HFT. di Giovanni Bottazzi *, Alfonso Scarano ** NOTE * Socio Aiaf dal 1989, ** Socio Aiaf dal 1997, analista finanziario indipendente,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HFT. di Giovanni Bottazzi *, Alfonso Scarano ** NOTE * Socio Aiaf dal 1989, ** Socio Aiaf dal 1997, analista finanziario indipendente,"

Transcript

1 di Giovanni Bottazzi *, Alfonso Scarano ** L argomento è un campo di applicazione delle tecnologie telematiche e della statistica applicata, ma qui ci interessa principalmente l aspetto del funzionamento del mercato. Si direbbe un tema comunque per specialisti e, invece, non è difficile ma anzi estremamente importante intuirne le potenzialità dirompenti e, quindi, l urgenza di una sua maggiore conoscenza da parte dell opinione pubblica. Nella speranza di raggiungere anche non addetti ai lavori, ci sforzeremo di esporre i fatti con la massima chiarezza, chiedendo venia agli altri per le necessarie semplificazioni. Negli anni recenti il progresso nella trasmissione ed esecuzione degli ordini per via telematica ha inciso profondamente sull operatività del mercato borsistico, rendendo molto più economiche, veloci, funzionali e, quindi, molto più ampiamente seguite alcune pratiche già note in precedenza che però non potevano essere impiegate in così larga scala. L esempio più immediatamente accessibile a cui possiamo connettere la denominazione di High Frequecy Trading è quello della frammentazione degli ordini e la loro immissione sul mercato in tempi rapidissimi, adottata allo scopo di minimizzare l impatto sul mercato di ordini importanti e, quindi, il costo medio ponderato dell operazione. Ma questa è solo una tra le varie strategie supportate dalla nuova tecnologia, che possiamo distinguere in due categorie: nella prima categoria rientrano alcune pratiche configuranti chiaramente abuso e manipolazione del mercato che sono ovunque riprovate, se non Gli High-Frequency tecnologia, non del mercato espressamente vietate, come quella di precorrere gli ordini traendone informazione preventiva, già nota in passato come front running (concorrenza sleale con il cliente), che anni fa era stata offerta quale servizio di negoziazione ultraveloce detto flash orders; nella seconda categoria rientrano pratiche invece generalmente ammesse, come appunto la parcellizzazione degli ordini, gli HFT. Tuttavia anche queste ultime pratiche sono oggetto di critiche da parte di molti osservatori, per i quali il sottile confine tra lecito e illecito sarebbe superato. In questione c è una forma di deterioramento del mercato in rapidissima espansione, la cui pericolosità sta proprio nelle apparenze di un radioso pro- gresso tecnologico. Alla luce di quanto ci è dato di conoscere oggi, a noi sembra di non poter escludere la natura parassi- taria delle pratiche operative tipo HFT, a spese del mercato finanziario; una specie di edera alimentata dalla linfa vitale dell albero aggredito. Difficile tesserne le lodi, ma è certo che l albero è destinato ad intristire, prima o poi. Non cadrà subito, ma si schianterà alla prima tempesta. Qui di seguito esponiamo in breve la natura del fenomeno con particolare attenzione appunto alla sua problematicità, legata all oggettiva difficoltà di individuare il limite del lecito nei casi concreti. La finanza, una presenza ingombrante Nel perdurare di una crisi finanziaria ed economica che non vuole finire, molti avvertono la tirannia dei mercati finanziari, ormai quasi ostili all economia, una finanza diventata padrona, e si chiedono se tutto questo sia un male proprio necessario. E vero che i mercati finanziari non godono in genere di molto apprezzamento per la loro funzione neppure nella normalità, figurarsi quando fanno notizia per i loro eccessi; ma forse questa volta c è qualcosa di più. Che cosa ha incrinato negli anni recenti il rapporto tra finanza ed economia? Come esperti del mercato finanziario dobbiamo dare una risposta convincente: nella presente nota suggeriamo alcuni spunti in questo senso. Nel generale ma generico riconoscimento dell utilità dei mercati finanziari - l incontro tra domanda ed offerta, nel caso specifico tra fornitori e utilizzatori dei capitali - le Borse tradizionali realizzavano NOTE * Socio Aiaf dal 1989, ** Socio Aiaf dal 1997, analista finanziario indipendente, HFT

2 Gli High-Frequency tecnologia, non del mercato lo scopo facendo convergere in uno stesso luogo e in uno stesso orario domanda ed offerta. Per molto tempo il mercato è stato un luogo fisico in cui si concentravano le contrattazioni secondo precisi calendari e orari, erano ammessi certi titoli e certi intermediari, erano rigidamente stabiliti tipi di contratti, comportamenti da seguire, insomma, le regole. Queste per almeno due secoli hanno consentito alle Borse di operare al servizio delle economie, pur con tutte le esagerazioni dovute agli eccessi della speculazione nelle alterne fasi di euforia e di panico. Ma le recenti trasformazioni dei mercati rendono il riconoscimento delle regole ancor più cruciale. ora alla corte della tecnologia Da sempre l organizzazione e il funzionamento delle Borse sono stati profondamente segnati dalla tecnologia. Prima è stata l ampia diffusione del telefono che, collegando sempre più facilmente le voci, ha reso obsoleti molti luoghi di contrattazione di Borsa, i quali si sono così ridotti di numero; poi l avvento della telematica, con una capacità crescente esponenzialmente, ha profondamente inciso sul meccanismo stesso delle contrattazioni. La negoziazione per via telematica, infatti, ha consentito al singolo operatore di vedere il mercato senza spostarsi dal suo studio, tanto da rendere inutile nel giro di pochi lustri lo stesso luogo fisico della Borsa: bastavano le regole del mercato. Così, dopo di allora, l unica e- spressione possibile per definire questo mercato era appunto un termine figurato: il luogo delle regole. Però la tecnologia ha proseguito la sua corsa e, diffondendosi a tutti i livelli, è diventata in breve strumento cruciale in termini di velocità operativa, e quindi addirittura protagonista della scena. Nel mercato tradizionale la gara fra partecipanti verteva principalmente sull informazione vincente, ricercata sia correttamente mediante lo studio dei bilanci e di altri fatti societari, sia mediante la corsa alle informazioni privilegiate, questa sì fuori dalle regole. Tutto questo spingeva verso una problematica asimmetria informativa tra gli attori. Ma ora i partecipanti al mercato sono impegnati in un altro tipo di gara: a chi dispone di strumenti elaborativi più efficienti e veloci, in una corsa questa volta verso una asimmetria tecnologica che, da un lato, ha poco di finanziario e, dall altro, è foriera di nuove problematiche. La tecnologia ad alta velocità ripropone all attenzione le distanze fisiche Bizzarrie dell evoluzione dei mercati finanziari, proprio l avanzamento tecnologico spinto al parossismo dopo circa due decenni riporta alla ribalta, sia pure in termini e dimensioni più sottili, un problema che sembrava definitivamente superato: la distanza fisica tra l operatore e il mercato, che si riprende ora la rivincita, ritornando attuale ed importante, in una specie di ricorso della storia. Vista l abilità dell operatore tecnologico nel profittare al meglio della velocità operativa dei sistemi di negoziazione, che si misura ormai in pochi millisecondi, diventava determinante il ritardo degli ordini dovuto alla sua distanza fisica dal book di negoziazione. Tecnicamente, il tempo di latenza è appunto quello impiegato dal segnale che trasporta l ordine per passare da un punto all altro. Siccome gli ordini possono viaggiare nei cavi di fibra ottica a velocità diciamo di 200 mila chilometri al secondo, ossia non molto inferiore ai 300mila della luce nel vuoto, diventano rilevanti, ai fini della precedenza nell esecuzione degli ordini, frazioni di secondo pari ad un millesimo, il tempo impiegato da un ordine telematico a percorrere 200 chilometri. Per esempio, se il book di negoziazione è parte di un sistema elettronico di elaborazione situato a Londra, l operatore residente nel Regno Unito ha, per questo, un vantaggio di circa 6 millisecondi rispetto al suo collega di Milano, situato a circa chilometri di distanza, anzi il doppio, considerando anche il ritorno della conferma d ordine; oltre al vantaggio della migliore affidabilità del sistema, visto che il cavo è più corto. In concreto i tecnicismi sono molto più complessi, perché oltre alla rete di cavi occorre considerare tutti i passaggi attraverso i circuiti nei vari programmi applicativi, ognuno dei quali ha un certo tempo di risposta. Il tutto appunto nell'ordine dei millisecondi. Il tempo di latenza complessivo, del tutto irrilevante in termini di decisioni 2

3 HFT a livello umano, lo è invece in termini telematici: è sufficiente perché un sistema automatizzato di negoziazione, adeguatamente istruito e programmato, possa verificare la situazione vantaggiosa delle proposte presenti nel book di negoziazione e trasmettere ordini di conseguenza. In definitiva, allo scopo di ridurre i tempi di latenza degli ordini non solo è necessario impiegare computer superveloci, dotati addirittura di particolari sistemi operativi dedicati, e di algoritmi studiati in modo da ridurre al minimo i tempi di individuazione della soglia critica di decisione e di trasmissione degli ordini, ma occorre posizionarli il più vicino possibile al luogo in cui si formano i prezzi o, meglio ancora, addirittura nel palazzo di una Borsa o altro sistema di negoziazione multilaterale (co-location). Una nuova corsa alla concentrazione, ma questa volta dei nodi telematici. e consente ad alcuni nuove tecniche operative Di operazioni ad alta velocità si ha notizia ad iniziare dal 2001, negli Stati Uniti, ma ora si sa che il fenomeno era già consistente e in e- spansione nel 2006, tanto da provocare nel 2009 un certo allarme negli ambienti finanziari ed in una parte dell opinione pubblica, già duramente colpita dalla crisi finanziaria e dal disprezzo di ogni buona regola palesato da grandi banchieri. Si scopriva infatti che i comportamenti malsani proseguivano mutati soltanto i mezzi e i metodi adottati. 3 L occasione fu la denuncia del furto di un suo set di codici informatici, appunto del tipo HFT, da parte della banca d affari Goldman Sachs, che dichiarava implicitamente le potenzialità di pesanti manipolazioni del mercato degli HFT, nel caso gli stessi fossero pervenuti nelle mani sbagliate. La cosa colpì i commentatori della stampa USA, già insospettitisi per i grossi utili realizzati dalla stessa banca d affari nonostante i tempi così avversi. Sotto accusa erano operazioni al momento di ardua classificazione, se rimanessero entro il limite delle specifiche normative o se lo superassero; ma l oggetto del discorso rimaneva piuttosto vago, per via di una certa commistione di pratiche diverse, sebbene tutte accomunate dalla rapidità di esecuzione consentita dalla tecnologia avanzata. Infatti si puntava il dito all impiego sia dei Flash Orders, quello più incriminato, sia degli High Frequency Trading, proposti da alcune società-mercato, senza ben precisarne il diverso merito (o demerito). In particolare, nel caso dei Flash Orders, già nel 2006 era stata offerta a taluni operatori, privilegiati nelle capacità tecnologiche e aderenti al servizio (a pagamento), la possibilità di immettere proposte di negoziazione di breve durata che poi venivano cancellate, una volta raggiunto lo scopo. Questo consentiva un certo vantaggio, un anticipo di circa 30 millisecondi, rispetto alla generalità degli utenti. Si comprende che il vantaggio configura una situazione anomala che, parafrasando, si può presentare grossolanamente così. Alcuni commensali potevano vedere in anteprima il piatto di portata prima degli altri e quindi servirsi dei bocconi più prelibati: una vera e propria fattispecie di abuso e manipolazione di mercato, contemplata e in qualche caso punita dalla legge. Di fronte all esplosione della denuncia si è fatta poi marcia indietro su base volontaria da parte delle società mercato, a cominciare dal Nasdaq, come pure molte altre societàmercato, anche in Europa. Più ampio è il discorso per la pratica nota come HFT. Si tratta in realtà di un insieme di impieghi di strategie che costituisce ormai un fenomeno di dimensioni ben maggiori: si stima che negli USA oltre il 70% del volume degli scambi azionari sia realizzato tramite HFT, mentre in Europa la percentuale, ancora inferiore, sta però rapidamente crescendo. Le denominazioni di queste operazioni sono varie. Il campo è quello della negoziazione automatica (Automated Trading) in cui la decisione se inviare o meno l ordine di acquisto o di vendita di un titolo è demandata al computer, opportunamente istruito per effettuare un filtro sui vari parametri riscontrati sul mercato, prezzo, quantità ed altri. Se riscontra le condizioni adatte, il meccanismo fa partire l ordine in acquisto o in vendita, senza alcun intervento umano nel definire il momento dell intervento. Le istruzioni di programma richiedono speciali algo-

4 Gli High-Frequency tecnologia, non del mercato ritmi studiati ad hoc e, quindi, valgono anche altre denominazioni, come Algo (rithmic)trading, Auto-trading, Robo Trading, Black-box Trading ecc.. Non è difficile trovare un antesignano nella pratica iniziata già oltre due decenni orsono: era il Program trading, utilizzato specificamente nell arbitraggio in contratti futures su indici azionari, con lo scopo di eseguire contemporaneamente negoziazioni su un gruppo di titoli. In particolare, gli HFT Sono numerose le tecniche in cui l idea iniziale degli HFT ha potuto combinarsi. Una delle tecniche seguite consiste nell inserire ordini alla maniera del market-making. Si tratta di una specie di quotazione domanda/offerta, appunto market making, su un certo titolo, con piccole variazioni di prezzo. Ogni volta viene esposta una proposta di negoziazione (PDN) in acquisto in lieve rialzo rispetto alla migliore preesistente e, contemporaneamente, una PDN in vendita in lieve ribasso. In tal modo la forbice (spread) tra domanda ed offerta si restringe un pochino. Se va a buon fine l offerta di acquisto, è molto probabile che vada a buon fine anche quella esposta come migliore in vendita, che era un pochino inferiore; viceversa, se va a buon fine l offerta in vendita, è molto probabile NOTA 1 Equity Trading in the 21st Century, James J. Angel, Lawrence E. Harris, Chester S. Spatt, Carnegie Mellon Tepper School of Business, Georgetown University, USC Marshall School of business, 23 febbraio che vada a buon fine anche quella in acquisto, che era pochino inferiore superiore. Naturalmente hanno importanza la tipologia delle proposte di affari di cui è consentita l immissione dagli specifici regolamenti, ma anche le caratteristiche e le capacità tecniche della piattaforma di negoziazione. Ogni volta il guadagno è piccolo; però va moltiplicato per moltissime volte, non soltanto perché può essere replicato molte volte sullo stesso titolo, ma anche perché la stessa strategia può essere replicata su una moltitudine di titoli diversi: basta che il book presenti le caratteristiche desiderate. Gli operatori che dispongono di mezzi più lenti, che sono la maggioranza, difficilmente si accorgono di questa furberia (o canagliata), perché non possono vedere la situazione di base. Infatti la novità è, ora, che gli algoritmi scattano prima ancora che la fotografia della situazione di base sia visibile sugli schermi, cosicché il processo avviene in una specie di camera oscura ed è rivelato solo a posteriori dall esame degli ordini eseguiti. 4 Altre strategie sono quelle dell arbitraggio inter-market, del trendfollowing di brevissimo periodo, una forma di automatizzazione della tecnica già nota come scalping; ma altre ce ne sono che vanno oltre il limite del lecito, costituendo abuso e manipolazione di mercato. In particolare il Gaming consiste nel lanciare ordini senza volontà di negoziare e, similmente, il Pinging consiste nel sondare il book di negoziazione con un gran numero di ordini civetta che vengono immediatamente cancellati, senza parlare del già citato Front Running. Non sfugga che queste tecniche sono consentite dalla disponibilità di tipi particolari di proposte di negoziazione quali specialmente Esegui o cancella (Fill or Kill), che infatti non sono contemplate dalle Borse più serie. Resta da chiarire se veramente la strategia HFT sia priva di ogni rischio: probabilmente non è del tutto vero; ma anche se fosse presente, il rischio sarebbe piccolissimo, data la rapidità con cui avviene il gioco, per cui in pratica non hanno tempo ad agire le tendenze del mercato. Hanno titolo gli HTF ad un posto nella buona finanza? E arduo individuare il merito degli HFT in termini di efficienza del mercato nelle sue varie forme, sia perché gli studi in proposito, generalmente di marca USA, difficilmente prendono decisa posizione, sia per i tecnicismi dei singoli specifici mercati; eppure questo è il punto cruciale ai fini di una migliore regolamentazione, per consentire soltanto quelle pratiche che non minano la qualità del mercato. Tuttavia, già ora sembra chiaro che ne sarebbero poco interessate l efficienza informativa e quella allocativa, mentre ne è certamente coinvolta l efficienza operativa. Cominciamo da quest ultima. Negli anni recenti il progresso operativo dei mercati è stato molto intenso, come mostrano alcune evidenze statistiche rilevate dal 2004 al

5 HFT per NYSE e Nasdaq: nonostante la decisa crescita dei volumi complessivi, la dimensione media dei contratti è andata diminuendo, come pure il tempo medio di esecuzione degli ordini, la forbice delle quotazioni domanda-offerta è andata restringendosi sensibilmente, il numero medio per minuto delle appostazioni (PDN o quotes) sui book di negoziazione è aumentato, è cresciuto il rapporto tra PDN cancellate e PDN eseguite. Tutte queste tendenze concordano con la forte espansione avvenuta nell impiego degli HFT che, come già ricordato, coprono ormai quote preponderanti degli scambi; ma lasciano inalterati i dubbi circa le loro conseguenze pratiche, di cui solo alcune sono abbastanza bene accertabili. Infatti, sembra che la moltiplicazione artificiale degli ordini concorra a mettere in difficoltà le piattaforme operative proprio nei momenti più critici, quali quelli recenti verificatisi nella prima decade di agosto 2011 alla Borsa di Milano, oltre al ben noto Flash Crash del 6 maggio 2010 a New York. Da parte loro, gli operatori HFT si attribuiscono la qualità di market maker secondari. In realtà non possono ritenersi tali non soltanto perché non sono riconosciuti dalla Borse o simili, ma perché non fornirebbero vera liquidità al mercato, liquidità strutturale, come fanno i veri market maker; anzi, facilmente questa apparente liquidità è prontissima ad evaporare proprio nei momenti in cui sarebbe maggiormente richiesta per il mantenimento di un mercato ordinato. Gli estimatori portano a merito degli HFT anche l accrescimento della liquidità. Ma è dubbio che si tratti di vera liquidità, data la pratica diffusa della cancellazione delle proposte con l ampio uso delle proposte esegui o cancella che rivela tutto il disinteresse per quel titolo. Quanto all efficienza informativa, esistono elementi utili a giudicare se gli HFT abbiano merito per essere considerati oggetti di natura finanziaria. Innanzitutto v è l assoluta indifferenza dell operatore in HFT rispetto al titolo preso di mira, non rilevando né la sua sostanza societaria, né la sua collocazione settoriale o geografica, né la sua redditività. Importanti sono soltanto le caratteristiche del book di negoziazione in un certo momento. Però questa indifferenza vale anche per le operazioni dettate da altre strategie, come l analisi tecnica di mercato, che sfrutta le tendenze rilevate nei prezzi per assecondarle o comunque beneficiarne nel tempo e, quindi, non sarebbe sufficiente a denotare gli HFT. La vera discriminante delle operazioni HFT sta nella loro stessa natura, quella di ridurre al minimo il tempo di realizzazione della strategia e di uscirne senza posizioni aperte, con rischio praticamente nullo. Infatti, o si realizzano tutti questi obiettivi o la strategia è fallita. A ben vedere, si tratta di elementi esattamente opposti a quelli dell investimento finanziario, tempo e rischio, come denota 5 il periodo praticamente nullo di detenzione dei titoli: gli operatori dalle mani leste godono di un vantaggio che ben poco ha in comune con l investimento finanziario, Sembra lecito affermare che le operazioni ultraveloci: non recano al mercato nuove informazioni sul titolo, ma, come del resto l analisi tecnica, cercano di estrarre dal mercato stesso le informazioni utili all operatività, alterano il percorso di formazione del prezzo, anche se in modo e misura sottili e indefinibili, con una menomazione della capacità di price discovery. sottraggono alle controparti una quota del vantaggio atteso. Gli HFT non possono neppure vantare in generale il merito dell arbitraggio 2, che ricompone momentanei disallineamenti dei prezzi, dando un contributo virtuoso quanto ad efficienza del mercato a vantaggio di tutti: infatti risulta sistematicamente privilegiata una parte a danno di tutti gli altri, visto che il gioco è a somma zero. Quanto poi all efficienza allocativa, occorre chiedersi quale beneficio possano trarne gli utenti finali del mercato, tra cui le società emittenti, se qualcuno arriva un attimo prima degli altri a definire il prezzo. Forse sarebbe saggio tentare di sottrarsi all apparente ineluttabilità di questo fittizio progresso cercando soluzioni NOTA 2 Salvo che, appunto operino in termini di arbitraggio, per esempio tra mercati diversi.

6 Gli High-Frequency tecnologia, non del mercato alternative alle tecniche impiegate per la formazione dei prezzi dei titoli della continua 3. Non si riesce infatti a nascondere la sensazione di frivolezza suscitata da queste che appaiono come sofisticherie tecnologiche, a fronte della seria esigenza di finanziamento di capitale di rischio da parte delle società che stanno in Borsa. Che cosa ha a che fare la velocità di esecuzione di un ordine che, in breve, si risolve nella sostituzione di una controparte con l altra più veloce, con la fissazione di un prezzo pochissimo differente? Quanto ne beneficiano gli operatori finali, sui quali, in definitiva, gravano i maggiori costi di questa continua innovazione? Un acuto della tecnologica, ma per il mercato forse un fallimento strisciante Riteniamo che le autorità di controllo del mercato finanziario dovranno al più presto fugare i dubbi serpeggianti nell opinione pubblica, ovviamente composta non soltanto da superesperti della microstruttura dei mercati finanziari, e smentire la copiosa autodifesa prodotta nel frattempo dalle stesse realtà poste sotto accusa. In tema di liceità, non sembra ancora chiarito se gli HFT abbiano natura diversa dal front running, operazioni che precorrono l ordine ricevuto NOTA 3 Ad esempio, per i titoli non principali, forse sarebbe opportuno pensare a procedure di formazione dei prezzi meno febbrili, del tipo fixing, magari con tempi e modi randomizzati, in modo da scoraggiare altre forme di manipolazione del mercato. dall intermediario e ancora inevaso, attuate dallo stesso a proprio vantaggio, le quali sono riconosciute come illecite e punite ovunque come fraudolente. Va chiarito se l unica differenza rilevante sia soltanto la circostanza che qui il danneggiato è ben conosciuto, come cliente dell intermediario (che quindi può difendersi dalla canagliata ripudiandolo), mentre nel caso degli l HFT è lontano e sconosciuto, l intero mercato. Perché, per i resto, il nocciolo della questione è lo stesso: attingere dal mercato informazioni privilegiate nel tempo. Secondo il sentimento comune, gli HFT sono accompagnati sin dall origine dall accusa di compromettere la regola cardine del mercato, la parità di accesso fra tutti i partecipanti, senza di cui un mercato non può garantire concorrenza leale (fair) ed essere ordinato ed efficiente, secondo i vari tipi di efficienza, informativa, operativa, allocativa. Consentire a qualcuno di vedere il mercato prima degli altri e di beneficiare così di una rendita di posizione senza rischio sarebbe una deroga devastante. Non sarebbe impossibile trovare rimedi ai problemi, con poche regole chiare e obbligatorie. Molti propongono semplicemente di imporre l obbligo della persistenza per un tempo minimo delle PDN sul book di negoziazione, salvo che venga chiusa da una PDN di segno contrario per applicazione, in modo da consentirne a tutti la sua visibilità. Si potrebbe anche ridurre il campo di applicazione degli ordini di tipo Esegui o cancella, che più si prestano alle strategie meno trasparenti. Verosimilmente altre proposte sarebbero attuabili, se davvero si volesse rendere il mercato meglio frequentato. Per esempio, visto che gli HFT sono responsabili dell occupazione di una quota importante delle capacità operative delle piattaforme moltiplicando a dismisura le PDN inviate, che a scopi obliqui, vista la loro successiva immediata cancellazione. inzeppano il book di negoziazione oscurandone la prospettiva come un invasione di locuste, sarebbe opportuno tassare gli autori in proporzione delle PDN, non dei volumi realizzati o altri parametri lontani dalla realtà. Questo varrebbe anche a disincentivare quest uso perverso che sfrutta a vantaggio di pochi il bene comune che è la capacità della piattaforma. Forse, queste limitazioni dell impiego delle nuove tecniche aggressive potrebbero allontanare momentaneamente i frequentatori più aggressivi e, magari, portare una flessione degli scambi; ma certamente i danni sarebbero facilmente recuperati da coloro che, desiderando operare in mercati meglio frequentati, lascerebbero ben volentieri quelli più disinvolti. Scelte certo coraggiose per le societàmercato, ormai soggette alla pressione di azionisti privati desiderosi di lauti e pronti dividendi. Nell assenza di qualche limitazione, oggi vale il principio di arbitraggio fra mercati per regolamentazione, una specie di legge di Gresham per cui il mercato cattivo scaccia quello buono. E serio il pericolo che l attività di scambio migri verso un mercato cen- 6

7 HFT trale, disertando e marginalizzando ulteriormente le altre piazze; e con quelle anche le società di non grandi o grandissime dimensioni, proprio il quadro del tessuto imprenditoriale italiano. Da anni (Quaderno Aiaf n. 136) avevamo denunziato altre forme di concentrazione degli scambi dovuta proprio alla sempre maggiore cura per i titoli più importanti e, correlativamente, la minore attenzione agli altri titoli; una contraddizione per quelli che sono i fini riconosciuti alle Borse valori. I problemi restano La patata bollente è ora nelle mani degli organi di controllo e vigilanza dei mercati finanziari che, anche se consci del problema, come risulta dai lavori degli organi internazionali di coordinamento, ESMA (già CESR) e IOSCO 4, si trovano a dover affrontare compiti difficili ed a forzare i tempi per proporre alla politica le soluzioni necessarie 5. La Direttiva 2003/6/CE al 2003 concernente la normativa europea sugli abusi di mercato non prevede questi sviluppi tecnologici che rendono inadeguata la visualizzazione del book sugli schermi, consentendo vantaggi solo a qualcuno. I controllori: Primo, devono chiarire su base scientifica i dubbi esposti circa la liceità di certi comportamenti, compito che esige analisi sofisticate. Allo scopo, devono utilizzare gli stessi metodi impiegati dagli intermediari indagati, che non sono soltanto quelli dell indagine puntuale, PDN per PDN immessa, ma anche metodi stocastici che accumulano i risultati, a cadenza di pochi millisecondi, per verificare a chi va sistematicamente il lucro. In questo ambito, un contributo di analisi può essere fornito da centri di ricerca universitari o simili. Questi però devono avere la possibilità di accedere alla registrazione delle sequenze di dati di mercato (una istituzione di interesse pubblico) in termini di PDN del book di negoziazione, per analizzarle con la cadenza temporale necessaria, nei modi che garantiscano l anonimato degli operatori. Secondo, devono valutare l opportunità di interventi correttivi o limitativi in tema di liceità delle operazioni basate sul differenziale di velocità. Devono anche superare le difficoltà frapposte dalle obiezioni degli interessati, i quali oppongono che ogni limitazione all operatività di queste tecniche frenerebbe il miglioramento dell efficienza operativa del mercato in termini di velocità. In altre parole, devono evitare di apparire oscurantisti opponendosi allo sviluppo della tecnologia. Inoltre, i controllori debbono perseguire i comportamenti da sanzionare inseguendo con mezzi altrettanto veloci grandi operatori dotati di imponenti mezzi supertecnologici. 7 Ma lo psicodramma dei controllori non finisce qui, perché si sentono frustrati dalla situazione dei mercati intercomunicanti. Notoriamente, non sarebbe validamente proponibile alcuna limitazione in ambito locale, in un mercato finanziario ormai globale ove vige l arbitraggio regolamentare. Il risultato sarebbe infatti di far defluire gli scambi altrove. In realtà, si ritorna alla vera responsabilità che è quella della politica, quella a livello internazionale, ove ogni accordo incontra l opposizione di go- verni impotenti perché succubi degli interessi delle organizzazioni finanziarie dominanti, quelle che traggo- no i maggiori vantaggi dall attuale situazione sottoregolata. L unico vero investimento degli operatori HFT è quello nelle attrezzature superveloci e nel software richie- NOTE 4 OICV-IOSCO, Technical Committee of the International Organization of Security Commissions, Regulatory Issues Raised by the Impact of Technological Canges on Market Integrity and Efficiency Consultation Report, luglio Tra i molti problemi, in Europa (Mi.FID) c è anche quello della fissazione dei tempi per assicurare l esecuzione degli ordini in modo corretto (best execution). Negli Stati Uniti è fatto obbligo, a carico della societàmercato, di passare immediatamente ad altro mercato l ordine ineseguito e non eseguibile alle migliori condizioni. Infatti il termine immediatamente risulta ormai troppo vago di fronte alla velocità dei sistemi elettronici e si pone quindi la domanda: quanto tempo un certo ordine deve permanere sul book di negoziazione di una certa venue prima che sorga quell obbligo? Comunque negli USA le regole sembrano più uniformi che nel caso dell Europa. Qui l obbligo che può sorgere di trasferire l ordine altrove è posto a carico dell intermediario, però nell ambito della sua strategia specifica, dichiarata ed adottata a suo tempo ai fini appunto della best execution. Quindi, egli dovrà rispettare le priorità stabilite appunto nell ambito della sua strategia specifica.

8 Gli High-Frequency tecnologia, non del mercato sto per gli algoritmi, i quali, inoltre, debbono essere sempre aggiornati per non venire spiazzati. Ad esempio, la piattaforma della Borsa di Milano, già sostituita di recente da quella denominata Trade Elect di Londra, caratterizzata da un tempo di risposta di 2,7 millisecondi, ora dev essere nuovamente sostituita con la più capace e veloce piattaforma di negoziazione Millennium, società delle Sri Lanka: velocità inferiore al millisecondo. Avrà un termine questa corsa al millisecondo? Ed anche il Millennium pare ora un passaggio non sufficiente e superato. Così, il mercato seleziona gli intermediari più spregiudicati, sempre più veloci e quindi sempre più difficilmente perseguibili, sempre più potenti, sempre meno numerosi. Un vero schiaffo alla concorrenza ed alle regole. Tutto va nel senso di rafforzare ulteriormente i grandi operatori, i maggiori traders, ma disincentiva quelli minori, che non possono permettersi i forti e continui investimenti innovativi. Si allontanano così dal mercato gli intermediari che, verosimilmente, sono più collegati al territorio, altra evoluzione particolarmente negativa per il sistema finanziario italiano. Gli HFT contribuiscono quindi alla creazione ed al rafforzamento di situazioni oligopolistiche: il numero degli operatori responsabili della maggior parte degli ordini HFT negli USA è stimato al 2-3%. C è il rischio della desertificazione del mercato, se gli intermediari che non possono o non vogliono allinearsi ai costi sempre crescenti evaporeranno e, alla fine, resteranno solo pochi operatori veloci, di cui però nessuno avrà più vantaggi dagli HFT. Si sta quindi constatando un ulteriore a- spetto del generale deterioramento dei mercati finanziari, dei quali alcuni da noi già segnalati, come altre forme di concentrazione, degli scambi su pochi titoli, su pochi mercati, il distacco dagli interessi economici dei territori. In definitiva, alle autorità regolatrici e di controllo dei mercati finanziari, che già conoscono forme di coordinamento supernazionale e mondiale, incombe l obbligo ormai urgente di superare ogni ambiguità, di sgombrare il campo dalle cortine fumogene sollevate dagli interessi avversi nel tentativo di relegare nel silenzio il problema, di dichiarare finalmente, apertamente e con coraggio: se, come sostengono ormai molti, nella situazione attuale, non in una ipotetica situazione futura in cui tutti fossero dotati di mezzi ultraveloci, le pratiche HFT configurino o meno abuso e manipolazione del mercato; se, pertanto, si tratti di un insieme di pratiche potenzialmente pericolose per la libertà del sistema economico mondiale (Forex); se intendano favorire l accesso ai centri di ricerca indipendenti, nei modi dovuti, agli archivi di registrazione dei dati di mercato, sequenziati alla cadenza necessaria per rendere più trasparente il fenomeno; se sia saggio assistere impotenti alla degenerazione del mercato, lasciando le briglie sciolte all irruzione di una tecnologia dirompente per il delicato sistema di regole di mercato, capace di selezionare rapidamente pochissimi partecipanti sulla base della capacità di investimenti astronomici e allontanare gli altri; se sia opportuno lasciare incontrastata una concentrazione degli scambi ennesimo aspetto di un multiforme deterioramento del mercato nelle mani di pochissimi, sempre più potenti per la contestuale concentrazione dei guadagni e perciò sfuggenti alle regole nazionali; se non sia invece urgente restaurare l autorità delle regole di mercato, garantirne la natura concorrenziale in senso finanziario, e non solo tecnologico, che meglio risponde alle funzioni proprie del mercato, principalmente quella di allocazione ottimale delle risorse all economia. Settembre 2011 (Riproduzione riservata) 8

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 2 Agenda 17.00 17.15 Introduzione Matteo Carcano Orc Software 17.15 17.30 Le opportunità di

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Questioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) High Frequency Trading: una panoramica di Alfonso Puorro Settembre 2013 Numero 198 Questioni di Economia e Finanza (Occasional papers) High Frequency

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Il trading ad alta frequenza

Il trading ad alta frequenza Discussion papers Il trading ad alta frequenza Caratteristiche, effetti, questioni di policy V. Caivano, S. Ciccarelli, G. Di Stefano, M. Fratini, G. Gasparri, M. Giliberti, N. Linciano, I. Tarola 5 dicembre

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Università degli studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Economia. Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari

Università degli studi di Roma Tor Vergata. Facoltà di Economia. Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia delle Istituzioni e dei Mercati finanziari Tesi in Economia degli Intermediari Finanziari Il ruolo dell ICT nello

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli