UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION RELATORI: Prof. Egidio Astesiano Ing. Stefano Bencetti CANDIDATO: Mario Zelaschi Anno Accademico 2008/2009

2 SOMMARIO Introduzione... pag. 4 Capitolo 1 ITIL v3 1.1 Storia di ITIL... pag Struttura di ITIL v3... pag ITIL e IT Service Management... pag Differenze fra ITIL v2 ed ITIL v3... pag. 9 Capitolo 2 Service Transition 2.1 Fondamenti del Service Transition... pag Criteri per il Service Transition... pag a Definire ed implementare un criterio formale per il Service Transition... pag b Implementare i cambiamenti ai servizi attraverso il Service Transition... pag c Adottare una piattaforma comune e degli standard... pag d Massimizzare il riutilizzo di processi e sistemi consolidati... pag e Allineare i piani del Service Transition con le necessità manageriali... pag f Stabilire e mantenere una connessione con gli stakeholder... pag g Stabilire controlli e discipline efficaci... pag h Fornire sistemi per il trasferimento di know-how e decision support... pag i Pianificare pacchetti di release e distribuzione... pag l Anticipare e gestire cambi di percorso... pag m Gestire le risorse attraverso il Service Transition... pag n Garantire un coinvolgimento anticipato nel ciclo di vita del servizio... pag o Assicurare la qualità del nuovo servizio... pag p Migliorare dinamicamente la qualità durante il Service Transition... pag. 24 2

3 Capitolo 3 Processi del Service Transition 3.1 Transition Planning and Support... pag Change Management... pag Service Asset and Configuration Management... pag Release and Deployment Management... pag Service Validation and Testing... pag Evaluation... pag Knowledge Management... pag. 102 Capitolo 4 Implementazione del Service Transition 4.1 Fasi dell introduzione del Service Transition..... pag Aspetti del cambio culturale..... pag Rischi e benefici.. pag Sfide. pag Fattori critici di successo.. pag. 112 Conclusioni... pag. 113 Bibliografia... pag. 114 Ringraziamenti... pag

4 INTRODUZIONE L argomento di questa Prova Finale sarà ITIL (IT Infrastructure Library), un insieme di template e best practice indirizzate a migliorare e rendere più efficace ed efficiente la gestione dei servizi erogati dalle organizzazioni IT. ITIL si colloca nell ambito dell IT Service Management, management interessato alla fornitura ed al supporto dei servizi IT preposti a sostenere il business di un organizzazione; fornisce un insieme completo, costante e coerente di pratiche per i processi di IT Service Management, promuovendo un modello di qualità che consente la creazione di valore per il business attraverso l utilizzo di sistemi informatici. La documentazione di questa Prova Finale sarà organizzata nel seguente modo: Cap I, ITIL v3: dopo una breve parentesi sulla storia di ITIL, conterrà informazioni sulle fasi di un Servizio IT nel ciclo di vita del servizio secondo ITIL v3, sui principali processi ITIL e sui ruoli coinvolti. Cap II, Service Transition: capitolo dedicato alla fase di Service Transition e ai criteri per una sua corretta implementazione. Cap III, Processi del Service Transition: analisi delle attività e dei macro processi che compongono il Service Transition. Cap IV, Implementazione del Service Transition: in questa sezione sarà analizzato il percorso da intraprendere per implementare correttamente il Service Transition, analizzando i vantaggi che ne derivano, i requisiti necessari, i rischi e le sfide da affrontare. 4

5 CAPITOLO 1 ITIL v3 1.1 Storia di ITIL Il concetto di ITIL è nato negli anni 80, quando il Governo britannico ha ritenuto che la qualità dei servizi IT non era sufficiente. Per ovviare al problema, la Central Computer and Telecommunications Agency (CCTA), adesso chiamata Office of Government Commerce (OGC), fu incaricata di occuparsi di sviluppare delle linee guida per un uso delle risorse IT efficiente e finanziariamente responsabile. Quella che noi chiamiamo ITIL v1 non fu altro che la prima versione di queste linee guida, intitolata Government Information Technology Infrastructure Method (GITM), che negli anni si è espansa fino a 31 volumi, concentrandosi sulle due aree di Service Support e Service Delivery. Molti dei principali concetti sulla gestione del servizio non erano stati creati all interno del progetto originale del CCTA che sviluppava ITIL: IBM rivendica infatti che i suoi Yellow Books ne siano stati un precursore. Durante gli anni 80 la diffusione di ITIL rimase limitata alla Gran Bretagna ed agli addetti ai lavori; il boom iniziò a metà degli anni 90, quando molte grandi aziende ne iniziarono l adozione. ITIL v2 uscì nel 2001 e le parti di Service Delivery e Service Support furono riassunte in due (più) concisi volumi. Microsoft nello stesso periodo rilasciò MOF, che si basa su ITIL. Il primo giugno 2007, sei anni dopo, l OGC ha rilasciato un ampio aggiornamento di ITIL, noto come ITIL v3. La pubblicazione iniziale di ITIL v3 è composta da cinque testi principali denominati: Service Strategy, Service Design, Service Transition, Service Operation, Continual Service Improvement, consolidando così molte delle pratiche della versione v2 attraverso il ciclo di vita del servizio (Service lifecycle). 5

6 1.2 Struttura di ITIL v3 Il diagramma illustra lo schema del ciclo di vita di un servizio secondo lo schema ITIL v3. Il servizio nasce da una richiesta fatta dal business o da un cliente e può comportare lo sviluppo di un nuovo servizio oppure una modifica rilevante ad un servizio già esistente. Durante la fase di Service Strategy (SS), sono identificati e concordati i requisiti ed i risultati attesi e vengono documentati in un documento detto Service Level Package (SLP) che viene utilizzato dalla fase successiva. La fase di Service Strategy si trova al centro del ciclo di vita di ITIL v3 poiché stabilisce l orientamento di tutti gli IT Service Provider e dei loro clienti e li guida attraverso la costruzione di una chiara strategia di servizio tramite la precisa comprensione di: 6

7 Quali servizi devono venir offerti e a chi; Come devono essere sviluppati i mercati interni ed esterni per il servizio; Qual è l attuale e quale la potenziale concorrenza in questi mercati e in quali altri; Quali sono gli obiettivi posti per garantire una differenziazione; Come gli stakeholder percepiscono e misurano il valore e come questo valore può essere raggiunto; Come il cliente sceglierà il provider al quale commissionare la creazione di un servizio; Come il controllo sulla creazione del valore è raggiunto tramite verifica finanziaria; Come le risorse sono allocate in modo da garantire un effetto ottimale considerando il portfolio dei servizi; Come le performance dei servizi verranno misurate. Il Servizio passa quindi alla fase del Service Design, durante la quale viene prodotta e proposta una soluzione con un Service Design Package (SDP), che contiene tutto il necessario per portarlo lungo i rimanenti passi del suo ciclo di vita. Durante la fase di Service Transition (ST), ci si concentra sull implementazione del servizio definito nella precedente fase o, per usare i termini di ITIL v3, ci si concentra sul transitare il nuovo servizio IT in produzione. Gli obiettivi principali di questa fase sono: Capire tutti i servizi, le loro utilità e garanzie, poiché ciò è fondamentale per poter transitare il servizio IT in produzione; Stabilire una politica formale ed un framework comune per l implementazione di tutti i necessari cambiamenti assicurando nel contempo la continuità del servizio; Sostenere il trasferimento di know-how e la possibilità di riuso; Anticipare e gestire correzioni in corso d opera; Assicurare il coinvolgimento di questa fase in tutto il ciclo di vita del servizio. La successiva fase di Service Operation (SO) ha lo scopo di concordare un livello di servizio con i clienti e gli utenti e di gestire le applicazioni, le infrastrutture e le tecnologie per raggiungere tale livello. Solamente durante questa fase del ciclo di vita, il servizio fornisce valore al business perciò è fondamentale garantire che questo valore sia effettivamente fornito. Dopo la messa in funzione del servizio, la fase di Continual Service Improvement (CSI) dovrà correggere le mancanze (se presenti) e identificare eventuali opportunità di miglioramento in una qualunque delle precedenti fasi. 7

8 Questa fase è da considerarsi trasversale alle altre poiché è un ciclo continuo di cui deve essere tenuto conto durante ogni fase del Service lifecycle. 1.3 IT Service Management e ITIL IT Service Management (ITSM) è la disciplina che si occupa della gestione di sistemi di Information Technology (IT) su larga scala, filosoficamente concentrata sulla prospettiva del cliente e del contributo dell IT al business. La seguente è una delle classiche affermazioni che troviamo in letteratura quando si parla di ITSM: I fornitori di servizi IT non possono più permettersi di focalizzarsi solo sulla tecnologia, devono ora considerare la qualità dei servizi che forniscono e focalizzarsi nella relazione con il cliente. ITSM è incentrata sui processi ed in questo senso ha legami ed obiettivi comuni con altre discipline, framework e metodologie incentrate sul miglioramento dei processi. La disciplina non è interessata ad illustrare i dettagli di un determinato prodotto o i dettagli tecnici di un sistema informativo. È invece interessata a fornire un framework in grado di mettere in relazione le attività IT e le persone in esse coinvolte con business, clienti e utilizzatori. ITSM è generalmente legata al concetto di back office, o meglio al concetto di gestione dell IT, e non quindi allo sviluppo della tecnologia. Ad esempio, la realizzazione di un software per la scrittura di testi o la progettazione di un microprocessore non sono oggetto di interesse di questa disciplina, ma lo è piuttosto il sistema informativo utilizzato dal marketing. Molte società non appartenenti al settore della tecnologia, quali ad esempio società finanziarie e commerciali, hanno significativi sistemi informativi che non sono visibili ai loro clienti. Come già detto prima, ITIL è invece un insieme di linee guida ispirate dalla pratica nella gestione dell IT Service Management e consiste in una serie di pubblicazioni che forniscono indicazioni sull erogazione di servizi IT di qualità e sui processi e mezzi necessari a supportarli. L IT Service Management, quindi, in quanto concetto è relativo ma non equivalente a ITIL, che contiene una sezione specificatamente dedicata all IT Service Management, ovvero la combinazione dei volumi sul Service Support e Service Delivery i quali sono uno specifico esempio di un framework ITSM. 8

9 1.4 Differenze fra ITIL v2 ed ITIL v3 L introduzione dello standard ITIL v3, tesa a migliorare le practice ITIL in un ottica di Continuous Improvement, benché abbia portato significativi miglioramenti non può essere considerata una rivoluzione; infatti, una parte consistente di ITIL v2 continuerà ad essere presente in ITIL v3. Questo processo di perfezionamento è basato su consultazioni pubbliche e contributi dagli esperti del settore e dalla comunità ITSM internazionale. Come già accennato, il maggior punto di distacco fra ITIL v2 e ITIL v3 è l introduzione del concetto di lifecycle di servizi, che è un approccio strategico utilizzato in importanti aree ICT ed è legato alla loro industrializzazione e ingegnerizzazione. I Servizi IT dopo una lunga fase di sviluppo e maturazione si prestavano ad essere inquadrati nel loro ciclo di vita: quest ultimo ha una prospettiva più vasta di quella dei Processi o delle loro parziali aggregazioni (v2) ed ha l obiettivo di facilitare l integrazione Service Strategy con quella generale dell Azienda. La rappresentazione grafica delle cinque fasi del ciclo di vita è riportata nella figura seguente, ormai classica di ITIL v3: Da notare come il Continual Service Improvement eserciti la sua influenza lungo l intero ciclo di vita. Esso favorisce l inserimento dei Processi in un insieme integrato e facilita l integrazione dei Servizi con i Processi di business. La struttura costituisce un loop chiuso che produce feedback in tutte le fasi ciclo di vita. 9

10 Oltre ai 10 Processi fondamentali di v2, divisi in: Service Support (Incident Management, Problem Management, Configuration Management, Change Management, Release Management); Service Delivery (Service Level Management, Financial Management, Capacity Management, Service Continuity Management, Availability Management), i quali vengono ripresi da v3 e inseriti migliorati nel proprio framework, vengono introdotti 17 nuovi Processi, di cui: 3 in Service Strategy: Demand Management, Service Portfolio Management, Strategy Generation; 1 in Service Design: Service Catalog Management; 3 in Service Transition: Transition Planning and Support, Service Validation and Testing, Evaluation; 3 a cavallo tra SD e ST: Information Security Management, Supplier Management, Knowledge Management; 4 in Service Operation: Event Management, Request Fulfillment, Access Management, Operation Management; 3 in Continual Service Improvement: Service Reporting, Service Measurement, Service Improvement. I cambiamenti riflettono la maniera in cui la gestione dei servizi IT è maturata nei passati decenni. Il nuovo modello cambia il rapporto fra IT ed il business, per esempio: Dove ITIL v2 lavorava per allineare la gestione del servizio con la strategia di business, v3 li integra in un singolo ecosistema; Dove v2 parlava di allineamento fra Business e IT, v3 enfatizza l integrazione fra Business e IT; Dove v2 parlava di gestione della catena del valore (Value Chain Management), v3 enfatizza l integrazione della rete di valore (Value Network Integration); Dove v2 parlava di Catalogo lineare del servizio (Linear Service Catalog), v3 enfatizza il concetto di Portfolio dinamico del servizio (Dynamic Service Portfolios); Dove v2 parlava di collezione di processi integrata (Collection of integrated processes), v3 enfatizza il concetto di ciclo di vita olistico della gestione del servizio (Holistic Service Management lifecycle). I benefici apportati da ITIL v3 sono numerosi ma in particolare ITIL v3: 10

11 Stabilisce l integrazione della strategia di business con la strategia del servizio IT; Permette una progettazione più agile del servizio e di un modello di Return On Investment; Fornisce i modelli di transizione che sono stati adattati per rispondere ad una varietà di innovazioni; Sottopone a critica la gestione dei fornitori del servizio e i loro modelli di fornitura; Migliora la facilità di effettuare e di controllare i servizi in un ambiente dinamico, ad alto rischio di volatilità e soggetto ai rapidi cambiamenti delle necessità di business; Migliora la dimostrazione della misurazione del valore; Identifica gli inneschi per il miglioramento ed il cambiamento in ogni punto del ciclo di vita del servizio; Risolve le lacune e mancanze correnti in ITIL. 11

12 CAPITOLO 2 Service Transition Figura 2.2.1: Visione d insieme dei processi di ITIL v3 e dettaglio del Service Transition 12

13 2.1 Fondamenti del Service Transition Il Service Transition è supportato da alcuni principi fondamentali che evolvono dal Service Strategy e rafforzano e consolidano le pratiche e l approccio del Service Transition. Questi principi, oltre a capire cosa è un servizio e come apporta valore al business, sono alla base del Service Transition. La pubblicazione sul Service Strategy illustra la piattaforma per descrivere un servizio. Il valore di un servizio è definito nel contesto dei clienti e dei contratti, all interno di un ecosistema che è comunemente chiamato Business Enviromnent. I servizi sono un strumento tramite il quale una business unit fornisce dei valori a una o più altre business unit, o sotto-unità all interno di sé stessa. In questa pubblicazione, le business unit che forniscono servizi sono comunemente riferite come service provider o service unit, e chi usa questi servizi viene chiamato cliente o semplicemente business unit. L utilità di un servizio è definita nei termini dei risultati che i clienti si aspettano dal servizio e dai vincoli che esso è in grado di rimuovere. 2.2 Criteri per il Service Transition I seguenti punti costituiscono i criteri principali del Service Transition. La loro approvazione e applicazione da parte della dirigenza contribuisce all efficienza globale. Ognuno di questi criteri è esposto in maniera inequivocabile e la sua applicazione e approccio consigliati sono illustrati attraverso procedure consigliate che aiutano un organizzazione a rispettare tale criterio. 2.2.a Definire ed implementare un criterio formale per il Service Transition Policy Una policy formale per il Service Transition dovrebbe essere definita, documentata e approvata dal team di management, che deve assicurarsi che venga comunicata attraverso tutta l organizzazione e a tutti i fornitori e partner di rilievo. 13

14 Principi Best practice Le policy dovrebbero illustrare in maniera chiara ed evidente gli obiettivi e qualsiasi cosa estranea alla policy dovrebbe essere rimossa; Allineare le policy con le policy generali della piattaforma, organizzazione e Service Management; I finanziatori e il gruppo dirigenziale coinvolto nella stesura delle policy devono dimostrare il loro impegno nell adattare e implementare la policy. Questo include l impegno a fornire i risultati previsti per ogni cambiamento nei servizi; Usare processi che unifichino i vari team; fondere le competenze mantenendo tuttavia linee ben definite di responsabilità; Fornire i cambiamenti nelle release; Affrontare la distribuzione con sollecitudine nel piano delle release. Ottenere la chiusura formale da parte del team di management, dai finanziatori e dal gruppo di dirigenza coinvolti nello sviluppo della policy. 2.2.b Implementare i cambiamenti ai servizi attraverso il Service Transition Policy Principi Tutti i cambiamenti al Service Portfolio sono implementati attraverso il Change Management e i cambiamenti amministrati nella fase del Service Transition sono definiti e approvati. Un singolo nodo per i cambiamenti ai servizi di produzione minimizza le possibilità di cambiamenti conflittuali tra di loro e potenziali intoppi al sistema di produzione; Chi non ha i permessi di effettuare cambiamenti o introdurre novità all interno del sistema di produzione non deve avere la possibilità di farlo; Familiarità con l organizzazione del Service Operation aumenta l efficienza e permette cambiamenti organizzativi; Una buona conoscenza ed esperienza con i servizi e con l ambiente di produzione aumenta l efficienza; 14

15 Best practice Ogni versione verrà progettata e gestita da un Request for Change, generato dal processo del Change Management, per assicurare un efficace controllo e tracciabilità delle modifiche; Vengono usati metodi e procedure standard per una gestione pronta ed efficiente di tutti i cambiamenti, in modo da minimizzare disagi alla gestione del business derivati dai cambiamenti e impatti sulla qualità dei servizi; Tutti gli aggiornamenti dei cambiamenti e del rilascio di nuove versioni sono registrati nel Configuration Management System. La definizione di un cambiamento deve essere definita; I cambiamenti interni e esterni sono differenziati; I cambiamenti sono giustificati attraverso lo sviluppo di un Business Case ben definito; I cambiamenti ai servizi sono definiti in un Service Design Package che il Service Transition può usare per misurare le prestazioni attuali contro quelle predette dopo il cambiamento; L attuale processo di Change Management dovrebbe essere standardizzato e fatto rispettare con maggior fermezza; L impegno del management di far rispettare il processo è essenziale, e deve essere chiaramente visibile da tutti gli stakeholder; La verifica della configurazione aiuta ad identificare cambiamenti non autorizzati; Richieste tardive per cambiamenti che non possono essere adeguatamente amministrati non vanno accettate. 2.2.c Adottare una piattaforma comune e degli standard Policy Principi Basare il Service Transition su una piattaforma comune con processi e sistemi standard e riusabili, in modo da migliorare l integrazione con i reparti coinvolti nel Service Transition e ridurre i cambiamenti nei processi; Implementare le applicazioni consigliate come basi della standardizzazione, in modo da applicare l integrazione attraverso l intera catena di distribuzione; 15

16 Best practice Controllare la piattaforma e gli standard del Service Transition attraverso il Change Management e il Configuration Management; Assicurare che i processi siano adottati regolarmente, programmando verifiche regolari dei processi del Service Management. Pubblicare gli standard e le applicazione per il Service Transition; Fornire una piattaforma per istituire dei processi coerenti per garantire e valutare il profilo di rischio e le potenzialità di un profilo, prima e dopo che una sua versione sia rilasciata; Fornire sistemi di supporto per automatizzare i processi standard, in modo da ridurne la resistenza all adozione; Assicurarsi che vi sia la comprensione da parte del management della necessità di percorsi standard, sviluppando e rilasciando miglioramenti basati su un oculato Business Case; Stabilire il livello di coinvolgimento del management e degli stakeholder e impegnarsi a chiudere ogni divergenza. 2.2.d Massimizzare il riutilizzo di processi e sistemi consolidati Policy Principi Best practice I processi del Service Transition sono allineati con quelli dell organizzazione e con i suoi sistemi per migliorare efficienza e efficacia, e quando sono necessari nuovi processi, essi vengono sviluppati con questa sinergia in mente. Riutilizzare i processi e i sistemi già consolidati, ove possibile; Acquisire dati e informazioni dall origine per ridurre errori e migliorare l efficienza; Sviluppare modelli riusabili di Service Transition per acquisire esperienza e confidenza nelle procedure del Service Transition; Implementare le applicazioni e gli standard d industria come base per una standardizzazione, con l obiettivo di integrare le materie prime da diversi fornitori. Integrare i processi di Service Transition all interno del sistema di controllo della qualità; 16

17 Usare i canali di comunicazione preesistenti per le comunicazioni del Service Transition; Seguire i processi e le applicazioni per le risorse umane, il training, la gestione finanziaria e delle strutture; Progettare i modelli per il Service Transition in modo che permettano una facile personalizzazione per soddisfare determinate circostanze. 2.2.e Allineare i piani del Service Transition con le necessità manageriali Policy Principi Best practice Allineare i piani e i servizi del Service Transition con il cliente e le richieste del management, nell ottica di massimizzare il valore trasmesso dal cambiamento. Allineare durante la transizione le prospettive di clienti e utenti su come le prestazioni e il fine dei nuovi servizi possono essere usate per permettere un cambiamento nel business; Assicurarsi che il servizio possa essere usato in sintonia con le richieste e con i vincoli espressi nei requisiti del servizio, in modo da migliorare la soddisfazione di clienti e stakeholder; Comunicare e trasferire know-how ai clienti, utenti e stakeholder, per assicurare un loro uso efficiente del nuovo servizio; Monitorare e verificare l utilizzo dei servizi e delle applicazioni ad essi sottostanti durante lo sviluppo e nel primo periodo di vita del servizio prima di chiudere la transizione, in modo da assicurarsi che esso soddisfi le aspettative; Confrontare le prestazioni effettive dei servizi dopo una transizione con le prestazioni previste definite nel Service Design, con l obiettivo di ridurre le variazioni nelle potenzialità e prestazioni del servizio. Adottare le best practice consigliate per il programma e il Project Management per poter pianificare e organizzare le risorse necessarie, sviluppare, testare e rilasciare in produzione il prodotto, rispettando i costi, la qualità e le tempistiche previste; Fornire un piano chiaro ed esaustivo che permetta ai progetti di transizione di clienti e business di allineare le proprie attività con i progetti del Service Transition; Gestire impegni e comunicazioni degli stakeholder. 17

18 2.2.f Stabilire e mantenere una connessione con gli stakeholder Policy Stabilire e mantenere relazioni con i clienti, coloro che li rappresentano, utenti e fornitori attraverso il Service Transition in modo tale da trasfondere sul nuovo servizio o sui cambiamenti ad esso apportati le loro aspettative. Principi Guidare le attese degli stakeholder su come le prestazioni e gli usi dei nuovi servizi possono portare a un business change; Comunicare i cambiamenti a tutti gli stakeholder in modo da migliorare la loro conoscenza del nuovo servizio; Fornire informazioni valide in modo da permettere agli stakeholder di trovare informazioni sul Service Transition facilmente. Best practice Controllare con gli stakeholder che il nuovo servizio possa essere usato in accordo ai requisiti e alle limitazioni previste dai requisiti di sistema; Condividere con gli stakeholder Service Transition e piani di release; Lavorare col Business Relationship Management e il Service Level Management per relazionare clienti e stakeholder durante il Service Transition. 2.2.g Stabilire controlli e discipline efficaci Policy Stabilire adeguati controlli e discipline attraverso il ciclo di vita del servizio per rendere possibile una facile transizione dei cambiamenti al servizio. Principi Stabilire e mantenere l integrità dei service asset e delle configurazioni durante la loro evoluzione attraverso lo stadio di Service Transition; Automatizzare le attività di verifica in modo da aumentare il rilevamento di cambiamenti non autorizzati e discrepanze nelle configurazioni; Definire chiaramente chi fa cosa, quando e dove ; Definire e comunicare i ruoli e le responsabilità per ridurre errori risultanti da incomprensioni e mancanze di responsabilità. 18

19 Best practice Assicurarsi che ruoli e responsabilità siano ben definiti, mantenuti e compresi da tutti coloro coinvolti con qualsiasi processo rilevante per circostanze presenti e future; Assegnare persone a ciascun ruolo e mantenere l assegnazione nel Service Knowledge Management System (SKMS) o il Configuration Management System (CMS) per dare visibilità alla persona responsabile di particolari attività. Integrare i processi di Configuration Management con il Service Level Management per misurare la qualità degli elementi di configurazione attraverso il ciclo di vita del servizio; Assicurarsi che il servizio possa essere gestito, messo in atto e supportato in accordanza con i requisiti e le limitazioni specificate dall organizzazione del Service Provider all interno del Service Design; Eseguire verifiche sulle configurazioni e sui processi per identificare discrepanze non conformità nelle configurazioni che possano avere un impatto negativo sul Service Transition; Assicurarsi che solo personale competente possa implementare cambiamenti agli ambienti di testing e ai servizi in produzione. 2.2.h Fornire strumenti per il trasferimento di know-how e decision support Policy Il Service Transition sviluppa sistemi e processi per trasferire nozioni per l effettivo funzionamento del servizio e per permettere di prendere decisioni al momento giusto da parte delle persone di competenza. Principi Fornire dati di qualità, informazioni e nozioni nel giusto momento alle persone giuste in modo da ridurre il tempo speso e i conseguenti ritardi nell attesa di decisioni; Assicurarsi che vi sia un training e trasferimento di nozioni agli utenti adeguati in modo da ridurre il numero di chiamate verso il supporto tecnico; Migliorare la qualità delle informazioni per aumentare la soddisfazione di utenti e stakeholder, ottimizzando nello stesso tempo i costi di produzione e manutenzione; Migliorare la qualità della documentazione di release e distribuzione in modo da ridurre il numero di incidenti e problemi causato da una scarsa documentazione; Fornire un accesso facile a informazioni di qualità in modo da ridurre il tempo speso nella ricerca di materiale informativo, specialmente durante la gestione di attività critiche; Stabilire una fonte di informazioni definitiva e condividerle attraverso il ciclo di vita del servizio e con gli stakeholder, in modo da massimizzare la qualità delle informazioni e ridurre l overhead speso nel mantenimento delle stesse. 19

20 Best practice Riassumere e pubblicare gli effetti del cambiamento, prevedibili e non, deviazioni dall attuale contro prevista adeguatezza e performance, insieme al profilo del rischio. Assicurarsi che le informazioni sul Service Asset e Configuration Management siano accurate; Fornire know-how, informazioni e dati per le operazioni di sviluppo e supporto tecnico e fornire supporto ai team per risolvere problemi ed incidenti. 2.2.i Pianificare i pacchetti di release e distribuzione Policy I pacchetti di release vengono progettati per essere costruiti, testati, spediti, distribuiti ed esposti nel live environment, in modo tale da fornire i livelli di tracciabilità stabiliti, senza che cessi l efficacia nei costi di produzione. Principi Viene concordata con l amministrazione e le parti rilevanti una politica di release; Per ridurre i costi si ottimizza l utilizzazione delle risorse attraverso le attività del Service Transition; Le risorse vengono coordinate durante la release e la distribuzione; I meccanismi di release e distribuzione vengono pianificati in modo da assicurare che venga mantenuta l integrità dei componenti durante le fasi di installazione, gestione, imballaggio e spedizione; Tutte le release di emergenza vengono gestite secondo la procedura di Emergency Change; Vengono stimati e gestiti i rischi di interventi di sostegno o provvedimento ad una release fallita; Si usa come metro di giudizio il successo e fallimento dei pacchetti della release con l intento di migliorare l efficacia e l efficienza, pur tenendo presente l ottimizzazione dei costi. Best practice Tutti gli aggiornamenti delle release vengono registrati nel Configuration Management System; Le versioni definitive dei supporti elettronici, incluso il software, vengono archiviate in una Definitive Media Library prima della release nel test environment; Registrare le date in cui è prevista la distribuzione della release, facendo riferimento ai problemi ed alle relative richieste di cambiamenti; 20

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di laurea in Informatica SOFTWARE PER LA GESTIONE DI INFRASTRUTTURE IT SECONDO LO STANDARD ITIL: UN MODELLO

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

ITIL: Information Technology Infrastructure Library Appunti su v3 Foundation

ITIL: Information Technology Infrastructure Library Appunti su v3 Foundation ITIL: Information Technology Infrastructure Library Appunti su v3 Foundation 3 gennaio 2013 Paolo Ottolino (PMP CISSP-ISSAP CISA CISM OPST ITIL) ii iii Indirizzamento ITIL non è un modello teorico studiato

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli