Delibera del Direttore Generale n del 11/12/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Delibera del Direttore Generale n. 1007 del 11/12/2014"

Transcript

1 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA Delibera del Direttore Generale n del 11/12/2014 Oggetto: Delegazioni convenzionali di pagamento a favore del personale dipendente dellazienda - approvazione modello di convenzione per la stipula con gli Istituti di credito IL DIRETTORE GENERALE VISTA la proposta di delibera in oggetto di cui al num. Provv del Servizio Proponente, DIREZIONE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE ACQUISITI i pareri del Direttore Sanitario e del Direttore Amministrativo come di seguito indicato: Direttore Sanitario parere FAVOREVOLE Direttore Amministrativo parere FAVOREVOLE DELIBERA Di recepire la menzionata proposta di delibera che allegata al presente atto ne costituisce parte integrante e sostanziale e di disporre quindi così come in essa indicato. IL DIRETTORE SANITARIO (*) IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO (*) (Dr. Imolo Fiaschini) (Dott. Roberto Americioni) IL DIRETTORE GENERALE (*) (Dr. Sandro Fratini) * Documento sottoscritto con firma digitale

2 DOCUMENTO ISTRUTTORIO ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE N DEL 11/12/2014 Normativa di riferimento: art c.c. delegazione di pagamento ; D.P.R. n. 180/1950 e s.m.i. approvazione del testo unico delle leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione degli stipendi, salari e pensioni dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni. Motivazione: La delegazione di pagamento trova il proprio fondamento giuridico negli artt e ss. del codice civile e nelle previsioni del D.P.R. n. 180 del 5 Gennaio 1950, recante l approvazione del Testo Unico delle leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione degli stipendi, salari e pensioni dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni. Tale istituto si sostanzia nell incarico conferito dal dipendente pubblico all Amministrazione di appartenenza affinché, a fronte degli emolumenti spettanti per le proprie prestazioni di lavoro, questa effettui versamenti a favore di un Istituto di Credito in virtù dell avvenuta sottoscrizione con lo stesso di un contratto di finanziamento. La possibilità di avvalersi di questo strumento è legata al ricorrere di taluni presupposti e soggetta ad una serie di limiti fissati dalla legge. In tal senso si esprime il DPR n. 180/1950 agli art. 5 e 65, che definiscono la quota massima delegabile, fissata in un quinto dello stipendio mensile, e all art. 70 che stabilisce, nell ipotesi di cumolo di ritenute rivenienti da figure giuridiche diverse quali cessione del quinto e delegazione convenzionale, il limite massimo di trattenute pari al 40% delle competenze mensili spettanti al delegante. Tale percentuale può essere ulteriormente elevata in presenza di circostanze eccezionali, debitamente motivate, fino a metà dello stipendio. La concessione di tale tipologia di deleghe c.d. convenzionali si configura, tuttavia, come un atto non necessariamente dovuto ai sensi di quanto disposto dall art comma 2 Codice Civile, che attribuisce all'amministrazione, in qualità di soggetto delegato, un potere discrezionale in merito.

3 Pertanto, nell interesse e per la tutela dei propri dipendenti, l accoglimento di dette istanze sarà valutato dall'azienda sia per accertare la fondatezza e i meriti delle richieste pervenute, ma anche per evitare l eventuale verificarsi di situazioni di eccessiva riduzione dell ordinaria capacità reddituale dei soggetti richiedenti. La percorribilità della delegazione di pagamento è subordinata alla preventiva stipula di un apposita convenzione da attivarsi tra questa Azienda, quale parte delegante, e gli Istituti di Credito, quali soggetti delegatari. Questa Amministrazione ha provveduto a redigere un modello di convenzione, al fine di disciplinare esplicitamente i principali elementi caratterizzanti l accordo. Si rende opportuno e necessario, pertanto, procedere all approvazione di tale modello di convenzione, che si allega al presente provvedimento per formarne parte integrante e sostanziale. Esito dell istruttoria: in considerazione di quanto sopra esposto, si propone di adottare apposita delibera, con la quale disporre: 1. Approvare lo schema di convenzione per la disciplina delle delegazioni di pagamento a favore del personale dipendente dell Azienda Unitò Sanitaria Locale Umbria 2, da stipularsi con gli Istituti di Credito presso i quali i dipendenti contrarranno finanziamenti. 2. Dare atto che l allegato schema di convenzione forma parte integrante e sostanziale del presente provvedimento. 3. Di dare atto che la presente delibera non è sottoposta a controllo regionale; 4. di trasmettere il presente atto al Collegio Sindacale. L Istruttore (Dott.ssa Anna Mazzanti) Il Responsabile del Procedimento (Dott.ssa Anna Mazzanti) Il Direttore Direzione Amm.ne del Personale (Dott. Alvaro Fagotti)

4 Convenzione per la disciplina delle delegazioni di pagamento a favore del personale dipendente dell Azienda USL Umbria 2 l Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria2 (P. IVA ) con sede in Terni - Viale Donato Bramante 37, nella persona del Direttore Generale Dr. Sandro Fratini, di seguito denominata Azienda e la Società/Istituto P. IVA/CF.. (n. iscrizione all albo di cui art. 16 comma 1 L. 108/ ) con sede legale in di seguito denominato Istituto, rappresentato con giusta procura datata dal Sig.... / dallo Studio. (CF/P. IVA..) n. iscr. Albo degli Agenti in attività finanziaria/mediatori creditizi/operatori non finanziari... VISTI il DPR n. /180/1950 e s.m.i.; la circolare n. 21/2005 Ragioneria Generale dello Stato; la circolare n. 1/2011 Ragioneria Generale dello Stato; CONVENGONO E STIPULANO QUANTO SEGUE Articolo 1 L Istituto, nel pieno e libero esercizio dei propri diritti dichiara: di essere in possesso dei requisiti di cui all art. 15 del T.U. del 05 Gennaio 1950 n. 180; di essere statutariamente abilitato alla gestione delle operazioni di cui alla presente convenzione. Articolo 2 L Istituto concede crediti ai dipendenti dell Azienda da estinguersi con pagamenti mediante trattenuta mensile sugli emolumenti in forza di delega da essi rilasciata. L Istituto si impegna, altresì, a curare direttamente l istruttoria delle pratiche inerenti la concessione del prestito e ad erogare direttamente i finanziamenti al personale interessato. L Istituto si impegna ad espletare la sua attività direttamente o per il tramite di agenti in attività finanziaria vincolati da contratto monomandatario.

5 Articolo 3 I suddetti prestiti non sono garantiti dall Azienda che non risponde altresì per la propria inadempienza nei confronti dell Istituto per cause dipendenti da azioni giudiziarie sugli stipendi. Il prestito su delega può essere richiesto e concesso solo laddove risulti preesistente una cessione e per una durata quinquennale o decennale. Articolo 4 Le ritenute delegate non dovranno essere superiori ai limiti di cedibilità previsti dal Testo Unico approvato con DPR 180/50 e successive modifiche, ossia del quinto dello stipendio netto del delegante. Nel caso in cui lo stipendio del dipendente richiedente il prestito con delegazione di pagamento sia già gravato da trattenuta per cessione (di cui all art. 5 del DPR 180/1950) e per pignoramento disposto dall Autorità Giudiziaria, l ammontare complessivo delle somme che il datore di lavoro sarà tenuto a trattenere non potrà superare la metà dello stipendio al netto delle ritenute di legge. Nel caso di concorso della quota delegata con la cessione ed una quota pignorata non ancora determinata con sentenza/ordinanza del giudice, il benestare a contrarre non può essere rilasciato relativamente alla quota delegata. Nel caso di assegno alimentare che grava sullo stipendio del dipendente, la quota cedibile a titolo di delegazione convenzionale sarà calcolata sullo stipendio netto teorico diminuito dell assegno alimentare stesso. E preclusa, sempre e comunque, la possibilità di coesistenza di pignoramento o sequestro con delegazione convenzionale qualora quest ultima venisse a perfezionarsi successivamente al pignoramento o sequestro, ancorché solo notificati e non assegnati nelle somme. Resta in ogni caso preclusa la possibilità di coesistenza di più deleghe convenzionali ad uso prestito. Articolo 5 L effettuazioni delle trattenute di cui ai precedenti articoli, tranne i casi in cui si verifichi interruzione o sospensione di assegni al delegante, verrà eseguita dall Azienda a mezzo dei propri uffici, i quali provvederanno alle necessarie operazioni contabili di verifica, modifica, o cessazione della ritenuta stessa. Articolo 6 In caso di riduzione dello stipendio netto del delegante, anche a seguito dell applicazione di ritenute per recupero di crediti erariali (ai sensi dell art. 3 del R.D.L n. 295), o di trattenute operate dall ufficio per morosità (ex artt. 60,61 e 62 del DPR 180/50) o di altre ritenute su disposizione di legge (es. per pignoramenti), la quota delegata su convenzione continua ad essere trattenuta a condizione che al delegante sia garantita la conservazione dei 2/3 dello stipendio netto in godimento prima della riduzione, intendendosi per stipendio netto quello già decurtato di eventuali cessioni e/o delegazioni.

6 Articolo 7 Qualora il dipendente usufruisca di un prestito con ritenuta sullo stipendio ed intenda estinguerlo anticipatamente o contrarne uno nuovo con Istituto diverso, dovrà richiedere al precedente cessionario il conto del residuo debito sussistendo i limiti di cedibilità di cui al DPR 180/50. L Amministrazione, quindi, darà corso alla nuova trattenuta dal mese successivo a quello di ricezione dell attestazione dell avvenuta estinzione del debito per la precedente delegazione. Il rinnovo della delegazione potrà essere concesso a condizione che siano trascorsi almeno i 2/5 del periodo complessivo. La delegazione convenzionale non può in nessun caso essere superiore a 10 anni. Prima di tale periodo (2/5 del periodo complessivo), l Azienda non rilascerà certificati di stipendio ad uso delegazione convenzionale. Dopo l emissione di un certificato di stipendio, l Azienda non provvederà ad emettere ulteriori certificati finché il primo Istituto non abbia comunicato la volontà di non dare corso alla delegazione. Articolo 8 In tutti i casi in cui la trattenuta venga indebitamente effettuata e versata l Istituto si impegna a rimborsare l indebita percezione direttamente al delegante con le modalità con questi concordate senza che nulla possa da questi essere richiesto all Azienda. Articolo 9 L Azienda provvederà a versare, entro il mese successivo a quello in cui è stata operata la ritenuta, l importo della stessa mediante emissione di titoli di spesa estinguibili con accreditamento sul c/c bancario n.... IBAN... con causale Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria 2 Rata mese di Sig.. Articolo 10 L Istituto si impegna, a fronte dell attività amministrativa concernente le trattenute stipendiali, a sostenere gli oneri amministrativi in relazione al numero di delegazioni attive nel corso di validità della presente convenzione. Per la determinazione degli oneri dovuti, nonché per le modalità di versamento le parti fanno integrale riferimento e rinvio alla circolare n.1/2011ragioneria Generale dello Stato. In particolare, L Istituto si obbliga a corrispondere una tantum l onere nella misura fissata dalla richiamata circolare pari a 18,00 ( diciotto/00) per ogni delega di nuova attivazione e 2,05 ( due/05) mensili per ogni versamento mensile. Tali importi saranno trattenuti dall Azienda, che provvederà al versamento della quota spettante all Istituto al netto degli oneri amministrativi di propria competenza.

7 Fermo restando l esercizio della facoltà di recesso, eventuali successivi aggiornamenti degli oneri amministrativi saranno applicati anche alle delegazioni già in essere. Articolo 11 L Istituto si impegna a garantire che a tutti i dipendenti siano praticate condizioni particolari che garantiscano un T.E.G. (Tasso Effettivo Globale), un T.A.E.G. ( Tasso Annuo Effettivo Globale), e un I.S.C. (Indicatore Sintetico dei Costi) massimi che siano comunque inferiori al tasso soglia, così come trimestralmente definito dal Ministero dell Economia e delle Finanze ai sensi della L. n. 108/1996, recante disposizioni in materia di usura, relativamente alla categoria prestiti contro cessione del quinto dello stipendio, del numero di punti percentuali secondo la classificazione di seguito indicata: a) 8 punti per gli importi fino a 5.000,00; b) 6 punti per gli importi superiori a 5.000,00. Il benestare a contrarre non può essere rilasciato relativamente alla quota delegata qualora tali indicatori risultino non conformi al capoverso precedente. Articolo 12 La presente convenzione cesserà di produrre effetti in relazione alle partite stipendiali chiuse per cessazione dal servizio del delegante. Nel caso di risoluzione del rapporto di lavoro per qualsiasi causa prima del termine della delegazione, l Azienda si impegna a comunicare tale situazione all Istituto e ad effettuare la trattenuta mensile sull ultimo rateo stipendiale utile, restando a carico del delegatario la riscossione del debito residuo con le modalità concordate con il delegante. Articolo 13 Nel periodo di vigenza della convenzione, l Istituto si impegna, pena la risoluzione unilaterale della presente convenzione, a comunicare all Azienda, entro il termine di 30 giorni dal verificarsi degli eventi, qualsiasi intervenuta variazione concernente l Istituto stesso, quali ad esempio e senza pretesa di esaustività, il cambiamento della sede, il mutamento della denominazione sociale, l avvenuta cessione del credito, nonché ogni fatto che ne limiti la capacità giuridica. L Istituto inoltre, pena la risoluzione unilaterale della presente convenzione senza obbligo di preavviso, si impena ad inviare trimestralmente, entro il 15 dei mesi di Aprile, Luglio, Ottobre e Gennaio (in quest ultimo caso dell anno successivo al periodo di riferimento) una tabella relativa alle operazioni di finanziamento concesse ai dipendenti dell Amministrazione comprendente le sotto indicate voci: - nominativo debitore - importo lordo e netto erogato - numero ratei - importo mensile ratei - T.E.G. T.A.E.G. I.S.C. - decorrenza e scadenza finanziamento Articolo 14

8 Si prevede altresì la facoltà di recesso di ciascuna delle due parti da esercitarsi in forma scritta e con preavviso di almeno 60 gg. senza ripetizione di ratei anticipati per servizio eventualmente non reso e nel caso in cui l Istituto perda l iscrizione annuale UIC. La presente convenzione ha validità di due anni a decorrere dalla data di sottoscrizione ed alla scadenza si rinnova previo preavviso da inviare almeno 60 gg. prima della scadenza, salva la facoltà di recesso di cui al punto precedente. Si conviene, altresì, che qualsiasi modifica od integrazione alla presente convenzione dovrà risultare in forma scritta e controfirmata da entrambe le parti. Articolo 15 Le parti si impegnano ad adottare tutte le misure necessarie per garantire la riservatezza dei dati e delle informazioni conosciute nell esecuzione della presente convenzione e all osservanza delle norme in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 196/2003) e del segreto bancario. A tal fine, le parti prendono atto, dandone reciprocamente conferma, che le stesse si configurano, ai fini della privacy, quali autonomi titolari del trattamento dei dati personali, ciascuna per quanto di sua spettanza e nel proprio ambito di competenza. Articolo 16 Il presente atto è esente dall imposta di bollo ai sensi della normativa vigente ed è soggetto a registrazione solo in caso di uso con relativa spesa a carico della parte richiedente la registrazione. Il Foro competente è quello di Terni. Per tutto quanto non previsto dalla presente convenzione si applicano i limiti di cedibilità di cui al DPR 05 gennaio 1950 n L.C.S. Terni,. Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria 2 Il Direttore Generale (Dr. Sandro Fratini) L Istituto Finanziatore

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze CONVENZIONE per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze TRA - L Azienda Regionale per il Diritto allo Studio

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che Schema di convenzione- tipo per contratti di finanziamento CONVENZIONE L Università degli Studi di Roma La Sapienza (codice fiscale 80209930587) di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il...

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che Allegato A CONVENZIONE....... (codice fiscale.. ), di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a., in qualità di.. e.... con sede legale in..... (codice fiscale.... e iscrizione all albo

Dettagli

COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani Oggetto: convenzione disciplinante modalità per la concessione di finanziamenti ai dipendenti da parte di banche ed intermediari finanziari con delegazione convenzionale.

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che CONVENZIONE MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Direzione Generale Regionale, con sede in Torino, Via Pietro Micca n. 20, (codice fiscale 97613140017), di seguito Amministrazione, nella persona

Dettagli

Convenzione in materia di contratti di finanziamento CONVENZIONE TRA

Convenzione in materia di contratti di finanziamento CONVENZIONE TRA Convenzione in materia di contratti di finanziamento CONVENZIONE TRA L Università degli Studi di Napoli Parthenope (Partita IVA 01877320638), nella persona del Prof. Claudio QUINTANO nato a Castellammare

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA DI STATO

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA DI STATO CONVENZIONE CONVENZIONE TRA IL FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA DI STATO IN NOME E PER CONTO DEL MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA - E LA SOCIETA CONVENZIONATA

Dettagli

Schema di convenzione-tipo per contratti di finanziamento

Schema di convenzione-tipo per contratti di finanziamento Schema di convenzione-tipo per contratti di finanziamento CONVENZIONE L Università degli Studi di Roma La Sapienza (codice fiscale 80209930587) di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il.....

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che CONVENZIONE MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Direzione Generale Regionale, con sede in Torino, Via Pietro Micca n. 20, (codice fiscale 97613140017), di seguito Amministrazione, nella persona

Dettagli

COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia

COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia OGGETTO: Convenzione disciplinante modalità per la concessione di finanziamenti ai dipendenti da parte di banche ed intermediari finanziari con delegazione convenzionale.

Dettagli

CONVENZIONE. Visti. Premesso

CONVENZIONE. Visti. Premesso CONVENZIONE L anno il giorno del mese di, in Palermo, nella sede di Via ; tra RAP spa Risorse Ambiente Palermo- (cod. fiscale 06232420825), di seguito Azienda, con sede in Piazzetta Cairoli Palermo, rappresentata

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B REGIONE PIEMONTE BU20 21/05/2015 Consiglio Regionale DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A0301B/43/2015 Data: 21 aprile 2015 Direzione: A0301B Approvazione dei modelli della disciplina e della convezione

Dettagli

Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione

Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione CONVENZIONE L Università degli Studi di Roma La Sapienza (codice fiscale 80209930587) di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a.,

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE II SETTORE RESPONSABILE DEL SETTORE : Istr. Dir. Angelo Buonincontri Registro Generale n. 120 del 17/02/2015 Registro Settore n. 30 del 13/02/2015

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE Settore II RESPONSABILE DEL SETTORE I. D. Angelo Buonincontri Registro Generale n. 157 del 24/02/2015 Registro Settore n 41 del_23/02/2015 OGGETTO:

Dettagli

CONVENZIONE IN MATERIA DI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO tra

CONVENZIONE IN MATERIA DI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO tra CONVENZIONE IN MATERIA DI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO tra Ministero dell Economia e delle Finanze, Dipartimento degli Affari Generali, del Personale e dei Servizi, Direzione dei Sistemi Informativi e dell

Dettagli

Allegato A SCHEMA CONVENZIONE QUADRO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI TRAMITE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO. Tra

Allegato A SCHEMA CONVENZIONE QUADRO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI TRAMITE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO. Tra Allegato A SCHEMA CONVENZIONE QUADRO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI TRAMITE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Tra la PROVINCIA DI CASERTA, con sede in Corso Trieste - 81100 CASERTA, c.f. 80004770618,

Dettagli

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AI DIPENDENTI DELLA CITTA' METROPOLITANA DI MILANO CON ESTINZIONE MEDIANTE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO L anno nel mese di il giorno.in

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Municipale

Copia di Deliberazione della Giunta Municipale CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Copia di Deliberazione della Giunta Municipale Deliberazione N 629.. Seduta del 13.12.2012 OGGETTO: Autorizzazione stipula dell intesa con la IBL Banca per le ritenute

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO SETTORE BILANCIO, CONTABILITÀ, PERSONALE, TRIBUTI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE. Ufficio Personale

CITTÀ DI AVIGLIANO SETTORE BILANCIO, CONTABILITÀ, PERSONALE, TRIBUTI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE. Ufficio Personale ALLEGATO ALLA DELIBERA DI G.C. N. 114 DEL 12/12/2013 CITTÀ DI AVIGLIANO SETTORE BILANCIO, CONTABILITÀ, PERSONALE, TRIBUTI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE Ufficio Personale REGOLAMENTO PER LE DELEGAZIONI CONVENZIONALI

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Municipale

Copia di Deliberazione della Giunta Municipale CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Copia di Deliberazione della Giunta Municipale Deliberazione N 537. Seduta del 29.10.2013 OGGETTO: Autorizzazione stipula dell intesa con la CONAFI S.p.A. per le ritenute

Dettagli

CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE

CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE tra il Ministero dell Economia e delle Finanze, Dipartimento degli Affari Generali, del Personale e dei

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 del 28 gennaio 2011 OGGETTO: Disciplina dei prestiti personali mediante l istituto della delegazione di pagamento. Approvazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

CONVENZIONE. Allegato A. ... (codice fiscale.. ), di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a., in qualità di

CONVENZIONE. Allegato A. ... (codice fiscale.. ), di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a., in qualità di Allegato A CONVENZIONE....... (codice fiscale.. ), di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a., in qualità di.. e.... con sede legale in..... (codice fiscale.... e iscrizione all albo

Dettagli

CONVENZIONE. visti. convengono e stipulano quanto segue. Art. 1

CONVENZIONE. visti. convengono e stipulano quanto segue. Art. 1 CONVENZIONE MIUR - Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte - Direzione Generale Regionale, con sede in Torino, Corso Vittorio Emanuele n. 70, (codice fiscale 97613140017), di seguito "Amministrazione",

Dettagli

CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE. Tra

CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE. Tra CONVENZIONE CENTRALIZZATA IN MATERIA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO FASE DI SPERIMENTAZIONE Tra il Ministero dell Economia e delle Finanze, Dipartimento degli Affari Generali, del Personale e dei

Dettagli

CONVENZIONE. visti. convengono e stipulano quanto segue. Art. 1

CONVENZIONE. visti. convengono e stipulano quanto segue. Art. 1 CONVENZIONE MIUR - Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte - Direzione Generale Regionale, co sede in Torino, Corso Vittorio Emanuele n. 70, (codice fiscale 97613140017), di seguit "Amministrazione",

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione N. 293.. Seduta del 23.05.2013. OGGETTO: Autorizzazione stipula dell intesa con la UNIFIN S.p.A. per le

Dettagli

CONVENZIONE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO

CONVENZIONE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO CONVENZIONE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE RC AUTO Allegato 3 La Regione Autonoma della Sardegna, (di seguito indicata Amministrazione ) con sede in viale Trento n. 69, 09123 Cagliari, CF. n 80002870923, nella

Dettagli

CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA

CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione N. 65.. Seduta del 24.02.2015 OGGETTO: Autorizzazione stipula dell intesa con la Banca di Sassari S.p.A.

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Rep. GenJe lì.. PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA SERVIZI FINANZIARI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. _Jjf DEL Oggetto: Modifica dello schema dì disciplinare "per adesione" relativo ai finanziamenti erogati

Dettagli

INDICE ART. 1 PREMESSA ART. 2 FINALITA E OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 3 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

INDICE ART. 1 PREMESSA ART. 2 FINALITA E OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 3 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO PER LE DELEGAZIONI CONVENZIONALI DI PAGAMENTO MEDIANTE TRATTENUTE OPERATE DALL ASL DI CAGLIARI SULLO STIPENDIO DEI DIPENDENTI A FAVORE DEGLI ISTITUTI ESERCENTI IL CREDITO E DELLE SOCIETÀ DI

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 114 del 12 dicembre 2013

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 114 del 12 dicembre 2013 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 114 del 12 dicembre 2013 OGGETTO: Disciplina dei prestiti personali mediante l istituto della delegazione di pagamento.

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO TRA

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO TRA CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO TRA La FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI, con sede in Milano, Via Venezian n. 1, C.F. 80018230153 P.I. 04376350155,

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMNIINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione

DIPARTIMENTO DELL'AMNIINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione Giustizia - 87 Mod. 401255 DIPARTIMENTO DELL'AMNIINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione LETTERA CIRCOLARE All. n.5 All'Ufficio del Capo del Dipartimento Alle Direzioni

Dettagli

REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI ENNA

REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI ENNA Regolamento allegato alla delibera n. 278 del 30.04.2015 REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI ENNA REGOLAMENTO PER LE DELEGAZIONI CONVENZIONALI DI PAGAMENTO REGOLAMENTO PER LE DELEGAZIONI

Dettagli

MARINA MILITARE Ufficio Generale del Centro di Responsabilità Amministrativa 4 Ufficio Contratti

MARINA MILITARE Ufficio Generale del Centro di Responsabilità Amministrativa 4 Ufficio Contratti MARINA MILITARE Ufficio Generale del Centro di Responsabilità Amministrativa 4 Ufficio Contratti CONVENZIONE La Marina Militare Ufficio Generale del Centro di Responsabilità Amministrativa 4 Ufficio Contratti

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Deliberazione n 114 in data 22/10/2015 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DEL QUINTO DELLO

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 577 del 11/07/2014

Delibera del Direttore Generale n. 577 del 11/07/2014 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro.

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro. Condizioni di Assicurazione della Polizza per l Assicurazione sul Credito a garanzia delle perdite patrimoniali derivanti dalla Contraente in caso di perdita dell impiego del mutuatario relativa a prestiti

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Servizio Sanitario Regionale Basilicata Azienda Sanitaria Locale di Potenza NUMERO 2015/00580 DEL 03/09/2015 Collegio Sindacale il 03/09/2015 OGGETTO Deliberazione

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 76 del 16.6.2014 Oggetto: Autorizzazione prestiti personali mediante l istituto della delegazione di pagamento. Approvazione

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI LORO SEDI

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI LORO SEDI Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Contributi e Prestazioni Direzione Prestazioni Previdenziali CIRCOLARE N. 11 DEL 23/06/2008

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 940 del 13/11/2014

Delibera del Direttore Generale n. 940 del 13/11/2014 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

8 Oggetto: Convenzione con la FIDES S.p.A., via Vittorio Veneto n. 96 - Roma, per la

8 Oggetto: Convenzione con la FIDES S.p.A., via Vittorio Veneto n. 96 - Roma, per la Mod. 401255 && DIPARTIMENTO DELL'AMMINTSTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione LETTERA CIRCOLARE All. n.5 All'Ufficio del Capo del Dipartimento Alle Direzioni Generali

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINiSTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione

DIPARTIMENTO DELL'AMMINiSTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione m Giustizia - 87 Mod - DIPARTIMENTO DELL'AMMINiSTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione LETTERA CIRCOLARE All. n.5 AIlYUfficio del Capo del Dipartimento Alle Direzioni

Dettagli

1 Giusla~a - 8i ] !:C,

1 Giusla~a - 8i ] !:C, I MODULARIO 1 Giusla~a - 8i ] &- DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione Ufficio I1 - Sezione 11 - Trattamento Giuridico ed Economico All. n.5

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 741 del 22/07/2015

Delibera del Direttore Generale n. 741 del 22/07/2015 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA CONVENZIONE TRA IL FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA IN NOME E PER CONTO DEL MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUERZZA E LA SOCIETA CONVENZIONATA SULLE RITENUTE

Dettagli

MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI PICCOLO PRESTITO

MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI PICCOLO PRESTITO MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI La prestazione fornisce mutui ipotecari, per l'acquisto della prima casa di abitazione, della durata di 10, 15, 20, 25 o 30 anni. Il beneficio è riservato agli iscritti alla

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza Avviso Pubblico di Invito a manifestare interesse Il Fondo di assistenza Personale

Dettagli

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Premessa Le presenti Linee Guida forniscono indicazioni operative

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 407 del 19/05/2014. Oggetto: Convenzione per tirocinio curriculare con l'università Europea di Madrid (Spagna).

Delibera del Direttore Generale n. 407 del 19/05/2014. Oggetto: Convenzione per tirocinio curriculare con l'università Europea di Madrid (Spagna). Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS. L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS. L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via TRA L Istituto Nazionale della Previdenza Sociale,

Dettagli

NUMERO: DATA: Pagina 1 di 7

NUMERO: DATA: Pagina 1 di 7 NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CQP IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE FLA SpA FINANZIATORE REA/Pescara n 137769 - C.F./P. IVA: 01520400696 - Cap. Soc. Euro

Dettagli

ALLEGATO A PROCEDURA OPERATIVA

ALLEGATO A PROCEDURA OPERATIVA ALLEGATO A PROCEDURA OPERATIVA INDICE 1. premessa 2. introduzione 3. FASI DEL PROCEDIMENTO fase 1 primo contatto tra dipendente/istituto di credito fase 2 Stipula e notifica del contratto di finanziamento

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 297 del 15/04/2014

Delibera del Direttore Generale n. 297 del 15/04/2014 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 242 del 19/03/2015. Oggetto: Regolamento per l'utilizzo della bacheca sindacale on line. Approvazione.

Delibera del Direttore Generale n. 242 del 19/03/2015. Oggetto: Regolamento per l'utilizzo della bacheca sindacale on line. Approvazione. Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

. /. GDAP 0089548 2009 PU-GOAP-~OOO-09/03/~OO9'OO89648_20OQ

. /. GDAP 0089548 2009 PU-GOAP-~OOO-09/03/~OO9'OO89648_20OQ MDDUlARìOi GiU8tiZia~ Mod.401255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINI8TRAZ PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione Trattamento economico - giuridico del personale di polizia penitenziaria

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 318 del 01/04/2015

Delibera del Direttore Generale n. 318 del 01/04/2015 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 30 Marzo 2007 DIREZIONE GENERALE istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica DIRIGENTI GENERALI CENTRALI E COMPARTIMENTALI DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI DIRETTORI

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 527 del 25/06/2014

Delibera del Direttore Generale n. 527 del 25/06/2014 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

Alla Direzione del Centro Amministrativo. "G. Altavista" e, p.c. Al Dipartimento per la Giustizia Minorile

Alla Direzione del Centro Amministrativo. G. Altavista e, p.c. Al Dipartimento per la Giustizia Minorile MCjDULARIO Gillstizia - 87 «a Mod.40/255 ~fi~~ O~h.,. -, / /F.,.-7...,. 02)- ",;r/i/f/b»u3?u/7 dd/-,_w.4:ln?ufl4

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 697 del 12/08/2014

Delibera del Direttore Generale n. 697 del 12/08/2014 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli)

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) COPIA DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO (Nominato con decreto del Presidente della Repubblica del 22.08.2014) N. 20 del 10.02.2015 (adottata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Pagina 1 di 5 FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010 NOTA BENE: le parti evidenziate in giallo sono state

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTRATTO DI CREDITO RIMBORSABILE MEDIANTE RILASCIO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO PRO-SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE

Dettagli

2B.00 -oa. DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione SEDI. Roma. li

2B.00 -oa. DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione SEDI. Roma. li DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione 1 lffirin 11 - Sezione I1 - Trattamento Giuridico ed Economico Roma. li AII' Ufficio del Capo del Dipartimento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 -

FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 - FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 - LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO GE Capital Servizi Finanziari

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA DISCIPLINARE IN MATERIA DI CESSIONI, DELEGHE, SEQUESTRI E PIGNORAMENTI SULLO STIPENDIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI VITTORIA DISCIPLINARE IN MATERIA DI CESSIONI, DELEGHE, SEQUESTRI E PIGNORAMENTI SULLO STIPENDIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI VITTORIA DISCIPLINARE IN MATERIA DI CESSIONI, DELEGHE, SEQUESTRI E PIGNORAMENTI SULLO STIPENDIO DEI DIPENDENTI ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE UFFICI E SERVIZI Allegato alla Delibera

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO CHE COS È LA La Cessione del Quinto dello Stipendio è una particolare forma di prestito personale che viene rimborsata dal soggetto finanziato (Cliente) mediante la cessione pro solvendo alla Banca di

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi e/o registri Iscritta all Albo delle

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 728 del 05/09/2014

Delibera del Direttore Generale n. 728 del 05/09/2014 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Servizio Sanitario Regionale Basilicata Azienda Sanitaria Locale di Potenza NUMERO 2015/00477 DEL 21/07/2015 Collegio Sindacale il 21/07/2015 OGGETTO Approvazione Regolamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA FOGLIO INFORMATIVO Pagina 1 di 5 RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 853 del 08/09/2015

Delibera del Direttore Generale n. 853 del 08/09/2015 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 156 del 18/02/2015

Delibera del Direttore Generale n. 156 del 18/02/2015 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO

INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO Aggiornato al 01/04/2015 IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE INFORMAZIONI PUBBLICITARIE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO, SALARIO, COMPENSO Finanziatore Credito Emiliano SpA Iscrizione

Dettagli

Compendio sul Prestito Personale e la Cessione del Quinto

Compendio sul Prestito Personale e la Cessione del Quinto Compendio sul Prestito Personale e la Cessione del Quinto INDICE 1 Prestito Personale: caratteristiche fondamentali 2 2 Garanzie per richiedere un Prestito Personale 2 Caratteristiche determinanti di un

Dettagli

All. n.5 AII'Ufficio del Capo del Dipartimento dell' Amministrazione Penitenziaria

All. n.5 AII'Ufficio del Capo del Dipartimento dell' Amministrazione Penitenziaria MOD. 401255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione Ufficio I1 - Sezione I1 - Trattamento Giuridico ed Economico All. n.5 AII'Ufficio del Capo

Dettagli

II~~~~I~I~~IIIIIIIIII~~

II~~~~I~I~~IIIIIIIIII~~ ?m, Giustizia - 87 Mod. 401255 DIPARTIMENTO DELL'~~STRAZ1ONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione LETTERA CIRCOLARE All. n.5 111~IIII~II~~~I~IIII~~~~~I~ II~~~~I~I~~IIIIIIIIII~~

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze CreditoNet_Conv-2.0 Ministero dell Economia e delle Finanze CONVENZIONE TRA Il Dipartimento dell Amministrazione Generale del Personale e dei Servizi, (di seguito DAG) (codice fiscale n 80232730582) nella

Dettagli

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Premessa Le presenti Linee Guida forniscono indicazioni operative

Dettagli

MARINA MILITARE Ufficio Generale del Centro di Responsabilità Amministrativa (MARIUGCRA 4 Ufficio Contratti)

MARINA MILITARE Ufficio Generale del Centro di Responsabilità Amministrativa (MARIUGCRA 4 Ufficio Contratti) MARINA MILITARE Ufficio Generale del Centro di Responsabilità Amministrativa (MARIUGCRA 4 Ufficio Contratti) AVVISO PUBBLICO DI INVITO A MANIFESTARE INTERESSE L Ufficio Generale del Centro di Responsabilità

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: l Italia sta attraversando nel suo complesso una fase di profonda crisi economica, quale conseguenza anche della crisi dei mercati finanziari che ha colpito tutti i paesi

Dettagli

GOAP-00g3517-2008 p~.~~~p-~ooo-i~~o~~zoo~-oo~~517-2008

GOAP-00g3517-2008 p~.~~~p-~ooo-i~~o~~zoo~-oo~~517-2008 MOO. 401255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione Ufficio I1 - Sezione I1 - Trattamento Giuridico ed Economico.,.... - -- GOAP-00g3517-2008

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

SCHEDA INFORMATIVA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO CHE COS È LA La Cessione del Quinto dello Stipendio è una particolare forma di prestito personale che viene rimborsata dal soggetto finanziato (Cliente) mediante la cessione pro solvendo alla Banca di

Dettagli

GDAP-0046757-2007 PU-GDAP-2000-12/02/2007-0048757-2001

GDAP-0046757-2007 PU-GDAP-2000-12/02/2007-0048757-2001 Giustizia - 87 Mod. 401255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale del Personale e della Formazione LETTERA CIRCOLARE All. n.5 GDAP-0046757-2007 PU-GDAP-2000-12/02/2007-0048757-2001

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL CREDITO. Principi di Carattere Generale per la Concessione dei Prestiti Tipologie di prestito:

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL CREDITO. Principi di Carattere Generale per la Concessione dei Prestiti Tipologie di prestito: REGOLAMENTO DI ACCESSO AL CREDITO REGOLAMENTO CRED 3 Principi di Carattere Generale per la Concessione dei Prestiti Tipologie di prestito: Piccoli prestiti Prestiti pluriennali L accesso alle prestazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/37 Data ultimo aggiornamento: 01 Luglio 2010 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 FOGLIO INFORMATIVO Mod.01/07 MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario finanziario Denominazione

Dettagli

Che cos è la cessione del quinto dello stipendio o della pensione?

Che cos è la cessione del quinto dello stipendio o della pensione? 01/06/2015 Pagina 1 di 6 Foglio informativo relativo alla cessione del quinto dello stipendio o della pensione Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di Monopoli s.c. Sede legale : Via Lepanto

Dettagli

Roma, 21 aprile 2005 CIRCOLARE N. 12

Roma, 21 aprile 2005 CIRCOLARE N. 12 Roma, 21 aprile 2005 DIREZIONE GENERALE istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica 00142 - Roma Viale Aldo Ballarin, 42 Tel. 0651011 www.inpdap.it Direzione Centrale

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE FINANZIATORE INDIRIZZO IBL Banca

Dettagli