MODEL-DRIVEN ENGINEERING OF SERVICES ARCHITECTURES

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODEL-DRIVEN ENGINEERING OF SERVICES ARCHITECTURES"

Transcript

1 Service Oriented Architects simplesoa MODEL-DRIVEN ENGINEERING OF SERVICES ARCHITECTURES PERCORSI DI FORMAZIONE 2012 SIMPLESOA_PERCORSIFORMAZIONE_ SIMPLE ENGINEERING ALL RIGHTS RESERVED.

2 SIMPLE ENGINEERING IS AN INDEPENDENT EUROPEAN GROUP SPECIALIZED IN SERVICE ORIENTED ARCHITECTURE (SOA) AND BUSINESS PROCESS MANAGEMENT (BPM). SIMPLE ENGINEERING - OPERATES AS AN ARCHITECTURE & ENGINEERING FIRM AND PROVIDES A COMPLETE RANGE OF PROFESSIONAL SERVICES: ADVISING, PLANNING, ANALYSIS, DESIGN, REQUIRERMENT DEFINITION, CAPACITY PLANNING, SERVICE IMPLEMENTATION, TEST, VALIDATION, VERIFICATION, GOVERNANCE, AUDIT AND ASSESSMENT OF SOA/BPM; - HAS DEVELOPED simplesoa, A COMPLETE, DETAILED AND PROVEN METHODOLOGICAL FRAMEWORK FOR ANALYSIS, REQUIREMENT DEFINITION, DESIGN, IMPLEMENTATION AND TEST OF SOA/BPM, BASED ON A MODEL-DRIVEN APPROACH AT THE CONCEPTUAL, LOGICAL AND PHYSICAL LEVELS; - RUNS AN ARCHITECTURE & ENGINEERING SCHOOL, PROVIDES LEARNING, COACHING AND TECHNOLOGY TRANSFER SERVICES TO COMPANIES AND PROFESSIONALS; - GRANTS COMMERCIAL LICENSES OF THE simplesoa METHODOLOGICAL FRAMEWORK TO CERTIFIED COMPANIES AND PROFESSIONALS; - RUNS AN ARCHITECTURE & ENGINEERING LAB AND PROVIDES DEPLOYMENT, CONFIGURATION, CONSULTING, SUPPORT, LEARNING AND COACHING SERVICES ON COTS (COMMERCIAL OFF-THE-SHELF) AND FOSS (FREE OPEN SOURCE SOFTWARE) SOA/BPM TECHNOLOGICAL INFRASTRUCTURE FRAMEWORKS; - PARTECIPATES IN RESEARCH PROGRAMMES ON METHODS AND TOOLS FOR THE SOA/BPM LIFE CYCLE, IN COOPERATION WITH PRESTIGIOUS EUROPEAN UNIVERSITIES AND RESEARCH CENTRES. simplesoa IS A TRADEMARK OF SIMPLE ENGINEERING. simplesoad IS A REGISTERED TRADEMARK OF SIMPLE ENGINEERING. SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

3 INTRODUZIONE simplesoad è un framework metodologico per la progettazione di architetture di servizi e di processi (architetture SOA/BPM - Service Oriented Architecture - Business Process Management) sviluppato da SIMPLE ENGINEERING dal Il framework simplesoad si è confrontato con successo con progetti SOA/BPM (Service Oriented Architecture / Business Process Management) nell'industria, nei servizi e nelle amministrazioni. simplesoad Architecture & Governance approfondisce l'apparato concettuale di base e i metodi centrali di simplesoad e introduce evoluzioni nel senso dell'adozione degli standard di modellazione emersi negli ultimi anni (SoaML e altri standard) e dell'estensione del framework a fasi del ciclo di vita degli ecosistemi SOA/BPM finora coperte parzialmente (analisi dell'esistente). simplesoa estende ulteriormente il campo d azione di simplesoad 2.0 alla pianificazione e esecuzione dei test dei servizi e delle architetture di servizi sulla base degli standard internazionali UML Testing Profile 1.1 e Test and Test Control Notation (TTCN-3). Il framework metodologico simplesoa è stato (con le sue precedenti versioni) l'oggetto di formazioni e coaching per più di 150 analisti e progettisti. L'obiettivo di questo documento è di presentare brevemente la configurazione 2012 delle formazioni erogate da SIMPLE ENGINEERING nell'ambito della nuova edizione del framework metodologico simplesoa. UNITA FORMATIVE Il portafoglio di formazioni sul framework metodologico simplesoa è composto di unità formative (moduli) sui modelli e i metodi e sulle piattaforme. Tali unità sono combinate insieme, nel doveroso rispetto di vincoli di anteriorità, per formare dei percorsi formativi predefiniti e "à la carte". Le unità formative sono presentate nella struttura stratificata propria all'approccio MDA (Model-driven Architecture), che è riassunta nella tabella che segue. Business Motivation Model Business Model (BM) / Computation Independent Model (CIM) Platform Independent Model (PIM) Interoperability Platform Specific Model Implementation Platform Specific Model Modello Motivazionale Modello Concettuale Modello Logico Modello d'interoperabilità Modello d'implementazione SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

4 UNITÀ FORMATIVE SUI METODI Le unità formative sui metodi sono presentate nella lista che segue. Le durate delle sessioni d'insegnamento sono spesso fornite come intervalli tra minima e massima. La scelta della dipende dal percorso di formazione costruito, dalle conoscenze pregresse dei discenti e dalla volontà di approfondimento sul tema specifico. INTRODUZIONE A SIMPLESOA Modulo introduttivo (per manager e capi-progetto) MM.0. Introduzione al simplesoa prerequisiti contenuti Introduzione al model-driven engineering delle architetture di servizi e al framework metodologico simplesoa. formalismi 1 giornata Il modulo permette di comprendere l approccio model-driven architecture (MDA), la sua applicazione alle architetture di servizi e gli obiettivi, la struttura e le funzioni del framework metodologico simplesoa. BUSINESS MOTIVATION MODEL - MODELLO MOTIVAZIONALE Modulo introduttivo (per manager e capi-progetto) MM.1. Introduzione al modello motivazionale con BMM prerequisiti # contenuti Introduzione al modello mezzi/fini di un'organizzazione o di un dominio di cooperazione (architettura di servizi) con BMM. formalismi BMM 1 1 giornata Il modulo permette di comprendere un modello motivazionale in notazione BMM. Moduli per analisti/architetti business MM.2. Retro-modellazione dei mezzi/fini con BMM Prerequisiti MC.1. Introduzione al modello concettuale con SBVR e BPMN Contenuti Metodi e linguaggi standard di retro-modellazione dei mezzi/fini di un'organizzazione o di un dominio di cooperazione in essere. Formalismi BMM, SBVR 2, BPMN 3 Durata 1 giornata Note Nella formula base il corso comprende la formazione a BMM. Il retro-modello motivazionale è costruito a partire dal retro-modello concettuale dell'universo del discorso (vocabolario, regole e direttive business in SBVR), dell'organizzazione (SBVR) e dei processi (BPMN) in essere (ASIS).. 1 BMM - Business Motivation Model - 2 SBVR - Semantics of Business Vocabulary and Business Rules - 3 BPMN - Business Process Modeling Notation - SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

5 MM.3. Analisi d'impatto dei fattori di cambiamento con BMM prerequisiti MM.2. Retro-modellazione dei mezzi/fini con BMM contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione dei fattori di cambiamento, di valutazione d'impatto sui sistemi mezzi/fini delle organizzazioni e dei domini di di cooperazione in essere. formalismi BMM, SBVR, BPMN 0,5-1 giornata Il corso comprende l'introduzione alla notazione BMM per i fattori di cambiamento, all'analisi del rischio SWOT (Strength, Weakness, Opportunity, Threat) MM.4. Sintesi dei modello motivazionale con BMM prerequisiti MM.3. Analisi d'impatto dei fattori di cambiamento con BMM contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione dei mezzi fini delle organizzazioni e del dominio di cooperazione a tendere, a livello concettuale, logico e implementativo. Outline dell'architettura astratta di cooperazione. formalismi BMM, SBVR, BPMN 0,5-1 giornata Il corso comprende i metodi di definizione dei Key Performance Indicator (PKI) e dei Critical Success Factor (CSF) La sintesi dei requisiti contiene uno sketch dell'architettura di cooperazione a tendere, attraverso la formalizzazione dei corsi di azione e delle direttive. COMPUTATION INDEPENDENT MODEL - MODELLO CONCETTUALE Modulo introduttivo (per manager e capi-progetto) MC.1. Introduzione al modello concettuale con SBVR e BPMN prerequisiti # contenuti Introduzione al modello concettuale - vocabolario, regole, processi e attori business a livello concettuale. Introduzione a SBVR e BPMN formalismi SBVR, BPMN 1-1,5 giornate Il modulo permette di comprendere il modello concettuale di un'organizzazione e di un dominio di cooperazione business (vocabolario, regole, processi, attori) e di comprendere i formalismi SBVR e BPMN Moduli per analisti/architetti business MC.2. Modellazione concettuale del vocabolario e delle regole business con SBVR prerequisiti # contenuti Metodi di modellazione dei vocabolari e delle regole strutturali e operative di un'organizzazione o di un dominio di cooperazione business con il formalismo SBVR. Metodi di trasformazione del modello concettuale in modello concettuale sostenibile. Metodi di modellazione dei fatti e degli esempi. Formazione a SBVR. formalismi SBVR 2-2,5 giornate Il modulo comprende la formazione completa a SBVR e alla costruzione di vocabolari e regole business SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

6 MC.3. Modellazione concettuale dei servizi business con SBVR prerequisiti MC.2. Modellazione concettuale del vocabolario e delle regole business con SBVR contenuti Metodi di modellazione concettuale dei servizi business per mezzo del formalismo SBVR. formalismi SBVR 1-1,5 giornate Il modulo comprende i metodi di analisi dei servizi e di definizione delle service operation attraverso la definizione del service vocabulary e delle pre/post condizioni dell operazione come regole business. MC.4. Modellazione concettuale dei processi business con BPMN prerequisiti MC.1. Introduzione al modello concettuale con SBVR e BPMN contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione concettuale dei processi business con BPMN e delle regole operative che informano e controllano i processi con SBVR. Formazione completa a BPMN. formalismi BPMN 1-1,5 giornate Il modulo comprende sia i metodi di analisi dei processi e delle regole operative in essere, sia i metodi di definizione dei processi e delle regole operative a tendere. MC.5. Modellazione concettuale delle regole di sicurezza e di qualità di servizio con SBVR (in preparazione) prerequisiti MC.3. Modellazione concettuale dei servizi business con SBVR contenuti Metodi di modellazione concettuale delle regole (esigenze e vincoli) di sicurezza e di qualità di servizio di un'organizzazione o di un dominio di cooperazione business con SBVR. formalismi SBVR, BPMN 1-1,5 giornate Il vocabolario di sicurezza e di qualità di servizio su cui si appoggiano le regole è QFTP. Le regole si applicano sulle organizzazioni, i servizi e i processi. MC.6. Retro-modellazione concettuale del parco applicativo patrimoniale prerequisiti MC.1. Introduzione al modello concettuale con SBVR e BPMN ML.1. Introduzione al modello logico dei servizi contenuti Metodi e linguaggi standard di retro-modellazione concettuale delle funzioni applicative patrimoniali. Metodi e linguaggi standard di retro-modellazione concettuale delle basi di dati patrimoniali. Introduzione a ADM/KDM formalismi SBVR, UML 2, ADM/KDM ,5 giornate Il corso comprende la formazione a tutti i linguaggi utilizzati, in particolare un'introduzione allo strato "superiore" di ADM KDM. I modelli dei parchi applicativi sono privati agli attori del dominio di cooperazione. 4 Architecture-Driven Modernization (ADM): Knowledge Discovery Meta-Model (KDM) - SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

7 PLATFORM INDEPENDENT MODEL - MODELLO LOGICO Modulo introduttivo (per manager e capi-progetto) ML.1. Introduzione al modello logico dei servizi prerequisiti MC.1. Introduzione al modello concettuale con SBVR e BPMN contenuti Introduzione alla modellazione logica dei servizi come trasformazione del modello concettuale sostenibile. Introduzione a UML 2. Introduzione a SoaML. Introduzione a UML 2, SoaML, QFTP formalismi UML 2, SoaML 5 0,5-1 giornata Il modulo permette di comprendere il modello logico dell'architettura dei servizi di un'organizzazione o di un dominio di cooperazione business nel formalismo SoaML e UML 2, come risultato della trasformazione di un modello concettuale. Moduli per architetti tecnico/applicativi ML.2. Modellazione logica delle architetture di servizi con SoaML prerequisiti MC.1. Introduzione al modello concettuale con SBVR e BPMN contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione logica dell'architettura di servizi (architettura contrattuale e architettura di perticipazione) con SoaML e UML 2. Formazione UML 2 e SoaML. formalismi UML 2, SoaML 0,5-1 giornata Il corso include la formazione ai linguaggi. ML.3. Modellazione logica delle funzioni dei servizi con SoaML prerequisiti ML.2. Modellazione logica delle architetture di servizi con SoaML contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione dell'universo del discorso (modello oggetti/ruoli) e delle funzionalità dei servizi - per trasformazione del modello concettuale sostenibile. Formazione a UML 2 e Object Constraint Language (OCL). formalismi UML 2, OCL, SoaML 1,5-2 giornate Il corso include la formazione a UML 2 e a OCL. Il modello oggetti/ruoli è ottenuto per trasformazione quasi meccanica del modello concettuale sostenibile. ML.4. Modellazione logica delle interazioni dei servizi con SoaML prerequisiti ML.3. Modellazione logica delle funzioni dei servizi con SoaML contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione logica delle interfacce, dei protocolli di conversazione (macchine a stati) e delle interlocuzioni dei servizi (diagrammi di attività). Modellazione logica dei contenuti degli atti comunicativi (modello documento) per trasformazione del modello oggetti/ruoli. formalismi UML 2, SoaML 1,5-2 giornate 5 SoaML - Service Oriented Architecture Modeling Language - SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

8 ML.5. Modellazione logica delle esigenze e vincoli di sicurezza e di qualità di servizio con QFTP prerequisiti ML.4. Modellazione logica delle interazioni dei servizi con SoaML contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione concettuale delle esigenze e dei vincoli di sicurezza e di qualità di servizio per trasformazione del modello concettuale sostenibile. Formazione a QFTP formalismi UML 2, SoaML, QFTP giornate ML.6. Modellazione logica delle architetture di servizi con SoaML (advanced) prerequisiti ML.5. Modellazione logica delle esigenze e vincoli di sicurezza e di qualità di servizio con QFTP contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione delle architetture contrattuali (composizione dei contratti, generalizzazione/specializzazione dei contratti), delle architetture di partecipazione (composizione dei ruoli), delle coreografie, delle orchestrazioni, delle architetture dinamiche e dei pattern d'intermediazione (registry, broker...). formalismi UML 2, SoaML, QFTP 1-2 giornate ML.7. Modellazione logica dei servizi di compensazione, di trasparenza, di monitoraggio e del test dei servizi (advanced) prerequisiti ML.6. Modellazione logica delle architetture di servizi con SoaML (advanced) contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione concettuale dei servizi e processi di compensazione, dei servizi di trasparenza e monitoraggio, delle architetture di test, delle basi di test e dei casi di test. formalismi UML 2, SoaML, QFTP, UTP giornate Modellazione della persistenza del modello oggetti/ruoli va trasformazione meccanica in modello relazionale in quinta forma normale INTEROPERABILITY PLATFORM SPECIFIC MODEL - MODELLO D'INTEROPERABILITÀ (PIATTAFORME SOAP E REST) Modulo introduttivo (per manager e capi-progetto) MF.1. Introduzione al modello d'interoperabilità dei servizi prerequisiti ML.1. Introduzione al modello logico dei servizi Conoscenza degli elementi della piattaforma WS* contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione dei servizi sulle piattaforme d interoperabilità (SOAP e REST) formalismi XML, XML Schema, WSDL, WS-Addressing, WS-Calendar, WS Transfer, WS Resource Access, WS Enumeration, WS-EventDescription, WS-Eventing, WS- Fragment, WS-MetadataExchange, UDDI 1 giornata 6 QFTP - UML Profile for Quality of Service and Fault Tolerance Characteristics and Mechanisms Specification - 7 UML Testing Profile - SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

9 La formazione XML, XML Schema, WSDL, WS-Addressing, WS-Calendar, WS Transfer, WS Resource Access, WS Enumeration, WS-EventDescription, WS- Eventing, WS-Fragment, WS-MetadataExchange, UDDI è erogata nelle unità formative di piattaforma. Vedi anche Catalogo TA001, TA004 Moduli per architetti tecnici MF.2. Modellazione dell implementazione dell'interfaccia dei servizi prerequisiti ML.1. Introduzione al modello logico dei servizi Conoscenza degli elementi della piattaforma WS* contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione logica delle interfacce e dei messaggi per trasformazione del modello logico. formalismi UML 2.2, SoaML, QFTP, UML Testing Profile, XML, XML Schema, WSDL, WS- Addressing, WS-Calendar, WS Transfer, WS Resource Access, WS Enumeration, WS-EventDescription, WS-Eventing, WS-Fragment, WS-MetadataExchange, UDDI 1-1,5 giornate La formazione XML, XML Schema, WSDL, WS-Addressing, WS-Calendar, WS Transfer, WS Resource Access, WS Enumeration, WS-EventDescription, WS- Eventing, WS-Fragment, WS-MetadataExchange, UDDI è erogata nelle unità formative di piattaforma. Vedi anche Catalogo TA001, TA004 MF.3. Modellazione dell implementazione della sicurezza dei servizi prerequisiti MF.2. Modellazione dell implementazione dell'interfaccia dei servizi Conoscenza degli elementi della piattaforma WS* contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione logica delle specifiche di sicurezza dei servizi per trasformazione del modello concettuale. formalismi UML 2.2, SoaML, QFTP, UML Testing Profile, WS Policy, WS SecurityPolicy, UDDI 0,5-1 giornata La formazione WS Policy, WS SecurityPolicy, UDDI è erogata nelle unità formative di piattaforma. Vedi anche Catalogo TA001. MF.4. Modellazione dell implementazione della qualità di servizio prerequisiti MF.2. Modellazione dell implementazione dell'interfaccia dei servizi Conoscenza degli elementi della piattaforma WS* contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione logica delle specifiche di affidabilità dello scambio, di gestione delle transazioni, di gestione delle compensazioni, per trasformazione del modello concettuale. formalismi UML 2.2, SoaML, QFTP, UML Testing Profile, WS Policy, WSRM Policy, WS AtomicTransaction, WS BusinessActivity, UDDI 0,5-1 giornata La formazione WS Policy, WSRM Policy, WS AtomicTransaction, WS BusinessActivity, UDDI è erogata nelle unità formative di piattaforma. Vedi anche Catalogo TA001. MF.5. Modellazione dell'orchestrazione dei servizi prerequisiti MF.2. Modellazione dell implementazione dell'interfaccia dei servizi Conoscenza degli elementi della piattaforma WS* contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione logica delle orchestrazioni di servizi per trasformazione del modello concettuale. SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

10 formalismi UML 2.2, SoaML, QFTP, UML Testing Profile, WSBPEL, WSDL, XSD, UDDI 0,5-1 giornata La formazione WSBPEL, WSDL, XSD, UDDI è erogata nelle unità formative di piattaforma. Vedi anche Catalogo TA003.1, TA003.2 IMPLEMENTATION PLATFORM SPECIFIC MODEL - MODELLO D'IMPLEMENTAZIONE (PIATTAFORME J2EE/JAVA -.NET/C#) MG.1. Modellazione dell'architettura dei componenti e di dispiegamento prerequisiti ML.1. Introduzione al modello logico dei servizi contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione dei componenti e del dispiegamento dei nodi, a partire dal modello concettuale e dal modello logico. formalismi SCA (Service Component Architecture) 8 1-1,5 giornata L uso della tecnologia SCA permette di comporre in modo dichiarativo al dispiegamento elementi software la cui implementazione segue i principi SOA. MG.2. Retro-modellazione del parco applicativo patrimoniale prerequisiti ML.1. Introduzione al modello logico dei servizi contenuti Metodi e linguaggi standard di modellazione del parco applicativo patrimoniale. Metodi e linguaggi standard di retro-modellazione delle basi di dati. Introduzione a ADM/KDM formalismi UML 2, ADM/KDM. 1-1,5 giornate Il corso comprende la formazione a tutti i linguaggi utilizzati, in particolare un'introduzione allo strato "superiore" di ADM KDM. MG.3. Progettazione dei service wrapper e delle service-enabled application prerequisiti ML.1. Introduzione al modello logico dei servizi MF.1. Introduzione al modello d'interoperabilità dei servizi Conoscenza della piattaforma J2EE/Java -.NET/C# contenuti Progettazione dei service wrapper e service based application a partire dal modello concettuale e dal modello logico. formalismi UML 2.2, SoaML, QFTP, UTP, formalismi WS*, J2E/Java/OSGi framework 9 /.NET/C# SOA TESTING 2-2,5 giornate Il corso è basato sull'uso del pattern service component. In ambiente Java. In ambiente Java viene proposto (e insegnato) l uso del framework OSGi per l organizzazione del codice in moduli dinamici. MT.1. Progettazione dei test, dell ambiente di test e delle campagne di test SOA prerequisiti ML.1. Introduzione al modello logico dei servizi MF.1. Introduzione al modello d'interoperabilità dei servizi MP.11. Progettazione e realizzazione di ambienti e campagne di test con TTCN- 3 Conoscenza della piattaforma J2EE/Java -.NET/C# 8 OASIS OpenCSA, 9 OSGi Alliance, SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

11 contenuti formalismi Metodi di test. Progettazione dei test funzionali (robustness, accuracy, safety) e di sicurezza e di carico dei servizi con TTCN-3. Progettazione dell ambiente di test in TTCN-3 UTP, TTCN-3 10, formalismi WS*, J2EE/Java /.NET/C# 2 giornate Il corso verte sulla progettazione e la realizzazione di ambienti e campagne di test per architetture di servizi, dispiegate su piattaforme SOAP e REST. Il corso è basato sulla piattaforma TTworkbench e sull uso del framework di test TTCN4SOA (SIMPLE ENGINEERING). La conoscenza di TTCN-3 è un prerequisito. Le unità formative presentate includono l'insegnamento di UML 2 e degli standard OMG/MDA (OCL, SBVR, SoaML, BPMN, QFTP, UTP, BMM, ADM-KDM), ma non includono l'insegnamento dei linguaggi e degli strumenti delle piattaforme (piattaforma d'interoperabilità WS*, piattaforma J2EE/Java, piattaforma.net/c#, piattaforma TTCN-3). UNITÀ FORMATIVE SULLE PIATTAFORME SIMPLE ENGINEERING eroga le seguenti unità formative sulle piattaforme WS*, J2EE/Java,.NET/C#, TTCN-3. Tutte le formazioni sono erogate in modalità corso magistrale (con esercizi) - vedi in seguito. PIATTAFORMA WS* MP.1. XML/XSD prerequisiti # contenuti extended Markup Language (XML), XML Schema 1,5 giornate Per più di dettagli sulla formazione, consultare il Catalogo 2009, TA001 e seguenti. MP.2. Web services (base) prerequisiti MP.1 o conoscenze equivalenti contenuti SOAP, WSDL, WS Addressing, WS-Calendar 11 1,5 giornate Per più di dettagli sulla formazione, consultare il Catalogo WS-Calendar è un nuovo modulo (standard OASIS). MP.3. Web services (advanced) prerequisiti MP.1, MP.2 o conoscenze equivalenti contenuti WS Resource Access, WS Enumeration, WS-EventDescription, WS-Eventing, WS-Fragment, WS-MetadataExchange, WS-Transfer 1,5 giornate Novità, a partire dalla disponibilità degli standard W3C. MP.4. Web services registry prerequisiti MP.1, MP.2 o conoscenze equivalenti contenuti UDDI v3 1,5 giornate 10 ETSI Testing & Test Control Notation, 11 SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

12 Per più di dettagli sulla formazione, consultare il Catalogo 2009, TA001 e seguenti. MP.5. Web services security prerequisiti MP.1, MP.2 o conoscenze equivalenti contenuti WS Security, WS Policy, WS SecurityPolicy 2 giornate Per più di dettagli sulla formazione, consultare il Catalogo 2009, TA001 e seguenti. MP.6. Web services QoS prerequisiti MP.1, MP.2 o conoscenze equivalenti contenuti WSRM, WS Policy, WSRM Policy, WS AtomicTransaction, WS BusinessActivity 2 giornate Per più di dettagli sulla formazione, consultare il Catalogo 2009, TA001 e seguenti. MP.7. Web services orchestration prerequisiti MP.1, MP.2 o conoscenze equivalenti contenuti WSBPEL 3 giornate SIMPLE ENGINEERING ha erogato in sub-appalto per Oracle le formazioni standard Oracle University su Oracle BPEL Process Manager dal Per maggiori dettagli, consultare il Catalogo TA003.2 PIATTAFORMA J2EE/JAVA - MP.8. Progettazione object-oriented con Java/J2EE prerequisiti # contenuti Corso base Java. Per maggiori dettagli, consultare il Catalogo EN000J 5 giornate Il corso include la programmazione dell'accesso ad una base dati relazionale. MP.9. Progettazione e realizzazione di servizi con Java/J2EE - Base prerequisiti MP.8 o equivalente contenuti Corso di programmazione di servizi in Java - piattaforme WS* e REST. Per maggiori dettagli, consultare il Catalogo EN001J. 5 giornate Corso di base per la programmazione XML in Java. MP.10. Progettazione e realizzazione di servizi con Java/J2EE - Avanzato prerequisiti MP.8, MP.9 o equivalenti contenuti Corso avanzato di programmazione di servizi in Java - piattaforme WS* e REST. Per maggiori dettagli, consultare il Catalogo EN002J. 5 giornate Corso avanzato che riprende la programmazione del pattern Service component in Java. PIATTAFORMA TTCN-3 MP.11. Progettazione e realizzazione di ambienti e campagne di test con TTCN-3 prerequisiti MT.1 SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

13 contenuti Concetti di base, Test basato sulle specifiche, Progettazione e sviluppo del test, Costrutti di base del linguaggio TTCN-3, Costrutti avanzati del linguaggio TTCN-3, Architettura TTCN-3: interfacce TRI/TCI, Utilizzo dello strumento di test TTworkbench, Caso di studio, Esercizi. 3 giornate Il corso verte sul linguaggio standard TTCN-3 e l utilizzo della piattaforma TTworkbench per la progettazione e la realizzazione di ambienti e campagne di test. PERCORSI FORMATIVI Un percorso formativo simplesoa è costituito da un insieme coerente di unità formative di analisi, di analisi motivazionale, di progettazione ed eventualmente da unità formative di piattaforma. SIMPLE ENGINEERING propone dei percorsi formativi predefiniti, organizzati in moduli erogati in modalità corso o ciclo in alternanza (vedi in seguito). PERCORSI PREDEFINITI Nelle descrizioni dei percorsi, le unità formative entro parentesi quadre e in corsivo sono propedeutiche al percorso formativo e la loro erogazione dipende dal livello di conoscenze pregresse dei discenti. PERCORSO ANALISTA/ARCHITETTO BUSINESS (MODELLO MOTIVAZIONALE) MM.1. Introduzione al modello motivazionale con BMM MC.1. Introduzione al modello concettuale con SBVR e BPMN MM.2. Retro-modellazione dei mezzi/fini con BMM MM.3. Analisi d'impatto dei fattori di cambiamento con BMM MM.4. Sintesi dei modello motivazionale con BMM PERCORSO ANALISTA/ARCHITETTO BUSINESS (MODELLO CONCETTUALE) MC.1. Introduzione al modello concettuale con SBVR e BPMN MM.1. Introduzione al modello motivazionale con BMM MC.2. Modellazione concettuale del vocabolario e delle regole business con SBVR MC.3. Modellazione concettuale dei servizi business con SBVR MC.4. Modellazione concettuale dei processi business con BPMN MC.5. Modellazione concettuale delle regole di sicurezza e di qualità di servizio con SBVR MC.6. Retro-modellazione concettuale del parco applicativo patrimoniale PERCORSO ARCHITETTO TECNICO-APPLICATIVO (BASE) MM.1. Introduzione al modello motivazionale con BMM MC.1. Introduzione al modello concettuale con SBVR e BPMN ML.1. Introduzione al modello logico dei servizi ML.2. Modellazione logica delle architetture di servizi con SoaML ML.3. Modellazione logica delle funzioni dei servizi con SoaML ML.4. Modellazione logica delle interazioni dei servizi con SoaML ML.5. Modellazione logica delle esigenze e vincoli di sicurezza e di qualità di servizio con QFTP SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

14 PERCORSO ARCHITETTO TECNICO-APPLICATIVO (AVANZATO) ML.6. Modellazione logica delle architetture di servizi con SoaML (advanced) ML.7. Modellazione logica dei servizi di compensazione, di trasparenza, di monitoraggio e del test dei servizi PERCORSO ARCHITETTO TECNICO (PIATTAFORME D'INTEROPERABILITÀ) MF.1. Introduzione al modello d'interoperabilità dei servizi MF.2. Modellazione dell implementazione dell'interfaccia dei servizi MF.3. Modellazione dell implementazione della sicurezza dei servizi MF.4. Modellazione dell implementazione della qualità di servizio MF.5. Modellazione dell'orchestrazione dei servizi PERCORSO ARCHITETTO TECNICO (PIATTAFORME D'IMPLEMENTAZIONE) MG.1. Modellazione dell'architettura dei componenti e di dispiegamento MG.2. Retro-modellazione del parco applicativo patrimoniale MG.3. Progettazione dei service wrapper e delle service-enabled application PERCORSO ARCHITETTO DI TEST MP.11. Progettazione e realizzazione di ambienti e campagne di test con TTCN-3 MT.1. Progettazione dei test, dell ambiente di test e delle campagne di test SOA PERCORSI "À LA CARTE" SIMPLE ENGINEERING compone dei percorsi formativi "à la carte" adatti ai bisogni specifici dei clienti, sempre a partire dalle unità formative sui metodi e sulle piattaforme del suo portafoglio. MODALITÀ DI EROGAZIONE Le unità formative presentate nel precedente paragrafo sono erogate in modalità corso o in modalità ciclo in alternanza. MODALITÀ CORSO La modalità corso è quella utilizzata tradizionalmente nelle formazioni sui linguaggi di programmazione o gli ambienti di sviluppo: un insieme di giornate consecutive in cui si alternano sessioni d'insegnamento magistrale e sessioni di esercitazioni su esercizi predeterminati sotto il controllo dei docenti - tipicamente in una mezza giornata una sessione d'insegnamento magistrale di circa 100 minuti è seguita da una sessione di esercitazione di circa 100 minuti, dopo un interruzione di circa 10 minuti. MODALITÀ CICLO IN ALTERNANZA Nella modalità ciclo in alternanza, l'erogazione dell'insegnamento è effettuata in alternanza con l'applicazione dei metodi insegnati a un caso di studio reale da parte dei discenti, con tutoraggio da parte dei docenti. I discenti si organizzano autonomamente in gruppo di progetto. Il ciclo è organizzato in tornate di due/tre giornate attuate con cadenza settimanale o quindicinale. A parte la prima tornata di carattere introduttivo e l'ultima tornata di revisione SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

15 generale del lavoro svolto, le tornate intermedie sono sempre costituite di tre sessioni consecutive di 0,5/1 giornata: revisione - revisione da parte del docente su presentazione dei discenti del lavoro da loro svolto in applicazione dei metodi appresi nella tornata precedente al caso di studio (0,5/1 giornata); insegnamento - insegnamento magistrale (1 giornata); impostazione - impostazione da parte del docente dell'applicazione della materia presentata nell'insegnamento magistrale al caso di studio (0,5/1 giornata). Tra due tornate, i discenti lavorano sul progetto, con uno sforzo compreso tra 40% e il 100% del tempo disponibile. I docenti forniscono un affiancamento a distanza, attraverso vari canali di comunicazione (posta elettronica, telefono, videoconferenza...). Il ciclo in alternanza raggiunge il massimo di efficacia quando è effettuato nell'ambito di un progetto SOA/BPM, in cui i discenti formano il team di progetto e possono lavorare a tempo pieno sul caso di studio, che s'identifica con il tema del progetto. In tale configurazione, il ciclo in alternanza consegue il duplice obiettivo di formazione del team di progetto e di realizzazione dei task di progetto (analisi motivazionale, analisi e progettazione a livello concettuale, logico e d implementazione, test). Il tutoraggio da parte dei docenti, analisti e architetti esperti di alto livello, garantisce la qualità dei risultati. Le unità formative di modellazione motivazionale, concettuale sono generalmente erogate in modalità ciclo in alternanza, perché le attività in questione mobilitano competenze che possono essere realmente acquisite solo attraverso l'applicazione diretta dei metodi su un caso di dimensione "reale". Le altre unità formative sui metodi (modello logico e modello implementativo) e sulle piattaforme sono erogate in modalità corso. CONCLUSIONE L'offerta formativa SIMPLE ENGINEERING risponde ai bisogni di evoluzione professionale degli analisti e dei progettisti dei sistemi d'informazione verso l'analisi, la definizione dei requisiti, la progettazione e la realizzazione di architetture SOA/BPM, permettendo a ognuno di adattare il proprio percorso formativo al proprio livello di competenza e alle proprie esigenze, sulla base di un approccio basato su standard internazionali e provato sia dal punto di vista metodologico sia dal punto di vista pedagogico. SIMPLE ENGI NEERING ALL RIGHTS RE SE RVED SIMPLESOA_ PERCORSI FO RMAZI ONE_ /15

simplesoad SOA/BPO ARCHITECT

simplesoad SOA/BPO ARCHITECT SIMPLE ENGINEERING simplesoad SOA/BPO ARCHITECT TRAINING CYCLE SHEET SIMPLESOAD_SA_COURSE_SHEET_IT_2007032701 SIMPLE ENGINEERING 2007 - ALL RIGHTS RESERVED. SIMPLE ENGINEERING IS AN INDEPENDENT EUROPEAN

Dettagli

simplesoad SERVICE ENGINEER

simplesoad SERVICE ENGINEER SIMPLE ENGINEERING simplesoad SERVICE ENGINEER TRAINING CYCLE SHEET SIMPLESOAD_SE_COURSE_SHEET_IT_2007032701 SIMPLE ENGINEERING 2007 - ALL RIGHTS RESERVED. SIMPLE ENGINEERING IS AN INDEPENDENT EUROPEAN

Dettagli

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, ANALISI, SVILUPPO, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DI SISTEMI INFORMATIVI SU PIATTAFORMA IBM WEBSPHERE BPM (EX LOMBARDI)

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

02CIXPG Sistemi informativi aziendali

02CIXPG Sistemi informativi aziendali 02CIXPG Sistemi informativi aziendali Introduzione al Corso 1 http://bit.ly/sistinfo http://elite.polito.it/ teaching-mainmenu-69/ laurea-specialistica-mainmenu-83/117-02cix Fulvio Corno Dipartimento di

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Eccellenza in Business Process Management edizione 2010 Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Le infrastrutture open source per la cooperazione applicativa nella pubblica amministrazione: l'esperienza in Regione del Veneto Dirigente del Servizio Progettazione e Sviluppo Direzione Sistema Informatico

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Living IT Architectures Open Source per la realizzazione del modello XaaS www.spagoworld.org/openevents Engineering Engineering Group: Group: nuovo nuovo approccio approccio per per progetti progetti di

Dettagli

RETRO-MODELLAZIONE CONCETTUALE DI BASI DI DATI RELAZIONALI

RETRO-MODELLAZIONE CONCETTUALE DI BASI DI DATI RELAZIONALI simplengineering Service Oriented Architects RETRO-MODELLAZIONE CONCETTUALE DI BASI DI DATI RELAZIONALI L'APPROCCIO simplesoad 2.0 SE-LMA_WP2010101303 SIMPLE ENGINEERING 2004-2011 SIMPLE ENGINEERING IS

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA Elenco dei manuali Elenco dei manuali dell'utente di MEGA MEGA 2009 SP5 R7 1ª edizione (luglio 2012) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

Course Objectives (I)

Course Objectives (I) Objectives After completing this lesson, you should be able to: Identify the course objectives Discuss the course agenda and topics Grasp the concept of service contract Course Objectives (I) After completing

Dettagli

Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta formativa di Infodue

Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta formativa di Infodue Tecnologia e professionalità al servizio del business, dal 1986 Programmare in ambiente Java Enterprise: l offerta Copyright 2006 Infodue S.r.l. La programmazione nell era era del Web Computing L evoluzione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Service Oriented Architecture what and why? QuickTime and a decompressor are needed to see this picture.

Service Oriented Architecture what and why? QuickTime and a decompressor are needed to see this picture. Service Oriented Architecture what and why? Service Oriented Architecture : architettura In quanto architettura, non è soltanto un insieme di nuove tecnologie, ma un insieme di componenti, di modelli e

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica. Ingegneria del Software II (IS2)

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica. Ingegneria del Software II (IS2) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Ingegneria del Software II (IS2) a.a. 2010/12 Ingegneria del Software 2 - Introduzione 1 Docente Prof.ssa Anna Rita Fasolino Dipartimento di Informatica

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Project Management Information System con Microsoft Office Project Server Corso Avanzato

Project Management Information System con Microsoft Office Project Server Corso Avanzato Project Management Information System con Microsoft Office Project Server Corso Avanzato Page 2 of 5 1 PMIS con Microsoft Office Project Server - Corso Avanzato 1.1 Obiettivi Il corso ha l obiettivo di

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA Elenco dei manuali Elenco dei manuali dell'utente di MEGA MEGA 2009 R6 1ª edizione (Novembre 2011) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono

Dettagli

MAX DOLGICER ROMA 17-19 NOVEMBRE 2008 ROMA 20-21 NOVEMBRE 2008 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

MAX DOLGICER ROMA 17-19 NOVEMBRE 2008 ROMA 20-21 NOVEMBRE 2008 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER Architettura, Governance, Standards e Tecnologie Modellare, progettare e implementare applicazioni ROMA 17-19 NOVEMBRE 2008 ROMA 20-21 NOVEMBRE 2008 VISCONTI

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso]

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso] Presentazione del Corso 1 Premessa Il software libero/open source si è diffuso oltre le comunità di sviluppo, coinvolgendo altri attori che hanno individuato modelli di sviluppo sostenibili che lo rendono

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno:

Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013 P.O.N. FSE A.S. 2013/2014 SCHEDA PROGETTUALE MODULO. Obiettivo: C Azione: 1 Riferimento interno: ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GUGLIELMO MARCONI Piazza Poerio 2, 70126 Bari - Tel.080-5534450 Fax.080-5559037 - www.marconibari.it - info@marconibari.it Programmazione Fondi Strutturali 2007/2013

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

Processi BPEL. Obiettivi

Processi BPEL. Obiettivi Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Processi BPEL Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci Anno accademico 2009/10 Email: sd@chmod.it Obiettivi Esercitazione pratica su:

Dettagli

GARA COMUNITARIA A PROCEDURA RISTRETTA PER LA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE ED ESERCIZIO DEL SISTEMA INFORMATIVO PREVIDENZIALE DELL ENPALS

GARA COMUNITARIA A PROCEDURA RISTRETTA PER LA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE ED ESERCIZIO DEL SISTEMA INFORMATIVO PREVIDENZIALE DELL ENPALS E.N.P.A.L.S. Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo Direzione Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461

Dettagli

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER SOI (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES ROMA 27-29 MAGGIO 2009 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti. Edoardo Di Lorenzo

Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti. Edoardo Di Lorenzo Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti 29 marzo 2006 Edoardo Di Lorenzo Relatore: Marco Pistore Web Services

Dettagli

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Introduzione Il software e l ingegneria del software Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Sommario Il software L ingegneria del software Fasi del ciclo di vita del software Pianificazione di sistema

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

HealthSOAF Health Service Oriented Architecture Framework

HealthSOAF Health Service Oriented Architecture Framework HealthSOAF Health Service Oriented Architecture Framework Maria Carmela Groccia, de-health Lab, DIMEG Rosita Guido, Domenico Conforti Università della Calabria Maurizio Rizzo, Giampaolo Sammarco AlmavivA

Dettagli

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità Corso di Eccellenza in Business Process Management per la Sanità Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

CIG 6223997CCB COD. ALICE G00292

CIG 6223997CCB COD. ALICE G00292 APPENDICE 2 Descrizione dei profili professionali richiesti Sommario APPENDICE 2 Descrizione dei profili professionali richiesti... 1 1. PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI... 2 1.1 Capo progetto... 2 1.2

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

1 st part - Lessons 5 8

1 st part - Lessons 5 8 1 st part - Lessons 5 8 5. Introducing the Service Oriented Architecture 6. Introducing Business Process Management/Modelling 7. The Service Based / Process Centric architecture life cycle 8. Modelling

Dettagli

01KTF CV. Architetture distribuite per i sistemi infomativi aziendali. Presentazione del corso http://elite.polito.it/courses/01ktf.

01KTF CV. Architetture distribuite per i sistemi infomativi aziendali. Presentazione del corso http://elite.polito.it/courses/01ktf. 01KTF CV Architetture distribuite per i sistemi infomativi aziendali Presentazione del corso http://elite.polito.it/courses/01ktf Fulvio Corno Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Dettagli

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance 17 Esther BEVERE Miriam MERENDA ALTEN Italia Agenda Rilevanza della Professionalità del Software Tester Professionalità nel Testing Percorsi

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MIKE ROSEN ROMA 5-6 MAGGIO 2014 ROMA 7-8 MAGGIO 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MIKE ROSEN ROMA 5-6 MAGGIO 2014 ROMA 7-8 MAGGIO 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MIKE ROSEN ALLINEARE BUSINESS E IT Un approccio Business Architecture LE SCELTE ARCHITETTURALI CHE FUNZIONANO ROMA 5-6 MAGGIO 2014 ROMA 7-8 MAGGIO 2014 RESIDENZA DI RIPETTA

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Candidato Izzo Giovanni, Matr. 41/1305 Relatore Prof. Porfirio Tramontana 1 Panoramica su contesto ed obiettivi Il contesto della tesi è legato

Dettagli

Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007. Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta

Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007. Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007 Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta DICo: seminario 16/01/07 Reply Reply è una società di Consulenza, System Integration, Application Management

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni: Amministrativo/Contabile Applicazione: SAI Sistema di Audit Interno Amministrazione: Agenzia delle Entrate Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA CORSO EROGATO IN MODALITÀ BLENDED-LEARNING SYLLABUS

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA CORSO EROGATO IN MODALITÀ BLENDED-LEARNING SYLLABUS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA CORSO EROGATO IN MODALITÀ BLENDED-LEARNING SYLLABUS INFORMAZIONI DEL CORSO INFORMAZIONI DI BASE Nome Architettura del software Codice Esse3 F1801Q130M Corso di

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MIKE ROSEN ROMA 26-27 APRILE 2011 ROMA 28-29 APRILE 2011 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MIKE ROSEN ROMA 26-27 APRILE 2011 ROMA 28-29 APRILE 2011 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MIKE ROSEN ALLINEARE BUSINESS E IT Un approccio Business Architecture PROGETTARE MODERNE ARCHITETTURE APPLICATIVE ROMA 26-27 APRILE 2011 ROMA 28-29 APRILE 2011 RESIDENZA

Dettagli

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA Elenco dei manuali Elenco dei manuali dell'utente di MEGA MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono

Dettagli

Semantica dei Giochi

Semantica dei Giochi Corso di Laurea Specialistica in Informatica Semantica dei Giochi A.A. 2005-2006 Docenti: Claudia Faggian e Pierre-Louis Curien (CNRS - Paris 7) SEMANTICA... Qual e' il senso [l'essenziale] di un programma?

Dettagli

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE:

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: Il sistema di modellazione di schemi e componenti Alfredo Scopece Consulente di Informatica Maggio 2005 Sintesi Il Registro di Collaborazione è un servizio

Dettagli

Registro SPICCA Architettura del Software

Registro SPICCA Architettura del Software Registro SPICCA Architettura del Software Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Introduzione... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Obiettivo... 4 1.3 Riferimenti... 4 1.4 Panoramica del documento... 4 2 Rappresentazione

Dettagli

JOHN KNEILING. Tools, Tecnologie NELL AMBIENTE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008

JOHN KNEILING. Tools, Tecnologie NELL AMBIENTE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JOHN KNEILING WEB SERVICES E Tools, Tecnologie e Architetture SICUREZZA NELL AMBIENTE ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Da Settembre 2010 Oggi. Go Project srl via Alessandria 88, Roma. Inail Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro

Da Settembre 2010 Oggi. Go Project srl via Alessandria 88, Roma. Inail Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Qualifica: INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità italiana Data di nascita 08/10/1974 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Da Settembre

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

Soluzioni informatiche per l'efficacia dei processi bancari

Soluzioni informatiche per l'efficacia dei processi bancari Soluzioni informatiche per l'efficacia dei processi bancari Michele Vaccaro Presale Manager Content Management & Archiving EMC Software Italy 1 Agenda BPM secondo EMC Case study: processo Origination BPM

Dettagli

Composizione e Coreografia di Web Services

Composizione e Coreografia di Web Services Composizione e Coreografia di Web Services Giusy Di Lorenzo Composizione Lo scopo della composizione è quello di comporre servizi esistenti al fine di definire un nuovo servizio a valore aggiunto Richiesta

Dettagli

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U.

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U. Università degli studi dell Aquila Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U. Ing. Gaetanino Paolone (gaetanino.paolone@univaq.it) Prof. Dr. Luciano Fratocchi (luciano.fratocchi@univaq.it) Contenuti (2 ore)

Dettagli

TED LEWIS ROMA 16-17 APRILE 2007 ROMA 18-19 APRILE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

TED LEWIS ROMA 16-17 APRILE 2007 ROMA 18-19 APRILE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA TED LEWIS MANAGEMENT MODELING AND ANALYSIS ROMA 16-17 APRILE 2007 ROMA 18-19 APRILE 2007 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

Il modello informatico dei sistemi informativi aziendali: modello applicativo e modello tecnologico.

Il modello informatico dei sistemi informativi aziendali: modello applicativo e modello tecnologico. Titolo dell'insegnamento Sistemi Informativi Gestionali CFU 6 Struttura dell insegnamento 1) Lezione in aula virtuale 1: Introduzione al corso e spiegazione dei concetti di base dell informatica aziendale.

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Dettaglio dei corsi in aula

Dettaglio dei corsi in aula L offerta formativa Dettaglio dei corsi in aula Software Engineering Object Oriented Analysis and Design: fondamenti e principi dell object orientation. Dall analisi alla progettazione. I Design Pattern.

Dettagli

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione ICT Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

PROFILO AZIENDALE 2011

PROFILO AZIENDALE 2011 PROFILO AZIENDALE 2011 NET STUDIO Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration, Application

Dettagli

Organizzazioni nel Grid Computing

Organizzazioni nel Grid Computing Il ruolo delle Organizzazioni nel Grid Computing Un primo sguardo a Globus - Parte 5 Organizzazioni di Grid Computing Panoramica sui prodotti software Primo sguardo a Globus Dott. Marcello CASTELLANO La

Dettagli

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Page 1 of 11 IL CERTIFICATO ITIL FOUNDATION IN IT SERVICE MANAGEMENT La

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business Livio Selvini HP IT Governance Senior Consultant Vicenza, 24 novembre Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information

Dettagli

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Allegato n. 2 al Capitolato speciale d appalto. ENTE PUBBLICO ECONOMICO STRUMENTALE DELLA REGIONE CALABRIA POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Procedura aperta sotto

Dettagli

GRUPPO AMADORI: TRACCIABILITA DOWNSTREAM PER ALIMENTI CONFEZIONATI SURGELATI

GRUPPO AMADORI: TRACCIABILITA DOWNSTREAM PER ALIMENTI CONFEZIONATI SURGELATI GRUPPO AMADORI: TRACCIABILITA DOWNSTREAM PER ALIMENTI CONFEZIONATI SURGELATI Già da un certo tempo le architetture orientate ai servizi (SOA) hanno assicurato alle aziende un supporto di considerevole

Dettagli

8.A.8 Orchestratore Locale. ESB Piano dei test

8.A.8 Orchestratore Locale. ESB Piano dei test 8.A.8 Orchestratore Locale ESB Piano dei test Presentato da: Vers. 1.0 - del 13/07/2009 Orchestratore locale ESB Specifiche di Test Cliente Progetto Comune di Bologna ELI-CAT Redatto da Luca Barozzi Data

Dettagli

Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza

Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza Relatore Ercole Colonese Roma, 29 novembre 2010 Organizzazione del test Temi trattati nel libro Il gruppo di test Competenze e specializzazione

Dettagli

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT ROMA 23-25 GIUGNO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 I lucidi del corso sono stati prodotti

Dettagli

Realizzazione di un Network Operations Center (NOC) secondo best practices ITIL. Roberto Raguseo Roberto.raguseo@necs-servizi.it

Realizzazione di un Network Operations Center (NOC) secondo best practices ITIL. Roberto Raguseo Roberto.raguseo@necs-servizi.it Realizzazione di un Network Operations Center (NOC) secondo best practices ITIL Roberto Raguseo Roberto.raguseo@necs-servizi.it 1 Agenda Il Cliente oggetto dello studio La rete elettrica come Servizio

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Quando SOA incontra l'enterprise 2.0 Alcune linee guida

Quando SOA incontra l'enterprise 2.0 Alcune linee guida Quando SOA incontra l'enterprise 2.0 Alcune linee guida Agenda SOA e Enterprise 2.0 Definizione di SOA Reference Model e Reference Architecture Architettura di integrazione SOA 10 Best Practices per l'introduzione

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Nuovi strumenti Microsoft EASI per la Cooperazione Applicativa ed il Sistema Pubblico di Connettività

Nuovi strumenti Microsoft EASI per la Cooperazione Applicativa ed il Sistema Pubblico di Connettività Nuovi strumenti Microsoft EASI per la Cooperazione Applicativa ed il Sistema Pubblico di Connettività Forum P.A. Roma, 9 Maggio 2005 Antonello Maraglino Business Development Manager Public Sector Microsoft

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MARK WEB ANALYTICS E BUSINESS INTELLIGENCE ESTENDERE LA BI PER SUPPORTARE IL MARKETING ONLINE E LA CUSTOMER ANALYSIS

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MARK WEB ANALYTICS E BUSINESS INTELLIGENCE ESTENDERE LA BI PER SUPPORTARE IL MARKETING ONLINE E LA CUSTOMER ANALYSIS LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MARK MADSEN SOCIAL MEDIA, WEB ANALYTICS E BUSINESS INTELLIGENCE ESTENDERE LA BI PER SUPPORTARE IL MARKETING ONLINE E LA CUSTOMER ANALYSIS ROMA 12-13 MAGGIO 2011 VISCONTI

Dettagli

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE Università degli studi di Ferrara Facoltà di scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea Specialistica in Informatica Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

IS Governance in action: l esperienza di eni

IS Governance in action: l esperienza di eni IS Governance in action: l esperienza di eni eni.com Giancarlo Cimmino Resp. ICT Compliance & Risk Management Contenuti L ICT eni: mission e principali grandezze IS Governance: il modello organizzativo

Dettagli

PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015

PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015 PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015 NET STUDIO 2015 Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration,

Dettagli