Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE"

Transcript

1 Allegato parte integrante All.1) Schema di protocollo SCHEMA DI PROTOCOLLO PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E DEI SUOI ENTI STRUMENTALI ATTRAVERSO LA CESSIONE, PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO, DEI CREDITI CERTIFICATI A FAVORE DI BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI AUTORIZZATI Tra le parti PAT Enti strumentali (.) e le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE - le Parti, nell ambito dell attuale contesto economico e dei rispettivi ruoli istituzionali, intendono facilitare, per quanto di rispettiva competenza, l accesso al credito dei fornitori della Provincia Autonoma di Trento e dei suoi enti strumentali mediante lo strumento della cessione e certificazione dei crediti; - visti i commi 3 bis e 3 ter dell art. 9 del D.L. n. 185/2008 convertito dalla legge di conversione n. 2 del 28 gennaio 2009 (così come modificato dalla Legge di stabilità del 2012) e il D.L. n. 35/2013 convertito con modificazioni dalla Legge 6 giugno 2013, n. 64, con i quali è stata introdotta, al fine di far affluire liquidità alle imprese, la possibilità per i titolari di crediti, che derivano da contratti aventi ad oggetto somministrazioni, forniture ed appalti, nonché da obbligazioni relative a prestazioni professionali, di presentare all amministrazione istanza di certificazione del credito; - considerato che il credito certificato può essere utilizzato dal creditore per la cessione a banche o intermediari finanziari, per ottenerne un anticipazione; - visto il decreto del Ministero dell economia e delle finanze del 25 giugno 2012 con il quale sono state definite le modalità di certificazione del credito, in forma telematica, di somme dovute per somministrazioni, forniture e appalti da parte delle Regioni, degli Enti locali e degli enti del Servizio sanitario nazionale; - vista la circolare n. 36 della Ragioneria generale dello Stato di data 27 novembre 2012 che fornisce indicazioni operative in merito all applicazione del Decreto del Ministro dell economia e delle finanze 25 giugno 2012 ( D.M. certificazione ); Pag. 1 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2015-D

2 - considerati gli stringenti vincoli imposti dal rispetto del Patto di stabilità che non consente alla Provincia di effettuare pagamenti per spese in conto capitale oltre i limiti imposti dal medesimo Patto; - considerata la necessità di garantire comunque il pagamento ai propri fornitori delle prestazioni regolarmente eseguite; - ravvisata l opportunità di acquisire la disponibilità di banche ed intermediari finanziari ad anticipare i crediti certi, liquidi, esigibili e non prescritti che la Provincia e i suoi Enti pubblici strumentali, individuati nell Allegato 1 (di seguito la Provincia e i suoi Enti strumentali), certificano su istanza presentata dal creditore tramite la Piattaforma per la certificazione dei crediti prevista dalla normativa statale sopra richiamata (di seguito anche PCC); - considerato che la Provincia Autonoma di Trento stima per il 2015 un plafond di crediti certificati e potenzialmente soggetti a cessione, pro-soluto o pro-solvendo, pari a 100 milioni di euro; - vista la deliberazione n.... del..., con la quale la Giunta provinciale ha approvato il nuovo protocollo per operazioni di cessione del credito pro-soluto o pro-solvendo (di seguito il Protocollo ) per il sostegno dell'accesso al credito dei propri fornitori, disciplinante le condizioni e le modalità operative delle operazioni di cessione di crediti afferenti spese di investimento, in linea con la Normativa di Riferimento, che le banche e intermediari finanziari aderenti dovranno sottoscrivere; - le banche ed intermediari finanziari aderenti si impegnano ad applicare, in favore delle imprese creditrici, il Protocollo riconoscendo, alla quota di plafond che le stesse intendono dedicare alla iniziativa, alle condizioni offerte e comunicate con la Scheda di adesione (Allegato 2); TUTTO CIO PREMESSO, le parti firmatarie convengono quanto segue: Art. 1 Oggetto 1. Le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente Protocollo. 2. Le banche e gli intermediari si rendono disponibili a sottoscrivere con i creditori titolari di appalti di forniture, prestazioni professionali e lavori pubblici contratti di cessione pro soluto o pro solvendo dei crediti vantati nei confronti della Provincia Autonoma di Trento e dei suoi enti strumentali, stipulati mediante scrittura privata ai sensi del comma 7 bis dell articolo 37 del D.L. 66/2014, convertito con legge 23 giugno 2014 n. 89. Ai sensi del medesimo articolo la notifica e l accettazione della cessione del credito avvengono attraverso la PCC. 3. Il presente Protocollo si applica alle cessioni pro-soluto o pro-solvendo dei crediti in conto capitale: - certificati dalla Provincia e dai suoi Enti pubblici strumentali tramite la PCC; - di importo minimo per singolo contratto di cessione di euro riferito anche a più fatture. Pag. 2 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2015-D

3 4. Sono esclusi dal Protocollo i crediti che non siano nella esclusiva ed incondizionata titolarità del fornitore per qualsivoglia motivo. 5. Le Parti prendono atto che l ammontare stimato dei crediti che hanno le caratteristiche per essere certificati entro il 31 dicembre 2015 ammonta a Euro 100 milioni. Al raggiungimento di tale importo la Provincia si riserva la possibilità di sospendere l operatività del presente Protocollo, comunicandolo alle banche e agli intermediari finanziari aderenti. Art. 2 Impegni della Provincia Autonoma di Trento e dei suoi Enti Strumentali 1. La Provincia e i suoi Enti pubblici strumentali si impegnano a rilasciare, tramite la PCC, nel più breve tempo possibile e comunque nei termini previsti dal comma 3bis dell art. 9 del D.L. n. 185/20008, ai creditori che ne facciano richiesta la certificazione ai fini della cessione pro-soluto o pro-solvendo del credito. 2. La Provincia e i suoi Enti pubblici strumentali si impegnano a pagare i crediti ceduti alle banche e intermediari finanziari entro e non oltre la data di pagamento indicata nella certificazione del credito (inferiore ai dodici mesi successivi al rilascio della certificazione stessa e purchè successiva al 1/1/2016). Qualora gli Enti pubblici strumentali non rispettino tale scadenza, la Provincia con il presente Protocollo è autorizzata a corrispondere quanto dovuto direttamente alla banca o all intermediario finanziario a valere sulle assegnazioni disposte o che saranno disposte a favore dell ente medesimo. Al verificarsi di tale situazione la Provincia si impegna a pagare quanto dovuto dall Ente pubblico strumentale stesso entro 30 giorni dalla presentazione di apposita istanza da parte della banca o dell intermediario finanziario, senza addebito, per tale periodo, degli interessi moratori previsti al successivo comma Nel caso di eventuale ritardato pagamento del credito, nell ipotesi di cessione pro-soluto, la Provincia e i suoi Enti pubblici strumentali si impegnano a corrispondere alle banche e intermediari finanziari aderenti gli interessi moratori, nella misura pari al tasso annuo omnicomprensivo offerto dalle banche e intermediari finanziari aderenti maggiorato di 100 bps, derivanti dall eventuale ritardato pagamento dei crediti ceduti vantati nei suoi confronti e nei confronti dei suoi enti strumentali. Art. 3 Impegni delle banche e intermediari finanziari aderenti 1. Con riferimento alle operazioni di cessione effettuate ai sensi del presente Protocollo, le banche e gli intermediari finanziari aderenti, fatta salva l insindacabile valutazione del merito creditizio e dei rischi legali connessi alle singole specifiche operazione di anticipo, si impegnano a: a. applicare al plafond massimo che le stesse intendono dedicare alla iniziativa, le condizioni offerte e comunicate con la Scheda di adesione (Allegato 2) che, con riferimento al tasso annuo di interesse, non potranno superare quello indicato nel successivo Art. 4; Pag. 3 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2015-D

4 b. corrispondere ai creditori, quale corrispettivo della cessione pro-soluto, il valore del credito certificato scontando gli interessi calcolati applicando il tasso offerto al momento della loro adesione; c. rendere disponibile ai creditori, nel caso di cessione pro solvendo un importo pari al 100% del credito certificato applicando il tasso offerto al momento della loro adesione; d. effettuare il pagamento di cui al punto b), ovvero rendere disponibile la somma di cui al punto c), al soggetto cedente entro 15 giorni lavorativi dal ricevimento della domanda di cessione del credito debitamente certificato tramite PCC. Non va concesso il pagamento/anticipo nel caso in cui la certificazione rilasciata dalla Provincia o suo Ente pubblico strumentale riporti nelle annotazioni che per il soggetto richiedente sussiste una irregolarità contributiva (Durc irregolare). 2. Le banche e gli intermediari finanziari aderenti sono tenuti ad accreditarsi nella Piattaforma per la certificazione dei crediti PCC e a perfezionare tutti gli adempimenti in essa previsti. 3. Le banche e gli intermediari finanziari aderenti, relativamente ai crediti certificati, si impegnano a non intraprendere nei confronti della Provincia o dei suoi Enti strumentali, fino alla data di scadenza indicata nella certificazione (e comunque fino alla scadenza del 12 mese dalla data di presentazione dell istanza di certificazione), nessuna azione, in via giudiziale o stragiudiziale, volta al recupero anticipato dei crediti stessi o al riconoscimento di interessi legali e/o moratori in misura maggiore di quanto previsto dal Protocollo. Art. 4 Condizioni Economiche 1. I titolari di crediti nei confronti della Provincia e dei suoi Enti Strumentali possono richiedere alla banca o intermediario finanziario aderente il perfezionamento di operazioni di sconto pro soluto o di anticipo pro solvendo con cessione di crediti certificati. Gli oneri delle operazioni di cessione del credito sono a carico del creditore cedente. 2. Alle operazioni di cessione pro-soluto di cui trattasi viene applicato un tasso annuo massimo pari all Euribor a tre mesi maggiorato di uno spread omnicomprensivo (inclusivo quindi delle spese di istruttoria) di 150 bps, fermo restando che ciascuna banca e intermediario finanziario aderente potrà applicare condizioni più vantaggiose secondo quanto offerto in sede di adesione (Allegato 2). 3. Alle operazioni di cessione pro-solvendo di cui trattasi viene applicato un tasso annuo massimo pari all Euribor a tre mesi maggiorato di uno spread omnicomprensivo (inclusivo quindi delle spese di istruttoria) di 150 bps, fermo restando che ciascuna banca e intermediario finanziario aderente potrà applicare condizioni più vantaggiose secondo quanto offerto in sede di adesione (Allegato 2). 4. I valori massimi sopra definiti ai commi 2 e 3 per l individuazione degli spread potranno essere oggetto di successive revisioni, motivate da mutamenti significativi delle condizioni di mercato. A tal fine, eventuali modifiche dei valori massimi medesimi verranno effettuate previa consultazione tra le Parti sottoscrittrici. A seguito di tale consultazione la Provincia proporrà i valori di riferimento per il periodo successivo, ferma restando la possibilità di Pag. 4 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2015-D

5 recesso per la banca o intermediario finanziario che non accetterà le nuove condizioni. La modifica del valore di riferimento degli spread, pubblicata sul sito della Provincia e comunicata a tutti gli aderenti, avrà validità a partire dalle cessioni perfezionate nell ambito degli accordi dal 15 giorno successivo alla comunicazione. Art. 5 Impegni di pubblicità 1. La Provincia renderà disponibili sul proprio sito internet l elenco dei soggetti aderenti ed i relativi spread applicati, nonché i dati dei Plafond disponibili riferiti alle singole banche e intermediari finanziari aderenti, ai quali i creditori potranno rivolgersi. Art. 6 Durata del Protocollo 1. Il presente Protocollo ha validità per le domande di cessione presentate agli aderenti entro il 31 dicembre Rientrano tra i crediti che possono essere oggetto di cessione pro-soluto o pro-solvendo anche quelli certificati dalla Provincia e dai suoi enti strumentali a partire dal 1 gennaio 2015 con data di pagamento indicata nella certificazione successiva al 01/01/2016, purchè non siano stati ceduti in date antecedenti a quella della sottoscrizione del presente protocollo. Il Protocollo è prorogabile, alle medesime condizioni, mediante scambio di corrispondenza tra la Provincia, i suoi Enti strumentali ed i soggetti aderenti, fino al 31 dicembre Il presente Protocollo è aperto all adesione, anche successiva, di altri soggetti interessati. L adesione potrà avvenire mediante l invio alla Provincia, dalla casella PEC del mittente all indirizzo PEC della Scheda di Adesione (Allegato 3 per le banche /intermediari finanziari; Allegato 4 per gli Enti pubblici strumentali), senza necessità di stipulare un nuovo Protocollo. La scheda di adesione dovrà essere sottoscritta digitalmente ovvero sottoscritta con modalità tradizionali, scansionata e allegata al messaggio di posta elettronica certificata unitamente alla copia del documento di identità del sottoscrittore. L accettazione dell adesione da parte della Provincia avverrà mediante invio di apposita comunicazione al soggetto richiedente tramite posta elettronica certificata. 3. Le parti possono recedere dal presente Protocollo con un preavviso di 30 giorni da comunicarsi a mezzo raccomandata o all indirizzo Pec In caso di recesso, restano salvi gli impegni assunti dalla parti fino alla data di comunicazione dello stesso. Letto, accettato e sottoscritto. Trento, Per la Provincia autonoma di Trento Pag. 5 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2015-D

6 Per la Banca Per l Ente Pag. 6 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2015-D

7 ALLEGATO 1 ELENCO ENTI STRUMENTALI DELLA PROVINCIA Iprase Opera universitaria Museo degli usi e costumi Mart Muse Museo del Castello del Buonconsiglio Istituto Culturale Ladino Istituto Culturale Mocheno Istituto Culturale Cimbro Parco Adamello Brenta Parco Paneveggio Pale di San Martino Pag. 7 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2015-D

8 ALLEGATO 2 SCHEDA DI ADESIONE AL PROTOCOLLO PER L ANNO 2015 PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E DEI SUOI ENTI STRUMENTALI ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI AUTORIZZATI Spettabile PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Bilancio e ragioneria Via Romagnosi Trento Il Sottoscritto nato il a rappresentante legale/soggetto dotato dei necessari poteri (rif. procura) della Banca/intermediario finanziario codice fiscale/partita IVA con sede in via COMUNICA di voler aderire al Protocollo per il sostegno dell accesso al credito dei fornitori della Provincia Autonoma di Trento e dei suoi enti strumentali attraverso la cessione pro soluto o pro solvendo dei crediti a favore di banche o intermediari finanziari autorizzati il cui schema è stato approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. di data recante le modalità e condizioni per le operazioni di cessione dei crediti certificati dalla Provincia Autonoma di Trento e dai suoi Enti strumentali, alle seguenti condizioni: Plafond massimo garantito Forma tecnica: Cessione dei crediti pro-soluto pro-solvendo Tasso omnicomprensivo applicato: tasso euribor a 3 mesi maggiorato di uno spread omnicomprensivo (inclusivo quindi delle spese di istruttoria) pari a bps per le cessioni pro soluto Referente presso la Banca: Numero di telefono: Indirizzo PEC: tasso euribor a 3 mesi maggiorato di uno spread omnicomprensivo (inclusivo quindi delle spese di istruttoria) pari a bps per le cessioni pro solvendo Luogo e data, FIRMA Pag. 8 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2015-D

9 ALLEGATO 3-Modulo di adesione successiva di banche/intermediari finanziari SCHEDA DI ADESIONE SUCCESSIVA AL PROTOCOLLO PER L ANNO 2015 PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E DEI SUOI ENTI STRUMENTALI ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI AUTORIZZATI Spettabile PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Bilancio e ragioneria Via Romagnosi Trento Il Sottoscritto nato il a rappresentante legale/soggetto dotato dei necessari poteri (rif. procura) della Banca/intermediario finanziario codice fiscale/partita IVA con sede in via COMUNICA di voler aderire al Protocollo per il sostegno dell accesso al credito dei fornitori della Provincia Autonoma di Trento e dei suoi enti strumentali attraverso la cessione pro soluto o pro solvendo dei crediti a favore di banche o intermediari finanziari autorizzati, sottoscritto dalla Provincia, dai suoi Enti funzionali e dalle banche/intermediari finanziari aderenti in data, prot. N... recante le modalità e condizioni per le operazioni di cessione dei crediti certificati dalla Provincia Autonoma di Trento e dai suoi Enti strumentali, alle seguenti condizioni: Plafond massimo garantito Forma tecnica: Cessione dei crediti pro-soluto pro-solvendo Tasso omnicomprensivo applicato: tasso euribor a 3 mesi maggiorato di uno spread omnicomprensivo (inclusivo quindi delle spese di istruttoria) pari a bps per le cessioni pro soluto Referente presso la Banca: Numero di telefono: Indirizzo PEC: tasso euribor a 3 mesi maggiorato di uno spread omnicomprensivo (inclusivo quindi delle spese di istruttoria) pari a bps per le cessioni pro solvendo Luogo e data, FIRMA Pag. 9 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2015-D

10 ALLEGATO 4- Modulo di adesione successiva degli enti strumentali SCHEDA DI ADESIONE SUCCESSIVA AL PROTOCOLLO PER L ANNO 2015 PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E DEI SUOI ENTI STRUMENTALI ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI AUTORIZZATI Spettabile PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Bilancio e ragioneria Via Romagnosi Trento Il Sottoscritto nato il a rappresentante legale dell Ente strumentale della Provincia autonoma di Trento codice fiscale/partita IVA con sede in via COMUNICA di voler aderire al Protocollo per il sostegno dell accesso al credito dei fornitori della Provincia Autonoma di Trento e dei suoi enti strumentali attraverso la cessione pro soluto o pro solvendo dei crediti a favore di banche o intermediari finanziari autorizzati, sottoscritto dalla Provincia, dai suoi Enti funzionali e dalle banche/intermediari finanziari aderenti in data, prot. N... recante le modalità e condizioni per le operazioni di cessione dei crediti certificati dalla Provincia Autonoma di Trento e dai suoi Enti strumentali. Referente presso l Ente: Numero di telefono: Indirizzo PEC: Luogo e data, FIRMA Pag. 10 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2015-D

Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE

Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE SCHEMA DI PROTOCOLLO PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E DEI SUOI ENTI STRUMENTALI ATTRAVERSO LA CESSIONE, PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO, DEI CREDITI

Dettagli

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 53 di data 13 aprile 2015.

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 53 di data 13 aprile 2015. Deliberazione della Giunta esecutiva n. 53 di data 13 aprile 2015. Oggetto: Adesione al Protocollo promosso dalla Provincia autonoma di Trento per il sostegno dell accesso al credito dei fornitori della

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DA PARTE DEI FORNITORI DEL COMUNE DI MONZA

CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DA PARTE DEI FORNITORI DEL COMUNE DI MONZA SCHEMA CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DA PARTE DEI FORNITORI DEL COMUNE DI MONZA Con la presente scrittura tra Il Comune di MONZA - qui di seguito Comune - con sede in Monza, Piazza

Dettagli

Con la presente scrittura tra il Comune di Nuoro (qui di seguito l Ente ) con sede in...- Codice fiscale... rappresentata dal...

Con la presente scrittura tra il Comune di Nuoro (qui di seguito l Ente ) con sede in...- Codice fiscale... rappresentata dal... CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI NUORO ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI AUTORIZZATI Con la presente

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE TESORO OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA DI PALERMO ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DA PARTE DEI FORNITORI DEL COMUNE DI MONZA

CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DA PARTE DEI FORNITORI DEL COMUNE DI MONZA SCHEMA CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DA PARTE DEI FORNITORI DEL COMUNE DI MONZA Con la presente scrittura tra Il Comune di MONZA - qui di seguito Comune - con sede in Monza, Piazza

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: l Italia sta attraversando nel suo complesso una fase di profonda crisi economica, quale conseguenza anche della crisi dei mercati finanziari che ha colpito tutti i paesi

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani

Provincia Regionale di Trapani Provincia Regionale di Trapani CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA DI TRAPANI ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI

Dettagli

TRA LE PARTI SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

TRA LE PARTI SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE Allegato 1 OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI MISTERBIANCO ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

CONVENZIONE PER LA CESSIONE DEL CREDITO MATURATO DALLE IMPRESE NEI CONFRONTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

CONVENZIONE PER LA CESSIONE DEL CREDITO MATURATO DALLE IMPRESE NEI CONFRONTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE CONVENZIONE PER LA CESSIONE DEL CREDITO MATURATO DALLE IMPRESE NEI CONFRONTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Con la presente scrittura tra il Comune di Morbegno (di seguito denominato Comune ) con sede in

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI

CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI Con la presente scrittura tra Il Comune di Sesto San Giovanni (qui di seguito il Comune ) con sede in

Dettagli

il Comune di Firenze (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal

il Comune di Firenze (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal CONVENZIONE-TIPO PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI FIRENZE ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI AUTORIZZATI. Con

Dettagli

il Comune di Calatafimi Segesta (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal

il Comune di Calatafimi Segesta (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal Allegato A CONVENZIONE-TIPO PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e DEL 31.10 10.2013 Oggetto: L.R. n. 18 del 26.07 07.201.2013,, art. 3 e D.L. 185/2008, art. 9, comma 3-bis3 e 3-ter. Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI SALERNO Con la presente scrittura tra Il Comune di... (qui di seguito il "Comune") con sede in Codice fiscale... rappresentata

Dettagli

il Comune di Legnano (di seguito Comune ) con sede in Legnano, Piazza San Magno 9 20025 20122 Legnano C.F./P.I. 00807960158 rappresentato da

il Comune di Legnano (di seguito Comune ) con sede in Legnano, Piazza San Magno 9 20025 20122 Legnano C.F./P.I. 00807960158 rappresentato da ALLEGATO E SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI LEGNANO ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Premessa 1) Istanza di certificazione del credito 2) Avvio della procedura di certificazione 3) Certificazione del credito 4)

Dettagli

4. Caratteristiche minime delle prestazioni richieste: 5. Inserimento nell elenco e pubblicazione:

4. Caratteristiche minime delle prestazioni richieste: 5. Inserimento nell elenco e pubblicazione: AVVISO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI FINANZIARI (BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI) ADERENTI ALL INIZIATIVA TESA AD AGEVOLARE LA CONCESSIONE DI ANTICIPAZIONI SUI CREDITI AI FORNITORI DEL COMUNE

Dettagli

OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI RIVALTA DI TORINO

OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI RIVALTA DI TORINO Allegato sub A) alla deliberazione di G.C. n. 147 del 5 ottobre 2010 OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI RIVALTA DI TORINO Con la presente scrittura

Dettagli

Riferimenti normativi. - art. 1, comma 16 del D.L. n. 194 del 30.12.2009 (c.d. decreto mille proroghe); Requisiti soggettivi richiesti

Riferimenti normativi. - art. 1, comma 16 del D.L. n. 194 del 30.12.2009 (c.d. decreto mille proroghe); Requisiti soggettivi richiesti AVVISO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI FINANZIARI (BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI) ADERENTI ALL INIZIATIVA TESA AD AGEVOLARE LA CONCESSIONE DI ANTICIPAZIONI SUI CREDITI AI CREDITORI DEL COMUNE

Dettagli

ATTO DI CESSIONE PRO-SOLUTO

ATTO DI CESSIONE PRO-SOLUTO Allegato 1 ATTO DI CESSIONE PRO-SOLUTO DI CREDITI CERTIFICATI MEDIANTE LA PIATTAFORMA ELETTRONICA PER LA GESTIONE TELEMATICA DEL RILASCIO DELLE CERTIFICAZIONI DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 7 DEL DECRETO-LEGGE

Dettagli

CONVENZIONE SMOBILIZZO CREDITI

CONVENZIONE SMOBILIZZO CREDITI CONVENZIONE SMOBILIZZO CREDITI Benevento, 23 marzo 2011 La Provincia di Benevento (qui di seguito Provincia ) con sede in Benevento, Piazza Castello, Codice Fiscale 92002770623, rappresentata dal Presidente,

Dettagli

PROVINCIA DI COMO. Settore Bilancio e Personale Via Borgovico 148 22100 COMO

PROVINCIA DI COMO. Settore Bilancio e Personale Via Borgovico 148 22100 COMO PROVINCIA DI COMO Settore Bilancio e Personale Via Borgovico 148 22100 COMO AVVISO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI FINANZIARI (BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI) FINALIZZATO A FAVORIRE AI CREDITORI

Dettagli

CITTA DI SARZANA Provincia della Spezia Area 1 Servizi Interni Settore Bilancio Controllo di Gestione

CITTA DI SARZANA Provincia della Spezia Area 1 Servizi Interni Settore Bilancio Controllo di Gestione AVVISO RIVOLTO AGLI ISTITUTI DI CREDITO MAGGIORMENTE RAPPRESENTATIVI SUL TERRITORIO COMUNALE PER L ADESIONE ALL INIZIATIVA VOLTA A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI SARZANA. Il

Dettagli

OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELLʹACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI ALTAMURA ATTRAVERSO LA

OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELLʹACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI ALTAMURA ATTRAVERSO LA ALLEGATO A OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELLʹACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI ALTAMURA ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI Il giorno..., alle ore..., in Varese, via..., presso la sede della Camera di Commercio,

Dettagli

Allegato B SCHEMA DI CONVENZIONE PER SOSTENERE L'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA FORlvIUIA PRO SOL VENDO

Allegato B SCHEMA DI CONVENZIONE PER SOSTENERE L'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA FORlvIUIA PRO SOL VENDO Allegato B SCHEMA DI CONVENZIONE PER SOSTENERE L'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA FORlvIUIA PRO SOL VENDO Con Ia presente scrittura tra LA PROVINCL\ DELLA SPEZLI\ (qui di seguito

Dettagli

Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012. Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica

Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012. Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012 Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica Certificazione crediti PA: pronta la piattaforma telematica Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

ALLEGATO A. Pag. 2 di 11

ALLEGATO A. Pag. 2 di 11 AVVISO PUBBLICO INTERVENTI PER ASSICURARE LA LIQUIDITÀ ALLE IMPRESE CREDITRICI DELLA PROVINCIA DI POTENZA ATTRAVERSO LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PER LA SUCCESSIVA CESSIONE PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A

Dettagli

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Con il decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 (art. 9, co. 3-bis) sono state introdotte

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Gennaio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

Accordo per l anticipazione, la cessione pro-soluto e pro-solvendo dei crediti verso Enti Pubblici

Accordo per l anticipazione, la cessione pro-soluto e pro-solvendo dei crediti verso Enti Pubblici PROTOCOLLO D INTESA PER ASSICURARE LA LIQUIDITÀ ALLE IMPRESE CREDITRICI DEGLI ENTI LOCALI ATTRAVERSO L ANTICIPAZIONE DEI CREDITI PRESSO BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI O LA CESSIONE PRO-SOLUTO O PRO-SOLVENDO

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI Come funziona 2 LO SMOBILIZZO DEI CREDITI Le operazioni previste Condizioni economiche

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS. L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS. L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via TRA L Istituto Nazionale della Previdenza Sociale,

Dettagli

Convenzione per la concessione di finanziamenti alle imprese con cessione di credito assistita da attestazione comunale

Convenzione per la concessione di finanziamenti alle imprese con cessione di credito assistita da attestazione comunale Convenzione per la concessione di finanziamenti alle imprese con cessione di credito assistita da attestazione comunale CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI SOTTO FORMA DI ANTICIPAZIONE FATTORIZZATA

Dettagli

Pagamento dei debiti della PA!

Pagamento dei debiti della PA! Pagamento dei debiti della PA L intervento della CDP SpA Forum Banche e PA 2014 Roma 30 Ottobre 2014 I debiti della PA: stima e pagamenti 2013/2014 Banca d Italia Indebitamento commerciale della PA 75Mld

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO AREA 2 - GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E FINANZIARIE SISTEMA INFORMATIVO SVILUPPO ATTIVITA PRODUTTIVE

PROVINCIA DI PESARO E URBINO AREA 2 - GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E FINANZIARIE SISTEMA INFORMATIVO SVILUPPO ATTIVITA PRODUTTIVE PROVINCIA DI PESARO E URBINO AREA 2 - GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E FINANZIARIE SISTEMA INFORMATIVO SVILUPPO ATTIVITA PRODUTTIVE Prot. 73587/2009 AVVISO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI FINANZIARI

Dettagli

ANTICIPI SU CREDITI E FATTURE COMMERCIALI

ANTICIPI SU CREDITI E FATTURE COMMERCIALI Pag. 1 / 5 Foglio Informativo ANTICIPI SU CREDITI E FATTURE COMMERCIALI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde 800.41.41.41 (e-mail

Dettagli

(Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

(Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 86 del 25 ottobre 2011 OGGETTO: Approvazione schema di convenzione con la società Centro Factoring Spa per la disciplina

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 29/09/2011 N. 344

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 29/09/2011 N. 344 Comune di Avellino COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 29/09/2011 N. 344 OGGETTO: APPROVAZIONE SCHEMA ACCORDO A LIVELLO LOCALE PER ASSICURARE LA LIQUIDITÀ ALLE IMPRESE CREDITRICI DEL COMUNE DI

Dettagli

1. Smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione; 2. Plafond Progetti Investimenti Italia.

1. Smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione; 2. Plafond Progetti Investimenti Italia. Protocolli Confindustria-ABI. Smobilizzo crediti PA e Investimenti Roma, 29 Maggio 2012 Confindustria Fisco, Finanza e Welfare Il Direttore Elio Schettino Si allegano i protocolli firmati il 22 maggio

Dettagli

L anno 2011, il giorno 25 del mese di luglio, presso la sede della Provincia di Arezzo. Tra

L anno 2011, il giorno 25 del mese di luglio, presso la sede della Provincia di Arezzo. Tra CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA DI AREZZO ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI AUTORIZZATI ANNO

Dettagli

TRA. Provincia di Genova. Banca/Istituto di Credito...

TRA. Provincia di Genova. Banca/Istituto di Credito... ALLEGATO Convenzione quadro con gli Istituti di Credito per la concessione di finanziamenti alle Imprese con cessione di credito assistita da attestazione provinciale. TRA Provincia di Genova E Banca/Istituto

Dettagli

COMUNE DI LORIA PROVINCIA TREVISO

COMUNE DI LORIA PROVINCIA TREVISO Deliberazione N. 78 in data 30/07/2010 COMUNE DI LORIA PROVINCIA TREVISO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto Approvazione e autorizzazione alla sottoscrizione dell'accordo con l'istituto

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO AREA 2 - SERVIZI INTERNI UFFICIO FINANZIAMENTI

PROVINCIA DI PESARO E URBINO AREA 2 - SERVIZI INTERNI UFFICIO FINANZIAMENTI PROVINCIA DI PESARO E URBINO AREA 2 - SERVIZI INTERNI UFFICIO FINANZIAMENTI ELENCO OPERATORI FINANZIARI ADERENTI ALL INIZIATIVA VOLTA A FAVORIRE AI CREDITORI DELLA PROVINCIA LA CONCESSIONE DI ANTICIPAZIONI

Dettagli

LE MISURE PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE MISURE PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE MISURE PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1. Certificazione dei crediti vantati nei confronti della P.A. 2. Compensazione con somme iscritte a ruolo 3. Fondo di garanzia per

Dettagli

Provincia di Bologna Area Tecnica

Provincia di Bologna Area Tecnica Provincia di Bologna Area Tecnica Prot. 5147 OGGETTO: BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITÀ COMMERCIALI TURISTICHE ARTIGIANALI E DEI SERVIZI CON

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Febbraio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

Allegato A alla D.G.C. n. 125 del 03.11.2010

Allegato A alla D.G.C. n. 125 del 03.11.2010 Allegato A alla D.G.C. n. 125 del 03.11.2010 Procedura di certificazione del credito finalizzata alla cessione pro-soluto (Art. 9, comma 3-bis del D.L. 29 novembre 2008, n. 185, art. 9, convertito con

Dettagli

Circolare N. 94 del 25 Giugno 2015

Circolare N. 94 del 25 Giugno 2015 Circolare N. 94 del 25 Giugno 2015 Crediti PA: modificati i termini per l intervento del fondo di garanzia Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il DM 11.03.2015 ha modificato i termini

Dettagli

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA)

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA) DURC SINTESI DELLE LEGGI E NORMATIVE AGGIORNATO A OTTOBRE 2013 Entrato in vigore il 2 gennaio 2006, il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva) è un certificato che, sulla base di un'unica richiesta,

Dettagli

DURC e Certificazione dei Crediti nei confronti della P.A.

DURC e Certificazione dei Crediti nei confronti della P.A. DURC e Certificazione dei Crediti nei confronti della P.A. Art. 13 bis comma 5 d.l. n. 52/ 2012 ART. 13 BIS, COMMA 5, D. L. 7 MAGGIO 2012, N. 52 CONVERTITO DALLA L. N. 94 DEL 6 LUGLIO 2012 «Il documento

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

Informazioni europee di base relative al credito ai consumatori

Informazioni europee di base relative al credito ai consumatori Informazioni europee di base relative al credito ai consumatori PRESTITO PERSONALE A TASSO FISSO 1. Identità e contatti del creditore / intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono 0761/248207

Dettagli

STUDIO LAMBERTO RAG. DANIELA T.F. 011/7490099 E-MAIL segreteria@studiolamberto.it. Informativa per la clientela di studio

STUDIO LAMBERTO RAG. DANIELA T.F. 011/7490099 E-MAIL segreteria@studiolamberto.it. Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 160 del 24.10.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Certificazione dei crediti della PA: la procedura è online E stata resa operativa la piattaforma web che

Dettagli

Asse 1. Programma Operativo Regionale. Innovazione e transizione produttiva. Competitività regionale e occupazione. Attività F.E.S.R.

Asse 1. Programma Operativo Regionale. Innovazione e transizione produttiva. Competitività regionale e occupazione. Attività F.E.S.R. P.O.R. 2007 2013 Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.4.1 Accesso al credito delle PMI PROTOCOLLO

Dettagli

SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE

SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE 1 FOGLIO INFORMATIVO SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel.

Dettagli

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE CORSO MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, 2 00161 ROMA, ITALIA TEL +39 06 45 21 3900 FAX +39 06 68 19

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI Il giorno 2 dicembre 2010, alle ore 11,00, in Como, via A. Volta n. 50, presso la sede

Dettagli

FATTURAZIONE NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

FATTURAZIONE NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Dott. Giovanni Maria CONTI Dott. Emanuela Maria CONTI Dott. Marcello PRIORI Dott. Domenico MAISANO Avv. Emanuela REGAZZI Dott. Simone DALLEDONNE Dott. Lorenzo PICCININI Dott. Florjan SHTYLLA Dott. Domenico

Dettagli

L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA

L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA G. Tuè Prodotti Servizi Aziende G. Casagrande Direttore Commerciale Credemfactor Spa

Dettagli

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CERTIFICAZIONE TELEMATICA DEI CREDITI

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CERTIFICAZIONE TELEMATICA DEI CREDITI ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CERTIFICAZIONE TELEMATICA DEI CREDITI Versione 1.0 del 11/10/2012 Paragrafo 1 - Definizioni Ai fini delle presenti istruzioni tecniche si intende per: a) DL 185/08: il decreto

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web BANCA

Dettagli

f e r d i n a n d o b o c c i a

f e r d i n a n d o b o c c i a Circ. n. 10 del 22 gennaio 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: COMPENSAZIONE E CESSIONE DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Procedura di certificazione degli stessi 1.

Dettagli

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011 Filiale Emilia Romagna ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO Rep. n /Atti Privati del 2011 L anno 2011 addì del mese di, presso la sede dell Agenzia del Demanio Filiale Emilia Romagna

Dettagli

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA COPIA COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA DELIBERAZIONE N. 80 Adunanza del 30.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PARTECIPAZIONE AL'INIZIATIVA DELLA REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore al Bilancio, Programmazione economico finanziaria e Partecipazione

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore al Bilancio, Programmazione economico finanziaria e Partecipazione OGGETTO: Definizione di nuove modalità di pagamento per fornitori di beni e servizi del sistema sanitario regionale a partire dall anno 2009 e autorizzazione alla definizione di accordi transattivi tra

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI FACTORING (Aggiornamento in vigore dall 1 Luglio 2015)

FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI FACTORING (Aggiornamento in vigore dall 1 Luglio 2015) FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI FACTORING (Aggiornamento in vigore dall 1 Luglio 2015) INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO FINANZIARIO FACTORCOOP S.P.A. Sede Legale: Via F.lli Cairoli, 11-40121 Bologna

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011 PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011 Premessa Le seguenti disposizioni procedurali riguardano la certificazione dei crediti prevista

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING Enel.factor S.p.A. Codice Fiscale e partita IVA: 06152631005 Gruppo di appartenenza: Enel Sede legale: 00198

Dettagli

La compensazione fra crediti verso la P.A. e debiti fiscali

La compensazione fra crediti verso la P.A. e debiti fiscali La compensazione fra crediti verso la P.A. e debiti fiscali Fiscalità Edilizia Commissione Referente Economico - Fiscale Tributario 10 aprile 2014 Schema operativo GLI STRUMENTI DI UTILIZZO DEI CREDITI

Dettagli

EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A.

EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Bologna, 2 Aprile 2012 FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI ACQUISTO DI CREDITI DI IMPRESA (Factoring) INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO denominazione: EMILIA ROMAGNA FACTOR

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA INFORMAZIONI SU ARTIGIANCREDITO TOSCANO Artigiancredito Toscano Consorzio Fidi della Piccola e Media Impresa società cooperativa (in breve ACT) Sede legale

Dettagli

- TASSO MASSIMO APPLICABILE PER IL COMPUTO INTERESSI:

- TASSO MASSIMO APPLICABILE PER IL COMPUTO INTERESSI: FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI E SERVIZI DI FACTORING (Aggiornamento in vigore dal 01 ottobre 2014) INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING SARDA FACTORING SpA Sede legale e sede amministrativa viale

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89 ORIGINALE P R O V I N C I A D I V E R O N A R E G I O N E V E N E T O Proposta n. 91 Comunicata ai Capigruppo consiliari per elenco il prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89 OGGETTO:

Dettagli

FAQ OPERAZIONE DI TRANSAZIONE E SMOBILIZZO DEI CREDITI SANITARI

FAQ OPERAZIONE DI TRANSAZIONE E SMOBILIZZO DEI CREDITI SANITARI FAQ OPERAZIONE DI TRANSAZIONE E SMOBILIZZO DEI CREDITI SANITARI 1. Di cosa si tratta? Il 2 agosto il Consorzio delle Aziende Sanitarie Siciliane ha stipulato con l AIOP (Associazione Italiana Ospedalità

Dettagli

Il presente documento pubblicizza le condizioni applicabili alla generalità dei Clienti Consumatori

Il presente documento pubblicizza le condizioni applicabili alla generalità dei Clienti Consumatori Il presente documento pubblicizza le condizioni applicabili alla generalità dei Clienti Consumatori INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca: Banca del Fucino S.p.A. Indirizzo: Via Tomacelli 107-00186 Roma Telefono:

Dettagli

Determ. n. 870-18.4.2013 N. 40773 P.G.

Determ. n. 870-18.4.2013 N. 40773 P.G. COMUNE DI BRESCIA Determinazione dirigenziale Determ. n. 870-18.4.2013 N. 40773 P.G. OGGETTO: Settore Bilancio e Ragioneria. Misure a sostegno dei soggetti degli inquilini/acquirenti degli alloggi del

Dettagli

Deliberazione del Direttore Generale n.

Deliberazione del Direttore Generale n. A Z I E N D A S A N I T A R I A L O C A L E AL Sede legale: Viale Giolitti 2 15033 Casale Monferrato (AL) Partita IVA/Codice Fiscale n. 02190140067 Deliberazione del Direttore Generale n. del OGGETTO:

Dettagli

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare 1 Gli attori Le Banche olesocietà di leasing, erogano il finanziamento per acquisto o acquisizione in leasing di «beni strumentali» a condizioni di

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro Spa, tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web

Dettagli

CONVENZIONE TRA MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE PER

CONVENZIONE TRA MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE PER ṭ. CONVENZIONE TRA MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE E L'ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA PER L'ACCESSO DA PARTE DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ALLA PIATTAFORMA ELETTRONICA PER LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE CONTO IMPRESE (TITOLARI DI PARTITA IVA)

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE CONTO IMPRESE (TITOLARI DI PARTITA IVA) FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE CONTO IMPRESE (TITOLARI DI PARTITA IVA) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di credito in conto corrente

INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di credito in conto corrente Cassa Lombarda S.p.A. Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI EUROPEE SUL CREDITO AI CONSUMATORI per aperture di in conto corrente 1. Identità e contatti del finanziatore/intermediario del Finanziatore Indirizzo Telefono*

Dettagli

Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014

Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014 Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014 Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con Decreto 24.09.2014,

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO Provincia di Treviso

COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO Provincia di Treviso COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO Provincia di Treviso COPIA Deliberazione n. 73 Data 02-05-2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: MISURE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE. L'anno duemilaundici il

Dettagli

ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi

ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi COMUNICATO STAMPA ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi Inviati alle banche i protocolli siglati con le Associazioni delle imprese, in attesa della pubblicazione dei 4

Dettagli

IL CAPO DEL SETT. ECONOMICO-FINANZIARIO GABRIELE NUNZIATA

IL CAPO DEL SETT. ECONOMICO-FINANZIARIO GABRIELE NUNZIATA SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO DETERMINA N. 3 ANNO 2015 DEL 14-01-2015 NUMERO DETERMINA DI SETTORE: 2 OGGETTO: TRAPANI IACP SEF FORNITURA ANNUALE DI ENERGIA ELETTRICA PER LA SEDE IACP

Dettagli

Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione

Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione Ai gentili clienti Loro sedi Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione Premessa Coloro che intendono partecipare alla procedura di liquidazione dei crediti nei

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE E A MEDIO/LUNGO TERMINE A SCADENZA DETERMINATA

FINANZIAMENTI A BREVE E A MEDIO/LUNGO TERMINE A SCADENZA DETERMINATA Pag. 1 / 5 Foglio Informativo FINANZIAMENTI A BREVE E A MEDIO/LUNGO TERMINE A SCADENZA DETERMINATA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero

Dettagli

OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A.

OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A. Informativa per la clientela di studio N. 157 del 29.10.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A. Il Mef ha previsto particolari modalità di compensazione nel

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI DI FACTORING M003R00 FOGLIO INFORMATIVO versione del 01/10/2015 Pag. 1 di 10 INFORMAZIONI SULLA SOCIETÀ DI FACTORING COMPAGNIA EUROPEA FACTORING INDUSTRIALE SPA Sede

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B. Foglio Informativo n UF01 Aggiornamento n 24 ultimo aggiornamento 02/10/2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Dettagli