La Direttiva Macchine 2006/42/CE. Criteri di sicurezza e. Valutazione del Rischio. secondo la UNI EN ISO 12100

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Direttiva Macchine 2006/42/CE. Criteri di sicurezza e. Valutazione del Rischio. secondo la UNI EN ISO 12100"

Transcript

1 CCIA Reggio Emilia 27 Novembre 2012 La Direttiva Macchine 2006/42/CE Criteri di sicurezza e Valutazione del Rischio secondo la UNI EN ISO Ing. Enrico Ippolito Via Saffi 44/c Parma Tel Fax mail: web: 1

2 NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE La Direttiva Macchine 98/37/CE è stata revisionata. Il testo è stato pubblicato il giorno 9 maggio

3 Art. 1 CAMPO APPLICAZIONE a) Macchina b) Attrezzatura intercambiabile c) Componenti di sicurezza d) Accessori di sollevamento e) Catene, funi e cinghie f) Dispositivi amovibili di trasmissione meccanica g) Quasi-macchine 3

4 Art. 1 CAMPO APPLICAZIONE ESCLUSIONI a) Componenti di sicurezza destinati ad essere usati come pezzi di ricambio b) Attrezzature per parchi divertimento g) Macchine progettate per uso temporaneo nei laboratori k) Prodotti elettrici e elettronici - elettrodomestici - apparecchiature informatiche - macchine da ufficio - disgiuntori e interruttori l) Apparecchiature ad alta tensione - apparecchiature di collegamento e di comando - trasformatori 4

5 Art. 2 - DEFINIZIONI a) Macchina (1) i) Insieme equipaggiato o destinato ad essere equipaggiato di un sistema di azionamento diverso dalla forza umana o animale diretta, composto di parti o di componenti, di cui almeno uno mobile, collegati tra loro solidamente per un'applicazione ben determinata; ii) insieme di cui al punto i), al quale mancano solamente elementi di collegamento al sito di impiego o di allacciamento alle fonti di energia e di movimento 5

6 Art. 2 - DEFINIZIONI a) Macchina (2) iii) insieme di cui ai punti i) o ii), pronto per essere installato e che può funzionare solo dopo essere stato montato su un mezzo di trasporto o installato in un edificio o in una costruzione; Es. BETONIERA, CARROPONTE 6

7 Art. 2 - DEFINIZIONI a) Macchina (3) iv) insiemi di macchine di cui ai punti i), ii) o iii), o di quasi-macchine di cui alla lettera g), che per raggiungere uno stesso risultato sono disposti e comandati in modo da avere un funzionamento solidale; Es. LINEE di MACCHINE 7

8 Art. 2 - DEFINIZIONI a) Macchina (3) 8

9 Insiemi di macchine - Linee 1.le unità costitutive sono montate insieme al fine di assolvere una funzione comune, ad esempio la produzione di un dato prodotto; 2.le unità costitutive sono collegate in modo funzionale in modo tale che il funzionamento di ciascuna unità influisce direttamente sul funzionamento di altre unità o dell insieme nel suo complesso, e pertanto è necessaria una valutazione dei rischi per tutto l insieme; 3.le unità costitutive dell insieme hanno un sistema di comando comune. 9

10 Deroga formale La definizione di insiemi di macchine non comprende necessariamente un impianto industriale completo composto da un numero notevole di macchine, o da insiemi di macchine e altre attrezzature provenienti da diversi fabbricanti. Tuttavia, ai fini dell applicazione della direttiva macchine, tali grandi impianti possono essere di norma divisi in sezioni che possono essere considerate insiemi di macchine; ad esempio, le attrezzature di scarico e ricevimento delle materie prime, le attrezzature di lavorazione, le attrezzature per l imballaggio e il carico. 10

11 Il soggetto che realizza un insieme di macchine ne è considerato il fabbricante ed è pertanto sua responsabilità garantire che tale insieme, nel suo complesso, ottemperi ai requisiti di sicurezza e tutela della salute stabiliti dalla direttiva macchine La valutazione dei rischi a cura del fabbricante di un insieme di macchine deve pertanto comprendere tanto l idoneità delle unità costituenti ai fini della sicurezza dell intero insieme, quanto i pericoli derivanti dalle interfacce fra le unità che lo costituiscono. 11

12 Art. 2 - DEFINIZIONI c) Componente di sicurezza componente - destinato ad espletare una funzione di sicurezza, e - immesso sul mercato separatamente, e - il cui guasto e/o malfunzionamento mette a repentaglio la sicurezza delle persone, e - che non è indispensabile per lo scopo per cui è stata progettata la macchina o che per tale funzione può essere sostituito con altri (vedi testo inglese: normal components ) componenti. L'allegato V contiene un elenco indicativo (non esaustivo a differenza dell allegato IV) dei componenti di sicurezza, che può essere aggiornato 12

13 Art. 2 - DEFINIZIONI c) Componente di sicurezza ALLEGATO V Elenco indicativo dei componenti di sicurezza di cui all articolo 2, lettera c) Sistemi di estrazione per le emissioni delle macchine. 13

14 Art. 2 - DEFINIZIONI g) Quasi-macchine insiemi che costituiscono quasi una macchina ma che, da soli, non sono in grado di garantire un'applicazione ben determinata. Un sistema di azionamento è una quasimacchina. Le quasi-macchine sono unicamente destinate ad essere incorporate o assemblate ad altre macchine o ad altre quasi-macchine o apparecchi per costituire una macchina disciplinata dalla presente direttiva; Esempio azionamento meccanico, riduttore, frizioni, robot, centralina oleodinamica. 14

15 Art. 2 - DEFINIZIONI g) Quasi-macchine 15

16 Art. 2 - DEFINIZIONI i) Fabbricante Persona fisica o giuridica che progetta e/o realizza una macchina o una quasi-macchina oggetto della presente direttiva, ed è responsabile della conformità della macchina o della quasi-macchina con la presente direttiva ai fini dell'immissione sul mercato con il proprio nome o con il proprio marchio ovvero per uso personale. In mancanza di un fabbricante quale definito sopra, è considerato fabbricante la persona fisica o giuridica che immette sul mercato o mette in servizio una macchina o una quasi-macchina oggetto della presente direttiva. 16

17 Art. 5 Immissione sul mercato e messa in servizio (1) 1. Il fabbricante o il suo mandatario, prima di immettere sul mercato e/o mettere in servizio una macchina: b) si accerta che il fascicolo tecnico di cui all'allegato VII, sezione A (macchine complete), sia disponibile; Il termine disponibile significa che si ha a disposizione, che si può utilizzare. Ciò vuol dire che il Fascicolo Tecnico deve esistere prima dell immissione sul mercato. 17

18 Art. 5 Immissione sul mercato e messa in servizio (2) MACCHINA, Componenti di sicurezza, accessori di sollevamento, funi, cinghie, catene, ecc. 1. Soddisfa ai R.E.S. pertinenti (Allegato I) 2. Realizza il Fascicolo Tecnico (allegato VII A) 3. Realizza le Istruzioni per l Uso (R.E.S ) 4. Completa le procedure di valutazione di conformità (art. 12) 5. Redige la Dichiarazione CE di Conformità (Allegato II, 1 A) 6. Appone la Marcatura CE (Art. 16) 18

19 Art. 12 Procedure di valutazione di conformità (1) 1. Macchina non da Allegato IV Il Fabbricante o il suo Mandatario applica la procedura di valutazione della conformità con Controllo interno della fabbricazione secondo L Allegato VIII Modulo A 19

20 Allegato VIII Controllo interno della fabbricazione 1. Il presente allegato descrive la procedura secondo la quale il fabbricante o il suo mandatario, che ottempera agli obblighi di cui ai punti 2 e 3, assicura e dichiara che la macchina in questione soddisfa i pertinenti requisiti della direttiva. 2. Per ogni tipo rappresentativo della serie in questione il fabbricante o il suo mandatario elabora il fascicolo tecnico di cui all'allegato VII, parte A. 3. Il fabbricante deve prendere tutte le misure necessarie affinché il processo di fabbricazione assicuri la conformità della macchina fabbricata al fascicolo tecnico di cui all'allegato VII, parte A e ai requisiti della presente direttiva. 20

21 Allegato II A Dichiarazione CE di Conformità Oltre a quanto già previsto nella Direttiva 98/37/CE: 2. nome e indirizzo della persona autorizzata a costituire (COMPILARE) il fascicolo tecnico, che deve essere stabilita nella Comunità; 10. identificazione e firma della persona autorizzata a redigere la dichiarazione a nome del fabbricante o del suo mandatario. Il fabbricante della macchina o il suo mandatario custodisce l'originale della dichiarazione CE di conformità per un periodo di almeno dieci anni dall'ultima data di fabbricazione della macchina. 21

22 MARCATURA CE Macchine /CdS Quasi - Macchine Valutazione dei Rischi Valutazione dei Rischi Fascicolo Tecnico Documentazione Tecnica Istruzioni per l Uso Istruzioni per l Incorporazione Dichiarazione CE di Conformità Dichiarazione di Incorporazione Marcatura CE NON Marcatura CE Marcatura CE significa non solo aver soddisfatto la Direttiva Macchine ma significa OBBLIGATORIAMENTE dover soddisfare tutte le direttive applicabili alla macchina. 22

23 Art. 9 - Misure specifiche riguardanti categorie di macchine potenzialmente pericolose Se, in conformità con la procedura di cui all'articolo 11, la Commissione ritiene che una misura adottata da uno Stato membro è giustificata, la stessa può, conformemente al paragrafo 3, adottare misure che richiedano agli Stati membri di vietare o limitare l'immissione sul mercato di macchine che presentano lo stesso rischio a causa delle loro caratteristiche tecniche o di assoggettare tali macchine a particolari condizioni. Questo articolo serve per eliminare i casi in cui i fabbricanti denominavano le macchine a loro piacimento per evitare la limitazione o il blocco delle macchine in funzione. Ciò vuol dire che il Rischio specifico ad essere sanzionato, e non solo la famiglia di macchine in oggetto. 23

24 Analisi e obbligo di Valutazione dei Rischi Con il processo iterativo della valutazione dei rischi e della riduzione dei rischi di cui sopra, il fabbricante o il suo mandatario: stabilisce i limiti della macchina, il che comprende l'uso previsto e l'uso scorretto ragionevolmente prevedibile, individua i pericoli cui può dare origine la macchina e le situazioni pericolose che ne derivano, stima i rischi, tenendo conto della gravità dell'eventuale lesione o danno alla salute e della probabilità che si verifichi, valuta i rischi al fine di stabilire se sia richiesta una riduzione del rischio conformemente all'obiettivo della presente direttiva, elimina i pericoli o riduce i rischi che ne derivano applicando le misure di protezione nell'ordine indicato nel punto , lettera b). 24

25 Allegato I Definizioni NUOVE DEFINIZIONI e) «rischio», la combinazione della probabilità e della gravità di una lesione o di un danno per la salute che possano insorgere in una situazione pericolosa; f) «riparo», un elemento della macchina utilizzato specificamente per garantire la protezione tramite una barriera materiale; g) «dispositivo di protezione», dispositivo (diverso da un riparo) che riduce il rischio, da solo o associato ad un riparo; h) «uso previsto», l'uso della macchina conformemente alle informazioni fornite nelle istruzioni per l'uso; i) «uso scorretto ragionevolmente prevedibile», l'uso della macchina in un modo diverso da quello indicato nelle istruzioni per l'uso ma che può derivare dal comportamento umano facilmente prevedibile. 25

26 26

27 27

28 28

29 29

30 Rischio Infortuni PRINCIPI D'INTEGRAZIONE DELLA SICUREZZA Per la scelta delle soluzioni più opportune si deve applicare il seguente principio, nell'ordine indicato: eliminare o ridurre i rischi nel miglior modo possibile (integrazione della sicurezza nella progettazione e nella costruzione della macchina); adottare le misure di protezione necessarie nei confronti dei rischi che non possono essere eliminati; informare gli utilizzatori dei rischi residui dovuti all'incompleta efficacia delle misure di protezione adottate, indicare se é richiesta una formazione particolare e segnalare se é necessario prevedere un dispositivo di protezione individuale. 30

31 Rischio Infortuni PRINCIPI D'INTEGRAZIONE DELLA SICUREZZA Per la scelta delle soluzioni più opportune si deve applicare il seguente principio, nell'ordine indicato: eliminare o ridurre i rischi nel miglior modo possibile (integrazione della sicurezza nella progettazione e nella costruzione della macchina); 31

32 Rischio Infortuni adottare le misure di protezione necessarie nei confronti dei rischi che non possono essere eliminati; 32

33 Rischio Infortuni informare gli utilizzatori dei rischi residui dovuti all'incompleta efficacia delle misure di protezione adottate, indicare se é richiesta una formazione particolare e segnalare se é necessario prevedere un dispositivo di protezione individuale. 33

34 Inizio del processo di valutazione dei rischi Definizione dei limiti della macchina Identificazione dei pericoli Stima dei rischi Analisi dei rischi Valutazione dei rischi Il rischio è stato sufficientemente ridotto? SI Fine del processo di valutazione dei rischi NO Riduzione dei rischi EN ISO (2007) 34

35 DEFINIZIONE DEI LIMITI DELLA MACCHINA Limiti di Uso ed operatori coinvolti Limiti di spazio Limiti di tempo 35

36 DEFINIZIONE DEI LIMITI DELLA MACCHINA DESTINAZIONE D USO DELLA MACCHINA Ambiente industriale Ambente non industriale Ambiente domestico Dati antropometrici delle persone 36

37 IDENTIFICAZIONE DEI PERICOLI Identificare i pericoli durante tutte le fasi di ciclo della macchina Nell identificazione considerare le fasi di interazione dell operatore ed il comportamento scorretto o uso scorretto ragionevolmente prevedibile della macchina. 37

38 STIMA DEI RISCHI GRAVITA DEL DANNO Estensione del danno Singola persona Più di una persona Gravità delle conseguenze fisiche del danno Lievi (normalmente reversibili) Importanti (normalmente non reversibili) Morte 38

39 STIMA DEI RISCHI Lo scopo della stima del rischio è determinare il massimo rischio generato da ogni situazione pericolosa I DUE PRINCIPALI ELEMENTI SONO LA GRAVITÀ DEL DANNO E LA PROBABILITÀ CHE LA SITUAZIONE PERICOLOSA SI VERIFICHI. 39

40 STIMA DEI RISCHI In funzione dei dati associati ai parametri sopra citati: Gravità del Danno Frequenza o tempo di accesso al rischio F Possibilità di evitare o limitare il danno Av Probabilità che si verifichi un evento pericoloso P G Deve emergere una stima dei rischi che può essere in forma tabellare o anche numerica ISO/TR "Safety of machinery - Risk assessment - Part 2: Practical guidance and examples of methods" 40

41 RIDUZIONE DEI RISCHI Come avviene la riduzione dei rischi? 1.Eliminazione dei rischi tramite progettazione 2.Riduzione dei rischi tramite progettazione 3.Misure di protezione 4.Misure complementari di protezione 41

42 METODO IBRIDO DI STIMA DEI RISCHI METODO IBRIDO Conseguenze Gravità Classi CL (Fr+P+Av) G Morte, perdita di un occhio o di un braccio 4 Permanente, irreversibile: perdita di una o più 3 dita Reversibile: grafi, scottature intervento 2 medico Reversibile: curati con una prima medicazione 1 42

43 GRAVITÀ DEL DANNO (SE) 4 infortunio fatale (morte) o irreversibile, tale che sarà molto difficile riprendere il lavoro dopo le cure; 3 grave infortunio irreversibile, tale da rendere impossibile continuare lo stesso lavoro dopo le cure. Può inoltre includere un grave infortunio ma reversibile, es. rottura di un braccio; 2 infortunio reversibile, incluse gravi lacerazioni, abrasioni, ustioni che richiedono attente cure mediche; 1 lieve infortunio incluse abrasioni e lievi scottature, che richiedono prime medicazioni. 43

44 FREQUENZA E/O DURATA DELL ESPOSIZIONE AL PERICOLO (Fr) Fr è l intervallo medio tra la frequenza di esposizione e la sua durata < 10 min Quando la durata dell intervento è minore di 10 min, il valore può essere decrementato di un livello. Questo non si applica per frequenze di accesso <= 1 h, che non può essere decrementato. 44

45 PROBABILITÀ CHE L EVENTO POSSA AVVENIRE (Pr) Questo parametro dipende da: - Affidabilità dei componenti, comportamento della macchina nelle diverse modalità d uso (rischio di ripartenza inattesa si deve stimare l entità del rischio a cui si viene esposti in caso di guasto) - caratteristiche specificate o prevedibili del comportamento umano (sollecitazioni, percezione della limitazione del danno, conoscenza delle informazioni sui rischi, capacità, esperienza, formazione, complessità della macchina) 45

46 PROBABILITÀ CHE L EVENTO POSSA AVVENIRE (Pr) 1. Negligible: il tipo di componente non avrà un guasto tale da determinare l evento pericoloso. Non ci sono possibilità di errore umano 2. Rarely: è improbabile che il tipo di componente avrà un guasto tale da determinare l evento pericoloso. L errore umano è improbabile 3. Possible: il tipo di componente può avere un guasto tale da determinare l evento pericoloso. L errore umano è possibile 4. Likely: il tipo di componente probabilmente avrà un guasto tale da determinare l evento pericoloso. L errore umano è probabile 5. Very high: il tipo di componente non è fatto per l applicazione; se avrà un guasto avverrà l evento pericoloso. Il comportamento umano è tale per cui la probabilità di errore è molto alta 46

47 PROBABILITÀ DI EVITARE L EVENTO PERICOLOSO (Av) Questo parametro dipende da: - velocità di insorgenza dell evento pericoloso - possibilità di sottrarsi al pericolo - natura del sistema (rischio palese o occulto) - possibilità di riconoscere un pericolo 47

48 PROBABILITÀ DI EVITARE L EVENTO PERICOLOSO (Av) 1. Likely: è probabile che il contatto con parti mobili al di là di una protezione interbloccata sarà evitata in molti casi anche in caso di guasto del sistema di interblocco con conseguente continuazione del movimento 3. Possible: è possibile evitare un rischio di cesoiamento quando la velocità è lenta 5. Impossible: è impossibile evitare un movimento improvviso, un raggio laser, o una parte conduttiva che va in tensione a causa di un guasto all isolamento 48

49 Esempio 49

50 Rischio di schiaccimento L utilizzo di comandi a sfioramento, in modalità manuale per la macchina di Carico-Scarico, non garantisce la certezza del comando: valutare azioni di miglioramento o accettare la situazione purché gli organi mobili dell intera macchina risultino protetti dai dispositivi di sicurezza. 50

51 STIMA DEL RISCHIO REV 0 Rischio di schiacciamento: area frontale Pressa (Rev. 0), azionamento in manuale, no ripari, con comandi a sfioramento. G 3 Il danno può essere di tipo irreversibile se i movimenti in manuale sono effettuati in assenza di ripari Fr 4 Quotidiana (tempo intervento inferiore a 10 min) P 3 Il tipo di comando a sfioramento può originare movimenti imprevisti, l errore umano è possibile. Av 5 Impossibile CL 12 È richiesta una misura di sicurezza 51

52 STIMA DEL RISCHIO REV 0 Conseguenze Gravità Classi CL (Fr+P+Av) G Morte, perdita di un occhio o di un braccio 4 Permanente, irreversibile: perdita di una o più 3 dita Reversibile: grafi, scottature intervento 2 medico Reversibile: curati con una prima medicazione 1 52

53 STIMA DEL RISCHIO REV 1 Rischio di schiacciamento: area frontale Pressa (Rev. 1) G 3 Il danno può essere di tipo irreversibile Fr 4 Quotidiana (tempo intervento inferiore a 10 min) P 1 Improbabile, le parti mobili sono protette con ripari ed i comandi di marcia sono realizzati con attuatori. Av 1 CL 6 Probabile La situazione è migliorata, anche se sono consigliate ulteriori azioni di sicurezza 53

54 STIMA DEL RISCHIO REV 1 Conseguenze Gravità Classi CL (Fr+P+Av) G Morte, perdita di un occhio o di un braccio 4 Permanente, irreversibile: perdita di una o più 3 dita Reversibile: grafi, scottature intervento 2 medico Reversibile: curati con una prima medicazione 1 54

55 Grazie per la vostra cortese pazienza! I.D.E.E. S.R.L. Via Saffi 44/c Parma Tel Fax mail: 55

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE. Inquadramento Generale, la Valutazione. dei Rischie il Fascicolo Tecnico

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE. Inquadramento Generale, la Valutazione. dei Rischie il Fascicolo Tecnico AZIENDA SPECIALE CISE Forlì 13 Ottobre 2010 La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE Inquadramento Generale, la Valutazione dei Rischie il Fascicolo Tecnico Ing. Enrico IPPOLITO 1 NUOVA DIRETTIVA MACCHINE

Dettagli

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE 1/36 Scopo della Direttiva UNIFORMARE: Lo scopo delle direttive comunitarie del nuovo approccio è quello di creare le condizioni necessarie affinché le industrie

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17

DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17 DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17 attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori Ciardo Ing. Francesco Campo d'applicazione

Dettagli

di impianti e macchinari sicuri

di impianti e macchinari sicuri La nuova direttiva macchine 2006/42/CE Un nuovo approccio metodologico alla progettazione e costruzione di impianti e macchinari sicuri 1 Recepimento e D.Lgs 27 gennaio 2010, n. 17-6 Marzo 2010: entrata

Dettagli

La Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Direttiva Macchine 2006/42/CE La Direttiva Macchine 2006/42/CE Implicazioni per l utilizzatore Verona, 26 Maggio 2010 Eleonora Pagani Introduzione Concetti generali La direttiva Macchine ha un duplice obbiettivo: permettere la libera

Dettagli

D.Lgs. n 17 del 27/01/10

D.Lgs. n 17 del 27/01/10 D.Lgs. n 17 del 27/01/10 ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE, RELATIVA ALLE MACCHINE E CHE MODIFICA LA DIRETTIVA 95/16/CE RELATIVA AGLI ASCENSORI 1 SCOPO DIRETTIVA RIAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE Per_Ind_Valeri_Vanni - QM.doc PAG. 1 DI 7 REV. 00 SAVE DATA: 09/10/12 PRINT DATA: 10/10/12 NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE Le QUASI MACCHINE sono: insiemi che costituiscono quasi

Dettagli

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Workshop 2012 Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati di TERAMO Workshop 2012 I settori: -Sicurezza -Automazione

Dettagli

La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE

La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE La valutazione dei rischi sulle macchine ai fini della direttiva 2006/42/CE ALLEGATO I (previsto dall'art. 3, comma 3, lettera a)) Requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute relativi alla

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE. Confronto con la Direttiva 98/37/CE

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE. Confronto con la Direttiva 98/37/CE LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE Confronto con la Direttiva 98/37/CE Dott. Ing.. Leone Pera Attuazione Gli Stati Membri adottano e pubblicano le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative

Dettagli

Il D.Lgs 81/08 e la Nuova Direttiva Macchine. Il Ruolo dell Organo di Vigilanza: il percorso e le azioni dal controllo alla prevenzione dei rischi

Il D.Lgs 81/08 e la Nuova Direttiva Macchine. Il Ruolo dell Organo di Vigilanza: il percorso e le azioni dal controllo alla prevenzione dei rischi Seminario Sicurezza del prodotto: la Nuova Direttiva Macchine 26 Novembre 2010 Imola (BO) Il D.Lgs 81/08 e la Nuova Direttiva Macchine. Il Ruolo dell Organo di Vigilanza: il percorso e le azioni dal controllo

Dettagli

SAFETY SERVICE. Valutazione dei rischi

SAFETY SERVICE. Valutazione dei rischi SAFETY SERVICE Valutazione dei rischi AZIENDA: DATA: MACCHINA: REFERENTE (Cliente): IL TECNICO VERBALIZZANTE (Safety Service): IL RESPONSABILE TECNICO (Safety Service): IL RESPONSABILE DEL SERVICE: TRASMESSO

Dettagli

APPLICAZIONE: 6 MARZO 2010 ATTENZIONE: NON ESISTE IL PERIODO DI TRANSIZIONE

APPLICAZIONE: 6 MARZO 2010 ATTENZIONE: NON ESISTE IL PERIODO DI TRANSIZIONE NUOVA DIRETTIVA D.Lgs. 17/2010 Del 27 gennaio 2010 DIRETTIVA ING. AVIO FERRARESI 2006/42/CE NUOVA DIRETTIVA ADOTTATA: 17 MAGGIO 2006 PUBBLICATA GUCE: 9 GIUGNO 2006 ENTRATA IN VIGORE: 29 GIUGNO 2006 TRASPOSIZIONE

Dettagli

mcm Manutenzione di macchine e impianti nella nuova Direttiva macchine 2006/42/CE istruzioni, dichiarazioni, marcatura

mcm Manutenzione di macchine e impianti nella nuova Direttiva macchine 2006/42/CE istruzioni, dichiarazioni, marcatura mcm Mostra Convegno Internazionale della Manutenzione Industriale 21 OTTOBRE 2009 Manutenzione di macchine e impianti nella nuova Direttiva macchine 2006/42/CE istruzioni, dichiarazioni, marcatura ing.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo. Dal Testo Unico alla Nuova Direttiva Macchine

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo. Dal Testo Unico alla Nuova Direttiva Macchine Bergamo, 26 Novembre 2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Safety Services Dal Testo Unico alla Nuova Direttiva Macchine Ing. Paolo Carlo De Benedetto Safety Specialist Pilz Italia Programma

Dettagli

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi Macchine e Direttiva macchina Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi La Normativa La Macchina L Ambiente Il Lavoratore La Normativa Decreto del Presidente della Repubblica del 27 aprile 1955, n. 547 Decreto

Dettagli

LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA

LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA COSTRUTTORI, UTILIZZATORI E CAPI COMMESSA: COME APPLICARE LE NORME DI SICUREZZA ALLE MACCHINE Dal ricevimento alla conduzione di impianti e macchinari LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA

Dettagli

Vittorio Ormezzano CLUB CE

Vittorio Ormezzano CLUB CE Vittorio Ormezzano CLUB CE La direttiva 2006/42/CE Sostituisce la precedente 98/37/CE Decreto di attuazione in Italia: D.Lgs. 17/2010 in vigore dal 6/3/2010 La direttiva 2006/42/CE Campo di applicazione

Dettagli

D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 17

D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 17 D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 17 Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori (ENTRATA IN VIGRE 10.03.2010) MACCHINE ASSGETTATE

Dettagli

Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili

Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili Torino, 18 Marzo 2014 Gian Paolo Tondetta gianpaolo.tondetta@it.bureauveritas.com La Direttiva Macchine 2006/42/CE In accordo

Dettagli

SAMOTER 2008. Ivan Bellotto

SAMOTER 2008. Ivan Bellotto SAMOTER 2008 Ivan Bellotto Definizione di QUASI-MACCHINA estrapolata dalla direttiva CEE 2006/42 insiemi che costituiscono quasi una macchina, ma che, da soli, non sono in grado di garantire un applicazione

Dettagli

Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE)

Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE) Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE) 1 Componenti oleoidraulici e pneumatici e loro classificazione secondo la Direttiva 1 Macchine 1.1 Macchine 2 1.2 Quasi-macchine (PCM, Partly

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE La nuova direttiva macchine entrerà in vigore in tutta Europa il 29 dicembre del 2009. Le modifiche introdotte sono molteplici:

Dettagli

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager LA SICUREZZA DELLE MACCHINE Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager Le origini della Società CERMET è stato fondato nel 1985 per valorizzare l'immagine dell'azienda

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE Ing Lorenzo Peghin 1 LO SCOPO DELLE DIRETTIVE LO SCOPO DELLE DIRETTIVE CONSISTE NEL PERMETTERE LA LIBERA CIRCOLAZIONE IN EUROPA DIPRODOTTI CHE RISPETTINO

Dettagli

CHECKLIST PER LA VERIFICA DELLA CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE PER LE ISTRUZIONI PER L USO CHE DEVONO ACCOMPA- GNARE LA MACCHINA

CHECKLIST PER LA VERIFICA DELLA CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE PER LE ISTRUZIONI PER L USO CHE DEVONO ACCOMPA- GNARE LA MACCHINA DOCUMENTO TECNICO OPERATIVO N. 1/2011 CHECKLIST PER LA VERIFICA DELLA CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE PER LE ISTRUZIONI PER L USO CHE DEVONO ACCOMPA- GNARE LA MACCHINA Associazione professionale Italiana

Dettagli

Decreto Legislativo 27 gennaio 2010 n. 17

Decreto Legislativo 27 gennaio 2010 n. 17 to Tecnologie di Sicurezza La nuova Direttiva Macchine Vincenzo Laurendi Attuazione In Italia la Direttiva 2006/42/CE è stata attuata con il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010 n. 17 Pubblicato sul Supplemento

Dettagli

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza Pubblicato sul Supplemento ordinario n. 36/L alla Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2010 il Decreto Legislativo 27 Gennaio 2010 n. 17, recante "Attuazione

Dettagli

Il Dlgs 17/2010 necessita di una adeguata analisi tecnica, per cui la presente circolare si sofferma esclusivamente sulle novità di maggior rilievo.

Il Dlgs 17/2010 necessita di una adeguata analisi tecnica, per cui la presente circolare si sofferma esclusivamente sulle novità di maggior rilievo. DECRETO LEGISLATIVO n.17 del 27 gennaio 2010 Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori PRIMA ILLUSTRAZIONE Premessa Il Dlgs

Dettagli

Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 17 direttiva macchine

Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 17 direttiva macchine DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010, n. 17 Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori. (Gazzetta Ufficiale serie generale

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SULLA SICUREZZA DELLE MACCHINE

LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SULLA SICUREZZA DELLE MACCHINE LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SULLA SICUREZZA DELLE MACCHINE Breve sintesi della nuova normativa europea sulla sicurezza delle macchine, recepita nella legislazione nazionale A CURA DELLA REDAZIONE Metal

Dettagli

4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine. Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche

4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine. Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche Aggiornamento 4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche Il D.Lgs 17/2010 necessita di una adeguata analisi

Dettagli

FASCICOLO TECNICO FASCICOLO TECNICO FASCICOLO DI COSTRUZIONE FASCICOLO DI COSTRUZIONE FASCICOLO DI COSTRUZIONE. ALLEGATO VII D.Lgs.

FASCICOLO TECNICO FASCICOLO TECNICO FASCICOLO DI COSTRUZIONE FASCICOLO DI COSTRUZIONE FASCICOLO DI COSTRUZIONE. ALLEGATO VII D.Lgs. FASCICOLO TECNICO FASCICOLO TECNICO ALLEGATO VII D.Lgs. 17/2010 IL FT DEVE DIMOSTRARE LA CONFORMITA DELLA MACCHINA AI REQUITI ESSENZIALI DI CUREZZA PER VALUTARE TALE CONFORMITA DEVE RIGUARDARE: PROGETTAZIONE

Dettagli

QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE: Le norme a supporto dell innovazione e della sostenibilità delle macchine utensili

QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE: Le norme a supporto dell innovazione e della sostenibilità delle macchine utensili DIT Dipartimento Innovazione Tecnologiche e Sicurezza degli Impianti, Prodotti e Insediamenti Antropici QUALITÀ SICUREZZA AMBIENTE: Le norme a supporto dell innovazione e della sostenibilità delle macchine

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti La Sicurezza delle Macchine Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti Passaggio dalla vecchia alla nuova normativa di sicurezza Vecchio sistema : Macchine rivestite di Sicurezza: Si utilizzano le

Dettagli

Martedì 10 marzo 2010 Associazione Industriali di Cremona

Martedì 10 marzo 2010 Associazione Industriali di Cremona Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE - Seminario illustrativo Martedì 10 marzo 2010 Associazione Industriali di Cremona CODICE DISPENSA 10-03-10-AICR-SEMINARIO-nuova direttiva macchine 2006-42-CE.ppt materiale

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento Ing. Laura Tomassini ISPESL - Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

L ANALISI DEL RISCHIO

L ANALISI DEL RISCHIO Sistemi di produzione L ANALISI DEL RISCHIO Sistemi di produzione Analisi del rischio 1 Il Decreto Legislativo n. 626/94 Si tratta senz altro della più importante legge del nostro ordinamento in fatto

Dettagli

Applicazione della Direttiva 2006/42/CE

Applicazione della Direttiva 2006/42/CE Applicazione della Direttiva 2006/42/CE Il 9 giugno 2006 la Gazzetta Ufficiale dell'unione Europea ha pubblicato la Direttiva 2006/42/CE, del 17 maggio 2006, relativa alle macchine, la quale modifica anche

Dettagli

Scheda servizio 1202_MARCATURA CE SECONDO LA DIRETTIVA. 2006/42/CE Direttiva Macchina

Scheda servizio 1202_MARCATURA CE SECONDO LA DIRETTIVA. 2006/42/CE Direttiva Macchina Pagina 1 di 12 Scheda servizio 1202_MARCATURA CE SECONDO LA DIRETTIVA 2006/42/CE Direttiva Macchina INDICE: 1. Cos è la Direttiva Macchine 2006/42/CE e la Marcatura CE... 2 2. Aziende soggette alla Marcatura

Dettagli

1 2 1 3 4 2 5 6 3 7 8 4 9 10 5 11 12 6 13 14 7 2. La Direttiva 2006/42/CE Ing. Luigi Mazzocchetti Fermo - 2014 15 1. Campo di Applicazione 2. Componenti di sicurezza 3. Esclusioni 4. Direttive Specifiche

Dettagli

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott.

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. Ermanno Sarti Infortunio L'infortunio è l'evento occorso al lavoratore per causa violenta

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

Associazione Ambiente e Lavoro http://www.amblav.it - Anticipazione Direttiva Macchine DIRETTIVA MACCHINE

Associazione Ambiente e Lavoro http://www.amblav.it - Anticipazione Direttiva Macchine DIRETTIVA MACCHINE DIRETTIVA MACCHINE Recepimento della Direttiva 2006/42/CE Precisazione a lettura obbligatoria Pubblichiamo il testo informale dello schema di decreto legislativo trasmesso alla Presidenza del Consiglio

Dettagli

Sicurezza delle Macchine e marcatura CE

Sicurezza delle Macchine e marcatura CE Sicurezza delle Macchine e marcatura CE (direttiva 2006/42/CE) Reggio Emilia 16-23 - 29 Giugno 2015 Il corso affronta nel dettaglio e con taglio operativo, i principali standard (UNI, ISO, ecc) la cui

Dettagli

La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma

La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma Università Carlo Cattaneo - LIUC 7 Giugno 2010 Ing. E. Moroni Organismo Notificato n.0066 I.C.E.P.I S.p.A. Via P. Belizzi

Dettagli

La direttiva macchine da 98/37/CE a 2006/42/CE Vicenza 16 settembre 2009

La direttiva macchine da 98/37/CE a 2006/42/CE Vicenza 16 settembre 2009 La direttiva macchine da 98/37/CE a 2006/42/CE Vicenza 16 settembre 2009 TÜV Italia Srl Divisione Industrie Service TÜV Italia TÜV Italia è un ente di certificazione indipendente, filiale italiana del

Dettagli

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 Dal 31 maggio 2001, gli impianti per cancelli automatici ad uso promiscuo (carrabile-pedonale)

Dettagli

RECEPIMENTO ITALIANO D. Lgs. 17/2010

RECEPIMENTO ITALIANO D. Lgs. 17/2010 NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 206/42/CE NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 206/42/CE E RELATIVO E RELATIVO RECEPIMENTO ITALIANO D. Lgs. 17/2010 22 febbraio 2013 & 1 marzo 2013 22 f bb i 2013 & 1 2013 Ordine degli Ingegneri

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010, n. 17. Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori. IL

Dettagli

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO Installatore: GUIDA TAU PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN 12453, EN 12445 Con la

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

Guida alla Direttiva Macchine 2006/42/CE

Guida alla Direttiva Macchine 2006/42/CE 1 Guida alla Direttiva Macchine 2006/42/CE Edizione 2010 2 La Direttiva Macchine: 2006/42/CE 3 Presentazione Sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea n. L157 del 9 giugno 2006 è stata pubblicata

Dettagli

Rischio meccanico, macchine, attrezzature Dpr 459/96 D.lgs 81/08. ROMA, ottobre 2009

Rischio meccanico, macchine, attrezzature Dpr 459/96 D.lgs 81/08. ROMA, ottobre 2009 Rischio meccanico, macchine, attrezzature Dpr 459/96 D.lgs 81/08 ROMA, ottobre 2009 PREMESSA Le attrezzature di lavoro, che l art. 69 del Decreto Legislativo 81/2008, definisce come qualsiasi macchina,

Dettagli

MACHINERY DIRECTIVE 2006/42/EC

MACHINERY DIRECTIVE 2006/42/EC Gültig ab Valid since 26 th May 2010 Valable depuis Positionspapier CETOP Position Paper Position officielle PP07 MACHINERY DIRECTIVE 2006/42/EC All Rechte Vorbehalten Copyright Reserved Tous droits de

Dettagli

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI . PR SGSL 5 Rev. 2 Pag. 1 di 9 PROCEDURA PR SGSL 05 GESTIONE DELLE MANUTENZIONI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica 2011 1 Giu 2009 Revisionato

Dettagli

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Formazione Preposti I.T.I. G. Galilei Livorno 1 Articolazione dell intervento Quadro normativo vigente Scelta, acquisto, installazione, manutenzione

Dettagli

Guida alla Direttiva Macchine 2006/42/CE. Edizione 2008

Guida alla Direttiva Macchine 2006/42/CE. Edizione 2008 Guida alla Direttiva Macchine 2006/42/CE Edizione 2008 3 Guida alla Direttiva Macchine 2006/42/CE Edizione 2008 4 La Direttiva Macchine: 2006/42/CE 5 Presentazione Sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità

Dettagli

PRINCIPALI DEFINIZIONI ATTREZZATURA DI LAVORO

PRINCIPALI DEFINIZIONI ATTREZZATURA DI LAVORO Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole La sicurezza delle macchine MODULO A Unità didattica A4.1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 PRINCIPALI DEFINIZIONI

Dettagli

MACCHINE. Dott. Ing. Leonardo Vita

MACCHINE. Dott. Ing. Leonardo Vita MACCHINE Dott. Ing. Leonardo Vita D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 integrato con il Decreto legislativo n. 106/2009 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 23 commi 1 e 2 Obblighi dei fabbricanti,

Dettagli

Sicurezza macchine. Preventa. PLC di sicurezza. Configuratori di sicurezza. Moduli di sicurezza 8/0

Sicurezza macchine. Preventa. PLC di sicurezza. Configuratori di sicurezza. Moduli di sicurezza 8/0 Sicurezza macchine 8 Preventa Moduli di sicurezza Configuratori di sicurezza PLC di sicurezza 8/0 Sicurezza macchine Preventa, una soluzione globale di sicurezza per tutte le fasi del ciclo di vita delle

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. 81/08 e smi in collaborazione con CEFAS VITERBO LA NUOVA DIRETTIVA

Dettagli

Paese (TV) - 04 Dicembre 2009 «Hotel BHR - Sala Congressi Asolo - ore 9.00» Testo Unico & Nuova Direttiva Macchine

Paese (TV) - 04 Dicembre 2009 «Hotel BHR - Sala Congressi Asolo - ore 9.00» Testo Unico & Nuova Direttiva Macchine COMAS WORKSHOP 2009 Paese (TV) - 04 Dicembre 2009 «Hotel BHR - Sala Congressi Asolo - ore 9.00» Testo Unico & Nuova Direttiva Macchine - Le ricadute nel settore degli apparecchi di sollevamento - Relatore:

Dettagli

Fascicolo tecnico e dichiarazione di conformità

Fascicolo tecnico e dichiarazione di conformità ISTITUTO DI RICERCHE E COLLAUDI M. MASINI S.r.l. Fascicolo tecnico e dichiarazione di conformità Camera Commercio di Padova 14 aprile 2011 Relatore: Gabriele Lualdi 173 Documenti a sostegno della Valutazione

Dettagli

Sicurezza Funzionale Macchinari

Sicurezza Funzionale Macchinari Sicurezza Funzionale Macchinari Uno degli aspetti fondamentali della sicurezza dei macchinari è l affidabilità delle parti di comando legate alla sicurezza, ovvero la Sicurezza Funzionale, definita come

Dettagli

La manomissione dei circuiti di sicurezza nelle macchine SEMINARIO TECNICO. Milano 4 dicembre 2013

La manomissione dei circuiti di sicurezza nelle macchine SEMINARIO TECNICO. Milano 4 dicembre 2013 SEMINARIO TECNICO Milano 4 dicembre 2013 LA MANOMISSIONE DEI CIRCUITI DI SICUREZZA NELLE MACCHINE Relatore Dott. Ing. Federico Dosio Copyright F.D. - All rights reserved. - 1-11/17/2013 1 DIRETTIVA 2006/42/CE

Dettagli

LA DIRETTIVA MACCHINE

LA DIRETTIVA MACCHINE LA DIRETTIVA MACCHINE 1 Obiettivi della direttiva 2006/42/CE SCOPO DELLA DIRETTIVA E E QUELLO DI CREARE LE CONDIZIONI AFFINCHE NELL AMBITO DELL U.E. IL PRODOTTO MACCHINA RISPONDA AI MEDESIMI REQUISITI

Dettagli

Sicurezza e sicurezza funzionale. Guida generale

Sicurezza e sicurezza funzionale. Guida generale Sicurezza e sicurezza funzionale. Guida generale ABB, da sempre attenta al mondo della sicurezza, offre un portafoglio di prodotti e di soluzioni di automazione innovativo e completo in grado di rispondere

Dettagli

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC Inquadramento giuridico D.Lgs. 81/08 s.m.i. : Titolo 111,

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE)

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) Articolo 1 Campo di applicazione 1. La presente direttiva si applica ai seguenti prodotti: a) Macchine; b) Attrezzature intercambiabili; c) Componenti di sicurezza;

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010, n. 17. Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori. IL

Dettagli

La nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE. Torino, 2 Aprile 2009. Eleonora Pagani Coordinatore Direttiva Macchine Bureau Veritas Italia SpA

La nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE. Torino, 2 Aprile 2009. Eleonora Pagani Coordinatore Direttiva Macchine Bureau Veritas Italia SpA La nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE Torino, 2 Aprile 2009 Eleonora Pagani Coordinatore Direttiva Macchine Bureau Veritas Italia SpA La nuova Direttiva Macchine Introduzione alla Direttiva Il testo della

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 157/24 DIRETTIVA 2006/42/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17 maggio 2006 relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE (rifusione) (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

Valutazione dei Rischi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni (UNI EN ISO 12100)

Valutazione dei Rischi. Normativa e documenti di riferimento. Definizioni (UNI EN ISO 12100) Definizione e individuazione dei fattori di rischio, individuazione delle misure di prevenzione e protezione, riunione periodica Rev. 1 del 28/11/2012 ARISSA Maggio 2015 2 Normativa e documenti di riferimento

Dettagli

S F A E F T E Y T Y DA D Y

S F A E F T E Y T Y DA D Y Safety Service SAFETY DAY 11-01-2013 1 1 Quadro normativo Normativa comunitaria e nazionale: disposti legislativi e tecnici in materia di sicurezza delle macchine Macchine nuove: 1. La direttiva macchine

Dettagli

S E M I N A R I E C O R S I 2015 REQUISITI DI SICUREZZA DEI ROBOT E DEI SISTEMI ROBOTIZZATI: UNI EN ISO 10218-1 E UNI EN ISO 10218-2

S E M I N A R I E C O R S I 2015 REQUISITI DI SICUREZZA DEI ROBOT E DEI SISTEMI ROBOTIZZATI: UNI EN ISO 10218-1 E UNI EN ISO 10218-2 Ordine degli Ingegneri della provincia di Modena in collaborazione S E M I N A R I E C O R S I 2015 REQUISITI DI SICUREZZA DEI ROBOT E DEI SISTEMI ROBOTIZZATI: UNI EN ISO 10218-1 E UNI EN ISO 10218-2 Mercoledì

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

MACCHINE E ATTREZZATURE

MACCHINE E ATTREZZATURE MACCHINE E ATTREZZATURE EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE Direttiva 2000/14/CE recepita con D. Lgs. 4 Settembre 2002, n. 262 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLOGNA Camera dell Economia

Dettagli

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 Per_Ind_Valeri_Vanni - PL.doc PAG. 1 DI 8 REV. 00 SAVE DATA: 09/10/12 PRINT DATA: 10/10/12 SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 LA EN 954-1 VA IN PENSIONE A fine 2011,

Dettagli

I.D.E.E. S.r.l. ESTRATTO DAI COMMENTI ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE

I.D.E.E. S.r.l. ESTRATTO DAI COMMENTI ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE I.D.E.E. S.r.l. Consulenze per la Sicurezza e la Qualità N.B. La Direttiva Macchine 98/37/CE sarà valida fino al 29 Dicembre 2009, poi entrerà in vigore la Direttiva 2006/42/CE. In ogni caso fino a che

Dettagli

A.4.3.1 es. pressa tagliacarte

A.4.3.1 es. pressa tagliacarte A.4.3.1 es. pressa tagliacarte A.4 Valutazione dei rischi usando il grafico dei rischi Gravità del danno: S (Severity) S1 lesione lieve (di solito reversibile; ad es.: graffio, lacerazione, contusione,

Dettagli

Percorso formativo Regione Campania «Verifiche di attrezzature, macchine e impianti ex D.Lgs. 81/08 e s.m.i.»

Percorso formativo Regione Campania «Verifiche di attrezzature, macchine e impianti ex D.Lgs. 81/08 e s.m.i.» Dipartimento Innovazioni Tecnologiche e Sicurezza degli Impianti Prodotti e Insediamenti Antropici Percorso formativo Regione Campania «Verifiche di attrezzature, macchine e impianti ex D.Lgs. 81/08 e

Dettagli

gru a torre Questa rispetta le norme europee? Una breve guida per l identificazione di macchinari da costruzione non conformi

gru a torre Questa rispetta le norme europee? Una breve guida per l identificazione di macchinari da costruzione non conformi THE EUROPEAN MATERIALS HANDLING INDUSTRY Una breve guida per l identificazione di macchinari da costruzione non conformi Questa gru a torre rispetta le norme europee? premessa Le apparecchiature per l

Dettagli

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Bologna - 4 maggio 2011 Ing. Mario Alvino Coordinatore Operativo CTS L Allegato V del Testo Unico tratta i requisiti

Dettagli

Le direttive ATEX e la direttiva macchine

Le direttive ATEX e la direttiva macchine Seminario tecnico - 25 novembre 2011 - MILANO Le direttive ATEX e la direttiva macchine ing. Matteo Pettenuzzo UNICO riferimento, TANTE specializzazioni Un team di oltre 100 tecnici 5 sedi operative Friuli,

Dettagli

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati Brescia 25 marzo 2015 I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8 Relatore: Libero Donati DEFINIZIONI Secondo la norma ISO 4306-1 un Apparecchio

Dettagli

Le novità introdotte dalla Direttiva 2006/42/CE nel settore delle macchine agricole o forestali

Le novità introdotte dalla Direttiva 2006/42/CE nel settore delle macchine agricole o forestali Le novità introdotte dalla Direttiva 2006/42/CE nel settore delle macchine agricole o forestali Vincenzo Laurendi Attuazione Direttiva 2006/42/CE Gli Stati Membri adottano e pubblicano le disposizioni

Dettagli

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE Analisi dei nuovi RES

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE Analisi dei nuovi RES La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE Analisi dei nuovi RES Ing. E. Moroni I.C.E.P.I S.p.A. n.0066 www.icepi.com -info@icepi.com Via P. Belizzi, 31-29100 PIACENZA 1 Importanza del settore meccanico Produzione

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

Attrezzature di lavoro: la sicurezza parte dall acquisto

Attrezzature di lavoro: la sicurezza parte dall acquisto Attrezzature di lavoro: la sicurezza parte dall acquisto Opuscolo informativo sull acquisto, la modifica e l adattamento di macchine nuove e usate e di altre attrezzature di lavoro Di cosa bisogna tener

Dettagli

La direttiva macchine 2006/42/CE apparentemente sembra molto simile alla direttiva

La direttiva macchine 2006/42/CE apparentemente sembra molto simile alla direttiva l Molte modifiche della norma comunitaria non sempre risultano evidenti Macchine: la nuova disciplina tra TU e D.Lgs. n. 17/2010 La direttiva macchine 2006/42/CE apparentemente sembra molto simile alla

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli