Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi"

Transcript

1 Rischi 1 Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Un ingegnere del software viene coinvolto direttamente nel processo di identificazione delle aree potenziali di rischio in un ambiente di sviluppo del software

2 Rischi 2 All interno del processo di sviluppo del software ci sono molte aree di rischio Gli ingegneri software devono sviluppare dei modi e dei mezzi per assicurare che una possibile occorrenza di un evento indesiderato possa essere determinata presto In questo modo sarà possibile applicare un piano correttivo per evitare conseguenze disastrose senza che ciò abbia un forte impatto sui costi

3 Rischi 3 Un rischio nello sviluppo del software può essere definito in termini generali come la probabilità che un evento dannoso per il processo di sviluppo del software possa occorrere Il rischio viene misurato come l effetto combinato della probabilità che l evento indesiderato occorra e la possibilità che una particolare conseguenza quantificata, misurata o accertata possa scaturire dall occorrere dell evento indesiderato

4 Gestione del rischio Identificare le aree di rischio Quantificare il rischio Sviluppare dei modi per predire l occorrenza di eventi indesiderati (attraverso misurazioni) Controllare le misurazioni più volte durante lo sviluppo del progetto Pianificare azioni alternative o correttive nel caso occorrano gli eventi indesiderati

5 Perché fare l analisi dei rischi? La gestione senior la chiede frequentemente Anche se i rischi associati al processo di sviluppo del software sono stati accettati, non si vuole arrivare impreparati Eseguendo l analisi dei rischi è possibile avvertire la gestione riguardo a zone di possibile difficoltà relativamente presto Nel processo di sviluppo del software l analisi del rischio e lo sviluppo di un piano di contenimento è spesso responsabilità dell ingegnere del software

6 Alcune aree di rischio per lo sviluppo software 1 1. Insufficienza di personale Gestione: assunzione di personale adeguato, subappalto, Pianificazione e budget non realistico Gestione: stima dettagliata dei costi e del programma, modello di sviluppo incrementale, rinegoziazione con il cliente, 3. Sviluppo delle funzioni software sbagliate Gestione: indagini sugli utenti, costruzione prototipi, sviluppo di prime versioni del manuale utente, sviluppo di e accordo su dei criteri di accettazione,.. 4. Sviluppo dell Interfaccia utente sbagliata Gestione: costruzione prototipo, analisi casi d uso,..

7 Alcune aree di rischio per lo sviluppo software 2 5. Instabilità dei requisiti Gestione: modello di sviluppo incrementale e rinvio dei cambiamenti a un incremento successivo, controllo stretto dei cambiamenti, accordo su dei criteri di accettazione,.. 6. Inadeguatezza delle componenti fornite dall esterno Gestione: benchmarking, analisi di compatibilità, test di accettazione, 7. Gold Plating Gestione: riduzione dei requisiti, analisi costi benefici, 8. Inadeguatezza dei compiti forniti dall esterno Gestione: controllo delle referenze, prototipizzazione o design competitivo, costruzione del team,.. 9. Performance requisiti real-time inadeguati Gestione: simulazione, benchmarking, modellazione, prototipizzazione, analisi della messa a punto della strumentazione 10. Difficoltà nell uso di tecnologie complesse Gestione: analisi tecnica, analisi costi benefici, analisi della performance, analisi delle dimensioni

8 Instabilità dei requisiti Se l analista riconosce che questo è potenzialmente un rischio alto nello sviluppo del software, esaminerà i requisiti funzionali e non funzionali per vedere se: 1. Ci sono requisiti non ancora specificati 2. La definizione dell interfaccia è inadeguata 3. I requisiti sono dichiarati in maniera vaga e inconsistente 4. Si fa poco uso del linguaggio di specifica 5. Manca la definizione di un test per ogni requisito 6. C è poca documentazione e di cattiva qualità 7. C è una definizione inadeguata dei bisogni e dei desideri del cliente

9 Un modello per i rischi I rischi possono essere modellati come l interazione di due variabili: PF: probabilità di fallimento CF: conseguenze del fallimento FATTORE DI RISCHIO RF = PF + CF PF*CF

10 Approccio generale all analisi dei rischi Identificare aree di potenziale rischio Suddividere ogni area di rischio in fattori critici Esaminare le conseguenze di un fallimento

11 Valore Tre fattori che riguardano il rischio di requisiti instabili Qualità della specifica Sono necessarie poche correzioni Alcuni problemi nella spec. richiedono abbastanza lavoro per essere risolti.i problemi vengono risolti. Piano a posto Restano problemi rilevanti. Qualche attività attualmente in corso per risolvere problemi gravi Ci sono problemi gravi nella spec. Risorse insufficienti per occuparsi dei problemi e risolverli Problemi gravi nella spec. Nessun piano di soluzione Controllo dei cambiamenti Gerarchia di commissioni di controllo. Forte disciplina. Commissioni di controllo a posto. Tendenza ad una disciplina rilassata L attività di cambiamento non segue procedure formali stabilite. Le procedure informali funzionano Le procedure informali non funzionano bene (quelle formali vengono ignorate) Non c è nessun processo di controllo formale Impegno del cliente E d accordo con il criterio di accettazione Comprende il bisogno di stabilire dei criteri di accettazione. Gli operatori fanno emergere nuovi requisiti Gli operatori non si preoccupano del costo e dello schedule Il cliente non vuole controllare richieste di cambio operatore/utente

12 Risultato atteso per ciascuno di questi fattori probabilità di fallimento Facendo la media: PF = (somma dei valori assegnati a ciascun fattore)/(numero dei fattori) Pesando ogni fattore PF = (0.5 * valore fattore 1) + (0.3 * valore fattore 2) + + (0.2 * valore fattore 3) Arrivare a un valore per ogni fattore richiede un analisi completa del fattore e una solida base di esperienza

13 Fattori correlati alle conseguenze di fallimento (rischio requisiti) Valore Costo Schedule Performance 0.1 Nel budget Nel piano Conseguenze minime, gestibile 0.3 Incremento dell 1-5% Slittamento minimo: 1 mese Piccola riduzione nel prodotto, performance e funzione 0.5 Incremento del 5-20% Slittamento di 1-3 mesi Qualche riduzione nel prodotto, performance e funzione 0.7 Incremento del 20-40% Slittamento maggiore di 3 mesi Significativa riduzione nel prodotto, performance e funzione 0.9 Incremento maggiore del 40% Slittamento maggiore di 6 mesi Il prodotto è inutilizzabile e rigettato dal cliente

14 Risultato atteso per ciascuno di questi fattori conseguenze del fallimento Facendo la media CF = (somma dei valori per le conseguenze dei fattori di fallimento)/(numero dei fattori) Pesando ogni fattore CF = (0.6 * valore fattore costo) + (0.2 * valore fattore schedule) + + (0.2 * valore fattore performance) Anche in questo caso l assegnamento dei pesi è altamente soggettivo e deve essere analizzato attentamente

15 Valutazioni I valori di PF e CF vengono utilizzati per stabilire la gravità del rischio Valori più piccoli di 0.3 sono considerati minimali (rischio minimale) Valori fra 0.3 e 0.7 sono considerati moderati (rischio moderato) Valori superiori a 0.7 sono considerati valori di rischio alto

16 Critica all approccio Metodo altamente soggettivo per analizzare e quantificare i rischi SOLUZIONE: Fare sondaggi fra persone esperte e fare una media delle loro risposte produrrà una quantificazione del rischio più obiettiva

17 Come gestire un rischio? Evitarlo Prevenirlo (controllo) Assunzione (riconoscere un rischio e accettarne le conseguenze) Trasferimento Conoscenza attraverso la ricerca

18 Misurazioni di performance tecnica TPM: Misurazione continuativa di un attributo quantificabile del prodotto software 1. Fornire una misura del valore attuale di un attributo rispetto a quello pianificato 2. Fornire un rilevamento prematuro di problemi che richiedono attenzione tecnica o amministrativa 3. Fare da indicatore dell effetto dei cambiamenti nei prodotti software

19 Alcune tipiche TPM Utilizzo di memoria e CPU Capacità di I/O Affidabilità/disponibilità/manutenibilità Tempo di risposta Costo e schedule Completamento dei casi di test

20 Esempio rischi della specifica dei requisiti Il capo di Ray Luciani, Fred Shepherd, chiama Ray a rapporto per discutere un problema. Fred ha saputo che la specifica dei requisiti di un prodotto critico non è adeguata. Pare che: 1. Ci siano troppi requisiti TBD, 2. La qualità globale della specifica è povera, e si è progredito poco per rispondere alle deficienze della documentazione 3. Molti dei requisiti di interfaccia sono vaghi ed incompleti 4. Alcuni requisiti funzionali e non sono al centro di una lite contrattuale fra il cliente e l organizzazione 5. Il cliente si lamenta poiché ritiene che gli ingegneri del software non hanno capito molte cose riguardo all area di applicazione e a come gli operatori lavorano Molti, nella comunità di sviluppo del software pensano che la specifica si debba riscrivere e ridistribuire con un conseguente slittamento nella programmazione dello sviluppo del progetto

21 Esempio rischi della specifica dei requisiti Ray individuò cinque fattori di rischio specifici che, riteneva, si sarebbero direttamente associati con l occorrenza dell evento indesiderato: Che la specifica dei requisiti software avrebbe fallito di compiere la sua ragione d essere, quella cioè di definire accuratamente e completamente i requisiti funzionali e non funzionali del software da sviluppare. Un fallimento nella specifica porterebbe sicuramente delle gravi perdite in termini di costi, di piano del lavoro, di performance del prodotto

22 Esempio rischi della specifica dei requisiti Le cinque aree sono: 1. La chiusura dei requisiti TBD (completamento della definizione dei requisiti) 2. Considerare e affrontare le preoccupazioni degli operatori 3. Dettagli migliorati (specialmente quelli di input/output) 4. Qualità del documento migliorata 5. Risoluzione dei problemi nel contratto riguardanti i requisiti Ray stabilisce che a meno che queste 5 aree non vengano migliorate significativamente, saranno inevitabili notevoli conseguenze negative

23 Esempio rischi della specifica dei requisiti Conseguenze negative specifiche associate a questi fattori includono 1. Inizio tardivo del design del software 2. Alto livello dell attività di cambiamento 3. Cambiamenti tardivi ai requisiti (nel processo di sviluppo sw) 4. Compromessi nelle funzionalità e performance del prodotto

24 Esempio rischi della specifica dei requisiti Per ciascuna di queste componenti di rischio Ray ha costruito, con l aiuto dei colleghi, un range di possibili occorrenze Situazione best-case: Tutti i TBD vengono chiusi in modo soddisfacente in un mese I problemi degli operatori vengono sistemati presto La specifica viene rivista e redistribuita con un miglioramento sostanziale in dettaglio e qualità I problemi riguardanti il contratto vengono risolti con successo Situazione worst-case: Non si fa nulla, ci si disinteressa dei fattori critici evidenziati

25 Esempio rischi della specifica dei requisiti Successivamente Ray passa a stimare la probabilità di fallimento associata a ciascuno dei possibili risultati Esempio: Se tutti i TBD vengono sistemati in un mese, gli operatori soddisfatti, la qualità della specifica migliorata, il problema del contratto risolto, la probabilità di fallimento nello sviluppo (in termini di costo, schedule e performance) è approssimativamente 0.1 Se non viene fatta nessuna azione, la probabilità di fallimento è 0.9 Ora si tratta di riempire il resto del modello. Ray dovrà stimare l occorrenza più probabile o più attesa per ogni fattore

26 Esempio rischi della specifica dei requisiti Il primo fattore di rischio di cui Ray si occupa è quello dei TBD non risolti 1. Accertamento del grado di interesse e impegno del manager di chiudere i TBD (ottiene la lista intera dei TBD) 2. Revisiona questa informazione con il team di sviluppo 3. Considerata la serietà e la reputazione delle persone con cui ha parlato, la natura dei problemi tecnici, il grado di impegno del manager, pensa che ci siano buone probabilità che i TBD vengano chiusi in tempo (cioè che vengano inclusi nella corrente fase di design preliminare)

27 Esempio rischi della specifica dei requisiti Evento Tutti i TBD vengono chiusi in un mese 75% dei TBD vengono chiusi in 6 settimane Metà dei TBD vengono chiusi in 3 mesi 25% dei TBD vengono chiusi in 4 mesi Solo pochi TBD vengono in modo soddisfacente in 6-9 mesi Probabilità di fallimento

28 Esempio rischi della specifica dei requisiti Che probabilità di fallimento associare a questo fattore? Malgrado le garanzie e promesse fatte dal manager e malgrado il grado di impegno, Ray percepisce che più probabilmente solo il 75% si sarebbe completato in un mese, un mese e mezzo. A causa di questa conclusione assegna al fattore probabilità di fallimento 0.3 I TBD sono troppi, nello schedule non c è margine di errore, ogni TBD dovrà essere rigorosamente risolto in tempo Nello schedule c è poco tempo per la revisione

29 Esempio rischi della specifica dei requisiti PF ChiusuraTBD Operatori soddisfatti Dettagli migliorati Qualità migliorata Problema contratto 0.1 Tutti in un mese In gran parte soddisfatti Redistribuzione specifica Sì Sì 0.3 ¾ in 1.5 mesi ¾ soddisfatti Miglioramento significativo 75% 75% 0.5 ½ in 3 mesi ½ soddisfatti Qualche miglioramento 50% 50% 0.7 ¼ in 4 mesi ¼ soddisfatti Piccoli cambiamenti 25% 25% 0.9 Pochi in 6-9 mesi Ancora scontenti Nessun cambiamento No No

30 Esempio rischi della specifica dei requisiti CF Costo Schedule Performance 0.1 Impatto minimo Minimo Preoccupazione minima 0.3 Incremento del 5% Slittamento di 1 mese Piccola riduzione nella performance 0.5 Incremento del 10% Slittamento di 1-3 mese Qualche riduzione nella performance 0.7 Incremento del 25% Slittamento di 3 mesi Riduzione significativa nella performance 0.9 Incremento del 50% Slittamento di più di 3 mesi Performance insoddisfacente

31 Esempio rischi della specifica dei requisiti Ray stima che PF = ( )/ 5 = 0.34 CF = ( )/3 = 0.5 RF = PF + CF (PF * CF) = (0.34 * 0.50) = 0.67 Un fattore di rischio di 0.67 è moderato, ma vicino al limite 0.7, e sebbene accettabile, non può essere ignorato

32 Esempio rischi della specifica dei requisiti Lista di alcune idee per il piano di contenimento 1. Assegnare alcuni degli migliori ingegneri del software esperti per assistere gli ingegneri del team nel chiudere i TBD 2. Coinvolgere operatori di esperienza nel lavoro di design preliminare 3. Incoraggiare il manager a ripubblicare la specifica 4. Rendere noto al cliente del problema potenziale e di che cosa si sta facendo per correggere la situazione 5. Negoziare un cambiamento dello schedule del contratto 6. Dividere la specifica in due moduli separati e produrli sequenzialmente

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

Verifica e Validazione del Simulatore

Verifica e Validazione del Simulatore Verifica e del Simulatore I 4 passi principali del processo simulativo Formulare ed analizzare il problema Sviluppare il Modello del Sistema Raccolta e/o Stima dati per caratterizzare l uso del Modello

Dettagli

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE Roma, dicembre 1999 Analisi dei rischi in un progetto di sviluppo sw RISCHIO = potenziale difetto il cui verificarsi comporta dei danni Danno Non

Dettagli

5. Requisiti del Software II

5. Requisiti del Software II 5. Requisiti del Software II Come scoprire cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 5. Requisiti del Software II 1 / 22 Sommario 1 Generalità

Dettagli

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Le Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, sono state pubblicate nel 2004. Le seguenti FAQ sono state definite ed approvate da

Dettagli

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti Sviluppo Agile [Cockburn 2002] Extreme Programming (XP) [Beck 2000] Sono più importanti auto-organizzazione, collaborazione, comunicazione tra membri del team e adattabilità del prodotto rispetto ad ordine

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Piano di gestione della qualità

Piano di gestione della qualità Piano di gestione della qualità Pianificazione della qualità Politica ed obiettivi della qualità Riferimento ad un eventuale modello di qualità adottato Controllo della qualità Procedure di controllo.

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI

GESTIONE DEI PROGETTI GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

Coordinamento e comunicazione

Coordinamento e comunicazione Team Agili I membri del team devono fidarsi gli uni degli altri. Le competenze dei membri del team deve essere appropriata al problema. Evitare tutte le tossine che creano problemi Il team si organizza

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Progetto. Portale Turistico Regionale. Andrea Polini, Oliviero Riganelli, Massimo Troiani. Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica

Progetto. Portale Turistico Regionale. Andrea Polini, Oliviero Riganelli, Massimo Troiani. Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica Progetto Portale Turistico Regionale Andrea Polini, Oliviero Riganelli, Massimo Troiani Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) Progetto 1 / 12 Il progetto - descrizione

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Riepilogo/sommario

Dettagli

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo ISO 27000 family La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione Autore: R.Randazzo La Norme che hanno affrontato il Tema della gestione dei rischi Concetto di Rischio Agenda Il Rischio all interno della

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ingegneria del software. Gestione di progetto. Marina Mongiello

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ingegneria del software. Gestione di progetto. Marina Mongiello Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ingegneria del Gestione di progetto Contenuti Gestione di progetto Ruoli professionali Pianificazione di progetto Stima dei costi di progetto Rischi

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Quaderno N. 25 Ercole Colonese ercole@colonese.it Roma, 17 dicembre 2007 Argomenti trattati Valutazione del rischio

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software.

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Test Giulio Destri Ing. del Software: Test - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

I 10 errori fatali dell e-commerce. Conoscerli per evitarli

I 10 errori fatali dell e-commerce. Conoscerli per evitarli I 10 errori fatali dell e-commerce Conoscerli per evitarli Inquadramento Errori di Pianificazione Errori di Realizzazione Errori di Promozione Errori di Gestione Errori di Pianificazione 1) Assenza di

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

BYOD e virtualizzazione

BYOD e virtualizzazione Sondaggio BYOD e virtualizzazione Risultati dello studio Joel Barbier Joseph Bradley James Macaulay Richard Medcalf Christopher Reberger Introduzione Al giorno d'oggi occorre prendere atto dell'esistenza

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto)

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it 1 Il processo di

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO (adattato da: Guide to Quality Control for Small- and Medium-Sized Practices, Second Edition, IFAC, ottobre 2010) A. Premessa 1. Hai ottenuto

Dettagli

Web Risk Management. Come gestire i rischi di un progetto Web. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005

Web Risk Management. Come gestire i rischi di un progetto Web. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Web Risk Management Come gestire i rischi di un progetto Web e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Mentis innovazione e strategia Mentis crea strumenti innovativi per Aziende che vogliono sfruttare appieno

Dettagli

CICLO DELLE PRENOTAZIONI

CICLO DELLE PRENOTAZIONI CICLO DELLE PRENOTAZIONI UNA SFIDA ANTICA Quando nuove tecnologie raggiungono un alto livello di diffusione, si aprono solitamente nuovi campi di applicazione. La combinazione della diffusione della Telefonia

Dettagli

Organizzazione dello studio professionale

Organizzazione dello studio professionale Organizzazione dello studio professionale Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale e Tributario Partner 2014 Pagina 1 Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Ambito di applicazione 1. Il presente Principio deve essere applicato per la presentazione delle informazionifinanziarie

Dettagli

11. Evoluzione del Software

11. Evoluzione del Software 11. Evoluzione del Software Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 11. Evoluzione del Software 1 / 21 Evoluzione del Software - generalità Cosa,

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

02: Project Management

02: Project Management 02: Project Management Le tre P del project management Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

SCOPRITE SE I VOSTRI SITI WEB SONO PRONTI PER IL BLACK FRIDAY 11 MODI PER ELIMINARE I PROBLEMI DI PRESTAZIONI

SCOPRITE SE I VOSTRI SITI WEB SONO PRONTI PER IL BLACK FRIDAY 11 MODI PER ELIMINARE I PROBLEMI DI PRESTAZIONI SCOPRITE SE I VOSTRI SITI WEB SONO PRONTI PER IL BLACK FRIDAY 11 MODI PER ELIMINARE I PROBLEMI DI PRESTAZIONI COME INDIVIDUARE IN ANTICIPO I PROBLEMI LEGATI AI PICCHI DI TRAFFICO DURANTE L'ANNO I problemi

Dettagli

AUDIT CON VALORE AGGIUNTO (Traduzione del documento APG - Value-added auditing, a cura del Comitato SGQ di AICQ)

AUDIT CON VALORE AGGIUNTO (Traduzione del documento APG - Value-added auditing, a cura del Comitato SGQ di AICQ) AUDIT CON VALORE AGGIUNTO (Traduzione del documento APG - Value-added auditing, a cura del Comitato SGQ di AICQ) Cosa si intende per processo "con valore aggiunto"? Si parla spesso dell'importanza di "aggiungere

Dettagli

Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani

Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani www.sapienzafinanziaria.com Corso Sapienza Trading Automatico la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani Lezione n. 9 Edizione marzo / luglio 2015 Ottimizzazione di un sistema

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA CAPITOO 4 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 55 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 57 Questo capitolo descrive l uso del Q per sviluppare budget e piani di lavoro basati sul

Dettagli

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti.

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. 3 LEZIONE: Pensiero Computazionale Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. Obiettivo Principale: Introdurre il modello del Pensiero Computazionale come metodo per la risoluzione

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

Cambiare il Sistema Informativo

Cambiare il Sistema Informativo Cambiare il Sistema Informativo avvertenze e consigli per la partenza ex-novo o per la sostituzione di quello esistente Febbraio 2008 1 Contenuti Premessa Caratteristiche di un buon Sistema Informativo

Dettagli

Salvataggio di un progetto CRM in via di fallimento

Salvataggio di un progetto CRM in via di fallimento SALVATAGGIO DI UN PROGETTO CRM IN VIA DI FALLIMENTO 325 Capitolo 11 Salvataggio di un progetto CRM in via di fallimento 11.1 In breve 11.2 Fallimenti del progetto 11.3 Passo 1: valutazione 11.4 Passo 2:

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Progetto software 2008/2009. Docente Marianna Nicolosi Asmundo

Progetto software 2008/2009. Docente Marianna Nicolosi Asmundo Progetto software 2008/2009 Docente Marianna Nicolosi Asmundo Obiettivi del corso Coinvolgervi nello sviluppo di un progetto software in cui mettere a frutto le conoscenze che avete acquisito durante i

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

Ricerca europea per le Associazioni di imprese

Ricerca europea per le Associazioni di imprese Ricerca europea per le Associazioni di imprese Eurosportello del Veneto Via delle Industrie, 19/d 3175 Venezia Tel. +39 41 99 9411 - Fax +39 41 99 941 E-mail: europa@eurosportelloveneto.it www.eurosportelloveneto.it

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA).

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). Ing Paolo Neri 4 Settembre 2014 Associazione Vecchie e Nuove Povertà Empoli IL «PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA» Missione: favorire l uscita dal

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI Pagina 1 di 10 GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE DISTRIBUZIONE Fornitori di beni e servizi Documento pubblicato su www.comune.torino.it/progettoqualita/procedure.shtml APPLICAZIONE SPERIMENTALE Stato del documento

Dettagli

La gestione dei progetti software

La gestione dei progetti software La gestione dei progetti software L applicazione della metodologia di Project Management nella gestione dei progetti di sviluppo software nelle piccole e medie imprese Ercole F. Colonese Versione 1.0 -

Dettagli

Leveling delle attività

Leveling delle attività Leveling delle attività Metodi per risolvere i conflitti di allocazione delle attività Allocare in modo non-uniforme Ritardare un attività Prima le attività con slack più alto Nel caso di attività con

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

12. Evoluzione del Software

12. Evoluzione del Software 12. Evoluzione del Software Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 12. Evoluzione del Software 1 / 21 Evoluzione del Software - generalità Cosa,

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Identificatori delle entità

Identificatori delle entità Identificatori delle entità Permettono di identificare in maniera univoca le occorrenze delle entità Ogni entità deve averne (almeno) uno Targa Automobile Modello Colore Nome Persona Data di nascita Indirizzo

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi Project Management Modulo: Introduzione prof. ing. Guido Guizzi Definizione di Project Management Processo unico consistente in un insieme di attività coordinate con scadenze iniziali e finali, intraprese

Dettagli

T U O T E M P O ELETTRONICA DEGLI QUALITÀ DEL SERVIZIO E BENEFICI ECONOMICI PER CENTRI DI BELLEZZA E BENESSERE.

T U O T E M P O ELETTRONICA DEGLI QUALITÀ DEL SERVIZIO E BENEFICI ECONOMICI PER CENTRI DI BELLEZZA E BENESSERE. T U T E M P GESTINE ELETTRNICA DEGLI APPUNTAMENTI QUALITÀ DEL SERVIZI E BENEFICI ECNMICI PER CENTRI DI BELLEZZA E BENESSERE. IL CICL DELLE PRENTAZINI UNA SFIDA ANTICA Quando nuove tecnologie raggiungono

Dettagli

Ferdinando Gorga Rational Europe Tiger Team Twitter: @fergor. Come la tecnologia Rational induce consistenti risparmi economici nei progetti software

Ferdinando Gorga Rational Europe Tiger Team Twitter: @fergor. Come la tecnologia Rational induce consistenti risparmi economici nei progetti software Ferdinando Gorga Rational Europe Tiger Team Twitter: @fergor Come la tecnologia Rational induce consistenti risparmi economici nei progetti software Come risparmiare 10.000 euro all'anno a sviluppatore

Dettagli

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese delle imprese presentazione Le imprese che avviano un attività di esportazione hanno la possibilità di cogliere una serie importante di opportunità di sviluppo e prosperità quali ad esempio: aumento del

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

UN ESEMPIO DI VALUTAZIONE

UN ESEMPIO DI VALUTAZIONE UN ESEMPIO DI VALUTAZIONE Processo di Performance Review (PR) Luisa Macciocca 1 Che cos è una PR? La PR è un sistema formale di gestione della performance La gestione della performance è: un processo a

Dettagli

ANALISI CLIMA AZIENDALE. Azienda SRL

ANALISI CLIMA AZIENDALE. Azienda SRL ANALISI CLIMA AZIENDALE Azienda SRL PREMESSA I. SCOPO Scopo di questa Procedura è valutare il risultato dell'indagine sui 9 fattori ambientali secondo quanto rilevato dall'analisi dei questionari distribuiti

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Il processo di progettazione. Convalida. Verifica. Progettazione partecipativa. Obiettivi della valutazione. La valutazione dell usabilita

Il processo di progettazione. Convalida. Verifica. Progettazione partecipativa. Obiettivi della valutazione. La valutazione dell usabilita Il processo di progettazione La valutazione dell usabilita requisiti analisi utenza design iterazione prototipazione implementazione e attivazione Convalida e valutazione usabilità Informatica applicata

Dettagli

Stima delle Risorse di un Progetto

Stima delle Risorse di un Progetto Stima delle Risorse di un Progetto di Vito Madaio (Quali sono i benefici delle stime, i principali approcci e come utilizzarle nei progetti reali.) La stima delle esigenze di risorse di solito si effettua

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

La consulenza nel campo assicurativo

La consulenza nel campo assicurativo La consulenza nel campo assicurativo inizio Perché i delfini? Perché ci somigliano: intelligenti, abili, veloci, si muovono esperti nel loro vasto blu. Su di loro si può sempre contare. inizio Studi recenti

Dettagli

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese in collaborazione con: Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese Indagine sulla tessitura conto terzi RICERCA SULLA FILIERA TESSILE DEL DISTRETTO PRATESE Indagine sulle aziende di tessitura conto

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Costi e ricavi per la pianificazione dell attività Budget e marchi di impresa

Dettagli

Correttezza. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 10. A. Miola Novembre 2007

Correttezza. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 10. A. Miola Novembre 2007 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 10 Correttezza A. Miola Novembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Correttezza 1 Contenuti Introduzione alla correttezza

Dettagli

La specifica del problema

La specifica del problema 2.9 (Caso di studio facoltativo) Pensare a oggetti: esame del problema Iniziamo ora a esaminare il nostro caso di studio di progettazione e implementazione orientate agli oggetti. Le sezioni Pensare a

Dettagli

_ Il presente questionario è stato predisposto in collaborazione con il CDR Servizi Informativi

_ Il presente questionario è stato predisposto in collaborazione con il CDR Servizi Informativi RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAGLI UTENTI DEI SERVIZI INTERNI EROGATI DAL CDR SERVIZI INFORMATIVI Dati individuali del rispondente: Età Titolo di studio Settore di appartenenza A) RILEVAZIONE FABBISOGNI

Dettagli