ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management"

Transcript

1 BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken Turbitt, Direttore Best practice globali per BMC Software

2 Indice Introduzione...1 Cosa c è di nuovo? ITIL v3 favorisce l innovazione delle aziende...2 > >BSM e ITIL v3...2 > >Integrazione IT-business...2 > >Gestione del ciclo di vita dei servizi...2 > >Principali cambiamenti dei processi...3 > >I servizi come asset...5 > >Quantificazione del ROI e del ritorno di valore...5 > >Maggiore enfasi sulla proattività...5 > >Eliminazione dei silos...6 Cosa attendersi da ITIL v3...6 > >La transizione da ITIL v2 a ITIL v3...6 > >Un esempio...6 Vantaggi per il business...7 Conclusioni...7

3 Introduzione Le organizzazioni che applicano le best practice IT Infrastructure Library (ITIL ) si pongono numerose domande sull ultima release, nota come ITIL Service Management Practices o ITIL Versione 3 (v3). Sarà all altezza delle aspettative dei responsabili dell IT a cui spetta il difficile compito di portare avanti progetti innovativi per la crescita delle proprie aziende? Questa versione ITIL potrà davvero orientare le attività dei reparti IT verso una maggiore efficienza, seppure in un contesto limitato dalla necessità di contenere i costi? La nuova versione accelererà e agevolerà le nuove implementazioni IT? Gli attuali processi ITIL, come la gestione degli incidenti e dei problemi, saranno soppiantati, modificati o si evolveranno verso forme più utili? Quali sono le principali differenze tra ITIL v2 e ITIL v3? Questo documento affronta questi aspetti illustrando come ITIL v3 possa aiutare le organizzazioni a realizzare il Business Service Management (BSM), un approccio alla gestione dell IT dalla prospettiva del business, prioritizzando le risorse e le attività IT in base al loro impatto sui servizi business. Queste attività comprendono la mappatura delle risorse di infrastruttura, la gestione end-to-end, la mappatura dei processi business e il collegamento dinamico dei servizi all infrastruttura. Come menzionato nel volume Service Design, ITIL v3 fornisce una definizione generale del BSM come prassi continuativa di gestione, monitoraggio e documentazione dell IT e dei servizi business che da essa dipendono. In pratica, questo approccio tende a orientare processi e tecnologie in modo da far convergere gli obiettivi dell IT con quelli del business. Le soluzioni BSM e le practice ITIL sono altamente complementari nel consentire alle aziende di gestire l IT dalla prospettiva del business. Gli sviluppatori di soluzioni BSM lavorano infatti a stretto contatto con gli architetti dell ITIL per garantire la costante convergenza dei processi ITIL e delle soluzioni di service management. Questo documento analizza il ruolo di ITIL v3 nel processo di transizione delle aziende dall allineamento all integrazione dell IT con il business. Questa integrazione può essere realizzata adottando un approccio di gestione che abbracci l intero ciclo di vita dei servizi. Si può pensare ad ITIL v3 come ad un evoluzione di ITIL v2 in determinate aree. Una di queste è il passaggio da allineamento a integrazione tra IT e business. Altri aspetti innovativi sono la focalizzazione sul ciclo di vita dei servizi, l introduzione del concetto di servizio come asset, la quantificazione del ritorno sull investimento (ROI) e del ritorno di valore e l importanza attribuita all approccio proattivo e all eliminazione dei silos. Questo documento: >> Illustra le novità di ITIL v3 e il ruolo del BSM come strumento di crescita dell IT >> >> Analizza l evoluzione dell ITIL da v2 a v3 Fornisce indicazioni per la transizione delle aziende da ITIL v2 a ITIL v3 >> Descrive i vantaggi di tale transizione per il business PAGINA > 1

4 Cosa c è di nuovo? ITIL v3 favorisce l innovazione delle aziende Quello che oggi si richiede all IT è di offrire alle aziende un contributo che vada oltre la realizzazione degli obiettivi di business. Ci si aspetta che l IT renda il business più innovativo, individuando le nuove tendenze dello sviluppo tecnologico e sfruttando la tecnologia non solo per aumentare l efficienza dei processi business, ma anche per aprire nuove opportunità di business attraverso la creazione di servizi e prodotti innovativi. Questa concezione richiede un maggiore livello di maturità nella gestione dei servizi da parte dell IT. L accento si sposta da requisiti quali una struttura efficiente, controlli rigorosi ed elementi di processo utili a una gestione efficace dei servizi, al ruolo dell IT come business partner. NOTA - Alcune delle informazioni contenute in questa sezione sono tratte dal sito ufficiale del British Office of Government Commerce (OGC) (www.best-management-practice.com) BSM e ITIL v3 Il BSM si fonda sull uso di tecnologie e processi per garantire che qualsiasi attività dell IT venga considerata nel contesto del suo contributo al valore business. Le practice ITIL favoriscono la gestione dell IT secondo la prospettiva del business. Molte organizzazioni IT hanno adottato l ITIL comprendendo il valore di questa disciplina per migliorare la qualità dei servizi e ridurre i costi dell IT. Il nuovo framework ITIL v3 fa propri e sviluppa i principi della v2 per condurre l IT verso un nuovo livello di maturità nella gestione dei servizi. Favorendo l evoluzione dell IT in questa direzione, il BSM è esplicitamente incluso tra le best practice del modello ITIL v3. Le pubblicazioni che illustrano le practice di gestione dei servizi per ITIL v3 si focalizzano sulla dimostrazione del valore business, iniziando dal volume Service Strategy che definisce posizioni e ruoli della gestione dei servizi IT e del BSM. Tale definizione è di particolare importanza per le organizzazioni impegnate nell integrazione delle applicazioni business, internamente e con i partner esterni, per automatizzare i processi business end-to-end e realizzare i servizi business. Definire gli obiettivi operativi e gestire i servizi business di conseguenza è la principale sfida che queste organizzazioni devono affrontare. Un obiettivo può essere ad esempio quello di ridurre gli errori manuali attraverso l automazione e di abbreviare i tempi di esecuzione delle transazioni. Il BSM ha lo scopo di aiutare le aziende ad affrontare queste sfide. Grazie alla fondamentale capacità di mappatura dinamica degli asset IT sui servizi business supportati, il BSM rivoluziona la visione dell infrastruttura IT da mappa architetturale topologica a modello che definisce i collegamenti tra asset e servizi e permette all IT di correlare gli eventi dell infrastruttura ai risultati di business. Ad esempio, può essere necessario prevedere quali saranno gli effetti di una modifica a un server sui servizi IT e business che da esso dipendono. I servizi sono insiemi di processi che concorrono a garantire un efficace gestione del business. La mappatura degli asset sui servizi è un presupposto essenziale per assicurare la continuità del business. In passato, poteva essere sufficiente sapere che una modifica al server A avrebbe avuto effetti sull applicazione SAP. Il BSM offre informazioni più dettagliate permettendo di comprendere, ad esempio, che gli effetti sul modulo SAP per gli ordini online potranno riflettersi sulle vendite via Web e di conseguenza su fattori, come la redditività, che interessano più direttamente il business. Integrazione IT-business ITIL v2 si focalizzava principalmente sull allineamento dell IT al business, definendo la posizione della tecnologia rispetto agli obiettivi di business e fornendo un linguaggio comune per facilitare la comunicazione tra gli attori dell IT e del business. ITIL v3 compie un ulteriore passo avanti focalizzandosi sull integrazione dell IT con il business, sfumando la distinzione tra IT e business e addirittura sostituendo il linguaggio dell IT con quello del business. Il BSM gioca un ruolo fondamentale in tale processo di integrazione. Le soluzioni BSM forniscono una visione dell infrastruttura IT accessibile a tutti i livelli dell azienda, per mostrare le relazioni tra le risorse di infrastruttura e i servizi e processi business supportati da tali risorse. Le soluzioni BSM sono ad esempio in grado di mappare i servizi software di e-business SAP e Oracle sui componenti dell infrastruttura IT che supporta quei servizi. Questa visione integrata fa emergere le relazioni tra tecnologia e servizi e processi business, permettendo all IT di assumere le decisioni in base al loro impatto su business. Gestione del ciclo di vita dei servizi ITIL v2 si focalizzava sulle prassi che consentono di adottare un approccio modulare alla gestione dei processi. Ad ogni processo corrisponde un modulo. Questo approccio, tuttavia, non permette di pensare alle attività in termini di durata di vita del servizio. Al contrario, ITIL v3 aiuta le organizzazioni a elaborare una visione più strategica abbracciando l intero ciclo di vita di un servizio. Tale approccio offre vantaggi quali: >>Integrazione della strategia di business con la strategia dei servizi IT >>Semplificazione dell implementazione e della gestione dei servizi per soddisfare le mutevoli esigenze del business in ambienti dinamici, instabili e ad alto rischio >>Individuazione delle opportunità di miglioramento e cambiamento lungo l intero ciclo di vita del servizio >>Correzione di lacune e punti deboli delle precedenti versioni ITIL PAGINA > 2

5 1. Strategia dei servizi Garantisce la focalizzazione sul business case in ogni fase del ciclo di vita del servizio Influisce sulle altre fasi Fa riferimento a tutti i successivi elementi di processo 2. Progettazione dei servizi Definisce le caratteristiche dei nuovi servizi o dei vecchi servizi da migliorare 3. Transizione dei servizi Garantisce il controllo qualità e l implementazione controllata dei servizi nuovi o migliorati Comprende testing, gestione del cambiamento e gestione delle release 4. Operatività dei servizi Si focalizza sulle attività di erogazione e controllo per garantire una gestione stabile e ottimale dei servizi 5. Miglioramento continuo dei servizi Prosegue la tradizione di miglioramento continuo dell ITIL Tabella 1. Fasi del ciclo di vita dei servizi secondo ITIL v3 ITIL v3 definisce cinque stadi del ciclo di vita dei servizi: strategia dei servizi, progettazione dei servizi, transizione dei servizi, operatività dei servizi e miglioramento continuo dei servizi. Il modello contiene i processi necessari per gestire i servizi all interno di questa struttura. In ogni stadio del ciclo di vita del servizio, l obiettivo è produrre valore di business. La tabella 1 riepiloga i cinque stadi del modello. Le pubblicazioni Service Strategy e Service Design di ITIL v3 descrivono un modello flessibile di erogazione dei servizi utilizzando l approccio della rete del valore. La rete deve essere sviluppata valutando attentamente le capacità dei fornitori interni ed esterni. A questo scopo, ITIL v3 dedica molto spazio alla valutazione dei tipi di fornitori di servizi, illustrando come analizzare gli spazi di mercato e i punti di forza dei fornitori e come creare un efficace rete del valore selezionando le opzioni di sourcing più utili al conseguimento degli obiettivi di business. ITIL v3 introduce inoltre il concetto di modelli adattabili lungo il ciclo di vita. Si tratta di una componente fondamentale della transizione dei servizi che indica ai fornitori di servizi come selezionare il modello più adatto per realizzare la transizione del servizio dallo stadio di progettazione a quello di realizzazione in un ambiente reale. I modelli adattabili permettono di rispondere prontamente e rapidamente alle mutevoli esigenze del business. In ITIL v3 il ruolo del miglioramento continuo dei servizi è stato esteso all intero ciclo di vita del servizio attraverso l individuazione di stimoli al miglioramento in tutte le fasi del processo di gestione. Non più limitato all ultimo stadio dell erogazione di servizi, il miglioramento è oggi considerato un processo continuo che comprende tutti gli stadi del ciclo di vita del servizio. Come ITIL v3, anche il BSM adotta un approccio alla gestione dei servizi che abbraccia l intero ciclo di vita del servizio, attraverso processi ottimizzati per molteplici aree. Ad esempio, le soluzioni BSM possono offrire una gestione del cambiamento end-to-end, basata su un ciclo completo che inizia con la richiesta di cambiamento e si snoda lungo le fasi di pianificazione, approvazione, implementazione e verifica, fino alla conferma del risultato finale. Principali cambiamenti dei processi Tutti i precedenti processi ITIL sono ancora al centro del modello ITIL v3. Ogni processo è stato tuttavia ottimizzato nell ottica del ciclo di vita e sono state eliminate le carenze individuate. La metodologia del ciclo di vita è stata modificata per aumentare la versatilità delle practice ITIL. Inoltre, sono stati modificati i processi esistenti. Ad esempio: >>Nel processo di gestione degli incidenti è stata eliminata la richiesta di servizio per inserirla in un processo a parte denominato Esecuzione della richiesta. Questo approccio è stato concepito per poter essere utilizzato con le tecnologie attuali, ma ora la gestione degli incidenti è esclusivamente focalizzata sulla gestione della discontinuità dei servizi >>La gestione degli eventi è stata migliorata sotto l aspetto delle attività di gestione degli incidenti. La gestione degli eventi fornisce elementi di processo formali per gestire proattivamente i potenziali problemi dei servizi prima che diventino incidenti e per riconoscere più rapidamente i problemi che sono incidenti >>I processi di gestione del cambiamento sono stati sottoposti a una revisione generale per ridurre la propensione all adattamento dei modelli in base ai tipi di cambiamento. La gestione del cambiamento è stata snellita e aggiornata per consentire la realizzazione del cambiamento senza rinunciare agli elementi che garantiscono la mitigazione del rischio >>La gestione delle release e dell implementazione è stata modificata ed estesa a tutte le aree interessate, quali infrastruttura, applicazioni, servizi e iniziative di progetto Anche l organizzazione della documentazione ITIL è cambiata dalla v2 alla v3 per riflettere la focalizzazione sulla gestione del ciclo di vita dei servizi. La tabella 2 mette a confronto la documentazione per le due versioni. PAGINA > 3

6 Documentazione ITIL v2 Organizzata in base ai settori operativi dell IT: Sette volumi per descrivere sette serie di processi in sette diverse aree dell IT: 1. Service Support 2. Service Delivery 3. Planning to Implement Service Management 4. Information Communications Technology (ICT) Infrastructure Management 5. Applications Management 6. The Business Perspective 7. Security Documentazione ITIL v3 Organizzata in base al ciclo di vita dei servizi: I concetti di ITIL v2 sono ripresi e sviluppati in cinque documenti fondamentali: 1. Service Strategy presenta una visione dell ITIL che integra business e IT affinché ciascuna disciplina tragga il massimo vantaggio dall altra. 2. Service Design fornisce istruzioni per la creazione e il mantenimento di politiche, architetture e documenti per la progettazione di innovativi servizi e processi di infrastruttura IT. 3. Service Transition fornisce istruzioni e descrive attività di processo per realizzare la transizione dei servizi nell ambiente di business. Descrive il ruolo più ampio della gestione del cambiamento a lungo termine e le politiche di release, valutando rischi, benefici, meccanismi di erogazione e gestione continuativa dei servizi. 4. Service Operation presenta, spiega e analizza le attività di erogazione e controllo per garantire l eccellenza operativa giorno dopo giorno. Per garantire l integrazione con il resto della libreria ITIL, le informazioni fornite fanno riferimento a una serie di punti di controllo noti per le attività di supporto ed erogazione dei servizi. L organizzazione IT troverà pertanto molti dei processi già descritti nei volumi Service Support e Service Delivery per ITIL v2, con i necessari aggiornamenti. 5. Continual Service Improvement si focalizza sugli elementi di processo associati alla definizione e alla realizzazione di miglioramenti della gestione dei servizi; affronta anche gli aspetti legati alla cessazione dei servizi. Tabella 2. Confronto della documentazione Ognuno dei documenti ITIL v3 riunisce il meglio di ITIL v1 e v2, oltre a descrivere le prassi più attuali e collaudate per la gestione dei servizi IT. Le principali practice descritte nei cinque documenti per le diverse fasi del ciclo di vita della gestione dei servizi, sono ulteriormente sviluppate in altre pubblicazioni. Il contenuto di tali pubblicazioni è dedicato in modo più specifico a particolari settori, destinatari o singoli aspetti delle practice di gestione. I documenti trattano argomenti specifici legati alle attività e alla conformità legale in diversi settori. Le nuove pubblicazioni integrative forniscono informazioni di specifico interesse per particolari destinatari, con l obiettivo di aiutare le organizzazioni a dare nuovo impulso ai progetti di gestione dei servizi. Sebbene i meccanismi di gestione dei servizi possano differire, il risultato atteso è sempre lo stesso: creare valore business. La figura 1 illustra il modello ITIL v3. Conoscenze e competenze Metodi di governance Miglioramento continuo dei servizi Progettazione dei servizi Allineamento agli standard Case study Argomenti specific Miglioramento continuo dei servizi Presentazione ai vertici Operatività dei servizi Ausili di studio Strategia dei servizi ITIL Transizione dei servizi Qualificazioni Miglioramento continuo dei servizi Risultati rapidi Scalabilità Modelli Figura 1. Il modello ITIL v3 PAGINA > 4

7 I servizi come asset ITIL v3 introduce il concetto di servizio come asset. Un servizio è considerato un asset per il suo utilizzatore. Il servizio come asset comprende due componenti: utilità e garanzia. L utilità è rappresentata dallo stesso servizio che si realizza attraverso una combinazione di persone, processi e tecnologie. Ne sono esempi un servizio di trasmissione ordini online o un servizio di iscrizione online al sistema previdenziale di un azienda. La garanzia è la sicurezza che il servizio funzionerà al livello atteso. Ad esempio, il servizio di trasmissione ordini di un importante rivenditore online potrà garantire aspetti quali la disponibilità dei prodotti e i tempi di consegna. Un servizio può essere utilizzato da clienti interni ed esterni. Ad esempio, un servizio di ordini online potrà essere utilizzato da clienti esterni mentre un servizio di iscrizione online al sistema previdenziale di un azienda potrà essere utilizzato da clienti interni come i dipendenti. A differenza di ITIL v3, ITIL v2 si occupa principalmente di asset tangibili come i componenti dell infrastruttura IT. Gli aspetti che riguardano la garanzia di un asset, ad esempio, sono inclusi nelle informazioni contrattuali fornite con l asset, mentre l utilità rappresenta generalmente la ragione alla base della gestione di un asset. ITIL v3 riclassifica le informazioni sugli asset definite in ITIL v2, attribuendole alla categoria utilità o alla categoria garanzia. In ITIL v3, utilità e garanzia concorrono a creare il valore dell asset. Di conseguenza, gli asset hanno un impatto diretto sul valore business (in quanto producono qualcosa di utile per il business). Questo qualcosa può essere profitto, innovazione, soddisfazione del cliente o qualsiasi altro valore che possa contribuire al successo del business. Le soluzioni BSM potenziano questo fondamentale vantaggio di ITIL v3 fornendo informazioni sull impatto dei servizi sul business. Queste informazioni permettono all IT di soppesare il valore dei servizi come asset in base al loro impatto sul business e di assumere decisione informate, ad esempio la prioritizzazione delle azioni in base al valore stimato del servizio per il business. Quantificazione del ROI e del ritorno di valore Indicatori chiave come la maggiore soddisfazione dei clienti e dei dipendenti. ITIL v3 aiuta le aziende a quantificare, misurare e ottimizzare il ritorno in base a due parametri: ritorno sull investimento (ROI) e ritorno di valore. Il volume Service Strategy di ITIL v3 fornisce la definizione di ROI e ritorno di valore per un particolare contesto di business, chiarendo quali ne siano le componenti e aiutando l IT a comprendere cosa generi valore e come la definizione di valore debba essere concordata tra IT e business. Secondo ITIL v3, il ritorno di valore di un progetto proposto o in corso di realizzazione può essere valutato in base a otto criteri fondamentali: competitività, valore finanziario, funzionalità, processi, relazioni, strategie, valore tecnico e/o utilizzo. I manager IT possono elaborare un quadro completo del valore utilizzando questi parametri per definire il ritorno di valore del progetto che stanno sostenendo. Il documento Service Design di ITIL v3 definisce le meccaniche di misurazione del ROI e del ritorno di valore indicando: >>Cosa misurare >>Come misurare >>Metriche da applicare >>Come utilizzare le misurazioni per dimostrare i risultati Anche in questo caso, il BSM si integra efficacemente con ITIL v3 permettendo all IT di mappare i componenti dell infrastruttura IT sui servizi e sui processi business che supportano. L IT può quindi concentrare i propri sforzi sui servizi e sui processi che contribuiscono al ROI o al ritorno di valore e definire di conseguenza le proprie priorità. Inoltre, l IT può misurare più precisamente e dimostrare il proprio contributo al valore business. Con il BSM, il ROI può essere rilevante anche semplicemente in termini di riduzione dei costi dell IT. Secondo Forrester, Stimiamo che compiendo tutti i passi verso la realizzazione del BSM, le aziende possano ridurre di un terzo il proprio budget operativo per l IT. Poiché il 76 per cento del budget IT è destinato alle operazioni, le aziende che implementano il BSM possono risparmiare il 25 per cento dell intero budget IT. 1 Maggiore enfasi sulla proattività ITIL v3 aiuta l IT a stabilire quali elementi debbano stimolare l azione. Per determinare se un obiettivo è stato raggiunto o se un processo possa essere migliorato, non si deve attendere che l intero processo sia concluso o che sia trascorso un certo periodo di tempo. Al contrario, l IT deve individuare gli indicatori che, all interno di un processo, possono segnalare potenziali problemi e intraprendere le azioni necessarie. Ogni documento di ITIL v3 descrive eventi o condizioni che possono fare emergere i problemi potenziali o gli aspetti migliorabili. Questa impostazione favorisce un approccio proattivo, non reattivo, alla gestione dei servizi. Come ITIL v3, anche il BSM propone azioni proattive in diverse aree. Le soluzioni BSM possono ad esempio monitorare l infrastruttura IT, stabilire l impatto degli eventi sul business e generare automaticamente ticket di incidente per gli eventi ad alto impatto. In questo modo, lo staff IT può muoversi proattivamente per fronteggiare gli incidenti prima che questi causino discontinuità dei servizi d importanza critica per il business. PAGINA > 5

8 Eliminazione dei silos Un altro importante aspetto di ITIL v3 è la maggiore enfasi sulla necessità di eliminare i silos di processi IT. ITIL v2 contempla già l integrazione dei processi ma li definisce in capitoli separati per le diverse funzioni IT gestione degli incidenti, gestione dei problemi, gestione del cambiamento, gestione della configurazione, gestione delle release e funzioni del service desk. Questa separazione dei processi per funzione non favorisce l integrazione. I singoli processi sono spesso ben implementati, ma l integrazione tra i relativi servizi è scarsa o nulla. ITIL v3 riclassifica i processi non secondo l area funzionale ma in base alla fase del ciclo di vita del servizio, favorendo così l integrazione dei processi tra le diverse funzioni per ogni servizio. ITIL v3 riconosce inoltre che un efficace integrazione dei processi richiede che le persone coinvolte nelle diverse discipline IT allarghino la propria visione oltre i settori di loro stretta competenza, per comprendere le interazioni delle proprie attività con quelle che si svolgono in altre aree. Ad esempio, un responsabile della gestione del cambiamento non deve soltanto conoscere le meccaniche del cambiamento, ma anche comprendere le implicazioni del cambiamento sul piano della strategia e della progettazione. L integrazione dei processi è un aspetto fondamentale anche del BSM e le soluzioni BSM possono offrire un valido supporto per realizzare tale integrazione tra le diverse funzioni IT. Alcune soluzioni, ad esempio, integrano i processi di gestione del cambiamento con i processi del service desk. L applicazione di gestione del cambiamento comunica automaticamente i cambiamenti imminenti all applicazione del service desk che a sua volta può informare per tempo tutti gli utenti interessati. Inoltre, l applicazione di gestione del cambiamento tiene il service desk informato dello stato del cambiamento e comunica automaticamente al service desk l avvenuto cambiamento chiudendo il circuito di comunicazione. Cosa attendersi da ITIL v3 Attraverso l implementazione di ITIL v2 le aziende hanno ottenuto importanti vantaggi per il business, come una maggiore qualità di erogazione dei servizi, la riduzione dei costi e una posizione più sicura sul piano della conformità legale. Sfruttando i risultati ottenuti con ITIL v2, queste aziende possono realizzare facilmente il passaggio al successivo livello di maturità dei servizi attraverso ITIL v3. La transizione da ITIL v2 a ITIL v3 Dopo avere compreso i contenuti di ITIL v3 e la sua evoluzione rispetto a ITIL v2, quali sono le raccomandazioni dell Office of Government Commerce (OGC) per realizzare la transizione? La transizione da ITIL v2 a ITIL v3 è evolutiva e non rivoluzionaria. L adozione di ITIL v3 richiede un cambiamento di mentalità. Il modello garantisce che l intero ciclo di vita di un servizio sia considerato prima dell implementazione, eliminando l attuale organizzazione per silos e promuovendo una migliore integrazione dell IT con i fattori di crescita, i processi e le operazioni del business. Il collegamento tra ITIL v2 e ITIL v3 è continuo e, pertanto, le organizzazioni IT che hanno già adottato ITIL v2 non devono cominciare da zero se intendono implementare ITIL v3. In altre parole, i risultati ottenuti con ITIL v2 vengono mantenuti nell implementazione di ITIL v3. La strategia di transizione alle practice ITIL v3 dipenderà in larga misura dal livello di maturità e investimento nelle attuali practice ITIL. Il team di sviluppo ITIL v3 raccomanda di adottare lo stesso approccio che si utilizzerebbe per qualsiasi altra iniziativa di miglioramento dei servizi, vale a dire un approccio incrementale. Tutti i componenti dell organizzazione IT devono acquisire una buona conoscenza delle practice ITIL v3 e quindi valutare come allineare i miglioramenti ottenibili con ITIL v3 al miglioramento continuativo dei servizi. Poiché ITIL v3 contiene precedenti practice ITIL migliorate, un buon punto di partenza è l analisi delle aree di miglioramento e la valutazione del livello di miglioramento che si può ottenere nel tempo. Se l organizzazione non ha ancora iniziato a implementare l ITIL, ci si può domandare se non sia preferibile iniziare con ITIL v2 e quindi passare a ITIL v3. Occorre comunque ricordare che qualsiasi iniziativa volta al miglioramento della gestione dei servizi ha un proprio valore. In ogni caso, è opportuno prendere prima in esame le nuove direttive per ITIL v3. Nell estate 2007, ITIL v3 pubblicherà il nuovo programma di qualificazione per il training accreditato ITIL. Utilizzando le risorse di formazione disponibili, si potrà avviare un processo di apprendimento per comprendere la natura e i contenuti essenziali delle practice di gestione dei servizi ITIL. Se l organizzazione sta già riesaminando le proprie practice ITIL, potrà proseguire in questa direzione con l obiettivo di acquisire gli elementi di ITIL v3 nell ambito della propria strategia di implementazione. ITIL v3 comprende elementi delle practice precedenti. Di conseguenza, se l organizzazione non si è mai avvicinata all ITIL, potrà realizzare direttamente il passaggio a ITIL v3. Oppure, se l implementazione ITIL è già stata avviata, gli elementi ITIL v3 potranno essere introdotti gradualmente nel percorso di transizione. I precedenti investimenti in formazione non andranno perduti, in quanto le certificazioni rimarranno valide e si potrà integrare le attività di formazione precedenti con nuovi corsi specifici per ITIL v3. Un esempio ITIL v3 favorisce l innovazione del business. Automatizzando il collegamento tra strategia di business e portafoglio di servizi (costituito dai servizi già operativi e dalle potenziali capacità future), si può facilitare l individuazione delle opportunità di innovazione. Con questo approccio, è possibile identificare e cogliere molto più rapidamente le opportunità di innovazione. PAGINA > 6

9 Ad esempio, se si utilizza una soluzione BSM per ottenere una visione unitaria di tutti i processi business, un dipendente dell organizzazione IT potrà individuare un processo in silo che può essere meglio integrato utilizzando un nuovo servizio del portafoglio. Il dipendente potrà poi capire che l integrazione di quel processo può rivoluzionare il business riducendo il time-to-value, abbassando i costi e migliorando l efficienza e l efficacia del business. Lavorando insieme alla comunità business, il dipendente potrà integrare il processo nelle nuove componenti di servizio richieste per supportare il business. Il dipendente potrà quindi sviluppare e implementare il processo integrato nel nuovo servizio utilizzando l approccio del ciclo di vita del servizio ITIL v3 e la soluzione BSM. Con questa combinazione, l organizzazione IT sarà in grado di creare vantaggi per il business al minimo livello di rischio. Vantaggi per il business Uno dei principali vantaggi di ITIL v3 è la possibilità offerta all azienda di sfruttare pienamente il proprio investimento in IT, convogliando tutto il potenziale della tecnologia e le competenze dei professionisti dell IT verso gli obiettivi di innovazione e valorizzazione del business. Di conseguenza, aumentano l importanza, la visibilità e il valore percepito dei professionisti IT all interno dell azienda, in quanto il ruolo loro attribuito dai vertici del business è ora quello di potenziali creatori di valore. Conclusioni Il BSM si integra con ITIL v2 e incorpora già alcuni dei nuovi elementi di ITIL v3. La combinazione di BSM e ITIL v3 aiuta l IT a raggiungere un livello superiore di maturità della gestione dei servizi IT attraverso l integrazione dell IT con il business e l adozione di un approccio di gestione basato sul ciclo di vita dei servizi. Poiché ITIL v3 è un evoluzione di ITIL v2, le organizzazioni che hanno già avviato l implementazione ITIL possono facilmente passare a ITIL v3 senza perdere nulla del lavoro già fatto o dei vantaggi già ottenuti per il business. Inoltre, potranno ottenere ulteriori vantaggi attraverso l opportunità, offerta da ITIL v3, di integrare l IT con il business e di promuovere l IT al ruolo di business partner. In questo modo, le aziende potranno sfruttare appieno le potenzialità delle risorse IT per aumentare la propria competitività. Per maggiori informazioni sull ITIL, visitate e Note 1 Business Service Management: Early Birds Are Catching The Worm, But IT Still Doesn t Get It, Peter O Neill, Best Practices, Forrester Febbraio 2007 Un rapporto più stretto con l IT e una migliore comprensione della capacità dell IT di sfruttare le tecnologie per l innovazione del business, comportano evidenti vantaggi anche per i business leader che possono sfruttare questa collaborazione per implementare nuovi processi business e aumentare la loro competitività. Attraverso l innovazione tecnologica, inoltre, si aprono nuovi e promettenti scenari di mercato. PAGINA > 7

10 BMC Software BMC Software offre le soluzioni richieste dall IT per aumentare il valore del business attraverso una migliore gestione della tecnologia e dei processi IT. Le soluzioni di Business Service Management all avanguardia nel settore aiutano le aziende a ridurre i costi, minimizzare i rischi e trarre vantaggio da un infrastruttura IT costruita per sostenere la crescita e la flessibilità del business. Solo BMC offre processi IT conformi alle best practice, quali ITIL, gestione automatizzata della tecnologia e le pluripremiate tecnologie BMC Atrium che forniscono una visione condivisa di come i servizi IT supportino le priorità del business. Apprezzata per le soluzioni di livello enterprise che coprono mainframe, sistemi distribuiti e dispositivi end-user, BMC offre anche soluzioni specificatamente studiate per le particolari sfide affrontate dalle imprese di medie dimensioni. Fondata nel 1980, BMC ha uffici in tutto il mondo e un fatturato 2007 di oltre 1,57 miliardi di dollari. Activate your business with the power of IT. Per maggiori informazioni, visitate Informazioni sugli Autori Sharon Taylor, presidente di Aspect Group, è una figura di spicco nella comunità dell IT Service Management professionale. In qualità di chief architect e chief examiner per l ITIL, è autrice dei volumi ITSM e collabora regolarmente a diverse pubblicazioni del settore. Taylor è presidente dell itsmf International Publications Executive Committee e del North American Institute of Certified Service Management Professionals. I suoi contributi alla comunità e alle best practice si fondano su una vasta esperienza professionale nel settore. Attualmente, è presidente di Aspect Group Inc. e responsabile dei servizi di consulenza, formazione e ITSM practice per i clienti in Nord America, Asia ed Europa. Ken Turbitt, Direttore Best practice globali per BMC Software, fornisce assistenza alle aziende che intendono allinearsi alle best practice per l IT. Ken ha partecipato alle revisioni di qualità per ITIL v3 fornendo contributi a molti degli autori. Accreditato presso l International Standards Examination Board, ha rivestito il ruolo di ITIL Manager per oltre 12 anni ed è stato consulente TCO qualificato di Gartner per oltre otto anni, nonché membro fondatore dell Institute for the Management of Information Systems. Prima di entrare a far parte di BMC, Turbitt è stato consulente per i servizi IT, architetto/ analista d impresa per Peregrine Systems e responsabile del servizio di consulenza per l Infrastructure Resource Management (IRM) di Fujitsu/ICL. Per maggiori informazioni su BMC, visitate o chiamate (800) BMC, BMC Software e il logo BMC Software sono di proprietà esclusiva di BMC Software, Inc., sono marchi registrati presso l Ufficio Brevetti e Marchi statunitense e sono registrati o in attesa di registrazione in altri paesi. Tutti gli altri marchi, marchi di servizi e logotipi BMC possono essere registrati o in attesa di registrazione negli Stati Uniti o in altri paesi. Gli altri marchi o marchi registrati sono di proprietà dei rispettivi titolari BMC Software, Inc. Tutti i diritti riservati. *87413*

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli