Sicurezza stradale Pedoni e automobilisti Conferenza stampa del 3 settembre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza stradale Pedoni e automobilisti Conferenza stampa del 3 settembre"

Transcript

1 Sicurezza stradale Pedoni e automobilisti Conferenza stampa del 3 settembre 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 1

2 Programma Introduzione Norman Gobbi, Direttore Dipartimento delle istituzioni L azione proposta Davide Caccia, Strade più sicure Ruolo della Cantonale Cap Marco Guscio, Reparto del traffico Collaborazione delle PolCom cdt Dimitri Bossalini, Presidente APCTi 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 2

3 Norman Gobbi Direttore del Dipartimento delle istituzioni 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 3

4 Davide Caccia Responsabile Strade più sicure 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 4

5 Contesto Pedoni: è una priorità da vari anni; le prime azioni concrete di Strade più sicure datano del 2009 Statistiche: da metà anni 2000, le cifre non mostrano molti miglioramenti Dati: un terzo degli incidenti avviene sui passaggi pedonali. Solo il 5% dei pedoni coinvolti esce illeso. Gli anziani riportando generalmente ferite mortali. Azioni di questi anni: a a) sensibilizzazione generale, con spot e flyer; b) azioni combinate sensibilizzazione & controlli; c) azioni rivolte agli anziani come pedoni 2012: si insiste sulle regole di base per i pedoni e per gli automobilisti; il tema è già stato presentato nel flyer a tutti i detentori di veicoli (gennaio 2012) 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 5

6 L azione proposta / 1 Idea di fondo: Pedoni / Utenti motorizzati: cortesia e controlli Azione e scopo: sensibilizzazione: produzione di un flyer informativo, distribuito poi dalle Polizie, ed di spot radiofonici e/o televisivi. Controlli: il materiale di sensibilizzazione deve inserirsi in un contesto di controlli di polizia Elementi da affrontare: il tema che si intende affrontare deriva dall Info Mobilità responsabile del 2012, che presenta le regole di comportamento di pedoni e automobilisti, al fine di garantire la sicurezza di tutti 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 6

7 L azione proposta / 2 Obiettivo per pedoni: riportare il comportamento al rispetto delle regole base: l attraversamento della strada va compiuto dopo aver accertato l assenza di pericoli. Obiettivo per automobilisti: aumentare il grado di rispetto della precedenza ai pedoni sui passaggi pedonali e in generale di introdurre in concetto della guida preventiva: la presenza di pedoni deve indurre il conducente ad adattare la velocità e a prepararsi a cedere la precedenza 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 7

8 L azione proposta / 3 Tematiche: da affrontare da due punti di vista Pedoni a) La precedenza non è assoluta: non si può attraversare se l auto è troppo vicina, né senza guardare b) Il diritto di precedenza non mette al riparo dall incidente c) Le regole base ( Alt. Guarda e Vai ) vanno sempre applicate d) Cercare sempre l intesa visiva con l automobilista Automobilisti a) Sul passaggio pedonale è d obbligo dare la precedenza ai pedoni b) Distrarsi e/o non dare la precedenza al pedone può costare la vita a qualcuno c) Le regole base ( Controlla, Rallenta, Fermati ) vanno sempre applicate in presenza di pedoni e attraversamenti pedonali d) Cercare sempre l intesa visiva con il pedone 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 8

9 L azione proposta / 4 Regole, errori e rischi per i pedoni (1): Sul passaggio pedonale: entro il raggio di 50 m da un passaggio pedonale, questo va usato per attraversare la strada (art. 47 ONC). Le strisce pedonali concedono di principio la precedenza al pedone, ma questi non deve accedervi all improvviso; l attraversamento va compiuto con prudenza: non ci si può avvalere della precedenza se il veicolo in arrivo non ha più tempo per fermarsi (art. 49 LCStr e art. 47 ONC). Quindi ecco le regole da seguire: ALT: fermarsi sempre davanti al passaggio GUARDA: controllare che non vi siano auto in arrivo o che queste si fermino; cercare l intesa visiva con il conducente in arrivo è il miglior modo per garantirsi la sicurezza necessaria VAI: attraversare unicamente se non vi è pericolo 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 9

10 L azione proposta / 5 Regole, errori e rischi per i pedoni (2): Senza passaggio pedonale: la strada può essere attraversata anche in assenza di un passaggio pedonale, ma qui la prudenza deve essere ancora maggiore, in quanto il pedone non gode del principio della precedenza. Restano sempre valide le regole già illustrate: ALT! GUARDA e VAI! solo se non vi è pericolo In presenza di un isola salva-vita al centro della carreggiata, i passi descritti vanno compiuti per una corsia alla volta; questo aumenta la sicurezza dell attraversamento 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 10

11 L azione proposta / 6 Regole, errori e rischi per gli automobilisti (1): In presenza di passaggi pedonali: i conducenti devono agevolare i pedoni nell attraversamento della strada, moderare per tempo la velocità e cedere a questi la precedenza se stanno già attraversando o intendono farlo (art. 33 LCStr; art. 6 ONC). La sanzione in caso di inosservanza dell obbligo di dare la precedenza (art. 33 LCStr, art. 6 ONC) è di fr ; in caso di messa in pericolo del pedone, può aggiungersi la revoca della patente. Le regole da rispettare sono semplici CONTROLLA: sguardo che si muove a radar per percepire la presenza dei pedoni e eventuali pericoli RALLENTA: ridurre la velocità in presenza di pedoni FERMATI: cedere la precedenza a chi vuole attraversare e fare un cenno d intesa 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 11

12 L azione proposta / 7 Regole, errori e rischi per i automobilisti (2): In generale, in zone con molti pedoni: nella circolazione all interno degli abitati, in caso di una forte presenza di pedoni, al conducente è richiesta particolare prudenza e un attenzione che permetta di percepire per tempo il pericolo. In caso di traffico incolonnato, anche in assenza di passaggi pedonali, il conducente deve fermarsi qualora i pedoni aspettino di attraversare la strada (art. 6 ONC) 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 12

13 Collaborazione Localizzazione dell azione: si intende deve agire essenzialmente all interno delle località e principalmente all interno dei centri urbani Le Polizie comunali: proprio per la localizzazione dell azione, la collaborazione e l attività delle Polizie comunale è fondamentale La Polizia cantonale: la PolCa fungerà da coordinamento degli interventi e collaborerà con alcune PolCom per l organizzazione di momenti di controllo mirati 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 13

14 Le PolCom Elenco delle PolCom che partecipano all azione: Agno-Bioggio-Manno Mendrisio Bellinzona Mediovedeggio Capriasca Muralto-Minusio Chiasso Paradiso Ceresio Nord Ponte Tresa Cureglia-Comano-Vezia Losone Lugano Caslano Monteceneri-Origlio-Gravesano 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 14

15 Strumenti Flyer: due flyer informativi e di sensibilizzazione uno rivolto ai pedoni e uno agli automobilisti - che riprendono le regole base. I flyer saranno distribuiti dalle Polizie Spot televisivo: sarà improntato dal punto di vista del pedone e diffuso nella prima fase dell azione, con lo scopo ricordare le regole base ALT. GUARDA e VAI! Controlli: nella seconda fase dell azione, Polizia Cantonale e Polizie comunali svolgeranno controlli mirati sul rispetto delle regole toccate dai flyer informativi 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 15

16 Tempistica 1 settimana di settembre: diffusione spot televisivo e distribuzione flyer informativi da parte di PolCom e PolCa 2 settimana di settembre: distribuzione di flyer informativi e controlli repressivi coordinati PolCom e PolCa 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 16

17 cap Marco Guscio Responsabile Reparto del traffico 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 17

18 Cdt Dimitri Bossalini Presidente dell Associazione PolCom ticinesi 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 18

19 D O M A N D E 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 19

20 Grazie dell attenzione 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 20

21 Feriti e morti pedoni Feriti Morti 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 21

22 Totale incidenti e Incidenti con vittime 8'500 8'000 7'500 7'000 6'500 6'000 5'500 5'000 1'653 1'629 8'037 7'910 1'602 1'522 7'645 7'377 7'335 1'442 1'351 6'648 1'489 6'657 1'352 1'256 6'079 6'067 5'880 1'154 1'193 5'886 1'700 1'600 1'500 1'400 1'300 1'200 1'128 1'100 5'222 1'000 4' ' Totale incidenti Incidenti con vittime 23 ottobre 2012 Dipartimento delle istituzioni 22

Norman Gobbi, Direttore Dipartimento delle istituzioni. L azione proposta. Cap Marco Guscio, Reparto del traffico. Ruolo della Cantonale

Norman Gobbi, Direttore Dipartimento delle istituzioni. L azione proposta. Cap Marco Guscio, Reparto del traffico. Ruolo della Cantonale L azione proposta Ruolo della Cantonale Collaborazione delle PolCom Norman Gobbi, Direttore Dipartimento delle istituzioni Cap Marco Guscio, Reparto del traffico cdt Enrico Burkhard, polcom Losone Motociclette:

Dettagli

Strade più sicure Bambini in auto

Strade più sicure Bambini in auto Strade più sicure Bambini in auto 18 giugno 2009 Dipartimento delle istituzioni 1 Scaletta Luigi Pedrazzini, Direttore Dipartimento Istituzioni Bruno Bernasconi, ufficio prevenzione infortuni Cdt Adriano

Dettagli

Iniziano le scuole: attenzione ai bambini!

Iniziano le scuole: attenzione ai bambini! Iniziano le scuole: attenzione ai bambini! Campagna straordinaria sulla sicurezza stradale A cura della Polizia Locale e dell Ufficio Comunicazione Perché i bambini: sono piccoli. La statura impedisce

Dettagli

Statistica incidenti della circolazione stradale. Rapporto annuale 2012

Statistica incidenti della circolazione stradale. Rapporto annuale 2012 Statistica incidenti della circolazione stradale Rapporto annuale 2012 2 Indice Indice... 3 1 Introduzione... 5 2 Panoramica... 7 2.1 Incidenti e conseguenze... 7 2.1.1 Incidentalità... 7 2.1.2 Incidenti

Dettagli

Comando Polizia Municipale Ufficio Informazioni Istituzionali

Comando Polizia Municipale Ufficio Informazioni Istituzionali Comando Polizia Municipale Ufficio Informazioni Istituzionali Art. 190. Comportamento dei pedoni. I pedoni, per attraversare la carreggiata, devono servirsi degli attraversamenti pedonali, dei sottopassaggi

Dettagli

COMPORTAMENTO SULLE STRISCE PEDONALI

COMPORTAMENTO SULLE STRISCE PEDONALI COMPORTAMENTO SULLE STRISCE PEDONALI CONSIGLI PER PEDONI E CONDUCENTI IN COLLABORAZIONE CON L'INCIDENTE NON E' FATALITA' Progetto svizzero per la Giornata mondiale della Salute dell OMS SPONSOR COFINANZIATO

Dettagli

CONOSCERE LE CAUSE PER UNA CORRETTA

CONOSCERE LE CAUSE PER UNA CORRETTA Dipartimento II Lavori Pubblici Direzione viabilità L INCIDENTALITA : CONOSCERE LE CAUSE PER UNA CORRETTA GESTIONE DELLA VIABILITA IL LIBRO BIANCO DELLA COMUNITA EUROPEA del 2001 La Politica Europea dei

Dettagli

Incidenti della circolazione stradale

Incidenti della circolazione stradale Rapporto d attività 200 Incidenti della circolazione stradale Repubblica e Cantone Ticino Bellinzona Marzo 20 Polizia Cantonale Ticinese, Ufficio Statistica di polizia Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento

Dettagli

Art. 141 Comma 8 velocità non commisurata alle situazioni ambientali 2

Art. 141 Comma 8 velocità non commisurata alle situazioni ambientali 2 - Norma violata Punti Art. 141 Comma 8 velocità non commisurata alle situazioni ambientali Comma 9,1 periodo 4 Divieto di gareggiare in velocità con veicoli senza motore Comma 9, periodo Divieto di gareggiare

Dettagli

GoalZERO per gli spostamenti casa-lavoro

GoalZERO per gli spostamenti casa-lavoro GoalZERO per gli spostamenti casa-lavoro 1 GoalZERO per gli spostamenti casa-lavoro Uno dei messaggi del programma GoalZERO è promuovere la sicurezza in tutti gli aspetti della nostra vita, compresi gli

Dettagli

Rete tram del Luganese Concluso il progetto di massima per la tappa prioritaria

Rete tram del Luganese Concluso il progetto di massima per la tappa prioritaria Rete tram del Luganese Concluso il progetto di massima per la tappa prioritaria Conferenza stampa del 19 dicembre 2011 Dipartimento del territorio - CRTL- Lugano - Manno - Bioggio Rete tram del Luganese

Dettagli

Statistica incidenti della circolazione stradale. Rapporto annuale 2013

Statistica incidenti della circolazione stradale. Rapporto annuale 2013 Statistica incidenti della circolazione stradale Rapporto annuale 2013 2 Indice Indice... 3 1 Introduzione... 5 2 Panoramica... 7 2.1 Incidenti e conseguenze... 7 2.1.1 Incidentalità... 7 2.1.2 Incidenti

Dettagli

Incidenti stradali in Basilicata Anno Antonella Bianchino

Incidenti stradali in Basilicata Anno Antonella Bianchino Incidenti stradali in Basilicata Anno 2011 Antonella Bianchino Potenza, 14 dicembre 2012 Potenza, 14 dicembre 2012 La metodologia LA RILEVAZIONE ISTAT DEGLI INCIDENTI STRADALI CON LESIONI A PERSONE L informazione

Dettagli

Statistica incidenti della circolazione stradale. Rapporto annuale 2015

Statistica incidenti della circolazione stradale. Rapporto annuale 2015 Statistica incidenti della circolazione stradale Rapporto annuale 205 2 Indice Indice... 3 Introduzione... 5 2 Panoramica... 7 2. Incidenti e conseguenze... 7 2.. Incidentalità... 7 2..2 Incidenti per

Dettagli

per le scuole elementari

per le scuole elementari Polizia Locale dei Castelli Montecchio Maggiore Brendola IL PEDONE IL PEDONE Lezione di EDUCAZIONE STRADALE per le scuole elementari CHI è il PEDONE? 2 Cos è la STRADA? Segnaletica orizzontale Segnaletica

Dettagli

Statistica incidenti della circolazione stradale. Rapporto annuale 2014

Statistica incidenti della circolazione stradale. Rapporto annuale 2014 Statistica incidenti della circolazione stradale Rapporto annuale 2014 1 2 Indice Indice... 3 1 Introduzione... 5 2 Panoramica... 7 2.1 Incidenti e conseguenze... 7 2.1.1 Incidentalità... 7 2.1.2 Incidenti

Dettagli

Sicurezza stradale in città Vincenzo Leanza Automobile Club d Italia

Sicurezza stradale in città Vincenzo Leanza Automobile Club d Italia Sicurezza stradale in città Vincenzo Leanza Automobile Club d Italia Bologna, 5 dicembre 2011 Uno sguardo ai dati generali per l anno 2010 e il bilancio nella decade 2001-2010 Nel 2010 Nel 2001 211.404

Dettagli

Ministero dei Trasporti

Ministero dei Trasporti Ministero dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE STATO ED EVOLUZIONE DELL INCIDENTALITA INCIDENTALITA STRADALE LE PRINCIPALI LINEE DI INTERVENTO Pietro

Dettagli

Modulo A Norme di comportamento

Modulo A Norme di comportamento MIUR - Il patentino a scuola Il programma dei corsi Moduli di formazione per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori Modulo A: Norme di comportamento Modulo B: Segnaletica

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento

Obiettivi specifici di apprendimento Obiettivi specifici di apprendimento CONOSCENZE - La tipologia della segnaletica stradale, con particolare attenzione a quella relativa al pedone e al ciclista. -Analisi del Codice Stradale: funzione delle

Dettagli

Pagina 1 di 11. Articolo CDS Infrazione Sanzione Punti Sanzioni accessorie NOVITA'

Pagina 1 di 11. Articolo CDS Infrazione Sanzione Punti Sanzioni accessorie NOVITA' Pagina 1 di 11 Art. 40 - c. 5 e 6 e art. 146 - c. 2 2 Superare la strisce trasversali continue e discontinue Art. 40 - c. 8 e art. 146 - c. 2 Superare la striscia longitudinale continua Art. 40 - c. 9

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2012-2013 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale

Dettagli

SAPER LEGGERE LE SITUAZIONI. Dalle conoscenze agli atteggiamenti corretti MODULO A - 1

SAPER LEGGERE LE SITUAZIONI. Dalle conoscenze agli atteggiamenti corretti MODULO A - 1 SAPER LEGGERE LE SITUAZIONI Dalle conoscenze agli atteggiamenti corretti MODULO A - 1 1. Introduzione Consapevolezza dei limiti dell essere umano Consapevolezza del rischio di incidenti stradali Importanza

Dettagli

speciale campagne sulla sicurezza stradale

speciale campagne sulla sicurezza stradale speciale campagne sulla sicurezza stradale m&ss informazione/formazione 9 ottobre 2014 La riduzione degli incidenti stradali e, soprattutto dei morti, sulle strade italiane ed europee è dipeso da molti

Dettagli

1 Atti legislativi e dell Amministrazione

1 Atti legislativi e dell Amministrazione 73/2014 Venerdì 12 settembre 7447 Foglio ufficiale 1 Atti legislativi e dell Amministrazione Graduatoria degli indici di capacità finanziaria dei Comuni ticinesi (biennio 2015/2016) Il Consiglio di Stato

Dettagli

Dubbi interpretativi sulla decurtazione punti per i divieti di sosta prescritti con segnaletica orizzontale

Dubbi interpretativi sulla decurtazione punti per i divieti di sosta prescritti con segnaletica orizzontale ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 18/02/2010 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/29003-dubbi-interpretativi-sulla-decurtazione-puntiper-i-divieti-di-sosta-prescritti-con-segnaletica-orizzontale Autore:

Dettagli

VELOCIPEDI. Segnaletica e norme di comportamento. a cura di Ass. Pezziga Ilaria

VELOCIPEDI. Segnaletica e norme di comportamento. a cura di Ass. Pezziga Ilaria VELOCIPEDI Segnaletica e norme di comportamento a cura di Ass. Pezziga Ilaria Dispositivi obbligatori per velocipedi Dispositivi di segnalazione visiva. I CATADIOTTRI, di colore giallo, devono essere presenti

Dettagli

ANNO SCOLASTICO

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 SCUOLA PRIMARIA DI RUDALZA CLASSI 2^-3^-4^-5^ Ins. GARIA MARISA ORANI G.MARIA L AMBIENTE STRADA La maestra ci ha spiegato che è importante conoscere la strada, i segnali stradali

Dettagli

Variazioni percentuali 2011/2010 Incidenti stradali ,7 Morti ,6 Feriti ,5

Variazioni percentuali 2011/2010 Incidenti stradali ,7 Morti ,6 Feriti ,5 Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Moduli di formazione per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori. MODULO A Norme di comportamento

Moduli di formazione per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori. MODULO A Norme di comportamento Moduli di formazione per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori MODULO A Norme di comportamento U. D. 1) norme sulla precedenza - Norma generale sulla precedenza; regole

Dettagli

Attività di controllo della Polizia Stradale Gennaio settembre 2014/2015

Attività di controllo della Polizia Stradale Gennaio settembre 2014/2015 Commissione per la sicurezza stradale nel settore dell autotrasporto Attività di controllo della Polizia Stradale Gennaio settembre 2014/2015 14 ottobre 2015 Gennaio settembre 2014/2015 totali Autostrada

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA SICUREZZA STRADALE

FRIULI VENEZIA GIULIA SICUREZZA STRADALE Al servizio di gente unica FRIULI VENEZIA GIULIA SICUREZZA STRADALE Cesena 27 maggio 2011 Direzione centrale infrastrutture, mobilità, pianificazione territoriale e lavori pubblici LEGGE REGIONALE 25 ottobre

Dettagli

Art. 39. Segnali verticali.

Art. 39. Segnali verticali. Articolo 39 - CdS Art. 39. Segnali verticali. 1. I segnali verticali si dividono nelle seguenti categorie: A) segnali di pericolo: preavvisano l'esistenza di pericoli, ne indicano la natura e impongono

Dettagli

A PIEDI SENZA LIMITI D ETÀ SICURI NELTRAFFICO. Raccomandazioni utili per persone anziane, parenti, accompagnatori e automobilisti

A PIEDI SENZA LIMITI D ETÀ SICURI NELTRAFFICO. Raccomandazioni utili per persone anziane, parenti, accompagnatori e automobilisti A PIEDI SENZA LIMITI D ETÀ SICURI NELTRAFFICO Raccomandazioni utili per persone anziane, parenti, accompagnatori e automobilisti RACCOMANDAZIONI PER I PEDONI 1. Prendete coscenza delle vostre capacità

Dettagli

MUNICIPIO DI BIOGGIO 6934 Bioggio, novembre 2014

MUNICIPIO DI BIOGGIO 6934 Bioggio, novembre 2014 MUNICIPIO DI BIOGGIO 6934 Bioggio, novembre 2014 Messaggio Municipale no. 2014-27 concernente la realizzazione di un collegamento pedonale sicuro tra la Stazione Molinazzo e Via della Posta, e relativa

Dettagli

Comunicare nel traffico

Comunicare nel traffico Comunicare nel traffico A cura di Antonio Morgagni (Fiab-Forlì) Nella netta maggioranza dei paesi civili, gli utenti deboli non hanno bisogno di rivendicare il proprio diritto di precedenza, diritti e

Dettagli

V - F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F

V - F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F V F L'attraversamento pedonale è una parte della carreggiata destinata al transito dei pedoni che attraversano L'attraversamento pedonale è una parte della carreggiata, in cui i veicoli devono dare la precedenza

Dettagli

Incidentalità stradale: NUMERI, NORME, PREVENZIONE

Incidentalità stradale: NUMERI, NORME, PREVENZIONE Incidentalità stradale: NUMERI, NORME, PREVENZIONE Rapporto ACI ISTAT ANNO 2014 Conferenza Stampa Milano 19 novembre 2015 DATI STATISTICI Ogni anno ACI, grazie alla partnership con ISTAT, fornisce le statistiche

Dettagli

Comando Polizia Municipale

Comando Polizia Municipale Comando Polizia Municipale Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada NORME DI COMPORTAMENTO Art. 143. Posizione dei veicoli sulla carreggiata. - I veicoli devono circolare sulla parte destra

Dettagli

Pedoni e ciclisti alla riscossa!

Pedoni e ciclisti alla riscossa! Pedoni e ciclisti alla riscossa! Contro la strage stradale parte il 16 maggio la Campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada. Bambini e anziani insieme nelle piazze comporranno

Dettagli

pedone sicuro La città a passo d uomo Gli attraversamenti pedonali si mettono in luce.

pedone sicuro La città a passo d uomo Gli attraversamenti pedonali si mettono in luce. pedone sicuro Gli attraversamenti pedonali si mettono in luce. Un argomento di interesse pubblico. I pedoni sono i soggetti più a rischio sulle strade. Il traffico automobilistico, oggi sempre più frenetico,

Dettagli

L informazione statistica: un contributo al contrasto dell incidentalità stradale La rilevazione degli incidenti stradali con lesioni a persone

L informazione statistica: un contributo al contrasto dell incidentalità stradale La rilevazione degli incidenti stradali con lesioni a persone Ufficio di Statistica L informazione statistica: un contributo al contrasto dell incidentalità stradale La rilevazione degli incidenti stradali con lesioni a persone 4 giugno 2014 Sala S. Anna - Dr.ssa

Dettagli

Allacciali alla vita, progetto per il trasporto sicuro dei bambini in macchina. Per sicurezza, informiamo. Cesena 11 marzo 2011

Allacciali alla vita, progetto per il trasporto sicuro dei bambini in macchina. Per sicurezza, informiamo. Cesena 11 marzo 2011 Allacciali alla vita, progetto per il trasporto sicuro dei bambini in macchina. Per sicurezza, informiamo. Cesena 11 marzo 2011 www.ausl-cesena.emr.it Luigi Salizzato, Baldassarri Emanuela Dipartimento

Dettagli

PoliziaMunicipale.it SEMAFORO VEICOLARE

PoliziaMunicipale.it SEMAFORO VEICOLARE SEMAFORO VEICOLARE LUCE ROSSA: Bisogna arrestarsi prima della striscia di arresto senza impegnare il crocevia. E vietato ripartire quando appare il giallo per la strada che si incrocia senza aver atteso

Dettagli

TABELLA DEI PUNTEGGI PREVISTI DALL ART. 126-BIS

TABELLA DEI PUNTEGGI PREVISTI DALL ART. 126-BIS TABELLA DEI PUNTEGGI PREVISTI DALL ART. 6-BIS Art. c. 8 Velocità non commisurata alle situazione ambientali Art. c. 8 c. 9 c. 9 bis Art. c. c. c., rif. al c. Superamento dei limiti di velocità di oltre

Dettagli

LEGGE REGIONALE 25 ottobre 2004, n. 25.

LEGGE REGIONALE 25 ottobre 2004, n. 25. LEGGE REGIONALE 25 ottobre 2004, n. 25. Interventi a favore della sicurezza e dell educazione stradale INTRODUZIONE ing. Iliana Gobbino 1 10000 9500 9000 8500 8000 7500 7000 6500 6000 5500 Anno 5000 1994

Dettagli

LE PERSONE PIÙ A RISCHIO SULLE STRADE. MENTRE CONTINUANO A DIMINUIRE I MORTI PER È

LE PERSONE PIÙ A RISCHIO SULLE STRADE. MENTRE CONTINUANO A DIMINUIRE I MORTI PER È NON È UNA STRADA PER VECCHI IN ITALIA GLI ANZIANI CON OLTRE 65 ANNI SONO ORMAI LE PERSONE PIÙ A RISCHIO SULLE STRADE. MENTRE CONTINUANO A DIMINUIRE I PER INCIDENTI NELLE FASCE DI ETÀ INFERIORE, CRESCONO

Dettagli

Progetto Nazionale di Promozione dell Attività Motoria UNA CITTÀ PER VIVERE BENE

Progetto Nazionale di Promozione dell Attività Motoria UNA CITTÀ PER VIVERE BENE Progetto Nazionale di Promozione dell Attività Motoria UNA CITTÀ PER VIVERE BENE La mobilità pedonale e ciclabile nella città moderna è soprattutto una questione di sicurezza arch. Lorella Polo coll. ing.

Dettagli

Pendolarismo in sicurezza

Pendolarismo in sicurezza Pendolarismo in sicurezza GoalZERO Pendolarismo Cosa è il pendolarismo GoalZERO? Il pendolarismo GoalZERO è la pratica di prendere le misure di sicurezza necessarie prima, durante e dopo ogni viaggio.

Dettagli

La stima degli effetti sanitari della patente a punti in zona urbana

La stima degli effetti sanitari della patente a punti in zona urbana www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi, Pietro Marturano

Dettagli

6 novembre 2014 Audizione IV Commissione Regione FVG Rete Mobilità Nuova

6 novembre 2014 Audizione IV Commissione Regione FVG Rete Mobilità Nuova 6 novembre 2014 Audizione IV Commissione Regione FVG Rete Mobilità Nuova La nostra visione Città a misura di persona Moderazione del traffico e concetto di Living Street La riqualificazione della rete

Dettagli

Voto per corrispondenza Nuove modalità per gli elettori

Voto per corrispondenza Nuove modalità per gli elettori Nuove modalità per gli elettori Conferenza stampa 27 agosto 2014, ore 13.30 Sala stampa, Palazzo delle Orsoline, Bellinzona Logo: campagna, partner marchi certificazione Norman Gobbi Direttore del Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI CERANOVA (PROVINCIA DI PAVIA)

COMUNE DI CERANOVA (PROVINCIA DI PAVIA) GIOCHIAMO..SICURAMENTE IN STRADA Educazione stradale itinerante a Ceranova Ceranova è un paese dove i ragazzi possono giocare, camminare e andare in bici con una certa autonomia, ma per rendere più sicuro

Dettagli

Statistica incidenti della circolazione stradale. Rapporto annuale 2011

Statistica incidenti della circolazione stradale. Rapporto annuale 2011 Statistica incidenti della circolazione stradale Rapporto annuale 2011 2 Indice Indice... 3 1 Introduzione... 5 2 Panoramica... 7 2.1 Incidenti e conseguenze... 7 2.1.1 Incidentalità... 7 2.1.2 Incidenti

Dettagli

ANALISI DELL INCIDENTALITA REGISTRATA NELLA PROVINCIA DI CROTONE STRADA STATALE 106

ANALISI DELL INCIDENTALITA REGISTRATA NELLA PROVINCIA DI CROTONE STRADA STATALE 106 Provincia di Crotone Direzione Generale Servizo Sicurezza Stradale ANALISI DELL INCIDENTALITA REGISTRATA NELLA PROVINCIA DI CROTONE STRADA STATALE 106 ANNUALITA 2007-2009 Via S. Paternostro, 6 http://www.provincia.crotone.it/

Dettagli

SAPER LEGGERE LE SITUAZIONI MODULO C

SAPER LEGGERE LE SITUAZIONI MODULO C SAPER LEGGERE LE SITUAZIONI dalle conoscenze agli atteggiamenti corretti sviluppare le abilità cognitive MODULO C Che vuol dire fare squadra? I Quale valore possiamo associare al gioco di squadra? La cooperazione

Dettagli

CONTIENE il report sul LAVORO DOMESTICO 2015 per la Liguria

CONTIENE il report sul LAVORO DOMESTICO 2015 per la Liguria CONTIENE il report sul LAVORO DOMESTICO 2015 per la Liguria Lavoro domestico in Liguria nel 2015 in calo per il terzo anno di fila, badanti e colf ormai in pari; più italiani e meno stranieri 29.452 i

Dettagli

PATENTE A PUNTI NORMATIVA

PATENTE A PUNTI NORMATIVA PATENTE A PUNTI NORMATIVA. All'atto del rilascio della patente viene attribuito un punteggio di venti punti. Tale punteggio, annotato nell'anagrafe nazionale degli abilitati alla guida di cui agli articoli

Dettagli

tartarughiamoci Mettiamoci sulla buona strada...

tartarughiamoci Mettiamoci sulla buona strada... tartarughiamoci Mettiamoci sulla buona strada... www.autovie.it Un po di tempo fa, andare in giro per la città a piedi o in bicicletta, era un attività che si poteva fare sportivamente. Nelle strade non

Dettagli

Moderazione del traffico

Moderazione del traffico Parte 2 a _ Moderazione del Traffico e Pedonalità 3 _ Moderazione del traffico Principi ed aspetti generali - schede C Si ritiene di fare riferimento a tre argomenti principali: Il nuovo sistema di valori

Dettagli

I DATI PASSI PER SUPPORTARE LE POLITICHE PER LA SICUREZZA STRADALE NELLA REGIONE TOSCANA

I DATI PASSI PER SUPPORTARE LE POLITICHE PER LA SICUREZZA STRADALE NELLA REGIONE TOSCANA I DATI PASSI PER SUPPORTARE LE POLITICHE PER LA SICUREZZA STRADALE NELLA REGIONE TOSCANA Dott. Giorgio Garofalo Roma 20 Dicembre 2013 Giovani e sicurezza stradale: il rapporto OMS Nel mondo ogni giorno

Dettagli

Rilevazione degli incidenti stradali Lombardia

Rilevazione degli incidenti stradali Lombardia Rilevazione degli incidenti stradali Lombardia Antonio Lentini Dirigente Coordinamento della funzione statistica antonio.vincenzo.lentini@eupolislombardia.it Numero morti per milione d'abitanti 2001 2002

Dettagli

Ordinanza concernente le multe disciplinari

Ordinanza concernente le multe disciplinari Ordinanza concernente le multe disciplinari (OMD) Modifica del 17 agosto 2005 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L allegato 1 dell ordinanza del 4 marzo 1996 1 concernente le multe disciplinari è

Dettagli

Alcol e Guida. Conferenza Nazionale sulle Tossicodipendenze Trieste Marzo 2009 VALENTINO PATUSSI

Alcol e Guida. Conferenza Nazionale sulle Tossicodipendenze Trieste Marzo 2009 VALENTINO PATUSSI Alcol e Guida Conferenza Nazionale sulle Tossicodipendenze Trieste 12-14 Marzo 2009 VALENTINO PATUSSI INFORTUNISTICA STRADALE (DATI POLIZIA STRADALE-I CONFERENZA NAZIONALE SULL ALCOL) Nei primi 9 mesi

Dettagli

Rilevazione degli incidenti stradali Lombardia

Rilevazione degli incidenti stradali Lombardia Rilevazione degli incidenti stradali Lombardia Antonio Lentini Dirigente Coordinamento della funzione statistica antonio.vincenzo.lentini@eupolislombardia.it I flussi di indagine in Italia I FLUSSI DI

Dettagli

Attività della Polizia Municipale di Cremona

Attività della Polizia Municipale di Cremona Attività della Polizia Municipale di Cremona Anno 24 Compendio statistico 1 Centrale Operativa Dati generali sull attività ANN 22 ANNO 23 ANNO 24 Rapporti con il cittadino a diverso titolo: 51319 48269

Dettagli

Pattugliatore scolastico! TCS-patrouilleur-ITAL-2015.indd :16

Pattugliatore scolastico! TCS-patrouilleur-ITAL-2015.indd :16 Pattugliatore scolastico! TCS-patrouilleur-ITAL-2015.indd 1 14.05.15 00:16 Il tuo comportamento in qualità di pattugliatore scolastico Introduzione Ora sei pattugliatore scolastico a tutti gli effetti!

Dettagli

Tav Incidenti e persone infortunate sulle strade urbane ed extraurbane per giorno della settimana, ora del giorno e conseguenza - Anno 2004

Tav Incidenti e persone infortunate sulle strade urbane ed extraurbane per giorno della settimana, ora del giorno e conseguenza - Anno 2004 Tav.9 Incidenti e persone infortunate sulle strade urbane ed extraurbane per giorno della settimana, ora del giorno e conseguenza Anno 004 ORA DEL GIORNO Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato

Dettagli

riqualificazioni delle strade esistenti prive di efficienti spazi funzionali, di regole di comportamento e efficace controllo

riqualificazioni delle strade esistenti prive di efficienti spazi funzionali, di regole di comportamento e efficace controllo riqualificazioni delle strade esistenti prive di efficienti spazi funzionali, di regole di comportamento e efficace controllo m&ss informazioni 16 aprile 2014 La ristrutturazione delle vecchie strade costruite

Dettagli

POPOLAZIONE TOTALE POPOLAZIONE UNDER 65 POPOLAZIONE DI CUI POPOLAZIONE OVER 80

POPOLAZIONE TOTALE POPOLAZIONE UNDER 65 POPOLAZIONE DI CUI POPOLAZIONE OVER 80 NON È UNA STRADA PER VECCHI IN ITALIA GLI ANZIANI CON OLTRE 65 ANNI SONO ORMAI LE PERSONE PIÙ A RISCHIO SULLE STRADE. MENTRE CONTINUANO A DIMINUIRE I PER INCIDENTI NELLE FASCE DI ETÀ INFERIORE, CRESCONO

Dettagli

Classificazione delle droghe e delle sostanze psicotrope in base agli effetti sulla guida III

Classificazione delle droghe e delle sostanze psicotrope in base agli effetti sulla guida III Classificazione delle droghe e delle sostanze psicotrope in base agli effetti sulla guida III 26 In moto e in ciclomotore Prima di salire su un ciclomotore o un motociclo indossiamo ed allacciamo il casco,

Dettagli

COLORAZIONE DELLA SEGNALETICA D INDICAZIONE SEGNALETICA DI PREAVVISO D INCROCIO

COLORAZIONE DELLA SEGNALETICA D INDICAZIONE SEGNALETICA DI PREAVVISO D INCROCIO COLORAZIONE DELLA SEGNALETICA D INDICAZIONE SEGNALETICA DI PREAVVISO D INCROCIO Segnali di Indicazione Pagina 1 Preavvisa un incrocio urbano ed indica i luoghi raggiungibili. INDICA UNA SERIE DI INCROCI

Dettagli

Segnale di divieto: VIA LIBERA -Indica la fine di tutte le prescrizioni precedentemente imposte. -Indica la fine dei divieti precedentemente imposti

Segnale di divieto: VIA LIBERA -Indica la fine di tutte le prescrizioni precedentemente imposte. -Indica la fine dei divieti precedentemente imposti DIVIETO DI TRANSITO -vieta la circolazione nei due sensi -vieta il transito a tutti i veicoli -vieta la circolazione anche ai ciclomotori -é posto su entrambi gli accessi della strada -può avere validità

Dettagli

lyondellbasell.com Il ritorno a scuola in sicurezza

lyondellbasell.com Il ritorno a scuola in sicurezza Il ritorno a scuola in sicurezza Ritorno a scuola in sicurezza Mentre l'estate volge al termine, il periodo per il ritorno a scuola si avvicina. Manda i bambini a scuola in sicurezza Fai attenzione alla

Dettagli

INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Anno 2015

INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Anno 2015 INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Anno 2015 Stefano Dapporto Regione Toscana Direzione Politiche mobilità, infrastruture e TPL Settore Programmazione viabilità di interesse regionale 2014 2015 16.654 incidenti

Dettagli

3.T69 Principali indicatori statistici 1 sull attività della Polizia cantonale, dal 1998

3.T69 Principali indicatori statistici 1 sull attività della Polizia cantonale, dal 1998 3. Dipartimento delle istituzioni Rendiconto del Consiglio di Stato 2005, Allegato statistico 54 INCARTI REGISTRATI PER I PRINCIPALI REATI Totale Codice Penale 13.638 14.128 14.781 13.550 14.533 16.219

Dettagli

2 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI DIVIETO-SEGNALI DI OBBLIGO-PANNELLI INTEGRATIVI

2 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI DIVIETO-SEGNALI DI OBBLIGO-PANNELLI INTEGRATIVI Scheda n. 1 Il segnale n. 54 1) vieta il transito a tutti i veicoli V F 2) indica che la circolazione è a senso unico V F 3) vieta la circolazione nei due sensi V F Il segnale n. 55 1) è posto su una strada

Dettagli

INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Anno 2015

INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Anno 2015 Incidenti stradali in Toscana - Anno 15 Progetto SIRSS Sistema Integrato Regionale per la Sicurezza Stradale INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Anno 15 Stefano Dapporto Regione Toscana Direzione Politiche mobilità,

Dettagli

A piedi, in sella, dietro il volante quanto è pericoloso il traffico in città?

A piedi, in sella, dietro il volante quanto è pericoloso il traffico in città? Dati e fatti concernenti il traffico cittadino A piedi, in sella, dietro il volante quanto è pericoloso il traffico in città? Sommario dei dati e fatti 1. Morti su tutte le strade nel contesto europeo...

Dettagli

Incidenti stradali a Verona

Incidenti stradali a Verona Incidenti stradali a Verona bilancio dei rilievi del 2 della Polizia Municipale Conferenza Stampa Verona gennaio 24 A cura Uff. Comunicazioni Esterne: ufficiostampa.pm@comune.verona.it Incidenti stradali

Dettagli

Scuola di polizia del V circondario SCP 2018

Scuola di polizia del V circondario SCP 2018 Scuola di polizia del V circondario SCP 2018 magg Luca Bieri, Capo Servizi del Comando Polizia cantonale ten Dimitri Bossalini, Comandante Polizia Vedeggio, in rappresentanza APCTi cap Gianni Marcionetti,

Dettagli

SEGNALETICA STRADALE. I segnali verticali possono essere: gli utenti della strada. devono rispettare

SEGNALETICA STRADALE. I segnali verticali possono essere: gli utenti della strada. devono rispettare SEGNALETICA STRADALE La segnaletica stradale può essere: verticale; orizzontale; luminosa; segnali e attrezzature complementari. gli utenti della strada devono rispettare le prescrizioni rese note a mezzo

Dettagli

Verona Oggetto: quesiti.

Verona Oggetto: quesiti. Verona 11.11.11 Al Coordinamento Mobilità e traffico Comune di Verona Al Comando della Polizia Locale del Comune di Verona e, pc All Ufficio Biciclette del Comune di Verona Al Sig Marco Valentinuzzi (via

Dettagli

PAL2 Programma di agglomerato del Luganese di seconda generazione

PAL2 Programma di agglomerato del Luganese di seconda generazione PAL2 Programma di agglomerato del Luganese di seconda generazione Fase 2 Misure di ordinamento territoriale ed infrastrutturali Presentazione pubblica 16 febbraio 2012 SAsa / sw PAL2 - Obiettivo generale

Dettagli

CAPITOLO 7 SICUREZZA

CAPITOLO 7 SICUREZZA COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2009 Attività di prevenzione e controllo Gli agenti di Polizia Locale nel 2008 in servizio diurno sono dodici, cui se ne aggiungono tre per le ore notturne.

Dettagli

SOCIETÀ Incidenti stradali, qualche numero. Le politiche sulla sicurezza sono servite? Parte II

SOCIETÀ Incidenti stradali, qualche numero. Le politiche sulla sicurezza sono servite? Parte II SOCIETÀ Incidenti stradali, qualche numero. Le politiche sulla sicurezza sono servite? Parte II di Franco Vespignani & Eleonora FarnetiBlog Il Fatto Quotidiano 30 novembre 2016 Franco Vespignani & Eleonora

Dettagli

Evento informativo sulla mobilità aziendale introduzione della tassa di collegamento. giovedì 7 luglio Cadempino

Evento informativo sulla mobilità aziendale introduzione della tassa di collegamento. giovedì 7 luglio Cadempino Evento informativo sulla mobilità aziendale introduzione della tassa di collegamento giovedì 7 luglio 2016 - Cadempino Indice 2 u u u u u Dati essenziali della tassa di collegamento Riduzione della tassa

Dettagli

Valutazione della fase di prova del progetto radar fissi in Ticino

Valutazione della fase di prova del progetto radar fissi in Ticino 10 Sezione della circolazione Valutazione della fase di prova del progetto radar fissi in Ticino 2.1 25.5.2009 Bericht-Nr. 60.390.0-1 / GM Sezione circolazione I-1 Indice L essenziale in breve 1 1 Contesto

Dettagli

INCIDENTALITA STRADALE IN LOMBARDIA. Quadro conoscitivo GIORNATA REGIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE 14 novembre 2011

INCIDENTALITA STRADALE IN LOMBARDIA. Quadro conoscitivo GIORNATA REGIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE 14 novembre 2011 INCIDENTALITA STRADALE IN LOMBARDIA Quadro conoscitivo 20012010 1 GIORNATA REGIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE 14 novembre 2011 1 Confronti nazionali 2 INCIDENTALITA STRADALE. Informazioni disponibili:

Dettagli

PROGETTO SCUOLE. Studenti di oggi cittadini di domani: Lezioni di mobilità e sicurezza in strada

PROGETTO SCUOLE. Studenti di oggi cittadini di domani: Lezioni di mobilità e sicurezza in strada PROGETTO SCUOLE Studenti di oggi cittadini di domani: Lezioni di mobilità e sicurezza in strada Un sistema complesso è un sistema in cui le singole parti interagiscono e provocano dei cambiamenti nella

Dettagli

Osservatorio Sicurezza Stradale Anci - Upi. Piacenza, 12 giugno 2012

Osservatorio Sicurezza Stradale Anci - Upi. Piacenza, 12 giugno 2012 Osservatorio Sicurezza Stradale Anci Upi Piacenza, 12 giugno 2012 L Osservatorio Anci Upi è un ponte tra gli enti locali e il livello nazionale Obiettivi dell Osservatorio 1. Supportare i decisori nazionali

Dettagli

LA SEGNALETICA STRADALE

LA SEGNALETICA STRADALE LA SEGNALETICA STRADALE buone pratiche in Emilia-Romagna: piani di segnaletica verticale per la qualificazione e la sicurezza delle infrastrutture stradali Bologna 8.11.2016 viale della Fiera 8 sala 20

Dettagli

Comune di Dolceacqua - Provincia di Imperia -

Comune di Dolceacqua - Provincia di Imperia - - - Dolceacqua 19 giugno 2013 Protocollo nr. 3418 Spett.le Amministrazione Provinciale Settore Viabilità e trasporti Viale Matteotti, 147 18100 Imperia Alla c.a. dell Assessore Paolo Leuzzi e p.c. al Dr.

Dettagli

Mobilità e gestione del rischio stradale

Mobilità e gestione del rischio stradale Convegno di studio e approfondimento Mobilità e gestione del rischio stradale Relatore: Demetrio Gilormo LA NORMA VOLONTARIA UNI ISO 39001 BRESCIA, lunedì 3 aprile 2017 - dalle ore 14.30 alle ore 17.30

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - sentenza n / omissis - Fatto

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - sentenza n / omissis - Fatto SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE - sentenza n. 16059/2014 - omissis - Fatto 1. Con sentenza del 14 dicembre 2011 la corte di appello di Milano ha confermato la sentenza del Gip che, all esito di giudizio celebrato

Dettagli

DATI SULL INCIDENTALITA STRADALE E INTERVENTI PIANIFICATI DELLA POLIZIA LOCALE DI MILANO

DATI SULL INCIDENTALITA STRADALE E INTERVENTI PIANIFICATI DELLA POLIZIA LOCALE DI MILANO DATI SULL INCIDENTALITA STRADALE E INTERVENTI PIANIFICATI DELLA POLIZIA LOCALE DI MILANO Conferenza Stampa Milano, novembre 2015 ITALIA: Gli Incidenti Stradali : la dimensione del Problema Corpo di Polizia

Dettagli

Questioni transfrontaliere di diritto della circolazione stradale fra Italia e Svizzera. Norme, giurisprudenza e prassi elvetiche

Questioni transfrontaliere di diritto della circolazione stradale fra Italia e Svizzera. Norme, giurisprudenza e prassi elvetiche SIMPOSIO OA VERBANIA / OATI Questioni transfrontaliere di diritto della circolazione stradale fra Italia e Svizzera. Norme, giurisprudenza e prassi elvetiche PP A. Perugini Domodossola, 21.10.2011 I Basi

Dettagli

I dati SIRSS Report 2008 per le Strade Regionali

I dati SIRSS Report 2008 per le Strade Regionali AREA DI COORDINAMENTO TRASPORTI E LOGISTICA SETTORE VIABILITA DI INTERESSE REGIONALE CONVEGNO CENTRO DI MONITORAGGIO PROVINCIALE (CMP) INCIDENTALITA STRADALE IN PROVINCIA DI FIRENZE 18 Maggio 2010 Palazzo

Dettagli

Mobilità lenta. Mobilità. Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito

Mobilità lenta. Mobilità. Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito Scheda di Piano direttore (Schede 12.27 e 12.28 del PD 90) Mobilità Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito Sfondo bianco: testo informativo Sfondo grigio:

Dettagli

REATO DI OMICIDIO STRADALE: CONSAPEVOLEZZA SOCIALE, GRAVITÀ, PENE.

REATO DI OMICIDIO STRADALE: CONSAPEVOLEZZA SOCIALE, GRAVITÀ, PENE. Salone della Giustizia Roma, 2 Dicembre 2011 Ore 10.00 REATO DI OMICIDIO STRADALE: CONSAPEVOLEZZA SOCIALE, GRAVITÀ, PENE. Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione Ania per la sicurezza stradale La

Dettagli