Cos è la Businèss Intèlligèncè

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cos è la Businèss Intèlligèncè"

Transcript

1 Cos è la Businèss Intèlligèncè di Alessandro Rezzani Il sistema informativo aziendale... 2 Definizione di Business Intelligence... 6 Il valore della Business Intelligence... 7 La percezione della Business Intelligence da parte degli utenti... 7 L utilizzo della Business Intelligence nei processi decisionali aziendali... 8 L utilizzo nelle attività strategiche e tattiche L utilizzo nelle attività operative Perché la Business Intelligence è necessaria Il reperimento dei dati La conoscenza dei dati e la loro documentazione La costruzione di report Conclusioni Bibliografia... 13

2 Il sistema informativo aziendale Le attività, i processi e una buona parte delle competenze tecnologiche ricomprese nel concetto di Business Intelligence appartengono all ambito del sistema informativo aziendale. Per questo motivo è importante conoscere, almeno a livello generale, quali siano le attività tipiche del sistema informativo aziendale, quali le sue componenti e, ancora, quale sia lo scopo di questa parte dell organizzazione aziendale. Il sistema informativo aziendale può essere definito come l insieme delle attività, dei processi, delle risorse tecnologiche (hardware e software) e delle persone preposte alla gestione dell informazione. Possiamo dunque chiederci cosa significhi gestire l informazione, presentando, come risposta, il seguente elenco di attività: Acquisizione dei dati Elaborazione dei dati al fine di produrre informazioni 1 Archiviazione dei dati grezzi e delle informazioni Trasmissione dei dati e delle informazioni Presentazione dei dati e delle informazioni Le operazioni svolte dal sistema informativo possono essere classificate in base alle esigenze che scaturiscono dalle attività dei diversi attori dell organizzazione aziendale, secondo uno schema che prende il nome dal suo autore: la piramide di Anthony. Essa individua tre categorie di attività aziendali: 1 Il concetto di dato è profondamente diverso da quello di informazione: il dato rappresenta la misurazione di un evento, un fatto oggettivo espresso attraverso numeri o parole. L informazione è ottenuta attraverso l elaborazione di un dato (o di un insieme di dati) e ha la caratteristica di assumere un significato, uno scopo e/o un contesto per il destinatario. v. Informatica per l economia, Albero Clerici (a cura di) EGEA 2011

3 Figura 1 - La piramide di Anthony 1. Le attività strategiche, che consistono nella definizione degli obiettivi aziendali e delle politiche aziendali volte al loro raggiungimento.(es. scelta dei mercati, scelta dei prodotti) 2. Le attività tattiche, che si sostanziano nell allocazione efficace ed efficiente delle risorse aziendali al fine di conseguire gli obiettivi posti dal management strategico, oltre all attività di controllo del raggiungimento di tali obiettivi. (Es. Budget, programmazione della produzione) 3. Le attività operative, che rappresentano l operatività corrente (gestione ordini, magazzino, fatturazione, ) Gli attori che si collocano in ciascuno di questi livelli, presentano esigenze e requisiti diversi circa le informazioni che consentono loro di svolgere il proprio compito: 1. L alta direzione richiede informazioni analitiche di sintesi, presentate anche con l ausilio di un supporto grafico tale da offrire, attraverso una semplice occhiata, la percezione dell andamento dell azienda o di singoli settori aziendali. Molto spesso le esigenze variano nel tempo, sono poco prevedibili e possono riguardare stime sull andamento futuro delle grandezze misurate. 2. Anche le direzioni funzionali necessitano di dati analitici sintetici, tuttavia le richieste sono relative a dati consuntivi e le esigenze rimangono stabili nel tempo, permettendo la costruzione di elaborazioni ripetitive

4 3. Il personale esecutivo difficilmente richiede dati sintetici; la natura operativa delle proprie attività esige invece di dati di dettaglio, forniti con tempestività (possibilmente in tempo reale) Associando a ciascun livello di attività nella piramide di Anthony un elenco di categorie software si ottiene lo schema seguente: Figura 2 La piramide di Anthony con i software direzionali e operativi Le categorie di applicazioni, che nello schema appaiono con i loro acronimi, sono descritte brevemente di seguito. Fanno parte del sottosistema direzionale (attività strategiche + attività tattiche) i seguenti gruppi di applicazioni software: KMS. Knowledge Management System (sistemi di gestione della conoscenza). Si tratta dell insieme degli strumenti software per la ricerca, l identificazione, la strutturazione di tutte le informazioni riguardanti le attività svolte in azienda. Un esempio è individuabile nei software di gestione documentale, che consentono di creare, organizzare e consultare vere e proprie biblioteche elettroniche costituite dai documenti aziendali. BI.Business Intelligence. Finalmente incontriamo per la prima volta l argomento oggetto del presente volume! Al momento la definizione che ne possiamo dare, sebbene sia incompleta, è di insieme di strumenti software che forniscono un supporto alle decisioni, tramite la trasformazione dei dati aziendali in informazioni. Il sottosistema operativo si serve delle seguenti categorie di applicativi per lo svolgimento delle attività correnti:

5 ERP. Enterprise Resource Planning. Tali software sono strumenti gestionali che interessano praticamente tutte le aree aziendali, dalla gestione degli ordini alla fatturazione, dalle paghe al bilancio, dai pagamenti alla contabilità. SCM. Supply Chain Management. I software di questa categoria gestiscono la catena di fornitura (sia relativa agli acquisti, sia relativa alle vendite), velocizzando la trasmissione di ordini di acquisto, ottimizzando le scorte di magazzino, definendo piani di produzione in base alla domanda, monitorando i processi di consegna. CRM. I software di Customer Relationship Management supportano l attività di contatto con il cliente e forniscono strumenti per la gestione delle vendite, delle campagne di marketing e del customer service. 2 BI: ebbene sì! La Business Intelligence può offrire un valido supporto anche alle attività operative: nel prossimo paragrafo scoprirete come. Il sistema informativo aziendale sta assumendo un ruolo sempre più importante a causa sia delle esigenze della era dell informazione, sia dell evoluzione dell economia e dei modelli di business. Infatti, la globalizzazione, la presenza di nuovi competitor e la nascita di nuovi mercati hanno aumentato in maniera abnorme la mole di dati da analizzare e, nel contempo, hanno imposto al management aziendale di agire in tempi brevi e con margini economici sempre più contratti. Le esigenze del management stanno vivendo un evoluzione che ha portato le applicazioni analitiche ad avere sempre più un ruolo strategico all interno dell azienda, diventando così uno strumento prioritario per la definizione degli orientamenti aziendali. Nello stesso tempo aumenta il fabbisogno di una reportistica sempre più complessa e cresce la necessità di condividere le informazioni all interno dell azienda creando collaborazione fra diversi ruoli funzionali. E pertanto fondamentale, per l azienda, dotarsi di un sistema informativo ben progettato che riesca a valorizzare ciascuno degli elementi di cui è composto (persone, procedure, dati, infrastrutture, principi/valori ispiranti). 3 Per quanto riguarda il patrimonio di dati, il sistema informativo deve necessariamente risolvere alcuni problemi che affliggono molte aziende: - I dati provengono da fonti diverse ed eterogenee (per tecnologia, formato, ubicazione). - A volte i dati sono ridondanti, imprecisi e incompleti. - Sono di difficile fruizione. - Sono difficilmente integrabili. Per questi motivi, il sistema informativo deve intraprendere operazioni di eliminazione delle ridondanze, pulizia dei dati, unificazione di strutture e formati; inoltre occorre che i dati possano trasformarsi facilmente informazioni facilmente fruibili da parte degli attori aziendali. L implementazione di un sistema di Business Intelligence è il mezzo per raggiungere l obiettivo di valorizzare il patrimonio dei dati aziendali. 2 Gartner Group definisce il CRM come segue: Il CRM è una strategia di business il cui risultato è l ottimizzazione della profittabilità, del fatturato e della soddisfazione dei clienti perché attraverso la profilatura dei clienti, lo sviluppo di comportamenti che portano alla soddisfazione dei clienti e l implementazione di processi che hanno al centro il cliente. La tecnologia deve favorire un maggiore interazione con lo stesso e una maggiore integrazione attraverso i canali di comunicazione e tutte le funzioni aziendali di backoffice. 3 Il modello di sistema Informativo a 5 elementi è stato proposto da Camussone, 1998, Il Sistema Informativo Aziendale

6 Definizione di Business Intelligence La rapida panoramica del sistema informativo aziendale ci ha fornito una prima definizione di Business Intelligence (d ora in poi BI) e ci ha aiutato a collocarla principalmente nel sottosistema direzionale, al servizio del management strategico e tattico che trova così supporto analitico, storico e previsionale alle proprie decisioni. Tuttavia, forse prendendo di sorpresa qualcuno dei lettori, la BI è stata collocata anche nel sottosistema operativo, poiché essa sta assumendo un ruolo sempre più importante anche nelle normali attività giornaliere delle aziende. La prima definizione di Business Intelligence è stata proposta da Howard Dresner, analista di Gartner Group nel 1989, per descrivere gli strumenti informatici in grado di soddisfare le esigenze dei manager aziendali. La definizione originale di Dresner è la seguente: Business Intelligence describes the enterprise s ability to access and explore information, often contained in a Data Warehouse, and to analyze that information to develop insights and understanding, which leads to improved and informed decision making. BI tools includes: ad hoc query, report writing, decision support systems (DDSs), executive information systems (EISs) and, often, techniques such as statistical analysis and on line analytical processing (OLAP) 4 5. Secondo il punto di vista di chi la definisce, la BI assume significati diversi, indicando a volte i processi aziendali di creazione delle informazioni, oppure gli elementi tecnologici (hardware e software) che sono utilizzati per tali processi, oppure ancora l insieme stesso delle informazioni che il management utilizza per intraprendere le proprie azioni. Altri, poi, definiscono la BI come un architettura di applicazioni di supporto alle decisioni. Vi sono inoltre numerose definizioni fornite dai vendor di strumenti di BI; esse sono quasi sempre influenzate dalla volontà dei produttori di evidenziare gli aspetti positivi dei propri software. A questo possiamo arrivare a una definizione, la più possibile completa, che sia indipendente dalla tecnologia e dagli strumenti applicativi usati per realizzarla e che possa ricomprendere in essa i diversi punti di vista: la Business Intelligence è un sistema 6 di modelli, metodi, processi, persone e strumenti che rendono possibile la raccolta regolare ed organizzata del patrimonio dati generato da un azienda. Inoltre attraverso elaborazioni, analisi o aggregazioni, ne permettono la trasformazione in informazioni, la loro conservazione, reperibilità e presentazione in una forma semplice, flessibile ed efficace, tale da costituire un supporto alle decisioni strategiche, tattiche ed operative. 4 Fonte 5 Bisogna dire che il termine Business Intelligence è comparso la prima volta addirittura nel 1958 in nell articolo A business intelligence system di Hans Peter Luhn, IBM. Nell articolo Luhn parla di "automatic method to provide current awareness services to scientists and engineers". 6 Con sistema si intende un insieme di entità interconnesse. Le componenti di un sistema sono le entità di cui è costituito, le regole che lo governano, gli elementi strutturali, organizzativi e funzionali che legano le entità.

7 Figura 3 - Attività di Business Intelligence Le fasi di raccolta, integrazione, pulizia e validazione dei dati, oltre che le procedure di aggregazione e parte dei calcoli analitici sono svolte in maniera automatica; sarebbe impensabile, infatti, processare manualmente la mole enorme di dati che, per alcune aziende, descrivono l attività giornaliera: per esempio, per una azienda bancaria potrebbero esserci milioni di movimenti di conto corrente ogni giorno; oppure per una grossa catena della grande distribuzione, potrebbero essere centinaia di migliaia gli scontrini battuti in una singola giornata. Il valore della Business Intelligence Esiste sicuramente una correlazione tra l uso efficace della BI e l incremento delle performance aziendali, tuttavia, non basta garantire l accesso ai dati per migliorare i margini. La BI evita alle persone che fanno parte di ogni livello aziendale di preoccuparsi del reperimento dei dati e della loro elaborazione e conservazione; consente loro accedere ai dati, analizzarli, interagire con essi al fine di ricavare le informazioni per la gestione dell intera azienda o parte di essa migliorandone l efficienza (e di conseguenza le performance). E ovvio che senza persone, che interpretino in maniera corretta le informazioni, prendendo le giuste decisioni, la BI perde ogni sua valenza positiva. La creazione di un sistema di BI ed il suo utilizzo dipendono più dalla creatività, dalla cultura aziendale dell informazione che dalla tecnologia; quest ultima rende possibile la BI, ma, a volte, il fatto di porre al primo posto la tecnologia può mettere a rischio l efficacia del sistema o può addirittura decretarne il fallimento. Ho costatato più di una volta la tendenza di alcune aziende a farsi guidare dalla tecnologia nel disegno del sistema di BI. Niente di più sbagliato: sono le logiche del business che devono determinarne la corretta. La tecnologia deve essere al servizio della BI, non deve rappresentare un vincolo e non può imporre scelte di disegno del sistema. La percezione della Business Intelligence da parte degli utenti Molto spesso gli utilizzatori percepiscono la BI in maniera radicalmente diversa l uno dall altro e, probabilmente anche il lettore avrà una propria visione e una propria definizione della BI. Per alcuni Business Intelligence è sinonimo di reporting 7, perciò, chi fa quest associazione identifica la BI semplicemente con i software di reportistica, dimenticando che essi ne rappresentano solo la punta dell iceberg, la parte visibile e di contatto con l utente finale. Si tralascia così l intero processo che recupera i dati e li porta a divenire informazioni che, opportunamente presentate, danno vita al report. Altri identificano la BI esclusivamente con il data warehouse 8, ancora una volta tralasciando alcuni aspetti fondamentali quali la progettazione, l estrazione dei dati dai sistemi sorgente, la data quality e, ovviamente, la reportistica. In altri casi, mi è capitato di interloquire con manager, capi area oppure utenti per i quali la BI è un semplice foglio di calcolo contenente liste di dati aggiornate manualmente e qualche 7 Per report si intende un documento (cartaceo o elettronico) che contiene dati tabellari e/o grafici aggregati oppure di dettaglio. 8 Un intera sezione di questo volume è dedicata al data warehouse. Rimando ad essa il lettore, dicendo qui soltanto che il data warehouse è un database che contiene dati controllati, certificati e validati e che costituisce il punto di partenza per le attività analitiche che fanno parte della Business Intelligence.

8 grafico riassuntivo: di sicuro questa è la visione più lontana possibile dal reale concetto di sistema di Business Intelligence!. Per quest ultima categoria di utenti progettare e implementare il data warehouse è soltanto una perdita di tempo e, tanto meno, per loro ha senso lo sviluppo di procedure automatiche di raccolta ed elaborazione dei dati che farebbero perdere loro il controllo sul propri dati, gelosamente custoditi in fogli di calcolo tuttofare. Ritorneremo sull argomento parlando del data warehouse. L utilizzo della Business Intelligence nei processi decisionali aziendali L utilizzo nelle attività strategiche e tattiche. L attività di direzione aziendale prevede la definizione degli obiettivi ed il successivo controllo del loro raggiungimento. Il compimento di un obiettivo può essere misurato utilizzando metriche che descrivano, per esempio, l andamento dei ricavi, la remunerazione degli investimenti, l andamento dei costi di produzione, la variazione della quota di mercato, ecc.. In base a tali metriche è possibile desumere in maniera immediata quale sia l andamento dell intera azienda o di particolari settori aziendali. Il grande valore della Business Intelligence risiede però nella possibilità di approfondire l analisi e determinare quali siano le cause che hanno determinato l andamento positivo o negativo di certe misure. Affiancando all analisi consuntiva la simulazione di possibili scenari futuri, il management ottiene tutte le informazioni necessarie a prendere una decisione e ad agire in maniera efficace e tempestiva. Lo schema seguente rappresenta il processo decisionale supportato dalla BI: Figura 4 Schema di utilizzo della Business Intelligence L esempio che segue riguarda una piccola catena di supermercati e mostra come dal poco soddisfacente dato delle vendite complessive, il management è arrivato a capirne le cause e a prendere provvedimenti correttivi. Si tratta di un estrema semplificazione di un caso reale, utile a comprendere le potenzialità analitiche della BI. 1) COME? Il responsabile delle vendite consulta il report con l andamento settimanale delle vendite, notando un deciso calo dalla quarta settimana di febbraio.

9 Figura 5 Report riassuntivo delle vendite. 2) PERCHE? A questo punto si rende necessaria un analisi approfondita, magari attraverso uno strumento di reporting dinamico, che permette al manager di scomporre il dato complessivo secondo diverse dimensioni di analisi. Il manager prova ad effettuare una scomposizione per categorie di prodotto, per scoprire se il calo delle vendite sia imputabile ad una categoria in particolare. Non è però così, il calo delle vendite riguarda tutte le categorie. Allora il manager prova a scomporre le vendite per area geografica e finalmente trova qualcosa: le vendite nella provincia di Pavia sono calate drasticamente, incidendo negativamente sul risultato complessivo. Figura 6 Report per categoria prodotto e report per provincia (ultime due settimane) L indagine prosegue e il manager scopre che è un particolare punto vendita in provincia di Pavia, nell Oltrepò Pavese, per la precisione, che determina il risultato estremamente negativo per l intera area geografica. Gli basterà indagare un po per capire cosa non va nel punto vendita: dapprima utilizza l attributo Direttore responsabile della dimensione di analisi negozio e si accorge che il direttore è cambiato a fine gennaio; poi utilizza altre informazioni messe a disposizione dal sistema di BI e reperite attraverso banche dati esterne: il numero di negozi con caratteristiche simili a quelli della propria azienda. Scopre così che da gennaio, in Oltrepò, sono stati aperti due punti vendita della concorrenza. Appare chiaro che la maggior concorrenza, unita alla scarsa capacità di reazione da parte del direttore responsabile del negozio hanno determinato una perdita della clientela e una forte diminuzione delle vendite. 3) COSA SUCCEDE SE? A questo punto si rendono necessarie delle azioni correttive, che però non possono essere intraprese senza avere una minima idea dell impatto che esse avranno sui futuri

10 risultati aziendali. Il manager, che ha già in mente come agire nei confronti del direttore, ha meno chiaro come variare le politiche di vendita nell Oltrepò Pavese. Per questo esegue alcune simulazioni, utilizzando altri strumenti del sistema di BI. La simulazione prevede una diminuzione dei prezzi di alcuni prodotti in modo da stimolare le vendite: minori prezzi comportano margini ridotti o nulli, ma potrebbero far riconquistare molti clienti persi, che finirebbero per comprare anche prodotti non in sconto; oltre a questo il manager terrà conto anche dei costi di eventuali campagne pubblicitarie e dell impatto medio sulle vendite che esse hanno avuto nel passato in altre zone. Raggiungendo poi un volume di vendita elevato, i fornitori di alcuni prodotti concedono forti sconti ai punti vendita; occorre perciò tenere in considerazione che vendite elevate a margine basso o nullo, possono portare comunque benefici economici. Figura 7 Esempi di simulazioni. 4) AGIRE! Sulla base delle analisi a consuntivo e delle analisi previsionali il manager sceglierà le azioni da compiere per risollevare la situazione del punto vendita, che potrebbero consistere in tutte o in solo alcune delle seguenti ipotesi: a. Verificare se il direttore ha le capacità necessarie ad affrontare la difficile situazione, decidendo di metterlo ulteriormente alla prova oppure di sostituirlo immediatamente. b. Impostare politiche di prezzi aggressive, riducendo o azzerando temporaneamente i margini su alcune categorie di prodotti, ma riconquistando i clienti persi e riportando le vendite a livelli accettabili. c. Utilizzare una combinazione di strumenti di marketing per far conoscere le nuove politiche di prezzo (volantini, pubblicità sui quotidiani,locali, cartelloni stradali). d. Istituire raccolte punti per fidelizzare la clientela. I dati necessari alle attività strategiche e tattiche non sono quasi mai dati di dettaglio, ma di solito si tratta di dati aggregati; per esempio, per controllare la situazione delle vendite, potrebbe essere sufficiente il totale mensile delle vendite per ciascuna categoria di prodotto. E immediato comprendere che le informazioni che manager vedranno all interno di un siffatto report di vendita sono piuttosto ridotte se confrontate con i dati di base, costituiti dalle singole vendite di ciascun prodotto. Inoltre i manager non

11 hanno la necessità di utilizzare l ultimo dato disponibile (quello odierno, per intenderci): per costruire le proprie analisi e per prendere decisioni, il più delle volte basterà loro un dato recente, come quello del giorno precedente o, addirittura, della settimana o del mese precedente. L utilizzo nelle attività operative Anche se la sua applicazione naturale riguarda il livello strategico e tattico, la BI sta assumendo un ruolo sempre più importante anche nell attività operativa. Gli esempi seguenti descrivono due situazioni in cui la BI potrebbe fornire un valido supporto alla sfera operativa: - La gestione delle prenotazioni ospedaliere potrebbe avvenire attraverso sistemi di BI che permettano una visione dell occupazione delle risorse (ambulatori, personale medio e paramedico, attrezzature diagnostiche) ed una migliore allocazione delle stesse, gestendo i periodi di picco e ripartendo le richieste meno urgenti su periodi più tranquilli. - La gestione degli ordini di un impresa industriale potrebbe essere assistita dalla BI per la verifica delle disponibilità di magazzino, tempi di consegna, organizzazione del ciclo produttivo. E immediato comprendere che ambedue i casi richiedano dati operazionali di dettaglio e per di più aggiornati in tempo reale (prenotazioni e allocazione delle risorse mediche nel primo caso e quantitativi degli ordini, magazzino, situazione dei macchinari, risorse umane e materie prime nel secondo caso). E proprio nel maggior dettaglio dei dati e nella massima tempestività con cui essi devono essere disponibili che la BI operativa si differenzia da quella utilizzata dai livelli decisionali superiori. Perché la Business Intelligence è necessaria Nei paragrafi precedenti sono emersi i vantaggi che un sistema di BI può apportare in azienda. Lo schema seguente li riassume, riconducendoli al miglioramento delle performance aziendali. Figura 8 Vantaggi della Business Intelligence.

12 Cambiando leggermente la prospettiva di analisi è possibile evidenziare cosa rende un sistema di BI necessario e quali complicazioni si creerebbero nel caso della sua mancata realizzazione. Esaminiamo il problema secondo tre importanti punti di vista: - il reperimento dei dati - la conoscenza dei dati e la loro documentazione - la costruzione di report Il reperimento dei dati I dati in azienda sono archiviati in numerose basi dati implementate con tecnologie diverse, come per esempio SQL Server, Oracle, mainframe, MySQL, Access. Tutto ciò rende l operazione di interrogazione piuttosto complessa in quanto essa richiede, oltre a credenziali di accesso per ciascun sistema, anche conoscenza della specifica tecnologia e del disegno di ognuna delle basi dati. In alcuni casi, poi, i dati sono frammentati e sparsi su centinaia di fogli di calcolo, rendendo veramente arduo il compito di chi deve costruire analisi e report basati su di essi. L esistenza di più basi dati crea un ulteriore problema, legato alla possibile ridondanza dei dati (ad es. ogni applicativo ha un suo database e una sua anagrafica clienti/fornitori/prodotti/. Tali anagrafiche potrebbero contenere gli stessi clienti/fornitori/prodotti, ma con piccole differenze, imprecisioni o omissioni). Aggiungiamo poi che le basi dati, su cui si appoggiano i software gestionali tipici delle attività operative aziendali, sono disegnate in modo da favorire l inserimento e le modifiche dei dati, ma non le operazioni di interrogazione, aggregazione dei dati e ricerca. La conoscenza dei dati e la loro documentazione Molto spesso accade che la conoscenza dei dati sia frammentata e suddivisa su più persone che hanno una scarsa interazione tra di loro. La situazione appena descritta può causare problemi di interpretazione dei dati e può portare alla creazione di report inconsistenti, il cui utilizzo da parte del management può dar luogo a decisioni non ottimali. Il problema potrebbe essere risolto attraverso la documentazione delle basi dati, che, in moti casi, è assente, insufficiente o non aggiornata. Come vedremo più avanti, la conoscenza e la documentazione dei dati sono aspetti fondamentali della BI: - la comprensione dei dati ed il loro profiling sono condizioni necessarie per la costruzione del data warehouse. - la documentazione delle informazioni e della filiera che le ha prodotte è importante al fine di un loro corretto utilizzo. La costruzione di report Il punto di partenza per la costruzione di un report è rappresentato da quanto descritto nei due paragrafi precedenti. In assenza di un sistema di BI ci si trova a realizzare analisi su basi dati con le seguenti peculiarità: frammentazione incompletezza mancanza di validazione mancanza di documentazione disegno orientato alle attività operative Tali aspetti rendono la costruzione dei report complicata, costosa in termini di tempo e, talvolta, impossibile. Le operazioni più dispendiose sono rappresentate dall identificazione dei dati da utilizzare,

13 dalla loro pulizia e uniformazione, azioni che devono essere ripetute non solo ogni qual volta occorra implementare un nuovo report, ma anche quando sono apportati cambiamenti alle basi dati sorgente. A causa dei problemi appena descritti, in azienda è facile riscontrare il malumore di chi, dovendo prendere decisioni, trova difficoltoso ottenere i dati necessari a supportarle. Le lamentele ricorrenti riguardano: - la difficoltà di accesso alle basi dati, che pur contenendo molti dati, non li rendono disponibili agli utenti finali. - difficoltà di reperire solo i dati utili: troppi dati di dettaglio non servono al management! - sfiducia nelle fonti dati operazionali, che possono contenere inesattezze. - estrema difficoltà ad analizzare i dati secondo prospettive diverse: il management vuol essere in grado di aggregare e manipolare i dati in ogni modo possibile, ma ciò che hanno a disposizione sono solo report statici, preparati per rispondere ad una specifica esigenza analitica. Conclusioni L introduzione alla Business Intelligence contenuta nei paragrafi precedenti, ci ha consentito di mettere a fuoco l argomento, evidenziandone alcuni aspetti di fondamentale importanza : - Il sistema di BI fa parte sistema informativo aziendale ed esso ne ha la responsabilità tecnologica; per questo il management deve essere consapevole della necessità di investimenti in attività di formazione del personale esistente o nel reclutamento di figure professionali che presentino forti competenze nell ambito dell amministrazione e dello sviluppo di basi dati orientate all analisi. - I problemi e le esigenze che portano alla progettazione e implementazione della BI, anche se molteplici, hanno come fattor comune la difficoltà o l impossibilità di sfruttare il patrimonio dati aziendale per estrarne informazioni finalizzate a supportare le decisioni del management. - la BI reca vantaggi all azienda (migliore accesso ai dati, maggior capacità di reazione agli eventi esterni, maggior efficacia nelle azioni) che si concretizzano in un miglioramento delle performance economiche. Bibliografia A. Rezzani, Business Intelligence. Processi, metodi, utilizzo in azienda, APOGEO, 2012 Pigni Ravarini, Sciuto, Sistemi per la gestione delle informazioni, APOGEO, Milano, 2009 Antony R.N, Planning and Control Systems: a Framework for Analysis, Harvard Business School Press, Boston, MA, 1965 Camussone P.F., Il Sistema Informativo Aziendale, Etas, Milano, 1998

La Business Intelligence

La Business Intelligence Parte 1 La Business Intelligence Capitolo 1 Cos è la Business Intelligence 1.1 Il sistema informativo aziendale Sempre la pratica dev essere edificata sopra la buona teorica. Leonardo da Vinci Le attività,

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007 Data warehousing Introduzione A partire dalla metà degli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa

Dettagli

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Obiettivi. Presentare l evoluzione dei sistemi informativi: da supporto alla operatività a supporto al momento decisionale Definire

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza.

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza. B usiness I ntelligence: un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno.... abbiamo constatato ad esempio come le aziende che hanno investito significativamente in BI (Business Intelligence) abbiano

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale organizzativo Enterprise Resource Planner Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica

Dettagli

INDICE CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI

INDICE CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI INDICE PREMESSA...1 PARTE PRIMA CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CAPITOLO PRIMO IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI 1. I concetti di pianificazione strategica

Dettagli

Data Warehousing e Data Mining

Data Warehousing e Data Mining Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Sistemi e Informatica A.A. 2011-2012 I primi passi Data Warehousing e Data Mining Parte 2 Docente: Alessandro Gori a.gori@unifi.it OLTP vs. OLAP OLTP vs.

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

Gestire l informazione in un ottica innovativa. Enrico Durango Manager of Information Management Software Sales - IBM Italia

Gestire l informazione in un ottica innovativa. Enrico Durango Manager of Information Management Software Sales - IBM Italia Gestire l informazione in un ottica innovativa Enrico Durango Manager of Information Management Software Sales - IBM Italia INFORMAZIONE 2 La sfida dell informazione Business Globalizzazione Merger & Acquisition

Dettagli

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail BI BI Terranova, azienda leader in Italia per le soluzioni Software rivolte al mercato delle Utilities, propone la soluzione Software di Business Intelligence RETIBI, sviluppata per offrire un maggiore

Dettagli

IBM Cognos Insight. Caratteristiche

IBM Cognos Insight. Caratteristiche IBM Cognos Insight Esplorare, visualizzare, modellare e condividere conoscenza in modo indipendente, senza necessità di assistenza da parte delle funzioni IT Caratteristiche Esplorazione, analisi, visualizzazione

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2008-2009 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 1 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

ALTA GAMMA. business intelligence. il software per pilotare la tua Azienda con successo

ALTA GAMMA. business intelligence. il software per pilotare la tua Azienda con successo ALTA GAMMA business intelligence il software per pilotare la tua Azienda con successo Chi è TeamSystem Da venticinque anni presente sul mercato del SW gestionale italiano. Oltre 44 milioni di EURO di fatturato

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E C E N T R O Con InfoBusiness avrai Vuoi DATI CERTI per prendere giuste DECISIONI? Cerchi CONFERME per le tue INTUIZIONI? Vuoi RISPOSTE IMMEDIATE? SPRECHI TEMPO

Dettagli

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Controllo di Gestione e Gestione Commesse TARGET DEL MODULO Il modulo Controllo di Gestione e Gestione Commesse di Passepartout Mexal è stato progettato

Dettagli

E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries 1/8

E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries 1/8 E.T.L. (Extract.Tansform.Load) IBM - ISeries Quick-EDD/ DR-DRm ETL 1/8 Sommario ETL... 3 I processi ETL (Extraction, Transformation and Loading - estrazione, trasformazione e caricamento)... 3 Cos è l

Dettagli

L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA

L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA CONTENUTI Background: lo scenario attuale La funzione degli ERP: che cosa sono e a che cosa servono Le caratteristiche e i vantaggi di un ERP I possibili

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

ERP o pacchetto gestionale? Una

ERP o pacchetto gestionale? Una FEBBRAIO 2012 Quali sono le principali differenze fra una soluzione di Enterprise Resource Planning e un pacchetto gestionale, quali le raccomandazioni per chi deve scegliere un ERP? E quando è arrivato

Dettagli

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS MARKETING (3 DI 3) ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 Bain & Company RESULTS Dopo la prima e la seconda parte di questo

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 1 Organizzazione e Sistema

Dettagli

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP L OUTSOURCING È uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto maggiore espansione nel corso dell ultimo decennio e che continuerà

Dettagli

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Gli elementi chiave del db

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistemi informazionali La crescente diffusione dei

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ELETECNO ST Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Il Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) è uno approccio di gestione a disposizione delle imprese che ha lo scopo di

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force.

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Sicuritalia S.p.A. Utilizzata con concessione dell autore. SAP Customer Success Story Sicurezza e servizi fiduciari Sicuritalia S.p.A Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Partner Nome

Dettagli

LA BUSINESS INTELLIGENCE - DEFINIZIONI

LA BUSINESS INTELLIGENCE - DEFINIZIONI LA BUSINESS INTELLIGENCE - DEFINIZIONI A cura di Giorgio Giussani Milano, 16.06.2010 Fonte: Internet Cos'è il Business Intelligence? Il termine business intelligence si applica ai prodotti che hanno come

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio

IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO. A cura di dottor Alessandro Tullio IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO AVANZATO A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100 Modena Tel. 059.4279344

Dettagli

Data Mining a.a. 2010-2011

Data Mining a.a. 2010-2011 Data Mining a.a. 2010-2011 Docente: mario.guarracino@cnr.it tel. 081 6139519 http://www.na.icar.cnr.it/~mariog Informazioni logistiche Orario delle lezioni A partire dall 19.10.2010, Martedì h: 09.50 16.00

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Value proposition RETAIL

Value proposition RETAIL Value proposition RETAIL La problematica Con il perdurare della crisi economico-finanziaria, le aziende di tutti i settori si stanno focalizzando nella ricerca prioritaria di soluzioni che consentano la

Dettagli

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci SIMULWARE Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci Introduzione Il mercato di riferimento per la Business Intelligence è estremamente eterogeneo: dalla piccola azienda

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

SOLUZIONI PER LA PMI myjob.e&c qualificata mysap All-in-One

SOLUZIONI PER LA PMI myjob.e&c qualificata mysap All-in-One SOLUZIONI PER LA PMI myjob.e&c qualificata mysap All-in-One La Soluzione per le piccole e medie imprese di impiantistica e macchinari myjob.e&c è la soluzione qualificata mysap All-in-One basata su mysap

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

Data Mining e Analisi dei Dati

Data Mining e Analisi dei Dati e Analisi dei Dati Rosaria Lombardo Dipartimento di Economia, Seconda Università di Napoli La scienza che estrae utili informazioni da grandi databases è conosciuta come E una disciplina nuova che interseca

Dettagli

Economia e. Prof. Arturo Capasso

Economia e. Prof. Arturo Capasso Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

idw INTELLIGENT DATA WAREHOUSE

idw INTELLIGENT DATA WAREHOUSE idw INTELLIGENT DATA WAREHOUSE NOTE CARATTERISTICHE Il modulo idw Amministrazione Finanza e Controllo si occupa di effettuare analisi sugli andamenti dell azienda. In questo caso sono reperite informazioni

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT V I N F I N I T Y P R O J E C T CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Infinity CRM Il Cliente a 360 CRM COMMUNICATION CMS E COMMERCE B2B AD HOC E COMMERCE B2C ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

Dettagli

Case Study Case Study Case Study Case Study Case Study

Case Study Case Study Case Study Case Study Case Study Il Gruppo ALFA REFRATTARI, attivo nel settore dell edilizia dagli anni 70, è leader nel campo dei prodotti refrattari (caminetti, barbecue, forni, malte, rivestimenti, ecc.). E un gruppo in costante espansione

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi vincenzo.calabro@computer.org Agenda Il ruolo dei Sistemi Informativi Nozioni Processi di business e SI Tipi di SI per il business Sistemi d impresa Tipi di

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence dal Controllo di Gestione alla strumenti strategici per la gestione delle imprese Giovanni Esposito Bergamo, 29 Ottobre 2012 dal Controllo di Gestione alla 25/10/2012 1 Agenda 14:00 Benvenuto Il Sistema

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi Obiettivi La struttura di un sistema informativo di una organizzazione, negli aspetti che permettono di comprenderne la relazione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Data warehousing Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Data warehousing Introduzione A partire dagli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa lezione vedremo

Dettagli

La pianificazione e il controllo

La pianificazione e il controllo FONDAZIONE TEATRALE: PROGETTI, AVANZAMENTI E RENDICONTAZIONE La pianificazione e il controllo dei costi sta assumendo un ruolo importante anche nei settori no-profit di intrattenimento e promozione culturale.

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ORANGE TIRES Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ORANGE TIRES Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

punto cassa e retail operations gestione fiscale gestione commerciale CRM acquisti amministrazione e controllo business intelligence

punto cassa e retail operations gestione fiscale gestione commerciale CRM acquisti amministrazione e controllo business intelligence 2 Pensate per ottimizzare l'efficienza di tutti i processi di vendita, garantendo al Cliente finale un'ottima esperienza d'acquisto, le soluzioni DMSQL Retail integrano le funzionalità di front e back-office,

Dettagli

Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing

Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing Università degli studi di Bologna FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing Tesi di laurea di: Emanuela Scionti Relatore: Chiar.mo Prof.Montesi

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Data Warehouse Architettura e Progettazione

Data Warehouse Architettura e Progettazione Introduzione Data Warehouse Architettura! Nei seguenti lucidi verrà fornita una panoramica del mondo dei Data Warehouse.! Verranno riportate diverse definizioni per identificare i molteplici aspetti che

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Operatore giuridico d impresa Informatica Giuridica A.A 2002/2003 II Semestre Sistemi informativi aziendali prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

Microsoft SQL Server 2005, una piattaforma ideale anche per i clienti che oggi usano altri database server

Microsoft SQL Server 2005, una piattaforma ideale anche per i clienti che oggi usano altri database server Disponibile anche sul sito: www.microsoft.com/italy/eclub/ MICROSOFT APPLICATION PLATFORM MICROSOFT Microsoft SQL Server 2005, una piattaforma ideale anche per i clienti che oggi usano altri database server

Dettagli

CARATTERISTICA / MODULO

CARATTERISTICA / MODULO NextWare Doc è il prodotto che consente di amministrare semplicemente tutte le p roblematiche inerenti la gestione dei documenti; è rivolto sia la settore privato che alla Pubblica Amministrazione, e copre

Dettagli

PBI Passepartout Business Intelligence

PBI Passepartout Business Intelligence PBI Passepartout Business Intelligence TARGET DEL MODULO Il prodotto, disponibile come modulo aggiuntivo per il software gestionale Passepartout Mexal, è rivolto alle Medie imprese che vogliono ottenere,

Dettagli

ECM solutiondoc. Enterprise Content Management. inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire.

ECM solutiondoc. Enterprise Content Management. inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire. ECM solutiondoc Enterprise Content Management inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire.it Cos è SolutionDOC SolutionDOC : ECM (Enterprise Content Management

Dettagli