Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà"

Transcript

1 Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di laurea specialistico: FNANZA, BANCHE E ASSCURAZON (Classe 19/S) Percorso: Borsa e Mercati Struttura e funzionamento dei mercati di borsa Struttura dei mercati di borsa Ancona, novembre 2002 Prof. Michele Modina stituto di Teoria delle Decisioni e di Finanza nnovativa 1 Agenda a w: Struttura dei mercati di borsa a w: Efficienza dei mercati a w: mercati di borsa italiani V a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto 2

2 Agenda a w: Struttura dei mercati di borsa Funzioni dei mercati Classificazione dei mercati Struttura dei mercati Elementi caratteristici Tendenze in atto a w: Efficienza dei mercati a w: mercati di borsa italiani V a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto 3 Obiettivi Alla fine della prima sessione di lezioni (prima settimana), lo studente dovrebbe avere acquisito i seguenti concetti: capire le funzioni economiche svolte dai mercati finanziari cogliere le differenze tra sistemi mercato-centrici e banco-centrici distinguere il ruolo di mercati e banche nella funzione allocativa conoscere le principali classificazioni dei mercati finanziari comprendere quali sono i mercati che compongono il sistema finanziario diretto comprendere la struttura dei mercati di borsa approfondire la conoscenza delle diverse tipologie di microstruttura dei mercati capire alcuni aspetti che caratterizzano la struttura dei mercati acquisire nozioni sui meccanismi di formazione del prezzo, sul regolamento degli ordini, sui costi di transazione cogliere le evoluzioni che stanno interessando i mercati di borsa comprendere i principali cambiamenti nella struttura dei mercati 4

3 Agenda a w: Struttura dei mercati di borsa Funzioni dei mercati Classificazione dei mercati Struttura dei mercati Elementi caratteristici Tendenze in atto a w: Efficienza dei mercati a w: mercati di borsa italiani V a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto 5 funzioni mercati finanziari Definizione complesso delle operazioni di emissione e negoziazione di valori mobiliari, nonché di quelle finalizzate al trasferimento a titolo oneroso di fondi (mercato interbancario), effettuate da coloro che hanno esigenza di reperire o allocare mezzi finanziari Funzioni primaria: trasferire risorse dalle unità in surplus (risparmiatori) alle unità in deficit (imprese e pubblica amministrazione) secondarie: liquidità; riduzione del rischio; informazione Presupposti concordanza di interessi tra prenditori (imprese) e datori (risparmiatori) di fondi PS: i soggetti agiscono, comunque, con finalità diverse e basano i propri comportamenti su livelli di aspettative e informazioni differenti funzionalità ed efficienza del mercato: essendo il luogo fisico deputato alla realizzazione degli scambi, é fondamentale che il mercato sia organizzato e regolamentato da leggi specifiche ruolo degli intermediari finanziari 6

4 funzioni l sistema finanziario indiretto FAMGLE deposita MERCAT CREDTZ e ASSCURATV emette TdS presta STATO investe opera emette azioni, obbligazioni MPRESE MERCAT FNANZAR investe securities bonds ESTERO BANCHE scambi via contratti, giuridicamente e tecnicamente, bilaterali e personalizzati ricerca autonoma controparte contatto diretto tra i contraenti (fattori soggettivi dello scambio) personalizzazione degli elementi distintivi del contratto Fonte: elaborazione su Ferrari e altri (2001) MERCAT FNANZAR insieme di strutture, regole e procedure funzionali allo scambio di attività finanziarie (AF) predisposte alla circolazione le AF sono titoli che incorporano i diritti contrattuali del possessore e che sono strumento d circolazione presenza di regole e procedure di negoziazione predefinite 7 funzioni l sistema finanziario diretto FAMGLE deposita investe MERCAT FNANZAR Borsa Valori intermediari finanziari asset classes altri mercati emette TdS presta emette azioni, obbligazioni STATO MPRESE opera BANCHE presta securities bonds ESTERO ELEMENT CARATTERSTC DELLA BORSA VALOR vs. ALTR MERCAT FNANZAR (Forestieri - Mottura) assetto istituzionale e proprietario identificazioni fisica del mercato requisiti di ammissione dei titoli (trasferibilità, diffusione presso il pubblico, capitalizzazione, ) standardizzazione dei contratti intermediari ufficiali (broker, dealer, market maker) e autorità di controllo standardizzazione delle modalità di negoziazione e regolamento, dei sistemi di fissazione dei prezzi 8

5 funzioni mercati finanziari nel mondo 60,0% 50,0% n % del totale delle attività finanziarie 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 0,0% Fonte: elaborazione dell autore su dati OECD Capit. borsa Obblig. pubbliche Obblig. private mpieghi bancari EMU talia Giappone Stati Uniti 9 funzioni l profilo dei sistemi finanziari Sistemi mercato-centrici Sistemi banco-centrici Struttura societaria Public companies Azionariato privato Modello di finanziamento Deb/PN basso Deb/PN alto Principali fonti finanziarie Utili non distribuiti, nuove emissioni az e obbl Utili non distribuiti, prestiti bancari Orizzonte temporale Breve periodo Medio-lungo periodo Concorrenza tra managers Caratteristiche di fondo Ruolo degli investitori Fonte: elaborazioni dell autore su dati OCSE Elevata (takeovers ostili) Flessibilità del sistema Veicolano le risorse attraverso il mercato Bassa Stabilità del sistema Partecipano al capitale di rischio (hausbank) 10

6 funzioni Tipo Finanziamento investimenti Le funzioni dei mercati di borsa Le funzioni svolte dai mercati finanziari sono finalizzate all efficiente allocazione delle risorse e al sostegno dello sviluppo economico e dipendono dalle condizioni di efficienza e stabilità che li caratterizza. Descrizione trasferire direttamente il risparmio dalle unità in surplus (famiglie) alle unità in deficit (imprese e Stato) Emissione di nuovi titoli mercato primario Negoziabilità investimenti determinare il prezzo di equilibrio dei titoli a cui avviene la negoziazione degli stessi maggiore è la liquidità, minori sono i costi di transazione per gli emittenti e i sottoscrittori a week Liquidità ed efficienza dei mercati primari e secondari e loro circolarità Controllo imprese e allocazione proprietà Gestione del rischio Fonte: elaborazione su Vaciago - Verga (1995) controllare l efficienza della gestione delle imprese (e quindi la loro redditività) anche nel caso di separazione tra proprietà e management controllo indiretto (determinazione prezzi titoli) e controllo diretto (operazioni di M&A) riduzione del rischio di portafoglio grazie alla diversificazione degli investimenti copertura del rischio (o speculazione sullo stesso) grazie alla negoziazione di titoli o contratti con scadenze future (opzioni, future, warrant, ) mportanza del livello di flottante, patti sindacato, normativa OPA, Sviluppo del mercato dei derivati, maggior grado di completezza 11 funzioni La funzione allocativa Sia i mercati che gli intermediari creditizi hanno, quale principale funzione, quella di allocare le risorse in modo efficiente. Tuttavia, la loro efficienza nel garantire l ottima allocazione del capitale è diversa. BANCHE MERCAT FNANZAR + Efficace attività di monitoring (maggiore continuità e professionalità, capacità di orientarsi al medio periodo) + Controllo volto alla ricerca della massima creazione di ricchezza per gli azionisti - Controllo volto alla prevenzione dell insolvenza, mancato stimolo all ottimizzazione della redditività del capitale proprio SOSTTUBLTA? - Controllo imperfetto sull impiego dei capitale (problemi di delega e di partecipazione nei meccanismi di voto, frizioni al funzionamento delle scalate ostili) COMPLEMENTARETA 12

7 funzioni Mercati e banche: nemici o alleati? Visione tradizionale SOSTTUBLTA la ripartizione del lavoro fra intermediari creditizi e mercati è irrilevante ai fini dello sviluppo visione evoluzionista secondo cui gli intermediari creditizi sono una fonte primitiva che tende a scomparire con lo sviluppo dei mercati finanziari? Visione moderna COMPLEMENTARETA esistono rilevanti e importanti interazioni fra evoluzione macroeconomica e condizioni della intermediazione finanziaria intermediari creditizi e mercati svolgono un ruolo diverso, ma complementare Gertler, Leyland & Pyle, Stiglitz Solo in un mercato perfetto la struttura finanziaria di una impresa è irrilevante per lo sviluppo (M&M 1958) ma il mercato perfetto presuppone completezza e simmetria informativa Asimmetria informativa: i rendimenti attesi di un progetto sono meglio conosciuti dall imprenditore che dai potenziali finanziatori (banche o mercati) Signalling: l eventuale investimento diretto dell imprenditore è un segnale della qualità del progetto e accresce la capacità di ottenere finanziamenti esterni Per gli economisti moderni, la complementarità è la chiave di volta che pone rimedio ai limiti di mercati e banche nello svolgimento della funzione allocativa: via operatività sui mercati mobiliari da parte delle banche via acquisizione di quote di capitale delle imprese da parte delle banche 13 14

8 Agenda a w: Struttura dei mercati di borsa Funzioni dei mercati Classificazione dei mercati Struttura dei mercati Elementi caratteristici Tendenze in atto a w: Efficienza dei mercati a w: mercati di borsa italiani V a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto 15 classificazione Una prima classificazione Mercati monetari interessano i titoli con scadenza < 12 mesi Mercato dei capitali interessano i titoli con scadenza > 12 mesi l mercato finanziario USA Mercato obbligazionario Mercato azionario Mercato dei derivati Mercato primario dove avviene l emissione dei titoli Mercato secondario dove avviene la negoziazione dei titoli emessi Mercati auctions Borse mondiali (Milano, Londra, NYSE, ecc) Over-the-counter mercato delle valute, Nasdaq (mercato telematico USA) Mkt monetario T-bills CD Comm_paper Fondi federali Azioni Obbligaz T-bonds Mercati pubblici assetto istituzionale e proprietario pubblico Mercati privati organizzati nella forma di mercato-impresa (non in contrasto con mercato regolamentato) Mkt capitali 16

9 classificazione mercati del sistema finanziario Strumenti finanziari Principali segmenti Organizzazione degli scambi BOT MTS/ e MOT/Euromot SERVZ OFFERT DA MERCAT FNANZAR (a prescindere dalla forma organizzativa) (Onado) determinazione dei criteri di ammissione alla quotazione e quotazione dei singoli titoli (listing) raccolta degli ordini di acquisto e di vendita formazione del prezzo (price discovery) sulla base degli ordini informazioni sugli ordini durante e dopo lo scambio esecuzione degli ordini (attraverso procedure di clearing e settlement) sorveglianza sull osservanza delle procedure relative ai precedenti punti (market surveillance) 17

10 19

11 classificazione Ampiezza e spessore UN ESEMPO Fonte: Garbade (1989) ogni colonna riporta le quantità domandate per ogni prezzo l offerta è di 300 titoli e viene aggiudicata al miglior prezzo realizzabile in quel momento sul mercato Prezzo di acquisto A Poco ampio e poco spesso Dimensione degli ordini di acquisto esistenti o facilmente rinvenibili B Poco ampio, ma spesso C Ampio, ma poco spesso D Ampio e spesso Offerta soddisfatta solo parzialmente (100 titoli al prezzo di 50, 100 a 49) Offerta soddisfatta totalmente a prezzi decrescenti 0 0 Offerta soddisfatta totalmente al prezzo di Offerta soddisfatta totalmente al prezzo di 50 Garbade: Ceteris paribus, un mercato acquista tanto maggiore spessore, ampiezza ed elasticità quanto più velocemente gli operatori possono conoscere le informazioni sui prezzi, sugli ordini e sui volumi e agire di conseguenza. Più la velocità di trasmissione delle informazioni aumenta, più i mercati diventano più integrati avvicinandosi al mercato ideale in cui tutti gli operatori hanno pieno accesso alle informazioni. 21 Agenda a w: Struttura dei mercati di borsa Funzioni dei mercati Classificazione dei mercati Struttura dei mercati Elementi caratteristici Tendenze in atto a w: Efficienza dei mercati a w: mercati di borsa italiani V a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto 22

12 struttura Struttura del mercato Definizione: insieme di regole e di meccanismi di negoziazione in base alle quali è regolata l interazione fra le intenzioni negoziali dei partecipanti al mercato Obiettivo: fornire servizi di negoziazione efficienti, a basso costo e rispondenti alle esigenze specifiche di acquirenti e venditori (trovare controparte disponibile a negoziare a condizioni accettabili di prezzo, tempo, dimensione del contratto)i L incontro fra le esigenze di negoziazione dei soggetti (che sottintende un problema di informazione e ricerca) varia a secondo della struttura di mercato; in qualsiasi struttura in cui i soggetti non sono in contatto diretto tra loro, le intenzioni al mercato sono trasmesse attraverso gli ordini Cosa definisce: - soggetti ammessi alle negoziazioni - strumenti negoziabili - quantità (lotti minimi) negoziabili - orari di negoziazione - modalità di presentazione delle offerte - regole di aggiudicazione dei beni trattati (modalità di stipulazione dei contratti) - regole di accesso alle informazioni - regole di diffusione delle informazioni. Fonte: Anolli (2001) Emittenti Fonte: Padoa Schioppa (1995) Organizzazione, regolamentazione e supervisione V a w nvestitori ntermediari V a w Enti gestori dei circuiti di negoziazione e di liquidazione Modalità di negoziazione Area dello scambio Strumenti negoziati a w Modalità di liquidazione Area del regolamento a w 23 struttura FORME D MERCATO MNOR MERCAT A RCERCA DRETTA Tipi di struttura (1 di 2) MERCAT di BROKERS Acquirenti e venditori cercano reciprocamente un adeguata controparte senza ricorso a intermediari e a forme organizzate di scambio Sostengono l intero costo di ricerca e negoziano tutte le condizioni del contratto - Scarsità di informazioni, bassa frequenza delle contrattazioni, conclusione di contratti a prezzi non efficienti dal punto di vista informativo Forme di mercato diffuse nello scambio di attività reali, ma non di quelle finanziarie Fonte: elaborazione su Garbade (1989), Anolli (2001), Ferrari e altri (2001) broker offrono servizi di mediazione (e talvolta di consulenza) ad acquirenti e venditori (ricerca della controparte e contrattazione condizioni) La remunerazione dei broker è sottoforma di commissioni (applicate sul volume della transazione) se il contratto si chiude Di solito, il broker riceve un mandato esclusivo + Economie di scala nell attività di ricerca + utilizzo di mezzi do comunicazione con alti costi fissi e bassi costi variabili per contatto + riutilizzo delle informazioni acquisite (stima del prezzo corretto al quale una transazione potrebbe concludersi) - nsorgere di problemi di agenzia, difficoltà di garantire la rapida esecuzione degli ordini (soprattutto in mercati con scambi frequenti), rischio prezzo l risparmio dell intervento del broker aumenta al crescere dei partecipanti 24

13 struttura FORME D MERCATO MAGGOR Tipi di struttura (2 di 2) MERCAT di DEALERS MERCAT ad ASTA dealer offrono servizi di liquidità ponendosi come controparte dell acquirente/venditore Operano in conto proprio assumendo una posizione in titoli l differenziale bid-ak spread rappresenta il compenso dei servizi offerti maggiore è la differenza dello spread, più conveniente è assumere una posizione sul titolo differenziali di spread contenuti riducono la segmentazione dei mercati i dealer con prezzi migliori tendono ad avere maggiore attività con il pubblico Quando il dealer assume un impegno formale a negoziare uno o più titoli, esercita la funzione di market maker + Esecuzione immediata ordini, ricerca più rapida delle controparti, contiene volatilità prezzi - Costi di ricerca, differenziale bid-ask spread Formazione del prezzo quote driven (i prezzi indicati dal dealer guidano il flusso di ordini di acquisto e di vendita) mercati ad asta offrono procedure centralizzate per rendere noti in via simultanea a tutti gli operatori gli ordini di acquisto/vendita Esistono due principali tipologie di asta: asta a chiamata e asta continua per un approfondimento sulle caratteristiche dei mercati ad asta e sui vantaggi rispetto al mercato dei dealer (mercati quote driven), si veda l approfondimento contenuto in questa stessa sessione + Elimina i costi di ricerca della controparte (per negoziare a prezzi favorevoli), esegue immediatamente le transazioni eliminando i costi impliciti nei differenziali bid-ask dei dealers Formazione del prezzo order driven (i prezzi scaturiscono dalle regole di procedura con cui si incrociano gli ordini) Fonte: elaborazione su Garbade (1989), Anolli (2001), Ferrari e altri (2001) 25 struttura Determinanti della struttura Tipo Volume complessivo delle negoziazioni Descrizione un adeguato volume incentiva la creazione e la gestione di un mercato più evoluto (mercati ad asta e mkt dealer) ad elevata intensità di investimento volume mercati ad asta Frequenza delle negoziazioni a parità di volume, se la frequenza è ridotta, un mercato più elementari (quale quello dei broker) è favorito vs. sia mercati ad asta (necessità di negoziazioni più dense ) che dealer (necessità di turnover del magazzino titoli) 26

14 27

15 struttura L assetto del mercato italiano PRNCP COMUN ALCUN ADATTAMENT Utilizzo di un circuito telematico per le contrattazioni creazione di un network di terminali intercomunicanti nei mercati azionari gestiti da Borsa taliana le contrattazioni si svolgono sulla rete telematica fornita da SA Utilizzo di un sistema order driven le negoziazioni si basano su un sistema di contrattazione ad asta giornata di borsa: apertura (asta a chiamata), contrattazione (asta continua), chiusura (asta a chiamata) Assenza di lotti minimi di contrattazione a partire dal , è stato abolito il lotto minimo contrattabile tuttavia, la Borsa può introdurre lotti minimi per alcune tipologie di strumenti Fonte: elaborazione su Damilano e altri (2002) Presenza di market maker a supporto del funzionamento del meccanismo di contrattazione ad asta in alcuni segmenti (STAR, Nuovo Mercato, TAH), il meccanismo dell asta è supportato dalla presenza di market maker, che garantiscono la liquidità del mercato impegnandosi a produrre ordini di acquisto e di vendita Estensione delle fase della seduta di borsa correlazione tra asta continua e liquidità del segmento di mercato (valutata su frequenza scambi e controvalore medio trattato) principio: meno i titoli (segmenti) sono liquidi, meno lunga sarà la fase di asta continua Forma di mercato ibrida Al funzionamento dei mercati gestiti dalla Borsa taliana, è dedicata l intera terza sessione del corso (terza settimana) 29 Agenda a w: Struttura dei mercati di borsa Funzioni dei mercati Classificazione dei mercati Struttura dei mercati: approfondimento Elementi caratteristici Tendenze in atto a w: Efficienza dei mercati a w: mercati di borsa italiani V a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto 30

16 struttura approfondimento Mercati quote e order driven MERCAT QUOTE DRVEN MERCAT ORDER DRVEN ntermediari eseguono ordini della clientela prendendo la posizione opposta dello scambio (acquistano e vendono in proprio) Regole di negoziazione: la negoziazione avviene al prezzo bid e ask esposto in anticipo dal dealer Possibilità di scegliere la controparte Tutta la liquidità è prodotta dal dealer il pubblico non può negoziare fuori dal mercato senza servirsi dei dealer il pubblico non può inviare ordini con limiti di prezzo visibili ad altri partecipanti l dealer che si impegna a stare sul mercato assume il ruolo di market maker (MM) vantaggi per mercato: immediatezza (a fronte di benefici riconosciuti al MM) trade-off: immediatezza e qualità dei prezzi dato che il market maker è price setter vincolo: concorrenza tra market maker Limite all efficacia della concorrenza preferencing: sviluppo di relazioni di clientela tra MM e clienti (di solito, broker) quote matching: elimina l incentivo alla competizione (fornire quotazioni aggressive) Diretta interazione tra investitori che inviano gli ordini sul mercato Regole di negoziazione: visualizzazione degli ordini in forma anonima e conclusione di contratti mediante abbinamento di ordini di segno opposto mpossibilità di scegliere la controparte (di solito) Principale forma organizzativa: asta a chiamata e asta continua Tipologie di mercati: mercato order driven puro: la conclusione dei contratti avviene sulla base di trading rules e senza l intervento di intermediari mercato order driven ibrido: al mercato partecipano dealer con privilegi (informativi o di precedenza degli ordini) generalmente, in questi mercati il dealer non può scegliere il cliente e non ha discrezionalità sulle condizioni contrattuali (come invece avviene mei mercati quote driven) Fonte: elaborazione su Anolli (2001) Questa sezione riprende e integra quanto presentato nel corso EMM della Prof.ssa Lucarelli (terza settimana) 31 struttura approfondimento ASTA a CHAMATA ASTA CONTNUA Fissazione di un unico prezzo secondo la chiamata periodica (fixing) Modalità di esposizione delle proposte asta gridata: interazione fisica dei partecipanti (mkt multilaterale simultaneo) asta telematica: interazione remota entrambe sono double action trasparenti Asta a chiamata telematica Formazione di nuovi prezzi per ogni transazione (determinazione di prezzi multipli) Regole di negoziazione: iscrizione e ordinamento degli ordini nel book esposizione degli ordini di acquisto in ordine decrescente (prezzo maggiore in alto) e degli ordini di vendita in senso crescente (prezzo minore in alto) esecuzione degli ordini alle condizioni di miglior prezzo presenti, al loro arrivo, sul lato opposto nel caso di ordini con limiti di prezzo:, se compatibile con l immediata esecuzione, il limite dell ordine che arriva sul mercato serve come condizione di eseguibilità, mentre le condizioni di prezzo dello scambio sono dettate dall ordine presente sul mercato se incompatibile con l immediata esecuzione, il nuovo ordine viene iscritto nel book e vi rimane sino a esecuzione o cancellazione 32

17 struttura approfondimento Asta: abbinamento degli ordini Regole di priorità per conclusione degli scambi (regole gerarchiche) P R M A R E S E C O N D A R E Price priority le proposte di acquisto (vendita) con prezzo più alto (basso) sono soddisfatte per prime gli ordini senza limite sono soddisfatti a qualsiasi prezzo gli ordini di acquisto con limite di prezzo sono eseguiti al prezzo limite o a qualsiasi prezzo inferiore gli ordini di vendita con limite di prezzo sono eseguiti al prezzo limite o a qualsiasi prezzo superiore Time priority chi ha inserito per primo un ordine con un limite di prezzo ha la precedenza su chi ha espresso in seguito l ordine con lo stesso limite Class priority gli ordini introdotti da alcune categorie di soggetti hanno precedenza (pubblico vs. specialist) Size priority hanno precedenza gli ordini di grande dimensione hanno precedenza oppure quelli con uguale dimensione agli ordini presenti nella parte opposta del book Altre regole secondarie di priorità gli ordini visibili precedono quelli non visibili (vedi MTA italiano) la priorità viene assegnata a caso (random priority) Le regole di priorità incentivano l inserimento di ordini con limite di prezzo e, quindi, favoriscono la liquidità dei mercati ad asta (sostenuta dall introduzione e permanenza sul mercato di ordini con limiti di prezzo) chi inserisce ordini con limiti di prezzo si espone a diversi tipi di rischi o e, pertanto, deve essere in qualche modo tutelato 33 struttura approfondimento VANTAGG Asta a chiamata vs. continua ASTA a CHAMATA ASTA CONTNUA + A parità di flussi di ordine, maggiore liquidità perché la chiamata agisce da fattore di consolidamento (più il momento della chiamata è vicino) + price discovery: accumulo e interazione dinamica di consistenti ordini + massimizzazione surplus: in virtù della price rule, matching tra venditori che pretendono prezzi più bassi e compratori disposti a pagare prezzi più altri surplus compratore: reservation price (p max a cui è disposto a negoziare) - prezzo di acquisto surplus venditore: prezzo di vendita - reservation price (p min a cui è disposto a vendere) surplus positivo (o nullo) garantito da invio di ordini con limite di prezzo + minimizzazione pentimento (regret) di chi non partecipa allo scambio fissando reservation price, chi non si aggiudica lo scambio non è pentito perché il prezzo è troppo alto (acquirente) o basso (venditore) + riduzione sottigliezza di un titolo quando dovuta a dispersione degli scambi in un periodo esteso + A parità di flussi di ordine, maggiore rapidità di esecuzione grazie all immediatezza degli scambi (nelle fasi aperte di mercato) la domanda di immediatezza è endogena del mercato ad asta continua: ogni partecipante al mercato continuo desidera concludere rapidamente gli scambi per evitare di essere anticipato dagli altri partecipanti e per limitare la visualizzazione delle condizioni da lui esposte (Anolli) + maggiore velocità di accogliere sul mercato le nuove informazioni + maggior favore espresso dagli investitori (con integrazione della asta a chiamata in alcune situazioni - fase di apertura o di riapertura delle contrattazioni su un titolo sospeso - trading halts) Fonte: elaborazione su Anolli (2001) 34

18 struttura approfondimento Order vs. quote driven (1 di 2) VANTAGG del MERCATO ORDER DRVEN Liquidità: la liquidità è fornita direttamente dagli investitori con invio di ordini con limite di prezzo liquidità endogena (comunque remunerata) costi e benefici della liquidità sono pagati e ricevuti dai partecipanti secondo inserimento ordini Flessibilità: integrazione tra operatori in proprio e fornitori di liquidità di ultima istanza (specialist) applicazione delle regole di priorità (class priority) separazione (unbundling) tra servizio negoziazione e servizio di immediatezza: ogni investitore decide liberamente se domandare immediatezza (invio ordini con prezzo al meglio) oppure negoziazione a costi più contenuti (invio ordini con limite di prezzo) Mercato order driven Mercato quote driven ntermediari in proprio Elasticità strategie gestionali Trasparenza ex ante Trasparenza ex post Tipi di ordini ammessi Regole di priorità Selezione controparte Market impact Liquidità in condizioni di stress Non necessari ma possibili Elevata, con ordini a limite di prezzo Elevata (anonimato ordini) Elevata A prezzo di mercato con limiti di prezzo Price e time Difficile Dipende dalla profondità del book Bassa Necessari Bassa Bassa Bassa A prezzo di mercato Price (limitata dal preferencing) Normale Dipendedalladecisionedei market maker Elevata Fonte: Anolli (2001) 35 struttura approfondimento Order vs. quote driven (2 di 2) Trasparenza: possibilità di conoscere le negoziazioni potenziali passate dagli operatori trasparenza ex-ante: condizioni a cui è possibile concludere gli scambi trasparenza ex-post: informazioni sulle transazioni concluse Connotazioni della trasparenza: contenuto dell informazione (prezzo, ordini, contratti eseguiti, identità ordine e committente, dinamica, ) ritardo con cui l informazione è resa disponibile categorie di soggetti che hanno accesso alla stessa informazione (differenziazione per ampiezza e tempi) - vedi MTA Obiettivi della trasparenza: price discovery: requisito - condizioni di mercato note al maggior numero di soggetti possibile correttezza: ceteris paribus, tutti i soggetti devono ricevere lo stesso trattamento concorrenza: tutti i partecipanti hanno set informativi per giudicare la convenienza a negoziare Mercato più trasparente (Pagano e Roell, 1996): order driven: tutti i soggetti interessati possono conoscere con il massimo grado di dettaglio la situazione relativa alla totalità delle proposte negoziali relative a ogni singolo titolo 1 asta a a chiamata in versione telematica 2 asta continua elettronica 3 mercati quote driven (conflitto tra trasparenza e liquidità) vantaggi order driven in termini di maggiore trasparenza + disponibilità e velocità di diffusione delle informazioni sulle transazioni svolte + condizioni di mercato ex-ante (conoscenza dell intera scheda di domanda e di offerta e non solo delle quotazioni a cui i market maker sono disposti a negoziare il quantitativo esposto) + condizioni di mercato ex-post (minore importanza di conoscere il magazzino titoli ) 36

19 Agenda a w: Struttura dei mercati di borsa Funzioni dei mercati Classificazione dei mercati Struttura dei mercati Elementi caratteristici Tendenze in atto a w: Efficienza dei mercati a w: mercati di borsa italiani V a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto 37 elementi caratteristici prezzo La formazione del prezzo Prezzo P* Q* Vendita Acquisto Quantità Equilibrio: al prezzo P* i compratori sono disposti ad acquistare un quantitativo di titoli Q* a quel prezzo si ha una offerta caratterizzata dagli stessi quantitativi nel caso di arrivo contemporaneo sul mercato degli ordini, nel punto di incontro si definisce il prezzo e le quantità effettivamente negoziate Asincronie: sul mercato si registrano asincronie nei tempi in cui gli ordini di acquisto e di vendita arrivano sul mercato si creano così ostacoli alla formazione dei prezzi e alla successiva negoziazione dei titoli continui cambiamenti nel posizionamento delle curve di domanda e di offerta determinano variazioni nel prezzo di equilibrio (prezzo di effettiva negoziazione) 38

20 elementi caratteristici prezzo Mercato azionario: La formazione del prezzo (nei mercati order driven) mercato ad asta dove i prezzi delle azioni sono determinati dal confronto degli ordini dichiarati dagli intermediari per conto dei clienti prezzi si formano sulla base delle proposte di negoziazione dichiarate dai brokers o dai dealers Le proposte di negoziazione appaiono sul book e vengono organizzate in base al prezzo, e a parità di prezzo, alla priorità temporale di immissione ASTA A CHAMATA: asta di apertura in cui gli ordini sono inseriti per un certo tempo e soddisfatti, se possibile, allo stesso prezzo e allo stesso istante + massima probabilità di esecuzione + elevata qualità del prezzo + modesto rischio di ordini limit ASTA CONTNUA: gli ordini sono eseguiti non appena si verificano le condizioni di compatibilità + esecuzione immediata (informazioni fresche ) - maggiore rischiosità degli ordini limit Mercato obbligazionario: ASTA N. C O N T. ASTA PREVENTVA: asta virtuale, inibita agli operatori, in cui si determina il prezzo d asta dei titoli (quelli che non hanno proposte di acquisto o di vendita passano alla fase di chiusura) ASTA DEFNTVA: asta in cui vengono abbinate le proposte di negoziazione compatibili e conclusi i contratti a esse relativi (il prezzo è uguale per tutti i contratti) ABBNAMENTO AUTOMATCO (proposte non-tontutto o niente) SOTTOSCRZ. MANUALE (proposte Tontutto o niente) 1) prezzo a cui è negoziale la maggior quantità di titoli 2) se con p diversi sono negoziabili uguali quantità, p a cui si determina la minor differenza tra prezzo acquisto e prezzo vendita 3) p prossimo all ultimo prezzo valido 4) ceteris paribus, prezzo più elevato 39 elementi caratteristici prezzo diversi tipi di prezzo Prezzo di apertura E calcolato in base a una complessa procedura di calcolo e serve per aprire la giornata di Borsa Al prezzo di apertura, diverso per ciascun titolo, vengono eseguiti tutti gli ordini di vendita e di acquisto, immessi nel sistema telematico prima dell'inizio della giornata, che possano essere accoppiati con un ordine complementare su uno stesso titolo Prezzo di riferimento E calcolato sulla base della media ponderata dei prezzi cui è stato eseguito l'ultimo 10% delle transazioni su ciascun titolo pesi di ponderazione sono dati dalle quantità di titoli scambiati in ogni singola transazione che rientra nell'ultimo 10% della giornata. Offre utili indicazioni soprattutto se confrontato con il prezzo di apertura. Prezzo ufficiale E pari alla media ponderata dei prezzi ai quali sono stati eseguiti tutti gli scambi durante una seduta di Borsa. l confronto tra i prezzi ufficiali di un titolo in un determinato periodo di tempo consente di desumere l'andamento delle sue quotazioni 40

funzioni e struttura Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo

funzioni e struttura Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo Economia del mercato mobiliare e finanziamenti di aziende funzioni e struttura Prof. Mario Comana - Università degli Studi di Bergamo FAMIGLIE deposita investe MERCATI FINANZIARI Borsa Valori intermediari

Dettagli

Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare. Il Mulino, Bologna, 2001 (solo Capitolo 1)

Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare. Il Mulino, Bologna, 2001 (solo Capitolo 1) Cenni sulle principali caratteristiche di funzionamento dei mercati secondari Cenni sulla struttura competitiva dell exchange industry Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare.

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I mercati finanziari

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I mercati finanziari Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I mercati finanziari Mercati creditizi e mobiliari I mercati si identificano con l insieme degli scambi di strumenti finanziari; Il collegamento tra unità

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione?

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Rappresentano il luogo di scambio degli strumenti finanziari differenziazione e segmentazione dei mercati classificazioni

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Mercati Regolamentati Italiani ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Mercati Regolamentati

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

Mercati e Investimenti Mobiliari

Mercati e Investimenti Mobiliari Mercati e Investimenti Mobiliari Prof.ssa Giuliana Borello E-mail: giuliana.borello@unicatt.it 1 Orario lezioni Lezione Data Orario 1 Lunedì 30 settembre 15:00-18:00 2 Martedì 1 Ottobre 9:00-11:00 3 Martedì

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA Rimini, 18 maggio 2012 Il Quadro Normativo: La Revisione della MiFID La Struttura del Mercato L Esperienza degli Stati

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Che effetto avrebbe la cancellazione di 20 unità in vendita a 10.10 prima dell effettuazione dell asta?

Che effetto avrebbe la cancellazione di 20 unità in vendita a 10.10 prima dell effettuazione dell asta? ECONOMIA E TECNICA DEI MERCATI FINANZIARI 2010/2011 Dott. Marco Fumagalli / Dott. Antonio Taverna 1 Con riguardo alle possibili forme di organizzazione di un mercato secondario, si illustrino le principali

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE ARTICOLAZIONI DEL MERCATO DEI CAPITALI SOMMARIO: 1. Il mercato dei capitali. - 2. Tipologia dei mercati finanziari. - 3. Il mercato monetario e il mercato dei cambi. - 4. Il mercato mobiliare.

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari:

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri L investimento in strumenti finanziari

Dettagli

Classificazione del mercato dei capitali

Classificazione del mercato dei capitali Classificazione del mercato dei capitali Mercato dei capitali: complesso delle negoziazioni che si svolgono nel sistema finanziario Mercati creditizi Mercati mobiliari (circuito indiretto) (circuito diretto)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI VERSIONE 1.0 TITOLO 1 MERCATO TELEMATICO AIM Articolo 1 (Strumenti negoziabili) 1. Nel mercato AIM si negoziano, per qualunque quantitativo, strumenti finanziari.

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi Presentazione XI Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi 1.1. Articolazione del capitolo 1 1.2. Alcune definizioni preliminari 2 1.2.1. Premessa 2 1.2.2. Valori mobiliari, strumenti

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Cosa si intende per sistema finanziario Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Il sistema finanziario E la struttura attraverso cui si svolge l attività finanziaria; L attività finanziaria è la

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Codici ISIN: IT0001040820, IT0004459241, IT0004734205, IT0004841349 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 23/02/2015 Data di entrata

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia ed Amministrazione Aziendale Il Mercato finanziario Anno accademico 2012 / 2013 Valore e Prezzo delle Attività finanziarie

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A.

Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A. Negoziazione di azioni, diritti di opzione ed obbligazioni emesse da Cassa di Risparmio di Bolzano S.p.A. Versione del 27-10-2015 Azioni proprie Per la negoziazione di azioni proprie ci si avvale della

Dettagli

ELEMENTI COSTITUTIVI DEL SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI DI STRUMENTI FINANZIARI (Articolo 78 D.lgs.n.58/98 Delibera Consob n. 14035 del 17 aprile 2003)

ELEMENTI COSTITUTIVI DEL SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI DI STRUMENTI FINANZIARI (Articolo 78 D.lgs.n.58/98 Delibera Consob n. 14035 del 17 aprile 2003) ELEMENTI COSTITUTIVI DEL SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI DI STRUMENTI FINANZIARI (Articolo 78 D.lgs.n.58/98 Delibera Consob n. 14035 del 17 aprile 2003) SOGGETTO ORGANIZZATORE e DENOMINAZIONE DEL SISTEMA

Dettagli

Università degli studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Economia. Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari

Università degli studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Economia. Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari Tesi in Economia degli Intermediari Finanziari Il ruolo dell ICT nello

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Struttura e funzionamento dei mercati di borsa

Struttura e funzionamento dei mercati di borsa Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di laurea specialistico: FINANZA, BANCHE E ASSICURAZIONI (Classe 19/S) Percorso: Borsa e Struttura e funzionamento dei di borsa Prof..

Dettagli

U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a. Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash

U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a. Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Introduzione I Cross Order e i Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1 LA MATRICE DEI MERCATI DESCRIZIONE E UTILIZZO PER L INVESTITORE DESCRIZIONE La Matrice è basata su un algoritmo genetico proprietario che permette di individuare e visualizzare, a seconda delle preferenze

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ON LINE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 I Servizi ed i Prodotti Finanziari On Line ---------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale Il mercato dei cambi: funzionamento e condizioni di equilibrio

Finanza Aziendale Internazionale Il mercato dei cambi: funzionamento e condizioni di equilibrio Finanza Aziendale Internazionale Il mercato dei cambi: funzionamento e condizioni di equilibrio Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp. 3 e 5 8 Il mercato dei cambi: A) elementi caratteristici E la

Dettagli