annex 4 L'ENTE SCUOLA EDILE DI CUNEO è un Ente bilaterale di categoria, costituito ai sensi dell art. 36 e seguenti del Codice Civile e rientra tra quelli riconosciuti ai sensi dell art. 11 della Legge Regionale n 63/ 95. Non ha scopo di lucro ed è lo strumento paritetico che le parti sociali hanno individuato, per il perseguimento dei fini istituzionali previsti dallo Statuto e dai contratti ed accordi collettivi stipulati a livello nazionale e provinciale. E promosso e gestito insieme dalle Associazioni Imprenditoriali, e dalle organizzazioni Sindacali. Il meccanismo di finanziamento è previsto dalle normative contrattuali attraverso una percentuale contributiva versata dalle imprese sulla massa salari La formazione professionale, l informazione e l attivitl attività di consulenza sono realizzate in Italia, da un sistema a gestione paritetica,, che avvalendosi di organismi di indirizzo e coordinamento centrale, realizza le proprie attività attraverso le scuole edili territoriali, tenendo conto delle esigenze del lavoro del mercato locale. 16

17 REGIONE PIEMONTE - COMMISSIONE EDILE La Regione Piemonte ha istituito una serie di commissioni per comparto al fine di predisporre i profili e i percorsi con l obiettivo di affrontare anche il tema della certificazione delle competenze. Per quanto concerne il settore industria comparto edile, la Regione Piemonte ha tenuto conto del sistema Regionale Edile, infatti la Commissione Edile vede la partecipazione delle 8 Scuole Edili presenti sul territorio regionale piemontese. Il contributo da noi apportato è stato quello di definire le figure per il settore tra cui anche la figura di cui all Accordo Nazionale Stato Regioni. Il Sistema Integrato in Rete Collegamenti Collegamenti èil sistema integrato in rete per il modellamento e la gestione per Competenze dei Profili Professionali, dei Percorsi Formativi e delle Prove Finali di Qualifica e Specializzazione. Profili E' lo strumento dedicato al modellamento dei Profili Professionali (in senso lato) per Competenze. In particolare Profili consente di:. modellare un profilo riferito ad un'area di attività;. creare repertori di Competenze, Attività e Profili;. aggiornare costantemente i Repertori Creati. indicare criteri per la definizione di percorsi formativi;. generare documentazione per la presentazione dei Profili. Percorsi E' lo strumento dedicato al modellamento dei Percorsi Formativi per Unità Formative. In particolare Percorsi consente di:. modellare percorsi formativi riferiti ad un profilo professionale;. definire Unità Formative strutturate in fasi/moduli;. specificare contenuti, tempi e modalità formative;. generare documentazione per la presentazione dei Percorsi. Valutazioni E' lo strumento dedicato al modellamento dei percorsi di Valutazione per le Prove Finali di Qualifica e Specializzazione In particolare Valutazioni consente di:. creare Percorsi di Valutazione;. creare Repertori di domande;. implementare criteri di Valutazione;. presentare/somministrare questionari e griglie di valutazione;. gestire graduatorie e graduatorie integrate. Formazione formatori SISTEMA DI CERTIFICAZIONE- OPERAZIONI La Regione Piemonte ha inoltre organizzato un corso di Formazione Formatori Sistema di certificazione Operazioni 17