Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design"

Transcript

1 Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico Anno Accademico 2011 Autore: Dott. Carlo Carrabs Univervsità degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria

2 Indice 1.Obiettivo 2.Introduzione di ITIL V3 3.Descrizione del Service Design 4.Introduzione di COBIT Ipotesi di Implementazione del Service Design 2

3 Obiettivo La seguente tesina ha lo scopo didattico di presentare una descrizione di massima del framework ITIL V3, raccolta di best practices per l IT Service Management. In particolare, nella prima parte viene data una descrizione del framework con una presentazione delle sue componenti per la gestione del ciclo di vita del servizio ed una descrizione del framework COBIT 4.1. Nella seconda si focalizza l attenzione sulla descrizione del componente Service Design. Nell ultima parte invece si presenta una mia ipotesi di implementazione, ai soli fini didattici, del processo di Service Design, calato nel contesto dell Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture ed in particolare dell Osservatorio dei Servizi Informatici e delle Telecomunicazioni, rappresentando i ruoli e le responsabilità in una matrice RACI che correla i processi ITIL ed i controlli COBIT. 3

4 Con L ITIL è un framework che raccoglie le migliori prassi per l IT Service Management, ovvero per la definizione di processi, funzioni e ruoli nella pianificazione e gestione dei servizi IT a supporto del business. In particolare si focalizza sul ciclo di vita dei servizi e sul modo in cui i componenti della gestione del servizio sono collegati fra di loro, estraendo cinque componenti fondamentali per la gestione di tale ciclo: Introduzione di ITIL V3 Service Strategy Service Design Service Transition Service Operation Continual Service Improvement ITIL V3 Ciclo di vita del servizio (fonte [itsmf-ov3]) 4

5 ITIL V3: Processi Service Strategy: fornisce indicazioni sulla strategia IT dell organizzazione rispetto ai principi ed obiettivi del business Service Design: fornisce indicazioni su come progettare e sviluppare i servizi ed i processi di business Service Transition: fornisce indicazioni sulla definizione dei modelli per la transizione dei servizi realizzati nella fase precedente in ambiente di produzione ed erogazione dello stesso Service Operation: definizione delle attività necessarie a fornire e supportare i servizi IT con maggiore efficacia ed efficienza Continual Service Improvement: fornisce indicazioni per la definizione delle attività necessarie a fornire un continuo miglioramento dei servizi offerti in tutte le fasi del ciclo di vita 5

6 Il processo di Service Design Il Service Design si occupa di fornire delle linee guida per tradurre gli obiettivi di business e la strategia IT in un portafoglio dei servizi. In particolare è responsabile della progettazione di servizi IT adeguati ed innovativi, compresa l architettura, i processi, le strategie e la documentazione, per aderire ai requisiti di qualità, conformità e sicurezza, attuali e futuri concordati con il business. Quindi l obiettivo fondamentale di questa fase è di tradurre, tramite l applicazione di principi e metodi, gli obiettivi strategici in un portafoglio di servizi Funzioni e Processi del Service Design (fonte [itsmf-ov3]) 6

7 Funzioni e Processi del Service Design (1) Service Catalogue Management: il suo scopo è di fornire una sola, coerente fonte di informazioni su tutti i servizi concordati e di garantire che siano ampiamente disponibili a coloro che possono accedervi Service Level Management: il suo scopo è di garantire che tutti i servizi operativi e le loro performance siano misurati in maniera coerente e professionale attraverso l organizzazione IT, e che i servizi ed i report prodotti rispondano alle esigenze di business e del cliente Capacity Management: il suo scopo é di fornire un punto di attenzione e di gestione per tutte le capacità e relative performance prodotte, relative sia ai servizi che alle risorse, e di far rispondere l offerta di IT alla domanda di business Availability Management: il suo compito è di fornire un punto di riferimento e di gestione per tutto ciò che riguarda la disponibilità (availability), relativa ad un servizio, a componenti e risorse 7

8 Funzioni e Processi del Service Design (2) IT Service Continuity Management: supporta i processi di Business Continuity Management fondamentali per la sopravvivenza del business, garantendo che i componenti e i servizi IT possano essere ripristinati nei tempi concordati Information Security Management: il suo scopo consiste nell allineare la sicurezza IT con la sicurezza del business e di garantire che la sicurezza dell informazione sia effettivamente gestita in tutti i servizi e nelle attività di gestione del servizio Supplier Management: il suo scopo é di ottenere valore aggiunto dai fornitori e di garantire che i fornitori raggiungano gli obiettivi contenuti all interno del contratto e degli accordi, aderendo a tutti i termini e le condizioni. 8

9 Introduzione di Cobit 4.1 Il Control Objectives for Information and related Technology (COBIT) fornisce le cosiddette good practice in un quadro di riferimento fatto di domini e di processi e presenta le attività in una struttura gestibile e logica. Le good practice contenute in COBIT sono condivise dagli esperti e riguardano principalmente il controllo piuttosto che gli aspetti operativi. Tali prassi possono aiutare ad ottimizzare gli investimenti nell IT, ad assicurare l erogazione dei servizi ed a fornire un metro di valutazione per capire quando le cose non vanno per il verso giusto. Perché l IT sia in grado di erogare i propri servizi con successo rispetto ai requisiti aziendali, il management deve adottare un modello per il sistema di controllo interno. Il framework di controllo proposto in COBIT risponde a tali necessità attraverso: l individuazione di un collegamento con i requisiti aziendali; la strutturazione delle attività IT secondo un modello di processo generalmente accettato; l identificazione delle principali risorse IT su cui fare leva; l individuazione del livello di controllo atteso. 9

10 Ipotesi di implementazione del Service Design - Contesto All interno dell Autorità è presente l Osservatorio dei Servizi Informatici e delle Telecomunicazioni che ha il compito di definire tutte le attività volte a coprire i fabbisogni informativi dell Autorità, anche per la gestione delle informazioni previste dal Codice dei contratti pubblici e dalla BDNCP (Banca Dati Nazionale dei Contratti Pubblici). La Direzione a sua volta è articolata nei seguenti uffici: Ufficio Standard e linee guida ICT Ufficio Pianificazione Ufficio Progettazione e Sviluppo Sistemi Ufficio Esercizio Sistemi Ufficio Supporto Operativo 10

11 Ipotesi di implementazione del Service Design - Introduzione In questo caso di studio, realizzato con finalità didattiche, si vuole dare una ipotesi di implementazione del processo di Service Design all interno dell Osservatorio, con il focus principale sull Ufficio di Progettazione e Sviluppo di tale osservatorio. Partendo dai processi definiti nel framework ITIL V3,in particolare il Service Design, sono state svolte le seguenti attività: 1. Posizionamento del Service Design all interno dell Osservatorio con particolare interesse sull ufficio di Progettazione e Sviluppo 2. Utilizzo di una matrice RACI, definita in [ITILV3-COBIT4-Mapping] con i processi di ITIL V3 mappati sui controlli COBIT 4.1, calata nell organizzazione dell ufficio di Progettazione e Sviluppo 3. Assegnazione delle responsabilità dei controlli COBIT all ufficio di Progettazione e Sviluppo 4. Focalizzazione e descrizione dei controlli COBIT di maggiore interesse per l ufficio di Progettazione e Sviluppo. E stato introdotto l utilizzo di COBIT, in quanto la definizione delle attività da controllare per ogni processo ITIL V3, definita in [ITILV3-COBIT4-Mapping], è risultata essere in linea con la mia idea di attività da definire per ogni processo ITILV3. 11

12 Implementazione del Service Design Ruoli e responsabilità Per una possibile definizione dei ruoli e delle responsabilità all interno dell ufficio di Progettazione e Sviluppo e relativamente al processo di Service Design, di cui lo stesso è uno degli attori principali tramite il project manager (PM) ed il project management officer (PMO), è stato utilizzato il framework ITILV3 per la definizione dei processi e COBIT4.1 per gli obiettivi di controllo. Il risultato è stato il riutilizzo della matrice RACI di riferimento ma calata nell organizzazione dell ufficio di progettazione e sviluppo : Organizzazione matrice RACI - UPSS 12

13 Ipotesi di implementazione del Service Design Controlli COBIT per l Ufficio Progettazione e Sviluppo Estratto matrice RACI - UPSS 13

14 Service Catalogue Management: (DS1) Definire e gestire i livelli di servizio Controllo Descrizione Input Ruolo Attori Attività principali Output (DS1) Definire e gestire i livelli di servizio Definisce il processo per la comunicazione tra la Direzione IT ed i clienti per la fornitura dei servizi con specifici livelli di servizio con una loro definizione ben documentata Requisiti per la realizzazioni di nuovi servizi IT o di modifica a quelli esistenti Documento contenente gli SLR Service Design Manager Service Catalogue Manager Il PM del Progetto definire i servizi IT basandosi sulle caratteristiche e sui requisiti dei servizi AVCP ed assicurando che questi siano organizzati e mantenuti centralmente mediante la realizzazione di un catalogo del portfolio dei servizi creare un modello per definire i servizi IT Portafoglio dei servizi IT dell AVCP 14

15 Service Level Management: (DS1) Definire e gestire i livelli di servizio Controllo Descrizione Input Ruolo Attori Attività principali (DS1) Definire e gestire i livelli di servizio Definisce il processo per la comunicazione tra la Direzione IT ed i clienti per la fornitura dei servizi con specifici livelli di servizio con una loro definizione ben documentata esigenze di continuità, di durata e prestazionali dei servizi Service Level Manager Esperto di progettazione degli SLA/OLA la formalizzazione degli accordi interni ed esterni, in linea con i requisiti e la capacità di erogazione la produzione di relazioni sui livelli di servizio raggiunti (report e livelli conseguiti) l identificazione e la comunicazione alla pianificazione strategica dei nuovi requisiti dei servizi e degli aggiornamenti concorda con l ufficio UESS i corrispondenti livelli di esercizio OLA Output Definizione degli SLA Definizione degli OLA 15

16 Controllo Descrizione Capacity Management: (Al1) Identificare le soluzioni automatizzate (Al1) Identificare le soluzioni automatizzate L esigenza di disporre di una nuova applicazione o funzione richiede che, prima dell acquisizione o della realizzazione, venga effettuata un analisi, per garantire che i requisiti aziendali siano soddisfatti, adottando un approccio efficace ed efficiente. Questo processo comprende le seguenti fasi: definizione dei fabbisogni informativi, valutazione di soluzioni alternative, verifica della fattibilità tecnologica ed economica, analisi dei rischi, analisi costi-benefici, analisi e scelta tra le opzioni di realizzazione interna o acquisto di un pacchetto. Input Ruolo Attori Attività principali Output esigenze di nuove soluzioni tecnologiche Capacity Manager IT Designer/Architect Architetto Software PM di progetto coadiuva l ufficio pianificazione nella redazione degli studi di fattibilità definisce i fabbisogni funzionali e tecnici relazione in merito all analisi di fattibilità tecnica piano di allocazione delle risorse dell ufficio UPSS 16

17 Controllo Descrizione Availability Management: (DS11) Gestire i dati (DS11) Gestire i dati Il processo si occupa della gestione efficace dei dati anche mediante l identificazione dei requisiti dei dati stessi. Il processo di gestione dei dati comprende anche lo stabilire procedure efficaci per gestire la libreria dei supporti di memorizzazione, il salvataggio e il ripristino dei dati ed un appropriata eliminazione dei supporti di memorizzazione Input Ruolo esigenze di raccolta e memorizzazione di informazioni sui dati degli appalti Availability Manager IT Designer/Architect Attori Esperto di Database (DBA) Esperto di progettazione di base dati Esperto del dominio AVCP Attività principali Output definisce ed aggiorna il modello dei dati ed il dizionario dei dati dell Autorità, assicurandone la coerenza, la completezza, i livelli di sicurezza applicativa e definendo i requisiti di protezione logica e fisica, nonché i requisiti di conservazione in relazione al livello di criticità assicura l integrità e la consistenza dei dati delle diverse basi di dati dell Autorità definendo ed implementando le necessarie procedure Dizionario dei dati Modello dei dati Documento contenente le istruzioni operative per la gestione e fruizione delle banche dati AVCP 17

18 Information Security Management: (DS5) Garantire la sicurezza dei sistemi Controllo Descrizione (DS5) Garantire la sicurezza dei sistemi La necessità di mantenere l integrità delle informazioni e la protezione delle risorse IT richiede un processo di gestione della sicurezza. Questo processo comprende la definizione e l aggiornamento dei ruoli e delle responsabilità sulla sicurezza IT, delle politiche, degli standard e delle procedure. La gestione della sicurezza comprende anche il monitoraggio della sicurezza, lo svolgimento di test periodici e l implementazione delle azioni correttive a fronte di punti di debolezza o incidenti di sicurezza identificati. Una gestione efficace della sicurezza protegge tutte le risorse IT al fine di minimizzare gli impatti aziendali derivanti da vulnerabilità e da incidenti. Input Ruolo Standard di sicurezza applicativa Security manager Attori Esperto di sicurezza applicativa Attività principali assicura la coerenza dello sviluppo dei sistemi rispetto agli standard di sicurezza realizza piani di test per la verifica della sicurezza applicativa Output Realizzazione dei sistemi in sicurezza Meccanismi di accesso in sicurezza alle banche dati AVCP 18

19 Supplier Management: (DS5) Gestire i servizi di terze parti Controllo Descrizione (DS2) Gestire i servizi di terze parti La necessità di assicurare che i servizi forniti da terze parti (fornitori, rivenditori, partner) siano conformi ai requisiti aziendali comporta l istituzione di un efficace processo di gestione delle terze parti. Questo processo è attuato sia attraverso l inserimento negli accordi con le terze parti di una chiara definizione dei ruoli, delle responsabilità e delle aspettative, sia attraverso la revisione ed il monitoraggio di tali accordi per garantirne l efficacia e la conformità. Un efficace gestione dei servizi di terze parti minimizza i rischi aziendali associati a mancate o parziali prestazioni dei fornitori. Input nuove iniziative progettuali Ruolo Attori Supplier Manager Il PM del Progetto Attività principali Coadiuva i fornitori per le attività di analisi di dettaglio, progettazione logica e fisica, sviluppo e rilascio dei servizi ICT Monitoraggio della realizzazione da parte dei fornitori, on time e on budget, dei progetti realizzati in outsourcing Output Rilascio dei servizi IT pianificati 19

20 ITIL Italia: itsmf International Riferimenti [itsmf-ov3] ITIL official site: Java Italian Portal: ITIL V3 Service Design: IT Service Design (OGC) [OGC-V3ServiceDesign] ITIL V3 Glossario: COBIT ITIL V3 and CobiTV4.2 Mapping [ITILV3-COBIT4-Mapping] Sito AVCP 20

The ITIL Foundation Examination

The ITIL Foundation Examination The ITIL Foundation Examination Esempio di Prova Scritta A, versione 5.1 Risposte Multiple Istruzioni 1. Tutte le 40 domande dovrebbero essere tentate. 2. Le risposte devono essere fornite negli spazi

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Page 1 of 11 IL CERTIFICATO ITIL FOUNDATION IN IT SERVICE MANAGEMENT La

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Introduzione ad ITIL. Information Technolgy Infrastructure Library. Che cos è ITIL. Una situazione critica. La sfida GOVERNO ICT GOVERNO ICT

Introduzione ad ITIL. Information Technolgy Infrastructure Library. Che cos è ITIL. Una situazione critica. La sfida GOVERNO ICT GOVERNO ICT Che cos è ITIL Sessione didattica su ITIL per Studenti di Ingegneria Informatica Politecnico di Torino Introduzione ad ITIL 17 Ottobre 2006 Information Technolgy Infrastructure Library COGITEK s.r.l. Via

Dettagli

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice?

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice? A PROPOSITO DI ITIL ITIL fornisce un framework di linee guida best practice per l IT Service Management. Fornisce un framework per la governance dell IT e si focalizza sulla continua misurazione e miglioramento

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Torino, 3 Luglio 2008 Il Profilo del Gruppo Poste Italiane 1 Poste Italiane è una delle realtà di servizi al cittadino e

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

ITIL: best practice per l IT

ITIL: best practice per l IT Slide 0.1 ITIL: best practice per l IT I processi e l approccio ( a cura di Stefania Renna CA) 24 Novembre 2005 Pag. 1 Slide 1.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework

Dettagli

L importanza di ITIL V3

L importanza di ITIL V3 6HUYLFH'HOLYHU\DQG3URFHVV$XWRPDWLRQ L importanza di ITIL V3 IBM - IT Strategy & Architecture Claudio Valant Le Migliori Prassi (Best Practice) ITIL ƒ ƒ ƒ ƒ,7,/ VWDSHU,QIRUPDWLRQ7HFKQRORJ\,QIUDVWUXFWXUH

Dettagli

Governo dei contratti ICT

Governo dei contratti ICT Governo dei contratti ICT Linee guida sulla qualità dei beni e servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della PA Marco Gentili Conoscere per governare, misurare per gestire Roma, aprile

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Gestione Operativa e Supporto

Gestione Operativa e Supporto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A6_1 V1.0 Gestione Operativa e Supporto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio di Sistemi Informativi Service Delivery and Support Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza ITIL.1 Relazioni con il.2 Pianificazione.3 Gestione

Dettagli

CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese

CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese Lucidi di Gianmario Motta 2010 Governo dei sistemi informativi nelle imprese OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INTRODUZIONE: RUOLO DELLA IT NELLE IMPRESE

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Informazioni di controllo del documento

Informazioni di controllo del documento Dettagli del documento Informazioni di controllo del documento Nome del documento Obiettivo del documento ITIL_v3_Foundation_Bridge_Certificate_Syllabus_v4.1 Syllabus per il corso Bridge di aggiornamento

Dettagli

IT governance & management. program

IT governance & management. program IT governance & management Executive program VI EDIZIONE / GENNAIO - maggio 2016 PERCHÉ QUESTO PROGRAMMA Nell odierno scenario competitivo l ICT si pone come un fattore abilitante dei servizi di business

Dettagli

Giovanni Belluzzo. Riepilogo. Esperienza. Head of Project & Portfolio Management Office giovanni.belluzzo@infocert.it

Giovanni Belluzzo. Riepilogo. Esperienza. Head of Project & Portfolio Management Office giovanni.belluzzo@infocert.it Giovanni Belluzzo Head of Project & Portfolio Management Office giovanni.belluzzo@infocert.it Riepilogo Ingegnere Elettronico, da circa 25 anni opero nel mondo ICT. Nel corso della mia carriera ho condotto

Dettagli

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA);

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA); L economia della conoscenza presuppone che l informazione venga considerata come la risorsa strategica più importante che ogni organizzazione si trova a dover gestire. La chiave per la raccolta, l analisi,

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici ITSM

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare)

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL è l acronimo di Information Technology Infrastructure Library e rappresenta un insieme di linee guida ispirate dalla

Dettagli

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI ANALISI SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI Descrizione dell indagine e del panel utilizzato L associazione itsmf Italia

Dettagli

SDA Bocconi School of Management per Unindustria Reggio Emilia. Percorso formativo per Responsabili Sistemi Informativi"

SDA Bocconi School of Management per Unindustria Reggio Emilia. Percorso formativo per Responsabili Sistemi Informativi SDA Bocconi School of Management per Unindustria Reggio Emilia Percorso formativo per Responsabili Sistemi Informativi" 1 Il percorso formativo 2 L idea della formazione per Unindustria Reggio Emilia In

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies Per un responsabile dei servizi IT è fondamentale disporre

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Al servizio dei professionisti dell IT Governance Capitolo di Milano Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Valter Tozzini - ItSMF Italia Paola Belforte - ItSMF

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

ITIL come sistema di Governance dei servizi IT, CMDBuild a supporto delle best practice ITIL

ITIL come sistema di Governance dei servizi IT, CMDBuild a supporto delle best practice ITIL 1 11 marzo 2009 InfoCamere Padova ITIL come sistema di Governance dei servizi IT, CMDBuild a supporto delle best practice ITIL Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.it [www.comune.udine.it] ITIL per l IT Governance

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Le aree funzionali ed i processi

Le aree funzionali ed i processi Le aree funzionali ed i processi Gestione Operativa ITIL Information Technology Infrastructure Library (ITIL) è un insieme di linee guida ispirate dalla pratica (Best Practice) nella gestione dei servizi

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies IT Management Diploma of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Il Profilo del Gruppo Poste Italiane Il Gruppo Poste Italiane è una

Dettagli

I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ.

I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ. ANALISI 12 Luglio 2012 I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ. Le sfide a cui deve rispondere l IT e i tool di ICT Management Analisi a cura di Andrea Cavazza,

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT A cura di Alberto Rizzotto, Manager di HSPI Premessa La necessità di adottare best practice internazionali

Dettagli

ITIL cos'è e di cosa tratta

ITIL cos'è e di cosa tratta ITIL cos'è e di cosa tratta Stefania Renna Project Manager CA Sessione di Studio AIEA, Verona, 25 novembre 2005 Agenda ITIL: lo standard de facto Il framework I benefici e le difficoltà Il percorso formativo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

05.06.2015 ORDINE DI SERVIZIO n. 19/15 SISTEMI INFORMATIVI

05.06.2015 ORDINE DI SERVIZIO n. 19/15 SISTEMI INFORMATIVI SISTEMI INFORMATIVI Nell ambito della realizzazione del Piano Industriale del Gruppo, Sistemi Informativi è uno dei principali partner di riferimento delle funzioni di business e, di concerto con il Marketing

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

La sicurezza secondo ITIL. Relazioni fra ITIL e la sicurezza Andrea Praitano Consigliere itsmf Italia

La sicurezza secondo ITIL. Relazioni fra ITIL e la sicurezza Andrea Praitano Consigliere itsmf Italia La sicurezza secondo ITIL Relazioni fra ITIL e la sicurezza Andrea Praitano Consigliere itsmf Italia Agenda itsmf Italia: cos è e che cosa fa; Cos è l IT Service Management; Introduzione a ITIL v3; Il

Dettagli

Sicurezza le competenze

Sicurezza le competenze Sicurezza le competenze Le oche selvatiche volano in formazione a V, lo fanno perché al battere delle loro ali l aria produce un movimento che aiuta l oca che sta dietro. Volando così, le oche selvatiche

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT 4 Dicembre 2014 Con il patrocinio di Agenda Perché questo master

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL C Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Sinottico. Cobit 4.0 ISO 27001 (AS/NZS 4360 NIST 800-300)

Sinottico. Cobit 4.0 ISO 27001 (AS/NZS 4360 NIST 800-300) Sinottico Cobit 4.0 ISO 27001 (AS/NZS 4360 NIST 800-300) Indice generale Cobit 4.0...2 Pianificazione...2 Organizzazione...2 Acquisizione...3 Implementazione...3 Rilascio...4 Supporto...4 Monitoraggio/Valutazione...5

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

itsmf ITIL in Italia

itsmf ITIL in Italia itsmf ITIL in Italia Organizzazione e attività Rosario Fondacaro Consigliere itsmf Italia Firenze 30 Giugno 2010 Chi Siamo L IT Service Management Forum Italiano itsmf (IT Service Management Forum) è un

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Le attività OASI per la sicurezza dei dati e dei sistemi, e per la compliance alle normative. Servizi Consulenza Formazione Prodotti

Le attività OASI per la sicurezza dei dati e dei sistemi, e per la compliance alle normative. Servizi Consulenza Formazione Prodotti Le attività OASI per la sicurezza dei dati e dei sistemi, e per la compliance alle normative Servizi Consulenza Formazione Prodotti L impostazione dei servizi offerti Le Banche e le altre imprese, sono

Dettagli

Da Maggio a Luglio 2012

Da Maggio a Luglio 2012 Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Da Maggio a Luglio 2012 OBIETTIVI Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi fonda la propria missione aziendale

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica CAPITOLATO TECNICO PER UN SERVIZIO DI MANUTENZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE DELLA COMPONENTE AUTOGOVERNO DEL SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Quattro passi verso la competenza

Quattro passi verso la competenza Quattro passi verso la competenza Incompetenza inconscia (non so di non sapere) Incompetenza conscia (so di non sapere) Competenza conscia (finalmente so di sapere) Competenza inconscia (non so di sapere)

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto

ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto PMBOK IV e ITIL v.3 Project and Service Management : progettare e gestire la qualità Giampaolo Rizzi COGITEK Socio Fondatore itsmf Italia

Dettagli

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti L adozione di COBIT come strumento di IS Governance. Stato dell arte, risultati e fattori critici di successo nelle esperienze analizzate. Elisa Pozzoli, Gianluca Salviotti Copyright SDA Bocconi Elisa

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1)

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Analisi delle interdipendenze e delle opportunità di integrazione dei due standard secondo la ISO/IEC FDIS 27013 17/09/2012

Dettagli

CMDBuild: gestire il patrimonio degli asset IT e non solo

CMDBuild: gestire il patrimonio degli asset IT e non solo 8 aprile Roma città Open Soluzioni con tecnologie open source CMDBuild: gestire il patrimonio degli asset IT e non solo www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Il progetto CMDBuild è nato

Dettagli

Service Control Room «Il monitoraggio integrato dei Servizi Digitali» 04/12/2014

Service Control Room «Il monitoraggio integrato dei Servizi Digitali» 04/12/2014 Service Control Room «Il monitoraggio integrato dei Servizi Digitali» 04/12/2014 1. Il contesto INAIL 2. Perché una Service Control Room 3. Il modello di funzionamento definito 4. I primi risultati del

Dettagli

Un nuovo modo di misurare il successo dei Progetti ICT

Un nuovo modo di misurare il successo dei Progetti ICT Con il patrocinio di: Sponsorizzato da: Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 Un nuovo modo di misurare il successo dei Progetti ICT Ing. Stefano

Dettagli

La certificazione delle competenze professionali nell IT Service Management. Chiara Mainolfi

La certificazione delle competenze professionali nell IT Service Management. Chiara Mainolfi La certificazione delle competenze professionali nell IT Service Management Chiara Mainolfi EXIN AGENDA Quadro delle metodologie Percorsi di certificazione Schemi di certificazione A chi rivolgersi per

Dettagli

Un Jedi Youngling è un ragazzo, un Jedi in formazione, apprendimento per controllare la Forza e destreggiare una spada laser.

Un Jedi Youngling è un ragazzo, un Jedi in formazione, apprendimento per controllare la Forza e destreggiare una spada laser. Un Jedi Youngling è un ragazzo, un Jedi in formazione, apprendimento per controllare la Forza e destreggiare una spada laser. Premessa Titolo: ITIL 2011 for Jedi Youngling Scritto da: Redatto da: Scritto

Dettagli

Overview su ITIL & ISO 20000. ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino

Overview su ITIL & ISO 20000. ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino ing. Andrea Praitano ing. Claudio Restaino Agenda Introduzione; Definizioni generali; ITIL nel mercato, richieste; Organizzazioni coinvolte; Modelli di miglioramento, Metodi e loro integrazione; ITIL:

Dettagli

ANMIL Progetto Security Bologna 22 ottobre 2014 L ingegneria dei Servizi Integrati di Security a supporto del Security Manager

ANMIL Progetto Security Bologna 22 ottobre 2014 L ingegneria dei Servizi Integrati di Security a supporto del Security Manager ANMIL Progetto Security Bologna 22 ottobre 2014 L ingegneria dei Servizi Integrati di Security a supporto del Security Manager Raffaele Rocco A.D. - AICOM Spa 1 PRESENTAZIONE di AICOM Spa AICOM Società

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Riprendere il controllo dell iniziativa e della piattaforma ERP

Riprendere il controllo dell iniziativa e della piattaforma ERP INVITO AL WORKSHOP ERP Governance Riprendere il controllo dell iniziativa e della piattaforma ERP Lunedì 12 gennaio 2015, ore 17.00 Bologna Business School - Villa Guastavillani, Via degli Scalini 18 -

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Costi, ricavi IT e Audit. Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it

Costi, ricavi IT e Audit. Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it Costi, ricavi IT e Audit Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it 1 Premessa 2 Idea: la genesi 3 Le motivazioni 4 Descrizione tematica: idea e contesto, obiettivi 5 Approccio metodologico

Dettagli

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection CMDB Open Source Tool Selection Table of Contents BPM Space 3 itop 5 One CMDB 6 i-doit 7 CMDBuild 8 Rapid OSS 10 ECDB 11 Page 2 Tutti i marchi riportati sono marchi registrati e appartengono ai loro rispettivi

Dettagli