INDICE I TRIBUTI COMUNALI E LE ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE I TRIBUTI COMUNALI E LE ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI"

Transcript

1 INDICE I TRIBUTI COMUNALI E LE ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI pag L IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI pag Chi paga l imposta pag Esenzione per l abitazione principale pag Il valore dell immobile pag Casi particolari pag Il calcolo dell imposta e le aliquote di Roma Capitale pag Quando e come si paga pag Come si presentano la dichiarazione ICI ed i vari modelli pag LA TARIFFA RIFIUTI pag Chi paga la tariffa pag Come viene determinata la tariffa pag Le agevolazioni e riduzioni pag Esenzione pag Diminuzione di 90 euro annui pag Compostaggio domestico pag Riduzione per attività stagionale pag Quando e come si paga pag Come si presenta la dichiarazione Ta.Ri. pag Le richieste per le agevolazioni sociali pag IL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SUOLO ED AREE PUBBLICHE pag Chi paga il canone pag Come viene determinato il canone pag Misura dell occupazione pag Tabelle per il calcolo del canone pag Particolari tipologie di occupazione pag Agevolazioni e riduzioni pag Quando e come si paga pag Come si presenta la domanda di occupazione suolo pubblico pag IL CANONE PER LE INIZIATIVE PUBBLICITARIE pag Chi paga il canone pag Come si determina il canone pag Tabelle con le tariffe pag Agevolazioni e riduzioni pag Quando e come si paga pag Come si presentano le richieste di autorizzazione pag IL CONTRIBUTO DI SOGGIORNO pag Chi paga il contributo di soggiorno pag. 40 INDICE 1

2 5.2. Come si determina il contributo pag Agevolazioni e riduzioni pag Quando e come si paga pag Come si presentano le comunicazioni pag LE VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA pag Premessa pag Come si viene a conoscenza di una contravvenzione pag Preavviso di verbale di accertamento di violazione pag Verbale di accertamento di violazione con contestazione immediata pag Verbale di violazione senza contestazione immediata pag La notifica del verbale di violazione pag Cosa fare in caso di smarrimento del verbale di violazione pag Quando, come e chi deve pagare un verbale di violazione pag. 50 COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE pag IL RAVVEDIMENTO OPEROSO PER I TRIBUTI LOCALI pag Premessa pag Tipologie di violazioni soggette a ravvedimento pag Violazioni di natura sostanziale pag Violazioni di natura formale pag Le modalità di pagamento pag 56 IL RECUPERO DELLE SOMME NON PAGATE pag GLI AVVISI DI ACCERTAMENTO E GLI INVITI AL PAGAMENTO pag L emissione degli atti di recupero pag Rateazione degli avvisi pag Annullamento dell atto o ricorso e relativa sospensione pag La riscossione frazionata pag I controlli sul territorio e le garanzie del contribuente pag LA RISCOSSIONE DELLE ENTRATE pag La riscossione mediante cartella pag Il pagamento della cartella pag Rateazione della cartella pag Annullamento della cartella o ricorso e relativa sospensione pag La riscossione coattiva pag La riscossione mediante ingiunzione pag LE SANZIONI SULLE ENTRATE DEL COMUNE pag Regole di applicazione pag L irrogazione delle sanzioni pag. 81 CONTENZIOSO E STRUMENTI DEFLATIVI pag IL DIRITTO DI INTERPELLO pag L Interpello a Roma Capitale pag COME EVITARE LE LITI TRIBUTARIE pag L autotutela pag L avviso bonario pag. 88 INDICE 2

3 2.3. L acquiescenza e la definizione agevolata delle sanzioni pag L adesione all invito al contraddittorio pag L accertamento con adesione pag La conciliazione giudiziale pag IL RICORSO TRIBUTARIO pag Premessa pag Come inizia il processo tributario pag La richiesta di sospensione dell atto impugnato pag L esito del ricorso e la definitività della sentenza pag La riscossione in pendenza di opposizione pag Il ricorso in appello pag Il ricorso in Cassazione pag IL RICORSO CONTRO LE VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA pag Come si attiva il contenzioso pag Il ricorso al Prefetto e l Ordinanza Ingiuntiva pag Il ricorso al Giudice di Pace pag. 100 INDICE 3

4 I TRIBUTI LOCALI E LE ALTRE ENTRATE PATRIMONIALI 1. L IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI L ICI è un tributo a carico di chi possiede fabbricati, aree fabbricabili, terreni agricoli, siti nel territorio del Comune. Dall'anno 2008 le unità immobiliari non di lusso adibite ad abitazione principale e quelle ad esse assimilate dal Comune con regolamento o delibera ne sono esentate CHI PAGA L IMPOSTA L ICI è dovuta: da chi ha la proprietà di immobili come case, negozi, capannoni industriali, aree fabbricabili o terreni agricoli; da chi vanta un diritto reale di godimento su un immobile quali il diritto di usufrutto, uso, abitazione, diritto di superficie e di enfiteusi; dal locatario, per gli immobili concessi in locazione finanziaria; dai concessionari, per le aree demaniali; dal gestore di immobili pubblici. Se l immobile è posseduto da più proprietari, l imposta deve essere ripartita proporzionalmente tra loro in base alle quote di proprietà, e versata separatamente (ad esempio, per una casa cointestata a marito e moglie, entrambi devono versare l ICI, ma separatamente). In caso di usufrutto, l imposta è dovuta da chi vanta tale diritto, vale a dire da chi utilizza l immobile, e non dal nudo proprietario. Se l immobile è in multiproprietà, l ICI deve essere invece pagata dall amministratore del condominio o della comunione. Non devono pagare l'ici i possessori (cioè coloro che sono proprietari, usufruttuari, o che godono di un diritto reale) della sola abitazione principale (con esclusione delle abitazioni accatastate con categoria A1, A8, A9), con eventuali pertinenze limitatamente ad un solo box o posto auto e ad una sola cantina o soffitta. Per abitazione principale si deve intendere quella in cui il contribuente, che la possiede a titolo di proprietà, usufrutto o altro diritto reale, risiede, ritenendosi tale, salvo prova contraria, quella di residenza anagrafica. La stessa norma di esenzione vale per i soci di cooperative edilizie a proprietà indivisa per le abitazioni assegnate ed utilizzate come abitazione principale. Inoltre, sono esentati dal pagamento i cittadini italiani residenti all'estero per l'abitazione tenuta a disposizione. E' esente anche l'abitazione assegnata con sentenza di separazione o divorzio di proprietà, in tutto o in parte, dell'ex coniuge non residente, nel caso in cui lo stesso non possieda altri immobili ad uso abitativo nel territorio comunale. L'esenzione si applica anche alle abitazioni date in uso gratuito a parenti e affini fino al secondo grado che vi risiedono anagraficamente e che la usano come abitazione principale 1.2. ESENZIONE PER L ABITAZIONE PRINCIPALE L introduzione dell esenzione dall ICI per le abitazioni principali comporta l esclusione dall'applicazione dell'imposta per: le abitazioni principali (comprese le pertinenze nei limiti di un solo box o posto auto ed una sola cantina o soffitta), cioè quelle in cui il proprietario dimora abitualmente; l'abitazione assegnata al socio di cooperativa edilizia a proprietà indivisa, che la utilizza come abitazione principale; l'abitazione a disposizione, non locata, di italiani residenti all'estero; 4

5 l'abitazione a disposizione, non locata, di residenti presso istituti di ricovero o cura; le abitazioni date in uso gratuito dal proprietario a parenti ed affini entro il secondo grado; l'abitazione, o quota di essa, posseduta dal coniuge non assegnatario, assegnata con sentenza di separazione o divorzio all'ex coniuge, nel caso in cui il soggetto passivo non possieda altri immobili ad uso abitativo nel territorio comunale; le abitazioni per le quali è stato sospesa l'esecuzione dello sfratto - limitatamente all'acconto 2009 ed al nel caso in cui il nucleo familiare del conduttore comprenda persone anziane e/o portatori di handicap. In questo caso il nucleo familiare del conduttore non deve possedere altre abitazioni e deve avere un reddito familiare insufficiente ad accedere ad altro immobile. Rimane l'obbligo del pagamento ICI per le abitazioni principali accatastate con categoria A1, A8 e A9 (abitazioni signorili, ville e palazzi di importanza storica) e relative pertinenze che continuano ad essere assoggettate all aliquota prima abitazione limitatamente ad un solo box o posto auto e ad una sola cantina o soffitta. In tal caso l'aliquota da applicare è il 4,6 per mille e viene riconosciuta la detrazione per l'abitazione principale di 103,29 euro. Per usufruire dell esenzione per le abitazioni a disposizione, non locate, di residenti presso istituti di ricovero o cura è necessario presentare l'apposito modello di comunicazione verde, al quale deve essere allegata un attestazione di degenza rilasciata dall'istituto di ricovero IL VALORE DELL IMMOBILE Per calcolare l imposta bisogna prima di tutto determinare il valore dell immobile, cioè quella che, di norma, si chiama base imponibile. A tal fine occorre distinguere se si tratta di fabbricati, di aree fabbricabili o di terreni agricoli. Per i Fabbricati La base imponibile è costituita dalla rendita risultante in catasto al 1º gennaio dell anno in corso aumentata del coefficiente di rivalutazione (attualmente il 5%) e moltiplicata per un coefficiente diverso a seconda della categoria catastale: 140 per i fabbricati appartenenti al gruppo catastale B; 100 per le abitazioni, gli alloggi collettivi e i fabbricati a destinazione varia (gruppi catastali A e C con esclusione delle categorie A10 e C1); 50 per gli uffici, gli studi privati (categoria A/10), gli alberghi, i teatri, le banche, ecc. (categoria D); 34 per i negozi e le botteghe (categoria catastale C1). Nel caso di immobili acquistati di recente la rendita catastale è indicata nell'atto di acquisto. Se l'immobile non è ancora accatastato, si deve utilizzare la rendita dichiarata al momento della richiesta di accatastamento (DOCFA). Nel caso, invece, di rettifica, da parte dell Agenzia del territorio, della rendita catastale, la base imponibile ai fini ICI sarà conseguentemente integrata con decorrenza dal primo gennaio dell anno successivo. Per le aree fabbricabili La base imponibile è costituita dal valore commerciale al 1º gennaio dell anno cui si riferisce l imposta. Il Comune può determinare periodicamente detto valore, suddividendo il territorio per zone omogenee. Il valore così determinato non potrà essere rettificato con atti di accertamento da parte del Comune qualora venga preso a base dal contribuente per la valutazione della propria area fabbricabile. Si ricorda che sono considerati fabbricabili i terreni sui quali è possibile realizzare una costruzione in base al Piano Regolatore Generale, indipendentemente dall'approvazione dello stesso da parte della Regione e/o dall'adozione di strumenti urbanistici attuativi. Elementi per la determinazione del valore dell area fabbricabile possono essere acquisiti, in mancanza della determinazione periodica menzionata, partendo dal valore degli immobili costruiti e scomputando i costi di costruzione oppure dal confronto con aree similari. 5

6 Per i terreni agricoli La base imponibile è costituita dal reddito dominicale risultante in catasto al 1º gennaio dell anno in corso, aumentato del 25% e moltiplicato per Casi particolari Fabbricati di interesse storico Per i fabbricati di interesse storico/artistico, la rendita si calcola applicando la tariffa d estimo (aumentata del 5%) di minore ammontare prevista per le abitazioni della zona censuaria nella quale è situato il fabbricato. La rendita va moltiplicata per 100 anche se il fabbricato è classificato nella categoria A10 o C1 o nel gruppo D. Fabbricati a destinazione speciale Per i fabbricati classificabili nel gruppo catastale D (Immobili a destinazione speciale quali ad esempio, opifici, alberghi, teatri, cinematografi, ospedali e centri commerciali), non iscritti in catasto, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, fino all'anno nel quale i medesimi sono iscritti in catasto con attribuzione della rendita, il valore imponibile ai fini dell'ici è determinato, alla data di inizio di ciascun anno solare, secondo il criterio contabile e quindi secondo il valore iscritto in bilancio rivalutato annualmente da appositi coefficienti determinati con decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze. L'adozione del criterio contabile può riguardare anche i fabbricati di interesse storico e/o artistico se tali fabbricati sono classificabili nel gruppo catastale D, privi sin dall'origine di rendita, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati Terreni agricoli posseduti e condotti direttamente I terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti o da imprenditori agricoli iscritti nelle apposite liste comunali ed assoggettati all obbligo dell assicurazione per invalidità, vecchiaia e malattia, che svolgono la loro attività a titolo principale, godono di una deduzione dall imponibile nella misura di euro ,84. Per l importo eccedente la franchigia di euro ,84 si applicano le seguenti riduzioni: a) del 70 per cento dell'imposta gravante sulla parte di valore eccedente euro ,84 e fino a euro ,83; b) del 50 per cento di quella gravante sulla parte di valore eccedente euro ,83 e fino a euro ,38; c) del 25 per cento di quella gravante sulla parte di valore eccedente euro ,38 e fino a euro ,22. Oltre l'importo di euro ,22, l'imposta è dovuta nella misura integrale. Il valore da prendere in considerazione è quello complessivo dei terreni condotti dal soggetto passivo di imposta, anche se situati sul territorio di più comuni. L insieme delle percentuali e la necessità di tener conto della franchigia possono rendere i calcoli sopra descritti laboriosi. Con l intento di semplificare il lavoro si acclude una Tabella di facile lettura che consente di svolgere ordinatamente tutti i passaggi fino al calcolo dell ICI attraverso un esempio. 6

7 TABELLA GENERALE QUOTA IMPONIBILE ALIQUOTA COEFFICIENTI RIDUZIONE ICI PER SCAGLIONI da euro ,85 a euro ,83 da euro ,84 a euro ,38 da euro ,39 a euro ,22... X... / X 0,30 = X... / X 0,50 = X... / X 0,75 =... + oltre euro ,22... X... / X 1 =... = Ici dovuta... Esempio: Calcolo dell ICI dovuta nel caso di un terreno agricolo del valore di Euro ,00 con un aliquota d imposta applicabile del 4,6 per mille l ICI. ESEMPIO QUOTA IMPONIBILE ALIQUOTA COEFFICIENTI RIDUZIONE ICI PER SCAGLIONI da euro ,85 a euro ,83 da euro ,84 a euro ,38 da euro ,39 a euro , ,98 X 4,6/ X 0,30 = 49, ,55 X 4,6/ X 0,50 = 95, ,84 X 4,6/ X 0,75 = 89,09 + oltre euro , ,78 X 4,6/ X 1 = 96,07 = Ici dovuta 330, IL CALCOLO DELL IMPOSTA E LE ALIQUOTE DI ROMA CAPITALE L imposta si determina applicando alla base imponibile l aliquota stabilita annualmente nella misura che va dal 4 al 7 per mille. Tuttavia è possibile fissare aliquote diverse in relazione al tipo di immobile e prevedere aliquote agevolate, anche inferiori al 4 per mille, ovvero aliquote maggiorate comunque non superiori, per Roma Capitale, al 10 per mille. Per l abitazione principale, per la quale è dovuta ancora l imposta (ad esempio per l immobile classificato nella categoria catastale A/1, A/8 e A/9) e per le relative pertinenze (limitatamente ad un solo box o posto auto e una sola cantina o soffitta) è fissata un aliquota ridotta pari al 4,6 per mille. Per abitazione principale si intende la casa nella quale si abita e che di norma coincide con la residenza anagrafica. Nell ipotesi in cui sussiste ancora la tassazione per l abitazione principale è prevista una detrazione di 103,29 euro, rapportata ai mesi nei quali l immobile è stato utilizzato come dimora abituale. Se l immobile costituisce contemporaneamente abitazione principale di più persone tenute al pagamento dell ICI, la detrazione va suddivisa tra loro in parti uguali (e non in base alla percentuale di possesso). 7

8 Le ulteriori aliquote applicate per l anno 2011 con i vari modelli che devono essere presentati sono le seguenti: 4,6 per mille per le abitazioni non ancora rientrate in possesso di coloro che hanno presentato richiesta di sfratto per necessità del proprietario persona fisica, oppure dei suoi parenti ed affini fino al 2 grado; 4,6 per mille per le abitazioni di proprietà di persone fisiche date in affitto con contratti ad equo canone o a canone agevolato a inquilini che le utilizzano come abitazione principale (Legge 431del 1998, art. 2, comma 3). La stessa aliquota si applica alle abitazioni date in affitto con contratti a canone agevolato a studenti universitari residenti fuori-sede. Per usufruire di questa aliquota agevolata è necessario presentare l'apposito modello di comunicazione di colore rosa; 4,6 per mille per i negozi (categoria catastale C1), botteghe (C3) o autorimesse commerciali (C6) in cui il proprietario eserciti l'attività direttamente o come rappresentante legale o amministratore di una società di persone o a responsabilità limitata. La stessa aliquota la possono applicare il coniuge, il convivente more uxorio, i parenti e gli affini fino al 2 grado comproprietari. La suddetta aliquota agevolata può essere applicata ad un solo immobile commerciale e per usufruirne è necessario che il proprietario presenti l'apposito modello di comunicazione di colore giallo; 4,6 per mille per i negozi dichiarati di interesse storico con atto di Roma Capitale, in base alle norme stabilite dalla deliberazione n. 139 del 1997; 4,6 per mille per terreni ed immobili necessari per lo svolgimento dell'attività agricola dei coltivatori diretti o delle società agricole gestite dal rappresentante legale; 6 per mille per le abitazioni di proprietà di Società o Enti date in affitto a inquilini che le utilizzano come abitazione principale con contratti ad equo canone o a canone agevolato (Legge n. 431 del 1998, art. 2, comma 3). La stessa aliquota si applica alle abitazioni date in affitto con contratti a canone agevolato a studenti universitari residenti fuori-sede. Per usufruire di questa aliquota agevolata è necessario presentare il modulo di colore rosa sopra indicato utilizzato per le persone fisiche; 7 per mille quale aliquota ordinaria che deve essere applicata a tutti gli immobili per i quali non è espressamente prevista una delle aliquote agevolate o maggiorate. In particolare, l'aliquota del 7 per mille si applica all abitazione data in uso gratuito a parenti diversi da quelli fino al 2 grado che la utilizzano come abitazione principale o a quelli fino al 2 grado che non la utilizzano come abitazione principale, alle abitazioni date in affitto con canone libero (Legge 431 del 1998, artt. 2 e 3) e agli uffici e studi privati (categoria catastale A10); 9 per mille per i terreni fabbricabili, ad esclusione delle aree per le quali il soggetto passivo dell'imposta si impegna, previa apposita convenzione, a non alienare le stesse prima dei successivi cinque anni (nel qual caso si sconta l aliquota del 7 per mille); 10 per mille per le abitazioni sfitte (tenute a disposizione) possedute alla data del 1 gennaio 2009 e per le quali non risultano registrati contratti di affitto da almeno 2 anni alla data del 1 gennaio Per l applicazione dell aliquota del 7 per mille (in luogo di quella del 10 per mille) agli immobili dati in uso gratuito al coniuge che vi risiede è richiesta la compilazione del modello grigio Non si applica in ogni caso l'aliquota del 10 per mille agli immobili rimasti invenduti di proprietà delle società di costruzione o compravendita di immobili, che sconteranno l aliquota ordinaria del 7 per mille. Alle pertinenze si applicano le stesse aliquote delle unità immobiliari cui sono asservite. Una volta individuata l aliquota da applicare all unità immobiliare, l imposta deve essere calcolata sulla base dei mesi di possesso nel corso dell anno (il mese durante il quale il possesso si è protratto per almeno 15 giorni è calcolato per intero) e delle percentuali di possesso. Si ricorda che per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, l imposta è ridotta al 50%. Per conoscere le aliquote i contribuenti possono rivolgersi direttamente agli uffici di Roma Capitale o di Aequa Roma, consultare il sito internet di Roma Capitale (www.comune.roma.it) o del Dipartimento delle Finanze (www.finanze.gov.it), sezione Fiscalità locale. 8

9 NOVITA : dal 2011 è nuovamente applicabile l esenzione dall Imposta Comunale sugli Immobili per i proprietari con procedura esecutiva di rilascio per finita locazione e per la durata della sospensione. L esenzione è riconosciuta a condizione che gli immobili siano locati a soggetti in possesso di particolari requisiti reddituali (reddito annuo lordo complessivo familiare inferiore a Euro ,00) essere o avere nel nucleo familiare persone ultrasessantacinquenni, malati terminali o portatori di handicap con invalidità superiore al 66 per cento e non essere in possesso di altra abitazione adeguata al nucleo familiare nella Regione di residenza. Oppure: nucleo familiare di persone che non dispongono di altra abitazione, né di redditi sufficienti che permettano di accedere alla locazione di un nuovo immobile; figli fiscalmente a carico, o persone ultrasessantacinquenni o persone con handicap gravi. I soggetti che usufruiscono della suddetta esenzione sono tenuti a presentare la dichiarazione ICI nei termini previsti dall apposito regolamento comunale dell ICI. Nei casi in cui è previsto l obbligo della dichiarazione, questa deve essere presentata utilizzando i sistemi on line messi a disposizione da Roma Capitale all indirizzo o i CAF convenzionati QUANDO E COME SI PAGA L ICI è versata di regola in due soluzioni e nel rispetto delle seguenti scadenze: entro il 16 giugno, per il pagamento dell acconto; entro il 16 dicembre, per il pagamento del saldo. Se tali scadenze ricorrono di sabato domenica o in un giorno festivo sono prorogate al primo giorno non festivo successivo, anche provvedendo all adempimento in forma telematica. L importo da versare in acconto deve essere pari al 50% dell imposta dovuta e calcolata sulla base dell'aliquota e delle detrazioni applicabili per l'anno precedente (spesso ciò equivale a versare il 50 % dell ICI già pagata per l anno d imposta precedente). Il versamento può essere effettuato anche in unica soluzione entro il termine previsto per l acconto; in questo caso, per calcolare l imposta dovuta per l intero anno occorre applicare l aliquota stabilita dal Comune per l anno in corso. Si ricorda che per un importo annuale fino a euro 10,00 non si deve effettuare alcun pagamento. Se il possesso dell immobile non riguarda l intero anno l imposta va comunque rapportata ai dodici mesi dell anno di riferimento. L eventuale conguaglio va effettuato in occasione del versamento a saldo. Anche le detrazioni vanno divise tra prima e seconda rata. In caso di possesso per l intero anno il contribuente pagherà entro il 16 giugno la metà di quanto versato nell anno precedente e a dicembre, una volta accertato che non sono intervenute modifiche delle aliquote dovrà semplicemente pagare il restante 50%. In caso contrario, cioè se le aliquote sono cambiate rispetto all anno precedente, a dicembre il contribuente effettuerà il calcolo dell imposta dovuta per l intero anno e pagherà la differenza rispetto all acconto pagato a giugno. I soggetti non residenti nel territorio dello Stato possono effettuare il versamento dell imposta dovuta per l intero anno, in unica soluzione, entro il 16 dicembre, con applicazione degli interessi del 3% sull importo il cui pagamento è stato differito. Questi contribuenti possono versare l imposta direttamente dall estero tramite bonifico bancario oppure vaglia internazionale ordinario o vaglia internazionale di versamento in conto corrente. Per il pagamento è possibile utilizzare il modello di pagamento unificato F24 o il bollettino di conto corrente postale presso le banche, gli uffici postali, gli agenti della riscossione. In base a quanto disposto da Roma Capitale l ICI può essere pagata: 9

10 - compilando il bollettino di conto corrente postale n , intestato a Roma Capitale - Servizio ICI - Dipartimento Risorse Economiche, presso qualsiasi ufficio postale; - dal portale di Roma Capitale (www.comune.roma.it - Servizi on line) utilizzando: l'addebito in conto corrente bancario (Rid on-line) senza commissioni; la carta di credito. In questo caso si utilizzano i servizi del Monte dei Paschi di Siena (commissione pari all'1,5%) fino ad un importo massimo di 516,00 euro. - presso gli sportelli bancomat del Monte del Paschi di Siena utilizzando il numero di 16 cifre riportato sul bollettino precompilato ed allegato alla Guida all ICI con la modalità che, comunque, può essere utilizzata solo da coloro che non hanno effettuato variazioni rispetto all anno precedente. L utilizzo del modello F24 consente al contribuente di compensare l imposta da versare con eventuali crediti maturati per altri tributi erariali (Irpef, ires, irap, Iva fino a euro e contributi previdenziali). L'uso del modello F24 non consente invece la compensazione con l'utilizzo di eventuali crediti ICI per i quali va richiesto il rimborso a Roma Capitale. Con l F24 inoltre è possibile effettuare il pagamento a Comuni diversi con un unico modello cosa che non sarebbe possibile con il bollettino di conto corrente postale. I codici da utilizzare per la compilazione del modello F24, nella sezione ICI ed altri tributi locali, sono i seguenti: 3901 per l abitazione principale (per gli immobili per cui l imposta è ancora dovuta) 3902 per i terreni agricoli 3903 per le aree fabbricabili 3904 per gli altri fabbricati. Il modello F24, le relative istruzioni per la compilazione e ulteriori informazioni utili per il versamento dell imposta sono reperibili sul sito 1.6 COME SI PRESENTANO LA DICHIARAZIONE ICI ED I VARI MODELLI A partire dal 1 gennaio 2011 la dichiarazione ICI e le comunicazioni per l'applicazione delle esenzioni e delle aliquote ridotte devono essere presentate esclusivamente per via telematica direttamente tramite il portale di Roma Capitale (Servizi on-line) o attraverso l utilizzo gratuito degli intermediari abilitati convenzionati con Roma Capitale L obbligo di presentare la dichiarazione ICI nei casi di compravendita di immobili effettuata con atto notarile è stato abolito. Tuttavia l adempimento permane per determinate situazioni quando gli elementi da considerare ai fini della determinazione del tributo dipendono da atti (relativi a diritti sugli immobili, alla trascrizione, all iscrizione e all annotazione nei registri immobiliari, alla voltura catastale) per i quali non sono applicabili le procedure telematiche di cui al modello unico informatico. Le variazioni da comunicare sono tutte quelle che non avvengono tramite atto notarile, ad esempio: 1. variazione di valore dell'immobile dovuta a modifiche strutturali (non si deve presentare alcuna comunicazione quando viene attribuita la rendita catastale definitiva); 2. immobile ceduto o acquisito in leasing, oppure in caso di concessione di aree demaniali; 3. variazioni che riguardano le aree fabbricabili; 4. l'immobile ha perso o acquisito il diritto all'esenzione, oppure ha perso o acquisito il requisito di ruralità; 10

11 5. perdita o acquisizione del requisito di abitazione principale; 6. immobili posseduti a titolo di proprietà o di altro diritto reale di godimento da persone giuridiche interessate da fusione, scissione, incorporazione; 7. immobili interessati da altri atti quali ad esempio permute o riunione di usufrutto, per i quali non ci si deve recare dal notaio. Rimangono obbligatorie le comunicazioni per l'applicazione delle esenzioni e delle aliquote ridotte (modelli giallo, rosa, celeste, verde e dal 2011 anche il modello grigio). I moduli per l'applicazione dell'esenzione o dell'aliquota ridotta devono essere presentati una sola volta e valgono fino al permanere delle condizioni. Quando le condizioni vengono meno si deve semplicemente adeguare il pagamento. Novità: a partire dal 1 gennaio 2011 la dichiarazione ICI e le comunicazioni per l'applicazione delle esenzioni e delle aliquote ridotte devono essere presentate esclusivamente per via telematica direttamente tramite il portale di Roma Capitale (Servizi on-line) o attraverso l utilizzo gratuito degli intermediari abilitati convenzionati con Roma Capitale (l elenco dei CAF convenzionati è pubblicato sul sito di Roma Capitale) 11

12 2. LA TARIFFA RIFIUTI La Tariffa Rifiuti è un tributo che viene corrisposto a copertura del servizio di smaltimento rifiuti e di pulizia della città ed è dovuto da chi occupa o conduce locali nel territorio comunale CHI PAGA LA TARIFFA Con effetto dal 1 gennaio 2003 il Comune di Roma (oggi Roma Capitale) ha introdotto la Tariffa Rifiuti (Ta.Ri.) in sostituzione della Tassa sui Rifiuti Solidi Urbani (Tarsu). La Tariffa Rifiuti è disciplinata dall apposito Regolamento comunale per l applicazione della Tariffa Rifiuti modificabile con una deliberazione dell Assemblea Capitolina. La Tariffa Rifiuti è dovuta da chi occupa o conduce locali, a qualunque uso adibiti nel territorio comunale. Si considerano idonei a produrre rifiuti tutti i locali o aree allacciati alla rete di erogazione dell energia elettrica. Sono escluse dalla tariffa, tra l altro, le aree scoperte pertinenziali o accessorie di civile abitazione come ad esempio i giardini. Le utenze commerciali su cui va calcolata la tariffa sono i locali e le aree ad uso diverso da quello abitativo e destinati ad attività commerciali, di impresa o all esercizio del lavoro autonomo e professionale. In caso di immobili in multiproprietà e per i centri commerciali integrati, la tariffa è assolta dal soggetto che gestisce i servizi comuni. Per i locali ammobiliati concessi in locazione, in uso o in comodato a soggetti non residenti per periodi inferiori all anno, la tariffa è dovuta dal proprietario dei locali per l intero anno. Per i locali destinati ad attività ricettive alberghiere quali residence, affittacamere e simili, la tariffa è dovuta da chi gestisce l attività. Per i locali di proprietà di enti pubblici adibiti ad alloggi di servizio, la tariffa è dovuta dagli occupanti per il periodo di assegnazione e dagli enti per i rimanenti periodi in cui l immobile è a disposizione 2.2. COME VIENE DETERMINATA LA TARIFFA RIFIUTI Ogni anno una deliberazione dell Assemblea Capitolina, determina la misura della tariffa in base ai costi del servizio di smaltimento rifiuti e la ripartizione sulle utenze, in applicazione di quanto stabilito dalla legge il D.P.R. 158 del con il cosiddetto metodo normalizzato. La tariffa è articolata in due fasce di utenza: - Utenze Abitative, per le quali il calcolo della tariffa tiene conto dei metri quadri dell abitazione e del numero dei componenti del nucleo familiare. - Utenze non domestiche (Uffici e Società) per le quali il calcolo della tariffa tiene conto dei metri quadri dell immobile e della quantità dei rifiuti prodotta dalle singole categorie che sono individuate sulla base dei codici attività ai fini IVA. La superficie dei locali è determinata sulla base dei metri quadrati indicati nel certificato catastale o, in assenza di tale dato, calcolando sulla piantina del locale la superficie che si sviluppa in relazione ai muri perimetrali senza considerare i muri interni; proprio per non considerare i muri interni la superficie che deve essere accertata non può essere superiore all 80% della superficie catastale. La superficie che deve essere dichiarata deve essere almeno pari all 80% della superficie catastale. 12

Per un importo annuale fino a 10,00 non si deve effettuare il pagamento. I pagamenti si eseguono:» entro il 16 giugno (acconto): l importo

Per un importo annuale fino a 10,00 non si deve effettuare il pagamento. I pagamenti si eseguono:» entro il 16 giugno (acconto): l importo Tutte le informazioni sull ICI a Roma possono essere richieste per telefono al numero 060606. Informazioni generali si trovano anche su Televideo Rai3 alla pag. 623 e su Internet www.comune.roma.it, alle

Dettagli

Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016

Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016 COMUNE DI SONDALO PROVINCIA DI SONDRIO Servizio Finanziario Tributi Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016 Informativa 10 maggio 2016 Con i commi dal 639 al 705 dell articolo 1 della Legge n. 147 del 27.12.2013

Dettagli

INFORMATIVA IUC 2014

INFORMATIVA IUC 2014 INFORMATIVA IUC 2014 Dal 1 gennaio 2014, secondo quanto previsto dall art. 1, commi 639 e seguenti, della Legge 27/12/2013, n. 147 è entrata in vigore la IUC, Imposta Unica Comunale. La IUC si suddivide

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014 IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014 pagina 1 TASI (TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI) ALIQUOTE ANNO 2014 (Approvate con delibera di Consiglio

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DEL SALDO DELL

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DEL SALDO DELL OPUSCOLO II RATA per la stampa 23-11-2012 8:19 Pagina 1 IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DEL SALDO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA OPUSCOLO II RATA per la stampa 23-11-2012 8:19 Pagina 2 Imposta municipale

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELLÕACCONTO DELLÕIMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELLÕACCONTO DELLÕIMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELLÕACCONTO DELLÕIMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme potrebbero modificare le informazioni contenute Dal 1 gennaio 2012 è in vigore l Imposta Municipale Propria

Dettagli

LE NOVITA' DELL'ICI 2009

LE NOVITA' DELL'ICI 2009 Tutte le informazioni sull'ici a Roma possono essere richieste anche per telefono al numero 060606 oppure al numero 06571100, servizio interattivo con possibilità di risposta dell'operatore (lunedì - giovedì

Dettagli

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 L articolo 1 comma 640 e seguenti della legge n. 147/2013 - e successive modificazioni e integrazioni - ha istituito,

Dettagli

HELP ICI. 1. Servizi di visualizzazione. 2. Dichiarazione di variazione ICI

HELP ICI. 1. Servizi di visualizzazione. 2. Dichiarazione di variazione ICI 1. Servizi di visualizzazione HELP ICI Lo stato di aggiornamento della Banca Dati comunale relativamente alle varie tipologie di dati è la seguente: Dichiarazioni Presentate fino all'anno: 2007 (*) Comunicazioni

Dettagli

Informazioni e Calcolo ICI 2007

Informazioni e Calcolo ICI 2007 COMUNE DI CHIOGGIA Settore Finanze e Contabilità Ufficio Tributi I.C.I. www.chioggia.org Tributi@chioggia.org Informazioni e Calcolo ICI 2007 NOVITA DAL 1 GENNAIO 2007 L ACCONTO ICI DEVE ESSERE VERSATO

Dettagli

L ICI. Sono quindi tenuti al pagamento dell imposta, i contribuenti che possiedono:

L ICI. Sono quindi tenuti al pagamento dell imposta, i contribuenti che possiedono: L ICI 1. Cos è L'ICI è l'imposta comunale sugli immobili. Ogni singolo comune delibera un aliquota, di norma compresa tra il 4 ed il 7 per mille, da applicare al valore catastale di fabbricati, aree fabbricabili

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA LE PRINCIPALI NOVITÀ 2013 DELL IMU

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA LE PRINCIPALI NOVITÀ 2013 DELL IMU IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Dal 1 gennaio 2012 è in vigore l Imposta Municipale Propria (IMU), la cui istituzione è stata anticipata in via sperimentale dal decreto legge n. 201/2011 Salva Italia, convertito

Dettagli

La tassa sui rifiuti (TARI)

La tassa sui rifiuti (TARI) COMUNE DI COMO La tassa sui rifiuti (TARI) Anno 2014 DISCIPLINA L articolo 1, comma 639, della legge n. 147/2013, ha istituito l imposta unica comunale (IUC) che, per la sua componente riferita ai servizi,

Dettagli

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5 TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI GUIDA AL CALCOLO TARES (AGGIORNATO ALL'11/01/2014) La componente Rifiuti della TARES è composta da: UNA QUOTA FISSA: determinata in relazione alle componenti

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008)

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Risposta a quesito 2 SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI COMUNE di: LAURIA Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Indirizzo Via Roma,104 C.A.P. / Provincia 85044 - PZ Tel: 0973 627111 Fax: 0973 823793 E

Dettagli

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012 mod-tribici-015-06.doc5 rev. 6 del 31/05/12 CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it Mini-guida IMU 2012 NOVITA RILEVANTI:

Dettagli

IMU (Imposta Municipale Propria) 2012

IMU (Imposta Municipale Propria) 2012 Comune di Cisliano IMU (Imposta Municipale Propria) 2012 Dal 1 gennaio 2012 è in vigore l Imposta Municipale Propria (IMU), la cui istituzione è stata anticipata in via sperimentale dal decreto legge n.

Dettagli

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2014

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2014 TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2014 ALIQUOTE IMU: 1,02% Aliquota base 0,52% abitazioni principali e relativa/e pertinenza/e del soggetto passivo d imposta così come definito

Dettagli

COMUNE DI LORIA. Provincia di Treviso. ACCONTO I.M.U. 2013 Informazioni per i cittadini aggiornate al 22 maggio 2013

COMUNE DI LORIA. Provincia di Treviso. ACCONTO I.M.U. 2013 Informazioni per i cittadini aggiornate al 22 maggio 2013 COMUNE DI LORIA Provincia di Treviso ACCONTO I.M.U. 2013 Informazioni per i cittadini aggiornate al 22 maggio 2013 Si forniscono di seguito le istruzioni pratiche sulla determinazione dell acconto I.M.U.

Dettagli

AREE FABBRICABILI TERRENI

AREE FABBRICABILI TERRENI l IMU L imposta municipale IMU è il nuovo tributo che, dal 1 gennaio 2012, in sostituzione dell ICI, va pagata al Comune e allo Stato sulla base del patrimonio immobiliare del contribuente. Per patrimonio

Dettagli

Comune di Castel Sant Angelo

Comune di Castel Sant Angelo Comune di Castel Sant Angelo Istruzioni per il pagamento dell IMU Il decreto legge n. 201/2011 Salva Italia, convertito con modificazioni dalla legge n. 214/2011 e s.m. ha anticipato al 1 gennaio 2012

Dettagli

IMU INSERTO STACCABILE

IMU INSERTO STACCABILE IMU SCHEDE INFORMATIVE PER LA GUIDA AL CALCOLO DELL ACCONTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU ANNO 2012 valevole per il contribuente residente e dimorante nel Comune di Piazzola sul Brenta per il solo

Dettagli

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014. Nota informativa aggiornata alla data del 5/08/2014

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014. Nota informativa aggiornata alla data del 5/08/2014 COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014 Prot. n. 24405/2014 1 Nota informativa aggiornata alla data del 5/08/2014 E istituita con decorrenza dal 1 gennaio

Dettagli

COMUNE DI ROSETO DEGLI ABRUZZI

COMUNE DI ROSETO DEGLI ABRUZZI IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) linee guida PREMESSA L'art. 13 del D.L. 6.12.2011, n. 201, convertito, nella Legge 22.12.2011, n. 214 (Cd. Decreto salva Italia), così come, da ultimo, modificato dal

Dettagli

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014 COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014 Prot. n. 24405 1 E istituita con decorrenza dal 1 gennaio 2014 l imposta comunale (IUC), con la Legge 27/12/2013,

Dettagli

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2015

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2015 TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2015 ALIQUOTE IMU: 0,60% Abitazioni principali e relativa/e pertinenza/e del soggetto passivo d imposta così come definito dall art. 13 comma

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO DELL I.M.U. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO DELL I.M.U. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI SAN CANZIAN D ISONZO AREA ECONOMICO FINANZIARIA UFFICIO TRIBUTI Pieris Largo Garibaldi, 37 34075 SAN CANZIAN D ISONZO (GO) Tel: 0481/472350-369-354 Fax: 0481/472334 e-mail: tributi@comune.sancanziandisonzo.go.it

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO SALDO IMU E TASI

COMUNE DI SENIGALLIA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO SALDO IMU E TASI COMUNE DI SENIGALLIA Ufficio Tributi e Canoni IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO SALDO IMU E TASI ANNO 2015 L art. 1, comma 639, della Legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA CITTA di UGENTO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme potrebbero modificare le informazioni contenute Dal 1 gennaio 2012 è in vigore

Dettagli

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 1) IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) La Legge di Stabilità 2014 n. 147 del 27 dicembre 2013 (articolo 1 commi da 639 a 731) ha istituito, a partire dal 1/01/2014, l Imposta

Dettagli

VADEMECUM ICI 2011. Sono anche esenti le pertinenze e un solo garage, box o posto auto (categoria catastale C/6).

VADEMECUM ICI 2011. Sono anche esenti le pertinenze e un solo garage, box o posto auto (categoria catastale C/6). VADEMECUM ICI 2011 Chi deve pagare l'ici L'Imposta Comunale sugli Immobili deve essere pagata: dai proprietari di fabbricati come case, negozi, capannoni industriali, aree edificabili e terreni agricoli

Dettagli

Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi ANNO 2013

Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi ANNO 2013 Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi Art.14 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (convertito con Legge 22 dicembre 2011, n. 214) ANNO 2013 1 PREMESSA Dal 1 gennaio 2013 la normativa statale

Dettagli

ALIQUOTE I.M.U. ANNO 2015

ALIQUOTE I.M.U. ANNO 2015 I.U.C.- IMPOSTA UNICA COMUNALE L imposta Unica Comunale, di seguito denominata IUC, istituita con legge n. 147 del 27.12.2013, si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili

Dettagli

PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE)

PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) TARI COMUNE DI BUTTRIO Tassa sui Rifiuti Urbani componente tributaria IUC 2014 GUIDA INFORMATIVA PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) Con i commi dal 639 al 705 dell articolo 1 della

Dettagli

INFORMATIVA IMU 2013 Imposta municipale propria Modalità per il calcolo del SALDO

INFORMATIVA IMU 2013 Imposta municipale propria Modalità per il calcolo del SALDO CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO PROVINCIA DI PADOVA INFORMATIVA IMU 2013 Imposta municipale propria Modalità per il calcolo del SALDO NOVITÀ rispetto all acconto 2013 Il decreto legge n. 133 del 30/11/2013 ha stabilito

Dettagli

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute.

IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute. COMUNE DI BOMARZO Provincia di Viterbo IMU 2012 GUIDA AL PAGAMENTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Eventuali nuove norme e circolari potrebbero modificare le informazioni contenute.. Dal 1 gennaio 2012

Dettagli

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Proposta di Deliberazione N : 231 del 14/05/2015 AREA II - SERVIZI ECONOMICO FINANZIARI E TRIBUTARI Unità TRIBUTI OGGETTO:

Dettagli

Si fa presente che i casi elencati sono indicativi di situazioni per le quali permane l obbligo dichiarativo.

Si fa presente che i casi elencati sono indicativi di situazioni per le quali permane l obbligo dichiarativo. DICHIARAZIONE ICI A partire dal 1 gennaio 2008 è soppresso l obbligo della presentazione della dichiarazione ICI per coloro che acquistano o vendono immobili. Coloro che nell anno 2007 hanno acquistato

Dettagli

COMUNE DI TURATE (Provincia di Como) Indirizzo: Via V. Emanuele, 2-22078 Turate e-mail : tributi@comune.turate.co.it http://www.comune.turate.co.

COMUNE DI TURATE (Provincia di Como) Indirizzo: Via V. Emanuele, 2-22078 Turate e-mail : tributi@comune.turate.co.it http://www.comune.turate.co. COMUNE DI TURATE (Provincia di Como) Indirizzo: Via V. Emanuele, 2-22078 Turate e-mail : tributi@comune.turate.co.it http://www.comune.turate.co.it INFORMATIVA ICI ANNO 2011 Nell intento di facilitare

Dettagli

CHI DEVE PAGARE L'IMU:

CHI DEVE PAGARE L'IMU: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Il Decreto Legislativo 14 marzo 2011, n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale, ha istituito con gli articoli 8 e 9 la nuova Imposta municipale

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - INFORMATIVA ANNO 2014 - Scopo della presente guida è fornire istruzioni pratiche sull'applicazione dell'imu, quale componente patrimoniale della IUC, la cui disciplina

Dettagli

V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ

V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @@ cüéä Çv t w w ctwéät @@ I.M.U. Imposta municipale propria anno 2013 NOVITA 2013 Con il Decreto legge 30 novembre 2013, n. 133, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 281

Dettagli

COMUNE DI CICCIANO. Provincia di Napoli

COMUNE DI CICCIANO. Provincia di Napoli COMUNE DI CICCIANO Provincia di Napoli Con la Legge 27/12/2013 n 147 è stata istituita l Imposta Unica Comunale (IUC), nelle sue componenti Tari (Tassa rifiuti ex Tares/Tarsu), Tasi (nuovo tributo sui

Dettagli

Come contattare l Ufficio Tributi. Che cosa è l IMU. Chi la paga. Su quali immobili si paga. Vuoi porre quesiti specifici?

Come contattare l Ufficio Tributi. Che cosa è l IMU. Chi la paga. Su quali immobili si paga. Vuoi porre quesiti specifici? Che cosa è l IMU Come contattare l Ufficio Tributi É la nuova imposta, istituita in via sperimentale dall anno 2012, che sostituisce l imposta comunale sugli immobili (ICI). Chi la paga I cittadini che

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER I CITTADINI

INFORMAZIONI GENERALI PER I CITTADINI IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) (IMU-TARI-TASI) La IUC si basa su due presupposti impositivi: uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore (IMU: Imposta Municipale Propria),

Dettagli

COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA Via Verdi, 16-25030 Erbusco C.F.:00759960172 P.IVA 00577180987 Tel. 030 7767332 Fax 0307760141 E-mail: tributi@comune.erbusco.bs.it PEC comune.erbusco@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

L'Imu è l'imposta municipale propria che, dall'1 gennaio 2012, ha sostituito, per la componente immobiliare l'ici - Imposta comunale sugli immobili;

L'Imu è l'imposta municipale propria che, dall'1 gennaio 2012, ha sostituito, per la componente immobiliare l'ici - Imposta comunale sugli immobili; COMUNE DI STRA UFFICIO TRIBUTI Cos'è l'imu L'Imu è l'imposta municipale propria che, dall'1 gennaio 2012, ha sostituito, per la componente immobiliare l'ici - Imposta comunale sugli immobili; Chi paga

Dettagli

COMUNE DI VASTOGIRARDI Provincia Isernia

COMUNE DI VASTOGIRARDI Provincia Isernia COMUNE DI VASTOGIRARDI Provincia Isernia Sistema Gestione Ambientale Certificato a fronte della norma ISO14001:2004 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA SPERIMENTALE (I.M.U.) INFORMATIVA IMU 2012: IMPOSTA MUNICIPALE

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA Settore Finanze Servizio Tributi www.chioggia.org - Tributi@chioggia.org. Telefono: 041/5534841-5534840 Fax 041/5534947

COMUNE DI CHIOGGIA Settore Finanze Servizio Tributi www.chioggia.org - Tributi@chioggia.org. Telefono: 041/5534841-5534840 Fax 041/5534947 COMUNE DI CHIOGGIA Settore Finanze Servizio Tributi www.chioggia.org - Tributi@chioggia.org INFORMAZIONI IMU - TASI Comune di Chioggia - Ufficio Tributi Corso del Popolo 1193-30015 Chioggia (Ve) Telefono:

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Con la legge di Stabilità 2014 Legge 27.12.2013 n.147 è stata istituita dal 1 gennaio 2014 l imposta unica comunale (IUC) basata su due presupposti impositivi: il primo costituito

Dettagli

IUC Imposta unica comunale. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU per l anno 2016

IUC Imposta unica comunale. IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU per l anno 2016 Città di Tarcento IUC Imposta unica comunale La legge 147 del 27 dicembre 2013 (legge di stabilità 2014) ha istituito la nuova imposta unica comunale (IUC) che si basa su due presupposti impositivi: uno

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Allegato A RILEVAZIONE SULLO STATO DELL ARTE STATO DELL ARTE La base di partenza dell elaborazione necessaria all analisi per il passaggio

Dettagli

COMUNE DI MERATE IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) 2015

COMUNE DI MERATE IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) 2015 COMUNE DI MERATE IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) 2015 Dal 1 gennaio 2014 la Legge n. 147 del 27.12.2013 (Legge di Stabilità 2014) ha istituito l Imposta Unica Comunale, di seguito denominata IUC, basata

Dettagli

PRIMA NOTA INFORMATIVA per il calcolo dell acconto dell Imposta Municipale Propria IMU Anno 2012

PRIMA NOTA INFORMATIVA per il calcolo dell acconto dell Imposta Municipale Propria IMU Anno 2012 PRIMA NOTA INFORMATIVA per il calcolo dell acconto dell Imposta Municipale Propria IMU Anno 2012 L art. 13 del Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito con modificazioni in Legge n. 214 del 22.12.2011,

Dettagli

LO SPORTELLO D INFORMAZIONE AL CITTADINO DELLA SERIT SICILIA

LO SPORTELLO D INFORMAZIONE AL CITTADINO DELLA SERIT SICILIA COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa Assessorato Bilancio - Finanze - Tributi AGENTE DELLA RISCOSSIONE Provincia di Siracusa LO SPORTELLO D INFORMAZIONE AL CITTADINO DELLA SERIT SICILIA >> >>

Dettagli

V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ

V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @@ cüéä Çv t w w ctwéät @@ I.M.U. Imposta municipale propria anno 2015 COS E L I.M.U. L I.M.U. è l Imposta municipale propria che ha sostituito l I.C.I., Imposta Comunale sugli

Dettagli

Guida IMU ATTENZIONE. Conseguentemente per determinare il versamento dell'imposta dovuta i contribuenti possono:

Guida IMU ATTENZIONE. Conseguentemente per determinare il versamento dell'imposta dovuta i contribuenti possono: Guida IMU L'IMU è l'imposta municipale propria, la cui istituzione è anticipata in via sperimentale a decorrere dall'anno 2012 e sostituisce l imposta comunale sugli immobili (ICI), l'imposta sul reddito

Dettagli

Come contattare l Ufficio Tributi. Che cosa è l IMU. Chi la paga. Su quali immobili si paga. Vuoi porre quesiti specifici?

Come contattare l Ufficio Tributi. Che cosa è l IMU. Chi la paga. Su quali immobili si paga. Vuoi porre quesiti specifici? Che cosa è l IMU Come contattare l Ufficio Tributi É la nuova imposta, istituita in via sperimentale dall anno 2012, che sostituisce l imposta comunale sugli immobili (ICI). Chi la paga I cittadini che

Dettagli

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO COMUNE DI BAREGGIO Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO Con la legge di Stabilità 2014 (L. 147 del 27/12/2013) è stata istituita, con decorrenza 1 gennaio 2014, la I.U.C. (Imposta

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE

COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE Provincia di Venezia VIA ROMA 68 30010 CAMPOLONGO MAGGIORE COD. FISC. 00661260273 TEL. 049 5849111 FAX 049 5849151 IMPOSTA UNICA COMUNALE - IUC IMU - IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

Dettagli

SOGGETTI PASSIVI DELL IMU. I soggetti tenuti al pagamento dell imposta sono:

SOGGETTI PASSIVI DELL IMU. I soggetti tenuti al pagamento dell imposta sono: SOGGETTI PASSIVI DELL IMU I soggetti tenuti al pagamento dell imposta sono: il proprietario d immobili ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi;

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Attenzione: L'art. 1 del Decreto legge 27 maggio 2008, n 93 ha disposto l'esenzione Ici prima casa.

Attenzione: L'art. 1 del Decreto legge 27 maggio 2008, n 93 ha disposto l'esenzione Ici prima casa. Chi deve pagare Deve pagare l Ici, Imposta Comunale sugli Immobili, chi è : proprietario di fabbricati, aree edificabili e terreni agricoli situati nel territorio dello Stato; titolare di diritti reali

Dettagli

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto:

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: DELIBERA C.C. N.93 DEL 29.10.1999, AD OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E LA RISCOSSIONE DELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA

Dettagli

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA IMU SINTESI DI COME SI APPLICA Riferimenti legislativi Art. 13, DL n. 201/2011 Artt. 8 e 9, D.Lgs. n. 23/2011 D.Lgs. n. 504/92 Art. 4, DL n. 16/2012 Circolare MEF 18.5.2012, n. 3/DF PRESUPPOSTO IMPOSITIVO

Dettagli

I.M.U. VERSAMENTO RATA SALDO ENTRO il 17/12/2012

I.M.U. VERSAMENTO RATA SALDO ENTRO il 17/12/2012 COMUNE DI TRIUGGIO Provincia di Monza e Brianza I.M.U. VERSAMENTO RATA SALDO ENTRO il 17/12/2012 Gentile Contribuente, le aliquote per il calcolo del saldo IMU sono cambiate rispetto alle aliquote che

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE UNICA 2015

IMPOSTA MUNICIPALE UNICA 2015 IMPOSTA MUNICIPALE UNICA 2015 L'Imposta Municipale Propria (IMU) è stata istituita dall art. 13 del Decreto Legge 6/12/2011, n. 201, e ripresa dall art. 1, commi 707-729, della Legge 27/12/2013, n. 147

Dettagli

GUIDA PRATICA ALL IMU (IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA)

GUIDA PRATICA ALL IMU (IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA) GUIDA PRATICA ALL IMU (IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA) IMU - Imposta Municipale Propria Con il D.L. n.201/2011, convertito nella legge n.214/2011, è stata introdotta l imposta municipale propria (IMU) in via

Dettagli

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 DATI DI BASE abitanti al 31/12/2013 n. 25.859 COSTI PREVISTI PER L ESERCIZIO

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - INFORMATIVA ANNO 2015 - Scopo della presente guida è fornire istruzioni pratiche sull'applicazione dell'imu, quale componente patrimoniale della IUC, la cui disciplina

Dettagli

ICI IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

ICI IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI GUIDA ALL APPLICAZIONE PER L ANNO 2011 (A cura del Servizio ICI del Comune di Valmontone ) CHI DEVE PAGARE? Deve pagare chi è proprietario di immobili ( fabbricati ed

Dettagli

IMU 2012 : ULTIME NOVITA' ED APPROFONDIMENTI PER IL PAGAMENTO DELL'IMPOSTA MUNICIPALE

IMU 2012 : ULTIME NOVITA' ED APPROFONDIMENTI PER IL PAGAMENTO DELL'IMPOSTA MUNICIPALE IMU 2012 : ULTIME NOVITA' ED APPROFONDIMENTI PER IL PAGAMENTO DELL'IMPOSTA MUNICIPALE Lo scopo di questo lavoro è quello di riepilogare la normativa IMU 2012 tenendo in considerazione il Decreto 201-2011,

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2012

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2012 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2012 Il Decreto Legislativo 14 marzo 2011, n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale, ha istituito con gli articoli 8 e 9 la nuova Imposta

Dettagli

TARIFFE DOMESTICHE. ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua

TARIFFE DOMESTICHE. ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua TARIFFE DOMESTICHE ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua PER TUTTE LE UTENZE comp Quota Fissa 2013 Quota allaccio Quota Organico (*) CONTENIT.

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO ACCONTO IMU E TASI E DICHIARAZIONE IMU 2014

COMUNE DI SENIGALLIA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO ACCONTO IMU E TASI E DICHIARAZIONE IMU 2014 COMUNE DI SENIGALLIA Ufficio Tributi e Canoni IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO ACCONTO IMU E TASI E DICHIARAZIONE IMU 2014 L art. 1, comma 639, della Legge 27 dicembre 2013,

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

IMU Guida esplicativa

IMU Guida esplicativa Città di Trecate Settore ragioneria economato tributi Ufficio tributi IMU Guida esplicativa Aggiornato al 27 novembre 2012 1. Che cos è, dove e da quando si applica? L IMU è un imposta che sostituisce:

Dettagli

TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI

TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI COMUNE DI ANCONA TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER L ANNO 2014 1 - Cos è la TASI pag. 2 2 - Presupposto d imposta e soggetti passivi pag. 2 3 - Definizione di

Dettagli

INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 ACCONTO IMU 2015

INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 ACCONTO IMU 2015 INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 SOGGETTI IMU L imposta è dovuta dai PROPRIETARI e dai TITOLARI DI DIRITTI REALI (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie) per

Dettagli

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la D.C.C. n. 43 in data 06/10/1995 avente per oggetto:

Dettagli

IMU GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER L ANNO 2012

IMU GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER L ANNO 2012 COMUNE DI RIVERGARO Provincia di Piacenza IMU GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER L ANNO 2012 N.B.: IL CONSIGLIO COMUNALE DI RIVERGARO AD OGGI NON HA ADOTTATO ALCUN REGOLAMENTO SULLA

Dettagli

IMP (Imposta Municipale Propria)

IMP (Imposta Municipale Propria) IMP (Imposta Municipale Propria) Cosa si paga Chi deve pagare L abitazione principale e le relative pertinenze. I fabbricati iscritti in Catasto. Le aree fabbricabili. I terreni agricoli. Tutti gli immobili

Dettagli

LE NOVITA DELL I.C.I. PER IL 2008

LE NOVITA DELL I.C.I. PER IL 2008 COMUNE DI VIGONOVO 30030 PROVINCIA DI VENEZIA Area Economico-Finanziaria Ufficio Tributi ----------------------------------------- IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) ANNO 2008 LE NOVITA DELL I.C.I.

Dettagli

Comune di Refrontolo Provincia di Treviso

Comune di Refrontolo Provincia di Treviso ------ IMPOSTE COMUNALI AN 2015 COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO Aggiornato al 12 maggio 2015 Con Legge n. 147/2013 è stata istituita, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l'imposta Unica Comunale - IUC - che comprende

Dettagli

COMUNE DI F O R M I A. Provincia di Latina

COMUNE DI F O R M I A. Provincia di Latina COMUNE DI F O R M I A Provincia di Latina Piazza Municipio 0771/7781 - fax 0163/771680 2012 PREMESSA Il Comune di Formia, con la presente informativa, intende fornire al Cittadino/Contribuente uno strumento

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA Via Verdi, 16-25030 Erbusco C.F.:00759960172 P.IVA 00577180987 Tel. 030 7767332 Fax 0307760141 E-mail: tributi@comune.erbusco.bs.it PEC comune.erbusco@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

COMUNE DI SAN GIMIGNANO

COMUNE DI SAN GIMIGNANO COMUNE DI SAN GIMIGNANO SETTORE SERVIZI FINANZIARI Servizio Attività di Bilancio e Tributi IMU IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ACCONTO 2012 Le seguenti informazioni sull IMU si riferiscono a quelle attualmente

Dettagli

V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ

V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ V ààõ w w fxäätéétçé WxÇàÜÉ @@ cüéä Çv t w w ctwéät @@ I.M.U. Imposta municipale propria anno 2016 COS E L I.M.U. L I.M.U. è l Imposta municipale propria che ha sostituito l I.C.I., Imposta Comunale sugli

Dettagli

Circolare n. 9 del 23 giugno 2014

Circolare n. 9 del 23 giugno 2014 Circolare n. 9 del 23 giugno 2014 Versamento TASI Indice 1. Premessa 2 2. Presupposto impositivo 2 3. Soggetti passivi 3 4. Base imponibile 4 4.1 Fabbricati dotati di rendita catastale 4 4.2 Fabbricati

Dettagli

NOVITA IMU 2014 DISPOSIZIONI GENERALI

NOVITA IMU 2014 DISPOSIZIONI GENERALI NOVITA IMU 2014 DISPOSIZIONI GENERALI Con il comma n. 707 dell articolo n. 1 della Legge di stabilità anno 2014 n. 147 del 23.12.2013 sono state apportate delle modifiche all articolo n. 13 del D.L. n.

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) GUIDA PRATICA AL CALCOLO DELL IMPOSTA

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) GUIDA PRATICA AL CALCOLO DELL IMPOSTA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) GUIDA PRATICA AL CALCOLO DELL IMPOSTA IMU ON LINE (IL CONTRIBUENTE DEVE ESSERE IN POSSESSO DEI DATI CATASTALI) SI SEGNALA CHE SUL SITO DELL ENTE E POSSIBILE CALCOLARE L

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - INFORMATIVA ANNO 2013 - Scopo della presente guida è fornire istruzioni pratiche sull'applicazione dell'imu, la cui disciplina è contenuta in diverse disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU)

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU) COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano Per qualsiasi chiarimento, informazione e delucidazione in merito l Ufficio Tributi è a disposizione negli orari di apertura al pubblico tel 029010012 fax 0290296960

Dettagli

Come calcolare l Imposta Comunale sugli Immobili e compilare i bollettini per il versamento

Come calcolare l Imposta Comunale sugli Immobili e compilare i bollettini per il versamento 1 Come calcolare l Imposta Comunale sugli Immobili e compilare i bollettini per il versamento CHI DEVE PAGARE Deve pagare l imposta chi è proprietario di immobili (fabbricati, terreni agricoli ed aree

Dettagli

PRINCIPALI NORME PER l APPLICAZIONE DELL I.C.I.

PRINCIPALI NORME PER l APPLICAZIONE DELL I.C.I. COMUNE DI ACQUAPENDENTE Provincia di Viterbo Piazza G. Fabrizio 17 01021 Acquapendente (VT) C.F e P.IVA 00080450562 Tel. 0763/73091 Fax 0763/711215 www.comuneacquapendente.it IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

L ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE

L ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE COMUNE DI ALSERIO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO Ufficio Tributi VIA CARCANO, 9 22040 ALSERIO Tel. 031.630063 Fax 031.630917 e-mail: ufficiosegreteria@comune.alserio.co.it PARTITA IVA 00600170138

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) AREA RISORSE E SVILUPPO

(PROVINCIA DI ROMA) AREA RISORSE E SVILUPPO CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) AREA RISORSE E SVILUPPO Gentile Contribuente, con la legge di stabilità 2014 il legislatore è intervenuto nuovamente nella materia dei tributi comunali istituendo

Dettagli

COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino. Imposta Unica Comunale (IUC) Anno 2014 GUIDA PRATICA

COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino. Imposta Unica Comunale (IUC) Anno 2014 GUIDA PRATICA COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino Imposta Unica Comunale (IUC) Anno 2014 GUIDA PRATICA Con informazioni generali per il versamento ACCONTO 2014 IUC Imposta Unica Comunale in vigore dal

Dettagli

Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi 2013

Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi 2013 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi 2013 cosa c è da sapere come leggere l avviso di pagamento Via G. D Annunzio, 75 16121 Genova Via di Francia, 3 16149 Genova 2 tributo comunale sui rifiuti e

Dettagli