CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO"

Transcript

1 CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di: descrivere le modalità di classificazione dei getti recepire le indicazioni da citare a disegno definire i controlli da effettuare definire le tecniche di prova da adottare ed i limiti di difettosità ammessi sui getti grezzi o lavorati in lega leggera di alluminio prodotti dalla Fonderia Taroni. Il presente documento integra e completa eventuali prescrizioni presenti nei disegni e/o nei capitolati di fornitura dei singoli clienti. In mancanza di prescrizioni puntuali da parte del cliente esso diventa il documento di riferimento a cui attenersi per le singole forniture. Il contenuto di tale documento si ritiene pertanto accettato da parte cliente come regolamentazione sulle forniture. Il presente capitolato tratta getti grezzi o lavorati in lega leggera di alluminio colati in sabbia, in conchiglia (a gravità o in bassa pressione) e a pressione. Il presente capitolato si applica nella sua integrità ai getti di prodotti da Fonderia Taroni indipendentemente dal campo di applicazione, salvo altrimenti specificato a disegno, su norme specifiche dei particolari, su schede caratteristiche o da accordi all ordine. Il presente capitolato non è applicabile ai getti prototipi. Si applicano inoltre tutte le condizioni tecniche di fornitura specificate nelle norme EN e EN CONDIZIONI GENERALI I getti venduti sono privi di materozze, bave e residui simili e non devono presentare cricche, rotture, segni di surriscaldamento, bruciature, pieghe, cavità da ritiro, avvallamenti, giunti freddi e porosità che potrebbero compromettere in maniera significativa l'impiego (funzione e/o lavorazione successiva) del componente CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE I getti se non diversamente specificato da disegni e/o capitolati specifici di fornitura da parte del cliente, si suddividono nelle seguenti classi funzionali: Classe funzionale 1: getti soggetti a requisiti di sicurezza Classe funzionale 2: getti soggetti a sollecitazioni statiche e dinamiche e/o superfici soggette a requisiti funzionali particolari Fonderia Taroni - Capitolato tecnico di fornitura getti in alluminio Data: 27/03/ Rev.00 pag. 1 di 8

2 Classe funzionale 3: getti che non rientrano nelle classi 1 e 2 e che non sono soggetti a requisiti funzionali particolari 3. REQUISITI DI QUALITÀ PER GETTI DI ALLUMINIO 3.1 MATERIALE E COMPOSIZIONE CHIMICA Leghe di alluminio per getti conformi alla norma UNI EN La composizione chimica delle leghe utilizzate da Fonderia Taroni rispetta le prescrizioni della norma UNI EN 1706 e del disegno fornito dal Cliente. 3.2 CARATTERISTICHE INTERNE ED ESTERNE I getti devono essere presentati al collaudo sbavati e puliti e l esame visivo deve essere condotto in un ambiente con intensità luminosa >/= 200 lux. Sono esclusi i particolari regolamentati da un proprio Capitolato o disegno o da standard di accettazione discussi e concordati con il Fornitore. NOTA : Sulle aree critiche non sono ammessi difetti. Una porosità con dimensione 0,5 mm non deve essere considerata difetto al controllo visivo. 3.3 Difetti superficiali (SUPERFICI GREGGE) Le superfici gregge devono risultare omogenee, esenti da rotture, screpolature o da qualsiasi difetto che possa compromettere l'impiego del componente e/o la sua successiva lavorazione di utensile. I getti devono essere privi di materozze, bave e residui simili e non devono presentare cricche, rotture, segni di surriscaldamento, bruciature, pieghe, cavità da ritiro, avvallamenti, giunti freddi e porosità che potrebbero compromettere in maniera significativa l'impiego (funzione e/o lavorazione successiva) del componente. Sono ammesse discontinuità superficiali, tipiche dei getti in sabbia o in conchiglia, a distanza minima tra di loro di 10 mm, secondo quanto riportato nella Tabella 1. Tabella 1 - Getti in lega di Al e Mg colati in conchiglia Dimensione difetti Classe funzionale Spessore getto ( mm) < 10 mm 20 mm > 20 mm 1 < 1 mm < 2 mm < 2.5 mm 2-3 < 2 mm < 3 mm < 3.5 mm Sono inoltre accettate: a) bave e disassamenti non taglienti dovute alle giunzioni degli elementi della conchiglia / stampo di altezza < 2 mm. Fonderia Taroni - Capitolato tecnico di fornitura getti in alluminio Data: 27/03/ Rev.00 pag. 2 di 8

3 b) bave dovute a locali screpolature della conchiglia/stampo di altezza <1 mm. 3.4 DIFETTI SUPERFICIALI (SUPERFICI LAVORATE) Sono ammesse porosità isolate (da gas o da ritiro) di dimensioni inferiori a quanto riportato nelle Tabelle 2 e 3, purché presenti in numero di 1 ogni 100 mm di superficie lavorata o in numero di 2 di dimensione dimezzata. La porosità diffusa, uniformemente distribuita, deve essere valutata mediante esame radiografico / radioscopico. Non sono ammesse inclusioni, ossidi o giunzioni fredde. Tabella 2 - Getti in lega di Al e Mg colati in conchiglia o in sabbia Dimensione difetti Classe funzionale Spessore getto ( mm) < 10 mm mm > 20 mm 1 < 0.8 mm < 1.5 mm < 2 mm 2-3 < 1.5 mm < 2 mm < 3 mm La porosità diffusa, uniformemente distribuita, deve essere valutata mediante esame radiografico / radioscopico. Sono ammessi pori isolati su getti che soddisfano le prescrizioni dell esame radiografico / radioscopico. Tabella 3 - Tolleranze dimensionali, secondo norma ISO 8062 CT5 Fonderia Taroni - Capitolato tecnico di fornitura getti in alluminio Data: 27/03/ Rev.00 pag. 3 di 8

4 3.5 DIFETTI INTERNI SECONDO ASTM E 155 ESAME RADIOGRAFICO/RADIOSCOPICO I gradi di qualità sono identificati dalle radiografie di riferimento del seguente standard: ASTM E 155 per getti in lega di alluminio colati in sabbia o in conchiglia e per getti in lega di magnesio Le tabelle 4 e 5 illustrano i limiti di accettazione per controllo radiografico: Tabella 4 Si sottolinea, che la Fonderia Taroni, esegue sulla campionatura controlli mezzo RX al 100% con grado di accettabilità "CF2-Grado C" secondo ASTM E155, questo salvo diverse indicazioni del cliente che ha la responsabilità di comunicare alla fonderia eventuali aree-zone critiche nel prodotto. Durante processo produttivo, i controlli RX, saranno eseguiti a fronte di eventuali richieste del Cliente definendo con quest ultimo a definire la frequenza, il grado di accettabilità ed il relativo costo. Tabella 5 Non sono ammessi i seguenti difetti: catene di pori segregazioni giunti freddi sovrapposizioni incrinature a caldo e da tensioni interne disallineamento anima e disallineamento forma Fonderia Taroni - Capitolato tecnico di fornitura getti in alluminio Data: 27/03/ Rev.00 pag. 4 di 8

5 irregolarità superficiali Quando sono presenti contemporaneamente due o più difetti prossimi al limite massimo previsto, il getto è considerato NON ACCETTABILE. 3.6 PROVA DI TENUTA IDRAULICA E/O PNEUMATICA Queste prove sono effettuate solo se richiesta dal Cliente. 3.7 RESISTENZA La prova della resistenza meccanica è effettuata solo se richiesta dal Cliente. 3.8 DUREZZA La prova di durezza deve essere effettuata sulla superficie del getto secondo EN ISO e in zone esenti da pori oppure su provini ricavati per rottura che non siano stati soggetti ad alcuna sollecitazione. La durezza deve essere rilevata in zone che non pregiudichino la funzionalità del getto previa asportazione di mola dello strato superficiale. I valori rilevati devono essere conformi ai limiti prescritti nella norma del materiale (UNI EN 1706) citata a disegno. 3.9 RUGOSITÀ SUPERFICIALE La rugosità superficiale deve rispettare le prescrizioni nel disegno o nella norma del materiale. Se non specificato, viene garantita una rugosità pari a µm 25, secondo norma UNI EN ISO MASSA La massa del getto grezzo deve essere determinata in accordo tra il fornitore ed il committente con uno dei seguenti metodi: Calcolo matematico sulla base delle dimensioni e tolleranze indicate a disegno e della massa volumica indicata nella norma del materiale, tenendo conto di eventuali sovrametalli di lavorazione e necessità tecniche di lavorazione. Media aritmetica dei valori misurati su 10 getti qualificati. Sul valore della massa indicata a disegno dovrà essere applicata una tolleranza di ± 8% DIMENSIONI E TOLLERANZE Le dimensioni devono essere controllate in base al disegno e/o alle norme specifiche e/o al modello CAD. I profili, i raccordi e le dimensioni interne non rilevabili a getto integro devono essere verificati sezionando opportunamente il componente. 4. PRESCRIZIONI PER LA PRODUZIONE 4.1 ASPORTAZIONE DELLE MATEROZZE, MONTANTI E CANALI DI COLATA I getti devono essere presentati al collaudo sbavati e puliti; l asportazione di queste appendici deve essere eseguita con una tecnica adeguata per non danneggiare il particolare. Nel caso di difficile asportazione, tale da richiedere l impiego di macchine asportatrici, questa operazione deve essere concordata tra Committente e Fornitore. Per le zone soggette a lavorazione meccanica è previsto taglio privo di smerigliatura, la quota di taglio è garantita entro i 4 mm dalla zona base del taglio 4.2 RIPARAZIONI Fonderia Taroni - Capitolato tecnico di fornitura getti in alluminio Data: 27/03/ Rev.00 pag. 5 di 8

6 Eventuali difetti superficiali non lineari non accettabili possono essere asportati con lima, mola o fresa, raccordando opportunamente la zona riparata in modo da non provocare spigoli vivi. 4.3 RIPARAZIONE MEDIANTE IMPREGNAZIONE Le riparazioni per impregnazione sono ammesse, salvo diversamente specificato a disegno o sulle norme specifiche. 4.4 RIPARAZIONE MEDIANTE SALDATURA Le riparazioni per saldatura sono ammesse soltanto al fine di recupero geometrico / dimensionale o per asportare difetti non lineari, salvo diversamente specificato a disegno o sulle norme specifiche. 4.5 RIPARAZIONI MEDIANTI SIGILLANTI O STUCCHI Ammessa solo su zone estetiche. 4.6 PIANO DI CAMPIONAMENTO Il piano di campionamento rappresenta lo strumento con il quale vengono controllati i prodotti forniti da Fonderia Taroni. Gli elementi presi in considerazione dal piano di campionamento sono i seguenti: il lotto da collaudare; il numero dei campioni da estrarre dal lotto e che dovranno essere esaminati; il livello di qualità che Fonderia Taroni ha fissato a Livello II AQL 1.5, salvo specifiche richieste del Cliente; le condizioni di accettazione e di rifiuto del lotto previste dal contratto di fornitura. L accettazione del lotto è in relazione al numero degli elementi difettosi che possono trovarsi nei campioni estratti casualmente e da esaminare, numero che viene tecnicamente definito numero di accettazione e che viene determinato da un apposita tabella del piano di campionamento. Le tavole di campionamento sono composte dai seguenti simboli necessari: Nl = la numerosità del lotto; Nc = la numerosità del campione; LQA = il Livello di Qualità Accettabile; Na = il numero di accettazione; Nr = il numero di rifiuto. Fonderia Taroni, fissata la percentuale dell LQA (tolleranza), che deve essere specificatamente evidenziata nel contratto di fornitura, unitamente al livello di collaudo (di norma ordinario ), adotta la procedura di collaudo utilizzando i Prospetti delle tavole di campionamento : Fonderia Taroni - Capitolato tecnico di fornitura getti in alluminio Data: 27/03/ Rev.00 pag. 6 di 8

7 Tabella 6 Lettere codice per la numerosità del campione Tabella 7 Piani di campionamento per il collaudo ordinario e speciale Tabella 6: per l individuazione del corrispondente numero di codice riferito alla numerosità del lotto in esame ed al livello di collaudo ; Fonderia Taroni - Capitolato tecnico di fornitura getti in alluminio Data: 27/03/ Rev.00 pag. 7 di 8

8 Tabella 7: per l individuazione della numerosità dei campioni da prelevare e da esaminare, in corrispondenza del numero di codice. Il prospetto, inoltre, individua, in correlazione alla percentuale della tolleranza ammessa (LQA), i seguenti specifici valori: Na = numero di accettazione: cioè, il massimo numero di campioni difettosi ammessi, affinché il lotto sia accettato; Nr = numero di rifiuto: cioè, il minimo numero di campioni difettosi a partire dal quale il lotto viene rifiutato. Per spiegare, in pratica, come opera Fonderia Taroni con l applicazione dei piani di campionamento, si descrive di seguito, con un esempio, detta procedura di collaudo. Esempio: partita da collaudare n camicie; contrattualmente sono stati previsti un Livello di Collaudo Ordinario II e un Livello di Qualità Accettabile (LQA) pari al 4%. Per definire il numero dei campioni da estrarre dal lotto e, quindi, da esaminare, viene individuata, in via preliminare, dal prospetto tabella A, la lettera del codice corrispondente alla numerosità del lotto in questione, ovvero la lettera L nella colonna collaudo ordinario livello II (corrispondente alla numerosità di camicie, cifra compresa, come si può notare, nel rigo del range numerico da a ). Successivamente, dal prospetto tabella B, si individuano i campioni da prelevare in corrispondenza della lettera di codice L, ovvero, n. 200 campioni ed, infine, nello stesso prospetto, in corrispondenza della colonna inerente al LQA - 4,0 (tolleranza prevista dal contratto), si individuano: il Numero di Accettazione (Na): 14 il Numero di Rifiuto (Nr): NORME DI RIFERIMENTO 01 UNI EN 1706 Alluminio e leghe di alluminio Getti Composizione chimica e caratteristiche meccaniche 02 UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di gestione della qualità, requisiti 03 UNI EN ISO Materiali metallici Prova di durezza Brinell Parte 1: Metodo di prova (ISO/DIS :2004); 04 UNI EN ISO14001 Sistemi di gestione ambientale 05 ASTM E 155 Radiografie di riferimento per il controllo di getti in leghe di alluminio e di magnesio 06 UNI EN ISO 1302 Indicazione dello stato delle superfici nella documentazione tecnica e di prodotto 07 UNI EN ISO 1559/1 Condizioni tecniche di fornitura- Parte 1: Generalità 08 UNI EN ISO 1559/4 Condizioni tecniche di fornitura Requisiti addizionali per getti di leghe di alluminio 09 UNI EN ISO 2859 Procedimenti di campionamento nell ispezione per attributi Parte 1: Schemi di campionamento indicizzati secondo il limite di qualità accettabile (AQL) nelle ispezioni lotto per lotto Fonderia Taroni - Capitolato tecnico di fornitura getti in alluminio Data: 27/03/ Rev.00 pag. 8 di 8

Il campionamento statistico

Il campionamento statistico Lezione 13 Gli strumenti per il miglioramento della Qualità Il campionamento statistico Aggiornamento: 19 novembre 2003 Il materiale didattico potrebbe contenere errori: la segnalazione e di questi errori

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE

CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE - Pagina 1 ver. 2012-04-18 Requisiti generali I contenitori di vetro devono risultare per composizione e caratteristiche chimiche conformi a quanto

Dettagli

IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE

IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE Il collaudo di accettazione 1 Popolazione Campione Dati MISURA Processo Lotto Campione DATI CAMPIONAMENTO INTERVENTO MISURA Lotto Campione DATI CAMPIONAMENTO INTERVENTO Il collaudo

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA REGOLAMENTO (UE) N.305/11 E NORME DEL GRUPPO EN1090 LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE METALLICHE ALLA LUCE DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI FIRENZE, 30/10/2014 La messa in opera delle strutture metalliche:

Dettagli

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE (ai sensi della Norma UNI 10567) La C.S.A. srl svolge le funzioni di Ente di Controllo

Dettagli

Specifica Tecnica per la fornitura di ceppi in ghisa qualità P10

Specifica Tecnica per la fornitura di ceppi in ghisa qualità P10 Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione Esp. n 375620 00 Pagina 1 di 14 per la fornitura di ceppi in ghisa qualità Il presente documento è di proprietà di Trenitalia. Nessuna parte di

Dettagli

INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 7

INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 7 2 di 19 INDICE I PARTE I... 3 I.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 I.2 DOCUMENTAZIONE CORRELATA... 4 I.3 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 5 II PARTE II... 7 II.1 GENERALITÁ... 7 II.2 GESTIONE DELLA FORNITURA...

Dettagli

CAPIAMO IL "LINGUAGGIO" DELLA norma UNI EN ISO serie 9000

CAPIAMO IL LINGUAGGIO DELLA norma UNI EN ISO serie 9000 CAPIAMO IL "LINGUAGGIO" DELLA norma UNI EN ISO serie 9000 Cosa significa UNI EN ISO serie 9000? Significa che si tratta di norme internazionali, in quanto le norme italiane (UNI) non sono altro che la

Dettagli

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 1 di 8 Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 2 di 8 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente capitolato disciplina la fornitura di tubazioni in acciaio per la costruzione delle reti ed allacci

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

SPECIFICHE Pagina 1 di 12 DI FORNITURA Emissione 01 PRODOTTO Revisione 03 I N D I C E 3. RESPONSABILITÀ 7. CAMPO DI APPLICAZIONE

SPECIFICHE Pagina 1 di 12 DI FORNITURA Emissione 01 PRODOTTO Revisione 03 I N D I C E 3. RESPONSABILITÀ 7. CAMPO DI APPLICAZIONE SPECIFICHE Pagina 1 di 12 I N D I C E 1. SCOPO 2. DEFINIZIONI 3. RESPONSABILITÀ 4. ALLEGATI 5. RIFERIMENTI 6. VINCOLI 7. CAMPO DI APPLICAZIONE PARAGRAFI COSTITUENTI IL CAPITOLATO TABELLA DELLE MODIFICHE

Dettagli

GESTIONE DEL SISTEMA QUALITA IN FONDERIA. Diplomando: Bertoloni Enrico Relatore: Ing. Pola Annalisa

GESTIONE DEL SISTEMA QUALITA IN FONDERIA. Diplomando: Bertoloni Enrico Relatore: Ing. Pola Annalisa GESTIONE DEL SISTEMA QUALITA IN FONDERIA Diplomando: Bertoloni Enrico Relatore: Ing. Pola Annalisa Pressofusioni Valtrumpline Fonderia specializzata nella progettazione, consulenza e realizzazione di pezzi

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ACQUA

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ACQUA PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 9 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS PER USO DOMESTICO E 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

PRODUCT SPECIFICATION

PRODUCT SPECIFICATION INDICE.0 GENERALITA. Scopo.2 Oggetto.3 Documenti citati 2.0 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 2. Condizioni ambientali 2.2 Aspetto 2.3 Dimensioni 2.4 Materiale di costruzione 2.5 Trattamento superficiale di

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7 TECNOLOGIA MECCANICA Parte 7 La principale differenza è legata alle forme che sono generalmente faae in leghe metalliche (acciai legac) in modo da essere uclizzate per un numero elevato di geg. Si uclizzano

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

4.6 APPROVVIGIONAMENTO

4.6 APPROVVIGIONAMENTO Unione Industriale 43 di 94 4.6 APPROVVIGIONAMENTO 4.6.1 Generalità Il capitolo indica le modalità con le quali la filatura conto terzi deve gestire il rapporto di subfornitura nell ambito di un sistema

Dettagli

Linee Guida AICQ Incollaggio Parte 5 Manutenzione e Riparazione

Linee Guida AICQ Incollaggio Parte 5 Manutenzione e Riparazione Direzione Tecnica Ingegneria Rotabili e Tecnologie di Base Tecnologie Meccaniche e Sistemi Frenanti - Sistemi e Componenti Meccanici - Sistemi Frenanti - Processi Speciali Autori: Nannini Andrea e-mail:

Dettagli

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura Paragrafo 7.4. e 7.4.2 della norma UNI EN ISO 900:2000 Pagina 4 di 9 3. ALLEGATO -3 Prescrizioni generali per la fornitura 3. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è di definire i

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell Pali rastremati Pali rastremati per linee di contatto Pali rastremati per gambe portali I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione

Dettagli

C.U.P. D61H13001010001 N ELABORATO (DOCUMENT N )

C.U.P. D61H13001010001 N ELABORATO (DOCUMENT N ) 0.1 Dic_201 C. I.M. M.B. Progetto esecutivo REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT) CONTROL. (CHCK D) APPROVATO (APPR D) DESCRIZIONE (DESCRIPTION) INGEGNERIA ENERGIA - PROGETTAZIONE

Dettagli

La nostra filosofia al tuo servizio

La nostra filosofia al tuo servizio CPC Inox: dal 1976 una leadership inossidabile La nostra filosofia al tuo servizio CPC Inox oggi è azienda leader nella lavorazione dell acciaio inossidabile su scala nazionale ed internazionale, con tre

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 10 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA REGOLAMENTO PARTICOLARE REGOLE PARTICOLARI PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BUREAU

Dettagli

SECTION ADDRESSED TO FOUNDRIES

SECTION ADDRESSED TO FOUNDRIES SECTION ADDRESSED TO FOUNDRIES NOTE: 1) Tutte le informazioni raccolte saranno trattate in forma anonima esclusivamente per le finalità del progetto StaCast. 2) I risultati delle elaborazioni statistiche

Dettagli

FASCICOLO TECNICO IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO FAMIGLIA M GRU A BANDIERA A ROTAZIONE ELETTRICA COMPLETA

FASCICOLO TECNICO IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO FAMIGLIA M GRU A BANDIERA A ROTAZIONE ELETTRICA COMPLETA FASCICOLO TECNICO IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO FAMIGLIA M GRU A BANDIERA A ROTAZIONE ELETTRICA COMPLETA Data emissione Rev Note 10/10/2003 0 Prima stesura 02/03/2007 1 Aggiornamenti alle modifiche introdotte

Dettagli

La nostra filosofia al vostro servizio

La nostra filosofia al vostro servizio CPC Inox: dal 1976 una leadership inossidabile La nostra filosofia al vostro servizio CPC Inox oggi è azienda leader nella lavorazione dell acciaio inossidabile su scala nazionale ed internazionale, con

Dettagli

DIREZIONE INGEGNERIA SICUREZZA E QUALITA DI SISTEMA

DIREZIONE INGEGNERIA SICUREZZA E QUALITA DI SISTEMA DIREZIONE INGEGNERIA SICUREZZA E QUALITA DI SISTEMA Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione n 307974 Esp. 04 Pagina 1 di 16 Fornitura di marchi, etichette, pittogrammi, iscrizioni prespaziate,

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture 1 Acciaio 2 Acciaio Controlli Tre forme di controllo sono obbligatorie : IN STABILIMENTO DI PRODUZIONE.. da eseguirsi sui lotti di produzione NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA

CAPITOLATO DI FORNITURA Pag. 3 di 8 1. GENERALITÀ Il presente capitolato stabilisce le condizioni di fornitura ed i parametri tecnici di produzione e accettazione dei circuiti stampati, salvo diversi accordi scritti. 2. NORME

Dettagli

TIPOLOGIE DI GIACENZA TUBI PROFILATI CAVI QUADRI E RETTANGOLARI PRODOTTI A CALDO DA COILS A CALDO

TIPOLOGIE DI GIACENZA TUBI PROFILATI CAVI QUADRI E RETTANGOLARI PRODOTTI A CALDO DA COILS A CALDO TIPOLOGIE DI GIACENZA TUBI Tubolari elettrosaldati formati a freddo e a caldo da lamiera a caldo in qualità S235, S275 e S355 Lunghezze STANDARD 6 mt di giacenza. STRUTTURALI qualità S355J2H 6/12 mt A

Dettagli

CENTRO DI TRASFORMAZIONE

CENTRO DI TRASFORMAZIONE DEFINIZIONE (NTC 11.3.1.7): Un impianto esterno alla fabbrica... che riceve dal produttore di acciaio elementi base... e confeziona elementi strutturali direttamente impiegabili in cantiere I centri di

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA; PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE; IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni Meccaniche

Dettagli

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione NORMA ITALIANA Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione UNI 11024 GENNAIO 2003 Quality requirements

Dettagli

CONTROLLO MANUALE DELLE SALDATURE

CONTROLLO MANUALE DELLE SALDATURE CONTROLLO MANUALE DELLE SALDATURE NOTE 1/12 Annotazioni Le informazioni riportate in questo documento sono suscettibili di cambiamenti senza preavviso. GILARDONI S.p.A. NON FORNISCE NESSUNA GARANZIA RIGUARDO

Dettagli

PSP 00203 Tubi Trafilati a Freddo in Acciaio Senza Saldatura per Cilindri Idraulici

PSP 00203 Tubi Trafilati a Freddo in Acciaio Senza Saldatura per Cilindri Idraulici PSP 00203 Tubi Trafilati a Freddo in Acciaio Senza Saldatura per Cilindri Idraulici PSP 00203 Tubi Trafilati a Freddo in Acciaio Senza Saldatura per Cilindri Idraulici Descrizione e campo di applicazione

Dettagli

CAPITOLATO FORNITURA

CAPITOLATO FORNITURA D-CAPFOR CAPITOLATO FORNITURA EDIZIONE 03 01/09/2010 per UNI EN ISO9001:2008 VARIANTI EDIZIONE 02 Inserito paragrafo Scopo e Campo di applicazione + riferimento al documento Lavorazioni Esterne D-LAVEST

Dettagli

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008)

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008) Nelle tabelle seguenti riportiamo gli elenchi delle norme vigenti in Italia sull alluminio e sui trattamenti superficiali di verniciatura e di ossidazione anodica. L associazione non può rilasciare alcuna

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Funzioni PROGETTAZIONE Specifiche Materie prime / Componenti PRODUZIONE Prodotto DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Progettazione del componente: materiale macro geometria micro geometria

Dettagli

, ' *-- ' " $!,"""&& # " $%

, ' *-- '  $!,&& #  $% ! "#$ %"&"" $$' " (#! %")" * +'#!", ' *-- ' " $!,"""&& # " $% &' ())* %")" + +' # ++,! " %"" '+'$ " $( ++ %"&"" ' " '! $- &(.)'.())/ &/0 # $ %. " (' ' 1 + $ *2.&)/.33./ 0' 12' 3, & 4 5 3./.22, 4) 5 " &

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA Venezia,. Foglio n. 1 di 7. Protocollo: Luogo e Data della prova: Richiedente: Materiale testato:

RAPPORTO DI PROVA Venezia,. Foglio n. 1 di 7. Protocollo: Luogo e Data della prova: Richiedente: Materiale testato: Foglio n. 1 di 7 Protocollo: Luogo e Data della prova: Mestre, Richiedente: Materiale testato: Prova eseguita: Conducibilità termica Riferimento Normativo: UNI EN 12667 DESCRIZIONE DEL CAMPIONE SOTTOPOSTO

Dettagli

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv.

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv. Codifica: DI.TCTE. STF.LP/TE 41 - Ed. 10/1999 1 di 11 MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE Parte PARTE I PARTE II ALLEGATI Oggetto GENERALITA REQUISITI E DESCRIZIONI

Dettagli

La Qualità il Controllo ed il Collaudo della macchina utensile. Dr. Giacomo Gelmi

La Qualità il Controllo ed il Collaudo della macchina utensile. Dr. Giacomo Gelmi La Qualità il Controllo ed il Collaudo della macchina utensile Dr. Giacomo Gelmi Che cosa è una macchina utensile? E uno spazio fisico in cui si collocano, sostenuti da adeguate strutture ed in posizioni

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione

Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione pagina 1/8 Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione 1. Basi Valgono le norme e le direttive elencate nell appendice 02 e quelle del contratto d appalto,

Dettagli

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 1 Allegato 1 PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE DI GUANTI NON CHIRURGICI IN VINILE ELASTICIZZATO, NON STERILI, SENZA POLVERE Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 2 ARTICOLO 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

Un breve sommario delle specifiche menzionate è mostrato nella tabella 1; il documento completo è disponibile sul sito web www.qualanod.

Un breve sommario delle specifiche menzionate è mostrato nella tabella 1; il documento completo è disponibile sul sito web www.qualanod. Qualità dell'alluminio anodizzato Italfinish è licenziataria del marchio di qualità Qualanod e segue le Specifiche di Qualità per l'alluminio anodizzato in Acido Solforico redatte dal QUALANOD per stabilire

Dettagli

Aspetti tecnici della norma per le costruzioni in acciaio. Fabio Querci RINA Services S.p.A. Product Certification Central Italy

Aspetti tecnici della norma per le costruzioni in acciaio. Fabio Querci RINA Services S.p.A. Product Certification Central Italy Aspetti tecnici della norma per le costruzioni in acciaio Fabio Querci RINA Services S.p.A. Product Certification Central Italy 1 Scelta della classe di esecuzione, il primo passo: I COMPONENTI SONO IDENTIFICATI

Dettagli

Metrologia, ispezioni e controllo qualità

Metrologia, ispezioni e controllo qualità Metrologia, ispezioni e controllo qualità Riferimento: capitolo 4 del Kalpakjian (seconda parte) Le tolleranze dei pezzi e il controllo sono fondamentali nel processo di produzione. Outline Metrologia

Dettagli

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli

4. controllo statistico

4. controllo statistico 4. controllo statistico 4.1. CAMPIONAMENTO IN ACCETTAZIONE Il campione utilizzato per i controlli in accettazione dovrà essere rappresentativo del lotto. Verrà pertanto prelevato in maniera casuale in

Dettagli

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti Indice PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI DELL EDITORE GUIDA ALLA LETTURA XIII XIV XV 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1 1.1.1 Precisione

Dettagli

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi UNI EN ISO 3834 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 Perché considerare la UNI EN ISO 3834:2006 nella propria azienda?

Dettagli

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: UNI EN 3834 -Requisiti per la qualità della saldatura UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità Centri di trasformazione:

Dettagli

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Superfici Reali e Nominali Ing. Alessandro Carandina Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica Disegno tecnico Informazioni qualitative (i vari tipi

Dettagli

INDICE I PARTE I... 4 II PARTE II... 8

INDICE I PARTE I... 4 II PARTE II... 8 INDICE 2 di 40 I PARTE I... 4 I.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 I.2 DOCUMENTAZIONE CORRELATA... 5 I.3 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 6 II PARTE II... 8 II.1 GENERALITÀ... 8 II.2 GESTIONE DELLA FORNITURA...

Dettagli

Aelle-S 190 STH Capitolato

Aelle-S 190 STH Capitolato 77 136 190 1/5 AELLE-S 190 STH Descrizione del sistema I serramenti dovranno essere realizzati con il sistema METRA AELLE-S190STH. I profilati saranno in lega di alluminio UNI EN AW 6060 (UNI EN 573-3

Dettagli

DIREZIONE SETTORE DISTRIBUZIONE GAS DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

DIREZIONE SETTORE DISTRIBUZIONE GAS DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 0/06/2010 Golinelli Morgagni Sami Revisione 3 03/05/200 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 2 31/01/2006 Golinelli Massarenti Revisione 1 20/06/2005 Martinelli Ghedini Massarenti Revisione 0 15/09/200

Dettagli

Categorie di operazioni In generale, per la produzione di pezzi meccanici, le operazioni si possono classificare in cinque categorie

Categorie di operazioni In generale, per la produzione di pezzi meccanici, le operazioni si possono classificare in cinque categorie 1 CICLI DI LAVORAZIONE GENERALITÀ E DEFINIZIONI Ogni pezzo meccanico finito, ovvero pronto all uso, si ricava da un grezzo adatto, attraverso una successione di operazioni tecnologiche. Un ciclo di lavorazione

Dettagli

CARTE PER ONDULATORI. termini di accettazione per le verifiche tecniche delle forniture. Edizione 2010

CARTE PER ONDULATORI. termini di accettazione per le verifiche tecniche delle forniture. Edizione 2010 CARTE PER ONDULATORI termini di accettazione per le verifiche tecniche delle forniture Edizione INDICE TERMINI DI ACCETTAZIONE PER LE VERIFICHE TECNICHE DELLE FORNITURE - Edizione Lista delle proprietà

Dettagli

un controllo di accettazione tipo A ogni 300 mc massimo di getto

un controllo di accettazione tipo A ogni 300 mc massimo di getto Laboratorio autorizzato dal ministero delle infrastrutture ad effettuare prove sui materiali da costruzione per strutture metalliche ed opere in cemento armato con D.M. n. 39073 del 23/3/1995 e successivi

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 Specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali metallici come richiesto dalla EN

Dettagli

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA 156 Introduzione ai processi di produzione metalmeccanica I processi di produzione metalmeccanica si possono classificare nelle tre grandi famiglie di seguito indicate.

Dettagli

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO l di Luigi Cortis Primo ricercatore e Luca Rossi Ricercatore Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura dell Ufficio

Dettagli

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE:

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE: SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 1 1. Calcestruzzo Classe di esposizione: XC1 (elevazione) XC2 (fondazione) Classe di consistenza:

Dettagli

Laboratorio prove, Analisi e controlli

Laboratorio prove, Analisi e controlli Laboratorio prove, Analisi e controlli ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY Marine Energy Business Assurance Transport & Infrastructures IFIs, Banks and Investors INNOVATION chi SIAMO RINA SERVICES S.p.A. è la

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO DESCRIZIONE PRATICA DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DEL CONTROLLO SERVIZIO DI PULIZIA A NORMA UNI EN 13549

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO DESCRIZIONE PRATICA DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DEL CONTROLLO SERVIZIO DI PULIZIA A NORMA UNI EN 13549 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Capitolato - Allegato DESCRIZIONE PRATICA DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DEL CONTROLLO SERVIZIO DI PULIZIA A NORMA UNI EN 1549 1) NUMEROSITÀ LOTTO Ad ognuno degli edifici

Dettagli

PIANO DI CAMPIONAMENTO POSTA MASSIVA

PIANO DI CAMPIONAMENTO POSTA MASSIVA PIANO DI CAMPIONAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE SPEDIZIONI DI POSTA MASSIVA IN FASE DI ACCETTAZIONE Documento di proprietà di Poste Italiane S.p.A. che se ne riserva tutti i diritti 1 1. Premesse Il presente

Dettagli

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI Il D.M. del 14/01/08 Nuove Norme Tecniche per le costruzioni e la C.M. applicativa n. 617 del 02/02/09 entrati in vigore il 01/07/09 hanno introdotto profonde innovazioni

Dettagli

ELABORATI PROGETTUALI

ELABORATI PROGETTUALI ELABORATI PROGETTUALI PROGETTO ESECUTIVO "POTENZIAMENTO DELLA RETE DI MEDIA PRESSIONE DA ESEGUIRE MEDIANTE REALIZZAZIONE DELL' ALLACCIAMENTO DEL GAS METANO DA CAMPANELLE ALLA CONTRADA GIARROCCO" IL PROGETTISTA

Dettagli

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore dei Lavori e del Collaudatore secondo il D.M. 14/01/2008

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 Corso di Disegno Tecnico Industriale per il Corso di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria Meccatronica

Dettagli

Condizioni generali di fornitura Specifica AERON

Condizioni generali di fornitura Specifica AERON INDICE 1 - SCOPO...2 2 APPLICABILITÀ E RESPONSABILITÀ...2 3 - RIFERIMENTI E DEFINIZIONI...2 4 - DESCRIZIONE ATTIVITÀ...3 4.1 ACCESSO ALLO STABILIMENTO...3 4.2 IMBALLO PER LA SPEDIZIONE (IN AGGIUNTA AL

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

CONTROLLO SALDATURE IN SITO STRUTTURA METALLICA SALDATA XXXXXXXXXXX

CONTROLLO SALDATURE IN SITO STRUTTURA METALLICA SALDATA XXXXXXXXXXX CONTROLLO SALDATURE IN SITO STRUTTURA METALLICA SALDATA XXXXXXXXXXXX Prova n 958/AA 27 aprile 2011 Committente: Relatore: XXXXXXXXXXX ing. Andrea Cimino Ristrutturazione edificio in centro storico Rif:

Dettagli

Assicurare la qualità nel lavoro Per sicurezza e prestazioni. RG Gomma S.r.l.

Assicurare la qualità nel lavoro Per sicurezza e prestazioni. RG Gomma S.r.l. Assicurare la qualità nel lavoro Per sicurezza e prestazioni RG Gomma S.r.l. INDICE ORIGINE ------------------------------------------------- VALORI TECNICI -------------------------------------------

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

REGOLAMENTI PER LA CLASSIFICAZIONE

REGOLAMENTI PER LA CLASSIFICAZIONE REGOLAMENTI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE NAVI Parte D Materiali e Saldature Capitoli 1 2 3 4 5 Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Capitolo 4 Capitolo 5 REQUISITI GENERALI PRODOTTI IN ACCIAIO E GHISA MATERIALI

Dettagli

FUSIONI IN ALLUMINIO IN GRAVITÀ. SEDE LEGALE 012114 Bucharest, 17 Dumitru Florescu Street - Parter Camera 1, 1st District, ROMANIA

FUSIONI IN ALLUMINIO IN GRAVITÀ. SEDE LEGALE 012114 Bucharest, 17 Dumitru Florescu Street - Parter Camera 1, 1st District, ROMANIA FUSIONI IN ALLUMINIO IN GRAVITÀ SEDE LEGALE 012114 Bucharest, 17 Dumitru Florescu Street - Parter Camera 1, 1st District, ROMANIA SEDE OPERATIVA 805300 Tecuci, Strada Linistei, Nr. 1, Corp C1, Distretto

Dettagli

1037. Elenco dei trattamenti termici e delle lavorazioni ausiliarie.

1037. Elenco dei trattamenti termici e delle lavorazioni ausiliarie. L) TRATTAMENTO TERMICO DEI METALLI 1037. Elenco dei trattamenti termici e delle lavorazioni ausiliarie. Per trattamenti termici si intendono tutti quei cicli termici previsti dalla tabella UNI 3354/70

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 31:1978 01/06/1978 Lavabi. Quote di raccordo. UNI EN 31 FA 244-88:1988 01/09/1988 Foglio di aggiornamento n. 1 alla UNI EN 31 (giu. 1978). Lavabi. Quote di raccordo. UNI EN 32:1978 01/06/1978 Lavabi

Dettagli

Parapetti / Balaustre in vetro stratificato. Le regole ed indicazioni da rispettare nella progettazione

Parapetti / Balaustre in vetro stratificato. Le regole ed indicazioni da rispettare nella progettazione Parapetti / Balaustre in vetro stratificato Le regole ed indicazioni da rispettare nella progettazione SICUREZZA I parapetti sono elementi con funzione di protezione anticaduta e sono preposti quindi alla

Dettagli

Viega Megapress. Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale.

Viega Megapress. Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale. Viega Megapress Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale. Descrizione sistema Impiego previsto Il sistema Megapress è adatto all impiego per impianti di riscaldamento, raffreddamento

Dettagli

DIVISIONE DISTRIBUZIONE FLUIDI DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

DIVISIONE DISTRIBUZIONE FLUIDI DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 01/11/008 Golinelli Massarenti Morgagni Revisione 1 18/06/007 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 0 0/07/003 Emissione REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT) CONTROL. (CHCK

Dettagli

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO Pag. 1 di 5 SOMMARIO SOMMARIO...1 1. GENERALITA...2 1.1.1. Criteri di qualifica... 2 1.1.2. Sviluppo sistema qualità fornitore... 2 1.1.3. Attività di Valutazione... 2 1.1.4. Valutazione annuale... 2 1.1.5.

Dettagli

NORME SULLA DESIGNAZIONE E CONTROLLO DEI GIUNTI SALDATI

NORME SULLA DESIGNAZIONE E CONTROLLO DEI GIUNTI SALDATI TRENITALIA S.p.A. UNITA' TECNOLOGIE MATERIALE ROTABILE DIREZIONE RICERCA, INGEGNERIA E COSTRUZIONI TECNICA E RICERCA Tecnologie Specialistiche NORME SULLA DESIGNAZIONE E CONTROLLO DEI GIUNTI SALDATI Specifica

Dettagli